Sei sulla pagina 1di 141

XILOGRAFIA CALCOGRAFIA LITOGRAFIA

MANUALE TECNICO

BRUNO STARITA

XILOGRAFIA CALCOGRAFIA LITOGRAFIA


MANUALE TECNICO

ALFREDO GUIDA EDITORE

INTRODUZIONE
La xilografia da ritenersi certamente tra le pi antiche delle tecniche di stampa incisa. Pur conoscendo la sua massima divulgazione nel XV secolo conseguendo risultati di pregio notevolissimi, seppure con scopi diversi era gi praticata presso i popoli orientali addirittura millenni prima. E da supporre che intorno al 1300 l'esigenza di riprodurre le carte da gioco, importate in Italia dagli arabi quando questi invasero la Sicilia, dette vita ad un'industria in tal senso. Fiorente sul finire del secolo XIV, l'incisione di tavole di legno destinate alla stampa appare legata alla industria per la produzione di immagini sacre, alla realizzazione di matrici per lo stampaggio dei tessuti, alla diffusione popolare di opuscoletti o semplici fogli sparsi e, in seguito, alla decorazione con vignette ornamentali del libro stampato, contribuendo allo sviluppo dell'arte tipografica. Riallacciandosi agli inizi alla pratica artigianale del falegname e dello sbozzatore, ascender in seguito ad una propria dignit di mestiere con la creazione di maestranze altamente specializzate. A queste maestranze venivano affidati i disegni a penna eseguiti dagli artisti o a volta gli stessi disegnavano di propria mano le tavole da intagliare. Molto raramente l'intaglio era condotto direttamente dall'artista. A tal riguardo va osservato come possa essere del tutto gratuito l'ascrivere esclusivamente all'autore del disegno il risultato ed il pregio della stampa finale e non piuttosto all'esecutore dell'intaglio. Dal XV secolo la xilografia assume una rilevante importanza artistica per merito di grandi maestri e, particolarmen-

te, per la nutrita e altissima produzione di Albrecht Drer e si protrae cos sino alla fine del secolo successivo. Dal XVII secolo conosce una progressiva decadenza, sostituita dall'incisione calcografica che andava sempre pi perfezionandosi. In seguito la xilografia ebbe sempre una maggiore applicazione per la riproduzione di immagini da inserire nello stampone tipografico e negli ultimi tempi, specie dopo la scoperta dell'uso del legno di testa, dopo l'avvento della fotografia e prima della fotoincisione, si meccanicizza sfruttando per il disegno delle tavole la fotografia come riporto delle immagini e per la loro lavorazione apposite macchinette dove una lancetta atta a trapanare guidata per mezzo di un pantografo intaglia la superficie del legno. Successivamente e recentemente, grazie all'invenzione della fotoincisione, assurge nuovamente a dignit d'arte riacquistando una propria autonomia. L'origine dell'incisione di matrici di metallo destinate alla stampa non del tutto certa. Dove e quando abbia avuto il suo sviluppo non stato possibile stabilire con esattezza, ma un'ipotesi accettabile che essa abbia avuto i suoi inizi nelle regioni a nord delle Alpi, nelle botteghe degli orafi, legata a varie manipolazioni, probabilmente in modo particolare alla tecnica del niello. In Italia la paternit dell'incisione di matrici calcografiche si vorrebbe appunto ascrivere al niello, che consiste nello incidere col bulino classico strumento dell'orefice incisore una lastra d'oro o d'argento per imbottirne i segni di una speciale lega detta nigellum, da cui la denominazione del prodotto finito ottenendo cos una specie di tarsia dove le immagini risultano scure sul fondo levigato del metallo. La lega composta di argento, rame, piombo e borace. Sebbene tale tecnica decorativa orafa fosse gi conosciuta da molto tempo, fu in grande auge nel Rinascimento specie per l'operato di Maso Finiguerra (1400-1460) al quale il Vasari suole attribuire in Italia l'invenzione della stampa incisa su metallo. Ci abbastanza dubbio e controverso e resta comunque da stabilire se l'incisione abbia avuto una qualche connessione col niello o viceversa.

per certo che l'orafo, terminata l'opera di incisione della lastra di metallo prezioso, prima di imbottire definitivamente i solchi col niello, al fine di controllare il risultato finale, ne ricavava un'impronta negativa con uno stampo di creta finissima e un controstampo realizzato con fegato di zolfo fuso nei cui segni veniva posto del nerofumo misto ad olio di noce che metteva in risalto la qualit del lavoro. Solo pi tardi si pens di riempire con lo stesso miscuglio (che grosso modo l'inchiostro da stampa calcografico ancor oggi usato) la lastra di metallo prezioso direttamente, per imprimerne l'impronta incisa su una pezzuola o un foglio di carta umida. Sarebbe cos nata la stampa incisa, cosa abbastanza dubbia poich non solo l'incisione era gi praticata da qualche tempo nelle regioni a nord delle Alpi, ma sono state rinvenute, anche nella stessa Italia, prove di stampe incise che vantano qualche decennio prima dell'attivit del Finiguerra. Ma a parte qualsiasi altra considerazione sta di fatto che lo sviluppo e l'evolversi dell'incisione calcografica da collegarsi di pari passo con l'attivit orafa, spesso approdando gli artisti a questa disciplina proprio attraverso la pratica di una bottega d'orafo. Caratterizzata cos sotto l'aspetto tecnico e formale nei suoi inizi, l'incisione a bulino sul rame assumer in seguito una assoluta autonomia e un suo specifico linguaggio per opera di grandi maestri incisori. Sul finire del XV secolo molti incisori in Germania, in Olanda e in Italia proliferarono raggiungendo risultati di altissima qualit. L'incisione all'acquaforte nasce come tecnica autonoma agli inizi del XVI secolo. L'invenzione di questo nuovo modo di incidere stata ascritta da qualcuno al Parmigianino; per accertato che gi sul finire del '400 si conosceva la possibilit di incidere il metallo con gli acidi: lo stesso Drer fu tra i primi ad usare tale procedimento, che apprese probabilmente dal veneziano Luca Pacioli durante il suo viaggio in Italia, sia per iniziare l'incisione a bulino che autonomamente, incidendo sei lastre all'acquaforte su ferro, tra cui il famosissimo Cannone. Va assegnato al Parmigianino, semmai in Italia, il merito di aver tentato con la sola tecnica dell'acquaforte la speri-

mentazione di un nuovo linguaggio grafico con possibilit di nuovi e pi celeri risultati, dal lato espressivo ricchi di calore e vitalit, ma non certamente eccellenti sotto il profilo tecnico. Dall'inizio del XVII secolo l'incisione sia a bulino che all'acquaforte venne impiegata, tranne casi isolati, quasi esclusivamente come mezzo di riproduzione di opere d'arte e per la realizzazione di ritratti. Fu portata quest'arte anche ad una vera forma di industrializzazione con la nascita di ditte che si servivano di numerosi incisori. Il successivo XVIII secolo vede ancor pi proliferare tale attivit, con l'impiego di tecniche ulteriormente raffinate che finirono col ridurre l'incisione ad una maniera meccanicistica, che seppure impeccabile, tolse ad essa quella vitalit ed autonomia che era stata agli inizi una delle sue peculiari qualit; Nella prima met del XIX secolo l'incisione appare ancora assoggettata alle esigenze riproduzionistiche con sempre maggior impiego di sofisticati mezzi meccanici atti ad incidere, conoscendo ancor pi una condizione di degrado artistico. Sul finire del secolo, con l'affermarsi della fotografia e dei processi fotomeccanici, fortunatamente, l'incisione a scopi utilitaristici e riproduttivi sparisce quasi del tutto. Dal secolo XX in poi per merito di artisti che si accostarono a questa disciplina con spirito creativo, ha riacquistato quella dignit di linguaggio che gli era stata propria agli inizi della sua nascita. La litografia, pur non potendo essere compresa tra le tecniche dell'incisione, la tecnica di stampa d'arte pi importante. Di pi recente invenzione, vede il suo affermarsi verso la fine del XIX secolo per merito di Aloys Senefelder che ne perfezion il processo ideato, gi agli inizi del secolo XVIII, dal francese Dufay. Nata come tecnica destinata alla stampa della scrittura e a quella degli spartiti musicali, col perfezionarsi and sempre pi affermandosi e, per l'uso che ne fecero alcuni grandi artisti, assurse a dignit di stampa d'arte. Nel XX secolo, per la sua facilit e rapidit di esecuzione, molto praticata dai pittori, spesso per scopi, di utilit commerciale e divulgativa.

10

LE TECNICHE
Con il termine grafica si indica il prodotto ottenuto da una matrice capace di riprodurre un'impronta su di un supporto mediante sistema di impressione o stampa. Specificamente per grafica dell'incisione si intendono sia quelle tecniche e quei procedimenti atti a realizzare matrici per l'appunto incise recanti impronte stampanti in rilievo o in cavo, sia il prodotto finito. Le tecniche fondamentali della grafica dell'incisione sono la xilografia e la calcografia. Nell'area dell'incisione vanno compresi alcuni processi particolari della litografia: la litografia incisa e quella a rilievo. possibile la classificazione di due diversi tipi di matrici: una recante le impronte stampanti in rilievo, l'altra in cavo. La prima categoria comprende: la xilografia di filo, di testa e quella classica, la xilografia a chiaroscuro o camaieu, la xilografia a colori, l'acquaforte a rilievo, la linografia, la litografia a rilievo; la seconda: il bulino, l'acquaio te, l'acquatinta, la vernice molle, la puntasecca, la maniera dello zucchero, la maniera nera, l'incisione in cavo a fondo punteggiato o granito, l'opus mallei, l'incisione a soli punti o pontill, la maniera a lapis o crayon, l'incisione a colori, l'incisione a tratto imitante la penna, l'incisione su metallo a fondo punteggiato o crible, la litografia incisa. La litografia da ritenersi il pi importante degli altri procedimenti grafici, prescindendo dall'incisione in quanto reca aree stampanti tutte sullo stesso piano che si differenziano da quelle non stampanti per una diversa propriet fisiochimica. 11

XILOGRAFIA La Xilografia, incisione su legno, prevede la realizzazione di una matrice le cui unit stampanti risultano in rilievo e, opportunamente inchiostrate a mezzo di un rullo, trasmettono l'impronta alla carta per impressione tramite torchio a pressione piana.

Xilografia di filo (antica xilografia, taglio di risparmio)


Il legno impiegato per la lavorazione della matrice il pero, il ciliegio, il melo, il faggio, il cedro, il limone, e anche legni di maggior durezza quali la quercia e il bosso, quest'ultimo dotato anche di maggior compatezza. Le tavole vengono tagliate lungo la direzione della fibra, perfettamente spianate e prive di nodi, con spessore compreso tra 23 e 25 millimetri, corrispondente all'altezza dei caratteri tipografici. Non esistendo l'esigenza di inserire la matrice incisa nello stampone tipografico, si possono usare tavole di minore spessore e, con qualche accorgimento, alcuni multistrati specie quelli marini di mogano o di faggio. Si prepara la tavola perfettamente piana e levigata con carta vetro molto sottile, con una soluzione acquosa di gomma arabica stesa uniformemente sulla superficie del legno con un tampone di cotone al fine di rendere pi omogenea e compatta la fibra. Si pu tracciare il disegno direttamente sulla superficie del legno, oppure stendendovi del bianco di Cremser sciolto in una soluzione gommata, sia a matita che con inchiostro 13

Arnesi da lavoro.

Intaglio con sgorbia a coltello.

BRUNO STARITA ,

Dalla terra, 1983, xilografia su legno di filo, mm. 175 x 120.

di Cina o col riporto tramite la carta autografica. Si pu ancora trasferire un disegno eseguito su carta Oxford o bibula incollando il foglio con la faccia disegnata sulla superficie della tavola spalmata di gomma arabica e, quando bene asciutto, renderlo trasparente con del semplice olio di ricino. Ottenuto con uno dei procedimenti descritti il disegno sulla tavola da incidere, si inizia la lavorazione della matrice, che consiste nel mettere in rilievo le parti costituenti l'immagine. Gli strumenti che vengono impiegati per l'incisione su matrici di legno di filo sono gli stessi del falegname sbozzatore e intagliatore: sgorbie, scalpelli, punte di foggia diversa, e le lancette da intaglio. Con la lancetta si intagliano i contorni del disegno asportando piccole listarelle di legno a sezione triangolare tra gli spazi interlineari. Tale operazione viene denominata taglio di risparmio proprio perch risparmia le aree disegnate che, restando in rilievo, producono l'impronta stampante. Nella pratica la difficolt che si incontra nell'eseguire l'intaglio abbastanza notevole, particolarmente nelle curve e nei segni sinuosi. Occorre avere la mano ferma e decisa senza tagliare troppo in profondit, ma dapprima con leggerezza, ripassando poi nel taglio gi fatto, e con una certa lentezza. La lancetta, fermamente impugnata come una penna, va tenuta leggermente inclinata sulla destra in modo che la punta procuri un taglio non verticale ma inclinato di quel tanto da permettere al successivo taglio, che va eseguito tenendo lo strumento inclinato verso la sinistra, di asportare la listarella di legno. Il segno intagliato risulter cos pi largo alla base, a sezione trapezoidale e quindi con maggior sostegno in superficie, sopportando meglio in fase di stampa la pressione del torchio. Si facilita di molto il lavoro di intaglio fissando la tavola su un supporto di legno di dimensione poco pi grande, cos da poterlo girare per avere il segno da intagliare orientato nella direzione pi comoda. Nelle curve l'operazione viene resa pi agevole tenendo la loro convessit rivolta verso l'operatore, iniziando prima l'intaglio della parte concava. Mol16

ta difficolt si incontra pure nell'eseguire tratti incrociati: occorre, con molta pazienza, intagliare prima le linee sia verticali che orizzontali facendo attenzione a non scalfire la superficie negli incroci, asportando successivamente i piccoli quadrati che verranno a formarsi tra gli incroci stessi. Anche i punti dovranno essere intagliati uno ad uno e liberati tutt'intorno in corrispondenza dei bianchi. Una volta terminato l'intaglio dell'intero disegno, si asporta, usando sgorbie e scalpelli, tutto il legno eccedente nelle aree dei bianchi. necessario risparmiare intorno alla tavola una sottile linea di riquadratura, come una cornice, in modo che, durante l'inchiostrazione, il rullo, che deve essere di dimensioni superiori della larghezza della matrice di legno, poggiando su di essa si tenga perfettamente piano rispetto ai rilievi dei segni e non sporchi i bianchi. L'operazione d'intaglio richiede perizia di esecuzione e molta attenzione non essendo facile la correzione di eventuali errori che comprometterebbero il risultato finale. tuttavia possibile porre rimedio a gravi guasti praticando un foro nella zona dell'errore e incastrandovi un tassello dello stesso legno perfettamente alto quanto la tavola, con la massima precisione.

Xilografia di testa (nuova xilografia)


Per la preparazione della matrice stampante si impiegano tavole di legno tagliate in maniera normale rispetto all'andamento della fibra, ossia di testa. Non essendo per possibile ottenere forme di una certa grandezza col taglio orizzontale del legno, per la ridotta dimensione del tronco, si costruiscono tavole da incidere con l'assemblaggio di tanti cunei perfettamente combacianti tra di loro. Si preferiscono i legni pi duri. La preparazione della tavola e l'esecuzione del disegno sono gli stessi descritti per la xilografia di filo. Per incidere 17

Arnesi da lavoro.

Intaglio col bulino.

BRUNO STARITA,

Notturno, 1983, xilografia su legno di testa, mm. 175 x 120.

il legno di testa si usano alcuni bulini molto taglienti, ben affilati su di una pietra ad olio. I bulini pi adatti sono quelli con sezione a losanga di diverso spessore, e quelli a gouge. Si d inizio al lavoro intagliando col bulino finemente i tratti dell'intero disegno. Nell'eseguire tratti incrociati conveniente tracciare con un bulino sottile i segni dell'incrocio, eliminando successivamente le losanghe in corrispondenza dei bianchi delle intersecazioni. Per ottenere un risultato di maggior morbidezza nel chiaroscuro, si incidono, con un bulino sottile, gli angoli di ogni losanga facendo poi saltare il legno; tracciata l'incisione degli incroci, con una echoppe a gouge rotonda, si scava in ogni losanga un avvallamento abbastanza marcato adiacente ai segni. Le parti bianche di maggior estensione si eliminano con una sgorbia o punta a sgorbia (gouge). Terminata l'incisione dei segni e asportate le aree non stampanti, si inchiostra col rullo la matrice e se ne ricava una prova di stampa su carta di Cina per osservare il risultato del lavoro compiuto, e se vi siano ritocchi da fare. La prova di stampa si pu effettuare anche a mano senza l'impiego del torchio: inumidita leggermente la carta la si poggia sulla matrice inchiostrata sovrapponendovi un secondo foglio di carta e uno di plastica di medio spessore e, esercitando una discreta pressione, con l'uso di un brunitoio o di una racletta di legno, si stampa.

Xilografia classica
Questa tecnica abbastanza complicata permette di ottenere con effetti di una certa morbidezza e variet nei toni, stampe molto vicine a quelle ottenute con l'incisione su rame. Oltre ai consueti bulini a losanga l'incisore si serve, per incidere, di alcuni ferri particolari detti lingue di gatto, graduati dall'uno al dieci. Questi ferri graduati offrono la possibilit di ottenere tinte degradanti con molta precisione senza variazione della qualit dei segni. 20

Il lavoro si inizia incidendo prima le parti pi chiare, cambiando con continuit l'arnese relativamente alle variazioni di tono delle rispettive zone, con l'uso delle varie graduazioni dei ferri a lingua di gatto. Col bulino a losanga si incidono invece quelle parti che dovranno risultare di maggior contrasto e i segni pi decisi. Questa tecnica particolare di incidere il legno, prestandosi molto per la riproduzione di bozzetti preparati all'acquarello o con pastello anche molto sfumato, fu largamente adottata dagli incisori della seconda met del Settecento, dell'Ottocento e agli inizi del secolo ventesimo per la produzione delle illustrazioni del libro stampato.

Xilografia a chiaroscuro (camaeu)


La xilografia a chiaroscuro prevede, per la sua realizzazione, la esecuzione di quattro matrici incise su tavole di legno di filo. La xilografia a chiaroscuro, o cama'ieu, consegue l'effetto nella stampa finale simile a un disegno a chiaroscuro con l'inserimento, entro i limiti di una trama disegnativa, di zone di varia tonalit dello stesso colore. Fu ideata e praticata agli inizi del secolo XVI. Preparato un bozzetto esecutivo, si traccia su una prima tavola il disegno completo in ogni sua parte con la delimitazione delle zone d'ombra e delle mezzetinte, avendo cura di segnare sui due lati opposti, esternamente alla riquadratura, i necessari segni di riferimento per il registro della stampa finale. Con la lancetta si esegue l'intaglio esatto del contorno delle linee costituenti l'immagine e di quelle separatrici d'ombra. Da questa prima incisione si ricavano tre copie su carta che, ancora umide d'inchiostro, vengono trasportate sulle altre tre tavole, marcando i segni di registro. Ottenuta cos l'impronta della prima matrice sulle altre tre, quando l'inchiostro abbastanza secco, si passa all'intaglio. Si completa accuratamente l'intaglio della prima matrice asportando con la sgorbia le separatrici d'ombra e le aree 21

in corrispondenza dei bianchi del bozzetto originale, a larghi piani; dalla seconda, sempre a larghi piani, vanno asportate le aree dei bianchi e delle mezzetinte pi chiare; dalla terza i bianchi e gli scuri medi; dalla quarta i bianchi e gli scuri pi profondi. Ultimato l'intaglio, le matrici, opportunamente inchiostrate con inchiostro di quattro tonalit diverse ma dello stesso colore, vengono progressivamente stampate sullo stesso foglio rispettando i punti di registro. Nella prima met del Settecento la xilografia a chiaroscuro sub una modifica sostituendo la matrice in legno recante l'impronta del disegno con una plancia di rame incisa all'acquaforte o col bulino.

Xilografia a colori
Per la realizzazione di una xilografia a colori si impiegano tante forme stampanti quanti sono i colori che si desidera riprodurre. Possono essere usate tavole di legno sia di filo che di testa, con i relativi sistemi di lavorazione. Partendo da un bozzetto esecutivo, recante con esattezza i colori nelle rispettive aree, si intaglia il disegno su una prima tavola, eletta legno chiave, impiegando preferibilmente il legno di testa. Completato l'intaglio di questa tavola, che servir a stampare il disegno in nero, se ne tirano tante copie su carta molto sottile, quante sono le tavole relative a ciascun colore, riportando le impronte su di esse, con uno dei sistemi descritti nella voce xilografia; occorre pure marcare i segni di registro sui due lati. Ottenute cos le impronte sulle tavole, si passa alla loro lavorazione asportando da ciascuna le aree elei bianchi e quelle degli altri colori, risparmiando quella del colore cui si riferisce la forma. La stampa progressiva delle matrici inchiostrate con colori diversi, e per ultimo quella della cosiddetta chiave in nero, dar come risultato la stampa a colori. 22

Avendo la capacit di selezionare e scomporre visivamente i colori si possono impiegare, oltre al legno chiave, solo tre forme, rispettivamente del rosso magenta, del blu-verde e del giallo. Per l'inchiostrazione e la stampa si usano naturalmente colori trasparenti per selezioni. Verso la fine del secolo XV1I1, presso i popoli orientali, particolarmente in Giappone, era molto praticata la xilografia a colori con l'impiego di diverse tavole, lavorate pi o meno con gli stessi metodi degli occidentali, ma differenti nel sistema di stampa. Essi infatti usavano inchiostrare le matrici con inchiostri ad acqua anzich grassi, ottenendo come risultato una colorazione molto morbida di squisita raffinatezza.

