Sei sulla pagina 1di 25

Poste Italiane spa Sped. abb. postale DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art.

1, DCB Forl Redazione: via del Seminario, 85 47521 Cesena tel. 0547 300258 fax 0547 328812

Gioved 21 febbraio 2013


anno XLVI (nuova serie)

numero 8 - contiene I.P. euro 1,20

8
11 Elezioni
Tutti al voto domenica 24 e luned 25 febbraio
sono chiamati alle urne per Icittadininuovo Parlaeleggere il mento

Diocesi
Grazie, Santo Padre Messa in Duomo
28 febbraio alle 20,30, in Cattedrale Giovedmessa per rin-a Cesena, graziare Benedetto XVI

Visita pastorale
Montecastello accoglie il vescovo Douglas
24 febbraio 3 marzo monsignor RegatDalandr anchealRontatieri a gnano-Serra-Tornano

Attualit
Politica e famiglia. Ancora delusione
zioni, intervista Apochi giorni dalle ele-a Francesco Belletti, del Forum delle famiglie

14

Editoriale Un voto responsabile


di Francesco Zanotti
eniamo da una campagna elettorale dai toni duri e aspri. Troppe le lusinghe e tanti i miraggi proposti a un elettorato considerato mero spettatore. Elettorato che invece, alla ne, stanco di proclami vuoti e privi di fondamento e dovr dimostrare di saper distinguere, speriamo, chi lo considera incapace di capire la gravit della situazione in atto da chi propone un serio percorso di risanamento che porti a una ripresa economica non troppo lontana. Ora la parola passa agli elettori che la dovranno espriemere tramite il voto di domenica e luned prossimi. Il voto in parte amputato. Non si possono indicare preferenze per i singoli candidati, imposti al giudizio dei cittadini sulla base delle scelte compiute dai vertici dei partiti. Una anomalia di cui tutti si lamentano, ma che nessuno stato capace di modicare. Nonostante ci la diserzione alle urne un segnale di cortissimo respiro, come ha messo bene in evidenza il vescovo Douglas nella sua lettera in vista delle elezioni, richiamando un recente intervento del cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei. Il primo diritto-dovere quello della partecipazione, evitando, sono ancora parole di monsignor Regattieri, ladesione a forze politiche e sociali che si oppongano, o non prestino sufciente attenzione, ai princpi della Dottrina sociale della Chiesa..., come fu detto, e mai stato modicato, al convegno ecclesiale di Palermo (1995), a proposito della diaspora dei cattolici in politica. Inne i cosiddetti principi non negoziabili. Riprendo un altro brano della lettera del vescovo. Benedetto XVI nel corso del Ponticato ha chiarito che senza un reale rispetto dei valori primi, che costituiscono la radice del bene comune (rispetto della vita, della libert religiosa ed educativa, e della famiglia), illusorio pensare ad unetica sociale che vorrebbe promuovere luomo ma in realt lo abbandona nei momenti di maggiore fragilit. Ogni altro valore necessario al bene della persona e della societ, infatti, germoglia e prende linfa dai primi, mentre, staccati dallaccoglienza in radice della vita, potremmo dire della vita nuda, i valori sociali inaridiscono. In altre parole, i principi che deniscono la persona e la difendono in quanto tale sono il presupposto per i principi o valori sociali, altrettanto importanti, ma monchi senza la base sicura di quelli non negoziabili. Non questione di un prima e di un dopo. questione di fondamento. La persona innanzitutto, dal concepimento alla morte naturale, e con la persona, sempre e comunque rispettata durante la sua vita, ci che alla persona attiene. Il resto nella responsabilit di ciascun cittadino-elettore.

Laffetto dei cesenati per papa Benedetto

Nei nostri cuori

Dallarchivio Siciliani-Gennari/Sir, papa Ratzinger nei giorni della Giornata mondiale dei Giovani a Madrid nel 2011 Grazie Santit! Rimarr nei nostri cuori e nelle nostre preghiere. Questo un brano della lettera che nei giorni scorsi il vescovo Douglas ha inviato a papa Benedetto XVI, dopo aver appreso la notizia della rinuncia al pontificato. Laffetto di monsignor Regattieri e dei cesenati immutato nei confronti del Sommo Pontefice al quale tutti riconoscono un gesto di grandissimo coraggio. Nel Primo Piano di questa settimana pubblichiamo il messaggio del vescovo, le testimonianze di tre missionari e di alcuni laici e consacrati. Dopo lo smarrimento per la storica decisione, in tutti rimane piena fiducia nella Chiesa con sentimenti di gratitudine per gli intensi anni vissuti assieme a papa Ratzinger. Primo piano alle pagine 4 e 5

Cesena 13 Piste ciclabili, nodi stradali da migliorare Sarsina 17 morto il sindaco Malio Bartolini

Cesenatico 15 Erosione: il mare si mangia altra spiaggia Sport 21 Calcio inglese e italiano a confronto

Opinioni

Gioved 21 febbraio 2013

Oratori in Serie A. Calcio a sorpresa


C
Operazione riconciliazione con le famiglie. Accordo della Lega con il Csi: nei grandi stadi parte la Junior Tim Cup, manifestazione under 14 con squadre di 7 giocatori. In campo prima delle grandi formazioni

FOTO ARCHIVIO SIR

Verso il voto/3. Partecipare si deve

La Vignetta

Non allastensionismo. Il cardinale Bagnasco: Sarebbe dannoso per la democrazia


n fatto storico, la rinuncia di Benedetto XVI, pi che oscurare, ha riportato la campagna elettorale italiana nei suoi giusti limiti. E alla reale posta in gioco di queste elezioni. Che si pu ricondurre alla necessit di ben governare la prolungata emergenza che la recessione in corso mette in evidenza. Ecco allora semplicemente tre punti tra loro connessi, il lavoro, la famiglia, le istituzioni: sono le tre priorit che richiedono sollecitamente di operare, per venire incontro alle reali necessit del Paese. E rispondere cos alla questione che il cardinale Angelo Bagnasco, con franco realismo, aveva posto a gennaio: Il prossimo vaglio elettorale ci render pi o meno poveri?. Ove povert non soltanto quella dei conti, ma pi in generale quella del nostro bene comune. No allora allo scoraggiamento e alla fuga nellastensionismo, s alla partecipazione responsabile. Per questo merita superare allergie e insoddisfazioni, anche profonde: la diserzione dalle urne un segnale di cortissimo respiro, aveva detto il presidente della Cei. E ancora: Non bisogna cedere alla delusione, tanto meno alla ritorsione: non sarebbe saggio e, soprattutto, sarebbe dannoso per la democrazia. In realt sembra che lastensione stia rifluendo verso percentuali fisiologiche, mentre sembra molto alto ancora il numero degli indecisi. Oltre che loggettiva gravit delle scelte e delle sfide che ci stanno di fronte, questo significa che lofferta politica e soprattutto il sistema elettorale continuano a non essere adeguati. Forse questo linsegnamento di una campagna elettorale ipertelevisiva, che della televisione riprende modalit e linguaggi, con i tempi sincopati, miscelando e sovrapponendo informazione e spettacolo. Proprio per questo necessario attivare (o riattivare), in corrispondenza dellappello alle urne, il circuito della partecipazione. Che ha (almeno) due tempi. Il primo semplicemente quello del voto. Ma ci che conta quello che viene dopo. La partecipazione infatti deve continuare, in forme nuove, originali e adeguate, con tutti i mezzi che una democrazia radicata e matura offre, perch su questi due nodi, le forme e la qualit dellofferta politica e le regole istituzionali, si operi il necessario adeguamento e rinnovamento. Probabilmente qui liniziativa dei cattolici dovr continuare a

esercitarsi con seriet e capacit innovativa: Partecipare dovere irrevocabile, specie se si pretende di inserire questa prossima scelta in un quadro pi maturo che coinvolga nei debiti modi lintera vita civile. C una forte istanza popolare di rinnovamento, di pulizia, di seriet, di coerenza, che attraversa lappuntamento elettorale. I tanti ancora indecisi, o che rischiano di indirizzarsi alla protesta, dimostrano che questo il vero nodo. Oltre a relativizzare, nel senso di riportare alle giuste proporzioni, lappuntamento elettorale, la storica decisione di Benedetto XVI, le sue parole, i suoi gesti, i suoi incontri degli ultimi giorni di pontificato, ci dicono del ruolo e della vocazione dellItalia, a partire da Roma. Un po di orgoglio nazionale, che diventa inevitabilmente impegno e monito, per tutti. Francesco Bonini

Gioved 21 febbraio 2013

Primo piano
cos non va, non va dove si fanno cose sbagliate. Ma anche essere sicuri, allo stesso tempo, che se qua e l la Chiesa muore a causa dei peccati degli uomini, a causa della loro non credenza, nello stesso tempo, nasce di nuovo. Il futuro realmente di Dio: questa la grande certezza della nostra vita, il grande, vero ottimismo che sappiamo. La Chiesa lalbero di Dio che vive in eterno e porta in s leternit e la vera eredit: la vita eterna.

Pochi giorni prima della rinuncia, venerd 8 febbraio, papa Benedetto XVI, in visita al Seminario Romano Maggiore, in occasione della festa della Madonna della fiducia, ha pronunciato una lectio divina che riletta oggi, in alcune sue parti, acquista un altro valore alla luce di ci che poi accaduto. Riproponiamo un paio di brani. San Pietro sapeva che la sua fine sarebbe stato il martirio, sarebbe stata la croce. E cos, sar nella

| Le parole di papa Benedetto XVI


completa sequela di Cristo. Quindi, andando a Roma certamente andato anche al martirio: in Babilonia lo aspettava il martirio. Quindi, il primato ha questo contenuto della universalit, ma anche un contenuto martirologico. Dallinizio, Roma anche luogo del martirio. Andando a Roma, Pietro accetta di nuovo questa parola del Signore: va verso la Croce, e ci invita ad accettare anche noi laspetto martirologico del cristianesimo, che pu avere forme molto diverse. E la croce pu avere forme molto diverse, ma nessuno pu essere cristiano senza seguire il Crocifisso, senza accettare anche il momento martirologico. La Chiesa si rinnova sempre, rinasce sempre. Il futuro nostro. Naturalmente, c un falso ottimismo e un falso pessimismo. Un falso pessimismo che dice: il tempo del cristianesimo finito. No: comincia di nuovo! Il falso ottimismo era quello dopo il Concilio, quando i conventi chiudevano, i seminari chiudevano, e dicevano: ma niente, va tutto bene No! Non va tutto bene. Ci sono anche cadute gravi, pericolose, e dobbiamo riconoscere con sano realismo che

La decisione del Pontefice vissuta da alcuni cesenati, laici e consacrati

successore di Pietro dentro il Popolo di Dio in cammino, sottolineato con forza dalla "Ut unum sint" di Giovanni Paolo II. A Lei la comunit cesenate si stringe con affetto e partecipazione per il delicato e decisivo momento che la Chiesa chiamata ad affrontare con la scelta di un Pastore che la guidi nelle sfide degli anni a venire". William Casanova, responsabile della commissione diocesana Gaudium et Spes ha saputo la notizia via sms dalla moglie: "Non credevo fosse possibile. All'inizio mi sono sentito smarrito. Il Papa un uomo di preghiera intensa e quindi avr fatto la scelta giusta per la Chiesa. Di certo mi mancher il suo modo di porsi sugli interrogativi che toccano la nostra esistenza, cos come mi mancheranno le sue catechesi del mercoled. I testi delle udienze li scaricavo settimanalmente. Sapeva rendere semplici anche gli argomenti pi complessi". In tanti hanno appreso la notizia al lavoro. Fra questi anche Marco Castagnoli, segretario del Consiglio diocesano delle aggregazioni laicali. Ero a scuola dice Castagnoli e poi alle 13.30 ho letto le notizie dellAnsa. In quei momenti mi sono tornati alla mente degli articoli del 2011, quando si cominciato a parlare di dimissioni, e la conversazione del Papa con il giornalista tedesco Peter Seewald nel libro Luce del mondo in cui Benedetto XVI spiega la possibilit, per un Pontefice, di lasciare. Quindi leventualit era nellaria, ma di certo non me laspettavo. Poi, capite le motivazioni, ho apprezzato lumilt e il coraggio. Del Papa mi fido, mi fido della sua persona, della sua responsabilit, del suo amore verso la Chiesa. Castagnoli sottolinea che non bisogna ridurre i suoi 8 anni di Pontificato a questa scelta: Ha guidato la Chiesa durante un periodo difficile. Le sue encicliche e tutto il suo magistero sono illuminanti e indicano a noi credenti la strada da seguire. Massimo Pieri ha inviato una lettera al Corriere Cesenate. Nella parte finale scrive: "Certamente Ratzinger stato un dono che lo Spirito ha fatto alla sua Chiesa, come i precedenti papi (almeno lultima decina), e di questo ringraziamo il Signore. Visto che il Signore cos misericordioso e magnanimo non mancher di "regalare" un nuovo pastore al suo gregge. Un pastore che riporti lordine, lunit nella sua Chiesa, che sappia anche usare il bastone e non solo la carota. Che abbia in mano il ventilabro e pulisca laia, e divida il buon grano dalla pula".

Le suore Benedettine: "Qualche lacrima e tanta preghiera" C chi ha avuto il cellulare rovente fin da subito e chi lha saputo dopo qualche ora
Cristiano Riciputi
orpresa e fiducia. Questi i sentimenti pi diffusi alla notizia della rinuncia di Papa Benedetto. Abbiamo raccolto le impressioni di alcune persone, laici e sacerdoti, chiedendo quali sono stati i sentimenti provati al momento della notizia. Don Pier Giulio Diaco, vicario generale della Diocesi di CesenaSarsina, ha appreso la notizia in Curia. "La segretaria ci ha detto che il Papa si era dimesso - spiega don Diaco - e, onestamente, pensavo fosse uno scherzo di carnevale, dato il periodo. Resomi conto della fondatezza della notizia, di primo acchito, ho provato sconcerto e dispiacere. Poi lemozione ha lasciato spazio alla riflessione e alla preghiera". Secondo il vicario, il Papa ha potuto prendere questa decisione in quanto concepisce il papato non come potere, ma come servizio. "E stato un gesto di grande umilt. Ora servir la Chiesa in unaltra maniera, cio con la sua preghiera. Non facciamo paragoni con Giovanni Paolo II, si tratta di due situazioni differenti. Per il papa polacco la testimonianza forte stata proprio quella di restare fino alla fine. Per papa Benedetto XVI la rinuncia ha rappresentato un esempio di responsabilit altrettanto importante". Riguardo a chi contesta la decisione del Papa di rinunciare al ministero in un momento difficile per la vita della Chiesa, don Diaco risponde

chiaramente: "La Chiesa ha sempre vissuto momenti difficili. Annunciare il Vangelo non mai stato facile. Noi siamo portati a considerare difficile questo momento perch stiamo vivendo ora, ma nella storia le bufere non sono mai mancate. Papa Benedetto, in otto anni, ha fatto tanto. Magari gesti meno eclatanti rispetto al predecessore, ma altrettanto importanti. E stato un grande Papa, Pontefice della parola, della catechesi, delle encicliche. Cos ci ha aiutato a riflettere, ad approfondire i contenuti della fede cristiana, a viverla nel nostro tempo". Cellulare rovente per Carmelina Chicca Labruzzo, presidente diocesana dellAzione Cattolica. "Alle 12 di luned 11 febbraio ero in riunione ai Servizi sociali. Quando ho guardato il cellulare ho trovato decine fra sms e telefonate. Ho capito in fretta che non era uno scherzo. Allinizio non mancata la sorpresa, ma non mancata neppure la serenit dettata dal fatto che Dio non abbandona i suoi figli e tantomeno la sua Chiesa. La decisione del Papa stata storica e in lui nutro una fiducia e una stima infinite. Ho nel cuore i giorni della Gmg di Colonia in cui si rivelato come un vero padre per tutti noi. E poi mi ha sempre fatto una gran tenerezza quando, in occasione del messaggio per la pace, liberava le colombe insieme ai bambini dellAcr". Suor Paolina Cestaro, madre superiora del convento delle monache Benedettine in via Celincordia, ammette che alla notizia qualche suora ha pianto. "Sono rimasta incredula. Ho avuto anche paura che il mondo leggesse questo gesto a rovescio, cio che fosse interpretato come un atto di resa. Invece stato un gesto coraggioso. Stiamo pregando tanto per il Papa, anche per quello che sar eletto". Suor Paolina aggiunge che "umanamente mi dispiace molto. Mi sono resa conto che a questo Papa volevo bene, forse non ci avevo mai riflettuto. E un grande esempio di

pacatezza, di umilt, di sapienza". Lassistente ecclesiastico di Comunione e Liberazione, don Ezio Casadei, ha dei ricordi personali legati a papa Benedetto. "Lho incontrato due volte, una con il vescovo Lanfranchi e laltra in occasione del trigesimo di Manuela Camagni. E da l nata anche unamicizia con il segretario padre Georg. La prima volta, a Castelgandolfo, Manuela gli aveva parlato di me e quindi mi ha riconosciuto e apostrofato con un ecco un prete garibaldino in quanto gli era stato detto delle mie battaglie soprattutto alla fine degli anni 60". Don Casadei, che a maggio compie 88 anni, ricorda quando il cardinale Ratzinger guid gli esercizi spirituali ai preti legati a Cl. "Di certo una persona mite, di animo delicato. In questi giorni ne abbiamo scoperto anche lumilt e il coraggio". C anche chi lha saputo dopo qualche ora, come il diacono Rino Berlini di Ronta. "Nel primo pomeriggio sono andato nel teatrino della parrocchia e, passando dal bar, un amico me lo ha riferito. Io, che non sapevo ancora nulla, credevo fosse una sua battuta. Ad ogni modo, sapute le motivazioni, ho riflettuto che per noi diaconi una grande lezione. Siamo al servizio della Chiesa e non dobbiamo pensare, come singole persone, di essere indispensabili. La nostra una vocazione al servizio, non ad essere serviti". Rita Ricci, presidente del Consiglio comunale di Cesena, ha scritto al vescovo Douglas: "Mi associo alle tante espressioni di gratitudine e di affetto che immediatamente si sono manifestate; gratitudine e affetto per lopera svolta in questi anni con un richiamo costante e continuo alletica della responsabilit e profondo rispetto per la scelta, frutto di un difficile e certamente sofferto discernimento, che dimostra e testimonia umilt e coraggio. Una scelta che trae origine dallimpostazione profetica del Vaticano II, di cui questanno ricorre il 50 anniversario dellapertura, che colloca anche il magistero del

Primo piano
Di seguito pubblichiamo la lettera che il vescovo Douglas Regattieri ha scritto a papa Benedetto XVI a titolo personale e a nome di tutta la comunit cristiana di CesenaSarsina, manifestandogli "immutato affetto". Il testo stato letto in Cattedrale, mercoled della scorsa settimana, al termine della celebrazione delle Ceneri, primo giorno di Quaresima.

Gioved 21 febbraio 2013

LETTERA | Il vescovo Douglas scrive al Papa


Santit, lannuncio delle dimissioni dal Sommo Pontificato, da Lei dato ai Signori Cardinali riuniti in Concistoro lo scorso 11 febbraio, ha colto di sorpresa me e la comunit diocesana di Cesena-Sarsina e ha riempito di profondo dolore il cuore di tutti i Suoi figli. Abbiamo infatti goduto in questi otto anni di ministero apostolico, del Suo alto Magistero, della Sua profonda intelligenza teologica e del Suo generoso e indefesso spendersi per la Chiesa universale. Vederci tolti improvvisamente questi doni preziosi ci sconcerta e ci fa sentire, gi fin da ora, un po orfani. Il gesto che Vostra Santit compir il prossimo 28 febbraio ha del coraggioso e del profetico insieme. Indica con chiarezza umilt e amore alla Chiesa. E per noi un esempio. Cos lo vogliamo vivere, come un appello a continuare la nostra strada di discepoli del

Signore che, ricordandosi dei loro capi, ne vogliono imitare la fede, certi che Ges Cristo lo stesso ieri, oggi e sempre. Grazie, Santit! Ella rimarr nei nostri cuori e nelle nostre preghiere. Ci benedica ancora e ci ricordi al Pastore Sommo ed Eterno, Cristo Signore, nei Suoi futuri giorni, pieni di silenzio e di preghiera, e che noi Le auguriamo numerosi e colmi di gioia e di pace interiore.

