Sei sulla pagina 1di 29

Ciao a tutti, sono un batterista e percussionista, sono felicissimo di avere avuto l'opportunit di poter inserire alcune parti didattiche

del mio metodo. Vorrei specificare che il metodo da me scritto non altro che una rivisitazione di altri metodi di grandi Maestri della Batteria, e quindi adattati ed elaborati per le mie esigenze didattiche e strumentali. Ci non significa essere presuntuosi nel ritoccare o riadattare cose gi esistenti. Ognuno di noi ha tempo, capacit e strumentazione differenti, e non sempre si riesce ad avere un proseguo costante nello studio e nell'apprendimento Per tanti potrebbe essere uno svantaggio per me la bellezza della vita!!! Ovviamente, le cosiddette basi sono fondamentali per poter capire e inoltrarsi in una ricerca sempre pi approfonditanon si pu scoprire se non si conosce!!!...ma anchenon si pu conoscere se non si scopre!!! Questa prima lezione sar basata sull'impostazione, principalmente su quelle delle mani, cosa molto importante per avere una buona riuscita di esecuzione per gli esercizi che andremo a conoscere.

foto 1 La prima foto mostra come vengono impugnate le bacchette con il palmo della mano rivolto verso l'esterno; la bacchetta perfettamente, o quasi, dritta al braccio, ossia, il proseguimento del braccio.

foto 2 Stessa cosa la seconda foto, soltanto che vi fa vedere l'impugnatura con il dorso della mano.

foto 3 Un mio consiglio. La terza foto illustra la parte posteriore della bacchetta; questa bene sentirla con il polso, ci fa in modo di ottenere una maggiore sensibilit e quindi un maggior controllo. Entriamo un po' pi nei particolari.

foto 4 La quarta foto mostra come l'indice ed il pollice impugnano la bacchetta; queste due dita faranno da fulcro alla bacchetta. Una raccomandazione: non stringerle troppo! 1. perch stringendole troppo ci si irrigidisce ed irrigidendoci non otterremmo i giusti risultati. 2. perch si spreca molta energia, fondamentale per la nostra resistenza e non solo. 3. perch con molta probabilit potremmo farci molto male fisicamente; cosa frequente l'infiammazione dei Tendini, la cosiddetta Tendinite, e questo ci bloccherebbe per un lungo periodo con probabile non totale guarigione Ci non ci impedirebbe di continuare a suonare, ma per esperienza personale meglio evitare!!!

foto 5 La quinta foto vi evidenzia l'importanza di tutte le dita, ma soprattutto del medio, dell'anulare e del mignolo; anche loro avranno un ruolo fondamentale nell'esecuzione di tutto ci che andremo a conoscere. Entriamo un po' pi nei particolari.

foto 6/A

foto 6/B

Le foto 6/A e 6/B illustrano la funzione delle dita, che quella di aiutare il polso e l'avambraccio appunto nell'esecuzione, ottenendo cos un aiuto nel non sprecare energia, e di ottenere anche pi precisione e velocit. La velocit nella musica non tutto, ma soprattutto per noi batteristi importante per suonare pi strumenti (Tamburi, Piatti ecc); strumenti che hanno una distanza abbastanza accentuata l'uno dall'altro. Un esercizio molto importante per le dita quello di suonare un colpo alla volta con l'indice, poi con il medio, poi con l'anulare, e stessa cosa con il mignolo, poi con tutte le dita alternandole e poi insieme, semplicemente partendo da una velocit "piano" andando in progressione sempre pi veloci.

foto 7/A

foto7/B

Le foto 7/A e 7/B vi fanno vedere la posizione a V al contrario, ossia avvicinare il pi possibile le punte delle bacchette nel centro del Tamburo; in questo caso prendiamo come strumento di riferimento sempre il Rullante. Proviamo ad immaginare un cerchio all'interno della pelle del Rullante, pi o meno di 3 cm di circonferenza; questo sar per noi il nostro punto focale per l'impostazione a V al contrario. Entriamo un po' pi nei particolari.

