Sei sulla pagina 1di 35

Dinamica

[studio delle cause del moto: forze]


Il termine forza nel senso comune indica una trazione o una spinta

La forza una grandezza vettoriale: una trazione o spinta ha sempre una intensit (il modulo) una direzione un verso forze di contatto: esprimono risultato di contatto fisico tra corpi forze a distanza: agiscono attraverso lo spazio vuoto
[campi di forze] forza gravitazionale

forza elettrica

forza magnetica

Forze in natura
In natura esistono 4 forze fondamentali con cui possibile descrivere tutti i fenomeni naturali noti:
gravitazionale

responsabile di tutti i fenomeni astronomici


la forza che percepiamo nel modo pi immediato

m1m2 F =G 2 r r

[ legge di gravitazione universale di Newton]

elettromagnetica lega gli elettroni al nucleo


responsabile dei fenomeni elettrici e magnetici

[ equazioni di Maxwell] nucleare forte lega i mattoni elementari della materia


mantiene unite le particelle impedisce ai nuclei di disintegrarsi per repulsione fra protoni

[ la forma esplicita completa tuttora ignota] nucleare debole

assicura

produzione di luce e calore per fusione nucleare responsabile dei decadimenti radioattivi.

[ La forma esplicita non completamente nota ]

Qualsiasi altra forza deriva da queste quattro F = mg j g = 9.8 m / s 2 Forza peso F = kN Forza di attrito Forza viscosa Forza elettrostatica Forza di Lorentz

F = k0v

F = qv B

1 q1q2 F= r 4 0 r 2

se la forza una quantit reale deve essere misurabile deve indurre effetti che possono essere quantificati

1600 Newton: esperimenti concettuali (oggetto in moto su superficie senza attrito)

non nella natura di un oggetto fermarsi una volta che sia posto in moto

Prima legge di Newton [legge di inerzia]


Un corpo rimane nel suo stato di quiete o nel suo stato di moto rettilineo a velocit costante se una forza risultante non nulla non lo costringe a variare il suo stato di moto

X assenza di forze implica assenza di variazione di moto, cio assenza di accelerazione

F = 0 a = 0

una forza F applicata ad un corpo gli imprime una accelerazione

X un corpo senza accelerazione si dice in equilibrio

Sistemi di riferimento inerziali


La prima legge di Newton non vale in tutti i sistemi di riferimento un sistema di riferimento inerziale se in esso vale la prima legge di Newton qualunque sistema di riferimento in moto con velocit costante rispetto ad un riferimento inerziale e anchesso inerziale Sistemi di riferimento accelerati NON sono inerziali

esempio:
Uno scuola-bus fa una brusca frenata e gli zaini appoggiati sul pavimento scivolano in avanti. Come mai?

Gli zaini continuano il loro stato di moto: mantengono velocit che avevano prima della frenata, anche quando lautobus frena. Il loro moto NON causato da forze non vale legge di inerzia

la Terra NON un sistema inerziale


ac = 4.4 10-3 m/s2 ac = 3.37 10-2 m/s2
accelerazione centripeta verso il Sole [moto attorno al sole] accelerazione centripeta verso il centro della terra [moto attorno allasse terrestre]

sono accelerazioni piccole rispetto a g = 9.8 m/s2

si suppone che un sistema di riferimento vicino alla


superficie terrestre sia un riferimento inerziale

esempio:
prove su un vagone per verificare se un sistema inerziale

principio di relativit galileiana


perch quando si viaggia in aereo sembra di muoversi lentamente?
aereo di linea: velocit di crociera 800 km/h atterraggio 200 km/h

conseguenza del principio di relativit galileiana: non esistono differenze fisiche avvertibili tra un corpo in quiete (perfettamente fermo) e un corpo che si muove, anche a elevate velocit, con moto rettilineo uniforme (cio a velocit e direzione costanti) In altre parole: se durante un volo aereo venissero chiusi tutti i finestrini e si riuscisse a isolare la cabina dal rumore dei motori e dalle vibrazioni, non si avrebbe alcuna possibilit di capire se si fermi o in movimento.

