Sei sulla pagina 1di 65

Corso di Laurea e Diploma in Informatica

Anno Accademico 2000/2001

ECONOMIA E DIREZIONE DELLE IMPRESE 1


Prof. G. Bussolin Dott. M. Pironti

Parte III Il bilancio e la contabilit generale


Riferimenti bibliografici: Ferrero, Dezzani, Pisoni, Puddu, CONTABILIT E BILANCIO DESERCIZIO, Giappichelli 2000 Cap. 1 Gli obiettivi della contabilit generale e loggetto della rilevazione Cap. 3 Il metodo della partita doppia Cap. 6 Rilevazioni contabili desercizio (paragrafi 6.2 - 6.4 - 6.5 - 6.6 - 6.7 - 6.8 - 6.9 - 6.12 - 6.13 6.14 - 6.21 - 6.27 - 6.30 - 6.31) Cap. 7 Cap. 8 La chiusura dei conti e la formulazione del bilancio desercizio (paragrafi 7.3 - 7.4 - 7.5 - 7.6 7.7 - 7.8 - 7.9 - 7.13 - 7.14) Lapertura dei conti, lutilizzazione dei fondi e lassegnazione del risultato dellesercizio (paragrafi 8.6 8.7) Cap. 23 La struttura del bilancio desercizio Cap. 24 I criteri di valutazione per la formazione del bilancio desercizio (paragrafi 24.1 24.2)

18/1/00 4.00

3.50

3.00

2.50

2.00

1.50

1.00

0.50 J F M A SEAT-PAGINE GIALLE M J J A S O N D J

SEAT-PAGINE GIALLE RNC HIGH 3.49 28/12/99, LOW 0.70 1/1/99, LAST 3.09 14/1/00 HIGH 2.30 28/12/99, LOW 0.54 1/1/99, LAST 1.90 14/1/00 Source: DATASTREAM

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

IL BILANCIO DI ESERCIZIO

Documento contabile di sintesi che espone la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica delle imprese, consentendo di osservare lequilibrio economico, l'equilibrio finanziario e lequilibrio patrimoniale. In particolare, i documenti che compongono il bilancio sono i seguenti: STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA ART. 2424 E SEGG
Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

STATO PATRIMONIALE

ATTIVO
A) Crediti vs soci

PASSIVO
A) Patrimonio netto

B) Immobilizzazioni B) Fondi rischi e oneri C) Attivo circolante C) TFR D) Ratei e risconti attivi D) Debiti E) Ratei e risconti passivi

Criterio di classificazione dellattivo per destinazione Criterio di classificazione del passivo per origine
Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

CONTO ECONOMICO A) Valore della produzione B) Costi della produzione Differenza tra valore e costi della produzione C) Proventi e oneri finanziari 120 (40) 500 (380)

D) Rettifiche di valore di attivit finanziarie E) Proventi e oneri straordinari (10) Risultato prima delle imposte Imposte sul reddito Utile (perdita) dellesercizio 70 (36) 34
4

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

NOTA INTEGRATIVA

Documento redatto dagli amministratori contenente informazioni raggruppate nei seguenti punti: a) criteri di valutazione utilizzati nella redazione del bilancio desercizio b) analisi delle voci dello stato patrimoniale c) spiegazione delle voci di conto economico d) altre notizie integrative

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

RELAZIONE SULLA GESTIONE

Relazione degli amministratori sulla societ e sullandamento della gestione, con particolare riguardo ai costi, ricavi ed investimenti Devono essere fornite le seguenti informazioni: attivit di ricerca e sviluppo rapporti con imprese controllate, collegate, controllanti fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dellesercizio evoluzione prevedibile della gestione

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

I postulati (o principi generali) del bilancio di esercizio ART. 2423 e segg. I postulati sono concetti base che costituiscono il fondamento dei principi contabili per la formazione del bilancio I principi contabili, che possono trovare fondamento o nella legislazione (Italia) o nella pratica aziendale (US GAAP in USA) riguardano i seguenti aspetti: principi di rilevazione contabile delle operazioni di gestione principi di redazione dello Stato Patrimoniale e del Conto economico principi di valutazione
Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