DallAfrica al Giappone, ecco come i missionari della nostra diocesi Giorgio Biguzzi, Tonino Pasolini e Pio Pasini hanno vissuto la decisione di Benedetto XVI di rinunciare al Pontificato

"Dal Papa un gesto nuovo e nobile"


MONSIGNOR GIORGIO BIGUZZI - SIERRA LEONE Stavo lavorando sul mio computer nel momento in cui Spirito di Ges Risorto possa portare nuova aria fresca allinterno della Chiesa che ha la missione di essere fermento e luce dellumanit. PADRE PIO PASINI GIAPPONE Lunedi alle 20 (ora giapponese, cio le 12 italiane) stavo vedendo il notiziario della Bbc che ha interrotto i suoi programmi per dare lannuncio della rinuncia di papa Benedetto. In pratica ho ricevuto la notizia in contemporanea a voi. La prima reazione stata di puro stupore. Durante tutta la

le agenzie davano l annuncio delle dimissioni di papa Benedetto. Subito un missionario saveriano mi ha chiamato da Udine via Skype per darmi la notizia. La prima reazione stata di grande sorpresa: Sono uscito dalla stanza, ho chiamato qualche altro e abbiamo acceso la televisione. La notizia era su tutti i canali internazionali. Assieme alla sorpresa ho provato subito un grande affetto per papa Benedetto perch sentivo che era un gesto nuovo e nobile, anche se sul momento non ne capivo le motivazioni. Ho visto il Santo Padre esattamente tre mesi fa, il 14 novembre, durante unudienza generale. Mi era sembrato stanco e affaticato, ma sempre gentile, mite, umile, attento e pronto allascolto. Alla fine delludienza, dopo essermi presentato, mi ringrazi per il lavoro missionario. Credo che il suo gesto sia un esempio solare dellesercizio evangelico dellautorit. Lautorit data per il servizio, non per il potere. Il Papa ha dato alla Chiesa e al mondo intero un grande esempio. Non potendo pi prestare bene il suo servizio apostolico per ragioni di salute e di et, ha lasciato lautorit perch qualcun altro continui il servizio. Ha scelto la kenosis, cio labbassamento, perch Cristo si scelga un altro Vicario per guidare la chiesa. Oggi mi sento orgoglioso di appartenere alla Chiesa Cattolica: una, santa, cattolica e apostolica. La Chiesa Cattolica trae la sua origine direttamente da Cristo. E la chiesa pi antica e, allo stesso tempo, la pi giovane perch capace di rinnovarsi. Papa Benedetto ha guidato la Chiesa con

competenza, umilt, sacrificio, donando tutte le sue doti intellettuali e spirituali. E un grande maestro, capace di dire cose profondissime con un linguaggio semplice. E stato umile e forte nelle avversit e nei continui attacchi che ha dovuto subire. Rimane una stella polare per il mondo. Una delle ragioni addotte da papa Benedetto per la sua rinuncia la constatazione che il mondo in continuo e rapido mutamento, per cui il ministero petrino dovr affrontare sempre nuove sfide. Queste sfide sono gi state elencate nellultimo sinodo dei vescovi. Il nuovo Papa terr certamente conto dei risultati del sinodo. Credo che, oltre a quanto gi detto dal sinodo, unattenzione particolare dovr essere data ai problemi etici, al ruolo della donna nella Chiesa, allautonomia delle chiese locali, allo snellimento delle strutture, al dialogo interno ed esterno. Continuiamo a pregare lo Spirito Santo perc guidi i cardinali nella scelta di un nuovo, grande pastore per la chiesa universale. PADRE TONINO PASOLINI UGANDA Luned ero in viaggio da Arua verso la citt di Gulu dove Radio Pacis ha la terza

emittente (101.4 FM). A pochi chilometri dalla stazione ho ricevuto una telefonata da Cesena. Mia sorella Bruna mi ha chiesto se sapevo della

notizia di papa Benedetto che si ritirava. Erano le 12:30 ora italiana. Subito ho chiamato il capo dei giornalisti di Radio Pacis ad Arua che ha confermato di avere ricevuto la notizia tramite la Cnn e che gi stava preparando un notiziario straordinario da trasmettere in tutte e tre le bande di Radio Pacis. I primi pensieri sono stati di grande ammirazione per papa Benedetto. Ammirazione per il coraggio di una scelta che certamente ha rovinato i piani di tanti "curiali" che aspiravano di "governare" la chiesa al posto del Papa che sarebbe diventato sempre pi incapace, per et e forze, ad essere presente ai tantissimi problemi della Chiesa universale. Ammirazione per

il suo amore alla Chiesa. Ammirazione per il suo ministero di servizio e di comunione delle Chiese. Mi sono sempre domandato: il vescovo di una diocesi ha il dovere di sottomettere le sue dimissioni alla Santa Sede quando raggiunge let di 75 anni. La ragione sottostante a questa regola, penso, sia la diminuita capacit da parte di tale vescovo di essere a servizio di quella Chiesa locale. Ma per il vescovo di Roma, successore di Pietro, che ha il ministero di presiedere alla comunione di tutte le Chiese nel mondo, una norma simile non esiste. Sono certo che la coraggiosa decisione di papa Benedetto porter un cambiamento in questo senso. Anche per il vescovo di Roma deve esistere una norma che limiti il suo servizio per ragioni di et. Durante questo anno della fede, ricordiamo e celebriamo i valori riscoperti dal concilio ecumenico Vaticano II. Sono passati 50 anni. In questi 50 anni, per, ci sono stati cambiamenti epocali nella vita dei popoli. Occorre un ulteriore ripensamento della missione della Chiesa nel mondo. Un nuovo concilio ecumenico? Forse s! Troppi problemi interni della Chiesa non sono stati discussi apertamente negli ultimi 40 anni. Occorre nuovamente aprire le finestre perch lo

mia vita niente mi ha mai preparato a immaginare la possibilit di un Papa che rinunci alla sede e torni, per cos dire, alla vita privata. E mi ha colpito la possibilit di vivere in prima persona questo avvenimento storicamente straordinario nella vita della Chiesa. In questi pochi giorni ho avuto occasione di sentire e di leggere tanti commenti su questa decisione. Personalmente non mi sento di fare commenti. Mi sembra normale (e doveroso) rendersene conto e accettarla in pura semplicit, ascoltando le parole del Papa e meditandole. Penso che ogni Papa metta al primo posto il desiderio di operare come Vicario di Cristo. Questo poi si realizza concretamente nella situazione storica e culturale del momento, situazione che ci presenta problematiche e difficolt concrete, ma che ci offre anche vie e soluzioni molto in consonanza con la stessa situazione. Mi auguro, comunque, che la Chiesa di Roma (tanto per non dire il Vaticano) possa essere sempre pi aperta a riconoscere la realt delle Chiese locali, specialmente quelle pi lontane e che vivono e operano in un mondo che non stato ancora "cristianizzato".

Gioved 21 febbraio 2013

Vita della Diocesi

NOTIZIARIO DIOCESANO
Grazie, Santo Padre!

IL GIORNO DEL SIGNORE


Il Signore mia luce e mia salvezza
Domenica 24 febbraio Seconda domenica di Quaresima Anno C Gen 15,5-12.17-18 Salmo 26 Fil 3,17-4,1 Lc 9,28b-36
Il Vangelo ci fa salire con Ges e alcuni apostoli sul monte, a pregare. Il suo volto, mentre pregava, cambi daspetto. Maestro, bello per noi stare qui. La voce del Padre dice: Questi il Figlio mio, leletto, ascoltatelo. Ges aveva da poco annunciato per la prima volta la sua passione, morte e risurrezione. Con questo spirito Ges vuole illuminare i suoi in merito alla risurrezione. La preghiera sul monte e lascolto della Parola di Ges sono le due strade per la nostra trasfigurazione gi su questa terra. E la meta della nostra Quaresima. Ogni domenica, nella Messa, Dio rinnova la sua alleanza con noi e noi ascoltiamo Lui e la sua Parola e, rinnovando la nostra fede in Lui, veniamo da Lui trasfigurati. Sauro Rossi

La diocesi di Cesena-Sarsina si raccoglie in preghiera per ringraziare il Signore del ministero apostolico di papa Benedetto XVI. Gioved 28 febbraio alle 20,30, in Cattedrale a Cesena, solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Douglas Regattieri.
FOTO SIR

La Parola di ogni giorno


luned 25 febbraio san Cesario Dn 9,4b-10; Sal 78; Lc 6,36-38 marted 26 san Claudiano Is 1,10.16-20; Sal 49; Mt 23,1-12 mercoled 27 san Gabriele dellAddolorata Ger 18,18-20; Sal 30; Mt 20,17-28 gioved 28 san Romano Ger 17,5-10; Sal 1; Lc 16,19-31 venerd 1 marzo santAlbino Ger 37,3-4.1213a.17b-28; Sal 104; Mt 21,3343.45-46 sabato 2 san Quinto Mi 7,14-15.18-20; Sal 102; Lc 15,1-3.11-32

CHIESA INFORMA

Gruppo Nain Allombra della sua mano


Si terr sabato 23 febbraio, dalle 16,30 alle 18 presso il Seminario di Cesena, lincontro mensile del gruppo Nain "Allombra della sua mano". Il cammino spirituale del gruppo Nain rivolto a chi ha perduto una persona cara. Per info: Marco e Giovanna Giannini, tel. 0547 91204, 347 6031772.

Preghiera del Roveto Ardente


Domenica 24 febbraio alle 16, presso i locali della parrocchia di Pievesestina di Cesena, pomeriggio di lode e insegnamento sul tema Guarire le ferite della vita attraverso il perdono. Guider le riflessioni padre Francesco Bocchi. Dopo la preghiera carismatica, linsegnamento, Roveto Ardente (adorazione) e cena insieme. Lincontro, animato dal Rinnovamento nello Spirito, aperto a tutti.

a prima Lettura di oggi ci riporta allAlleanza di Dio con Abramo con la promessa di una discendenza pi numerosa delle stelle. Egli credette al Signore. La Quaresima il tempo nel quale Dio rinnova la sua alleanza con noi, e noi rinnoviamo la nostra fede in Lui. Nella seconda Lettura san Paolo con parole forti ci invita a farci suoi imitatori e non a fare come quelli che si comportano da nemici della Croce di Cristo. Il ventre il loro Dio. Si vantano di ci di cui dovrebbero vergognarsi e non pensano che alle cose della terra. La Quaresima il tempo della nostra conversione.

A MESSA DOVE
8.45 9.00 Gattolino, Tipano, San Cristoforo, Roversano San Giuseppe (corso U. Comandini) Santo Stefano, San Bartolo, San Paolo, San Domenico, Diegaro, Pievesestina, Ponte Pietra, chiesa Benedettine, Santa Maria Nuova, Bulgaria, San Vittore, San Carlo, Ruffio, San Tomaso, Diolaguardia, Valleripa San Martino in Fiume Madonna delle Rose, Osservanza, SantEgidio, Villachiaviche, Santuario dellAddolorata, Bagnile, Casale Rio Marano, Bulgarn Cattedrale, Case Finali, San Rocco, Cappella del cimitero, Santa Maria della Speranza, Torre del Moro, San Pio X, Cappuccini, Istituto Lugaresi, SantAndrea in Bagnolo, Carpineta Santuario del Suffragio, Casalbono, Borello Ronta, Capannaguzzo Basilica del Monte, Santo Stefano, San Paolo, San Bartolo, San Giovanni Bono, Villachiaviche, Addolorata, San Domenico SantEgidio, Calabrina, Calisese, Gattolino, Madonna del Fuoco, San Giorgio, Martorano, San Demetrio, Bulgaria, San Mauro in Valle, Pievesestina, Pioppa, Ponte Pietra, Santa Maria Nuova, San Martino in Fiume, Borello, San Carlo, San Vittore, Tipano, Macerone Torre del Moro Diegaro, Madonna delle Rose, Sorrivoli Cattedrale, San Pietro, Osservanza, San Pio X, Istit. Lugaresi, Case Finali, San Rocco Cappella del Cimitero 17.00 Cappella osp. Bufalini 18.00 Cattedrale, San Rocco, Osservanza, San Domenico 18.30 San Pietro, Cappuccini 19.00 San Bartolo, Villachiaviche 10 San Giacomo, Villamarina; 10,30 Cappuccini, San Giuseppe; 11 Bagnarola, Sala, Villalta; 11.15 San Giacomo, Santa Maria Goretti, Boschetto, Gatteo Mare; 17,30 Cappuccini; 18 San Giacomo Longiano Sabato:18.00 Santuario SS. Crocifisso; 19.00 Crocetta 20 Budrio Festivi: ore 7,30 Santuario SS. Crocifisso; 8 Budrio; 8.45 LongianoParrocchia; 9,30 Budrio, Santuario SS. Crocifisso; 10 Badia, Balignano; 10 Montilgallo; 11 Budrio, Longiano-Parrocchia, San Lorenzo in Scanno; 11.15 Crocetta; 18 Santuario Santissimo Crocifisso Gatteo ore 18,30 (sabato); 9 / 11.15 / 17 SantAngelo: 20 (sabato); 8, 45 Casa di riposo, 9,30 - 11. Istituto don Ghinelli: 18,30 (sabato), 7,30. Gambettola chiesa SantEgidio abate: 8,30 / 10 / 11,15 / 17 Consolata: 19 (sabato); 7,30 / 9,30. Montiano ore 20.00 (sabato); 9 / 11. Montenovo: ore 20 (sabato, chiesina del castello), 10,30. Mercato Saraceno 10.00; San Romano: 11.00; Taibo: 10; Pieve di San Damiano 11,30; Montejottone: 8.30; Montecastello: 11;
DIOCESI DI CESENA|SARSINA - SETTIMANALE DI INFORMAZIONE FONDATO NEL 1911

Messe feriali a Cesena


7.00 Cattedrale, San Rocco, Cappuccine, Cappella dellospedale; 7.30 Basilica del Monte; 7.45 Chiesa Benedettine; 8.00 Cattedrale, San Pietro, San Bartolo, San Paolo, Santuario dellAddolorata; 8.30 Madonna delle Rose, San Domenico, San Rocco, Santo Stefano, Case Finali, Cappella cimitero 9.00 Suffragio, Addolorata 9.30 Osservanza 10.00 Cattedrale 15.00 Cappella del cimitero 16.30 Istituto Lugaresi 17.00 Cappella dellospedale (no al sabato) 18.00 Cattedrale, Madonna delle Rose, San Domenico, San Paolo, San Rocco, Osservanza, SantEgidio 18.30 San Pietro, Santa Maria della Speranza, Cappuccini, San Bartolo 20.00 San Giovanni Bono (Ponte Abbadesse), San Pio X 20.30 Villachiaviche

Sabato e vigilie
15.00 Cappella del cimitero, Formignano 15.30 Macerone (Casa Lieto Soggiorno) 16.30 Istituto Lugaresi 17.30 Santuario del Suffragio, Santuario dellAddolorata, San Vittore 18.00 Cattedrale, San Domenico, Santo Stefano, San Rocco, SantEgidio, Villachiaviche, Case Finali, Osservanza, Bulgarn, San Mauro in Valle, Diegaro, Madonna delle Rose, San Paolo, Torre del Moro, Borello 18.30 San Pietro, Cappuccini, San Bartolo, Santa Maria della Speranza 19.00 San Giorgio, Tipano, Ponte Pietra 20.00 San Giovanni Bono, San Pio X, Gattolino, Bulgaria, Calisese, Ruffio, Pievesestina, Pioppa

Montepetra: 8.30; Linaro: 18.00 (sabato), 11; Piavola: 18 (sabato, chiesa San Giuseppe), 9,30 (chiesa parrocchiale); Ciola: 8.30 Sarsina Casa di Riposo: ore 16 (sabato). Concattedrale: 7.30 / 9 / 11 / 17; Tavolicci: 16 (sabato); Ranchio: 20,30 (sabato), 8 / 11; 9.30; Sorbano: 9.30; Turrito: 17 (sabato), 10; San Martino: 9.30; Quarto: 10.30; Pieve di Rivoschio: 16 Romagnano: 11,15; Pagno: 16 (seconda domenica del mese, salvo variazioni); Corneto: 11; Pereto: 10 Civitella di Romagna Giaggiolo 16 (sabato), 9.30; Civorio 9.30

San Piero in Bagno chiesa parrocchiale ore 17 (sabato); 8.30 / 11 / 17. Chiesa San Francesco: 7 / 10 / 15,30 Bagno di Romagna ore 17 (sabato); 11.15 / 17; Selvapiana: 11,15; Acquapartita: 16 (sabato) Alfero ore 18 (sabato); 11.15 / 17.30; Riofreddo: 10 Verghereto ore 15 (sabato), 9.15 (domenica); Balze: 16 (sabato), 11.30; Montecoronaro: 17 (sab.), 10.30; Ville: 9.30; Trappola: 9.30; Capanne: 11.00

9.15 9.30

9.45 10.00

10.30 10.45 11.00

Messe festive
7.00 Cattedrale, San Rocco 7.30 Santuario dellAddolorata, Cappuccine, Cappella dellospedale Bufalini, Calabrina, Ponte Pietra, Villachiaviche 8.00 San Pietro, Santa Maria della Speranza, San Mauro in Valle, San Giorgio, San Pio X, San Giovanni Bono, SantEgidio, Basilica del Monte, Calisese, Torre del Moro, Macerone, Capannaguzzo, Ronta, Borello 8.30 Cattedrale, San Rocco, Case Finali, Martorano, Cappella del cimitero, Madonna del Fuoco,

Direttore editoriale Piero Altieri Direttore responsabile Francesco Zanotti Vicedirettore Ernesto Diaco
Membro della Federazione Italiana Settimanali Cattolici Associato allUnione Stampa Periodica Italiana

Comuni del comprensorio


Cesenatico Sabato: ore 16 Villamarina; 17,30 Cappuccini, Santa Maria Goretti; 18 San Giacomo; 16 San Giuseppe; 20 Sala; 20,30 Villalta; Festivi: 8 Santa Maria Goretti, San Giacomo, Gatteo Mare; 8,30 Bagnarola, Sala, Boschetto; 9 Cappuccini; 9,45 Cannucceto, San Pietro;

11.10 11.15 11.30

Testata che fruisce di contributi di cui allart. 3 comma 3 della legge n. 250 del 7/8/1990 Giornale locale ROC (Registro degli operatori di comunicazione)

Redazione via del Seminario, 85, 47521 Cesena (Fc) tel. 0547 300258, fax 0547 328812, www.corrierecesenate.it Segreteria e Amministrazione corso Sozzi, 39, Palazzo Ghini, Cesena, tel. e fax 0547 27234. Orario: feriali ore 9-11,30. Conto corrente postale n. 14191472 E-mail: redazione@corrierecesenate.it Abbonamenti annuo ordinario euro 45; sostenitore 70 euro; di amicizia 100 euro; estero (via aerea) 80 euro. Settimanale dinformazione Autorizz. Trib. Forl n. 409, 20/2/68 Iscrizione al Registro nazionale della stampa n. 4.234 Editore e Propriet Diocesi di Cesena-Sarsina Stampa Galeati Industrie Grafiche spa www.galeati.it via Selice, 187/189 - 40026 Imola

15.00

Tiratura del numero 7 del 14 febbraio 2013: 7.400 copie Questo numero del giornale stato chiuso in tipografia alle 19 di marted 19 febbraio 2013

Vita della Diocesi


Sabato 23 febbraio Il Papa, la carezza e la luna, spettacolo sul Concilio Vaticano II
Azione Cattolica e lUfficio L collaborazione conlAgesci, in Catechistico diocesano, propongono a tutta la comunit diocesana e alla citt di Cesena un percorso ragionato che porti tutti, credenti e non, a riappropriarsi della primavera del Concilio Vaticano II, per continuare a tracciare insieme un sentiero lungo il quale sia possibile dialogare, camminare e darsi la mano. Per ricordare. Per testimoniare. Per condividere. Per continuare a costruire il futuro. Il primo appuntamento per sabato 23 febbraio alle 21, nella chiesa di SantAgostino, a Cesena. Il Papa, la carezza e la luna, uno spettacolo teatralenarrazione di don Marco Campedelli e della Compagnia del Nardo - Mondo Piccino. Canto e sarmonica: Dario Righetti; canto e chitarra: Cristina Ribul Moro; percussioni: Roberto Alberti Baba. Ingresso libero.

Gioved 21 febbraio 2013

Nel pomeriggio di domenica 3 marzo, in Seminario

Brevi
A San Vittore domenica 24 Si ricorda monsignor Aldo Casadei
romossa PdallUfficio Diocesano Migrantes della Diocesi di Cesena-Sarsina e dalla parrocchia di San Vittore di Cesena, domenica 24 febbraio si far riconoscente commemorazione di monsignor Aldo Casadei nel decennale della morte. Alle 15 celebrazione della Messa nella chiesa parrocchiale di San Vittore presieduta dal vescovo monsignor Gaetano Bonicelli, arcivescovo emerito di Siena; alle 16 nel cine-teatro Victor commemorazioni e testimonianze precedute da una riessione del vescovo di Cesena-Sarsina Douglas Regattieri. Monsignor Aldo Casadei stato missionario di emigrazione in Europa, vicario generale a Cesena, rettore del Seminario diocesano, direttore della Caritas diocesana.

1973-2013. Quarantanni di Caritas a Cesena Un convegno per celebrare lanniversario


i terr nel di domenica 3 marzo, SSeminario pomeriggio in a Case Finali di Cesena, il convegno diocesano 1973-2013. Quarantanni di Caritas a Cesena. Alle 15,15 preghiera iniziale e introduzione el vescovo Douglas; alle 15,30 intervento di don Giovanni Nicolini, gi diretto della Caritas diocesana di Bologna, e a seguire dialogo con il relatore. Dopo alcune testimonianze, alle 17,30 conclusioni del vescovo e preghiera nale.

Una meditazione del vescovo Regattieri in preparazione alla Pasqua

essaggio M ma 2013 Quaresi

Pellegrinaggi al Santuario di Longiano


Continuano i pellegrinaggi al Santuario del Santissimo Crocisso di Longiano nei venerd di Quaresima. Venerd 22 febbraio presieder il vescovo di Rimini Francesco Lambiasi, per la Zona di Savignano sul Rubicone-Roncofreddo-Borghi-Sogliano. Venerd 1 marzo il vescovo di FaenzaModigliana monsignor Claudio Stagni presieder la concelebrazione eucaristica alla quale sono particolarmente invitati i fedeli della Valle del Savio-Dismano. La messa, alle 20,30, preceduta dalla Corda Pia (alle 20), una preghiera della tradizione francescana nella quale si fa memoria della passione di Ges Cristo. Sono disponibili vari sacerdoti per le confessioni.

