Sei sulla pagina 1di 36

L'ego

Ma l'ego è il mio senso di me stesso, no?

No. Lego è ciò che credi di essere. Non ha nulla a che fare con Chi Sei Realmente.

Questo non contraddice un tuo precedente insegnamento, cioè che è giusto avere un
amor proprio?

No. Avere amor proprio è un'ottima cosa: l'ego è necessario per sperimentare ciò che stai
provando adesso, cioè la sensazione di essere un'entità separata in un mondo relativo.

Okay, adesso sono totalmente confuso.

Anche questo va benissimo. La confusione è il primo passo verso la saggezza. Folle è chi
crede di avere tutte le risposte.

Insomma, avere un ego va bene o non va bene?

Questa è una domanda complessa.


Voi siete entrati nel mondo relativo (quello che lo definisco il Regno del Relativo) per
sperimentare ciò che non potreste provare nel Regno dell'Assoluto. Cercate di
sperimentare Chi Siete Realmente. Nell'Assoluto potete saperlo, ma non sperimentarlo. E
il desiderio della vostra anima è quello di conoscersi attraverso l'esperienza. Il motivo per
cui nel Regno dell'Assoluto non potete sperimentare nessun aspetto di Chi Siete
Realmente è che in quella dimensione non c'è nulla che voi non siate.
L'Assoluto è l'assoluto. Il Tutto di Ogni Cosa. L'Alfa e Omega, senza nulla nel mezzo.
Non ci sono gradi dì "assolutezza". I gradi di qualunque cosa possono esistere soltanto a
livello relativo.
Il Regno del Relativo è stato creato allo scopo di permettervi di conoscere Voi Stessi
come esseri magnifici, tramite l'esperienza. Nel Regno dell'Assoluto non c'è altro che la
magnificenza, quindi la magnificenza "non è".
Ovvero, non può essere sperimentata, non può essee conosciuta tramite l'esperienza,
perché non è possibile sperimentare la magnificenza in assenza di ciò che, non è
magnifico. In verità, siete Uno con tutte le cose. questa è la vostra magnificenza! Eppure,
mentre siete in questo stato di unità con il tutto, non potete conoscerla, perché non esiste
nient'altro, e quindi essere Uno con tutte le cose non significa nulla. Nella vostra
esperienza, siete semplicemente "voi" e non sperimentate in e alcun modo la
magnificenza di tutto ciò.
L'unico modo che avete per sperimentare la magnificenza di questa unità è quello di
creare una condizione in cui non essere Uno con tutte le cose sia possibile. Ma poiché nel
Regno dell'Assoluto, che rappresenta la realtà ultima, tutto è Uno, creare qualcosa che
non sia parte di tale unità è impossibile.
Non è impossibile, tuttavia, creare l'illusione di non essere Uno con tutto. È stato questo
il motivo per cui è stato creato il Regno del Relativo. E come il paese delle meraviglie di
Alice, in cui le cose non sono ciò che sembrano.
Il vostro ego è lo strumento principale che avete a disposizione per creare tale illusione.
Vi permette di immaginarvi separati da Tutto il Resto di Voi. È la parte di voi che vi vede
come individui.
Voi non siete individui, eppure dovete individualizzarvi, per comprendere e apprezzare
l'esperienza del tutto. Perciò, in questo senso, avere amor proprio è "bene". Lo è alla luce
dì ciò che tentate di fare.
Ma averne troppo non va bene, rispetto a ciò che state cercando di fare. Il vostro scopo è
quello di usare l'illusione della separazione per comprendere e apprezzare meglio
l'esperienza dell'Unione, che rappresenta Chi Siete Realmente.
Quando l'amor proprio diventa così forte che riuscite a vedere soltanto il vostro Sé
separato, perdete ogni possibilità di sperimentare il Sé unificato e siete perduti. Vi siete
letteralmente smarriti nel mondo dell'illusione e vi tocca restarci per molte vite, finché
riuscirete a liberarvene, o finché qualcun altro, un'altra anima, non vi aiuterà a uscirne.
Questo significa l'espressione "restituire le persone a se stesse". Questo è ciò che le
Chiese cristiane intendevano con il concetto di "salvatore". L'unico loro errore è stato
quello di proporsi quale unico strumento di "salvazione", rafforzando così l'illusione della
separazione, proprio quella separazione da cui in teoria cercano di salvarvi. Insomma,
capire se è o meno una buona cosa avere amor proprio è una questione complessa: tutto
dipende da ciò che state cercando di fare.
Se usate l'ego come uno strumento attraverso il quale sperimentare la Realtà Unica, è un
bene. Se è l'ego a usare voi per impedirvi di sperimentare tale realtà, non è un bene.
Comunque potrete sempre scegliere liberamente, rispetto a ciò che siete venuti a fare qui.
Se trovate piacevole non sperimentare voi stessi come parte dell'Uno, avete la scelta di
non fare quell'esperienza proprio adesso. Solo quando ne avrete avuto abbastanza della
separazione, dell'illusione, della solitudine e del dolore, cercherete la via per tornare a
casa. E scoprirete che lo sono lì, che sono sempre stato lì.
Sempre. In tutti i modi.
Caspita. Chiedi una risposta, e ti sarà data. Specialmente se la chiedi a Dio.
Già, capisco. Tu non hai bisogno di metterti a pensare a queste cose.
No. La risposta è sempre pronta, sulla punta della Mia lingua. E anche sulla punta della
tua, oserei dire.

Che cosa significa?

Significa che non tengo per Me queste risposte. Le risposte a tutte le domande della vita
sono sempre sulla punta della lingua di ognuno di voi.
È un altro modo di dire: "Come parli, così sia".

Ma allora, a volerTi dare retta, se io affermo che le Tue parole sono un mucchio di
fandonie, ne consegue che tutto ciò che mi hai detto finora è falso.
È vero.
No, non è vero.
Voglio dire, è vero che non è vero.
Ma, se affermo che tutto ciò che Tu dici è falso, ne consegue che non è vero che sia falso.
È vero.
A meno che non lo sia.
A meno che non lo sia. Vedi, sei sempre tu a creare la tua realtà.
Questo è ciò che dici Tu.
Esatto.
Ma se io non ci credo...
Allora non sperimenterai la tua realtà in questo modo. Attento però a come si chiude il
cerchio: poiché non credi di essere tu a creare la tua realtà, la speri .
Cambiare pensiero
Il che mi porta a farti un'altra domanda. Perché non dai appunto una sistemata a questo
mondo, invece di lasciarlo andare all'inferno?

Perché non lo fai tu?

Perché non ne ho il potere.

Sciocchezze. Hai il potere e la capacità di mettere fine alla fame nel mondo in questo
stesso momento, di curare subito le malattie. Che cosa ne pensi se ti ripeto che la vostra
stessa classe medica non fa conoscere le cure, si rifiuta di approvare la medicina e le
terapie alternative perché rappresentano una minaccia alla stessa struttura sanitaria? Che
cosa ne pensi se ti dico ancora che i governi del mondo non vogliono la fine della fame
nel mondo? Mi crederesti?

Ho qualche difficoltà a questo riguardo. So che si tratta del punto di vista populista, ma
non riesco a credere che in effetti corrisponda al vero. Nessun medico sarebbe disposto a
negare una cura. Nessun governante vorrebbe vedere il suo popolo morire.

Nessun dottore preso individualmente, questo è vero. Nessun particolare uomo di


governo, giusto. Ma la professione medica e l'attività politica si sono istituzionalizzate, e
sono le istituzioni che si battono contro queste cose, talvolta in maniera molto subdola,
talaltra senza nemmeno volerlo, ma ineluttabilmente, perché per queste istituzioni è una
questione di soprawivenza.
Per esempio, ti ho già detto che i dottori in occidente negano l'efficacia terapeutica della
medicina orientale perché ammettere che talune modalità alternative alle loro riescano a
ottenere anche soltanto qualche risultato nelle guarigioni significherebbe lacerare il
tessuto stesso dell'istituzione così come si è tradizionalmente strutturata.
Non si tratta di una forma di malevolenza, ma è un'azione molto insidiosa. La medicina
ufficiale non fa una cosa del genere per cattiveria, lo fa perché è spaventata.
"Tutte le aggressioni sono una richiesta di aiuto". L'ho letto in A Course in Miracles.
Lo so. Ce l'ho messo io.

Hai dvvero una risposta per tutto.


Il che mi ricorda che abbiamo appena cominciato con le tue domande. Stavamo
discutendo del modo in cui tu avresti potuto mettere sulla buona strada la tua vita. Del
modo per farla "decollare". Stavo parlando del processo della creazione.

Sì, e io continuo a interromperti.