Postulati: chiarezza (o comprensibilit) del bilancio neutralit (o imparzialit) delle informazioni contenute nel bilancio competenza economica dei costi e dei ricavi relativi allesercizio prudenza nelle valutazioni delle attivit e delle passivit di bilancio scelta del costo come criterio base di valutazione costanza dei criteri applicati comparabilit dei bilanci significativit e rilevanza dei fatti economici ai fini della loro valutazione e rappresentazione in bilancio
Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

CHIAREZZA

Consiste nel seguire lo schema di Stato patrimoniale e di Conto economico imposto dal codice civile (art. 2424 e segg.) evitando il compenso di partite ed il raggruppamento di voci. Per quanto riguarda il conto economico, tale postulato ha portato alla predisposizione di uno schema che separa i componenti della gestione ordinaria da quelli finanziari e straordinari

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

NEUTRALIT

Elemento caratterizzante le informazioni contenute nel bilancio al fine di non favorire una particolare categoria di soggetti a discapito di altre. Ad esempio la distribuzione di utili attraverso politiche occulte di bilancio pu favorire gli azionisti a discapito dei creditori

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

10

COMPETENZA

Nel corso dellesercizio i fatti di gestione vengono rilevati secondo il criterio della manifestazione numeraria, cio registrati in quanto originano variazioni di cassa, credito o debito. In sede di chiusura, al fine della determinazione del reddito desercizio, bisogna rettificare i ricavi in funzione della effettiva competenza, ed i costi in relazione ai fattori produttivi utilizzati per conseguire i relativi ricavi

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

11

ESEMPIO Unazienda commerciale nel 1999 ha: venduto 10.000 prodotti a 20.000 cadauno; acquistato 12.000 prodotti a 18.000 cadauno. Allinizio dellanno il magazzino non aveva alcun prodotto. Il risultato economico unitario . Prezzo di vendita Costo di acquisto 20.000 18.000

2.000 Il risultato economico complessivo : margine unitario x prodotti venduti 2.000 x 10.000 = 20 mil
12

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

Se invece utilizzassimo il normale procedimento di contabilizzazione: RICAVI COSTI PERDITA 10.000 x 20.000 = 200 mil 12.000 x 18.000 = 216 mil 16 mil

Il risultato errato perch si confrontano elementi disomogenei: 10.000 pezzi venduti 12.000 pezzi acquistati Per rispettare il principio della competenza, occorre correlare ai ricavi (10.000 prodotti) il costo dei prodotti venduti (10.000, non 12.000)
Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

13

Quindi: RICAVI COSTI UTILE 10.000 x 20.000 = 200 mil 10.000 x 18.000 = 180 mil 20 mil

La tecnica contabile per determinare i costi di competenza utilizza il seguente metodo: Costi di = Rim.ze + Acquisti competenza iniziali In q.t Rim.ze finali

= 0 + 12.000 - 2.000 = 10.000

In valore = 0 + 216 mil - 36 mil = 180 mil

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

14

PRUDENZA

La competenza economica viene valutata anche in base al principio della prudenza secondo il quale gli utili attesi ma non ancora conseguiti non devono essere contabilizzati, mentre le perdite presunte devono essere riflesse in bilancio Tale principio non deve costituire un'arbitraria riduzione di reddito e di patrimonio, bens una metodologia valutativa, specialmente in relazione alle incertezze ed ai rischi propri dellimpresa

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

15

CRITERIO DEL COSTO

Le ragioni della scelta del costo inteso come complesso delle spese che unimpresa in funzionamento sostiene per acquisire i fattori produttivi sono essenzialmente: il valore aggiunto generato dalla combinazione dei fattori produttivi accertato solo al momento della cessione delloutput riduce la soggettivit delle valutazioni di semplice applicazione

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

16

COSTANZA DEI CRITERI

Linvarianza dei criteri di valutazione consente di determinare il reddito di esercizio in modo svincolato dal succedersi di fasi favorevoli e sfavorevoli caratterizzanti la gestione aziendale. La vita aziendale, pur nella sua unicit e continuit, viene suddivisa per esigenze pratiche e giuridiche in esercizi, intesi come linsieme delle operazioni gestite in un periodo amministrativo (di solito dall1/1 al 31/12).

