Sei sulla pagina 1di 28

CREMASCO

Il

PICCOLO giornale del

Direttore responsabile: Sergio Cuti Societ editrice: Promedia Soc. Coop. via Del sale 19, Cremona Amministrazione e diffusione via S. Bernardo 37/a Cremona tel. 0372 435474 Direzione e redazione Piazza Premoli 7 Crema tel. 0373 83041 email cremasco@cuticomunicazione.it Stampa: SEL Societ Editrice Lombarda Cremona Pubblicit: Immagina srl tel. 0372 435474 direzione@immaginapubblicita.it Aut. del Tribunale di Crema n 165 del 31/05/2012 Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 - Cremona Numeri Arretrati: http://www.immaginapubblicita.it

SABATO 2 FEBBRAIO 2013 ANNO II NUMERO 5

0,02 Copia Omaggio

L'attacco di Agazzi: Era gi tutto scritto e previsto. Dopo la campagna elettorale i nodi sono venuti al pettine. Durissima la Lega: Hanno buttato via altri soldi. Il movimento di Oscar Giannino: Meglio tagliare le spese correnti e riorganizzare le municipalizzate.
a polemica divampa in citt. Lamministrazione di Stefania Bonaldi per poter presentare il bilancio 2013, costretta alla disperata ricerca di 4 milioni e 600 mila euro. Soldi che mancano allappello e che il sindaco, ma soprattutto lassessore al bilancio Morena Saltini, vogliono recuperare con laumento delle tasse. Una scelta difficile, ma confermata dalla stessa Saltini che ha dichiarato: Lorientamento dellamministrazione fortemente preordinato a una revisione complessiva del gettito delle entrate tributarie di competenza propria del Comune. A onor di cronaca va detto che il nostro municipio tra i pi virtuosi in Lombardia e tutto quello che poteva essere tagliato sarebbe stato tagliato, e allinterno della struttura comunale non esisterebbero sprechi di risorse. Come recuperare quindi le risorse che mancano? Le parole dellassessore Saltini sono chiare: aumentando le tasse e ridisegnando alcuni servizi. Lipotesi discussa allinterno del tavolo di maggioranza prevede linnalzamento della aliquota Irpef, dallattuale 0, 5 a 0,8. Loperazione consentirebbe di recuperare circa 1 milione e mezzo di euro. Poi ancora: lImu. E vero che unimposta provvisoria, ma qualora dovesse essere confermata dallo Stato centrale, il comune di Crema sta pensando di innalzarla. Oggi allo 0,4%, una delle pi basse dItalia,

IN ARRIVO NUOVE TASSE DAL COMUNE


L
lasciata in eredit dalla giunta Bruttomesso. La legge consente di innalzarla fino all1,6. E non escluso che a Crema ci si avvalga di questa opzione. Poi c il capitolo servizi. Anche in questo caso potrebbero essere ritoccate allins numerose tariffe. Dai parcheggi sino alle rette degli asili. Opzione questultima che non piace a una parte della maggioranza. Sinistra ecologia e Libert, infatti, si dice pronta a litigare su questo argomento. Insomma, come la si guardi, la coperta sempre troppo corta e rischia di scontentare cittadini e forze politiche. Il malcontento successivo alla diffusione della notizia stato da subito interpretato dallopposizione. Antonio Agazzi, ex candidato sindaco oggi consigliere comunale ha dichiarato: Il Comune di Crema si appresta ad aumentare la pressione fiscale e tributaria. Per quel che mi riguarda, invece, era tutto gi scritto, tutto prevedibile. La Bonaldi, in campagna elettorale, ha fatto molta demagogia e adesso i nodi vengono al pettine. Ancora pi duro Dino Losa, segretario cittadino della Lega Nord: Il sindaco Bonaldi, insieme alla sua maggioranza, sostiene che sia necessario un incremento della tassazione per ripianare un debito di oltre 4 milioni di euro. Chiss se era a conoscenza di questa situazione anche quando, pochi mesi orsono, ha letteralmente gettato alle ortiche ben 3mila euro di noi cremaschi per tappezzare la citt con dei manifesti pro immigrati dei quali, eccezion fatta per gli addetti ai lavori, nessuno ne ha capito il significato. Incompetenza? Oppure le priorit del sindaco sono altre?. A proposito del bilancio, entrato nella discussione anche il coordinatore di Crema di Fermare il declino, Guido Conio. Il movimento di Giannino fa una proposta costruttiva: la riorganizzazione delle societ partecipate. Spiega Conio: E' evidente che il problema sono le spese e non le basse entrate. Fare per Fermare il declino ritiene che la manovra correttiva dovr mettere in conto un taglio sostanziale delle spese correnti, ottenuto attraverso una riorga-

Alla disperata ricerca di 4 milioni e 600 mila euro che mancano nel bilancio 2013: aumento dellIrpef, e forse dellImu

Morena Saltini, assessore al Bilancio

nizzazione delle municipalizzate ed una gestione pi attenta delle attivit, eliminando sovrapposizioni ed effettuando sinergie tra i servizi pubblici salvaguardano scuola e salute. Occorre inoltre recuperare ulteriori risorse da destinare agli investimenti e per incentivare l'impresa, attirando capitali dall'esterno con veri strumenti di marketing territoriale. Non si tratta insomma di far quadrare solo i conti, ma di ripensare la distribuzione della spesa in un ottica di crescita e sviluppo del territorio. Un tema molto caro a Stefania Bonaldi che per, ad oggi, ha dato davvero pochi frutti. Il numero delle societ partecipate dal Comune di Crema non ancora cambiato. Il sistema delle scatole cinesi, un intricato puzzle di Cda, controllori e controllati ancora li. Per il momento le societ in perdita che tutti volevano liquidare, come Scs Servizi Locali, sono in fase di ristrutturazione. Gli uomini del centrodestra congedati e sostituiti con fedelissimi del centrosinistra. Poco cambiato. Ma la citt si aspetta che, proprio davanti al bilancio, il sindaco sia capace di gettare il cuore oltre lostacolo, rompere i legami con i poteri forti dei partiti e portare fino in fondo la razionalizzazione tanto invocata in campagna elettorale. Lo chiedono i cittadini, che allo stesso tempo invocano meno tasse. Michela Bettinelli Rossi

Banche e partiti: miscela esplosiva


di Enrico Tupone tuponee@alice.it

IL PUNTO DI VISTA

TENTATO OMICIDIO A PIANENGO: ANCORA GRAVE LA DONNA ACCOLTELLATA DAL FRATELLO


Voleva suicidarsi Agostino Gaffuri, loperaio di Pianengo di 47 anni finito in carcere a Cremona con laccusa del tentato omicidio della sorella Susanna, invalida di 46 anni. Addosso aveva un biglietto daddio. Lhanno trovato gli agenti del commissariato. Un foglio scritto prima di pugnalare la donna che ancora ricovera. La tragedia che ha scosso il Cremasco e il paese di Pianengo in particolare, scoppiata luned scorso. Verso le 18.30, Gaffuri rientrato in casa, una villetta in via Rossini, dove vive con la sorella e la madre anziana, che per ricoverata in ospedale. Probabilmente ubriaco, ha preso un coltello in cucina ed salito in camera da letto dove la sorella stava dormendo. Lha pugnalata pi volte, colpendola ripetutamente alladdome, al torace e al collo.

Poi, luomo ha telefonato alla polizia farfugliando di un omicidio-suicidio. Ed ha riattaccato, Dalla centrale sono scattate le ricerche e una pattuglia piombata a Pianengo. Era presente anche il vice questore Daniel Segre. Gaffuri era allesterno dellabitazione. E stato lui a condurre i poliziotti nel letto dove giaceva la sorella gravemente ferita. Luomo stato arrestato con laccusa di tentato omicidio.

n noto proverbio Milanese dice ofel fa el to mest ossia pasticciere fai il tuo mestiere, proverbio di notevole saggezza che utilizziamo subito per dire alla classe politica italiana di fare il proprio mestiere senza avventurarsi in cose che non sanno fare. I politici devono andare fuori dalle banche lasciando ai banchieri la responsabilit di gestire il denaro su basi di buona finanza e non di spartizione. Il caso del Monte dei Paschi lultimo scandalo in ordine di tempo che vede uomini politici, del PD nel caso, coinvolti in quanto presenti nella fondazioni che oggi controllano le banche. Un grosso pasticcio quello di MPS in cui sono presenti tutti gli ingredienti perlomeno di una pessima amministrazione: acquisizioni strapagate, derivati, false comunicazioni agli organi di vigilanza. Lapparente atteggiamento morbido del Pdl non deve sorprendere in quanto uomini di punta di partiti (di ieri e di oggi) legati a Silvio Berlusconi erano presenti negli organi direttivi di MPS. Un ruolo importante lo ricopre anche Denis Verdini, coordinatore Pdl e coinvolto nel fallimento del Credito Cooperativo Fiorentino, che garantiva i rapporti con le banche toscane e con MPS in particolare. Per dire che i politici debbono stare fuori dalle banche possiamo anche citare la banca di riferimento della Lega, Credieuronord, fallita dopo quattro anni dalla sua fondazione, istituto che doveva servire per il popolo padano come dichiarava Umberto Bossi sui manifesti pubblicitari. La fame di soldi della politica, se non bloccata, finir per affossare il paese e non potremmo neppure rifugiarci in Vaticano come le note vicende dello IOR, Istituto per le Opere di Religione, ci hanno insegnato.

TUTTO PER LA CASA E LA PERSONA

Il Piacere del Risparmio


2,98
Plaid Pile cm. 130x160

0,99

0,99

0,99

Collant Donna BIC

Slip uomo BIC

Crema Arnica - Calendula- Aloe vera

2,48
lt. 1,5
54 lavaggi Vernel ammorbidente

0,99

1,90
15 lavaggi

Telo Spugna cm. 130x160

Slip donna

0,65 2,68
Dixan Polvere Collant Pompea Vani 20 12 pezzi

1,65
Gillet deodorante

ml. 200

1,45
Friskies - Gatto Salmone Tonno Verdure

Salvelox Cerotti

0,98

0,48

gr. 400

ml. 200
Quasar Sgrassatore Bagno

Crema mani e corpo

1,58

ml. 750

1,48

ml. 300

CREMA - Via Cresmiero (Angolo Via F.lli Bandiera)

Accordo firmato nei giorni scorsi. I primi lavori partiranno in via Persico e San Felice. Ne verranno eliminato sette

stato sottoscritto nei giorni scorsi l'accordo attuativo del protocollo di intesa per la riqualificazione e il potenziamento del sistema viabilistico delle province di Cremona e Mantova. Firmatari, Regione Lombardia, Provincia di Cremona, Comune di Cremona e Rete Ferroviaria Italiana SpaSi. L'accordo permetter di dare il via ai lavori di eliminazione dei passaggi a livello a Cremona. I cantieri partiranno in agosto per San Felice e via Persico, mentre via Brescia avr avvio nella prima met del 2014. A essere oggetto di intervento saranno sette passaggi. In base allaccordo, Regione Lombardia, Comune di Cremona e Rete Ferroviaria Italiana concorrono al finanziamento dell'intervento, che ha un costo complessivo 13.035.0000 di euro, in questa misura: Regione Lombardia per 6.934.284 euro, Comune di Cremona per 3.100.716 euro, Rete Ferroviaria Italiana per 3.000.000 euro. I lavori sono inseriti nel Programma triennale delle opere pubbliche, e il progetto definitivo gi stato approvato nella seduta del 20 dicembre 2012 del Consiglio comunale per quanto riguarda il progetto definitivo relativo ai lavori per leliminazione dei passaggi a livello sulla linea ferroviaria Cremona-Mantova in corrispondenza di via Brescia, via Persico e via S. Felice. Ci troviamo alla conclusione di un lungo percorso ha detto il sindaco Oreste Perri. Ora si pu finalmente passare alla fase operativa. Lintervento permetter, tra laltro, di migliorare laccessibilit alla rete viaria attraverso il punto di innesto rappresentato dal casello autostradale di Cremona sullautostrada A21 Piacenza-Brescia attraverso lalleggerimento del traffico e leliminazione delle numerose code di veicoli che si formano nei pressi dei passaggi a livello. Questo comporter una riduzione delle emissioni inquinanti e il miglioramento della qualit dellaria. La realizzazione di queste opere porter inoltre ad una maggiore sicurezza delle strade cittadine. A beneficiare di questi interventi, secondo il presidente della Provincia Massimiliano Salini, saranno sia la situazione del traffico cittadino, sia quella dei nostri pendolari, dato che i treni spesso subiscono rallentamenti a causa del cattivo funzionamento dei passaggi a livello. Il Comune di Cremona, in qualit di ente proprietario della strada, ha espresso la volont di anticipare la realizzazione, rispetto al quadro complessivo degli interventi programmati per leliminazione dei passaggi a livello della linea ferroviaria Cremona Mantova, delle opere di sottopasso in via Brescia e in via Persico e dellopera di scavalco in via San Felice, poste sul proprio terri-

Passaggi a livello, cantiere da agosto


di Giulia Sapelli Sono partiti i lavori preliminari per il raddoppio del tratto di tangenziale che collega la rotatoria di via Mantova al casello autostradale della A21 all'altezza di San Felice. Attualmente stiamo facendo un lavoro sulla rotatoria di via Mantova, realizzando delle svolte continue nei punti di immissione, che risulter utile per fluidificare i flussi di traffico in transito da e per il casello spiega l'assessore comunale Francesco Zanibelli. Con questi lavori vogliamo risolvere un problema urbanistico creatosi anni fa, quando si decise di realizzare l'area industriale cittadina nei pressi del porto anzich vicino al casello, con conseguenti problemi alla viabilit, che spesso risulta congestionata perch i mezzi pesanti devono attraversare tutta la tangenziale per raggiungere tale area. Naturalmente la vera opera sar appunto il raddoppio della tangenziale fino al casello. Vogliamo che quel tratto di strada, che purtroppo stato scenario spesso di incidenti anche mortali, diventi pi sicuro e scorrevole. Il costo totale dei lavori pari a 3.222.000 euro gi interamente finanziati. Obiettivi dell'intervento non soltanto, quindi, la semplificazione dell'accesso alla rete autostradale, ma anche la messa in sicurezza dell'area.

CREMONA

Sabato 2 Febbraio 2013

Iniziati i lavori per il raddoppio della tangenziale fino al casello

Bandi per loccupazione giovanile

LAVORO

Mimmo Palmieri

torio, anche per garantire maggiori livelli di fruibilit e di servizio e sicurezza. Inoltre, come ente attuatore dell'intervento, avra' il compito di completare la progettazione per poter appaltare lopera, di mettere a gara, di realizzare e di collaudare lopera di scavalco e la viabilit necessaria a rendere funzionale la stessa e garantire la chiusura dei passaggi a livello. SOTTOPASSO DI VIA PERSICO. Verr realizzata una struttura che prevede una strada urbana di quartiere di larghezza pari a 7.50 metri e una pista ciclabile da 2.50 metri, per un ingombro totale pari a 10 metri. A completamento di questo primo step progettuale si prevede la riorganizzazione della viabilit limitrofa cos da eliminare le conflittualit tra via Brescia, via Gallazzi e via Persico. I lavori prevedono la realizzazione di una rotatoria a raso su via Brescia (allincrocio tra via Vecchia Dogana e via Gallazzi), una seconda rotatoria su via Persico, allincrocio con via dellAnnona e via Gallazzi, ed infine

Queste opere porteranno a una maggior sicurezza

la riqualificazione della via Gallazzi stessa; qui verranno ricavati 18 posti auto, 25 in via Persico in prossimit di via Cavo Cerca, e 6 presso limpalcato ferroviario, per ripristinare la disponibilit di parcheggio ora presente. Verr di conseguenza sistemato linnesto con via Serafina e asfaltato lattuale incrocio tra via Persico, via Cabrini e via Soldi, senza modificarne la geometria. Le aree limitrofe alle rotatorie, ora sede stradale, verranno sistemate a verde. SOTTOPASSO DI VIA BRESCIA. Verr realizzata una struttura che prevede una strada urbana di quartiere di larghezza pari a 5.50 metri e una pista pedonale da 1.50 metri, per un ingombro totale pari a 7 metri. Il progetto stradale fortemente condizionato dalla presenza delledificato esistente e soprattutto da due manufatti idraulici sotterranei che confluiscono uno nellaltro proprio in corrispondenza dellambito interessato dallintervento. Larea di intervento, infatti, limitata ad

Ovest dal Cavo Robecco ( posizionato parallelamente a via Brescia) e a Sud dal Cavo Cerca. La presenza del Cavo Cerca che interseca perpendicolarmente via Brescia a circa 45 m dal binario obbliga a progettare una rampa con una livelletta al 10% di pendenza ed un'altezza utile del sottopasso pari 2,50 metri, sufficiente solamente per autovetture e furgoni di dimensioni ordinarie. Allinizio della rampa posta sul lato Sud del sottopasso, partono due controstrade, una sul lato sinistro ed una sul lato destro, che danno accesso rispettivamente al vicolo cieco e a via Cavo Cerca, mantenendo cos il collegamento di queste due strade con la via Brescia. La carreggiata stradale sar poi completata da una percorso pedonale affiancato. SOVRAPPASSO DI SAN FELICE. Il viadotto costituito da ununica campata lunga 22.85 metri, del tutto adeguata ad accogliere il binario esistente, pi il suo eventuale futuro raddoppio. La carreggiata stradale poi affiancata da una pista ciclabile separata da barriera di sicurezza metallica e con una larghezza di 2,50 metri. Le spalle sono fondate su platee di fondazione dotate di 16 pali trivellati della profondit di 35 metri. Sia a Nord, sia a Sud della linea ferroviaria sono stati previsti gli innesti alla strada esistente per garantire laccesso alle strutture ed alle attivit presenti. Il progetto prevede inoltre lallargamento della sezione stradale di via Postumia, consentendo la realizzazione della corsia centrale per laccumulo dei veicoli che da Cremona devono svoltare a sinistra per San Felice, e per quelli che da San Felice svoltano in direzione opposta, verso Malagnino. CHIUSURA DI VIA MULINO E SOPPRESSIONE DEGLI ATTRAVERSAMENTI PRIVATI. Si proceder in accordo con Rfi Spa, all'individuazione di misure atte all'interdizione del transito.

Pubblicati nuovi bandi rivolti alle imprese per la concessione di finanziamenti a tasso agevolato (0,5% annuo) cui sono ammessi i progetti che prevedono occupazione a tempo indeterminato, aggiuntiva rispetto alla media totale degli addetti degli ultimi 12 mesi, di giovani con et non superiore a 35 anni alla data di assunzione. Nel caso di assunzioni superiori a 3 unit, almeno un terzo dei posti deve essere riservato a giovani laureati con et non superiore a 28 anni. Lo rende noto la Cgil in un comunicato, sottolineando che i settori per cui possono essere concessi i finanziamenti per la realizzazione di progetti sono: protezione del territorio e prevenzione del rischio idrogeologico e sismico; ricerca, sviluppo e produzione di biocarburanti di seconda e terza generazione; ricerca, sviluppo, produzione ed installazione di tecnologie nel solare termico, solare a concentrazione, solare termo-dinamico, solare fotovoltaico, biomasse, biogas e geotermia; incremento dell'efficenza negli usi finali dell'energia nei settori civile, industriale e terziario, compresi gli interventi di social housing; processi di produzione o valorizzazione di prodotti, processi produttivi od organizzativi o servizi che, rispetto alle alternative disponibili, comportino una riduzione dell'inquinamento e dell'uso delle risorse nell'arco dell'intero ciclo di vita. Il finanziamento potr essere concesso per una quota parte del costo totale dell'investimento (dal 60 al 75%). Si tratta evidentemente di una importante opportunit per favorire gli investimenti delle imprese in occupazione qualificata, ricerca, innovazione, sviluppo sostenibile, cos come sostenuto dalla Cgil nel Piano del lavoro sottolinea Mimmo Palmieri, segretario della Cgil di Cremona. Pertanto, anche per il nostro territorio, esiste la possibilit di elaborare progetti di investimento al fine di attivare una possibilit di uscita dalla crisi e di sviluppo sostenibile, creando occupazione giovanile stabile e qualificata.

Sabato 20 Febbraio 2013

Cronaca

Variante del Pgt, ecco cosa cambia per la citt


Il vicesindaco Malvezzi: Unidea di rilancio di Cremona attraverso il lavoro, gli investimenti, lagricoltura
Le priorit strategiche
1. La sostenibilit ambientale delle scelte, tendente alla conservazione e valorizzazione dei paesaggi, delle risorse fisiche e della rete ecologica; 2. Il contrasto al consumo di suolo e la conseguente restituzione all'uso agricolo di circa 600 mila metri quadrati di superficie potenzialmente utilizzabile per altre funzioni dal previgente Pgt; 3. Il governo della riqualificazione urbana, teso a favorire il recupero delle aree dimesse, la rigenerazione di contesti urbani che hanno perso le loro originarie funzioni, la riduzione dell'inquinamento ambientale e l'incremento dell'uso di energie alternative, la mitigazione delle condizioni di rischio; 4. La rigenerazione del tessuto urbano consolidato; 5. La riqualificazione del sistema urbano attraverso un nuovo quadro normativo snello che favorisce il riutilizzo dei volumi esistenti; 6. La collaborazione tra l'Amministrazione ed i soggetti del privato che erogano servizi di pubblica utilit e svolgono un ruolo attivo nella trasformazione del contesto urbano, nel rispetto del principio di sussidiariet; 7. La significativa semplificazione e il notevole snellimento degli strumenti attuativi per interventi edilizi, limitando a casi straordinari i piani/ programmi, previlegiuando il permesso di costruire convenzionato; 8. L'adeguamento delle infrastrutture della mobilit con operazioni di completamento ed integrazione sia del sistema delle comunicazioni regionali e nazionali, sia dei fabbisogni locali, anche con attenzione alla mobilit lenta; 9. Ridare attualit alla rilevanza agricola, fattore trainante dello sviluppo economico locale.

Vogliamo fare in modo che le aziende tornino a insediarsi a Cremona, attraverso pacchetti convenienti
di Laura Bosio reso necessaria la realizzazione di uno strumento che favorisse un cambio di rotta e un rilancio del territorio spiega il vice sindaco. Sono quattro i grandi temi su cui si basa la variante, a partire dalla riduzione del consumo di suolo. Rispetto al Piano che era stato redatto nel 2009, con la variante si restituiscono 600mila metri quadrati di terreno all'utilizzo in agricoltura. Spazi che invece nel Piano originale erano stati destinati ad altri scopi spiega ancora Malvezzi. Un secondo punto di intervento riguarda il tema del lavoro. L'intervento della variante consentir di creare le condizioni per cui nuove imprese possano scegliere di insediarsi nel nostro territorio, perch particolarmente conveniente. In sostanza abbiamo individuato un parternariato pubblico/ privato che ci consenta di m e t t e re a disposizione delle imprese delle aree di insediamento a prezzi molto competitivi spiega il vice sindaco. Stiamo inoltre definendo, in accordo con le associazioni di categoria, dei pacchetti localizzatvi che contengono misure urbanistiche, edilizie, amministrative e fiscali molto vantaggiose. In particolare, oltre a dei prezzi particolarmente competitivi, prevista la garanzia di ottenere il permesso di costruire entro 30-40 giorni, l'impegno a rilasciare gli strumenti urbanistici attuativi entro 90 giorni (contro i sei mesi previsti normalmente), la possibilit di una riduzione dell'aliquota Imu alla sola quota statale per 5 anni (nei quali il Comune si impegna a rinunciare alla propria parte), l'abbattimento della Tares. Si tratta di uno strumento innovativo che pochissime realt nazionali stanno valutando. Noi siamo tra i primi. Anche il recupero del patrimonio edilizio esistente tra i punti fondamentali della variante. Abbiamo introdotto delle norme che consentano di recuperare gli edifici in maniera pi semplice e soprattutto pi flessibile spiega Malvezzi. In sostanza, la variante consente il superamento di moltissimi vincoli che prima scoraggiavano la ristrutturazione degli edifici. Ad esempio sar possibile recuperare una mansarda e innalzarla per realizzare un nuovo appartamento per il figlio, o creare nuovi locali nell'abitazione di una persona anziana che, non pi autosufficiente, si trovi ad aver bisogno di un'assistenza continua spiega il vice sindaco. Abbiamo inoltre previsto delle misure di incentivazione fiscale per chi restaura, attraverso la riduzione per tre anni della quota Imu comunale,

n argomento all'ordine del giorno, un fatto importante per la citt: parliamo della variante al Piano di governo del territorio, lo strumento urbanistico approvato nei giorni scorsi in Consiglio comunale, che introduce molte novit. Vediamo di scoprire di cosa si tratta e cosa cambier nella gestione della citt. Ne abbiamo parlato con il vice sindaco Carlo Malvezzi. La variante si resa necessaria per modificare il Piano che era stato varato nel 2009, quando le condizioni economiche erano ancora ben diverse. Quanto accaduto in seguito e le difficolt sempre pi stringenti che hanno colpito il territorio hanno

Si restituiscono allagricoltura 600 mq di terreno

Vogliamo rendere attrattivo il territorio

Queste misure rendono pi economico il restauro dell'immobile. Si tratta di una novit molto importante, soprattutto se pensiamo che la diseconomia dei restauri ha spinto, negli ultimi 30 anni, ben diecimila persone ad abbandonare la citt, spostandosi nei comuni di cintura. Abbiamo una dotazione di servizi per 80mila persone, a Cremona, ma siamo solo in 70mila: bisogna ripopolare la citt. Sempre allo scopo di riportare gente a Cremona, abbiamo previsto piccole aree di nuova edificazione collocate lungo il margine urbano. A fronte di esse, chiediamo a chi edificher di svolgere degli interventi di riqualificazione del margine stesso. Lo scopo di tutto ci rendere la citt pi bella e curata agli occhi di chi vi entra, evitando che essa si presenti da lato B. Ultimo, ma non meno importante tema quello del protagonismo dei cittadini nella vita della citt. La nostra idea che chi costruisce o effettua lavori di trasformazione possa poi mettersi in campo anche nell'erogazione di servizi o nella realizzazione di opere. Ad esempio nell'ambito della riqualificazione di un'area, il privato che interviene potrebbe decidere di realizzare un asilo nido e scegliere a chi darlo in gestione e il Comune concederebbe il riconoscimento pubblico della sua funzione sottolinea il vicesindaco. In conclusione, cos come stata impostata, la variante, in tempo di crisi, tende a contrastare questo fenomeno, introducendo risposte che favoriscano attrattivit, competitivit e innovazione nella realt comunale valorizzando l'unicit dei talenti e le capacit delle esperienze cremonesi.

Lassessore Demicheli risponde alle polemiche dellopposizione: Non ho abbastanza dipendenti per gestirlo

Cimitero verso la gestione privata?


D
di Laura Bosio opo la richiesta di chiarimenti, avanzata, nei giorni scorsi, dal Pd circa la privatizzazione dei servizi cimiteriali (Non ci risulta che quello cimiteriale sia un servizio in perdita aveva scritto Maura Ruggeri. Si chiariscano quali sono le criticit dal punto di vista gestionale, prima di arrivare a discutibili soluzioni), l'assessore competente , Claudio Demicheli, risponde che si tratta di polemiche sterili. Non abbiamo privatizzato niente, stiamo solo valutando se esternalizzare un servizio, cosa che peraltro viene fatta gi da tempo per diversi altri servizi legati alla gestione del cimitero. Voglio ricordare che sia l'amministrazione Bodini che quella Corada avevano privatizzato diverse attivit legate al Cimitero: il servizio verde, i trasporti funerari e le pulizie, che poi rappresentano gi il 50% delle attivit cimiteriali. Ora tocca a me fare una riflessione di questo tipo: i dipendenti di questi servizi, infatti, o sono andati in pensione o sono vicini al pensionamento, o soffrono di problemi di salute che rende loro impossibile svolgere determinati lavori.
Caludio Demicheli

Cronaca

Sabato 2 Febbraio 2013

Ci siamo rivolti a una cooperativa perch impossibile assumere nuovo personale

Marted 5 febbraio, alle ore 17, presso la Sala Conferenze della Biblioteca Statale di Cremona, tre ospiti di eccezione presenteranno la nuova edizione della "Storia confidenziale della letteratura italiana" di Giampaolo Dossena. Il giornalista e scrittore Stefano Bartezzaghi, lamministratore delegato della Zanichelli Editore Lorenzo Enriques e Giorgio Thoeni della Radio Svizzera Italiana si confronteranno con le mille e pi pagine dei due volumi che compongono questopera che, nella sua struttura stessa, appare come un gioco (un altissimo gioco) intellettuale.

Storia confidenziale della letteratura italiana

Ca de Mari: fischio dinizio del 4 Torneo dellamicizia


struttura che abbiamo attualmente in funzione obsoleta, e entro la fine di quest'anno sar pronto il nuovo Polo. Una struttura che sar tecnologicamente avanzata e che necessiter di tecnici esperti per essere fatta funzionare. Per questo, stiamo valutando se a s s u m e re n u o v o personale o se esternalizzare il servizio. Assumere nuovi dipendenti costerebbe al Comune 150.000 euro l'anno, e con la spending review non possiamo permetterci costi troppo elevati. Se invece esternalizziamo, scegliendo se fare una societ mista o affidare l'incarico a terze aziende, per il Comune non vi saranno grandi costi. Peraltro la necessit di un nuovo Polo crematorio si fa sempre pi forte, soprattutto a fronte del fatto che le cremazioni, dal 2009 a oggi, sono aumentate del 30%, e il Comune non riesce pi a far fronte a tutte le richieste. Ci chiamano anche molte persone da fuori provincia, ma dobbiamo spesso rifiutare perch non riusciamo a soddisfare tutti. Con la nuova struttura potremo incrementare l'attivit notevolmente; avremo bisogno di implementare anche l'apparato amministrativo per la gestione di questa attivit, vista la forte crescita del lavoro. Con la crisi sempre pi persone scelgono questa soluzione, che senza dubbio rappresenta un risparmio per le famiglie. Tra le preoccupazioni sollevate dall'opposizione, tra l'altro, c' anche quella di un incremento dei costi di cremazione, nel caso di gestione da parte di privati. Ma Demicheli rassicura anche su quello: Le tariffe sono comunque stabilite a priori dal Comune in sede di realizzazione del bando di gara, quindi non ci saranno aumenti legati all'esternalizzazione.

Mi trovo cos nella situazione di non avere personale a sufficienza per gestire tutto. Per questo, gi da due anni ho fatto un accordo con una cooperativa specializzata, che mi garantisce quotidianamente 2 o 3 persone per la gestione dei servizi cimiteriali, che si affiancano ai dipendenti, che come dicevo sono in numero insufficiente. Per quanto riguarda la questione del polo crematorio, che al centro della polemica, Demicheli sottolinea che la

Anche Corada e Bodini avevano privatizzato alcuni servizi

Impianto fotovoltaico sui tetti del camposanto


Il Polo crematorio solo una delle opere in corso nel cimitero cremonese, che tra pochi mesi inaugurer il nuovo grattacielo (1.500 posti). Abbiamo inoltre appena terminato la realizzazione di un lotto di nuove cappellette - 17 - e ve ne sono altre 44 in costruzione, tutte gi assegnate, oltre a 64 tombe romane dice l'assessore Demicheli. Accanto a questo, stiamo valutando un investimento per implementare sui tetti del cimitero un impianto fotovoltaico per circa 3mila metri quadrati. Questo ci permetterebbe anche di ottenere un ricavo, in quanto avremmo un quantitativo di energia da rivendere in rete. Sempre nell'ambito del risparmio energetico, abbiamo inoltre appena sostituito tutte le luci del cimitero con lampade Led (oltre 50mila) a basso consumo, che abbiamo ottenuto grazie a dei fondi europei. Seguendo alcuni suggerimenti emersi dal rapporto di customer satisfaction compilato nel 2012, ci sono in programma l'apertura di una terza entrata, lato San Zeno; la collocazione di alcune panchine all'interno del camposanto; la collocazione di telecamere per combattere il fenomeno dei piccoli furti e atti vandalici che spesso si verificano. Infine ho dato disposizioni per l'ampliamento del cimitero di Cavatigozzi, utilizzando il terreno che viene prelevato durante i lavori per il raddoppio di via Mantova.