La linoleografia
Va sotto questo nome la tecnica di incidere a rilievo matrici destinate alla stampa in piano lavorate con un moderno materiale, il linoleum. Il linoleum costituito da un impasto di olio di lino, di resine e di polvere di sughero e di legno, disteso su di una trama grossa di canapa. La sua superficie, essendo particolarmente omogenea e di una certa morbidezza, si lascia facilmente intagliare. Gli arnesi impiegati per la lavorazione sono piccoli coltellini e sgorbie a forma di V o di U, simili a pennini per scrivere, infissi negli appositi manici. Essendo il materiale da incidere molto morbido e di facilissima lavorazione, questi ferruz/i non hanno bisogno di essere molto consistenti nel loro spessore ma solo molto ben affilati. Per le varie fasi di esecuzione del lavoro si fa rimando alla xilografia in generale, potendo lavorare il linoleum in modi diversi, ma generalmente come se si trattasse di un'incisione su legno di filo. Questa tecnica di incisione in rilievo non si presta per all'intaglio di linee molto sottili e vicine, e tanto meno al tratteggio fitto incrociato, per la scarsa consistenza del materiale. 23

Il disegno da intagliare si pu tracciare direttamente sulla superficie del linoleum con una matita o, meglio, con l'inchiostro di Cina. L'intaglio si effettua col coltellino a lancetta sui bordi dei segni, asportandone le listarelle. bene che ciascun segno sia leggermente pi largo alla base per avere maggior sostegno. Zone di tratteggio piuttosto fitto si possono ottenere con una certa facilt usando il ferruzzo a forma di V, asportando direttamente i bianchi dalle interlinee. Le aree dei bianchi pi estese si asportano con la sgorbietta ad U. Si pu anche incidere direttamente dentro i segni in alcune zone per ottenere un effetto di positivo e negativo. necessario prevedere una riquadratura in rilievo intorno alla matrice per dare appoggio al rullo in fase di inchiostrazione affinch non sporchi le parti incavate che dovranno risultare perfettamente bianche. Approntata la matrice, si inchiostra con inchiostro tipografico, stampando su carta di riso leggermente umida con un torchio a pressione piana. bene incollare il foglio di linoleum su di una zoccolatura di legno per clich con un adesivo tenace per impedire che la pressione del torchio deformi la matrice, che ha una struttura piuttosto elastica, specie nell'esecuzione della stampa a colori. Questo accorgimento permette, inoltre, di inserire la matrice nello stampone tipografico e di usare per la stampa la macchina o il tirabozze tipografici. Con l'uso di diverse forme di linoleum possibile ottenere belle stampe a colori. I processi per la realizzazione di matrici a rilievo destinate alla stampa a colori scino ampiamente descritti nel capitolo riguardante la xilografia a colori.

24

CALCOGRAFIA La calcografia prevede la realizzazione di una forma stampante di rame, incisa con mezzi meccanici o chimici, dove le singole unit atte a produrre le immagini risultano incavate rispetto al piano della stessa e variano di spessore e profondit.

Incisione a bulino Lo strumento adoperato dall'incisore, il bulino, di derivazione orafa, consta di un'asta d'acciaio puro infissa in un manico di legno a forma di fungo, di pera o di sfera. I bulini possono essere a costa piatta per tracciare segni larghi e profondi; a sezione quadrata, tondo e mezzotondo, adatti all'incisione di linee curve; a costa acuta con fianchi convessi detti a ongella o onglette, e a losanga, molto indicati per tracciare linee diritte e sottili; a ongella guancia destra o sinistra; a bisello con costa acuta e fianchi piatti; a grana d'orzo o foglia d'olivo con le coste acute. Tutti con diverse graduazioni di spessore. Vi poi una serie di bulini piatti ri gati pi o meno larghi con poche o molte linee sottili. Gene ralmente l'inclinazione del bisello di un bulino deve essere di 40 gradi, perfettamente affilato su pietra ad olio, e piano. Il bulino si impugna appoggiando il manico nel palmo della mano e, mentre l'indice poggia sulla lama, le altre dita sono disposte lateralmente ad essa cos da non ostacolarne il movimento.
25

Arnesi da lavoro.

Particolare del bulino che intaglia.

Intaglio col bulino

Segni prodotti dal bulino

Durante il lavoro l'arnese va tenuto il pi piatto possibile rispetto al piano della lastra di rame da incidere, evitando di puntarlo troppo nel metallo per non spezzarne la punta. E necessario arrotarlo con una certa frequenza su pietra a olio per ravvivarne il taglio. Se non bene affilato il bulino, anzich produrre un segno netto e preciso, col caratteristico ricciolo di metallo, produrr un segno non bene inciso, simile a un graffio, contornato da barbe. Eventuali barbe che risultassero sulla lastra a lavoro ultimato si possono asportare usando un raschiatoio ben affilato, il brunitoio e del carbone di tiglio. Per incidere si impiega una lastra di rame crudo, di spessore preferibilmente non inferiore ai 16/10 perfettamente piana e levigata, iniziando a tracciare le linee essenziali del disegno piuttosto leggermente con una punta di acciaio (puntasecca), asportando le barbe col raschietto. Si pu anche preparare la lastra con vernice dura per acquaforte e, intagliato il disegno con una punta sottile, dare una leggera morsura usando una soluzione molto diluita di acido nitrico e acqua (circa il 30%) o, meglio, usando il mordente olandese o il tricloruro di ferro. Ottenuta l'incisione del disegno d'insieme, si inizia il lavoro col bulino poggiando la lastra su un cuscino piatto di cuoio riempito di sabbia o su un piano rivestito di feltro. La tecnica di incisione col bulino, pi di ogni altra, richiede, per conseguire un risultato apprezzabile, un lungo tirocinio, un'attitudine particolare e, soprattutto, una buona dose di pazienza, per la lentezza dell'esecuzione. Occorre molta attenzione nell'incidere poich, se per un accidente qualsiasi risultassero sbagliati alcuni segni, porre rimedio all'errore diventa operazione abbastanza ardua. possibile con l'uso di un raschietto molto ben affilato asportare il .rame l dove il lavoro mal riuscito e riprendere l'incisione dei segni, ma all'occhio esperto sar facile evidenziare le tracce dell'errore nell'osservare la stampa finale. La diversit dei segni conseguente alla maggior o minor forza impressa al ferro dalla mano dell'incisore, quindi dalla maggiore o minore profondit di essi. Non necessario 27

impiegare una forza eccessiva nel lavorare i segni col bulino, ma far scorrere l'arnese sulla superficie del rame in maniera costante ed uniforme, dolcemente e con polso fermo. buona cosa incidere prima tutti i segni con un bulino sottile, ripassando successivamente quelli che dovranno essere pi larghi e profondi, cambiando di volta in volta l'arnese nel suo spessore in relazione a quello dei segni. conveniente incidere i segni profondi gradualmente, ripassando il ferro pi volte nello stesso solco alternativamente nei due versi. Oltre al bulino, si possono impiegare per l'incisione di zone non a tratto, come superfici granulari o punteggiate, punzoni e punte di vario spessore. Una maniera molto semplice e conveniente per eseguire l'incisione di zone punteggiate quella di adoperare un bulino ad onglette in modo inverso al suo uso corretto, tenendo rivolta verso l'alto la costa. Questo sistema preferibile all'uso del punzone e di altri arnesi, poich l'incisione del punto risulta netta e precisa e, soprattutto, priva di barbe. Completata l'incisione, si ripassa sulla superficie del rame un foglio di carta spoltiglio molto fine soffregando energicamente nelle due direzioni per togliere eventuali piccole barbe e rendere pi polita la lastra. Dopo avervi steso un sottile strato di petrolio e asciugata, dalla matrice si ricava una prima prova di stampa a mezzo torchio calcografico, osservando l'effetto del lavoro eseguito. Se vi sono mancanze in qualche zona, si possono riprendere i segni gi incisi o aggiungerne altri; si possono riscontrare invece zone in cui i segni, essendo stati incisi pi profondamente, risultano troppo scuri, e in tal caso si pu rimediare facilmente con l'uso del brunitoio. Il brunitoio un ferro di acciaio con le due estremit arrotondate, una diritta e l'altra leggermente curva perfettamente lucide. Si usa impugnandolo fermamente e ripassandolo sui segni incisi nelle zone che si desidera rendere pi chiare. Nel suo uso il brunitoio deve essere bagnato con dell'olio, che ne permette un pi facile scorrimento sul rame, sfregandolo di tanto in tanto su di una piccola stuoia di cuoio sulla quale sia stato steso un leggero strato di stagno bruciato 28

BRUNO STARITA,

L'astro curvato all'orizzonte, 1989, bulino su rame

mm. 503x320.

o di ossido di manganese, per averne la superficie costantemente lucida e priva di asperit. Nel ripassare il brunitoio su segni troppo incisi, la pressione esercitata sui loro bordi tende a schiacciarli chiudendoli di quel tanto necessario affinch, ricevendo meno inchiostro, risultino pi chiari nella stampa. Caratteristica dell'incisione a bulino la fredda e argentea nitidezza del segno, puro e preciso nel taglio che, col suo rigoroso andamento, dona organicit all'intero tessuto grafico, in cui anche il pi piccolo tratto assume dignit di linguaggio.

Incisione all'acquaforte Per incidere all'acquaforte si impiega una lastra di rame crudo elettrolitico. Si pu usare anche l'ottone crudo, l'acciaio puro decarbonizzato e, con limitati risultati, il microzinco o qualche altro metallo come l'alluminio, ecc. Tagliata la lastra nelle volute dimensioni, si limano i bordi cos da creare una decisa smussatura detta bisellatura. L'operazione si inizia con una lima terminando con un raschietto molto affilato. La bisellatura necessaria per evitare che in fase di stampa la forte pressione esercitata dal torchio calcografico tagli la carta intorno alla matrice. Si lucida la lastra usando carte spoltiglio di diversa graduazione e si sgrassa con uno dei seguenti procedimenti: 1) Comporre una pasta con bianco di Spagna sciolto in una soluzione acquosa di alcool al 50% e con essa strofinare energicamente con una pezzuola di tela pi volte la superfi cie della lastra, sciacquandola quindi con acqua corrente fa cendo attenzione a non appoggiarvi le dita; 2) immergere la lastra in un bagno di idrato di potassio, o Soda Solway, in soluzione acquosa del 10%. Durante l'ope razione consigliabile l'uso di guanti di gomma. Sciacquare con acqua corrente. La lastra ben sgrassata quando, bagna ta, resta uniformemente coperta da un velo d'acqua.
30

Fatta asciugare perfettamente la lastra, tenendola in posizione verticale al riparo della polvere, si procede alla preparazione del fondino di vernice. Per la preparazione del fondino si impiega una vernice composta da cera vergine, bitume giudaico, mastice in lacrime, colofonia, altre resine e sostanze. Di questa vernice ve ne sono vari tipi, ciascuna adatta per le diverse esigenze tecniche: quella liquida da applicare con un pennello molto morbido usata per dare leggere morsure ai rami destinati alla lavorazione col bulino, per il sustrato nella tecnica dell'inchiostro, per il ritocco e per riempire i solchi di rami gi incisi da riverniciare; la dura che offre la possibilit di ottenere un segno molto fine e, essendo molto resistente agli acidi e ai mordenti, un numero di morsure considerevole; la vernice molle, che permette l'incisione di segni il cui effetto nella stampa molto simile a quello della matita. Quest'ultima vernice da il nome a una tecnica particolare detta, appunto, della vernice molle, e permette nell'uso svariate applicazioni, come il frottage, l'impressione di trame, di stoffe, di oggetti piani ecc. Per la preparazione del fondo di vernice consigliabile l'impiego di una piastra termostatica per la possibilit che offre di avere una temperatura costante, che dovr mantenersi intorno ai 100-120 gradi centigradi. La piastra termostatica elimina il rischio che possa bruciarsi la vernice durante la preparazione ma, con un po' di attenzione, si pu impiegare anche una comune piastra elettrica. Posta la lastra sulla piastra ben calda si passa sul rame la vernice dura, avvolta in una pezzuola di seta pura, a strisce parallele e, con un tampone di pelle morbida, la si stende in modo uniforme su tutta la superficie. La lastra ben preparata quando assume un bel colore ambrato. Si passa quindi all'annerimento. Fissati uno o pi morsetti di legno ai bordi della lastra (di quelli adoperati dagli orafi per tenere fermi gli anelli da incidere), oppure sospesa a delle apposite catenelle, tenendo la parte verniciata rivolta in gi, vi si fa passare la fiamma di una torcia di cerini oppure di una lampada con combustibile di petrolio e cera di candele. La fiamma, tenuta distante 31

Arnesi da lavoro.

intaglio della vernice.

Segni da morsura multipla.

Tessitura dei segni incisi.

Segni da morsura piana.

Bisellatura.

Sgrassaggio.

Stesura a caldo della vernice.

Tamponatura della vernice.

Annerimento della preparazione.

Laccatura del retro.

dalla lastra pochi centimetri, va fatta scorrere alternativamente nei due versi fino a quando la vernice assume un bel colore nero lucido. Occorre porre attenzione a non tenere la fiamma troppo vicina n troppo lontana dalla lastra: nel primo caso si corre il rischio di graffiare la preparazione con lo stoppino; nel secondo caso, essendo la punta della fiamma la parte pi calda, pu bruciarsi parte della cera contenuta nella vernice, rendendola pi fragile all'intaglio e meno resistente all'azione dei mordenti. Dalla lastra raffreddata si tolgono i morsetti o le catenelle le cui impronte vanno coperte con vernice liquida. Una volta asciugata la vernice liquida, la lastra pronta per essere lavorata e la si pu manipolare con tranquillit. L'annerimento della preparazione, pur consolidando meglio la vernice, non indispensabile ma aiuta durante l'intaglio dando un maggior risalto ai segni che si vanno a intagliare sul rame. preferibile intagliare direttamente e liberamente la vernice; volendo si possono ricalcare su di essa le linee essenziali di un eventuale disegno preparatorio, soffregando sul retro del foglio del talco molto fine e, poggiandolo sulla lastra preparata, ricalcare le linee del disegno. Tolto il foglio risulteranno chiaramente i tratti bianchi sul nero del fondo. Un altro metodo per ottenere il ricalco sulla vernice consiste nell'incidere con una punta sottile i tratti del disegno su di un foglio di gelatina trasparente sovrapposto al bozzetto e, riempendoli di sanguigna, farli scaricare sulla lastra con la pressione del torchio calcografico. L'intaglio della vernice si effettua con l'uso di una punta di acciaio ben affilata: non necessario scalfire la superficie del rame ma, tuttavia, una leggera pressione della punta favorisce l'attacco del mordente durante l'incisione. preferibile intagliare i segni tutti con la stessa punta, tuttavia si possono anche impiegare punte di diversi spessori per ottenere effetti particolari. Ultimato l'intaglio, si vernicia con lacca di bitume il retro della lastra di rame per proteggerla dall'azione corrosiva del mordente, o vi si applica del nastro adesivo di plastica. Perfettamente asciutto, si immerge il rame nel bagno mordente, composto da acidi, da sali, o da entrambi in combina34

zione adatta, dando inizio al processo d'incisione dei segni. Il mordente, infatti, penetrando nei segni intagliati nella vernice, attacca il metallo scavando dei solchi in corrispondenza degli intagli, che risulteranno pi o meno profondi relativamente ai tempi di permanenza dello stesso mordente sulla superficie della lastra. L'operazione e il suo risultato denominata morsura o mordenzatura: piana, se limitata ad una sola immersione; multipla se con pi immersioni. La morsura piana affida la modulazione delle aree incise alla variata vicinanza e spessore dei segni anzich al variare della loro profondit, diversamente da quella multipla dove la differenziazione delle aree incise e dei segni dovuta al moltiplicarsi delle morsure con le relative coperture. Eseguita dunque la prima morsura, si toglie la lastra dal bagno sciacquandola abbondantemente e la si asciuga con un foglio di carta assorbente. Si ricoprono con una vernice protettiva, la lacca di bitume, quelle aree e quei segni che non si vogliono ulteriormente incidere e si passa alla morsura successiva; e cos di seguito fino a giungere ai massimi scuri e ai segni pi profondi. La denominazione acquaforte, derivante dal nome che si dava anticamente all'acido nitrico, indica impropriamente l'incisione a tratto quando il segno inciso sulla forma stampante viene realizzato con l'ausilio di un mezzo chimico, quale il bagno di mordente. Oggi si usa prevalentemente, per attaccare i rami, un mordente non acido costituito da una soluzione di tricloruro di ferro. Tale mordente da preferirsi all'acido nitrico per gli enormi vantaggi che offre. Il bagno di acido nitrico, infatti, oltre ad essere estremamente tossico per le sue nocive esalazioni, durante il processo di morsura genera calore e sviluppo di idrogeno sotto forma di piccole bollicine che, fermandosi sui bordi dei solchi incisi, impediscono il processo di corrosione, costringendo l'operatore a rimuoverle con una piuma per l'intera durata dei tempi di morsura. Inoltre, l'acido nitrico, diversamente dal tricloruro di ferro che non sviluppa gas e incide diritto, tende ad allargare il segno, e in aree con segni molto vicini si corre il rischio che la vernice, posta tra un segno e l'altro, salti via generando un avvallamento della superfcie della lastra. 35

STARITA,

La grande madre, 1991, acquaforte su rame, min. 500x378.

BRUNO STAMTA ,

L'isola dei sogni, 1989, acquaforte e bulino su rame,

min. 506x321.

BRUNO STARITA ,

mm. 441 x 332.

Il grande astro, 1990, bulino, punzone, acquatinta su rame

Ottimi mordenti sono quello olandese e quello Piranesi poich attaccando il rame non sviluppano calore n bollicine di gas, incidono diritto e molto lentamente; tuttavia per le tossiche esalazioni che sprigionano si rende necessario l'uso di una cappa aspirante. Completate le morsure, si spoglia la matrice di rame asportando dalla sua superficie, usando del petrolio, la vernice di preparazione e la lacca di bitume, pulendola accuratamente. Da questa matrice si ricava una prima prova di stampa per osservare il risultato del lavoro compiuto. Se il risultato della stampa non soddisfacente per segni poco incisi o mancanti, si pu continuare il lavoro in tre modi diversi: o completando l'incisione col bulino, o ripreparando la matrice col fondino all'acquaforte, o rullando la lastra con apposita vernice. Per continuare ad incidere all'acquaforte necessario pulire e sgrassare a fondo il rame, ripreparandolo col fondino di vernice. Posta la lastra sulla piastra calda si stende per prima la vernice liquida, con un pennello largo un po' duro, facendola penetrare nei segni gi incisi, proseguendo con la vernice dura stesa col tampone; si pu affumicare o meno. Se sulla lastra preparata e affumicata i segni gi incisi non risultassero ben visibili, si pu ovviare a questo inconveniente stendendo sulla vernice col palmo della mano uno strato sottile di talco che, restando nei solchi, li render leggibili. Sulla lastra cos preparata, con una punta sottile, si ripassano quei segni che si vogliono ulteriormente incisi, se ne aggiungono altri se necessario, e si rifanno le morsure. Volendo non aggiungere segni ma rinforzare solo quelli gi incisi si fa ricorso al rullaggio della lastra. Si scioglie la vernice dura su una plancia di metallo tenuta calda aggiungendovi essenza di lavanda in proporzione adatta al rullaggio. Poi, con un rullo di gomma, si stende questa vernice sulla matrice tenuta appena tiepida. Se condotta bene l'operazione, la vernice coprir il rame solo in superficie risparmiando i solchi incisi. Con lacca di bitume si coprono le aree che non si vogliono ulteriormente incidere e si passa alle morsure. Spogliata e pulita per bene la matrice si pu iniziare la tiratura. 39

Per alleggerire zone troppo scure o segni troppo incisi si fa uso del brunitoio (ved. bulino). Diversamente dall'incisione a bulino, l'acquaforte offre la possibilit di ottenere un segno pi libero, caldo e pastoso, conseguente effetti di maggiore pittoricismo. La modulazione e la variet dei segni incisi, affidata nel bulino alla mano dell'incisore che fa correre il ferro sulla superficie del rame con maggiore o minore pressione, nell'acquaforte dovuta all'azione del mordente che, permanendo sul metallo in tempi diversi, scava solchi di maggiore o minore profondit.

La vernice molle
Questa particolare tecnica di incisione permette la realizzazione di matrici i cui segni, per la loro morbidezza e granulosit, conferiscono alla stampa l'aspetto di un disegno a matita. Si bisella e si sgrassa perfettamente la lastra di rame dandole un fondino di preparazione con una vernice adatta, i cui componenti sono gli stessi di quella per l'acquaforte, con l'aggiunta di una certa quantit di sego e eli lavanda. Posta la lastra su di una piastra ben calda, con un tampone eli seta pura o, meglio, con un buon rullo di gomma, si stende uno strato sottilissirno di vernice molle che si pu anche leggermente affumicare, esclusivamente con una torcia di piccoli ceri. Si lascia raffreddare completamente la lastra evitando, anche quando perfettamente asciutta, di appoggiare le dita sulla superficie preparata che, essendo molle, ne prenderebbe facilmente le impronte le quali risulterebbero incise a lavoro ultimato e stampanti nella copia finale su carta. Sullo strato eli vernice della lastra preparata si applica un foglio di carta bibula, di Oxford, o di sottile velina cinese, di dimensioni leggermente superiori alla stessa, bagnato precedentemente con acqua e ancora gocciolante, rivoltandone i bordi al di sotto. Allorch la carta perfettamente asciutta e ben tesa si fissa la lastra di rame cos preparata su di una
40

Arnesi da lavoro.

Applicazione della carta di riso su fondino di vernice molle.

Risultato dei segni a matita dopo incisione con acido.