La massa inerziale
Osservazione: una forza produce accelerazioni di intensit diversa su corpi diversi esempio:
stesso calcio a palla da baseball grande accelerazione palla da bowling piccola accelerazione la differenza di accelerazione dovuta alla differenza di massa

corpi meno massicci ricevono una accelerazione maggiore

m1 a2 = m2 a1

massa

propriet intrinseca di un corpo indipendente da ci che lo circonda indipendente dal metodo di misura grandezza scalare obbedisce alle regole di aritmetica

massa peso
massa: mette in relazione forza applicata al corpo e accelerazione subita peso: modulo della forza esercitata dalla terra sul corpo (varia con la posizione) mluna = mterra esempio: Terra Luna pesoluna < pesoterra

Seconda legge di Newton


Laccelerazione di un oggetto direttamente proporzionale alla forza risultante su di esso inversamente proporzionale alla sua massa

Fnet = F = ma

Fx = m a x Fy = m a y Fz = m a z

[N.B. si considerano solo le forze che agiscono sul corpo non tutte le forze presenti nel problema!!]

un corpo in equilibrio quando la somma di tutte le forze agenti nulla

Fnet = 0

Fx = 0 Fy = 0 Fz = 0

Dimensioni e Unit di misura

[Forza ] = [ M ] [a] kg m = N = Newton 2


s

Terza legge di Newton


[principio di azione e reazione]
Se due corpi interagiscono le forze esercitate da un corpo sullaltro sono uguali in modulo e direzione opposte in verso

F12 = F21
esempio:
libro B appoggiato su cassetta C FCB = forza esercitata da libro su cassetta FBC= forza esercitata da cassetta su libro

le forze di azione e reazione agiscono sempre su corpi diversi: non si combinano in una forza risultante; non si elidono a vicenda.

Esempi di forze azione-reazione 1. Lancio di un razzo:


motore spinge gas

verso il basso gas spinge razzo verso lalto sono forze uguali e contrarie !!

FGAS FRAZZO

2. Come camminiamo:
la

persona preme il piede spingendo indietro il terreno il terreno spinge il piede in avanti sono forze uguali e contrarie !!

effetto indotto dalle forze di azione e reazione pu essere sensibilmente differente

esempio:
F = 36 N mastronave = 11000 kg muomo = 92 kg

aastronave = auomo

36 = 0.0033 m / s 2 11000 36 = = 0.39 m / s 2 92

Alcune Forze Particolari


Forza gravitazionale
m1m2 F =G 2 r r G = 6.67 10 11 Nm 2 / kg 2

forza di attrazione di un corpo verso un altro corpo

y
Fg = Fg j = mg j

se il secondo corpo la

terra:

Fg

diretta verso il centro della terra

ogni corpo in caduta libera subisce accelerazione g diretta verso il centro della terra g varia con la posizione geografica M terra diminuisce allaumentare dellaltezza g = G r 2 N.B. se r = RT = 6370 km g = G
Altitudine (km)
0 8.8 36.6 400 35700

M terra = 9.8m / s 2 r2

g (m/s2)
9.83 9.80 9.71 8.70 0.225 superficie media terrestre Everest max quota pallone con equipaggio navette spaziali satellite geostazionario telecomunicazioni

Forza peso
modulo della forza netta richiesta per evitare che il corpo cada modulo della forza gravitazionale

P = mg
peso dipende da g esempio:

P = mg j = mg

varia con la posizione geografica massa NON dipende da g propriet intrinseca


gterra = 9.8 m / s 2 pterra > pluna mterra = mluna gluna = 1.62 m / s 2
M terra g =G 2 r

RT = 6370 km, M T = 5.976 1024 kg RL = 1737km, M L = 7.349 1022 kg

Bilancia a molla [dinamometro]:


peso del corpo allunga molla tarata in unit di massa o peso, muovendo un indice su scala graduata

Forza normale
Se un corpo preme su una superficie: la superficie si deforma (anche se apparentemente rigida) spinge il corpo con forza normale N N sempre perpendicolare alla superficie stessa

esempio:

diagramma del corpo libero

Fy = N Fg = m a y N mg = m a y N = mg + ma y = m( g + a y )
ay = 0

N = mg

la forza normale bilancia il peso e determina lequilibrio

che differenza c tra forza normale e forza peso ? sono sempre uguali ?

La forza normale NON necessariamente uguale al peso !

esempio: scatola a riposo su tavolo:

=0

= N mg = 0

N = mg

= N mg 40 N = 0

N = mg + 40 N

= N mg + 40 N = 0

N = mg 40 N

La forza normale NON necessariamente verticale !

