Sei sulla pagina 1di 3

Cari ascoltatori,

• mi chiamo Sabine Dauner e insegno inglese e italiano al Rupprecht-


Gymnasium a Monaco di Baviera.
• Vorrei proporvi il blog “Learn italian. Impariamo l'italiano. Video
didattici per imparare l'italiano.”
• Il blog è stato fondato e viene gestito da Jordi, un catalano che studia
l'italiano da tre anni. Considerando questo fatto gli è riuscito un sito
veramente degno di nota.

E che cosa sono allora questi “video didattici”?


• Sono filmati di una durata di 2 o 3 minuti che vengono quasi sempre
accompagnati da un esercizio di comprensione che consiste in ca. 10
frasi del tipo vero o falso. Queste frasi sono classificate per ogni
video secondo le solite categorie dei diversi livelli di apprendimento,
vale a dire da elementare fino ad avanzato.
• Purtroppo mancano le soluzioni e questo rende gli esercizi poco
adatti per l'autostudio; va bè, c'è sempre il contatto con la lingua, ma
manca la possibilità di autocontrollo e di conseguenza anche l'effetto
positivo di un'esperienza gratificante e della chiarezza immediata sui
risultati.
• I contenuti dei video coprono una vasta gamma di temi: cinema,
storia, salute, lingua e letteratura, arte, gastronomia, insomma tutto il
mondo in filmati di pochi minuti.
• Gli argomenti riprendono sia eventi d'attualità che temi legati a
ricorrenze importanti e collettivamente vissute. Intorno a Natale, per
esempio, si trovano addirittura tre video sull'immancabile panettone,
un video sui mercatini di Natale o un altro sulla befana e molti altri
ancora. Ma ci sono anche video intitolati per esempio: “Spike Lee e
la resistenza italiana”, “Italia, patria dei divieti”, “La tecnologia
digitale ci cambia la vita” e sì, anche “Il seno di Monica Bellucci”.
In quest'ultimo troverete la risposta alla domanda se vale di più il
seno di Monica Bellucci o il corpo di Valeria Marini.
• E nel caso in cui i vostri alunni non dovessero sapere chi sia Monica
Bellucci o quale sia il significato della parola “divieto”, ecco qua,
l'aiuto immediato si trova a portata di un clic: sulle pagine accanto ai
video, a destra si trova tutto un elenco di dizionari ed enciclopedie
online, come Wikipedia, Wikizionario e il Dizionario DeMauro.
Basta inserire la parola o l'espressione sconosciuta direttamente nello
spazio apposito, cliccare e tà! - appare già il lemma del dizionario
scelto.
• Visto che un nuovo video viene pubblicato più o meno ogni giorno,
ci troviamo davanti ad un numero ormai enorme di filmati. Ma la
ricerca di un filmato particolare, sia secondo i diversi livelli
d'apprendimento, sia secondo i temi, viene facilitata dalle categorie
nella colonna a destra del blog.
La scelta di video però non si esaurisce nei “video didattici”
• Oltre a questi ultimi troviamo anche una pagina con video di
contenuto storico e un'altra pagina con “videoclip”.
• Questi “videoclip” sono filmati con canzoni italiane; si trovano
praticamente tutti i cantautori e cantanti italiani, da Angelo
Branduardi a Zucchero.
• Invece degli esercizi “vero/falso” però, i “videoclip” vengono spesso
accompagnati dal testo della relativa canzone.
• I video a contenuto storico (che ho appena menzionato) sono, salvo
pochi video, le registrazioni della striscia quotidiana “un minuto di
storia” che per anni è stato in onda la mattina sulle reti della RAI.
Come autore e regista di questi filmati firma Gianni Bisiach, il
“Guido Knopp” italiano.
• I video, che durano anch'essi dai due ai tre minuti, riguardano un
preciso fatto storico e comprendono molti eventi importanti della
storia italiana e mondiale del Novecento.
• Questi filmati storici però non hanno dei rispettivi esercizi di
comprensione.
• Ciononostante sono secondo me una fonte preziosissima per le
lezioni d'italiano a livello medio-avanzato e avanzato.
• Adesso che vi ho dato le informazioni essenziali riguardo al
contenuto del blog, alcuni o forse anche parecchi di voi si
chiederanno: E che cosa me ne faccio di questi filmatini che
durano ai 2 ai tre minuti? Vale la pena prenotare l'aula apposita o
trasportare laptop e beamer attraverso i corridoi della scuola, per non
parlare di altri ostacoli di natura tecnica, per poi guardare un paio di
minuti di film? Se non siete tra i pochi fortunati che non sono
costretti ad essere alle prese con circostanze del genere, ecco la mia
proposta:
• Si potrebbe usare il materiale come “compito elettronico”, vale a
dire: mandate un'email ai vostri alunni o studenti che contenga sia il
collegamento per un dato video, che un compito tipo:
“Guardate il video e fate il rispettivo esercizio. Poi mi mandate le
vostre soluzioni entro venerdì prossimo.” Oppure:
“Guardate il video e fatene un riassuntino. Siate preparati a
presentarlo ai vostri compagni.” O:
“Annotatevi 5 espressioni utili e mandatemele per email entro
venerdì prossimo.” Oppure:
“Guardate il video e preparate tre domande riguardo al contenuto.”
• Va da sé che le possibilità per compiti individuali posti da voi
secondo le esigenze delle vostre lezioni e dei vostri alunni sono
innumerevoli.

• Non vorrei chiudere il mio discorso senza rimandare al sito omonimo


“Impariamo l'italiano” che è collegato al blog. Al sito si può
accedere cliccando su “grammatica” o “lessico” sulla pagina
principale del blog. Anche questo sito è una fonte inesauribile di
esercizi grammaticali e lessicali tutti con soluzioni per tutti i livelli
d'apprendimento. Poi ci sono anche giochi divertenti come p.es. Il
famoso “Chi vuol essere milionario” o diversi quiz culturali, letterari
ecc. Nelle mie classi d'italiano uso questo sito regolarmente come
punto di riferimento per esercizi grammaticali. E i miei alunni lo
usano soprattutto per prepararsi alle verifiche.
• L'unico problema che si pone qua è veramente l'imbarazzo della
scelta!
• Giunta quasi alla fine del discorso, ecco il mio giudizio conclusivo:
4 stelle glottodidattiche su 5
il che vuol dire: utilizzabilità alta per classi o corsi d'italiano. La
detrazione della quinta stella è dovuta alla mancanza di soluzioni per
l'uso autodidattico.

• A questo punto non resta altro che ringraziarvi per la vostra


attenzione. Adesso però, dopo tante parole da parte mia tocca a voi:
se qualcuno di voi se la sente di aggiungere la sua opinione o magari
addirittura delle idee su come si potrebbero utilizzare i video nelle
lezioni d'italiano, siete più che graditi: sono già curiosa di leggere i
vostri commenti e le vostre idee.
Allora, a presto e ciao a tutti!