Ha preso il via nei giorni scorsi il 4 Torneo dellamicizia fra squadre di immigrati extracomunitari e squadre indigene presso la palestra di C de Mari nel comune di Gadesco Pieve Delmona. Vi partecipano ben sei formazioni, tra cui lAssociazione Kossovara(vincitrice dellultima edizione), lUnione degli Stati Africani, lAssociazione Ghanese, la Caritas, lAssociazione Rumena e la rappresentativa Cremona calcio, squadra mista composta da giocatori cremonesi ed extracomunitari. Gli incontri si disputano nelle serate del venerd e mercoled dalle ore 20 alle 22, e si concluderanno il 12 marzo con la cerimonia delle premiazioni, cui prenderanno parte i dirigenti provinciali dellUisp e della Lega Calcio. Da sottolineare che la manifestazione calcistica rientra fra quelle realizzate col contributo della Fondazione Comunitaria della Provincia di Cremona che ha ritenuto meritevole di riconoscimento il progetto dellUisp cremonese intitolato Lo sport per linclusione sociale.

Sabato 2 Febbraio 2013

Cronaca Una circolare ministeriale ha abrogato lobbligo di mantenere in adozione gli stessi testi per pi anni
Scuola troppo cara, cresce labbandono. Perin: Spesso le famiglie non possono permetterserla
di Laura Bosio l ministero della Pubblica Istruzione comunica che, a decorrere dal primo settembre 2013, si stabilisce labrogazione dellobbligo, previsto dall'articolo 5 dalla legge n. 169/2008, di mantenere in adozione gli stessi testi scolastici per un quinquennio nella scuola primaria e per un sessennio nella scuola secondaria di I e di II grado. Gli insegnanti potranno quindi decidere di cambiare i libri adottati, senza pi vincoli: in teoria, anche ogni anno. Una notizia che si aggiunge alla preoccupazione delle famiglie italiane: pi difficile riutilizzare i testi in famiglia, pi difficile avvalersi del mercato dell'usato. Pare, per, che i limiti a suo tempo imposti dalla ministro Gelmini, secondo i dati dell'Aie, non abbiano sortito l'effetto di risparmio sperato. Tali dati infatti documentano un calo globale di spesa pari a 18 milioni di euro tra il 2009 e il 2011, tradottosi in due euro e mezzo di risparmio all'anno per le famiglie. Lo conferma anche Maria Teresa Perin, responsabile della Cgil scuola. Il problema non tanto l'eliminazione del blocco, quanto tutto un sistema che non valorizza la scuola e l'istruzione. Se esiste un obbligo scolastico fino a 16 anni, lo Stato dovrebbe garantirne la gratuit, anche dal punto di vista dell'adozione di testi scolastici. E' giusto che l'adozione del libro venga lasciata alla libera scelta dell'insegnante, come prevede la legge, ma anche giusto non gravare le famiglie di una spesa che dovrebbe essere a carico dello Stato. Invece ci troviamo a fare i conti con un governo che da anni non si preoccupa minimamente di cultura ed istruzione. Se lo facesse cercherebbe anche di intervenire sul problema delle lobbies delle case editrici, che magari pubblicano nuove edizioni di un testo cambiando solo una o due pagine e costringendo quindi le famiglie a cambiare spesso libri. Ed proprio al tema dei costi eccessivi della scuola che legato l'allarme sull'abbandono scolastico, che risulta ogni anno sempre pi forte, come ha denunciato Adiconsum. Tra le motivazioni dellabbandono scolastico la ricerca di Adiconsum, finanziata dal Forum AniaConsumatori, ha rilevato una serie di cause che riportano a condizioni di svantaggio socio-economico, che comunque riguarda anche il resto d'Europa. Attualmente nellUnione europea sono pi di 6 milioni i giovani che abbandonano gli studi o altri percorsi formativi fa sapere Adiconsum. Il tasso medio europeo di abbandono scolastico del 14,4%. A questo proposito la Commissione europea ha inserito lobiettivo del 10% nella strategia Europa 2020 che prevede lemanazione delle seguenti misure: di prevenzione, ossia di sostegno allapprendimento; di intervento, contro lassenteismo e il cattivo rendimento scolastico; di compensazione, favorendo la ripresa del percorso scolastico.

Guardie ecologiche a tutela della sicurezza urbana


Lassessore alle Politiche Ambientali, Francesco Bordi ha incontrato i presidenti dei comitati di quartiere. Allordine del giorno il rinnovato servizio delle guardie ecologiche volontarie (Gev) che da sette sono ora salite a 15. Dal confronto emersa la necessit di consolidare una stretta collaborazione per effettuare interventi rapidi e mirati sulle situazioni pi critiche che verranno evidenziate dai cittadini attraverso i loro rappresentanti. Le guardie ecologiche volontarie svolgeranno pertanto unattivit di controllo sul territorio per rilevare situazioni anomale e nel contempo fornire le indicazioni necessarie ai residenti per trovare soluzioni a problematiche non complesse. In tal senso la sinergia tra le Gev, lUfficio Periferie e il vigile di quartiere rappresenter unulteriore opportunit per i cittadini di vedere evase le loro richieste con efficacia e in tempi ragionevolmente brevi. Come ha spiegato l'assessore Francesco Bordi, le guardie ecologiche volontarie svolgeranno la loro attivit di controllo soprattutto in materia di rifiuti: tale azione verr rafforzata quando verr avviato il nuovo servizio di raccolta differenziata. In ogni caso il compito delle Gev sar soprattutto di prevenzione, in quanto cercheranno di educare i cittadini al rispetto delle norme vigenti in materia di ambiente e di igiene pubblica. La loro presenza sul territorio potr inoltre rappresentare un valido deterrente per attivit illecite ha detto Bordi. Tra i temi in discussione, anche la possibilit di coltivare orti urbani su terreni di propriet comunale riconoscendo la valenza sociale di tale attivit. Questo potr avvenire solo attraverso unapposita convenzione da stipularsi tra il Comune ed i richiedenti. Sono una decina le aree sulle quali potrebbero essere ritagliati spazi da destinare ad orti. Ai rappresentanti di quartiere stata chiesta la loro collaborazione perch, una volta individuate le zone, promuovano liniziativa insieme ai responsabili degli uffici comunali coinvolti anche per la revisione del Regolamento di gestione degli orti. Entro il mese di febbraio i cittadini interessati potranno chiedere lassegnazione di spazi per coltivare orti nelle aree destinate a questa attivit. La precedenza sar data ai residenti. Il controllo sugli orti assegnati verr effettuato dalle guardie ecologiche volontarie con la collaborazione del consigliere comunale Giorgio Everet, incaricato di affiancare lassessore Francesco Zanibelli per quanto riguarda il verde pubblico, e naturalmente dei presidenti dei comitati di quartiere.

NUOVA COLLABORAZIONE

Libri scolastici nuovi ogni anno

Maria Teresa Perin, responsabile Cgil scuola

Ci troviamo a fare i conti con un Governo che da anni non si preoccupa di istruzione

Ci sono famiglie che non hanno i soldi per mandare i propri figli a scuola e questo porta a un incremento degli abbandoni scolastici spiega ancora Perin. Accanto a questo, le scuole hanno sempre meno risorse per riuscire a seguire i giovani per fare in modo che non abbandonino la scuola. Cos capita sempre pi spesso, anche a causa della legge Sacconi sull'apprendistato, che molti giovani a 14-15 anni abbandonino gli studi per cercarsi un lavoro. Il problema non riguarda solo le superiori, ma anche l'universit, dove non solo sono calate le iscrizioni, ma si sono anche incrementati gli abbandoni. Purtroppo si nota una forte regressione culturale nel nostro Paese, in cui si privilegia il "saper fare" a basso costo rispetto al "saper essere" continua Perin. Questo sicuramente non ci aiuta a tornare a crescere, a essere competitivi e ad uscire dalla crisi. Un ragazzo che abbandona gli studi a 15 anni non sar mai un lavoratore in grado di riconvertirsi, come invece chiede oggi il mercato. In questi giorni sto facendo molte riunioni con gli insegnanti, e percepisco una fortissima preoccupazione sul futuro del Paese, legato a un totale disinteresse per l'istruzione e per la cultura.

Volvo C70 2.4 D Summum Automatico Anno 2007 11500 Euro

BMW 320 D X Drive 12/2008 Tetto Toyota Yaris Verso Anno 2000 Xeno 13500 Euro 2850 Euro

Kia Carnival Pelle Automatico Anno 2005 4000 Euro

BMW X5 3.0 Rest. Pelle Navi Full Anno 12/2010 33500 Euro

Mercedes G 240D Carrozzeria da sistemare Anno 1980 4500 Euro

VW Golf 1.6 TDI 2009 Climatronic 13950 Euro

BMW X120D Climatronic Cerchi Anno 2010 22500 Euro

Audi A4 C.Automatico o Navigatore tutte con Xenon 2012 30000 Euro

Toyota Aygo 1.0 Benzina Sol Anno 2006 5500 Euro

Lautosalone aperto dal luned al venerd dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 19,00. Sabato dalle 9,00 alle 12,30 e dalle 15,00 alle 18,30

Via Castelleonese,10 - Costa S.Abramo (Cremona) - Tel. 0372.027122 - Fax 0372.027124


info@gruppokwauto.it - www.gruppokwauto.it

Cronaca
Dalla merenda all'aperitivo, dal pranzo alla cena: nel calderone dell'inchiesta della Procura di Milano sui presunti rimborsi sospetti, con l'ipotesi di peculato, sono finite abitudini e sfizi dei consiglieri regionali dell'opposizione, oltre che quelli di maggioranza. Tra i ventinove indagati per presunti rimborsi illeciti, ci sarebbero anche i capigruppo di Pd, Sel, Idv, Pensionati e Udc al Pirellone. A ventidue di loro sono stati inviati gli inviti a comparire. Tra le spese elencate dalla Procura si trovano: Focaccia e Fanta in bottiglia, "servizio taxi tratta non specificata", "acquisto dvd corso inglese Speak Now", un pc da 550 euro, ma anche 2 euro e 70 per la Nutella. Dubbi riguardano anche "66 coperti", "libri: Stil novo, Chi governer il mondo, I riluttanti, La

Sabato 2 Febbraio 2013

Con lipotesi di peculato sono finiti nel mirino della Procura i consiglieri regionali dellopposizione

Pizzetti: Non ho mai chiesto alcun rimborso


dell'informazione di garanzia anche tre cremonesi: Luciano Pizzetti, Agostino Alloni e Fortunato Pedrazzi. In merito alla ricevuta informazione di garanzia, il candidato del Pd al Senato, Luciano Pizzetti non mostra dubbi: Io non ho mai chiesto alcun rimborso, ho fiducia nella giustizia e sono certo dellarchiviazione. Piombata nel bel mezzo della campagna elettorale, logico che la notizia abbia dato fastidio ai diretti interessati, ma il candidato cremonese al Parla-

Luciano Pizzetti

Sono certo che ci sar larchiviazione

crisi globale, shopper carta". Ho chiesto ai candidati delle altre liste, perch il problema non riguarda la mia lista civica, l'impegno di dimettersi, qualora

rieletti, nel caso in cui fossero rinviati a giudizio ha detto Umberto Ambrosoli, candidato alla presidente del Pirellone per il centrosinistra. Tra i destinatari

mento non fa esercizi di dietrologia: La stessa informazione di garanzia, a differenza di quelle inviate ad altri, non contiene alcun addebito nei miei confronti, n alcun invito a comparire davanti al magistrato. Non esiste nulla, non ho mai chiesto il rimborso nemmeno per un caff. Comprendo la necessit di ricerca nellambito dellindagine, ma sono certo che sia io che Alloni e Pedrazzi ne usciremo indenni. Al di l dellamarezza per un sentimento negativo verso la politica che

cresce tra i cittadini, non esistono scontrini o fatture da valutare. I magistrati colpiscano duramente chi ha agito contro la legge ma anche contro letica, certo che troppi consiglieri regionali hanno abusato di risorse pubbliche in modo criminale. Dopo che la magistratura avr fatto il suo corso, costoro andranno sanzionati duramente. Noi tre per, lo ripeto, non abbiamo nulla a che vedere con queste cose. Pizzetti ha concluso sottolineando che nutro la pi completa fiducia nel rigore della giustizia. Rigore nel punire i colpevoli, rigore nel togliere rapidamente dallinchiesta chi colpe non ha. Proprio perch ho fiducia nella giustizia confido nella rapida archiviazione, visto che per quanto mi riguarda il fatto semplicemente non sussiste.

Lex segretario, candidato in Regione per il Pdl, spiega le motivazioni del suo impegno

Le polemiche sulla scelta dei candidati? Le condivido: il territorio non pu restare ancora senza rappresentanti
di Laura Bosio

Mino Jotta: S, posso farcela


Le banche devono tornare a occuparsi di econonia reale e sostenere le nostre aziende
modo da liberare risorse per poter costruire o ristrutturare. Quali obiettivi vi prefiggete? Il nostro atteggiamento quello dell'ascolto nei confronti delle persone, delle categorie sociali e di coloro che hanno bisogno di ottimizzare il proprio percorso lavorativo. Credo che il compito della politica sia quello di mettersi a disposizione delle persone in modo che possano fare bene il proprio lavoro. Bisogna sburocratizzare, semplificare i percorsi e sostenere le imprese con un atteggiamento di umilt e disponibilit. Se verr eletto cosa pensa di fare per il territorio? Sicuramente la partita prioritaria quella delle infrastrutture, che si riveleranno fondamentali quando partir la ripresa. Ad esempio la Spagna ha fatto molti investimenti in questo senso, e ci li aiuter a tornare a crescere pi velocemente. Detto questo anche in Lombardia ci sta lavorando molto. Anche sul territorio, come dimostra il raddoppio della Paullese. E' fondamentale avvicinare la nostra provincia ai gangli dell'economia, e lo si fa proprio lavorando sulle infrastrutture, soprattutto quelle ferroviarie: sono noti a tutti i grandi problemi che vivono quotidianamente i nostri pendolari, ed indispensabile analizzare le motivazioni di questi disagi, per intervenire puntualmente. E per le imprese? Il sostegno alle imprese un altro dei punti focali su cui intervenire, attraverso la facilitazione nell'accesso al credito, che oggi il problema pi rilevante. La Regione Lombardia ha fatto molto per i confidi, ma spesso le banche non hanno svolto il loro ruolo da banca, concentrandosi invece molto di pi sulla finanza virtuale. Dobbiamo riportare il mondo del credito a occuparsi dell'economia reale. Quella di chi ogni mattina tira su la saracinesca e lavora: quella la finanza in cui credere, perch la spina dorsale della nostra economia sono le imprese, piccole e grandi. Il Pdl cremonese ha recentemente polemizzato con i vertici nazionali rispetto alle scelte dei candidati per Camera e Senato... Una polemica che condivido a pieno: Cremona non pu, per l'ennesima volta, non avere un candidato che sia espressione del territorio a livello nazionale. E questo un grave errore, da parte dei vertici. Il territorio cremonese ha necessit di avere una propria rappresentanza diretta, perch altrimenti le persone rischiano di sentirsi emarginate, e finiscono per assumere un atteggiamento critico. Dunque sarete di nuovo rappresentati da paracadutati? E' ora che si cambi rotta, e che ai paracadutati si sostituiscano delle persone che rappresentano direttamente il territorio. Rossoni nella lista in una posizione buona e auspico che possa diventare lui il nostro rappresentante. E' normale che il paracadutato dalle nostre parti sa impopolare: si visto a malapena un paio di volte in campagna elettorale e poi sparito. Se questa figura dimostrasse di avere a cuore le sorti del territorio, forse la sua candidatura sarebbe pi accettabile. Ma se si tratta di una persona, pure autorevole, ma che non si vede per tutto il mandato, assurdo.... Recentemente vi sono state anche polemiche all'interno del partito Credo sia ormai il momento di trovare una sintesi delle polemiche e chiudere il discorso. Oggi abbiamo la necessit di lavorare per il partito, per portarlo alla vittoria. Le polemiche fanno disperdere delle energie che devono invece concentrarsi nella competizione elettorale e nella raccolta dei consensi. Quindi invito chi intervenuto in tale discussione a superare questa fase iniziale, nonostante lasci amarezza, tensione e strascichi, e di mettersi al lavoro concretamente. Pensa di riuscire ad essere eletto? Non li sottovaluto i miei avversari, non l'ho mai fatto, tuttavia ho la sensazione che le relazioni territoriali e umane che ho instaurato in questi anni possano aiutarmi ad avere numerosi consensi.

Fermare il declino in Galleria XXV Aprile


Sabato mattina la sezione cremonese di Fare per fermare il declino sar presente con un banchetto in Galleria XXV Aprile e, dopo le 11, con il candidato alla presidenza della Regione, Carlo Maria Pinardi. Quest'ultimo avr modo di intrattenersi con i tutte le persone che vorranno chiedere od ottenere informazioni sul suo programma elettorale. Successivamente sar ospite ad un pranzo organizzato dai comitati cremonesi al quale parteciperanno simpatizzanti ed invitati interessati al programma del partito che fa capo ad Oscar Giannino.

i coordinatore provinciale del Pdl e presidente dellAler di Cremona, Mino Jotta candidato alle elezioni regionali per il Popolo delle libert. Sono sempre stato a disposizione per la componente politica di cui faccio parte, accettando i ruoli che mi sono stati assegnati, a livello politico e amministrativo. Stavolta lo stesso: mi hanno proposto un incarico, e credo di avere le caratteristiche e la voglia per accettarlo. Sono onorato che il mio partito abbia deciso di darmi fiducia ancora una volta. Quali sono, secondo lei, le priorit oggi, sulle quali deve intervenire la Regione? In un momento di forte crisi come quello attuale credo vi siano alcuni punti fondamentali da prendere in considerazione come prioritaria: salute, lavoro, casa e famiglia. Quest'ultima un presidio fondamentale per la societ, in quanto funge da ammortizzatore sociale. D'altro canto in Lombardia partiamo avvantaggiati, perch abbiamo l'eredit del governo Formigoni, che ne ha fatto una delle migliori Regioni d'Europa. Partiamo dal mercato del lavoro: fondamentale continuare a offrire sostegno alle imprese, che possono diventare competitive attraverso percorsi di formazione e innovazione. La casa un altro punto importante: assurdo che non vi siano abbastanza alloggi di edilizia popolare per rispondere alle esigenze delle famiglie. E' un problema che va affrontato al pi presto. In questo momento di crisi bisogna impegnare risorse, defiscalizzare il settore edile, in

Il Pdl presenta i propri candidati

Fondamentale intervenire nelle infrastrutture

Sabato 2 Febbraio alle 170 presso Sala Rodi (Piazza Giovanni XXIII - Cremona) si terr la presentazione pubblica alla stampa dei candidati regionali e nazionali. Parteciperanno i candidati alla Regione Lombardia: Carlo Malvezzi, Silvana Lissandrello e Mino Jotta. Sar presente il capolista alla Camera dei Deputati della Circoscrizione , Daniela Santanch e i candidati cremonesi Gianni Rossoni, Francesco Zanibelli e Orazio Adorni. Oltre ai candidati al Senato della Repubblica Mino Jotta e Antonio Agazzi. Lincontro rappresenta una tappa del tour regionale di presentazione dei candidati che sta toccando tutte le province della Lombardia e che vedr presente anche il Coordinatore regionale PdL Sen. Mario Mantovani e altri big del partito. Alla presentazione sono stati invitati anche gli amministratori e i coordinatori comunali della provincia e i simpatizzanti.

Il capolista del Pd al Senato in Lombardia sar sul territorio per una serie di incontri

Massimo Mucchetti in provincia di Cremona

Il prossimo sabato 2 febbraio Massimo Mucchetti, capolista Pd al Senato in Lombardia, sar in Provincia di Cremona per una serie di iniziative e di incontri. Nella mattinata il giornalista bresciano, editorialista e gi vicedirettore del Corriere della sera, insieme a Luciano Pizzetti, Cinzia Fontana e Maura Ruggeri, parteciper ad un incontro con lassociazione Rete Imprese alle 11.30 presso la sede dellAscom a Cremona. Lincontro servir per approfondire i temi e le questioni esposte dallassociazione qualche giorno fa con iniziative a Cremona e in tutta Italia. Alle 13 Mucchetti incontrer i rappresentanti dei sindacati presenti sul territorio, per discutere della situazione occupazionale e delle proposte per rilanciare la-

voro e sviluppo. Nel pomeriggio il capolista Pd in Lombardia sar nel Cremasco. Alle 16.30 visiter la struttura e incontrer il personale dellAnffas, insieme a Cinzia Fontana, Luciano Pizzetti e al candidato al consiglio regionale Agostino Alloni. Successivamente, alle ore 17.30 Mucchetti parteciper ad uniniziativa pubblica presso la Sala dei Ricevimenti del Comune di Crema, dove incontrer i cittadini insieme a Cinzia Fontana, capolista Pd nella circoscrizione Lombardia 3, e Luciano Pizzetti, candidato al Senato. I tre candidati saranno in serata a Casalmaggiore per un altro appuntamento pubblico, che si terr alle ore 21 presso lAuditorium Santa Croce, a cui parteciper Ivana Cavazzini candidata al consiglio regionale.

Sabato 2 Febbraio 2013

Cronaca Il gip Salvini ha evidenziato contiguit con la criminalit organizzata


Campania. I destinatari delle ordinanze, emesse dal gip di Cremona Guido Salvini, su richiesta del procuratore Roberto di Martino, sono G.A., 29 anni, nato a Nola, residente a Torricella del Pizzo, Massimiliano Muto, 42 anni, residente a Napoli, Patrizio Salvatore, 29 anni, nato a Foggia, residente a Colorno, ed Eugenio Guaglione, 40 anni, residente a Napoli. Tutti sono risultati con precedenti penali e lultimo tuttora latitante. Dalle indagini, iniziate

Stipulavano polizze assicurative per veicoli in agenzie in provincia di Cremona, con documentazione falsa, poi le giravano a ditte e persone residenti in Campania. In questo modo pagavano premi inferiori rispetto a quelli previsti se li avessero pagati nella regione in cui risiedevano gli assicurati. Cos hanno causato danni ingenti alle compagnie di assicurazioni ma anche al Sistema sanitario nazionale e al Fondo per le vittime degli incidenti stradali, a cui destinata parte del pagamento dei premi. La Polizia stradale di Cremona, guidata dal comandante Federica Deledda, ha eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare per associazione a delinquere, truffa ai danni dello Stato e altri reati nei confronti di altrettante persone residenti in

Assicurazioni taroccate: quattro arresti per truffa

Sono oltre 300 le polizze stipulate con falsa documentazione

nellottobre dello scorso anni, sono emerse quasi trecento le polizze taroccate: queste erano apparentemente destinate a camion adibiti al trasporto merci e, in particolare, a marmo in blocchi. In questo modo i mezzi ottenevano anche sconti riservati a queste categorie di merci. Ottenute le polizze, poi, provvedevano a destinarle ai reali proprietari dei veicoli, tutti residenti nelle province di Napoli e Caserta. Il gip Guido Salvini, nelle otto

pagine dellordinanza di custodia cautelare, rimanda a contiguit con la criminalit organizzata. Si legge che quasi con certezza il gruppo non isolato, ma che rappresenta il terminale di unorganizzazione di maggior spessore e che lo studio delle modalit operative, lacquisizione della documentazione fittizia o falsificata e i contatti con i clienti in provincia di Napoli (probabilmente in buona parte consapevoli di concorrere ad una truffa) cui rivendere le polizze comportano una serie di complicit e di appoggi che sinora non sono venuti alla luce. Comunque le modalit con cui lattivit di frode stata dispiegata non solo a Cremona, ma in pi province dellEmilia, denota schemi operativi assimilabili a quelli della criminalit organizzata.

Giustizia: ancora troppa lentezza?


Nei processi civili la durata dei procedimenti tende a protrarsi in secondo grado, ma diminuiscono le pendenze

E uno dei problemi emersi in occasione dellinaugurazione dellanno giudiziario 2013

di Michele Scolari

iustizia troppo lenta, processi che si protraggono per un periodo troppo lungo? E uno dei problemi emersi in occasione dellinaugurazione dellanno giudiziario 2013 al Palagiustizia Zanardelli di Brescia. Il tema trattato in uno specifico capitolo della relazione presentata dalla presidente della corte dappello Graziana Campanato. Emerge che, nel caso dei processi civili nel distretto, i tempi di definizione dei procedimenti si aggirano intorno ai due anni. E, in particolare, nel Tribunale di Brescia la durata media di 736 giorni. In grado di appello invece, per i motivi gi esposti, i tempi si vanno proporzionalmente allungando e si possono orientativamente indicare in quattro anni circa. Scendendo pi nello specifico, mentre da un lato si nota in questi ultimi anni nel distretto una abbreviazione, seppur modesta, dei tempi di definizione dei processi di primo grado, dall'altro i processi di appello hanno registrato un considerevole aumento, con sopravvenienze pi che raddoppiate dal 2000 ad oggi, tendenza che appare essere inarrestabile. Questo a seguito dellistituzione del giudice di primo grado e della conseguente ricaduta di tutte le impugnazioni e di tutti i reclami sulla Corte, rimasta ad organico invariato di magistrati e personale amministrativo, e per di pi con vistose scoperture di entrambi gli organici. A far le spese di tale situazione la durata dei processi civili: essa, sostanza, tende a protrarsi in secondo grado, nonostante il numero dei processi definiti sia sempre elevato in questa sede, lasciando come unica nota consolatoria una risicata diminuzione delle pendenze civili.

Grazia Campanato

Marcello Lattari, avvocato

Per quanto riguarda la durata dei processi penali, i dati indicano una situazione prevalentemente stazionaria. Per le Procure della Repubblica, circa il 60% dei procedimenti viene definito entro lanno e, di questi, la parte assolutamente preponderante entro 6 mesi (dato sostanzialmente omogeneo rispetto al periodo precedente). Anche se, per, sarebbe consistente la percentuale di processi definiti in oltre 2 anni (si parla del 30,69%). Sostanziali variazioni non si registrano neppure nellambito del rito collegiale, dove aumentata dal 39,30% al 40,65% la percentuale di processi definiti entro 6 mesi mentre diminuita la percentuale di processi definiti tra i 6 mesi e lanno (dal 25,31% al 23,37%). Ed comunque diminuita la percentuale dei processi definiti in oltre 2 anni (da 12,14% a

Pesano le problematiche legate alla mancanza di organico

11,59%). La situazione rimane stazionaria anche per il rito monocratico, dove si sono registrati dati non molto dissimili dal periodo precedente: la percentuale dei processi definiti entro sei mesi infatti scesa dal 63,9% al 61,24% ma quella dei processi definiti da 6 mesi a 1 anno salita dal 15,29% al 19,74%; la percentuale dei processi definiti in oltre 2 anni passata dal 3,47 al 3,69. Relativamente a Cremona, per quanto riguarda il Tribunale (sezione Gip e Gup) i dati parlano dell81,5% di processi conclusi entro 6 mesi, mentre a terminare tra i 6 mesi e 1 anno sono il 7,70%, tra 1 e 2 anni l8,76% e solo l1,96% supera i due anni. Relativamente alla Procura della Repubblica, i dati riferiscono del 35,32% di procedimenti conclusi entro i 6 mesi, il 12,2% tra 6 mesi e 1 anno, il 14,1% tra 1 e 2 anni,

e del 17,16% oltre 2 anni. In sostanza, non si segnalano nel penale situazioni patologiche, anche se, va detto, evidente la tensione esercitata sui tempi di durata dallaumento delle sopravvenienze e dalle problematiche legate alle scoperture di organico che perennemente assillano i tribunali del Distretto. Leccessiva durata dei processi penali in Italia dipende da numerosi fattori, - afferma lavvocato Marcello Lattari alcuni dei quali correttamente individuati dalla Presidente della Corte dAppello di Brescia, Grazia Campanato, nella relazione dimessa in occasione della recente inaugurazione dellanno giudiziario. Le cause della lentezza della giustizia penale, per un verso, dipendono da ragioni normative e, sotto altro profilo, sono riconducibili a motivi logistico-organizzativi. Mi limito ad alcune telegrafiche considerazioni sul primo dei citati aspetti. Non ci si pu esimere dal rileva-

re come la vigente legislazione sostanziale e processuale sia farraginosa e disomogenea, in quanto frutto di rimaneggiamenti continui, frammentari e privi di coerenza sistematica. Per quanto attiene alla legislazione sostanziale (ossia, in estrema sintesi, al complesso di norme che stabilisce quali condotte umane costituiscano un illecito penale e la relativa sanzione), sarebbe necessaria una generale riorganizzazione del sistema, prevedendo la depenalizzazione di molti reati minori, cos da ridurre quantitativamente il numero dei casi che finiscono sulla scrivania del magistrato. Sotto il profilo processuale, si impongono due riflessioni: occorre, anzitutto, notare lo scarso ricorso ai riti alternativi (patteggiamento e giudizio abbreviato), che concepiti per ridurre il numero dei dibattimenti - sono invece utilizzati solo nel 10% circa dei casi; in secondo luogo, elementari ragioni di civilt impongono che le eventuali e comunque necessarie modifiche alle regole del processo (in primis in punto di notifiche, la cui irregolarit costituisce la prima causa di rinvio delle udienze, secondo lo studio realizzato nel 2008 dallUnione delle Camere Penali e da Eurispes) non possano ledere le garanzie del cittadino sottoposto a processo, come invece sembrerebbe paventare parte dellopinione pubblica, tentata da pericolosi intenti giustizialistici. Preme da ultimo sottolineare che i processi rinviati per ragioni riconducibili allavvocato o allimputato (ad esempio per il sempre attuale legittimo impedimento) costituiscono una percentuale irrisoria ( il 7% secondo il sopra citato studio UCPI/Eurispes, basato su oltre 13.000 processi monitorati): la colpa della lentezza della giustizia penale deve, quindi, essere cercata altrove!.

Almir Gegic, ex giocatore del Chiasso, uno dei principali indagati dellintero filone di indagini avrebbe riconosciuto uno dei due Mister X, i broker di informazioni, che lex calciatore serbo aveva incontrato allhotel Una Toq di Milano e che, a detta dello stesso Gegic, avrebbe avuto contatti con il mondo della serie A. Secondo le indiscrezioni a questo punto il cerchio della Procura di Cremona si starebbe cominciando a stringere attorno al misterioso uomo del calcio scommesse. Fonti vicine alle figure principali della Giustizia parlerebbero di nuovi nomi di giocatori coinvolti.