Dal suo cuore trafitto nata la Chiesa


na meditazione per la franchezza a tutti. madre del discepolo pi stimato da Quaresima. Parte dal Nella seconda parte, monsignor Ges diventa madre dei discepoli e desiderio di vivere in Regattieri parla della nascita della madre della Chiesa, come la dichiar profondit questo particolare Chiesa. Potremmo dire - scritto papa Paolo VI nel 1964. tempo dellanno liturgico la nella meditazione quaresimale - che Proclamando Maria Madre motivazione che ha spinto il vescovo il suo concepimento (della Chiesa, della Chiesa - scrive il vescovo Douglas a metter nero su bianco un ndr) avvenuto sulla croce, mentre il Douglas - Paolo VI intendeva testo rivolto a tutta la Diocesi. suo sviluppo, la sua crescita e la sua approfondire e sostenere la Dal suo cuore trafitto nata la visibilizzazione sono avvenuti con la maternit spirituale di Maria nei Chiesa muove le riflessioni Pentecoste. Siamo frutto confronti della Chiesa. Lapostolo davanti al Crocifisso che si trova di un amore totale, infinito e Giovanni che accoglie Maria nella nella chiesa di SantAgostino, a misericordioso. Per questo motivo la sua casa, cio nella sua vita, Cesena. Nata dalla croce - scrive nostra appartenenza alla Chiesa rappresenta tutti i discepoli di Cristo. monsignor Regattieri - dal fianco dovrebbe riempirci di orgoglio. La Anche Giovanni - dice monsignor squarciato di Cristo Crocifisso, la nostra origine divina, afferma il Regattieri - rappresenta la Chiesa e Chiesa ben rappresentata dalle vescovo che subito dopo dice: in lui si incarna la fede come amore figure di Maria e di Giovanni. Siamo una comunit viva, ma con sponsale, quello di colui che sceglie La Croce come origine del popolo di uno sguardo che supera la chi amare. Non si sceglie il proprio Dio, stoltezza per quelli che si dimensione umana. padre - si legge nella nota per la perdono, ma potenza di Dio Nella terza parte della lettera il Quaresima, da una citazione di per quelli che si salvano, perch vescovo Douglas parla della Madre di padre Raniero Cantalamessa - ma si quello che debole per il mondo, Ges e dellapostolo Giovanni, il sceglie il proprio sposo. Giovanni Dio lo ha scelto per confondere i discepolo amato, che rappresentano il discepolo che rappresenta chi forti. il nuovo popolo di Dio. Maria al vuole e sceglie di seguire il Signore. La lettera suddivisa in tre parti. tempo stesso donna e madre. E da A conclusione del breve percorso di Nella prima, il vescovo meditazione, il parla della croce che ha vescovo indica redento il mondo e della unopera di carit, potenza misteriosa che come frutto dei sgorga dal sangue doni che Dio affida l termine del messaggio scritto in occasione della Quaresima scaturito dalla alluomo: sostenere (disponibile presso il Centro pastorale di Palazzo Ghini, aperto tutte crocifissione di Ges. la nuova mensa le mattine dal luned al venerd, tel. 0547 611001), il vescovo Douglas Ciascuno di noi della Caritas ricorda che la Messa crismale sar celebrata in Cattedrale a Cesena prosegue il vescovo diocesana che a mercoled 27 marzo alle 20,30 (e non pi il gioved mattina). Le creda nella potenza breve aprir comunit parrocchiali, le associazioni e i movimenti ecclesiali sono misteriosa di questo i suoi nuovi locali invitate a partecipare. Durante la Messa crismale un rappresentante di sangue, ne faccia oggetto in via padre Vicinio ogni parrocchia consegner, nel momento della presentazione dei della sua lode e della sua da Sarsina, doni, il frutto della Quaresima. preghiera, lo annunzi con a Cesena.

Pregar cantando, corso di canto gospel


Nella parrocchia di Santa Maria della Speranza, in via Tripoli a Cesena (zona Ippodromo) il Faith Gospel Choir di Carpi terr Pregar cantando. Un pomeriggio in gospel, per tutti: un corso-introduzione al gospel e liturgia, canto, preghiera e... tanta energia da donare. Lappuntamento per domenica 3 marzo dalle 14,30 alle 18,30. Per info e adesioni: Chiara, 339 1026431, pillapillo@libero.it; Saba, 338 1773565, saba.tamburini@yahoo.it.

Dialoghi, Sandro Mazzola a Cesena il 13 maggio


Il dirigente sportivo ed ex calciatore Sandro Mazzola sar a Cesena luned 13 maggio. Il secondo incontro della quinta edizione dei Dialoghi per la citt, programmato per l11 febbraio ma poi rinviato per sopraggiunti impegni del relatore, avr come tema Le ragioni del cuore; far da guida alla serata il volume uscito di recente Ho scelto di stare davanti alla porta (Limina editrice, 2012, Milano) in occasione dei settantanni di Mazzola. Il calendario dei Dialoghi prosegue secondo programma: luned 11 marzo il professor Ivano Dionigi, rettore dellUniversit degli studi di Bologna, terr una relazione su Vitam vivere; il professor Marco Bersanelli, docente di Astrosica, sar lospite relatore dellultimo incontro dei Dialoghi, luned 8 aprile. Scienza e fede: una lunga amicizia il tema della serata. Gli incontri, con inizio alle 21 e a ingresso libero, si tengono presso laula magna della Facolt di Psicologia, piazzale Aldo Moro a Cesena.

Messa crismale la sera del Mercoled Santo


A

Gioved 21 febbraio 2013

Speciale Visita pastoarle

ZONA PASTORALE SARSINA-ALTA VALLE DEL SAVIO - UNIT PASTORALE N. 6 - UNIT PARROCCHIALE N. 4

Montecastello e Rontagnano-Serra-Tornano Nona tappa della Visita pastorale


e parrocchie di Montecastello e Rontagnano-Serra-Tornano, sebbene dal punto di vista amministrativo facciano parte di Comuni differenti (Mercato Saraceno per Montecastello, Serra e Tornano; Sogliano al Rubicone, invece, per Rontagnano) da tre anni sono tutte guidate, dal punto di vista pastorale, da don Maurizio Macini. Montecastello, un migliaio di abitanti, si sviluppa nella media valle del Savio e dista tre chilomentri dal capoluogo Mercato Saraceno. Sin dal mio insediamento ricorda don Maurizio ho potuto constatare la bont di questa gente, dedita al lavoro e attenta alle esigenze della parrocchia. La frazione mercatese pu contare su un gruppo di adulti molto sensibili. Quando ora di lavorare si fa sempre vedere. cos, dunque, che in parrocchia vengono organizzati momenti di solidariet come cene di beneficenza. Recentemente racconta Monica Rossi, molto impegnata in parrocchia ne abbiamo promosse a favore dei terremotati, per i malati di Parkinson, e anche per sostenere le attivit della parrocchia stessa. Il gruppo, collaudato e affiatato, anche quello che si prodiga per organizzare al meglio la festa di San Lorenzo, cui la chiesa dedicata e della quale nel 2010 stato festeggiato il 250esimo anniversario delledificazione. Si tratta della festa del patrono, che celebriamo il 10 agosto, sempre accompagnata da qualche giorno di festa civile che coinvolge tutta la popolazione. Montecastello fa parte dellunit parrocchiale mercatese e molti sono i momenti che vengono condivisi con le realt vicine. Una di questi, spiega il parroco, la catechesi dei pi grandi, dei ragazzi dalle medie in su, per intenderci. I ragazzi si incontrano nei locali di San Damiano insieme ai loro coetanei. Mentre abbiamo preferito mantenere qui la catechesi per i bambini delle scuole elementari, seguiti da tre catechisti e cinque aiuto catechisti. Altri momenti condivisi sono i centri estivi e i campeggi, il vespro comunitario e, il primo venerd del mese, la messa a Monte Sasso. Sul territorio, salendo verso la collina, presente una piccola chiesa oratorio dedicata alla Madonna delle Neve, eretta a ricordo di unapparizione. La messa domenicale, continua il parroco don Maurizio, molto curata, con un gruppo liturgico che si d molto da fare. Mentre la partecipazione si aggira al 18 per cento circa. Si tratta di una presenza che riguarda soprattutto le persone adul-

Continua la Visita del vescovo Douglas Regattieri nella Zona pastorale Sarsina-Alta Valle del Savio. Dal 24 febbraio al 3 marzo saranno visitate le parrocchie di Montecastello e Rontagnano-Serra-Tornano
FACCIATA DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI MONTECASTELLO. LA CHIESA DEDICATA A SAN LORENZO

te. Anche se a Montecastello sono presenti molti giovani che proprio in questo periodo si stanno organizzando per creare una Pro Loco locale. Un evento che coinvolge lintero paese il presepe vivente che viene allestito nella piazza antistante la chiesa. lunico presepe vivente della zona cui partecipano una quarantina di figuranti, tutti volontari. A Montecastello presente una scuola materna statale che accoglie bambini anche dalle frazioni vicine come Taibo, tanto che volevamo chiedere anche la seconda sezione, visto il numero sempre pi alto di iscrizioni. Uno degli appuntamenti fissi per i bambini, in estate, la gita del mercoled che

viene organizzata dal parroco don Maurizio raggruppando i bambini di Montecastello e Rontagnano-Serra-Tornano. Le localit citate distano solo qualche chilometro da Montecastello e per arrivarvi necessario percorrere, da Mercato Saraceno, il Barbotto, strada molto amata dai ciclisti amatoriali e non. Rontagnano presenta una popolazione di circa 300 abitanti, mentre Serra e Tornano, che rimangono quasi sotto al monte di Perticara, hanno una popolazione, la maggior parte anziana, composta da qualche decina di abitanti. Anche in queste frazioni don Maurizio va a celebrare Messa e rendere omaggio ai santi protettori Bartolomeo (Serra) e Ilario (Tornano). Rontagnano racconta don Maurizio un paese piccolo, situato a circa 11 chilometri dal capoluogo Sogliano al Rubicone. per molto unito, con una forte identit e con una Pro Loco molto attiva che in estate organizza feste e momenti di aggregazione molto partecipati. Una realt piccola dunque, ma con molte attivit che si manifestano anche attaverso un gruppo culturale e sfruttando spazi quali il teatrino del paese. Nel portare avanti le proprie attivit, comprese quelle di catechesi, don Maurizio supportato da sei giovani delle scuole superiori che seguono una quindicina di ragazzi tra elementari e medie. Quando c' loccasione alcune delle attivit, specialmente quelle estive per ragazzi, vengono organizzate insieme ai coetanei di Montecastello. Rontagnano ha da poco celebrato la festa del patrono San Biagio (3 febbraio) cui la chiesa dedicata. Michela Mosconi

CALENDARIO VISITA PARROCCHIE MONTECASTELLO RONTAGNANO-SERRA-TORNANO


dal 24 febbraio al 3 marzo
MONTECASTELLO Domenica 24 febbraio ore 17: ingresso del vescovo e messa ore 18: incontro con ragazzi catechismo ore 18,30: incontro con le catechiste Luned 25 febbraio al mattino: visita ai malati nel pomeriggio: visita alle attivit commerciali Marted 26 febbraio ore 20,30: assemblea parrocchiale ore 21,30: incontro con il Consiglio economico RONTAGNANO Venerd 1 marzo in mattinata: visita alle scuole e alle aziende agricole ore 17: incontro con ragazzi catechismo ore 17,30: incontro con gli aiuto-catechisti ore 19,30: ingresso del vescovo e Assemblea parrocchiale ore 20,30: cena di tutta la comunit parrocchiale ore 21,30: incontro con il Consiglio economico Sabato 2 marzo in mattinata: visita ai malati Domenica 3 marzo ore 8,30: Messa a Serra e visita a Tornano ore 9,45: Messa a Rontagnano ore 11: Messa a Montecastello ore 15,30: rosario alla chiesa di Meleto e conclusione della Visita pastorale

SANTA MARIA NUOVA: in palazzina di recente costr.e, appartamento al primo piano con ingresso indip. composto da soggiorno con cucina, 2 camere da letto, bagno, piccolo ripostiglio, 2 balconi (1 con barbecue) e garage doppio. Ottime finiture, riscaldamento a pavimento e predisp. aria condizionata. 195.000 / Rif. 1210 PORTA TROVA - VIA PIAVE: appartamento al quarto piano con ascensore composto da ingresso, soggiorno, cucina abitabile, 2 camere da letto di ampie dimensioni, 1 bagno, 2 balconi, cantina e garage. 155.000 / Rif. 1198 ZONA SEMINARIO/OSPEDALE: in palazzina immersa nel verde e nella tranquillit appartamento al piano rialzato composto da ampio soggiorno con angolo cottura, 3 camere da letto, 2 bagni, terrazzo, cantina e ampio garage. 255.000 / Rif. 1129 ZONA STADIO: appartamento al primo piano composto da ingresso, soggiorno, cucina, 2 camere da letto, bagno, balcone, cantina e garage doppio. 180.000 / Rif. 1128 ZONA CENTRALE: (adiacenze stazione) appartamento al 1 piano con ascensore composto da soggiorno, cucina, 2 camere da letto, bagno, balcone, cantina interrata, ripostiglio a piano terra e ampio terrazzo condominiale. 150.000 / Rif. 1114 SAN CARLO: in zona residenziale villetta a schiera dangolo con interni da rivedere composta da soggiorno, cucina con tinello, 3 camere da letto, 2 bagni, balcone, cantina, garage, cortile e giardinetto di propriet. 260.000 / Rif. 1208

CASE FINALI - RIO MARANO: in posizione verde e tranquilla nuova costruzione di villette bifamiliari con ampio giardino, ecocompatibili e ad alto risparmio energetico. Possibilit vendita di singoli lotti. Info in ufficio / Rif. 1241

CASE FINALI: in zona verde e tranquilla appartamenti di nuova costruzione di varie tipologie con giardino o sottotetto, ottime finiture con riscaldamento a pavimento, aspirazione centralizzata, predisposizione aria condizionata e allarme. PRONTA CONSEGNA. SAN MAURO IN VALLE: in zona esclusiva con affaccio sul parco in complesso residenziale realizzato con materiali ad alto risparmio energetico possibilit di bilocali e quadrilocali a piano terra con tavernetta e giardino o allultimo piano con ampio sottotetto. OTTIME FINITURE. Nessuna spesa di mediazione in quanto mandatari a titolo oneroso

Vita della Chiesa

Gioved 21 febbraio 2013

Il Papa allAngelus: Vogliamo seguire lio o Dio?


Nella domanda di Benedetto XVI emerge la consapevolezza che nelle tentazioni in gioco la fede, perch in gioco Dio. Il Papa stato avvolto in un caldo abbraccio dei fedeli accorsi numerosissimi in Piazza San Pietro
n invito a ri-orientarsi decisamente verso Dio, rinnegando lorgoglio e legoismo per vivere nellamore in questo tempo di Quaresima. Lo ha rivolto, stamattina, Benedetto XVI, in occasione della recita del penultimo Angelus da Pontefice con i pellegrini che hanno riempito piazza San Pietro per salutarlo. Striscioni e ovazioni per il Santo Padre. Il criterio-base della nostra vita. Mercoled scorso, con il tradizionale Rito delle Ceneri, ha ricordato il Papa, siamo entrati nella Quaresima, tempo di conversione e di penitenza in preparazione alla Pasqua. La Chiesa, che madre e maestra, chiama tutti i suoi membri a rinnovarsi nello spirito, a ri-orientarsi decisamente verso Dio, rinnegando lorgoglio e legoismo per vivere nellamore. In questo Anno della fede, ha sottolineato, la Quaresima un tempo favorevole per riscoprire la fede in Dio come criterio-base della nostra vita e della vita della Chiesa. Ci comporta sempre una lotta, un combattimento spirituale, perch lo spirito del male naturalmente si oppone alla nostra santificazione e cerca di farci deviare dalla via di Dio. Per questo, nella prima domenica di Quaresima, viene proclamato ogni anno il Vangelo delle tentazioni di Ges nel deserto. Il vero Bene. Ges infatti, dopo aver ricevuto linvestitura come Messia - Unto di Spirito Santo - al battesimo nel Giordano, fu condotto dallo stesso Spirito nel deserto per essere tentato dal diavolo, ha aggiunto il Pontefice. Al momento di iniziare il suo ministero pubblico, Ges dovette smascherare e respingere le false immagini di Messia che il tentatore gli proponeva. Ma, ha avvertito il Santo Padre, queste tentazioni sono anche false immagini di uomo, che in ogni tempo insidiano la coscienza, travestendosi da proposte convenienti ed efficaci, addirittura buone. Gli evangelisti Matteo e Luca presentano tre tentazioni di Ges, diversificandosi in parte solo per lordine. Il loro nucleo centrale consiste sempre nello strumentalizzare Dio per i propri fini, dando pi importanza al successo o ai beni materiali. Il tentatore - ha spiegato Benedetto XVI - subdolo: non spinge direttamente verso il male, ma verso un falso bene, facendo credere che le vere realt sono il potere e ci che soddisfa i bisogni primari. In questo modo, Dio diventa secondario, si riduce a un mezzo, in definitiva diventa irreale, non conta pi, svanisce. In ultima analisi, nelle tentazioni in gioco la fede, perch in gioco Dio. Nei momenti decisivi della vita, ma, a ben vedere, in ogni momento, siamo di fronte a un bivio: vogliamo seguire lio o Dio? Linteresse individuale oppure il vero Bene, ci che realmente bene?.
DOMENICA 17 FEBBRAIO: PAPA BENEDETTO XVI SI AFFACCIATO DAL PALAZZO APOSTOLICO PER LA PENULTIMA DOMENICA DEL SUO PAPATO (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

Non aver paura del combattimento. Come ci insegnano i Padri della Chiesa - ha osservato il Papa -, le tentazioni fanno parte della discesa di Ges nella nostra condizione umana, nellabisso del peccato e delle sue conseguenze. Una discesa che Ges ha percorso sino alla fine, sino alla morte di croce e agli inferi dellestrema lontananza da Dio. In questo modo, Egli la mano che Dio ha teso alluomo, alla pecorella smarrita, per riportarla in salvo. Come insegna santAgostino, Ges ha preso da noi le tentazioni, per donare a noi la sua vittoria. Non abbiamo dunque paura di affrontare anche noi il combattimento contro lo spirito del male: limportante che lo facciamo con Lui, con Cristo, il Vincitore. Per stare con Lui, il Pontefice ha quindi invitato a rivolgerci alla Madre, Maria: invochiamola con fiducia filiale nellora della prova, e lei ci far sentire la potente presenza del suo Figlio divino, per respingere le tentazioni con la Parola di Cristo, e cos rimettere Dio al centro della nostra vita. Grazie per le preghiere. Grazie a tutti voi!. Cos il Santo Padre ha esordito nei saluti in varie lingue dopo lAngelus, nei quali, oltre a proporre ancora una riflessione sulla Quaresima, ha ringraziato per le preghiere in questi giorni per lui, dopo lannuncio di luned scorso di rinuncia al ministero petrino. Vi ringrazio per le vostre preghiere e vi domando di accompagnarmi

spiritualmente durante gli Esercizi spirituali che cominceranno stasera, ha sostenuto in francese. Vorrei anche ringraziarvi per le preghiere e il sostegno che mi avete manifestato in questi giorni, ha affermato in inglese. Vi ringrazio per le molte prove del vostro attaccamento e per le vostre preghiere in questi giorni, ha dichiarato in tedesco, chiedendo anche preghiere per gli imminenti Esercizi spirituali. Di cuore ringrazio tutti per la preghiera e laffetto in questi giorni. Vi prego di continuare a pregare per me e per il prossimo Papa, cos come per gli Esercizi spirituali, che inizier stasera insieme con i membri della Curia romana, ha continuato in spagnolo. Pure in polacco non ha mancato di ringraziare per lorante sostegno e la vicinanza spirituale in questi giorni particolari per la Chiesa e per me. Un caloroso saluto andato ai pellegrini italiani: Grazie di essere venuti cos numerosi! La vostra presenza un segno dellaffetto e della vicinanza spirituale che mi state manifestando in questi giorni, ha evidenziato, mentre tutti lo acclamavano. Benedetto XVI poi ha rivolto un saluto in particolare allAmministrazione di Roma capitale, guidata dal sindaco: Con lui saluto e ringrazio tutti gli abitanti di questa amata citt di Roma. A tutti auguro una buona domenica e un buon cammino di Quaresima. Questa sera inizier la settimana di esercizi spirituali: rimaniamo uniti nella preghiera. Grazie!, ha concluso.

Intervista al cardinale Angelo Bagnasco, dopo la visita ad limina dei vescovi liguri

I gesti del Papa come unEnciclica


uello che era stato definito da alcuni il Papa teologo, quasi a voler sottolineare una distanza dal mondo e tanto pi dalla vita concreta della gente, invece - nelle parole del cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, arcivescovo di Genova e presidente dei vescovi liguri - un Pontefice entrato nel cuore, nellanima della gente. Intervista a tutto campo sui sentimenti, sulla sorpresa, lo sconcerto, ma anche sulla grande serenit che il Papa, per primo, sta dimostrando in queste ore e in questi giorni. Cosa ha detto Benedetto XVI ai vescovi liguri, da lei guidati come presidente della Conferenza episcopale regionale, nella visita ad limina? Che racconto avete fatto delle vostre comunit? Il Santo Padre anzitutto ci ha ascoltato, prima di parlare, invitando ogni vescovo a rappresentare lo stato della sua diocesi, in sintesi, ma con puntualit. Ha ascoltato con molta attenzione, ha posto anche domande specifiche, in modo da potersi informare meglio possibile. Alla fine ci ha parlato, incoraggiandoci a continuare nella guida delle nostre Chiese, esortandoci a sostenere i sacerdoti e le comunit cristiane; sempre pi cogliendo, insieme alle difficolt e ai problemi della pastorale odierna, anche e innanzitutto il bene. Perch questo giusto rispetto a Dio, perch Dio opera sempre e ci precede nel cuore degli uomini, nel cuore della gente. Allora innanzitutto dobbiamo cogliere la presenza di Dio nel mondo, certo senza nasconderci difficolt, problemi e sfide, ma sempre a partire da questo.

