Sei sulla pagina 1di 49

TecnologiaMeccanicaII

LavorazioniperElettroerosione (ElectroDischargeMachining (Electro Discharge Machining EDM) Ilprocesso Ilprincipiofisico Lattrezzatura Iparametridiprocesso I i di Lecapacitdelprocesso Leapplicazioni
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

IlProcesso
Unadelletecnologienon convenzionalipirecenti Chihavistoidannicreati daunfulminechecolpisce ilterreno,haunideadelle potenzialitdiunarco elettrico Lanecessitdicontrollare larcostataunodeiprimi problemidarisolvere Unfunzionamentoinregimediarcovoltaicodeterminalasportazionedel materialedelpezzomaanchedellutensile IconiugiLazarenkofuronoiprimiricercatorichenel1943inventaronounservo sistemadicontrollochepermettevadimantenerecostantelampiezzadelgaptra utensileepezzo
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

IlProcesso
Dopounlungoperiododi studi,provedilaboratorioe perfezionamenti,lEDMoggi ilprocessononconvenzionale maggiormentediffuso nellindustriameccanicain generale,enellarealizzazione distampiinparticolare LEDMunprocessotermico adattoperlavoraremateriali conduttori Ilprocessobasatosuunaseriediscaricheelettriche,controllateenonstazionarie Il processo basato su una serie di scariche elettriche, controllate e non stazionarie chesiinnescanotralelettrodoutensileedilpezzoinlavorazione(elettrodopezzo) provocandolerosionediquestultimo Duranteilprocessoelettroerosivo,milionidiscaricheelettricheforniscono localmenteilcalorenecessarioperlaformazionedipiccolicraterisullasuperficie colpita
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

IlProcesso
Iprodottidellafusioneedellasuccessivaevaporazionesonoallontanatidalla zonadilavoroconazionimeccanichee/oelettromeccaniche,perconsentire unacondizionestazionariadelfenomenoepermetterepertantoilcontrollo dellefinituresuperficialiottenibili Lelettrodoutensiledefinisceconlasuasuperficielazonadelpezzocheviene erosa;ilmovimentodialimentazionedellutensilepermettediottenerecavit oforinelmaterialeinlavorazione Loschemadelprocessorelativamentesemplice:pezzoeutensilesono collegatiaipolidelgeneratoreelettricoeposizionatiinmodotaleda p g p p Q mantenereunpiccologaptraidueelettrodipertuttalalavorazione.Questo ottenutomovimentandolutensileconunmotodialimentazione Idueelettrodisonoimmersiinunfluidodielettricochehalafunzionedi isolarli,permettendoadintervallistabiliti,linstaurarsidiunascaricaelettrica

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

IlProcesso
Indipendentementedalladurezzadelmaterialedelpezzo,ilprocessopermette di: lavorarelegheemetalliduri,difficilmentelavorabiliconmetodi convenzionali:acciaitemprati,acciairapidi,stelliti,acciaiadelevata tenacit Lavorarematerialiceramiciincuisonostatiinseritirinforzielettricamente conduttivicomeTiN,TiC,TiCN,eTiB2,talidaaumentarelaconducibilit elettricaadunvaloreidoneoperlalavorazioneperEDM ottenereformemoltocomplesseconelevataprecisione,apattochesia garantitasemprelapossibilitdiestrarrelutensileallafinedelloperazione erosiva Lelavorazionibasatesulprincipiodellascaricaelettrica,possonoessere classificatefondamentalmentenelleseguentitipologie: Elettroerosioneatuffo Taglioperelettroerosione Fresaturaperelettroerosione
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

IlProcesso
Elettroerosioneatuffo: ilpezzoinlavorazioneelelettrodoutensilesonoimmersi nelfluidodielettrico.Traessisiinnescaunaseriediscaricheelettrichestazionarie cheprovocanolerosionedelpezzo Eutilizzataperla produzionedi sagomaturesutreopi assi.Oltrechedel semplicemotodi avvicinamentoalpezzo (assez),nellemoderne macchinesonopossibili anchemovimentirelativi utensile/pezzonelpiano xy Nellerosioneplanetariaperesempioilmovimentorelativotrautensilee pezzoottenutoattraversounacombinazioneditremovimenti(verticale, eccentricoedorbitale)
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

IlProcesso
Taglioperelettroerosione: lelettrodoutensilecostituitodaunfilo,generalmente diramepurissimo,chescorreverticalmenteeavanza Nelpezzoda lavorare;tale processo elettroerosivo utilizzatoper produrredeiprofili precisiecomplessi;il fluidodielettrico diversodal precedentepoichsi precedente poich si fausodiacqua deionizzata Sievidenziachelerosioneafilosievolutadopoquellaatuffo,apartire dal1960circa:laprimamacchinaafilodellaAGIErisaleal1969enegli ultimianniilmercatohamoltopremiatotaletecnologia
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

IlProcesso
Fresaturaperelettroerosione: unelettrodocilindricorotante(ingeneretubolare perfacilitareillavaggioepermetterealtedensitdicorrenteequindialtitassidi asportazione)sispostaseguendounpercorsoepenetrandonelpezzoinmodo analogoadunafresatradizionale.

Anchesetuttelemacchineatuffocon4assicontrollati(trecartesianiedunodi Anche se tutte le macchine a tuffo con 4 assi controllati (tre cartesiani ed uno di rotazioneattornoadunassecartesiano)possonoseguiredeipercorsidefiniti,la fresaturaperelettroerosionedivieneefficientegrazieadunsistemadicontrollo computerizzatosensibilmentediversodaquelliusatinellecomunimacchinea CNC.Ilrapidoconsumodellelettrodo(usurarelativaelevata)compensatodal controllonumerico
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

IlPrincipiofisico

Sonoschematizzabilileseguentifasi: 1. Preparazionedellascarica(1;2;3) 2. Formazionedelcanalediscaricae scarica(4;5;6) 3. Lavaggio(7;8;9) IlcicloEDM,deltipoON/OFF,siripete confrequenzaanchedi250kHz.Nelle macchineaduncanale,nonsipu averecontemporaneamentepidiuna scarica
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

IlPrincipiofisico
1. Lutensile(peresempioingrafite) 1 avvicinatoalpezzo;entrambisonogli elettrodidelcircuitoelettrico.Tra utensileepezzocunolioisolante(il fluidodielettrico).Ancheseildielettrico unbuonisolante,unsufficiente b l ff potenzialeelettricopucausarela rotturadellisolamentocongenerazione diioniedilpassaggiodiunacorrente elettricatrautensileepezzo.Larottura deldielettricoresapisemplice quantonelfluidosonosospese particelle(digrafiteemetalliche)che particelle (di grafite e metalliche) che aiutanolaionizzazionedeldielettrico Ilcampoelettricopiintensonelpuntodoveminoreladistanzatrautensilee pezzo,coscomeevidenziatoinfigura.Lostadioinizialedellaformazionedella scarica(ciclodiON)percicaratterizzatadaunaumentodelpotenziale(la tensione),mentrelacorrenteancoranulla
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

IlPrincipiofisico
2 3

2. Conlaumentodelnumerodiparticellecaricateelettricamente(gliioni),le proprietisolantideldielettricodiminuiscono;questoavvienenellazonadoveil campoelettricopiintenso.Latensionealvaloremassimo,mentrelacorrente ancoranulla 3. Nelmomentoincuiildielettricoperdelesuecapacitisolanti,unpassaggiodi carichesihalungounostrettocanaletrautensileepezzo.Latensionediminuisce, mentrelacorrenteiniziaacrescere