Sedicesimo congresso Gegic avrebbe individuato il Mister X dellAics provinciale


Tremano i giocatori della massima Serie. Il cerchio della Procura di Cremona si stringe ancora
Il serbo avrebbe riconosciuto la foto del personaggio che sussurrava i tarocchi di Serie A in cambio di 600 mila euro. Ma chi questo Mister X e perch cos importante? Quello che sembra ormai nitido che i due personaggi, Mister X e il suo socio, avrebbero creato un vero e proprio network dove affluivano le informazioni sulle varie partite. Questa rete era stata creata grazie ai contatti con diversi calciatori e dirigenti di Serie A. Il pm Roberto Di Martino si dato al massimo novanta giorni poi probabilmente usciranno altri nomi e allora la Serie A potrebbe essere messa sotto scacco. Nellambito del XVI Congresso Nazionale dellAICS, stata fissata la data del VI Congresso Provinciale del Comitato cremonese. I lavori congressuali si svolgeranno Sabato 9 febbraio 13, dalle ore 14,45, presso il saloncino CONI in Via Fabio Filzi, e avranno per Tema Associazionismo In Campo Sportivo, Culturale, Solidaristico . Il titolo riprende, nelle lettere iniziali, lacronimo AICS. Lintroduzione allassise verr svolta dal Presidente uscente Renato Bandera e verter sulla disamina di ci che accaduto nel Terzo Settore, a seguito di Leggi emanate, o di disposizioni governative o regionali, e delle conseguenze pratiche che ne sono derivate per lAssociazionismo Sportivo e di Promozione Sociale. Verranno valutati i risultati dellazione sviluppata nellultimo quadrienni dallAICS cremonese e il ruolo assunto nel quadro dellassociazionismo locale, anche considerando i soddisfacenti risultati numerici raggiunti. Sar loccasione per progettare le nuove linee operative, considerando che nellultimo periodo del mandato congressuale, iniziato nel 2008, lAssociazione va trasformandosi in unaggregazione con mission plurima.

Cronaca

Sabato 2 Febbraio 2013

San Daniele resiste alla sentenza


Torchio: Una comunit unita in tutte le sue componenti per ripristinare il senso della legalit

Marted il sindaco incontrer il prefetto. E spunta lipotesi di un ricorso alla Cassazione


di Michele Scolari

Mi rifiuto di chiedere soldi ai cittadini. Cos il sindaco Davide Persico, nel Consiglio comunale straordinario convocato per questa sera (gioved 31 gennaio) al municipio di San Daniele Po, ha sottolineato la propria volont di andare fino in fondo nel valutare tutte le soluzioni possibili per trovare una via duscita allimpasse dei 380mila euro che il Comune deve restituire alla Regione Lombardia, a seguito di sentenza del Consiglio di Stato. Limporto una parte della cifra, pari di 1,6 milioni di euro, erogata dal Pirellone a seguito di una norma promossa dallallora sottosegretario Enrico Letta, destinata ai cittadini di Sommo con Porto allindomani della disastrosa piena del 2000 in cui il Po sommerse il piccolo centro abitato con oltre cinque metri dacqua. Quattro i punti allordine del giorno, davanti ad una sala gremita, alla presenza dell'ex presidente della Provincia Giuseppe Torchio: la disamina tecnico-politica della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dip. della Protezione Civile); le modalit operative degli interventi di ricostruzione e conseguenti rendicontazioni ai sensi della Direttiva; lanalisi della sentenza con la quale due settimane fa il Consiglio di Stato si esprimeva a favore della Regione nellesigere parte del fondo erogato e, soprattutto, le iniziative dellAmministrazione comunale relative alle esecuzione degli adempimenti previsti dalla sentenza del Consiglio di Stato. Lex sindaco Giampaolo Dusi ha rivisitato lintera cronologia di quel tragico momento, ponendo di nuovo laccento sulla necessit di agire ve-

Giuseppe Torchio

Davide Persico

locemente per permettere ai sommesi il rientro nelle proprie abitazioni per il periodo natalizio (come specificato nella Direttiva). Dopo lalluvione, Sommo era un paese morto. Dovevamo spostare le famiglie negli alberghi e farle rientrare dopo mesi?. Secondo la direttiva, al contributo risultavano ammesse tutte le spese documentabili mediante fatture. Ma, si legge nella direttiva assunta in data 23 ottobre 2000, per contributi fino a

otto milioni di lire sufficiente lautocertificazione. Proprio su questa parte si basa la controversia tra le parti. Il Comune aveva considerato una sorta di franchigia fino a 8 milioni (poco pi di 4mila euro), cifra che quindi era comunque erogabile, dovendo rendicontare solo leventuale eccedenza. La Regione al contrario, riteneva che i contributi superiori ai 4mila euro dovessero essere rendicontati interamente (inclusi quindi i

4mila euro). Noi siamo sicuri di ave Ed alla fine, il quadro emerso quello di un consiglio politicamente unito, espressione di una comunit compatta e pronta a far fronte ad una situazione che rischia di affondare il Comune. Non ho intenzione di inasprire le tasse per far fronte a questa incombenza - ha rimarcato infatti il primo cittadino - in caso contrario sono pronto a consegnare le chiavi del municipio. Estremo gesto di protesta verso quella che anche Torchio ha definito uningiustizia davanti alla quale la comunit unita per ritrovare il senso della legalit. Uningiustizia che per Giunta e Consiglio sono lungi dal ritenere conclusa con la sentenza del Consiglio di Stato. E infatti stata pianificata tutta una serie di azioni proposte in una mozione d'ordine, approvata ieri sera allunanimit. Azioni che prevedono subito marted prossimo un incontro tra il sindaco e la Regione (nella persona della funzionaria delegata per il territorio cremonese). Ed altri incontri seguiranno con la Prefettura e con la Provincia, perch ci attendiamo un intervento del presidente Massimiliano Salini nella questione. Intervento peraltro gi caldeggiato dallinterrogazione firmata pochi giorni fa da Torchio e da Giovanni Biondi). Ma non tutto. Tramite il nostro avvocato si prefigura anche lintenzione di un prosieguo giudiziario - ha fatto sapere ancora ieri mattina il primo cittadino abbiamo inviato al nostro legale la documentazione per valutare se ci possono essere gli estremi per un ricorso in cassazione contro la sentenza emessa dal Consiglio di Stato. La vicenda dunque lungi dallessere conclusa e il prossimo capitolo ancora tutto da scrivere.

Pescarolo, strada interrotta sullAspice. Torchio: Quali azioni previste?


Qual il destino della strada che collega Pescaroloa Gabbioneta, interrotta da un cedimento strutturale del ponte sul fiume Aspice? E lex presidente della provincia Giuseppe Torchio a chiederlo, in uninterrogazione a risposta scritta depositata nei giorni scorsi. A causa dellaggravarsi della situazione - prosegue il consigliere - lamministrazione provinciale di Cremona ha deciso la chiusura della strada. Fatto che ha suscitato parecchie lamentele degli utenti, sia a livello di disagi per il servizio di trasporto scolastico che pi in generale per le altre attivit, ivi comprese quelle agricole ed economiche, anche in previsione delle prossime attivit di coltivazione, di spargimento dei liquami e di svolgimento delle normali iniziative di stagione. A suo tempo lammministrazione del fiume Aspice era in capo alla Provincia e successivamente stata delegata al Magistrato per il Po, ora Aipo, ed infine il comprensorio pare che sia stato definitivamente affidato al consorzio di bonifica Dugali, ora Dugali Adda-Serio. Ma dalla segnalazione fatta agli uffici consortili, il manufatto risulta di competenza provinciale. Dunque, lex presidente della provincia chiede alla giunta provinciale se abbia definito lentit del danno al predetto manufatto, se e con quali risorse e con quali sinergie e in quali tempi voglia garantire il sollecito ripristino dellarteria stradale, anche attingendo alle risorse recentemente stanziate quali compensazioni ambientali per lo stoccaggio sotterraneo del sito Stogit di Bordolano

10

Sabato 2 Febbraio 2013

CREMA

Piloni, si ritrova come presidente dimezzato


di Michela Bettinelli Rossi ore, ma non avete fornito risposta ai dubbi del Movimento Cinque Stelle. Io timbro il cartellino, ho un badge gli ha fatto eco Antonio Agazzi, quindi i miei movimenti sono tutti certificati e nessuno pu mettere in dubbio la legittimit dei rimborsi al mio datore di lavoro. Infine, il Pd per cercare di sviare lattenzione ha fatto delle ricerche sui rimborsi versati al mio datore di lavoro fornendo dei dati, strumentalizzandoli. Per far apparire la cifra pi alta ha preso in esame, mischiandoli, i dati dal 2004 al 2011. La maggioranza ha strenuamente sostenuto la posizione del Pd e ha difeso Piloni. Emanuele Coti Zelati di Sel, ha dichiarato: Irricevibile e illogica la mozione del Movimento Cinque Stelle. Agostino Alloni di Lavoro & Impresa ha snocciolato la legge che prevede i rimborsi per i dipendenti, equiparando i partiti alle aziende. Legge di cui si avvalso il Pd e che rende i rimborsi richiesti del tutto legali. Duro lintervento di Renato Ancorotti del Pdl che gli ha risposto: Non condivido questa legge che equipara partiti e aziende. Noi imprenditori non riceviamo soldi pubblici per fare il nostro lavoro. Li chiediamo alle banche e siamo costretti a ritornarli con gli interessi. La cosa molto diversa. Si poi tornati a parlare anche della questione imparzialit. Per le minoranze il fatto che Piloni continui ad esercitare un ruolo di coordinamento politico allinterno del Pd non pu coesistere con il ruolo di
Matteo Piloni

La minoranza lo ha sfiduciato, ma la maggioranza lo ha difeso

Pdl, molti hanno chiesto la sua testa. Bertusi si difende. Cos

n presidente del consiglio espressione della sola maggioranza. E questo, da luned scorso, Matteo Piloni. La mozione di sfiducia proposta dal Movimento 5 Stelle stata respinta con 13 voti a 8. Ma il dato politico evidente: la sfiducia di tutte le minoranze. Lega Nord, PDL, Cinque Stelle, Solo cose Buone per Crema, Antonio Agazzi. Loro non si riconoscono pi nel presidente del consiglio comunale. Il caso dei rimborsi pagati dal comune al Pd per le ore non lavorate presso il partito dal funzionario Piloni con la sovrapposizione di ruoli tra il Piloni presidente del consiglio e il Piloni segretario del Pd non chiuso, tuttaltro. Le minoranze affilano le armi e c da giurare che nel corso delle prossime settimane si torner a parlarne. Luned, in sala del consiglio, si assistito a un dibattito lunghissimo. Quattro ore di tensione. Con accuse pesanti nei confronti del sindaco Stefania Bonaldi e del Partito democratico da parte dellopposizione. Nel suo intervento, il consigliere comunale Paolo Patrini di Solo cose Buone per Crema ha attaccato: Le richieste per i rimborsi non quadrano. Avete fatto richiesta di rimborso per le riunioni dei capogruppo da 3 ore, quando in verit al massimo durano unora. Vi stata chiesta spiegazione del computo delle Nel corso della conviviale di gennaio di luned scorso, la prima dellanno, il Panathlon Club Crema ha premiato i partecipanti al concorso indetto per festeggiare i 50 anni dalla sua fondazione. Il concorso grafico stato vinto dalla classe 3B SPP del liceo Classico Racchetti che si aggiudicata un assegno da 2 mila euro. Settecentocinquanta e 250 euro sono andati invece al secondo e terzo classificato: Cristian Clerici del liceo Artistico Munari e Apostu Ovidiu Andrei del liceo scientifico Leonardo Da Vinci. Obiettivo del concorso promosso dal Panathlon era trasmettere alle nuove generazioni una riflessione sui valori sociali, come la disciplina, il rispetto alle autorit, il fair play, luguaglianza delle razze, la democrazia e la lotta contro le illegalit come il doping e la violenza. Stesso obiettivo per laltro concorso, quello letterario che ha visto larrivo di oltre 63 elaborati da tutta Italia.

garante del consiglio comunale. Alberto Torazzi della Lega Nord ha detto: Ci ha preso in giro. Aveva promesso di dimettersi se lo avessimo eletto come presidente del consiglio comunale. Gli interventi della maggioranza di stasera con cui viene difeso il suo ruolo nel partito confermano invece che non stato cosi. Per questo non godr pi della mia fiducia. Accuse di non essere super partes sono arrivate anche dal Pdl. Ma non bastato. La maggioranza ha difeso strenuamente il proprio uomo e alla prova del voto si presentata pi compatta che mai. La mozione stata respinta 18 i voti contrari, 8 invece quelli favorevoli. In pratica le forze di minoranza hanno disconosciuto il presidente del consiglio comunale. E la prima volta che accade nella storia della nostra citt. Un presidente del consiglio dimezzato.

to opportuno e nella sede pi opporIntanto non capisco di quali colpe tuna. Queste candidature hanno mi si accusi. E comunque non il cacreato malcontento. Lei cosa ne so di discuterne sui giornali. E lapipensa? Credo che le candidature dario Fabio Bertusi, vice coordinatorappresentino le varie sensibilit del re provinciale del Pdl. In molti allinpartito. Cera una rosa di nomi e le terno del partito in questi giorni hanno scelte le ha fatte il coordinamento rechiesto la sua testa. Allorigine del gionale, come previsto. contendere, la candidatura di Cesira Non c stato per il rinnovaBassanetti, sindaco di San Bassano mento di cui lei e il suo gruppo siealle elezioni regionali. Dopo essere te da sempre sostenitostata scelta come terzo ri Ci deve essere un elemento della terna prorinnovamento nelle forme posta per il Pirellone, la e nei contenuti. C un Bassanetti avrebbe fatto problema generazionale, un passo indietro. pu essere. Ma tutti poteA poche ore dalla scavano candidarsi liberadenza per la presentaziomente e presentare le canne delle liste. Costringendidature che noi abbiamo do il Pdl a rimediare una portato al tavolo regionale candidata di fortuna, Silche era lunico deputato a vana Lissandrello, per scegliere. poter presentare le liste. Fabio Bertusi Adesso che cosa far? Secondo i detrattori BerE il momento di serrare i tusi avrebbe fornito al sinranghi e lavorare per vincere. Non daco di San Bassano delle garanzie possiamo pensare di consegnare di elezione poi venute a mancare e, lItalia in mano a una sinistra a trazioinfine, avrebbe affossato la candidane Vendola- Cgil. Dobbiamo sostenetura di Gabriele Gallina, ex alleato re il presidente Berlusconi che da che avrebbe davvero potuto rapprequando ha ripreso in mano il partito ci sentare il cambiamento, almeno geha portato a crescere di dieci punti nerazionale, allinterno del PDL. Dapercentuali. vanti alla lista di accuse Bertusi sorriSi dice che Mantovani le abbia de. Mi sembrano accuse campate in imposto di sostenere Jotta. E che aria. Detto questo, ho chiesto un cosi stia spendendo in questo senso. ordinamento provinciale che servir E vero? No. Mario Mantovani si per chiarirci. E lo faremo a mente sedimesso da coordinatore del partito rena. perch si candidato per le regionali Ma allora chi sostiene Fabio Bere deve pensare alle sue preferenze. tusi adesso? Io sono il vice coordiNon credo abbia il tempo di occuparnatore provinciale. Quindi non prendo si di quello che far io. Sono tutti posizione a favore di nessuno dei tre. suoi candidati, quindi? Certo, lo riPer me sono tutti sullo stesso piano. peto, per me sono tutti candidati Pdl. Quello che conta il risultato finale. Dobbiamo fare del nostro meglio. E la questione Gabriele Gallina? Lobiettivo vincere per tutti e non Non c nessuna questione Gallina. fare un risultato al di sotto delle previQuello che ci sar da dire in merito sioni. MBR alle candidature, lo faremo al momenper la novella a prescindere. Al giovanissimo scrittore il Caff letterario di Crema ha anche consegnato la targa Paolo Scorsetti, in memoria dellimprenditore appassionato di sport e fondatore della libreria Il Viaggiatore Curioso. Tutte le opere pervenute sono state raccolte in un libro edito dal club e che diventer il regalo ufficiale del Panathlon Crema per tutti gli appuntamenti del 2013. Abbiamo scelto un libro ha spiegato Fabiano Gerevini presidente del Club, perch intendiamo affermare una presenza in citt e nel territorio. Lo doneremo a enti, istituzioni e amici come prova tangibile, come messaggero, dei valori che il Panathlon intende diffondere. Presenti alla serata Paola Orini, assessore provinciale, Walter della Frera, consigliere comunale delegato allo sport, il presidente internazionale del Panathlon Club, il senatore Giacomo Santini il governatore Area 2 Lombardia, Lorenzo Branzoni.

Chi sono i primi due classificati del premio letterario

Panathlon Club Crema ha premiato i partecipanti al concorso per festeggiare 50 anni di fondazione

Ad aggiudicarsi il primo premio Giovanni Barlocco, con la novella La Corsa dei Marziani. Al secondo posto si clas-

sificato Michele DAmore giovane coprywriter milanese con un brano dal titolo Miracolo a Stramilano. Ai primi due

classificati sono andati rispettivamente un assegno da 200 euro e un assegno da 100 euro. Terzo classificato Paolo Tom

Pd e Lega: dove li potete trovare e sentire


LEGA NORD
La segreteria cittadina della Lega di Crema organizza, nel prossimo fine settimana, una prima serie di gazebo elettorali a sostegno della candidatura di Roberto Maroni alla carica di presidente della Regione Lombardia. Gli appuntamenti sono per: sabato 2 febbraio, 9-13, via Verdi angolo Via Tensini (mercato) e 14-18 in piazza Duomo (fronte edicola). Domenica 3 febbraio, 14-18, piazza Duomo (fronte edicola). Oltre a materiale informativo sul programma elettorale della Lega Nord, presso i gazebo sar possibile sottoscrivere la petizione popolare contro linsediamento di un centro islamico in citt. Uniniziativa che ha riscosso un notevole interesse tra tutta la cittadinanza di Crema e non solo.

APPUNTAMENTI ELETTORALI

PARTITO DEMOCRATICO
Massimo Mucchetti, capolista del Partito Democratico al Senato per la Lombardia, editorialista e vice-direttore del Corriere della Sera, sar a Crema sabato 2 febbraio. Alle ore 16.30 prevista una visita alla sede dell'Anfass insieme al consigliere regionale Agostino Alloni, ricandidato al Pirellone. Mucchetti poi incontrer i cittadini cremaschi in uniniziativa pubblica alle ore 17.30 presso la Sala dei Ricevimenti del Comune di Crema insieme a Cinzia Fontana, capolista Pd alla Camera per la circoscrizione Lombardia 3, e al candidato al Senato. Luciano Pizzetti.

Crema

Sabato 2 Febbraio 2013

Stalloni, proprio tutto da rifare


di Michela Bettinelli Rossi

Il ministero delle Infrastrutture ha bocciato il progetto. No ai 4 milioni chiesti dal Comune

Scuola primaria Ombriano

11

Sono terminati i lavori della nuova sala mensa

occia fredda per il sindaco Bonaldi. Il ministero delle Infrastrutture ha bocciato il progetto di riqualificazione degli Stalloni e non ha concesso il finanziamento di 4 milioni di euro necessario per realizzare lopera. Sul tavolo del ministero sono arrivate 457 proposte, giunte da tutta Italia. Solo 28 hanno avuto il finanziamento sperato. Non ci nascondiamo dietro a un dito commenta il sindaco Bonaldi. Non abbiamo ancora avuto conferma ufficiale, ma Lombardia Infrastrutture ci conferma che in Lombardia ad essere finanziati sono solo tre progetti: due sul Milanese e uno a Pavia. Il che significa che i soldi per Crema non ci sono. Come procedere ora? Stefania Bonaldi spera in un nuovo bando. E un bando che viene fatto tutti gli

anni, adesso cercheremo di capire quali sono state le criticit del progetto e poi ci attiveremo per ridefinirlo spiega il sindaco. Che continua: Vedremo anche di recuperare

fonti di finanziamento alternative investendo sullhousing sociale e soprattutto sullobiettivo di tutelare il Centro di Incremento Ippico. Una battuta di arresto che per non spa-

venta il primo cittadino. I progetti finanziati sono solo 28 su quasi 500. Insomma non siamo gli ultimi della classe. E proprio che ci sono poche risorse e tante domande con i tempi che corrono, non una novit. Il progetto di riqualificazione degli Stalloni aveva ottenuto il via libera della giunta comunale e da Regione Lombardia a ottobre. Larea, di propriet di regione Lombardia, avrebbe dovuto ospitare lAsl, case per anziani, un parco, piste ciclabili, parcheggi interrati, il museo della carrozza, il Sert e il Centro di riabilitazione equestre. Il totale del progetto di riqualificazione di 13 milioni di euro, quattro dei quali sarebbero dovuti arrivare dal Piano nazionale delle citt. Ma il ministero ha detto no costringendo il comune di Crema a cercare una alternativa. Ora il sindaco Bonaldi e la sua giunta dovranno dire quale.

Banca Cremasca supporta la ristrutturazione del Kennedy


Sei milioni e mezzo di euro. E questa la cifra che la Banca Cremasca, presieduta da Francesco Giroletti, ha messo a disposizione della Fondazione Benefattori Cremaschi per la ristrutturazione del complesso di via Kennedy, che comprende anche lampliamento di sei posti allHospice. Ad annunciarlo il presidente della Bcc con la presenza, nella sede di piazza Garibaldi, del presidente della Fondazione Benefattori Cremaschi, Walter Donzelli, del direttore della banca, Cesare Cordani, del direttore generale della Fondazione, Gian Paolo Foina, e del consigliere dellente Franco Conz. Per ritornare i soldi alla banca, la Benefattori vorrebbe che il comune, grazie a una variante al Prg, concedesse la possibilit di lottizzare unarea di 53mila metri quadri a San Bernardino. Nessuna speculazione, solo la possibilit di ripagare velocemente capitale e interessi allistituto di credito. Il finanziamento sar concesso a tasso molto agevolato. Questo un altro modo di fare beneficenza ha sottolineato il presidente Giroletti.

Sei milioni e mezzo

Walter Donzelli

Francesco Giroletti

Ora i bambini della primaria di Ombriano, in via Renzo da Ceri, possono mangiare in un luogo adeguato, tutti insieme. Da tempo si richiedeva tale intervento. Abbiamo mantenuto la promessa. E il commento dellassessore ai lavori Pubblici, Fabio Bergamaschi. Un investimento di 220mila euro per le casse comunali che ha comportato la realizzazione di un nuovo prefabbricato che ha ampliato la capacit ricettiva del refettorio. Se prima dellintervento, il refettorio poteva ospitare un centinaio di bambini obbligando gli altri 68 a mangiare nei corridoi, con la nuova sala mensa si raddoppia la capacit ricettiva. Sono 200 i posti mensa a disposizione. Ci stanno tutti i bambini insieme alla maestre. Altre ricadute positive di questo nuovo intervento sono: laumento delle vie di fuga e lisolamento termico ed acustico delledificio. Ci permette di scaldare velocemente lo spazio al momento dellaccensione del riscaldamento. Le pareti fonoassorbenti della sala refettorio sono state pensate per garantire un ambiente acusticamente idoneo e confortevole. Ma c di pi. I progettisti del Comune sono riusciti a soddisfare un'altra richiesta, senza esborso: un corridoio coperto che collega la scuola alla palestra.Ci avevano segnalato spiega lassessore, il disagio dei bambini tutte le volte che si spostavano dalla scuola per andare in palestra. Costretti ad uscire dalla scuola, si sporcavano le scarpe, o dovevano prendere lombrello, in caso di pioggia o neve, anche per un breve tratto di strada. Questo corridoio, lungo 35 metri, permette di ovviare allinconveniente.

Residenti del centro: schiamazzi di notte


A differenza di tutti gli altri quartieri, allincontro con la giunta alloratorio di San Luigi dei residenti delle vie del centro citt si sono presentate poche persone. Chi era presente, si lamentato dellabbandono del salotto cittadino nelle ore notturne e del disturbo che arrecano, alla quiete pubblica, i locali che tengono aperto fino alle due di notte. Una delle vie incriminate via Piccinardi. Tutti i giorni si sono lamentati alcuni residenti della zona, da ormai ventanni siamo costretti a non dormire, causa schiamazzi notturni di chi si ferma fuori dal locale oltre le due di notte. Siamo asserragliati in casa con tappi e qualsiasi accorgimento per attutire i rumori che inevitabilmente sente chi abita sopra il locale. Non sappiamo cosa sia il silenzio di notte. Siamo disperati! Con le liberalizzazioni volute dal governo Monti il locale tiene aperto anche il luned, che prima era considerato giorno di chiusura. Senza contare che, alle 4 del mattino, passano i camion per la pulizia delle strade. Non viviamo pi. Unaltra residente ha sottolineato: Il centro ha due anime, quella diurna dove si esprime la parte pi sana della citt di chi lavora e vive tutti i servizi che Crema sa offrire e quella notturna, dove vige il pi totale abbandono e si diventa ostaggio del popolo della notte. Non esiste alcun tipo di controllo. Forse lerrore aver dato il permesso di aprire i locali notturni in luoghi abitati ed in centro citt. Lassessore al Commercio e Attivit Produttive, Morena Saltini, ha spiegato che, del problema lamministrazione si gi fatta carico e che non sono solo gli abitanti del centro a lamentarsi. M si trover un rimedio.

Sindacato pensionati Cisl: la rivincita di Capetti


Lo si pu definire il fronte cremasco del sindacato pensionati della Cisl. L'idea di organizzare una proposta alternativa all'attuale gestione provinciale, a guida Jindra Rubasova, nata infatti un anno fa, su iniziativa del presidente di Comunit Sociale Cremasca, Luciano Capetti, di Sebastiano Guerini e Fortunato Pedrazzi, tutti e tre con un passato da dirigenti del sindacato alle spalle. Ora, per, che i nodi stanno venendo al pettine, grazie all'appuntamento con i diversi congressi locali e in attesa di quello interprovinciale del prossimo 6 marzo, che unisce le province di Cremona, Lodi e Mantova, la proposta di Capetti e soci sta riscontrando successo ben oltre i confini di Crema. Qui, in particolare, si votato marted 29 gennaio, per eleggere i sei delegati al congresso di marzo e i dissidenti si sono imposti per 5 a 1. Come ci spiega Capetti: Non sono solo vecchi dirigenti della Cisl a condividere questo progetto ma anche molti attivisti, scontenti come noi dell'attuale gestione provinciale del sindacato pensionati, riguardo al quale ding review anche qui da anche la direzione regionale noi. In poche parole, la Cisl sembra ormai aver preso deve essere una casa di veatto che occorre un camtro e non una struttura chiubiamento. Tre sono i punti sa, dove si viene a sapere principali attorno ai quali si quello che stato fatto solo sviluppa il programma dei ogni quattro anni, in occadissidenti: pi democrazia sione del congresso. interna, maggiore parteciNessuna mira ai posti di pazione e trasparenza sui vertice da parte della vecbilanci. chia guardia, assicura CaIl nostro obiettivo non Luciano Capetti petti, tanto pi che, nel suo quello di creare divisione, caso, vi sarebbe l'incompatibilit, per mettendo cos in cattiva luce un sindavia della sua carica pubblica in Comunicato a cui vogliamo bene, ma piuttosto t Sociale Cremasca. Quello che vogliofare in modo che torni a funzionare al no conquistare il maggior numero meglio, soprattutto ora, che la gente fa possibile di delegati per il congresso infatica per via della crisi economica. Octerprovinciale di marzo. Per ora, a parte corre fare in modo che il sindacato utilizCrema, Capetti e i suoi hanno pareggiazi al meglio le tante risorse di cui dispoto a Pianengo e perso solo a Bagnolo. ne e che migliori il suo rapporto con gli Gioved, si sono imposti a Soresina - 4 a iscritti. Non per niente, questa nostra 2 -, mentre l'11 gennaio ci sar il coniniziativa ha gi contribuito ad aumentagresso a Soncino e anche in questo care la partecipazione. I conti del sindacaso, come per Castelleone, al voto il to devono essere a disposizione di tutti prossimo 18 gennaio, Capetti si dice gli iscritti, che hanno il diritto di sapere convinto di avere ottime chance di vittocome vengono spesi i loro soldi. Senza ria. Gionata Agisti contare che c' bisogno di una spen-

12

Sabato 2 Febbraio 2013

Crema

Miobus arriver fino ai paesi vicini a Crema


La rivoluzione annunciata diventa realt. La vincita della gara pubblica della nuova societ che gestir il servizio del trasporto pubblico locale per i prossimi 8 anni, in tutto il territorio provinciale, sta portando a Crema un cambiamento radicale. A partire dallintroduzione di nuove fermate. Una allInps, laltra allUniversit. Zona, finora, totalmente esclusa dai mezzi pubblici che richiedeva da tempo un collegamento cittadino. A ci si devono aggiungere due nuovi automezzi, il biglietto integrato per i percorsi urbani ed extraurbani, un potenziamento del servizio a chiamata Miobus che si allarga ai Comuni limitrofi della citt, corse anche nei giorni festivi, dalle 7 alle 20, orari pi efficienti per i collegamenti da e con Milano. Luned la giunta ha infatti approvato il pacchetto che il Comune di Crema ha messo a punto con la provincia di Cremona, con la finalit di migliorare e rendere pi efficiente il trasporto urbano ed extraurbano. Il costo delloperazione per Crema equivale a 775.000 euro lanno, coperti, in parte, da finanziamenti pubblici, con un risparmio annuale di circa 30mila euro. A Crema afferma lassessore alla Mobilit e Sostenibilit, Giorgio Schiavini, partiremo con tutte le novit nel giro di poche settimane; a livello extraurbano invece la tempistica non sar dettata da noi.

TrasporTo pubblico: Nuove fermaTe alliNps e all'uNiversiT

Contro i disturbi dellapprendimento


Nella foto da sinistra: Elena Gatti, Emanuela Confalonieri, Pietro Bacecchi

scuola, vera innovazione

Rotary club Crema: invito agli imprenditori perch non dimentichino lAlternativa

Ancorotti: I vari politici...


di Antonio Milesi
Nella foto, da sinistra: Pino Gatti, Renato Ancorotti, Luciano Ricci, Fabio Patrini, Umberto Cabini.

stata presentata nei giorni scorsi, dal professor Pietro Bacecchi, dirigente del Circolo didattico Crema 2, la nuova collaborazione in materia di psicologia dell'educazione tra i plessi scolastici che fanno capo a quest'ultimo e l'Universit Cattolica del Sacro Cuore. Si tratta di una doppia collaborazione: la prima riguarda un servizio di ascolto e consulenza psicologica, qualcosa in pi del normale sportello presente gi in altre realt scolastiche. Come ha spiegato la professoressa Emanuela Confalonieri, docente associata di Psicologia dello sviluppo e partecipazione, alla Cattolica: L'idea quella di mettere a disposizione una figura professionale che cerchi di supportare il lavoro delle insegnanti a trecentosessanta gradi e di interfacciarsi anche con le famiglie, per individuare il percorso migliore per ogni singolo ragazzo. La seconda collaborazione rappresenta la vera innovazione, che colloca il Circolo didattico Crema 2 all'avanguardia in tutta Italia, insieme a poche altre realt nazionali. Il progetto, infatti, stato importato nel nostro Paese direttamente dalla Tufts University di Boston per opera delle universit Cattolica e Bicocca, che ne detengono l'esclusiva. Si tratta di un laboratorio di potenziamento linguistico per quegli alunni delle classi seconde e terze delle scuole primarie del Circolo Crema 2 che presentano difficolt di lettura, scrittura e linguaggio. I tre gruppetti di alunni selezionati - 12 bambini in tutto - si ritrovano un'ora alla settimana sotto la guida di Elena Gatti, dottore in ricerca in metodi e tecniche dei processi di apprendimento. A essere all'avanguardia la metodologia di lavoro, come precisa la stessa Gatti: La novit, rispetto al recente passato, consiste nel saper unire l'aspetto prettamente linguistico alle componenti dell'autostima, motivazione e capacit di credere in se stessi. Prima, al contrario, si procedeva sempre per settori, senza una visione di sintesi. Il nuovo metodo si avvale di attivit ludico-creative, durante le quali i bimbi non sono lasciati soli con l'insegnante ma imparano a confrontarsi e a sostenersi a vicenda. Chi soffre di disturbi di apprendimento ne infatti consapevole e vive con disagio il suo non sentirsi capace, presentandosi gi fortemente demotivato nei confronti di tutto ci che abbia a che fare con lo studio e la conoscenza. Con questa modalit, invece, grazie all'opportunit di un percorso pi accattivante, i bambini si sentono maggiormente coinvolti. Questo progetto gratuito, visto che ha ottenuto un finanziamento dalla Regione, mentre, per quanto riguarda il primo servizio, quello di ascolto e consulenza psicologica, il Circolo didattico ha potuto azzerare ogni spesa, attingendo ai contributi gi messi a disposizione dal Comune per l'attivit didattica. Gionata Agisti

n appello agli imprenditori cremaschi - quei pochi che nonostante la crisi stanno continuando ad assumere perch non dimentichino le persone pi deboli. Lo ha rivolto ieri Luciano Ricci, membro del Consorzio Arcobaleno, alla conviviale meridiana del Rotary club Crema. Ad invitarlo, il presidente Fabio Patrini. Unesposizione sintetica e appassionata, la sua, che decollata dalla vicenda de LAlternativa, la cooperativa sociale chiusa a dicembre quando stava dando lavoro a 172 persone. Ora in cassa integrazione. Ed ecco la situazione attuale, con 2 partenariati - e cio reti che vedono collaborare istituzioni pubbliche e soggetti privati - gi attivi e uno in divenire per ricollocare in totale circa 60 persone. Ricci ha menzionato i primi due:

quello con la Ancorotti Cosmetics, e quello che vede protagonista il Consorzio Arcobaleno, formato da 8 cooperative sociali. Ma nonostante questo impegno, ancora in attesa rimangono oltre 90 persone. Almeno 60 ricomprese nelle categorie del disagio sociale - ha precisato loperatore sociale - tra cui 40 disabili.