FN sempre perpendicolare
alla superficie di appoggio

Fg sempre perpendicolare
alla superficie della terra

Fg

FN non sempre bilancia Fg

F F

= Fg sin = ma x 0 = FN Fg cos = 0

Fg

FN bilancia SOLO componente di Fg normale al piano di appoggio

Tensione
filo fissato ad un corpo soggetto ad una forza il filo sotto tensione il filo esercita sul corpo una forza di trazione T diretta lungo il filo nel verso di allontanamento dal corpo con modulo

tensione nella corda = modulo T della forza agente sul corpo N.B. se la corda ha massa trascurabile forza esercitata ad un capo trasmessa per tutta la corda fino al capo opposto, infatti: F = ma = 0 sempre, dato che m=0

forze ai capi della corda sono uguali ed opposte!

applicazione: utilit di una carrucola


Un facchino impiega una fune passante attorno a due carrucole per sollevare un pianoforte del peso di 2000 N. Quale forza deve esercitare sulla fune? N.B. Per fune di massa trascurabile il modulo della forza tensione lo stesso in ogni punto della fune

F = ma = T + T + Fg

ma = 2T mg
Per far muovere il pianoforte con velocit costante:

ma = 2T mg = 0 T = mg / 2
la carrucola fornisce un vantaggio meccanico pari a 2 senza la carrucola T = mg

esempio: tiro alla fune


un individuo tira con forza F una fune attaccata alla parete

non c accelerazione

due individui tirano con forza F in versi opposti una fune

non c accelerazione

cosa segna il dinamometro al centro della fune?


il dinamometro in equilibrio in entrambi i casi

Fnet = F + T = 0
ciascun individuo in equilibrio il dinamometro segna F in entrambi i casi !!!

applicazione: peso di un oggetto in ascensore


ascensore accelerato NON sistema di riferimento inerziale y

osservatore in sistema inerziale

Fy = T mg = m a y T = mg + ma y > mg

Fy = T mg = m a y T = mg ma y < mg

ay = 0 se ascensore fermo o in moto con velocit costante: Fy =T mg = 0

esercizi dinamica

Forza di Attrito Statico


forza necessaria per mettere in moto un corpo di massa M su una superficie k proviene dalla scabrosit delle superfici [coinvolge anche forze elettrostatiche]
corpo in quiete non applico nessuna forza.

applico forza F < fs il corpo rimane fermo

quiete
aumento F ma sempre F < fs il corpo rimane fermo

F = fs
il corpo rimane fermo se F > fk il corpo acquista accelerazione a

accel.

velocit costante

per mantenere v costante riduco F:

F < Fmax

Forza di Attrito Dinamico


forza che si oppone a qualsiasi moto di un corpo che striscia su un materiale

N fd v

intensit forza dattrito

punto di rottura

propriet attrito
f s s N f d = d N

s coefficiente attrito statico d coefficiente attrito dinamico

s, d dipendono dai materiali a contatto [0.05 < < 1.5] d < s s, d non dipendono dallarea di contatto

f s , f d parallele alla superficie e opposte al moto

coefficienti di attrito

esempio 1: scatola contro un muro


come pu una forza orizzontale impedire ad un oggetto di muoversi verticalmente? 1. 2. ho bisogno di attrito devo premere abbastanza

contrasta N

F S = S N contrasta

F g = mg

mg < S N mg > S N

scatola resta ferma scatola scivola

esempio 2: serve pi forza per spingere o tirare ?

Fnet = ma = F + N + Fg + Fatt
se spingo:

asse y : F sin + N mg = 0 N = mg + F sin > mg


se tiro:

asse y : + F sin + N mg = 0 N = mg F sin < mg

Fatt = D N minore quando si tira !!!

Forza centripeta [moto circolare uniforme]


corpo con: velocit v costante in modulo lungo traiettoria circolare subisce accelerazione centripeta:

v2 ar = r

diretta verso il centro circonferenza sempre perpendicolare a v

esempio: disco su traiettoria circolare


inerzia del disco: moto su linea retta tensione del filo: mantiene traiettoria circolare

v2 T = Fr = mar = m r

se rompo il filo il disco si muove lungo linea retta tangente alla circonferenza

[v infatti costante]

