Sei sulla pagina 1di 4

LA NEUROSCIENZA DELLE EMOZIONI: QUESTIONE FISICA.

Maschere del teatro greco rappreentanti emozioni (Codice Vaticano Latino,3868,77r,Biblioteca Apostolica Vaticana)

Negli ultimi vent'anni la Neuroscienza si occupata di comprendere le strutture del cervello e le funzioni cognitive annesse, come il linguaggio e la memoria. Di recente gli scienziati si sono rivolti allo studio delle emozioni come meccanismi cerebrali, dalla paura alla rabbia, dalla gioia alla tristezza. E queste scoperte stanno tracciando un nuovo atlante neuroanatomico delle emozioni: ad esempio, molte malattie mentali, come la depressione e gli attacchi di panico, si manifestano infatti con la perdita dei normali meccanismi di controllo delle comuni reazioni emotive. Tra i pionieri di questo settore c' Joseph LeDoux, professore di neurobiologia della New York University, autore di numerosi studi sui meccanismi cerebrali della paura, e anche di un libro di divulgazione intitolato Il Cervello Emotivo, in quindici anni di ricerca ha affrontato per primo, con rigore scientifico, il terreno minato delle emozioni (secondo alcuni evitato dai neuroscienziati nel timore di sconfinare nella psicoanalisi e nella psicologia). Il neurologo Antonio Damasio dell'Universit dello Iowa, invece, ritiene che le emozioni siano state a lungo trascurate per il perpetuarsi del famoso "errore di Cartesio". Il filosofo francese infatti, riteneva situate nel cervello solo le funzioni superiori dell'uomo, come la moralit, la ragione, il linguaggio, e provenienti dal basso del corpo, quindi meno degne di attenzione, le emozioni, alla pari degli istinti che l'uomo ha in comune con gli animali. Ma per Joseph LeDoux tutto dipende da un malinteso di fondo: "Si tende a confondere emozioni e sentimenti. Le emozioni sono funzioni biologiche che si sono evolute per permettere agli animali di sopravvivere in un ambiente ostile e di riprodursi. I sentimenti invece sono il prodotto della coscienza, etichette soggettive che l'uomo attribuisce alle emozioni inconsce".

Occorre perci sorvolare sui i sentimenti, che sono impossibili da oggettivare, e invece concentrarsi sulle emozioni e sulla loro base biologica, i cui circuiti neurali sono tangibili quanto quelli dei meccanismi sensoriali.
LeDoux si cos dedicato allo studio della paura, un'emozione basilare per la sopravvivenza animale.(Gli studi vennero effettuati sul topo) . lo studioso si pose alcune domande : quali cellule cerebrali si attivano in caso di pericolo? quali sostanze chimiche vengono emesse? e qual il circuito di trasmissione?" . In tutti gli animali la paura del predatore scatenata da un segnale di pericolo provoca all'istante alcune reazioni fisiologiche che portano alla fuga, oppure alla paralisi dei movimenti nel tentativo di passare inosservati. Questa sensazione si mantenuta senza troppi cambiamenti lungo tutta la scala dell'evoluzione: perci i risultati ottenuti nei topi sono significativi anche per gli esseri umani.

LeDoux ha individuato un circuito che collega l'orecchio direttamente al talamo e da l all'amigdala, la "piccola mandorla" al centro del sistema limbico che si rivelata l'organo principale per l'attivazione dei meccanismi della paura. Il sistema limbico include l'ipotalamo(che controlla i meccanismi omeostatici del corpo) la ghiandola pituitaria(che regola gli ormoni del corpo)e l'amigdala. L'amigdala specializzata nel reagire a un particolare stimolo e nel provocare una risposta fisiologica, che rappresenta l'emozione della paura. Molto diverso invece il sentimento cosciente della paura, attivato da un secondo, pi lento percorso cerebrale che collega l'orecchio all'amigdala e quindi alla corteccia cerebrale. Qui il segnale minaccioso viene analizzato in dettaglio, usando informazioni provenienti anche da altre parti del cervello, e solo dopo il messaggio viene rimandato all'amigdala. Con quale conseguenza? Se si tratta di un falso allarme, la corteccia cerca di arrestare la sensazione di paura. Ma il soggetto avr pur sempre avvertito l'iniziale stato d'allerta indotto dall'amidgala. Un simile circuito neurale esiste anche nell'uomo. Cos una persona sobbalza alla vista di un serpente sul sentiero. Ma se per caso quel serpente si rivela un semplice pezzo di legno, ecco che la paura subito svanisce. Lo stesso succede quando si sente il ruggito di un leone, ma non ci si impaurisce perch si sta visitando uno zoo. In questo caso, gli input provenienti dalla corteccia cerebrale aiutano a vincere l'istintivo timore. Ma questo secondo circuito, pi lento, non sempre funziona a dovere. (Le connessioni neurali di ritorno dalla corteccia all'amigdala sono molto meno sviluppate di quelle di andata, dall'amigdala alla corteccia.) E' dunque pi forte la via di andata e perci spesso stentiamo a controllare razionalmente le nostre emozioni. Tale situazione diventa patologica nei soggetti fobici, che possono rispondere con paura alla semplice immagine di un serpente. La scoperta di questo doppio circuito porta a confutare il concetto, da tempo accettato, di un sistema limbico in cui affluiscono tutti i segnali sensoriali provenienti dall'esterno, cos come dall'interno del corpo, e dal quale scaturiscono le esperienze emozionali. L'idea di un sistema cerebrale che presiede alle emozioni separato da quello della cognizione corretta in parte, ma non si dovrebbe pi parlare di sistema limbico, dato che l'ippocampo e le altre strutture limbiche non interferiscono nei meccanismi della paura. Le informazioni sensoriali entrano nell'amidgala e solo da essa provengono i segnali motori. Per convalidare l'ipotesi di LeDoux certo occorre replicare anche su altre emozioni le ricerche effettuate sulla paura. Ed lo stesso neuroscienziato della New York University a ricordare che nell'amigdala esistono almeno 12 regioni distinte, di cui solo 2 sono coinvolte nella paura: ci lascia ampio spazio ad altre esperienze emotive, come quella dell'attrazione sessuale, che negli esseri umani senz'altro collegata con l'amore. Ma l'amore no, non si deve studiare, ribatte LeDoux a McLean, perch non si tratta di un'emozione, bens di un sentimento, anzi del sentimento soggettivo per eccellenza. La neurobiologia dell'amore quindi per ora rimane ferma al palo. Almeno fino a quando non verr risolto il pi profondo enigma della coscienza.

