Sei sulla pagina 1di 16

Sistemi dierenziali 2 2: esercizi

svolti
1 Sistemi lineari 2 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
2 Stabilit`a nei sistemi lineari 2 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
1
2 Sistemi dierenziali 2 2: esercizi svolti
1 Sistemi lineari 2 2
Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di dicolt`a maggiore.
Esercizio 1. Determinare lintegrale generale dei seguenti sistemi lineari:
a)
_
x

+ x y = 0
y

4x + y = 0
__
x(t) = c
1
e
t
+ c
2
e
3t
y(t) = 2c
1
e
t
2c
2
e
3t
,
c
1
, c
2
R
_
b)
_
x

= 2x + y
y

= 4x y
__
x(t) = c
1
e
3t
+ c
2
e
2t
y(t) = c
1
e
3t
4c
2
e
2t
,
c
1
, c
2
R
_
c) X

= AX, con A =
_
3 4
1 1
_
_
X(t) =
_
(2c
1
+ c
2
+ 2c
2
t)e
t
(c
1
+ c
2
t)e
t
_
, c
1
, c
2
R
_
d) X

= AX, con A =
_
2 1
2 4
_
_
X(t) =
_
c
1
cos t + c
2
sint
(c
1
+ c
2
) cos t + (c
1
c
2
) sint
_
e
3t
, c
1
, c
2
R
_
e) X

= AX + B(t), con A =
_
1 2
2 1
_
, B(t) =
_
t
1
_
_
X(t) =
_
c
1
e
t
+ c
2
e
3t
+
1
3
t
11
9
c
1
e
t
+ c
2
e
3t

2
3
t +
7
9
_
, c
1
, c
2
R
_
f) X

= AX + B(t), con A =
_
1 2
2 1
_
, B(t) =
_
e
3t
0
_
_
_
X(t) =
_
_
c
1
e
t
+ c
2
e
3t
+
_
1
2
t +
1
4
_
e
3t
c
1
e
t
+ c
2
e
3t
+
1
2
t e
3t
_
_
, c
1
, c
2
R
_
_
g) X

= AX + B(t), con A =
_
0 1
1 0
_
, B(t) =
_
sint
0
_
_
X(t) =
_
c
1
cos t + c
2
sint
1
2
cos t +
1
2
t sint
c
1
sint + c
2
cos t +
1
2
t cos t
_
, c
1
, c
2
R
_
Svolgimento
a) Consideriamo il sistema lineare omogeneo a coecienti costanti
_
x

+ x y = 0
y

4x + y = 0.
Scritto in forma esplicita (o normale) diventa
_
x

= x + y
y

= 4x y
Sistemi lineari 2 2 3
e in forma matriciale `e X

= AX, dove la matrice dei coecienti `e


A =
_
1 1
4 1
_
.
Calcoliamo gli autovalori di A. Si ha che
det(AI) =

1 1
4 1

= ( + 1)
2
4.
Quindi gli autovalori di A sono
1
= 1 con molteplicit`a m
1
= 1 e
2
= 3 con
molteplicit`a m
2
= 1.
Determiniamo gli autovettori associati a
1
e
2
. Cominiciamo con
1
. Risolviamo
il sistema lineare (A I)v = 0. Posto v = (x, y) si ottiene y = 2x. Quindi si ha
v = (x, 2x), x R. Sia quindi v
1
= (1, 2) uno di questi autovettori.
Cerchiamo un autovettore associato a
2
= 3. Risolviamo il sistema lineare
(A + 3I)v = 0. Posto v = (x, y) si ottiene y = 2x. Quindi si ha v = (x, 2x),
x R. Sia quindi v
2
= (1, 2) uno di questi autovettori.
Lintegrale generale `e
X(t) = c
1
v
1
e
t
+ c
2
v
2
e
3t
=
_
c
1
e
t
+ c
2
e
3t
2c
1
e
t
2c
2
e
3t
_
, c
1
, c
2
R.
In modo alternativo ma equivalente, si pu`o dire che lintegrale generale `e dato da
X(t) = c
1
X
1
(t) + c
2
X
2
(t), c
1
, c
2
R,
dove X
1
, X
2
sono le due soluzioni linearmente indipendenti
X
1
(t) = v
1
e
t
, X
2
(t) = v
2
e
3t
.
b) Consideriamo il sistema lineare omogeneo a coecienti costanti
_
x