17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

IlPrincipiofisico
4 5

4. Ilcaloreaumentarapidamenteconlaumentaredelpassaggiodicariche.Ilcalore vaporizzapartedeldielettrico,delmaterialedelpezzoedellutensile.Siiniziaa p p p formareuncanalediscarica.Lacorrenteelettricaaumenta,mentrelatensione diminuisce 5. Labolladivaporeinformazionesiespandeversolesterno.Lasuaespansione perlimitatadagliionichesonoattrattinelcanalediscaricadovesiconcentrato ilcampoelettromagnetico.Correnteetensionecontinuanorispettivamentead aumentareeadiminuire


17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

IlPrincipiofisico
6 7

6. InprossimitdellafinedellafasediONdelciclo,correnteetensionesistabilizzano, mentrecaloreepressioneallinternodellabolladivaporehannoraggiuntoilvalore massimo.Sullasuperficiedipezzopartedimaterialestatorimosso,mentrealtro allostatofusoedtenutoinposizionedallapressionedelvapore.Ilcanaledi scaricaoraunplasmasurriscaldatodivaporimetallici,dielettricoecarbonio. 7. AlliniziodellafasediOFFdelciclo,correnteetensionecadonoazero.La temperaturadiminuiscerapidamente,labolladivaporenonpisostenutae collassa(implosione),causandolespulsionedelmetallofusodallasuperficiedel pezzo


17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Il Principio fisico
8 9

8. Dielettrico fresco richiamato velocemente nella zona, lavando i prodotti della scarica e raffreddando la superficie del pezzo. Il metallo fuso non espulso nellimplosione, solidifica rapidamente formando un layer molto duro 9. Il metallo espulso nellimplosione, forma piccole sfere che si disperdono nel dielettrico insieme con le particelle di grafite dellutensile. Il vapore si disperde parte in superficie e parte in forma di sfere cave (cenosfere). Una durata non sufficiente della fase di OFF del ciclo, non permette un adeguato lavaggio di queste particelle, portando ad una instabilit nella successiva scarica e condizioni di archi voltaici che danneggiano utensile e pezzo
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Qualitdellasuperficieeparticellerimosse

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

IlPrincipiofisico
Lerosionecheinevitabilmentesihasullelettrododefinitausura,mentrequella chesihasulpezzodefinitaasportazione Ilpezzoinlavorazionecollegatoalcatodooallanodo? Quandolimpulsobreve migranopiparticellenegative(glielettroni, piccola massa) che positive (gli ioni, grande massa): sull elettrodo positivo piccolamassa)chepositive(gliioni,grandemassa):sullelettrodopositivo vieneconseguentementegeneratopicalore(pezzocollegatoallanodo) Quandoinveceladuratadellimpulsogrande,aparitdivelocitdi impatto,gliionipositivisonoingradodigenerareunaquantitdicalore maggioresulcatodo,acausadellamaggioremassarispettoaquelladegli elettroni;inquestecondizionileffettoerosivopielevatosihasullelettrodo negativo(pezzocollegatoalcatodo) Erosioneasimmetricadeidueelettrodi.E legata oltre che alla polarit ed alla Erosione asimmetrica dei due elettrodi. Elegataoltrecheallapolaritedalla duratadellascarica,ancheallatemperaturadifusionedeimaterialiedalla intensitdellescariche.Sipossonoottenereasimmetrienotevoli,dellordinedel 99.5%diasportazionee0.5%diusuradellelettrodo,grazieadunaopportuna sceltadeiparametrioperatividiscarica(durata,intensitepolarit)facendoin modochelatemperaturadelpezzoinlavorazionenonsalgamaieccessivamente
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Il Principio fisico
I generatori di nuova concezione sono in grado di generare impulsi di alta frequenza con riduzione della tensione media tra elettrodo e pezzo, con lobiettivo di rendere asimmetrica lerosione
Generatori di vecchia generazione

Tensione

Tempo

Generatori di nuova Impulsi di breve durata (alta frequenza) Tension ne generazione

Soluzioneideale perpezzo collegatoallanodo


Tempo

Componente di corrente continua per la riduzione dellelettrolisi


17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

IlPrincipiofisico Laconduttivitdeldielettrico
Ritardodiaccensionetd:tempotralinnescodellimpulsoeilmomentoincui iniziailpassaggiodicorrente Duratadellascaricate t t t t Tempodipausato:intervallo t Livello di conducibilit nel tradueimpulsi(deve canale di scarica ionizzato Conduttivit 10 consentireunasufficiente deionizzazione) Corrente Duratadellimpulsoti Livello di conducibilit nel Duratadelperiodotp:tempo gap oltre il quale si verifica tradueimpulsi linnesco di scariche continue (archi voltaici) t1 (t1 =td)+t2:Formazionedel canalediscarica Tensione t3:Periodoincuiesisteil P i d i i i t il canalediscarica 10 t4:Implosionedelcanaledi Tempo t t t scarica t t5:Deionizzazionedelcanaledi t scarica
1 2 3 5 4 3 -10

Log Log Conduttivit S/m

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

IlPrincipiofisico AnalisidellimpulsoinEDM
MisurediperformancecomeilvalorediMRR,lusuradellutensileelafinitura superficialeaparitdienergia,dipendonodallaformadellimpulsodicorrente.In funzionedellasituazionenelgapcheseparailpezzoelutensile,sipossono evidenziare4tipologiediimpulsoelettrico: Impulsoavuoto(gap troppogrande) Scaricadierosione ArchiVoltaici(falsascarica) Cortocircuito Questaclassificazionein generedefinitasullabase dell andamentodellatensione dellandamento della tensione discaricaodellacorrentedi scaricaneltempo.Leffettosul materialeasportatoesullusura dellutensilepuessere significativamentedifferente
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

IlPrincipiofisico AnalisidellimpulsoinEDM
ui Latensioneavuotolatensioneacircuitoaperto;iparametrielettricidi ue scaricasonoinvecerappresentatidallatensionemediadiscaricaedalla correntemediadiscarica ie Ilvalore massimodella correnteinun u( ) (t ) V impulsola uni ue correntedi ) Va esercizio ii
Tension ne Corrente

i (t )
) A ii
W

Tempo

Latensionemediadi L i di di scaricadipende dallaccoppiamentodei materialiutilizzatiedin genererimanecompresa tra15Ve30V


17, 21, 23/06/2011

Aa e td te ti tp
Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

t0

Tempo

10

IlPrincipiofisico AnalisidellimpulsoinEDM
Nellascaladeitempiutileevidenziareiseguentiparametrierelazioni: Frequenzadiimpulso fp:numeroimpulsiinnescatinellunitditempo Frequenzadiscarica fe:numerodiscaricheelettricheavvenutenellunitdi tempo Ilrapportotraladurataminimadell impulsot eladurataminimadelciclot Il rapporto tra la durata minima dellimpulso ti e la durata minima del ciclo tp definisconoiltassodipulsazione Rapportodellefrequenza

ti = t e + t d

f p = 1/ t p

f e = 1 / te

t p = ti + t o

= ti / t p

= fe / f p
ue ie

Perquantoriguardaiparametriditensioneedicorrente: Latensionedilavoro lamediaaritmeticadelleu La tensione di lavoro la media aritmetica delle ue Lacorrentedilavoro lamediaaritmeticadelleie Lenergiadellascarica We lenergiatrasformatadurante unascarica

We = ue (t ) ie (t ) dt ue ie te
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

