Sei sulla pagina 1di 6

Capitolato Speciale

Art. 15.2 - Caratteristiche degli interruttori Art. 15.2.1 - Generalit I circuiti dovranno essere sempre protetti mediante interruttori magnetotermici eventualmente corredati di sganciatore differenziale, o, in determinati casi, mediante sezionatori con fusibili dotati di percussore. In ogni caso dovranno essere resi disponibili a morsettiera i contatti di segnalazione della posizione dellinterruttore/sezionatore e dellavvenuto intervento della protezione. Art. 15.2.2 - Interruttori scatolati o aperti Il dispositivo di comando dovr essere, dove richiesto, di tipo ad accumulo di energia con servomotore di ricarica a comando elettrico e manuale. La ricarica del servomotore dovr essere possibile mediante sistema automatico (es. motore elettrico con controlli di servomotore carico/scarico) e manuale di emergenza (leva o manovella). Il sistema di chiusura dovr essere completo di dispositivo antirichiusura. Lutilizzo del sistema di ricarica manuale di emergenza, dovr inibire il sistema di ricarica servomotore automatico. I consensi di abilitazione di una manovra successiva a quella in corso dovranno essere resi in modo che, anche se in presenza del comando opposto, la manovra in corso sia completata. Dovranno essere ad apertura libera, prevalente sulla chiusura, in modo tale da assicurare l'apertura dei contatti principali anche nel caso che il comando di sgancio sia pervenuto dopo l'inizio di una manovra di chiusura. Ogni comando dovr essere costituito da: n. 1 circuito di chiusura tripolare a lancio tensione; n. 1 circuito di apertura tripolare a lancio tensione; Le tolleranze di funzionamento dei dispositivi (sganciatori) di comando saranno quelli previsti dalla norme CEI. Sul dispositivo di comando dovranno essere presenti: segnalatori ottici (es. bandierine) di stato

interruttore

aperto/chiuso

rispettivamente di colore verde/rosso, ottenute attraverso rinvio meccanico dai contatti principali;

Pagina 38 di 62

Capitolato Speciale

segnalatori ottici di livello energia presente nel servomotore con indicatore bianco (dispositivo completamente scarico) e giallo (dispositivo carico). Gli interruttori dovranno essere completi di contatti ausiliari di tipo autopulente a bordo dello stesso in numero sufficiente per coprire la necessit di controllo della singola unit e dellapparecchiatura vista nel suo insieme. Oltre ai suddetti, dovranno essere resi disponibili ulteriori due coppie di contatti (2NA+2NC) per la segnalazione di interruttore aperto/chiuso, 1NA+1NC per la segnalazione di scattato e 1NA+1NC per la segnalazione di servizio/sezionato. Dovranno essere del tipo in esecuzione sezionabile, montati su carrello; il tipo di innesto dovr essere tale da assicurare il perfetto contatto elettrico anche in caso di non preciso allineamento dell'interruttore durante l'inserzione. Essi dovranno poter assumere, e meccanicamente mantenere, le seguenti posizioni: 1) servizio; 2) sezionamento; 3) prova (dovr essere possibile effettuare manovre elettriche di apertura e chiusura a interruttore sezionato); 4) rimosso. Nelle posizioni 13, gli interruttori dovranno poter rimanere alloggiati all'interno delle celle, con portelle chiuse. Tutti gli interruttori dovranno essere dotati di dispositivo di blocco a lucchetti per l'arresto in posizione di sezionato e di un blocco a lucchetti del sistema di manovra locale. Dovranno essere dotati di sganciatore elettronico per la protezione contro i sovraccarichi ed i corto circuiti con possibilit di taratura delle soglie e delle relative temporizzazioni. Ogni interruttore avr un circuito indipendente per lalimentazione dei suoi ausiliari. Le feritoie delle portelle dovranno essere complete di mostrine in materiale plastico. corrente nominale ................................................................. a cura Appaltatore tensione nominale disolamento per sistemi fino a 0,4 kV...................... 750 V tensione nominale disolamento per sistemi fino a 0,69 kV.................. 1000 V tensione nominale di tenuta allimpulso per sistemi fino a 0,4 kV ............... 8 kV tensione nominale di tenuta allimpulso per sistemi fino a 0,69 kV ........... 12 kV esecuzione........................................................................................ sezionabile