Da qui limpegno del Consorzio Arcobaleno, che si traduce in un appello. Triplice. Il primo, rivolto alle aziende del territorio ancora floride. Un invito a darci commesse di lavoro. Il secondo, sempre allindirizzo delle imprese, ma di quelle poche in grado di assumere nuovi lavoratori: Non dimenticare le persone pi

deboli, anche se meno produttive di altre. Il terzo, inserendo i soggetti svantaggiati in attivit e laboratori gratuiti che li coinvolgano a livello corporeo, sociale e relazionale. Per evitare che, non avendo pi unoccupazione, rimangano senza un riferimento e un senso da dare alla giornata ha spiegato. Ad ascoltarlo, diversi imprenditori soci del club presieduto da Fabio Patrini. Tra questi, Renato Ancorotti, Remo Moretti e Umberto Cabini. Ancorotti, intervenendo a fine conviviale, ha espresso qualche riserva nei confronti delle varie amministrazioni pubbliche: Ogni volta che si profilava un problema occupazionale, i vari politici di turno caricavano il problema su LAlternativa, delegandola allassunzione. Cos facendo, a un certo punto scoppiata. E lo dico sulla premessa che io, a quella cooperativa, d lavoro da 20 anni.

Treni, confronto con i pendolari


Il consigliere regionale del Pd, Agostino Alloni, su sollecitazione dei pendolari, ha scritto nuovamente all assessore regionale ai Trasporti, Gilardoni, per sollecitare Trenord ed Rfi affinch si mettano in atto interventi puntuali sulla linea Cremona- CremaMilano e in generale sulle linee cremonesi. Lepisodio incriminato nella lettera spiega Alloni, risale a mercoled 30 gennaio quando il treno numero 10480, in partenza da Cremona alle ore 17.41 diretto a Milano, arrivato a Crema alle ore 19.50 con un ritardo superiore ai 90 minuti. Inoltre sul treno per pi di mezz'ora i pendolari sono rimasti al buio e invano in attesa di un cenno da parte del personale di Trenord. Questo solo lultimo di una lunga serie di disservizi che palesano la situazione delle linee "minori" del Sud Lombardia troppo spesso trascurate in questi anni da parte di Regione Lombardia. Ho segnalato il tutto allassessore chiedendo di invitare Trenord e

Lo ha richiesto Agostino Alloni dopo lennesimo ritardo


RFI a fare maggiore manutenzione degli impianti oltre a garantire una gestione del trasporto pubblico finalmente civile e rispettosa dei diritti degli utenti. A stretto giro arrivata la risposta dellassessore che ringrazio continua Alloni, apprezzando la disponibilit dimostrata per cercare di trovare una soluzione condivisa con RFI e Trenord. Nonostante la fase di depotenziamento del Consiglio ho continuato ad occuparmi del tema incontrando, nei giorni scorsi, il direttore regionale di RFI Lebruto per parlare dei problemi che vivono costantemente i pendolari cremonesi. Ho chiesto allassessore Gilardoni di indire un tavolo di confronto tematico a cui partecipino i rappresentanti dei pendolari delle linee Cremona- Crema-Treviglio, Mantova- Cremona- Milano e CremonaBrescia. Sarebbe unottima occasione per fare il punto sul trasporto ferroviario regionale del quadrante del Sud-est Lombardia.

arrestato barista vendeva marijuana


I carabinieri di Crema hanno arrestato un giovane di 30 anni, incensurato, residente a Ripalta Cremasca, coadiuvante nella gestione di un bar in centro, perch ritenuto responsabile di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il 31 gennaio, alle ore 14 circa, in Crema, in piazza Giovanni XXIII stato bloccato alla guida della sua Alfa Romeo subito dopo aver ceduto un involucro contenente 2,30 grammi di marijuana a un operaio 31enne poi segnalato alla prefettura quale assuntore. Questultimo ha ammesso di aver chiesto al barista il giorno prima la disponibilit dello stupefacente per uno spinello. I militari erano in un bar e attraverso la vetrata hanno avuto modo di scorgere il passaggio della droga. Immediato lintervento, il recupero e quindi la perquisizione dellindagato in auto. Presso il suo domicilio di Crema, poi, c stato il recupero di una busta contenente circa 790 grammi di analoga sostanza.

Crema

Sabato 2 Febbraio 2013

Una domenica speciale con i mercatini di piazza Moro. E sabato, i Burattini e spettacoli con Asvicom e Fatf

13

li scongiuri hanno evitato la temuta pioggia che, negli ultimi due anni, ha rovinato pi di un giorno di festa al Gran Carnevale Cremasco. Per cui, niente cattivo tempo, domenica scorsa, in occasione della prima uscita della 27esima edizione della rassegna carnevalesca pi importante della Lombardia ma molto freddo, questo s, ha rischiato di dar vita a una festa in tono minore, con poca gente ad animare le vie del centro storico. E, invece, andata molto meglio del previsto: la sfilata dei carri allegorici ha preso il via puntuale alle 14.30, in piazza Giovanni XXIII. Davanti a tutti, come tradizione, il carro dedicato alla maschera cremasca per eccellenza, il Gagt col so ucht e, a seguire, i carri dei Barabt, dei Pantel, del gruppo Amici e degli ospiti della manifestazione. Da segnalare, il gruppo modenese delle Fruste infuocate specializzati nella frusta acrobatica. Rispetto alla prima domenica dellanno scorso, abbiamo fatto registrare addirittura qualche persona in pi commenta soddisfatto il presidente del Comitato Carnevale, Eugenio Pisati. Siamo sullordine delle 200 persone in pi. In tutto avremo avuto 700 visitatori, anche se al momento troppo presto per dare dei numeri precisi, perch solo alla fine avremo un riscontro sicuro del numero

Carnevale, sono arrivate 200 persone in pi


ra la possibilit di trovare i biglietti omaggio che, da questanno, si possono scaricare anche da internet. In questo modo, diamo la possibilit di avere 2 euro di riduzione sugli 8 totali. Devo dire, per, che nonostante questo i cremaschi continuano a essere poco presenti al Carnevale. La scarsa affluenza dei nostri concittadini un altro degli argomenti al centro della questione: non la prima volta che se ne parla come una delle cause del calo di partecipanti. Sembrerebbe quasi che la presa del Carnevale sulla citt si sia allentata, ma Pisati smentisce che si tratti di una novit delle edizioni pi recenti: Abbiamo sempre avuto parecchia affluenza dallesterno, anche da altre regioni, rispetto alla partecipazione da parte della cittadinanza. Secondo me, dipende dal fatto che i cremaschi sono un po restii a collaborare e a partecipare a questo genere di eventi. la mia impressione. Di domeniche di Carnevale ce ne sono in calendario ancora tre: una in pi questanno, lultima a Quaresima gi cominciata, proprio per premunirsi in caso ne debba saltare qualcuna per le cattive condizioni climatiche. La prima domenica stata di rodaggio. sempre cos anche

Ma i cremaschi sono ancora poco presenti alle sfilate

di biglietti o coupon strappati. Quella dei coupon gratuiti, distribuiti a pioggia, una delle questioni dibattute negli ultimi anni, in seguito alle domeniche sospese per il maltempo. Messi di fronte alle mancate entrate, che avevano fatto ipotizzare una possibile, seppur re-

mota, ipotesi di sospendere la manifestazione, la politica dei coupon gratuiti era stata considerata passibile di essere messa in discussione. Cos, per, non stato: anche a causa della crisi economica, il Comitato ha deciso di venire incontro alle famiglie, incrementando addirittu-

per altri Carnevali. Bisogna anche tenere conto che questanno abbiamo cominciato presto, con un clima ancora rigido, per cui confidiamo in un numero ancora maggiore di presenze per le prossime giornate. Questa domenica sar speciale perch sfileranno come ospiti del Carnevale Cremasco gli spettacolari costumi I Tesori della Valle del Carnevale di Alba Adriatica, da anni gemellato con Crema. Nel frattempo sabato pomeriggio il Comitato offrir ai bimbi latteso spettacolo di Burattini della Compagnia Onofrio, presso la Sala Alessandrini alle ore 15, dedicato alle maschere del Gagt. Mentre in piazza Duomo, in collaborazione con il FATF e lAsvicom proporr spettacoli e animazione per tutte le et a partire dalle ore 16. Infine in programma domenica i classici mercatini legati alla manifestazione pi festaiola di Crema, che accoglieranno cremaschi e turisti per lintera giornata in Piazza Aldo Moro e vie adiacenti, corredati dalle visite guidate alla citt organizzate ogni mezzora, dalle 10.30 di mattino (partenza dallo stand del Carnevale cremasco). G.A.

Crema nel mondo

Il tour scozzese del Collegium Vocale di Crema


senza di un coro inglese, a luglio - in questo glorioso passato. Ma dietro questo supporto c ben di pi: un vero e proprio progetto di comunicazione, a cura del Centro culturale diocesano G. Lucchi e sostenuto in modo convinto dal Comune, che verr presentato allincontro del 2 febbraio. Un momento corale, in tutti i sensi. Perch si tratter di una presentazione in musica perfettamente bilanciata tra interventi parlati e cantati. In avvio di serata, la presentazione dellamicizia che ormai da anni lega il Collegium Vocale alle realt corali doltremanica.

ospedale maggiore

Tumore al polmone, fai lo screening. E gratis


mento. Lo screening si articoler in tre momenti. 1 giorno. Selezione-reclutamento: verifica dei criteri di inclusione, informazione, firma consenso informato, compilazione scheda personale e programmazione della TAC a bassa dose di radiazioni senza mezzo di contrasto (LDCT). 2 giorno. Esecuzione della LDCT. 3 giorno. Fase conclusiva: consegna di documentazione radiologica e relazione conclusiva con suggerimento di indicazioni operative secondo lalgoritmo decisionale condiviso dalle Unit Operative di Pneumologia, Chirurgia, Radiologia, Pneumologia.

Sabato 2 febbraio: Crema nel mondo. E un titolo evocativo, quello che alle 21 raduner tanti cremaschi nella sala Pietro da Cemmo del Museo civico di Crema. Un titolo sotto cui si snoder la presentazione del tour scozzese del Collegium vocale, il prossimo giugno, ma anche la prima proiezione di nuovo un filmato: Crema nel mondo, giustappunto. Quattro minuti che attingono al passato della nostra citt, culla di musicisti, di costruttori di organi, di campane. Che inscrivono la trasferta del coro e dellorchestra diretti da Giampiero Innocente - grazie a cui la nostra citt ormai da anni pu beneficiare della pre-

LAzienda Ospedaliera Ospedale Maggiore di Crema, con la sponsorizzazione dellAssociazione Popolare di Crema per il Territorio e con il Patrocinio dellAsl Provinciale prosegue per il 2 anno il Progetto di screening di base del tumore polmonare (patologia toracica) rivolto a persone dai 55 ai 75 anni, fumatori di 10 o pi sigarette al giorno. Lo screening gratuito. Per prenotazioni telefonare allo 0373/280411 (Uomar - Unit Operativa per le Malattie dellApparato Respiratorio) dal luned al venerd, dalle ore 8 alle 10. Le assistenti sanitarie fisseranno l'appuntamento per la visita di recluta-

Arrestato pregiudicato per maltrattamenti in famiglia


La settimana scorsa gli investigatori del settore anticrimine del commissariato di Crema hanno appreso del ricovero in ospedale di una donna quarantenne per una frattura mandibolare, a seguito di un grave fatto traumatico. La circostanza ha immediatamente allertato gli investigatori, ormai da tempo specializzati nelle tematiche della violenza domestica e dei maltrattamenti in famiglia, che hanno scandagliato l'ambiente familiare della vittima e sentito numerosi testimoni, prima di sentire l'interessata che, purtroppo, non ha potuto che confermare i gravi sospetti: da tempo il marito la maltrattava e la sottoponeva a ogni genere di violenze, culminate con l'ultimo episodio nel quale la donna stata brutalmente picchiata e costretta al ricovero ospedaliero per la brutta frattura. La sofferta testimonianza della donna e i gravi elementi raccolti nella ricostruzione del quadro probatorio, divenuto schiacciante, hanno svelato agli uomini della polizia un'agghiacciante situazione di abusi, minacce e violenze, sfociate in gravissimi episodi di botte e umiliazioni. La donna era gi dovuta ricorrere negli anni passati alle cure dei medici per rotture di denti, escoriazioni e tumefazioni, sempre nascoste sotto il paravento di fantasiosi incidenti domestici. La ricostruzione storica di questi continui e gravissimi maltrattamenti ha portato il PM presso il tribunale di Crema a richiedere al GIP (Giudice per le indagini preliminari) di emettere una misura cautelare di custodia a carico del marito violento, S.R.. pluripregiudicato di 41 anni. Il GIP, di fronte a questo contesto di brutalit, non ha esitato a emettere un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, liberando la donna dalle continue sevizie del marito. Per l'uomo si sono spalancate le porte del carcere di Cremona, dove avr molto tempo per riflettere sulle sofferenze provocate alla sua famiglia.

Buongiorno dottore, qualche giorno che la mia cagnolina Camilla ha un alito molto pesante...ma vero che dovrei lavarle i denti? (Luciana)
Cara Luciana, Camilla potrebbe davvero soffrire di un problema dentario, nonostante lalitosi possa comparire anche in altre situazioni. Il forte odore che sente uscire dalla bocca spesso causato dal tartaro che si deposita sui denti e che andrebbe rimosso prima dellinsorgenza di danni alla matrice dentaria. Ligiene orale molto importante non solo per la salute della bocca ma per quella di tutto lorganismo. Nel caso Camilla abbia gi una considerevole deposizione di tartaro sar opportuno ricorrere allablazione mediante ultrasuoni che per richieder lintervento del suo veterinario. Se invece ancora agli inizi allora potr essere lei ad aiutarla, direttamente da casa, utilizzando delle diete specifiche e la pulizia dentale quotidiana. Questultima unoperazione molto semplice e avviene, nei primi tempi, attraverso il leggero strofinamento dei denti con una garza, per abituare la cagnolina, per passare poi allutilizzo della pasta dentifricia e dello spazzolino. Coraggio Luciana..il pi iniziare!

a cura del Dott. Diego Santini Medico Veterinario

presso lo Studio veterinario associato Via del Macello, 21 CREMA Tel. 0373 259546

14

Sabato 2 Febbraio 2012

Speciale Salute

La prevenzione tutti i giorni

I numeri parlano chiaro, l'influenza sta raggiungendo il picco di massima diffusione e anche i mali di stagione sono in agguato, complici sbalzi teermici o esposizione alle intemperie: in questo periodo entrare a contatto con persone contagiose pressoch inevitabile, tuttavia alcune semplici attezioni quotidiane possono aiutare a prevenire questo tipo di disturbi. La regola base del benessere e della salute quella di lavarsi spesso le mani; detergersi con frequenza e in modo scrupoloso le mani riduce in maniera significativa la possibilit di contrarre virus. Come hanno dimostrato diverse ricerche, inoltre, bisogna prestare pi attenzione ad oggetti come la tastiera del computer (che va anchessa mantenuta pulita e disinfettata), i pulsanti dellascensore o il telefono in ufficio, e pi in generale tutte le occasioni nelle quali si entra in contatto con superfici toccate frequentemente da pi persone. In questi casi utile avere a disposizione un gel igienizzante per le mani: quando lo si utilizza importante sfregare bene le mani in modo tale che il gel si asciughi completamente per non lasciare la pelle umida. Soprattutto quando si starnutisce o si tossisce, sarebbe opportuno avere a portata di mano delle salviettine per pulirsi le mani. Un altro caposaldo una alimentazione corretta: mangiare bene fondamentale per il mantenimento degli equilibri interni al nostro organismo. Le stesse difese immunitarie sono alzate da alcuni cibi, come laglio, la cipolla, le mandorle, lo yogurt, il salmone, il cioccolato e la frutta sia di stagione sia secca. Vanno evitati, se possibile, gli sbalzi termici. Se in casa sono presenti delle persone malate, si consiglia di arieggiare spesso le stanze per evitare all'ambiente di arricchirsi di microbi e germi, mantenendo le superfici pulite e igienizzate. Se sono presenti umidificatori d'aria, durante l'inverno (la stagione del raffreddore e dell'influenza) si consiglia di pulirlo ogni tre giorni e cambiare l'acqua tutti i giorni.

untuale come ogni anno, il picco di influenze arrivato e ha lasciato a letto, dall'inizio dell'autunno, 1.6 milioni di italiani, con 379mila contagi solo nell'ultima settimana. La misura preventiva pi sicura quella del vaccino antinfluenzale: obbligatorio per le categorie a rischio, a libera discrezione di chi vuole evitare il disagio della malattia invernale. Il vaccino pu ancora essere effettuato anche da coloro che gi sono stati colpiti dall'influenza, per mettersi al riparo dal contagio causato da altri ceppi: tre, infatti, sono quelli principali diffusi quest'anno ed essere stati colpiti da uno di questi non mette al riparo dal contagio da parte degli altri due . Una volta effettuato, il vaccino garantir copertura trivalente gi da pochi giorni dopo l'iniezione e con il successivo richiamo potr garantire una elevata protezione per tutta la stagione. Va ricordato che la vaccinazione eseguita nell'inverno scorso non pu costituire assicurazione contro la diffusione attuale dell'influenza, a causa della rapidit di mutazione dei ceppi che di anno in anno presentano differenze tali da richiedere vaccini specifici. Influenza o raffreddore? Per coloro che si sono sottoposti alle vaccinazioni sar per forza di cose pi facile distinguere l'arrivo dei disturbi parainfluenzali. Fare confusione facile, proprio perch si tratta di disturbi che possono mostrare sintomi simili: si tratta di patologie che colpiscono prevalentemente le vie respiratorie, come il raffreddore, e possono colpire anche chi si sottoposto al vaccino influenza-

Influenza o raffreddore?

Il vaccino protegge dalle patologie influenzali, ma non dagli altri mali di stagione

le. Una piccola guida per distinguere queste patologie, in realt pi comuni e diffusi dell'influenza stessa, fornita dalla Societ Italiana di Medicina Generale, che indica come segno di contagio influenzale l'insorgenza di tre sintomi pressoch in contemporanea, nell'arco di 6-8 ore: febbre alta, anche superiore ai 38 gradi, almeno un disturbo respiratorio come tosse, mal di gola o naso chiuso, e un disturbo sistemico, come dolore osseo e muscolare, mal di testa, stanchezza, brividi e sudorazioni, senso di malesse-

re generalizzato. Saper riconoscere e distinguere raffreddore ed influenza molto importante per poter individuare la giusta terapia. Un sistema del tutto efficace per fare la distinzione tra influenza e diversi tipi di malattie invernali il test specifico che si pu eseguire dal medico: effettuando un tampone nasale o faringeo, il medico in grado di appurare se il virus dell'influenza presente. Se l'esito del test positivo e la comparsa dei sintomi ha avuto inizio nelle 48 ore antecedenti il

test, il medico potr prescrivere un trattamento antivirale per favorire una guarigione pi rapida. L'influenza pu essere brutale, ma l'assunzione di farmaci antivirali, entro due giorni dalla comparsa dei sintomi, favorisce una pi rapida guarigione. I farmaci da banco possono alleviare alcuni sintomi influenzali come tosse e congestione. Altri farmaci possono essere d'aiuto invece in caso di raffreddore, tosse o mal di gola per alleviare i sintomi intanto che la malattia far il suo decorso naturale.

Speciale Salute
Interventi farmacologici contro tosse e bronchiti acute o croniche
Un ambiente chiuso, con poco ricambio d'aria e senza una adeguata umidificazione terreno fertile per virus e germi: non a caso l'inverno la stagione che si caratterizza per il maggior rischio di sviluppare malattie alle vie aeree. Anche le temperature troppo elevate nelle case o negli uffici possono favorire lo sviluppo di raffreddori, tossi o bronchiti, perch l'aria si asciuga e risulta pi difficile per il corpo mantenere le mucose sufficientemente umide da svolgere il loro ruolo protettivo in modo efficace contro l'invasione di germi, virus e batteri. Se non adeguatamente curato, anche un semplice raffreddore o una bronchite possono degenerare in bronchite. A preannunciare il suo arrivo pu essere un bruciore al petto, localizzato dietro lo sterno ( interessata anche la trachea). Dopo pochi giorni compare la tosse: all'inizio secca e stizzosa, poi diventa profonda e con abbondante secrezione di catarro. In seguito all'infiammazione i bronchi si gonfiano e producono muco e pus. A volte si ha la febbre (non supera i 38,5C e dura 3-5 giorni) e si respira con difficolt: all'inizio in situazioni di sforzo, poi anche a riposo. La bronchite acuta si risolve per lo pi nel giro di pochi giorni con il riposo in ambiente riscaldato. In ogni caso il fumo va assolutamente abolito. Quando presente la febbre si possono assumere farmaci antipiretici (paracetamolo). Gli antibiotici, necessari solo nelle bronchiti batteriche, devono essere usati sempre sotto stretto controllo medico. Un discorso a parte meritano i farmaci contro la tosse, il sintomo pi fastidioso e persistente della bronchite, che pu avere un effetto benefico quando facilita la risalita del muco lungo le vie aeree e quindi la sua eliminazione. Proprio per questo la tosse non va "calmata", soprattutto se il catarro abbondante: se questo dovesse ristagnare nei bronchi, la funzione respiratoria sarebbe gravemente alterata. Sono dunque indicati i prodotti che favoriscono la fluidificazione e il passaggio dalla tosse secca alla tosse grassa. Nei casi in cui l'infezione acuta si ripeta pi volte nel corso di un anno, come pu accadere nei bambini, il medico talvolta prescrive un vaccino anticatarrale allo scopo di rafforzare le difese immunitarie dell'organismo. Se i disturbi dovessero proseguire nel tempo, bene non sottovalutarli e rivolgersi al medico, per accertare l'eventuale presenza di bronchite cronica, da riscontrare tramite appositi esami.

Sabato 2 Febbraio 2013

15

influenza quest'anno non risparmia nessuno: gli adulti e i bambini sono ugualmente preda di questa fastidiosa malattia stagionale. Se in un adulto sano si tratta di un disturbo che, debitamente curato, non presenta una particolare gravit, ci sono delle categorie per le quali l'influenza pu presentare gravi pericoli: si tratta prevalentemente di persone che gi presentano patologie pi o meno gravi, di persone anziane e dei bambini, per i quali consigliato il vaccino antinfluenzale. Anche per quanto riguarda la cura possono sorgere delle perplessit: notoriamente non tutti i farmaci adatti agli adulti possono essere somministrati anche ai bambini. Nei pi piccoli, come negli adulti, i sintomi possono essere diversi: brividi di freddo, mal di testa, febbre, dolori muscolari, mal di gola, tosse, raffreddore, inappetenza, vomito e diarrea. Con linfluenza non bisogna avere fretta perch, a seconda dei casi, pu avere un decorso anche piuttosto lungo. La tosse ad esempio, pu protrarsi fino a due settima-

Affrontare linfluenza dei pi piccoli

I sintomi e i rimedi per gestire al meglio la malattia dei bambini

ne dopo la comparsa dei primi sintomi. Nei bambini che contraggono linfluenza, persiste per giorni uno stato generale di stanchezza diffusa, in proporzione maggiore che negli adulti. Anche per questa ragione bene lasciare al virus il tempo di

esaurirsi, per evitare inutili ricadute che potrebbero debilitare ulteriormente i piccoli. Prima di procedere al vaccino antinfluenzale nei bambini sempre bene consultare il pediatra, per verificare che non ci siano controindicazioni o rea-

zioni allergiche indesiderate. Per i pi piccoli vengono preparati vaccini ad hoc chiamati split, che contengono piccole quantit del virus. In attesa del naturale decorso della malattia, si possono alleviare i sintomi come la tosse,

uno dei disturbi pi fastidiosi, con inalazioni o sedativi, sempre compatibili con let del bimbo. Contrastare la febbre vuol dire sostanzialmente disperdere il calore eccessivo che ha aumentato la temperatura corporea: per ottenere questo

risultato utile far bere molta acqua al bambino, passare un panno umido sulla fronte, o immergerlo velocemente nellacqua tiepida, preoccupandosi poi di asciugarlo rapidamente. A seconda della temperatura si potr fare ricorso ad antipiretici, nelle dosi e nelle modalit previste in base all'et e al peso del bambino. noto che leccessiva produzione di muco pu causare grande disagio, e questo vale anche quando non siamo in presenza di raffreddore. Il muco occlude la principale via respiratoria e il disturbo aumenta ulteriormente se il bimbo molto piccolo e non ancora in grado di soffiarsi il nasino. Le narici inoltre svolgono la funzione di filtro, perch trattengono gli agenti patogeni e le impurit presenti nellaria. quindi molto importante controllare che le cavit nasali siano sempre ben pulite, anche per evitare patologie pi gravi, quali ad esempio lotite. Ridurre i sintomi permetter ai pi piccoli di patire meno gli effetti influenzali e di affrontare meglio il periodo di malattia, con una maggiore serenit anche da parte dei genitori.

16

Sabato 2 Febbraio 2013

Speciale Salute

hi soffre di dolori cervicali sa bene quanto questi disturbi possano essere fastidiosi, soprattutto nel periodo invernale, quando i sintomi possono venire accentuati dalle condizioni atmosferiche e climatiche. In inverno, iil freddo che proviene dall'esterno e l'umidit possono infatti rendere i sintomi ancora pi fastidiosi. Contratture e irrigidimento muscolare sono problemi che in inverno si possono presentare con maggiore frequenza e intensit per coloro che gi ne soffrono anche nel resto dell'anno. Linfiammazione alla cervicale (cervicalgia) riconoscibile facilmente da una sensazione di fastidio e dolore che parte dal collo e spesso coinvolge anche spalle e braccia, il tutto, talvolta, accompagnato da nausea e vertigini. Prima di curare la cervicale con il fai-da-te sarebbe opportuno consultare uno specialista per capire quali sono le cause dellinfiammazione, la quale pu essere dovuta a semplice stress,

Freddo e umidit favoriscono la cervicale


In inverno aumentano i disturbi muscolari, da contrastare con attenzioni quotidiane
postura errata e contrattura muscolare, oppure da cause pi serie come lo schiacciamento delle vertebre. Il dolore alla cervicale difficilmente pu essere curato definitivamente, ma sicuramente pu essere alleviato tramite lassunzione di farmaci antinfiammatori nei momenti di maggior fastidio e nei periodi dell'anno nei quali il disturbo si presenta pi frequentemente. La scelta dei farmaci deve essere effettuata previo consulto medico, molto importante anche per stabilire le ragioni e le cause che provocano il disturbo. Questo l'unico modo, infatti, per poter sviluppare una terapia e una difesa efficace contro i singoli episodi e per il mantenimento del disturbo, in modo tale che non possa costituire un limite nello svolgimento delle attivit

quotidiane. Nel periodo invernale, una forma di protezione molto importante quella di coprirsi debitamente il collo quando si esce e si prevede di trascorrere del tempo all'aperto, assicurandosi anche di non mantenere all'interno della propria casa un clima troppo umido: piccole attenzioni che possono apparire banali, ma che significano molto in termini di benessere e salute del collo. Se non possibile o necessario ricorrere a farmaci specifici, comunque consigliato lo sfruttamento di altri rimedi per calmare il dolore: in farmacia sono disponibili cerotti specifici in grado di mantenere calda la zona del collo e di rilasciare sostanze benefiche per la distensione muscolare. Esercizi specifici da svolgere quotidianamente sono altrettanto utili per la prevenzione dell'insorgere degli episodi di dolore pi acuto. Anche alcuni alimenti possono aiutare a curare la cervicale: quelli che contengono vitamina D, acidi grassi, omega 6 e omega 3.