IlPrincipiofisico AnalisidellimpulsoinEDM
Attraversolenergiadiscaricadeterminatoilvolumeasportatonellasingola scaricaequindianchelaconformazionedellasuperficieerosa Perlavalutazionedeirisultatisonoindicativiiseguentiparametridilavorazione Lasportazioneperogniscarica ::ilvolumedimaterialeerosodalpezzo VWe p perognisingolascarica g g Lusuraperogniscarica:ilvolumedimaterialeerosodallutensileper VEe ognisingolascarica IltassodiasportazioneMRR(MaterialRemovingRate):ilvolumedi materialeasportatosulpezzonellunitditempo IltassodiusuraMWR(MaterialWearRate):ilvolumedimateriale asportatosullutensilenellunitditempo L usurarelativa :ilrapportotrailtassodiusuraediltassodi Lusura relativa : il rapporto tra il tasso di usura ed il tasso di asportazione MWR = MRR Pervalutarelaqualitdellasuperficiesonoindicativilarugositmedia dellasuperficielavorataRa elaprofonditmediadellarugositRz
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

11

AttrezzaturadiunamacchinaEDM
Iprincipali sottosistemi dellEDMsono: 1. Generatore 2. Sistemadel 2 Sistema del dielettrico 3. Elettrodo 4. Servosistema

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Attrezzatura Generatore
Generatoriarilassamento.Hannouncircuitodicarica(sorgentedicorrente continuapielementidiaccumulotipoRC,RLCeLC)edunodiscaricache avvienequandosisuperanelgaplarigiditdielettrica.Irapportielettricie geometriciallinternodelgapsvolgonounafunzionedicontrollodifficilmente controllabile

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

12

Attrezzatura Generatore
Generatoriadimpulsistatici.Lacorrentealternatainizialmenteraddrizzata;una piccolapercentualedellacorrentecontinuausatapergenerareunpreciso segnaleconformarettangolare.Ilsegnaleutilizzatopercomandaretransistordi potenzacheregolanoilflussodellarestantepartedicorrentecontinua (responsabiledellescariche).Lapprocciopermettedirispondereaiproblemidi lavorazionepidisparati(duratadellimpulsoti da1msa2000ms,tassodi pulsazioneda da0.1a0.8,tensioneavuotodelgeneratoreda60Va300V, correntediscaricaie da1Aa300A

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Attrezzatura Generatore
NeigeneratoridiimpulsistaticisihailControllocontinuodellatensione esistentetraelettrodoepezzo;poichviinfattiunlegametratensionee distanzatrapezzoedelettrodo,ilsegnaleusatopercontrollareunservosistema capacedimantenereungapcostantedurantetuttoilciclodilavoro Perfacilitarelaselezionedeiparametridiprocessoottimaliinunampiorange di Per facilitare la selezione dei parametri di processo ottimali in un ampio range di condizionidierosione,lalimentatoredipotenzadeveessereingradodi controllarelatensionediimpulso,laduratadellimpulso,lafrequenzadegli impulsielapolaritdeglielettrodi UncircuitoaddizionalechegeneralmenteprevistoneisistemiEDMquellodi protezionecontroicortocircuiti;essointervieneinterrompendolafornituradi potenza,quandocorrenteotensionesuperanoivaloriprogrammatioquandosi verificanoarchivoltaici verificano archi voltaici Igeneratoridiultimaconcezione,usanoimpulsibrevieunatensionemediapi bassa.Riducendoladuratadegliimpulsi,ovverolavorandoafrequenze dellordinedi103kHzsinoaMHz,lazonatermicamentealteratasiriduceesi possonoottenererugositinferiorea0.1m
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

13

Attrezzatura SistemadelDielettrico
IlsistemadelDielettrico:definitodaiseguentielementi fluidodielettrico dispositiviperlacircolazionedelfluidoedillavaggiodellazonadilavoro (pompaetubazioni) dispositiviperilcontrolloelaregolazionedellecaratteristichedelfluido (filtri,flussometri) Leprincipalifunzionidelfluidosono: Isolarelelettrodoedilpezzonelgap Tenerecontrattoilcanalediscaricaperunamaggioredensitdienergia Lavareiprodottidellascarica,ovveroallontanarlidallazonadilavoroe quindiconsentirnelarimozioneattraversoilpassaggionelsistemadifiltri Raffreddareleareeriscaldatedurantelalavorazione Esserealtamentefiltrabile Essere altamente filtrabile Avereunaelevatavelocitdiionizzazioneedeionizzazione Avereunaadeguataviscosit Avereunpuntodiinfiammabilitrelativamentealto Essereinodoreeincolore Avereunascarsissimatendenzaallevaporazione
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Ildielettrico
Ifluidipiusatisonogliolibasatisuidrocarburimineralielacquadeionizzata. Gliolihannomaggioreviscosit.Questodaunlatoportaalvantaggioditenere concentratoilcanalediscaricaequindiladensitdienergiadellascarica, mentredallaltroponedifficoltallavaggiodeiprodottidellascarica Traidielettriciabasedioliminerali,ilkeroseneconadditiviunodeipi comunidielettriciutilizzatiinEDM;hailvantaggiodiprevenirelaformazionedi bolledigaselosviluppodiodorisgradevoli.Risultatieccellentisihannoanche conmisceledipetrolioefluidiabasedisilicone. Nellavalutazionediundielettricogli aspettipiimportantidaanalizzare sono: Puntodinfiammabilit Resistenzadeldielettrico R it d l di l tt i Viscosit Colore Odore Densit Filtrabilit
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

14

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Dielettrico
Puntodinfiammabilit(Flashpoint):Latemperaturaacuiivaporidelfluido siinfiammanoinpresenzadiunafontediignizione(generalmentedeve esseresuperiorea75C).Questounvaloresemplicisticoperchcalcolato incondizionichepossonoesserediversedaquelledilavoro;essocomunque p g p unindicazioneeperragionidisicurezzadovrebbeessereilpialto possibile.Ingeneresilavoraatemperatureinferioridi15CalFlashPoint Resistenzadeldielettrico:abilitdelfluidonelmantenereunelevata resistivitprimadellascaricaequindilabilitdirecuperaretaleresistivitin untempominimodurantelintervallotradueimpulsit0.Lemissionediioni elettricamenteconduttiviconlaformazionedelcanalediscaricadipende dallaconduttivitdelfluidodielettrico:questadeveesserecompresatra 1S/me1000S/m(Siemens/metro).Laresistenzadeldielettrico: 1S/ 1000S/ (Si / ) L i d l di l i Einfluenzata dallebolledigasedaicontaminantisolidi(particelledi carboniodovuteallascissionedegliidrocarburideldielettrico, microsfereoriginatesidalmetallofusoevaporizzato) Influenza,aparitditensionediscarica,ladimensionedelgap
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Dielettrico
Infunzionedellaresistivitdeldielettricosipuinfattilavorarecon: o Gapminori,quandosihaunmaggioreisolamentoelettrico.Questo comporta:(i)possibilitdilavorareancheincondizionidilavaggio povere;(ii)controlloinmodopifinedellalavorazioneequindi aumentodellaprecisionedimensionaledelpezzoinlavorazione;(iii) diminuzionedellavelocitdiasportazione di i i d ll l it di t i o Gapmaggiori,quandosihaunminoreisolamentoelettrico.Questo comporta:(i)diminuzioneditd;(ii)aumentodellavelocitdi asportazione;(iii)diminuzionedellaqualitdellalavorazione Viscosit:Laviscositdelfluidoostacolaladiffusionedelvaporeedelgas Maggiorelaviscositdelfluido,picontrattosarilcanalediscaricae quindimaggioresarladensitdienergiaedilrendimentoerosivo.Oliad altaviscositpossonoutilizzarsinelleoperazioniincuirichiestauna moderatafinitura,maelevatiMRRgarantitidaelevatecorrenti,comenella realizzazionedellematricidiforgiatura.Laviscositinquestecondizioni puessereelevataperilvalorepigrandedelgapequestoprevieneanche laperditadelfluidopervaporizzazione
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

