Sei sulla pagina 1di 32

Ekecheiria organo dinformazione dellAssociazione Culturale Librerie Storiche e Antiquarie dItalia a diffusione gratuita - Registrazione Tribunale di Milano n.

9098 del 31/3/2008


Direttore: Emanuele Lazzati, Assistente: Drina Xhoga - Progetto grafico: Donatella Bertoletti - Sede: Galleria Vittorio Emanuele II, 12 - 20121 Milano - e.mail: drina.ekecheiria@tiscali.it
www.libreriestoriche.it - CALS centro acquisti librerie storiche: cell. 339 6859871 - 345 2886546 copia gratuita
Associazione Culturale
Librerie Storiche e antiquarie dItalia
FONDATA a milano NEL 2004
E k ec h ei r i a Anno V - Numer o 4 - 2012

P E RI ODI C O DI I NF ORMAZ I ONE DE L L ASSOC I AZ I ONE


Franco Zazzeri, Cl assi co dei tre caratteri , 2012, bronzo, cm 64 x 47, Libreria Bocca Editore
(scheda libro a pag. 3)

IMPAGINATO 2009 OK_IMPAGINATO 2009 OK 07/11/12 10.53 Pagina 1


Ekecheiria 2
7 Modi
Diversi di Esprimere un Unico Stile
J
ust for style
!
Progetti Editoriali | Libri
Marketing | Incentivi
Campagne Pubblicitarie
Logotipi
Packaging | Men Design
Web Design
1
2
3
4
5
6
Pubblicazioni Digitali
7
Appol Design | via Niccolini, 14 - 20154 Milano | Tel. 02 89773118 | www.appol.it
Pensiamo e realizziamo per Voi:
Ekecheiria 3
Il libro pi conosciuto e forse pi stu-
diato in Cina dalla met del XIII seco-
lo fno agli anni Cinquanta del Nove-
cento, il San Zi Jing viene pubblicato
in Italia nel 1993 dalla storica Libreria
Bocca che ne affda la cura ad Edoardo
Fazzioli e a sua moglie Eileen Chen Mei
Ling.
Quello che fu un progetto editoriale,
nato dal viaggio in Cina di Donatella
Bertoletti nel 1987, si completa oggi,
nel dicembre del 2012, dopo quasi un
ventennio di gestazione che ha visto in
successione: luscita delleditio princeps
nella collana Introvabili, rari e splendi-
di volumi in carta Incunable, rilegati in
copertine dipinte da vari famosi e pro-
mettenti artisti: ledizione economica,
nel 1999, per i tipi della Vita Felice di
Gerardo Mastrullo e ledizione per
super bibliofli realizzata in collabora-
zione con le edizioni Pulcinoelefante
di Alberto Casiraghi e gli artisti soste-
nitori della storica libreria che hanno
illustrato le novanta rime del testo,
edizione iniziata nel 2000 e conclusa
nel 2009.
La copertina della presente edizione
una scultura in bronzo dello scultore di
fama europea, Franco Zazzeri.
Le rime sono state illustrate dagli arti-
sti: Lucia Abbasciano, Alvaro, Vitaliano
Angelini, Agostino Arrivabene, Ora-
zio Bacci, Giuseppe Becca, Gabriella
Benedini, Ennio Bencini, Gianni Bolis,
Fernanda Borio, Adalberto Borioli,
Marianna Bussola, Mauro Cappelletti,
Davide Casari, Fred Charap, Franco
Colnaghi, Alfredo Colombo, Angela
Colombo, Lamberto Correggiati, Do-
menico DOora, Luca Dalmazio, Sergio
Dangelo, Angelo Davoli, Sandro De
Alexandris, Mario De Biasi, Nico De
Sanctis, Luce Delhove, Lucio Del Pez-
zo, Enrico Della Torre, Pietro Diana,
Alessandro Docci, Fausta Dossi, Rafael
Espada, Fernanda Fedi, Rosanna Fori-
no, Carlo Franciskelli, Samuel Gabai,
Gino Gini, Michela Grienti, Ho-Kan,
Paolo Iacchetti, Giancarlo Ianuario,
Mojmir Jezek, Roberto Kusterle, Licia
Mantovani, Alberto Mari, Mirella Mari-
ni, Adelio Maronati, Max Marra, Shue
Matsuiama, Maurizio Mazzoleni, Milena
Milani, Albano Morandi, Guido Moret-
ti, Marco Mucha, Ugo Nespolo, Filippo
Noto Campanella, Giacomo Nuzzo,
Claudio Olivieri, Roberto Origgi, Aldo
Pancheri, Laura Panno, Clemen Par-
rocchetti, Leonardo Pecoraro, Pietro
Pedeferri, Gigi Pedroli, Guido Peruz,
Lorenzo Piemonti, Ercole Pignatelli,
Francesco Pignatelli, Roberto Plevano,
Tiziana Priori, Mario Raciti, Luciano
Ragozzino, Roberto Rampinelli, Karl-
Heinz Reister, Brunella Rossi, Claudio
Rotta Loria, Clemen Ruben Behr, Jean-
nette Rutsche, Roberto Sanesi, Giulio
Santabarbara, Marina Sasso, Alessan-
dro Savelli, Paolo Scirpa, Elia Secci,
Margherita Serra, Vito Sersale, Stefano
Soddu, Valdi Spagnulo, Franco Spazzi,
Luiso Sturla, Franco Tarantino, Tony
Tedesco, Togo, Alessandro Traina, Va-
lentino Vago, Walter Valentini, Eltjon
Valle, Armanda Verderame, Luca Ver-
nizzi, Giorgio Vicentini, Renato Volpini
e Koji Yamamoto.
ClassiCo dei tre Caratteri
Jeannette Rutsche
Laura Panno Luiso Sturla Lucio Del Pezzo Koji Yamamoto Ugo Nespolo
Marina Sasso
Shue Matsuiama
Valentino Vago
Jezek Mojimir Franco Zazzeri
Ekecheiria organo dinformazione dellAssociazione Culturale Librerie Storiche e Antiquarie dItalia a diffusione gratuita - Registrazione Tribunale di Milano n. 9098 del 31/3/2008
Direttore: Emanuele Lazzati, Assistente: Drina Xhoga - Progetto grafico: Donatella Bertoletti - Sede: Galleria Vittorio Emanuele II, 12 - 20121 Milano - e.mail: drina.ekecheiria@tiscali.it
www.libreriestoriche.it - CALS centro acquisti librerie storiche: cell. 339 6859871 - 345 2886546 copia gratuita
Associazione Culturale
Librerie Storiche e antiquarie dItalia
FONDATA a milano NEL 2004
E k e c h e i r i a Anno V - Numer o 4 - 2012

P E R I ODI C O DI I NF OR MAZ I ONE DE L L AS S OC I AZ I ONE


Franco Zazzeri, Cl assi co dei tre caratteri , 2012, bronzo, cm 64 x 47, Libreria Bocca Editore
(scheda libro a pag. 31)

IMPAGINATO 2009 OK_IMPAGINATO 2009 OK 07/11/12 10.53 Pagina 1


Ekecheiria 4
Ampie vetrate ad arco mi accolgono nel-
la luminosa sala espositiva della Galleria
del Milione, in via Maroncelli, al 7. Grazia-
no Ghiringhelli mi riceve nel suo studio
milanese e con affabile semplicit mi par-
tecipa una testimonianza, viva, degli anni
che videro la tragedia dei bombardamen-
ti, la fervida rinascita del dopoguerra ed
il rinnovamento culturale operato dagli
artisti che gravitavano intorno alla Galle-
ria, destinati ad acquisire nel tempo fama
internazionale: a questo proposito suff-
ciente citare la profonda amicizia che leg
Gino Ghiringhelli a Giorgio Morandi.
Il mio interlocutore, nel suo discorre-
re, rivela una grande ammirazione e un
profondo affetto per gli zii, in particolare,
per lo zio Gino, accanto al quale si form
professionalmente come gallerista. I ri-
cordi afforano fuenti, arricchiti da gustosi
aneddoti. I protagonisti dellarte del No-
vecento, diventati dei miti nellimmagina-
rio collettivo, riprendono la loro dimen-
sione umana, la loro fragilit esistenziale
provata da lotte e scoramenti.
La Galleria fu fondata, nel 1930, dai fratelli
Ghiringhelli insieme ad Edoardo Persico,
prelevando da Pier Maria Bardi, che si
trasferiva a Roma, lo spazio situato in via
Brera al 21, di fronte alla Pinacoteca. Dal-
le vetrate si poteva vedere il Napoleone del
Canova al centro del cortile.
Fu denominata Il Milione, dal libro di Mar-
co Polo, per indicare lo spirito di ricerca e
di esplorazione che lanimava.
Lo zio Gino, egli stesso artista, svolgeva il
compito di direttore artistico, lo zio Peppi-
no sinteressava anche delleditoria darte,
mio padre Livio era impegnato nellammi-
nistrazione. Accanto a Gino partecip atti-
vamente anche la moglie Maria Cernuschi.
Il programma artistico a cui avevano dato
vita era molto aperto: promuoveva artisti
sia astratti che fgurativi. Erano presenti in
Galleria Sironi, Morandi, De Chirico, De Pisis,
Rosai, Melotti, Fontana, Licini, il Gruppo degli
astrattisti: Soldati, Rho, Reggiani, Radice, Bo-
gliardi, Ghiringhelli, Veronesi. Furono allestite
mostre con opere di artisti europei come
Ernst, Legr, Seligmann, Vordemberge-Gil-
dewart, Albers, Baumeister, Kandinskij.
Una documentazione di questi eventi
rintracciabile in Quadrante che Il Milio-
ne pubblic dal 1933, sotto la direzione
di Bontempelli e Bardi, con lappoggio di
Terragni, Ghiringhelli, Radice e la parteci-
pazione di Figini, Pollini al fanco di Birolli,
Melotti e Fontana. Il giornalista, pittore
e teorico darte, Carlo Belli contribuiva,
in prima linea, alla formulazione teorica
dellastrattismo pittorico e dellarchitettu-
ra razionale: il suo saggio Kn, edito, nel
1935, proprio dal Milione defnito da
Kandinskij lvangile de lart dit abstrait.
Viene stabilita una vasta rete di rapporti
internazionali con la presentazione di in-
terventi di Le Corbusier, Gropius, Breuer,
Lger e contributi anche in campo let-
terario e musicale. La rivista manifesta-
va anche la volont di un dialogo tra le
tendenze artistiche milanesi e quelle ro-
mane. Gi nel 1932, inoltre, era iniziata la
pubblicazione del Bollettino del Milione
che, costituendo il catalogo delle mostre
in Galleria, primo esempio nellarte mo-
derna, offriva anche molte notizie culturali
con recensioni e note: le Temperature,
raccolte dai fratelli Ghiringhelli, quali testi-
monianze del clima artistico del momen-
to. Nello spazio libreria si potevano tro-
vare riviste internazionali, come Cercle
et carr, Art concret e Abstraction-
Cration e i numerosi volumi editi dalla
Bauhaus.
Lo zio Gino port, anche, in Italia, i dipinti
di artisti italiani giacenti nei depositi Leonce
Rosenberg, rivalut i futuristi e Modigliani,
import i primi Matisse, Rouault e Wols.
Poi i bombardamenti su Milano, provoca-
rono, nel 1943, un incendio gravissimo che
distrusse ledifcio: andarono perduti docu-
menti, contratti, larchivio con tutti gli articoli
della stampa legati alla Galleria e agli artisti,
libri, opere, tra le quali due acquarelli di Kan-
diskij e una cartella con una trentina di lavori
di Marino Marini . Fu nel dopoguerra
che la Galleria del Milione, dopo i trasfe-
rimenti in via Manzoni e in via S. Andrea
con denominazione Il Camino, si stabi-
l in via Bigli. Nel 1949 Gino Ghiringhelli
Galleria ed ediZioNi del MilioNe
Graziano Ghiringhelli
Ekecheiria 5
Enrica Bortolazzi,
laureata al Dams di
Bologna, giornalista
e appassionata
fotografa si
occupa di eventi
e manifestazioni
feristiche. Da oltre
un decennio nella
ristorazione, gestisce
Castello Malvezzi e
Carlo Magno in Brescia. Con Il coraggio di
Ippocrate e i precedenti progetti editoriali
Brescia con leAli, Gente dacqua, Asia anime
nomadi e Cuore Divino realizza raccolte
di fondi per il sostegno dei bambini in
diffcolt del popolo tibetano.
Giuliana zaGlio,
attiva ed entusiasta
promotrice di
numerose iniziative
a favore dei bisogni
dei pi deboli. Da
sempre in prima
linea, si dedica alla
causa del Tibet e al
sostegno dei piccoli
profughi defnendo
irrinunciabile limpegno in progetti a
scopo umanitario.
carla PErotti,
laureata in flosofa,
giornalista per anni
alla Gazzetta del
Popolo, scrittrice
di numerosi libri
tra i quali Amarsi
e Guarire, Lungo
le rive del tempo,
Oltre i cinquanta,
Nel giardino della
guarigione, Gli ideogrammi del benessere,
Essereyoga, Asia anime nomadi, e molti
altri ancora. Condivide da cinquantanni
lesperienza delloYoga. Allieva di George
Dharmarama e poi di Jean Klein, nel
1958 ha fondato aTorino lAssociazione
culturale Italo-Indiana.Vive aTorino
I

