Sei sulla pagina 1di 8

Moltiplicatore di collasso di strutture intelaiate

Corso di Teoria delle Strutture 1, Prof. V. Gusella 23 novembre 2007

Rotazione in piccoli spostamenti

Si abbia una rotazione (positiva se oraria) del punto P intorno a 0 (Fig.1). y P P 0 x Figura 1: Rotazione in piccoli spostamenti Il vettore 0 P ha componenti: 0 P = xP x0 yP y0 = d cos d sin (xP x0 )2 + (yP y0 )2 , e con la
y y

dove si ` indicato con d il modulo del vettore 0 P , ovvero d = e

sua anomalia, ovvero langolo che forma con lasse x (positivo se antiorario) dato da = arctan xP x0 . P 0 Lo spostamento del punto P ` dato dal vettore P P , che pu` esprimersi come: e o P P = 0 P 0 P Poich` lo spostamento ` rigido, il vettore 0 P ha componenti: e e 0 P = d cos ( ) d sin ( ) = d cos cos + d sin sin d sin cos d cos sin

e quindi il vettore P P ha componenti: PP = d cos (cos 1) + d sin sin d sin (cos 1) d cos sin

Nellipotesi di piccoli spostamenti, si hanno valori piccoli di e si pu` assumere: o sin cos 1 quindi il vettore P P ha componenti: PP = d sin d cos = (yP y0 ) (xP x0 )

Moltiplicatore di collasso

Come ` immediato vericare, il prodotto scalare 0 P P P = 0 , per cui in piccoli spostamenti lo e spostamento di un punto ` ortogonale alla sua congiungente con il centro di rotazione e proporzionale e alla sua distanza da esso.

Stima del moltiplicatore di collasso

Sia asseganta la struttura in Fig.2 3P 2P 2 3 4 L

11 00
L 1

111 000
L L Figura 2: Schema strutturale

La struttura ` due volte iperstatica (i = 2), mentre le possibili sedi di cerniera plastica (che, stante la e linearit` del diagramma dei momenti, possono essere localizzate solo nei punti di applicazione di carichi a o vincoli e variazioni della direzione di linea dasse) sono quattro (N = 4). Si richiede la stima del moltiplicatore di collasso r sia col metodo statico che col metodo cinematico.

2.1

Metodo statico
3P 2P 2 3 4 L H

11 00
V L

111 000
L L Figura 3: Schema struttura

2 STIMA DEL MOLTIPLICATORE DI COLLASSO

Il precedente ` un sistema di 4 equazioni in 7 incognite. Per risolverlo, si deve ssare il valore di tre e incognite: le incognite di cui si supporr` noto il valore sono tre dei momenti. Si noti che il numero di a momenti che occorre ssare ` pari al numero di gradi di iperstaticit` aumentato di uno, ovvero le cerniere e a plastiche necessarie per trasformare la struttura in meccanismo. si ssano M2 , M3 e M4 ; si ha: M H = L4 V = M4 M3 L 3 = M4 2ML+M2 3P 2M4 +8M3 7M2 M1 = 3 0
2 Mp 3 PL Mp 4 PL 3 Mp 2 PL 3

Si prendono come incognite iperstatiche le reazioni alla cerniera. Le equazioni di equilibrio si scrivono: M4 = HL M3 = V L + HL M2 = 2V L + HL M1 = 2V L HL 7P L

Ci` che interessano sono le ultime due equazioni, che forniscono il valore di e M1 : il meccanismo o ` staticamente ammissibile se ` |M1 | Mp . Si pu` costruire la tabella seguente: e e o M2 +Mp Mp +Mp Mp M3 +Mp +Mp Mp Mp M4 +Mp +Mp +Mp +Mp M1 Mp 17 Mp 3 13 3 Mp 1 Mp 3 S.A. s` no no s`

Si noti come non ` necessario considerare i valori di M4 = Mp in quanto si otterrano gli stessi e risultati, a meno del segno, di quelli precedenti. si ssano M1 , M3 e M4 ; si ha: M H = L4 V = M4 M3 L = 3M4 2M3 +M1 7P L M2 = 2M4 +8M3 +3M1 7
2 Mp 7 PL

Si pu` costruire la tabella seguente: o M1 +Mp Mp +Mp Mp M3 +Mp +Mp Mp Mp M4 +Mp +Mp +Mp +Mp M2
13 7 Mp Mp 3 Mp 7 9 Mp 7