15

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Dielettrico
Minorelaviscositdelfluido,migliorelaccuratezzaelefinitureche possonoessereottenute.Nellefinitureaspecchioonelleoperazionicon strettetolleranzedilavorazione,ilgappuridursia5micron.Inqueste condizioniestrememoltopisempliceeffettuareillavaggioconolia bassaviscosit Colore:unoliodielettricodiventapiscuroconlutilizzo.Elogicocomunque iniziareconunoliocheilpichiaropossibileperpermetterelosservazione delcomponentedurantelalavorazione.Fluidinonchiaripotrebberocontenere contaminantinondesideratiopericolosi Odore:oliconodorifortidannounindicazionedellapresenzadizolfochenon desideratonelprocessoEDM d d l Densit:Pileggerololio,pivelocementeleparticellepesanti(truciolo) sedimentano.Questoriducelacontaminazionedelgapelapossibilitdel regimediarchivoltaici
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Dielettrico
Filtrabilit: UnfluidoperEDMdeveaveregrandefiltrabilit.Lafiltrabilit influenzatadanumerosifattori,ipiimportantideiqualisonolaviscositela suscettibilitdelfluidoalladegradazionetermicaeossidativa.La composizionedelfluidoEDM,deveesseretaledaridurrealminimola tendenzaall ossidazioneeallapolimerizzazioneinmododaevitarela tendenza allossidazione e alla polimerizzazione in modo da evitare la formazionediresine,gomme,cheprobabilmentesidepositerebberonella zonadelgap Idispositiviperilcontrollodelleparticellepresentineldielettricodevono essereingradoatrattenereleparticelledidimensionimaggioridi5m; questeinfattisonoindicedelliniziodelprocessoossidativodelfluidoe quindideldecadimentodelrendimentodellamacchina Leparticellecondimensionicompresetracirca1me3mfacilitanola ionizzazioneelaformazionedelcanalediscarica(perquestosonostati messiapuntodielettriciinnovativicheprevedonopiccolepercentualidi polveresemiconduttrice)
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

16

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Dielettrico

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Dielettrico

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

17

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Lavaggio
Ilpezzoimmersoinunavascaincui contenutoilfluidodielettrico.La vascacollegatatramiteunapompa adunserbatoioeadunsistemadi filtri.Lapomparealizzalapressione perillavaggiodellareadilavoroe trasportaloliomentreilsistemadi filtririmuoveeintrappolaiprodotti dellascaricacontenutinellolio Ingeneralesopralapartepialtadel pezzodevonoessercialmeno40mm difluido.Unaquantitinsufficiente difluidopucausarelemissionedi fumi,uninadeguatolavaggiodella zonadilavoroe,incasilimite, determinarelinnescodiarchivoltaici anomali
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Lavaggio
Illavaggiorivesteunaimportanzapariaquelladeiparametridiregolazionedella macchina. Alliniziodellerosionelescaricheelettricheavvengonoinritardo;ilfluido dielettricoinfattiprivodiparticelledierosione.Leparticelleoriginate dalleprimescaricheerosiveriduconolaresistenzadielettricadelfluido;le scarichesuccessivesiinnescanopercipifacilmente,migliorandole condizionidilavoro Quandoinalcunezonedelgapladensitdiparticellediventanotevole,si haunaeccessivariduzionedellaresistenzadielettrica,chefacilitala formazionediscaricheanomalechepossonodegenerareinarchivoltaici, danneggiandosialelettrodoutensilecheilpezzo.Questoeccessodi particelledeveessereeliminatoconillavaggio,ovverodallafacile circolazionedelfluidodielettriconellazonadelgap Tragliaspettiimportanticheregolanoillavaggiosievidenziano: Lapressionedilavaggio Laportatadilavaggio Iltipodilavaggioovveroilmetododicircolazionedelfluido
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

18

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Lavaggio
10 40 110

I0

Cisonovaloriottimalisiaperlapressione cheperlaportatadilavaggio Quandodeveessereerosaunacavitprofonda,lapressioneche inizialmenteingradodiassicurareunflussoadeguatodelfluido,al i ii l i d di i fl d d l fl id l procederedellerosionenonsarpisufficienteadassicurareunadeguato lavaggiodellazonadilavoro Unaportatadelfluidodielettricoelevataoinsufficiente,pucausareuna diminuzionedellavelociterosivaeunaumentoeccessivodellusura dellelettrodoutensile


17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Lavaggio
Ledifferentimodalitoperativeportanoasceglierelatipologiadilavaggio piadeguata;leprincipalisono:(i)Ininiezione;(ii)Inaspirazione;(iii)Con effettopompadelpistone Ininiezione: Inviodelfluidodielettricoinpressione,tramiteunpozzetto postoquandopossibilesottoilpezzooattraversolelettrodoutensile.Nel primocasoilpezzoprimaforato,epoicollegatoaicondottiflessibilidi i il i f i ll i d i fl ibili di alimentazionedelfluido;nelsecondocasolelettrodoutensileforatoeil fluidoloattraversa.Sideterminaunaconicitdelleparetidellimpronta ancheconelettrodiasezionecostante,poichleparticelleeroserisalgono favorendolescarichelaterali.Perquestomotivospessoutilizzatonella lavorazionedimatricipertranciatura

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

19

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Lavaggio
Inaspirazione: ilfluidoaspiratoo dalpozzettopostosottolelettrodo pezzoodallelettrodoutensile.A differenzadelsistemaainiezione, sonoridottelescarichelaterali,e quindilaconicit Lavaggioconeffettopompadelpistone: ottenutomedianteilmovimentodi pulsazionedellelettrodoutensile.Quandolelettrodosollevatoilvolumedel gapaumentaediconseguenzaarrivafluidopulitochesimiscelaconquellodi particelleerose;quandoinvecelelettrodoridiscende,leparticelleerose vengonoallontanate.Illavaggioconeffettopompadelpistoneutileneicasi incuidevonolavorarecavitprofonde,senzacircolazioneforzatadelfluido i id l it f d i l i f t d l fl id

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Elettrodo
Tutti i materiali elettricamente conduttori possono essere impiegati come utensili; la scelta comunque influenzata dal materiale in lavorazione e dai parametri di lavoro. In generale preferibile avere materiali a pi alto punto di fusione e con minore resistivit. Nelle EDM a tuffo il costo dellelettrodo pu incidere notevolmente sul costo totale di una lavorazione Tra i materiali utilizzati nella costruzione degli elettrodi utensile: Materiali non metallici: le grafiti; sono i migliori ma allo stesso tempo i pi costosi Materiali metallici: rame elettrolitico, rame al tellurio o al cromo, rame tungsteno, leghe di alluminio, ottone, tungsteno puro (principalmente sotto forma di filo) e acciaio Materiali combinati: cuprografiti Parametri di confronto sono la lavorabilit, i parametri di performance (tasso di asportazione, rugosit) e lusura dellelettrodo
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

20

Attrezzatura Sistema del Dielettrico: Elettrodo


Legrafiti sonodiventateun materialemoltodiffusonella realizzazionedielettrodiper elettroerosione Vantaggi o Insensibilitaglisbalzi termici:mantengonole loroqualitmeccanichea temperatureelevate o Deformazione trascurabile o Facilmentelavorabili o Hannobassadensite quindigliutensilesono menopesanti.
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Elettrodo
Svantaggi: o Sonoabrasive:protezione guidemacchinautensile o Formanopolveridurante lalavorazione:richiedono l l i i hi d aspiratoriefficacie determinanounapi rapidasaturazionedeifiltri o Sonopifragili,percui nellacostruzionedegli elettrodinecessariofare attenzioneanon danneggiarespigolio bordi
Elettrodiingrafiteperapplicazionidistampiperla realizzaione dibottigliediplasticadi1,5l
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