Frottage inciso con tarlatana e trina. Frottage inciso con tessuto a rete.

tavoletta di legno con delle puntine da disegno puntate ai quattro angoli. Sulla lastra cos fermata si sovrappone un foglio di carta pi o meno granuloso, puntandone un lato sulla stessa tavoletta, sul quale si eseguir il disegno impiegando una matita abbastanza dura. Si tracciano i tratti con una certa pressione e con scioltezza evitando di ripassarli, alternando l'uso di matite con punte di diverso spessore. Si deve evitare di appoggiare il polso sulla lastra mentre si disegna e di fare segni troppo vicini ai bordi lasciando invece tutt'intorno un lieve margine di riquadratura. Completato il lavoro si solleva la carta sulla quale stato eseguito il disegno: si osserver che la vernice, nei punti dove stata esercitata la pressione con la punta della matita, dal rame passata sotto la velina trasparente, mettendo in evidenza il lavoro compiuto. Se non soddisfatti dell'effetto raggiunto, riabbassando la carta senza farla spostare, si possono aggiungere altri segni. Si pu eseguire il disegno anche con una punta di penna biro, o direttamente sulla velina. Si toglie la lastra dalla tavoletta e si asporta la velina che la ricopre e che reca sul rovescio, impressa dalla vernice staccatasi, l'immagine cos come dovr risultare nella stampa finale. Protetto il retro del rame con lacca di bitume o nastro adesivo, si procede ad una o pi morsure impiegando preferibilmente il bagno di mordente olandese, o l'acido nitrico con nitrato di rame. La matrice, spogliata con petrolio, si stampa. Come abbiamo gi accennato, questo procedimento consegue come risultato una stampa il cui aspetto molto simile a quello ottenuto con un disegno eseguito a matita o a pastello, con tratti di maggior o minor granulosit dipendentemente dalla grana del foglio usato per tracciare il disegno. L'effetto si pu rendere con pi efficacia inchiostrando e stampando la matrice con inchiostro bistro o seppia. Se dopo aver effettuata la stampa si dovessero notare mancanze per segni non efficienti o troppo chiari, eventuali corre/ioni si possono apportare ripreparando di nuovo la matrice e rimettendola sulla tavoletta di legno nello stesso punto di prima, aggiungendo altri tratti usando lo stesso foglio gi di42

segnato. Per fare ci necessario che, prima di aver rimossa la lastra dalla tavoletta, siano stati marcati dei punti di riferimento lasciando il foglio recante il disegno puntato. Si pu anche intervenire direttamente sulla matrice non preparata usando il ferro a roulette, col quale possibile tracciare segni incisi molto simili a quelli ottenuti con la preparazione di vernice molle. Col sistema dei punti di riferimento della lastra fissata sulla tavoletta e con l'impiego di un foglio sottile per l'esecuzione del disegno, possibile conseguire effetti particolari, come segni di varia granulazione, frottages di trame di tessuti, trine, foglie, ecc. Ci si ottiene eseguendo sul foglio di carta sottile ma resistente, prima di puntarlo sulla tavoletta, un disegno lineare d'insieme con la delimitazione delle aree dei vari effetti sia granulari che dei frottages. Tra questo foglio sottile fissato sulla tavoletta di legno e la lastra preparata con la sola vernice molle senza l'applicazione della carta velina, si interpongono di volta in volta fogli di diversa granulosit disegnando con discreta pressione, usando una matita molto dura. Trame di stoffe, merletti, foglie o altri oggetti piani si possono imprimere sulla vernice molle, ponendoli direttamente sulla lastra al di sotto del foglio sottile, esercitando la necessaria pressione con una stecca di legno di bosso ricurva, con il brunitoio o a mezzo torchio. E necessario che l'area disegnata sia un po' pi piccola dell'intera superficie della lastra per lasciarvi intorno una riquadratura di almeno un centimetro. Occorre tracciare, prima di dare inizio al lavoro con la carta sottile sovrapposta al rame, sui due lati del foglio, le crocette di riferimento e, ricalcando con una sottile punta di acciaio trasferirle su due bordi della lastra preparata. Trasferite cos le impronte dei punti di registro sulla vernice, si incidono leggermente o con un pennello intriso in una soluzione di tricloruro di ferro o con un bulino sottile, scoprendo il rame in quei punti con un po' di trielina. Incidere sui bordi della lastra le crocette di registro prima di iniziare il disegno utile per controllare l'esatta sovrapposizione del foglio ogni qualvolta viene sollevato per interporvi le carte di diversa grana e per eseguire il frottage.
43

BRUNO STARITA ,

La strana pianta, 1982, vernice molle su rame mm. 250x160.

BRUNO STARITA ,

Genesi, 1983, acquaforte, vernice molle, bulino e acquatinta su rame,

mm. 498x359.

Praticando un forellino circolare sul foglio nei punti di incrocio dei segni di riferimento possibile vedere le crocette incise sul rame e controllarne il registro.

Incisione a soli punti (pointill)


Questa tecnica prevede la lavorazione di una matrice dove le aree destinate a produrre le impronte stampanti escludono completamente l'uso del segno e recano una fitta trama di punti pi o meno ravvicinati, in corrispondenza delle singole variazioni di forma e di chiaroscuro. Tale maniera di incidere ebbe inizio sul finire del sec. XVII e fu molto in voga in Europa nel secolo successivo. Nell'Ottocento fu impiegata per l'incisione dei ritratti e, particolarmente, per la stampa a colori. Tecnicamente la maniera del punteggiato non offre grandi difficolt n impiego di eccessiva perizia d'esecuzione; solo una estrema pazienza per la lentezza nell'operare la minuziosa disposizione dei punti sulla superficie della lastra. Si parte da un fondino preparato all'acquaforte, su cui si pu o meno riportare l'impronta delle linee essenziali di demarcazione delle varie zone da lavorare, usando un foglio da ricalco. Con una punta molto sottile si disegna a punti l'immagine, quindi, con l'uso alternato di punte di diverso spessore, si comincia il paziente lavoro di distribuzione dei punti che saranno pi o meno fitti o larghi in corrispondenza delle singole aree, risparmiando i bianchi. A lavoro ultimato si protegge il retro della lastra con lacca di bitume o nastro adesivo dando inizio alle morsure. indispensabile eseguire molte morsure con le relative coperture, altrimenti le zone intagliate, pur se variate dalla diversa larghezza e vicinanza dei punti, risulterebbero piatte nella stampa finale. L'impiego dell'acido nitrico come bagno eli morsura sconsigliabile perch tale mordente genera durante l'azione corrosiva rea/ioni secondarie quali lo sviluppo sia di bollici46

ne di idrogeno che, fermandosi sui punti, ne impediscono l'incisione, che di calore, per cui, essendo la superficie del rame molto scoperta per la notevole vicinanza dei punti, la poca vernice interposta tra un punto e l'altro rischia di saltare rovinando tutto; consigliabile invece l'impiego di un bagno non acido come la soluzione di tricloruro di ferro, oppure il mordente olandese. Terminate le morsure, si spoglia la matrice con petrolio e se ne tira una prova di stampa. La correzione di eventuali mancanze si pu effettuare parzialmente ripreparando la lastra e, se vi sufficiente spazio, con l'aggiunta di nuovi punti; oppure rullando sulla superficie del rame, con un rullo di gomma, la solita vernice per acquaforte diluita in essenza di lavanda, isolando con la lacca di bitume le zone da preservare. Adottato uno dei due sitemi si rifanno le morsure. La correzione di punti poco incisi o l'aggiunta di nuovi, si pu anche eseguire direttamente sul rame impiegando un piccolo punzone o un bulino adoperato con la costa rivolta in su.

Maniera nera, mezzotinto o fumo


Differisce questa tecnica dagli altri sistemi di lavorazione di matrici in cavo destinate alla stampa in quanto, invece di lavorare sugli scuri, si opera sui bianchi e, gradatamente, sulle tonalit dei grigi. Il massimo nero dato dal particolare ordito creato in precedenza sulla lastra, risparmiandolo. Adottata sul finire del secolo XVIII e nel successivo, questa maniera offre la possibilit di ottenere uno sfumato molto graduale nelle tinte, ma conferisce all'insieme un effetto fumoso e molliccio, graficamente poco efficace. La preparazione iniziale della matrice consiste nel costruire meccanicamente su tutta la superficie del rame un reticolo inciso molto fine, pi volte incrociato. Per ottenere questo reticolo si fa ricorso all'uso di un particolare ferro piatto a
47

Arnesi da lavoro.

Preparazione della matrice col berceaux.

Effetti della maniera nera dopo lavorazione con raschietto e brunitoio.

forma di mezzaluna, detto berceau. Di questo arnese ve ne sono di vario spessore, ciascuno recante su un dorso minutissime linee poste a regolare distanza l'una dall'altra terminanti all'estremit sul filo della lama radiante. Impugnandolo fermamente si fa correre il berceau sulla superficie del rame partendo dal centro e con movimento oscillante in direzione orizzontale, verticale e sulle due diagonali. Si produce in questo modo l'incisione di minuti punti con le relative barbe che costituiscono la trama della superficie stampante. Tale operazione, detta giro di berceau, deve essere ripetuta una trentina di volte, e potr ritenersi terminata quando, inchiostrando e stampando la matrice incisa, si otterr un bel nero profondo. La lastra destinata alla lavorazione della maniera nera pu essere preparata anche con mezzi chimici creando sulla superficie del rame una grana di bitume molto omogenea ed eseguendo una energica morsura fino ad ottenere un nero molto profondo. Spogliata con petrolio, la lastra pronta per essere lavorata. Gli strumenti necessari alla lavorazione sono il raschietto, il brunitoio, la rotella per granire e qualche bulino a onglette. Inchiostrata la lastra si comincia con l'asportare col raschietto le aree dei bianchi pi puri continuando con pi leggerezza sui bianchi appena velati, passando all'uso del brunitoio per la scala dei grigi, fino ad arrivare al massimo scuro risparmiando la granitura della lastra. La rotella dentata si usa facendola correre esercitando una certa pressione sulle zone troppo schiarite o, anche, per avere effetti particolari. Si usa il bulino con la costa rovesciata per aggiungere dei punti, o per creare qualche segno di rinforzo, a volte necessario, o per dare maggior corpo a forme che altrimenti risulterebbero troppo sfumate e ovattate, rimarcandone, ove accorra, i contorni. E necessario, durante la lavorazione, tirare di tanto in tanto qualche copia per osservare il risultato del lavoro com49

piuto. Completata, la matrice si lava con petrolio e se ne inizia la tiratura. Le copie che si possono trarre da una matrice realizzata con questa tecnica non sono molte e non tutte possono definirsi buone. In virt di un effetto sfumato e molliccio la maniera nera fu largamente impiegata in passato per la riproduzione di ritratti molto manierati. Un eccessivo effetto di sfumato che toglie solidit alle forme, l'evidenziarsi del sottile reticolo creato dal berceau sono gli elementi che permettono di classificare le stampe ottenute col procedimento descritto.

Incisione in cavo a fondo punteggiato, o granito


L'incisione in cavo a fondo punteggiato prevede la realizzazione di una matrice stampante, incisa, recante una superficie granita. Su una lastra di rame preparata con un solido fondino all'acquaforte si esegue una granitura generale facendo uso di ferri a roulette col cilindretto rigato o zigrinato. Si fanno correre gli attrezzi sul fondino di vernice nei due sensi normali ottenendo una granitura il pi omogenea possibile. Una volta creata la granitura possibile riportare un disegno preparatorio sulla sua superficie tracciandolo direttamente con un pennellino, usando del colore a tempera chiaro, oppure operando il trasporto impiegando un foglio da ricalco di gelatina. Per riportare il disegno col ricalco si incide con una punta non troppo sottile lo strato gelatinoso del foglio, facendo poi penetrare nei solchi un colore grasso di tinta chiara o della sanguigna, pulendolo accuratamente in superfcie con un tampone di tarlatana. Si pone il foglio con la faccia incisa e inchiostrata sul fondino di vernice della lastra e si sottopone alla moderata pressione di un torchio calcografico. Tolto il foglio si noter chiaramente il tracciato del disegno. Fatta asciugare questa imprnta si da inizio al lavoro co50

minciando ad isolare con lacca di bitume molto fluida le zone in corrispondenza dei bianchi. Si lavorano quindi gli scuri, onde ottenere una maggior variet di toni, marcando e delimitando la struttura dei piani che costituiscono l'immagine. All'uopo si impiegano, per aumentare l'intensit della granitura in alcune aree, la punta, punte appaiate di diverso spessore, piccoli punzoni e varie misure di ferri a roulette. Terminata l'operazione, che potremmo impropriamente definire di intaglio in quanto non si debbono creare intagli ma aggiungere semmai punti o zone granulari constatato che l'immagine risulta abbastanza evidente nella sua forma e ha gi una certa variet di piani, si protegge il retro della lastra con lacca di bitume o nastro adesivo e si da inizio alle operazioni di morsura. consigliabile l'impiego di un bagno di mordente non acido in quanto, essendo la superficie del rame scoperta abbastanza estesa per la vicinanza di tantissimi punti, l'uso di un bagno acido porterebbe come conseguenza una reazione troppo violenta con eccessivo sviluppo di calore, col rischio di far saltare la poca vernice interposta tra un punto e l'altro. L'uso di un mordente salino, quale una soluzione al 35% di tricloruro di ferro, molto vantaggioso, poich questo mordente non sviluppa calore nell'attaccare il rame, incide diritto senza provocare alcun danno alla vernice. Pur se, nell'intagliare altri punti sul fondino granito, questi sono stati disposti in modo tale da creare gi una certa differenza di tonalit nelle rispettive aree, si rende sempre necessaria l'esecuzione di pi morsure seguite dalle relative coperture. Terminata l'incisione, si spoglia la matrice col petrolio e se ne ricava una prima stampa. Eventuali modifiche possono essere effettuate sia aggiungendo altri punti o zone granite sia schiarendoli o cancellandoli. Per apportare correzioni possibile operare in modi diversi: uno consiste nel ripreparare la lastra di rame col fondino per acquaforte dopo averla ben pulita e sgrassata, e lavorarla usando un piccolo ferrei a roulette per granire, oppure la punta; si pu anche rullare sulla superficie del rame, della vernice dura sciolta in essenza di lavanda, con un rullo di gom51

ma, ma occorre che la lastra sia perfettamente piana per permettere alla vernice di stendersi in modo uniforme, facendo attenzione che la stessa non penetri nelle parti gi incise. Si ricoprono quindi con lacca di bitume le zone che non debbono essere ulteriormente incise, aggiungendo, se necessario altri punti. Adottato uno dei due metodi di correzione si eseguono le necessarie morsure. L'aggiunta di grana o di punti si pu fare direttamente sulla matrice non preparata impiegando bulini corti usati al rovescio, cio con la costa rivolta in su, imprimendo una specie di movimento rotatorio verso l'alto all'arnese per incidere punti, oppure con ferri a roulette per granire. Si pu anche impiegare il matoir che una specie di punzone a pi punte. Per schiarire tonalit troppo scure serve egregiamente l'uso del brunitoio col quale, esercitando una certa pressione sul rame, si schiaccia in altezza una grana troppo forte o si chiudono parzialmente punti troppo incisi. Col raschietto possibile cavare nuovi bianchi. Portata a termine l'operazione di ritocco, si passa su tutta la superficie una carta spoltiglio molto fine e se ne tira una nuova prova di stampa. L'incisione in cavo a fondo punteggiato, prestandosi notevolmente alla riproduzione di opere d'arte, fu molto in auge nel Settecento. Pur conseguendo da sola un effetto di eccessivo sfumato, si presta molto bene ad essere impiegata per l'incisione di matrici accoppiate nell'esecuzione di stampe a colori.

Incisione su metallo a fondo punteggiato, o crible


L'incisione su metallo a fondo punteggiato (crible) una antica maniera di incisione diretta su metallo, abbastanza praticata a partire dalla seconda met del Quattrocento. Applicata per una particolare produzione di stampe, di cui ci sono pervenuti pochissimi esemplari, trova la sua diretta derivazione dalla pratica degli armaioli e dalla lavorazione di prodotti dell'oreficeria.
52

Per le caratteristiche del processo di lavorazione della matrice sarebbe possibile darle una collocazione nell'ambito dell'incisione a rilievo (molto impropriamente detta da qualcuno xilografia su metallo), ma questa collocazione risulta contraddittoria. Difatti, una volta incisa, la matrice non veniva inchiostrata col rullo in superficie, bens a mezzo di una tampone di cuoio; lo stampatore faceva penetrare l'inchiostro nelle parti cave, pulendo invece le parti in rilievo corrispondenti ai bianchi. Praticamente la matrice veniva lavorata come una xilografia, o meglio una incisione a rilievo, ma la sua stampa eseguita come una incisione in cavo. La peculiare caratteristica delle stampe ricavate da matrici cos lavorate, data dal segno bianco nettissimo, fortemente impresso nella carta, mentre il fondo lavorato a punteggiatura incavata, simile a un crivello, da cui la denominazione crible, assume maggior risalto, esaltato dal rilievo rispetto all'incavo dei bianchi. Il lavoro abbastanza duro e faticoso. Si inizia tracciando sulla superficie di una lastra di rame abbastanza spessa, con un pennellino intinto in una comune lacca scura, il disegno delle linee costituenti l'immagine e dei bianchi. Con un bulino a quadrello si incidono attentamente i contorni ai due lati di ciascuna linea. Terminato l'intaglio delle parti bianche, usando un bulino piatto, si abbassano le zone che dovranno essere lavorate con i punzoni, ossia i bianchi. Oggi, con l'uso dei bagni mordenti, si pu operare anche in modo diverso. Preparato un fondino all'acquaforte si intagliano le linee lungo il loro spessore con una punta sottile. Si sottopone il rame ad una energica morsura. Poi, con un coltellino, si asporta tutta la vernice dal fondo, risparmiando i bianchi, e si rimette la lastra nel bagno mordente per il tempo necessario affinch la superficie scoperta del rame si abbassi rispetto ai segni che sono stati risparmiati, protetti dalla vernice. Si impiega un bagno mordente non acido, preferibilmente il tricloruro di ferro. Constatato l'abbassamento del fondo, si spoglia con petrolio la matrice dalla residua preparazione di vernice sulle linee, dando inizio al lavoro manuale con i punzoni ed i ceselli. E necessario impiantare la lastra 53

di rame su una robusta piastra di metallo per evitarne la deformazione sotto i colpi degli arnesi che si impiegano. Battendo con i punzoni sul fondo si crea gradualmente il punteggiato cambiando utensile ogni qualvolta si desidera variarne le caratteristiche. Per punti pi sottili si possono impiegare piccole punte di cesello o il bulino usato con la costa al rovescio. Da buoni risultati anche la granitura di zone effettuata col ferro a roulette e con bulini rigati. Terminato il lavoro si inchiostra come un'incisione in cavo stampando a mezzo torchio calcografico, ricavandone una prova. Se necessario l'apporto di modifiche si pu operare con gli stessi strumenti impiegati, o con brunitoio e raschietto per schiarire o correggere parti del fondo. Pur se la lavorazione della matrice lunga e faticosa, le stampe che se ne ricavano hanno un fascino tutto particolare e un preziosismo legato all'esaltazione dei segni bianchi incavati, reso ancora pi suggestivo dalla crivellatura del fondo.

Acquaforte a rilievo
Si realizzano con questa tecnica matrici di metallo recanti segni a rilievo con maggior rapidit di esecuzione rispetto alla xilografia tradizionale, conseguendo risultati molto simili ad essa. Per la lavorazione della forma stampante si rende necessario l'impiego di una robusta lastra di rame di almeno 16/10, perfettamente piana; anche il microzinco pu servire allo scopo, ma limitatamente, per gli inconvenienti a cui si va incontro usando questo metallo. Si pu operare in tre modi diversi. Il primo consiste nel preparare la lastra di rame con un buon fondino per acquaforte con la vernice dura. Si ricalca il disegno da un foglio sottile, interponendo tra il foglio e la preparazione della lastra un foglio di carta da ricalco bianco abbastanza grasso. Tolto il disegno e la carta copiativa risulter l'immagine bianca sul fondo scuro della preparazione di vernice; si riscalda mo54

deratamente la lastra per consentire al bianco del ricalco di fissarsi fermamente sulla vernice, penetrandovi un poco. Quando la lastra fredda, con una punta molto sottile, si intagliano sui due lati tutte le linee del disegno, con decisione ed esercitando una discreta pressione. Completato l'intaglio, si protegge posteriormente la lastra con lacca di bitume o nastro adesivo e si esegue una morsura molto profonda dei segni. Quindi, con un coltellino a punta, si asporta dal rame tutta la vernice in corrispondenza dei bianchi, rimettendola nel bagno di mordente. Un secondo modo di operare consiste nel non preparare la lastra, ma disegnare direttamente sulla superficie nuda del rame con un pennello sottile usando la vernice liquida per acquaforte opportunamente diluita in essenza di trementina. Prima di iniziare il disegno, la superficie del rame dovr essere leggermente satinata e sgrassata per consentire alla vernice di aderirvi con pi facilit. La satinatura si ottiene ripassando in un sol verso sul metallo un foglio di carta smeriglio un po' doppio incollato su una tavoletta. E molto difficile, con questo secondo metodo, ottenere tratti molto sottili perch, nell'esecuzione, la vernice cola facilmente con eccesso dal pennello. Il terzo sistema, pur se apparentemente pi complesso, quello che da risultati migliori. Si tratta di preparare la lastra col solito fondino per acquaforte e di intagliarvi direttamente il disegno con la punta come per l'acquaforte, scoprendo cio il rame nelle zone che dovranno risultare nere. Terminato l'intaglio, con un pennello molto morbido intinto in una soluzione alcoolica di gomma lacca e colofonia, si coprono delicatamente i segni scoperti sul rame e le grandi aree, lasciando perfettamente asciugare. Al posto della vernice di resine si pu impiegare una vernice alla nitro usando un piccolo areografo anzich il pennello per non correre il rischio di asportare la preparazione, contenendo la vernice alla nitro un diluente di essa. Quando il tutto ben asciutto si asporta dal rame il fondino di vernice dura con un tampone di cotone imbevuto di essenza di trementina, delicatamente. Sulla lastra rester cos solo il disegno precedentemente inta55

gliato coperto dalla vernice di resine o alla nitro. Si lacca la lastra sul retro e si procede alla morsura. Per abbassare le aree dei bianchi, la forma deve essere sottoposta all'azione di un bagno mordente: per questa operazione veniva impiegata una soluzione di acido nitrico al 50%. Questo reagente, pur se abbastanza rapido, crea per non poche difficolt dovute al fatto che, agendo su superfici di rame piuttosto ampie, genera conseguentemente molto calore accompagnato dallo sprigionarsi di bollicine di idrogeno e, facilmente, la vernice, specie quella interposta tra i segni pi vicini, salta via rovinando tutto il lavoro. Inoltre, scavato un primo avvallamento della superficie scoperta del rame, l'acido tende a corrodere i segni anche lateralmente assottigliandone la larghezza. E preferibile dunque l'uso di un mordente non acido quale il percloruro di ferro in soluzione al 35%, che non genera calore e morde diritto. Tolta la lastra dal mordente, dopo un periodo di tempo sufficiente a rendere le zone scoperte del rame incavate rispetto alle altre protette dalla vernice, si sciacqua la lastra e si spoglia dalla laccatura posteriore con petrolio. Dai segni si asporta la vernice di resine con alcool e col diluente quella alla nitro. Per rendere le zone dei bianchi ancora pi incavate si procede nel lavoro manualmente, asportando il rame eccedente con l'uso di bulini piatti di vario spessore. Con la tecnica dell'acquaforte a rilievo si possono realizzare stampe sia monocrome che a colori. Il processo di inchiostrazione simile a quello della xilografia: si inchiostrano cio col rullo le parti in rilievo, e si impiega per la stampa un torchio a pressione piana.