Ha sempre cercato di distogliere lo sguardo della gente da lui, dalla sua persona, per condurlo e indirizzarlo verso il Signore
Eminenza, molto si detto e scritto, in tutto il mondo, di questa decisione inaspettata del Papa. Che lezione traiamo oggi, a distanza di quasi una settimana dal suo annuncio? come se il Papa in un certo senso - siamo nellAnno della fede - sottraendo la sua persona allo sguardo del mondo e della comunit cristiana, invitasse i credenti a puntare lo sguardo di pi verso il Signore. Il Santo Padre ha sempre avuto questa attenzione. Lo si percepito, se lo si guardava con attenzione e con affetto, nelle sue parole e anche nei suoi gesti. Ha sempre cercato di distogliere lo sguardo della gente da lui, dalla sua persona, per condurlo e indirizzarlo verso il Signore. In fondo, possiamo leggere questo suo tratto anche come un ulteriore ammaestramento, una ulteriore catechesi sulla fede. Potremmo dire una nuova enciclica. Il Papa, nel dare al mondo il suo annuncio, ha parlato di et che avanza inesorabile. Eppure ieri, nel suo incontro con il clero romano, apparso ai pi in grande spolvero

VATICANO, 15 FEBBRAIO: BENEDETTO XVI HA RICEVUTO IL CARDINALE BAGNASCO IN VISITA AD LIMINA CON I VESCOVI DELLA LIGURIA (FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR)

intellettuale. Let dei pastori davvero destinata a divenire una questione dirimente da qui in avanti? Per quanto riguarda la vivacit spirituale e intellettuale del Santo Padre non c da meravigliarsi assolutamente, perch la sua parola e il suo magistero sono sempre stati di una estrema lucidit e di grandissima profondit. Quindi non mi meraviglia affatto che anche in questo incontro con il clero romano abbia espresso proprio tutta la sua intelligenza, il suo cuore, la sua fede fatta di verit e di amore. Non c da meravigliarsi per questo. Sono le forze fisiche che vengono meno. questo lelemento che lui ha denunciato nella sua comunicazione ai cardinali e al mondo; tanto da portarlo ad assumere una decisione storica. Per quanto riguarda let dei pastori, credo che qui non ci sia una risposta adesso da parte mia, perch - se vorranno - saranno i cardinali che affronteranno, quando sar il momento, questa questione. Al presente, mi pare una domanda che riguarda il futuro. Luigi Crimella

Attualit

Gioved 21 febbraio 2013

11

Intervista a Francesco Belletti, presidente Forum associazioni familiari


FOTO SICILIANI-GENNARI/SIR

SuperAbile
di Arianna Maroni

Verso il voto

LA SOTTOTITOLAZIONE IN TEMPO REALE


Come non manchiamo di dire spesso e volentieri, accessibilit non sono solo scalini invalicabili, ma anche gli ostacoli nel godere, ad esempio, del proprio tempo libero e della cultura. Grazie agli amici dellassociazione CulturAbile onlus, facciamo un piccolo focus sulla situazione della fruizione di eventi pubblici (che possono essere un meeting, un consiglio di amministrazione, una lezione universitaria o la messa) da parte di persone sorde. Laccesso a questo tipo di momenti dovrebbe essere un diritto che ciascuno pu pretendere, poich tanto la legislazione italiana quanto la Convenzione sui Diritti della Persona con Disabilit lo indicano come tale. Ancora pochi sono per oggi gli eventi pubblici che lo rendono un diritto applicato. Un modo per consentire alle persone sorde di seguire adeguatamente un evento quello di realizzarne una sottotitolazione in tempo reale. La sottotitolazione pu essere realizzata con diverse tecniche: dalla scrittura veloce alla stenotipia, al riconoscimento del parlaton (respeaking). Le modalit di erogazione del servizio sono essenzialmente due: in presenza e a distanza. Con la prima modalit, loperatore fisicamente presente sul luogo dellevento ed eroga il servizio di sottotitolazione: la sua postazione (nella maggior parte dei casi composta solo da un computer e dal programma di videoscrittura/stenotipia o riconoscimento del parlato) collegato a un proiettore che consente di proiettare quanto scritto in modo da essere letto e fruito da chi ne ha bisogno. Con la seconda modalit, un collegamento web (anche con chiavetta) consente alloperatore in remoto di ascoltare, nel vincolo della massima riservatezza, quanto viene detto nella sede dellevento, e di trascriverlo o tradurlo in sottotitoli. In questo modo, le persone che hanno bisogno dei sottotitoli ne potranno fruire tramite web. Le informazioni, infatti, confluiranno su unapposita pagina dedicata, a cui saranno connessi soltanto loperatore e le persone che leggono i sottotitoli. Modalit inclusive, quindi, che potrebbero davvero consentire di far uscire dallesclusione molte persone sorde da momenti culturali a cui invece hanno pieno diritto. Per info: www.culturabile.it.

Politica impermeabile alla famiglia


a famiglia come motore di crescita del Paese, risorsa preziosa di coesione sociale e luogo primario di solidariet per affrontare la crisi e ripartire con nuovo slancio. In occasione delle prossime elezioni politiche (24-25 febbraio) il Forum delle associazioni familiari ha presentato una piattaforma valoriale e operativa per ribadire la necessit che ci sia "pi famiglia oggi, pi Italia domani". A pochi giorni dal voto, il Sir ha intervistato Francesco Belletti, presidente del Forum.

Da dove nasce lesigenza di presentare una piattaforma dedicata alla famiglia? Siamo entrati nella campagna elettorale organizzare incontri. Tutto ci ci rappresentando dei contenuti operativi costringer a una maggiore attenzione che ci interessavano. stato il tentativo nei loro confronti dal 26 febbraio in poi. di proporre ai candidati unagenda Perch la piattaforma, nelle intenzioni, operativa, non generici impegni o anche loccasione per aiutare i candidati a indicazioni. Labbiamo chiamata mettere la questione famiglia come piattaforma valoriale e operativa perch priorit della loro agenda mentale. le nostre priorit dipendono da unidea di persona e di societ molto chiare. Il valore del matrimonio come Eravamo preoccupati, infatti, dalle fondamento della famiglia un tema promesse e dal tono di una campagna discusso in campagna elettorale elettorale che si interessata ben poco Non potevamo che partire da unidea di della famiglia. famiglia naturale fondata sul matrimonio, che un dettato costituzionale prima Quale accoglienza stata finora ancora che una specifica antropologia. riservata ai sette punti dal mondo Vogliamo radicare la nostra proposta al politico? nuovo Parlamento a partire dalla Abbiamo avuto circa 200 adesioni alla Costituzione. Siamo certi che gli articoli piattaforma dialogando, sia a livello sulla famiglia sono tra i meno applicati in nazionale sia locale, con i singoli questi anni di storia repubblicana e candidati e con i rappresentanti dei vari crediamo che la prossima legislatura schieramenti. In questo senso, stata potr avere la responsabilit di applicare mostrata una certa attenzione che per finalmente quello che la Costituzione noi solo la premessa di un lavoro. Non aveva in mente sulla famiglia: un luogo sono soddisfatto, infatti, dellaccoglienza insostituibile per la coesione sociale e la politica. La famiglia avrebbe meritato costruzione dellItalia. Quando si parla di ben altra attenzione sia rispetto alla politiche familiari si fa riferimento a nostra proposta che al dibattito pubblico. unidentit forte e circoscritta, che il Si parlato di molto altro e poco di rapporto tra uomo e donna orientato famiglia, che la grande sfida che ha di allaccoglienza della vita e fondato su un fronte il Paese. I due schieramenti che patto pubblico. Le altre scelte affettive hanno dimostrato una maggiore fanno parte della sfera privata e chiedono impermeabilit sono stati il Movimento 5 regolamentazioni dei diritti delle persone, Stelle e la lista Rivoluzione Civile. Con non della famiglia. questi soggetti stato difficile dialogare e

Abbiamo registrato circa 200 adesioni alla nostra piattaforma, sia a livello nazionale sia locale. Ma non sono soddisfatto dellaccoglienza politica. Per noi questa era loccasione per aiutare i candidati a mettere la questione famiglia come priorit nella loro agenda mentale
Lattuazione del FattoreFamiglia sar un nodo cruciale nelle politiche familiari del prossimo governo? Abbiamo trovato notevole consenso, in particolare da parte dello schieramento che fa capo al premier Mario Monti. Anche il Pdl ha ampiamente assicurato linteresse a questo modello mentre il Pd ha condiviso lesigenza di alleggerire la pressione fiscale sulle famiglie ma con altri strumenti. Per il Forum, nessuna riforma fiscale sar equa se non sar a misura di famiglia, soprattutto con figli. Quella del lavoro una questione centrale per la promozione della natalit e della formazione di nuove famiglie Abbiamo vissuto una lunga stagione durante la quale tutte le politiche di welfare partivano dal lavoro. Oggi c la grande emergenza generazionale, chiamata inverno demografico, che un problema del sistema Paese. Pochissimo stato fatto per conciliare i tempi della famiglia con quelli del lavoro e questa una grande trappola del nostro Paese. A livello europeo gli strumenti sono ben pi forti e flessibili. Laccoglienza, il rispetto della vita e linvestimento sulle nuove nascite sono temi su cui investire per far ripartire il Paese. La Lista Giannino, da questo punto di vista, ha espresso una forte sintonia. Riccardo Benotti

il Periscopio

di Zeta
mistero della vita che resta e rester sempre tale. Siamo tutti sgomenti ha detto l'ex parroco don Giovanni Savini, per tanti anni accanto a Giorgio e che ha parlato anche a nome di don Agostino Galassi -. Rimane solo il perdono, quello che ti assicuriamo. E io ti ho gi perdonato. E nel perdono del don ci sta quello di tutti. Prima quello dei fratelli, poi degli amici pi intimi. Poi ancora quello di chi ha condiviso tanti anni di Pasquella, di filodrammatica, del gruppo gastronomico Cinque Stelle, di impegno per le necessit pi diverse. E poi gli amici dei familiari, gli amici degli amici e dei conoscenti. S, perch alla fine resta solo ci che si vissuto, il bene realizzato, compresi i limiti, fino all'ultimo limite, quello che solo Dio pu giudicare, nella sua immensa Misericordia. In noi rimane la gioia del tratto di strada percorso insieme, pur tra tante appartenenze diverse. Un dono, sempre e comunque. Un dono di Dio per il quale, nel dolore che spacca lanima e strappa il cuore, possiamo solo esprimere un grazie verso il Cielo. (782)

Un paese intero si stretto in un abbraccio dopo un suicidio che ha suscitato molto sgomento

Capaci di grazie, nonostante tutto

i sento di ringraziarvi per la manifestazione di affetto che avete dimostrato alla famiglia Forlesi per la tragica morte di Giorgio. Sono rimasto molto colpito da questo vostro calore. Sono le parole pronunciate dal parroco di Bulgarn, don Theo, durante le messe di domenica scorsa. La notizia della morte per suicidio di un membro della comunit parrocchiale ha gettato tutti nello sconforto. Abbandonato ogni commento, solo i gesti hanno parlato e hanno raccontato che ancora oggi, nonostante tutto, il paese tiene e sa esprimere una solidariet in grado di stupire. Durante la messa di esequie, celebrata venerd scorso in una chiesa incapace di contenere tanta gente, lo stesso parroco ha voluto ricordare l'importanza dell'affidarsi al Signore. Confidiamo nella preghiera ha detto don Theo, il sacerdote di origine beninese, nella piccola frazione cesenate da pochi mesi sia per aiutare lo stesso Giorgio sia per sentirci uniti tra noi. La fragilit umana sempre in agguato. Non possiamo permetterci di giudicare nessuno. Solo Dio conosce il cuore dell'uomo. E noi non dobbiamo cercare risposte che non si possono trovare. Eppure la mente vaga cercando appigli sicuri. Tenta giustificazioni e le vuole anche per mettersi l'animo in pace. Tutti ci sentiamo un po' responsabili, quando accadono fatti del genere. Quando la morte bussa cos da vicino, ci

sentiamo davvero impotenti. Quando ti senti strappare una persona che conosci bene, da sempre, che hai visto per anni, con la quale hai parlato, discusso, condiviso, animato anche la vita parrocchiale, diventa assai complicato capire i motivi di uno strappo cos lacerante. Ha ragione don Theo, resta solo la preghiera. Quella di chi entrato in chiesa e quella di chi l'ha subito recitata, appena avuta la tragica notizia. Solo nell'affidamento al Signore si pu tentare di comprendere certi gesti estremi. Noi tutti ci sentiamo inadeguati, incapaci di cogliere appieno il

12

Gioved 21 febbraio 2013

Cesena
Chi abbandona i rifiuti pu essere denunciato Nelle isole ecologiche consegna gratuita

Quasi 5000 segnalazioni nel 2012

Hera e rifiuti ingombranti Velocizzato il servizio di ritiro


i veloce il ritiro a domicilio degli ingombranti e riattivazione della consegna dei rifiuti elettronici nella stazioni ecologiche. Notizie attese da tempo, annunciate da Hera nel corso della seconda Commissione consiliare dell11 febbraio scorso svoltasi a Palazzo Albornoz, che si occupata, tra le altre, del contrasto allabbandono dei rifiuti. Su questo fronte, la multiutility si prepara a lanciare una campagna di sensibilizzazione al fine di contrastare questa pratica che rappresenta un problema non solo di decoro ma, soprattutto, di salvaguardia dellambiente, che nel territorio cesenate "diffusa ma non drammatica", precisa la responsabile comunicazione di Hera Monica Guidi. Le segnalazioni di rifiuti a terra raccolte dagli operatori di Hera nel 2012 sono state 4.770, ma non se ne conosce la quantit, perch

non vengono pesati. "Il Comune impegnato anche sul fronte sanzionatorio con un nucleo dedicato della Polizia municipale, a cui si aggiunge lispettorato di Hera - ha spiegato lassessore alla sostenibilit ambientale Lia Montalti -. Nel 2012 i Vigili hanno effettuato una settantina di controlli, redatto una ventina di verbali e denunciato 4 persone. Le guardie ecologiche hanno svolto 750 ore di lavoro e il settore ambiente ha raccolto 500 segnalazioni". Dal mese di maggio Hera predisporr manifesti, plance, opuscoli informativi, uniti da un doppio binario comunicativo: fare informazione sul corretto smaltimento e fungere da monito sulle conseguenze a cui vanno incontro i cittadini in caso di abbandono dei rifiuti (reato sanzionabile fino a 3mila euro). Oltre a conferire gratuitamente nelle isole ecologiche, esistono diverse opportunit per i cittadini.

Per un elettrodomestico nuovo acquistato, previsto il ritiro gratuito del vecchio da parte del negoziante. Per i grossi quantitativi di sfalci verdi e potature, Hera predispone un servizio di raccolta a domicilio (con pagamento del trasporto). Ritiro a domicilio gratuito invece per gli ingombranti (ed esempio vecchi mobili) e Raee (apparecchiature elettriche ed elettroniche). Ma proprio il servizio di ritiro a domicilio sotto accusa per i tempi estremamente lunghi. "Rispetto a qualche settimana fa, la situazione migliorata notevolmente - rileva Monica Guidi -, soprattutto per quel che riguarda leternit e i Raee per i quali i tempi di attesa erano rispettivamente di 6 mesi e 40 giorni". Secondo i dati forniti dalla multiutility, il tempo medio di attesa per il ritiro degli ingombranti 7 giorni, per leternit 25 giorni e per i Raee 14. Buone nuove anche per quanto

OPERAZIONE DI PESATURA DEI RIFIUTI IN UNISOLA ECOLOGICA

riguarda lo smaltimento delle apparecchiature elettriche ed elettroniche: il responsabile Ambiente di Hera Fausto Pecci informa che, contestualmente alla campagna di sensibilizzazione, le stazioni ecologiche di via Spinelli e via Romea riprenderanno il servizio di ritiro, sospeso ormai da un anno e mezzo per la necessit di eseguire lavori di adeguamento previsti dalla normativa. Francesca Siroli

SPOSI DA 50 ANNI

Cattedrale | Festa della famiglia

ANNIVERSARIO

26.02.2011 - 26.02.2013

MERCEDES CAPELLINI
in Amati 23 febbraio 1963 23 febbraio 2013

Gli anni trascorsi insieme e quelli che insieme vivrete non saranno mai abbastanza Vi vogliamo bene! Felice anniversario dai figli Morena, Monica, Fabio dalla nuora, dal genero e dai nipoti

E grande il vuoto che ci hai lasciato, ma ci conforta sempre la fede in Cristo risorto e la speranza di rivederci in Cielo. Ti ricordiamo con immutato affetto I familiari Una messa in suffragio sar celebrata in Cattedrale domenica 24 febbraio alle 10 e marted 26 febbraio alle 18

Festa della famiglia domenica 10 febbraio nella parrocchia della Cattedrale. Sono stati festeggiati gli anniversari di 10, 25, 50, 60 anni di matrimonio. Nella foto, insieme al parroco don Giordano Amati, alcune coppie festeggiate.

Cesena

Gioved 21 febbraio 2013

13

Nel territorio oltre 80 chilometri di percorsi protetti

E la periferia?
Benissimo le piste ciclabili, e ci mancherebbe altro. Ben vengano nuovi investimenti in questo senso. Accogliamo con favore la notizia che verranno migliorati molti dei percorsi protetti che ormai fanno parte della nostra viabilit cittadina. Andare in bicicletta una sana abitudine che in Romagna trova molto seguito, e nel Cesenate in particolare. Sono migliaia le persone che si muovono pedalando, grazie e soprattutto ai nuovi itinerari che negli ultimi anni sono stati molto incentivati e incrementati. Vorremmo solo suggerire, nel limite delle disponibilit di bilanci sempre pi risicati, di guardare ovunque nel territorio comunale. Sono molti i collegamenti con il centro citt da diverse zone periferiche. Basta pensare al percorso protetto che corre lungo la via Cervese e rende vicino il centro storico anche a chi abita a Calabrina e a Pioppa. Ci fa comprendere il bisogno di avvicinare la citt ai territori pi lontani e alla campagna, come si sa benissimo in diverse frazioni. Un esempio concreto quello di Bulgarn, dove da tempo viene chiesto (se non possibile istituire un collegamento bus), di unire il paese alla vicina cittadina di Gambettola con una pista ciclabile realizzabile lungo la via Capannaguzzo.

Anchelepisteciclabili vannomigliorate
obilit sostenibile in primo piano nellagenda del Comune di Cesena. E stato appena adottato il suo Biciplan (cio il Piano generale della mobilit ciclabile), con il quale fotografa la rete dei collegamenti a disposizione dei ciclisti e il loro utilizzo: 81,6 i chilometri fra percorsi protetti e piste ciclabili, di cui una sessantina di rete urbana per la "ciclabilit quotidiana", senza dimenticare i 26 km di percorsi caratterizzati anche da elementi di carattere ricreativo e turistico ( il caso dellitinerario lungo il Savio, verso Cervia e di quello verso Cesenatico). "A utilizzarli giornalmente si legge in una nota del Comune - una schiera di almeno 12mila ciclisti, di cui quasi la met sceglie

Molti innesti devono essere resi pi sicuri In via di approvazione un elenco di priorit
sistematicamente la bicicletta come mezzo di trasporto. Nellora di punta fra le 7.30 e le 8.30, i tratti pi gettonati dai ciclisti cesenati risultano essere: la pista ciclabile di corso Cavour, con oltre 450 passaggi, considerando sia la direzione verso la Barriera che quella verso la Stazione, via Cesare Battisti, 145 passaggi, via

Cervese, 119 passaggi, viale Matteotti, 115 passaggi". Il Bicicplan non si limita a inquadrare lesistente, ma indica anche le linee guida per i prossimi interventi, e soprattutto, individua i progetti prioritari per il futuro. In cima alla lista, ci sono gli interventi per dare continuit e sicurezza nei tratti incompleti degli itinerari esistenti. A tale scopo stato predisposto uno studio di fattibilit specifico con il quale Cesena parteciper al bando regionale per lassegnazione di contributi stanziati nellambito delle politiche per il miglioramento della qualit dellaria. Liniziativa regionale prevede un cofinanziamento a favore della mobilit ciclopedonale e delle infrastrutture verdi,

con una possibilit di copertura del 75 per cento delle spese ammissibili, fino a un importo massimo di 500mila euro. Fra i vari tratti da migliorare, vi sono quelli fra ponte del Risorgimento, via IV Novembre, via Battisti e piazzale Risorgimento; il tratto di via Savio, da via Po a via Isonzo; fra via Savio e via Bonci.