Giusto, ma facciamo ora un passo indietro, per non perdere il filo di qualcosa che è molto
importante.
La vita è una creazione, non una scoperta.
Non vivi per scoprire che cosa ti porta di nuovo ogni giorno, bensì per crearlo. Crei la tua
realtà minuto per minuto, con ogni probabilità senza saperlo.
Ecco qui il motivo per cui ciò è così, e come funziona.
Ti ho creato a immagine e somiglianza di Dio.

Dio è il creatore.

Sei tre esseri in uno. Puoi definire questi tre aspetti dell'essere in qualunque modo tu
voglia: Padre, Figlio e Spirito Santo; spirito, mente e corpo; super-io, io e
inconscio eccetera.

La creazione è un processo che procede da queste tre parti del tuo essere. Messo in
altri termini, tu crei a tre livelli. I mezzi della creazione sono: il pensiero, la parola
e le azioni.

Tutta la creazione incomincia dal pensiero ("Procede dal Padre"). Tutta la creazione
poi continua con la parola ("Chiedi e ti sarà dato, parla e per te sarà fatto"). Tutta
la creazione si compie nell'azione ("E il Verbo si incarnò e rimase tra noi").

Quello che pensi, ma in seguito non esprimi mai in parole, viene creato su un certo
livello. Quello che pensi ed esprimi in parole viene creato su un altro livello.
Quello che pensi, esprimi e fai, diventa manifesto nella tua realtà.

Pensare, esprimere, e fare qualcosa in cui non si creda totalmente è impossibile.


Perciò il processo della creazione deve includere la fede, ossia la consapevolezza.
Questa è la fede assoluta. Questo va al di là della speranza. Questo è avere
coscienza di una certezza. ("Grazie alla tua fede sarai guarito".) Perciò la parte
attiva della creazione include sempre la consapevolezza. Si tratta di una chiarezza
a livello viscerale, una totale certezza, una completa accettazione di qualcosa
come una realtà.

Questo luogo di autentica conoscenza è un luogo di intensa e incredibile gratitudine.


Sì tratta di un 'anticipata riconoscenza. E questa, forse, è la più importante chiave
per la creazione: essere grati in anticipo, e a causa della creazione. Dare la cosa
per scontata in partenza, non solo è giustificato, ma incoraggiato. Costituisce il
chiaro indice di una profonda conoscenza. Tutti i Maestri sanno in precedenza che
l'azione si è compiuta.

Celebra e godi di tutto quello che crei, che hai creato. Respingere una qualsiasi parte
di esso è respingere una parte dite stesso. Qualunque cosa si presenti adesso come
una parte della tua creazione, possiediia, reclamala, benedicila, siine grato. Cerca
di non condannarla "Dio la maledica " perché condannarla vuoi dire condannare
te stesso.

Se esiste qualche aspetto della creazione che trovi insoddisfacente, benedicilo e


limitati a cambiario. Fai una nuova scelta. Chiedi una nuova realtà. Pensa un
pensiero nuovo. Pronuncia una nuova parola. Fai qualcosa di nuovo. Fallo in
maniera magnifica e il resto dei mondo ti seguirà. Chiedi che lo faccia. Pretendilo.
Di': "Sono la Vita e la Via, seguitemi". Questo è il modo di manifestare la volontà
di Dio "così in Cielo come in Terra".

Se fosse tanto semplice, se questi dieci iniziative sono tutto quello di cui abbiamo bisogno,
perché le cose non funzionano in tal modo per molti di noi?

Funzionano così, per tutti voi. Alcuni di voi agiscono in maniera consapevole, e altri
senza rendersene conto, senza nemmeno sapere quello che fanno. Taluni di voi
procedono del tutto vigili, e altri sono sonnambuli. Eppure tutti state creando la vostra
realtà -creandola, non scoprendola - ricorrendo al potere che vi ho conferito, e al
procedimento che vi ho appena descritto. Quindi, tu mi hai domandato quando la tua vita
avrebbe "preso quota", e io ti ho dato la risposta. Otterrai che la tua vita "decolli"
innanzitutto diventando ben certo di quello che ne pensi. Pensa a quello che vorresti
essere, a quello che vorresti fare e avere. Pensaci spesso finché non ti sarai chiarito
appieno le idee. Poi, quando avrai raggiunto tale risultato, non pensare ad altro. Non
immaginare nessun'altra possibilità.

Scaccia tutti i pensieri negativi dalle tue costruzioni mentali. Sbarazzati di ogni
pessimismo. Abbandona qualunque dubbio. Respingi la paura. Disciplina la tua mente
perché si attenga strettamente al pensiero creativo originale.
Quando i tuoi pensieri saranno limpidi e incrollabili esprimili come verità. Pronunciali ad
alta voce. Serviti della grande autorevolezza che suscita il potere creativo: Io sono.
Dichiara il fatto che tu esisti agli altri. "Io sono" è la dichiarazione creativa più forte in
tutto l'universo. Qualunque cosa tu dica, dopo le parole "Io SONO" mette in moto queste
esperienze, le suscita, le porta a te.
Non esiste altra via della quale l'universo abbia nozione circa il proprio funzionamento.
Non esiste altra strada da prendere di cui esso sia a conoscenza. L'universo risponde alle
parole "Io sono" come risponderebbe il genio della lampada.

Tu dici: "Abbandona qualunque dubbio, respingi la paura, sbarazzati di ogni


pessimismo", come se dicessi: "Prendi una fetta di pane". Ma queste cose è più facile
dirle che farle. "Scaccia tutti i pensieri negativi dalle tue costruzioni mentali", potrebbe
benissimo leggersi come, "Scala il monte Everest, prima di colazione". Si tratta piuttosto
di un ordine ancora più impegnativo.

Imbrigliare i tuoi pensieri, esercitando il controllo su di essi, non è così difficile come
potrebbe sembrare. (Né, quanto a questo, lo è lo scalare il monte Everest.) È tutta una
questione di disciplina. E tutta una questione di volontà.
Il primo passo è quello di imparare a controllare i tuoi pensieri; a pensare a quello a cui
stai pensando. Quando ti sorprendi a pensare pensieri negativi - pensieri che negano la
tua più alta idea circa una cosa - ricomincia a pensare! Voglio che tu lo faccia alla lettera.
Se pensi di essere in un periodo di depressione, in una situazione spiacevole, e che niente
di buono ne può derivare, pensa di nuovo. Se pensi che il mondo sia un luogo deplorevole,
pieno di eventi negativi, ricomincia a pensare. Se pensi che la tua vita stia andando a
catafascio, e hai l'impressione di non riuscire più a rimetterne insieme i pezzi, ricomincia
a pensare.
Ti puoi addestrare a farlo. "Rifletti su come sei riuscito bene ad addestrare te stesso a non
farlo!"

Grazie. Non mi hanno mai prospettato questo procedimento con tanta chiarezza. Vorrei
che fosse facile a farsi come a dirsi, ma ora se non altro ho capito con chiarezza, credo.

Bene, se hai bisogno di un ripasso, abbiamo a disposizione numerose vite.