Cerotti e prodotti specifici possono alleviare i dolori che in questa stagione si fanno pi acuti
l mal di schiena, nelle sue diverse forme, colpisce moltissime persone soprattutto nella stagione invernale, per diverse ragioni. In parte sono le stesse condizioni climatiche ad essere responsabili, con l'aumento dell'umidit e del freddo che favoriscono le contratture muscolari. Esistono diversi tipi di mal di schiena, a seconda della parte della colonna vertebrale interessata e delle origini del dolore, che pu essere sintomo di diverse patologie o malfunzionamenti. Tuttavia, possibile individuare alcune linee guida per la cura e la prevenzione del mal di schiena nelle sue diverse forme. Ad avere un ruolo di primaria importanza , innanzitutto, lo stile di vita che si tiene quotidianamente: il movimento la prima e forse pi efficace forma di prevenzione contro questi tipi di disturbo, da svolgere all'aperto anche in inverno se possibile, per rafforzare le pro-

Combattere il mal di schiena


prie difese immunitarie. L'attivit fisica quotidiana si rivela ancora pi importante se si svolge una vita sedentaria, magari per ragioni di lavoro, o se si tende ad assumere spesso posizioni scorrette durante la giornata. In ogni caso, prima di svolgere esercizi specifici e sottoporre la schiena a sollecitazioni, bene consultare il proprio medico e stabilire la causa del disturbo, per evitare di aggravare la situazione anzich portare beneficio. Per i momenti di maggiore dolore si pu ricorrere ad una terapia farmacologica, che per non pu costituire la soluzione ultima: essa permette di ridurre l'episodio doloroso ma non sempre di risolvere completamente il problema. Per dolori di media entit, invece, possibile ricorrere a prodotti specifici acquistabili presso ogni farmacia, come cuscini e collarini riscaldanti oppure cerotti in grado di alleviare la tensione muscolare. Anche in questo caso, la soluzione deve essere considerata solo parziale e seguita da una ricerca delle cause per poter risolvere il problema in modo definitivo o comunque mantenerlo sotto controllo.

del dottor Paolo Leggeri

Leggeri

Farmacia

Tre generazioni al servizio della salute dei cremonesi

Leggeri
del dottor Guglielmo Leggeri

S. Ambrogio

Farmacia

del dottor Marco Leggeri

di Persichello

Farmacia

I NOSTRI SERVIZI Etico Omeopatia Erboristeria Preparazioni galeniche Autoanalisi Alimenti per celiaci Prodotti per bambini Prodotti per piccoli animali Consegna a domicilio Misurazione della pressione gratuita Telemedicina Esame della glicemia

Corso G. Matteotti, 20 - Cremona Tel. 0372 22210

Via Fabio Filzi, 40/E - Cremona Tel. 0372 22327 - Fax 0372 27144

Via Pagliari, 1 - Persichello - Cremona Tel. 0372 54108

Speciale Salute

Sabato 2 Febbraio 2013

Ora il contagio si monitora tramite Twitter

17

I social network sono risorse preziose per tenere sotto controllo l'influenza: pu sembrare una notizia strana, ma quanto riportato da un gruppo di studiosi americani che hanno monitorato la diffusione del disturbo proprio grazie ai messaggi lanciati nel web dagli utenti.'Cinguettare' il proprio stato di salute su Twitter pu aiutare tantissimo i medici a seguire la diffusione geografica e temporale della malattia, in particolare quelle ad ampio contagio come le influenze stagionali. Tanto che un gruppo di ricercatori della John Hopkins University ormai da tempo usa il sito di microblogging pi famoso al mondo per valutare l'intensit e la capacit di penetrazione nella popolazione delle varie malattie infettive che ogni anno colpiscono la popolazione americana. Lo scrive il Wall Street Journal, in un articolo dal titolo: "Ora il dottore ti segue su Twitter". Il merito di questo nuovo approccio avere informazioni utili praticamente in tempo reale, in pi da un campione vastissimo di pazienti delle varie epidemie, in modo molto pi efficace ed economico rispetto ai tradizionali sistemi di rilevazione seguiti sinora. Una procedura che sta insidiando seriamente la raccolta dati sulla salute pubblica sinora affidata all'agenzia federale che si occupa di questo argomento, la Center for Disease Control and Prevention.

Proteggere la pelle dal freddo eccessivo L


unghe giornate con gli sci ai piedi e passeggiate nella neve, ma anche ore e ore trascorse all'aperto, magari con scarpe poco adatte o senza l'utilizzo di guanti: questo sufficiente per incorrere nel rischio dei fastidiosi geloni, disturbo tipicamente invernale causato dalle rigide temperature. Un gelone colpisce la pelle ed i tessuti immediatamente sottostanti: la pelle si raffredda moltissimo, si intorpidisce, si indurisce e diventa pallida. Di solito colpisce le zone piccole e maggiormente esposte dellorganismo, ad esempio le dita delle mani e dei piedi, il naso, le orecchie, le guance e il mento. Il congelamento di primo grado irrita la pelle ma non provoca lesioni permanenti, possibile curarlo ricorrendo a semplici misure di primo soccorso come ad esempio scaldare lentamente la pelle con acqua tiepida. Il congelamento vero e proprio, invece, unemergenza medica perch pu danneggiare la pelle, i tessuti, i muscoli e le ossa e causare complicazioni, ad esempio infezioni e lesioni ai nervi: un problema da non sottovalutare e sul quale intervenire in modo tempestivo consultando il medico. I principali sintomi del congelamento, che pu avere diversi stadi di gravit, sono una sensazione di dolore, pizzicorio o prurito alla zona colpita, pelle arrossata oppure pallida e gialla-

Precauzioni e rimedi per contrastare i geloni causati dalle basse temperature

stra, pelle indurita, sensazione di intorpidimento e rigidit muscolare, con difficolt di movimento, fino alla formazione di vesciche. Per i casi meno gravi, sotto consulto medico, possibile assumere degli antidolorifici e antinfiammatori, applicando creme o gel sulle zone colpite per ridurre l'infiammazione. L'applica-

zione di creme specifiche pu essere effettuata, se necessario, pi volte al giorno. Un errore comune quello di esporre la parte colpita al calore: questo potrebbe aumentare l'infiammazione. Per le stesse ragioni occorre evitare anche lo sfregamento. Le eventuali vesciche non devono venire rotte, in

quanto costituiscono una protezione naturale per la pelle sottostante. I geloni possono essere prevenuti con le dovute attenzioni quando ci si prepara a trascorrere del tempo in aree molto fredde e all'aperto: vestirsi a strati, con abiti comodi e caldi, la prima attenzione da mettere in atto: laria contenuta tra i diversi strati fa da isolante contro il freddo. I vestiti devono poter isolare dallacqua e dallaria per proteggervi dal vento, dalla neve e dalla pioggia. A contatto con la pelle invece gli abiti devono essere traspiranti e non trattenere l'umidit. In caso di geloni, il riscaldamento della parte colpita deve essere effettuato in modo molto graduale: se la pelle si arrossa e insorge una sensazione di puntura e bruciore, significa che la circolazione sta riprendendo e che si pu continuare a riscaldare la parte colpita, sempre in modo graduale per evitare, come visto, di provocare ulteriori lesioni. Se invece durante il riscaldamento la zona rimane intorpidita o fa molto male, oppure se si formano delle vesciche, necessario lintervento tempestivo di un medico, che potr ricorrere, se necessario, alla rimozione della parte di pelle infetta o in necrosi per poter mantenere gli altri tessuti in salute.

18

Sabato 2 Febbraio 2013

CASALMAGGIORE
ppelli politici, raccolta di firme, mobilitazioni. A nulla sono servit: il destino dellospedale Oglio Po segnato. La Regione Lombardia infatti ha approvato il POA, Piano Organizzativo Aziendale. Sembrava che lapprovazione definitiva potesse slittare di qualche settimana, almeno a dopo le elezioni, invece ecco che dal Pirellone giunta la notiza, ancora non ufficiale ma purtroppo certa. Per lospedale Oglio Po lapprovazione comporta il taglio del primariato di Pediatria, di quello di Ortopedia e del laboratorio di analisi, tutti spostati allospedale Maggiore di Cremona. Lunica eccezione, come noto, riguarda i pochi casi di urgenza che verranno soddisfatti a Vicomoscano. Daltro canto gi due settimane fa Monica Vangi, della Cigl, ci aveva confessato dopo un incontro a Cremona di non nutrire grandi speranze, e che da aprile la macchina organizzativa aveva gi previsto leffettuazione di tutte le analisi nel capoluogo. Ieri la stessa Vangi, in merito alla notizia, ha affermato: In realt non ho ricevuto alcuna comunicazione ufficiale, ma la realt purtroppo questa.

ANGELO VERGANI RACCONTA LA CANOA IN MONGOLIA


Stasera, presso il bar ristorante della Polisportiva Amici del Po di Casalmaggiore, si terr una serata ad hoc per tutti gli appassionati canoisti. Dalle ore 20,45 verranno proiettati i lmati sulla spedizione in canoa sui umi della Mongoli, realizzati da Angelo Vergani. Lautore, molto conosciuto nel mondo della canoa, anche un apprezzato scrittore: suoi i libri Fuga nella gola e Attrazione uviale. Stasera, agli Amici del Po, il canoista illustrer un modo alternativo di fare vacanza: 700 chilometri di ume, una canoa canadese, un amico dato ed esperto, una tenda e unimmersione completa nel mondo della natura incontaminata.

A DRIZZONA LABORATORI MUSICALI PER INSEGNANTI


DRIZZONA La Casa delle Arti e del Gioco di Drizzona organizza una serie di tre incontri/laboratori di didattica musicale per insegnanti della scuola dellinfanzia e primaria. Il corso si terr il 9, il 16 e il 23 marzo dalle ore 14,30 alle ore 18,30 presso la sede di via Trento Trieste 5 della associazione culturale presieduta dal maestro Mario Lodi. Si tratta di una proposta, intitolata Quale musica a scuola?, per gli insegnanti di scuola dell'infanzia e primaria e sar condotto dal professor Pierguido Asinari, musicista e docente universitario. Per maggiori informazioni visitare il sito www.casadelleartiedelgioco.it o telefonare al numero 329/2124933.

Oglio Po, i tagli sono realt


La Regione ha approvato il Piano Organizzativo Aziendale: via due primariati e il laboratorio analisi
di G. Gardani e V. Raineri Lassessore ai Servizi Sociali di Casalmaggiore Pierluigi Pasotto comprensibilmente contrariato: Abbiamo visto cosa valevano le promesse fatte in campagna elettorale, con Orlando Ferroni e la Lega Nord che in Consiglio garantivano che il piano sarebbe stato congelato. Cos come le parole del direttore generale dellAzienda Ospedaliera di Cremona Simona Mariani sempre nel consiglio convocato appositamente. La sanit per una cosa seria, e la gente queste cose le deve sapere. Quello che arriva da Milano un forte schiaffo al territorio dellOglio Po, che al di l dei confini burocratici gi decenni fa scommise su ununiformit territoriale che comport rinunce nei vari centri (addio ai preesistenti ospedali di Casalmaggiore e di Viadana, ad esempio), la cui gente nel tempo ha mostrato di essere affezionata al nuovo nosocomio, come dimostrano le raccolte fondi per lacquisto di macchinari. Il nuovo piano approvato dunque ed immdiatamente operativo. Nei prossimi giorni facile immaginare che il fronte della protesta si compatter e che pure sindacati e dipendenti faranno sentire la loro voce. Intanto aspettiamo quella dei politici che si candidano e si accingono a chiedere voti al territorio. E che sia una voce forte e chiara.

CORSO DI INTAGLIO NELLA SALA EX ZUCCHERIFICIO


LAssessorato a Cultura e Istruzione del Comune di Casalmaggiore istituisce anche per questanno un Corso di Intaglio: 14 incontri di due ore ciascuno (20.30-22-30), a scelta nelle sere di mercoled o gioved, dal 13-14 febbraio 2013. Il corso si terr presso la Sala ex Zucchericio in via Mazzola 43/A e prevede una quota discrizione di 130,00. Informazioni ulteriori e iscrizioni presso il Museo Diotti (via Formis 17), dal marted al venerd dalle 9 alle 12 e il sabato dalle 15.30 alle 18.30; info@museodiotti.it; 0375/200416.

Stranieri, ma casalesi
Oltre quaranta ragazzi di origine straniera dellIstituto Comprensivo Diotti hanno ricevuto mercoled scorso, dal sindaco Claudio Silla e dallassessore alla Cultura Ettore Gialdi, la cittadinanza onoraria di Casalmaggiore. Latto non ha valore legale, in quanto i giovani dovranno attendere la maggiore et per essere considerati legalmente italiani, salvo cambiamento della legge in vigore. Il primo cittadino Silla lha comunque definito un ideale abbraccio. La cerimonia stata anticipata dalla proiezione del film Il sole dentro, di Paolo Bianchini, regista legato a Casalmaggiore dallamicizia di lunga data con la compagnia teatrale de I Genitori Instabili. La pellicola narra una storia di integrazione drammatica che prende le mosse da un fatto realmente accaduto, ossia la morte di due ragazzini guineani Yaguine e Fod, avvenuta nella stiva di un aereo mentre trasportavano una lettera di richiesta daiuto indirizzata al parlamento europeo. Bianchini ha spiegato che da Strasburgo non sono mai arrivate risposte a questa missiva: dunque il regista ha voluto realizzare questo film, proiettato marted in Senato, per dare voce a chi non ce lha.

Prevenire il bullismo
A scuola di benessere: prevenire e contrastare il bullismo un progetto che unisce pi soggetti impegnati nella lotta al bullismo. Coinvolti, il Comune di Casalmaggiore in primis, come soggetto capofila, e quello di Viadana. Con loro, gli istituti comprensivi Diotti di Casalmaggiore, Parazzi e San Mateo di Viadana, oltre alle forze dellordine (Carabinieri e Polizia Locale), ed una cooperativa sociale, LUmana Avventura di Cremona, che fornir i servizi di monitoraggio, coordinamento, organizzazione e valutazione. Un progetto ad oggi abbozzato, da presentare a Regione Lombardia nellambito del bando per lassegnazione di finanziamenti per la realizzazione di iniziative di interesse regionale in materia di educazione alla legalit. Alla riunione di gioved in sala Giunta a Casalmaggiore, si sono confrontati tutti i soggetti coinvolti nel progetto (vedi foto): fatte salve alcune riserve sui tempi, strettissimi, imposti dal bando, la sottoscrizione stata unanime. Tre le fasi previste: una prima dindagine, una seconda che condurr alla realizzazione coi ragazzi di un sito per la promozione della legalit, una terza improntata sullattivit educativa di strada. Il bando, in scadenza il prossimo 10 febbraio, mette a disposizione fondi fino ad un tetto massimo di 30mila euro, a fronte di un progetto di 37500. Lottenimento del finanziamento decisivo per la realizzazione del progetto.

Aria, bene comune


SAN GIOVANNI IN CROCE Il vicepresidente di AmbienteScienze Benito Fiori e il progettista e consulente di CasaClima Damiano Chiarini sono stati i protagonisti di un incontro sul tema Per una giustizia climatica. Aria acqua: beni comuni in una economia sostenibile, che si tenuto marted sera al Teatro Gallerani di San Giovanni in Croce. Intervistati dal giornalista del Piccolo Vanni Raineri, i due hanno iniziato la serata con una breve relazione: Fiori ha affrontato lemergenza legata allinquinamento atmosferico in Pianura Padana, con la presenza ben oltre le soglie di allarme di polveri sottili, mentre con Chiarini si passati a quello che possiamo fare per abitare e costruire in modo sostenibile. Nel corso della serata, organizzata dallassociazione Democratici nel mondo ed introdotta da Fabrizio Aroldi, si parlato anche di malattie connesse allinquinamento, di cambiamento climatico, di green economy e smart cities. Le conclusioni che si possono trarre riguardano il necessario passaggio da comportamenti virtuosi individuali ad un nuovo modello di sviluppo sociale, al ruolo che in questo passaggio deve avere la politica, alla necessit di garantire una maggiore informazione ai cittadini. Non siamo condannati quindi dalla storia, ma dal nostro comportamento che pu e deve cambiare. Come ha ben detto Chiarini, lenergia pi pulita quella che non consumiamo.

Bar Giulia GR2 di Rivieri Gianfranco Fermata KM Polo Romani Via Pascoli Sportime Bar Barracuda Portici del Municipio Bar Italia Farmacia Comunale Bar Tavola Calda Distrib. carburante ENI Distr. carburante Ariete Rist. Pizz. Piccolo Paradiso Cartoleria Cartol. Tabacch. Campanini Alim. Tabaccheria Vicini Cartoleria Giamei Alim. Tabacch. Tosi Remo Bar La Nuova Luna Portici del Comune Portici Caff Roma Edic. Tabacch. Camozzi Edic. Tabacch. Lorenzini Bar Time Out Sido Caf Fermata KM Tabaccheria Venturini

angolo Conad Casalmaggiore via Guerrazzi 4 Casalmaggiore via Trento 20 Casalmaggiore via Giovanni Pascoli 28 Casalmaggiore via E. Fermi 19 Casalmaggiore via Martelli 2 Casalmaggiore piazza Garibaldi Casalmaggiore piazza Garibaldi Casalmaggiore piazza Garibaldi Casalmaggiore Centro Commerc. Padano Casalmaggiore via Repubblica rotonda Diotti Casalmaggiore via Repubblica 76 Casalmaggiore via Molossi 47 Vicobellignano via Dante Alighieri 9/B Vicobellignano via Manzoni 39/B Vicomoscano via Gioberti 74 Quattrocase via Nicol Tommaseo 101 Casalbellotto via Canzio 100 Roncadello via Roma 7 Torricella del Pizzo piazza Italia Scandolara Ravara via Mazzini 3 Castelponzone via Giuseppina 97 Solarolo Rainerio via Matteotti 113 San Giovanni in Croce via Giuseppina 103 Cingia de' Botti via della libert 46/b Martignana di Po via Bardellina Martignana di Po piazza Comaschi Gussola via Roma 93 Gussola

Qui trovate la vostra copia GRATUITA de

Casalmaggiore

Sabato 2 Febbraio 2013

alla campagna del pomodoro alla campagna elettorale il passo pu essere breve. Il tour dei candidati non poteva certo ignorare quella che da tempo ormai da considerarsi la realt economica pi rilevante del casalasco. Una realt che a livello sociale, al di l del mero fatturato, ben radicata nel territorio, sia perch in forma di cooperativa formata da 300 aziende, sia perch offre lavoro, anche in termini di indotto, a tantissime persone. La storia e il presente del Consorzio Casalasco del Pomodoro stato presentato a Luciano Pizzetti e a Ivana Cavazzini, candidati del PD, dal direttore Costantino Vaia e dal presidente Paolo Voltini ieri mattina presso lo stabilimento di Rivarolo del Re. Vaia ha accolto i due politici partendo dalle radici storiche, dal 1977 in cui nacque la cooperativa al 1982 con la realizzazione dello stabilimento rivarolese. Quindi il passo decisivo, nel 2007, quando si pass dalla pura lavorazione per altri gruppi allacquisizione di marchi importanti nellagroalimentare, quali Boschi, Pom, Pomito e Pais. Oggi il gruppo ha tre stabilimenti (due nel parmense), 600 addetti (1000 in estate) ed un fatturato consolidato di 215 milioni. La mis-

Pizzetti e Cavazzini alla Pom D


di Vanni Raineri sion aziendale consiste nellaggregare i produttori diretti di pomodoro, garantire qualit e sicurezza ed applicare un modello gestionale etico. Oggi il CCDP un modello in Italia per la produzione sostenibile e lagricoltura sostenibile: Noi non possiamo certo delocalizzare, ha detto Vaia, intendendo che le radici e il futuro sono ben salde nel nostro territorio. La tracciabilit di filiera un valore importante anche per chi esporta due terzi di ci che produce: la competizione non si fa certo sul prezzo o sul costo di produzione, hanno affermato Vaia e Voltini: Allestero non basta pi la bandiera italiana sulla confezione, ma una nicchia in Usa, Russia o Cina un mercato enorme. Infine, un accenno allagricoltura di precisione, che consiste nella sperimentazione in atto in molte aziende associate di sistemi di irrigazione e fertilizzaVaia, Cavazzini, Pizzetti e Voltini, ieri mattina al CCDP

I candidati democratici incontrano i vertici del Consorzio Casalasco del Pomodoro

19

GIUSEPPE TORCHIO IN VISITA ALLOGLIO PO


Presso lospedale Oglio Po si tenuto il preannunciato incontro tra i rappresentanti della lista civica Centro Popolare Lombardo con Ambrosoli, consiglieri provinciali e comunali ed il direttore del nosocomio, dottor Rosario Canino. Per loccasione, erano presenti (nella foto da sinistra) il consigliere comunale di Viadana Daniele Mozzi, candidato della lista civica regionale nel collegio di Mantova; il consigliere proviciale cremonese Massimo Araldi (tra i fondatori dellospedale); il consigliere provinciale e coordinatore politico della lista civica CPL, Giovanni Biondi; il direttore Rosario Canino e Giuseppe Torchio, capolista della Lista civica Centro Popolare Lombardo per le province di Cremona e Mantova. La delegazione si fatta interprete delle indiscrezioni trapelate a livello sindacale e amministrativo riferite al piano di organizzazione dellazienda ospedaliera di Cremona, che comprende lospedale Oglio Po, e che vedrebbero un arretramento di tre importanti servizi in particolare ortopedia, che da struttura complessa diventerebbe struttura a valenza dipartimentale; di pediatria e laboratorio analisi che sarebbero declassati a struttura semplice, con la conseguente perdita dei relativi primari. Peraltro, alcune specializzazioni recentemente introdotte come oculistica e urologia, hanno generato un vasto gradimento, quindi la struttura risulterebbe del tutto idonea nel fornire altri servizi sul piano sanitario.

zione computerizzati, che consentono non solo una maggiore resa, ma anche minori consumi idrici ed energetici e ridotto inquinamento. Ivana Cavazzini ha chiesto come la cooperativa stia affrontando la crisi globale, e la risposta in termini di vendite assai confortante. Pizzetti ha voluto invece in-

formazioni sulla formazione del prezzo, tema alquanto attuale, e Voltini ha spiegato come le aziende associate siano in una posizione particolare, ricoprendo sia il ruolo di fornitori che quello di aventi diritto alla suddivisione degli utili. Viviamo una fase importante, e le aziende come questa non vanno lasciate sole: questo linvito fatto ai due politici che si candidano a governare paese e regione dai dirigenti del Consorzio, che hanno tenuto a sottolineare come sin qui tutti i risultati siano arrivati senza finanziamenti pubblici. Pizzetti e Cavagnoli ovviamente conoscevano gi il Consorzio, ma lincontro di ieri servito per addentrarsi nelle attuali necessit di una realt che un grandissimo valore aggiunto per il territorio, e che in prima linea anche quanto ad innovazione.

STASERA MASSIMO MUCCHETTI IN SANTA CROCE


CASALMAGGIORE La giornata cremonese del candidato alla Camera del Partito Democratico Massimo Mucchetti si conclude questa sera a Casalmaggiore. Leditorialista e vice direttore del Corriere della Sera sar protagonista di un vero tour de force, e dopo diversi incontri tra Cremona e il cremasco, incontrer i casalesi alle ore 21 presso lAuditorium Santa Croce. Nelloccasione sar accompagnato da alcuni candidati sia al Parlamento che alla Regione Lombardia tra i quali Luciano Pizzetti e Ivana Cavazzini.

Mugabo, Gaggia e la casalese Bandini a sostegno di Ambrosoli presidente


VICOMOSCANO - Una cena per pochi intimi, in attesa di svelarsi in pubblico. Mercoled scorso Michelangelo Gaggia, Jean Claude Mugabo e la padrona di casa Paola Bandini (nella foto) hanno parlato ai sostenitori del Listone, che come noto ha candidato proprio la commerciante casalese nella lista Patto Civico Con Ambrosoli Presidente per le elezioni Regionali della Lombardia. Si tratta di una lista e di tre candidati slegati dal contesto politico, che non hanno ricoperto cariche di alcun tipo in passato. E proprio in tal senso si posto lintervento di Jean Claude Mugabo, che ha parlato da capolista, evidenziando limportanza del voto da due diverse prospettive. Chi ragiona sulla possibile malafede - ha detto - pu tranquillamente pensare che Ambrosoli non ha ancora rubato perch non ancora stato al potere. Non appena sar sulla poltrona, dicono, sar come tutti gli altri. Noi non abbiamo prove, non possiamo dire che non sar cos. Ma abbiamo una certezza: Ambrosoli ancora un puro e non pu pagare le colpe diffuse della politica, non pu cio essere giudicato a priori. Dopo di che emerge la pars costruens: io dico a voi di non votare me ha sottolineato Jean Claude, professore universitario alla Cattolica di Milano e amico personale di Ambrosoli - ma votate Paola, perch la conoscete. Avete una possibilit incredibile, stavolta: votare una persona di fiducia, con la quale avete condiviso tante esperienze, senza passare dal filtro dei politici. Nel peggiore dei casi, se non manterr le promesse, saprete a chi rivolgervi senza pi burocrati a fare da intermediari. Un modo di fare e di porsi davvero innovativo rispetto alle campagne elettorali pi ortodosse. In questi giorni Paola Bandini sta presentando un programma elettorale ad hoc sui problemi e le esigenze del casalasco che sottoporr ad Ambrosoli.

SABATO 2
10.55 APRIRAI. Attualit 11.10 I RACCONTI DELLA TERRA DEGLI ORSI.Doc 12.00 LA PROVA DEL CUOCO.Att 13.30 TG1/TELEGIORNALE 14.00 EASY DRIVER. Attualit 14.30 LE AMICHE DEL SABATO.Att 17.00 TG1/CHE TEMPO F 17.15 A SUA IMMAGINE 17.45 PASSAGGIO A NORD-OVEST 18.50 L'EREDIT. Game show 20.00 TG1 TELEGIORNALE 20.35 AFFARI TUOI. Game 21.10 I MIGLIORI ANNI. Variet 24.00 S' FATTA NOTTE. . Attualit 10.20 10.30 11.00 13.00 14.00 15.30 17.05 18.05 19.35 20.30 21.05 21.50 22.35 22.50 23.45 09.20 10.10 11.00 11.30 12.00 14.00 14.55 16.35 17.20 19.00 20.00 20.15 21.05 23.10 23.30 APRIRAI. Attualit SULLA VIA DI DAMASCO. Att MEZZOGIORNO IN FAMIGLIA TG2 GIORNO / DRIBBLING THE LYING GAME. Telefilm NORA ROBERT'S. Film SERENO VARIABILE. Attualit 90MINUTO. Sport COPS. Telefilm TG2 NOTIZIE CASTLE. Telefilm BODY OF PROOF. Telefilm TG2 NOTIZIE SABATO SPRINT. Sport TG2 DOSSIER DOC MARTIN.Telefilm L'ISPETTORE DERRICK. Tf TGR BELLITALIA TGR PRODOTTO ITALIA.Att TG3 Sport - Meteo / TGR TG REGIONE/METEO TV TALK. Attualit SQUADRA SPECIALE VIENNA.Tf MEE-SHEE. Film TG3/REGIONE/METEO BLOB. Attualit SUPERSTORIA 2013. Att E SE DOMANI. Attualit TG3/TG REGIONE AMORE CRIMINALE. Film

DOMENICA 3
09.30 10.05 10.30 10.55 12.00 12.20 13.30 14.00 16.30 16.35 18.50 20.00 20.40 21.30 23.25 06.30 09.25 10.10 10.50 11.30 13.00 13.45 15.40 17.10 18.10 19.35 20.30 21.00 21.45 22.35 10.45 11.30 12.00 12.25 12.55 13.25 14.00 14.30 15.10 18.00 19.00 20.00 21.30 23.45 TG1 L.I.S. MAXITALIA. Attualit A SUA IMMAGINE. Att SANTA MESSA RECITA DELL'ANGELUS LINEA VERDE. Attualit TG1 Telegiornale DOMENICA IN L'ARENA TG1 Telegiornale DOMENICA IN COS LA VITA L'EREDIT. Game show TG1 Telegiornale AFFARI TUOI. Game TUTTA LA MUSICA DEL CUORE. Fic SPECIALE TG1. Attualit REAL SCHOOL. Att ALIEN SURF GIRLS. Tf RAGAZZI C' VOYAGER.Var A COME AVVENTURA. Att MEZZOGIORNO IN FAMIGLIA TG2 GIORNO/METEO/MOTORI QUELLI CHE SPETTANO. Var QUELLI CHE. Variet STADIO SPRINT. Sport 90MINUTO. Sport COPS SQUADRA SPECIALE. Tf TG2 NOTIZIE NCIS. Telefilm ELEMENTARY. Telefilm LA DOMENICA SPORTIVA TGR ESTOVEST. Att TGR REGIONEUROPA. Att TG3 Sport - Meteo / TGR TELECAMERE. Attualit PRIMA DELLA PRIMA PASSEPARTOUT. Att TG3/REGIONE/METEO MINI RITRATTI. Att ALLE FALDE DEL KILIMANGIARO. Doc PER UN PUGNO DI LIBRI. Quiz TG3/REGIONE/METEO BLOB/PRESA DIRETTA PRESADIRETTA. Att SOSTIENE BOLLANI. Var 09.05 10.50 11.30 12.00 12.55 14.00 14.45 15.30 17.20 18.05 18.55 19.35 20.40 21.30 23.40

SABATO 2
CARABINIERI 2.Telefilm RICETTE DI FAMIGLIA. Att TG 4/METEO/NOTIZIE/TRAFFICO UN DETECTIVE IN CORSIA. Tf LA SIGNORA IN GIALLO. Tf TG4 TELEGIORNALE LO SPORTELLO DI FORUM.Att POIROT. Film DETECTIVE MONK. Tf PIANETA MARE. Att TG 4 - METEO 4 TEMPESTA D'AMORE. Soap WALKER TEXAS RANGER. TF SQUADRA ANTIMAFIA 2. Film LIFE. Telefilm PRIMA PAGINA Traffico/METEO TG5 MATTINA SUPERPARTES. Attualit FORUM. Attualit TG5 TELEGIORNALE/METEO 5 COUGAR TOWN. Telefilm AMICI. Talent VERISSIMO. Attualit AVANTI UN ALTRO. Game TG 5 telegiornale - METEO 5 STRISCIA LA NOTIZIA. Variet ITALIA'S GOT TALENT. Talent X STYLE. Variet TG5 NOTTE/METEO5

DOMENICA 3
07.50 09.20 10.00 11.00 11.30 12.00 12.45 14.00 14.40 15.35 18.55 19.35 21.30 01.15 01.50 SUPER PARTES.Att SLOW TOUR. Att SANTA MESSA LE STORIE DI VIAGGIO A...Att TG 4 TELEGIORNALE RICETTE DI FAMIGLIA. Att PIANETA MARE. Attualit TG4/COME SI CAMBIA. Reality DONNAVVENTURA. Att DON GNOCCHI. Fiction TG4 Telegiornale - METEO 4 IL COMANDANTE FLORENT.F IL MIGLIO VERDE. Film PLEASANTVILLE. Film TG4 NIGHT NEWS 06.00 07.00 10.00 11.05 12.05 12.30 13.30 14.05 15.10 17.00 18.00 20.00 20.30 22.30 01.00

RETE 4

SABATO 2
TG LA7 OMNIBUS. Attualit COFFEE BREAK. Attualit BOOKSTORE. Attualit IL TEMPO DELLA POLITICA. Tf 4 DONNE E UN FUNERALE. Tf TG LA7 TUTTA LA VITA DAVANTI. Tel GLI INESORABILI. Film THE DISTRISCT. Telefilm L'ISPETTORE BARNABY. Tel TG LA7 IN ONDA. Attualit AMORE SENZA CONFINI. Film TG LA7 SPORT

DOMENICA 3
06.00 07.00 09.55 11.05 12.30 13.30 14.05 17.00 17.55 18.00 20.00 20.30 21.30 24.00 TG LA 7 - METEO - OROSCOPO OMNIBUS. Attualit COFFEE BREAK. Attualit TI CI PORTO IO. Attualit I MEN DI BENEDETTA TG LA7 QUESTO PAZZO PAZZO PAZZO MONDO. Film THE DISTRICT. Telefilm 6 NAZIONI. Rugby L'ISPETTORE BARNABY.Tel TG LA7 IN ONDA. Attualit LA DUCHESSA. Film TG LA7 SPORT

06.00 07.55 08.00 09.05 11.00 13.00 13.40 14.10 16.00 CANALE 5 18.50 20.00 20.40 21.10 00.20 00.50

07.55 TRAFFICO - METEO 5 08.00 TG5 MATTINA 08.50 LE FRONTIERE DELLO SPIRITO. Attualit 10.00 RITORNO ALLA LAGUNA BLU. F 12.00 MELAVERDE. Att 13.00 TG5 Telegiornale - METEO 5 13.40 L'ARCA DI NO. Variet 14.00 DOMENICA LIVE. Variet 18.50 AVANTI UN ALTRO. Game show 20.00 TG 5 - METEO 5 20.40 STRISCIA LA DOMENICA.Var 21.30 CENTOVETRINE. Soap 23.30 UN SEGRETO TRA DI NOI. Film 01.30 TG5 NOTTE/METEO5 07.00 08.05 10.35 12.25 14.00 15.45 17.50 18.30 19.00 21.25 00.25 01.30 01.55 02.25 SUPERPARTES. Attualit CARTONI ANIMATI FLIPPER. Film STUDIO APERTO - METEO LA VERA STORIA DI BIANCANEVE. Film SYDNEY WHITE. Film LA VITA SECONDO JIM. Sitcom STUDIO APERTO LARA CROFT. Film LE IENE SHOW. Variet CALIFORNICATION. Telefilm SPORT MEDIASET STUDIO APERTO LA PARTITA. Film

LA 7

07.00 I'M THE BAND. Sitcom 07.20 I PINGUINI DI MADAGASCAR Cartoni animati 11.00 ROBIN HOOD. Telefilm 12.25 STUDIO APERTO - METEO 13.00 SPORT MEDIASET. Sport 13.40 MARS ATTACKS! Film 15.45 CAPTAIN ZOOM. Film 17.40 LA VITA SECONDO JIM. Sitcom 18.30 STUDIO APERTO/METEO ITALIA 1 19.00 JUMANJI. Film 21.10 LE CRONACHE DI NARNIA. F 24.00 KULL IL CONQUISTATORE. F 01.45 SPORT MEDIASET 02.10 STUDIO APERTO

07.00 08.30 12.00 20.00 20.30

LE NOSTRE REGIONI ROTOCALCO SPECIALE DI PIU LE NOSTRE REGIONI RUBRICA RELIGIOSA: IL GIORNO DEL SIGNORE 21.15 SPECIALE DI PIU 00.00 VIAGGIO SENTIMENTALE NELL ITALIA DEI DESIDERI Vittorio Sgarbi ci porta a conoscere le nostre citt e a scoprire le bellezze artistiche anche attraverso storie e aneddoti

07.30 09.30 10.00 11.00 12.00 12.30 20.00 22.15 00.00

ROTOCALCO SPECIALE DI PIU NEVESPORT S. MESSA IN DIRETTA DAL DUOMO DI CREMONA LE NOSTRE REGIONI RUBRICA RELIGIOSA : IL GIORNO DEL SIGNORE ROTOCALCO SPECIALE DI PIU VIAGGIO SENTIMENTALE NELLITALIA DEI DESIDERI Vittorio Sgarbi ci porta a conoscere le nostre citt e a scoprire le bellezze artistiche

Cultura Spettacoli &


Da oggi le opere di Giagnacovo in esposizione
Oggi alle 18, la galleria Interno18 inaugura la prima personale di Matteo Giagnacovo allestita fino al 14 marzo. Le 20 carte e tele, medio e grande formato, tutte tecniche miste, si caratterizzano per una forte unitariet. I lavori sono concepiti attraverso luso di texture robuste e corpose; colori accesi e vibranti trattati con gesto istintivo, immediato; le figure sono spesso avvolte da aloni, geometrie di colore e superfici applicate che diventano parti integranti del soggetto.