LAUREA

Tessello, arriva il gas e a costo inferiore


Terminati i lavori per la posa delle condutture. Grazie allefficienza della ditt la spesa finale risultata inferiore di 70mila euro rispetto al preventivo
Ammonta a circa 70mila euro il risparmio realizzato nellesecuzione dei lavori per la metanizzazione della nuova rete a metano di Tessello. Dei 510mila euro previsti inizialmente, infatti, se ne spenderanno circa 440mila. A segnalarlo i tecnici di Hera che stanno predisponendo la rendicontazione dellopera, ormai quasi completata. Allappello, infatti, mancano solo alcune riasfaltature stradali (finora messe in standby in attesa che il terreno di assestasse e che arrivassero le condizioni

Mercoled 13 febbraio ELEONORA BARONIO ha concluso il Corso di laurea specialistica a ciclo unico in Architettura presso l'Alma Mater Studiorum di Bologna, sede di Cesena, con tesi in Restauro conseguendo il massimo dei voti Orgogliosi per l'ottimo risultato, i familiari si congratulano con la neodottoressa

climatiche indicate per questo tipo di opera) che saranno verosimilmente eseguire fra aprile e maggio. Lintervento, la cui realizzazione stata seguita da Hera , ha visto la costruzione di nuova condotta in acciaio della lunghezza di circa 4.300 metri e lallacciamento alla rete del gas metano di circa 150 famiglie residenti.

LAUREA

Tutti gli amici del Corriere Cesenate si complimentano con ELEONORA BARONIO gi stagista in redazione, per la laurea in architettura conseguita, con il massimo dei voti, presso luniversit di Bologna, sede di Cesena

VIAGGI DI GRUPPO FIRMATI ROBINTUR Splendidi tours esclusivi


Per il 2013 abbiamo programmato i seguenti tour, con accompagnatore dallItalia Programmi disponibili in agenzia
GRAN TOUR DEL MAROCCO: le citt imperiali, tra il deserto e il mare... secondo gruppo: dal 13 al 24 aprile, volo da Bologna, pensione completa da 1.560 euro TOUR DEL PER: ... a due passi dal cielo (ultimi posti!) 15 giorni, dal 25 maggio, volo da Bologna da 3.430 euro

APERITIVO DESTATE 2013 Venite a trovarci! Ecco alcune delle proposte esclusive
ISOLA DI MINORCA maggio e giugno volo da Bologna, 8 giorni, Club all inclusive ISOLA DI CRETA 18 e 25 maggio volo da Bologna, 8 giorni, Club all inclusive da 530 euro

da 430 euro

TOUR DELLUZBEKISTAN: il paese di Tamerlano, dal 7 giugno (8 giorni) da 1.655 euro TOUR DELLISLANDA: terra di ghiaccio e di fuoco, dall8 luglio (8 giorni) da 2.575 euro

ECCO GLI ALTRI TOUR 2013: TOUR LE PERLE DEL BALTICO - TOUR DELLA TURCHIA TOUR DEL SUD AFRICA - TOUR DELLANDALUSIA

PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA CON LA PARROCCHIA DI SAN DOMENICO (CESENA) da Nazareth, a Betlemme, a Gerusalemme... 8 giorni dal 29 agosto al 5 settembre 2013. Le prenotazioni sono gi aperte! Il programma disponibile in agenzia e in parrocchia da 1.210 euro

- CESENA - via S. Quasimodo, 256 Tel. 0547 610990 - veneri@robintur.it - www.robintur.it/viaggi-veneri


VI INVITIAMO A VISITARE IL NOSTRO SITO INTERNET WWW.ROBINTUR.IT PER LE NOSTRE OFFERTE DI VIAGGI, SOGGIORNI, TOURS E CROCIERE INVERNO-PRIMAVERA 2013

VIAGGI VENERI

14

Gioved 21 febbraio 2013

Elezioni politiche 2013


mesi scorsi hanno cercato di ovviare al problema delle liste "bloccate dallalto" coinvolgendo i propri elettori con un processo di scelta dei candidati attraverso consultazioni primarie. Con questo sistema nel cesenate viene data per certa, a causa della posizione in lista, lelezione alla Camera dei deputati di Enzo Lattuca (25enne segretario del Pd), mentre resta incerta lelezione al Senato di Mara Valdinosi (Pd). Piuttosto probabile la riconferma in Parlamento della senatrice Laura Bianconi del Pdl. La scheda per il rinnovo della Camera dei deputati di colore rosa. Gli elettori (dai 18 anni in su) in Emilia-Romagna possono scegliere un solo partito tra i 23 presenti, tracciando una croce sul simbolo prescelto. La scheda per il rinnovo del Senato della repubblica di colore giallo. Gli elettori (dai 25 anni in su) in Emilia-Romagna possono scegliere un solo partito tra i 18 presenti, tracciando una croce sul simbolo prescelto. Su entrambe le schede i partiti o movimenti coalizzati tra loro appaiono contigui, senza spazi tra luno e laltro. Questo pu non fare differenza allatto del voto, ma ne ha molta al momento della ripartizione dei seggi. Alla Camera, infatti, ogni partito deve raggiungere almeno il 4 per cento dei voti, ma la percentuale si dimezza nel caso faccia parte di una coalizione che raccolga almeno il 10 per cento dei voti. Al Senato, invece, la soglia pi alta: 8 per cento i partiti non coalizzati, 3 per cento quelli alleati in una coalizione in grado di raccogliere almeno il 20 per cento dei voti. Per questo ramo del Parlamento i calcoli avvengono su base regionale. Calcoli regionali anche per il premio di maggioranza che al Senato varia da regione a regione, in numero pari al 55 per cento dei seggi assegnati nella regione. Alla Camera dei deputati, invece, alla coalizione che ottiene la maggioranza relativa dei voti (uno in pi degli avversari) vengono garantiti un minimo di 340 seggi.

Elezioni 24 e 25 febbraio Istruzioni per il voto


La legge elettorale non permette di votare i singoli candidati, ma solo i partiti. Sotto riportiamo gli esempi delle schede che gli elettori si troveranno in cabina
Tanti simboli sulla scheda, una sola crocetta da tracciare. Simboli e crocette, niente pi. Dato che nei mesi scorsi il Parlamento non riuscito a mettere mano alla legge elettorale, questo fine settimana si torner a votare per il rinnovo di Camera e Senato con il porcellum, la legge del 2005 definita dal suo stesso autore, il leghista Roberto Calderoli, "una porcata". Il porcellum, come noto, non permette di esprimere preferenze. I candidati in lista sono stati decisi dai rispettivi partiti. E saranno eletti in Parlamento, nellordine in cui sono stati inseriti in lista, a seconda del risultato elettorale del proprio partito. Tanti pi voti, quanti pi candidati eletti: dal numero 1 al numero x dellelenco. Per ovviare alle storture di questo sistema, alcuni partiti (come Pd e Sel) nei

CAMERA

FAC -

SIM

ILE

SENATO
FAC SIM ILE

Cesenatico

Gioved 21 febbraio 2013

15

A colloquio con Simone Battistoni

Imprese
Limpegno della locale Confartigianato
Il lavoro prima di tutto, come valore irrinunciabile su cui costruire la ripresa. E uno dei temi affrontati luned scorso in un incontro a Cesenatico organizzato dalla Confartigianato. Lo scopo osserva il vicesegretario Giampiero Placuzzi - stato quello di far capire agli imprenditori il valore del lavoro e dellimpegno che Confartigianato ha messo in campo in questi anni di crisi, per contribuire a mantenere vivo il sistema economico delle piccole e medie imprese e la loro forza lavoro. Bilateralit, cassa integrazione in deroga, assistenza e consulenza sono i temi salienti. Il 2012 il sesto anno della crisi. Lartigianato e le piccole e medie imprese continuano a soffrire pi degli altri settori della produzione, presi nella morsa delle insolvenze dei clienti-committenti, fra cui la pubblica amministrazione e della gelata del credito bancario. Ad oggi non vi sono segnali rilevanti di ripresa". Fra i settori che si stanno distinguendo, da segnalare le liere che insistono sui mercati esteri e nelle nicchie di alcuni mercati locali (servizi e alimentazione) "Fin dallinizio della crisi - aggiunge Placuzzi - lobiettivo fondamentale di Confartigianato, attraverso accordi locali e nazionali e di provvedimenti legislativi ottenuti, stato quello di salvaguardare il principale valore aziendale delle piccole imprese che sono le risorse umane. Ci stato fatto tramite due strumenti principali: fondo di sostegno al reddito allinterno dellente bilaterale e cassa integrazione in deroga".

Il mare porta via altri metri di spiaggia


alverde: ad ogni mareggiata sono metri cubi di sabbia che se ne vanno. Nelle scorse settimane la costa stata flagellata da mare grosso e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Ne parliamo con Simone Battistoni, presidente della cooperativa esercenti balneari di Cesenatico. "Il problema si ripete puntualmente ogni anno - dice il presidente - e noi operatori dobbiamo fare la conta dei danni. La zona pi vulnerabile quella denominata Valverde 1, allaltezza del Bagno Casadei per capirci, ma poi vi sono tanti altri fenomeni, pi o meno gravi di erosione. Praticamente, quasi tutto il litorale soggetto a perdita di spiaggia". Il mare inghiotte sabbia e, in vista della stagione balneare, i bagnini devono correre ai ripari. E la Regione che provvede a portare sabbia e a sistemarla nelle zone pi colpite. "Dobbiamo dire che la Regione sempre stata sensibile a questo problema - aggiunge

La zona pi colpita quella di Valverde Problemi anche a Ponente nella zona delle Colonie
Battistoni - e, anche se i soldi sono sempre meno, ha sempre provveduto alla sistemazione in tempi brevi. Anche in questo caso i tecnici hanno gi compiuto i rilevamenti e, prima dellinizio della stagione turistica, confidiamo nel ripascimento". Anche i bagnini stessi provvedono a integrare la sabbia mancante: gli operatori di Levante, da 4 anni a questa parte, investono ogni anno 100mila euro per migliorare il proprio arenile. "In alcune zone potrebbe rendersi necessario luso di barriere soffolte", continua il presidente. "Si tratta di scogli appoggiati sul fondale, ma che
Nella foto il mare ormai lambisce lo stabilimento balneare

non emergono sopra al livello medio del mare. Dove sono state messe queste barriere si sono riscontrati discreti risultati. Non dobbiamo dimenticare che a Ponente, nella zona delle Colonie, in certi punti il mare penetrato nelle aree private divorando tutto larenile. Allo stesso modo anche dalla parte opposta, a Villamarina, vi sono punti pi o meno colpiti. Ogni anno si deve intervenire per tamponare le falle: non facile capire se pu esistere una soluzione definitiva". Cristiano Riciputi

Ricordo | Pantani: fiori sulla tomba

Col sostegno della Bcc di Sala

Racconti di mare al teatro Bonci di Cesena


In scena i "Racconti del porto canale". Ladattamento teatrale tratto dallomonimo testo di Franco Spazzoli (foto), sostenuto dalla Bcc Sala di Cesenatico, approda al teatro Bonci di Cesena. Il "Teatro delle lune", composto da attori, narratori e musicisti, d voce ad alcuni dei racconti dellultima fatica letteraria di Spazzoli nellambito della rassegna "Uno scrittore Le sue musiche" a cura di Franco Pollini. Voci narranti sono: Maurizio Mastrandrea, Monica Briganti, Sabrina Guidi, Sergio Basti e Maurizio Cirioni, con musiche di Giorgio Borghi, Dario Armuzzi e Michele Ingoli. Installazione scenica "Catapulta cosmica" dello scultore Delio Piccioni. Lo spettacolo sostenuto dalla Bcc di Sala ed rivolto a qualsiasi tipo di pubblico. I "Racconti del porto canale" edito nel dicembre scorso una raccolta di 13 racconti ambientati a Cesenatico dal Medio Evo ad oggi. Lo spettacolo si terr il 21 febbraio, alle 21. Ingresso gratuito no ad esaurimento posti. Giorgio Magnani

La scorsa settimana un gruppo di tifosi del fans club ufficiale si organizzato per rendere omaggio a Marco Pantani, in occasione del nono anniversario della morte. Prima si sono radunati davanti allo Spazio Pantani, poi si sono recati al cimitero per lasciare un mazzo di fiori. Era presente anche il babbo Paolo. In serata, il parroco di San Giacomo don Gian Piero Casadei ha celebrato, nella chiesa parrocchiale, una messa a suffragio.

16

Gioved 21 febbraio 2013

Valle del Rubicone

Longiano La tariffa sui rifiuti stata discussa in Consiglio comunale


l Comune di Longiano sar capofila nella gestione diretta della Tares, la nuova tassa sui rifiuti. Lo ha annunciato Massimo Ciappini, assessore al bilancio, durante il Consiglio comunale della scorsa settimana. "Per il Comune di Longiano - ha detto Ciappini - lintroduzione della Tares unopportunit, perch permette di annullare leffetto penalizzante della delibera Ato dellagosto 2011 che imponeva le tariffe uniformate. La nuova tariffa, applicata e riscossa dal Comune, sar calibrata sul costo effettivo del servizio e permetter di ridurre lattuale pressione fiscale". Secondo le prime stime, i longianesi avranno una riduzione della tariffa compresa fra il 10 e il 30 per cento, ma i conti in tasca si faranno a luglio, quando arriver la prima bolletta. La proposta ha trovato il consenso unanime di tutto il Consiglio comunale. Per Giacomo Pasini (Aria fresca), "si tratta di una scelta coraggiosa che permette di uscire dal circuito di Hera". Nei giorni scorsi, lAmministrazione comunale ha presentato ai quartieri anche il bilancio di previsione 2013 che, assieme al regolamento sulla Tares, sar approvato in marzo, nella prossima seduta del Consiglio comunale. Il bilancio corrente ammonta attorno ai 4 milioni e 300mila euro. Si registra una riduzione generalizzata della spesa

ConlaTaressipunta alrisparmio
Presentato il bilancio: la spesa ammonta a 4,3 milioni di euro Previsti tagli a molti capitoli di spesa ma non a quello della cultura
rispetto al 2012. Fa eccezione il settore "cultura, turismo e sport", dove si prevede un aumento di spesa del 6,25 per cento (in parte dovuto allorganizzazione del Festival dellantico organetto in programma a settembre). Cospicuo (47.855 euro) il contributo agli enti e alle associazioni che collaboreranno allorganizzazione di eventi. In percentuale, leconomia maggiore (-54,40 per cento) riguarder il settore "servizi demografici", che lanno scorso ha dovuto sostenere le

spese per le elezioni amministrative anticipate. Economie riguarderanno anche i settori "servizi scolastici" (-2,39 per cento) e "servizi sociali" (-10,86 per cento). Per Ciappini "i tagli, necessari per il pareggio di bilancio, non si ripercuoteranno sui cittadini. Le nostre linee-guida sono la riduzione della pressione fiscale, il mantenimento dei servizi, linvarianza delle tariffe. Per il 2013 riusciremo ancora a non applicare laddizionale Irpef". Fra le entrate, sar inalterato rispetto al 2012 il gettito Imu (2 milioni e 260mila euro). Praticamente azzerati, ma compensati dalla Tares, i trasferimenti da parte dello Stato e da altri enti. Per quanto riguarda il conto capitale, il bilancio si attesta sui 4 milioni e 760mila euro. Gli investimenti maggiori (circa 2milioni di euro) andranno alla messa in sicurezza, secondo criteri antisismici, della scuola elementare di Crocetta. Saranno poi investiti 300mila euro per la sistemazione di strade e marciapiedi, 425mila euro per la riqualificazione del centro storico (consolidamento delle mura castellane) e 200mila euro per lampliamento, con due nuove aule, della scuola del capoluogo. Le entrate maggiori arriveranno dallaccordo di programma (2milioni e 883mila euro) e dalla vendita del terreno della "Capannina" e del lotto di via Monte Paradiso (1 milione e 188mila euro). Matteo Venturi

Un percorso di formazione rivolto anche ai pi giovani


Alla Casa del Ragazzo primo incontro gioved 28 febbraio alle 21
Il progetto Circolatorio parrocchiale, dedicato alleducazione dei giovani, offre per il secondo anno consecutivo un percorso di incontri di formazione comunitaria "FormAttivi" dal titolo "Diversamente uguali". Il ciclo di tre incontri tratta il tema della diversit,

rivolto a tutta la cittadinanza e a tutte le persone che hanno a cuore di vivere una vita sana e in pienezza. "Lobiettivo quello di offrire stimoli trasversali ed innovativi - precisano gli organizzatori -, per camminare nella costruzione di una "comunit educante", ovvero non solo educatrice dellinfanzia, ma anche e soprattutto di se stessa". Tutti gli incontri, che sono ad ingresso libero, si svolgeranno nella Sala Azzurra della Casa del Ragazzo, nellarea parrocchiale di via Ravaldini, a

Gambettola. Il primo appuntamento in programma gioved 28 febbraio alle 21 "...di genere in generazione", uno specchio sulla diversit di genere, tra genitori e gli e tra giovani delle varie generazioni e avr come relatrice Enrica Maffi, psicologa-psicoterapeuta presso il Centro Don Luigi Milani di Cesena. Al termine dellincontro seguir un momento conviviale. Per informazioni: Oratorio.gambettola@gmail.com o contattare telefonicamente 338-6014536. Piero Spinosi

Savignano | Incontro alla Filopatridi

A Gatteo le decisioni del sindaco

ANNIVERSARIO

Alcune deleghe per il consigliere Casadei


Deniel Casadei consigliere comunale di maggioranza a Gatteo, ha assunto nuove deleghe e, nello specico, le competenze in materia di Acer, Consulte di frazione e Pubbliche relazioni. "Questa nuova organizzazione permetter di velocizzare i tempi di risposta ai verbali e alle segnalazioni delle consulte e di fornire un sostegno marcato al loro operato - spiega il sindaco Gianluca Vincenzi -. Vorrei ricordare che il consigliere Casadei ha gi gestito i rapporti con la consulta di frazione di SantAngelo, sin dal suo insediamento, stabilendo un efficace e procuo rapporto di reciproca collaborazione. La delega alle Pubbliche Relazioni ricomprende tutti i rapporti da intrattenere con cittadini, associazioni e organi di stampa". "Vorrei precisare - continua il sindaco - che tutto ci non comporta maggiori costi per il Comune di Gatteo, dal momento che questo incarico sar prestato a titolo gratuito e lunico compenso da lui percepito rimarr lindennit erogata ad ogni componente il Consiglio comunale. Riconosco inne nella dedizione, passione ed impegno che Deniel dimostra quotidianamente unestrema garanzia di raggiungimento di brillanti obiettivi". Cristina Fiuzzi

23.02.2011 - 23.02.2013

DANIELE ZAMBELLI
Sotto la Tua protezione troviamo rifugio Lo ricordano la moglie Marzia e i figli Mirco e Michela Una messa sar celebrata a Gambettola il 22 febbraio alle 20

Si parlato del battesimo cristiano e del genocidio degli armeni, domenica scorsa allAccademia dei Filopatridi, a Savignano sul Rubicone. Sono intervenuti, su invito del presidente Giancarlo Mazzuca, padre Massimo Pazzini, da anni inTerra Santa, e il professor Baykar Sivazliyan. Questultimo ha ricordato il milione e mezzo di vittime per mano turca, fra il 1915 e il 1918, di cui ancora oggi con fatica si ricorda limmenso sacrificio. Un genocidio che non fa notizia. Nella foto, un momento dellincontro.

WWW.CORRIERECESENATE.IT
Ogni giorno dal territorio Vai sul sito internet e informati con le ultime notizie nella sezione BREVI QUOTIDIANE

Vai su facebook e clicca mi piace!

Valle del Savio

Gioved 21 febbraio 2013

17

Club Alpino Trenta allievi partecipano al corso di escursionismo del Cai


rime uscite tra la neve per i partecipanti al IX corso di escursionismo invernale organizzato dal Cai (Club alpino italiano) di Cesena. Si tratta di uno degli innumerevoli corsi organizzati dalla scuola cesenate (nata nel 2009) intitolata ad "Ambrogio Fogar" e che vede una trentina di corsisti impegnati ogni gioved sera in lezioni teoriche abbinate ad uscite in Appennino (come la ciaspolata di due domeniche fa al monte Fumaiolo) o sulle Dolomiti (il prossimo fine settimana). Il corso formato da una trentina di allievi, provenienti da Cesena e dal suo territorio, ma non solo. C chi viene anche da fuori provincia, da Forl e Ravenna per esempio, proprio perch il Cai di Cesena e la scuola ad esso collegata vengono considerate tra le migliori in zona, con unattivit strutturata che d molta importanza alla formazione, e con unorganizzazione di eventi e uscite capillari, realizzate in tutto larco dellanno. "La Scuola di escursionismo di Cesena - si legge sul sito internet del Cai - offre unattivit formativa basata su corsi di quattro livelli: escursionismo base, escursionismo avanzato su ferrata, escursionismo invernale con racchette da neve, ed escursionismo foto-naturalistico. Scopo della Scuola preparare i soci alla pratica dellattivit

Prove sulla neve

Domenica 10 febbraio i corsisti hanno affrontato una ciaspolata al Fumaiolo, accompagnati dalle guide

escursionistica in montagna, curando i valori culturali e le conoscenze indispensabili alla pratica in sicurezza dellattivit". Altro obiettivo della scuola quello di formare i soci in modo tale che pratichino lattivit escursionistica in montagna guardandosi attorno e apprezzando i valori storici, culturali, paesaggistici e naturali dellambiente in cui vanno ad agire. Lattivit della sezione cesenate del Cai sono svariate e molteplici e

abbracciano diversi ambiti che hanno in comune lattivit fisica, la montagna, il rispetto dellambiente in cui si opera: escursionismo, alpinismo, alpinismo giovanile, attivit senior, sentieristica. Da circa tre anni anche il cicloescursionismo in mountain bike entrato a far parte della grande famiglia del Cai cesenate, affermandosi come realt significativa allinterno del movimento con uscite per principianti e non il sabato mattina e la domenica mattina. Il gruppo da qualche anno conosciuto col nome di Lupi Tosti. Negli ultimi tempi, inoltre, ha preso piede, con una partecipazione sempre maggiore, liniziativa "Cesena Cammina" (esperienze simili sono attive anche a Cesenatico, Gambettola e Longiano): si tratta di un appuntamento fisso che vede decine e decine di persone a spasso per la citt e dintorni nelle serate di marted e gioved. Presso il Cai di Cesena presente anche un coro, attivo dalla primavera del 2005. "Si tratta - si legge nel sito di un coro alpino folcloristico formato da una trentina di elementi. Dal settembre 2009 la direzione artistica stata assunta dal maestro Gianni Della Vittoria, che si avvale della collaborazione del maestro Terzo Campana come aiuto e organista". Per informazioni www.caicesena.com Michela Mosconi

Bagno | Il nonno esperto del legno


E pensionato e impegnato nel volontariato. Oltre a dedicarsi allassistenza degli anziani ha scelto di mettere a disposizione la sua abilit di artigiano del legno per realizzare giochi per i bambini del nido. E Paolino Ruscelli il "nonno sprint" volontario dellAnteas (Associazione nazionale terza et attiva per la solidariet) che nelle scorse settimane ha incontrato i bambini del nido di Bagno di Romagna realizzando in classe materiali didattici in legno. Ha assemblato davanti ai piccoli la "vaschetta montessoriana" utilizzata per i giochi di travasi con materiali solidi e poi ha realizzato un prototipo della cassettina "tocca e indovina" usata per i giochi di riconoscimento tattile.