foto 8 L'ottava foto, vi fa vedere due particolari, 1. gli avambracci rimangono leggermente rialzati, 2. i polsi, e quindi le mani, vengono leggermente abbassate; questo fa in modo che l'impostazione a V al contrario ottenga pi precisione nei movimenti ed una gestibilit maggiore per le dinamiche. Ovviamente tutto questo si ottiene dopo aver posizionato in altezza e distanza dal proprio corpo, il Rullante. In poche parole il Rullante dovrebbe stare ad una altezza tale da non intruppare con le mani le nostre gambe, e ad una distanza naturale da ottenere l'impostazione a V al contrario, senza tirare indietro o troppo avanti le nostre braccia. Un posizionamento sbagliato del Rullante, non far altro che portarci scompensi motori e energetici. Le foto 9/A e 9/B chiariscono ancora meglio la posizione e il posizionamento.

foto 9/A

foto 9/B

10/A

10/B

10/C

10/D

10/E

Le foto 10/A, 10/B, 10/C, 10/D e 10/E, illustrano il primo approccio con il movimento alternato, sfruttando per ora il polso e le dita; per questa operazione, si consiglia un movimento alternato ad una velocit molto bassa in modo da notare per bene quello che si fa con il polso e con le dita; ancora pi efficace l'utilizzo di uno specchio, in modo da poter guardare frontalmente e lateralmente, come gli esempi riportati dalle foto 11/A e 11/B.

11/A

11/B

foto 12 La dodicesima foto vi fa vedere a quale distanza si dovrebbero trovare le punte delle bacchette dalla pelle, pi o meno 5 cm. Questo far in modo di ottenere pi precisione nel tocco e quindi nell'utilizzo delle dinamiche, ovvero il nostro volume espressivo, e nell'utilizzo pi accurato dei suoni; ricordiamoci che i nostri strumenti (Tamburi, Piatti ecc) hanno una molteplicit sonora. Qui di seguito vi allego la Legenda, i Valori Ritmici, Valori e Pause a cui corrispondono ed il primo Esercizio di Rudimenti per il controllo delle bacchette con movimenti ritmici in quarti. Nell'Esercizio ogni battuta un esercizio a se; consigliabile ripetere una battuta almeno per 20 volte. Una volta completato l'ultimo esercizio, o battuta, eseguire per intero la pagina, anche quest'ultima per 20 volte.

La seconda lezione che vi sto per illustrare sempre basata sull'impostazione delle mani. Nella prima lezione l'esercizio dei rudimenti per controllare le bacchette veniva eseguito con movimenti ritmici in quarti; adesso l'esercizio n 2 dei Rudimenti ha una evoluzione ritmica raddoppiata, e quindi eseguito tecnicamente in ottavi, ossia due movimenti per ogni quarto. Una piccola spiegazione in pi per quest'esercizio. La parte su cui mi voglio soffermare un po', sui Doppi Colpi, ossia due colpi per ogni mano; nel primo esercizio i Doppi Colpi hanno una valenza quasi inesistente, dico quasi perch potrebbero prendere corpo e quindi avere un senso soltanto se l'esercizio viene eseguito ad una velocit di Tempo abbastanza elevata (Es.: Time = 100 di Metronomo) dato che si sta lavorando ritmicamente in quarti. In questo caso la Ritmica dell'esercizio n 2 viene lavorata in ottavi, ed i nostri Doppi Colpi da eseguire cominciano a prendere corpo ed avere un senso anche ad una velocit di Tempo molto bassa (Es.: Time = 50 di Metronomo).

fig. 1a

fig. 1b

fig. 1c

Le foto 1/a, 1/b e 1/c, vi mostrano una breve sequenza, e per quanto una foto possa rendere un movimento, come viene suonato un colpo doppio, (due colpi per ogni mano). Entriamo un po' pi nei particolari. Per poter eseguire un doppio colpo ottenendo la stessa intensit, o avvicinandoci molto, tra il primo colpo ed il secondo, dobbiamo sfruttare il rimbalzo della bacchetta ottenuto nel primo colpo, controllando il secondo con il gioco delle dita, come gi illustrato nella prima lezione, e mostrato qui nelle foto 1/a, 1/b e 1/c.

