Sei sulla pagina 1di 4

SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE

Statuto del Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile

Articolo 1 COSTITUZIONE

E’ costituito il Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile, al quale possono aderire i cittadini di ambo
i sessi, di età non inferiore ai diciotto (18) anni e non superiore ai settanta (70), residenti o domiciliati nella
Città di Francavilla al Mare, nei comuni limitrofi o nei comuni facenti parte del Centro Operativo Misto
(C.O.M.) di Francavilla al Mare.
Il Gruppo è stato iscritto all’Albo Regionale delle Associazioni di volontariato per la Protezione Civile con
Determinazione Dirigenziale n.17 COD. DC4 del 26 febbraio 2004, pubblicata sul B.U.R.A. n.10 del 31
marzo 2004.

Articolo 2 OBIETTIVI

I volontari prestano, col solo fine della solidarietà umana, la loro opera nell’ambito della protezione civile,
senza fini di lucro o vantaggi personali, in attività di previsione, prevenzione, soccorso, e superamento
dell’emergenza, affiancando il Servizio Protezione Civile della Città di Francavilla al Mare deputato
all’attività di cui all’Art.3 della Legge n.225 del 24 febbraio 1992 per il raggiungimento degli obiettivi di cui
all’Art.1 delle Legge medesima.

Articolo 3 AMMISSIONE

L’ammissione al Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile è subordinata alla presentazione di


apposita domanda, come da modello (allegato A), indirizzata al Sindaco, da presentare entro e non oltre il 30
settembre di ogni anno, corredata da una copia fotostatica della patente di guida o, in mancanza, da un
documento di riconoscimento e da un certificato di sana e robusta costituzione rilasciato dalla competente
Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.).
I volontari ammessi a far parte del Gruppo Comunale, previo colloquio ed accettazione della domanda,
ricevono in dotazione un tesserino di riconoscimento che ne certifica le generalità e l’appartenenza al Gruppo
Comunale stesso.
L’iscrizione va rinnovata ogni anno con la presentazione della domanda come da modello (allegato B). Il
rinnovo va presentato dal 2 gennaio al 31 marzo di ogni anno e la mancata presentazione costituisce implicita
rinuncia all’iscrizione, salvo casi di forza maggiore.
Ogni volontario potrà comunque rinunciare all’iscrizione in qualsiasi periodo dell’anno.
Per l’anno 2005 il termine di presentazione della domanda di rinnovo (allegato B) è prorogato al 30 aprile.
In caso di rinuncia si provvederà alla cancellazione d’ufficio e alla richiesta della restituzione di tutto il
materiale data in comodato d’uso per l’attività di volontariato.
Il Sindaco o l’Assessore delegato individua le forme più opportune per incentivare l’adesione dei cittadini
all’attività di volontariato di Protezione Civile e dà ampia pubblicità all’apertura delle iscrizioni a partire da
minimo trenta giorni prima della scadenza del termine per la presentazione delle domande.
L’ammissione e/o rinnovo avviene con provvedimento del Sindaco, previo parere del Dirigente del Servizio
Protezione Civile.

Articolo 4 DIRIGENTI

Il Sindaco, in quanto autorità di Protezione Civile, è il responsabile del Gruppo Comunale, mentre il
Dirigente del Servizio Protezione Civile è il responsabile degli atti di gestione.
Il Sindaco o Assessore delegato definisce gli obiettivi ed i programmi da attuare, assegnando le risorse
finanziare individuate sulla base della prevista articolazione del bilancio e vigila sull’attività di gestione
svolta dal Dirigente del Servizio Protezione Civile, in applicazione dei Decreti Legislativi n.29 del 3 febbraio
1993 e n.267 del 18 agosto 2000.

Articolo 5 ADDESTRAMENTO

I volontari sono addestrati a cura e spese della Città, tramite i Corpi tecnici istituzionali, e/o strutture
operative dell’Ente stesso. La partecipazione ai corsi d’addestramento è obbligatoria, così come la
partecipazione alle esercitazioni della Protezione Civile, organizzate o promosse dalla Città di Francavilla al
Mare.

Articolo 6 ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

Sono organi dell’Associazione:


a) L’Assemblea dei Soci;
b) Il Sindaco pro-tempore o suo delegato, come responsabile del Gruppo;
c) Il Coordinatore, nominato dal Sindaco e/o da suo delegato.
Il Coordinatore ha la responsabilità operativa del Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile.
Con successivo provvedimento interno dell’Amministrazione Comunale, da emanarsi entro dodici mesi dalla
data di entrata in vigore del presente Statuto, verranno disciplinate le attività operative e l’impiego del
Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile per la previsione, prevenzione, soccorso e superamento
dell’emergenza in ambito comunale.

