Sei sulla pagina 1di 2

elle-

Posts dis

I Noduli Tiroidei
Ormai esperienza comune incontrare amici o conoscenti preoccupati perch poco prima hanno scoperto di avere uno o pi noduli alla tiroide. C bisogno di preoccuparsi in questo caso? Credo che la prima cosa da fare sia non preoccuparsi un atteggiamento che troppo spesso provoca un blocco mentale e qualcosa di simile a una paralisi operativa - ma prendere le dovute precauzioni. Quali? Consultare un endocrinologo che goda della fiducia di familiari o amici e affidarglisi, senza perdere tempo prezioso in elucubrazioni mentali sterili. Lo specialista chieder sicuramente di eseguire alcune analisi specifiche, non necessariamente le stesse che sono state chieste a unamica, per cui inutile affannarsi a richiedere esami fai da te ed meglio procedere in modo sistematico con laiuto di chi esperto della materia. Quindi possiamo stare tranquilli e ragionare con calma: lendocrinologo valuter laspetto ecografico dei noduli ma anche quello che avverte alla palpazione della ghiandola e tutti i segni e sintomi che potr rilevare dalla visita, per decidere se andare avanti con una scintigrafia (sempre meno richiesta in realt ma talora necessaria) o con altre indagini oppure iniziare una terapia. Per esempio, mentre luomo della strada, guidato dal buon senso, pensa che la presenza di molti noduli sia unindicazione quasi certa alloperazione, il medico sa che il nodulo solitario a presentare un rischio tumorale maggiore e quindi prester maggiore attenzione a questo che no a tanti piccoli noduli sparsi o ravvicinati. Ovviamente non ci sono mai regole infallibili e valide per tutti ma gi questa considerazione, unita al fatto che allecografia moto frequente dimostrare la presenza di pi noduli, sgombera il campo da tanti motivi di eccessiva preoccupazione. Tutte le considerazioni appena riportate cadono, per, quando il nodulo o i noduli sono cos voluminosi da rendere difficoltosa la respirazione - specie la notte o la deglutizione. In tal caso la scelta pi logica lasportazione chirurgica , specie se un primo tentativo di terapia medica fallito. Dopo lintervento poi c bisogno di ormone tiroideo ma tutti conoscono la facilit con cui il trattamento si esegue per bocca: solo necessario un controllo periodico della dose ottimale. Tanti credono che si hanno dei noduli basta toglierli lasciando la tiroide in sede: ci sbagliato perch ci esporremo a inutili e dannose recidive. Se si sceglie di operare chirugicamente meglio togliere o un intero lobo o tuttala tiroide. E infine un consiglio: controproducente cercare di forzare lendocrinologo a dire quello che si vuole sentir dire ma semplicemente ascoltandolo e concordando con lui una strada da seguire. Sembra un consiglio

elle-di | centro di medicina tradizionale e complementare http://elle-di.it info@elle-di.it

elle-

Posts dis
assurdo, quasi lapalissiano, ma lesperienza mi dice che troppo spesso inconsciamente si cerca una seconda, una terza e perfino una quarta opinione pur di trovare chi la pensa come noi. In realt, in questo caso non si tratta di elezioni politiche o di riunioni di condominio, in cui tutto opinabile e conta la maggioranza o la simpatia, piuttosto importante operare una scelta ragionata e chiara! E in questa luce credo che oggi la scelta di uno specialista a cui affidarsi passi proprio per tale processo: la condivisione delle scelte sulla base di unopportuna informazione sulla patologia, sui pro e sui contro di ogni scelta. Chi si trova daccordo con tale approccio, che poi quello di quanti lavorano nella nostra struttura, tutti improntati a tale cultura, benvenuto. Dott.ssa Giovanna Strollo (Specialista in Diabetologia ed Endocrinologia)

elle-di | centro di medicina tradizionale e complementare http://elle-di.it info@elle-di.it