Sei sulla pagina 1di 1

25

90

90

LEGGE REGIONALE n° 56/97 LEGGE REGIONALE n° 56/97 LEGGE REGIONALE n° 56/97 LEGGE REGIONALE n°

LEGGE REGIONALE n° 56/97

LEGGE REGIONALE n° 56/97

LEGGE REGIONALE n° 56/97

LEGGE REGIONALE n° 56/97

INTERVENTI SPERIMENTALI DI PREVENZIONE PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO

INTERVENTI SPERIMENTALI DI PREVENZIONE PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO

INTERVENTI SPERIMENTALI DI PREVENZIONE PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO

INTERVENTI SPERIMENTALI DI PREVENZIONE PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO

Contributi a soggetti privati per interventi di Miglioramento Sismico su edifici residenziali

Contributi a soggetti privati per interventi di Miglioramento Sismico su edifici residenziali

Contributi a soggetti privati per interventi di Miglioramento Sismico su edifici residenziali

Contributi a soggetti privati per interventi di Miglioramento Sismico su edifici residenziali

IINNTTEERRVVEENNTTII MMIINNIIMMII

Interventi “volti prevalentemente ad assicurare una buona organizzazione dell'edificio, curando particolarmente la qualità dei collegamenti tra le pareti dell'edificio e tra queste ultime e gli orizzontamenti

c) Interventi rivolti a ridurre sensibilmente la spinta di coperture,archi e volte

Gli ARCHI e le VOLTE in zona sismica, così come le

COPERTURE con elementi portanti disposti lungo la linea

di massima pendenza del tetto senza cordolo di

SPINGENTI ,

costituiscono elementi di vulnerabilità per un edificio

soggetto alle azioni del sisma. L’azione sismica

la spinta orizzontale di tali sistemi e può

portare alla formazione di meccanismi cinematici di

collasso.

Incremento della spinta
Incremento della
spinta
meccanismi cinematici di collasso. Incremento della spinta incatenamento, incrementa in quanto sistemi ARCHI E VOLTE
meccanismi cinematici di collasso. Incremento della spinta incatenamento, incrementa in quanto sistemi ARCHI E VOLTE
meccanismi cinematici di collasso. Incremento della spinta incatenamento, incrementa in quanto sistemi ARCHI E VOLTE

incatenamento,

incrementa

in

quanto

sistemi

ARCHI E VOLTE

Sono preferibili interventi non invasivi come la disposizione di catene metalliche. COPERTURE

Inserimento Inserimento di di dispositivi dispositivi di di connessione connessione

atti atti ad ad impedire impedire il il ribaltamento ribaltamento innescato innescato

Catene metalliche

ribaltamento innescato innescato Catene metalliche dagli dagli elementi elementi spingenti spingenti
ribaltamento innescato innescato Catene metalliche dagli dagli elementi elementi spingenti spingenti
ribaltamento innescato innescato Catene metalliche dagli dagli elementi elementi spingenti spingenti

dagli dagli elementi elementi spingenti spingenti della della copertura. copertura.

spingenti spingenti della della copertura. copertura. cordolo in sommità di Realizzazione di modeste dimensioni

cordolo in sommità

di

Realizzazione di

modeste dimensioni al fine di:

- ridurre le spinte delle travi dei tetti;

- distribuire i carichi verticali in condizioni statiche;

- ripartire gli sforzi orizzontali originati dal sisma;

- collegare le murature ortogonali;

CORDOLO SU TRE LATI CHE GIRA SUL TIMPANO E CATENA SUL QUARTO LATO

SU TRE LATI CHE GIRA SUL TIMPANO E CATENA SUL QUARTO LATO 2 SQUADRE Ø16 90
SU TRE LATI CHE GIRA SUL TIMPANO E CATENA SUL QUARTO LATO 2 SQUADRE Ø16 90
SU TRE LATI CHE GIRA SUL TIMPANO E CATENA SUL QUARTO LATO 2 SQUADRE Ø16 90
SU TRE LATI CHE GIRA SUL TIMPANO E CATENA SUL QUARTO LATO 2 SQUADRE Ø16 90

2 SQUADRE Ø16

CHE GIRA SUL TIMPANO E CATENA SUL QUARTO LATO 2 SQUADRE Ø16 90 FERRI LONGITUDINALI Ø
CHE GIRA SUL TIMPANO E CATENA SUL QUARTO LATO 2 SQUADRE Ø16 90 FERRI LONGITUDINALI Ø
CHE GIRA SUL TIMPANO E CATENA SUL QUARTO LATO 2 SQUADRE Ø16 90 FERRI LONGITUDINALI Ø
CHE GIRA SUL TIMPANO E CATENA SUL QUARTO LATO 2 SQUADRE Ø16 90 FERRI LONGITUDINALI Ø