P
o
r
t
a
t
o
r
I

d
I

L
u
c
e












































M
a
r
c
o
S
e
r
r
a
t
a
r
a
n
t
o
l
a
e
d
i
t
o
r
e
I PortatorI dI Luce
Marco Serra tarantola editore
Nel grande Silenzio il Portatore di Luce ci interroga:
Come fu possibile restare ciechi per cos lungo
tempo?. Viene il suo canto, e ci fa chiara la mente.
e33,00
Cover Ghidoni def 30-05-2012 17:30 Pagina 1
Colori compositi
C M Y CM MY CY CMY K
C
M
Y
CM
MY
CY
CMY
K
Cover Rajasthan.ai 1 29/11/12 14:24
Colori compositi
C M Y CM MY CY CMY K
bello scrivere perch riunisce le due gioie:
parlare da solo e parlare a una folla - Cesare Pavese
Corso Zanardelli, 52 - 25121 Brescia
tel. 030 49 300
editore@tarantola.it - www.tarantola.it
Ekecheiria 6
propose la prima personale di Picasso in
Italia: vennero esposti dieci quadri ad olio
di grandi dimensioni, superavano il metro
per lato. Seguirono mostre di Wols, Mor-
lotti Birolli, Matta, Klein, Chagall, Ajmone,
Chighine, Fasce, Carmassi, Guttuso, Mar-
tini, Marini, Fontana, Manz, Mirko, Min-
guzzi, Milani, Fabbri, Tamayo e di molti
altri eminenti artisti.
Con grande successo si potenzi, dagli Anni
Quaranta, anche leditoria darte. Nacquero
diverse collane di Arte moderna italiana e
Arte moderna straniera che rappresentano
i primi esempi di diffusione su larga scala
delle opere delle Correnti artistiche delle-
poca come dei singoli Maestri. Questa
passione per la divulgazione dellarte
testimoniata da prestigiosi libri ora di cul-
to. Basti, in proposito, ricordare il primo
catalogo dellopera di Modigliani curato
da Ambrogio Ceroni del 1958 e la prima
monografa, in assoluto, pubblicata su Si-
roni del 1955, presentata da Agnoldome-
nico Pica: La copertina era blu notte con
la frma dellartista in alto su fondo chiaro.
Lartista mi diceva: Quando frmo, il primo
puntino sulla i, lo faccio sempre pi grande
del secondo. Ma per riconoscere un Sironi
guardo ben altro.
Furono edite la Collana delle Cartoline
dei dipinti di Brera, la Collana dei Fascicoli
dArte, la Collana Teatro, la Collana del-
le Monografe, la Collana della Giovane
Pittura Italiana curata da Marco Valsecchi,
la Collana Pittori Italiani Contemporanei,
la Collana delle Grandi Raccolte dArte
Contemporanea curata da Guido Pio-
vene: famoso il volume della raccolta
dellavvocato bresciano Pietro Feroldi, del
1942, raccolta che verr poi acquistata da
Gianni Mattioli, negli Anni Cinquanta, tra-
mite Gino Ghiringhelli. Negli Anni Settan-
ta Peppino si ritira dallattivit editoriale
dopo la testimonianza di una devozione
appassionata alla pittura contemporanea,
espressa con un impegno di eccezionale
professionalit. Come non ricordare la
pubblicazione sul movimento di Corrente
di R. De Grada, 1952, sul Futurismo di R.
Carrieri 1961, e nella serie 12 opere di
la monografa su M. Campigli di M. Raynal,
1948, su V. Guidi di A. Gatto, 1946, su A.
Tosi di M. Valsecchi, 1953, su G. De Chirico
di M. Bontempelli,1952, su M. Sironi di A.
Pica,1952, su P. Marussing di R. Carrieri,
1947, su R. De Grada di F. Flora 1958, su
A. Soffci di G. Papini, 1961. Come non
ricordare i volumi su C. Carr di G. Pac-
chioni, 1959, su M. Marini, di U. Apollo-
nio, 1960, su G. Manz di C. L. Ragghianti,
1963. Uno splendido volume monograf-
co, presentato da Lamberto Vitali, fu de-
dicato a Giorgio Morandi, nel 1964.
Graziano Ghiringhelli ricorda molti episo-
di legati allassidua frequentazione dellar-
tista bolognese. Dipingeva non pi di due
ore al giorno, guardava molto i libri darte
antica e pi del testo lo interessavano le im-
magini: Lei Graziano guardi, guardi, guardi,
osservi le cose, osservi tutto, osservi il pae-
saggio .Impari lei a guardare e mi con-
fdava di aver notato come il colore verde
avesse una gamma molto vasta di tonalit
distinte. La pittura di Morandi una pittura
di rifessione, una meditazione. In merito
alla sua monografa, rammenta: Era come
unantologica ideata dallartista stesso: lo zio
Gino portava le fotografe dei dipinti. Ci si
metteva nello studio e lui sceglieva: Questo
pubblichiamolo, questo no.
Ho corretto le bozze. Allora, inoltre, si stam-
pava in quadricromia e bisognava stare
molto attenti ai risultati del colore. Io e lo
zio andavamo alla tipografa Esperia a fare
le necessarie correzioni. Il testo poi ha una
lunga storia perch lincarico di fare la pre-
sentazione era stato affdato a Francesco
Arcangeli ma, quando il critico consegn il
suo scritto, nacquero dei problemi. Morandi
non era daccordo riguardo a certe date e a
quanto veniva affermato circa una sua pre-
sunta crisi spirituale o di ricerca: Non vero,
io non ero in crisi. In realt era quello un pe-
riodo in cui non aveva i mezzi per procurarsi
le tele e i colori. Poi altre cose ... Il lavo-
ro, pur altamente poetico, venne rifutato
e rimase nel cassetto: Arcangeli ne soffr
moltissimo. Morandi chiam a sostituirlo
Lamberto Vitali.
Sfogliando il volume, ogni pagina, ogni
opera fa scattare ricordi improvvisi di
grande intensit.
Lo zio Gino mor nel 1964, a due mesi dal-
la scomparsa dellamico di tutta una vita.
La Galleria prosegu nel suo impegno con
storiche mostre come quelle di Olivieri,
Folon, Dorazio, Accardi, Salvo, Stefanoni,
Lger, Bonnard, Gris, Dufy, Bacon, Klee,
Feininger, 347 incisioni di Picasso. Attual-
mente Il Milione diretto da Luca e Fran-
cesca, miei fgli, che continuano una vivace
attivit espositiva.
Peppino Ghiringhelli fu un antesignano
delle pubblicazioni darte. Attu un per-
corso editoriale di grande qualit, antici-
patore di quellattenzione allespressione
artistica di respiro internazionale che si
sarebbe sviluppata pi avanti. Sostenne
il fervore intellettuale e creativo del suo
tempo con grande passione, competenza
e capacit critica. Seppe coinvolgere poe-
ti, letterati, critici di altissimo proflo diven-
tando un riferimento prestigioso della cul-
tura tra gli anni Trenta e gli anni Settanta e
di questo fu perfettamente consapevole
se scriveva, nel 1933, allamico Belli: Fac-
ciamo della Storia e non della cronaca
Silvia Venuti
Archivio Galleria del Milione
Ekecheiria 7
C
M
Y
CM
MY
CY
CMY
K
Senza titolo-1.ai 5 12/07/12 10.07
Ekecheiria 8
deGas, Capolavori dal Muse dorsay
piCasso
A Torino fno al 27 gennaio 2013 DE-
GAS - Capolavori dal Muse dOrsay che
ci raccontano di un impressionista au-
tonomo ed indipendente.
Basta confrontare la luce dei suoi in-
terni (salvo le corse dei cavalli e qual-
che paesaggio) con il colore e la luce
naturale in esterno degli altri artisti (fu
molto amico di Manet) che comunque
frequenta ed insieme espone.
Altro indice il taglio fotografco (come
lui stesso defnisce) della istantaneit,
un fermo immagine su gesti comuni
e correnti delle mani (molto studiate)
di delicate ballerine, musicisti, stiratrici,
donne che si lavano e vestono, tutti vi-
sti da dietro le quinte con commossa
attenzione ed insieme realismo, colti
dal vivo.
Opere che sembrano sguardi sul mon-
do, reportage, illustrazioni.
Ipotecato da una malattia agli occhi,
conseguita tardi, quando si arruola con-
tro i Prussiani, diventer quasi cieco,
peggiorando il gi rude carattere: inten-
sifca luso del pastello e modella cera
e terracotta per sculture che lui stesso
defnisce non avere limpressione della
fnitezza.
Cavalli e ballerine sono sempre colti
nellattimo di un movimento, profonda-
mente studiato, con molta dinamica e
riproducendone le muscolature.
Oltremodo suggestiva la stanza dedi-
cata alla Ballerina di 14 anni, 1879-81,
vestita con tut in tulle, nastro in satin
fra i capelli, corpetto e scarpette in raso
(unica scultura da lui esposta).
Lopera tarda, che certa critica dice farsi
pi ossessiva, esposta in altra monu-
mentale mostra a Basilea, alla Fondazio-
ne Beyeler, bene illuminata dalla archi-
tettura di Renzo Piano, il tetto bascu-
lante insegue il sole e la luce.
Non si dimentichi quanto fu ammirato
da Matisse e Picasso.
Pietro Sergio Mauri
Il tepore della meraviglia e del buon
umore riscaldano, cuore ed intellet-
to, nel visitare PICASSO (in mostra a
Palazzo Reale di Milano fino al 6 gen-
naio 2013): una enorme felicit cre-
ativa, libera ed altrettanto ragionata.
Uno storico ritorno, dopo lespo-
sizione di Guernica nel 1953 per
speciale concessione del Maestro
ed oggi visibile, virtualmente, nella
stessa Sala delle Cariatidi: restaurato
simbolo della tragedia della Guerra.
Merita ricordare che Guernica la
citt basca distrutta nel 1937 dalla
Guerra Civile Spagnola, dalle bom-
be tedesche in supporto al Gene-
rale Franco e che Picasso dipinse lo
stesso anno, in occasione della Fiera
Internazionale di Parigi, dove viveva.
Che dire del talentuoso (fin da giova-
nissimo) Artista? C poco da aggiun-
gere al molto tanto detto e scritto se
non le forti emozioni e reazioni che
in noi sempre suscita come fossero
novit, facendoci intuire quanto la
sua ispirazione nasca dalla sua stes-
sa vita, dalle persone, animali e cose
che incontra e che subito trasfigura
ed interpreta, con rapido tratto. Lin-
vito di gustare, senza preconcet-
ti, queste opere come fette di una
torta ricca di ingredienti: possono
sconcertare, ma affascinano per il
vortice di inventiva, intuizione, inter-
pretazione del suo quotidiano e dei
fatti del mondo che gli succedono
attorno, tutto capovolgendo in una
visione dinamica e globale, sulla qua-
le possiamo provare a sovrapporre il
nostro quotidiano e le nostre reazio-
ni emotive: ci educheremo e capire-
mo molto anche di noi.
La sua vita una scala, fatta di pe-
riodi con prospettive e colori diversi:
blu, rosa, cubista, surrealista, realista.
Insomma visioni classiche, moder-
ne, neoclassiche e, comunque, non
astratte e con una continua riflessio-
ne sulla propria identit.
Protagonista sempre, nella vita e
nelle diverse tecniche espressive
(pittura, scultura, disegno, incisione,
ceramica).
Geniale Emblema del secolo XX:
am il cinema al suo nascere. Se
avesse potuto riflettere sugli sviluppi
di Internet, chiss come e se si sa-
rebbe evoluta anche la sua arte. Solo
lui potrebbe rispondere.
Il suo occhio allotropico diversifica
le forme che trova in mille scompo-
sizioni, soprattutto psicologiche (in
particolare nei ritratti) ed insieme
attore e regista, infatti, chi incontra,
come tutto ci che vede, diventano
suo cibo e bevanda, sua esperienza
che lartista gode con libert, abilit,
ironia e parodia.
Tutto e tutti, me compreso, sacrifi-
co alla pittura!
Pietro Sergio Mauri
Ekecheiria 9
Tel. 011.8177114
e-mail preglias@fleita.it - www.preliber.com
Ekecheiria 10
Cosa ci si pu aspettare da un pittore
che si serve di preparazioni scelleratis-
sime e di colori molto oliosi? E che di-
pinge spesso alla prima? Tutto il meglio
possibile, perch il pittore in questione
Francesco Guardi, e perch nono-
stante gli azzardi citati se la pittura di
Canaletto appaga, quella di Guardi sedu-
ce. Questa ci sembra essere la chiave di
lettura della mostra che, al Museo Cor-
rer, celebra lartista (trentino per origi-
ne familiare, veneziano per nascita), una
mostra frutto di un grande lavoro tutto
interno alla Fondazione Musei Civici di
Venezia, nella sua genesi come nella sua
preparazione e realizzazione, cos come
per la ricerca scientifca della curatela di
Filippo Pedrocco e Alberto Craievich e
la impeccabile direzione scientifca del
direttore Gabriella Belli. E ci giusto
motivo di orgoglio. Ma pure
c da essere feri del fatto, che
delle 140 opere in mostra, una
trentina sono di propriet delle
collezioni MUVE: Ca Rezzo-
nico Museo del Settecento
nonch Il Gabinetto di Disegni
e Stampe del Museo Correr. E,
da ultimo, anche che pezzi im-
portanti siano stati prestati da
istituzioni museali e collezioni
di alto prestigio. La scientifcit
della mostra poggia inoltre su
una cristallina organizzazione
per sezioni: Guardi pittore di
storia; Le prime vedute; Paesaggi e Ca-
pricci; Feste e Cerimonie; Lultimo Guar-
di. Ben 16 sono le opere esposte in Italia
per la prima volta. Altissima la qualit
di alcune vedute in collezione privata o
di opere quali Il molo e la riva degli schia-
voni dal bacino di San Marco, dal MET di
New York, oppure di una tela intitolata
Paesaggio di fantasia con tenda di pesca-
tori (Coll.Varez Fisa). Di una qualit rara
sono certi capricci (Paesaggio di fantasia
con grandi alberi e un lago, Ermitage) ma
specialmente i disegni, la maggior parte
proveniente dalle collezioni veneziane.
Una pittura, quella di Francesco Guar-
di, che dunque seducente per morbi-
dezza di stesura e per modulazione di
cromatismi, capace di ridarci la vivacit
dellattimo vissuto e la magnifcenza del-
la pietra architettonica, e testimonia una
grandezza professionale a lungo immeri-
tatamente misconosciuta.
Fino al 6 gennaio 2013;
www.mostraguardi.it
Paola Rapelli
Ci sono date che partono da una cit-
t e arrivano al mondo. Nel 313 Milano
proclama ai Cristiani e a tutti gli uomini
la libert, di seguire la religione che cia-
scuno crede []. La nostra Citt, capi-
tale di un Impero al suo crepuscolo, il-
luminava il mondo con un fondamento
di modernit. Palazzo Reale ricrea, 1700
anni dopo, il contesto in cui ebbe vita la
forza profetica di quellevento []. Con
queste parole il sindaco Pisapia presenta
une delle mostre pi importanti da molto
tempo organizzate a Milano, importante
per tematica, scientifcit, variet e qualit
dei materiali esposti. Per lassessore Boe-
ri questa mostra rivela come Milano sia
stata, oltre che capitale politica e ammini-
strativa di un impero, anche un riferimen-
to etico e culturale.
Milano, in quel preciso momento storico,
ha saputo mostrare al mondo la propria
profonda civilt attraverso lapertura ad
ogni espressione di fede e di tolleranza
religiosa in un tempo in cui barbarie e
tolleranza parevano regnare pi sovra-
ne dellautorit imperiale. Il percorso di
questa esposizione si articola in sei sezio-
ni che approfondiscono con pi di 200
preziosi oggetti (darcheologia e darte)
tematiche storiche, artistiche, politiche e
religiose strettamente connesse tra loro:
dalla Milano sede imperiale, alla conver-
sione di Costantino, ai simboli cristiani
del suo trionfo, dai culti pagani, alla nuo-
va religione che informa di s un mondo
nuovo, alla continuit iconografca della
fgura dellimperatore cristiano. La mostra
tutta milanese nella concezione e nella
realizzazione: si deve infatti alla compe-
tenza di Gemma Sena Chiesa e di Paolo
Biscottini, direttore del Museo Diocesa-
no, e conta sulla collaborazione di alcune
prestigiose istituzioni museali italiane e
straniere, grazie a prestiti pregevolissimi.
La Fondazione Bracco (uno degli spon-
sor) si poi occupata di una iniziativa che
si innesta nel progetto culturale della mo-
stra, sviluppando un tema presentato nel-
la sala dedicata ai personaggi della corte
imperiale: ha reso possibile la pubblicazio-
ne di Elena. Allombra del potere, biografa
illustrata (Electa, serie Pesci Rossi) che
svela i segreti di una donna augusta che
non amava il potere ma si dimostrata,
a suo modo, potentissima. Tra le attivit
in occasione delle celebrazioni per lanno
313 segnaliamo un percorso museale or-
ganizzato dal Civico Museo Archeologico
di Milano nella cripta cinquecentesca della
chiesa di S. Maurizio: Da Gerusalemme a
Milano. Imperatori, flosof e dei alle origini
del Cristianesimo.
Catalogo Electa
Paola Rapelli
Guardi
ovvero la seduzione del colore vellutato
CostaNtiNo 313 d.C.
Ekecheiria 11
Ekecheiria 12
La nostra libreria nasce nellaprile 1926
col nome Libreria Nironi e Prandi in
Via Cavallotti (lattuale via Crispi) con
Arturo Nironi al reparto cancelleria e
Giacomo Prandi a curare il settore li-
bri. Il primo Catalogo di libri antichi
e moderni a cura di un giovane Dino
Prandi (1915-2004) dellaprile 1937
e, in breve tempo, il reparto dantiqua-
riato acquista sempre pi importanza e
una certa fama nellambiente culturale
italiano. Nel 1947 Dino Prandi tra i
fondatori del Circolo dei Librai Anti-
quari Italiani (diventato successivamen-
te A.L.A.I. Associazione Librai Antiquari
Italiani) che comprendeva le venti tra le
pi importanti librerie antiquarie delle-
poca.
Nel dicembre del 1953 appare il primo
Catalogo con cento acque-
forti italiane dell800, come
supplemento al catalogo di
libri n. 70.
il nostro primo Catalogo
di grafca, cui seguiranno an-
nualmente altri, fno a giunge-
re al dicembre 1961, quando
la pubblicazione avr circa la
forma attuale: un Catalogo
annuale di grafca dArte af-
fancato da un altro dedicato
per lo pi a libri illustrati da
Artisti moderni italiani e stra-
nieri.
DallOttobre 1967 la libreria si trasfe-
rita nellattuale sede di viale Timavo 75
con la denominazione di Libreria Anti-
quaria Prandi.
Oggi abbiamo superato il traguardo di
oltre cinquanta cataloghi di grafca pub-
blicati, senza contare gli innumerevoli
relativi ai libri e quelli dedicati a mostre
collettive o dartisti singoli.
praNdi
GrNewald
Pur trattandosi di uno dei massimi artisti
di ogni tempo, il tedesco Mathis Nithart
Gothardt, universalmente conosciuto
come Grnewald (un soprannome che
compare per solo nel Seicento), non
gode della fama universale del suo con-
temporaneo Albrecht Drer.
Eppure le sue opere, di una religiosit
intensa e violentissima, caratterizzate
da una tensione espressiva e da una ric-
chezza coloristica quasi insostenibili, han-
no attirato lattenzione di artisti, scrittori
e musicisti, a partire dalla sua riscoper-
ta avvenuta nel XIX secolo: da Joris-
Karl Huysmans a Max Beckmann, da
Paul Hindemith a Giovanni Testori.
Ma il lettore italiano che oggi voglia ap-
profondire le conoscenze su di lui si tro-
va alquanto in diffcolt: non esiste una
monografa completa su di lui, facilmente
reperibile, in lingua italiana.
Questo volume, scritto da alcuni tra i
principali esperti francesi dellartista, si
propone di colmare questa lacuna, gra-
zie a testi eruditissimi ma brillanti, ad ap-
profondite analisi tecniche che conduco-
no il lettore a seguire lopera nelle sue
fasi esecutive e nei suoi restauri storici,
grazie anche a un apparato illustrativo di
una ricchezza per Grnewald non si era
mai vista.
Una mancanza colmata da un libro che
sar apprezzato dagli appassionati per le
sue qualit editoriali e rappresenter un
punto di riferimento per gli studi futuri.
A cura della redazione
aNdrea sCaCCiati
Questa pubblicazione monografca,
frutto di lunghi anni di ricerca, mette
a fuoco per la prima volta la persona-
lit artistica di Andrea Scacciati (1644-
1710), fgura di punta insieme a Bar-
tolomeo Bimbi della pittura di natura
morta a Firenze in et tardo barocca.
Molto amato dai Medici e dalle pi
note famiglie patrizie toscane, lo Scac-
ciati fu autore di opere di altissima
qualit stilistica, dedicate in preva-
lenza a composizioni foreali, defni-
te con sapiente perizia pittorica ed
esaltate da esclusivi effetti cromatici.
Comprensivo di accurati saggi intro-
duttivi, corredati da un ampio campio-
nario di immagini di confronto, il volu-
me esamina dettagliatamente il proflo
biografco e il vasto catalogo dellarti-
sta, costituito da quasi 120 dipinti, 55
dei quali riprodotti in tavole a colori.
A cura della redazione
pittore di fori, frutta e animali a Firenze in et tardo barocca
da sinistra: Andrea, Paolo, Laura Prandi
Ekecheiria 13
sussurri dallaBisso
Si usa uno specchio per guardare il viso
e si usano le opere darte per guardare
la propria anima
George Bernard Shaw
Lindagine sulluomo, nella sua mille-
naria variet di espressioni di ingegno,
in fondo, per lartista, un fertile e
tormentato racconto di se stesso.
il caso anche di Pier Toffoletti, pit-
tore affermato la cui formazione ha
avuto un percorso intenso, dapprima
affrontando deserti interiori, attratto
da spiritualit orientali, sperimentan-
do vertigini di meditazione non meno
avventurose del calarsi, come predili-
ge, in grotte inesplorate o in fondali
marini, nellimpervio cammino verso
un Essere Assoluto, alla ricerca di una
via che porti alla serenit del distacco,
alla Conoscenza Suprema; concentran-
do in seguito la sua attenzione sulla
Natura, curioso delle sue infnite ma-
nifestazioni, desideroso di immerger-
sene, di averne un pi diretto contat-
to fsico, tastando e osservando con
interesse terre, acque, rocce ai quat-
tro angoli del mondo da cui caver
idee e materiali per le sue creazioni,
riuscendo a stabilire un legame che,
oltre che fonte di energia e di ispira-
zione, sar un suo segreto di intimo
equilibrio, sperimentando sensazioni
forti come accadde nellattraversa-
mento di una foresta nicaraguen-
se in cui gli parve di avvertirsi parte
integrante di un Tutto, infnitesimale
essenza di una universale armonia, li-
bero dal timore di ferirsi o di morire
bench attorniato da ogni tipo di in-
sidie, con un senso di serenit piena
e profonda, di sintonia perfetta con
quello che chiamiamo Natura o Dio,
quel Dio che ci fa accettare e perfno
apprezzare la vita. Percezione presto
svanita al suo rientro nella civilt
avanzata, tecnocratica e ossessiva,
prodiga di angosce, dalle quali Pier ha
imparato saggiamente a prendere le
distanze.
Personalit sensibile ed eclettica, lunghe
chiome dorate, sembianze da arcan-
gelo annunciatore, Toffoletti nella sua
pittura ha ugualmente inteso indagare,
sperimentando le tecniche e i gene-
ri pi vari fno a lambire linformale,
baratro confusionale per chi guarda,
dal quale ha saputo intelligentemen-
te riemergere, per trasferire nelle sue
opere quella forza primigenia della
Natura che tutto tiene, genera e in-
cessantemente rigenera, nel desiderio
di meglio defnire quegli incerti con-
torni di unanima che il buio viscera-
le della terra o il compatto silenzio
del mare profondo sanno talvolta
suggerire con illuminanti sussurri, pi
nitidamente di qualsiasi abbacinante
solarit.
Toffoletti realizza soggetti di classica
perfezione formale, permeati da una
vena lirica intimamente malinconica:
avvenenze di volti, movenze di danza,
espressivit di mani, sinuosit di corpi
nel rigore di unintramontabile tradi-
zione di armonia e di proporzioni che
vizi e follia del nostro tempo fnisco-
no tuttavia per contaminare.
Nel suo recente ciclo defnito noir per
lincupire dei fondi, la deliberata tra-
scuratezza delle colature, la prevalen-
za di tonalit fuligginose, lapparire di
macchie e di striature sui corpi come
di minatori insudiciati o di infetti da
contagi deturpanti sui quali lascia in-
combere unonda dombra che intacca
i profli del reale e annuncia limmise-
rimento della carne, Pier Toffoletti ci
racconta lassurdo martirio della pelle.
Nella sua predilezione per la fgura
femminile, centralit estetica e mito
iconografco per eccellenza - di cui la
preziosa compagna Manuela mo-
dello e nesso ideale Pier si sofferma
a rifettere su le sevizie e le efferate
mutazioni che oggi le donne, ma an-
che laltro sesso, infiggono alla propria
epidermide, divenuta schermo su cui
tracciare simboli e marchiature come
inequivocabili messaggi.
Il corpo, tempio dellanima osserva
Pier divenuto proiezione di males-
seri, oggetto di manipolazioni chirurgi-
che, traftture, tatuaggi, scarifcazioni,
per attrarre attenzione in un processo
di esteriorizzazione il cui imperativo
lapparire.
Cos Toffoletti, saturo di corpi pro-
fanati, ha inteso trasmettere un mes-
saggio di disagio, inferendo sui
nudi, negandone lintegrit, imbrat-
tandoli di tonalit innaturali e bitumi-
nose, non sapendo tuttavia rinunciare
ad immettere in quei corpi e in quei
volti, pur divenuti assillo tedioso, quel
suo tocco di magnetismo sensuale,
quellimpulsiva carica estetica che li
trasforma in fatti pittorici di valore
compiuto.
Ogni giorno luomo accetta il suo
ignoto destino, come se non sapes-
se ci che sa e senza rifettere su ci
che laspetta, confuso in quella fuma-
na che incede lasciando dietro di s
unimpercettibile scia di dimenticanza
e di cenere. Resiste il canto dellarte,
dimostrazione di meraviglia creativa
nel perseguimento di un consolante
ideale di bellezza, per offrirci, come
riscatto dal niente del vivere, un sia
pur momentaneo risarcimento di fe-
licit.
Giovanni Serafni
Pier Toffoletti, Archetipo cm. 50x80
Ekecheiria 14
Mcrigo Art Books,
SoIo Iibri d`artc.