= 2x + y
y = 4x y.
Scritto in forma matriciale `e X

= AX, dove la matrice dei coecienti `e


A =
_
2 1
4 1
_
.
Calcoliamo gli autovalori di A. Si ha che
det(AI) =

2 1
4 1

=
2
6.
4 Sistemi dierenziali 2 2: esercizi svolti
Quindi gli autovalori di A sono
1
= 3 con molteplicit`a m
1
= 1 e
2
= 2 con
molteplicit`a m
2
= 1.
Determiniamo gli autovettori associati a
1
e
2
. Cominiciamo con
1
. Risolviamo
il sistema lineare (A 3I)v = 0. Posto v = (x, y) si ottiene y = x. Quindi si ha
v = (x, x), x R. Sia quindi v
1
= (1, 1) uno di questi autovettori.
Cerchiamo un autovettore associato a
2
= 2. Risolviamo il sistema lineare
(A + 2I)v = 0. Posto v = (x, y) si ottiene y = 4x. Quindi si ha v = (x, 4x),
x R. Sia quindi v
2
= (1, 4) uno di questi autovettori.
Lintegrale generale `e
X(t) = c
1
v
1
e
3t
+ c
2
v
2
e
2t
=
_
c
1
e
3t
+ c
2
e
2t
c
1
e
3t
4c
2
e
2t
_
, c
1
, c
2
R.
In modo alternativo ma equivalente, si pu`o dire che lintegrale generale `e dato da
X(t) = c
1
X
1
(t) + c
2
X
2
(t), c
1
, c
2
R,
dove X
1
, X
2
sono le due soluzioni linearmente indipendenti
X
1
(t) = v
1
e
3t
, X
2
(t) = v
2
e
2t
.
c) Consideriamo il sistema lineare omogeneo a coecienti costanti X

= AX, dove
A =
_
3 4
1 1
_
.
Calcoliamo gli autovalori di A. Si ha che
det(AI) =

3 4
1 1

=
2
2 + 1.
Quindi gli autovalori di A sono
1
= 1 con molteplicit`a m
1
= 2. Determiniamo
gli autovettori associati a
1
. Risolviamo il sistema lineare (A I)v = 0. Posto
v = (x, y) si ottiene y = 2x. Quindi si ha v = (x, 2x), x R. Ne segue che
la molteplicit`a geometrica dellautovalore
1
`e 1. Sia v
1
= (1, 2) uno di questi
autovettori.
Determiniamo ora un autovettore generalizzato associato a
1
. Risolviamo il sis-
tema lineare (A I)v = v
1
. Posto v = (x, y) si ottiene x = 2y + 1. Quindi
gli autovettori generalizzati sono della forma v = (2y + 1, y), y R. Sia quindi
v
2
= (1, 0) uno di questi autovettori.
Sistemi lineari 2 2 5
Lintegrale generale `e
X(t) = c
1
v
1
e
t
+ c
2
(tv
1
+ v
2
)e
t
=
_
c
1
e
t
+ c
2
te
t
c
1
e
t
+ c
2
te
t
_
, c
1
, c
2
R.
In modo alternativo ma equivalente, si pu`o dire che lintegrale generale `e dato da
X(t) = c
1
X
1
(t) + c
2
X
2
(t), c
1
, c
2
R,
dove X
1
, X
2
sono le due soluzioni linearmente indipendenti
X
1
(t) = v
1
e
t
, X
2
(t) = (tv
1
+ v
2
)e
t
.
d) Consideriamo il sistema lineare omogeneo a coecienti costanti X