Sarsina, morto il primo cittadino

Malio Bartolini, un sindaco vicino alla sua gente


Nella mattinata di marted 19 febbraio morto Malio Bartolini, sindaco di Sarsina. Sposato e padre di due gli, era nato nellagosto del 1948. Ex insegnante di scuola elementare, era stato eletto nel 2009 come candidato per la lista civica appoggiata dal centrodestra. Era impegnato in politica da oltre 20 anni ed era stato anche vicesindaco quando al timone cera Lorenzo Cappelli. Ha ricoperto anche la carica di assessore alle politiche sociali con delega alla famiglia, sanit, scuola, formazione e, in questa veste, ha seguito da vicino il mondo del volontariato. Anche a livello personale si sempre distinto per limpegno verso le attivit riguardanti il sociale e la parrocchia. Il vescovo Douglas Regattieri si recato dalla famiglia per esprimere la propria vicinanza e ha benedetto la salma. Il funerale sar celebrato gioved 21 febbraio alle 14,30 in cattedrale a Sarsina. Gi nella giornata di marted sono arrivate diverse lettere di cordoglio, fra cui quelle di Massimo Bulbi, presidente della Provincia e Damiano Zoffoli, consigliere regionale. Di seguito pubblichiamo quanto scritto dal sindaco di Cesena, Paolo Lucchi. "Ho appreso con dolore la notizia della morte del sindaco Bartolini. Ero al corrente della

difficile battaglia che stava combattendo gi da tempo contro la malattia, e in questi anni ero rimasto colpito dal suo senso civico, dalla sua tenacia e dalla sua forza di volont, che lo hanno portato a svolgere comunque il suo compito di Sindaco, nonostante le difficolt e le preoccupazioni personali. Ma Malio era fatto cos, profondamente interessato ai problemi degli altri e animato dal desiderio di cercare di risolverli.

Per la tua pubblicit sul CORRIERE CESENATE


e sul sito www.corrierecesenate.com
La tua pubblicit SPEDITA IN ALLEGATO al CORRIERE CESENATE raggiunge gli abbonati nelle zone di Cesena, Cesenatico, Gatteo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone, Gambettola, Longiano, Roncofreddo, Sogliano al Rubicone, Montiano, Mercato Saraceno, Bagno di Romagna, Sarsina, Verghereto

PARTECIPAZIONE
Nessuno ha un amore pi grande di colui che d la vita per i suoi amici
(Gv 15,13)

contatta: 0547 300258; commerciale@corrierecesenate.com

Il Corriere Cesenate vicino alla famiglia Bartolini e allAmministrazione comunale nel momento del dolore per la morte del carissimo MALIO sindaco di Sarsina

18

Gioved 21 febbraio 2013

Solidariet
abato 23 febbraio alle 20,30 presso il teatro L. Pagliughi di Gatteo, organizzato dallassociazione Amigos Para Siempre onlus di Gatteo, in collaborazione con i due cori della parrocchia dellAnnunciazione di Villamarina-Gatteo Mare e la piccola orchestra Radar di Cesenatico dal tema Le Voci di Amigos, i bambini nel Cuore. Elemento comune e costitutivo delle tre realt associative lo spirito di sana carit cristiana, che in forme differenziate (benecenza, canto e aggregazione sociale), tenta di generare una risposta vera al bisogno di felicit che alberga nel

A Gatteo Le Voci di Amigos

cuore di tutti gli uomini, proprio in questo momento di crisi, di difficolt ove tutto sembra privo di luce. Il programma prevede lesecuzione di canti e musiche messicane e italiane, alternate a video delle missioni messicane delle Maestre Pie di Rimini, unitamente a una breve testimonianza di suor Gianfranca Casadei e dei volontari che condividono la sua opera missionaria. Lingresso a offerta libera. Il ricavato verr destinato alle Missioni Messicane delle Maestre Pie.

Avo

Incontro con il presidente nazionale


Claudio Lodoli, presidente nazionale Avo (Associazione volontari ospedalieri) terr un incontro a Forl, presso il Centro congressi San Francesco, venerd 22 febbraio alle 20,30. Sono invitati tutti i volontari e simpatizzanti dellassociazione di volontariato. Un autobus partir alle 19,30 da Cesena (parcheggio Ippodromo). Per info: Marcello Pagliarani, presidente Avo Cesena, 349 5345320, avocesena@libero.it

Allarmante il Rapporto Caritas sullimpatto della crisi economica nei 5 Paesi deboli dellUnione: Italia, Spagna, Grecia, Portogallo e Irlanda

Dal punto di vista sociale, la situazione presenta un quadro contrassegnato da sistemi sociali indeboliti e da individui e famiglie sempre pi in difficolt

tagli alle spese operati da Italia, Spagna, Grecia, Portogallo e Irlanda per ridurre il debito pubblico e far fronte alla crisi, hanno peggiorato la situazione, soprattutto delle fasce pi povere, e aumentato la disoccupazione. Portando con s rischi di conflitti sociali, sistemi sociali indeboliti e individui e famiglie sempre pi in difficolt. A chiedere ai governi europei unalternativa assolutamente necessaria, oggi Caritas Europa, che ha presentato in una conferenza stampa nellufficio di Dublino del Parlamento europeo, e in simultanea nei cinque Paesi coinvolti, il rapporto sullImpatto della crisi europea e le misure di austerit imposte nei cinque Paesi deboli dellUnione europea. La fotografia emersa non per nulla rassicurante: la disoccupazione, soprattutto giovanile, ha raggiunto livelli altissimi ed diventata di lunga durata; la povert relativa aumentata nella maggior parte dei Paesi insieme al costo della vita; sono peggiorate le condizioni occupazionali degli immigrati; la rete familiare, messa a dura prova dalla crisi, sta esaurendo le sue risorse; aumenta la

Europa e crisi. Alternativa cercasi I


povert minorile; crescono anche le disuguaglianze tra i Paesi europei. Il Rapporto, di 68 pagine, sar presentato anche il 21 febbraio, a Bruxelles. Ecco una sintesi. valore del 69,3 per cento era ancora sotto il valore medio europeo (82,5 per cento). Prima e dopo la crisi: il debito aumenta. Prima della crisi economica, la situazione di partenza dei cinque Paesi non era uniforme: nel 2007, accanto a Irlanda e Spagna con budget in surplus, Italia e Portogallo si distinguevano per deficit di bilancio negativi, di poco inferiori alla soglia del 3 per cento del Pil imposta dal Patto di Stabilit, mentre la Grecia si caratterizzava per un deficit di bilancio che superava tale soglia. Soltanto un anno dopo, alla fine del 2008, tutti e cinque i Paesi avevano livelli di deficit superiori alla media europea. Tre anni dopo, alla fine del 2011, quattro di questi Paesi avevano raggiunto i pi elevati livelli di debito pubblico dellintera Ue: Grecia (pari al 170,6 per cento del Pil), Italia (120,7 per cento), Portogallo (108,1 per cento) e Irlanda (106,4 per cento). Lunica eccezione costituita dalla Spagna, che con un Rischio conflitti sociali in aumento. La risposta dei governi a questa situazione, secondo Caritas Europa, sta determinando nei diversi Paesi un circolo vizioso i tagli alle spese per ridurre il debito stanno facendo calare il livello dei consumi e determinano costi sociali elevati, come il mancato accesso ai servizi da parte di una porzione significativa di popolazione, colpita da disoccupazione in aumento. Dal punto di vista sociale, la situazione presenta un quadro contrassegnato da rischi di conflitti in aumento, da sistemi sociali indeboliti e da individui e famiglie sempre pi in difficolt. Si rileva soprattutto un forte calo delloccupazione, con conseguente aumento della disoccupazione, anche di lunga durata, soprattutto a carico dei pi giovani, elevati livelli di povert, anche infantile, e consistenti riduzioni nellaccesso ai servizi essenziali. Caritas Europa sottolinea che lattuazione esclusiva delle misure di austerit, di

FOTO ARCHIVIO SIR

per s, non sar sufficiente a risolvere una crisi economicofinanziaria non imputabile al solo comportamento della societ civile. Le misure produrranno forse effetto positivi nel breve periodo, ma conseguenze negative a lungo termine, soprattutto nel settore del welfare pubblico, della salute. Nel rapporto vengono elencate una serie di raccomandazioni alle istituzioni europee, dallattuazione della Strategia 2020, al migliore impiego dei fondi strutturali, fino a politiche contro la disoccupazione giovanile e la povert minorile. In Italia nel 2011, pi 54,1% nei Cda. In Italia i centri dascolto Caritas hanno registrato nel 2011 una brusca impennata delle persone che vi si sono rivolte, con un aumento del 54,1% rispetto al 2007. Le persone pi a rischio povert ed esclusione sociale sono i 40-50enni espulsi dal mercato del lavoro, i giovani precari, i piccoli imprenditori che devono fronteggiare debiti, bancarotta o fallimenti, gli immigrati ex utenti Caritas, gli anziani che si fanno carico di figli e nipoti disoccupati. Al governo italiano si chiede, tra laltro, una misura universalistica di contrasto alla povert, un ripensamento del sistema di welfare, politiche verso minori e giovani, strategie di inclusione per gli immigrati e le famiglie, un maggiore impegno verso le aree pi povere e marginali come il Meridione, i quartieri periferici, le aree montane.

Redditometro: bene esclusione dei pensionati


Accogliamo con soddisfazione la decisione di escludere i pensionati dal redditometro. Cos il segretario generale della Cisl Pensionati, Gigi Bonfanti, commenta la decisione resa nota dallAgenzia delle Entrate di esentare i pensionati, titolari della sola pensione, dal nuovo strumento che servir esclusivamente a individuare i nti poveri e levasione scale spudorata. Il fatto che lAgenzia delle Entrate abbia voluto sottolineare lesclusione dei pensionati e comunque delle posizioni con scostamenti inferiori a 12mila euro dai calcoli riguardanti il redditometro continua Bonfanti - ci sembra una forma di rispetto nei confronti di quella categoria di cittadini con un reddito minimo che gi faticano a portare avanti una vita dignitosa e che, con questo nuovo strumento, sarebbero stati costretti a subre lumiliazione di giusticare anche le pi piccole spese. Ci auguriamo - conclude il segretario Fnp Cisl - che questo sia solo il primo passo, anche per il governo che verr, verso ladozione di misure rivolte a un welfare davvero vicino ai cittadini, in particolar modo a quelli che, come i pensionati, hanno sempre pagato le tasse, nonostante il momento di crisi che stavano e stanno tuttora vivendo.

NOTIZIARIO PENSIONATI
prima volta eletto un esponente di Anteas nel coordinamento, Arnaldo Chianese. Si tratta per Anteas di un riconoscimento importante, che premia lazione continua e capillare che lassociazione ha svolto in questi sedici anni a favore degli anziani e delle fasce pi fragili della popolazione. In questa fase densa di difficolt, ma anche ricca di opportunit, Arnaldo Chianese, in rappresentanza dellAnteas, porter certamente un contributo ispirato ai valori della persona e dellassociazionismo. C stato un ampio rinnovamento nel coordinamento, non solo di persone ma anche di associazioni nazionali. In questa occasione stato eletto come portavoce del Forum, in sostituzione di Andrea Olivero candidato alle elezioni politiche, Pietro Barbieri, proveniente dalla Federazione Italiana per il Superamento dellhandicap (Fish). LAnteas rivolge a Pietro Barbieri le pi vive congratulazioni per la sua unanime elezione e i migliori auguri per un procuo lavoro in un settore bisognoso di attenzione e sviluppo.

a cura del Sindacato Pensionati FNP CISL (tel. 0547 644611 - 0547 22803) e per il Patronato INAS CISL (tel. 0547 612332) via R. Serra, 12 - Cesena

Borse di studioSuper media 2012


C tempo fino al 28 febbraio per presentare la domanda al concorso Super media 2012 che rilascia borse di studio per la frequenza delle scuole secondarie di primo e secondo grado in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione iscritti alla gestione Ex Inpdap, per i figli e gli orfani di iscritti alla gestione Ex Enam. Possono partecipare al concorso anche i figli e gli orfani di iscritti e di pensionati della gestione ex Inpdap, nonch degli aderenti alla gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo Credito) promossi nellanno scolastico 2011/2012 e con Indicatore Isee inferiore o pari a 32 mila euro.Sono equiparati ai figli i giovani regolarmente affidati e i nipoti minori con comprovata vivenza a carico di ascendente diretto. Non possono fare domanda i giovani che hanno fruito o fruiscono, per il medesimo anno scolastico, di altri benefici analoghi erogati dallo Stato o da altre Istituzioni pubbliche e private, in Italia o allestero. Per benefici analoghi si intendono prestazioni in denaro (borse di studio, rimborsi forfettari, premi, assegni di frequenza, ecc.) di valore comunque superiore al 50 per cento dellimporto della borsa messa a concorso. Le domande devono essere trasmesse dal genitore iscritto in servizio o in quiescenza (in qualit di titolare/richiedente) o dal genitore superstite o dal tutore (in qualit di richiedenti) e nel caso di concorrente maggiorenne (alla data di presentazione della domanda), dal medesimo studente (in qualit di richiedente/beneficiario), entro e non oltre le 13 del giorno 28 febbraio. governi a partire dalla Seconda Assemblea Mondiale sullInvecchiamento del 2002. Linvecchiamento della popolazione, il fenomeno demograco pi signicativo del XXI secolo, interessa ormai tutte le aree del mondo. La longevit sicuramente una conquista dello sviluppo e d origine a impegnative sde economiche, sociali e culturali. Nel 2012 gli ultra sessantenni nel mondo hanno raggiunto il numero di 810 milioni, e secondo le previsioni arriveranno a 2 miliardi nel 2050; per la prima volta nella storia, ci saranno pi persone anziane che minori di 15 anni.

Chianese (presidente Anteas) nel Forum nazionale Terzo Settore


LAssemblea del Forum nazionale del Terzo Settore si riunito a Roma al Palazzo della Cooperazione per il rinnovo delle cariche sociali. Lorganismo, composto da venti rappresentanti di associazioni, ha per la

Nel 2050 saranno 2 miliardi gli over 60 nel mondo


Il Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione ha recentemente pubblicato lo studio Invecchiamento nel XXI secolo: una celebrazione e una sda. Il rapporto offre unanalisi sulla situazione attuale delle persone anziane alla luce delle politiche adottate dai

La speranza di vita, secondo le stesse previsioni, passer dagli attuali 78 anni a 83 nei Paesi industrializzati, e da 68 anni a 74 in quelli in via di sviluppo. Lincidenza della popolazione anziana varia notevolmente nelle diverse aree geograche. Nel 2012, per esempio, il 6 per cento della popolazione africana era composto da anziani, mentre in Europa tale percentuale sale al 22 per cento. Altra tendenza confermata e in costante progressione a livello mondiale la componente di genere: le donne, infatti, rappresentano la maggioranza della popolazione anziana. A dieci anni dal Piano di Azione di Madrid, le Nazioni Unite evidenziano gli effetti positivi dei contributi delle persone anziane a vari livelli, a dimostrazione che quando si adottano misure concrete per assicurare unefficace assistenza sanitaria, un reddito costante, reti sociali e tutela giuridica, la longevit rappresenta una ricchezza per le generazioni attuali e future. Nello studio emergono anche le maggiori preoccupazioni delle persone anziane. Il tema centrale la sicurezza del reddito dal quale dipende laltro aspetto nevralgico: la salute. La crisi economica mondiale sta minacciando pericolosamente la sostenibilit dei sistemi pensionistici, uno degli strumenti pi importanti per garantire lindipendenza economica. Senza dimenticare che solo un terzo dei Paesi pu vantare sistemi strutturati di protezione sociale. Meno della met della popolazione mondiale gode di una tutela sociale adeguata.

Cultura&Spettacoli

Gioved 21 febbraio 2013

19

Un nuovo volume dalle edizioni Il Ponte Vecchio di Cesena

In breve
Al Bonci il libro Il bianco delle vele di Franco Casadei
Nel foyer del teatro Bonci di Cesena, marted 26 febbraio alle 21, ci sar la presentazione del libro del medico e poeta cesenate Franco Casadei Il bianco delle vele, edito da Raffaelli Editore. Voci recitanti: Lorenzo Pieri e Franco Casadei. Lincontro rientra nella 18esima edizione della rassegna Poesia a teatro, a cura di Franco Pollini. Ingresso gratuito no a esaurimento posti. Per info: tel. 0547 355911, info@teatrobonci.it

Le incallite terre della Romagna


Le racconta il romagnolo di adozione Elio Caruso. Capitolo dopo capitolo, simpaticamente illustrati da foto depoca, si entra nelle vecchie case contadine, quasi sempre al centro del podere, con antistante laia, scena festosa delle diverse stagioni
essuna crisi ha fatto rallentare i lavori (le edizioni!) della Officina Scriptoria che il clan dei Casalini ha installato a Cesena, nellOltresavio, vicino alle ripristinate sponde del Ponte Vecchio. Numerose le collane volute per dare voce alla Romagna, alla nostra gente, nella storia di ieri e dei secoli passati, entrando nelle corti delle signorie tardo medievali o gi inoltrate nella nuova stagione del Rinascimento. Oppure, semplicemente per ripercorrere sentieri e strade sullAppennino, testimoni di una piccola storia che numerose comunit hanno vissuto, ritmandola con il suono delle campane che convocavano nei giorni di festa e per il congedo a chi se ne era partito. Vedi, ad esempio, La Romagna perduta di F. Cortesi e C. Iacono Isidoro. Il catalogo a disposizione di quanti sono desiderosi di entrare in questo laboratorio, anche per qualche suggerimento o osservazione, magari rubando tempo alle richieste dei E tra questi, spesso, computer. sacerdoti titolari delle Recentemente, per le feste natalizie prebende parrocchiali) (richiamate sulle prime pagine della per impulso di parroci rivista Confini, da una bella poesia di coraggiosi e laici animati Peppino Cantoni), due titoli hanno dalla Lettera enciclica attirato lattenzione: un primo, Rerum Novarum di presentato a Palazzo del Ridotto da una papa Leone XIII, venne lettura affascinante del nostro Marino lorganizzarsi del Biondi, e cio lantologia poetica di Movimento cooperativo Walter Galli Compianto per la Valdoca; (vedi per esempio le ne ha scritto su queste colonne Franco Casse Rurali) che furono Casadei. Laltro il volume di Elio Caruso concreta guida per Le incallite terre. Vita, lavoro e tradizioni lassunzione di buone nelle campagne della Romagna responsabilit, a favore delle famiglie ottocentesca. Gi una prima edizione contadine. Capitolo dopo capitolo, (1982) nel catalogo de Il girasole simpaticamente illustrati da pertinenti delleditore romagnolissimo, di Ravenna, foto depoca, si entra nelle vecchie case Manlio Lapucci. contadine, quasi sempre al centro del Caruso, calabrese di nascita (1947) e podere, con antistante laia, scena romagnolo di adozione, vive a festosa delle diverse stagioni. Quasi ci si Castrocaro, ai confini della Romagna pu sedere a tavola, dove approdavano i Toscana. Aiutato dalla figlia Elisabetta, raccolti della terra faticosamente ha prodotto saggi importanti per la storia lavorata, e cio il pane e il vino. A volte, di quelle contrade. Ora per giova ma questo accade soprattutto nei prendere in mano questo bel libro per moltiplicati musei della civilt rivisitare la Romagna rurale, contadina, contadina, si pu vedere larredo povero, vissuta, pur con notevoli aggiornamenti, dalla suppellettile alla biancheria fin nei primi anni del secondo domestica tessuta con la canapa dopoguerra. In certo qual modo coltivata nel podere, adoperando il telaio anticipato nel 2004 con Mulini e mugnai tramandato alle azdore (reggitrici) di in Romagna. Dopo una breve sintesi generazione in generazione. Ora sono in storica (dal Valentino alla Settimana azione presso le botteghe dei fratelli Rossa), scritta troppo velocemente e non Pascucci e altri in quel di Gambettola. sempre attenta alla complessit degli Tele stampate con una fantasia che sta eventi e delle cause che li hanno fatti portando i colori della nostra terra in emergere quasi sempre facendo pagare i tante contrade del mondo. costi alla povera gente, soprattutto la Qualche suggerimento per lappendice povera gente delle campagne. Come bibliografica: tenendone peraltro conto reazione a quella situazione - nella redazione del testo, il corpus delle necessario ricordarlo - organizzata nel tradizioni della Romagna, pubblicato da contesto del rinnovo dei patti colonici Umberto Toschi per le edizioni bolognesi della mezzadria (ma a prevalere erano L. Cappelli, continuato poi per il catalogo quasi sempre i diritti del signor padrone! del ravennate Longo da Umberto Foschi.