Appuntamento marted sera a Casalmaggiore con Ferdinando di Annibale Ruccello

Marted 5 febbraio alle ore 20.30, la stagione di prosa del Teatro Ponchielli, propone uno spettacolo che rientra nellambito della rassegna Diversamente, il filone che d spazio a nuovi linguaggi registici, autori contemporanei, giovani talenti, nonch a messe in scena rinnovate ed attuali. Ed ecco, ancora una volta, un autore contemporaneo, Alan Bennett, con The history boys, diretto dagli storici fondatori della compagnia Teatridithalia, Elio De Capitani e Ferdinando Bruni. E una storia di oggi The history boys, commedia di Alan Bennett del 2004, vincitrice di 6 Tony Award e trasformata in film nel 2006. Sulla scena, si esibiscono otto giovani attori nellinterpretazione di un gruppo di adolescenti alle prese con gli esami di ammissione agli esclusivi college di Oxford e Cambridge: sono ragazzi molto diversi tra loro ma fortemente affiatati: dal leader della classe, il donnaiolo Dakin, fino al fragilissimo Posner, innamorato - per nulla segretamente - di lui. Hector, il professore di inglese (interpretato da Elio De Capitani) e Mrs Lintott, la professoressa di storia (Ida Marinelli) hanno cercato di stimolare la loro curiosit andando oltre percorsi consueti e preconfezionati, infischiandosene del prestigio della scuola, delle tradizioni e delle convezioni. Ma il preside (Gabriele Calindri) di tuttaltro avviso e, per la fama del suo istituto, li vorrebbe tutti ammessi alle Universit pi prestigiose. Si apre cos uno scontro che vede scendere in campo anche un agguerrito professore (Marco Cacciola), incaricato di dare una ripulita al loro stile, renderlo raffinato, giornalistico e spendibile al supermercato del sapere. Uno spettacolo in cui si parla di letteratura, poesia, filosofia e si disserta sul cinema...

The history boys per Diversamente

In scena un capolavoro della drammaturgia


di Federica Ermete

arted 5 febbraio alle ore 21, al Teatro di Casalmaggiore, Fondazione Salerno Contemporanea, Teatro Stabile di Innovazione e Festival Benevento Citt Spettacolo, portano in scena Ferdinando per la regia di Arturo Cirillo. Capolavoro della drammaturgia di Annibale Ruccello, al suo debutto, Ferdinando fu giudicato uno degli spettacoli pi significativi della drammaturgia novecentesca. Con questo nuovo allestimento, Arturo Cirillo al suo terzo incontro col drammaturgo stabiese, dopo le fortunate prove de Le cinque rose di Jennifer e Lereditiera (entrambi Premio Ubu). TRAMA Campagna napoletana, agosto 1870: il Regno delle Due Sicilie caduto e la baronessa borbonica Donna Clotilde (Sabrina Scuccimarra), nella sua villa vesuviana, si ammalata di disprezzo per il re sabaudo e per lItalia picco-

Un momento dello spettacolo

lo-borghese nata dalla recente unificazione. A fare da infermiera allipocondriaca nobildonna Gesualda, cugina povera e inacidita dal nubilato, ma segreta amante di Don Catellino, prete corrotto e vizioso. A

sconvolgere lo stagnante equilibrio domestico larrivo di Ferdinando, un sedicenne dalla bellezza efebica che, rimasto orfano, viene mandato a vivere da Donna Clotilde. Sar lui a gettare lo scompiglio nella

casa, riaccendendo passioni sopite e smascherando vecchi delitti. Il regista ha spiegato: Il testo di Ferdinando mi sempre apparso molto diverso da tutti gli altri di Annibale: un testo pi realistico, storico, dramma con una struttura classica... Un testo terribile per come rappresenta la depravazione, un atto cannibalico, un rapporto col religioso pieno di contraddizioni e rappresentato con cruda violenza, ma sempre con lamore struggente che Annibale ha verso le ossessioni della sua vita. Il desiderio per un inafferrabile adolescente, nato da un inconsolabile bisogno damore, matura nella mente di personaggi disperati, prigionieri della propria solitudine, esacerbati dallabitudine. Allora tutto laspetto storico mi apparso una finzione, un teatro della crudelt mascherato da dramma borghese, in cui anche la lingua, il fantomatico napoletano in cui si sostanzia Donna Clotilde, esso stesso lingua di scena, lingua di rappresentazione, non meno del tanto schifato italiano.

Secondo appuntamento con la rassegna Il Ponchielli per i piccoli, la rassegna dedicata ai pi piccini e alle loro famiglie. Domani alle 16, il Teatro del Buratto porta in scena Gioca giocattolo di Franco Spadavecchia, testo di Beatrice Masini e regia di Jolanda Cappi e Giusi Colucci. Il pagliaccio, lorsacchiotto, una bambola arrivata per sbaglio e pochissimo usata e lamico immaginario Ecco i protagonisti di questa storia. I giocattoli sono sempre pronti a soddisfare ogni desiderio del bambino e lo conoscono bene perch lo vedono crescere, ma quando lui non c loro giocano davvero, scherzano e sognano. Un giorno il bambino confida allamico immaginario la sua paura per larrivo di una sorellina... Cos i genitori gli regalano un giocattolo nuovo. Ora sono i vecchi giocattoli ad aver paura di finire dimenticati in una soffitta, in un scatolone e poi alla discarica

Gioca giocattolo al Ponchielli Incontri su don Primo Mazzolari


Don Primo Mazzolari trova casa nel cuore della citt dove nato, ha studiato, insegnato ed iniziato il suo cammino pastorale. Cremona rende omaggio al suo figlio illustre con il ciclo di incontri dal titolo Fede ed Etica, avente lo scopo di presentare al pubblico alcuni testi di recente uscita, portando il lettore a confrontarsi col pensiero del parroco. Liniziativa, con il patrocinio del Comune di Cremona, nasce dalla collaborazione tra Libreria Cremonabooks, Fondazione

Don Primo Mazzolari di Bozzolo e Acli cremonesi. La rassegna viene inaugurata luned 4 febbraio, alle ore 17.30, nella Sala SpazioComune, dalla conferenza La politica come salvezza comune Mazzolari e limpegno politico. Interviene don Virginio Colmegna, direttore della Casa della Carit di Milano, che ha curato lintroduzione del libro Come pecore in mezzo ai lupi, raccolta di alcuni dei testi pi significativi di Mazzolari sul tema della politica.

Inaugurazione questa sera negli spazi del chiostro del teatro San Domenico

La storia artistica di Wlady Sacchi in mostra

La presentazione della mostra

uesta sera alle ore 17 negli spazi del chiostro del teatro San Domenico a Crema, si apre con linaugurazione ufficiale una nuova mostra del pittore cremasco Wlady Sacchi. Ogni anno Sacchi presenta una sua mostra, ma stavolta si tratta di unaesposizione particolarmente importante perch raggruppa quadri (una sessantina) che illustrano la sua opera di artista a partire dagli inizi dei primi anni Sessanta fino agli ultimi anni: una mostra antologica. Wlady Sacchi un pittore che onora il suo mestiere in una sintesi mirabile fra tradizione e modernit, ha citato Giovanni Marotta, presidente della Fondazione S. Domenico, presentando lartista - con una grande padronanza tecnica ma anche con una lettura profonda della realt. Wlady Sacchi, da parte sua, ricorda le tappe prin-

cipali della sua (lunga) carriera di artista, dalla prima controversa mostra a Crema, alle importanti mostre a Milano o a Bergamo, per citare le pi note. Questa mostra antologica infatti vuol essere lillustrazione di un sogno dartista durato decenni, che riuscito a fare della sua vita unesperienza unica in grado con la sua arte di rivelare arcani messaggi o qualche verit da lasciar trasparire dalle pieghe dellapparente insignificanza delle cose (Mario Marubbi). Le ultime opere di Sacchi, infatti, dipingono un presente pieno di rottami, di bidoni vuoti, un paesaggio degradato per mostrare il pari degrado della societ consumistica, specchio della (irreversibile) decadenza artistica e morale. Latto creativo, cos, in Wlady Sacchi, non mai scindibile dallimpegno civico. Tiziano Guerini

La nuova stagione di Alice nella citt si arricchisce della rassegna teatrale Un teatro da cercare in una nuova sala teatrale, che si aprir nella sede di via Cappi a Castelleone, questa sera con Infactory,

Nuova rassegna teatrale ad Alice nella citt: in scena Infactory


spettacolo della compagnia Teatrostalla. Si tratta di un ciclo di otto spettacoli caratterizzati da temi e tecniche varie, sguardi sulla contemporaneit, poesia, letteratura e storia e che compongono gli elementi di

un cartellone ricco di suggestioni e spunti. Ancora una volta liniziativa di Alice mette in campo la contemporaneit musical-teatrale nei suoi aspetti di massima creativit , innovazione e sperimentazione

Ultimo appuntamento della rassegna Cinema a teatro: si proietta sul palcoscenico del teatro San Domenico di Crema, domani alle ore 17, il film del 2011 di Nuri Bilge Ceylan Cera una volta in Anatolia, vincitore

Cinema e teatro propone il film Cera una volta in Anatolia


del Gran Prix di Cannes. Nel cuore della steppa dellAnatolia colline e strade sempre uguali di un paese diviso tra tradizionalismo e modernit un assassino cerca di guidare dei poliziotti, un commissario, un procuratore e un medico verso il luogo dove ha sepolto la sua vittima. Cos commenta Marco Viviani, curatore della rassegna: Una metafora dellassurdo che lascia stupefatti per loriginalit e la forza suggestiva delle immagini. Si con-

clude cos anche questanno la rassegna Cinema a teatro dopo appuntamenti interessanti per approfondire una cultura cinematografica assolutamente indispensabile per chi voglia vivere larte del presente.

Ultimo dei cinque appuntamento con Luigi Ottoni per Il sipario e lo sguardo, conferenza-storia del teatro, raccontata sul palcoscenico del San Domenico di Crema, che si concludono con lincontro di mercoled 6 febbraio alle ore 18. Dalle forme del dramma greco alla commedia dellarte; dal teatro inglese di Shakespeare al classicismo francese di Molire; dal teatro borghese alla modernit e alle avanguardie. Perch ognuno chiosa Luigi Ottoni - possa esplorare nuove ipotesi sul teatro e la sua storia, realizzare diverse connessioni e possibilit; provare a gettare uno sguardo alla disperata bellezza, a quella bellezza terribile e pericolosa che si nega tra le pieghe di un sipario; quella bellezza amara di cui parlava Rimbaud per cui anche la tragedia bella. Una serie di appuntamenti che impreziosiscono la programmazione del teatro San Domenico nella sua funzione non solo di rappresentare lo spettacolo del teatro, ma anche di spiegarlo e di mostrarne tut-

Il sipario e lo sguardo, ultimo appuntamento

ta la carica artistica di creativit e di innovazione. JUNIOR Mercoled 6 febbraio alle ore 10 per la rassegna Junior - teatro per le scuole, va in scena al San Domenico lo spettacolo La pecora nera. Si tratta di un progetto teatrale ideato, diretto e interpretato da Daniel Gol, Laura Marchigiani e Alessandro Nosotti. La pecora nera rappresenta laccezione, avvolta in un modo tutto suo, intenta a giochi solitari e fantasiosi, con compagni di viaggio diversi. La pecora nera sperimenta la diversit e la voglia coraggiosa di non lasciarsi cambiare. Il gregge, invece, rappresenta luguaglianza ordinata e solo il numero la sua forza. Un prato verde per raccontare (ai pi piccoli) la societ e la vita. La rassegna Junior vive questanno una edizione di particolare fortuna, riuscendo ad accostare, numerosi, per la prima volta al teatro bimbi e giovani adolescenti ampliando cos lofferta educativa scolastica.

Lettere & Opinioni


e i sottopassi di Stazione cava e picenengo dove sono finiti?
Signor direttore, sono costretto a denunciare lincomprensibile dimenticanza della Giunta del Comune di Cremona per aver escluso Stazione Cava e Picenengo dai progetti per leliminazione dei passaggi a livello. Infatti, appare gravemente pregiudizievole per la realizzazione del raddoppio del binario Cremona-Cava, che la Giunta non abbia dato incarico a Centro Padane di progettare, insieme alla rimozione delle barriere di S. Felice, via Brescia e via Persico, anche i sottopassi di Stazione Cava e Picenengo. Tale dimenticanza in palese contraddizione con le affermazioni del vice sindaco Malvezzi che lo scorso 23 ottobre dichiarava pubblicamente che il rinvio del raddoppio ferroviario al 2014 era solo tecnico e che era da fugare ogni dubbio circa la volont dellamministrazione di realizzare questa opera fondamentale e strategica per i pendolari della linea Cr-Mi e per larea industriale portuale. Invece, emerge al contrario che, se mai per il 2014 Rfi, Regione, Provincia e Comune di Cremona riuscissero davvero a trovare i 17 milioni di euro necessari per il raddoppio, a quel punto mancherebbero i progetti per i due sottopassi di Cava Stazione e Picenengo, col bel risultato che, se pure finanziati, non potrebbero essere realizzati cos bloccando di fatto tutta l'opera! Chiedo pertanto che la Giunta del Comune di Cremona colmi tale carenza, subito affidando a Centro Padane anche la progettazione, almeno preliminare, dei sottopassi di Stazione Cava e Picenengo. Giorgio albera Presidente del cda Porto-Polo Logistico di Cremona srl ***

Per dire la vostra, scrivete a:

lettere@ilpiccologiornale.it cremasco@cuticomunicazione.it

Sabato 2 Febbraio 2012

21

"

polemica

Cane aggredisce: proprietario risarcisce salvo il caso fortuito


Buongiorno avvocato, il mio gatto si intrufolato nel giardino del mio vicino di casa ed stato ucciso dal suo cane. Vorrei sapere se posso chiedere il risarcimento dei danni materiali e morali per la perdita del mio amato gatto. matteo *** Il danno prodotto dagli animali regolato dalla fattispecie di cui allart. 2052 del codice civile, secondo cui il proprietario responsabile dei danni cagionati dallanimale, salvo che provi il caso fortuito. E opinione comune in dottrina ed in giurisprudenza che tale disposizione preveda un caso di responsabilit oggettiva, fondata non sulla colpa, ma sul rapporto di fatto con lanimale. Le origini di questa norma sono antichissime e risalgono al primo codice di legge dei latini: le XII tavole, databili intorno al 450 a.C., nelle quali era contemplata la cosiddetta actio de paupere, in base alla quale il danno cagionato dallanimale era considerato un illecito civile ed era punito con unammenda (pena pecuniaria) a carico del padrone dellanimale. Questultimo, tuttavia, poteva evitare il ri-

A cura di Emilia Rosemarie Codignola*


sarcimento in denaro, trasferendo al danneggiato la propriet dellanimale che aveva causato il danno. Il padrone dellanimale non aveva alcuna scusante, n per caso fortuito, n per forza maggiore. Solo nel VI secolo d. C., quasi mille anni dopo le XII tavole, sotto lImpero di Giustiniano, nel procedere alla revisione delle leggi dello Stato Romano, i compilatori introdussero unattenuazione. In particolare, il padrone poteva evitare il risarcimento in denaro o la consegna dellanimale, se dimostrava che il comportamento di questultimo, da cui era derivato il danno, era anormale. In questa attenuazione possiamo scorgere lorigine dellattuale scusante per caso fortuito. Tornando ai giorni nostri, pertanto, il possessore di un animale che abbia causato un danno pu evitare il risarcimento se il fatto dipeso integralmente dallazione di terzi totalmente estranei alla sua attivit, o se esso conseguenza esclusiva del comportamento colposo del danneggiato. Il proprietario dellanimale potr altres andare esente da responsabilit se fornir la prova del caso fortuito, ossia dellesistenza di un fattore esterno, imprevedibile, inevitabile, assolutamente eccezionale, che ha determinato levento lesivo e che sia idoneo ad interrompere il nesso di causalit tra il comportamento dellanimale e levento lesivo. Ne consegue che per i danni cagionati dallanimale al terzo, sia esso una persona o un animale, il proprietario risponder in ogni caso e in toto, a meno che non dia la prova appunto del caso fortuito. Se la prova liberatoria richiesta dalla norma non sar fornita, il proprietario dellanimale sar tenuto a ristorare il danneggiato per il danno subto, danno sia patrimoniale che morale, questultimo derivante dal patimento psicologico ingenerato dallevento lesivo. La giurisprudenza appare ormai consolidata nello stabilire che il patimento derivante dalla morte del proprio animale, se causato da un terzo, produttivo di danni morali. In particolare, ai sensi dellart. 185 del codice penale, latto illecito che determina la ma-

ne. Occorre mettere in campo lambizione di ripensare lo sport con progetti concreti di sviluppo del patrimonio umano e materiale esistente. Goffredo iachetti Presidente provinciale Uisp natale azzini Dirigente provinciale Uisp ***

"
lattia o la morte di un animale da compagnia fatto produttivo di danni morali nei confronti di chi lo accudiva e ne aveva cura, in ragione del coinvolgimento in termini affettivi che la relazione tra luomo e lanimale domestico comporta, dellefficacia di completamento e arricchimento della personalit delluomo e quindi dei sentimenti di privazione e di sofferenza psichica indotti dal comportamento illecito (Pretura Rovereto 15 giugno 1994). Nel caso di specie, il proprietario del cane che ha aggredito mortalmente il suo gatto, dovr rispondere dei danni cagionati dal proprio cane ai sensi dellart. 2052 c.c., ma certamente lintroduzione fortuita del gatto nel giardino del vicino di casa potrebbe costituire una causa di esclusione della responsabilit. *avvocato Stabilito e mediatore civile emiliacodignola@libero.it

Bordo e Sel

migliorare la scuola pubblica uno dei nostri impegni


Gentile direttore, la scuola pubblica sar una delle priorit della nostra prossima azione di governo. E uno dei settori fondamentali su cui puntare per il rilancio formativo, culturale e occupazionale del Paese, anche per questo giusto innalzare let relativa allobbligo scolastico. Per fare ci abbiamo bisogno di nuovi insegnanti e proponiamo un piano pluriennale di immissione in ruolo dei precari, fino ad esaurimento delle graduatorie, intendiamo reintrodurre il tempo pieno, le ore di laboratorio, la presenza di insegnanti di sostegno e garantire la formazione dei docenti durante tutto il percorso lavorativo. Per una scuola moderna, allaltezza del livello medio europeo, dobbiamo anche porre al centro della nostra azione lattuazione di un piano di riqualificazione, messa in sicurezza e ammodernamento delle scuole attraverso un fondo unico per ledilizia scolastica che raccolga tutte le risorse ora bloccate o disperse. Questo il mio impegno, chiaro e forte, che prendo nei confronti degli studenti e delle loro famiglie, del personale che lavora nelle scuole, degli amministratori locali che quotidianamente devono fare fronte a situazioni spesso ingestibili per la mancanza di fondi. E' per questo che sottoscrivo un Piano straordinario a favore delledilizia scolastica pubblica. Franco Bordo Caondidato alla Camera per Sinistra Ecologia Libert ***

"

queSito

meglio i sottopassi o il mutuo sociale?


Gentile direttore, Casapound Italia lotta da sempre contro lemergenza abitativa in cui versano migliaia di italiani. Anche a Cremona, su 549 domande presentate da famiglie bisognose per ottenere alloggi di edilizia residenziale pubblica, sono state accettate solo 46 domande. Questo significa che ci sono almeno 500 famiglie che rischiano di non avere un tetto sopra la testa. Gli alloggi gestiti dallAler, spesso sono indisponibili perch bisognosi di ristrutturazioni, ma i fondi, notoriamente, scarseggiano. Tuttavia in questi stessi giorni si sono trovati dei fondi per eliminare 7 passaggi a livello tra Cremona e Mantova, per un costo approssimativo di 13 milioni di euro. Denaro che avrebbe potuto essere speso meglio, tenendo presenti altre priorit. In questo momento di grave crisi, Casapound Italia vuole ribadire limportanza del diritto alla propriet della casa. Continuiamo a sostenere che la nostra proposta del mutuo sociale sia lunica possibile soluzione a questo grave problema. Cos il mutuo sociale? E una proposta di legge che intende creare un ente che costruisca case e quartieri a misura duomo con soldi pubblici e che venda a prezzo di costo queste case a famiglie non proprietarie, con la formula, appunto, del mutuo sociale: ovvero una rata di mutuo senza interesse, non superiore ad un quinto delle entrate della famiglia, una rata che viene bloccata in caso di disoccupazione, una rata che non passa attraverso le banche, ma da finanziamenti comunali, provinciali o regionali. Sette minuti attesa in meno, possono valere centosessanta case in pi? casapound italia cremona ***

cifiche spese considerate aggredibili. La situazione pertanto pesante, per queste ragioni sarebbe utile garantire un maggiore confronto rispetto alla eventuale volont di cancellare quasi completamente il contributo della Provincia di Cremona al mondo della cultura cremonese. Non intenzione nostra strumentalizzare, in questi anni abbiamo infatti apprezzato e sostenuto il lavoro della Giunta, volto a rendere pi omogeneo e pi efficace il sistema bibliotecario provinciale, tuttavia su alcune partite importanti non vediamo particolare attenzione e soprattutto manca un ruolo centrale di regia e di coordinamento da parte dellamministrazione e una governance efficace fra istituzioni. Ricordiamo che lo scorso anno la giunta Salini aveva predisposto un progetto strategico indirizzato al territorio che tuttavia rimasto nel cassetto. Questo documento aveva il limite di circoscrivere le politiche culturali in una semplice ottica di marketing territoriale, questo approccio non esaustivo, anzi lerrore che molti governi locali commettono quando affrontano le potenzialit dello sviluppo correlato alla cultura. Pertanto a partire dalla consapevolezza che i problemi delle politiche culturali del nostro territorio vengono da lontano e che oggi sarebbe ancora pi sconveniente ragionare su progetti ambiziosi, ma irrealizzabili o al contrario adagiati su una mera logica di risorse a pioggia, siamo per altrettanto consapevoli che una decisione drastica di questa portata che colpisce alcuni presidi importanti del nostro sistema culturale (la Fondazione Stradivari, la Monteverdi, il Folcioni) deve essere immediatamente condivisa allinterno del consiglio provinciale e soprattutto con il territorio. andrea Virgilio Capogruppo del Pd in consiglio provinciale Vera castellani Consigliere provinciale del Pd ***

questi signori, nessuno escluso, che nulla hanno ancora pagato per la crisi? Non basta allettarci con lo specchietto dellImu per invogliarci ad andare a votare per questo o quel politico, tra laltro senza aver cambiato la legge elettorale. LItalia piena di cavalli di battaglia da cavalcare anche pi importanti, dalla lotta contro la corruzione dei partiti, allimmoralit, dal degrado ambientale, allo spreco di denaro pubblico, dalla lotta contro mafie, ndrangheta e camorra, alla disperante perdita dei posti di lavoro. Ne aggiungiamo altri? Ci sarebbe limbarazzo della scelta. E questi reiteratamente sparano il loro ballon dessai con lImu? E forse lunica tassa esistente che ci pesa sulle spalle? Per cortesia, se rinnovamento ci deve essere, incomincino con lessere seri ed onesti, soprattutto nei nostri confronti a partire dalle promesse, tasse e Imu comprese. lucia zanotti cremona ***

Per fortuna ci sono anche segnali di cambiamento: lOlanda ha vietato lo scorso dicembre gli allevamenti di pelliccia, affiancandosi ad altri Paesi europei; diverse case di moda hanno optato per materiali sintetici che non tolgono nulla allesteriorit e nello stesso tempo non comportano il sacrificio di esseri viventi senzienti. La campagna Lav 2011 ha riscosso grande successo con la raccolta di oltre 60mila firme per chiedere la messa al bando degli allevamenti di pelliccia. Per chi vuole saperne di pi invitiamo a visitare www.lav.it Gruppo lav cremona ***

"

VerSo le elezioni

a cremona servono condidati locali e non certo la Santanch


Gentile direttore, in questi giorni difficile non commentare la scelta del Pdl di riavere come capolista Daniela Santanch nel nostro collegio, dimostrando, con la scelta delle candidature, di essere un partito allo sbando continuando a subire le decisioni direttamente da Berlusconi. A Cremona luned in Sala Mercanti, durante la manifestazione organizzata da Rete Impresa Italia, cerano i candidati e le candidate alle elezioni regionali e nazionali del Pd, scelti in modo democratico. Erano presenti pure i candidati nelle liste alla Camera dei Deputati o al Senato del Pdl, quelli in posizioni ineleggibili, ma brillava per la sua assenza la capolista Santanch. Daniela Santanch, gi candidata ed eletta nel lontano 2006 in provincia di Cremona, in un collegio extra residenza, si rivelata gi in quegli anni distante e ininfluente per Cremona. Ora, come allora, molto concentrata in altre attivit politiche e economiche. Io credo che la strategia usata in televisione in questi anni dallex sottosegretario del governo Berlusconi, di urlare, insultare, non rispondere alle domande, sollevare argomentazioni molto opinabili, non incanti pi nessuno, cos come il suo curriculum politicamente controverso: da An, alla destra di Storace, al Pdl. Per non parlare della sua idea di donna in politica: sobriet, pienezza di diritti per tutte le donne, un welfare che favorisca loccupazione femminile, riduzione dei costi della politica, etc. A Cremona c bisogno di candidati locali e non di paracadutati, candidati che conoscano il territorio e i loro problemi. Quelli nelle liste del Pd sono molto conosciuti e apprezzati sul territorio, sono 8 di cui 5 donne, un gran risultato. La politica cremonese necessita di credibilit e di donne, forti e autorevoli, che si impegnino a modificare e migliorare la realt, ad agire una effettiva democrazia paritaria nelle istituzioni, nella vita economica e sociale. Si cambia la politica se le donne coraggiose avranno voce, forza e determinazione. alessia manfredini Candidata del Pd alla Camera Collegio 3 Lombardia

"

propoSta

ormai indispensabile una politica dello sport


Egregio direttore, abbiamo letto con estremo interesse lintervento del prof. Stassano, di cui condividiamo appieno lo spirito ideale che lo muove, oltre alla sostanza delle considerazioni critiche e delle indicazioni strategiche in esso contenute. Cos come vero che il mondo della politica non pu pi reggersi sulle promesse di impegno dei partiti sulle questioni storiche irrisolte (le riforme istituzionali e sociali), altrettanto innegabile che al mondo dello sport non bastano pi le performance dei suoi campioni, ovvero le passerelle televisive e giornalistiche dei suoi protagonisti strapagati. Servono i fatti, scrive Stassano, e cio interventi strategici sul sistema sportivo che producano una nuova cultura dello sport che tenga conto e valorizzi tutte le fasi della vita umana, dal bambino allanziano, e aggiungiamo noi un nuovo assetto di poteri e responsabilit ed una diversa distribuzione delle risorse economiche nella struttura dello sport italiano. Serve una vera riforma dello sport e pertanto una svolta nella politiche nazionali per lo sport. Serve un Ministero con portafoglio, che sappia coordinare gli altri comparti governativi interessati allo sport (sanit, Welfare, Ambiente, Turismo, Lavoro, ecc.) che dia indirizzi e promuova campagne nazionali e serve una legge-quadro che definisca una volta per tutte ruolo e funzioni delle Regioni e degli Enti Locali, gli impegni del Coni come agenzia tecnica dello sport e dellassociazionismo sportivo nelle sue diverse articolazioni (federazioni ed enti di promozione). Una riflessione va aperta anche nella nostra citt, dove non possiamo accontentarci del titolo di Citt europea dello sport mentre le strutture comunali soffrono di scarsa manutenzio-

"

appello

Fermate la produzione di pellicce nella moda


Egregio direttore, anche questinverno abbiamo visto proporre una moda crudele, quella delle pellicce. Se negli ultimi anni la pelliccia come capo intero di abbigliamento tramontata, fiorita invece quella degli inserti su colli di giubbotti, bordi, polsi e persino di borse profilate, se non addirittura interamente di pelliccia, che non servono certo a scaldarsi. Se un tempo serviva a questo, da molti anni non pi necessaria in quanto validamente sostituita da altri materiali non di origine animale. La Lega AntiVivisezione ritiene che azioni come quella di Dovera non servano a diffondere lidea di un modo diverso di vivere nel rispetto degli animali e dellambiente. Come documentato dalla Lav nel dossier The environmental impact of mink fur production (disponibile online), la produzione di 1 kg di pelliccia di visone causa un impatto ambientale di gran lunga maggiore rispetto alla produzione di 1 kg di un prodotto alternativo come cotone, acrilico, lana. Le persone sensibili verso tali temi dovrebbero essere messe al corrente di quanta sofferenza indossano dietro ogni singolo capo di pelliccia: anche se gli allevamenti rispettano gli standard europei di detenzione degli animali, sono comunque costretti a vivere in piccole gabbie metalliche e a morire, per mano degli allevatori, con metodi che comportano altissima sofferenza.