= AX, dove
A =
_
2 1
2 4
_
.
Calcoliamo gli autovalori di A. Si ha che
det(AI) =

2 1
2 4

=
2
6 + 10.
Quindi gli autovalori di A sono complessi coniugati
1,2
= 3 i. Determiniamo un
autovettore associato a
1
= 3+i. Risolviamo il sistema lineare (A(3+i)I)w = 0.
Posto w = (x, y) si ottiene y = (1 +i)x. Quindi si ha w = (x, (1 +i)x), x C.
Scegliamo ad esempio w = (1, (1 + i)). Consideriamo la funzione
Z(t) = we

1
t
=
_
1
1 + i
_
e
3t
(cos t + i sint) =
=
__
cos t
cos t + sint
_
+ i
_
sint
cos t sint
__
e
3t
.
Lintegrale generale `e
X(t) = c
1
Re (Z(t)) + c
2
Im(Z(t)) =
_
c
1
cos t + c
2
sint
(c
1
+ c
2
) cos t + (c
1
c
2
) sint
_
e
3t
,
al variare di c
1
, c
2
R.
e) Consideriamo il sistema lineare non omogeneo a coecienti costanti X

= AX +
B(t), dove
A =
_
1 2
2 1
_
, B(t) =
_
t
1
_
.
Lintegrale generale del sistema lineare non omogeneo X

= AX+B `e dato da X =
X
o
+ X
p
, dove X
o
`e lintegrale generale del sistema omogeneo associato X

= AX
e X
p
`e un integrale particolare del sistema lineare non omogeneo X

= AX + B.
6 Sistemi dierenziali 2 2: esercizi svolti
Calcoliamo inizialmente X
o
. Calcoliamo gli autovalori di A. Si ha che
det(AI) =

1 2
2 1

=
2
2 3.
Quindi gli autovalori di A sono
1
= 1 con molteplicit`a m
1
= 1 e
2
= 3 con
molteplicit`a m
2
= 1.
Determiniamo gli autovettori associati a
1
e
2
. Cominiciamo con
1
. Risolviamo
il sistema lineare (A + I)v = 0. Posto v = (x, y) si ottiene y = x. Quindi si ha
v = (x, x), x R. Sia quindi v
1
= (1, 1) uno di questi autovettori.
Cerchiamo un autovettore associato a
2
= 3. Risolviamo il sistema lineare (A
3I)v = 0. Posto v = (x, y) si ottiene y = x. Quindi si ha v = (x, x), x R. Sia
quindi v
2
= (1, 1) uno di questi autovettori.
Lintegrale generale del sistema omogeneo associato `e
X
o
(t) = c
1
v
1
e
t
+ c
2
v
2
e
3t
=
_
c
1
e
t
+ c
2
e
3t
c
1
e
t
+ c
2
e
3t
_
, c
1
, c
2
R.
Calcoliamo ora X
p
. Il termine noto B del sistema non omogeneo `e B(t) =
_
t
1
_
=
_
t
1
_
e
0t
. Quindi le sue componenti sono il prodotto di un polinomio di primo
grado e di un polinomio costante per la funzione esponenziale e
0t
. Poich`e 0 non `e
un autovalore della matrice A, un integrale particolare del sistema non omogeneo
`e della forma
X
p
(t) =
_
at + b
ct + d
_
e
0t
=
_
at + b
ct + d
_
,
dove a, b, c, d R. Imponiamo che X
p
risolva il sistema non omogeneo. Si ha che
X

p
= AX
p
+ B(t)
_
a
c
_
=
_
(a + 2c + 1)t + b + 2d
(2a + c)t + 2b + d + 1
_

_
a = (a + 2c + 1)t + b + 2d
c = (2a + c)t + 2b + d + 1

_

_
a + 2c + 1 = 0
a = b + 2d
2a + c = 0
c = 2b + d + 1

_
a =
1
3
b =
11
9
c =
2
3
d =
7
9
.
Sistemi lineari 2 2 7
Quindi un integrale particolare `e
X
p
(t) =
_
1
3
t
11
9

2
3
t +
7
9
_
.
Lintegrale generale del sistema non omogeneo `e
X(t) = X
o
(t) + X
p
(t) =
_
c
1
e
t
+ c
2
e
3t
+
1
3
t
11
9
c
1
e
t
+ c
2
e
3t