Afferrare i momenti di grazia
ORA è il momento di decidere. Voi, e tutta la vostra specie, siete arrivati a un punto di
svolta.
Nei giorni, nelle settimane, nei mesi e negli anni che verranno, sceglierete come volete
che sia la vita sul vostro pianeta, oppure se volete che ci sia vita sul vostro pianeta.
Sceglierete di continuare a vivere nell'Illusione che avete creato come se fosse reale,
oppure sceglierete di allontanarvi dall'Illusione, di vederla per ciò che è, e di usarla per
fare l'esperienza del paradiso in terra, e della Realtà Ultima di Chi Siete Realmente?
Questo è il mio messaggio al mondo: Voi potete creare una nuova civiltà. Potete cercare
un mondo nuovo. La scelta è vostra. Il momento è a portata di mano. Questo è il vostro
momento di grazia.
Usatelo. Afferrate/o.
Iniziate non appena vi svegliate, vedendovi come Chi Siete Realmente, lodando tutto ciò
che siete stati e ciò che siete diventati. E scegliete, in quel momento di grazia, di
diventare più di tutto ciò che siete mai stati, o che abbiate mai sognato di essere.
Spingetevi oltre la vostra portata, e ricordate che nulla è fuori portata.
Vedetevi come la luce che illuminerà il mondo. Dichiarate che questo è ciò che siete.
Annunciatelo al vostro cuore, e poi annunciatelo a tutti attraverso il cuore. Fate che le
vostre azioni siano quell'annuncio. Riempite il mondo d'amore.
Sappiate che siete i salvatori che tutti attendevano, venuti a salvare tutti coloro che
incontrate da qualunque pensiero che possa negare la meraviglia di chi sono, e la gloria
della loro eterna comunione con Dio.
Sappiate che siete entrati nel mondo per guarirlo. Siete venuti nello spazio per guarire lo
spazio. Non c e nessun'altra ragione per il vostro essere qui.
Siete in viaggio per diventare Maestri, e ora è il momento di andare avanti. Questo è il
Mio messaggio, e c'è dell'altro.
Siate nel mondo, non ignoratelo. Essere spirituali non significa nascondersi per tutta la
vita in una grotta. Siate nel mondo ma non del mondo. Vivete con l'Illusione, non in essa.
Ma non abbandonatela, non ritiratevi dal mondo. Non è questo il modo di creare un
mondo migliore, o di sperimentare la parte più grandiosa di voi stessi.
Ricordate che il mondo è stato creato per voi, in modo da fornirvi un contesto in cui fare
esperienza di voi stessi come Chi Siete Realmente.
Ora è il momento di farlo. Il mondo che avete creato sarà presto distrutto, se continuate a
ignorarlo, permettendogli di andare per la sua strada mentre voi vi concentrate soltanto
sulle vostre esperienze quotidiane, partecipando solo in minima parte alla creazione delle
grandi esperienze che si svolgono intorno a voi.
Guardate il mondo che vi circonda. Sentite la vostra passione. Lasciate che sia essa a
dirvi quale parte del mondo desiderate ri-creare. Poi usate gli strumenti che avete a
disposizione per intraprendere il lavoro di ricreazione. Usate gli strumenti della vostra
società, quelli della religione, della politica, dell'economia e della spiritualità. Potete
usarli per affermare Chi Siete.
Non crediate che la spiritualità e la politica non debbano mescolarsi. La politica è
spiritualità, dimostrata.
Non immaginate che l'economia non abbia nulla a che fare con la spiritualità. La vostra
economia rivela la vostra spiritualità.
Non pensate che l'istruzione e la spiritualità debbano essere separate. Perché ciò che
insegnate, siete, e se questa non è spiritualità, allora cos'è?
E non immaginate che religione e spiritualità siano due cose diverse. La spiritualità è ciò
che costruisce un ponte tra il corpo, la mente e l'anima. Ogni vera religione costruisce
ponti, e non muri.
Perciò, siate costruttori di ponti. Chiudete le spaccature che si sono formate tra le
religioni, le culture, le razze e le nazioni. Unite ciò che è stato staccato.
Onorate la vostra casa nell'Universo, e sìatene i degni custodi. Proteggete l'ambiente e
salvatelo. Rinnovate le vostre risorse e condividetele.
Date gloria a Dio glorificandovi l'un l'altro. Vedete Dio in tutti e aiutate tutti a vederlo in
se stessi. Ponete fine alle divisioni e alle rivalità, alle vostre competizioni, guerre e
uccisioni. Mettete fine a tutto questo. Tutte le società civili alla fine lo fanno.
Questo è il Mio messaggio per voi, e c'è dell'altro.
Se davvero desiderate sperimentare il mondo più bello che abbiate mai immaginato,
dovete amare senza condizioni, condividere liberamente, comunicare apertamente e
creare insieme. Non possono esserci secondi fini né limiti, nell'amore, né rifiuti di nessun
tipo.
Dovete decidere che siete realmente tutti Uno, che ciò che è buono per gli altri è buono
per voi, e ciò che è cattivo per loro è cattivo per voi. Decidete che ciò che fate per gli altri
lo fate per voi, e ciò che non fate per loro non lo fate per voi.
Riuscirete ad agire in questo modo? Voi esseri umani siete capaci di tale splendore?
Sì. Vi dico di sì, mille volte sì!
E non preoccupatevi del fatto che potrebbe non esserci abbastanza di "ciò che non siete"
per creare un campo contestuale in cui fare l'esperienza di Chi Siete Realmente. L'intero
Universo è il vostro campo contestuale! E anche tutta la vostra memoria lo è.
Gli anziani e i saggi tra voi spesso vi esortano a erigere monumenti, a creare giorni
speciali in cui commemorare il passato: guerre, olocausti e altri momenti di disgrazia.
"Perché tante commemorazioni?" potreste chiedere. E gli anziani risponderebbero:
"Per non dimenticare".
Il loro consiglio è più saggio di quanto pensiate, perché creando un campo contestuale
nella memoria rendete inutile creano nella realtà del presente. Così potrete dire: '<Mai
più" in tutta sincerità, e usare i vostri momenti di dis-grazia per creare momenti di grazia.
La vostra specie può fare una dichiarazione del genere? La razza umana può ricordare se
stessa com'era quando dimostrava, in pensieri, parole e opere di essere fatta a immagine e
somiglianza di Dio? Siete capaci di tale splendore?
Sì. Vi dico di sì, mille volte sì!
Era così che dovevate essere, così era stata progettata la vostra vita, prima che vi perdeste
nelle Illusioni.
Ma non è troppo tardi. Voi, esseri gloriosi e meravigliosi, potete farlo, potete esserlo.
Potete essere amore.
Sappiate che in ogni momento Io sono sempre con voi. Ora siamo alla fine di questa
comunicazione, ma non è mai la fine della nostra collaborazione, della nostra
co-creazione, della nostra comunione. Avrete sempre conversazioni con Dio, godrete
sempre di un amicizia con Dio, e sarete sempre in comunione con Dio.
Io sarò con voi sempre, fino alla fine dei tempi. Non posso non essere con voi, perché Io
sono voi, e voi siete Me. Questa è la verità, e tutto il resto è Illusione.
Perciò proseguite il viaggio, amici miei, andate avanti. Il mondo aspetta di udire il vostro
messaggio per essere salvato.
Tale messaggio è la vostra vita, vissuta.
Voi siete i profeti il cui tempo è venuto. Perché ciò che dimostrate vero oggi nella vostra
vita, è una predizione accurata di ciò che sarà vero nella vostra vita domani. Ciò vi rende
dei profeti.
Il vostro mondo cambierà perché voi state scegliendo di cambiario. Il vostro lavoro
guarisce molto più di quanto crediate, e la vostra influenza si estende oltre il futuro
immediato.
Tutto ciò è vero perché voi scegliete che la meraviglia della vostra comunione con Me sia
dimostrata in voi e attraverso di voi. Sceglietelo spesso, e portate la pace nel Mio mondo.
Diventate uno strumento della Mia pace.
Dove c'è odio, seminate amore.
Dove c'è danno, perdono.
Dove c'è dubbio, fede.
Dove c'è disperazione, speranza.
Dove c'è tenebra, luce.
Dove c'è tristezza, gioia.
Non cercate di essere consolati, ma di consolare.
Non cercate di essere capiti, ma di capire.
Non cercate di essere amati, ma di amare.
Perché l'amore è Chi Siete, e chi siete sempre stati. È tutto ciò che è stato, che è, e che
sarà.
Voi avete cercato una verità secondo la quale vivere la vostra vita, e Io ve la do qui di
nuovo.
Siate amore, miei amati.
Siate amore, e il vostro lungo viaggio per diventare Maestri finirà, proprio mentre
incomincia il nuovo viaggio, quello di mostrare la via agli altri. Perché l'amore è tutto ciò
che siete, tutto ciò che Io sono, e tutto ciò che Noi siamo.
Così sia.

La parabola della Bianchezza


[...] Immagina di essere in una stanza bianca,
con le pareti bianche, il pavimento bianco,
il soffitto bianco, e
niente angoli.
Immagina di essere sospeso in questo spazio bianco da
una forza invisibile.

Sei appeso lì, per aria.


Non puoi toccare nulla, non puoi udire nulla,
tutto ciò che vedi è bianco...

Quanto credi di poter «resistere» nella


tua esperienza?

"Non molto a lungo... Esisterei, ma non potrei conoscere nulla su me


stesso. Molto presto impazzirei."

Esatto. Lasceresti la tua mente, in modo letterale.


La mente è quella parte di te che ha il compito di
ricavare un senso da tutti i dati che riceve
e senza dati in arrivo non ha
nulla da fare.
Ora, nel momento in cui vai «fuori di testa», cessi di
esistere nella tua esperienza.
Ovvero, cessi di sapere qualunque cosa specifica su te stesso.
Sei piccolo?
Sei grande?
Non puoi saperlo,
perché non c'è nulla al di fuori di te con cui compararti.
Sei buono?
Sei malvagio?
Non puoi saperlo.
Non puoi neppure sapere se sei davvero lì,
perché non hai punti ci riferimento.
Puoi concettualizzare, certo, ma non
puoi sperimentare nulla.
Poi accade
qualcosa che cambia tutto...
Appare un puntino
sulla parete,
come se qualcuno lo avesse disegnato con una
penna stilografica.
Nessuno sa realmente come ha fatto quel punto ad
arrivare lì,
ma non ha importanza,
perché è ciò che ti ha salvato...
Ora ci sei tu,
e
c'è il Punto Sulla Parete.
Improvvisamente puoi di nuovo prendere delle decisioni,
puoi di nuovo fare delle esperienze.
Il punto è lì, e ciò significa che tu devi essere qui.
Il punto è più piccolo di te, quindi tu sei più grande di lui.
Puoi cominciare di nuovo a definirti, in rapporto al
Punto Sulla Parete.
Il tuo rapporto con il punto diventa sacro, perché è
stato lui a restituirti un senso di te stesso...
Ora nella stanza arriva un gattino.
Tu non sai chi sta provocando questi eventi,
ma sei contento, perché ora puoi prendere altre decisioni.
Il gatto sembra più morbido di te.
Ma tu sembri più intelligente (almeno a volte!).
E sei più forte.
Nella stanza cominciano ad apparire altre cose

e tu inizi a espandere la tua


definizione di Te Stesso.