S.A. no s` s` no

6 p 7 PL 4 Mp 7 PL

si ssano M1 , M2 e M4 ; si ha: M H = L4 V = M4 M3 L 2 = 2M4 ML+M1 4P 2M4 7M2 +3M1 M3 = 8


1 Mp 2 PL

Si pu` costruire la tabella seguente: o M1 +Mp Mp +Mp Mp M2 +Mp +Mp Mp Mp M4 +Mp +Mp +Mp +Mp M3
1 4 Mp Mp 3 Mp 2 3 Mp 4

S.A. s` s` no s`

0
p PL Mp 1 2 PL

si ssano M1 , M2 e M3 ; si ha: M H = L4 V = M4 M3 L 4M3 3M2 +M1 = 2P L M4 = 8M3 7M2 +3M1 2

Moltiplicatore di collasso

Si pu` costruire la tabella seguente: o M1 +Mp Mp +Mp Mp M2 +Mp +Mp Mp Mp M3 +Mp +Mp +Mp +Mp M4 2Mp Mp 9Mp 6Mp
Mp PL

S.A. no s` no no
6 Mp 7 PL.

0
p 4 PL Mp 3 PL

La migliore stima del moltiplicaro di collasso ` data dal valore s = e

2.2

Metodo cinematico

Meccanismo # 1: cerniere in 1, 2 e 4.

20 3P 2P 12 2 3 2 4 3 30 3 23 13

1 1 10

11 00
L

111 000
L L

Figura 4: Schema primo cinematismo

I centri di rotazione assoluta 10 e 30 e quelli di rotazione relativa 12 e 23 sono di immediata determinazione, in quanto sono posti nelle cerniere. Per la determinazione di 20 si fa ricorso al primo teorema delle catene cinematiche usato due volte, in quanto si deve avere allineamento fra 10 12 20 e 20 23 30 . Risulta che 20 ` il punto improprio della direzione verticale, e per cui lasta 2 trasler` orizzontalmente. a Le relazioni fra gli angoli sono date da: Continuit` spostamento (orizzontale) 12 23 : 1 2L = 3 L 3 = 21 a Le espressione dei lavori valgono: LIN T = Mp |1 | + Mp |0 1 | + Mp |3 0| = 4Mp 1 LEST = +2P 1 2L = 4P L1

Perci` dalluguaglianza dei lavori si ha: o LIN T = LEST = Mp PL

2 STIMA DEL MOLTIPLICATORE DI COLLASSO

20 2 2 2P 3P 12 2 2 3 4 3 30 L 23 3 L

1 1 10

11 00
L

111 000
L L Figura 5: Schema secondo cinematismo

Meccanismo # 2: cerniere in 1, 2 e 3. I centri di rotazione assoluta 10 e 30 e quelli di rotazione relativa 12 e 23 sono di immediata determinazione, in quanto sono posti nelle cerniere. Per la determinazione di 20 si fa ricorso al primo teorema delle catene cinematiche usato due volte, in quanto si deve avere allineamento fra 10 12 20 e 20 23 30 . Le relazioni fra gli angoli sono date da: Continuit` spostamento (orizzontale) 12 : 1 2L = 2 (L) 2 = 21 a Continuit` spostamento (orizzontale) 23 : 2 (L) = 3 L 3 = 2 = 21 a

Le espressione dei lavori valgono: LIN T = Mp |1 | + Mp |2 1 | + Mp |3 2 | = 8Mp 1 LEST = +2P 1 2L 3P (2 L) = 2P L1

Poch` si ha LEST < 0, il meccanismo non ` cinematicamente ammissibile. Tuttavia, ` un e e e meccanismo cinematicamente ammissibile quello in cui la rotazione 1 ` antioraria, per cui si ha: e LIN T = 8Mp 1 LEST = (2P L)

Perci` dalluguaglianza dei lavori si ha: o LIN T = LEST = 4 Meccanismo # 3: cerniere in 2, 3 e 4. I centri di rotazione assoluta 10 e 30 e quelli di rotazione relativa 12 e 23 sono di immediata determinazione, in quanto sono posti nelle cerniere. Per la determinazione di 20 si fa ricorso al primo teorema delle catene cinematiche usato due volte, in quanto si deve avere allineamento fra 10 12 20 e 20 23 30 . Mp PL