fig. 2a

fig. 2b

fig. 2c

Se noi proviamo a suonare un colpo singolo (Foto 2/a, 2/b e 2/c), vediamo che la nostra bacchetta, dal momento che tocca la pelle, inevitabilmente ritorner indietro; successivamente si fa ritornare la bacchetta verso la pelle del tamburo, risuonando il secondo colpo con l'aiuto delle dita. Il movimento delle dita quello di pigiare verso l'interno della mano, come figurato qui sotto dalle Foto 2/d e 2/e.

fig. 2d

fig. 2e

Inizialmente ci sembrer tutto molto meccanico, nel senso che i movimenti sembreranno robotici e quindi poco fluidi, ma tutto questo al principio sar nella norma. Soltanto quando cominceremo ad avere una padronanza pi evoluta, e quindi quando potremo eseguire i nostri doppi colpi a velocit pi elevate, potremo accorgerci della fluidit dei movimenti; insomma, le dita non dovranno pi pigiare con evidenza, o con "potenza", verso l'interno della mano, ma lavoreranno con meno fatica, sfruttando semplicemente il rimbalzo del primo colpo. Vi allego il secondo Esercizio per Controllare le Bacchette con movimenti ritmici in ottavi, un programmino, che non altro che un Metronomo, oltretutto molto leggero e molto facile da utilizzare. Come nel primo esercizio, ogni battuta un esercizio a se; preferibile eseguire ogni battuta almeno per 20 volte. Una volta completato l'ultimo esercizio, o battuta, eseguire per intero la pagina, anche quest'ultima per 20 volte. Dopo aver eseguito l'intero esercizio, risuonarlo nuovamente con il Metronomo, cercando di suonarlo a 100 di velocit; se la velocit risultasse troppo elevata, diminuirla in modo da poter eseguire l'esercizio con tranquillit.

Anche la terza lezione sar basata sull'impostazione delle mani e quindi sui Rudimenti, ma in questo caso affronteremo ritmicamente le Terzine di Ottavi, ossia tre movimenti per ogni quarto. Anche in questa occasione faremo le stesse cose fatte negli esercizi precedenti. Un consiglio per poter eseguire al meglio l'esercizio (valido anche per quelli precedenti): sillabare i movimenti delle mani, e quindi distinguerle, con TU per la mano Destra e TA per la mano Sinistra. Scandire le sillabe a voce alta mentre suoniamo sar utile per memorizzare pi in fretta i vari scambi di mano (Destra e Sinistra) e per cominciare ad avere il primo approccio con l'indipendenza vocale, ossia, oltre ai quattro arti, avremo una quinta parte da studiare e suonare per l'indipendenza, quella vocale. Vi allego il terzo Esercizio per Controllare le Bacchette con movimenti ritmici in terzine di ottavi. Come nel primo e nel secondo esercizio, ogni battuta un esercizio a se; preferibile eseguire ogni battuta almeno per 20 volte. Una volta completato l'ultimo esercizio, o battuta, eseguire per intero la pagina, anche quest'ultima per 20 volte. Dopo aver eseguito l'intero esercizio, risuonarlo nuovamente con il Metronomo, cercando di suonarlo a 100 di velocit; se la velocit risultasse troppo elevata, diminuirla in modo da poter eseguire l'esercizio con tranquillit.