Poi... finalmente comprendi:

Solo in presenza di qualcos'altro puoi conoscere te


stesso.

Questo qualcos'altro è ciò


che tu non sei.

Perciò:

in assenza di ciò che Non


Sei...
ciò che Sei... non é.
Hai ricordato un'enorme verità e assumi l'impegno di non dimenticarla mai
più.
Ricevi a braccia aperte tutto ciò che arriva nella tua vita: persone,
luoghi, cose.
Non rifiuti nulla, perché ora sai che tutto ciò che appare nella
tua vita è una benedizione:
ti offre una nuova opportunità di definire
chi sei e di conoscerti in quel modo.
Non essere chi non sei / Il dramma
Prima di tutto, chiariamo una cosa. Non c’è mai un momento in cui siete soli. Io sono
sempre con voi, e voi siete sempre con Me. Questo è il primo punto, ed è importante
cominciare da qui, perché cambia tutto. Credere di essere realmente soli potrebbe essere
devastante, per voi. Il solo pensiero della solitudine totale lo è, perché la natura
dell’anima è l’Unione con Tutto Ciò Che È, e, se apparentemente non c’è nulla e nessun
altro, un individuo potrebbe sentirsi esattamente quello: un essere individuale, e non Uno
con tutto ciò che esiste. E questo è devastante, perché viola il vostro senso profondo di
Chi Siete.
Perciò è importante comprendere che, di fatto, non siete mai soli e che la "solitudine" è
impossibile.

Alcuni prigionieri di guerra tenuti in isolamento, o persone debilitate e intrappolate nella


loro mente, non sarebbero d’accordo con Te. So che si tratta di esempi estremi, ma
voglio dire che esistono casi in cui la solitudine è possibilissima.

Potete creare l’illusione della solitudine, ma il fatto di sperimentare qualcosa non la rende
necessariamente reale.
Io sono sempre con voi, che lo sappiate o no.

Certo, ma, se non lo sappiamo, potresti anche non essere con noi e l’effetto sarebbe lo
stesso.

Sono d’accordo. Quindi, per cambiare l’effetto, sappiate che Io sono con voi sempre, fino
alla fine dei tempi.

Ma come posso saperlo se non lo "so"? Capisci la mia domanda?

Sì. E la risposta è che è possibile sapere, e tuttavia non "sapere di sapere".


Puoi spiegarti meglio, per favore?
Nella vita, sembrano esserci individui che non sanno, e che non sanno di non sapere.
Sono come bambini. Nutrili.
Poi sembrano esserci quelli che non sanno, e che sanno di non sapere. Sono disposti a
imparare. Insegna loro.
Poi sembrano esserci quelli che non sanno, ma pensano di sapere. Sono pericolosi.
Evitali.
Poi sembrano esserci quelli che sanno, ma che non sanno di sapere. Sono addormentati.
Svegliali.
Poi sembrano esserci quelli che sanno, ma fanno finta di non sapere. Sono attori. Divertiti
con loro.
Poi sembrano esserci quelli che sanno, e che sanno di sapere. Non seguirli. Perché se
sanno di sapere, non vorranno che tu li segua. Ma ascolta con molta attenzione ciò che
hanno da dire, perché ti ricorderanno ciò che tu sai. Di fatto, quello è il motivo per cui ti
sono stati inviati. Per questo li hai chiamati nella tua vita.
Se una persona sa, perché dovrebbe fingere di non sapere? Chi farebbe una cosa del
genere?
Quasi tutti. In un momento o nell’altro, lo fanno quasi tutti.
Ma perché?
Perché tutti voi amate moltissimo il dramma. Avete creato un intero mondo di illusioni,
un regno in cui potete regnare, e siete così diventati i re e le regine del vostro dramma.
Ma perché dovremmo volere il dramma, piuttosto che la sua fine?
Perché è nel dramma che avete la possibilità di interpretare, al più alto
livello e con la maggiore intensità, tutte le varie versioni di Chi Siete,
per avere poi la possibilità di decidere Chi Scegliete di Essere. Il dramma
è così interessante!
Stai scherzando? Non c'è un modo più semplice?
Certo che c'è. Ed è quello che sceglierete alla fine, quando vi renderete
conto che il dramma non è necessario. Eppure a volte continuerete a usare il
dramma, per ricordare e per istruire gli altri. Tutti i Maestri di Saggezza
lo fanno.
Ma che cosa ricordano? E su che cosa istruiscono?
Ricordano a se stessi, e insegnano agli altri, che nella vita tutto è
illusione. Che c'è uno scopo e che, quando lo si conosce, è possibile vivere
nell'illusione o fuori di essa, a volontà. Si può scegliere di sperimentare
l'illusione, rendendola reale, oppure di sperimentare la Realtà Ultima, in
qualunque momento.
Come possiamo sperimentare la Realtà Ultima, in un momento qualunque?
Restate immobili, consapevoli che io sono Dio. Intendo queste parole in modo
letterale. Restate immobili. Così saprete che io sono Dio, e che sono sempre
con voi. Così saprete di essere Uno con Me. Così incontrerete il Creatore
dentro dì voi. Se siete venuti per conoscerMi, confidare in Me, amarMi e
accettarMi, se avete fatto tutti i passi per creare un'amicizia con Dio,
allora non dubiterete mai che Io sia con voi sempre, in ogni modo. Così, vi
ripeto, accoglieteMi. Trascorrete qualche istante ogni giorno accettando la
vostra esperienza di Me. Fatelo, quando non siete costretti, quando le
circostanze della vita non sono tali da spingervi a farlo. O, quando sembra
che non abbiate tempo per farlo. O, quando non vi sentite soli. In modo che
quando sarete "soli", saprete che non è vero. Coltivate l'abitudine di
unirvi a Me in una connessione divina, una volta al giorno. Vi ho già
spiegato un modo per farlo. Ce ne sono altri. Molti altri. Dio non è
limitato e non lo sono neppure i modi per raggiungerLo. Quando avrete
davvero accolto Dio e realizzato la connessione divina, non vorrete mai più
perderla, perché vi porterà la massima gioia che abbiate mai provato. La
gioia è Ciò che io Sono, e Ciò che Siete Voi. È la Vita stessa, espressa
nella sua vibrazione più alta. È a questo livello di vibrazione che si
verifica la creazione.
Potremmo anche chiamarla la Vibrazione della Creazione.
Sì! È proprio la definizione esatta!
Ma credevo che si potesse provare gioia solo dandola a qualcun altro. Com'è
possibile sentirla quando siamo soli con noi stessi, soltanto collegandoci
al Dio dentro di noi?
Soltanto?

La felicità
Forse è più facile afferrare questa idea usando il termine "Vita" al posto di "Dio". Si tratta
di parole intercambiabili, perciò il significato generale non ne risulta alterato.
Semplicemente la vostra comprensione migliora.
Tutto ciò che è, è Vita. Se la Vita avesse bisogno di qualcosa per produrre un risultato,
dove lo prenderebbe? Non esiste nulla al di fuori della Vita. La Vita è Tutto Ciò Che È,
Che È Stato e Che Sarà.
Dio non ha bisogno che accada nulla, al di là di ciò che sta già accadendo.
La Vita non ha bisogno che accada nulla, al di là di ciò che sta già accadendo.
L’Universo non ha bisogno che accada nulla, al di là di ciò che sta già accadendo.
Questa è la natura delle cose. E così che funziona, e non nel modo che voi immaginate.
Nella vostra immaginazione avete creato l’idea del Bisogno, a partire dalla vostra
esperienza del fatto che per sopravvivere avete bisogno di determinate cose. Ma
supponete che non vi importasse vivere o morire. Allora, di cosa avreste bisogno?
Di nulla.
Ecco la verità: è impossibile per voi non sopravvivere. E impossibile non vivere. La
questione non è se vivrete, ma come. Quale forma prenderete? Quale esperienza farete?
Vi dico questo: non avete bisogno di nulla per sopravvivere. La vostra sopravvivenza è
garantita. Vi ho donato la vita eterna, e non ve l’ho mai tolta.
Ora forse direte: "Sì, ma la sopravvivenza è una cosa, la felicità è un’altra". Immaginate
di aver bisogno di qualcosa per poter sopravvivere felicemente, supponete di poter essere
felici solo in determinate condizioni. Non è vero, ma voi credete che lo sia. E poiché la
credenza produce l’esperienza, avete sperimentato la vita in questo modo, immaginando
un Dio che abbia le stesse vostre esperienze. In realtà, questo non è vero per Dio come
non lo è per voi. L’unica differenza è che Dio lo sa.
Quando anche voi lo saprete, sarete come Dio. Avrete la completa padronanza della vita,
e tutta la vostra realtà cambierà.
Ora, ecco un grande segreto:

La felicità non dipende dal verificarsi di determinate condizioni.