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

17

COMPARABILIT DEI BILANCI

La condizione necessaria per la comparabilit temporale , oltre alla costanza dei criteri di valutazione delle attivit e delle passivit, il mantenimento dei criteri di esposizione dei valori in bilancio. Tuttavia, pur sussistendo tali condizioni, eventuali operazioni straordinarie (incorporazione di altre societ, cessione/acquisizione rami dazienda) possono compromettere la comparabilit.

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

18

SIGNIFICATIVIT E RILEVANZA

Il bilancio desercizio deve esporre quelle informazioni che hanno effetto significativo (dal punto di vista qualitativo) e rilevante (quantitativamente) sul processo decisionale dei destinatari del bilancio stesso.

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

19

REDDITO E PATRIMONIO

Il reddito il risultato economico della gestione sviluppata nellesercizio: esso pu essere sia positivo (utile) sia negativo (perdita) Ricavi di competenza Costi di = competenza Reddito desercizio

Il patrimonio (di funzionamento) si determina al termine di ogni esercizio, in stretta connessione con la determinazione del reddito

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

20

Complesso dei costi e ricavi

Crediti, debiti disponibilit finanziarie

Costi e ricavi di competenza

Costi e ricavi non di competenza

Reddito desercizio

Patrimonio

Situazione Situazione economica economica

Situazione Situazione patrimoniale patrimoniale

BILANCIO DESERCIZIO
Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

21

Situazione Situazione patrimoniale patrimoniale Attivit - Passivit = Patrimonio netto


ATTIVIT A) Crediti vs soci B) Immobilizzazioni Fabbricati 270 Impianti 70 Software 50 Automezzi 30 C) Attivo circolante Magazzino 150 Crediti comm.li 200 Crediti diversi 20 Banca c/c 25 Cassa 5 D) Ratei e risconti attivi TOTALE PASSIVIT A) Patrimonio netto Capitale sociale 420 Utili/Perdite 400 40 10 110 440 140 200 25 75 440

B) Fondi rischi e oneri C) TFR 400 D) Debiti Mutui Debiti comm.li Debiti diversi Banca c/c 180 1.000

E) Ratei e risconti passivi TOTALE 1.000


22

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

Situazione Situazione economica economica

Determinazione del reddito

Procedimento sintetico Il reddito desercizio corrisponde allincremento o al decremento che il patrimonio netto ha subito nellesercizio

Patrimonio + netto al 1/1

Utile 1/1-31/12

Patrimonio netto al 31/12

Patrimonio netto al 1/1

Perdita 1/1-31/12

Patrimonio netto al 31/12

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

23

Determinazione del reddito Procedimento analitico Il reddito desercizio si definisce come la differenza tra un flusso di valori economici positivi (ricavi di competenza) e un flusso di valori economici negativi (costi di competenza) maturati nellesercizio Se il prospetto a sezioni contrapposte Costi ordinari e + straordinari Utile 1/1-31/12 = Ricavi ordinari e straordinari Perdita 1/1-31/12

Costi Ricavi ordinari e = ordinari e straordinari straordinari

Se il prospetto a forma scalare Utile (o perdita) calcolata come somma algebrica


Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

24

CONTO ECONOMICO (a forma scalare) Ricavi da vendita e prestazioni Costruzioni interne Var. rimanenze Costi operativi Risultato operativo Gestione finanziaria Risultato corrente Gestione straordinaria Risultato ante imposte Imposte Reddito netto 830 20 150 (700) 300 (200) 100 (40) 60 (20) 40
25

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

CONTO ECONOMICO (a sezioni contrapposte)

Acquisti Fitti passivi Salari e stipendi Acc. Fondo TFR Acc. Fondo Sv. Cred. Ammortamenti Costi operativi Interessi passivi Imposte Oneri straordinari Rimanenze iniziali

150 270 130 90 5 55 700 300 20 90 0

Ricavi da vendita e prestazioni Rimanenze finali Interessi attivi Proventi straordinari Costruzioni interne 50 20 830 150 100