DALLA BIOCHIMICA DELLE EMOZIONI ALLA RELAZIONE MENTE-CORPO


La ricerca neurobiologica sta progredendo tanto da far ipotizzare che anche "il corpo possa pensare"! La Dr. Candace Pert psicofarmacologa di fama internazionale e ricercatrice presso la Johns Hopkins School of Medicine una delle sostenitrici dei rapporti tra chimica cerebrale ed emozioni umane, delle relazioni tra corpo e mente,cervello e consapevolezza. Come le emozioni possono manifestarsi in tutto il corpo? La cososcenza sempre pi approfondita sui neuropeptidi rende sempre pi difficile pensare al corpo e alla mente in termini tradizionali. Diventa sempre pi corretto e appropriato parlare di una sola entit integrata,"un corpo-mente". Ma cosa sono questi neuropeptidi? Sono neurotrasmettitori ovvero sostanze prodotte dai neuroni che servono a comunicare messaggi ad altri neuroni e ad altre cellule con un corrispondente recettore (il meccanismo di tipo chiave-serratura:ogni peptide avr il suo recettore e comunicher con quello). I neuropeptidi scorrono praticamente in tutti i fluidi corporei e sono attratti da particolari resettori perch sono adatti solo a determinate serrature. Ci da vita ad una rete fitta di comunicazioni all'interno del corpo che la Pert ritiene sia fondamentale per la biochimica delle emozioni. Una volta si riteneva che queste sostanze si trovassero solo nel cervello in realt sono state trovate nell'intestino,nei reni, nello stomaco, nel cuore, nel sistema immunitario e nell'apparato circolatorio. Una volta si pensava che le informazioni del sistema nervoso avvenissero secondo un meccanismo chiamato sinapsi e la vicinanza delle cellule nervose determinava ci che poteva essere comunicato. Ma ora sappiamo che la maggiorparte delle informazioni cerebrali dipende dalla specificit dei recettori. Dunque quando una cellula secerne un peptide questo pu agire a "chilometri" di distanza . I recettori sono il meccanismo che regola lo scambio di informazioni nel corpo. A cosa porta tutto ci? Se i neuropeptidi sono la chiave per capire la biochimica delle emozioni, esse risiedono non nella testa o nel cervello bens in tutto il corpo, e non pi possibile fare una distinzione tra cervello e corpo . Gli esperimenti che dimostravano il legame tra le emozioni e il sistema limbico ebbero modo di suscitare emozioni come rabbia,dolore,piacere associati ad antichi ricordi con tutte le corrispondenti manifestazioni somatiche. Recenti scoperte dimostrano che amigdala e ipotalamo sono in realt recettori oppiacei: essi ne contengono quaranta volte di pi delle altre aree del cervello. Un'altra fonte -davvero inaspettata- sono gli ormoni. Storicamente si sempre pensato che gli ormoni fossero sintetizzati dalle ghiandole,non dalle cellule nervose. L'ormone fondamentale l'insulina che secreta dal pancreas. Ora si scoperto che l'insulina non soltanto un ormone. Di fatto l'insulina un neuropeptide sintetizzato e immagazzinato nel cervello dove vi sono recettori dell'insulina. In particolare sono stati trovati recettori nell'amigdala e nell'ipotalamo. Ma non solo, dal punto di vista anatomico, essi sono localizzati in luoghi in cui avviene una grande modulazione di emozioni. Un punto nodale il corno dorsale della spina dorsale da dove entrano le informazioni sensoriali. Alla fine dei sui esperimenti Candace Pert dice: "all'inizio del mio lavoro pensavo realisticamente che le emozioni erano nella testa e nel cervello. Ora direi che esse sono anche nel corpo. Si eprimono nel corpo e fanno fanno parte

del corpo. Non riesco pi a fare una netta distinzione tra cervello e corpo. L'endocrinologia la neuroscienza e l'immunologia, aspetti di uno stesso processo, con i loro diversi organi,il cervello, le ghiandole e il sistema immunitario(costituito dalla milza,midollo spinale,linfonodi..)sono in realt unite da una rete di comunicazione bidirezionale i cui portatori sono i neuropeptidi. Cosa significa questo tipo di connessioni corpo e cervello? Di solito ci si riferisce al potere della mente sul corpo. In realt tutti conosciamo il pregiudizio occidentale secondo cui la consapevolezza unicamente nella testa. Con le sue scoperte Pert vuole dimostrare scientificamente come le emozioni influenzano il corpo e come possono essere la chiave per capire la malattia. Sfortunatamente la gente che pensa queste cose di solito non lavora in un laboratorio governativo.