Maniera a lapis, o crayon


Con una matrice realizzata con questa tecnica, molto diffusa sul finire del Settecento, si ottengono stampe il cui effetto molto simile al risultato che si consegue disegnando con una matita su carta rugosa.
56

Occorre preparare su di una lastra di rame ben sgrassata un solido fondino all'acquaforte usando una vernice abbastanza dura come la Callot, ben secco e molto affumicato. Gli strumenti che vengono impiegati sono bulini particolari di varia grandezza con il margine che taglia dentellato, detti bulini rigati, e alcuni ferri a roulette di dimensioni molto piccole con testina di varia granulazione, di circa un millimetro. Si pu intagliare la vernice con i bulini rigati, usati verticalmente a m di punta, ottenendo non un tratto solo ma tanti piccoli tratti ravvicinati che risultano come interrotti, a volte pi chiari a volte pi scuri, dando l'impressione di segni tracciati con la matita su una carta rugosa; oppure facendo correre sulla lastra il ferro a roulette in modo che la granitura della testina, penetrando nella vernice e asportandola, crei una granulazione del segno ancora pi spiccata. Questi due semplici strumenti si possono usare anche accoppiati per ottenere una maggior variet di segni. Terminato il lavoro di intaglio della vernice, si apportano eventuali ritocchi con la vernice liquida e il pennello sulle parti accidentalmente toccate dalla rotella e su segni o strisciature non previsti. Questi errori, che risultano con molta frequenza, sono conseguenza dell'uso della rotella che nel girare intorno al suo asse, specie nel tracciare linee curve o sinuose, pu incepparsi provocando un graffio nella vernice. Effettuato il ritocco con la vernice liquida si possono riprendere i segni sia col bulino rigato che con la stessa rotella. Verniciato il retro del rame e i bordi con lacca di bitume, si procede alle morsure. consigliabile l'impiego di un bagno di mordente acido, come l'acido nitrico a 30 B: l'azione corrosiva un po' violenta produce una sgranatura dei segni che accentua maggiormente il carattere di un disegno eseguito a matita, nella stampa finale. Effettuare una morsura piana non sufficiente a stabilire varie gradazioni dei segni, anche se sono stati intagliati nella vernice pi o meno sottili e a distanze variate; necessario, per giungere a un buon risultato, operare morsure multiple con le relative coperture. Terminata l'incisione, si spoglia la matrice con petrolio 57

ricavandone una prima prova di stampa. Eventuali modifiche o aggiunte si possono ottenere sia per via chimica, ricoprendo la lastra con la stessa vernice e lavorando con gli stessi ferri, sia meccanicamente, agendo con la rotella o il bulino rigato direttamente sul rame nudo. Inchiostrare e stampare la matrice con inchiostro seppia o sanguigna accentua maggiormente l'effetto cercato di un disegno eseguito a matita su carta rugosa. La preparazione di pi matrici eseguita con questo procedimento tecnico, si presta molto bene ad ottenere stampe a colori con effetto di un pastello colorato1.

Opus mallei
Il risultato di una stampa tirata da una matrice di rame eseguita con la tecnica denominata opus mallei si dissocia leggermente da quella del granito per il conseguire un effetto di maggior durezza e nitore. Questa diversit pu paragonarsi a quella che si rileva osservando una stampa da un bulino e quella da un'acquaforte. L'opus mallei si lavora direttamente sulla nuda superficie del rame usando punzoni con diverso numero di punte a forma di minuti cunei, detti granitori o motoir, cesellatori di varie dimensioni, robuste punte d'acciaio, ferri a roulette, bulini piatti rigati con pi o meno linee, o corti con la costa al rovescio per incidere punti. Il lavoro abbastanza duro e faticoso si compie, per la maggior parte con l'uso di un martello o di un mazzuolo, impiegando i vari punzoni per creare la diversit di grana in profondit sulla lastra, portando a compimento l'opera con l'ausilio dei bulini e delle rotelle granite. L'uso del raschietto e del brunitoio viene impiegato per cavare bianchi puri e per schiarire zone eccessivamente incise.

Per il processo a colori vedi L'incisione calcografica a colori, ibidem, pag. 79.

58

Come gi detto si adopera una robusta lastra di rame nuda senza alcuna preparazione, sulla quale, con l'aiuto di una puntasecca, si tracciono sommariamente i tratti essenziali del disegno, senza inciderli eccessivamente, in modo che, a lavoro ultimato, risultino completamente spariti. Per evitare che durante la lavorazione, in conseguenza delle sollecitazioni cui viene sottoposto il rame dall'azione del martello, la lastra possa subire avvallamenti o deformazioni, specie nelle zone dove si costretti a battere con pi forza, la si poggia o meglio si incolla su una robusta piastra d'acciaio perfettamente piana. Conviene, ogni qualvolta si batte col punzone o col cesello per incidere una zona, asportare col raschietto dalla superficie del rame eventuali barbe o sbavature, ripassandovi un foglio di carta spoltiglio non troppo fine. Nel corso della lavorazione bene inchiostrare con un tamponcino di feltro e inchiostro calcografico le parti che si vanno man mano incidendo, per osservarne il risultato. Quando si ritiene il lavoro completamente ultimato si asportano le barbe e le sbavature residue, si leviga con carta spoltiglio, si lucida e si passa a tirare una prima prova di stampa col torchio calcografico.

La puntasecca
La puntasecca un sistema di incisione diretta della matrice di rame. Tecnicamente povera e molto limitata nei risultati, la puntasecca fu adoperata raramente come tecnica autonoma, ma molto spesso per apportare correzioni di matrici all'acquaforte in zone di morsura malriuscite, o per tracciare segni sottili nell'incisione a bulino. Lo strumento una robusta barretta di acciaio a sezione conica con la punta molto acuta ed affilata. Per incidere la superficie del rame, la punta va tenuta piuttosto perpendicolare e manovrata con notevole forza: se ne ricava cos un segno che, pi di un intaglio, ha l'aspetto di un graffio, pi o meno largo, secondo la forza impressa
59

nel manovrare l'arnese, con i bordi rialzati di cui uno pi alto a causa della necessaria lieve inclinazione della punta. Questi bordi detti barbe possono essere asportati con un raschietto (come facevano gli incisori antichi per incidere le parti pi leggere nell'incisione eseguita a bulino), ma generalmente si lasciano. Infatti sono proprio queste barbe che, trattenendo la maggior parte dell'inchiostro, danno un carattere particolare al segno prodotto dalla puntasecca pi che il solco inciso nel rame che poco profondo. Il segno che si ottiene nella stampa appare morbido, vellutato e leggermente sfumato ai bordi, con due filetti bianchi che corrono sue due lati di esso dovuti alla sommit del risvolto delle barbe che, nell'operazione di pulitura della matrice, vengono privati di inchiostro. Le stampe realizzate con la puntasecca sono caratterizzate da una certa spigolosit e squadratura del segno nelle curve e da neri molto profondi e vellutati. Il difetto principale della puntasecca quello di fornire poche copie buone, al massimo una decina, poich la necessaria pressione esercitata dal torchio calcografico durante la stampa tende a schiacciare le barbe le quali, come gi detto, trattengono la maggior parte dell'inchiostro. E possibile intervenire di nuovo negli stessi segni ripassandovi energicamente la punta per creare nuove barbe e tirare qualche altra copia. La instabilit della matrice e il conseguente limitato numero di copie fanno della puntasecca una tecnica abbastanza precaria. L'acciaiatura della lastra, pur permettendo una lunga tiratura, diminuisce di molto, nelle stampe, quel carattere vellutato del segno, che pur sempre l'unica positiva prerogativa di questa tecnica.

60

ACQUATINTA Col termine acquatinta si indicano alcuni procedimenti tecnici per ottenere matrici incise con zone di tinta continua senza l'ausilio del segno. Operazione necessaria per l'esecuzione di alcune variet di acquatinta la costruzione sulla superficie della lastra di rame di una speciale reticolatura, detta grana. Questa grana, dopo l'incisione, dar luogo a superfici che hanno la propriet di trattenere l'inchiostro in maggiore o minore quantit, in relazione alle varie tonalit dello stesso colore.

Acquatinta a grana di colofonia


Si fa ruotare una speciale cassa di legno, girante intorno ad un asse passante attraverso le due superfici laterali, nella quale stata immessa in precedenza della polvere di colofonia finissima e impalpabile, facendola andare in sospensione. Fermata la cassa, che provvista nella parte inferiore di uno sportello, si introduce la lastra di rame, bisellata e ben sgrassata, sulla cui superficie si intende costruire la grana; richiuso lo sportello, la si lascia dentro per qualche minuto, affinch la sottile polvere di colofonia in sospensione si depositi lentamente e uniformemente sulla superficie. Aperto lo sportello e constatato che la colofonia si ben depositata, si estrae la lastra con grande delicatezza evitando di imprimerle scosse, ponendola quindi su di una pia61

stra ben calda. Non appena la colofonia fusa si ritrae la lastra dal fornello, lasciandola raffreddare. Osservando con un lentino si noter che i minuscoli granelli di colofonia depositatisi sulla superficie del rame, fondendosi, hanno generato la formazione di tanti piccoli crateri intervallati gli uni dagli altri, solidamente attaccati. Poich la resina fusa ha la propriet di proteggere i metalli dall'azione dei mordenti sia acidi che salini, una volta immersa nel bagno eli incisione il rame verr attaccato solo nelle parti scoperte, cio tra un cratere e l'altro di colofonia, dando luogo ad una reticolazione incisa. Costruita la grana sulla lastra, protetto con lacca di bitume o nastro adesivo il retro, si isolano con lacca eli colofonia quelle zone che dovranno risultare perfettamente bianche e, dopo la prima morsura, progressivamente le altre, seguite ciascuna da una morsura: pi precisamente tante quante sono le tonalit che si desiderano ottenere. Terminate le morsure, si asporta con petrolio la lacca di bitume dal retro e con alcool la lacca di colofonia e la grana. Cos pulita, la matrice si pu stampare. Si possono apportare modifiche, cio aggiungere altri scuri o rinforzare zone gi incise, ripetendo daccapo tutta l'operazione. anche possibile la correzione di zone risultate troppo scure, tramite il brunitoio usato con una certa accortezza per non produrre graffi e terminando l'operazione con un pezzo di carbone di tiglio bagnato nell'olio.

Acquatinta a grana di bitume giudaico


Per la realizzazione della grana per acquatinta molto usalo anche il bitume giudaico. Il procedimento pressoch lo stesso della colofonia, solo che la polvere eli bitume, essendo molto leggera e impalpabile, viene messa in sospensione nell'apposita cassa con un soffietto a mantice o con una corrente d'aria generata da una ventola situata all'interno. Quando la polvere di bitume i n sospensione si introduce
62

rapidamente la lastra di rame nella cassa, estraendola dopo qualche minuto con molta delicatezza. Accertatosi che la polvere di bitume si distribuita sulla superficie del rame in modo uniforme, con molta attenzione, senza imprimere scosse, si pone la lastra al fuoco, meglio se di una fiamma a gas, affinch i piccoli granelli di bitume, fondendosi restino attaccati al metallo. Una volta raffreddata la lastra, si procede come per l'acquatinta con la colofonia, usando per le coperture lacca di bitume abbastanza diluita. Rispetto alle altre la grana di bitume consegue un risultato di reticolazione pi forte e resistente, offrendo la possibilit di effettuare un maggior numero di morsure. La matrice si spoglia con trielina e petrolio. possibile, per apportare modifiche, intervenire sulla matrice gi incisa ripetendo tutte le operazioni dall'inizio. Zone risultate troppo scure si possono schiarire col brunitoio. Nell'acquatinta ottenuta con grana di resina di colofonia o di bitume il punto negativo, risulter cio nella stampa finale, bianco sul fondo pi o meno scuro, relativamente alla profondit delle aree incise, quindi al numero e alla durata delle morsure. Per ottenere segni bianchi sul fondo scuro si tracciano sulla lastra di rame con una matita o un pastello litografici prima di fare la grana con colofonia o bitume giudaico. Per ottenere segni di un grigio chiaro si tracciano dopo aver effettuato la grana.

Acquatinta a grana di sale


L'acquatinta a grana di sale un sistema diverso di costruire su di una lastra di rame una superficie granulare. Sulla lastra bisellata e ben sgrassata si stende con un tampone di pelle un fondino di vernice per acquatinta. Questa vernice pu essere preparata appositamente, o aggiungendo della pece di Borgogna alla vernice dura per acquaforte. Distesa in maniera molto uniforme e sottile la vernice, tenendo la lastra su di una piastra ben calda, la si ritrae
63

facendola raffreddare di poco. Poi, attraverso un setaccio di tela sottile, si fa cadere su tutta la superficie preparata del cloruro di sodio, (comune sale da cucina), macinato molto finemente e fatto scoppiettare sul fuoco per toglierne l'umidit. Quando i granelli di sale avranno coperto in modo uniforme la vernice, senza imprimere scosse, si rimette la lastra sul fornello caldo fino a quando lo strato di vernice, fuso, far penetrare i piccoli granelli di sale che si depositeranno sul fondo del rame. Raffreddata, si pone la lastra in una bacinella, coprendola lentamente con acqua fredda che far sciogliere il sale rimasto imprigionato nella vernice. Quando il sale completamente sciolto, si toglie la lastra dalla bacinella, si lava con acqua corrente e si asciuga. Osservando con un lentino, si noter che in corrispondenza di ogni granellino di sale si creato un forellino nella vernice. Si costruito cos sulla superficie del rame un sustrato di vernice con tanti piccoli fori, costituenti la grana necessaria per l'incisione all'acquatinta. Si protegge il retro della lastra con lacca di bitume o nastro adesivo e si da inizio alle varie fasi di coperture e di morsure. Nell'effettuare le coperture conveniente l'impiego di una vernice liquida. Un altro modo di operare per ottenere la grana di sale quello di stendere sul rame a freddo la stessa vernice per acquatinta diluita con essenza di trementina, facendo cadere su di essa attraverso uno straccio del sale fino leggermente umido. In corrispondenza di ogni granello di sale la vernice liquida tender a scostarsi creando un piccolo forellino. Dopo che la vernice ben asciutta si pone la lastra in acqua per far sciogliere il sale. Durante l'incisione il rame verr attaccato dal mordente in corrispondenza di ogni singolo forellino della vernice. conveniente l'uso di un mordente acido. Completate le morsure, tante quanti sono i toni che si desiderano ottenere, si spoglia la matrice con petrolio. La preparazione della grana col sale da come risultato, nella stampa finale, l'esito di punti positivi, cio incisi in profondit nel rame, scuri sul fondo bianco. Per questa sua particolarit la tecnica dell'acquatinta col sale si accoppia molto
64

Preparazione della grana in cassa con colofonia.

Risultato dopo l'incisione.

Preparazione della grana in cassa con bitume giudaico.

Risultato dopo l'incisione. Risultato dopo l'incisione.

Preparazione con grana di sale su fondino di vernice.

RUNO STARITA ,

Il presagio, 1981, acquaforte e acquatinta col sale su rame, mm. 320x245.

bene con l'acquaforte, avendo in comune le aree destinate a ricevere l'inchiostro incise in profondit.

Acquatinta a lavis
Con questo processo si ottengono su rami gi incisi all'acquaforte delicate zone di velature che conseguono una pi armoniosa fusione dei segni incisi. Pu essere impiegata anche autonomamente. Per poter aggiungere velature su una matrice recante tratti gi incisi si opera nel seguente modo: dopo aver pulita e sgrassata perfettamente la superficie del rame, proteggendone il retro con lacca di bitume o nastro adesivo, si iniziano le coperture delle aree corrispondenti ai bianchi. E preferibile l'uso di una vernice trasparente o di lacca di colofonia, le quali permettono di osservare, nel corso delle morsure, i risultati che si vanno man mano conseguendo. Si immerge quindi la lastra in un bagno mordente costituito da acido nitrico in soluzione molto debole. In questo caso l'uso di un mordente acido consigliabile: infatti le bollicine di gas che si creano sulle zone scoperte del rame, e che non vanno assolutamente rimosse, facilitano, durante l'incisione, la formazione di una superficie granulare molto fine. Completata la prima morsura, si effettuano le coperture delle zone di variata tonalit, intercalate dalle relative morsure, fino a raggiungere il massimo grigio. A lavoro ultimato si procede allo spoglio della matrice e si tira una prova di stampa. Con l'uso del brunitoio, ove occorra, possibile schiarire l'intensit di qualche tono o dare una maggior fusione alle zone di velatura. Autonomamente la tecnica del lavis si impiega verniciando con un fondino all'acquaforte una lastra di rame vergine. Con mano leggera, senza scalfire il rame si esegue con una punta sottile l'intaglio del disegno, avendo cura di delimitare le linee separatrici d'ombra. Si esegue una breve morsura affinch i tratti siano appena incisi. Spogliata con petrolio la ma67

trice dal fondino di vernice e dalla laccatura retrostante, la si sgrassa con bianco di Spagna molto a fondo, strofinandovi successivamente uno straccetto imbevuto di acido acetico o solforico diluiti. Con un pennello molto morbido, a punta abbastanza sottile, si coprono con la lacca di colofonia quelle aree che dovranno risultare del massimo bianco. Si procede effettuando le relative morsure usando, come gi detto, un mordente acido molto debole, tante quanti sono i toni previsti. Spogliata la matrice, si stampa.

Acquatinta con inchiostro allo zucchero


L'impiego di questo sistema tecnico, relativamente recente, offre la possibilit di ottenere stampe con campiture di tinta continua molto ricche nei toni, somiglianti all'acquarello. L'acquatinta con inchiostro allo zucchero si pu realizzare sia autonomamente che quale apporto a matrici gi incise con segni all'acquaforte. Sulla superfcie del rame si dipingono, usando un pennello morbido per acquarello, le zone in cui si desidera ottenere l'effetto di acquarellato, usando un inchiostro di speciale composizione. Questo inchiostro costituito essenzialmente da una soluzione zuccherina, melassa, gomma arabica Kordofan e un colorante. La clisegnatura e le campiture delle varie zone va fatta a colpi sicuri col pennello, come si dipingesse all'acquarello, evitando di ripassare le stesse parti e di creare spessori eccessivi. Usando l'inchiostro pi o meno denso, o ripassandolo, non si ottiene alcun risultato nella variet dei toni, poich questo composto ha il solo scopo di isolare quelle aree della lastra di rame che si vogliono incidere col tipico effetto dell'acquarello. Vedremo in seguito come si ottengono le variet di toni. Terminato il lavoro con l'inchiostro, si lascia asciugare tenendo la lastra al riparo dalla polvere. Perfettamente asciutta, la si pone su una piastra termostatica a temperatura non eccessiva e, con un pennello larg di vajo, si copre la superfi68

BRUNO STARITA ,

mm. 250 x 160.

Natura, 1982, acquatinta con inchiostro allo zucchero su rame,

cie del rame in maniera molto uniforme stendendo un sottilissimo strato di vernice liquida. Raffreddato e asciugato bene il sustrato di vernice, si pone la lastra in una bacinella, versandovi sopra, lentamente e con cautela, dell'acqua calda. Si vedr allora la vernice staccarsi soltanto nelle zone trattate con l'inchiostro, mettendo a nudo in quei punti il rame, mentre il resto della superficie resta coperta dalla vernice in corrispondenza dei bianchi. Ci avviene perch lo speciale inchiostro sottostante lo strato di vernice, per effetto del calore dell'acqua calda, e in virt dei suoi componenti, si gonfia e, aumentando di volume, tende a spaccare il sustrato di vernice in superficie che, reso anche pi morbido dal calore, si lascia penetrare dall'acqua che scioglie l'inchiostro stesso. L'inchiostro, diluendosi, si stacca dalla lastra e, salendo in superficie, porta via la vernice dalle singole aree. Poich la vernice pi leggera dell'acqua e quindi galleggia in superficie, non bisogna estrarre la lastra dall'acqua ancora calda, altrimenti i pezzetti di vernice si attaccherebbero sulla lastra un po' dovunque, rovinando il lavoro. Fatta raffreddare l'acqua aggiungendovene della fredda, si ritrae la lastra, asciugandola con delicatezza. Si spolvera quindi con polvere di colofonia fissandola a fuoco. Dopo averne protetto il retro con lacca di bitume, si d inizio alle operazioni di morsura e copertura, tante quante sono le tonalit previste delle singole aree. Le coperture si eseguono con la lacca di colofonia la quale, essendo trasparente, permette di meglio accertarsi dei risultati che si vanno ottenendo dopo ogni singola morsura. Il controllo di quanto avviene progressivamente sul rame nel corso dell'incisione facilitato con l'impiego del mordente olandese che, attaccando il rame, dona una colorazione scura al metallo nelle singole zone, rendendo visibile il risultato. Terminate le operazioni di morsura si spoglia la matrice con alcool e con petrolio, tirando una prima prova di stampa. Per apportare correzioni nei toni per renderli pi intensi, si riprepara daccapo la lastra ripetendo le stesse operazioni; per schiarire toni troppo intensi si pu fare uso del brunitoio.
70

Acquatinta a spruzzo
Altra tecnica di lavorazione dell'acquatinta con inchiostro allo zucchero quella a spruzzo. A mezzo di un aerografo o di uno spruzzatore a bocca, o strisciando una lama su di una spazzola dura intinta di inchiostro, si fa cadere il preparato sulla superficie della lastra, preparata in precedenza con grana di colofonia abbastanza fine. Si opera dopo aver coperto con lacca di colofonia le parti da preservare. Fatto asciugare l'inchiostro si copre l'intera superficie con la vernice liquida; quando il tutto ben asciutto si pone la lastra nella acqua calda e si procede alle operazioni sopra descritte.

