Sei sulla pagina 1di 2

Paul Davies: Scienza e tecnica

www.filosofia.rai.it

La Citt del Pensiero Le puntate de Il Grillo Tommaso: il piacere di ragionare Il Cammino della Filosofia Aforismi Tv tematica Trasmissioni radiofoniche Articoli a stampa Lo Stato di Salute della Ragione nel Mondo Le interviste dell'EMSF I percorsi tematici Le biografie I brani antologici EMSF scuola Mappa
Copyright Rai Educational

Aforismi Paul Davies

Scienza e tecnica
Documenti correlati

DOMANDA Professor Davies, condivide la distinzione fra scienza e uso della scienza? DAVIES Sicuramente. Penso che, spesso, si tenda ad equiparare scienza e tecnologia. La mia carriera stata contrassegnata dal tentativo di comprendere la scienza come un mezzo per svelare i segreti della natura. Il mio fine sempre stato capire come funziona il mondo e qual il suo significato. E credo sia questo un uso molto nobile della scienza. Ma vi esiste anche la scienza come fondamento della tecnologia. Come ho gi avuto modo di spiegare, non credo che possiamo fare a meno della tecnologia. La tecnologia non intrinsecamente buona o cattiva, buona o cattiva a seconda delluso che ne vien fatto. Molti cercano di giustificare il fatto di fare scienza in base ai suoi risultati tecnologici. Secondo me la scienza veramente unimpresa pi profonda. Essa per sua natura fondamentalmente culturale. E da porre accanto alle arti, ed qualcosa che vale la pena di fare per se stessa. Ma ovviamente la scienza costosa, deve pagare un prezzo per il proprio sviluppo e lo fa attraverso i suoi prodotti tecnologici. Ma nellera della tecnologia e non in quella della scienza come tale che si nascondono i pericoli. La scienza semplicemente un nobile cammino verso la conoscenza. Invece, la scienza, in quanto strumento di creazione della tecnologia, pericolosa: per questo dobbiamo non gi arrestarci, ma essere consapevoli dei suoi pericoli e creare le istituzioni e la regolamentazione adatta per esser sicuri che essa non sfugga mai al controllo.Credo sia finita ormai da molto tempo lepoca in cui gli scienziati potevano permettersi di dire semplicemente che era colpa dei politici. Una volta fatta una scoperta scientifica inevitabile che prima o poi qualcuno voglia sfruttarla. Il problema che non possiamo sapere in anticipo quale filone della ricerca probabilmente si dimostrer pericoloso e quale invece benefico. Ora io non credo che possiamo tornare sui nostri passi. Coloro che vedono nella scienza puramente qualcosa di funesto e che vorrebbero in qualche modo tornare allepoca medioevale, alla societ pre-tecnologica, sono in grave errore, sono fuori strada. Ormai troppo tardi, non possiamo fare a meno della scienza, dipendiamo dalla scienza e dalla tecnologia in talmente tanti modi per la nostra esistenza che siamo costretti ad

http://www.emsf.rai.it/aforismi/aforismi.asp?d=178[12/02/2013 23:10:14]

Paul Davies: Scienza e tecnica

accettarla, nel bene e nel male. Io credo sia giunto il momento quindi per gli scienziati stessi di comportarsi, se mi concesso esprimermi in questi termini, come poliziotti rispetto alle proprie scoperte. Non disponiamo ancora di istituzioni che svolgano questo compito, anche se se ne intravede linizio, ad esempio nellarea della biotecnologia, nel modo in cui gli scienziati si autodisciplinano al fine di non creare mostri che verrebbero poi abbandonati, finendo al di l di ogni controllo e minacciando le nostre vite. Spero che questa idea degli scienziati che si assumono la responsabilit per il loro lavoro si diffonda anche in altri campi. Ma in definitiva, naturalmente la societ nel suo insieme deve accettare che se si vogliono trarre benefici dalla scienza, si deve anche imparare a convivere con i suoi pericoli. Biografia di Paul Davies Leggi l'intervista da cui stato tratto questo aforisma Aforismi dello stesso autore Un fisico alla ricerca di Dio Partecipa al forum "Tommaso - Che cos'e' la natura?"
Tutti i diritti riservati

http://www.emsf.rai.it/aforismi/aforismi.asp?d=178[12/02/2013 23:10:14]