"

lamentela

i tagli alla cultura devono essere condivisi col territorio


Egregio direttore, siamo tutti consapevoli che in questi anni gli enti locali sono stati pesantemente colpiti da tagli e da restrizioni, in particolare alle Province si chiesto di ridurre i propri bilanci del 25%, imponendo alle stesse di colpire alcune spe-

"

preSa di poSizione

Basta con le inutile promesse dei politici in campagna elettorale


Gentile direttore, personalmente sono stufa di sentir parlare di Imu in campagna elettorale. Da Berlusconi, quando con unazione da kamikaze tolse lIci allultimo minuto per farla in barba a Prodi, al prof. Monti che promette mare e monti, mi si conceda il bisticcio di parole, riduzione dellImu compresa. E ci si meraviglia se avanza lantipolitica? Ma per chi ci prendono

22

Sabato 2 Febbraio 2013

Salute
PRESIDIO OSPEDALIERO DI CREMONA
CENTRO DIABETOLOGICO Dove: piano 6, corpo H (lato destro), monoblocco ospedaliero. Orari: da luned a venerd dalle 08.00 alle 13.30 (prima visita per inquadramento diagnostico-terapeutico e visita di controllo per monitoraggio metabolico e screening delle complicanze croniche). Per le prime visite preferibile che la prenotazione avvenga di persona comunque possibile prenotare telefonicamente da luned a venerd, dalle 11.00 alle 13.30. Telefono: 0372 405715. CENTRO PRELIEVI - LABORATORIO ANALISI accesso diretto da parte dei cittadini, con la richiesta del Medico di famiglia o dello specialista. Dove: Centro Prelievi all'ingresso dell'ospedale. Orario: da luned a venerd dalle ore 07.30 alle 10.30. Telefono: 0372 405663 - 0372 405452 CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI Monitoraggio delle terapie anticoagulanti. previsto accesso con prenotazione al numero 0372 405666 - 0372 405663. Dove: Presso la palazzina del Cup Orario: dalle 07.30 alle 12.00 da luned a venerd. CENTRO AZIENDALE DI ALLERGOLOGIA Dove: presso la Medicina del Lavoro, Padiglione 10 Accesso avviene mediante impegnativa del medico curante. Le prenotazioni vengono effettuate telefonando allo 0372 408178 da luned a venerd dalle 10.30 alle 13.00; oppure personalmente presso lAmbulatorio di Allergologia da luned a venerd dalle 09.00 alle 13.00. IMMUNOEMATOLOGIA E MEDICINA TRASFUSIONALE: Emotrasfusioni, salassi, autotrasfusioni, terapia marziale endovenosa, preparazione di nuovi emocomponenti ad utilizzo non trasfusionale: Gel Piastrinico, Concentrato Leucopiastrinico. Dove: Piano terra, corpo D, monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 435887 - 0372 405461 dalle 10.00 alle 17.00 da luned a venerd GENETICA Dove: piano 2 lato destro del monoblocco ospedaliero. Prenotazioni telefoniche: 0372 405783 da luned a venerd dalle 13.00 alle 14.30. MEDICINA LEGALE Prenotazioni presso Direzione Medica di Presidio piano Rialzato monoblocco ospedaliero. Tel: 0372 405200. PSICOLOGIA Dove: settimo piano a sinistra. Prenotazioni da luned a venerd dalle ore 09.00 alle ore 10.00 presso il servizio di Psicologia, oppure anche telefonicamente agli stessi orari al numero 0372 405409. ONCOLOGIA MEDICA Dove: Piano 4 ala Destra Prenotazione in reparto da luned a venerd dalle ore 8.00 alle ore 17.00. Tel: 0372 405248. TERAPIA DEL DOLORE Dove: palazzina n. 9 La prenotazione pu essere effettuata telefonicamente al numero 0372 405330 dalle 11.00 alle 15.00, da luned a venerd. Negli altri orari possibile chiamare lo stesso numero lasciando un messaggio in segreteria telefonica con il nome e numero di telefono: al pi presto sarete richiamati.

GLI ORARI
CUP Centro Unificato di Prenotazione Dove: padiglione n. 12, a fianco del Centro Prelievi, prospiciente Largo Priori Orari di apertura al pubblico: luned - venerd dalle 7.30 alle18.00 orario continuato, il sabato dalle 8.00 alle 12.00; Prenotazioni telefoniche: possibile telefonare al numero verde 800.638.638, da luned a sabato dalle 08.00 alle 20.00.

La Psicoterapeuta Risponde...
Gentilissima dottoressa mi sto preparando ad un periodo dove cambieranno molte cose. Fra poco tempo cambier casa ma non potr dedicarmi solo al trasloco, perch dovr continuare a lavorare e occuparmi della mia bambina di tre anni. Da una parte sono molto contenta per questo cambiamento da tempo atteso, dallaltra per sono un po preoccupata Vorrei evitare che questa situazione mi porti a vivere una condizione di stress. Come posso prevenire un probabile disagio? Grazie, Maria Gentile Maria, la invito a riflettere su alcune questioni implicite nella sua domanda. Da quanto accennato, mi pare di capire che lei si senta come se stesse affrontando un passo importante e risolutivo. Parlando del trasloco, mi sembra inoltre che lei sottolinei come questo cambiamento richieda una sua presenza attiva, specialmente nel portare avanti pi impegni nello stesso tempo, e che le costi una grande fatica. Lo stress una reazione generale dellorganismo che dipende dal modo in cui noi percepiamo una data situazione. La persona stressata quando si sente sopraffatta da una situazione e la affronta mettendo in atto strategie che ostacolano, anzich favorire, ladattamento al cambiamento. Una di queste potrebbe essere proprio il fatto di rincorrere le cose, occuparsi di faccende concrete come se fossero loro a guidare la sua vita. Per il momento eviterei di concentrarmi su questa sensazione di affanno e proverei a guardare altrove. Penso, infatti, che la domanda che lei pone rispetto alla paura di sviluppare una condizione di stress potrebbe diventare unoccasione per riflettere sulle emozioni che suscita in lei il cambiar casa. Da un lato, il timore di non farcela a vivere serenamente questo passaggio significativo potrebbe esprimere la paura di

A cura della dottoressa Michela Barbieri, psicologa, psicoterapeuta familiare non ritrovarsi pi in ci che era prima, di sentirsi unestranea in casa propria. Dallaltro, lasciare la propria abitazione, soprattutto quando si hanno vissuto momenti speciali come i primi anni di vita di un figlio, pu suscitare tristezza legata a un senso di perdita. Il passaggio da lei descritto, pur desiderato e pianificato, non privo di emozioni conflittuali. Questa complessit delle nostre emozioni a volte ci confonde e ci lascia perplessi: com possibile non essere totalmente felici per il fatto di andare a vivere in una casa nuova e pi confortevole? Forse, per, si pu accettare di non sentirsi subito a proprio agio in una situazione nuova, perch si ha bisogno di tempo per familiarizzare anche solo con lidea di aver intrapreso un cambiamento non reversibile. Le emozioni che lei prova sono legittime e tutte legate a un momento della sua vita che si sta presentando tanto impegnativo quanto ricco di vitalit.

PRENOTAZIONI CHE NON SI EFFETTUANO AL CUP Attraverso il CUP si prenotano tutte le prestazioni ad eccezione delle seguenti, che devono essere prenotate direttamente presso le singole unit operative o servizi come indicato di seguito: ANATOMIA PATOLOGICA secreti e agoaspirati (non Tac e non Ecoguidati) Dove: Poliambulatori, piano Terra. Orario: gioved dalle 15 alle 16. Per prenotare contattare la segreteria dellAnatomia Patologica dal luned al venerd, dalle 10.30 alle 16.00. Telefono: 0372 405477, dalle 9.30 alle 16.00. Consegna campioni istologici e citologici La consegna dei campioni citologici urinari prevista, presso il padiglione 5, da luned a venerd, dalle 08.00 alle 09.30; per gli altri esami da luned a venerd dalle 08.00 alle 16.00 (accesso diretto). RADIOLOGIA Dove: piano 1, corpo H (ala destra). TC, risonanza magnetica, ecografie urgenti e richiesta di prestazioni con bollino verde Le prenotazioni vanno effettuate di persona o via fax. Orario: da luned a venerd dalle 08.00 alle 13.00, sabato dalle 08.00 alle 12.00. Tel: 0372 405760. Angiografia Le prenotazioni vanno effettuate di persona. Orario: da luned a venerd dalle 08.00 alle 15.30. Telefono: 0372 405367. SENOLOGIA: Screening mammografico preventivo biennale Asl Cremona (45-69 anni) Tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30, il mercoled dalle 14 alle 16. La prenotazione va effettuata al CUP dell'Asl 800 318 999. Prestazioni con carattere di urgenza, risonanze alla mammella, agoaspirati, ecografie Dove: piano 1, corpo M. Ora: da luned a venerd dalle 11.00 alle 13.00. Telefono: 0372 405614. Per ulteriori informazioni stata inoltre attivata una nuova linea telefonica dotata di risponditore automatico in funzione 24 ore su 24: 0372 405612. RADIOTERAPIA E MEDICINA NUCLEARE Dove: piano Cantina, (utilizzare la scala o ascensore a sinistra vicino l'Ufficio Informazioni nell'atrio di ingresso) corpo M, monoblocco ospedaliero. Orario:da luned a venerd dalle 07.30 alle 17.30. Telefono: 0372 405485. MEDICINA DEL LAVORO: Dove: Medicina del Lavoro, padiglione 10 Impegnativa del medico curante. Allergologia per sospetti professionali Tel. 0372 408178 da luned a venerd, dalle 10.30 alle 13.00; oppure, personalmente presso lAmbulatorio di Allergologia dalle 09.00 alle 13.00 da luned a venerd. Visite specialistiche di medicina del lavoro Tel: 0372 405777 da luned a venerd, d alle 08.00 alle 15.30; oppure, personalmente presso lAmbulatorio Specialistico di Medicina del Lavoro negli stessi orari.

STUDIO ASSOCIATO DI NEUROPSICHIATRIA INFANTILE E PSICOLOGIA di DOTT. LOCCI GRAZIELLA, DOTT.BARBIERI MICHELA & ASSOCIATI Orari: Lun-ven:15.30-19.30 - Sab: 9.30-12.30/ 14.00-19.00 tel 0372 429208 Castelverde (CR) Via Manzoni 12 - Loc. Castelnuovo del Zappa - Tel. 0372 429208 - mail: studioassociatocastelnuovo@gmail.com

Nuove frontiere nella cura del diabete L


invecchiamento della popolazione porta con s anche un incremento dei malati cronici. Tra queste anche i diabetiti di tipo 2, affetti da una patologia che oggi sempre pi diffusa e che comporta notevole carico assistenziale in termine di visite, controlli e terapie. Si tratta di una malattia metabolica caratterizzata da un'alterazione nell'utilizzo del glucosio. Il diabete 2 si manifesta con l'incremento della glicemia nel sangue, e questo pu dipendere: o da una diminuzione della produzione di insulina da parte dell'organismo, o dall'incapacit dell'insulina stessa a svolgere la propria funzione spiega la dottoressa Patrizia Ruggeri, responsabile del Centro diabetologico dell'Ospedale di Cremona. Il diabete una malattia evolutiva, che pu cambiare nel corso degli anni: per questo anche la terapia va riadeguata periodicamente alle nuove esigenze del paziente. Come agisce la terapia? Il suo scopo di mantenere la glicemia del paziente vicino ai valori di riferimento, che sono 90130 prima dei pasti e inferiore a 180 dopo i pasti, in genere. Per talune persone, poi, questi valori variano in base all'et, alla durata della malattia, alle complicanze, ecc. L'importante dunque che il paziente abbia ben chiari quali siano i propri obiettivi. Quali sono le nuove frontiere della terapia? Negli ultimi anni sta emergendo un nuovo modo di intendere la strategia terapeutica: la cosidetta "target terapy". Si tratta di effettuare una terapia che sia sempre pi precoce e che punti al raggiungimento degli obiettivi del
La dottoressa Patrizia Ruggeri, responsabile del Centro diabetologico dell'Ospedale di Cremona

Ruggeri: Si sta sperimentando un farmaco che agisce sui reni come un diuretico del glucosio

singolo paziente. Quindi se con un determinato farmaco non vengono raggiunti tali obiettivi, bisogna correggere il tiro. Naturalmente qualsiasi approccio terapeutico deve essere accompagnato da un corretto stile di vita dal quale non si pu prescindere. Quali sono i principali farmaci per questa patologia? Ve ne sono di diversi tipi. Quello pi noto la metformina, un tipo di farmaco insulinico-sensibilizzante, che viene utilizzato da oltre 50 anni ed indicato se non vi sono complicazioni come l'insufficienza renale. Ci sono poi i farmaci secretagoghi, che hanno la funzione di "spremere" l'insulina dalla milza. Essi per hanno un effetto collaterale di cui bisogna sempre tenere conto: possono infatti portare a episodi di ipoglicemia, i quali a volte favoriscono eventi cardiovascolari. Inoltre possono provocare aumento di peso. Negli ultimi anni si sono scoperti nuovi farmaci, le cosidette incretine: si tratta di ormoni gastrointestinali prodotti dalle cellule dell'intestino tenue dopo ogni pasto. Quando si ingesiscono dei cibi l'attivit incretinica provoca l'incvremento dell'insulina e la soppressione della produzione di

glucagone (che ha funzione iperglicemizzante). La scoperta di questa classe di ormoni, che ha come capostipite il Glp-1, ha portato a capire che nel paziente diabetico l'attivit di tale ormone ridotto. Per di pi esso ha una durata molto breve perch viene inattivato in pochi minuti dall'enzima Dpp-4. I farmaci introdotti sono quindi degli omologhi del Dpl-1, sono di tipo iniettivo e hanno un effetto sia sul controllo della glicemia ma anche sullo stomaco e sui centri della fame, determinando un calo di peso. Esiste poi un secondo gruppo di farmaci che hanno la funzione di inibire l'ensima Dpp-4. Quest'ultimi si utilizzano per via orale, hanno un'ottima tollerabilit, non provocano aumenti di peso n ipoglicemie. Naturalmente si possono associare alle altre categorie di farmaci gi noti, e sono indicati anche per chi soffre di insufficienze renali. Inoltre, a differenza dei secretagoghi, hanno un effetto protettivo nei confronti delle cellule del pancreas. Per questi motivi sono particolarmente indicati per i pazienti anziani. Quali sono i prossimi passi della ricerca in ambito diabetologico? Si sta sperimentando un far-

maco (Dapagliflozin) che agir a livello renale e che potremo considerare il "diuretico del glucosio": esso aiuter infatti ad espellere il glucodio dalle urine. Nel campo delle insuline, invece, stanno progredendo gli studi su un nuovo farmaco insulineo, che un omologo basale dell'insulina e che ha una durata di azione superiore alle 24 ore, con un effetto metabolico distribuito in maniera uniforme nel corso della giornata. Questo abbassa il rischio di ipoglicemie. In conclusione... Nella cura del diabete oggi abbiamo a disposizione tanti nuovi strumenti, e la scelta terapeutica viene effettuata in funzione della persona: et, condizioni cliniche, lavoro, durata della malattia, ecc. Poich determinante mantenere stabile la glicemia durante tutta la giornata, importante che gli auto-controlli domiciliari vengano effettuati secondo schemi ben precisi, predisposti dal medico. Con l'andare del tempo, qualora si sovrappongano complicanze gravi, i farmaci assunti per via orale possono risultare insuddicienti e controindicati. In quei casi deve essere utilizzata la terapia insulinica.

Diplomata presso la scuola di Naturopatia dell'istituto RIZA

di Ermanna Allevi

Iscritta alla FINR (federazione italiana naturopati RIZA)


Gentile naturopata vero che la pelle ha diverse funzioni e che se ha tante tossine non funziona bene creando tanti problemi? Pu spiegarmi un p tutto questo? Le faccio i complimenti perch lei davvero brava. Rossana La pelle l'organo di rivestimento del corpo, formato, dall'esterno verso l'interno, da tre strati: epidermide, derma e ipoderma o tessuto adiposo sottocutaneo, dotato di grande resistenza alla trazione e anche molto elastico. La pelle ha varie funzioni: difesa, assorbimento, escrezione e secrezione, sintesi, termoregolazione.percezione sensoriale. Se carica di tossine la pelle invecchia precocemente. Le zone che presentano i maggiori ristagni di scorie si arrossano facilmente, anche con un tocco lieve. In queste zone compariranno inestetismi quali: rughe, cellulite, fragilit capillare o semplicemente

Ermanna Allevi risponde alle vostre domande scrivendo a: info@naturopatia-cremona.com Oppure a: ilpiccolocremona@fastpiu.it Riceve a Cremona in via Pallavicino 6 tel. 0372-412372. Riceve a Crema telefonando al 388 9037275. un aumento del volume dovuto all'accumulo di grassi e acqua. Un eccesso di tossine pu diventare una causa scatenante per la psoriasi, per la dermatite seborroica, per l'acne rosacea, ecc. La pelle un organo delicato e sensibile e risente dello stress, inquinamento, alimentazione errata, abusi in genere, fumo, ecc. La pelle anche lo specchio dell'anima. E' il confine che ci delimita e fa di noi un'unit, la parte visibile del nostro corpo, esprime la nostra individualit e su questa noi scriviamo, ogni giorno, in modo inconsapevole, la nostra storia.

Centrale di Crotta dAdda, si costituisce la commissione


Si tenuto presso la Provincia di Lodi un incontro in merito alla centrale idroelettrica di Castelnuovo-Crotta dAdda, a cui hanno partecipato i rappresentanti dei comuni rivieraschi coinvolti (Pizzighettone, Crotta, Castelnuovo, Maleo, Meleti, Maccastorna, Cornovecchio), delle associazioni agricole cremonesi e lodigiane (Coldiretti, Confagricoltura), dei consorzi di bonifica (Dugali Naviglio Adda Serio e Muzza bassa lodigiana) e del Parco Adda Sud, oltre al progettista dellimpianto, Franco Frosio di Brescia. Sar costituita una commissione formata da tecnici specializzati, principalmente geologi, per studiare con la massima precisione i possibili effetti sui terreni agricoli causati, con linnalzamento della falda, dalla centrale idroelettrica progettata a Castelnuovo Bocca dAdda. La commissione sar formata dalle Province di Lodi e Cremona e ne faranno parte i tecnici incaricati dai Comuni e dalle associazioni agricole, insieme ai geologi indicati dal progettista. Questo il primo risultato della riunione tenuta in Provincia a Lodi, convocata dallassessore allAmbiente Elena Maiocchi in accordo con il collega cremonese Gianluca Pinotti. Liter ancora in una fase preliminare, e successivamente saranno affrontati i dettagli del progetto. Per ora i punti fermi dai quali si parte, comunicati alla Direzione generale per le dighe del ministero delle Infrastrutture, sono laltezza dello sbarramento di 3 metri, la portata di 120 metri cubi al secondo e linvaso previsto a monte di 3 milioni di metri cubi. Dopo la presentazione del progetto lincontro proseguito con le osservazioni e i dubbi sollevati da tecnici e politici: diverse le problematiche poste sia sul tema ambientale che agronomico. Linnalzamento della falda, in un territorio dov peraltro gi alta, e le conseguenze sui terreni, sono risultati essere laspetto pi critico del progetto.

Pomodoro, si produce sottocosto


Il prossimo 6 febbraio incontro tra industriali e produttori. Confagricoltura: Ci sia pi chiarezza

Agricoltura

Sabato 2 Febbraio 2013

23

A cura di Libera Agricoltori

l prossimo 6 febbraio a Parma ci sar il secondo faccia a faccia tra industriali ed organizzazioni dei produttori, per un confronto partito sotto i peggiori auspici per la fissazione del prezzo 2013 del pomodoro da industria nel nord Italia (nel Sud non si ancora cominciato, dopo un 2012 trascorso in totale mancanza di un accordo). Interpellata sullargomento, Bianca Maria Balestreri, vice presidente nazionale e leader regionale della Sezione di prodotto di Confagricoltura ha rimarcato che la storia si ripete, uguale ogni anno. Il primo incontro della scorsa settimana era durato infatti solo cinque minuti: giusto il tempo di prendere atto della proposta formulata dalla trasformazione. I termini dellofferta sono risultati inaccettabili e fuori mercato: 71 euro a tonnellata, in continua caduta libera rispetto agli 84 del 2012 ed agli 88 dellanno precedente, e una riduzione della superfice compresa tra il 20% ed il 30%. Su quelle basi il confronto non poteva proseguire, e le quin-

di le Op avevano lasciato il tavolo di confronto. Non avremmo nessun problema a ridurre le superfici, se questa fosse - come deve essere - una leva per prevenire leccesso di offerta e dunque sostenere il prezzo, ha precisato Balestreri. Ma se la superfice cala e lo stesso fa il prezzo, chiaro che qualcosa non funziona. Anche nel corso di un summit sindacale dellarea nord Italia svoltosi a Bologna emer-

so che il problema legato alla scarsa capacit competitiva dimostrata dallindustria, che non riesce a valorizzare adeguatamente sui mercati il miglior pomodoro trasformato del mondo, fiore allocchiello del made in Italy. Il prezzo va quantomeno riposizionato su livelli di decenza, sotto i quali rimarr solo il pomodoro di origine cinese; sebbene di questo passo anche in Cina il pomodoro verr pagato pi che in Italia.

Le aziende agricole gi oggi sono costrette a produrre sotto costo; una situazione con tutta evidenza insostenibile nel medio e lungo periodo. Come in tutti i comparti agricoli, i costi di produzione continuano a lievitare in misura esponenziale (basta pensare a gasolio ed urea), mentre la remunerazione cala... Un prezzo equo non dovrebbe essere comunque inferiore ai 95 euro a tonnellata: mentre ce ne propongono 24 in meno, e alla fine lincasso potrebbe pure essere inferiore. Come era puntualmente accaduto lo scorso anno; quando gli 84 euro pattuiti, alla fine si erano abbassati ad una media di 76, per il meccanismo delle possibili decurtazioni legate alla qualit e ad altri parametri. La linea di Confagricoltura, che viene ribadita in ogni occasione di incontro con le Op, ed attorno alla quale si cerca di costruire un fronte quanto possibile vasto ed unitario, prevede proprio questo: riduzione delle superfici associata ad un adeguato aggiornamento del prezzo, ma anche chiarezza preventiva su quanto verr corrisposto ai coltivatori.

Mais, rese in calo in Italia e in Europa. Forte la concorrenza dellOgm


Come accade da molti anni a questa parte, la Camera di Commercio di Bergamo ha organizzato la Giornata del mais promossa dallassessorato allagricoltura della Regione Lombardia, con lintervento dellassessore Giuseppe Elias. E emerso che le rese del mais in Italia ed in Europa sono in calo, ad eccezione della Spagna, che sta puntando su coltivazioni ogm. Le tecniche di miglioramento genetico del mais, che avevano portato la Lombardia ai vertici del settore con rese tra le pi alte al mondo, si trovano ora a dover fare i conti con una tecnologia che, a livello mondiale, scommette sui semi ogm. Attualmente il 70 per cento del mais commercializzato al mondo ogm. La maiscoltura ha risentito delle condizioni climatiche, che nel 2012 hanno determinato una carenza idrica nei terreni, e delle infestazioni che hanno colpito le piante, riducendo rese e produzione per ettaro. Tutto ci ha portato anche ad un ulteriore calo del livello di auto-approvvigionamento che, da una condizione di autosufficienza, progressivamente sceso negli ultimi anni sotto la soglia dell80 per cento. Lassessore regionale Elias ha spiegato che necessario invertire la rotta e rilanciare lagricoltura lombarda e nazionale, partendo dalla coltivazione del mais, che la pi importante commodity agricola. La coltivazione del mais deve perci tornare ad essere strategica nelle politiche europee, chiamate ad incentivare la ricerca e dare efficienza alle aziende, favorendo ladozione di tecniche agronomiche innovative e sostenibili e costruendo dinamiche di filiera.

Metanodotti, accordo con Eni


La Libera Associazione Agricoltori Cremonesi, nellambito della propria attivit sindacale di tutela degli associati, aveva raggiunto alcuni anni or sono un importante accordo con Eni (ora Snam Rete Gas). Accordo relativo agli indennizzi spettanti agli agricoltori in seguito alla realizzazione di lavori di posa in opera di nuove linee di metanodotti, e anche per la successiva rimozione di quelli vecchi. Lo spirito era stato quello consueto di collaborazione con gli enti pubblici e privati per opere ed interventi di interesse pubblico, tutelando per il meglio i propri associati. Sono stati infatti stipulati accordi prevedenti opportuni indennizzi sia per la servit che si viene a creare a seguito di tali opere, sia in ordine ai lavori di messa in opera, che comportano tempi pi o meno lunghi e spesso la distruzione di colture in atto. Spiace dover constatare che non sempre i lavori vengono eseguiti a regola darte, secondo le segnalazioni degli agricoltori interessati, e con parecchie lamentele da parte degli stessi soprattutto perch i tempi di pagamento degli indennizzi si allungano ben oltre quelli pattuiti.

I MERCATI AGRICOLI - TABELLA AGGIORNATA A GIOVEDI 1 FEBBRAIO 2013


PRODOTTO
FRUMENTO tenero buono mercantile GRANOTURCO ibrido naz.14% um. SEMI di SOIA Nazionale ORZO naz. Peso spec. 55-60 peso spec. 66-68 CEREALI MINORI CRUSCA Alla rinfusa FIENO Maggengo Agostano PAGLIA press. (rotoballe)

UNITA DI MISURA
Tonn.

CREMONA
244-248

MILANO
n.q.

MANTOVA
n.q.

BOLOGNA (27 dicembre)


(fino) 263-266 buono m. n.q. 242-246 495-503 (p.spec. 62-64) n.q. (p.spec. 66-67) 258-260 Sorgo nazionale 263-267

PRODOTTO
VACCHE Frisone 1 qualit peso vivo VACCHE Frisone 2 qualit peso vivo VACCHE Frisone 3 qualit peso vivo MANZE SCOTTONE 24 mesi VITELLI BALIOTTI p.vivo (50-60kg ) frisona VITELLI BALIOTTI p.vivo (50-60 kg) pie blue belga

UNITA DI MISURA
kg. Kg. kg.

CREMONA
p.v. 1,06-1,24 p.m 2,40-2,70 pv 0,84-0,92 pm 2,00-2,15 pv 0,64-0,76 pm 1,65-1,85 pm 2,50-3,00

MONTICHIARI
1,05-1,25 0,75-0,85 0,50-0,60

MANTOVA
da macello 1,09-1,19 0,91-1,01 0,75-0,85

MODENA

Tonn. Tonn. Tonn.

232 -234 n.q. 225-229 231-236

246-247 510-513 n.q. 264-266

236-240 501-506 Fino a 65 249254 Fino a 70 255260

kg.

1,30-1,40

1,44-1,61

Vitelloni femm. da macello pez. nere (kg. 450-500) p.v. 1,481,63 pm 2,85-3,15 (45-55 kg) 0,75-1,35 (pregiate 70 kg) 3,56-4,50

Tonn.

Triticale 268-270 Sorgo 271-273 174176 n.q. loietto: n.q. n.q. 172173 141-151 145-150 80-92 in sacchi 205-208 Mag. 1 t. 140-145 Paglia di frum. casc. 45-50

kg. kg.

1,00-1,10

MONTICHIARI (1 q. 56/60 kg) 1,00-1,10 MONTICHIARI 3,85-4,00

(da 46 a 55 kg) 0,80-1,10 3,05-3,60

3,00-4,00

Tonn. Tonn.

169-170

PRODOTTO
BURRO pastorizzato

UNITA DI MISURA
kg.

CREMONA
2,95 (dolce) 5,05-5,20 (piccante) 5,25-5,50 6,85-7,20

MILANO
past. 2,60 centr. 3,30 5,05-5,20

MANTOVA
2,30

MODENA
Zangolato di creme X burrificaz. 2,00 -PARMIGIANO REGGIANO 12 mesi 8,60-8,90 PARMIGIANO REGGIANO fino a 24 m 10,70-11,10 PARMIG. REGG. 30 mesi e oltre 12,55-12,95

Tonn.

PRODOTTO
SUINI Lattonzoli locali SUINI Lattonzoli locali SUINI Lattonzoli locali SUINI Lattonzoli locali SUINI da macello SUINI da macello SUINI da macello

UNITA DI MISURA
15 kg

CREMONA
3,880

MILANO
3,900

MANTOVA
3,890

MODENA
3,890

PROVOLONE VALPADANA fino a 3 mesi PROVOLONE VALPADANA oltre 3 mesi GRANA scelto stag. 9 mesi GRANA scelto stag. 12-15 mesi

kg.

n.q. n.q.

kg.

5,25-5,50

25 kg 30 kg 40 kg 156 kg 176 kg

2,820 2,510 2,100 1,477 1,537

2,860 2,565 2,150 1,535 1,535

2,830 2,500 2,080 n.q. n.q.

2,810 2,530 2,100 (da 144 a 156 kg) 1,482 (da 156 a 176 kg) 1,537 (da 11,49480 kg) 1,521

kg.

6,80-7,25

6,85-7,05

kg.

8,00-8,25

8,00-9,00

8,05-8,25

Oltre 176 kg

1,507

1,510

n.q.

N.B. Le quotazioni del bestiame bovino e del foraggio sul mercato di Cremona avvengono il 1 e il 3 mercoled del mese. Le quotazioni del mercato di Milano avvengono, per la Granaria, il marted (comparto dei cereali e derivati). Per la zootecnia da latte si porta come riferimento anche Montichiari, che quota il venerd. Il mercato di Mantova avviene il gioved. Modena il luned. Il mercato di Bologna, che con la Granaria di Milano fa da riferimento per i cereali, quota il gioved. Tutti gli aggiornamenti della tabella mercati, insieme ai collegamenti alle principali borse, sono sul sito: www.cremona.coldiretti.it.

lo
La Juventus rischia molto a Verona
CALCIO

SPORT

Responsabile Fabio Varesi

LEGA PRO Il direttore tecnico alla presentazione: Possiamo ottenere risultati ragguardevoli
di Matteo Volpi AlbinoLeffe-Cuneo Cremonese-Carpi Lecce-Treviso Pavia-San Marino Portogruaro-Como Reggiana-Feralpi Sal SudTirol-Lumezzane Trapani-Virtus Entella Riposa: Tritium Trapani Lecce Carpi SudTirol Virtus Entella Pavia Lumezzane San Marino Cuneo Feralpi Sal Cremonese (-1) Como (-1) Portogruaro (-2) AlbinoLeffe (-6) Reggiana Tritium Treviso (-1) 35 34 31 30 30 29 29 28 24 24 22 20 20 20 19 9 8 offensive allarco di mister Scienza di certo non mancano, ma resta da vedere in che modo lallenatore decider di cambiare tattica per tornare a fare gol specia in una gara molto delicata come quella di domani contro la sorpresa Carpi guidata dallallenatore-rivelazione Daniele Tacchini. PROBABILE FORMAZIONE (4-3-1-2) Viotti; Sales, Moi, Tedeschi, Visconti; Baiocco, Buchel, Martina Rini; Caridi; Le Noci, Djuric. All.: Scienza.

Gigi Simoni carica la Cremonese


21 Giornata
Le Noci impegnato nella gara dandata (foto Ivano Frittoli)

SERIE A (3-2 h 15) Chievo-Juventus (h 12.30), Fiorentina-Parma, Genoa-Lazio, Milan-Udinese (h 20.45), Napoli-Catania, (2-2 h 20.45), Palermo-Atalanta, Pescara-Bologna, Roma-Cagliari (1-2 h 20.45), SienaInter, Torino-Sampdoria (2-2 h 18).