Acquatinta diretta con fegato di zolfo, con nitrato di argento, e con sali
Questo processo per ottenere l'acquatinta dicesi diretto poich offre la possibilit di incidere direttamente sulla superficie del rame zone granulari di tinta continua senza far ricorso al bagno mordente. Acquatinta con fegato di zolfo Con questo sistema si possono ottenere, direttamente sulla superficie del rame, come se si dipingesse zone di granulazione pi o meno profonde, con una certa rapidit e senza sottoporre la lastra all'azione del bagno mordente. Si inizia preparando una matrice all'acquaforte recante segni incisi con una o pi morsure. La matrice, spogliata dalla vernice e dalla laccatura protettiva, va sgrassata a fondo prima con bianco di Spagna poi con una soluzione di acido acetico o solforico. Dopo l'operazione di sgrassaggio occorre assolutamente evitare di toccare con le dita la superficie del rame o che venga a contatto con corpi grassi. 71

Si procede in tal guisa: con un pennellino intinto nell'olio di oliva con aggiunta di una piccola parte di nero fumo si stendono degli strati molto sottili sulle aree previste del massimo scuro. A parte, in una cassettina di legno munita alla base di uno sportellino largo abbastanza da potervi introdurre la lastra, si fa andare in sospensione, con un soffietto, della polvere finissima di fegato di zolfo. Quando lo zolfo in sospensione vi si introduce rapidamente la lastra di rame, lasciandola per breve tempo, quel tanto necessario affinch i granelli, precipitando, si depositano sulla sua superficie. Soffiando energicamente sulla lastra, lo zolfo andr via dalle superfici pulite restando ancorato nelle zone rese grasse dal sottile strato d'olio. I granelli di zolfo, a contatto col rame, generano una reazione trasformandosi in solfuro, liberando acido solfidrico e, penetrando in superficie, incidono tanti piccoli forellini. Per ottenere zone di tonalit pi chiara delle precedenti incise, si ripete l'operazione di velature con l'olio e di immissione della lastra nella cassa contenente lo zolfo in sospensione, tante volte quante sono le variazioni desiderate, risparmiando le aree corrispondenti ai bianchi. Per accelerare il processo di corrosione dello zolfo sulla superficie del rame, conviene intiepidire di volta in volta la lastra, specie nei mesi freddi. Va da s che, nelle fasi successive alle precedenti, i granelli di zolfo che, restando attaccati al metallo, continuano la loro azione, non vanno assolutamente rimossi. La graduazione dei toni conseguente, infatti, al maggior o minor tempo di permanenza dei granuli di fegato di zolfo sul metallo, variato dall'intercalarsi delle operazioni di velature col pennello, e di immissione della lastra nella cassetta contenente lo zolfo in sospensione. Una volta terminate le operazioni si pulisce la matrice, resa tiepida, con un tampone di cotone intriso di essenza di trementina per asportare completamente il solfuro residuo e liberare i punti incisi; si pulisce definitivamente con petrolio, poi con pasta lucidante, e si stampa. L'effetto prodotto dal fegato di zolfo nell'incidere il rame si pu anche ottenere dipingendo con un pennello diret72

tamente sul rame, stendendo una vernice composta di fegato di zolfo, glicerina, olio di ricino, acqua e alcool. Acquatinta con nitrato d'argento Per creare aree incise stampanti con molte belle tonalit di grigi si pu impiegare anche una soluzione di nitrato d'argento. L'uso del nitrato d'argento, per la realizzazione dell'acquatinta, comporta alcuni inconvenienti: l'alto costo della soluzione d'argento, la sua tossicit e la pericolosit nel maneggiarla; inoltre, attaccando le sostanze organiche occorre l'impiego di molti pennelli che vanno irrimediabilmente distrutti, a meno che non si adoperino pennelli di vetro o sintetici. Terminate le stesure del nitrato d'argento sulle zone interessate, facendolo permanere sulla superfcie del rame il tempo necessario affinch possa compiere la sua azione mordente, se ne asporta il residuo con uno straccio imbevuto d'acqua leggermente salina. E conveniente effettuare questa operazione con l'uso di guanti di gomma. Qualcuno usa dipingere le zone da velare con semplice acido nitrico ma il risultato che se ne ricava abbastanza scadente. Acquatinta diretta con miscugli di sali Altro sistema per creare zone di acquatinta sulla superficie di una lastra di rame, consiste nell'impiego di una particolare vernice mordente composta da carbonato di rame, cloruro di ammonio, cloruro di sodio. Si tritano finemente i sali passandoli attraverso uno staccio molto sottile, mischiandoli accuratamente e conservandoli in un vaso,di terra chiuso ermeticamente, al riparo dalla luce. Al momento dell'uso, si stemperano i sali con del miele con l'aggiunta di pochissima acqua distillata, formando una vernice viscosa abbastanza densa. Con questa vernice, con l'aiuto di un pennello, si dipingono le zone in cui si desidera ottenere l'effetto di acquatinta variando lo spessore delle singole pennellate.
73

Questa pasta, che evita le morsure col bagno di acidi o di sali, deve per essere applicata sul rame dopo avervi costruito sulla superficie una grana con resina di colofonia, col solito sistema. Si lascia agire il composto per circa venti minuti, dopodich si lava con molta acqua che lo asporter. Asciugata la lastra si osservano facilmente il risultato ottenuto e l'intensit delle zone incise. Volendo variare l'intensit di qualche tono, si ridipinge con la vernice di sali nelle aree interessate, lasciandola agire per il tempo necessario. Terminata l'operazione di morsura con la vernice si lava molto bene la lastra con acqua corrente, la si asciuga e la si spoglia con alcool dalla grana di colofonia. La matrice pronta per essere stampata.

Acquatinta imitante la pittura ad olio


Questa tecnica, come indica il nome, permette di ottenere matrici dalle quali si ricavano stampe riproducenti l'effetto delle pennellate della pittura ad olio. Si prepara la lastra, ben sgrassata, con un fondino per acquaforte molto omogeneo e sottile e ben annerito con la fiamma di una torcia di cerini, riportando, col ricalco, un disegno d'insieme. Con un pennello, preferibilmente a setole dure, intriso nell'olio di garofano1, si dipingono, con colpo sicuro senza mai ripassare sullo stesso punto, i tratti e le aree di chiaroscuro del soggetto. Per avere una certa variet nell'effetto delle pennellate si possono convenientemente adoperare pennelli di vario spessore e durezza. Quando si sufficientemente coperta di pennellate la superficie della preparazione, si riscalda appena la lastra ad una temperatura sopportabile al palmo della mano, ponendola sul piano di un torchio calcografico. Si copre la lastra con un panno di tela a trama pi o meno larga, si sovrappone un
1 Non disponendo di quest'olio si pu usare un miscuglio di olio, acqua ragia e petrolio in parti uguali.

74

cartoncino liscio di medio spessore e si sottopone alla pressione del torchio. Tolta la lastra dal torchio, quando ben fredda, si strappa con decisione la tela, rimasta appiccicata alla sua superficie solo nelle zone precedentemente trattate con l'olio di garofano, mettendo cos a nudo, in quei punti, il rame. Si lascia asciugare l'eventuale residuo di olio sulla vernice e si crea su tutta la superficie una necessaria granulazione spruzzando un sottile velo di una soluzione alcoolica di resina, come il liquore di colofonia. Quando anche questa soluzione ben asciutta, si lacca con bitume il retro della lastra e si iniziano le morsure. E consigliabile l'impiego di un bagno mordente di acido nitrico o del mordente olandese.

Incisione a tratto imitante la penna


E la realizzazione di una matrice stampante con segni in cavo il cui risultato finale da una stampa con tratti molto simili a quelli che si ottengono disegnando su di un foglio di carta con una penna e l'inchiostro. La superfcie di una lastra di rame bisellata va resa uniformemente e leggermente satinata con l'uso di un foglio di carta smerglio sottile strofinando longitudinalmente nei due versi. Portata a termine la satinatura della superficie del rame, si sgrassa a fondo la lastra con una pasta di bianco di Spagna, sciacquando con acqua corrente. Si pone quindi la lastra in una bacinella contenente una soluzione di acido solforico al 3% lasciandovela per qualche minuto, ripassandovi un tampone di cotone. Estratta dal bagno si sciacqua di nuovo con molta acqua. Da questo momento la superficie del rame non dovr essere assolutamente toccata con le dita, n venire a contatto con corpi o sostanze grasse. Il disegno si esegue con dei comuni pennini di acciaio, direttamente sul rame, usando lo stesso inchiostro impiegato per l'acquatinta con lo zucchero. 75

BRUNO STARITA ,

Le metamorfosi, 1965, maniera dell'inchiostro allo zucchero a penna su rame, min. 325x400.

Acquatinta a spruzzo.

Acquatinta a grana di sale su fondino a caldo.

Acquatinta su grana di colofonia col pastello litografico.

Acquatinta con fegato di zolfo.

Acquatinta a maniera pittorica su fondino per l'acquaforte.

Acquatinta a grana di bitume su frottage di tessuto.

Acquatinta a sacchetto con bitume giudaico.

Acquatinta a lavis su segni incisi all'acquaforte.

Acquatinta con inchiostro allo zucchero.

Granitura a rotella su fondino per l'acquaforte.

Risultato a fondo granito dopo l'incisione.

Fondo punteggiato (crible) .

Maniera a penna, risultato dopo l'incisione.

Maniera a matita (crayion).

Incisione a soli punti (pointille).

Incisione con la puntasecca.

Segni da puntasecca dopo la stampa.

Segni di acquaforte a rilievo dopo la stampa.

Quando l'inchiostro del disegno completamente asciutto, si copre l'intera superficie con vernice liquida e si adottano gli stessi procedimenti descritti per l'acquatinta con lo zucchero.

L'incisione in acciaio
Tutte le tecniche dell'incisione sul rame possono eseguirsi anche su lastre d'acciaio. L'impiego di questo metallo in sostituzione del rame venne adottato agli inizi dell'Ottocento, particolarmente in Inghilterra, per la produzione di matrici destinate alla stampa di grosse tirature. La preparazione e la lavorazione della matrice d'acciaio non presenta varianti rispetto a quella di rame, tranne l'impiego di bagni mordenti di diversa composizione, e l'uso di vernici pi tenaci per le coperture. Si impiegano lastre di acciaio dolce che, essendo molto omogenee, si prestano ad essere lavorate con minor difficolt. Usando invece lastre di acciaio normali occorre sottoporle a decarbonizzazione, portandole ad una elevatissima temperatura appena al di sotto del punto di fusione. Questa operazione, abbastanza complessa, sconsigliabile da eseguirsi e non necessaria in quanto si trovano facilmente sul mercato lastre di acciaio gi decarbonizzato. Come abbiamo gi accennato, l'unico vantaggio che offre l'incisione su acciaio quella di permettere una elevata tiratura di copie buone, anche oltre il milione. Una cos ampia tiratura non interessa l'incisione d'arte, per cui sono sufficienti un centinaio di copie, bens la produzione di matrici incise destinate alla stampa di banconote, valori bollati, ecc. A parte diamo la composizione delle vernici e dei mordenti per acciaio.

L'incisione calcografica a colori


L'incisione calcografica a colori prevede la realizzazione di tante matrici, quanti sono i colori previsti in un 79

bozzetto originale, eseguite con una o pi tecniche accoppiate. possibile realizzare un'incisione a colori con l'impiego di solo quattro matrici dei colori fondamentali che, sovrapposte progressivamente nella stampa, danno una infinita gamma di colori e di tonalit. La scelta di uno dei due procedimenti viene adottata dipendentemente dal numero dei colori del bozzetto esecutivo. Se i colori non sono pi di tre, per esempio un verde, un arancione e un blu, oltre alla lastra madre che porta incisi i segni dell'immagine, si possono incidere isolatamente le matrici dei rispettivi colori. Quando nel bozzetto invece sono presenti molti colori, per evitare l'incisione di un elevato numero di matrici e limitare il processo di inchiostrazione e stampa, si fa ricorso all'impiego di quattro matrici, una del nero, una del rosso, una del blu e una del giallo, operando la selezione visiva dei colori fondamentali. La sovrapposizione progressiva delle quattro matrici, inchiostrate con i relativi colori, sullo stesso foglio in fase di stampa permette la realizzazione di tutti i colori con estesa gamma di toni.

Incisione calcografica a due, tre o quattro colori


Si parte da un preciso bozzetto esecutivo recante le zone di colore esattamente come dovranno risultare nella stampa finale, prevedendo l'adozione di una o pi tecniche di incisione. Si impiegano lastre perfettamente piane e squadrate, bisellate e della stessa dimensione e spessore. Vanno preparate diversamente o nello stesso modo in relazione ai colori del bozzetto. Sono qui descritte le varie fasi dei processi di preparazione e lavorazione. 1) Bozzetto recante il disegno e le zone di colore a tratto. Si preparano le lastre occorrenti per i vari colori con un fondino di vernice dura per acquaforte, affumicandole molto bene. Su una prima lastra si intagliano, con una punta sottile, i tratti del disegno d'insieme delimitando le aree corrispon80

denti ai singoli colori. necessario tracciare intorno alla lastra una sottile riquadratura e segnare sui due lati i punti di registro. Terminato l'intaglio, si procede alle morsure di questa prima matrice, spogliandola. Da questa matrice se ne ricava una stampa a mezzo torchio calcografico con un inchiostro di colore chiaro, il giallo per esempio, riportandone l'impronta sulle altre lastre preparate col fondino per acquaforte. Il riporto si ottiene ponendo il foglio stampato con la faccia inchiostrata su ogni lastra, facendola passare sotto il torchio calcografico. necessario aver segnato dei punti di riferimento sul piano del torchio per la positura delle lastre sempre nello stesso punto, tenendo puntato il foglio per aver l'impronta di riporto perfettamente centrata. Ottenute le impronte, si marcano sui quattro lati delle lastre i segni di riferimento con una punta o un bulino. Sulle lastre cos preparate si intaglia la vernice con la punta, con tratteggio pi o meno fitto, in corrispondenza delle zone di colore di ogni lastra, relativamente a quelle segnate sul bozzetto esecutivo. Terminato l'intaglio si effettuano le varie morsure. Per conseguire un buon risultato nella stampa finale a colori, si rende necessario l'intaglio di segni molto fitti e sottili, preferibilmente pi volte incrociati, in modo che, incisi e inchiostrati, trattengano sufficiente quantit di inchiostro. Le stampe a colori ottenute con matrici incise solo all'acquaforte conseguono un risultato non troppo soddisfacente, poich le aree stampanti delle zone di colore eseguite col solo tratto, pur se molto variate d'intensit dalle morsure, danno all'insieme una certa durezza e non esaltano sufficientemente i colori. Per questo motivo bene eseguire solo la prima matrice recante i tratti del disegno all'acquaforte, le altre con tecniche diverse, come l'acquatinta. 2) Bozzetto con disegno a tratto e zone di colore continuo. In questo caso si riporta l'impronta della matrice madre, cio quella recante il disegno, sulle altre lastre. Ottenuto il riporto del disegno si preparano quindi con grana di colofonia o di bitume e si isolano su ciascuna lastra le zone corrispondenti ai rispettivi colori, coprendo con una vernice protettiva
81

le aree che si vogliono rendere non stampanti. Per ottenere un buon risultato di sfumature e di toni del colore necessario eseguire morsure multiple. Per l'incisione delle matrici del colore, si pu impiegare con successo la tecnica dell'acquatinta con lo zucchero che, per la sua particolare esecuzione, consegue effetti molti simili, nella stampa, a quelli che si ottengono con l'acquarello su carta. 3) Bozzetto con sole zone di colore. Se il bozzetto esecutivo non prevede segni o tratteggio, ma stato realizzato con pennellate di colore pi o meno sfumato o a sole tinte piatte, non necessario l'incisione della matrice chiave. indispensabile, comunque, riportare sulle lastre la demarcazione delle aree di colore e i punti di registro. Si pone sul bozzetto un foglio trasparente di triacetato o di gelatina e, con una punta di acciaio molto affilata, si incidono i segni di demarcazione tra un colore e l'altro. In questi segni incisi si fa penetrare con un tampone dell'inchiostro da stampa o della sanguigna e, con un batuffolo di tarlatana, si pulisce la superficie del foglio. Da questo foglio cos inchiostrato, si fa scaricare l'impronta su ciascuna delle lastre, a mezzo torchio calcografico, marcando i punti di registro. Si preparano quindi le stesse con grana di colofonia o di bitume. Questo sistema molto pratico e conveniente perch offre la possibil i t di rinchiostrare il foglio ogni volta che si effettua il riporto, ottenendo impronte molto leggibili; inoltre non essendo inumidito, sottoposto alla pressione volvente del cilindro del torchio, non soggetto ad allungamenti, seppure minimi, come pu accadere col trasporto dalla stampa su carta.

Incisione a colori, quadri cromica


l'incisione di quattro matrici, rispettivamente del rosso magenta, del blu-verde, del giallo, pi quella del nero, ottenuta con la selezione visiva dei colori, don questa tecnica che impiega solo quattro matrici possibile ottenere una estesissima variet di colori. 82

Partendo da un bozzetto esecutivo si effettua l'incisione della matrice chiave, che generalmente quella del nero, riportandone l'impronta sulle altre tre con uno dei processi prima descritti. Le matrici dei colori possono essere eseguite sia all'acquaforte, sia con tecniche diverse, preferibilmente all'acquatinta. Nell'incidere le matrici recanti le impronte stampanti dei colori, occorre tener presente che esse non sono destinate alla stampa di un singolo colore, ma per mezzo della sovrapposizione di aree incise con differente profondit, a generare colori diversi. In pratica, volendo ottenere un verde, necessario incidere sia la matrice del blu che quella del giallo nello stesso punto, le quali, sovrapponendosi nella stampa, daranno come risultato il verde. Va da s che volendo ottenere un verde pi caldo dovr essere incisa, ma meno profondamente, anche la relativa zona della lastra del rosso magenta. Per la realizzazione di ciascuna matrice si pu impiegare la stessa o diversa tecnica, oppure pi tecniche su ogni singola matrice. L'accoppiamento di tecniche diverse di incisione offre la possibilit di giungere a risultati di notevole efficacia cromatica. Approntate le matrici, si stampano a registro, in progressione di colore, e precisamente quella del rosso magenta, quella del blu-verde, quella del giallo e in ultimo la matrice del nero. Per avere un effetto di maggior morbidezza e fusione dei segni incisi sulla matrice madre all'acquaforte, con le zone di tinta continua consigliabile stampare la matrice anzich con inchiostro nero con un colore seppia. Un recente sistema di incisione a color, con l'uso per di una sola lastra stato sperimentato da William Hayiter. La tecnica consiste nel creare su di una sola matrice, con uno o pi processi di incisione, aree stampanti con diversa profondit. L'inchiostrazione dei vari colori si ottiene con un particolare rullo che ha la propriet di trattenere e trasmettere colori la cui natura di diversa viscosit. Pur se questa tecnica accelera di molto il processo di stampa, non da preferirsi alla stampa incisa a pi matrici, 83

poich non consegue un risultato eli costante qualit nelle copie progressive, peculiare qualit che si richiede ad ogni buona incisione. Per questo, ed altri motivi, non ci soffermiamo a descriverne dettagliatamente il procedimento di lavorazione.

LA LITOGRAFIA La litografia l'arte di creare su una pietra calcarea aree stampanti atte a ricevere e trasmettere l'inchiostro alla carta. Per la realizzazione della forma stampante viene impiegata una pietra particolare, il carbonato di calcio. Le migliori pietre sono quelle di Solnhofen in Baviera, della Sardegna e dell'Eritrea. Le pietre calcaree non hanno per tutte la stessa composizione per la presenza di altre sostanze unite al carbonato di calcio, di cui sono principalmente costituite, quali la silice, l'alluminia e l'ossido di ferro. La pietra bianca, molto tenera, si granisce facilmente ma, essendo anche abbastanza porosa, assorbe maggiormente i grassi tendendo ad impastarsi durante la stampa, limitandone la tiratura; la gialla buona, si granisce facilmente sopportando una discreta tiratura; la grigio rossastra cattiva. La migliore pietra litografica la grigio azzurrina o perlina, molto dura e compatta, si granisce senza fatica e si presta per elevatissime tirature: molto indicata per disegni eseguiti a penna con l'inchiostro litografico e per l'incisione con la punta. Il principio fondamentale della litografia basato sulla propriet che i carbonati di calcio hanno di mutare superficialmente la loro composizione chimica a contatto con gli acidi, e di accettare facilmente le sostanze grasse. Pet tali propriet si rende possibile realizzare sulla superficie della pietra aree con diversa caratteristica fsio-chimica: igroscopiche, che attirano e trattengono facilmente l'acqua ma respingono gli inchiostri grasso-resinosi; grasse, che respingono l'acqua ma trattengono gli inchiostri. Due sono i procedimenti per la preparazione della forma

85

stampante: quello chimico e quello fisico. A quello chimico appartengono le tecniche della litografia a matita e a pastello, la litografa a penna e a pennello, il tampone o lavis litografico, la maniera a spruzzo, la cromolitografa e la litografia a colori; a quello fisico la litografa incisa e la litografia a rilievo. Lo spessore delle pietre litografiche varia tra gli otto e i quattro centimetri, relativamente alla loro grandezza.

Litografia a matita e a pastello


Per la realizzazione della forma stampante si impiega preferibilmente una pietra litografica gialla. Con una grossa lima si smussano i bordi della pietra per impedire che si sporchino durante l'inchiostrazione o che taglino il rullo, passando quindi all'operazione di granitura. Si pone la pietra su di un solido piano, coprendone la superfcie con sabbia silicea mista ad acqua, sovrapponendovi una seconda pietra della stessa dimensione inumidita con acqua. Imprimendo un movimento rotatorio, si fa strofinare la superfcie dell'una sull'altra fino a consumare la sabbia, bagnando di tanto in tanto con acqua, e alternando la sovrapposizione delle pietre. Per avere una grana doppia, si aggiunge nuova sabbia lavorando in un tempo pi breve. Ottenuta la granitura si lava con molta acqua e accuratamente tutta la pietra, lasciandola asciugare lontano dalla polvere, evitando di toccare la superfcie granita con le dita. Il disegno si esegue con la matita o col pastello litografici direttamente sulla pietra, oppure su carta autografica operandone il trasporto. E bene non imprimere molta forza nel disegnare, ma ripassare delicatamente le zone che dovranno risultare pi scure. Occorre evitare che le piccole particelle del pastello o della matita litografici, che possono staccarsi nel corso del lavoro, vadano a fissarsi sulla pietra, ingrassandola. Terminato il disegno, si spolvera l'intera superfcie con talco finissimo, passando alla preparazione o acidatura stendendo sull'intera superfcie della pietra una soluzione di gom86

Arnesi da lavoro.

Segni sulla pietra dopo la preparazione.

Impronte di stampa litografica.