Moltiplicatore di collasso

3P 2P 10 1 2 1 12 3 2 30 3 2 4 L 23 20

11 00
L

111 000
L L Figura 6: Schema terzo cinematismo

Quindi, 23 , visto come appartenente allasta 2, non subir` spostamenti perch` coincidente con il a e proprio centro di rotazione. Ma 23 appartiene anche allasta 3, la quale ha nellaltro estremo il proprio centro di rotazione. Perci` lasta 3, avendo due punti che non subiscono spostamenti, non o subir` spostamenti in nessun altro punto, ovvero lasta 3 ` ssa. a e Le relazioni fra gli angoli sono date da: Continuit` spostamento (verticale) 12 : 1 L = 2 (L) 2 = 1 a

Le espressione dei lavori valgono: LIN T = Mp |1 | + Mp |2 1 | + Mp |2 | = 4Mp 1 LEST = 3P (1 L) = 3P L1

Perci` dalluguaglianza dei lavori si ha: o LIN T = LEST = Meccanismo # 4: cerniere in 1, 3 e 4. I centri di rotazione assoluta 10 e 30 e quelli di rotazione relativa 12 e 23 sono di immediata determinazione, in quanto sono posti nelle cerniere. Per la determinazione di 20 si fa ricorso al primo teorema delle catene cinematiche usato due volte, in quanto si deve avere allineamento fra 10 12 20 e 20 23 30 . Le relazioni fra gli angoli sono date da: Continuit` spostamento (verticale) 12 : 1 L = 2 (L) 2 = 1 a Continuit` spostamento (orizzontale) 23 : 2 (2L) = 3 L 3 = 22 = 21 a 4 Mp 3 PL

Le espressione dei lavori valgono: LIN T = Mp |1 | + Mp |2 1 | + Mp |3 2 | = 6Mp 1 LEST = +2P 1 2L 3P (2 (L)) = 7P L1

Perci` dalluguaglianza dei lavori si ha: o LIN T = LEST = 6 Mp 7 PL

2 STIMA DEL MOLTIPLICATORE DI COLLASSO

20

2L
3P 2P 2 12 3 2 4 3 30 3 23

1 1 10

11 00
L

111 000
L L Figura 7: Schema quarto cinematismo

La migliore stima del moltiplicaro di collasso ` data dal valore c = e 2.2.1 Sovrapposizione dei meccanismi

6 Mp 7 PL.

Se si decide di adottare il metodo della sovrapposizione dei meccanismi di Symonds & Neal, si pu` operare o come segue. Il numero di meccanismi linearmente indipendenti ` pari a due, ovvero n = N i = 2. e Adottando come meccanismi indipendenti il #1 e il #2, si pu` costruire la seguente tabella, dove o ` indicata con i la rotazione della (eventuale) i-esima cerniera plastica (positiva se tende le bre di e riferimento), con h2 si ` indicato lo spostamento orizzontale del punto di applicazione della forza 2P e (positivo se verso destra) mentre con v3 si ` indicato lo spostamento verticale del punto di applicazione e della forza 3P (positivo se verso il basso): # 1 2 3 4 h2 v3 note 1 1 +1 0 21 2L1 0 Mp /P L 2 +1 31 +41 0 2L1 2L1 4Mp /P L 1 3 0 1 +21 1 0 L1 4/3 Mp/P L = 1 #1 + 2 #2 2 3 1 4 1 0 +21 31 2L1 L1 6/7 Mp/P L = 2 #1 + 2 #2 Il lavoro interno ` dato da: e LIN T = Mp quello esterno da: LEST = 2P h2 + 3P v3 mentre il moltiplicatore corrsipondente al meccanismo ` dato al solito uguagliando LIN T = LEST . e Per la rotazione i della i-esima cerniera plastica, si pu` adottare la seguente: o i = i,k i,j dove i,k ` la rotazione dellasta che precede e i,j ` la rotazione dellasta che segue (si veda Fig. 8). Si e e noti che avendo assunto positive le rotazioni orarie la precedente fornisce il segno corretto della rotazione della sezione (positive se sono tese le bre di riferimento). |i |

Moltiplicatore di collasso

i,k

i,j

Figura 8: Rotazione sede i-esima

2.3

Conclusioni
s r c

Dai teoremi dellanalisi limite si ha che: In questo caso, poich` si ha uguaglianza fra le stime del moltiplicatore eettuate col metodo statico e e col metodo cinematico, si ha che: 6 Mp r s c = 7 PL