Quello che sto per illustrarvi, un preludio, o preparazione, all'esercizio vero e proprio per l'indipendenza dei quattro arti che vi proporr nella prossima pubblicazione. L'esercizio preparatorio, basato sul piatto Ride, (il piatto d'accompagnamento) con movimenti ritmici eseguiti in Quarti, Ottavi e Sedicesimi. La particolarit sta nella continua variazione ritmica sincopata del piatto Ride, parte fondamentale in quello che vi illustrer nella prossima pubblicazione, ma anche applicabile ad un qualsiasi groove a voi pi consono. Vi assicuro che oltre ad essere tecnicamente valido e divertente, vi ritorner utile nelle vostre performance. Per sviluppare una indipendenza maggiore, potrete affiancare all'esecuzione il conteggio dei Quarti (Uno, Due, Tre, Quattro) a voce altami raccomando senza esagerare, ed in seguito cantando i movimenti ritmici del piatto Ride (TinTinTinTin/ ItnItnItnItnecc.), stessa cosa per il Charleston (TsiTsiTsiTsi). Contare, ma cantare soprattutto i singoli strumenti del Kit, vi porter in futuro ad avere una maggiore scioltezza ed immediatezza, nello scomporre ritmicamente ci che dovrete, o vorrete, eseguire. Per un progresso ottimale dell'esercizio, consigliabile inizialmente, eseguire ogni battuta come un esercizio a se, ripetendola almeno per 20 volte, successivamente eseguire l'intero esercizio.

Ora vi illustrer un esercizio, a mio parere, molto importante e fondamentale per avere una giusta postura delle braccia ed un corretto movimento di esecuzione. L'Upstroke e Downstroke, visto nel mio modo, ci aiuter a capire come risparmiare il pi possibile energia e come dosare al massimo le dinamiche. Nella Musica, tutto importante, Potenza, Velocit, ma ci che rende un brano armonioso e coinvolgente, proprio grazie all'interpretazione e quindi ad un buon uso delle dinamiche. La Dinamica in Musica e per il musicista, il controllo della forza in esecuzione voluta appositamente per ottenere un Crescendo o un Diminuendo del Volume sonoro. Per poter utilizzare al massimo le Dinamiche nella Batteria, o quasi, quello di avere un buon controllo dello Strumento Bacchetta per le mani, ed un buon controllo dello Strumento Pedaleovviamente per i piedi. Questo esercizio in Terzine d'Ottavi, ha tre movimenti alternati ognuno differente dall'altro, proprio per ottenere, anche, tre colpi dinamici differenti. All'inizio, non occorrer montare tutta la Batteria, eseguiremo questo esercizio soltanto con un Tamburo, possibilmente il Rullante, ancora pi efficace d'avanti ad uno Specchioper cercare di correggere pi in fretta le imperfezioni.

foto 1 La prima cosa che dobbiamo fare, di disporre lo Sgabello, in modo da ottenere la posizione delle gambe a 90 gradi, e di posizionare il Rullante in modo che le braccia siano perpendicolari al Rullante, facendo attenzione che i polsi siano rivolti un po' verso il basso e di ottenere una V al contrario, mi raccomando di avere accortezza che le mani non vadano a sbattere contro le gambe in fase di esecuzione, come vi dimostro nella foto n 1.

foto 2

foto 3

Prendiamo come esempio la mano sinistra, il primo movimento che verr fatto, sar quello di portare la mano in alto con l'aiuto del gomito che si muover esternamente dal corpo, puntando possibilmente la Punta della bacchetta verso il centro del Rullante, come riportano le foto 2 e 3.

foto 4

foto 5

foto 6

In seguito con la spalla porteremo il braccio pi in alto possibile, ipotizzando una linea retta in verticale che parta dal centro del Rullante fin sopra la nostra testa, come viene illustrato nelle foto n 4, 5 e 6. E' molto importante cercare di non fare movimenti scoordinati e di ritornare possibilmente alle posizioni originali. A questo punto, siamo pronti per dare il primo colpo.

foto 8 foto 7

foto 9

foto 10

Mentre daremo il primo colpo con la mano sinistra (quello Forte), il gomito dovr riavvicinarsi al busto, per dare la possibilit all'avambraccio di riposizionarsi in modo da poter colpire il centro del Rullante, come viene illustrato nelle foto n 7, 8, 9 e 10.

