Sei sulla pagina 1di 1

Lappello di Jacques Le Goff per la lettura e le biblioteche

ITALIA, DIFENDITI COME FA LA FRANCIA


JACQUES LE GOFF
libri sono strumenti essenziali e insostituibili di crescita culturale e civile. Per questa ragione occorre moltiplicare le occasioni di incontrarli e in particolare i luoghi come le biblioteche e le librerie in cui sono disponibili a tutti. Occorre rivolgersi soprattutto alle giovani generazioni: tutte le biblioteche sono importanti quelle specialistiche come quelle rivolte al pubblico generale ma in particolare vanno potenziate le biblioteche scolastiche e quelle universitarie. Se le biblioteche svolgono compiutamente la loro funzione specie a livello locale realizzano la formazione della cittadinanza, che e una delle missioni pi importanti dei libri. In Francia abbiamo una istituzione centrale per la promozione del libro, il Centre National du livre, dotata di un fondo cospicuo (42 milioni di euro, ndr) e molto attivo in diversi campi. Tra le sue attivit c il sostegno delle librerie di qualit nel programma Lir, voluto e diretto da Antoine Gallimard. Il programma prevede tra le altre cose la concessione di un marchio alle librerie indipendenti che si sono contraddistinte no conservare il patrimonio storico e per la qualit del loro lavoro sul territo- tramandarlo alle future generazioni. Un rio. In base a quel marchio le librerie ri- obiettivo tanto pi importante nellecevono significative agevolazioni fiscali poca in cui globalizzazione vuol dire e contestualmente si impegnano a tene- spesso omologazione. Leredit storica re il catalogo e garantire un buon assor- dellEuropa plurale, uneredit fatta di timento di autori (anche meno noti) e di molte diversit, che non si possono dieditori (anche pi piccoli). La pluralit menticare quando si auspica una sempre maggiore integrazione. Quando lanciai la collana Fare lEuropa insieme a cinque editori europei questa diLa qualit di una classe dirigente versit pensammo fosse un valore posi misurabile nel suo rapporto tivo, da mettere in rilievo. Una diversit con i testi. Ma occorre assicurare che i libri hanno sempre rappresentato che questi abbiano una larga in maniera ricca e formativa. Anche nel Medioevo, quando nei monasteri e nelcircolazione e non siano dlite le corti come nelle citt il lavoro collettivo sui testi si combinava con la creativit delle librerie un fattore essenziale per individuale. Senza dimenticare il ruolo LAUTORE Lo storico garantire la libert del pensiero, che a essenziale delle universit, grazie alle Jacques sua volta un ingrediente non sostituibi- quali una classe di colti europei ha traLe Goff le della democrazia. Dal 1988 gli editori smesso nei vari paesi del nostro continato a Tolone francesi, insieme al Centro Nazionale nente una cultura comune. Ancora oggi nel 1924 del libro, finanziano le librerie piccole e la qualit di una classe dirigente misuindipendenti attraverso lAdelc, ovvero rabile nel suo rapporto con i libri. Ma oclassociazione che difende le librerie corre assicurare che questi abbiano una creative, voluta molti anni fa da un larga circolazione anche presso la claspiccolo e illustre editore come Jerome se media e non siano riservati solo a una Lindon delle ditions de Minuit, per lite. In questo anche gli intellettuali compensare la crescita della catena hanno una grande responsabilit: non Fnac. Negli anni lAdelc ha aiutato pi di devono chiudersi in circoli di iniziati al 400 librerie indipendenti francesi a rin- sapere, ma condividere le loro cononovarsi, aprire sedi nuove, garantire la scenze, innanzitutto attraverso un mopresenza dei libri anche in zone perife- do di scrivere chiaro e comprensibile a riche delle grandi citt o in centri mino- tutti. Una chiarezza che peraltro occorri, cio dove non esiste una immediata re insegnare dalla scuola, listituzione che resta ancor oggi la pi importante convenienza di mercato. La creativit e la pluralit delle idee nel definire il livello di civilt di un paesono gli obiettivi centrali della legge se. Per questi motivi, forse troppo sinteLang, che da trentanni regola il mondo ticamente delineati, considero fondadel libro francese. Obiettivi legati alla mentale la battaglia per promuovere la capacit dellintero sistema editoriale di lettura e la diffusione dei libri e spero che selezionare e promuovere i libri. Da le donne e gli uomini che saranno eletti questo punto di vista, vorrei anche sot- al nuovo Parlamento italiano prendetolineare limportanza della traduzio- ranno molto sul serio le proposte delne. Solo se le nazioni europee remune- lAssociazione Forum del libro. reranno equamente i loro traduttori e ne garantiranno il lavoro di qualit potran RIPRODUZIONE RISERVATA