21

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Elettrodo
Traimaterialimetallicipifrequentementeutilizzatisievidenziano: Rameelettrolitico:haunadensitdi 8.9g/cm3,unatemperaturadi fusionedi1083Ceunaresistivit elettricadi0.0167mm2/m (0 0167 ) 0.0167m) Ramealtelluriooalcromo:ha prestazioniinferiorialrame elettroliticoedottenuto aggiungendoaquesto13%di tellurioocromo:lusuraaumentadel 1520%eilrendimentoerosivocala Elettrodoinramedurantelalavorazione del10% del 10% Rametungsteno:lepercentualiditungstenovarianodal50%all80%: maggiorelapercentualeditungstenopidifficilediventalalavorabilit dellutensilemadiminuiscenellostessotempolusura.Laresistivitelettrica compresatra0.045mm2/m 0.055mm2/meladensittra15g/cm3 e 18g/cm3
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Attrezzatura Sistema del Dielettrico: Elettrodo


Leghedialluminio:siutilizzano,generalmente,quandosilavorano cavittridimensionalidigrossedimensioni,perlequalinonrichiesto unelevatogradodifiniturasuperficiale Ottone:unmetallosempremenoutilizzatoinconsiderazione p dellelevatausuraspecifica Tungsteno:principalmenteutilizzatoperlavorazionidimicrofori.In commerciodisponibileinfilicalibraticontolleranzeinferioria1m Acciaio:harendimentoinferioreaquelloottenutoutilizzandorameo grafite.Lasuaapplicazionetipicanellelavorazioniacciaioacciaio,per stampiutilizzatinelsettoredellematerieplastiche,dellapressofusione dilegheleggere,odimatriciperladeformazioneplasticadeimetalli

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

22

Attrezzatura SistemadelDielettrico:Elettrodo
Lecuprografiti sonomaterialicombinati.Ingeneregrafiteincuilaporosit riempitaconrame Vantaggi Pifacilmentelavorabili Menofragili,quindiconminoretendenzaallascheggiaturadegli M f ili i di i t d ll h i t d li spigoli Adatteallacostruzionedipiccolielettrodiutensili Svantaggi Quellidellegrafitimaconunpielevatocostocostruttivo Elettrodisinterizzati:Recentiricerchehannoportatoallarealizzazionedi elettrodisinterizzatidaunamisceladipolveridiZrB2Cu:talielettrodi l tt di i t i ti d i l di l i di Z B C t li l tt di asportanocomeitradizionaliinCuografite,malusuraminoredatolalto puntodifusioneelabuonaconduttivittermicaedelettrica.Talielettrodi possonoessererealizzatianchepersinterizzazioneselettivalaser(SLS).

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

ParametridiProcesso

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

23

ParametridiProcesso correntediscarica
Ilprocessodielettroerosionepuessereregolatoattraversoiparametrielettricie dilavaggio Lapigrandeinfluenzasuivaloricaratteristicidellerosionesvoltadallenergia dellascarica,cheingenerepuesserevariatacambiandoilvaloredellacorrentedi scarica,nonchdelladuratadiscarica Lacorrentemediadiscarica misurataduranteilprocesso,conun La corrente media di scarica ie misurata durante il processo con un amperometro.Eunindicazionedellefficienzadellalavorazioneconriferimentoa tassodimaterialeasportatoMRR Aparitdiduratadellimpulsoeintervallotragliimpulsi,unacorrentedi scaricamaggiore,comportaunavelocitdiasportazionepigrandema,nello stessotempo,unanotevoleusura. Rispettoaglielettrodiinrame,quelliingrafite,hannounamaggiore resistenzaallusurainpresenzadiamperaggielevati

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

ParametridiProcesso correntemassima
Lacorrente ) ii max massima unfattoreda controllareperla sicurezza dell elettrodo(in dellelettrodo (in genere<65 A/sq.inc)equindi:
Velocit di Usurarelativa sullelettrodo erosione e

[]

Corrente discarica

[i) ]

i max

= S fw 65

DoveSfw elaSuperficieFrontaledellelettrodoinpolliciquadrati.Lacorrente dipiccocomunqueunvaloreconservativochedipendedalmateriale dellelettrodo.Utensiliingrafitepossonosopportarevaloridicorrente maggiori Attualmentevalorimoltoelevatidicorrentenonsonoutilizzatiinquantoessi spessoportanoadanneggiamentitermicisullasuperficiedelpezzo


17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

24

We ue ie te

o Aumentalaquantitdimaterialeasportato o Aumentalarugositdellasuperficielavorata o Aparitdiduratatradueimpulsieconelettrodocollegatoalpolopositivo,si riduceleffettodeglielettronichecolpisconolutensilerispettoagliioniche colpisconoilpezzo(diminuzioneusurarelativa).Ilprocessosicomportain modooppostoallelavorazioniconvenzionaliperchlutensilesiusura maggiormenteinfiniturarispettoalleoperazionidisgrossatura


17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

ParametridiProcesso duratadellimpulso
Rappresentandograficamentelavelocitdi erosioneelusuradellelettrodoutensileal variaredellacorrente,delladurata dellimpulsoedellenergiadiscaricasi evidenzia: , Alcresceredellacorrentediscarica,a paritdiduratadellimpulso,siregistra unaumentoiperproporzionale deltasso diasportazioneperlaumento dellenergiautilizzabileperlerosione. Allostessomodoaumentalusura relativa Alcresceredelladuratadellimpulsoo dellascarica,lusurarelativadiminuisce, d ll i l l i di i i mentreMRRaumenta,raggiungeun massimoequindidiminuisce.Questo puesseregiustificatoanalizzandola dimensionedelcanalediscarica, ipotizzatocilindrico
17, 21, 23/06/2011
1000

Velocit di Erosione mm3/min E

500

= 0.9
Utensile:+
50A 100A

100
0.007 ms

50

30A 20A

10
0.08 ms

0.3 ms

Corrente di scarica 1.7 ms

5
Durata dellimpulso

1 100
Durata dellimpulso 0.08ms

Usura dellelettro odo, %

0.007ms

= 0.9

50

10 5

100A 50A
30A 0.3ms 20A 1.7 ms Corrente di scarica

1
0.5 1 5 10

50 100

500

1000

5000

Energia di scarica, mJ

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Durata impulso

Duratadellimpulso: Corrispondeallafasedilavoro + delprocesso(ionizzazionedel gapneltempodiritardoe e passaggiodicorrentenella duratadellascarica). Pilungaladuratadella scarica,maggiore lenergiadellascaricaedil cratererisultantesarpi ampioeprofondo

ParametridiProcesso duratadellimpulso
Usurarelativa sullelettrodo Velocitdi erosione

25

ParametridiProcesso duratadellimpulso
Durantelascarica,infatti,ilraggiodelcanalediscaricasiespande duranteladuratadellimpulsoconlaseguenterelazione

r= t

0 t te

Doverinmicronetinpsec

Perdiametridelcanalediscaricainferioriadunvaloreottimale,sihaun aumentodellaporzionedienergiacheutilizzataperl asportazione aumento della porzione di energia che utilizzata per lasportazione Pervalorideldiametromaggioridiquelloottimale,laumentodellesuperficidi scambioportaadunincrementodelleperditeperconduzioneed irraggiamento.SihaunadiminuzionediMRR Infasedisgrossaturadipezziinacciaio,conutensiliingrafite,siscelgono impulsididuratasituatitralapialtavelocitdierosioneelusuraminima dellelettrodoutensile Laumentodellasezionedelcanalediscaricacomportainoltrecheaparitdi energiadiscarica,ladensitdicaloresullasuperficiedellelettrododiminuisce proporzionalmentealtempo Ivaloridelladuratadellimpulsovannodallordinedeimicrosecondiallordine deimillisecondi
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