Reddito netto
TOTALE

40
1.150 TOTALE 1.150

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

26

Al fine di effettuare una determinazione rigorosa ed analitica del risultato desercizio necessario un sistema di rilevazione dei dati. Il sistema di rilevazione maggiormente utilizzato prende il nome di Metodo della Partita doppia Oggetto di rilevazione: scambi monetari con le economie esterne movimenti e valutazioni allinterno dellazienda I fatti amministrativi vengono osservati in due diversi aspetti diversi e correlati: Aspetto finanziario (o originale) Aspetto economico (o derivato)
Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

27

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA Conti finanziari + cassa + crediti - debiti - cassa - crediti + debiti

Variazioni finanziari e attive Variazioni finanziarie passive

DARE (sinistra)

AVERE (destra)

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

28

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA Conti economici A) Conti di reddito Componenti positivi Componenti negativi + ricavi - costi - ricavi + costi AVERE (destra) DARE (sinistra)

B) Conti di capitale Variazioni positive di Capitale netto Variazioni negative di Capitale netto AVERE (destra)

DARE (sinistra)
29

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

Costituzione di societ

Cassa + Cassa

Capitale sociale + Patrimonio netto

400

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Cassa 400 PASSIVIT Capitale sociale 400

CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

30

Vendita di beni/servizi

Crediti vs clienti + Crediti

Ricavi da vendita e prestazioni + Ricavi

50

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Crediti PASSIVIT 50

CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI Ricavi da vendita 50

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

31

Vendita di beni/servizi (con IVA)


Crediti vs clienti a Ricavi da vendita e prestazioni IVA a debito + Crediti + Ricavi + Debiti 50 10 60

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Crediti 60 PASSIVIT IVA a debito 10

CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI Ricavi da vendita 50


32

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

Acquisto di beni/servizi

Costi per acquisti + Costi

a Debiti vs fornitori + Debiti

20

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT PASSIVIT Debiti 20

CONTO ECONOMICO COSTI Costi per acquisti RICAVI 20

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

33

Acquisto di beni/servizi (con IVA)


diversi Costi per acquisti IVA a credito + Costi + Crediti + Debiti a Debiti vs fornitori 20 4 24

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT IVA a credito 4 PASSIVIT Debiti 24

CONTO ECONOMICO COSTI Costi per acquisti RICAVI 20

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

34

Liquidazione periodica IVA

IVA a debito

diversi IVA a credito Cassa 4 6

10

- Debiti

- Crediti - Cassa

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT IVA a credito Cassa (4) (6) PASSIVIT IVA a debito (10)

CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

35

Incasso di crediti

Cassa + Cassa

Crediti vs clienti - Crediti

50

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Cassa Crediti PASSIVIT 50 (50) CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

36

Regolamento di crediti con cambiali

Effetti attivi + Crediti

Crediti vs clienti - Crediti

50

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Effetti attivi Crediti PASSIVIT 50 (50) CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

37

Pagamento dei debiti

Debiti vs fornitori - Debiti

Cassa - Cassa

20

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Cassa (20) PASSIVIT Debiti (20)

CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

38

Regolamento di debiti con cambiali

Debiti vs fornitori a - Debiti

Effetti passivi + Debiti

24

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT PASSIVIT Effetti passivi Debiti CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI 24 (24)

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

39

Acquisto di immobilizzazioni

diversi Impianti IVA a credito

a Debiti vs fornitori 70 14 + Debiti

84

+ Costi pluriennali + Crediti

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Impianti IVA a credito PASSIVIT 70 Debiti 14 CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI 84

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

40

Liquidazione di interessi attivi

Banca c/c + Crediti

Interessi attivi + Ricavi

10

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Banca c/c PASSIVIT 10

CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI Interessi attivi 10

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

41

Liquidazione di interessi passivi

Interessi attivi a + Costi

Banca c/c - Crediti

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT PASSIVIT Banca c/c 5

CONTO ECONOMICO COSTI Interessi passivi RICAVI 5

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

42

Pagamento di stipendi

Salari e stipendi + Costi

Cassa - Cassa

10

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Cassa PASSIVIT (10)