La Merigo Art Books un'azienda specializzata nella RICERA e nella VENDITA DI LIBRI
DARTE in Italia e all'estero. Presso la nostra libreria troverete, oltre ai libri di nostra edizione,
anche titoli di altri editori. Abbiamo migliaia di opere esaurite sull arte antica, e sull'arte
applicata minore e maggiore di tutto il mondo, con grande rilievo alla nostra Italiana. Poniamo
particolare attenzione ai cataloghi di mostre e ad argomenti: design del XX secolo, mobili di
tutte le epoche e nazioni, ceramiche e porcellane, vetri, argenti, tappeti e tutto il
collezionismo, pittura russa. Particolare cura dedichiamo ai lessici e prezziari (Thieme-Becker,
Benezit, Comanducci, Akoun), e presso di noi li potrete trovare al miglior prezzo in assoluto.
Abbiamo inoltre un settore di offerte di libri con sconti dal 50% , sempre rinnovato. I libri
segnalati sono esistenti sui nostri scaffali quindi in 48 ore li potrete consultare presso di Voi.
Siamo conosciuti anche per lo sconto che pratichiamo a tutti i professionisti del settore:
antiquari, studiosi, collezionisti, biblioteche e musei.
Forniamo ai nostri clienti un servizio gratuito di informazione sulle novit editoriali. Per poterne
usufruire basta iscriversi gratuitamente alle nostre newsletter.
Per qualsiasi richiesta od informazione siamo sempre reperibili e ben disposti per risolvere ogni
vostro problema.
Antonio Carracci Valentin Lefevre Alessandro Tiarini Leonello Spada

Euro 150,00 Euro 165,00 Euro 150,00 Euro 160,00

In offerta speciale ad euro 100,00 cad.