foto 11

foto 12

foto 13

Immediatamente dopo daremo il secondo colpo con la mano destra (quello Piano) semplicemente piegando il polso verso il basso, come riportato nelle foto 11 e 12, poi con il gomito, foto 13, ed in sequenza con la spalla, foto 14, prepareremo il braccio destro ad alzarsi in modo da poter dare nuovamente il colpo Forte, appunto con la mano destra, foto 15, 16, 17 e 18.

foto 14

foto 15

foto 16

foto 17

foto 18

foto 19

Nel frattempo avremo dato il terzo colpo con la mano sinistra (quello Medio) foto 14, facendo cadere la bacchetta sulla pelle del Rullante ed aiutandoci con un piccolo movimento del polso verso il basso. La foto n 19 vi illustra il ritorno ad alzare il braccio sinistro per il colpo Forte da dare, appunto, con la mano sinistra. L'esercizio completo, avr il suo risultato grazie all'alternarsi (mano Sinistra e mano Destra) dei tre movimenti in Terzine d'ottavi. E' ovvio, che il movimento dell'Upstroke e Downstroke, se viene eseguito lentamente o abbastanza lentamente, avr dei movimenti molto appariscenti, eseguendolo sempre pi veloce, il movimento sar meno evidente. Nell'esercizio, troverete scritto da eseguire anche la Cassa ed il Charleston, mi raccomando per soltanto in un secondo momento!

Come vi avevo annunciato la sull'indipendenza dei quattro arti.

scorsa

volta,

affronterete

l'esercizio

vero

proprio

La volta precedente, vi ho illustrato l'esercizio preparatorio basandosi sul piatto Ride, elemento fondamentale per quello che andrete ad eseguire nell'esercizio di questo secondo incontro. Anche qui i movimenti ritmici sono in Quarti, Ottavi e Sedicesimi. Sempre per avere una maggiore dimestichezza e scioltezza nella scomposizione ritmica, cercate di contare a voce alta i Quarti, e in un secondo momento di cantare ogni singolo elemento del Kit che troverete scritto nell'esercizio. Per avere dei risultati ottimali, cercate di ripetere almeno 20 volte ogni singola battuta, facendone diventare un esercizio a se, successivamente eseguite l'esercizio per intero.

ESERCIZI:

Ora cominceremo a guardare le Tre tecniche dei pedali per la Cassa (valide anche per il Charleston). Prima di iniziare, ricordiamoci sempre di avere un giusto posizionamento regolando l'altezza dello sgabello, in modo da ottenere con le gambe un'angolazione, pi o meno, di 90 gradi. Come noterete nelle foto 1 e 2, le cosce s'inclinano di poco verso il basso, e la tibia con la caviglia restano dritte l'una con l'altra, in modo da ottenere una posizione rilassata, avendo cos uno spreco minore di energia, (stessa cosa, ovviamente, vale anche per il Charleston).

foto 1

foto 2

Cominciamo con la Prima tecnica per il pedale della cassa e secondo me anche la pi importante in altre parole, con la pianta del piede appoggiata alla piantana del pedale avendo come fulcro il tacco. E' molto importante non sottovalutare le potenzialit tecniche meccaniche di un buon pedale, quindi, di regolare la molla in modo da ottenere il ritorno della piantana e del battente nel modo pi consono. Anche il tipo di accordatura della pelle battente della Cassa (pi, o meno tirata), contribuisce notevolmente alla risposta del pedale che si vuole ottenere. E' da considerare anche l'inclinazione della cassa (tramite gli appositi piedini, o zampe) verso il pedale e la regolazione dell'asticella del battente. La regolazione dell'asticella del battente molto importante perch come con le bacchette ha un suo fulcro, considerando sempre le dimensioni della cassa in modo da poter indirizzare il battente il pi possibile verso il centro della pelle, e l'inclinazione, sempre della cassa, in caso si voglia avvicinare di pi la pelle al battente. Per mia esperienza, tirare al massimo la molla, permette al pedale di ritornare pi velocemente e quindi di avere un maggior controllo ma questo soltanto un mio punto di vista poich ci sono batteristi che usano la molla molto poco tirata ed alcuni, addirittura, escludendola totalmente, quest'ultimi, sfruttando soltanto il rimbalzo naturale del battente con la pelle un po' come si fa con le bacchette.