BRUNO STARITA,

Paesaggio roccioso, 1963, litografia a pastello, min. 285x356.

ma arabica con aggiunta di acido nitrico o idroclorico, o di un sale neutro solubile, come il nitrato di calcio, usando un pennello morbido abbastanza largo. Si lascia la preparazione sulla pietra finch ben secca, convenientemente non meno di 12 ore. L'azione della preparazione di gomma e acido quella di togliere al pastello o all'inchiostro litografici gli alcali che contengono trasformandoli in grasso insolubile all'acqua; contemporaneamente l'acido, presente nella preparazione, fa aumentare la porosit della pietra rendendola igroscopica in superfcie, suscettibile di trattenere l'acqua con pi facilit. Si leva con spugna e acqua la preparazione dalla pietra lasciandola asciugare; quindi, cori un tampone di tela sottile, si stende un leggero strato di gomma arabica che ha lo scopo di proteggere la superfcie della pietra in corrispondenza dei bianchi dalla successiva operazione. Una volta asciugata la gomma, con un miscuglio di acqua ragia e petrolio e con un batuffolo di cotone, si inizia lo spoglio delle zone disegnate col pastello o la matita, delicatamente; si asciuga con un foglio eli carta cellulosa e si stende un sottile strato di litofina un composto di trementina e bitume che, penetrando nella pietra nelle zone disegnate, le rende ancora pi grasse e pi facilmente inchiostrabili. Si lascia asciugare per un po' di tempo la litofina e si spolvera con talco. A questo punto la pietra, diventata matrice, pronta per essere stampata. La stampa si esegue con il torchio litografico a stella. Per i procedimenti di stampa si fa rimando alla parte dedicata alla stampa litografica.

Litografia a penna e a pennello


La superficie della pietra desiinala ad essere lavorata con la penna o il pennello non si granisce ma si rende liscia. L'operazione si esegue in tal modo: si smussano con la lima i bordi della pietra, e si inizia una prima operazione di granitura coprendone la superficie con sabbia silicea molto sottile e con 89

acqua. Questa prima granitura si esegue molto a fondo fino a consumare completamente la sabbia. Terminata l'operazione, che serve a mondare la superfcie della pietra, si lava accuratamente la stessa fino ad asportarne anche il pi piccolo granello di sabbia. Si copre la superfcie con polvere di pomice fnissima e acqua, e sovrapponendovi una seconda pietra, anch'essa lavata accuratamente, si strofina con movimento rotatorio fino a quando, consumandosi la pomice, si produrr una pasta sottile e biancastra. Per lisciare ancor meglio la pietra si continua strofinando sulla superfcie bagnata una pietra di pomice tenera. Si lava e si lascia asciugare. Per eseguire il disegno si impiegano appositi pennini di acciaio intinti nell'inchiostro litografico liquido da disegno, oppure usando quello solido sciolto con acqua distillata in un piattino di porcellana, riscaldato di tanto in tanto sulla fiamma di una spiritiera. conveniente eseguire il disegno con l'inchiostro, non direttamente sulla pietra, ma sulla carta autografica, effettuandone il trasporto. La carta autografica una carta con poca colla, coperta da un sottilissimo strato di gomma e amido, sulla quale si disegna con l'inchiostro litografico, facendo attenzione a non graffiarne la superficie col pennino, rischiando cos di asportarne la preparazione, cosa che impedirebbe il trasporto del disegno in quei punti. Terminato il disegno, si bagna il retro della carta con acqua appena tiepida, appoggiandola con la faccia disegnata sulla superficie della pietra, applicandovi sopra un secondo foglio. Si fa passare con moderata pressione sotto il pettine del torchio litografico, ripetendo l'operazione per cinque o sei volte, inumidendo ogni volta con una spugna la carta rimasta incollata sulla pietra. Quando si sicuri che l'inchiostro del disegno dalla carta sia passato alla pietra, si bagna di nuovo la carta autografica staccandola lentamente. Si vedr allora l'intero disegno trasferito sulla pietra e il foglio di carta autografica completamente bianco. Lavorando solo col pennello e l'inchiostro litografico la pietra pu essere sia granita che liscia. L'inchiostro litografico duro, che si impiega usando il pennello, va disciolto in un
90

piattino di porcellana, leggermente riscaldato, diluito con acqua distillata. Non facile stabilire, lavorando direttamente sulla pietra con l'uso del pennello e l'inchiostro, l'esatta intensit dei toni, poich la pietra, bagnandosi dell'acqua contenuta nell'inchiostro, nelle aree trattate diventa pi scura, falsandone i valori. E conveniente invece, per ottenere una certa variet di toni e di chiaroscuro, usare l'inchiostro diluito in proporzioni diverse in tanti piattini. La preparazione della forma e il suo trattamento sono del tutto simili a quelli della litografia con la matita o col pastello, quando il disegno stato eseguito col pennino. Quando invece il lavoro stato eseguito col pennello, e soprattutto quando vi sono molte variet di toni, dal pi sfumato e leggero al pi intenso, conveniente non impiegare la gomma e l'acido ma preparare la pietra con un sale neutro solubile, quale il nitrato di calcio, per abluzione. Questa preparazione permette di ottenere nella stampa i toni pi leggeri e sfumati e i neri pi profondi, poich, non essendo acida, non genera effervescenze sulla pietra e non penetra nelle aree di tonalit pi tenue, facendo saltare l'inchiostro del disegno, come pu accadere usando la preparazione di gomma e acido.

Maniera litografica a spruzzo


La maniera a spruzzo permette di ottenere stampe con zone di bell'effetto di granulazione e passaggi di tonalit molto graduali. Si opera con un aerografo, con uno spruzzp a bocca, oppure soffregando una spazzola o un pennello .duro intinti di inchiostro su una griglia di acciaio, direttamente sulla pietra o su carta autografica. L'inchiostro litografico impiegato deve essere diluito con essenza di trementina. Su una pietra preparata con una granitura piuttosto forte, si traccia, con una comune matita sottile, il disegno e il contorno delle aree costituenti l'immagine. Si coprono i bordi 91

intorno alla superficie granita della pietra e le parti che dovranno risultare bianche con una soluzione acquosa di gomma arabica, e si spruzza l'inchiostro diluito per ottenere il primo grigio. Quando l'inchiostro asciutto, sempre con la gomma, si eseguono le coperture dei primi grigi e si spruzza di nuovo l'inchiostro, ottenendo la tonalit di un grigio pi scuro, e cos di seguito fino ad arrivare al massimo nero. Terminata l'operazione con l'inchiostro e la gomma, si lascia asciugare perfettamente il tutto e si lava la pietra con acqua appena tiepida, che asporta le maschere di gomma arabica. Si asciuga e si spolvera con talco finissimo la superficie disegnata e si procede, come di consueto, alla sua preparazione.

Maniera nera litografica


La maniera nera litografica un processo di lavorazione della pietra che permette di ottenere un disegno bianco su un fondo completamente nero. 11 lavoro si effettua coprendo una pietra liscia e non granita con inchiostro litografico da disegno, sciolto in acqua, piuttosto denso, e steso con un rullo di gomma. Quando l'inchiostro completamente asciutto, usando un raschietto ben affilato e punte larghe di varia foggia, si traccia il disegno e si ricavano le zone di luce asportando l'inchiostro dalla pietra. Lavorando con la punta e col raschietto si abbassa in quei punti anche la superfcie della pietra. Terminato il lavoro, si spolvera con talco, e si da una preparazione di gomma e acido piuttosto forte, ripetuta almeno una paio di volte. Le operazioni di preparazione e lo spoglio della matrice si effettuano sempre nello stesso modo.

Lavis litografico, o tampone


La tecnica del lavis litografico un particolare procedimento di lavorazione e preparazione della pietra, che per92

BRUNO STARITA ,

mm. 385x235.

Fitomorfismo, 1980, litografia a penna e a spruzzo,

mette di ottenere stampe con grande variet e sfumature di toni. La pietra litografica deve presentare in superficie una granulosit abbastanza marcata, che di molto aiuto per la buona riuscita dell'opera. Per rendere abbastanza granulosa la pietra si impiega sabbia di grana pi spessa, cambiandola frequentemente durante la granitura, senza arrivare a consumarla del tutto. Dopo la granitura si lava la pietra con acqua, poi con una soluzione satura di allume di rocca, e ancora molto a fondo con acqua. Dopo questa preparazione la superfcie della pietra non deve essere assolutamente toccata con le dita n venire a contatto con corpi grassi. Con un pennello, intinto in una soluzione di acqua e gomma arabica, si coprono i bordi esterni della superfcie facendo una fascia abbastanza larga, e si lascia asciugare. Usando una comune matita si traccia lo schizzo dell'immagine e con la gomma si coprono, per preservarle, le aree in corrispondenza dei bianchi. Quando la gomma ben secca, si stempera dell'inchiostro litografico da disegno con trementina di Venezia e, con un piccolo tampone di pelle camosciata, lo si stende a piccoli colpi sulla pietra cominciando dalle zone dei grigi pi chiari, in modo abbastanza uniforme, creando una prima leggera velatura. Fatto essiccare bene l'inchiostro con l'aiuto di un fon, si spolvera leggermente con talco. Si ricoprono con la gomma le aree di questa prima velatura e si continuano a tamponare con l'inchiostro quelle del grigio successivo, e cos per le altre, ricoprendo di volta in volta le varie aree, fino a raggiungere con velature sovrapposte la tonalit della parte pi scura. Terminata l'operazione di tamponatura con l'inchiostro e delle relative coperture con gomma, si lascia essiccare per qualche ora; si lava la pietra con acqua tiepida, molto delicatamente, con una spugna, asportando gli strati di gomma: comparir cos sulla pietra l'immagine del disegno recante tante velature d'inchiostro di varia tonalit. Volendo si possono aggiungere con l'inchiostro o col pastello segni di rinforzo del disegno, o intervenire sui bianchi risparmiati all'inizio dalla prima stesura di gomma. Rifinito il disegno, si spolvera con talco, si da la prepara94

zione alla pietra, preferibilmente con i sali di calcio, si pulisce e si stampa con gli stessi procedimenti della comune litografa. possibile ottenere, con questa tecnica, anche impronte stampanti di diversa struttura grafica e materica mediante l'uso del frottage di trame di tessuti, merletti, trine, venature di legni, foglie, fiori e granulosit di svariate superfici. Per ottenere il frottage basta stendere l'inchiostro litografico, diluito con trementina di Venezia, sulle superfici di cui si desidera avere l'impronta, imprimendole sulla pietra con una certa pressione, in modo da far cedere l'inchiostro a quest'ultima.

Litografia a rilievo
Questa particolare tecnica litografica si differisce dalla classica litografa perch le aree non giacciono tutte sullo stesso piano ma quelle stampanti sono in rilievo rispetto a quelle dei bianchi, per cui preferibile darle una collocazione tra le tecniche dell'incisione a rilievo. Per la costruzione della forma stampante si impiega la pietra litografica, di cui si da la descrizione nel capitolo dedicato alla litografia in piano. La pietra, preparata con una granitura molto fine, si lava con molta acqua, passando quindi sulla superficie da incidere una spugna intrisa in una soluzione di allume di rocca satura; si lava di nuovo molto a fondo e, ponendola in posizione verticale, si lascia asciugare naturalmente al riparo della polvere. Quando la pietra ben asciutta, con una matita litografica piuttosto dura, si tracciano le parti essenziali del disegno completandolo con inchiostro litografico da disegno, lavorando con un apposito pennino. Disegnata completamente l'immagine che si desidera incidere, compresa una necessaria riquadratura esterna, si da una preparazione di acqua gommata acidulata con l'aggiunta di acido nitrico o idroclorico, su tutta la superficie, lasciandola sulla pietra per almeno sei ore. 95

Si asporta lo strato gommoso secco dalla pietra con spugna e acqua e si lascia asciugare. Si stende su tutta la superficie un sottilissimo velo di gomma arabica in soluzione acquosa e, con un fon, si asciuga rapidamente. Quando questo sustrato completamente asciutto, si cancella l'inchiostro del disegno usando una miscela di petrolio e trementina. L'inchiostro si scioglie facilmente con questo solvente perch, essendo stato sottoposto all'azione della preparazione acida, il sapone in esso contenuto si trasformato in un grasso. Liberate dall'inchiostro le parti disegnate, si stende un sottilissimo strato di litofina, lasciando asciugare per circa un'ora. Trascorso tale tempo si spolvera con talco la pietra e si lava con spugna e acqua. Tenendo umida la pietra, vi si stende, con un grosso rullo di gomma o di cuoio, una speciale vernice cos composta: Cera vergine gr. 20 Pece di Borgogna gr. 10 Bitume giudaico gr. 10 Colofonia gr. 20 Si fa fondere a fuoco la cera a cui si aggiungono, nell'ordine, la pece di Borgogna, il bitume e la colofonia, facendo cuocere per circa 10 minuti. Si versa questa vernice calda nell'acqua appena tiepida e se ne ricavano delle biglie. Queste biglie vanno poi disciolte nell'essenza di trementina ottenendo una pasta omogenea simile all'inchiostro da stampa. Rullando la superficie umida della pietra con la vernice, essa aderir solo sulle parti disegnate, risparmiando i bianchi. Si lascia asciugare perfettamente la vernice sulla pietra. Con della cera mista a pece greca, la stessa adoperata dai fonditori in bronzo, si costruisce tutt'intorno alla superficie della pietra una specie di muretto dell'altezza di qualche centimetro, come una piccola vaschetta, nella quale si verser una soluzione molto debole di acido nitrico, circa il 10%. Si pu anche verniciare il retro e le parti laterali della pietra con lacca di bitume, immergendola nel bagno acido. Si fa permanere l'acido sulla pietra per circa cinque minuti tenendo l'operazione sotto controllo. Si noter infatti che, durante la permanenza sulla superficie della pietra, il bagno acido genera una specie di effervescenza, poich reagendo, 96

scioglie il carbonato di calcio di cui la pietra principalmente costituita, abbassando il fondo in corrispondenza dei bianchi. necessario controllare l'azione corrosiva dell'acido specie in prossimit dei tratti pi fini e vicini. Per impedire che l'acido, oltre ad attaccare i bianchi incidendo verticalmente, tenda ad incidere i segni anche lateralmente assottigliandoli o facendoli addirittura saltare, occorre togliere l'acido dalla pietra e rinforzarne i tratti nuovamente col rullo e la vernice. Tale operazione va ripetuta pi volte. Terminata l'operazione di abbassamento dei bianchi, ossia del fondo, si lava la pietra con acqua, si gomma e si asporta col solvente di acqua ragia e petrolio la vernice dai segni. Quando il disegno sulla pietra reca tratti molto vicini e sottili, dopo due o tre morsure acide, si pu abbassare ulteriormente il fondo in corrispondenza dei bianchi usando dei bulini piatti. Approntata la matrice, si inchiostra col rullo come per la litografia in piano, usando gli stessi inchiostri da stampa, impiegando indifferentemente sia il torchio litografico che la pressa tipografica. Si stampa su carta leggermente umida, preferibilmente su carta di riso.

Litografia incisa o puntasecca litografica


Per la preparazione della matrice stampante viene impiegata la pietra litografica, particolarmente la grigio azzurrina che, per la sua resistente compattezza, permette una pi netta incisione dei segni. La pietra, perfettamente pulita e levigata con sabbia molto sottile e pomice, viene lavata abbondantemente con acqua e lasciata asciugare. Si sottopone la sua superficie ad un trattamento con gomma arabica e acido nitrico molto energico, lasciando agire il preparato per circa 20 minuti. Si risciacqua la pietra e la si asciuga con un fon. Si prepara una vernice abbastanza densa di gomma arabica in soluzione acquosa con l'aggiunta di qualche goccia di 97

glicerina, e la si stende, con un pennello morbido e largo, su tutta la superficie della pietra, cospargendola quando ancora fresca di nero fumo avorio o rossetto inglese, lasciandola poi completamente essiccare. Preparata in tal modo la pietra, si inizia il lavoro d'incisione. Dopo aver riportato un disegno di insieme, con una punta d'acciaio a sezione conica molto ben affilata, si disegnano, scalfendo leggermente la pietra, i tratti costituenti l'immagine. Terminato questo primo intaglio, si continua il lavoro di incisione usando un bulino ad onglette, cambiandolo di spessore relativamente ai segni che si vanno a incidere. Occorre porre molta attenzione nell'incidere, evitando di commettere errori di esecuzione, poich molto difficile apportare correzioni senza che queste si evidenzino nella stampa finale. Una volta terminata l'incisione di tutte le linee, con un piccolo tampone di pelle si fa penetrare nei solchi incisi, battendo a piccoli colpi, uno speciale inchiostro da stampa grasso, detto inchiostro da trasporto, del quale diamo a parte la composizione. Ultimata questa prima operazione, accertandosi che l'inchiostro sia ben penetrato in tutti i segni, con un rullo di gomma e con lo stesso inchiostro da trasporto, si copre l'intera superficie della pietra, risparmiandola solo intorno ai bordi. Si lascia ferma la pietra per circa venti minuti per permettere all'inchiostro di aderire bene nei segni incisi e di essiccarsi alquanto. Si spolvera con talco e si lava con una spugna con acqua appena tiepida. L'acqua, sciogliendo il sustrato di gomma colorata, porta via l'inchiostro dalla pietra, che resta soltanto nei solchi incisi. Lavata la pietra con molta acqua, si rida nuovamente la preparazione con gomma e acido, si lava di nuovo, si inchiostra col rullo, con inchiostro da stampa, e si da inizio alla tiratura. Il sistema di inchiostrazione e stampa del tutto simile a quello della litografia in piano. Occorre impiegare carta povera di colla e umida, la stessa che si usa per la stampa calcografica, poich essendo l'incisione dei segni in cavo, la carta deve penetrare in essi per accogliere l'inchiostro. La litografia incisa offre la possibilit di ottenere nella stampa segni molto variati, dai pi sottili e argentei ai pi 98

profondi e vellutati, molto simili a quelli che si ottengono con la stampa di incisioni a bulino eseguite su rame.

La cromolitografia
La cromolitografia, da non confondere con la litografia a colori che impiega per la stampa solo quattro matrici, prevede l'impiego di tante pietre quanti sono i colori presenti in un bozzetto esecutivo. Le pietre devono essere tutte della stessa grandezza, perfettamente piane e granite molto uniformemente. Prima operazione quella di trasportare su tutte le pietre il disegno di insieme e quello del contorno di tutte le aree dei colori. Si prende un foglio trasparente di gelatina o di celluloide e, sovrapponendolo al bozzetto originale, con una punta di acciaio si incidono il disegno e i contorni delle aree di colore. Nei solchi cos incisi si fa penetrare dell'inchiostro da stampa o della sanguigna, pulendo accuratamente la superficie del foglio. Al centro del bordo superiore e di quello inferiore del foglio si tracciano i necessari punti di registro, per l'esatta disposizione dell'impronta su tutte le pietre. Il foglio inchiostrato si pone sulla superficie di ciascuna pietra facendo scaricare l'inchiostro, con l'uso del torchio litografico, marcando i punti di registro. Stabilito il numero dei colori, e le rispettive pietre, si coprono con gomma arabica, sulla superficie di ciascuna di esse, le aree non stampanti, risparmiando quelle del relativo colore. molto indicata per la cromolitografia la tecnica dello spruzzo, tuttavia le aree dei colori si possono campire sia usando il pastello che l'inchiostro litografici. Le forme di stampa acidate e preparate (vedi la descrizione nel paragrafo dedicato alla litografia col pastello), vengono stampate progressivamente, rispettando i segni di registro, partendo dai colori pi chiari e tenendo il nero al centro della tiratura.

99

Le tinte dei colori presenti sul bozzetto originale si ottengono inchiostrando ogni singola pietra col corrispondente colore. Non si possono fare sovrapposizioni di colori, poich l'inchiostro che viene impiegato per la stampa della cromolitografia, per avere l'esatta tonalit e intensit del colore presente nel bozzetto, deve necessariamente contenere del bianco che, essendo opaco, non permette di ottenere la necessaria trasparenza per le sovrapposizioni.

La litografia a colori
La litografia a colori prevede la realizzazione di quattro forme stampanti, rispettivamente del rosso magenta, del bluverde, del giallo e del nero. Generalmente la matrice del nero reca il disegno dell'immagine e interviene anche sugli altri colori. E necessario preparare un bozzetto esecutivo molto preciso del lavoro da eseguire, recante con esattezza le aree dei vari colori. Il disegno pu eseguirsi sia direttamente sulla superficie della pietra, sia su carta autografica effettuandone il trasporto. Si disegna per prima la matrice del nero, usando la matita, il pastello o l'inchiostro litografici, la si acida e prepara nel modo consueto. Da questa matrice, recante i necessari segni di registro, si ricava una copia a mezzo torchio litografico, su carta patinata. Si spolvera questa copia con rossetto inglese, che rester attaccato al foglio sull'impronta di inchiostro ancora fresco. Dal foglio cos preparato si fa scaricare l'impronta sulle altre tre pietre, marcando i punti di registro. L'operazione che segue abbastanza complessa e non facile: bisogna avere infatti la capacit di operare visivamente la selezione di ogni singolo colore presente nel bozzetto, trasferendone monocromaticamente i toni sulle rispettive pietre, con la matita , il pastello o l'inchiostro litografici. Non possedendo tale capacit, si pu fare ricorso alla selezione fo100

tografica con filtri, osservando la tonalit e la composizione di ogni singolo colore, sul negativo o su di un positivo da esso ricavato. Terminate le campiture con il pastello o l'inchiostro che pu essere usato anche a spruzzo, si acidano e preparano le pietre. La stampa si effettua a mezzo torchio litografico, con inchiostro da stampa litografico trasparente per selezioni, rispettivamente per ogni pietra: del rosso magenta, del blu-verde, del giallo e del nero, rispettando i punti di registro.