2
3
t +
7
9
_
, c
1
, c
2
R.
f) Consideriamo il sistema lineare non omogeneo a coecienti costanti X

= AX +
B(t), dove
A =
_
1 2
2 1
_
, B(t) =
_
e
3t
0
_
.
Lintegrale generale del sistema lineare non omogeneo X

= AX+B `e dato da X =
X
o
+ X
p
, dove X
o
`e lintegrale generale del sistema omogeneo associato X

= AX
e X
p
`e un integrale particolare del sistema lineare non omogeneo X

= AX + B.
Calcoliamo inizialmente X
o
. Calcoliamo gli autovalori di A. Si ha che
det(AI) =

1 2
2 1

=
2
2 3.
Quindi gli autovalori di A sono
1
= 1 con molteplicit`a m
1
= 1 e
2
= 3 con
molteplicit`a m
2
= 1.
Determiniamo gli autovettori associati a
1
e
2
. Cominiciamo con
1
. Risolviamo
il sistema lineare (A + I)v = 0. Posto v = (x, y) si ottiene y = x. Quindi si ha
v = (x, x), x R. Sia quindi v
1
= (1, 1) uno di questi autovettori.
Cerchiamo un autovettore associato a
2
= 3. Risolviamo il sistema lineare (A
3I)v = 0. Posto v = (x, y) si ottiene y = x. Quindi si ha v = (x, x), x R. Sia
quindi v
2
= (1, 1) uno di questi autovettori.
Lintegrale generale del sistema omogeneo associato `e
X
o
(t) = c
1
v
1
e
t
+ c
2
v
2
e
3t
=
_
c
1
e
t
+ c
2
e
3t
c
1
e
t
+ c
2
e
3t
_
, c
1
, c
2
R.
Calcoliamo ora X
p
. Il termine noto B del sistema non omogeneo `e B(t) =
_
e
3t
0
_
=
_
1
0
_
e
3t
. Quindi le sue componenti sono il prodotto di due polinomi costanti per la
funzione esponenziale e
3t
. Poich`e 3 `e un autovalore della matrice A con molteplicit`a
algebrica 1, un integrale particolare del sistema non omogeneo `e della forma
X
p
(t) =
_
at + b
ct + d
_
e
3t
,
8 Sistemi dierenziali 2 2: esercizi svolti
dove a, b, c, d R. Imponiamo che X
p
risolva il sistema non omogeneo. Si ha che
X

p
= AX
p
+ B(t)
_
3at + 3b + a
3ct + 3d + c
_
e
3t
=
_
(a + 2c)t + b + 2d + 1
(2a + c)t + 2b + d
_
e
3t

_
3at + 3b + a = (a + 2c)t + b + 2d + 1
3ct + 3d + c = (2a + c)t + 2b + d + 1

_

_
3a = a + 2c
3b + a = b + 2d
3c = 2a + c
3d + c = 2b + d

_
a =
1
2
b R
c =
1
2
d = b
1
4
.
Scelto ad esempio b =
1
4
si ha che un integrale particolare `e
X
p
(t) =
_
1
2
t +
1
4
1
2
t
_
.
Lintegrale generale del sistema non omogeneo `e
X(t) = X
o
(t) + X
p
(t) =
_
_
c
1
e
t
+ c
2
e
3t
+
_
1
2
t +
1
4
_
e
3t
c
1
e
t
+ c
2
e
3t
+
1
2
t e
3t
_
_
, c
1
, c
2
R.
g) Consideriamo il sistema lineare non omogeneo a coecienti costanti X

= AX +
B(t), dove
A =
_
0 1
1 0
_
, B(t) =
_
sint
0
_
.
Lintegrale generale del sistema lineare non omogeneo X

= AX+B `e dato da X =
X
o
+ X
p
, dove X
o
`e lintegrale generale del sistema omogeneo associato X

= AX
e X
p
`e un integrale particolare del sistema lineare non omogeneo X

= AX + B.
Calcoliamo inizialmente X
o
. Calcoliamo gli autovalori di A. Si ha che
det(AI) =