Pagina 39 di 62

Capitolato Speciale

sganciatori .......................................................................................... elettronici comando ............................................................ manuale e con bobine AP+CH carica molle ......................................................................... manuale e a motore tensione di comando .............................................................................. 110 Vcc

Art. 15.2.3 - Interruttori modulari distribuzione Dovranno essere adeguati per la funzione di sezionamento e bloccaggio secondo la CEI EN 60947-1/3; quest'ultimo verr realizzato tramite opportuni accessori, nella posizione di aperto o chiuso. Dovranno essere dotati di protezione contro i sovraccarichi ed i corto circuiti a ripristino manuale; ogni interruttore dotato di contatti 1NA+1NC, riportati in morsettiera, per la segnalazione di aperto/chiuso e 1NA+1NC per la segnalazione di scattato. Per gli interruttori al servizio di sistemi di illuminazione asserviti da crepuscolare o programmatore orario (compresi nella fornitura), si dovr ricorrere ad un contattore ausiliario di tipo modulare di caratteristiche adeguate. Le caratteristiche costruttive di cui al presente articolo valgono anche per gli interruttori differenziali di distribuzione, per circuiti ausiliari cc e per i primari e secondari dei trasformatori di tensione. In modo particolare, questi ultimi, dovranno essere equipaggiati con 2NA+2NC caduno. In ciascun quadro o sezione dovranno essere previsti un numero di interruttori di riserva, di varie taglie, quadripolari e bipolari, pari al 20% del totale. Art. 15.2.4 - Caratteristiche comuni: corrente nominale .................................................................................... 63 A tensione nominale disolamento ............................................................. 500 V tensione nominale di tenuta allimpulso ...................................................... 6 kV corrente nominale di intervento differenziale ........................................ 0,51 A

Art. 15.2.5 - Interruttori per primari/secondari TV corrente nominale ......................................................................................... 3 A tensione nominale disolamento ............................................................. 500 V

Pagina 40 di 62

Capitolato Speciale

tensione nominale di tenuta allimpulso ...................................................... 6 kV corrente nominale sganciatore termico ......................................................... 3 A Nota: gli interruttori che proteggono i circuiti relativi a protezioni elettriche od eventuali cassetti di controllo tensione devono essere corredati di contatto ausiliario aggiuntivo a chiusura anticipata. Art. 15.2.6 - Interruttori di manovra/sezionatori (per impiego in cc) corrente nominale .................................................................................. 630 A

tensione nominale disolamento ............................................................. 750 V tensione nominale di tenuta allimpulso ...................................................... 8 kV tensione nominale di impiego in cc ........................................................ 250 V categoria di utilizzazione secondo CEI EN 60947-3 .............................. DC-22A durata elettrica cicli CO ............................................................................ 1000 manovra ................................................................................................ manuale

Art. 15.3 - Caratteristiche altre apparecchiature Art. 15.3.1 - Contattori Dovranno essere scelti con correnti di impiego adeguate alla natura e potenza dei carichi da manovrare ed essere completi di soppressori di disturbi e di contatti ausiliari. Oltre che alla manovra dei motori ca e cc, dovranno essere previsti, ove richiesto per accensione/spegnimento illuminazione. categoria dimpiego in ca ........................................................................... AC-3 categoria dimpiego in cc ........................................................................... DC-3 tensione nominale di tenuta allimpulso ...................................................... 8 kV

Art. 15.3.2 - Protezione motori tensione di prova a frequenza industriale (1 min.) circuiti di entrata .... tensione di prova a frequenza industriale (1 min.) circuiti di uscita ...... 2500 V 2000 V

riarmo.............................................................................. manuale e automatico