La litografia su lastre metalliche


La litografia su zinco o alluminio impiega come matrice una lamiera di metallo opportunamente granita. La granitura delle lamiere viene effettuata con apposite macchine a scuotimento, con l'ausilio di sabbia o spoltiglio in polvere misti ad acqua. La necessaria granitura ha lo scopo di rendere la superficie del metallo granulare, per permettere all'acqua di aderirvi. Si effettua per prima il decappaggio versando sulla lastra granita una soluzione di acido acetico al 2%, strofinando con una spazzola di setole abbastanza dura, e lavando sotto un getto di acqua corrente. Portato cos via dalla superficie del metallo il leggero strato di ossidazione, si passa alla seconda operazione, detta spreparazione. Si diluisce in un litro d'acqua, meglio se distillata, 250 cc. di allume di rocca in soluzione satura, con l'aggiunta di 8 cc. di acido nitrico puro; si versa questo composto sulla lamiera di metallo spazzolando con movimento circolare tutta la superficie, si lava e si lascia asciugare, evitando di appoggiarvi le dita, al riparo dalla polvere e di sostanze grasse. Per evitare che il metallo si ossidi consigliabile asciugare rapidamente con un fon. Sulla lastra di zinco o di alluminio si possono attuare tutte le tecniche litografiche, escluse la litografia incisa e quella a 101

rilievo, e il lavoro procede allo stesso inodo di quello su pietra, tranne per quanto riguarda lucidatura e la preparazione. In sostituzione della gomma arabica e acido, impiegati per la preparazione di matrici di pietra, si usa una composizione di diversi acidi, sali e gomma, detta pappa litografica. Questa preparazione composta da: gomma arabica, acido gallico, acido nitrico, acido cromico, acido fosforico, sali di sodio e sali di potassio. La matrice di metallo si stampa con torchio litografico a stella, poggiandola su una pietra perfettamente piana; pu anche essere stampata col torchio o la macchina per offset. L'inchiostrazione di matrici litografiche di metallo simile a quella della pietra.

102

LA STAMPA

Stampa di matrici in rilievo

Il torchio impiegato per la stampa di matrici in rilievo il torchio tipografico a pressione piana, ossia verticale. Anche un vecchio copialettere pu servire allo scopo. Dagli inizi fino alla fine del Settecento, l'inchiostrazione delle matrici in rilievo era ottenuta con un grosso tampone, detto mazzo. Questo arnese era costituito da un'impugnatura terminante con una ruota di legno a incavo riempita di stracci e crini, cos da assumere una forma convessa, sulla quale veniva teso un pezzo di pelle molto liscio. Si aveva, in tal modo, una specie di mezza palla elastica provvista di un'impugnatura di legno. Con questo arnese venivano macinati gli inchiostri su una pietra e si inchiostravano le forme di stampa. Oggi si usano rulli di gomma, di gelatina, o di resina sintetica. Per la stampa si impiegano gli inchiostri tipografici, che sono costituiti da un legante, come l'olio di lino inspessito, un colorante e un essiccante, ossia un catalizzatore. Una volta lo stampatore preparava da solo gli inchiostri, macinando con una spatola su una pietra la vernice e il nero fumo, oppure i pigmenti colorati per gli altri colori. Oggi sono reperibili sul mercato tutti i colori d'inchiostro tipografico. La matrice in rilievo si inchiostra col rullo, macinando l'inchiostro su una pietra perfettamente piana. Il rullo, nel trasferire l'inchiostro sulla forma stampante, deve essere ricoperto da un sottile velo d'inchiostro; una eccessiva carica lo fa debordare impastando i tratti pi vicini e sottili. 103

Antico torchio tipografico adatto per la stampa della xilografia.

Inchiostrazione della matrice.

Il rullo inchiostratore deve essere leggermente pi grande di un lato della matrice per poter avere un appoggio sulla cornice esterna in rilievo, evitando cos di toccare le aree incavate, per non sporcare i bianchi. L'impressione dell'inchiostro si effettua poggiando la matrice sul piano del torchio e sovrapponendovi un foglio di carta, meglio se appena umido. Possono essere impiegati per la stampa diversi tipi di carta, ma la pi adatta la carta di riso di Cina o la giapponese. Ottimi risultati si ottengono pure stampando su carta Umbria o rosaspina Fabriano. Per la stampa di incisioni a rilievo a pi colori necessario segnare sul piano del torchio i punti di riferimento incisi sulle singole matrici, tenendo il foglio, su cui si effettuano in progressione successiva le impressioni dei colori dalle rispettive forme di stampa, puntato. Non avendo a disposizione un torchio a pressione piana si pu eseguire la stampa anche a mano. Si poggia la matrice inchiostrata su una tavola di legno perfettamente piana, sovrapponendovi il foglio di carta inumidito, coprendo con un secondo foglio e un foglio di plastica o di celluloide di un certo spessore puntato sulla sommit della tavola. Usando un grosso brunitoio o una radette di legno, si esercita su tutto il foglio una discreta pressione, ripetendo pi volte l'operazione, agendo sempre nello stesso verso. Stampando pi matrici con i vari colori sullo stesso foglio, necessario segnarne i punti di registro sul piano della tavola e tenere il foglio puntato.

Stampa di matrici in cavo


Per effettuare la stampa di matrici in cavo indispensabile l'impiego del torchio calcografico. La macchina, nella forma pi semplice, costituita da due cilindri di acciaio sovrapposti, giranti intorno ad un asse, azionati da una grossa ruota o da una ruota a stella, provvisti di un sistema di ingranaggio e di pressione. Tra questi due cilindri, dei quali l'infe105

riore di diametro pi largo, passa una spessa tavola d'acciaio, il piano del torchio, su cui si poggia la matrice da stampare. Tra il cilindro superiore e il piano di acciaio interposto un tappeto soffice di feltro. Per la inchiostrazione delle matrici calcografiche si usa l'inchiostro calcografico. Questo inchiostro un composto di vernice di olio di noce inspessito con un particolare procedimento, con aggiunta di nero avorio o di nero di Francoforte. La caratteristica dell'inchiostro calcografico quella di avere una consistenza densa e soffice e di essere poco tingente. Gli inchiostri calcografici colorati sono composti dalla stessa vernice di olio di noce con l'aggiunta di pigmenti coloranti. Generalmente gli inchiostri sono forniti dalle fabbriche molto concentrati, per cui si rende indispensabile diluirli al momento dell'uso con olio o vernice decap. Si fa riscaldare la matrice di rame, impiegando una piastra termostatica o un fornello elettrico, ad una temperatura sopportabile al palmo della mano, lavandola con essenza di trementina o con petrolio, asciugandola con un panno di cotone. Questa operazione, oltre a pulire meglio i segni incisi, fa assorbire al rame, che ha una certa porosit, una piccola parte di grasso, facilita l'asportazione dell'inchiostro dalle aree dei bianchi e non rende lo stesso inchiostro troppo magro. Si riscalda nuovamente appena il rame e, con una spatola di legno, si dispone l'inchiostro opportunamente diluito a piccoli mucchietti. Quindi con un tampone di cuoio, esercitando una pressione in senso rotatorio, a colpi successivi, si fa penetrare l'inchiostro nei segni incisi, coprendo l'intera superficie del rame. Con una piccola radette di gomma o con un pezzo di cartone fibroso si asporta l'eccesso di inchiostro dalla superficie, togliendone il pi possibile. Quindi, con un batuffolo di tarlatana una specie di garza di cotone a trama larga , si inizia a pulire la lastra, esercitando una discreta pressione, lavorando con movimento rotatorio intorno ai bordi, evitando di soffermarsi troppo nel centro. L'uso della tarlatana, per la sua particolare tessitura a trama larga impedisce che, nel pulire la superficie del rame, si 106

Distribuzione dell'inchiostro sulla matrice.

Tamponatura.

Asportazione dell'inchiostro con racletta.

Pulitura della superficie con tarlatana.

Pulitura finale a palmo.

La matrice inchiostrata pronta per la stampa.

Positura della matrice sul piano del torchio (letto).

Posa della carta umida sulla matrice inchiostrata.

Stampa con pressione volvente.

Sollevamento della carta.

Torchio calcografico Krause. Scuola d'incisione dell'Accademia di Belle Arti di Napoli.

asporti l'inchiostro dai segni incisi. Pulita pi a fondo la lastra con una seconda tarlatana pi pulita, si ripassa su tutta la superficie il palmo della mano, con movimento veloce ma delicatamente, usando del bianco di Spagna impalpabile o del magnesio per sgrassare e pulire il palmo della mano di tanto in tanto. Occorre fare molta attenzione, pulendo il palmo, a non lasciarvi tracce di bianco o di magnesio, per evitare di farlo penetrare nei segni incisi, svuotandoli, cosa che pregiudica di molto il buon risultato della stampa. Occorre pulire bene la superficie del rame non incisa, e in modo omogeneo, per avere i bianchi perfettamente puliti, con maggior risalto dei segni e una costante qualit di stampa. Molti per usano velare le proprie stampe ripassando sulla lastra inchiostrata e pulita una garza di trama pi sottile, detta il cencio della nonna, facendo di poco emergere l'inchiostro dai solchi, ottenendo una leggera velatura su tutta la stampa e conseguente fusione dei segni. Tale operazione detta retrussage proprio perch tende ad alzare l'inchiostro nelle parti incise. Quando la lastra pronta, con uno straccetto e con del bianco di Spagna, si puliscono perfettamente i bordi del rame e si passa alla stampa. La carta per la stampa calcografica deve essere povera di colla e inumidita qualche ora prima del suo uso. Si usa la rosaspina di Fabriano, oppure l'Umbria; ottime sono le carte prodotte in Germania. Si pone la lastra inchiostrata sul piano del torchio calcografico, sul quale siano stati tracciati i punti di riferimento per l'esatta centratura nel foglio, sovrapponendovi il foglio inumidito e spazzolato per alzarne un po' il pelo. Girando la ruota, che fa muovere il piano del torchio, si fa passare la lastra sotto la forte pressione del cilindro; tra questo e la carta interposto il feltro che ne facilita la penetrazione nei solchi per accogliere l'inchiostro. Quando il piano del torchio recante la lastra coperta dal foglio completamente uscito dalla parte opposta, si solleva la stampa per un lembo e la si appende con una molletta di legno ad un filo per farla asciu111

gare. Il giorno dopo, quando la stampa ben asciutta, si bagna sul retro con una spugna e acqua e si mette a schiacciare tra i cartoni. L'inchiostrazione e la stampa di matrici destinate alla stampa a colori si eseguono nello stesso modo. I rami, rispettando i segni di registro, dovranno essere posti tutti nello stesso punto sul piano del torchio, tenendo puntato il foglio di carta su cui si stampano in successione i vari colori. Nello stampare matrici realizzate con acquatinta consigliabile non usare il palmo della mano nell'operazione di pulitura, ma asportare l'inchiostro con batuffoli di tarlatana sempre pi puliti.

Stampa di matrici litografiche I procedimenti di inchiostrazione e stampa litografici so no gli stessi per tutte le matrici, indipendentemente dai di versi metodi adottati per la loro realizzazione. Per effettuare la stampa da matrici di pietra necessario l'impiego del torchio litografico a stella. La macchina costituita essenzialmente da un piano di legno porta pietra che scorre su un rullo di acciaio e su un binario, al disopra del quale agisce un congegno per la pressione, costituito da una tavoletta di legno duro rivestita di cuoio su di un lato, detta pettine, infissa in un robusto blocco d'acciaio. Azionando una ruota a stella, da cui il nome del torchio, la stessa, per mezzo di una cinghia, trascina il piano portapietra al di sotto del pettine al quale, mediante un apposito congegno manovrato con un pedale, viene data la pressione necessaria per la stampa. II torchio litografico a stella a pressione piana-striciante; vi sono anche torchi litografici a pressione piana-cilindrica. La matrice si inchiostra rullando su una pietra perfettamente piana, con grossi rulli di cuoio o di gomma antisolvente a due manici, l'inchiostro litografico da stampa, riportandolo sulla forma stampante. L'inchiostro litografico da stampa deve avere come ca112

Torchio litografico a stella. Scuola d'incisione dell'Accademia di Belle Arti di Napoli.

ratteristica una corposit pi resinosa che grassa, e le sostanze che lo compongono non devono assolutamente essere solubili nell'acqua. Una forte intensit del colore e una buona propriet coprente sono gli altri requisiti che si richiedono all'inchiostro litografico, poich, essendo le parti stampanti dalla matrice e quelle non stampanti sullo stesso piano, eccedendo nella quantit di inchiostro per ottenere una maggiore intensit di colore, esso deborderebbe dalle aree stampanti impastando il lavoro. L'inchiostrazione si effettua tenendo la pietra sul piano del torchio. Con una spugna naturale si lava la superficie della pietra per rimuovere lo strato protettivo di gomma con cui stata precedentemente coperta e, lasciando un sottile velo d'acqua, si inizia a inchiostrare rullando sempre nello stesso verso, inumidendo appena con acqua di tanto in tanto. Quando la pietra sufficientemente inchiostrata vi si poggia un foglio di carta leggermente umido, sovrapponendovi un secondo foglio, si abbassa il telaio, detto timpano, si da la pressione abbassando il congegno del pettine agendo sul pedale e, girando la ruota a stella, si stampa. Le forme destinate per la stampa della cromolitografia e della litografia a colori si inchiostrano e si stampano nello stesso modo, tranne che nel poggiare lo stesso foglio sulla matrice di ogni colore, occorre rispettare i punti di riferimento incisi sulla pietra, che permettono di mettere a registro i vari colori. Si raccomanda di non caricare eccessivamente il rullo d'inchiostro, distribuendo sulla sua superficie uno strato abbastanza sottile. Se nel corso della tiratura apparissero sulla superficie della pietra macchie o segni non voluti, si possono cancellare, raschiando con un apposito pomicino bagnato con acqua che porta via l'inchiostro. Sulle zone cancellate si rida un po' di preparazione, la gomma con l'acido, e si lava con l'acqua e una spugna tutta la pietra. Pu anche accadere che inchiostrando, specie se si carica troppo il rullo d'inchiostro, la pietra tenda ad impastarsi; si pu rimediare ripassando, su tutta 114

la superficie inchiostrata, un miscuglio di gomma arabica e bianco di Spagna che monda la pietra, portando via l'eccesso di inchiostro. Dovendo ottenere un elevato numero di copie, si effettua il rinforzo delle impronte stampanti. Inchiostrata la pietra in modo uniforme, si lascia prima asciugare il velo d'acqua, poi con un piccolo soffietto o un setaccio sottile si copre tutta la superficie con bitume giudaico in polvere o con colofonia finissima. Si aspetta un poco per permettere alla polvere di bitume o di colofonia di incorporarsi bene nell'inchiostro e, con un batuffolo di cotone, se ne asporta l'eccesso. Con il getto di una fiamma si fa fondere il bitume o la colofonia restati incorporati nell'inchiostro, facendo raffreddare la pietra. Si copre l'intera superficie con una soluzione di gomma e acido piuttosto forte, facendola agire per qualche ora. Si lava quindi la pietra con acqua, si gomma di nuovo e si cancella l'inchiostro dalla superficie, rinforzando con litofina. Spolverata con talco e lavata con acqua, la forma pronta per essere stampata. Del tutto simile ai procedimenti di stampa della litografia su pietra, sono quelli per la stampa di matrici litografiche di zinco.

115

RICETTARIO Preparazione delle vernici per acquaforte

Le vernici per acquaforte si possono facilmente reperire sul mercato, tuttavia diamo qui un certo numero di ricette per la loro fabbricazione, essendo molto semplice ed economicamente conveniente farlo. Inoltre esistono sul mercato solo uno o due tipi diversi di vernice: conviene invece non usare sempre la stessa per la preparazione dei fondini destinati a tecniche diverse. Anticamente si usava per incidere all'acquaforte la vernice dei lignaioli che era cos composta: Pece greca gr. 300 Resina di Tyro gr. 300 Olio di noce gr. 240 Si fonde a fuoco la pece aggiungendovi la resina di Tyro facendo cuocere per circa 15 minuti. Si ritrae dal fuoco aggiungendovi, rimestando, l'olio di noce, rimettendo al fuoco per circa tre quarti d'ora. Un'altra vernice usata anticamente era composta pi semplicemente facendo fondere in eguale proporzione il mastice in lacrime con l'olio di lino crudo. Oggi queste vernici liquide completamente in disuso, sono sostituite da quelle dure, che sono pi o meno le stesse adottate dai grandi incisori del passato dai quali prendono il nome. Vernice Rembrandt: Cera Vergine gr. 60. Mastice in lacrime gr. 30. Ambra gr. 30. 117

Vernice Bosse: Cera vergine gr. 100. Mastice in lacrime gr. 100. Bitume giudaico gr. 30. Vernice Bosse dura (particolarmente adatta per il granito): Pece greca: gr. 100. Resina gr. 100. Olio di noce gr. 80. Vernice Callot: Cera bianca gr. 200. Paraffina gr. 150. Pece di Borgogna gr. 150. Vernice Villon dura: Cera vergine gr. 200. Ceresina gr. 200. Vaselina filante gr. 150. Pece di Borgogna gr. 150. Resina gr. 200. Vernice per aquaforte, la pi comune: Cera vergine gr. 100. Mastice in lacrime gr. 60. Bitume giudaico gr. 30. Vernice inglese: Cera vergine gr. 180. Pece greca gr. 120. Bitume giudaico gr. 120. Vernici dure: 1) Cera vergine gr. 240. Asfalto gr. 120. Ambra fusa gr. 60. Mastice in lacrime gr. 60. 118

2) Cera vergine gr. 60. Asfalto gr. 60. Pece nera gr. 30. Pece di Borgogna gr. 15. 3) Cera vergine gr. 120. Ambra fusa gr. 120. Pece nera gr. 30. Pece di Borgogna gr. 30. Vernici dure Callot: 1) Cera vergine gr. 120. Ambra pura gr. 20. Mastice in lacrime gr. 120. 2) Cera vergine gr. 120. Bitume giudaico gr. 120. Mastice in lacrime gr. 120. Vernice bianca trasparente: Cera vergine gr. 50. Mastice in lacrime gr. 75. Vernice nera: Cera vergine gr. 60. Mastice in lacrime gr. 30. Bitume giudaico gr. 30. Vernice a rullo. Questa vernice si applica sulla lastra gi incisa per rinforzarne la morsura dei segni. Si usa sciogliendo la vernice nera composta da cera vergine, mastice in lacrime e bitume, con essenza di lavanda in proporzione adatta al rullagio. Vernice a rullo all'inchiostro: Si fonde la vernice nera aggiungendovi inchiostro litografico in proporzioni uguali diluendo eventualmente con qual119

che goccia di essenza di trementina. Si applica a rullo sulla lastra tiepida. Vernici liquide da stendersi col pennello. Cera bianca gr. 120. Bitume giudaico gr. 60. Essenza di trementina cc. 40. Vernice liquida: Cera vergine gr. 120. Mastice in lacrime gr. 120. Bitume giudaico gr. 120. Essenza di trementina cc. 1000. Questa vernice particolarmente indicata per creare il sustrato nella tecnica dell'acquatinta con lo zucchero e per quella imitante il disegno a penna.

Preparazione delle vernici per acquatinta Vernice per acquatinta col sale. 1) Cera vergine gr. 60. Pece di Borgogna gr. 30. Asfalto gr. 12. Colofonia gr. 60. 2) Cera vergine gr. 60. Bitume giudaico gr. 15. Colofonia gr. 50. Trementina del larice gr. 30.

Vernice per mordenti forti adatta per l'incisione sull'acciaio


Cera vergine gr. 65. Bitume giudaico gr. 210. 120

Mastice in lacrime gr. 50. Soluzione satura in caotchouc gr. 8. Si fa fondere progressivamente a fuoco la cera vergine, il bitume e il mastice. Si ritrae dal fuoco e quando alquanto raffreddato ma ancora liquido si aggiunge la soluzione di caotchouc. Questa vernice con gli stessi ingredienti nelle stesse proporzioni, con aggiunta di essenza di trementina si pu ottenere anche liquida ed molto indicata per le coperture usando mordenti molto forti. Si prepara mettendo in infusione in cc. 1000 di essenza di trementina la cera a piccoli pezzi e il mastice in lacrime e il bitume finemente polverizzato per 48 ore. Poi si fa fondere per circa 20 minuti a fuoco e quando quasi fredda si aggiunge la soluzione di caotchouc.

Le lacche

Lacca di bitume. Bitume giudaico gr. 300. Essenza di trementina cc. 1000. Si prepara facendo fondere a fuoco il bitume giudaico aggiungendo l'essenza di trementina. Cuocere per 15 minuti. Lacca di colofonia La lacca di colofonia si prepara sciogliendo la resina nell'alcool fino ad ottenere una soluzione satura.

Vernice molle

La vernice molle si prepara aggiungendo ad una qualsiasi vernice per acquaforte la stessa quantit in peso di sego. 121

Inchiostro allo zucchero Acqua cc. 100. Gomma arabica Kordofan gr. 25. Soluzione satura di zucchero cc. 100. Inchiostro comune all'anilina cc. 50. Bianco di Spagna gr. 10.

Mordenti per il rame Acido nitrico cc. 250. Acido cloridrico cc. 250. Acqua cc. 1000. Mordente olandese Acido cloridrico cc. 125. Cloruro di sodio gr. 25. Clorato di potassio gr. 25. Acqua cc. 1000. Mordente energico Acido nitrico cc. 500. Acqua cc. 1000. Nitrato di rame gr. 90. Mordente leggero all'acido nitrico Acido nitrico cc. 250. Acqua cc. 1000. Mordente Callot o Tiranesi Acido acetico cc. 3 Solfato di rame gr. 40 122

Sale ammoniaco o cloruro di ammonio gr. 40 Cloruro di sodio gr. 40 Allume di rocca gr. 10 Acqua cc. 540 Mordente al percloruro di ferro Soluzione acquosa di percloruro di ferro al 35% Mordente antico all'acquaforte Acido nitrico cc. 500. Acqua cc. 500.

Mordente per lo zinco Acido nitrico cc. 200. Acqua cc. 1000. Cloruro di sodio gr. 25.

Mordenti per l'acciaio 1) Nitrato di rame cristallizzato gr. 8. Acido nitrico cc. 5. Acqua cc. 620. 2) Acido acetico glaciale gr. 80. Alcool assoluto cc. 20. Acido nitrico cc. 20. 3) Alcool etilico cc. 200. Acido nitrico cc. 100. Acqua distillata cc. 1500. Nitrato d'argento, 100 grammi per ogni litro di soluzione. 123

Mordenti per l'incisione diretta all'acquatinta


1) Cloruro di ammonio gr. 100. Cloruro di sodio gr. 50. Carbonato di rame gr. 50. Si mischiano le sostanze triturandole in un mortaio con un pestello di legno e per l'uso se ne stempera la quantit necessaria con miele. 2) Acido nitrico Argento di coppella. Si fa sciogliere all'aperto l'argento a palline fino a raggiungere la saturazione dell'acido. 3) Acqua gr. 100. Alcool cc. 100. Fegato di zolfo gr. 90. Olio di ricino cc. 30. Glicerina cc. 20. Si scioglie in acqua tiepida il fegato di zolfo, si aggiunge l'alcool, la glicerina e per ultimo l'olio di ricino. 4) Cloruro di ammonio gr. 20. Cloruro di sodio gr. 20. Carbonato di rame gr. 10. Si macinano finemente i sali mischiandoli accuratamente, conservandoli in un vaso chiuso. Al momento dell'uso si stemperano con del miele e acqua, facendo una vernice abbastanza densa.