Al contrario, determinate condizioni si verificano come risultato della felicità.
Questa affermazione è così importante che vale la pena ripeterla.
La felicità non dipende dal verificarsi di determinate condizioni. Al contrario,
determinate condizioni si verificano come risultato della felicità.
La stessa cosa vale per qualunque stato dell’essere.
L’amore non dipende dal verificarsi di determinate condizioni. Al contrario, determinate
condizioni si verificano come risultato dell’amore.
La compassione non dipende dal verificarsi di determinate condizioni. Al contrario,
determinate condizioni si verificano come risultato della compassione.
L’abbondanza non dipende dal verificarsi di determinate condizioni. Al contrario,
determinate condizioni si verificano come risultato dell’abbondanza.
Per qualunque stato dell’essere che possiate immaginare vale il fatto che l’Essere precede
l’esperienza e la produce….

Disunione

La Terza Illusione,
quella della Disunione,
può essere usata per sperimentare l'unione con tutte le cose.
[...]
Le persone che stanno insieme per molto tempo spesso hanno
questa esperienza.
Iniziano a perdere la loro identità individuale.
Ciò è meraviglioso, fino a un certo punto.
Ma quando l'Unione viene sperimentata senza fine, la
meraviglia sparisce,
perché l'Unione in assenza della Disunione non è nulla.
Non è un'esperienza di estasi, ma solo un vuoto.
In assenza della separazione, mai essere Uno significa essere
nessuno.
Lasciate che ci sia spazio nel vostro essere insieme.
[...]
Bevete da una coppa piena, ma non dalla stessa coppa.
Le colonne che sostengono un palazzo sono distanti tra loro,
e le corde del liuto sono separate, anche se vibrano con la
stessa musica.
La vita è un processo in cui si sperimentano continuamente
Unione e separazione,
Unione e separazione.
Questo è il ritmo della vita.
Anzi, è il ritmo che crea la Vita.
Ve lo ripeto: la vita è un ciclo,
come tutto ciò che in essa si muove.
Un ciclo va e viene.
Insieme, separati.
Insieme, separati.
L'educazione dei figli
Passiamo ad un altro argomento. Avevi promesso di parlare di alcuni aspetti generali
della vita sulla Terra.