ParametridiProcesso Intervallotragliimpulsi
Usurarelativa sullelettrodo

Intervallo Velocit traimpulsi erosione

Intervallo tra impulsi: In questa fase avviene la deionizzazione del dielettrico. La velocit della lavorazione influenzata da questo tempo, in quanto un suo aumento riduce il tempo di lavorazione

17, 21, 23/06/2011

Lintervallo tra impulsi governa comunque la stabilit del processo perch una durata insufficiente pu portare a cicli errati, con retroazioni e avanzamenti del servosistema di regolazione, rallentando quindi la lavorazione Lariduzionedellintervallotraimpulsi,portaadunaumentodellafrequenzadi L id i d lli ll i li d d ll f di scarica.Quandoilprocessorealizzatoaparitdienergianellunitditempo,si ha: Unmiglioramentodellafiniturasuperficiale Unaumentodeltassodiasportazione Unariduzionedellusurarelativa.
Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

26

ParametridiProcesso Tensionenominale
Confronto realizzatoa paritdienergia rilasciatasu pezzo

Lafrequenzaingenerecompresatra180Hz,incondizionidisgrossatura (superficirugose),acirca300kHzperlecondizionidifinitura(superfici lisce). La tensione nominale: Al crescere della tensione nominale e della tensione di lavoro, lavoro raggiunto un massimo di volume asportato e contemporaneamente si registra una caduta dellusura relativa. Un ulteriore aumento della tensione nominale provoca, oltre ad un aumento del gap SEK, delle scariche con tempi di ritardo eccessivamente lunghi

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

ParametridiProcesso Tensionenominale
In questo caso lenergia di scarica si riduce a causa della riduzione della durata di scarica, che a sua volta porta ad una riduzione del tasso di asportazione. Per valori elevati della tensione a vuoto, il gap diventa tanto elevato, al punto che non si innesca alcuna scarica ed il processo si arresta

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

27

ParametridiProcesso Ilgap
Controllodelgap: Ilgapfrontaleelaterale sonodeterminati.Entrambisonocontrollati dallescaricheedalleregolazionidel generatorediimpulsi Alcresceredell energiadiscaricaperil Al crescere dellenergia di scarica per il prolungamentodelladuratadellimpulso, aumentailgapeconquestolarugosit superficialedelpezzoinlavorazione Quandoilfluidoinviatoavelocit costante,adognivariazionedelgapfa seguitounavariazionedellafflussodel fluido.Ciinfluenzanegativamenteil lavaggio,lavelocitdierosioneelusura dellelettrodoutensile. Ingeneraleilgapvariada0.012mma 0.05mm
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

ParametridiProcesso Ilmaterialedelpezzo
Influenzadelmaterialedelpezzo: Lattitudinediunmaterialead esserelavoratoindipendente dallecaratteristichemeccaniche, mentresonoimportantila composizionechimicae determinatecaratteristichefisiche Ingeneralesievidenziatouna diminuzionedeltassodi asportazionealcresceredella temperaturadifusionedel materiale IlfattocheelementicomeAg eCuabbianocomportamentodiversodalprevisto indicachelatemperaturadifusionenonlunicoparametro Altriparametridaconsideraresonoilcalorespecifico,laconducibilittermica,la temperaturadiebollizione,ladensit,laresistivitelettrica
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

28

ParametridiProcesso Ilmaterialedellutensile
Influenzadelmaterialedellutensile:Comematerialiperlelettrodosipossono utilizzaretuttiimaterialiconelevataconducibilitelettrica Lusurarelativadeglielettrodiinrameaumentaalcresceredellacorrente discarica.Comportamentoinversosiregistraconquelliingrafiteche perciconsigliataperoperazionidisgrossatura(darealizzareconelevate l d (d l l correntieduratadiscariche),mentreilrameinteressanteperoperazioni difinitura

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

CapacitdelProcesso
LEDMpulavorarequalunquematerialeconduttore,indipendentemente dallasuadurezza.Siprestamoltobeneallarealizzazionediforieforme irregolari Iltassodiasportazionenell'elettroerosionemoderato.Infunzione dell'energiadellescarichel'asportazionecompresatra1mm3/ora 100mm3/ora Benchsiutilizzinoscaricheelettriche,ilprocedimentononpresentaalcun pericoloperl'utilizzatoreeperl'ambiente GlistaticonmigliorefiniturasuperficialepossonoraggiungereunvalorediRa compresotra0.18me0.25m;l'effettovisivoquellodellalappaturaa specchio.Finituresuperficialistandard(facilidaottenere),hannovaloridiRa specchio Finiture superficiali standard (facili da ottenere) hanno valori di Ra compresitra0.8me3.1m Letolleranzedimensionalisonocompresetra0.025mme 0.127mm;con particolariaccorgimentipossonoraggiungere0.007mm
17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

29

CapacitdelProcesso Qualitdellasuperficie lavorata

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

CapacitdelProcesso Qualitdellasuperficie lavorata


Illayerrisolidificatocompresotra0.0025mme0.05mm;ladurezzasupera65HRC

bWL bPT

bWL +bPT bWL

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

30

Capacit del Processo Tensioni residue nel layer superficiale

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Capacit del Processo Tensioni residue nel layer superficiale

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

31

Capacit del Processo resistenza a fatica e confronto con altre lavorazioni

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Applicazioni
Die casting form for cylinder cover

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Injection mou of a uld clock housing g

32

Applicazioni

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Applicazioni
Siriesconoadottenereforiconaspettodiformadi30:1suspessoridi50mme conaccuratetecnichedilavaggiosiarrivaanchea100:1.Poichnonccontatto conilpezzo,sipossonoottenereforiinclinaticoninclinazioneminimadicirca 20
Coolingholes inturbine buckets

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

33

Applicazioni
Lusuradellutensilecompensataadognicicloconunservosistema Ilservosistemaallafinediogniciclovalutalentitdellusuraedaumenta dellastessaquantitlavvicinamentodellelettrodoalpezzo Nellesempioinfiguralutensileavvoltosuunrullo,edallafinediogni foratura,unaslittaestraedalforolutensileeloposizionaadunacerta distanzadallanuovasuperficiedaforare.Inparticolaresiha: di d ll fi i d f I i l ih
Recentementeil settore automobilistico richiedeforidi maggiore profondite minore diametro (50m)

Uniniettoretipicohafinoa12forididiametrovariabiletra150m e200m,conunospessoredicirca1mm.Iltempodilavorodi circa20s/foro.