1
1

=
2
+ 1.
Quindi gli autovalori di A sono complessi coniugati
1,2
= i.
Determiniamo un autovettore associato a
1
= i. Risolviamo il sistema lineare
(AiI)w = 0. Posto w = (x, y) si ottiene y = ix. Quindi si ha w = (x, ix), x C.
Scegliamo ad esempio w = (1, i). Consideriamo la funzione
Z(t) = we

1
t
=
_
1
i
_
e
0t
(cos t + i sint) =
_
cos t
sint
_
+ i
_
sint
cos t
_
.
Sistemi lineari 2 2 9
Lintegrale generale del sistema omogeneo associato `e
X
o
(t) = c
1
Re (Z(t)) + c
2
Im(Z(t)) =
_
c
1
cos t + c
2
sint
c
1
sint + c
2
cos t
_
, c
1
, c
2
R.
Calcoliamo ora X
p
. Il termine noto B del sistema non omogeneo `e
B(t) =
_
sint
0
_
= e
0t
__
0
0
_
cos t +
_
1
0
_
sint
_
.
Quindi le sue componenti sono il prodotto della funzione esponenziale e
0t
per delle
combinazioni lineari delle funzioni cos t e sint, in cui i coecienti sono polinomi
costanti. Poich`e 0 1i = i sono autovalori della matrice A con molteplicit`a
algebrica 1, un integrale particolare del sistema non omogeneo `e della forma
X
p
(t) = e
0t
__
at + b
ct + d
_
cos t +
_
et + f
gt + h
_
sint
_
=
_
at + b
ct + d
_
cos t +
_
et + f
gt + h
_
sint,
dove a, b, c, d, e, f, g, h R. Imponiamo che X
p
risolva il sistema non omogeneo.
Si ha che
X

p
= AX
p
+ B(t)
_
et + f + a
gt + h + c
_
cos t +
_
at b + e
ct d + g
_
sint =
_
ct + d
at b
_
cos t +
_
gt + h + 1
et f
_
sint

_
et + f + a = ct + d
gt + h + c = at b
at b + e = gt + h + 1
ct d + g = et f

_
e = c
f + a = d
g = a
h + c = b
b + e = h + 1
c = e
d + g = f

_
a, f, h R
b = h
1
2
c = e =
1
2
d = f + a
g = a.
Scelto ad esempio a = f = h = 0 si ha che un integrale particolare `e
X
p
(t) =
_

1
2
1
2
t
_
cos t +
_
1
2
t
0
_
sint.
Lintegrale generale del sistema non omogeneo `e
X(t) = X
o
(t)+X
p
(t) = X(t) =
_
c
1
cos t + c
2
sint
1
2
cos t +
1
2
t sint
c
1
sint + c
2
cos t +
1
2
t cos t
_
, c
1
, c
2
R.
10 Sistemi dierenziali 2 2: esercizi svolti
Esercizio 2. Determinare la soluzione dei seguenti problemi di Cauchy:
a)
_
_
_
X

= AX
X(0) =
_
0
1
_
,
A =
_
1 1
1 3
_
_
X(t) =
_
te
2t
(t + 1)e
2t
__
b)
_
_
_
X

= AX
X(0) =
_
1
0
_
,
A =
_
2 3
3 2
_
_
X(t) =
1
2
_
e
t
+ e
5t
e
t
e
5t
__
c)
_
_
_
X

= AX
X(0) =
_
1
1
_
,
A =
_
3 1
1 1
_
_
X(t) =
_
e
2t
e
2t
__
d)
_
X

= AX + B
X(0) = 0,
A =
_
2 1
4 1
_
, B =
_
e
2t
e
2t
_
_
X(t) =
_
3
25
e
3t

3
25
e
2t
+
2
5
te
2t
3
25
e
3t

3
25
e
2t

8
5
te
2t
__
Svolgimento
a) Determiniamo gli autovalori di A. Si ha quindi che
det (AI) =