Si. Voglio che questo secondo volume affronti alcuni dei problemi più importanti del
vostro Pianeta. E non ce n'è uno più grande dell'educazione dei figli. Ovviamente tutto è
relativo, e Io non esprimo giudizi, ma tra ciò che dite e fate in proposito c'è un forte
scarto.
Capisco.
Lo so. Ma forse ci sarà un momento, forse anche prima della fine di questo libro, in cui
mi accuserai di giudicare.
Non lo farei mai!
Vedremo. Per tornare al punto, ho osservato che moltissimi hanno frainteso il significato,
lo scopo e la funzione dell'educazione, nonché del modo migliore in cui impartirla.
È un'affermazione forte. Puoi spiegarti meglio?
Gran parte dell'umanità ha deciso che lo scopo dell'educazione è trasmettere la
conoscenza, generalmente quella accumulata da una determinata famiglia, tribù, società o
Nazione. Ma in realtà l'educazione non ha molto a che vedere con la conoscenza.
Davvero? Avrei detto il contrario. E con che cosa ha a che fare, allora?
Con la saggezza.
Con la saggezza?
Proprio così.
D'accordo, mi arrendo. Qual è la differenza?
La saggezza è conoscenza applicata.
Perciò non dovremmo dare ai nostri figli la conoscenza, ma la saggezza.
Innanzi tutto, non si deve ignorare la conoscenza a favore della saggezza, sarebbe un
errore fatale. Ma non bisogna neppure fare il contrario; ciò ucciderebbe l'educazione,
come di fatto sta accadendo sul vostro Pianeta.
Intendi dire che stiamo tralasciando la saggezza per la conoscenza?
Esatto. Per lo più insegnate ai vostri figli che cosa pensare, invece di come.
Puoi spiegarti meglio, per favore?
Certo. Quando date la conoscenza ai bambini, dite loro che cosa pensare, rivelate loro ciò
che credete che debbano sapere, quella che ritenete la verità.
Se invece date ai figli la saggezza, non inculcate ciò che devono sapere o ciò che è vero,
ma insegnate come arrivare da soli alla loro verità.
Ma senza conoscenza non può esserci saggezza.
È vero, infatti ho detto che non bisogna trascurare la conoscenza in favore della saggezza.
Ma bisogna cercare di trasmetterne meno possibile da una generazione all'altra.
Lasciate che i bambini la scoprano da soli. Sappiate che la conoscenza si perde, ma la
saggezza non si dimentica mai.
Quindi le nostre scuole dovrebbero insegnare il meno possibile?
Dovrebbero piuttosto spostare l'attenzione dalla conoscenza alla saggezza. Oggi molti
genitori considerano pericolose le lezioni di pensiero critico e di logica, e a ragion veduta,
dato il loro modo di pensare. Perché se i bambini riescono a sviluppare dei processi
mentali autonomi, molto probabilmente abbandoneranno la morale, gli standard e il
genere di vita dei loro genitori.
Per proteggere il vostro modo di vivere avete costruito un sistema educativo basato sullo
sviluppo dei ricordi, invece che delle capacità. Ai bambini insegnate a ricordare i fatti e
gli schemi mentali della società cui appartengono, invece di guidarli alla scoperta delle
loro verità personali.
Credi che mentiamo ai nostri figli?
Certamente. Basta prendere in mano un manuale di storia per rendersene conto. La storia
è scritta da persone che presentano il mondo da un particolare punto di vista, e ogni
tentativo di allargare la visione è rifiutato e definito "revisionista".
Gran parte della storia è scritta per spiegare ai bambini non ciò che è successo, ma il
modo in cui voi giustificate l'accaduto. Devo farti un esempio?
Negli Stati Uniti non insegnate ai vostri figli tutto ciò che c'è da sapere sulla decisione di
sganciare le Bombe atomiche su due città giapponesi, uccidendo centinaia di migliaia di
persone e provocando malattie terribili, ma spiegate i fatti nel modo in cui volete che
vedano. Se qualcuno cerca di riequilibrare i giudizi desiderando anche il punto di vista
dei giapponesi, strillate, vi arrabbiate e chiedete che le scuole non pensino nemmeno di
includere quelle opinioni nella presentazione degli eventi. Così facendo non insegnate
storia, ma politica.
La storia dovrebbe essere un racconto esauriente di ciò che è accaduto. La politica, invece,
è sempre il punto di vista di qualcuno. La storia rivela, la politica giustifica, la storia
scopre, la politica copre e racconta soltanto un aspetto degli eventi.
Non volete che i vostri figli vengano a conoscenza dei fatti, ma che apprendano il vostro
punto di vista.
Credo che Tu stia esagerando.
Davvero? La maggior parte di voi non vuole che i bambini sappiano neppure le realtà
elementari della vita. Quando le scuole iniziarono a spiegare il funzionamento del corpo
umano ci fu una reazione furiosa da parte dei genitori. Adesso non bisogna dire ai
bambini come si trasmette l'AIDS. Certo, insegnate loro dal vostro punto di vista come
evitare la malattia, ma non esporreste mai i fatti nudi e crudi, lasciandoli decidere da soli.
I bambini non sono pronti a questo, devono essere guidati.
Hai dato un'occhiata al tuo mondo ultimamente?
Sì, perché?
È il risultato di come avete guidato i vostri figli.
No! Se il mondo è marcio non è perché abbiamo cercato di inculcare nei nostri ragazzi i
vecchi valori, ma perché abbiamo permesso loro di farsi influenzare dalle idee moderne.
Ne sei convinto?
Certo! Se avessimo tenuto fuori delle scuole il cosiddetto "pensiero critico" e
l'educazione sessuale, ora non vedremmo tante ragazze madri diciassettenni in coda per
ricevere il sussidio di disoccupazione, in una società senza più valori. Se avessimo
insistito per imporre la nostra morale, invece di lasciare che i giovani si creassero la
loro, l'America non sarebbe una penosa imitazione della grande Nazione che era.
E non dirmi che ciò che abbiamo fatto a Hiroshima e Nagasaki era "sbagliato". Abbiamo
posto fine al/a guerra, no? Abbiamo salvato migliaia di vite, da entrambe le parti. È
stata una decisione difficile, ma andava presa. Così è la guerra.
Capisco.
Sì, certo. Ma noi non dobbiamo riscrivere la nostra storia. Ciò di cui abbiamo davvero
bisogno è un ritorno al passato, ai valori dei nostri padri!
Hai finito?
Sì. Come sono andato?
Abbastanza bene. Questo è quello che pensano in tanti, vero?
Puoi scommetterci. E non solo in America. Basta cambiare il nome del Paese e della
guerra. Tutti pensano sempre di essere nel giusto. Prendiamo Berlino, per esempio, o la
Bosnia. Tutti sono sicurissimi che i vecchi valori funzionassero meglio e che il mondo sta
andando a rotoli. Per questo c'è un ritorno al nazionalismo in ogni parte del Pianeta. E
io ho cercato di dare voce a quei sentimenti, a quelle preoccupazioni.
Hai fatto un buon lavoro. Mi hai quasi convinto.
E allora? Che cosa hai da dire a quelli che la pensano in questo modo?
Credete davvero che trenta o quarant'anni fa le cose andassero meglio? La memoria è
selettiva. Ricordate il bello e non il brutto. Ma provate a pensare criticamente, senza
limitarvi a memorizzare ciò che altri vogliono farvi credere.
Per tornare all'esempio di prima, credete davvero che fosse assolutamente necessario
bombardare Hiroshima? Molti documenti riportano che il Giappone aveva manifestato
agli Stati Uniti la volontà di porre fine alla guerra prima che la bomba atomica fosse
sganciata. Che parte ha avuto la vendetta per l'orrore di Pearl Harbor nella decisione di
lanciarla ugualmente? E, anche ammettendo che quell'azione fosse necessaria, lo era
anche sganciare la seconda bomba?
Certo, potreste avere ragione, e tutto potrebbe essere avvenuto come lo raccontate. Ma
non è questo il punto; il punto è che il vostro sistema scolastico non lascia spazio a un
pensiero critico su questo argomento, come su molti altri. Voi volete che i giovani
arrivino alle vostre conclusioni, e così li condannate a ripetere i vostri errori.
Ma che cosa pensi della convinzione di tanti che la nostra società si stia disgregando?
Che ne dici dell'impressionante aumento di genitori adolescenti e di figli senza padre?
Perché la società va a rotoli?
In effetti, il vostro mondo sta andando in rovina, su questo sono d'accordo. Ma la ragione
va ricercata in quello che avete permesso che le scuole inculcassero nei vostri figli.
Se avessero insegnato che esiste solo l'amore, un amore incondizionato, forse le cose
sarebbero andate diversamente.
Ma noi non consentiamo nemmeno alle nostre religioni di farlo.
Già. E non permettete ai vostri figli di celebrare se stessi e i loro corpi. O di sapere che
sono, innanzi tutto, esseri spirituali che abitano un corpo.
Nelle società con una sessualità aperta sì verificano pochissime nascite indesiderate, e
nessuna "illegittima".
Laddove la storia non è piegata al punto di vista del più forte, gli errori del passato sono
ammessi apertamente perché si eviti di ripeterli.
Nelle culture in cui si insegnano il pensiero critico e come vivere meglio, e non una sfilza
di fatti da imparare a memoria, anche le azioni "giustificabili" dei passato sono esaminate
da vicino. Nulla è accettato automaticamente.
Ma com'è possibile? Parlando ancora di Hiroshima, come potremmo insegnare a vivere
meglio, invece che esporre semplicemente dei fatti?
Gli insegnanti dovrebbero descrivere esattamente ciò che è accaduto, includendo tutti gli
avvenimenti. Dovrebbero ricercare le opinioni degli storici di entrambe le parti, guidando
i ragazzi a scoprire che su qualsiasi cosa c'è sempre più di un punto di vista. Non
chiederebbero più agli studenti di imparare tutto a memoria, ma direbbero: "Avete sentito
tutto ciò che c'era da sapere su questo episodio, o almeno tutto ciò che siamo riusciti a
scoprire. Che lezione traete da questa conoscenza? Se vi trovaste ad affrontare gli stessi
problemi che furono risolti sganciando una bomba atomica che cosa fareste? Sapreste
trovare una soluzione migliore?".
Così è troppo facile. Con il senno di poi chiunque può dire: "lo avrei agito in un altro
modo".
Allora perché non lo fate?
In che senso?
Perché non usate il "senno di poi" per imparare dal passato e agire diversamente? Te lo
dico Io: perché permettere ai vostri figli di analizzare criticamente il vostro operato
significherebbe correre il rischio che non approvino le vostre scelte.
Naturalmente, loro non sono comunque d'accordo con voi, ma non possono esprimere la
loro opinione a scuola, perciò la portano nelle strade. Organizzano manifestazioni,
appendono striscioni, strappano le cartoline del richiamo alla leva, bruciano le bandiere.
E il loro modo di gridare: "Deve esserci un sistema migliore!" Ma voi non li udite, non
volete farlo.
Li ammonite: "Non diteci che abbiamo sbagliato. Dovete capire che avevamo ragione".
Ecco come educate i figli.
Molti diranno che sono stati proprio i nostri figli, con le loro idee assurdamente liberali,
a ridurre il mondo com'è. Hanno sostituito i valori tradizionali con una moralità basata
sul "fai tutto quello che vuoi", che minaccia di distruggere il nostro sistema di vita.
Infatti i giovani stanno facendo a pezzi il vostro modello di vita, come sempre è accaduto.
Il vostro compito è incoraggiarli, non scoraggiarli.
Non sono loro a distruggere la foresta amazzonica, ad allargare il buco nell'ozono, a
sfruttare i poveri in ogni angolo del Pianeta. Non sono i giovani a imporre tasse
salatissime e usare il denaro per finanziare le guerre. Non sono le nuove generazioni a
ignorare i problemi dei deboli e degli sfruttati, a lasciar morire di fame migliaia di
persone ogni giorno in un mondo che possiede risorse più che sufficienti per nutrire tutti i
suoi abitanti. Non sono i giovani ad avere creato un sistema di valori basato sulla legge
del più forte e una società che risolve i problemi con la violenza. I vostri ragazzi vi
chiedono, vi implorano di porre fine a tutto questo.
Eppure sono proprio loro a essere violenti! Che cosa mi dici delle gang di minorenni? E