Merigo Art Books - via dei Colli, 78 - 25080 Manerba del Garda (Bs) - Italy
Tel/Fax: +39 0365 551832 - Web: www.merigoartbooks.it - E-mail: info@merigoartbooks.it
Mcrigo Art Books,
SoIo Iibri d`artc.

La Merigo Art Books un'azienda specializzata nella RICERA e nella VENDITA DI LIBRI
DARTE in Italia e all'estero. Presso la nostra libreria troverete, oltre ai libri di nostra edizione,
anche titoli di altri editori. Abbiamo migliaia di opere esaurite sull arte antica, e sull'arte
applicata minore e maggiore di tutto il mondo, con grande rilievo alla nostra Italiana. Poniamo
particolare attenzione ai cataloghi di mostre e ad argomenti: design del XX secolo, mobili di
tutte le epoche e nazioni, ceramiche e porcellane, vetri, argenti, tappeti e tutto il
collezionismo, pittura russa. Particolare cura dedichiamo ai lessici e prezziari (Thieme-Becker,
Benezit, Comanducci, Akoun), e presso di noi li potrete trovare al miglior prezzo in assoluto.
Abbiamo inoltre un settore di offerte di libri con sconti dal 50% , sempre rinnovato. I libri
segnalati sono esistenti sui nostri scaffali quindi in 48 ore li potrete consultare presso di Voi.
Siamo conosciuti anche per lo sconto che pratichiamo a tutti i professionisti del settore:
antiquari, studiosi, collezionisti, biblioteche e musei.
Forniamo ai nostri clienti un servizio gratuito di informazione sulle novit editoriali. Per poterne
usufruire basta iscriversi gratuitamente alle nostre newsletter.
Per qualsiasi richiesta od informazione siamo sempre reperibili e ben disposti per risolvere ogni
vostro problema.
Antonio Carracci Valentin Lefevre Alessandro Tiarini Leonello Spada

Euro 150,00 Euro 165,00 Euro 150,00 Euro 160,00

In offerta speciale ad euro 100,00 cad.

Merigo Art Books - via dei Colli, 78 - 25080 Manerba del Garda (Bs) - Italy
Tel/Fax: +39 0365 551832 - Web: www.merigoartbooks.it - E-mail: info@merigoartbooks.it
Mcrigo Art Books,
SoIo Iibri d`artc.

La Merigo Art Books un'azienda specializzata nella RICERA e nella VENDITA DI LIBRI
DARTE in Italia e all'estero. Presso la nostra libreria troverete, oltre ai libri di nostra edizione,
anche titoli di altri editori. Abbiamo migliaia di opere esaurite sull arte antica, e sull'arte
applicata minore e maggiore di tutto il mondo, con grande rilievo alla nostra Italiana. Poniamo
particolare attenzione ai cataloghi di mostre e ad argomenti: design del XX secolo, mobili di
tutte le epoche e nazioni, ceramiche e porcellane, vetri, argenti, tappeti e tutto il
collezionismo, pittura russa. Particolare cura dedichiamo ai lessici e prezziari (Thieme-Becker,
Benezit, Comanducci, Akoun), e presso di noi li potrete trovare al miglior prezzo in assoluto.
Abbiamo inoltre un settore di offerte di libri con sconti dal 50% , sempre rinnovato. I libri
segnalati sono esistenti sui nostri scaffali quindi in 48 ore li potrete consultare presso di Voi.
Siamo conosciuti anche per lo sconto che pratichiamo a tutti i professionisti del settore:
antiquari, studiosi, collezionisti, biblioteche e musei.
Forniamo ai nostri clienti un servizio gratuito di informazione sulle novit editoriali. Per poterne
usufruire basta iscriversi gratuitamente alle nostre newsletter.
Per qualsiasi richiesta od informazione siamo sempre reperibili e ben disposti per risolvere ogni
vostro problema.
Antonio Carracci Valentin Lefevre Alessandro Tiarini Leonello Spada

Euro 150,00 Euro 165,00 Euro 150,00 Euro 160,00

In offerta speciale ad euro 100,00 cad.

Merigo Art Books - via dei Colli, 78 - 25080 Manerba del Garda (Bs) - Italy
Tel/Fax: +39 0365 551832 - Web: www.merigoartbooks.it - E-mail: info@merigoartbooks.it
Mcrigo Art Books,
SoIo Iibri d`artc.

La Merigo Art Books un'azienda specializzata nella RICERA e nella VENDITA DI LIBRI
DARTE in Italia e all'estero. Presso la nostra libreria troverete, oltre ai libri di nostra edizione,
anche titoli di altri editori. Abbiamo migliaia di opere esaurite sull arte antica, e sull'arte
applicata minore e maggiore di tutto il mondo, con grande rilievo alla nostra Italiana. Poniamo
particolare attenzione ai cataloghi di mostre e ad argomenti: design del XX secolo, mobili di
tutte le epoche e nazioni, ceramiche e porcellane, vetri, argenti, tappeti e tutto il
collezionismo, pittura russa. Particolare cura dedichiamo ai lessici e prezziari (Thieme-Becker,
Benezit, Comanducci, Akoun), e presso di noi li potrete trovare al miglior prezzo in assoluto.
Abbiamo inoltre un settore di offerte di libri con sconti dal 50% , sempre rinnovato. I libri
segnalati sono esistenti sui nostri scaffali quindi in 48 ore li potrete consultare presso di Voi.
Siamo conosciuti anche per lo sconto che pratichiamo a tutti i professionisti del settore:
antiquari, studiosi, collezionisti, biblioteche e musei.
Forniamo ai nostri clienti un servizio gratuito di informazione sulle novit editoriali. Per poterne
usufruire basta iscriversi gratuitamente alle nostre newsletter.
Per qualsiasi richiesta od informazione siamo sempre reperibili e ben disposti per risolvere ogni
vostro problema.
Antonio Carracci Valentin Lefevre Alessandro Tiarini Leonello Spada

Euro 150,00 Euro 165,00 Euro 150,00 Euro 160,00

In offerta speciale ad euro 100,00 cad.

Merigo Art Books - via dei Colli, 78 - 25080 Manerba del Garda (Bs) - Italy
Tel/Fax: +39 0365 551832 - Web: www.merigoartbooks.it - E-mail: info@merigoartbooks.it
Mcrigo Art Books,
SoIo Iibri d`artc.

La Merigo Art Books un'azienda specializzata nella RICERA e nella VENDITA DI LIBRI
DARTE in Italia e all'estero. Presso la nostra libreria troverete, oltre ai libri di nostra edizione,
anche titoli di altri editori. Abbiamo migliaia di opere esaurite sull arte antica, e sull'arte
applicata minore e maggiore di tutto il mondo, con grande rilievo alla nostra Italiana. Poniamo
particolare attenzione ai cataloghi di mostre e ad argomenti: design del XX secolo, mobili di
tutte le epoche e nazioni, ceramiche e porcellane, vetri, argenti, tappeti e tutto il
collezionismo, pittura russa. Particolare cura dedichiamo ai lessici e prezziari (Thieme-Becker,
Benezit, Comanducci, Akoun), e presso di noi li potrete trovare al miglior prezzo in assoluto.
Abbiamo inoltre un settore di offerte di libri con sconti dal 50% , sempre rinnovato. I libri
segnalati sono esistenti sui nostri scaffali quindi in 48 ore li potrete consultare presso di Voi.
Siamo conosciuti anche per lo sconto che pratichiamo a tutti i professionisti del settore:
antiquari, studiosi, collezionisti, biblioteche e musei.
Forniamo ai nostri clienti un servizio gratuito di informazione sulle novit editoriali. Per poterne
usufruire basta iscriversi gratuitamente alle nostre newsletter.
Per qualsiasi richiesta od informazione siamo sempre reperibili e ben disposti per risolvere ogni
vostro problema.
Antonio Carracci Valentin Lefevre Alessandro Tiarini Leonello Spada

Euro 150,00 Euro 165,00 Euro 150,00 Euro 160,00

In offerta speciale ad euro 100,00 cad.