1 1
1 3

= ( 2)
2
.
Quindi gli autovalori di A sono = 2 con molteplicit`a algebrica 2.
Determiniamo gli autovettori associati a .
Risolviamo il sistema lineare (A2I)v = 0. Si ha
x + y = 0 = v = (x, x), x R.
Sia quindi v
1
= (1, 1) uno di questi autovettori.
Cerchiamo un autovettore generalizzato associato a . Risolviamo il sistema lineare
(A2I)v = v
1
. Si ha
x + y = 1 = v = (x, x + 1), x R.
Sia quindi v
2
= (0, 1) uno di questi autovettori.
Lintegrale generale `e
X(t) = c
1
v
1
e
2t
+ c
2
(tv
1
+ v
2
)e
2t
=
_
c
1
e
2t
+ c
2
te
2t
(c
1
+ c
2
)e
2t
+ c
2
te
2t
_
, c
1
, c
2
R.
Sistemi lineari 2 2 11
Imponendo la condizione iniziale X(0) =
_
0
1
_
si ottiene c
1
= 0 e c
2
= 1. Quindi
la soluzione del problema di Cauchy `e
X(t) =
_
te
2t
(t + 1)e
2t
_
.
b) Determiniamo gli autovalori di A. Si ha quindi che
det (AI) =

2 3
3 2

= ( 2)
2
9.
Quindi gli autovalori di A sono
1
= 1 con molteplicit`a m
1
= 1 e
2
= 5 con
molteplicit`a m
2
= 1.
Determiniamo gli autovettori associati a
1
e
2
. Cominiciamo con
1
. Risolviamo
il sistema lineare (A + I)v = 0. Posto v = (x, y) si ottiene y = x. Quindi si ha
v = (x, x), x R. Sia quindi v
1
= (1, 1) uno di questi autovettori.
Cerchiamo un autovettore associato a
2
= 5. Risolviamo il sistema lineare (A
5I)v = 0. Posto v = (x, y) si ottiene y = x. Quindi si ha v = (x, x), x R.
Sia quindi v
2
= (1, 1) uno di questi autovettori.
Lintegrale generale `e
X(t) = c
1
v
1
e
t
+ c
2
v
2
e
5t
=
_
c
1
e
t
+ c
2
e
5t
c
1
e
t
c
2
e
5t
_
, c
1
, c
2
R.
Imponendo la condizione iniziale X(0) =
_
1
0
_
si ottiene c
1
= c
2
=
1
2
. Quindi la
soluzione del problema di Cauchy `e
X(t) =
1
2
_
e
t
+ e
5t
e
t
e
5t
_
.
c) Determiniamo gli autovalori di A. Si ha quindi che
det (AI) =

3 1
1 1

= ( + 2)
2
.
Quindi gli autovalori di A sono = 2 con molteplicit`a algebrica 2.
Determiniamo gli autovettori associati a .
Risolviamo il sistema lineare (A + 2I)v = 0. Si ha
x + y = 0 = v = (x, x), x R.
Sia quindi v
1
= (1, 1) uno di questi autovettori.
12 Sistemi dierenziali 2 2: esercizi svolti
Cerchiamo un autovettore generalizzato associato a . Risolviamo il sistema lineare
(A + 2I)v = v
1
. Si ha
x + y = 1 = v = (x, x 1), x R.
Sia quindi v
2
= (0, 1) uno di questi autovettori.
Lintegrale generale `e
X(t) = c
1
v
1
e
2t
+ c
2
(tv
1
+ v
2
)e
2t
=
_
c
1
e
2t
+ c
2
te
2t
(c
1
+ c
2
)e
2t
c
2
te
2t
_
, c
1
, c
2
R.
Imponendo la condizione iniziale X(0) =
_
1
1
_
si ottiene c
1
= 1 e c
2
= 0. Quindi
la soluzione del problema di Cauchy `e
X(t) =
_
e
2t
e
2t
_
.
d) Lintegrale generale del sistema lineare non omogeneo X

= AX+B `e dato da X =
X
o
+ X
p
, dove X
o
`e lintegrale generale del sistema omogeneo associato X

= AX
e X
p
`e un integrale particolare del sistema lineare non omogeneo X

= AX + B.
Calcoliamo inizialmente X
o
. Determiniamo gli autovalori di A. Si ha quindi che
det (AI) =