Attenzione:
la forza centripeta NON un nuovo tipo di forza una qualunque forza che causa una accelerazione centripeta

esempi:
palla trattenuta da un filo

Fr = T

rotore del parco dei divertimenti

Fr = N

satellite attorno alla terra

Fr = mg =m GM T r 2 ( RT + h)
traiettoria astronave in assenza di gravit

applicazione: centrifuga/ultracentrifuga
di laboratorio
dispositivo utilizzato per sedimentare rapidamente o separare materiali con caratteristiche diverse visione dallalto

posizione A: la particella tende a proseguire in linea retta forza centripeta resistenza del fluido

a velocit elevate la resistenza del fluido NON riesce a mantenere le particelle sulla traiettoria circolare particelle raggiungono velocemente il fondo della provetta si provoca una gravit artificiale (fino a 106 g !!) a causa dellalta velocit di rotazione
rapida sedimentazione,

pi che in presenza di gravit normale

Forza centrifuga [forza apparente] esempio 1:


autista dellautomobile sente una forza che lo porta verso lesterno questa forza detta forza centrifuga

fs

forza attrito statico

Fr = mv2/r
forza centrifuga: forza apparente, viene sentita solo se losservatore non fermo o in moto rettilineo uniforme [ ossia in sistemi non inerziali ]

N.B. per un osservatore in moto con lauto (sistema non inerziale): auto non soggetta ad accelerazione introduce forza centrifuga fittizia per equilibrare forza centripeta

v Fr = m r

esempio 2:
blocco di massa m fissato ad una fune su piattaforma rotante osservatore inerziale:
vede il corpo che si muove lungo traiettoria circolare

v T = Fr = m r

osservatore NON inerziale:


vede il blocco in quiete introduce una forza [detta centrifuga] che equilibra la tensione del filo

v T m =0 r

le forze fittizie sono usate solo in sistemi accelerati non rappresentano forze reali

Forze Variabili

1. Forza gravitazionale 2. Forza Elettrostatica

3. Forza Elastica

Forza Gravitazionale
forza di attrazione reciproca fra due corpi qualsiasi nelluniverso

Terra attira mela mela attira Terra

Terra attira Luna Luna attira Terra

mm Fg = G 1 2 2 r G = 6.67 10 11 N m 2 / kg 2
esempio di azione e reazione intensa fra corpi macroscopici la pi debole fra le forze

Forza Elettrostatica
forza di attrazione/repulsione reciproca fra due cariche puntiformi

q1q2 F12 = r12 2 4 0 r 1 F12 = F21


1 4 0

azione e reazione

0 = 8.8542 10 12 C 2 / N m 2
= 8.99 109 N m 2 / C 2

esempio: sistema protone-elettrone Fg (p-e) 10-47 N Fem (p-e) 10-7 N

Forza elastica
materiale elastico: materiale che ha capacit di riacquistare la forma iniziale dopo essere stato compresso o deformato

esempio: molla

F = k ( x x0 )
forza necessaria per allungare o accorciare una molla: linearmente proporzionale allallungamento k = costante elastica x0= estensione molla NON soggetta a forze x = attuale posizione della molla

x0 x

se comprimo la molla la forza che esercito negativa

x < x0
0

F = k ( x x0 ) < 0

x0

se estendo la molla la forza che esercito positiva

x > x0
0 x0 x

F = k ( x x0 ) > 0

Principio di azione e reazione: la forza esercitata dalla molla ha modulo e direzione uguali verso opposto

legge di Hooke F = k ( x x0 )

: [ N.B. nella maggior parte dei casi si considera x0 = 0]

equazione di moto forza elastica


F = ma Fx = m a x

dv d 2x kx = m = m 2 dt dt

d 2x m 2 + kx = 0 dt

d 2x +2x = 0 dt 2

con con

=
T= 2

k m

= 2 m k

pulsazione periodo

dimensioni: [] = [F/L]1/2 [M]-1/2 = [M L/T2 1/L]1/2 [M]-1/2 = [1/T] unit di misura: s-1

soluzione generale equazione differenziale:

x(t ) = A sin(t + 0 )

con A e 0 costanti arbitrarie [dipendono dalle condizioni iniziali del problema]

moto armonico: posizione del corpo varia sinusoidalmente


A = ampiezza di oscillazione, T = periodo N.B. verifico la soluzione sostituendola nellequazione differenziale dx d [ A sin(t + 0 )] = = A cos(t + 0 ) dt dt d 2 x d [ A cos(t + 0 )] = = A 2 sin(t + 0 ) = 2 x(t ) dt 2 dt