Fabbricazione degli inchiostri calcografici da stampa


In una robusta pentola di terra chiusa si fa cuocere dell'olio di noce per circa due ore a fuoco lento. Tolto il coperchio dopo aver ritirata la pentola dal fuoco all'aperto si da 124

fuoco tenendo viva la fiamma per circa mezz'ora, quindi sovrapponendo un coperchio da stracci imbevuti di acqua si estingue la fiamma. Quando l'olio non brucia pi si mescola molto bene con un cucchiaio di legno e si rimette il tutto a fuoco vivo per altre tre ore. Fatta raffreddare la vernice di base pronta. Con questa vernice si preparano tutti gli inchiostri destinati alla stampa calcografica o macinandola su di un marmo con l'aggiunta delle diverse sostanze coloranti. Per ottenere il nero si aggiunge nero d'avorio finissimo o nero di Francoforte. Per gli altri colori si adoperano gli stessi pigmenti usati per la fabbricazione dei colori ad olio. Quando i pigmenti sono amalgamati con la vernice, fino ad ottenere una pasta densa ed omogenea si conserva l'inchiostro in vasi ben chiusi. Oggi si trovano facilmente in commercio tutti i vari tipi e colori di inchiostri calcografici.

Preparazioni per la pietra litografica


1) Gomma arabica Kordofan gr. 40. Acqua distillata cc. 150. Acido nitrico a 34 B gr. 2. Si scioglie a freddo la gomma nell'acqua distillata filtrandola con un passino di lino molto fine. Si misura con un areometro il grado di densit che dovr essere non superiore ai 10 Some. Se si superano i 10 gradi si aggiunge dell'acqua, se al di sotto della gomma. All'acqua e alla gomma si aggiunge l'acido nitrico che aumenta di 1 grado o 2 la sua densit. La preparazione si usa al momento. 2) Gomma arabica gr. 125. Acqua distillata gr. 500. Acido idroclorico gr. 25. 125

3) Soluzione di nitrato di calcio. (L'impiego della soluzione di nitrato di calcio molto indicato quando occorre trattare pietre lavorate con molte velature leggere. Il nitrato di calcio non attaccando la pietra ma agendo sulle superfci disegnate ha la propriet di decomporre solo il sapone contenuto nell'inchiostro o nel pastello, e non creando effervescenze non danneggia il risultato nelle velature.) Preparazione Chevalier e Langlum Cloruro di calcio gr. 187. Acqua distillata cc. 593. Gomma arabica gr. 125. Acido idroclorico gr. 31. Si scioglie il cloruro di calcio nell'acqua aggiungendovi la gomma, e quando quest'ultima ben sciolta si aggiunge l'acido. Si conserva in bottiglie chiuse. Questa preparazione offre innumerevoli vantaggi poich agisce in maniera uniforme e costante su tutta la superficie della pietra, permettendo di ottenere in fase di stampa con la stessa facilt sia i neri pi profondi che le pi leggere velature. Inoltre per le particolari propriet del sale di calcio conserva alla pietra una umidit costante favorendone l'inchiostrazione. Effetto delle preparazioni sulla pietra Tutte le soluzioni impiegate per la preparazione della pietra litografica hanno come scopo quello di togliere al pastello e all'inchiostro gli alcali in esso contenuti rendendoli insolubili all'acqua, e di rendere la superfcie della pietra non disegnata pi porosa e igroscopica permettendole di trattenere meglio l'acqua. Le soluzioni contenenti solo sali agiscono esclusivamente sulle parti disegnate non intaccando la pietra, mentre quelle contenenti acidi agiscono sia sull'inchiostro che sulla pietra. 126

Preparazioni per la litografia su lamiere di metallo


Preparazione per lo zinco e l'alluminio Acido gallico gr. 32,5. Acido cromico gr. 8,8. Acido nitrico cc. 50. Acido fosforico gr. 3,8. Acqua gommata cc. 1000. Si scioglie in un robusto recipiente di terracotta l'acido gallico nel nitrico. Questa operazione va fatta in piena aria poich durante la reazione si sprigiona un gas rossiccio estremamente tossico. Quando termina la reazione si aggiungono 500 cc. di acqua gommata arabica e si lascia riposare per circa 24 ore. Quindi si aggiunge l'acido cromico sciolto in pochissima acqua mescolando bene; per ultimo il fosforico 500 cc. di acqua gommata, lasciando riposare per altre 24 ore. Scade dopo tre mesi. Preparazione per lo zinco e l'alluminio con sali Questa preparazione permette di ottenere sia i neri profondi che le pi leggere velature. Acido gallico gr. 70. Acido nitrico cc. 50. Acido cromico gr. 20. Acido fosforico gr. 5. Acqua gommata cc. 2000. Si prepara nello stesso modo della precedente formula aggiungendovi i sali sciolti in acqua nella quantit di cc. 125. I sali sono cos composti: Nitrato di potassio gr. 56. Fosfato di potassio gr. 56. Nitrato di sodio gr. 28. Fosfato di sodio gr. 28. Acqua cc. 1000. Nota: l'acqua gommata si ottiene sciogliendo 250 grammi di gomma arabica in un litro d'acqua, filtrando. 127

Preparazione della carta autografica


Ingredienti: Amido gr. 120. Gomma arabica Kordofan gr. 40. Allume di rocca gr. 10. Si prepara sciogliendo l'amido in cc. 1000 di acqua facendolo cuocere per circa dieci minuti fino ad ottenere una pasta debole. Si scioglie a parte la gomma arabica in 160 cc. di acqua e si versa nella suddetta pasta aggiungendovi l'allume sciolto in poca acqua. Si pu aggiungere un colorante. La preparazione si applica con un pennello largo e morbido su carta senza colla a caldo. Quando la carta asciutta la si fa passare sotto la pressione di un torchio litografico ponendola con la faccia preparata su di una pietra perfettamente pulita. Quindi si ricopre con polvere di sandracca molto fine e si sfrega con una zampa di lepre uniformemente facendole perdere la propriet bibula, e un poco il colore eventualmente aggiunto nella preparazione. La carta autografica si pu preparare anche nel seguente modo: Amido gr. 120. Gesso di vecchie statue polverizzato gr. 240. Gomma gotta in quantit da colorare. Acqua cc. 1000. Si prepara con l'acqua la pasta d'amido aggiungendovi la polvere di gesso e in ultimo il colorante, nello stesso modo della precedente.

Preparazione dell'inchiostro litografico da disegno


Ricetta di Augusto Bry (1835) Sapone animale gr. 93. Cera vergine gr. 125. Sego gr. 62. 128

Gomma lacca gr. 93. Nero fumo quanto basta a rendere la sostanza ben nera. Ricetta Desmadryll. (1842) Cera vergine gr. 80. Mastice in lacrime gr. 20. Gomma lacca gr. 56. Sapone bianco gr. 44. Nero fumo 18 gr. Ricetta Chevalier-Langlum 1838 Cera vergine gr. 80. Sego gr. 80. Sapone gr. 90. Gomma lacca gr. 60. Nero fumo sufficiente alla coloritura. Inchiostro per carta autografica. Sego gr. 40. Cera vergine gr. 20. Gomma lacca gr. 20. Sapone gr. 20. Nero fumo gr. 15. I componenti dell'inchiostro litografico da disegno sono sempre gli stessi, come si vede, per tutte le ricette, variano soltanto i rapporti di proporzione degli ingredienti. Per preparare l'inchiostro si riscaldano il sego e la cera provocandone la loro combustione, aggiungendovi la gomma lacca in piccole quantit, tenendo la fiamma in atto per circa 15 minuti fino a rendere il miscuglio completamente fluido. Si aggiunge il sapone a poco a poco, che estinguer la fiamma, rimestando ben bene. Per ultimo si aggiunge il nero fumo e quando il tutto ben amalgamato si versa in piccoli stampi.

Preparazione dei pastelli litografici


Ricetta Chevalier e Langlum. Cera gialla gr. 64. 129

Sego gr. 8. Sapone bianco gr. 48. Salnitro gr. 2. Nero fumo gr. 14. Ricetta Engelmann Cera gialla gr. 32. Sapone bianco di Marsiglia gr. 24. Sego gr. 4. Nero fumo gr. 7. Acqua gr. cc. 7. Salnitro gr. 1. Ricetta Lasteyre. Sapone di sego disseccato gr. 12. Cera bianca gr. 12. Nero fumo gr. 2. (Questa ricetta per la sua composizione permette di semplificare il processo di preparazione; basta mettere insieme le tre sostanze facendole fondere a fuoco). Pastello e matita per carta autografica. Cera vergine gr. 40. Gomma lacca gr. 10. Sapone gr. 20. Nero fumo gr. 20. La preparazione dei pastelli litografici simile a quella dell'inchiostro. Occorre solo farlo rifondere per formare le matite versandolo negli appositi stampini.

Inchiostro litografico da trasporto


Ingredienti: Cera gialla gr. 100. Sego gr. 100. Sapone bianco gr. 300. Colofonia gr. 500. Vernice debole gr. 1000. 130

Nero fumo in quantit sufficiente. Si fanno fondere a fuoco la cera, il sego, la colofonia e in ultimo il sapone cuocendo per circa 20 minuti. Si ritrae dal fuoco e quando ancora molto caldo si aggiunge la vernice debole di olio di lino. Quando le sostanze sono ben amalgamate si aggiunge, macinando su un marmo, il nero fumo in quantit necessaria ad ottenere una pasta abbastanza spessa.

Inchiostro litografico da stampa


Ingredienti: Cera bianca gr. 100. Sego gr. 200. Essenza di trementina gr. 100. Vernice forte litografica gr. 200. Si fanno fondere insieme la cera e il sego a cui si aggiunge la vernice e l'essenza di trementina. Con questa amalgama si aggiungono i pigmenti coloranti, macinando, fino ad ottenere una pasta molto densa. Fabbricare gli inchiostri litografici da stampa cosa abbastanza inutile in quanto sono reperibili con grande facilt in commercio e sono gli stessi che si impiegano largamente per la stampa in offset. Nota: la vernice si ottiene facendo inspessire al fuoco in un recipiente chiuso di terra l'olio di lino crudo, con lo stesso procedimento descritto nella fabbricazione della vernice base dell'inchiostro calcografico. La vernice debole si ottiene dimezzando i tempi della cottura.

131

INDICE
Introduzione Le tecniche Xilografia Xilografia di filo (antica xilografia, taglio di risparmio) Xilografa di testa (nuova xilografia) Xilografia classica Xilografa a chiaroscuro (camai'eu) Xilografia a colori La linoleografia Calcografa Incisione a bulino Incisione all'acquaforte La vernice molle Incisione a soli punti (pointill) Maniera nera, mezzotinto o fumo Incisione in cavo a fondo punteggiato, o granito Incisione su metallo a fondo punteggiato, o crible Acquaforte a rilievo Maniera a lapis, o crayon Opus malici La puntasecca Acquatinta Acquatinta a grana di colofonia Acquatinta a grana di bitume giudaico Acquatinta a grana di sale Acquatinta a lavis 133 7 11 13 13 17 20 21 22 23 25 25 30 40 46 47 50 52 54 56 58 59 61 61 62 63 67

Acquatinta con inchiostro allo zucchero Acquatinta a spruzzo Acquatinta diretta con: fegato di zolfo nitrato d'argento miscugli di sale Acquatinta imitante la pittura ad olio Incisione a tratto imitante la penna L'incisione in acciaio L'incisione calcografica a colori Incisione calcografica a due, tre o quattro colori L'incisione a colori quadricromica La litografia Litografa a matita e a pastello Litografa a penna e a pennello Maniera litografica a spruzzo Maniera nera litografica Lavis litografico, o tampone Litografia a rilievo Litografia incisa o puntasecca litografica La cromolitografia La litografia a colori La litografia su lastre metalliche La stampa Stampa di matrici in rilievo Stampa di matrici in cavo Stampa di matrici litografiche

68 71 71 73 73 74 75 79 79 80 82 85 86 89 91 92 92 95 97 99 100 101 103 103 105 112

Ricettario 117 Preparazione delle vernici per acquaforte 117 Preparazione delle vernici per acquatinta 120 Vernice per mordenti forti adatta per l'incisione sull'acciaio 120 Le lacche 121 Vernice molle 121 Inchiostro allo zucchero 122 Mordenti per il rame 122 Mordente per lo zinco 123 Mordenti per l'acciaio 123 134

Mordenti per l'incisione diretta all'acquatinta Fabbricazione degli inchiostri calcografici da stampa Preparazioni per la pietra litografica Preparazioni per la litografa su lamiere di metallo Preparazione della carta autografica Preparazione dell'inchiostro litografico da disegno Preparazione dei pastelli litografici Inchiostro litografico da trasporto Inchiostro litografico da stampa

124 124 125 126 128 128 129 130 131

135

Bruno Starila nato nel 1933 a Napoli, dove vive e lavora. Ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Napoli, sotto la guida del maestro Emilie Notte, conseguendo il diploma in pittura. Da circa quarantanni si dedica prevalentemente alle tecniche dell'incisione calcografica, xilografica e alla litografia. titolare della la Cattedra di Tecniche dell'Incisione presso l'Accademia di Belle Arti di Napoli. Attivit svolta 1955 Roma. Calcografica Nazionale. Premio Abruzzini per l'Incisione Napoli. Rassegna delle Arti Figurative nel Mezzogiorno Napoli. Incontri della Giovent Roma. Palazzo delle Esposizioni. 7a Quadriennale Nazionale d'Arte Roma. Palazzo Barberini. Mostra Nazionale d'Arte Figurativa. Ente Premi Roma Melfi. Premio Citt di Melfi. Repubblica di San Marino. Mostra d'Arte Figurativa II Titano Reggio Emilia. Mostra Nazionale del Disegno e dell'Incisione Moderna Rimini. Premio Morgan's paint La Spezia. 9 Premio Nazionale Golfo della Spezia Milano. 20 a Biennale Nazionale d'Arte Roma. Museo d'Arte Moderna. Mostra Premi Ministero Pubblica Istruzione Roma. Palazzo delle Esposizioni. 3a Mostra Nazionale d'Arte Giovanile Catania. 2 a Mostra Nazionale d'Arte del Bianco e Nero Firenze. 7 Premio Valombrosa Roma. Palazzo delle Esposizioni. 8a Quadriennale Nazionale d'Arte La Spezia. 10 Premio Nazionale Golfo della Spezia Varsavia. Rassegna dell'Incisione Italiana Contemporanea Cracovia. Rassegna dell'Incisione Italiana Contemporanea Poznam. Incisori Italiani Contemporanei Dublino. Rassegna dell'Incisione Italiana Contemporanea Venezia. 3 a Biennale dell'Incisione Italiana Contemporanea 137

1956 1957

1958

1959

Lodz. Rassegna dell'Incisione Italiana Contemporanea Bydgoszcz. Rassegna dell'Incisione Italiana Contemporanea Vienna. Kunstherhaus. Incisione Italiana Contemporanea Forl. Premio Forl per il Disegno La Spezia. l l a Mostra Nazionale Golfo della Spezia 1963 Napoli. Galleria San Carlo. Mostra Personale Paris. Muse d'Art Moderne. 3e Biennale International d'Art Moderne Firenze. Galleria Vignanuova. Mostra Personale Roma. Palazzo delle Esposizioni. Rassegna Nazionale di Arte Figurativa Parma. Galleria S. Andrea. Incisori Italiani Contemporanei Roma. Museo delle Arti e Tradizioni Popolari. Premio Ministero P.I. Roma. Palazzo delle Esposizioni. 19a Quadriennale Nazionale d'Arte Roma. Palazzo Barberini. Rassegna Nazionale di Arte Figurativa Milano. 24 a Biennale Nazionale d'Arte Citt del Messico. Grabadores Italianos Alessandria d'Egitto. 6a Biennale Internazionale d'Arte del Mediterraneo Roma. Galleria Penelope. Mostra Personale Milano. 3 Premio Cinisello Balsamo Citt del Guatemala. Rassegna dell'Incisione Italiana Contemporanea Caracas. Incisori Italiani Contemporanei Lima. Mostra dell'Incisione Italiana Cittadella. l a Biennale Nazionale dell'Incisione Italiana Napoli. Galleria II Centro. Mostra Personale Pistoia, Prato. l a Biennale Nazionale II fiore nella Grafica Contemporanea Citt di Ariano. Rassegna Nazionale d'Arte Venezia. 7 a Biennale dell'Incisione Italiana Contemporanea Tripoli. Incisione Italiana Contemporanea Tunisi. Incisori Italiani Contemporanei Pistoia, Citt di Pescia. 2a Biennale Internazionale II fiore nella grafica contemporanea Beyruth. Mostra dell'Incisione Italiana Contemporanea Ankara. Incisione Italiana Contemporanea Milano. Galleria L'Agrifoglio. Mostra Personale Cairo. Rassegna dell'Incisione Italiana Contemporanea Cittadella. 2 a Biennale dell'Incisione Italiana Contemporanea Benevento. Museo del Sannio. Incisori veneti Mosca. Incisori veneti Milano. 26 a Biennale Nazionale d'Arte Napoli. Palazzo Reale. Grafica Italiana Contemporanea Soragna. 8 Premio Nazionale del Bianco e Nero 138

1960

1971

1972

1973 1974 1975 1977

1978

1979

Caserta. Palazzo Reale. Rassegna Nazionale Perch ancora la pittura Napoli. Palazzo Reale. Aspetti della nuova figurazione in Italia Sassari. 7 a Mostra Nazionale di Incisioni Italiane Napoli. Galleria Turchetto. 14 artisti per l'artista. Omaggio a Emilio Notte Roma. Galleria Aldina. Mostra Personale Roma. Galleria del Vantaggio. Premio G. Sciortino Faenza. 4 a Biennale dell'Arte Grafica Italiana Contemporanea Caserta. Palazzo Reale. Perch l'ironia Napoli. Galleria Turchetto. Mostra Personale Firenze. Palazzo Strozzi. 4a Biennale Internazionale della Grafica d'Arte Acireale. Palazzo Comunale. 8 a Rassegna Internazionale d'Arte Ironia come Alternativa Napoli. Studio Turchetto. Mostra Personale Napoli. Villa Pignatelli. Mostra didattica Le tecniche dell'inci sione a cura di Bruno Starila, in contemporanea alla Mostra di incisioni di Albrecht Drer Napoli. Galleria Apogeo. Mostra personale Atene. Pinacoteca Nazionale. Incisione Italiana Contemporanea Bologna. Artefera Internazionale Cairo. Mostra di Grafica Italiana Contemporanea Teheran. Mostra Internazionale d'Arte. Fondazione Shabbanu Farh Napoli. Galleria Apogeo, Mostra personale Molfetta. Arte fantastica oggi Cittadella. 3 a Biennale dell'Incisione Italiana Contemporanea Bologna. Artefera Internazionale Roma. Banca popolare di Milano. Mostra personale Modena. Galleria II torchio. Mostra personale Venezia. Opera Bevilacqua La Masa. 210a Rassegna dell'Associazione Incisori Veneti Avezzano. 23 Premio Nazionale d'Arti Figurative Grenoble. Hexagone de Meylan, Grafica Italiana Nantes. Universit. Incisione Italiana Lille. Ecole des Beaux Arts. Incisione Italiana Le Touquet. Galerie d'Art. Incisori Italiani Strasburgo. Gabinet des Estampes. Incisione Italiana Rio de Janeiro. Museu Nacional de Belas Artes. Incisione Italiana Olinda. Museu de Arte Contemporanea de Fernambuco. Incisori Italiani Sao Paulo. Museu de Arte. Incisione Italiana Quito, Ecuador. Embajada de Italia. Muestra Grafica Italiana Contemporanea Mendoza. Museo Municipal de Arte Moderno. Grafica Italiana Contemporanea 139

1980

1981

1982

1983

1984

Napoli. Galleria Apogeo. Mostra personale Cape Town. National Gallery. Grafica Italiana Kimberley, Pretoria, Durban. Mostra di Incisori Italiani Contemporanei Amsterdam. Galleria Forni. Mostra personale Bari. Expo Arte. Mostra personale Mostra itinerante della Grafica Italiana organizzata dal Ministero degli Affari Esteri d'Italia nelle citt di Bulawayo, Salisbury, Nairobi, Addis Abeba, Dakar, Montreal, Ottawa, Toronto, Vancouver Milano. Nuovo Sagittario. Mostra personale Napoli. Museo Nazionale Villa Pignatelli. Mostra Antologica Forl. Galleria Melozzo. Mostra personale Perth. Mostra Grafica Figurativa Italiana Bari. Expo Arte. Mostra personale Seul. Grafica Italiana Salerno. Galleria II Catalogo. Mostra personale Bari. Expo Arte. Mostra personale Mestre. Galleria Plusart. Mostra personale Roma. Galleria Russo. Mostra personale Napoli. Galleria Apogeo. Mostra personale Biella. Premio Internazionale Biella per l'Incisione Berlino (D.D.R.). Inter-grafk 84 Venezia. Galleria Ravagnan. Mostra personale Bari. Expo Arte. Mostra personale Maddaloni. Biennale di Grafica e Designer F. Imposimato Sulmona. 13a Mostra d'Arte Contemporanea Cocquio Trevisago. Maestri Incisori '87 Gaiarine. Biblioteca Comunale. Aspetti dell'Incisione oggi in Italia Modica. 4 Premio Ibla Mediterraneo Internazionale di Pittura e Grafica Vienna. Istituto Italiano di Cultura. Incisione Italiana Contemporanea Oderzo. la Biennale Nazionale di Grafica Alberto Martini Rovigo. Palazzo Roncale. Aspetti dell'Incisione Italiana Contemporanea Napoli. Palazzo Reale. Societ Dante Alighieri. Mostra antologica dal 1979 al 1989 Oderzo. 2a Biennale Nazionale d'Incisione Alberto Martini Sansevero. Associazione Culturale Dedalos. Calcografia: Sei Incisori Contemporanei Siena. 2 Premio Montevertine per l'Incisione

140

FINITO DI STAMPARE NEL MESE DI SETTEMBRE MCMXCI NELLO STABILIMENTO ARTE TIPOGRAFICA S.A.S. S. BIAGIO DEI LIBRAI - NAPOLI

Potrebbero piacerti anche