del rifiuto dei giovani nei confronti della legge e dell'ordine? Ci stanno facendo
impazzire!
Le loro grida che vi supplicano di cambiare il mondo rimangono inascoltate. I giovani
sanno che la loro è una causa persa e che in ogni caso farete a modo vostro. Visto che non
sono stupidi, capiscono che se non possono battervi hanno solo un'altra opportunità:
unirsi a voi.
I ragazzi sono violenti e materialisti perché lo siete voi. Agiscono da pazzi perché lo fate
voi. Se affrontano il sesso in modo irresponsabile, per manipolare gli altri, è perché vi
hanno visti fare altrettanto. L'unica differenza tra i giovani e i vecchi è che i primi
agiscono senza nascondersi, mentre i secondi occultano ciò che fanno e pensano che i
giovani non se ne accorgano, ma non è così. I ragazzi vedono l'ipocrisia degli adulti e
tentano disperatamente di cambiarla. Dopo avere fallito non possono fare altro che
imitarvi. Sbagliano, ma nessuno ha insegnato loro a comportarsi diversamente, non hanno
mai avuto la possibilità di analizzare criticamente i comportamenti degli adulti, ma
soltanto di memorizzarli.
E come dovremmo educarli, allora?
Innanzi tutto, trattateli come spiriti. Sono spiriti in un corpo. E una condizione cui non è
facile adattarsi, come testimoniano i neonati che urlano la loro disperazione per il fatto di
trovarsi improvvisamente così limitati. Ascoltate il loro grido, comprendetelo, e fateli
sentire il più "illimitati" possibile.
Introduceteli nel mondo con dolcezza e affetto, prestate molta attenzione a che cosa
offrite alla loro memoria. I bambini ricordano tutto ciò che vedono e sperimentano.
Perché li sculacciate appena escono dal ventre materno? Credete davvero che sia l'unico
modo per aprire i loro polmoni? Perché li allontanate dalla madre, l'unica forma di vita
che conoscono, pochi minuti dopo la nascita? Non potreste aspettare a pesarli, misurarli,
visitarli, dando loro il tempo di sentire il calore di chi ha dato loro la vita?
Perché insegnate ai bambini a vergognarsi del corpo e delle sue funzioni evitando di
mostrarvi nudi e dicendo loro di non toccarsi mai per darsi piacere? Quale messaggio
trasmettete loro sul piacere e sul corpo?
Perché li iscrivete a scuole in cui la competizione è permessa e incoraggiata, in cui si è
ricompensati per essere i "migliori", per avere imparato "di più", e dove chi si muove
secondo il proprio ritmo è a malapena tollerato? Quali conclusioni credete che traggano
da tutto questo?
Perché non insegnate loro il movimento, la musica, la gioia dell'arte, il mistero delle
favole e la meraviglia della vita? Perché non fate emergere la vera natura dei bambini,
invece di cercare di costringerli a fare ciò che è innaturale?
Perché continuate a imporre loro regole e conclusioni prestabilite?
Insegnate concetti, non materie.
Costruite un nuovo curriculum intorno a tre concetti chiave: Consapevolezza, Onestà,
Responsabilità.
Offrite ai vostri figli questi principi fin dalla più tenera età e continuate a farlo finché
termineranno gli studi. Elaborate il modello educativo su queste basi.
Ma come potremmo riuscirci?
Dalle elementari all'università, tutte le materie di studio dovrebbero ruotare intorno a
questi concetti.
Anche la matematica andrebbe vista in quest'ottica. L'aritmetica e l'algebra non sono
astrazioni, ma strumenti fondamentali per la vita. Il loro insegnamento dovrebbe essere
strutturato in modo da attirare l'attenzione sui tre Concetti Fondamentali e sui loro
corollari.
Quali sono i corollari?
Usa l'immaginazione. Vuoi dirmi qualche principio importante per la tua esistenza?
Beh, direi... l'onestà.
Sì, ma è un Concetto Fondamentale. Continua.
La lealtà. Per me è importante.
Bene. E poi?
Trattare bene gli altri. Ma non so come esprimere questo concetto.
Non preoccuparti, lascia fluire i pensieri.
Andare d'accordo con il prossimo, essere tolleranti, non fare del male, considerare tutti
uguali. Questi sono i principi che mi piacerebbe insegnare al miei figli.
Benissimo. Vai avanti.
Ecco... credere in se stessi. E... aspetta... direi "procedere con dignità". Non saprei come
definirlo altrimenti, ma intendo il comportamento di una persona, il rispetto per gli altri
e per le strade che decidono di percorrere.
Sono tutti principi positivi. E ne esistono molti altri che i vostri figli dovrebbero
comprendere a fondo, se vogliono evolversi fino a diventare esseri umani completi.
Eppure voi non li insegnate nelle scuole, non spiegate che cosa significa essere onesti,
responsabili, consapevoli dei sentimenti altrui e rispettosi delle loro scelte.
Dite che spetta ai genitori istillare questi concetti, ma il padre e la madre possono
trasmettere solo ciò che hanno ricevuto. Il risultato è che insegnate ai vostri bambini
quello che i vostri genitori hanno fatto imparare a voi, così i peccati dei padri ricadono
sui figli.
Arrivi sempre alla stessa conclusione, ma non è tutta colpa nostra se il mondo è com'è.
Non è questione di colpa, ma di scelta. Se non siete responsabili delle scelte dell'umanità,
allora chi lo è?
Hai ragione, ma non possiamo assumerci la responsabilità di tutto!
Ti dico questo: finché non lo farete non potrete cambiare nulla. Non dovete ripetere che
loro hanno fatto questo e quello, che loro non capiscono. Qualcuno ha detto: "Abbiamo
incontrato il nemico, ed eravamo noi!".
Abbiamo fatto gli stessi errori per centinaia di anni.
Per millenni, figlio Mio. Gli istinti fondamentali dell'umanità non sono molto più evoluti
di quelli dell'uomo delle caverne. Eppure, ogni tentativo di cambiare la situazione è
accolto con disprezzo, paura e rabbia. E ora arrivo Io a suggerire di insegnare nuovi
valori nelle scuole. Stiamo camminando sul filo del rasoio.
Il problema è che non tutti sono d'accordo con questi concetti e con il loro significato,
per questo non è possibile insegnarli nelle scuole. Se ci provassimo i genitori
impazzirebbero, direbbero che stiamo inculcando dei "valori" e che la scuola non deve
impicciarsi di ciò che non concerne strettamente l'istruzione.
Invece Io ti dico che, se davvero volete costruire un mondo migliore, la scuola è la sede
più adeguata per insegnare quei concetti, proprio perché è distaccata dai pregiudizi dei
genitori. Hai visto che cosa ha provocato la trasmissione di padre in figlio dei vecchi
valori: il vostro Pianeta è un disastro.
Non avete appreso nemmeno i concetti elementari sui quali si basa una società civile.
Non sapete risolvere i conflitti senza la violenza.
Non siete capaci di vivere senza paura.
Non riuscite ad agire in modo disinteressato.
Non siete in grado di amare in modo incondizionato.
Tutto questo dopo migliaia e migliaia di anni!
Esiste una via d'uscita da questa situazione?
Sì! È la scuola, l'educazione dei bambini! La vostra unica speranza risiede nelle
generazioni future, ma dovete smettere di condizionare i giovani perché agiscano come
voi. Quelle soluzioni non erano adeguate, non vi hanno condotti dove volevate andare. Se
non state molto attenti finirete proprio dove siete diretti, perciò fermatevi, fate dietro
front. Ampliate la visione che avete dell'umanità e insegna tela nelle scuole!
Perché non provate a introdurre nei programmi di studio materie quali:
. Comprensione del potere
. Soluzione pacifica dei conflitti
. Fondamenti dei rapporti d'Amore
. Personalità e costruzione di sé
. Corpo, mente e spirito: come funzionano
. Creatività
. Celebrare se stessi, apprezzare gli altri
. Gioia dell'espressione sessuale
. Lealtà
. Tolleranza
. Differenze e affinità
. Economia etica
. Coscienza creativa e potere mentale
. Consapevolezza e presa di coscienza
. Onestà e responsabilità
. Visibilità e trasparenza
. Scienza e spiritualità
Non sto parlando di poche lezioni a quadrimestre, ma di una revisione totale del piano di
studi, con corsi separati su ognuno di questi argomenti.
Nelle società più evolute della vostra galassia e del vostro Universo (ne parleremo nel
prossimo volume) i concetti necessari per vivere sono offerti fin dalla nascita. Quelli che
voi chiamate "fatti" sono considerati molto meno importanti e vengono insegnati a un'età
più avanzata.
Voi avete creato un mondo in cui un bimbo sa leggere prima di andare a scuola, ma non
ha imparato a non molestare il fratellino, o è bravissimo con le moltiplicazioni ma non ha
appreso che non c'è nulla di vergognoso nel suo corpo.
Le vostre scuole esistono soprattutto per dare risposte, ma sarebbe molto meglio se la
loro funzione principale fosse porre domande: che cosa vuol dire essere onesti,
responsabili, leali? Che cosa significa 2+2=4? Quali sono le implicazioni? Le società
altamente evolute incoraggiano i bambini a crearsi da soli le risposte.
Non sto dicendo che la scuola non debba insegnare niente di quello che avete imparato,
scoperto o deciso; al contrario. Affermo soltanto che gli studenti dovrebbero avere
l'opportunità di osservare criticamente i risultati ditale sapere. Ma le vostre scuole, invece
di offrire dati da analizzare, li presentano come l'unica verità.
Gli eventi del passato non dovrebbero diventare il fondamento delle verità presenti, ma
solo il punto di partenza per porsi altri interrogativi.
La domanda più importante dovrebbe essere: "Rispetto ai dati che ti abbiamo fornito, sei
d'accordo oppure no? Che cosa ne pensi?".
Ovviamente i bambini cercheranno una risposta sulla base dei valori dei genitori, e la
scuola dovrebbe incoraggiarli a esaminare questi valori, a imparare a usarli e anche a
metterli in dubbio.
I genitori che non lo accettano non amano i figli, ma amano se stessi attraverso i figli.
Come mi piacerebbe che esistessero scuole così!
Alcune si avvicinano molto a questo modello.
Davvero?
Sì. Leggi le opere di Rudolph Steiner e studia i metodi della Waldorf School, da lui
creata.
Conosco Steiner. E tu hai fatto queste osservazioni perché lo sai.
Certo che lo so. Tutto ciò che è accaduto finora nella tua vita è servito per condurti a
questo momento. Io non ho cominciato a parlare con te all'inizio di questo libro;
comunico con te da molti anni, attraverso tutte le tue esperienze.
Vuoi dire che le scuole steineriane sono le migliori?
No, ma è un modello che funziona, tenendo conto di ciò che l'umanità dice di voler essere
e fare. E solo un esempio tra molti di come si possa educare focalizzandosi sulla
"saggezza" invece che sulla "conoscenza".
È un modello che approvo, molto diverso dagli altri.
Per esempio, nelle Waldorf School, i bambini hanno lo stesso insegnante alle elementari
e alle medie. In questo modo il maestro o la maestra arrivano a conoscere ogni allievo
come se fosse un figlio, e il bambino può sperimentare un grado di fiducia e di amore
capace di aprire porte insospettate.
Alla fine del programma il maestro ricomincia con un altro gruppo di bambini. Un
insegnante steineriano a volte lavora con non più di quattro o cinque gruppi in tutta la sua
carriera. Ma il legame che ha instaurato con gli studenti va ben oltre le possibilità offerte
dalle scuole tradizionali.
Questo modello educativo riconosce che il rapporto umano e l'amore che uniscono allievi
e docenti è più importante delle nozioni imparate a memoria.
Ma secondo te esistono altri validi modelli educativi?
Sì, in questo campo state facendo progressi, anche se molto lentamente. I più vedono
ancora come una minaccia le scuole che non insegnano i fatti, ma almeno cominciate a
considerare la possibilità di percorrere altre strade.
E questo è solo uno degli aspetti dell'esistenza umana che trarrebbero grandi benefici da
alcuni mutamenti.
Certo. Immagino che anche l'arena politica necessiti di cambiamenti.
Senza dubbio.