Merigo Art Books - via dei Colli, 78 - 25080 Manerba del Garda (Bs) - Italy
Tel/Fax: +39 0365 551832 - Web: www.merigoartbooks.it - E-mail: info@merigoartbooks.it
Ekecheiria 15
Arser Edizioni
sede e mostra permanente: 25060 Cellatica BS (Italy) - via Badia n. 74
telefono: + 39 030 312720 - Cell. 333 1817728
www.arseredizioni.it info@arseredizioni.it
ARRIVANO DA BRESCIA
I MULTIPLI IN BRONZO
I cataloghi della Arser Edizioni, si aprono nel 1974 con la serie "sole produttore",
6 rilievi in bronzo di oltre un metro e venti in dieci esemplari a frma di Gi Pomodoro
presentati da Tommaso Trini e con due sculture di Carmelo Cappello presentate da Umbro
Apollonio.
Seguono poi altre collezioni prestigiose, tra cui fgurano nomi autorevoli del panorama
artistico italiano:
un impegno di costante promozione e valorizzazione attraverso numerose partecipazioni
a Fiere d'Arte in Italia e all'estero.
Walter Valentini
Citt del sole
cm. 17 x 4,5 x 20
bronzo lucido e patinato, protetto da vernice trasparente
150 esemplari (numerati e frmati)
Tracce
cm. 6,5 x 18 x 4,5
bronzo lucidato - 300 esemplari (numerati e frmati)
Walter Valentini
Tavole
cm. 10 x 27 x 20
bronzo lucido e argentato su base nera
300 esemplari (numerati e frmati)
Tracce piccole
cm. 5 x 12,5 x 3 - lega di stagno lucidato
300 esemplari (numerati e frmati)
Tracce grandi
cm. 8,5 x 14 x 3
lega di stagno lucidato - 300 esemplari (numerati e frmati)
Ekecheiria 16
Ciondolo senza razza e nemmeno un
colore defnito, Flush il cocker spa-
niel della poetessa Elizabeth Barrett,
animoso, eppure assennato, Karenin
incarnazione dellamore disinteressato:
sono tutti cani resi indimenticabili dalla
penna di Tolstoj, di Virginia Woolf, di
Milan Kundera. A questi quadrupedi da
romanzo si aggiunto da poco il setter
gordon di Franco Marcoaldi, protagoni-
sta di Baldo. I cani ci guardano, pubbli-
cato da Einaudi. A Baldo per capita-
to qualcosa di pi: diventato lattore
principale di un originale e inaspettato
fotoromanzo. Lo ha infatti immortalato
nelle sue prodezze canine un maestro
della fotografa come Mario Dondero.
E questi scatti in bianco e nero accom-
pagnano brani tratti del libro di Marco-
aldi in un volume stampato da Affnit
Elettive, un nome perfetto, quello della
casa editrice, per un racconto in cui le
corrispondenze sono molte.
Tra cani e umani, tra parola e imma-
gine (Baldo. Un foto-romanzo, pagg. 71,
euro15). Tanto che non sai bene se si-
ano le foto a illustrare il testo o se,
viceversa, questo sia una poetica dida-
scalia di ci che vedi.
Come Wassilij Grossman nel suo
struggente racconto La strada riesce
a farci vedere la brutalit del mondo
e della guerra con gli occhi del mulo
Giu, la coppia Marcoaldi-Dondero indi-
ca, attraverso lo sguardo e la voce di
Baldo che parla in prima persona, un
nuovo punto di vista sullo stare al mon-
do. Ah cosa siete voi uomini! Tutto
quel gran cervello per farvi del male
da soli, sospira il cane mentre passeg-
gia solitario nel suo giardino. Oppure
chiede, scodinzolando con la moglie
Nina e il fglio Pozzo: Vi par niente la
nostra spensierata essenzialit che per
voi umani resta un inarrivabile mirag-
gio? Baldo, a differenza di Giu, un
animale fortunato: afferma di vivere in
una specie di regno di Bengodi (e lo
scatto di Dondero lo conferma), li-
bero di scorrazzare, ha la ciotola piena
e, come dichiarato uffcialmente da una
fotografa pubblicata proprio qui, pu
spaparanzarsi sul divano in barba a tut-
te le teorie di presunti educatori di cani
che considerano letti e poltrone luoghi
proibiti. Eppure anche lui commuove.
Quando lo vedi immerso nella natura,
una macchia nera pensierosa che scruta
qualcosa lontano, come fosse davvero
in ascolto dei segreti del mondo. Dal-
tra parte, secondo John Berger, i cani
sono i naturali esperti di frontiera degli
interstizi che si celano tra i diversi binari
del visibile. E poi, eccolo mentre guar-
da il suo padrone. Io mi specchio in Lui
e Lui si specchia in me, dice il testo. E
la grande intuizione di Dondero quel-
la di fotografare soltanto uno dei due
sguardi che si incrociano: quello di Bal-
do. E l trovi tutto. C la storia di una
vita insieme, larricchimento e la felicit
a cui va incontro l uomo che sa ricono-
scere, rispettare e corrispondere quella
che Borges ha chiamato la misteriosa
devozione dei cani.
Lea Mattarella
Agli inizi del Cinquecento, tre
maestri di scrittura italiani, Lu-
dovico degli Arrighi da Vicenza,
Giovanni Antonio Tagliente da
Venezia e Giovanbattista Palati-
no originario di Rossano Calabro,
elaborano un tipo di scrittura
detto cancelleresca che si dif-
fuse rapidamente in quasi tutta
lEuropa per le sue qualit di chia-
rezza e di eleganza.
Questa scrittura, successivamen-
te rielaborata attraverso vari pas-
saggi e adattamenti, ritorn in Ita-
lia sotto il nome di inglese ed
ancora la scrittura che si insegna
oggigiorno nelle scuole col nome
di corsivo; ma la storia della
calligrafa non si esaurisce sol-
tanto nellevoluzione di uno stile
di scrittura, anche, se non so-
prattutto, il dar voce e dignit di
presenza storica a una realt che
ha coinvolto tutti fn dai banchi
di scuola. Attraverso la narrazio-
ne delle vicende dei protagonisti,
delle lotte per la sopravvivenza
e delle diatribe spesso aspre che
animavano le loro coscienze si d
conto, con una vasta e originale
documentazione, del cammino
della calligrafa, fno al suo de-
clino scolastico e al suo attuale
riapparire, non solo sotto forma
di semplice revival, ma di unarte
con una forte carica espressiva
ancora tutta da esplorare e da
scoprire.
Francesco Ascoli
Baldo un foto-romanzo
dalla CaNCelleresCa alliNGlese
Lavventura della calligrafa in Italia
dal Cinquecento ad oggi
Ekecheiria 17
Ekecheiria 18
aGor
appello a tutti i liBrai
iNdipeNdeNti ditalia
NOI LIBRAI INDIPENDENTI DITALIA
appartenenti a qualsiasi gruppo o asso-
ciazione che hanno creduto e credono in
questo lavoro dobbiamo tutelarlo, dob-
biamo difenderlo contro le speculazioni e i
dettami economici dei GRANDI GRUPPI
EDITORIALI E COMMERCIALI
da Paolo Deganutti ricevo e trasmetto
Riunire tutti gli indipendenti del libro in un
MOVIMENTO ANTIMONOPOLISTA
trasversale, presentando subito esposti
allAntitrust italiano ed europeo.
Cari colleghi e amici, sto seguendo con
attenzione il dibattito che fate circolare
via internet. Penso che dopo questa de-
primente Festa del Libro siamo arrivati
ad un punto in cui possibile e necessario
muoversi rapidamente per obiettivi con-
creti e raggiungibili. La situazione molto
grave.
La Festa del Libro con il suo ennesimo
abusato sconto, come prevedibile, stata
in generale un grosso fop per le Librerie
Indipendenti, che tra laltro vi hanno ade-
rito in piccolo numero, mentre ha fornito
dei risultati, ma molto modesti, solo per le
Catene e la GDO cui era in realt rivol-
ta e da cui era voluta. Sia lAIE che lALI,
che si ridotta a fare la foglia di fco a
questa iniziativa caratterizzata da molte
discriminazioni nelle condizioni di fornitu-
ra agli indipendenti, hanno dimostrato una
rilevante crisi di rappresentanza con defe-
zioni importanti sia di piccoli e medi editori
sia della gran parte dei librai indipendenti
(dal sito uffciale della Festa risulterebbero
aderenti solo 180 librerie indipendenti di
cui solo una settantina dellALI, che ave-
va inviato ripetute sollecitazioni, su 3.500
punti vendita di Catene e GDO coinvolti).
Contemporaneamente stiamo assistendo,
innescato dalla crisi, ad un crollo senza pre-
cedenti del mercato del libro che eviden-
zia come stia rapidamente implodendo la
bolla fatta di prezzi gonfati apposta per
accedere ed essere scontati da Catene
e GDO, di 60.000 novit di qualit sem-
pre pi bassa, fatte uscire soprattutto per
rimpiazzare le rese e non per soddisfare i
lettori, di promozioni e sconti a raffca che
riducono i margini dei librai indipenden-
ti senza che aumentino i lettori (che anzi
sono calati; nel 2011 ben 700.000 lettori
in meno secondo lISTAT!). il fallimento
della dominante e grossolana politica com-
merciale basata sugli sconti, ma indifferente
Non un gran momento per il mercato
dei libri (cartacei) in Italia. E la colpa non
tanto della svolta digitale, che nel nostro
Paese fatica a imporsi, quanto soprattutto
della crisi economica generale che, stando
ai dati dellAie, sta provocando un rallen-
tamento anche nel mercato librario.
Questa fase diffcile coinvolge, ovviamente,
le stesse librerie: sia le indipendenti sia le
catene, mentre la grande distribuzione al
momento sente pi di tutti la crisi, dopo
anni di crescita costante. quindi inevitabi-
le che si cerchino vie duscite: alle Librerie
Feltrinelli, ad esempio, in queste settimane
va di moda lo slogan Chi ha detto che con
la cultura non si mangia?.
S, perch le Librerie Feltrinelli hanno esor-
dito nella ristorazione, grazie alla partership
con Antica Focacceria San Francesco (atti-
va a Palermo dal 1834, faro del movimen-
to anti-pizzo), aprendo a Verona la prima
sede che allo stesso tempo anche bistrot.
Antonio Prudenzano
Alberto Galla, libraio di Vicenza, stato
nominato presidente dellA.L.I., lAssocia-
zione Librai Italiani aderente a Confcom-
mercio-Imprese per lItalia, per il quin-
quennio 2012-2017 durante la 67ima
Assemblea nazionale dellAssociazione.
Il Consiglio Nazionale neo-eletto nel cor-
so dei lavori assembleari ha affdato la
guida dellAssociazione a Galla per la sua
esperienza e competenza in previsione di
tutte le sfde di fronte alle quali lattuale
mercato ha posto e porr sempre di pi
le librerie indipendenti.
Ringrazio vivamente tutti i colleghi che
mi hanno voluto dimostrare la loro sti-
ma e considerazione - ha affermato Galla
subito dopo la sua elezione - e mi im-
pegner affnch il nostro settore possa
superare lattuale fase di grave diffcolt
continua a pag. 24
Agor, in greco , da che signifca raccogliere, radunare, il termine col
quale nella Grecia antica si indicava la piazza principale della Polis.
La nostra Polis questo periodico Ekecheiria che esce quando gli sponsor ce lo con-
cedono e il presidente della nostra associazione coi suoi collaboratori in buona
salute, elemento questo che, dati i tempi che stiamo vivendo, il solo sul quale si
possa contare.
L'agor diventato il centro della Polis, in particolare dal punto di vista economico
e commerciale, in quanto anche sede di mercato. Come dovrebbe accadere per noi
librai storici. Era il luogo della democrazia per antonomasia, sede delle assemblee
dei cittadini che vi si riunivano per discutere i problemi della comunit e decidere
collegialmente sui comportamenti da tenersi, esattamente come dovrebbe essere
per noi librai. La modernit ci offre i vantaggi di essere collegati e uniti anche a grandi
distanze. Qui andranno discusse le nostre proposte per superare la crisi.
Qui andranno inviate le vostre segnalazioni su quanto accade nel territorio dove
esercitate la vostra professione. Uno spazio libero e gratuito a nostra disposizione.
dovuta alla crisi in atto, con particolare
attenzione al rispetto della Legge Levi e
ai processi innovativi.
La produzione di novit editoriali ec-
cessiva rispetto alla domanda e gli editori
dovrebbero adottare con le librerie il si-
stema distributivo adottato per le edicole,
distribuendo i libri nuovi in conto vendita,
col pagamento del venduto dopo aver
effettuato il reso dellinvenduto. Cos si
risparmierebbero i contenziosi sulle rese,
sui costi di manipolazione e di trasporto,
mentre gli anticipi di pagamento agli editori
assomigliano sempre pi ad una forma di
fnanziamento occulto alleditore.
Anna della Libreria Car di Gallarate
Nel mondo, il consorzio di imprenditori
di varie nazionalit ha costruito alcuni degli
edifci pi alti e pi grandi, grattacieli, ponti,
dighe, aerei super sofsticati, telescopi astro-
nomici. Ha fnanziato ricerche in tutti i cam-
pi dello scibile.
Perch noi librai storici non diamo vita ad
un consorzio capace di negoziare con gli
editori lacquisto in esclusiva della produ-
zione di un titolo, o di un intero mese di
produzione o persino di un anno?
Vedo i seguenti vantaggi: esclusiva del pro-
dotto, apprezzabili margini di proftto, stret-
ta collaborazione libraio-editore, assunzione
del rischio imprenditoriale col relativo incre-
mento di professionalit, competizione con
le catene e coi supermercati e molto altro.
Giacomo, Libreria Bocca, Milano
Suggerisco alla presidenza della nostra as-
sociazione la proposta di organizzare con
gli editori tour di presentazioni di libri con
lautore, presso le librerie storiche aderenti
allassociazione.
Nicola della Libreria Casa del libro di Taranto
Ekecheiria 19
Palazzo Te a Mantova
testi di uGo BazzoTTI
cm 30 x 30, 280 pagine,
300 fotograe a colori
ISBn 978-88-570-0525-6
59,00
Palazzo Te a Mantova il capolavoro di Giulio romano,
che immortala la corte dei Gonzaga nella fantasia
sfrenata della camera di Psiche, nellincredibile e ardita
camera dei Giganti, nella sala dei Cavalli dove il duca
Federico volle ritrarre i suoi destrieri favoriti.
Spettacolari fotograe di altissima qualit esaltano la
ricchezza di areschi e stucchi.
La Basilica di San Francesco
ad Assisi
Testi di ChIara FruGonI
e GIanFranCo MalaFarIna
cm 30 x 30, 324 pagine,
340 fotograe a colori
ISBn 978-88-570-0344-3
59,00
la Basilica di assisi, per i grandi areschi di Cimabue,
Giotto, Simone Martini e Pietro lorenzetti e delle loro
botteghe, uno dei tesori dellarte di tutti i tempi.
oltre trecento spettacolari fotograe a colori che
comprendono anche le ultime immagini delle volte
distrutte dal terremoto del 1997.
Meraviglie dItalia
Franco Cosimo Panini Editore
via Giardini 474/D 41124 Modena
tel. 059 2917311 info@fcp.it
www.arte.fcp.it
Ekecheiria 20
quasi impossibile non notare la libre-
ria antiquaria Vallerini di Pisa, perch
sta esattamente a met tra la piazza dei
Cavalieri e la via S. Maria, la strada che
conduce dritti dritti ai piedi della Torre.
Non c turista, studente o pisano doc
che passando non sia spinto a rallentare
e a fare una sosta davanti alle piccole
vetrine esterne e alla grande e colorata
insegna di ceramica. Qualcuno si spin-
ge fno a sbirciare oltre la porta a vetri,
i pi curiosi suonano il campanello ed
entrano
Nei primi anni di universit passavo
quotidianamente davanti alla libreria
nel breve percorso che separava la mia
stanza di studentessa fuori sede dalla
facolt di Lettere e Filosofa. Tante vol-
te mi sono fermata davanti alla vetrina,
affascinata dallincredibile quantit di li-
bri che si intravvedevano dallesterno,
ma, intimidita, non ho mai trovato il co-
raggio di entrare. Qualche anno dopo
stato Andrea, il mio compagno, a por-
tarmici per la prima volta. Da Vallerini
aveva trovato alcuni testi piuttosto rari
che gli erano serviti per gli esami di sto-
ria dellarchitettura, in seguito era ba-
stata qualche visita e poche chiacchie-
re per stringere una bella amicizia. Mi
ero iscritta da poco al corso di Laurea
Specialistica in Archivistica, Bibliografa
e Biblioteconomia, e ricordo bene con
quanta emozione ho tenuto tra le mani
quei libri cos antichi, dei quali conosce-
vo a menadito la struttura, le caratteri-
stiche e le tecniche produttive, ma che
non avevo mai davvero potuto sfoglia-
re ed ammirare cos a lungo.
Siamo diventati presto buoni amici: con
grande generosit e semplicit Andrea
Vallerini mi ha accolto sempre pi spes-
so nel suo negozio, anche per una sem-
plice chiacchierata, intrattenendomi il
pi delle volte con curiosi aneddoti su
Pisa e sulla sua lunga storia editoriale.
Abbiamo cos assistito allarrivo in libre-
ria di piccole e grandi raccolte appena
acquistate e tutte da studiare e colla-
borato con entusiasmo allorganizzazio-
ne dei festeggiamenti per il centenario
della fondazione della libreria. Il suo
atteggiamento, aperto allo scambio di
conoscenze e di punti di vista e la sua
disponibilit ad assecondare il mio cre-
scente interesse verso tutto ci che ha
a che fare col mondo del libro, mi han-
no consentito di comprendere davvero
il grande fascino di questo mestiere,
troppo spesso considerato immutabile
ed antico dai pi.
Mi ha sorpreso ad esempio scoprire
con quanto dinamismo lintero settore
abbia saputo cogliere le nuove possi-
bilit offerte dalle nuove tecnologie e
dalla rete, aprendosi al mondo e a nuo-
ve fasce di mercato. Anche la libreria
Vallerini ha vissuto la sua piccola rivo-
luzione digitale, inserendo il suo ricco
catalogo sui principali siti nazionali ed
internazionali dedicati al commercio
on-line di libri e stampe. stata une-
sperienza coinvolgente, e larrivo delle
prime richieste dacquisto dagli angoli
pi lontani del mondo ha ripagato pie-
namente le incertezze iniziali e le inevi-
tabili diffcolt tecniche dei primi tempi.
Non sono diventata una libraia (ma, lo
ammetto, pi di una volta ho sognato
di esserlo), oggi lavoro in una bibliote-
ca pubblica e mi ritengo fortunata per-
ch faccio un lavoro che amo e che mi
offre la possibilit di mettere a frutto
le conoscenze acquisite nel corso dei
miei studi, ma so che anche gli anni
valleriniani hanno giocato una parte
importante nella mia formazione e cos,
appena posso, passo davanti alle picco-
le vetrine della libreria, rallento e non
manco mai di suonare il campanello ed
entrare
Caterina Misuraca
la Mia esperieNZa iN liBreria
Andrea Vallerini
Ekecheiria 21
Leo S. oLSchki
P.O. Box 66 50123 Firenze Italy
orders@olschki.it www.olschki.it
Fax (+39) 055.65.30.214
caSa editrice
Casella postale 66 50123 Firenze
info@olschki.it pressofce@olschki.it
Tel. (+39) 055.65.30.684
BiBlioteca del Senato della RepuBBlica
Catalogo del Fondo Ennio Cortese
Manoscritti, incunaboli e cinquecentine
A cura di Alessandra Casamassima
2012, cm 21 30, xx-428 pp. con 64 tavv. f.t. a colori. Rilegato. 120,00 [isbn 978 88 222 6165 6]
universit degli studi magna graecia - catanzaro
dipartimento di scienza e storia del diritto
dipartimento di scienze giuridiche storiche economiche e sociali
Gai codex rescriptus
in Bibliotheca Capitulari Ecclesiae
Cathedralis Veronensis
curavit Philippus Briguglio
2012, cm 21,5 29, viii-324 pp. a colori (facsimile del manoscritto originale).
Rilegato in seta. 220,00 [isbn 978 88 222 6172 4]
Il naturale processo di deterioramento del Codex rescriptus XV rischiava di sot-
trarre agli studiosi la possibilit di accedere a questo prezioso documento. Dallin-
contro tra un gruppo di ricercatori italiani e Filippo Briguglio, che ha compiuto
unattenta indagine scientifca e paleografca sul testo, il Gai Codex Rescriptus
fnalmente disponibile in una perfetta riproduzione fotografca, per la cui realizzazione sono stati impiegati
i pi moderni strumenti di acquisizione e elaborazione digitale.
Primo volume del Catalogo del Fondo Ennio Cortese, relativo a manoscritti,
incunaboli e cinquecentine comprese nella biblioteca privata del professore,
recentemente acquisita dalla Biblioteca del Senato. Il volume corredato da
sei indici, da una corposa bibliografa fnale, e da un DVD con la fotoripro-
duzione dei frontespizi delle edizioni censite. Seguir un secondo tomo dedicato alle edizioni dei secoli
XVII-XIX, per un totale di oltre mille edizioni, che costituiscono la sezione antica del Fondo Cortese.
2011, cm 17 24. Vol. I: Inferno. lxx-290 pp.; Vol. II: Purgatorio. vi-316 pp.; Vol. III: Paradiso. vi-396 pp.
Rilegati in seta, raccolti in cofanetto. 160,00 [isbn 978 88 222 5966 0]
La Commedia di Dante Alighieri
Con il commento di Robert Hollander
Traduzione e cura di Simone Marchesi
Un commento che intreccia lesegesi puntua-
le del testo dantesco allesame di alcuni nodi
concettuali della storia dellinterpretazione
del poema: il rapporto con gli antecedenti clas-
sici e biblici, le vicende portanti della storia intel-
lettuale di Dante, la natura allegorica del poema, il ruolo
attivo del lettore. Accompagnati da una ricchissima documentazione
storico-critica, i volumi si ofrono come ponte tra la sponda italiana e
quella internazionale del secolare commento alla Commedia.
Questo nuovo commento alla Commedia viene pubblicato a cento anni dalla monumentale edizione realizzata da
Leo S. Olschki, aperta dalla prefazione di Gabriele dAnnunzio.
Se allora lopera fu concepita in occasione del cinquantenario dellunit dItalia, a distanza di un secolo questa ne
festeggia i centocinquanta anni di storia.
Ekecheiria 22
Versione illustrata di un classico, tra i pi
bei libri, per la verit assai pochi, che ho
messo in biblioteca negli ultimi 10 anni.
Queste storie non avvennero mai, ma
sono sempre. Tali parole di Sallustio
forse la pi bella, certamente la pi
concisa defnizione del mito si leggono
nellepigrafe delle Nozze di Cadmo e Ar-
monia. E ci ricordano che le storie degli
di e degli eroi greci non soltanto si tro-
vano allorigine di tutta la letteratura oc-
cidentale, ma continuano a vivere sino a
oggi: una vita intessuta di parole innanzi-
tutto, ma altrettanto di immagini. Per pi
di tremila anni, dai sigilli micenei fno a
certi quadri del secolo ventesimo, quelle
storie sono state raccontate anche per
fguras, sotto forma di statue, vasi, stele,
monete, dipinti, affreschi, disegni, rilievi.
un immenso corteo di immagini, che
mostrano ogni volta come quegli di,
quegli eroi e le loro gesta sono stati
concepiti, di epoca in epoca, in quanto
epifanie. Le nozze di Cadmo e Armonia
libro che appartiene al pi antico genere
letterario: la mitografa presuppone
non solo il continuum delle fonti scritte
del mondo classico, a partire da Omero,
ma anche le innumerevoli raffgurazioni
dei miti greci attraverso immagini di ogni
specie.
Con questa edizione, che si presenta
come una versione a s stante, a distan-
za di ventanni dalla prima pubblicazione,
quelle immagini afforano in superfcie,
sempre in corrispondenza a certi dettagli
narrativi o esegetici o anche stilistici
del testo. E si calano nella gabbia tipogra-
fca pi congeniale e azzardata, che lo
specchio di pagina dove vennero dispo-
ste le silografe di un libro che apparve
nel 1499 e in cui sembra essere confui-
to il vasto corso della mitologia classica:
la Hypnerotomachia Poliphili. Ogni buon
lettore sar sfdato a cogliere i nessi di
questo gioco, che mira a espandere le
risonanze delle parole e delle immagini,
per via di osmosi, contrappunto e con-
trocanto. Al testo delle Nozze di Cadmo
e Armonia si giustappone qui un saggio,
Lo sguardo sommario, che tratta di quella
singolare e inconfondibile ebbrezza a cui
le immagini degli di greci attraverso
le opere e i giorni di molti secoli in-
vitano ad abbandonarsi.
Roberto Calasso
Arte medievale una rivista specialistica internazio-
nale dedicata alla critica dellarte del medioevo, fon-
data nel 1983 da Angela Maria Romanini.
Questo numero prosegue la pubblicazione della nuo-
va serie inaugurata nel 2002 in veste ulterior-
mente rinnovata: luscita infatti passa da semestrale
ad annuale (con un numero maggiore di contributi
per ciascuna uscita) e la pubblicazione vede lUniver-
sit La Sapienza di Roma come coeditore, insieme a
Silvana Editoriale.
Ogni rivista raccoglie ricerche e interventi di esperti
del settore, pubblicati in lingua originale e arricchiti da
un vasto apparato iconografco, per offrire a tutti gli
appassionati e studiosi della materia nuovi spunti di
approfondimento sullarte medievale.
ARTE MEDIEVALE 2010-2011
IV serie - anno I, 2010-2011
pp.: 312
illustrazioni: 179 in b/n e 41 a colori
60,00 Euro
le NoZZe di CadMo e arMoNia
arte Medievale
Ekecheiria 23
Ekecheiria 24
La seconda domenica del mese
dalle 8.00 alle 17.00
Portici meridionali di piazza del Duo-
mo, portici di piazza Diaz, via Baracchini
e via Gonzaga Milano.
La manifestazione Vecchi libri in piazza
nata nel 1995 e si occupa esclusiva-
mente della promozione di libri anti-
chi, rari, di pregio, insieme alle edizioni
esaurite e fuori catalogo.
Gli espositori sono pi di 100 e pi di
diecimila visitatori tra appassionati e cu-
riosi che ammirano gli stand dei librai
provenienti da tutta Italia, dalla Francia
e dallOlanda.
Si consiglia la visita alla mattina per
poter visionare anche quegli esposito-
ri che, provenendo da regioni diverse,
non sempre garantiscono una perma-
nenza fno alle 17.
Maggiori informazioni, per chi fosse
interessato a partecipare come espo-
sitore, o per ulteriori delucidazioni,
possono essere richieste rivolgendosi a:
Associazione Maremagnum Librorum
Via S. Tecla 4 20122 Milano.

