Sei sulla pagina 1di 1

ILCASO

GIOVED 21 FEBBRAIO 2013

I vigili urbani:Ci sono indagini in corso.Intanto i cani stanno male e nessuno se ne occupa

Il canile di San Vito fu sequestrato e affidato alla polizia municipale


Gli animali non sono mai stati trasferiti perch non esistono struttura idonee
di MARIATERESA LANZILLOTTI SAN VITO DEI NORMANNI Laccampamento di zona Giannaricchiella stato sottoposto a sequestro e messo sotto la responsabilit della Municipale anni fa. Ma i cani non sono stati trasferiti in un luogo idoneo perch non esisterebbe un canile sanitario con trenta posti disponibili. I cani non sono stati curati sul posto perch i veterinari Asl potrebbero solo certificare lo stato di salute degli animali, non curarli. Non sono state nemmeno acquistate cucce per quei cani senza riparo e salute. Ma dalla Municipale ora aggiungono: Ci sono indagini in corso. Lorrore di quel canile stato portato alla luce anni addietro. Daltronde quello pseudo canile-lager di zona Giannaricchiella non poteva passare inosservato. Il latrato dei cani si sente da lontano. Lorrore di quella propriet privata in cui sono stati reclusi gli animali non protetto da sguardi indiscreti. Anzi. E anni fa, per lappunto, una persona si rivolta alle autorit affinch gli animali di quellaccampamento venissero salvati. Informata dei fatti, la Magistratura ha disposto che laccampamento degli orrori venisse sottoposto a sequestro e rimesso sotto legida della locale polizia municipale. Sar stata contenta la persona che si fatta portavoce del dolore di quegli animali. Finalmente i cani sarebbero stati salvati, una volta sottratti allautorit del proprietario. E invece no. Perch malgrado il sequestro dellarea e lemersione delle pessime condizioni igienico-sanitarie in cui erano detenuti gli animali e del loro stato di salute, o per meglio dire di malattia, per quegli animali non cambiato niente. Alcuni sono rimasti fuori, proprio nel terreno in cui stavano prima della denuncia della loro condizione. Sono rimasti l. Costretti a vivere tra carcasse di vecchio mobilio, legname e immondizia. Senza neanche lombra di una cuccia o di cure. Quei cani hanno la rogna e tra

Uno scorcio delcanile di San Vito

loro c anche un cucciolo a cui manca un bulbo oculare. Ma non sono stati curati. E dire che loro possono essere definiti anche fortunati. Perch nel terreno in cui loro camminano liberi nel fango c anche unarea recintata. Unarea a cielo aperto, chiusa da una rete metallica e protetta da sguardi indagatori attraverso un telone verde. Unarea recintata che i cani non possono lasciare, che costringe gli animali a patire la sofferenza delle intemperie, che non permette a quelli

gravemente malati di muoversi granch. Nonostante chi di dovere sappia, conosca bene lo stato di quellaccampamento e le condizioni dei suoi prigionieri, non stato eseguito alcun intervento. Perch i cani siano stati abbandonati a se stessi, questo viene facile chiederselo. Ma dal comando della polizia municipale di San Vito, lautorit che per competenza avrebbe dovuto custodire larea, giungono presto risposte che chiariscono ogni dub-

bio. I cani non sono stati portati in un luogo idoneo, perch non esiste un canile sanitario con trenta posti disponibili. E dato che nel sanitario i cani ci possono rimanere al pi 48 ore, gli animali devono essere portati in canile gi in buona salute. Strano. Gli animali vengono spostati dal sanitario al rifugio solo una volta guariti. Non dopo 48 ore dallingresso, perch persino in assenza di particolari problematiche, i cani nel settore sanitario del

canile ci possono rimanere fino a 60 giorni. E inoltre, ora in quellanfratto dellagro sanvitese non ci sono trenta cani, ma molti meno. Perci gli altri sono scomparsi, bisognerebbe dedurre. Poi i cani non sono stati curati sul posto perch i veterinari Asl possono solo certificare lo stato di salute degli animali, non curarli. Quindi del fatto che i cani del canile-lager sottoposto a sequestro muoiano per infezioni e malattia non interessa a nessuno? Strano che nessuno sia tenuto a curare quegli animali. Detto ci non bisogna accusare il locale comando della polizia municipale di non aver fatto il proprio dovere per salvare quei cani. Perch i vigili eseguono continui controlli presso il canile comunale. Anche se San Vito un canile comunale non ce lha. Ma qualche volta bisogna pure mettere da parte i propri dubbi, smettere di temere per la sorte di quei cani ed essere fiduciosi. Perch in fondo, come specificano dalla municipale: Ci sono indagini in corso.

Interessi correlati