Allora dov'è l'anima?


Dove credi che sia?
Dietro il terzo occhio?
In mezzo al petto, a destra del cuore, proprio sotto la cassa toracica?
No.
Okay, mi arrendo.
È dappertutto.
Dappertutto?
Sì.
Come la mente.
Niente affatto. La mente non è dappertutto.
No? Credevo che avessi detto "in ogni cellula del corpo".
Questo non significa "dappertutto". Tra le cellule ci sono degli spazi. Di
fatto, il vostro corpo è costituito per il novantanove per cento di spazio.
Ed è lì che si trova l'anima?
L'anima si trova dappertutto, dentro, fuori e intorno a voi. È ciò che vi
contiene.
Aspetta un attimo! Mi è sempre stato insegnato che il corpo è il contenitore
dell'anima. "Il corpo è il tempio del tuo essere."
È una figura retorica.
Serve ad aiutare la gente a capire che siete qualcosa di più del vostro
corpo, che c'è qualcosa di più grande di voi. E infatti l'anima è più grande
del corpo. Non è contenuta dal corpo, ma lo contiene.
Ti ascolto, ma faccio fatica a capirTi.
Hai mai sentito parlare dell'aura?
Certamente. L'aura è l'anima?
È ciò che, nel vostro linguaggio, può esservi utile per comprendere una
realtà enorme e complessa.
L'anima è ciò che vi tiene insieme, proprio come l'anima di Dio è ciò che
contiene l'universo, e lo tiene insieme.
Caspita. Questo è il contrario di tutto ciò che ho sempre pensato.
Aspetta, figlio Mio. I contrari sono soltanto incominciati.
Ma se l'anima è, in un certo senso, l'aria dentro e fuori di noi, e se
l'anima di ciascuno di noi è la stessa, dove finisce l'anima di uno e
comincia quella dell'altro?
Oh, non dirmelo, non dirmelo...
Vedi? Conosci già la risposta.
Non c'è un posto in cui l'anima di un altro finisce e la nostra comincia!
Proprio come non c'è un posto dove finisce l'aria del soggiorno e inizia
quella della cucina. È tutta la stessa aria. Ed è tutta la stessa anima!
Hai appena scoperto il segreto dell'universo.
E se Tu sei ciò che contiene l'universo, come noi siamo ciò che contiene i
nostri corpi, non c'è un posto dove Tu "finisci" e noi "cominciamo".
Ehm..
Schiarisciti pure la gola, ma per me questa è una rivelazione miracolosa!
Voglio dire, so di averlo sempre saputo, in un certo senso, ma ora lo
capisco!
Ed è grandioso, vero?
Vedi, il mio problema rispetto a questo, nel passato, è che il corpo è un
contenitore definito, e rende possibile distinguere tra "questo" corpo e
((quello)). Ho sempre pensato che l'anima abitasse nel corpo, e quindi
distinguevo tra un'anima e l'altra.
È un ragionamento logico.
Ma se l'anima è dappertutto, dentro e fuori del corpo, nell'aura, come hai
detto Tu, dove finisce l'aura di una persona e inizia quella di un'altra? E
ora riesco a vedere davvero, per la prima volta, come è possibile che
un'anima non finisca e un'altra non cominci, e che fisicamente vero che
siamo tutti Uno.
Evviva! È tutto ciò che posso dire. Evviva!
Ho sempre pensato che questa fosse una verità metafisica. Ora vedo che è
una verità fisica. Accidenti, la religione è appena diventata scienza.
Non dire che non te l'avevo detto.
Tomary
"...Immagina due persone in una stanza, lontane l'uno
dall'altra. Le chiameremo Tom e Mary.
L'energia personale trasmette a 360 gradi nell'Universo, e una
parte di questa raggiunge Mary, la quale a sua volta emette la
propria energia, che arriva anche a Tom. Ma le loro energie si
incontrano a meta strada (ricorda che si tratta di energie
fisiche, che possono essere misurate e sentite) e formano una
nuova unità energetica che chiameremo 'Tomary'.
Tom e Mery potrebbero definire tale energia 'il Corpo Tra Noi',
perché effettivamente si tratta di un corpo di energia cui
entrambi sono collegati, con cui instaurano uno scambio
attraverso i 'cavi' che esistono nella Matrice.
Questa esperienza di Tomary, e li attrae verso una Santa
Comunione, perché entrambi provano la gioia sublime del
Corpo Tra Loro, dell'Unito, dell'Unione Benedetta.
Pur restando distanti, entrambi sentono fisicamente ciò che
sta accadendo nella loro Matrice e di colpo vogliono avvicinarsi
l'uno all'altra.
A questo punto entra in gioco il loro 'addestramento' . il mondo
li ha abituati ad essere cauti, a diffidare dei sentimenti, a
difendersi dalla possibilità di soffrire, a trattenersi.
Ma l'anima vuol conoscere Tomary, e subito!
I due sono irrevocabilmente attratti dal Corpo Tra Loro. A un
osservatore casuale sembrerà che Tom e Mary vogliano
avvicinarsi l'uno all'altra, ma in realtà desiderano raggiungere
Tomary, quel luogo di Unione Divina che esiste già tra loro, il
punto in cui sanno di essere Uno.
Si muovono dunque verso questa 'sensazione' e, a mano a
mano che si avvicinano, l'energia che entrambi inviano deve
coprire una distanza minore, facendosi più intensa. A un
tratto si trovano abbastanza vicini. Il Corpo Tra Loro è
incandescente e vibra a una velocità impressionante. Il 'cavo' è
più grosso e splendente, e trasferisce un'incredibile quantità
d'energia. Possiamo dire che i due 'bruciano di desiderio.
Si avvicinano ancora di più, e infine si toccano.
La sensazione è così intensa da risultare quasi insopportabile.
I due percepiscono tutta l'energia di Tomary, la sostanza
compatta e intensamente unita del loro Essere Combinato.
Se vi aprite alla sensibilità più elevata, quando vi toccate
potete esperire questa energia sublime sotto forma di
'formicolio' (che a volte vi attraverserà tutto il corpo), oppure
come una sensazione di calore nel punto di contatto (anche
questa percepibile in tutto il corpo, ma soprattutto nel chacra
inferiore).
Ora che i due si abbracciano, annullando la distanza, e Tom,
Mary e tomary si trovano quasi nello stesso spazio. I due
sentono Tomary fra loro, e vogliono avvicinarsi ancora di più,
fondersi con Tomary.
IO ho creato i corpi dell'uomo e della donna in modo che
questo sia possibile: il corpo di Tom è pronto ad entrare in
quello di Mary e quello di Mary è pronto a ricevere quello di
Tom. Ora il formicolio e il calore sono di un'intensità
intollerabile. Tom, Mary e Tomary diventano Uno nella carne.
L'energia fluisce fra loro, urgente e appassionata. Si muovono
e sembra che lottino per avvicinarsi ancora di più, sempre di
più!
Poi deflagrano, e i loro corpi entrano in convulsioni. Le
vibrazioni li pervadono dalla punta dei piedi alla cima dei
capelli. Nell'esplosione della loro unicità hanno conosciuto il
Deo e la Dea, l'Alfa e l'Omega, il Tutto e il Nulla, l'Essenza
della vita, l'Esperienza di Ciò Che È.
I due sono diventati Uno, e spesso da questa unione nasce
una terza entità fisica.
È una manifestazione concreta di Tomary, sangue del loro
sangue.
Tom e Mary hanno creato la vita!
Non ti ho già detto siete che tutti Dei? "