Telefono 02-36.63.37.44
Fax. 02-36.63.37.45
veCCHi liBri iN piaZZa
alla qualit in un mercato ormai ingessato
e privato di una sana libera concorrenza da
un Oligopolio collusivo di quattro Grandi
Gruppi Editoriali che controllano tutta la f-
liera del libro dalla produzione alla distribu-
zione, fno al dettaglio: sia tramite Catene
che via Internet. E che controllano anche
altri importanti media: giornali, televisioni,
cinema.
Il controllo e la pressione si spingono al
punto da imporre per la Festa del Libro
modalit di rimborso sconto sul venduto
discriminatorie e limitate a chi collegato
e disponibile a dare i propri dati aziendali di
vendita ad Arianna (di propriet del colos-
so Giunti-Messaggerie) che ambisce cos
a diventare non solo il leader ma anche il
fornitore unico di servizi informatici di data
base e teleordering. Studi che circolano
negli ambienti editoriali prevedono la spa-
rizione di met delle Librerie Indipendenti
entro due anni: strangolate dal colossale
confitto di interessi che le vede obbligate
a rifornirsi dai distributori di quegli stessi
Grandi Gruppi che hanno invece interesse
a favorire le proprie Catene e Siti. Come
ben sappiamo le Catene o la GDO go-
dono di condizioni di fornitura e operative
ben diverse e incomparabilmente migliori
delle librerie indipendenti, per non parlare
dei Siti.
Questa non libera concorrenza ma abu-
so di posizione dominante.
da pag. 18 - Appello a tutti i librai indipendenti ditalia
Ekecheiria 25
Ekecheiria 26
STORICA LIBRERIA BOCCA
dal 1775
LARTE DI VENDERE LIBRI DARTE
e TROVARE QUELLI RARI
e INTROVABILI
Milano - Galleria Vittorio Emanuele II, 12 - Tel. 02.86462321 - Fax 02.876572
www.libreriabocca.com - email: libreriabocca@libreriabocca.com
Ugo Virgilio da Celada - Natura morta 1926 - cm 52x36
Ekecheiria 27
pHilippe daverio: NeCessit dei liBri ed apoloGia del Caso
leggere s ma perch?
Segue dal numero 3
Cos feci quella conferenza mettendo in-
sieme il pensiero di Michelet e le critiche
di Proudhon, devo dire che mi presero
tutti per un tecnico della materia. Non lo
ero affatto, era la casualit dei libri che
mi aveva indirizzato in quel modo e cos
mi successo troppe volte perch non
sia vero. In una banale simpatica banca-
rella trovai, una volta, la prima edizione
del trattato napoleonico per la soppres-
sione della Sacra Rota, cio dellInquisi-
zione in Spagna, libro che mi ha aperto
un mondo: mai avrei guardato la pittura
di Goya sotto quel rifettore. Sulla stes-
sa bancarella ho trovato di Victor Hugo
un libro curioso, di cui non sapevo nulla,
Storia di un crimine, cronaca della presa
del potere di Napoleone III fra il 1850
e il 1851 e del successivo colpo di Stato
(fra gli oppositori Victor Hugo stesso)
che mi ha riaperto un fashback su quel
mondo: senza quel libro avrei dovuto
cercare per anni.
A Parigi, cercavo un libricino scritto da
Claude Levi Strauss Ecouter, voir et lire
sulla sua esperienza personale che nelle
librerie non trovavo.
Decido di andare a mangiare cervelas re-
moulade da Lipp a St. Germain, di fronte
c una libreria fantastica, la libreria pi
trendy dEuropa, andate l, comperate
quello che c sul bancone e sarete degli
intellettuali chic.
La commessa mi dice: Guardi c un
angolo con libri di antropologia: cera,
solo 12 euro. La provvidenza me lo fece
trovare, se non avessi mangiato cervelas
remoulade non avrei mai raggiunto quel
libro che stava l.
Una volta che voi accettate questo rap-
porto provvidenziale, sono i libri che tro-
vano Voi. Potete portare avanti questo
gioco della prassi in altri ambiti, anche
allinterno del libro stesso: molto utile
ogni tanto guardare lindice, per po-
trebbe anche essere utile non guardar-
lo affatto, come pure andare a leggere
cinque o sei frasi per vedere se il libro
interessa o meno.
La cosa in assoluto pi perversa anda-
re a leggere solo le note a pi di pagi-
na, neanche leggere il libro: un maestro
assoluto Max Frisch che ha scritto un
libricino delizioso, Guglielmo Tell raccon-
tato ai bambini, una presa in giro di tut-
ta la storiografa elvetico-germanica nel
quale il testo sono poche righe mentre
le footnotes sono il corpo vero del libro.
Le footnotes contengono ogni tipo di
ironia e di interpretazioni possibili: sono
lingresso nel mondo della fantasia, un
viatico, il luogo dove si nascondono i
segreti.
(continua il prossimo numero)
Pietro Sergio Mauri
Libreria Princivalli
via Bafle 254
30016 Lido di Jesolo VE
tel 0421/93736
www.libreriaprincivalli.it
libprincivalli@nectarine.it
info@libreriaprincivalli.it
Questo spazio del giornale lo dedico
all'amico editore veneziano Michele
Toniolo, ideatore e factotum della sua
preziosa e raffnata casa editrice Amos
Edizioni.
La libreria che io conduco, per inte-
resse, per sintonia di intenti, ha cerca-
to negli anni di prestare attenzione al
suo lavoro di editore e ha presentato
alcuni autori e libri del suo catalogo,
in incontri serali che intiepidivano l'aria
infreddolita dall'inverno jesolano.
Amos edizioni ha un catalogo che sor-
prende per le scelte apparentemente di
nicchia, dando spazio per a nomi che
risaltano nella letteratura mondiale. In-
contriamo Julio Llamazares, uno dei pi
importanti scrittori spagnoli contem-
poranei, lo scozzese Kenneth White,
fgura tra le pi signifcative nell'attuale
panorama letterario, Douglas Livingsto-
ne, il maggiore poeta sudafricano degli
ultimi sessant'anni, Jean-Philippe Tous-
saint, scrittore belga defnito erede del-
la grande tradizione del nouvea roman
francese, Tiziano Scarpa grande roman-
ziere, drammaturgo e poeta, oltre che
lettore scenico, vincitore del Premio
Strega nel 2009, insieme ad autori o
poeti del territorio, come Roberto La-
mantea e Renzo di Renzo, per citarne
solo alcuni.
Ha ideato dei piccoli libri a piccolo
prezzo, da poco pubblicati Sebastiano
Gatto e Vladimir Makanin, mentre a
breve verranno date alle stampe opere
di James Baldwin, Frank Norris, Stephen
Gray, Vladimir Kantor, a dimostrazione
del lavoro attento e di rivalutazione di
scrittori di ambito mondiale.
I suoi libri sono essenziali, estetica-
mente semplici e belli, con copertine
in carta perlopi bianca, talvolta con
paesaggi su fondo grigio o scuro. Co-
stano dai 6 ai 14 euro.
Un risultato che noi librai dovremmo
promuovere perch, se ci viene chie-
sto un consiglio, siamo certi di segnala-
re una buona lettura. E in questo sen-
so mi ritrovo in sintonia con quanto
pubblica Michele Toniolo, penso che
noi, sia io che lui, in un diverso gradino
della fliera del libro, cerchiamo di svi-
luppare uno stesso pensiero.
Nellultima pagina di ogni suo libro,
che esce in copie numerate, si riporta-
no collana, caratteri di stampa, tipo di
carta e grammatura, cartiera, numero
di copie, stampatore e data di stampa.
Arrivati alla fne della lettura si com-
prendono liter e le scelte che accom-
pagnano una pubblicazione, un lavoro
che ancora artigianale, se cos si pu
dire, e intellettuale, partendo anche
dal momento in cui si origina un libro,
cio dalla scrittura.
Non poco in tempi di ebook.
Alessandra Princivalli
Ekecheiria 28
Salviamo le Librerie Storiche
dal rogo dellignoranza
sono suffcienti pochi ma effcaci provvedimenti
approvati in tempi rapidi dal Parlamento
1
Stabilire i criteri di riconoscimento di Libreria Storica
2
Riconoscere lo stato di Bene Culturale alle Librerie Storiche
3
Impedire lo sfratto di una Libreria Storica
4
Applicare i patti in deroga ai rinnovi dei contratti di afftto
Fahrenheit 451
Quella luminosa baia che recinge la for-
tezza spezzina, tra lincanto di Lerici e
Portovenere, assunse nellottocento la
suggestiva denominazione di Golfo dei
poeti, in virt della testimonianza delle
esequie di Shelley da parte di Byron.
Furono entrambi due aristocratici in-
glesi, fautori e testimoni di quel movi-
mento squisitamente europeo che fu
chiamato Romanticismo, una volta di-
spersisi nelle vicende storiche il vento
rivoluzionario e la tempesta napoleo-
nica. Fu Byron lindiscusso anticipatore
del Romanticismo letterario che andr
a concludersi con lavvento del Deca-
dentismo di Rilke e DAnnunzio.
Personaggio di eccezionale ambiguit,
trover fasto e celebrazione nellam-
bito della ispirazione e del contenuto
musicale, arte che, in quellepoca, era
assurta allacme della sua signifcazione.
Educato in Scozia, laddove Mendels-
sohn traeva spunti per le sue Grotte
di Fingal e per la Terza sinfonia, deno-
minata appunto Scozzese, visse a lun-
go e predilesse lItalia, per poi andare a
morire in Grecia, insorta contro lImpe-
ro Ottomano, e ader alla Carboneria.
Il personaggio di Aroldo ha caratte-
rizzato lelegante armonia del poema
sinfonico Aroldo in Italia di Berlioz, in
cui predominante la viola, negletto
strumento tra gli archi, quasi caratteriz-
zante lestrosit di Byron, superstizioso,
altezzoso e sprezzante sino allanarchia,
lascivo sino allincestuosit, in simbiosi
con la sua satira epica del Don Giovanni
che si connette con lopera lirica di Mo-
zart e col primo sinfonismo di Richard
Strauss. La disamina prosegue con la
Parisina, linfelice eroina ferrarese, che
tent Mascagni con esito sfortunato in
grazia allaulico libretto dannunziano.
Mentre Ciaikoski sublimer i tormenti
del giovane Manfredi, Liszt si soffermer
sul Mazeppa volteriano e Verdi e Rossi-
ni doneranno al mondo la gloria de I
due Foscari e de LAssedio di Corinto.
Nessun altro gigante della letteratu-
ra ha suggellato cos copiosamente il
campo delle belle arti, pur se la fama di
Byron ha perduto valore e mordente,
forse per linfma incidenza dello spirito
romantico nella storia e nel costume
del popolo inglese.
Emanuele Lazzati
ByroN e il MoNdo MusiCale
Ekecheiria 29
Biblioteca Civica Contini di Domodossola
15 dicembre 2012 - 5 gennaio 2013
Biblioteca Universitaria di Friburgo
13-18 maggio 2013
Che il bello potesse convogliare il
vero, fu unidea che nacque in lui sponta-
neamente ha scritto Gianfranco Contini
di Alberto Tallone, il quale sin dal 1949
aveva coinvolto leminente flologo in al-
cuni importanti progetti editoriali basati
sullunione di tipografa pura e flologia, a
partire dalledizione dei Rerum Vulgarium
Fragmenta di Petrarca stampata a Parigi
nel 1949 e salutata da Ungaretti come un
miracolo, la cui fondamentale lezione
tuttoggi quella di riferimento. Nel cente-
nario della nascita dello studioso, la mostra
ricostruisce la collaborazione tra il flologo
e leditore, attraverso un nucleo documen-
tario di epistole, bozze, progetti editoriali e
manoscritti provenienti dallArchivio dellE-
ditore Tallone e dal Fondo Gianfranco
Contini depositato presso la Fondazione
Ezio Franceschini. La mostra sar ospitata
a Domodossola, luogo natale di Contini
(dal 15 dicembre al 5 gennaio) e succes-
sivamente allUniversit di Friburgo (13-
18 maggio), dove il professore ottenne la
cattedra di Filologia Romanza. Promossa
da Roberto Cicala, docente di Editoria li-
braria e multimediale allUniversit Catto-
lica e membro del Dipartimento di studi
medioevali, umanistici e rinascimentali, la
mostra stata allestita presso lUniversit
Cattolica di Milano (24-31 ottobre), e ivi
inaugurata con un convegno, durante il
quale Rosanna Bettarini e Carlo Carena
hanno commemorato Contini e presenta-
to il nuovo volume di studi Il bello e il vero.
Petrarca, Contini e Tallone tra flologia e arte
della stampa a cura di Roberto Cicala e
Maria Villano, Edizioni EDUCatt. A pochi
mesi dalla sua uscita, il Petrarca di Contini
offr nuove opportunit: divent per Giulio
Bollati loccasione per agganciare, usan-
do le parole di Giulio Einaudi, il flologo alla
casa editrice torinese, proponendogli un
magnifco libretto: il Petrarcone - cos
il tipografo di Parigi chiamava affettuosa-
mente la progettata seconda edizione del
Canzoniere - si trasformer, ci vorr per
un quindicennio, in un Petrarchino nella
Nuova Universale Einaudi a cui dedicata
unappendice della mostra dimostrando
come limpresa condotta sotto linsegna
delleditore-stampatore parigino sia un
esperimento riuscito o, per usare le parole
di Contini, una scommessa vinta: Lho
fatto per scommessa; scommessa con
me stesso di ottenere qualcosa di quand
mme leggibile risponde nel 1950 a Bollati
da Friburgo.
Successivamente alledizione del Rerum
Vulgarium Fragmenta del 1949, Alberto
affd a Contini la cura di diverse opere,
anchesse in mostra: Galeazzo di Tarsia,
Rime (1951); Brunetto Latini, Il tesoret-
to. Il favolello (1967); Leonardo Sinisgalli,
Archimede i tuoi lumi i tuoi lemmi (1968);
Guido Calvalcanti, Le rime (1968) e una
nuova edizione del Canzoniere petrarche-
sco (1974). Infne, nel 1989 usc per i tipi
talloniani I Nomi degli Anonimi, uno dei
postremi scritti di Contini, se non lulti-
mo, defnito dalla vedova Margaret in una
lettera a Bianca Tallone del 7 marzo 1990,
il suo testamento, che Contini, stanco
della fotocomposizione, aveva inviato
pochi mesi prima ad Alpignano affdando-
lo alle loro mani sapienti per vedere se
se ne pu ricavare una plaquette minusco-
la. Questo testo si presenta ora in una
rinnovata veste tipografca, corredato da
una nota fnale di Roberto Cicala, che ne
ha caldeggiato luscita nel centenario della
nascita del flologo.
La mostra esplora inoltre i particolari,
interessantissimi, di un progetto edito-
riale, elaborato da Contini, che si rivel
fondamentale per i futuri sviluppi culturali
delleditoria italiana. La Biblioteca Rara Tal-
lone, cos si sarebbe intitolato, sempre fon-
dendo la soddisfazione della forma con
gli obblighi del vero, avrebbe incluso nu-
merosi titoli a cominciare dai Carmina pe-
trarcheschi curati da Giuseppe Billanovich.
La collana sarebbe stata monopolizzante
per la casa editrice, tanto che Alberto Tal-
lone decise di demandare la realizzazione
del progetto ad editori industriali usi ai
grandi numeri; in grado, dunque, di desti-
nare, come richiesto da Contini, 50 copie
di ciascuna opera in omaggio alla stampa.
Infatti, Alberto, conscio dei tempi produt-
tivi della propria struttura artigianale legata
alla composizione a mano, pari a quelli di
unoffcina veneziana del Quattro-Cinque-
cento, ritenne che questo progetto non
avrebbe permesso aperture ad altri temi
letterari a lui congeniali. Fu una scelta che
gli permise di gettare le basi di un catalogo
che conta, fno ad oggi, 400 titoli, spazian-
do dai Presocratici greci ai poeti contem-
poranei, quali Alda Merini ed Eugenio de
Signoribus, tutti interpretati in una veste
grafca originale.
Qualche mese dopo il progetto della
Biblioteca Rara Tallone, Contini riceve da
Giulio Einaudi la proposta di dirigere la
Nuova Raccolta di classici italiani annotati.
Qui Contini, cortesemente colluttando
con Einaudi, riesce negli anni a pubblicare
alcuni dei testi inseriti nel piano originario
della Biblioteca Rara Tallone: tra i primi ti-
toli della direzione Contini si trovano in-
fatti le Dicerie sacre e la Strage degli inno-
centi di Marino curate nel 1960 dallallievo
Giovanni Pozzi oltre al Libro d Vizi e delle
Virtudi e il Trattato di virt e di vizi di Bono
Giamboni pubblicato nel 1968 a cura di
Cesare Segre.
Anche la casa editrice Ricciardi vi trover
ispirazione: a quei testi poco editi o male
editi che dovevano costituire il nucleo
centrale del progetto talloniano sembra
rinviare il manifesto dei Documenti di flolo-
gia frmato nel 1957 da Gianfranco Conti-
ni e Alfredo Schiaffni, anteposto al primo
volume delle Rime di Calvalcanti a cura di
Guido Favati. Elisa Tallone
il Bello e il vero
petrarca, Contini e tallone tra flologia e arte della stampa
da sinistra: Tallone, Contini, De Nicola
Ekecheiria 30
Libreria Antiquaria Gonnelli, Firenze dal 1875
Via Ricasoli, 6 - 14/r - 50122 Firenze
Marco Manetti
tel. 055.216835 - fax 055.2396812
e.mail: info@gonnelli.it - www.libreria-gonnelli.it
Libreria Antiquaria Gozzini, Firenze dal 1850
Via Ricasoli, 49/103r - 50122 Firenze
Francesco Chellini
tel. 055.212433 - fax 055.211105
e.mail: info@gozzini.it - www.gozzini.it
Libreria Antiquaria Malavasi, Milano dal 1940
Largo Schuster, 1 - 20122 Milano
Maurizio Malavasi
tel. 02.804607 - fax 02.864002
e.mail: malavasi@libreriamalavasi.com
www.libreriamalavasi.com
Libreria Antiquaria Mediolanum, Milano dal 1928
Via del Carmine, 1 - 20121 Milano
Luca Pozzi
tel. 02.86462616 - fax 02.45474333
e.mail: mediolanum@libreriamediolanum.com
www.libreriamediolanum.com
Libreria Antiquaria Prandi, Reggio Emilia dal 1926
Viale Timavo, 75 - 42100 Reggio Emilia
Paolo Prandi
tel. 0522.434973 - e.mail: libreria@prandi.info
www.libreriaprandi.it
Libreria Antiquaria Pregliasco,Torino dal 1912
Via Accademia Albertina, 3/bis - 10123 Torino
Umberto Pregliasco
tel. 011.8177114 - e.mail: preglias@fleita.it
www.preliber.com
Libreria Antiquaria Rappaport, Roma dal 1906
Via Sistina, 23 - 00187 Roma
Bernardo e Marlis Seacomb
tel. 06.483826 - fax 06.4818079
e.mail: info@rappaport.it - www.rappaport.it
Libreria Antiquaria Regina, Napoli dal 1880
Via S. Maria di Costantinopoli, 51/103 - 80138 Napoli
Carlo e Ettore Regina
tel./fax 081.459983 - 081.290925
e.mail: info@libreriaregina.it - www.libreriaregina.it
Libreria Antiquaria Vallerini, Pisa dal 1909
Via dei Mille, 7/a - 13 - 56126 Pisa
Andrea Vallerini
tel. 050.555450 - fax 050.562752
e.mail: andrea@vallerini.it - www.vallerini.it
Libreria Alterocca,Terni dal 1890
Corso Tacito, 27-29 - 05100 Terni
Giovanna Durastanti
tel. 0744.409201
e.mail: libreria.alterocca@gmail.com
Libreria Ambrosiana, Milano dal 1882
Via San Clemente, 1 - 20122 Milano
Orazio Perenzin
tel. 02.86462158
Libreria Arnoldi, Bergamo dal 1913
Piazza Giacomo Matteotti, 12 - 24122 Bergamo
Pier Paolo Arnoldi
tel. 035.243462 - fax 035.235423
e.mail: info@arnoldilibreria.it - www.arnoldilibreria.it
Libreria Belforte, Livorno dal 1805
Via Grande, 91 - 57123 Livorno
Pasquale Di Paolo, Guido Guastalla
tel. 0586.887379 - e.mail info@libreriabelforte.com
www.libreriabelforte.it
Libreria Bocca, Milano dal 1775
Galleria Vittorio Emanuele II, 12 - 20121 Milano
Giorgio e Monica Lodetti, Drina Xhoga
tel. 02.86462321 - 02.860806 - fax 02.876572
e.mail: libreriabocca@libreriabocca.com
www.libreriabocca.com
Libreria Borghese, Roma dal 1972
via della Fontanella Borghese, 64 00186 Roma
Silvia Piattini
tel. 066876403 fax. 066876403
e.mail: libreriaborghese@gmail.com
Libreria Bozzi, Genova dal 1810
Via Cairoli, 2/a r - 16124 Genova
Tonino Bozzi
tel. 010.2461718 - fax 010.2461652
e.mail: info@libreriabozzi.it - www.libreriabozzi.it
Libreria Car, Gallarate dal 1942
Piazza Garibaldi, 6 - 21013 Gallarate (VA)
Anna Car
tel. 0331.792508 - 0331.776122 - fax 0331.791071
e.mail: libri@caru.com - www.caru.com
Libreria Casa del Libro, Siracusa dal 1930
Via Maestranza, 20/22 - 96100 Siracusa
Lorenzo Mascali
tel. 0931.65186 - e.mail: lorenzo.mascali@tin.it
Libreria Casa del Libro,Taranto dal 1936
Via DAquino, 142 - 74100 Taranto
Nicola Mandese
tel. 099.4520504
e.mail: libronic@libero.it - storica@mandese.it
Libreria Cattaneo, Lecco dal 1930
Via Roma, 52 - 23900 Lecco
Tina Cattaneo
tel. 0341.286323 - fax 0341.285189
e.mail: libreria@cattaneolecco.it
www.cattaneocartolibreria.com
Libreria Cattolica, Ascoli Piceno dal 1950
Piazza Arrigo, 21 - 63100 Ascoli Piceno
Francesco Armandi
tel. 0736.259679 - fax 0736.259625
e.mail: libreria.cattolica@tin.it
www.libreriacattolica.com
Libreria Cavallotto, Catania dal 1954
Corso Sicilia, 91 - 95131 Catania
Anna Cavallotto, Adalgisa DAmbra
tel. 095.310414 - 095.320431
e.mail: info@cavallotto.it - www.cavallotto.it
Libreria Cesaretti, Roma dal 1888
Via Pi di Marmo, 27 - 00186 Roma
Saverio Lefevre
tel. 06.6786264
e.mail: libreriacesaretti@yahoo.it
www.libreriacesaretti.com
Libreria Ciofalo, Messina dal 1939
Piazza Municipio, 35 - 98122 Messina
Nino Crapanzano
tel. 090.675311 - info@ciofalo.it
Libreria Dante Alighieri,Torino dal 1911
Piazza Carlo Felice, 19 - 10123 Torino
Mimmo Fgola
tel. 011.535897 - e.mail: info@fogola.com
www.fogola.com
Libreria Docet, Bologna dal 1952
Via Galliera, 34/a - 40121 Bologna
Loris Rabiti
tel. 051.255085
e.mail: libreriadocet@tin.it
Libreria Fissore, Alessandria dal 1951
Piazza della Libert, 26 - 15100 Alessandria
Francesca Orzalesi
tel. 0131.252768
e.mail: libreria96@libreriafssore.191.it
www.libreriafssore.it
Libreria Galla,Vicenza dal 1880
Corso Palladio, 11 - 36100 Vicenza
Alberto Galla
tel. 0444.225200 - 0444.225252 - fax 0444.225210
e.mail: info@galla1880.com
www.galla1880.com
Libreria Goggia, Asti dal 1850
Corso Alferi, 299 - 14100 Asti
Luigi Doano
tel./fax 0141.592804
e.mail: libreria.goggia@fastwebnet.it
www.libreriagoggia.it
Libreria Guida, Napoli dal 1920
Via PortAlba, 20/23 - 80134 Napoli
Mario Guida
tel. 081.446377 - fax 081.451883
e.mail: libri@guida.it - www.guida.it
Libreria La Toletta,Venezia dal 1933
dorsoduro, 1213 - 30123 Venezia
Giovanni Pelizzato
tel. 041.5232034
fax 041.2415371
e.mail: toletta@libreriatoletta.it
www.libreriatoletta.it
Libreria Lapaglia, Catania dal 1906
Via Etnea, 391/3/5 - 95125 Catania
Enrico e Stefano Morgano
tel. 095.446640
e.mail: librerialapaglia@librerialapaglia.com
www.librerialapaglia.com
Libreria Laterza, Bari dal 1896
Via Sparano da Bari, 136 - 70121 Bari
Giovanna Gennari Laterza e Maria Laterza
tel. 080.5211780
fax 080.5243767
e.mail: alaterza@laterza.it
www.laterza.it
Libreria Nanni Arnaldo, Bologna dal 1825
Via d Musei, 8 - 40124 Bologna
Nerio Nanni
tel. 051.221841 - fax 051.279198
e.mail: libreria66@libreriananni.it
www.libreriananni.it
Libreria Paolino, Ragusa dal 1953
Corso Vittorio Veneto, 144 - 97100 Ragusa
Salvatore Paolino
tel. 0932.626260 - e.mail: libreriapaolino@yahoo.it
Libreria Nuova Libreria Fratelli Cocco
via Dante, 50 ang. via G. Deleda 09127 Cagliari
Paolo Cocco
tel. 070663887
e.mail: nuova.cocco@tiscali.it
Libreria Paravia,Torino dal 1802
Via Garibaldi, 23 - 10122 Torino
Nadia e Sonia Calarco
tel. 011.540608 - fax 011.5184475
e.mail: libreria.paravia@tenet.it
www.libreria-paravia.it
Libreria Prampolini, Catania dal 1894
Via Vittorio Emanuele, 333 - 95124 Catania
Luigi Calabrese
tel. /fax 095.321099
e.mail: prampolinilibreria@tiscali.it
www.prampolinilibreria.it
Libreria Princivalli, Lido di Jesolo dal 1954
Via Bafle, 254 - 30016 Lido di Jesolo (VE)
Alessandra Princivalli
tel. 0421.93736
e.mail: libriprincivalli@nectarine.it
Libreria Resola, Brescia dal 1948
Corso Garibaldi, 39/b - 25122 Brescia
Gianfranco Resola
tel. 030.42476 - fax 030.3756090
e.mail: libreria.resola@tin.it
Libreria Riminese, Rimini dal 1931
Piazzetta Gregorio da Rimini, 13 - 47900 Rimini
Mirco Pecci
tel. 0541.26417 - fax 0541.26246
e.mail libreria.riminese@libero.it
www.libreriariminese.it
Libreria Umberto Saba,Trieste dal 1919
Via San Nicol, 30 - 34100 Trieste
Mario Cerne
tel./fax 040.631741
e.mail mario.cerne@iol.it
Libreria Serra Tarantola, Brescia dal 1908
Corso Zanardelli, 52 - 25121 Brescia
Marco Serra Tarantola, Silvana Tarantola Serra
tel. 030.49300
fax 030.3772569
e.mail: info@tarantola.it
www.tarantola.it
Libreria Tarantola, Sesto San Giovanni dal 1859
Piazza Martiri di via Fani, 15
20099 Sesto S. Giovanni (MI)
Giorgio Tarantola
tel. 02.2621696 - e.mail: gtarantola@mdd.it
Libreria Tombolini, Roma dal 1885
Via 4 Novembre, 146 - 00187 Roma
Daniele Brisigotti, Vincenzo Orieti, Carla Tombolini
tel. 06.6795719 - 06.6785925
fax 06.69941790
e.mail: libreria.tombolini@iol.it - www.tombolini.net
liBrerie storiCHe ditalia
segreteria Libreria Bocca cell. 339 68 59 871 drina.ekecheiria@tiscali.it
Ekecheiria 31
Organigramma Associazione
Sede: Galleria V. Emanuele II, 12
20121 Milano
Presidente
Giacomo Lodetti
Lib. Bocca 1775 - MI
Segretario Generale
Vincenzo Orieti
Lib. Tombolini - RM
Consiglieri
Luigi Calabrese
Lib. Prampolini - CT
Mario Cerne
Lib. Umberto Saba -TS
Mario Guida
Lib. Guida - NA
Maurizio Malavasi
Lib. Malavasi - MI
Commissione soci
Presidenti