Carpe diem, mostra Adarc alla Cassa di Risparmio di Cesena


Si terr sabato 23 febbraio alle 10,30, presso la sede della Cassa di Risparmio di Cesena in corso Garibaldi 18, la premiazione della mostra darte contemporanea proposto dallo stesso istituto di credito, con le opere degli artisti dellAdarc, Associazione degli artisti cesenati. Tema della mostra, aperta dal 9 febbraio nei locali della Piazzetta Affari, Carpe diem. Cogli lattimo. La giuria composta dagli esperti Giuliano Giuliani, Alessandro Savelli e Antonio Dal Muto.

Cinema
Uci Romagna Savignano

di Filippo Cappelli

FLIGHT
di Robert Zemeckis Dopo pi di un decennio trascorso, con esiti controversi, nelle realt parallele e immaginifiche delluniverso digitale, Zemeckis torna con Flight al cinema live-action. E Zemeckis (finalmente rinsavito dopo le ossessioni in CG, Motion Capture e 3D che ne avevano segnato lultimo scorcio di carriera) ne fa buon uso, dosando da maestro modi, tempi e sottotesti. La trama: a causa di un guasto tecnico un aereo di linea con 102 passeggeri a bordo precipita nei dintorni di Atlanta. Ma grazie allesperto comandande Whip Whitaker (Denzel Washington), che decide per alcune manovre spericolate, limpatto non cos distruttivo come si temeva e 96 fra passeggeri e personale di bordo hanno salva la vita. Whitaker viene celebrato come un eroe dalla stampa e acclamato dalla gente. LNTSB (il National Transportation Safety Board) indaga per sullincidente e scopre che Whitaker entrato in cabina di pilotaggio ubriaco. Scatta linchiesta... Il film passa con eleganza dal disaster-movie al legal thriller senza dimenticare di mettere sul tappeto il caso e la necessit, la dipendenza e la libert, la verit e la menzogna, la volont e Dio. Flight di Robert Zemeckis somiglia a un kolossal hollywoodiano girato da Kieslowski, non risparmia su carico e carburante, va in picchiata, tiene incollato lo spettatore alla poltrona, ma non cade: plana lieve semmai come la piuma di Forrest Gump, secondo traiettorie imprevedibili ma non casuali. Grazie, in primis a una valida sceneggiatura, capace di ammortizzare i continui cambi di passo e di umore del film. Flight il primo film di Zemeckis degno di nota da un decennio a questa parte, e non un caso che lavvenimento coincida con il ritorno in squadra del sodale Don Burgess, il grande direttore della fotografia che aveva mollato il regista subito dopo Cast Away e prima dellera digitalizzata zemeckesiana (iniziata nel 2004 con Polar Express). Bene Denzel Washington (per la prima volta diretto da Zemeckis), alle prese con un antieroe carismatico e indisponente a cui lattore di colore offre tutta la grandezza e la vulnerabilit di cui capace. Ma soprattutto brava Kelly Reilly, insieme allaffidabilit di compagni di viaggio come Bruce Greenwood e Don Cheadle e la magistrale presenza scenica di John Goodman e Melissa Leo, protagonisti di due ottimi camei. Molte le scene memorabili: dallincipit shock in camera dalbergo alla lunga sequenza della caduta, dallincontro tra Washington e la Reilly in ospedale al decisivo confronto processuale. Da dimenticare invece i dieci minuti finali, inutilmente consolatori e didascalici, appannaggio forse del grande pubblico di casa. Resta, moralmente e non, la risposta da parte del pubblico alla domanda pi semplice e pi scomoda, quella che non prevede uscite di emergenza: - Chi sei? Questa una buona domanda. Candidatura agli Oscar per Denzel Washington come miglior attore protagonista. Troppa grazia.

Riferimenti importanti alla produzione romagnola di Aldo Spallicci, organicamente pubblicata per leditore Maggioli da A. Biondi e D. Pieri; la sua raccolta su I proverbi romagnoli non esaurisce il tema. Ad animare le veglie invernali o le feste del santo patrono, canti e preghiere che - seppure con qualche espressione non propriamente ortodossa - dicevano la fede cristiana tramandata dai padri. E non era semplice folclore! Il Concilio (per scrivere una conclusione dotta!) ci ha fatto riscoprire quali sono le autentiche fonti della fede. Negli anni successivi c stata una dissacrazione (necessaria, in quei termini?) dellintero patrimonio attinente la devozione popolare. Ora, siamo allorizzonte della Nuova Evangelizzazione; sar doveroso recuperare quelle antiche eredit, purificate da ogni incrostazione pagana, per sostenere il lavoro e le fatiche di ogni giorno, nel vortice anonimo, oggi, della fabbrica. Le terre rimangono incallite e abbandonate, ma la dignit del lavoro non pu subre ulteriori mortificazioni. E ci sar (ed ) in quanto collaborazione allopera del Creatore. Piero Altieri

alla libreria cattolica SAN GIOVANNI via Isei 15, Cesena (tel. 0547 29654)
SULLA FELICIT. MEDITAZIONI PER I GIOVANI
di Christoph Schomborn Edizioni Studio Domenicano (ESD), 2012 (15 euro) Il cardinale di Vienna Christoph Schomborn ha pubblicato in italiano nel 2012 per le Edizioni Studio Domenicano (ESD) un insieme di testi scritti in varie occasioni Sulla felicit. Meditazioni per i giovani. Nellintroduzione il cardinale scrive: Tutti gli uomini desiderano essere felici. Il desiderio di felicit non va appreso, innato. E difficilmente lo si dimentica. Non ci rassegniamo mai, infatti, a essere infelici. La fede cristiana, il cammino cristiano, la sequela di Ges vogliono essere unindicazione di cammino verso la felicit. In ci risiede il loro fascino, e da ci dipende la loro credibilit (pag. 9). Il libro diviso in quattro parti. Nella prima affronta il tema Felicit e beatitudine, dove, dopo avere ripreso lintervento fatto al Meeting per lamicizia fra i popoli di Rimini il 27 agosto 2003 su Una vita felice, riporta il testo di una conferenza su Amore e amicizia in san Tommaso dAquino fatta l8 giugno 2002. Nella seconda parte parla di Dio attraverso una Riflessione sul nome di Dio, fatta per la prima volta il 26 gennaio 1999 a San Giovanni in Laterano a Roma e ripresa il 6 febbraio 2004 in Florida, e attraverso due omelie tenute a Parigi nella Cattedrale di Notre Dame rispettivamente il 14 marzo 2004 su Beati gli afflitti perch saranno consolati (Mt 5,4) e il 4 marzo 2001 su Maestro, dove abiti? LEuropa pu ritrovare se stessa. Nella terza parte, intitolata Ricordare lorrore, affronta il grande dramma, la tragedia del ventesimo secolo. Le ideologie promisero la grande felicit in terra. Per riuscirci, dovettero, cos si ritenne, togliere di mezzo coloro che si frapponevano a questa felicit(pag. 10); questo il tema trattato sia nel discorso commemorativo fatto a Mauthausen l8 maggio 2005, sia in quello fatto al Memoriale dellOlocausto di Gerusalemme nel corso della visita dei vescovi austriaci dell8 novembre 2007. La quarta parte dedicata alla ricerca della felicit nella letteratura: sono riportati lintervento fatto in occasione del centenario della nascita della poetessa Gertrud von le Fort, due conferenze su Clive Staples Lewis e uninterpretazione molto suggestiva dellopera di William Shakespeare Misura su misura, che come scrive a pag. 11, tematizza il perdono, senza il quale nessuna vita, nel nostro mondo confuso, pu raggiungere la felicit.

20

Gioved 21 febbraio 2013

Cesena & Comprensorio


Cesena
Da Formignano in Brasile
Il comitato societ "Dante Alighieri" ha programmato per mercoled 27 febbraio alle 17 nella sala della Banca popolare Emilia Romagna in corso Sozzi un incontro con Pier Paolo Magalotti. Racconter "Da Fomignano a Passangem de Mariana - Brasile", le vicende dei nostri minatori che nel 1895 andarono in quella miniera doro.

Cesena

Lezione per maturandi


Nella sala "Eligio Cacciaguerra" della Banca di Cesena in viale Bovio, mercoled 27 febbraio alle 15, Roberto Filippetti dellUniversit europea di Roma terr una lezione sulla lirica di Ungaretti e Montale. Lincontro proposto dal centro culturale "Campo della Stella".

Cesena

Poeti a Calisese
Lassociazione culturale Pro Rubicone ha organizzato lincontro "La voce dei poeti" con Antonio Gasperini, Loris Babbini e Loris Pasini. Si svolger nella sala del quartiere in via Primo Suzzi gioved 21 febbraio alle 20,45. Condurranno Maria Assunta Biondi e Paolo Turroni.

Cesena flash
Concerto benefico
Si terr sabato 23 febbraio alle 21 nel teatro parrocchiale di Case Finali il concerto "Venti + Quattro " di Martin Chishimba con Emanuele Cristiani al auto e Damiano Andrini alla chitarra. Con poesie e canzoni si racconta di Martin, ragazzo vissuto in Zambia nella casa famiglia della Tina. Ingresso a offerta libera.

Cesena

Commedia dialettale
Al Bogart di SantEgidio, sabato 23 febbraio alle 21, la compagnia "La Quasi Stabile" di Bubano (Bo) porter in scena "Crema e suzeza", tre atti comici di Ermanno Cola e Giuseppe Coppola. Regia di Carlo Brunori. Ingresso 7 euro, ridotto 6.

Cesena

Film a San Vittore


Al cineteatro Victor, gioved 21, sabato 23, domenica 24 e marted 26 febbraio alle 21 sar proiettato il lm di Giuseppe Tornatore "La migliore offerta" (2013). Ingresso 3,50 euro. Mancher il lm per bambini, domenica pomeriggio, perch in sala si commemorer monsignor Aldo Casadei a 10 anni dalla morte.

Domenica in Musica

Cesena

Lezioni allUte
Nella sala Fantini in via Renato Serra, venerd 22 febbraio alle 15,30, Rabith Chattat dellUniversit di Bologna - sede di Cesena, parler della memoria come abilit e come storia di vita. Marted 26 Giampaolo Venturi terr la lezione sul tema "La ne della societ tradizionale: un cambiamento epocale? La scomparsa del matrimonio nelle nuove generazioni?

Prosegue la serie di concerti promossi dalla Fondazione della Cassa di Risparmio di Cesena. Domenica 24 febbraio alle 15,30 al teatro Verdi si esibiscono Luigi Puxeddu al violoncello e Giampaolo Stuani al pianoforte. Ingresso libero.

Mostra darte
E visitabile no a sabato 23 febbraio nei locali della piazzetta della Cassa di Risparmio di Cesena la mostra darte contemporanea "Carpe diem" a cura di Adarc, associazione degli artisti cesenati. Sono esposte opere di pittura, fotograa e scultura. La giuria, composta da Giuliano Giuliani, Alessandro Savelli e Antonio Dal Muto, selezioner tre lavori per la premiazione che avverr alle 10,30.

Il sodalizio della Valle del Rubicone premia Nicola Domeniconi

l Rotary Club Valle del Rubicone, nella conviviale della scorsa settimana, alla presenza del Past Governor Pierluigi Pagliarani, ha conferito il Paul Harris Fellow (massima onorificenza rotariana) a Nicola Domeniconi. Di San Mauro Pascoli, 38 anni, Domeniconi un musicista che con il suo esempio ha fornito una importante testimonianza di eccellenza nellesercizio della propria attivit a favore della cultura musicale e della sua tradizione, superando e onorando i confini della terra di Romagna. A 11 anni intraprende lo studio del clarinetto nella locale scuola di musica per poi proseguire al Liceo musicale di Forl, suonando in formazioni bandistiche per tutta la durata delle scuole medie. Pi tardi si appassiona agli strumenti a corda, suona chitarra e basso elettrico nelle pi svariate formazioni locali ed inco-

Il Rotary premia musicista romagnolo I


mincia presto ad insegnare in scuole di musica. Allet di 19 anni compra il suo primo contrabbasso per suonare musica jazz e tenta lesame di ingresso al conservatorio di Bologna, riuscendovi con successo. Di qui nasce la passione per la musica classica che lo accompagner per tutta la sua carriera. Frequenta corsi di perfezionamento e si trasferisce dapprima al Conservatorio di Milano e poi presso la Scuola di Musica di Fiesole (in quegli anni allavanguardia nellinsegnamento delle materie musicali). Negli ultimi 10 anni ha suonato nelle sale pi prestigiose del mondo, compiendo tour internazionali che lo hanno portato

Poesia a teatro
Per la XVIII edizione di "Poesia a teatro", curata da Franco Pollini, luned 25 febbraio alle 21 nel foyer del Bonci sar presentato il libro di Maurizio Balestra "Pignol: liberamente tratto dal Pinocchio di Collodi". Sar interpretato da Lorenzo Scarponi nel dialetto di Bordonchio e accompagnato dalle musiche dei "Gorgh scur". Mercoled 27 alle 21 Paolo Turroni introdurr tre poeti di Romagna: Roberto Mercadini, Annalisa Teodorani e Laura Turci. Ingresso gratuito.

Mostra di pittura
Sar inaugurata venerd 22 febbraio alle 17 alla galleria comunale ex Pescheria la mostra "Sogno doro. Larte delle donne" di Ulrike Schneider e Raffaella Vaccari. Presentazione di Debora Ricciardi, musiche a cura di Giorgio Severini alla chitarra e Antonio Zampa al auto. Rimarr aperta no al 10 marzo, marted e venerd dalle 15,30 alle 19, mercoled, sabato e domenica anche dalle 10 alle 12,30.

in tutta Europa, Asia, Giappone, Nord America e Sudamerica, ha inciso numerosi cd nellambito della musica barocca collaborando con ensemble di caratura internazionale coi quali compie regolarmente trasferte in tuttEuropa.

Cinema per famiglie


A cura di A e centro famiglie "Benedetta Giorgi", sabato 23 e domenica 24 febbraio alle 15 e alle 17 al cinema Eliseo, sar in visione il lm "Era glaciale 4". Ingresso 3,50 euro. Per le famiglie al completo ingresso gratuito dal secondo glio in poi.

Longiano

Spettacoli al Petrella
Lucilla Giagnoni, gioved 21 febbraio alle 21 porter in scena "Big Bang", leterna domanda di fronte al mistero delluniverso. Sabato 23 alle 21 si esibir la compagnia comico dialettale agricola "E Coch" in "Gris in Dis". Domenica 24 alle 16 la compagnia "Bambabambin" presenter "Pupazzi & Loverie".

Gatteo

Festival musicale
Si terranno domenica 24 febbraio alle 16,30 al teatro "Lina Pagliughi" le seminali del concorso canoro "Festival di Gatteo" alla 30esima edizione. organizzato dallassociazione "Diffusione Musica" in collaborazione con "Var ragazzi " e la Banca di credito cooperativo di Gatteo. Ingresso 6 euro.

Gatteo

Concerto di beneficenza
Avr luogo sabato 23 febbraio alle 20,30 nel teatro "Lina Pagliughi" il concerto organizzato dallassociazione "Amigos para siempre onlus" di Gatteo. Parteciperanno i cori "Santa Cecilia" di Villamarina - Gatteo a Mare e la piccola orchestra Radar di Cesenatico. In programma musiche italiane e messicane, video delle missioni in Messico delle Maestre Pie di Rimini, testimonianze.

Danza al Bonci
Sabato 23 febbraio, alle 21, sul palco del Bonci, il nuovo spettacolo di danza del coreografo statunitense Daniel Ezralow: Open. Costo biglietti: intero 25 euro; ridotto 18; loggione 15. Speciale giovani e studenti 15 euro. Per info: 0547 355959.

Cesena | Il Lions e gli occhiali usati

San Piero

A teatro con mamma e pap


La "Storia dellelefante scureggione" sar portata in scena domenica 24 febbraio alle 15,30 da Livio Valenti al teatro Garibaldi. Musiche di Marco Canaccini, pupazzi e scenograe di Leonardo Lepri, alle luci Camillo Gazzaniga. Ingresso 5 euro.

Montiano

Dialetto a teatro

Due brillanti farse saranno presentate sabato 23 febbraio alle 21 nella sala parrocchiale dal gruppo comico dialettale "D Bosch". Ingresso a offerta libera. Organizza la Pro loco.

Cesena

Monologo di Cevoli
Paolo Cevoli, gioved 21 febbraio alle 21,15 al teatro Verdi proporr il suo monologo comico-satirico "Il sosia di lui". Veste i panni del meccanico Pio Vivadio, detto Nullo per raccontare la Riccione degli anni 30 e 40.

Cesenatico

Spettacoli al Comunale
Per il teatro comico, venerd 22 febbraio alle 21 spettacolo di e con Alessandro Fullin. Commedia dialettale sabato 23 alle 21. La compagna "La Madunaina" presenter "I bucalun" libera riduzione della commedia di don Sergio Cappelletti. Domenica 24 alle 16 "Lomino di zucchero" di Giuseppe Viroli e Cristina Casadei.

Il Lions Club Cesena promuove, in collaborazione con le farmacie di Cesena, la raccolta di occhiali usati in buono stato da destinare ai paesi in via di sviluppo. Grazie a questo service Lions tutti coloro che hanno occhiali usati non pi utilizzati potranno depositarli allinterno delle apposite urne di raccolta che trovano presso le farmacie cesenati. Nella foto, il presidente del Lions Club Cesena Luca Porfiri con un gruppo di soci.

Sport

Gioved 21 febbraio 2013

21

Sabato arriva lAscoli. Contro il Cittadella un buon pareggio


Pippofoto
lAscoli rappresenta un avversario tosto, di categoria, che nulla lascer di intentato. Ci vorr un Cesena accorto e determinato per venire a capo della formazione marchigiana. Un Cesena che sta dimostrando di aver invertito il cammino e innescato unaltra marcia. La squadra pi sicura, in campo tutti si aiutano e anche Bisoli sente che il vento cambiato. La scorsa settimana poteva anche arrivare il filotto di 4 vittorie consecutive: a Cittadella il Cesena si era anche portato in vantaggio grazie al colpo di testa di Djokovic. Poi per si fatto raggiungere nella ripresa dalla compagine veneta grazie a una rovesciata di Coly che ha sorpreso il portiere cesenate Campagnolo. In definitiva un buon punto quello uscito dallo stadio Tombolato. Un punto che permette di mantenere la striscia di risultati utili e che continua a consolidare una posizione molto pi tranquilla di classifica. Pi tranquillo anche il Cesena fuori dal rettangolo verde: la societ di Corso Sozzi sta pian piano sistemando i debiti e rispettando le scadenze. Nuovi ingressi in societ a sostegno del progetto di Giorgio Lugaresi stanno dando nuova linfa alle deficitarie casse bianconere. La salvezza che passa dal campo, dovr quindi essere integrata da quella finanziaria. Anche su questo terreno il vento sembra essere cambiato e soffiare dalla parte giusta. Em

Dalla Scozia
Unaltra cultura nel calcio e nel tifo
Come nel vecchio gioco della settimana enigmistica "trova le differenze", ci si accorge, nel bene e nel male, delle differenze tra lItalia e un paese estero anche quando si tratta di calcio. Trovandomi a Glasgow per landata degli ottavi di Champions League tra Celtic e Juventus, ho avuto modo di toccare con mano la cultura calcistica scozzese. A parte il clima e il cibo, su cui svetta senza ombra di dubbio il Belpaese, la citt adagiata sulle rive del ume Clyde offre una vitalit e unospitalit davvero uniche. Lanima della citt da sempre divisa in due (cattolica e protestante) e questo si riette soprattutto nellOld Firm il derby di Glasgow tra Celtic e Rangers, che per qualche anno non si potr pi fare perch la formazione protestante stata relegata nellequivalente della nostra vecchia C2 per debiti nanziari col sco britannico. Ma recarsi nel tempio calcistico dei biancoverdi,

Contro i marchigiani sar un Cesena attento


l Cesena affronta lAscoli sabato pomeriggio al Manuzzi con la voglia di continuare la striscia positiva. I bianconeri di Romagna affrontano quelli marchigiani in un match di met classifica che potr dire molto riguardo il futuro. Forte di 10 punti racimolati nelle ultime 4 partite, i ragazzi allenati da Pierpaolo Bisoli hanno tutta lintenzione di proseguire nel momento propizio. Dopo 3 vittorie e un pareggio in quel di Cittadella sabato scorso, il

Cavalluccio Marino ha ora 31 punti in classifica, distante 6 punti dalla retrocessione diretta e a +3 sulla zona play-out. Guardando anche sopra, la zona play-off dista 6 lunghezze, ma lobiettivo dichiarato senza dubbio quello della salvezza. LAscoli arriva a Cesena con 2 punti in pi dei romagnoli e, nellultima uscita casalinga, stato bloccato sullo 0-0 al Del Duca dalla Pro Vercelli. Il compito non dei pi semplici:

Attivato anche un sito internet

Cento anni fa nasceva il ciclista MarioVicini


MARIO VICINI PRIMA DI UNA CORSA

Il 21 febbraio 1913 nasceva a Martorano di Cesena Mario Vicini, ciclista che, fra gli anni 30 e 40, fu fra i corridori pi rappresentativi insieme a glorie affermate come Gino Bartali e agli astri nascenti tipo Fausto Coppi. Per loccasione, la famiglia ha dato vita a un sito internet che raccoglie foto, articoli e la storia del loro congiunto. Lindirizzo www.mariovicini.it. Corse per la Gloria, la Lygie, la Bianchi, la Viscontea e la Vicini. E stato campione italiano su strada nel 1939. Ha partecipato nove volte al Giro dItalia vincendo tre tappe: Sanremo nel 1938 indossan-

do anche la maglia rosa per un giorno, Trieste e Pieve di Cadore nel 1940. Si classificato terzo nel 1939, quarto nel 1940 e settimo nel 1947. Al Tour de France stato secondo nel 1937 dietro Roger Lapbie, e sesto nel 1938. Ha vinto il Giro di Toscana nel 1938 e il Giro del Lazio nel 1939. E stato anche anche settimo al Giro di Lombardia nel 1938 e quinto alla Milano-Sanremo nel 1939. E Gagg ad Gaibra (cos chiamato per il colore rosso dei capelli e il soprannome della famiglia) inforca la bici per la prima volta a 17 anni, iniziando a trasportare cassette della frutta per conto del padre che era commer-

ciante. Sono stati questi i primi allenamenti di Mario che, una volta, raggiunse il padre addirittura a Pescara dove si teneva un mercato. Iniziata la carriera da dilettante non tardarono ad arrivare le prime vittorie che, via via sempre pi numerose, lo portarono negli anni successivi al gran salto nel professionismo. Dopo essersi ritirato apr lomonimo negozio di bicliclette, attivit portata avanti ancora oggi dai familiari. E morto nel 1995. Cristiano Riciputi

il Celtic Park, detto anche "Paradise" qualcosa di meritevole. Di fronte alla tribuna principale c la statua di fratello Walfried, che nel lontano 1888 fond la squadra cattolica. Una sorta di squadra parrocchiale della comunit di immigrati irlandesi che, nel tempo, diventata la squadra pi forte di Scozia, ma non solo. Nel 1967 gli "hoops" vinsero anche una Coppa dei Campioni ai danni dellInter in quel di Lisbona. La cultura irlandese degli scozzesi di anima celtica trabocca di pub che fungono da ritrovo pre-partita. Il divieto di servire alcol nei giorni di gara non esiste. Ci sono gruppi folk che accompagnano le miriadi di tifosi che si accalcano nei locali e intonano le loro canzoni popolari. I tifosi italiani vengono avvicinati per condividere emozioni e pareri sulla partita che sta per giocarsi, non un segno di tensione anche se pi di qualcuno pare brillo. Anzi, i tifosi del Celtic ti invitano a fare tutto il percorso pedonale che porta allo stadio assieme a loro chiedendo notizie dellItalia, e anche del Papa che si appena dimesso. Dentro, ci sono 60mila anime che cantano "Youll never walk alone", "non camminerete mai soli", che incitano la propria squadra, siedono a pochi metri dai tifosi ospiti, e non succede mai nulla. Anzi, alla ne il pubblico di casa rende omaggio ai vincitori (la Juve sbanca Glasgow con un netto 3-0) e in segno di riconoscimento molti tifosi regalano le proprie sciarpe a quelli italiani, stringendosi le mani. La sportivit regna sovrana, fuori si canta e si festeggia ancora anche se si perso: in fondo pur sempre una partita di calcio. Eric Malatesta

Ponte Giorgi

Piatti tipici romagnoli, accompagnati da pizzichi di novit e voglia di scoprire sapori particolari. Pasta fatta in casa e dolci scrupolosamente secondo le ricette delle nostre nonne

Ristorante Albergo Bar


47020 Cella di Mercato Saraceno (Fc) Tel. 0547 96581-96563 - fax 0547 96636 pontegiorgi2004@libero.it Facebook: Pontegiorgi Risto

22

Gioved 21 febbraio 2013

Sport Csi
l comitato cesenate del Csi Iappassionati di 2012/13:unarivolge a tuttiCsiglicon ciclismo proposta per la stagione sportiva liscrizione al

Pagina a cura del Centro Sportivo Italiano Comitato di Cesena

Centro Sportivo e ciclismo

labbonamento alle cinque splendide prove del Circuito Romagna Sprint. Per maggiori informazioni si possono contattare Fabrizio Merli, cell. 333 42866577, o Roberto Albonetti, cell. 3355 920717. Le cinque granfondo cicloturistiche intendono offrire una valida alternativa a chi ama pedalare in gruppo, ammirando stupendi paesaggi e gustando buon cibo.

Il Circuito Romagna Sprint partir domenica 24 marzo a Bellaria Igea Marina con la 10 Granfondo Mareterra, un evento che ha viso lo scorso anno un migliaio di partecipanti. Organizzata dallAsd Mareterra Bike Team, la manifestazione, valida anche come 2 prova del Criterium Italiano Gf, prevede tre percorsi: uno lungo (110 chilometri), uno medio (90 chilometri) e un terzo di 65 chilometri. Per alleviare la fatica, non mancheranno ricchi ristori, uno dei punti di forza della corsa. E alla ne tutti sono invitati al gustoso pasta party.

Ricche le premiazioni per le prime 25 societ con almeo tre iscritti; la classica verr stilata in base al numero totale dei chilometri percorsi dagli atleti di ogni societ. Le altre quattro gare che formano il circuito sono: la sesta edizione della Fondriest- Terme di Castrocaro il 28 aprile a Castrocaro Terme, il 2 Memorial Antonio Corzani il 16 giugno a Cesena, la settima edizione dello Sport per crescere insieme il 4 agosto a Cesena e il 6 Memorial Giovanni Pascoli l8 settembre a San Mauro Pascoli.

Presso il seminario di Forl. organizzato dal Csi di Forl in collaborazione con i comitati romagnoli
Dal mese di marzo, e fino al maggio prossimo, verr organizzato dal Csi di Forl, in collaborazione con gli altri comitati romagnoli dellassociazione, presso la sua sede nel seminario, un corso per allenatori di pallavolo e di calcio, cui possono partecipare operatori e tecnici del Csi. Per larea psico-pedagogica la relatrice sar Sara Tomidei, laureata in Pedagogia e in possesso del Master in Pedagogia Clinica; per larea medica la dottoressa Stefania Raimondi, medico specialista in Medicina dello sport e in possesso del Master di 2 livello in nutrizione e dietetica clinica, e linfermiere professionale Fabio Maraldi, docente Uoet del 118 alla Provincia di Ravenna; per larea tecnica Daniele Gatti, insegnante di educazione fisica, allenatore di calcio e di pallavolo, docente nazionale Fipav, che ha guidato squadre di pallavolo di serie A come secondo allenatore e di serie B come primo allenatore; Giacomo Abate, insegnante di educazione fisica, allenatore di calcio a 5, calcio, pallavolo, hockey e pallamano, coordinatore della formazione regionale Csi, formatore della scuola nazionale educatori sportivi del Csi e componente della commissione nazionale della formazione Csi; Raffaele Matulli, insegnante di educazione fisica, docente Coni e Figc, che ha allenato i settori giovanili di varie societ. Il programma generale del corso prevede il 2 marzo dalle 8,30 alle 12,30

INCITAMENTO DI SQUADRA, A INIZIO DI UNA PARTITA DI PALLAVOLO (FOTO ARCHIVIO ARMUZZI)

Corso per allenatori di pallavolo e di calcio


Il primo appuntamento per la mattina di sabato 2 marzo: Stefano Gurioli, consigliere nazionale del Csi, introdurr il corso illustrando il progetto sportivoculturale dellassociazione e ne traccer una breve storia. A seguire, relazione suAlimentazione e disturbi alimentari
lintroduzione al corso con lillustrazione del progetto sportivo- culturale del Csi e della storia dellassociazione, curata da Stefano Gurioli, consigliere nazionale del Csi, e lintervento della dottoressa Stefania Raimondi sul tema Alimentazione e disturbi dellalimentazione. Seguir il 9 marzo dalle 8,30 alle 13,30 , a cura di Sara Tomidei, la trattazione di argomenti inerenti Lo sport: un luogo educativo (dinamiche di gruppo con la gestione dei conflitti e linterazione

educatore/gruppo), Il ruolo delleducatore sportivo (lo sviluppo dellidentit sociale con il rapporto tra i genitori e i pari e limportanza di regole e divieti) e la Psicologia dello sport (ossia la gestione delle ansie nello sport e della sconfitta/vittoria). Il 16 marzo dalle 9 alle 17 ci sar un seminario di studio su Integrazione multiculturale e sport; il 24 marzo dalle 8,30 alle 12,30 si parler di Preparazione atletica, con la programmazione dellallenamento, la struttura didattica della seduta di allenamento e lallenamento multilaterale, a a cura di Daniele Gatti. Il 13, 14 e 21 aprile, dalle 8,30 alle 13,30 si terranno incontri specifici sul calcio a 7 con Raffaele Matulli; il 4, 11 e 18 maggio sul calcio a 5 con Giacomo Abate e il 5,12 e 19 maggio sulla pallavolo con Daniele Gatti. Questi appuntamenti sul programma tecnico delle singole discipline prevedono la trattazione di argomenti sulle caratteristiche fondamentali di ogni sport, la squadra e il gruppo squadra, lorganizzazione e la metodologia dellallenamento, la teoria e la tecnica dei fondamentali e delallenamento e le progressioni didattiche. Lultimo incontro del corso si terr il 25 maggio dalle 8,30 alle 12,30 con lillustrazione delle nozioni di pronto soccorso a cura dellinfermiere professionale Fabio Maraldi. Per informazioni: Stefano Gurioli, cell. 347 0777268, gurio63@tiscali.it.

| Csi cesenate: un po di storia

Calcio a 7 Coppa e Trofeo Seven, ottavi di nale


ue competizioni riservate Dcalcionale. giunte aglial a 7 sono ottavi di Parliamo innanzitutto della Coppa Csi a cui hanno avuto accesso il Montenovo Montiano I, lAcquapartita Calcio, il New Team S.Piero, lAtletico Il Passatore, la Pol. San Lorenzo, il G.P. Vigne New, il Ritorno-Autotrasporti Bragagni e il Ristorante Da Mario di Cervia. Quanto al Trofeo Seven, le societ che si sono qualicate risultano: lAssociazione Homo Viator, lAthletic Mlv, la Tecnoperforazioni, il Montaletto Lucy Bar, il San Cristoforo Frigoriferi Caporali, la Virtus San Mauro Mare, il G.P. Vigne Arisan e lU.S. Pagigi.

La foto ritrae larbitro Domenico Montalti durante una partita del campionato di calcio dilettanti, nella stagione sportiva 2003/04.

Pagina Aperta

Gioved 21 febbraio 2013

23

Il direttore risponde
Non questione di un prima o un dopo La persona va posta al centro di ogni attenzione

LOcchio indiscreto

aro direttore, visto che dopo la tua risposta alla mia lettera sono nuovamente chiamato in causa da Marco Castagnoli, e non mi pare di essere stato ben capito, permettimi una breve replica. Curiosamente Castagnoli prima nega la mia osservazione che il concetto di valori non negoziabili comparso solo da qualche anno nella Chiesa italiana, anche ai pi alti livelli, poi dice che tale concetto stato introdotto da Benedetto XVI nel 2006, e poi che per era gi presente in una nota della congregazione per la dottrina della fede del 2002. Quindi si contraddice due volte, e conferma la mia osservazione. Io non negavo certo che la vita, la famiglia e la libert di educazione siano valori irrinunciabili (proprio io, tra laltro, ho fondato il movimento per la Vita a Cesena, assieme al compianto don Adolfo). Al contrario, facevo rilevare che tutti i valori lo sono. una verit cos ovvia che non ci sarebbe bisogno di sottolinearla, se non fosse che lequivoca espressione i valori non negoziabili rischia di far pensare che tutti gli altri siano negoziabili. A questo proposito sarei disposto a scommettere che questa dicitura, cos come stata introdotta, entro poco tempo sar anche abbandonata, ora che se ne cominciano a vedere i potenziali danni. Nella mia lettera scrivevo: Se ho solo 10 euro, devo sostenere un lebbrosario in Africa o una scuola cattolica? Un padre di famiglia disoccupato o Centro di aiuto alla Vita? Che valore pi intangibile della Vita? Eppure i martiri hanno rinunciato ad essa per difendere la Verit. Questo esempio, che vi ha turbato entrambi, non era fatto per mettere in difficolt nessuno, n fuorviante, se si fosse ben seguito il ragionamento: mostrava semplicemente che mentre nessun valore rinunciabile a livello di principio, tutti richiedono per nellapplicazione pratica deliberazione morale e scelte. Probabilmente, come Castagnoli

suggerisce, anche possibile individuare gerarchie di valori, ma il caso dei martiri mostra appunto che essi hanno ottenuto la vita eterna confessando la verit, e per confessare la verit hanno rinunciato alla vita terrena. Dunque, la verit pu talora esser pi urgente della vita terrena. Va evitato lerrore di convincersi che alcuni valori siano importanti e gli altri no. Cos facendo si perderebbe di vista quellimmagine unitaria dellumanit e del suo bene che ci d il Cristianesimo, e nella storia della Chiesa questo errore ha prodotto divisioni (se per me contano solo i valori A, B e C, e per te contano solo i valori D, E, F, non c pi nulla che ci unisce) e scelte pratiche disastrose (pensa ad esempio il sostegno dato da parte della Chiesa allemergere del regime fascista, per non parlare di casi meno gravi e pi recenti ). Con cordiali saluti, Mario Alai Carissimo Alai, non sto qui ad aggiungere molto altro rispetto a quanto gi scritto nelle scorse settimane, nelleditoriale che trovi in prima pagina e nella lettera del nostro vescovo Douglas redatta in vista delle urne. Non questione di un prima o di un dopo. Si tratta di mettere innanzitutto la persona al centro. Pi ci si arrocca su posizioni preconcette e pi non troveremo punti di incontro. Lesempio dei martiri e dellaffermazione della verit, scusami, ma del tutto fuori luogo, tirato fuori in questo contesto. Il loro esempio per noi luminoso. Hanno dato la loro vita, il massimo bene a disposizione, per testimoniare la Verit. Il resto - i tempi e gli anni in cui si parlato dei cosiddetti valori non negoziabili mi sembra questione di ben poco conto, visti i tempi in atto. Cordialmente. Francesco Zanotti zanotti@corrierecesenate.it politica del giornale. Non ho la tv e non la voglio. Ascolto la radio della Rai e in pi Radio Maria. Per il mio orientamento partitico mi basta osservare e sentire gli antiberlusconiani di casa nostra, a me vicini. () Mi spieghi per quale motivo il sindaco di Cesena, Paolo Lucchi, deve essere tutte le settimane con due foto sul Corriere Cesenate? ()

Queste indicazioni stradali, ben poco visibili, sono poste allintersezione fra la provinciale Ruffio e la via Fossalta di Bulgaria che conduce a Gambettola, per chi viene dalluscita autostradale di Cesena. Forse il caso di sistemare qualche cartello. Ce n pi di uno che merita attenzione e manutenzione.

Questa mia lettera personale, ma se toglie il mio nome pu metterla dove vuole. Anche nella stufa. Saluti. Lettera firmata Carissimo abbonato, innanzitutto grazie per aver rinnovato lamicizia col Corriere. Abbiamo bisogno del sostegno di tanti lettori, vecchi e nuovi. Il momento davvero delicato, per tutti. Tra amici ci stanno anche le critiche, giustamente. E io le accetto volentieri, se servono a fare crescere il giornale. Pubblico, e non butto nella stufa, alcune sue righe, dalle quali prendo loccasione per cercare di chiarire. Il nostro settimanale non ha altra linea politica se non quella del rispetto della persona, sempre e comunque, durante tutto larco della vita, dal concepimento fino alla morte naturale, con tutto quello che in mezzo ci pu stare. Come scritto anche nelleditoriale di questa settimana, per cui non aggiungo altro in merito a questo. Sulle foto del sindaco Lucchi che appaiono sul Corriere, potrei dire che arrivano obiezioni opposte sul sindaco di Cesenatico. A tutti rispondo che un sindaco non di parte, ma ricopre un incarico importante, a servizio di tutti i cittadini, di quelli che lo hanno votato e di quelli che hanno manifestato preferenze diverse. A presto. Fz

La linea politica del Corriere Cesenate


Caro Francesco, prendo spunto dal suo articolo Spegniamo la scatola degli orrori e dal fatto che, con qualche dubbio, ho rinnovato ieri labbonamento al Corriere Cesenate. Mi rammarico per la linea

Siete voi la speranza. Fate in modo che ci non accada pi


Il medico ebreo Cesare Finzi, sopravvissuto alla follia delle Leggi Razziali, ha raccontato la sua esperienza agli studenti e docenti del Liceo della Comunicazione Immacolata di Cesena
renta gennaio del 2013: al Liceo Immacolata di Cesena, Cesare Finzi, medico ebreo, racconta agli studenti e ai docenti la sua esperienza in unItalia dominata dalle Leggi Razziali. Nato a Ferrara nel 1930 da una famiglia ebrea, era un bimbo gracile che andava in sinagoga per imparare la tradizione e la cultura ebraica, ma che si sentiva uguale a tutti gli altri bambini. Nonostante ci, per non creargli disagi, i suoi genitori lo iscrissero in una scuola ebraica: erano in pochi e tra i compagni strinse una forte amicizia in particolare con uno, Nello. A otto anni, dopo aver superato lesame di terza elementare, linaspettato e sconvolgente emanazione delle Leggi Razziali. Lesse, su

CESARE FINZI, NATO A FERRARA NEL 1930, STATO IL PROTAGONISTA DI UN INCONTRO AL LICEO IMMACOLATA

un giornale dellepoca, uno strano titolo, Il Consiglio dei Ministri per la Difesa della Razza, e subito il suo racconto si ferma: Ma quale razza? Siamo tutti esseri umani, ununica razza, seppur con differenze fisiche o culturali. Fatto sta che - continua - le leggi mi portarono via gli amici ariani e la scuola, e anche il lavoro a tutti gli ebrei adulti, perch noi eravamo la razza inferiore. Quindi non potevo pi frequentare la scuola, perch di razza inferiore. Non potevo pi avere degli amici, perch di razza inferiore. I membri della sua famiglia dovettero autodenunciarsi come ebrei; alcuni, racconta, tentarono di fuggire e ci riuscirono, altri tentarono semplicemente di sopravvivere. Quando lItalia entra in guerra nel 1940 lanimo del piccolo Finzi si trov diviso: da una parte voleva che vincesse, perch cittadino italiano; dallaltra voleva e si augurava il contrario, per paura delle Leggi Razziali. La sua vita comunque prosegu: continu gli studi alle medie con degli insegnanti privati (uno dei quali fu lo scrittore Giorgio Bassani) e impar la geografia grazie ai bollettini di guerra. Nel 1943, allesame di terza media, non vennero nemmeno nominati allappello lui e Nello, perch ebrei; superato il disguido, vennero mandati in classe, ma qui i compagni, conosciuta la loro origine ebraica, cominciarono a sbeffeggiarli, a fischiare e ridere di loro. Perfino la professoressa chiese se avessero la coda: il ricordo provoca ancora oggi una sfuriata da parte del medico, il quale afferma, con condivisibile rabbia, quanto fossero ingiuste le cose che si dicevano sugli ebrei, come ad esempio il loro essere mezzi animali. Purtroppo per i due amici

i problemi allesterno delle mura scolastiche erano ancor pi gravi e insuperabili: Quel diploma non serv a Nello, afferma Finzi tra le lacrime, perch mor nel marzo del 1945 in un campo di concentramento. Finzi non perse solo lamico: parenti materni e paterni scomparvero a seguito delloccupazione tedesca. Solo negli anni 90 seppe della loro deportazione in un campo di concentramento in Austria; tra loro vi era anche la cugina Olimpia, di soli tre anni, uccisa nelle camere a gas e poi cremata. Oggi, nonostante i lutti e le sofferenze, Finzi ha la forza di dirsi fortunato, per gli aiuti ricevuti che gli permisero di non essere deportato: documenti falsi, denaro, ospitalit. Aiuti a volte inaspettati, come quello di un soldato canadese che cur il fratello ferito da una granata, perch il bene non ha patria n bandiera. Solo alla fine della guerra pot tornare sano e salvo nella sua Ferrara, dove decise discriversi al Liceo Scientifico: allappello questa volta c, e i compagni di classe lo accolgono a braccia aperte. Non pi emarginato o sbeffeggiato, ma non c lamico Nello con lui. E con lui i suoi vecchi compagni e i suoi cari. Non facile ricordare e raccontare la mia esperienza, ma ci necessario - afferma commosso -. Siete voi la speranza per ricordare e fare in modo che ci non accada pi. E le lacrime ancora oggi scendono dagli occhi e continuano a sgorgare quando ricorda con gratitudine, accompagnato dagli applausi della sala, coloro che lo aiutarono: Siate uomini veri, come queste persone lo furono. Auguri, ragazzi!. Luca Molinari

SETTIMANALE DI INFORMAZIONE DELLA DIOCESI DI CESENA-SARSINA

LAFFETTO DEI CESENATI PER PAPA BENEDETTO


Elezioni, il fac-simile delle schede elettorali