CONTO ECONOMICO COSTI Salari e stipendi RICAVI 10

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

43

Nella fase di chiusura del bilancio desercizio (31/12) si deve procedere a valutazioni al fine di applicare i principi della competenza e di prudenza a) Manifestazione finanziaria coincidente con la competenza economica b) Costi e ricavi a manifestazione finanziaria posticipata c) Costi e ricavi a manifestazione finanziaria anticipata d) Costi pluriennali e) Fondi rischi e oneri

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

44

a) Manifestazione finanziaria coincidente con la competenza economica


Periodo amministrativo di cui si vuole calcolare il reddito Periodo amministrativo successivo

Variazione finanziaria (attiva/passiva) Costo o Ricavo

Quota di competenza

Conto economico
Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

45

Pagamento di stipendi

Salari e stipendi + Costi

27/12
a

Cassa - Cassa

10

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Cassa PASSIVIT (10)

CONTO ECONOMICO COSTI Salari e stipendi RICAVI 10

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

46

b) Costi e ricavi a manifestazione finanziaria posticipata


Periodo amministrativo di cui si vuole calcolare il reddito Periodo amministrativo successivo

Variazione finanziaria (attiva/passiva) Costo o Ricavo Quota rinviata di competenza futura

Quota di competenza

Conto economico

Stato Patrimoniale
47

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

I ratei attivi sono quote di ricavo di competenza dellesercizio in chiusura, la cui manifestazione finanziaria avr luogo nel successivo periodo amministrativo I ratei passivi sono quote di costo di competenza dellesercizio in chiusura, la cui manifestazione finanziaria avr luogo nel successivo periodo amministrativo ESEMPIO: Riscossione di interessi annui posticipati (120) in data 31/3 di ogni anno. 120 31/3 31/12 31/3
Manifestazione finanziaria
48

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

90

Ratei attivi + Crediti

31/12
a

Interessi attivi + Ricavi

90

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Ratei attivi PASSIVIT 90

CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI Interessi attivi 90

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

49

ESEMPIO: Fatture da ricevere 31/12


a

Costi per acquisti + Costi

Fatture da ricevere + Debiti

30

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT PASSIVIT Fatture da ricevere 30

CONTO ECONOMICO COSTI Acquisti RICAVI 30

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

50

ESEMPIO: Fondo Trattamento fine rapporto (TFR) 31/12

Acc.to al Fondo TFR + Costi

a Fondo TFR + Debiti

90

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT PASSIVIT Fondo TFR 90

CONTO ECONOMICO COSTI Acc. al Fondo TFR RICAVI 90

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

51

c) Costi e ricavi a manifestazione finanziaria anticipata


Periodo amministrativo di cui si vuole calcolare il reddito Periodo amministrativo successivo

Variazione finanziaria (attiva/passiva) Costo o Ricavo Quota rinviata di competenza futura

Quota di competenza

Conto economico

Stato Patrimoniale
52

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

I risconti attivi sono quote di costo di competenza del successivo periodo amministrativo, la cui manifestazione finanziaria avvenuta nellesercizio in chiusura I risconti passivi sono quote di ricavo di competenza del successivo periodo amministrativo, la cui manifestazione finanziaria avvenuta nellesercizio in chiusura ESEMPIO: Pagamento di un affitto annuo anticipato (360) in data 31/3 di ogni anno. 360 31/3
Manifestazione finanziaria

31/12

31/3

90
53

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

Risconti attivi

31/12
a

Fitti passivi - Costi

90

+ Costi pluriennali

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Risconti attivi PASSIVIT 90

CONTO ECONOMICO COSTI Fitti passivi RICAVI 360 (90)