17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Applicazioni

L avanzamentodelfilodellacorsadiAntiShort Lavanzamento del filo della corsa di Anti Short Lavanzamentodelfilosinoacontattoconilpezzo,registrato mediantesensori LaretroazionedelfilodellacorsadiAntiShort Lalavorazioneconlavanzamentodellacorsaprogrammata LaretroazionedelfiloallaposizionediReset
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

34

EDM Variantialprocesso

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Improntaturaperelettroerosione:tecnicaapicanali
Utilizzataquandolimpiego rendenecessarioun aumentodeltassodi asportazione(stampicon ( superficidellordinedei metriquadrati) Ilvolumedimaterialeeroso perogniscarica proporzionale: all energiadellasingolascarica(equindiallacorrenteedalladuratadella allenergia della singola scarica (e quindi alla corrente ed alla durata della scarica) alnumerodiscaricheperunitdisuperficie(proporzionalealrapporto dellefrequenzeedaltassodipulsazione)

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

35

Improntaturaperelettroerosione:tecnicaapicanali
Unlimiteallenergiadellascaricaloponelarugositdellasuperficielavorata Quandosilavoraavalorimassimidelnumerodiscariche,unulteriore aumento d l deltassodimaterialeasportatopossibileconpicanalidel d l bl l d l generatore(collegatiasegmentidielettrodiisolatitradiloro)che permettonolinnescodipiscarichecontemporaneamente(tantequanto sonoicanalidelgeneratore) Nonpossibileavereunaumentodeltassodiasportazioneproporzionaleal numerodeicanali.Tuttiicanalisonoinfattimontatisullostessosistemadi avanzamentoedundisturbosuuncanaleinfluenzailfunzionamentodegli avanzamento ed un disturbo su un canale influenza il funzionamento degli altricanali

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Improntaturaperelettroerosione:tecnicaapicanali
Quantopipiccolisonoil valoredellacorrentedi scaricaedilrapportodelle frequenze,tantopibasso risultaanchel aumentodel risulta anche laumento del tassodiasportazioneal cresceredelnumerodei canali Nellapraticasilimitail numerodeicanalia4
f p = 1/ t p

= fe / f p

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

36

Limprontaturaperelettroerosionenonlimitataalla riproduzionedicavitconelettrodidiforma

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Improntatura perelettroerosione:Erosioneplanetaria
Nellerosioneplanetaria, utilizzandoununicoelettrodo, siampliailcampodi applicazionedellaEDMad operazionicherichiedono sgrossaturaefinituraea fi i realizzazionicomequellecon sottosquadrieforiconici
Movimentidibase dellerosioneplanetaria

V:Verticale E:Eccentrico O:Orbitale Erosioni angolari

Allargamenti

Erosione conica

Erosionedi scanalatureinterne

Lerosioneplanetariasiottieneimponendounmovimentorelativotrapezzoe utensile,ottenendounacombinazionedeitremovimenti:Verticale,eccentricoed orbitale


17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

37

Taglioperelettroerosione
Lelettroerosioneafilo (WireEDM),unprocesso chetrovailsuomaggiore impiegoneltagliodiprofili 23Dmoltocomplessisu materialiconduttori;per questomotivola lavorazioneanche conosciutaconlacronimo EDWC(ElectricalDischarge WireCutting).Ilprocesso unevoluzione dellelettroerosioneatuffo edhafattolasuaprima comparsaallafinedegli anni60
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Taglioperelettroerosione
LEDWCdifferiscedallEDMconvenzionaleperlapresenzadelfiloche fungedaelettrodoutensile;essosisvolgedaunrocchetto,passa attraversoilpezzo,esiriavvolgesuunsecondorocchetto.Ilmovimento delfiloerainizialmenteguidatodacomandiaprogramma,incuiil movimentonominaleeraderivatodasagomeocampioni.Sistemidi movimento nominale era derivato da sagome o campioni Sistemi di comandodiquestotiposonooggisostituitidalcontrollonumerico,poich quelliconsagomeocampionipresentavanoerroriditrasmissionedelle misuredaicampionialpezzo,generandoerroridimisuraediforma inaccettabili Unaltraparticolaritdiquestiimpiantinellutilizzodellacquadeionizzata comedielettrico Ilpezzononquasimaicompletamenteimmersoneldielettricoelacqua l l ld l l introdottanelgapdaungettolocalizzato LescaricheelettrichesonolestessedellEDMedilmaterialeeroso davantialfilochescorresenzainstaurarecontatticonilpezzo

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

38

Taglioperelettroerosione
Ilfunzionamentoanalogoaquellodellasegaanastroconladifferenzachein questocasoesisteungapfrapezzoedutensile,chemantenutocostantedaun sistemadicontrollocomputerizzato;ingenereilgapcompresotra0.025mm e 0.050mm.ConlEDWCsipossonooperaretaglisumetallidifficilidalavorarecon tecnologieconvenzionaliesenzadoverricorrereadoperazionidirettifica. tecnologie convenzionali e senza dover ricorrere ad operazioni di rettifica

Sistemapidiffuso
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Taglioperelettroerosione:Lattrezzatura

NelprocessoEDWCsipossonodistinguereiseguentisottosistemi: Generatore Sistemadeldielettrico Sistemadiazionamentodelfilo Sistemadiposizionamento


17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

39

Taglioperelettroerosione:Lattrezzatura
Generatore.SidifferenziadaquellodiunimpiantoEDMprincipalmente perlintensitdicorrenteelafrequenzadegliimpulsi;questultimapu arrivarefinoa1MHz(nellEDMingenereinferiorea300kHz).Questo consentediottenerefinituresuperficialimoltospintepoichlesingole scaricherimuovonounpiccolissimaquantitdimaterialelasciando scariche rimuovono un piccolissima quantit di materiale lasciando piccolissimicrateri.Lintensitdicorrentelimitatadalridottodiametro delfilo(0.05mm 0.3mm)edisolitononsuperai20A(nellEDMlintensit dicorrentecompresatra0.5Ae400A) Dielettrico.Siusaacquadeionizzata.Sievidenzianoleseguenti caratteristiche: Neiconfrontidegliidrocarburi,l acquahaconducibilitelettricapi Nei confronti degli idrocarburi, lacqua ha conducibilit elettrica pi elevataeminoreviscosit,consentendoquindilalavorazionecongap pipiccoli;miglioratoinoltreillavaggioedridottoperciil rischiodicortocircuiti

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Taglioperelettroerosione:Lattrezzatura
Mancandoiprodottidelladecomposizionedeglioli,favoritalarimozione delleparticelledimaterialeeroso,riducendoilpericolodiarchivoltaici Sihaunamaggioreusuradellutensile;taleusuranoninfluenza significativamenteilprocessoperchilfilononriutilizzato Lamaggiorecapacittermicapermetteunaltavelocitdiraffreddamento gg p p delgap.Unaspettonegativolapossibilitdigenerarelayer risolidificati fastidiosi Epossibilefarlavorarelimpiantoinassenzadioperatoripoichscongiurail rischiodiincendi Ingenereilpezzononimmersocompletamentenellacqua;sipreferisce portareildielettriconellazonadilavoroinmododirettoconuntubo flessibileoconungettocoassialealfilo g Perragionieconomichesipreferiscericiclarelacquadeionizzata,dopo averlaopportunamentefiltrataedopoavercorrettolasuaresistivit. Additivispecificisonoaggiuntiperevitarelaformazionedirugginesulle superficibagnate
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

40

Taglioperelettroerosione:Lattrezzatura
Sistemi di azionamento del filo. Ha il compito di liberare il filo mantenendolo in tensione nella zona di lavoro (per evitare danneggiamenti e vibrazioni pericolose). In genere il filo compie diversi passaggi attraverso pulegge tenditrici; nella zona di taglio il filo guidato da una serie di guide in zaffiro o diamante Prima di essere raccolto sul tamburo il filo attraversa nuovamente una serie di pulegge che lo mantengono in tensione
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Taglioperelettroerosione:Lattrezzatura
Moltisistemiutilizzanocomebase unapesantelastradigranitoper garantireunamaggiorestabilit; recentementesonostatisviluppati dispositiviautomaticicheripristinano ilfilodopounasuaeventualerottura Imaterialidicostruzionedelfilo dipendonodaldiametrodellostesso. Filigrossi(0.15mm 0.30mm)sono dirameodiottone;filipisottili (0.03mm 0.15mm)sonodiacciaio almolibdeno Quandoilfiloattraversailpezzola scaricaavvienemaggiormentenella parteanteriore(direzionedi avanzamento)
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