2 0
4 1

=
2
6.
Quindi gli autovalori di A sono
1
= 3 e
2
= 2. Quindi A `e diagonalizzabile.
Determiniamo gli autovettori associati a
1
e
2
. Cominiciamo con
1
.
Risolviamo il sistema lineare (A3I)v = 0. Si ha
x + y = 0 = v = (x, x), x R.
Sia quindi v
1
= (1, 1) uno di questi autovettori.
Cerchiamo un autovettore associato a
2
= 2. Risolviamo il sistema lineare
(A + 2I)v = 0. Si ha
4x + y = 0 = v = (x, 4x), x R.
Sia quindi v
2
= (1, 4) uno di questi autovettori.
Lintegrale generale X
o
del sistema lineare omogeneo X

= AX `e dato da
X
o
(t) = c
1
v
1
e
3t
+ c
2
v
2
e
2t
=
_
c
1
e
3t
+ c
2
e
2t
c
1
e
3t
4c
2
e
2t
_
, c
1
, c
2
R.
Sistemi lineari 2 2 13
Calcoliamo ora X
p
. Il termine noto B del sistema non omogeneo `e B(t) =
_
e
2t
e
2t
_
=
_
1
1
_
e
2t
. Quindi le sue componenti sono il prodotto di un poli-
nomio costante per la funzione esponenziale e
2t
. Poich`e 2 `e un autovalore della
matrice A con molteplicit`a algebrica 1, un integrale particolare del sistema non
omogeneo `e della forma
X
p
(t) =
_
at + b
ct + d
_
e
2t
,
dove a, b, c, d R. Imponiamo che X
p
risolva il sistema non omogeneo. Si ha che
X

p
= AX
p
+B(t)
_
2at 2b + a
2ct 2d + c
_
e
2t
=
_
(2a + c)t + 2b + d + 1
(4a c)t + 4b d 1
_
e
2t

_
2at 2b + a = (2a + c)t + 2b + d + 1
2ct 2d + c = (4a c)t + 4b d 1

_

_
2a = 2a + c
2b + a = 2b + d + 1
2c = 4a c
2d + c = 4b d 1

_
a =
2
5
b R
c =
8
5
d = 4b
3
5
.
Scelto ad esempio b = 0 si ha che un integrale particolare `e
X
p
(t) =
_
2
5
t

8
5
t
3
5
_
e
2t
.
Lintegrale generale del sistema non omogeneo `e
X(t) = X
o
(t) + X
p
(t) =
_
_
c
1
e
3t
+ c
2
e
2t
+
2
5
t
c
1
e
3t
4c
2
e
2t

_
8
5
t +
3
5
_
e
2t
_
_
, c
1
, c
2
R.
Imponendo la condizione iniziale X(0) = 0 si ottiene c
1
=
3
25
e c
2
=
3
25
. Quindi
la soluzione del problema di Cauchy `e
X(t) =
_
_
3
25
e
3t
+
_
2
5
t
3
25
_
e
2t
3
25
e
3t

_
8
5
t +
3
25
_
e
2t
_
_
.
14 Sistemi dierenziali 2 2: esercizi svolti
2 Stabilit`a nei sistemi lineari 2 2
Gli esercizi contrassegnati con il simbolo * presentano un grado di dicolt`a maggiore.
Esercizio 1. Discutere la stabilit`a della soluzione nulla dei seguenti sistemi lineari 22
al variare del parametro.
a) X

=
_
2
2
_
X, R [Instabile per ogni R]
b)
dx
dt
=
_
4 1
0
_
x, R
_

_
< 0 : x = 0 `e asintoticamente stabile,
= 0 : x = 0 `e stabile non asintoticamente,
> 0 : x = 0 `e instabile.
_

_
c)
_
x

= x + y
y

= 16x y,
R
_

_
|| < 4 : (x, y) = 0 `e stabile non asintoticamente,
|| = 4 : (x, y) = 0 `e instabile,
|| > 4 : (x, y) = 0 `e instabile.
_