54

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

ESEMPIO: Rimanenze finali 31/12


a

Magazzino

Rimanenze finali - Costi

150

+ Costi pluriennali

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Magazzino PASSIVIT 150

CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI Rimanenze finali 150

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

55

ESEMPIO: Costruzioni interne 31/12

Software

a Costruzioni interne - Costi

20

+ Costi pluriennali

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Software PASSIVIT 20

CONTO ECONOMICO COSTI RICAVI Costruzioni interne 20

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

56

d) Costi pluriennali Il caso pi evidente di sfasamento tra manifestazione finanziaria e competenza economica sia ha per i beni a lungo ciclo di utilizzo
Periodo amministrativo di cui si vuole calcolare il reddito

Variazione finanziari a passiva Costo pluriennale Quota di competenza Conto economico


Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

Quota di competenza

Quota di competenza

57

Lammortamento rappresenta il procedimento con il quale un costo pluriennale viene ripartito tra pi esercizi con quote corrispondenti allutilizzo economico-tecnico del bene ad utilit ripetuta Ammortamento fuori conto
Ammortamento impianti a + Costi

31/12

Fondo amm.to imp. 10 - Costi pluriennali

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Impianti PASSIVIT 80 Fondo amm.to imp. 10

CONTO ECONOMICO COSTI Ammortamento imp RICAVI 10


58

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

Peri beni pluriennali immateriali (intangible) quali software, costi di pubblicit, ricerca e sviluppo (R&D), lammortamento viene effettuato in conto Ammortamento in conto
Ammortamento SW a + Costi

31/12

Software

10

- Costi pluriennali

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT Software PASSIVIT 60 (10) CONTO ECONOMICO COSTI Ammortamento Sw 10 RICAVI

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

59

e) Fondi rischi e oneri I fondi oneri futuri rappresentano il valore presunto di uscite che saranno sostenute in futuro per spese o impegni non ancora definiti nellimporto e/o nella scadenza

I fondi rischi sono destinati a far fronte a perdite probabili delle quali incerto sia se si verificheranno, sia quando si manifesteranno e per quale importo

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

60

ESEMPIO: Debiti tributari 31/12


a

Imposte + Costi

Debiti tributari + Debiti

20

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT PASSIVIT Debiti tributari 20

CONTO ECONOMICO COSTI Imposte RICAVI 20

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

61

ESEMPIO: Fondo Svalutazione crediti 31/12

Acc.to al Fondo a + Costi

Fondo Svalut. crediti - Crediti

STATO PATRIMONIALE ATTIVIT PASSIVIT Fondo Svalut. Cred. 5

CONTO ECONOMICO COSTI Acc. al Fondo sv. cr. 5 RICAVI

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

62

Costi e ricavi con manifestazione finanziaria nellesercizio Costi e ricavi di competenza dellesercizio, ma con manifestazione finanziaria in futuro (Ratei finali, accantonamenti Fondi rischi e oneri) Costi e ricavi di competenza di esercizi precedenti, ma con manifestazione finanziaria nellesercizio (Ratei iniziali, utilizzo Fondi rischi e oneri

RISULTATO ECONOMICO DESERCIZIO Costi e ricavi rinviati a esercizi futuri (Risconti e rimanenze finali, capitalizzazioni) Costi e ricavi rinviati da esercizi precedenti (Risconti e rimanenze iniziali, Ammortamenti)
63

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

Il Patrimonio netto e le sue componenti Il Patrimonio netto ottenuto come differenza tra le attivit e le passivit di bilancio Esso viene suddiviso nelle sue componenti ideali: Capitale sociale Riserve Utile o perdita di esercizio Dal punto di vista giuridico le riserve possono distinguersi in: legali (art. 2430) statutarie facoltative
Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001

64

Ripartizione dellutile
Utile desercizio a diversi F. riserva legale F. riserva statutaria - Capitale netto 2 6 40

Azionisti c/dividendi 32 + Capitale netto + Capitale netto + Debiti

STATO PATRIMONIALE (ante-ripartizione) ATTIVIT PASSIVIT Patrimonio netto Capitale sociale Utile desercizio 440 400 40

STATO PATRIMONIALE (post-ripartizione) ATTIVIT PASSIVIT Patrimonio netto 408 Capitale sociale 400 F. riserva legale 2 F. riserva statutaria 6
65

Economia e Direzione delle Imprese I - Parte III: Il bilancio e la contabilit generale A.A 2000/2001