foto 3

foto 4

foto 5

foto 6

foto 7

Nella sequenza, illustrata dalle foto, 3, 4, 5, 6 e 7, noterete che il piede non si stacca mai dalla piantana e che il tacco rimane ben fermo sulla parte posteriore del pedale, facendo eccezione per, per le foto 3 e 7 (inizio e fine movimento) dove si pu notare un leggero rialzamento della punta del piede. Questo, per far s che il controllo sia sensibilmente maggiore grazie al movimento delle dita un po' (lontanamente) quello che farebbero le dita delle mani per il controllo delle bacchette. Una cosa molto importante, quello di staccare il battente dalla pelle della cassa ogni volta che viene colpita, in modo da non creare suoni sporchio press roll non voluti ed ovviamente, per preparare il seguente colpo senza alcun ritardo, che, in fase d'esecuzione, potrebbe portarci scompensi di coordinazione, mettendoci in difficolt nel mantenimento costante del tempo. Coordinare il movimento ad ogni colpo non altro che, tecnicamente, il controllo vero e proprio, in questo caso, dei pedali. Nella Seconda tecnica per il pedale della cassa, faremo l'inverso della prima tecnica, vale a dire, in questo caso il fulcro non sar pi il tacco, ma la punta del piede, ed il colpo sar effettuato con il tacco. Per far s che il tacco riesca sempre a suonare il pedale, dobbiamo spostare leggermente il piede, quindi il tacco, verso l'esterno sinistro o destro del pedale. Le foto 8, 9 e 10, v'illustrano le tre fasi del movimento.

foto 8

foto 9

foto 10

Le foto 11, 12 e 13, v'illustrano dall'alto, sempre in sequenza, le tre fasi del movimento.

foto 11

foto 12

foto 13

Ora, passiamo alla Terza ed ultima tecnica per il pedale della cassa. Questa tecnica la pi usata dai batteristi, sia per il movimento molto istintivo, e sia per la potenza dato che si andr ad utilizzare tutta la gamba. Questa ultima tecnica, secondo le mie vedute, la meno precisa nell'utilizzo delle dinamiche, e nel risparmio di energia, penalizzando notevolmente la resistenza. C' da dire che utilizzandola insieme alle altre due tecniche, quindi, alternandola di continuo con la Prima e la Seconda, troveremo un notevole risparmio d'energia, una maggiore precisione nelle dinamiche e di conseguenza acquisteremo pi velocit e resistenza. Le foto 14, 15, 16 e 17, v'illustrano la sequenza di questo Terzo ed ultimo movimento.

foto 15 foto 14

foto 16

foto 17

Per il pedale del charleston, ovviamente, stessa concezione. Queste Tre tecniche, o movimenti, saranno utilizzate nello stesso modo del pedale della cassa, l'unica differenza la fa proprio la meccanica dello stesso pedale del charleston ed i piatti. Come per la cassa, inizio ad illustrarvi la Prima tecnica. Per i dettagli, seguite quelli della cassa. Le foto 18, 19 e 20, v'illustrano la sequenza di questo primo movimento, fatto con la pianta del piede appoggiata alla piantana del pedale avendo come fulcro il tacco.

foto 18

foto 19

foto 20

La Seconda tecnica, anche qui, fa riferimento a quella del pedale della cassa, avendo come fulcro la punta del piede per poter suonare, in questo caso, il charleston.

foto 21

foto 22

foto 23

Per la Terza tecnica, sar fatta la stessa cosa per quella della cassa, con l'utilizzazione dell'intera gamba.

foto 24 Qui di seguito, vi allego il:

foto 25

Primo Esercizio Educativo per la Cassa.

E' preferibile cominciare l'esercizio con la Prima tecnica (^), poi con la Seconda (>), la Terza (=) ed in seguito alternandole tutte e Tre, (>), (^), (=) come riportato sulla partitura. Per quanto riguarda la partitura del Charleston, fate riferimento a quella per la Cassa.