_
d)
_
x

= (3 )x + y
y

= (3 )
2
x + ( 4)y,
R
_

_
< 3, : (x, y) = 0 `e instabile,
= 3 : (x, y) = 0 `e stabile non asintoticamente,
> 3 : (x, y) = 0 `e asintoticamente stabile.
_

_
Svolgimento
a) Consideriamo il sistema lineare omogeneo acoecienti costanti
X

=
_
2
2
_
X, R.
La matrice dei coecienti `e
A =
_
2
2
_
.
Determiniamo gli autovalori di A. Si ha quindi che
det (AI) =

2
2

= (2 )
2

2
.
Quindi gli autovalori di A sono
1,2
= + 2. Si ha che

1,2
0
_
+ 2 0
+ 2 0

_
2
2
= R.
Quindi la soluzione X = 0 `e instabile per ogni R.
Stabilit`a nei sistemi lineari 2 2 15
b) Consideriamo il sistema lineare omogeneo a coecienti costanti
dx
dt
=
_
4 1
0
_
x, R.
La matrice dei coecienti `e
A =
_
4 1
0
_
.
Determiniamo gli autovalori di A. Poich`e la matrice `e triangolare (superiore), i
suoi autovalori sono gli elementi della diagonale principale. Quindi gli autovalori
della matrice A sono 4 e . Ne segue che
< 0 = x = 0 `e asintoticamente stabile,
= 0 = x = 0 `e stabile ma non asintoticamente,
> 0 = x = 0 `e instabile.
c) Consideriamo il sistema lineare omogeneo a coecienti costanti
_
x

= x + y
y

= 16x y,
R.
La matrice dei coecienti `e
A =
_
1
16
_
.
Quindi gli autovalori di A sono le soluzioni (complesse) dellequazione det(AI) =
0, cio`e

1
16

= ( )( ) + 16 =
2

2
+ 16 = 0.
Le soluzioni sono

1,2
=
_

_
i

16
2
se || < 4
0 se || = 4

2
16 se || > 4.
Ne segue che
|| < 4 = la soluzione nulla `e stabile ma non asintoticamente,
|| = 4 = la soluzione nulla `e instabile,
|| > 4 = la soluzione nulla `e instabile.
d) Consideriamo il sistema lineare omogeneo a coecienti costanti
_
x

= (3 )x + y
y

= (3 )
2
x + ( 4)y,
R.
16 Sistemi dierenziali 2 2: esercizi svolti
La matrice dei coecienti `e
A =
_
3 1
(3 )
2
4
_
.
Per studiare la stabilit`a della soluzione nulla calcoliamo gli autovalori di A. Si ha
che
det (AI) =

3 1
(3 )
2
4

= (3)(4)+(3)
2
=
2
++3.
Ne segue che
det (AI) = 0
2
+ + 3 = 0
1,2
=
1

13 4
2
.
Se >
13
4
, allora
1,2
=
1
2
i

413
2
. Quindi gli autovalori di A hanno parte
reale negativa. Ne segue che X = 0 `e asintoticamente stabile.
Se =
13
4
, allora
1,2
=
1
2
. Quindi lunico autovalore di A ha parte reale negativa.
Ne segue che X = 0 `e asintoticamente stabile.
Se <
13
4
, allora
1,2
=
1

134
2
R. Si ha che
1
=
1

134
2
< 0 mentre

2
=
1 +

13 4
2
< 0

13 4 < 1 > 3.
Poich`e per = 3 si ottiene
2
= 0, si ha che se 3 < <
13
4
, allora gli autovalori di
A sono negativi e quindi X = 0 `e asintoticamente stabile.
Se = 3, un autovalore `e negativo e laltro `e nullo, quindi X = 0 `e stabile ma non
asintoticamente.
Se < 3, un autovalore `e negativo e laltro `e positivo, quindi X = 0 `e instabile
ma non completamente instabile.
Ricapitolando si ha che
< 3 = X = 0 `e instabile,
= 3 = X = 0 `e stabile ma non asintoticamente,
> 3 = X = 0 `e asintoticamente stabile.