Sei sulla pagina 1di 2

Maurizio Bonanni

Roma, 17 Novembre 2012

UNO SPETTRO SI AGGIRA PER LEUROPA

Attenti al Tecnico! Questo lo Spettro che si aggira, oggi, per lEuropa. Lha scoperto, tardivamente, Barbara Spinelli, in un saggio breve su La Repubblica del 17 novembre scorso. In sintesi, prendendo spunto da uno stralcio del libro di Monti (scritto a 4 mani con leurodeputata Sylvie Goulard.. A proposito: non che, prossimamente, ci troveremo confrontati anche noi a uno scandalo tipo Petreus? Sai che gioia per il gossip nazionale!), in cui gli autori bocciano la conduzione politica e politicante dellEuropa di domani, per affidarla ai Tecnici, depositari della verit sulle ricette di stabilit e crescita economica. Davvero senza pudore, visto il gran casino che hanno combinato i tecnici montiani, nel tentativo di riformare lirriformabile, senza prima aver tagliato letteralmente la testa alle varie caste pubbliche intoccabili, di ogni ordine e grado. E, di certo, come poteva farlo un Governo che ha ribattezzato Ministri gli esponenti pi in vista di quelle caste stesse, non mandando a casa nemmeno uno dei vertici degli alti burocrati ministeriali, che da sempre rendono vano qualsiasi tentativo di riforma del sistema pubblico italiano? La Spinelli, quindi, evoca un nuovo Fattore P, che va sostituendosi a quello K (Kommunizm, in russo), coniato da Ronchey nel 1979, che bloccava, di fatto, il meccanismo dellalternanza in Italia. Ma -a mio modo di vedere- il pericolo viene, per Noi, da ben altri orizzonti. La sua origine -nemmeno tanto nascosta- sta nella figura-chiave del Ministro Riccardi (autentico guru storico di quella Comunit di S. Egidio, che vorrebbe aprire indiscriminatamente le porte a tutti gli immigrati clandestini, che arrivano sul territorio italiano!), definito da alcuni giornali del centro-destra lambasciatore del Vaticano presso il Governo Monti. Nel suo identico solco si muovono i cattolicissimi Bonanni e, Montezemolo, raccoltisi -per loccasione- attorno a un progetto evidente di formare, finalmente, il Ppe italiano -gi grande sogno di Berlusconi!-, per un solido rassemblement (sul modello del Partito dellex Presidente francese, Chirac) dei moderati. Vi prego di notare che, da decenni, ad agire sono sempre e solo meccanismi di casta, calati dallalto e voluti non si sa da chi, per la selezione delle lite, senza mai un preventivo consenso di popolo, che pur caratterizzava i grandi Partiti-Chiesa (Dc e Pci) degli anni del Secondo Dopoguerra. Almeno Berlusconi, con Forza Italia, a seguito della desertificazione politica provocata da Mani Pulite, ebbe lidea geniale di lanciare un Partito proprietario, per rimettere insieme i cocci della 1^ Repubblica, recuperando i cascami (ma con forti basi di consenso clientelare!) di Dc e Psi! Permettetemi una digressione: caro Casini, hai perso unaltra volta, senza nemmeno poterla giocare la tua partita elettorale! Di te, divorziato e convivente morganatico, la Chiesa, a quanto pare, proprio non si fida, anche perch sa leggere nelle urne meglio di chiunque, e ben oltre i sondaggi berlusconiani, e perch la tua natura ondivaga dei Due forni -spenti da tempo- mal si adatta alla sopravvivenza in Curia del Fattore K! ora che i tuoi se ne accorgano, o andranno al massacro, portando voti a

Grillo, visto che il tuo Partito pronto a spegnersi e immolarsi per dare a Monti il nuovo incarico di governare lItalia! A parte lastensione-astinenza degli elettori da questa politica (Riccardi-Bonanni-Montezemolo non rappresentano, davvero, il nuovo che avanza!), il conglomerato moderato pro-Monti si sfalderebbe ben presto, dilaniato dalle faide interne, una volta al potere con la sfinge professorale, che si finge non-candidato, semplicemente per continuare a dare lo stipendio ai suoi tecnici! Pi in generale: chi ha chiesto ai cittadini italiani se vogliono pi o meno Europa? Non forse vero che, nel vergognoso silenzio dei media (tutti!), si modificato, con un rapidissimo doppio scrutinio e a maggioranza dei 2/3 (v. Art. 128 Cost. per la relativa procedura), l'art. 81 della Costituzione, in ossequio del Trattato sul Fiscal Compact, che rende obbligatorio il recepimento in costituzione del pareggio di bilancio, fortissimamente voluto da Bruxelles e dalla Merkel, in particolare, che non si fida assolutamente di noi? Dov'era all'epoca la politica? Qual' stato il ricatto della Germania sulla sovranit italiana, per evitare di sottoporre la modifica a referendum approvativo, che sarebbe stato di certo bocciato dall'assoluta maggioranza degli italiani? E, poi: perch non si modificato, altres, quel passaggio anacronistico, che vuole il reclutamento per concorso degli impiegati pubblici italiani (avete presente il costo dei concorsi-monstre, con centinaia di migliaia di candidati?)? Questi ultimi vanno fatti lavorare (e non mandati!) a casa, prendendo spunto da quanto realizzato dalla Societ Siemens (tedesca!) con la scrivania virtuale, che libererebbe le citt dal mostruoso traffico urbano odierno, facendo risparmiare centinaia di miliardi di euro allo Stato e consentendo, finalmente, un controllo ferreo sulla qualit e produttivit degli impiegati pubblici? Supercaste mie (Oscar Giannino compreso!), basta prenderci in giro!