90

FERRI LONGITUDINALI Ø 16

STAFFE Ø 8 15
STAFFE Ø 8
15
2 SQUADRE Ø16 90 FERRI LONGITUDINALI Ø 16 STAFFE Ø 8 15 24 24 24 24
2 SQUADRE Ø16 90 FERRI LONGITUDINALI Ø 16 STAFFE Ø 8 15 24 24 24 24

24

24

24

24

LONGITUDINALI Ø 16 STAFFE Ø 8 15 24 24 24 24 90 2 SQUADRE Ø16 B05.21
LONGITUDINALI Ø 16 STAFFE Ø 8 15 24 24 24 24 90 2 SQUADRE Ø16 B05.21

90

2 SQUADRE Ø16

Ø 16 STAFFE Ø 8 15 24 24 24 24 90 2 SQUADRE Ø16 B05.21 Iniezioni
Ø 16 STAFFE Ø 8 15 24 24 24 24 90 2 SQUADRE Ø16 B05.21 Iniezioni

B05.21 Iniezioni armate di collegamento cordolo-muratura. Esecuzioni di iniezioni armate nella muratura di pietrame allo scopo di

realizzare collegamento discontinuo tra cordolo e muratura eseguita con fioretto o trapano a sola rotazione e non a percussione.

- Esecuzione di fori di diametro almeno mm36;

- lavaggio interno della muratura da iniettare;

- iniezione di malta reoplastica anti-ritiro;

- posa in opera di spezzoni in acciaio F12-14 tipo FeB38-44K secondo le

di spezzoni in acciaio F 12-14 tipo FeB38-44K secondo le 50 PARTICOLARE ARMATURA CORDOLO D' ANGOLO

50di spezzoni in acciaio F 12-14 tipo FeB38-44K secondo le PARTICOLARE ARMATURA CORDOLO D' ANGOLO PUNTONE

di spezzoni in acciaio F 12-14 tipo FeB38-44K secondo le 50 PARTICOLARE ARMATURA CORDOLO D' ANGOLO
di spezzoni in acciaio F 12-14 tipo FeB38-44K secondo le 50 PARTICOLARE ARMATURA CORDOLO D' ANGOLO

PARTICOLARE ARMATURA CORDOLO D' ANGOLO

PUNTONE SPINGENTE

Puntone appoggiato nella muratura

Terzere mal vincolate al puntone

appoggiato nella muratura Terzere mal vincolate al puntone ANCORAGGIO TRAVE IN LEGNO AL CORDOLO IN C.A.

ANCORAGGIO TRAVE IN LEGNO AL CORDOLO IN C.A.

51mC Guaina catramata sp. mm 4 Gronda in legno con mensola e sottomensola trave Piastra
51mC
Guaina catramata
sp. mm 4
Gronda in legno
con mensola e
sottomensola
trave
Piastra in acciaio per
ancoraggio trave in legno
Cm 25
CORDOLO IN C.A.
n° 4 ferri F16
e staffe F8/25 cm

Piastra in acciaio sp. mm 5-6

Cm 24 Cm 15-20 cm 30
Cm 24
Cm 15-20
cm 30

Viti in acciaio F8-10 mm per ancoraggio trave in legno

Piastra in acciaio sp. mm 5-6

Barra filettata F14 fissata con fiala chimica bloccata con doppio dado

CORDOLO IN C.A. n° 4 ferri F16, staffe F8/25mm

specifiche di progetto.

PUNTONE A SPINTA ELIMINATA

PARTICOLARE COLLEGAMENTO PUNTONI TRAVI Piastra in acciaio dello spessore 5 mm 20 Viti a legno
PARTICOLARE COLLEGAMENTO PUNTONI TRAVI
Piastra in acciaio dello
spessore 5 mm
20
Viti a legno F10
40
29
20
20
20 Piastra in acciaio spessore 5 mm Viti a legno F10 25
20
Piastra in acciaio
spessore 5 mm
Viti a legno F10
25
20 Piastra in acciaio spessore 5 mm Viti a legno F10 25 Puntone vincolato al cordolo
20 Piastra in acciaio spessore 5 mm Viti a legno F10 25 Puntone vincolato al cordolo
20 Piastra in acciaio spessore 5 mm Viti a legno F10 25 Puntone vincolato al cordolo

Puntone vincolato al cordolo con piastrina metallica e tasselli

vincolato al cordolo con piastrina metallica e tasselli Terzere vincolate al puntone per mezzo di cuffie

Terzere vincolate al puntone per mezzo di cuffie metalliche.

Direzione Generale delle Politiche Territoriali e Ambientali

Int_minimi3.cdr

Servizio Sismico Regionale http://ww.rete.toscana.it/sett/pta/sismica