Articolo 7 ASSEMBLEA DEI SOCI

L’Assemblea dei soci è composta da tutti i soci e può essere ordinaria e straordinaria.
Ogni Associato potrà farsi rappresentare in Assemblea da un altro associato con delega scritta.
Ogni Socio non può ricevere più di due deleghe.
L’Assemblea ordinaria indirizza tutta l’attività dell’Associazione ed inoltre approva i bilanci preventivi e
consuntivi, preparati dall’Ufficio Comunale di Protezione Civile.
L’Assemblea ordinaria viene convocata dal Sindaco almeno una volta all’anno per l’approvazione dei bilanci
ed ogni qualvolta lo stesso Sindaco o un terzo degli associati ne ravvedano la necessità.
L’Assemblea straordinaria delibera sulle modifiche del presente Statuto; tali modifiche saranno poi discusse
in Consiglio Comunale per l’assenso.
Le convocazioni devono essere effettuate mediante avviso scritto da recapitarsi almeno cinque giorni prima
della data di riunione.
Le deliberazioni dell’Assemblea sono valide quando siano approvate dalla maggioranza dei presenti,
eccezione fatta per la deliberazione riguardante l’eventuale scioglimento dell’Associazione e relativa
devoluzione del patrimonio residuo, che deve essere adottato con la presenza ed il voto favorevole di almeno
tre quarti degli associati.

Articolo 8 EMERGENZA

Il Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile in emergenza opera alle dirette dipendenze del Sindaco o
Assessore delegato, il quale si avvale del Coordinatore, a cui viene demandato il coordinamento di ogni tipo
di intervento, con l’approvazione del Dirigente del Servizio Protezione Civile.

Articolo 9 DOVERI

Comma 1) Gli appartenenti al Gruppo Comunale di Protezione Civile sono subordinati al rispetto di
tutte le norme vigenti in materia di protezione civile e vengono attivati mediante ordini e disposizioni
impartiti dal Sindaco o Assessore delegato tramite il Coordinatore, particolarmente nei casi di emergenza o
di calamità naturali.
Comma 2) Il mancato rispetto dell’obbligo di cui al comma 1 del presente articolo, comporta
l’attivazione della procedura finalizzata ad eventuale provvedimento disciplinare.
Comma 3) Tutte le attività dei volontari sono affidate alla responsabilità del Coordinatore.
Comma 4) Gli appartenenti al Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile sono tenuti a
partecipare alle attività di protezione civile come previsto dall’Art.5 (ADDESTRAMENTO) del presente Statuto.
Essi non possono svolgere nelle vesti di volontari di protezione civile alcuna attività contrastante con le
finalità indicate.

Articolo 10 DIRITTI

Ai volontari aventi qualifica di lavoratore dipendente impiegati in attività con finalità di protezione civile, in
esercitazione o in soccorso, vengono garantiti, ai sensi dell’Art.9 del D.P.R. n.194 dell’8 febbraio 2001, i
seguenti benefici:
1) Il mantenimento del posto di lavoro pubblico o privato;
2) Il mantenimento del trattamento economico e previdenziale da parte del datore di lavoro pubblico o
privato;
3) La copertura assicurativa secondo le modalità previste dall’Art.4 della Legge n.266 dell’11 agosto
1991, e successivi Decreti Ministeriali di attuazione, per i casi e con le modalità previste dal citato
Art.9 del D.P.R. n.194/2001;
4) Ai volontari che rivestono la qualifica di lavoratore autonomo, dietro specifica richiesta
dell’interessato, sarà rimborsato l’importo della contribuzione obbligatoria previdenziale ed
assicurativa dovuta in misura fissa annuale da loro sostenuta per la specifica attività.
Relativamente alla parte economica si farà luogo ad un rimborso per le giornate di lavoro non effettuate,
calcolato per un importo pari all’indennità giornaliera corrisposta dall’INAIL sulla retribuzione minima
annua riferita agli artigiani. L’onere della spesa sarà posto a carico dell’Amministrazione a cui fa riferimento
la carica rivestita dal volontario nell’ambito dell’Unione dei Comuni.

Articolo 11 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

Il Coordinatore è garante del rispetto e dell’osservanza del presente Statuto.


L’accettazione ed il rispetto del presente Statuto condiziona l’appartenenza al Gruppo Comunale Volontari di
Protezione Civile; le infrazioni comportano la sospensione temporanea, in via precauzionale, attuata dal
Dirigente del Servizio di Protezione Civile, sentito il Coordinatore del Gruppo Comunale stesso.
Qualora sussistano le condizioni, il Dirigente, sentiti l’interessato ed il Coordinatore del Gruppo Comunale
Volontari di Protezione Civile, procederà all’eventuale espulsione.
Avverso l’espulsione è ammesso ricorso al Sindaco entro 30 giorni dalla data di comunicazione del
provvedimento.

Articolo 12 RISORSE

Il Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile si avvale per il suo funzionamento di materiale ed
attrezzature messe a disposizione in comodato d’uso, da Enti pubblici e privati e dalla Civica
Amministrazione.
L’Amministrazione Comunale può dotare gratuitamente il Gruppo di locali idonei per stabilire la Sede
Operativa del gruppo stesso.
Ogni anno, nel Piano Esecutivo di Gestione del Servizio Protezione Civile, in apposito specifico capitolo,
l’Amministrazione Comunale provvederà allo stanziamento di una somma, la cui destinazione sia adeguata
all’espletamento delle attività previste dal presente Statuto.

Articolo 13 NORME FINALI E DI RINVIO

La partecipazione delle associazioni di volontariato nelle attività di protezione civile è regolamentata dal
Decreto del Presidente della Repubblica n.194 dell’8 febbraio 2001, che si intende integralmente richiamato.
Per quanto non espressamente previsto nel presente Statuto si rimanda alle disposizioni di legge.
Sono abrogati i precedenti Statuto e Regolamento del Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile,
approvati con deliberazione del Consiglio Comunale n.113 del 5 ottobre 2001.