41

Taglioperelettroerosione:Lattrezzatura
Dopounpassaggioperci,ilfilononpiutilizzabilea causadellausuranonsimmetricaedeveessere sostituito.Essodisponibileinbobinedicirca3.5kgedil suoconsumosiaggiraintornoai30gr/h suo consumo si aggira intorno ai 30gr/h

Sistemadiposizionamento:sitrattadiunatavolachepumuoversilungo2 assicomandatadaunCNC.Inqualchecasopresenteunulterioresistemadi posizionamentodelfilomultiasse.IlsistemaCNChailcompitoprincipaledi operareuncontrolloadattativotaledamanteneresemprecostanteilgap p p g p Lavelocitlineareditagliodellordinedei100mm/hsuspessoridi25mmdi acciaio.PerquestomotivoiltempodielaborazionedelsistemaCNCnoncos influentecomenellelavorazioniadaltavelocit

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Taglioperelettroerosione:Lattrezzatura

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

42

Taglioperelettroerosione:Lattrezzatura

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Taglioperelettroerosione:Parametridiprocesso

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

43

Taglioperelettroerosione:Parametridiprocesso
NellEDWCutilizzatocomeparametroindicativodellasportazione,iltassodi taglioVW.Essoparialprodottofravelocitlineareditagliov,elaltezzadelpezzo h

VW = v h

30 Tasso oditaglio,mm2/min

Sm=0.374mm Sm=0.38mm Sm=0.349mm

20

10

Wk=1.7mJ Wk 0.7mJ Wk=0.7mJ Wk=0.3mJ

Wk

0
Sm=0.357mm

Sm=0.353mm

0
17, 21, 23/06/2011

50

100

150 200 250 FrequenzadiscaricakHz


Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Taglioperelettroerosione:Parametridiprocesso
Perundatodiametrodelfilo,iltassoditagliodeterminatodallenergiaedalla frequenzadiscarica Unaumentodellenergiadellascarica,afrequenzacostante,portaadun aumentodeltassoditaglioperlamaggiorequantitdimaterialeasportatoper ogniscarica g Unaumentodellafrequenzadellascarica,aenergiadellascaricacostante,porta adunaumentopicheproporzionaledeltassoditaglioper:(i)laumentodel numerodiscarichenellunitditempo,acuicorrispondeunproporzionale aumentodelvolumedimaterialeasportato;(ii)unariduzionedelvolumedi materialedaasportareperlariduzionedellatracciaditaglio Ilrisultatodellalavorazionecaratterizzatoanchedallaqualitdellasuperficie tagliata li IndicediprecisionedellalavorazionelatracciamediaditaglioSm,calcolataa partiredalletracceditagliocorrispondentiallazonasuperiore(So)edinferiore delpezzo(Su):

S m = (So + Su ) / 2
Tecnologia Meccanica II

17, 21, 23/06/2011

Prof. Luigi Tricarico

44

Taglio per elettroerosione: Parametri di processo


Questo permette di calcolare la conicit della traccia del taglio causata da un errato lavaggio e\o da una posizione sfavorevole del pezzo:

tg ( / 2) = ( S o + S u ) / 2h
La bombatura b un altro errore di profilo e si pu avere nel taglio di pezzi di grande spessore a causa di oscillazioni del filo o della non omogeneit delle condizioni di lavaggio lungo laltezza La variazione della frequenza di scarica influenza solo marginalmente la finitura superficiale Un aumento dellenergia di scarica, invece, peggiora la finitura a causa della maggiore quantit di volume asportata ad ogni scarica

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Taglio per elettroerosione: Parametri di processo

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

45

Taglioperelettroerosione:Capacitdelprocesso
Sipossonolavorarematerialiconduttoriconottimafiniturasuperficiale(0.12m 0.25m,chediventano0.05m 0.12minsecondapassata),elevata precisionediformaebordiditagliolisci Acausadellemigliaiadiscarichelesuperficisonomatteesiprestanobenead assorbireolilubrificantimigliorandolecondizionidiattritodellesuperfici assorbire oli lubrificanti migliorando le condizioni di attrito delle superfici lavorate MoltemacchineEDWCpermettonounarisoluzionediposizionamentodi 0.001mmconaccuratezzadi7m(2.5msuspessoridi150mm,incasi particolari) Ilraggiominimodiunangolointernolimitatodaldiametrodelfilo,quellodiun angoloesternopuarrivarea38m Lavelocitditagliolinearevariada38mm/ha115mm/hsuunospessoredi25 mmdiacciaio,selospessoreaumentalavelocitdiminuisce(20mm/hr suuno spessoredi76mm).Lavelocitditaglionondipendedallaformadeltaglioda realizzare.Insecondapassatasipossonoraggiungerevelocitditagliodi 380mm/hr
17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Taglioperelettroerosione:Capacitdelprocesso
Lavelocitdelfiloattraversoilpezzovariada8mm/seca42mm/sec Perquantoriguardalospessoredelpezzochepossibiletagliare,teoricamente nonviunlimite;inrealtnoncosperchnonsipuesseresicurichela st uttu a de acc a o s a u o e da este o a cuo e ed o t e qua do strutturadell'acciaiosiauniformedall'esternoalcuoreedinoltrequandoil canalediionizzazionetroppolungo,illavaggiopidifficoltoso Glielevatispessoritagliati(200mm),lelevatogradodiaccuratezzaedifinitura superficialeconsentonolapplicazionedelprocessonellarealizzazionedi matriciperlostampaggio,filiereperlestrusioneenellafabbricazionedi elettrodiperlEDM Inalcunicasiutilizzataperrealizzareprototipi,opiccolilottidipartiche possonoesseretagliateancheincatasta possono essere ta liate anche in catasta

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

46

Taglioperelettroerosione:applicazioni
LusodelCNCpermettediutilizzarelostessoprofiloperottenerepunzonie matricioelettrodidisgrossaturaefinitura(dandoopportune compensazioni) Graziealcontrollocomputerizzatoedaitempidilavorazionerelativamente lunghi,unsolooperatorepugestirepimacchineconevidenterisparmiodi l h l h d d manodoperaqualificata Quandositaglianocarburisintetizzatievarimaterialiriportati,sideve lavorarecontensionibasseperevitarelelettrolisi.Questoperchlalta tensionepuprovocarecorrosioneintergranulareperconsumodilegante nelcarburosintetizzato TraleproblematichedellaEDWC,lapossibilitdiformazionedicricche:una Tra le problematiche della EDWC la possibilit di formazione di cricche: una dellecauseprincipalilegataallosviluppoditensioniresidue

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

Taglio per elettroerosione: applicazioni

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

47

Taglioperelettroerosione:Applicazioni

EDMcutpunchingdies

Lepartisonoaccostateelelinedi divisionesonoinvisibili

Lestremaaccuratezzachepuessereottenuta,rende possibilelarealizzazionedipunzoniematricilineto line (zeroclereance).Nellesempioinfigurailgiocotra punzoneematricedi3


17, 21, 23/06/2011 Tecnologia Meccanica II Prof. Luigi Tricarico

Taglioperelettroerosione:Applicazioni

EDM-cut warped stator blades


17, 21, 23/06/2011

EDM-Cutting of a extrusion die


Prof. Luigi Tricarico

Tecnologia Meccanica II

48

Taglioperelettroerosione:Rotatingcuttersofarazor

17, 21, 23/06/2011

Tecnologia Meccanica II

Prof. Luigi Tricarico

49