Anna DAmbra Cavallotto
Lib. Cavallotto - CT
Alessandra Princivalli
Lib. Princivalli - Lido di Jesolo
Nicola Mandese
Lib. Casa del Libro - TA
Commissione rapporti
Ferdinando Larizza
Lib. Larizza - Solaro MI
Consulente Legale
Avvocato Pietro Santoro
Direttore di Ekecheiria
Emanuele Lazzati
Segreteria
Drina Xhoga
Libreria Giuridica
Sede storica, Via SantAgostino 8 10122 Torino
Filiale, C.so Francia 64 10143 Torino
Tel. 011.4367076 7495165
Titolari: Maurizio Travaglia e moglie Mensio
soci LibraiLiberi
Email info@libreriagiuridicato.it
Libreria dellusato
Via Carlo Alberto, 53/a 10121 Torino
Tel. 011.19504453
Titolare: Sonia Mereu, socia LibraiLiberi
Email illibraio.torino@gmail.com
Libreria OOLP
Via Principe Amedeo, 20 10123 Torino
Tel. 011.8122782
Titolare: Giovanna Sartori, socia LibraiLiberi
Email libreriaoolp@iol.it
Libreria Postumia
Via Emilia Pavese, 105 29121 Piacenza
Tel. 339.3360365
Titolari: Claudia e Romano Gobbi
Presidente LibraiLiberi
Email postumia@libreriaromagnosi.com
Libreria Larizza
Via Como, 9 20020 Solaro Mi
Tel. 0296798132 - 3403445567
Titolare: Larizza Ferdinando
Vice Presidente LibraiLiberi
Email info@librerialarizza.it
Libreria Internazionale Romagnosi
via Romagnosi 31 29121 Piacenza
Tel. 0523-338474 384061
Fax. 0523-304612
mail: libri@libreriaroamgnosi.com
www.libreriaromagnosi.it
Libreria Einaudi
Via del Coroneo, 1 - 34133 Trieste
Paolo Deganutti
Tel. 040 367053 fax: 040 368237
mail: librein@iol.it
Hanno collaborato:
Francesco Ascoli, Roberto Calasso, Paolo Deganutti, Emanuele Lazzati, Lea Mattarella,
Pietro Sergio Mauri, Caterina Misuraca, Paolo Prandi, Alessandra Princivalli,
Paola Rapelli Giovanni Serafni, Elisa Tallone, Silvia Venuti.
Librerie che, pur non facendo parte dellAssociazione Librerie
Storiche ed Antiquarie dItalia, aderiscono al programma
di tutela e promozione delle librerie indipendenti:




MANUFACERE ET SCOLPIRE IN
LIGNAMINE.
Scultura e intaglio in legno in Sicilia tra
Rinascimento e Barocco

a cura di Teresa Pugliatti, Salvatore Rizzo, Paolo
Russo

24x33 pagg. 720 illustrato Cod. 2012/13

Euro 180,00

ISBN 978-88-7751-358-8



Nellambito delle attivit di ricerca e valorizzazione
del patrimonio culturale siciliano, la nostra casa
editrice, in collaborazione con lAssessorato ai Beni
Culturali della Regione Siciliana, ha realizzato il
volume MANUFACERE ET SCOLPIRE IN
LIGNAMINE. Scultura e intaglio in legno in Sicilia
tra Rinascimento e Barocco che rappresenta in
assoluto la prima trattazione organica dedicata al
tema della scultura e dellintaglio in legno in Sicilia
dal Rinascimento al Barocco, unico per la qualit e
variet delle testimonianze diffusamente presenti nellIsola e per la loro eccezionale qualit artistica.
La pubblicazione frutto di un lungo lavoro di studio e lesito di una vasta campagna di ricognizione
conoscitiva e documentale estesa a tutto il territorio regionale intrapresa da numerosi studiosi di diversa
provenienza e orientamento.
Il volume, arricchito da una pregevole documentazione fotografica appositamente realizzata, propone
un viaggio affascinante attraverso capolavori dellarte dellintaglio in legno in Sicilia: dal magnifico
coro della chiesa di S. Francesco dAssisi a Palermo (1520-1524) a quello spettacolare dellabbazia di
S. Martino delle Scale (1597), al non meno sorprendente coro della Cattedrale di Nicosia (1622); dalle
splendide cantorie tardo manieriste della chiesa madre di Castroreale agli scenografi armadi che
rivestono le sacrestie della chiesa di casa Professa a Palermo e della chiesa dellAnnunziata a Trapani,
al trionfo dellarte barocca nella cappella del Santissimo Crocifisso del duomo di Monreale, e ancora i
mirabolanti gonfaloni architettonici, le ingegnose macchine lignee e i sontuosi fercoli processionali,
le elaborate cornici. Quindi un popolo di statue in legno dalle sontuose vesti damascate rilucenti doro
destinate alla devozione popolare e i loro autori.
Lopera dunque, oltre a costituire un originale contributo alla conoscenza di tale patrimonio artistico,
rappresenta un fondamentale riferimento per la sua conservazione.

MANUFACERE ET SCOLPIRE
IN LIGNAMINE
Scultura e intaglio in legno in Sicilia tra Rinascimento e Barocco
GIUSEPPE MAIMONE EDITORE
Ekecheiria 32
Ekecheiria organo dinformazione dellAssociazione Culturale Librerie Storiche e Antiquarie dItalia a diffusione gratuita - Registrazione Tribunale di Milano n. 9098 del 31/3/2008
Direttore: Emanuele Lazzati, Assistente: Drina Xhoga - Progetto grafico: Donatella Bertoletti - Sede: Galleria Vittorio Emanuele II, 12 - 20121 Milano - e.mail: drina.ekecheiria@tiscali.it
www.libreriestoriche.it - CALS centro acquisti librerie storiche: cell. 339 6859871 - 345 2886546 copia gratuita
Associazione Culturale
Librerie Storiche e antiquarie dItalia
FONDATA a milano NEL 2004
E k e c h e i r i a Anno V - Numer o 4 - 2012

P E R I ODI C O DI I NF OR MAZ I ONE DE L L AS S OC I AZ I ONE


IMPAGINATO 2009 OK_IMPAGINATO 2009 OK 07/11/12 10.53 Pagina 2