Pagina 41 di 62

Capitolato Speciale

Art. 15.3.3 - Commutatori di rete automatici Saranno a tre posizioni (1-fonte principale, 2-fonte di riserva, 0-aperto), di tipo motorizzato, senza alimentazione ausiliaria, dotati di centralina di controllo configurabile da tastierino frontale. I tempi di commutazione dalla posizione 1 alla posizione 2 dovranno essere uguali o inferiori a 1,5 s. Dovr essere possibile, da remoto, escludere la centralina e pilotare gli apparecchi con comandi elettrici. Dovr essere possibile la manovra manuale con leva disinseribile e il blocco tramite lucchetti nella posizione 0. Art. 15.3.4 - Rel di protezione Nei quadri dovranno essere installati rel di: Presenza/assenza tensione in ca (trifase) codice 27; Minima/massima tensione in cc codice 80cc; Sorveglianza isolamento per circuiti in ca codice 64ca; Sorveglianza isolamento per circuiti in cc codice 64cc.

Dovranno essere di tipo elettronico a soglie e temporizzazioni tarabili. Dovranno essere montati in modo tale da non provocare interventi intempestivi durante l'esercizio a seguito di vibrazioni causate dalle manovre degli interruttori, dalla movimentazione delle portelle o da urti accidentali. tensione di alimentazione ...................................................................... 110 Vcc tensione di prova a frequenza industriale (1 min.) circuiti di entrata .... 2500 V tensione di prova a frequenza industriale (1 min.) circuiti di uscita ...... 2000 V tensione di tenuta ad impulso atmosferico ................................................ 5 kV

Art. 15.3.5 - Trasformatori di corrente Dovranno essere del tipo a barra passante in esecuzione monofase e conformi alla CEI 38-1. Lisolamento dovr essere di tipo solido in resina epossidica autoestinguente. Dovranno funzionare occasionalmente alla corrente nominale con il circuito secondario aperto senza subire danni permanenti.

Pagina 42 di 62

Capitolato Speciale

Tutti i trasformatori dovranno essere dotati di morsettiere sigillabili. Per i trasformatori di corrente che alimenteranno le misure GSE e UTF dovranno essere forniti i relativi certificati. tensione di riferimento isolamento per sistemi fino a 0,4 kV ................ 0,72 kV tensione di riferimento isolamento per sistemi fino a 0,69 kV .............. 0,12 kV tensione di prova a f. i. (1 min.) per sistemi fino a 0,4 kV ........................ 3 kV tensione di prova a f. i. (1 min.) per sistemi fino a 0,69 kV ...................... 6 kV corrente massima permanente di riscaldamento ..................................... 1,2 Ipn durata corto circuito ....................................................................................... 1 s corrente nominale secondaria ....................................................................... 5 A classe di precisione (misure) ......................................................................... 0,5 classe di precisione (protezioni) ................................................................. 5P10

Art. 15.3.6 - Trasformatori di tensione Dovranno essere in esecuzione monofase e conformi alla CEI 38-2. Lisolamento dovr essere di tipo solido in resina epossidica autoestinguente. Particolare cura dovr essere posta allo scopo di evitare fenomeni di ferrorisonanza. Tutti i trasformatori dovranno essere dotati di morsettiere sigillabili. Per i trasformatori di tensione che alimenteranno le misure GSE e UTF dovranno essere forniti i relativi certificati. tensione di riferimento isolamento per sistemi fino a 0,4 kV ................ 0,72 kV tensione di riferimento isolamento per sistemi fino a 0,69 kV .............. 0,12 kV tensione di prova a f. i. (1 min.) per sistemi fino a 0,4 kV ........................ 3 kV tensione di prova a f. i. (1 min.) per sistemi fino a 0,69 kV ...................... 6 kV connessioni primarie .........................................................................fase-neutro fattore di tensione nominale ................................................. 1,2 Un permanente tensione nominale secondaria ............................................................. 100: 3 V

Art. 16 - Quadri generatore a 690 V


Art. 16.1 - Caratteristiche comuni tensione di esercizio ................................................................................. 690 V tensione nominale disolamento ........................................................... 1000 V

Pagina 43 di 62