SERIE B (2-2 h 15) Ascoli-Virtus Lanciano (4-2 h 20.45), Brescia-Spezia, Cittadella-Crotone, GrossetoPadova, Livorno-Pro Vercelli, Novara-Cesena, RegginaVerona (1-2 h 20.45), Sassuolo-Empoli, Ternana-Bari, Varese-Modena, Vicenza-Juve Stabia.

n ritorno in grande stile, in stile Simoni per intenderci. Essere stato in serie A con la Cremonese stato meglio che allenare lInter, gli anni a Cremona sono stati meglio che essere in Coppa Campioni. Con queste parole, Gigi Simoni ha esordiato nella conferenza stampa ufficiale di presentazione tenutasi ieri pomeriggio presso la sede di via Persico. In un ambiente come questo si pu puntare a obiettivi importanti ha continuato lex allenatore grigiorosso, ora nuovo direttore tecnico - il mio pensiero quello di costruire e riuscire ad arrivare a dei risultati ragguardevoli. Il mio ruolo? Tutti, prima di agire, devono parlare con me: metter il massimo impegno. Parlando con Arvedi ho espresso la ferma volont di essere lunico e reale responsabile di tutta la parte sportiva. La squadra tecnicamente allaltezza, la societ solida e il centro di lavoro stupendo. Ringrazio tutti i tifosi per quello che hanno scritto in questi giorni, mi hanno emozionato. MERCATO Matteo Moment e Alex Pinardi per provare a offrire un po di pepe a ci che rimane di questa stagione. Questi gli ultimi due volti nuovi che il mercato di gennaio ha regalato ai tifosi grigiorossi. Due nomi conosciuti, sebbene di et e curriculum differente, dietro ai quali si celano speranze, ma anche qualche interrogativo. Matteo Moment, classe 87, ex promessa ai tempi delle giovanili dellInter, reduce da un lungo infortunio al ginocchio, in seguito al quale non riuscito ad ingranare con la maglia del Varese. Alex Pinardi, trequartista classe 1980 dal curriculum illustre, cresciuto nella fucina di talenti dellAtalanta e con una carriera che dal 1998 ad oggi lo ha visto collezionare 122 pre-

senze e 12 reti in serie A, 173 presenze e 36 gol in serie B, anchegli reduce da qualche guaio muscolare, potrebbe avere ancora la voglia di usare il cuore per la causa grigiorossa? A livello di ruoli, Moment senza dubbio una punta in grado di completare al meglio sia Djuric che i vari Le Noci, Carlini e Filippini, mentre Pinardi appare sostanzialmente un doppione di Caridi, ma la sua tecnica di base non si discute. Sta di fatto che ora le frecce

Dopo la positiva trasferta a Brescello, culminata con un pareggio a reti bianche che per la Casalese significa la prima gara senza reti subite da un mese a questa parte, i biancocelesti si preparano ad affrontare un tour de force decisivo per la salvezza. La prima fatica lo scontro casalingo di domani pomeriggio (ore 14.30 in Baslenga) contro la Medesanese, che in classifica ha otto punti in pi dei maggiorini. Memore del poker subto nella gara dandata, il team di mister Agazzi dovr garantire gli standard difensivi mostrati a Brescello, provando ad armare meglio le bocche da fuoco offensive, apparse sotto tono a gennaio: in tre partite, solo un gol allattivo, quello del momentaneo pareggio di Scordamaglia (nella foto) a Ciano dEnza, vanificato dal 2-1 reggiano. Mercoled, tre giorni dopo la gara con la Medesanese, i biancocelesti saranno in campo al Ferrari contro la Langhiranese, nel recupero della prima giornata di ritorno slittata per neve: uno scontro diretto a tutti gli effetti. CLASSIFICA (18 giornata) Castellana, Meletolese 36; Arcetana 34; Montecchio 31; Povigliese 29; Castelnovese 28; Medesanese 24; Brescello, Borgonovese Cadelbosco, Carignano 23; Falk 22; Ciano 21; Langhiranese, Traversetolo 18; Bobbiese, Fabbrico 17; Casalese 16. Simone Arrighi

La Casalese deve fare punti con la Medesanese


PROMOZIONE

ECCELLENZA Rivoltana col Base 96

Due pareggi dal sapore diverso. Quello del Crema contro il Real Milano (1-1) rappresenta unoccasione persa per i neroversi, che escono momenteaneamente dalla zona playoff. Inutile il gol di Dario Pelizzari, che ha illuso la squadra di Lucchetti, che domani impegnata sul campo del Ciserano, secondo in classifica. Un esame per misurare le reali ambizioni del Crema. Positivo invece il pirotenico 3-3 con il quale la Rivoltana (in gol Sala due volte e Divella) rimasta imbattuta a Cavenago. Una prova di orgoglio dei rivoltani, importante nella lotta alla salvezza, a patto che domani arrivi una vittoria contro il Base 96. CLASSIFICA (19 giornate) Giana 48; Ciserano* 43; Sancolombano 37; Cavenago 33; Trevigliese, Sondrio 32; Crema 31; Desio 26; Mariano, Base 96 25; Ardor Lazzate 24; Arcellasco, Rivoltana 19; Valle Brembana, Real Milano* 18; Zanconti 10; Giussano 7; Cant 2. (*una gara in pi)

Crema, duro esame contro il Ciserano

SERIE D Dopo limportante pari nel big-match con il Pontisola i gialloblu cercano la vetta
Siamo partiti col piede giusto, togliendo liniziativa ai nostri aversari. Poi dopo il nostro gol il rammarico di aver sprecato il pallone del 2- 0 e da l la partita cambiata e il nostro errore stato quello di aver concesso troppo campo al Pontisola, che ci ha messo un po in difficolt nella seconda parte di primo tempo, raggiungendo meritatamente il pari. Dobbiamo crescere nellessere pi concreti sotto porta: in un campionato difficilissimo, sono situazioni che contano molto nellarco delle partite. Questo stato il commento di mister Venturato al termine della gara di recupero tra Pontisola e Pergolettese finita 1-1, con reti di Martinelli per i gialloblu al 7 (sontuosa la sua partita) e pari del Pontisola con Crotti al 32. Sfida al vertice tra la prima e la seconda in classifica che ha richiamato un folto pubblico sugli spalti dello be le parti e il pari stato il risultato pi giusto, come hanno ribadito entrambi i trainer a fine match. Dopo la vittoria di domenica scorsa al Voltini per 3-1 contro il Sant'Angelo e il pari col Pontisola, la Pergolettese impegnata domani a Darfo Boario contro la temibile formazione bresciana, che dopo il cambio in panchina tra Nember e Melosi, sta vivendo un ottimo momento di forma. Ormai una costante per noi andare ad affrontare squadre nel loro momento migliore, ma i ragazzi sono pronti e preparati per continuare lottare fino alla fine della stagione, ha affermato Venturato. Da segnalare nel Darfo Boario (reduce dallamichevole con il Milan di Balotelli) la presenza di un ex gialloblu Lorenzo Mucchetti, che dopo aver lasciato Montichiari, approdato a stagione in corso nelle file neroverdi. La Pergolettese, invece, do-

La Pergolettese cerca gloria e punti a Darfo


Zanola in azione a Pontisola

Classifica

stadio di Ponte San Pietro, nonostante la giornata infrasettimanale, con ottima affluenza anche da parte cremasca. Una partita temuta alla vigilia, che ha messo di fronte il migliore attacco del campionato con 52 reti allattivo e la migliore difesa (quella gialloblu) con solo 20 reti subite. E stato un incontro giocato con molta intensit da entram-

vr fare a meno di capitan Scietti, squalificato dal giudice sportivo per aver raggiunto la quarta ammonizione. Al suo posto dovrebbe giocare il rientrante Zoppetti, mentre De Matteo alle prese con un problema al menisco ed in attesa di sapere se verr operato. Ad inizio settimana, infine, la societ ha comunicato lingaggio del difensore Michele Lorusso proveniente dalla primavera del Bari, citt dove nato il 22 luglio 1994. Una pedina utile a Venturato per completare lorganico. CLASSIFICA (24 giornata) Pontisola 50; Pergolettese 49; Caronnese 45; Voghera 44; Olginatese 42; Lecco 39; Castellana 38; Montichiari 34; MapelloBonate 33; A. Seriate, Alzano Cene, Caravaggio 31; Seregno, Darfo Boario (-1) 30; Fersina P. 26; St. Georgen, Pro Sesto 24; Mezzocorona 14; SantAngelo, Trento 13 (-1).

Sport
BASKET A2
Anche il derby del girone dandata stato vinto dalla Tec-Mar Crema, che tornata al successo dopo due ko di fila. Ma lAssi Manzi ha dato filo da torcere alle pi quotate avversarie, a conferma della crescita del gruppo allenato Anilonti. Dopo il turno infrasettimanale, nel week end si torna sul parquet, con lAssi Manzi impegnata a Marghera (stasera alle 21), mentre nel pomeriggio la Tec-Mar Crema prover a sbancare

Sabato 2 Febbraio 2013

Cagliari contro una Virtus in ripresa e tornata in corsa per la salvezza. ASSI MANZI - TEC-MAR 51-57 (19-15, 30-29; 38-42) ASSI MANZI CREMONA: Smaldone (0/4, 0/1), Rizzi ne, Racchetti 10 (4/7, 0/4), Flauret ne, Colico 6 (3/6, 0/2), Francesca Conti 6 (3/5 da due), Brusadin 8 (4/6, 0/1),

Crema vince il derby con lAssi e torna a sorridere


Maffenini 14 (5/18, 1/4), Zagni 4 (1/5 da due), Bona 3 (0/7, 1/1). All.: Anilonti. TEC-MAR CREMA: Camilla Conti 2 (1/4, 0/1), Biasini 3 (1/1 da due), Capoferri 8 (2/4, 0/1), Sforza (0/1 da tre), Caccialanza 5 (1/2, 1/4), Losi 19 (6/12, 2/7), Cerri 8 (4/8 da due), Gibertini 3 (1/6 da due), Rizzi 5 (2/4 da due), Picotti 4

25

(2/6, 0/1). All.: Giroldi. ARBITRI: Rossetti e Balzarini. CLASSIFICA (18 giornata) Venezia 34; San Martino di Lupari 30; Milano 28; Tec-Mar Crema 24; Udine 22; Marghera 20; Broni, Alghero 18; San Salvatore, Muggia 14; Valmadrera 12; Assi Manzi Cremona, Virtus Cagliari 8; Biassono 2.

La formazione di Bucchi una delle sorprese di questo campionato e per batterla servir una grande prestazione

LEGA A Dopo lincredibile sconfitta con Casera, i biancoblu cercano di rifarsi con i pugliesi
di Giovanni Zagni

La Vanoli vuole fare un Brindisi


Bologna-Montegranaro Cant-Sassari Caserta-Biella Cremona-Brindisi Milano-Avellino Reggio Emilia-Roma Siena-Varese Venezia-Pesaro Varese Sassari Siena Roma Cant Milano Venezia Brindisi Reggio Emilia Caserta Bologna Cremona Montegranaro Pesaro Avellino Biella 30 28 24 24 22 20 18 18 16 16 12 12 10 8 8 6 e potendo giostrare praticamente con soli 6 uomini e cio Gibson, Reynolds, Robinson, Simmons, Fultz e Zerini. Pochi ma buoni si dir ed stato proprio cos, con i senesi anchessi in difficolt causa lassenza di Ress, sinora il pi continuo sia in campionato che in coppa, lui pure infortunato. Ma indubbiamente la determinazione e la lucidit offensiva dellEnel ha fatto sensazione. Un complesso quello brindisino in grande condizione psicofisica che gioca basket con pochi fronzoli e tanta sostanza, sostenuto per 40 da un pubblico strepitoso per entusiasmo ed attaccamento alla squadra, che non dimentichiamolo era partita per salvar-

na Vanoli non brillantissima, ha dunque ceduto a Caserta (con un punto di scarto 73-74), avversaria discreta, ma certamente alla portata dei biancoblu di Gresta. Purtroppo alcuni tra gli interpreti principali del copione cremonese non sono stati allaltezza delle loro migliori prestazioni e come non mai (ultimo quarto in particolare) si sentita la mancanza di un uomo come Vitali, capace di farsi valere anche per centimetri in difesa e cos si sono concessi troppi rimbalzi ad un avversario che pareva essere in caduta libera, avendo uno svantaggio intorno ai 10 punti. La frittata poi si completata con lincredibile errore di Peric, che ha fallito la schiacciata decisiva a un secondo dalla sirena. Errore tattico poi stato quello di non far fallo quando non ancora in bonus si concesso il facile appoggio a canestro ad Akindele, per il sorpasso. Tante concause per una sconfitta che poteva essere evitata nonostante, ripetiamo, una prestazione globale non eccelsa con i soli Kotti, Johnson, Jackson e Peric nellordine, a meritare la sufficienza piena. Il nuovo arrivato Chase, che era stato determinante a Bologna la settimana prima, non ne ha indovinata una. Peccato, ma si rifar perch ha mostrato

di avere gli attributi giusti per far bene in futuro. Cos archiviamo la parziale delusione ed andiamo a vedere il prossimo avversario: quellEnel Brindisi che s presa il lusso di battere senza discussioni la Montepaschi Siena (94-84). I brindisini di Bucchi erano pure in emergenza, avendo Viggiano in tribuna per infortunio

BOCCE

Nuovo successo nella categoria A dalla Vis Trescore dopo len plein nella specialit terna

Classifica

18 Giornata

Stipanovic in azione contro Caserta (foto Castellani)

si e non godeva di grande credibilit, mentre ora viaggia con tranquillit oltre la met classifica e si permette di fare lo sgambetto anche alle grandissime del campionato. Cosa dovr fare la Vanoli per fermare la furia pugliese? A nostro avviso dovr sfoderare una prova maiuscola sia in attacco che in difesa, pronta a colpire ed a chiudersi poi, per spezzare le iniziative ficcanti degli ospiti, tirando fuori il meglio dai singoli al servizio della squadra intesa come entit tecnica. Non sar facile e sar indispensabile laiuto del pubblico, che avr di fronte quello avversario, che di norma segue la squadra in gran numero anche nelle trasferte pi lunghe. Se si riesce a prendere i due punti domani (alle 18.15 al PalaRadi) si far un passo forse decisivo verso la salvezza. Forza ragazzi! VANOLI CREMONA: 4 Hrvoje Peric, 9 Stefano Fontana, 11 Tuukka Kotti, 13 Jarrius Jackson, 14 Francesco Belloni, 19 Brian Chase, 20 Fabio Ruini, 21 Aaron Johnson, 22 Lance Harris, 25 Andrea Conti, 31 Andrija Stipanovic. 33 Roberto Cazzaniga. All.: Gresta. ENEL BRINDISI: 4 Jeff Viggiano, 6 Antywane Robinson, 7 Scottie Reynolds, 9 Matteo Formenti, 12 Robert Fultz, 13 Klaudio Ndoja, 14 Cedric Simmons, 16 Alessandro Porfido, 19 Andrea Zerini, 22 Jonathan Gibson, 35 Elio Preite, 45 Jerai Grant. All.: Bucchi.

Dopo Casirate dAdda toccato alle corsie del bocciodromo comunale di via Indipendenza ospitare la seconda fase del campionato provinciale cremasco. Nella categoria A show di unincontentabile bocciofila Vis Trescore che, dopo len plein nella specialit terna, conquista un altro titolo con linstancabile Alberto Pedrignani che in semifinale superava Giovanni Moretti (12-10) ed in finale simponeva sul compagno di societ Gianni Venturelli per 12-4. Quarto posto per Stefano Guerrini che ha preceduto Gianfranco Vassalli. Exploit di Riccardo Podenzana, vincitore nella categoria B al termine di una marcia irresistibile. Loffanenghese si sba-

Provinciali cremaschi, altro show di Pedrignani Corbari e Pedretti sul podio


Mario Lotti. Quarto posto per Antonio Bruni sconfitto nettamente (2-12) dal pieranichese. Ancora la bocciofila Oratorio Pianengo in evidenza nella categoria C e secondo titolo provinciale (dopo quello in terna!) per Luigi Mussi che in coppia con Fiorenzo Massi si aggiudicava la terzina finale imponendosi prima su Imberti-Branchi (12-9) e poi sui castelnuovesi RossettiPizzetti per 12-5. Infine, nella categoria D brillante vittoria degli scannabuesi Pietro Angelo Erba, Alviero Patrini, e Tiziano Mandotti che in finale superavano Bosio-Delfini-Tensini. Ha diretto la gara Francesco Lanzi, arbitri di finale Alessandro Morena e Mario Parati. Massimo Malfatto

I portacolori dellAstra si sono piazzati al terzo posto a Pontenure

Da sinistra Pedrignani e Podenzana

razzava del bagnolese Franco Freri (12-2) e con lidentico punteggio aveva la meglio nel match decisivo di

Poche gare nel nostro calendario, bocciofili cremonesi che prediligono spostarsi sulle corsie piacentine dove pu anche succedere di ottenere qualche discreto risultato. E il caso di Giuseppe Corbari e Bobo Pedretti che venerd scorso hanno conquistato un buon terzo posto nel 2 Gp Bar Bocciodromo, una gara regionale organizzata dalla bocciofila Omi di Pontenure. Dopo aver superato CelettiCraviari (12-9), i portacolori dellAstra eliminavano nei quarti di finale i compagni di societ Paolo Visconti e Giovanni Rossi (12-4), ma in semifinale venivano superati (5-12) dai reggiani Gennaro Iannotta e Marco Giavelli, che poi avrebbero vinto la gara battendo nel match decisivo Paganuzzi e Zilocchi. Tra i sedici finalisti un sorriso anche per i bissolatini Pettinari-Piazza, per gli stradivarianiForoni-Fornasari e per i cremaschi Guerrini e Zagheno. Ha diretto la gara il piacentino Gianluca Giulivi. Frattanto questa sera sulle corsie del bocciodromo di via Castelleone, con inizio alle ore 17.30, si concluder la gara organizzata dalla bocciofila Signorini. M.M.

26

Sabato 2 Febbraio 2013

Sport

16 Giornata

rchiviata la parentesi di Coppa Italia, con la qualificazione alle semifinali ai danni del Bisonte San Casciano, la Pom tornata a sudare in palestra in vista della ripresa del campionato che le propone la trasferta sul campo della Puntotel Sala Consilina. La settimana agonistica alle spalle, con tre impegni concentrati in pochi giorni, ha consigliato il tecnico Gianfranco Milano di regalare alle sue ragazze un giorno in pi di riposo e, a giudicare dallintensit dimostrata nella seduta tecnica di mercoled, pare di poter dire che la scelta del tecnico si sia rivelata azzeccata. Ancora ai margini della seduta la centrale Serena Malvestito, arrivata in squadra da due settimana, ma gi alle prese con in inconvenienti fisici. Durante uno dei primi allenamenti, lex centrale di Bologna ha rimediato una pallonata in fronte in azione di muro e linconveniente le ha procurato un colpo di frusta. La situazione comunque in via di miglioramento, ma questo non fa che confermare il periodo nero delle centrali in casa rosa, che ha colpito prima Nardini, quindi Olivotto ed ora Malvestito, giunta proprio per tamponare il vuoto lasciato dallo stop della trentina. La squadra ha sempre fatto

Pom, attenzione al Sala Consilina


Fontanellato-Soverato Frosinone-Montichiari Mazzano-Cadelbosco Marsala-Pavia Ornavasso-San Vito Sala Consilina-Casalmaggiore San Casciano-Novara Novara Pom Casalmaggiore Ornavasso Frosinone Pavia Mazzano Soverato Montichiari Sala Consilina San Casciano Cadelbosco Fontanellato San Vito Marsala 39 37 36 27 24 22 22 21 20 19 18 15 8 7

VOLLEY A2 Dopo i successi in Coppa Italia le casalasche sono attese da una trasferta sulla carta pericolosa

Valentina Zago, mvp in Coppa Italia

Reduce dal successo con il Cittadella (74-65), che le ha permesso di conservare il secondo posto in classifica, lMgK Vis Piadena impegnata domani a Bernareggio contro una squadra pericolosa sul proprio campo. Un nuovo banco di prova per i piadenesi, fino ad ora protagonisti di una super stagione. Tempi duri, invece, per lErogasmet Crema, piegata anche a San Bonifacio (71-63) al termine di una prestazione non certo esaltante. Perso anche il quarto posto, i cremaschi sono obbligati a rifarsi a Lissone (stasera alle 21), per sfatare il tab trasferta e soprattutto per riguadagnare le posizioni che contano in classifica. CLASSIFICA (15 giornata) Montichiari 26; MgK Vis Piadena, Orzinuovi 22; San Bonifacio 20; Erogasmet Crema, Lissone 18; Milanotre Basiglio, Cant 16; Pisogne 14; Bernareggio 12; Bergamo, Cittadella 10; Bancole 4; Arzignano 0. insomma, da prendere con le pinze, da rispettare a 360 gradi. COPPA ITALIA Frosinone-Novara e Ornavasso-Pom Casalmaggiore sono dunque le due semifinali di Coppa Italia, che vedono impegnate le prime quattro in classifica. Le gare dandata si giocheranno il 13 febbraio alle 20.30, mentre il ritorno in programma il 20 frebbraio (sempre alle 20.30) a campi invertiti.

Basket Dnc, per Crema match delicato a Lissone


NEWS

Classifica

buon viso a cattiva sorte e continuer a farlo anche nel prosieguo del campionato con un secondo posto in classifica, considerate le vicissitudini dovute agli infortuni (non vanno dimenticati a tale proposito i risentimenti muscolari accusati da Valentina Zago per tutto il girone di andata), rappresentano sinora un risultato di tutto rispetto. Per difendere tale posizione, considerato che Ornavasso

dista un solo punto e continua a non perdere colpi, domenica in suolo campano al cospetto della formazione dellex Chiara Masotti, la Pom sar chiamata ad unaltra grande prova. La Puntotel, ma questo non lo si scopre certo ora, abituata a sfoderare sul proprio campo ottime prestazioni, la riprova la maratona alla quale costrinse nel girone di andata la capolista Novara. Il classico avversario,

VOLLEY B1

Mercoled sera la Reima Crema ha disputato un incontro amichevole contro il Costa Volpino, formazione bergamasca che milita nel campionato di B2, in preparazione della prima giornata di campionato prevista per soggi pomeriggio ad Iglesias. Il risultato finale di 4-1 ha premiato i blues di Marco Gazzotti (nella foto), che ha schierato in avvio Mazzonelli e Corti in diagonale, Egeste e Faccioli al centro, in posto 4 Bigarelli e Bonizzoni e Zoadelli libero. Il primo parziale stato sostanzialmente equilibrato, ma Crema ha sempre tenuto in mano le redini del gioco sino al 23-21. Un break di quattro a

Reima obbligata a vincere oggi a Iglesias


zero ha permesso agli ospiti di concludere 23-25. Nel secondo set, Gazzotti ha gettato nella mischia Binaghi e Verdelli e il Costa Volpino ha sfruttato al meglio alcuni errori in ricezione dei locali, ma Corti ed Egeste hanno griffato gli attacchi del 25-21. Il terzo set ha visto la Reima partire a vele spiegate (13-6), ma alcune incertezze hanno rimesso in corsa gli orobici (16-14). Alla fine Crema fa ha fatto valere il proprio muro, arrivando a concludere 25-19. Nella quarta frazione dentro Marazzi e Silva per Faccioli e Bonizzoni, la manovra cremasca divenuta pi fluida e veloce. Spazio anche a Mario Morelli per Corti, che ha mostrato alcuni numeri a rete molto interessanti e Sarubbi per Mazzonelli. Lultimo set si chiuso 25-20 a favore dei blues. Buon test in vista della delicata trasferta a Iglesias, prima gara del girone di ritorno, scontro diretto nel quale i blues sono obbligati a vincere per abbandonare lultimo posto in classifica e proseguire vesros il traguardo della salvezza. CLASSIFICA (13 giornata) Cant 32; Bergamo 28; Genova 25; Milano 24; Asti 23; S. Antioco 22; Cagliari 21; Mondov 18; Iglesias, Olbia, Brugherio, Brescia 15; Reima Crema, Cisano Bergamasco 10.

Il big match della giornata di recupero giocatosi a Crema non ha tradito le attese ed il Videoton ha risposto presente, battendo 3-0 il blasonatissimo Pavia di Faccioli e soci. Le premesse della vigilia facevano presagire un incontro di altissimo livello tra la seconda e la terza della classe, distanziate di un solo punto, con la migliore difesa del torneo, quella cremasca e lattacco atomico guidato dal bomber Mario Milito, rimasto per a secco nel tempio del futsal cremasco grazie ad una prestazione eccezionale del reparto difensivo guidato dallestremo difensore Alex Sardi. Con questo ennesimo successo

Futsal, il Videoton batte anche il Pavia

casalingo, la matricola cremasca mantiene la seconda piazza restando in scia della capolista Saints Pagnano e allungano ulteriormente proprio sul Pavia.

Archiviata la brutta prestazione di Codogno, il Cremona Rugby cerca di riscattarsi domani pomeriggio contro la capolista Caimani del Secchia. Nello stesso girone, dopo lautoritario successo sullOrobic (28-10), il Crema Rugby impegnato domani (ore 12) nel primo dei tanti recuperi in casa con il Lodi. Casalmaggiore, infine, dopo lexploit di Asola, torner in campo il 10 febbraio contro il Dalmine.

Rugby, Cremona sfida la capolista Caimani

PALLANUOTO
La rosa della Bissolati

Gioved c stata la presentazione ufficiale della squadra che affronter il campionato di serie C della Canottieri Bissolati. La squadra biancoazzurra, questanno come non mai made in Cremona, pronta a battersi strenuamente per rimanere agganciata alla categoria, conquistando una difficile salvezza, base di partenza per il nuovo ciclo della pallanuoto cremonese iniziato questanno con larrivo in societ del direttore tecnico Stefano Manfredi Uberti, che ha dichiarato: Una sfida sportiva difficile, ma supportata

La Bissolati pronta alla sfida per la salvezza


da una politica societaria basata su un progetto pluriennale, che porter i nostri giovani atleti allesordio nella prima squadra. Una scelta sicuramente coraggiosa che, negli anni, frutter al sodalizio di via Riglio la creazione di un settore pallanuoto con fondamenta solide ed unampia partecipazione di base. Noi siamo pronti ad affrontare questa sfida, con coraggio, cuore e passione. Lo staff tecnico sta lavorando ad ampio raggio, per trasmettere competenze tecniche curando laspetto culturale e storico al fine

di trasferire ai ragazzi lamore verso questa disciplina, che richiede abnegazione e grande spirito di sacrificio. Per realizzare tutto ci abbiamo bisogno di tutti. Noi impiegheremo tutte le nostre energie affinch il nuovo corso biancoazzurro abbia un futuro roseo. Dovremo superare momenti difficili, ma siamo pronti anche a questo. In fondo il bello dello sport affrontare le grandi sfide e, alla fine, vince chi non si arrende mai. E noi non ci arrenderemo! Mai. Gabriele Marca

CICLISMO

Ci hanno tolto il gusto di credere sul dossier dellamericano Lance Armstrong. Confessione molto deludente, studiata per laudience che la tv americana si aspettava. La completa verit, se davvero vuole diventare credibile, ha una sola strada: dire tutto e per essere pentito deve fare i nomi, perch non si possono vincere sette Tour senza doping, ma pi difficile riuscirci senza qualcuno che ti protegge. Tutto il mondo si aspettava botti cosmici, invece la confessione ci ha tolto il gusto di credere nel campione. La grande trib della gente normale non potr mai perdonagliela. Siamo come bambini: se ci tolgono il giocattolo, ci sentiamo

Impossibile perdonare il campione Armstrong

Lance Armstrong

traditi. Non giochiamo pi. Noi vogliamo i campioni con laureola, quelli che stanno sulla nuvola e nessuno potr mai intaccare. La parola campione ha un valore superiore ha qualunque altro. Il

campione non pu essere un vetro che si rompe, un cristallo che si spacca. Deve restare intatto, intonso, il godimento dellanima. Perch ad ogni campione, tifosi, suiveur, giornalisti, spettatori, regaliamo unanima. Ecco perch a tutti si perdona, ad un campione molto meno. Armstrong ha confessato quello che tutti sapevano gi, senza aggiungere una virgola, ha provato a far credere di aver fatto tutto da solo, come se il pi sofisticato sistema del doping di squadra scoperto dallUsada si potesse reggere semplicemente sulla fenomenale abilit del campione nel dribblare i controlli. Peccato... Fortunato Chiodo

Ricette

Sabato 2 Febbraio 2013

Gnocchi di zucca con speck e fonduta di formaggio


INGREDIENTI PER 4 PERSONE 500 g di gnocchi di zucca Olio extravergine di oliva 130 g di parmigiano grattugiato 250 ml di panna fresca 50 ml di latte 100 g di speck Pepe nero in grani PREPARAZIONE
Tagliate lo speck a striscioline e fatelo rosolare in una padella antiaderente con poco olio extravergine di oliva. Una volta pronto, traferite in un piatto e conservate da parte. Nella stessa padella, versate il parmigiano grattugiato, la panna e il latte. Fate cuocere su fuoco dolce mescolando costantemente fino a far fondere il parmigiano e far ritirare leggermente la salsa. Nel frattempo cuocete gli gnocchi in abbondante acqua salata e scolateli non appena vengono a galla. Conditeli con la fonduta di parmigiano e lo speck croccante, quindi spolverate con pepe nero macinato al momento.

Speciale Carnevale
INGREDIENTI
250 g di farina "00" 100 g di zucchero 2 cucchiai di olio di oliva La scorza di un'arancia 100 ml di liquore tipo mandarinetto 2 uova Un pizzico di sale Olio di semi Zucchero a velo

27

Chiacchiere

PREPARAZIONE
Disponete la farina a fontana, su una spianatoia. Al centro mettete lo zucchero, un pizzico di sale, l'olio di oliva, la scorza d'arancia, il liquore e le uova. Lavorate il tutto con le mani fino a ottenere una pasta morbida ma compatta. Copritela con un canovaccio e lasciatela riposare per 30 minuti. Trascorso il tempo necessario, stendetela in una sfoglia con uno spessore di mezzo cm. Ritagliate dei rombi con due tagli al centro, quindi incrociate le due estremit al suo interno, ricavando la tradizionale forma delle chiacchiere. Fate friggere in abbondante olio caldo e scolatele su carta assorbente. Quando saranno fredde cospargetele di zucchero a velo.

Ravioli con salsa di noci e brandy

INGREDIENTI PER 4 PERSONE


500 g di ravioli ripieni di ricotta e spinaci 250 ml di panna 70 g di noci sgusciate Brandy 1/2 Cipolla

Frittelle
500 g di farina 4 uova 150 g di zucchero 2 bicchieri di latte Una bustina di lievito Zucchero a velo Una scorza di limone grattuggiata Olio per friggere Sale

PREPARAZIONE
Tritate finemente una cipolla e lasciatela appassire in padella con lolio. Tritate le noci e aggiungetele alla cipolla, facendole tostare. Sfumate con il brandy, mescolando spesso. Infine aggiungete la panna e fate restringere il sugo. Nel frattempo fate cuocere i ravioli in abbondante acqua bollente e salata. Scolate i ravioli e spadellateli insieme al condimento.

PREPARAZIONE Lavorate le uova con lo zucchero fino ad ottenere una crema Aggiungete la scorza di limone grattugiata, un pizzico di sale, la farina e il latte. Mescolate bene e, quando il composto omogeneo, aggiungete il lievito. Formate delle palline del diametro di circa 2 centimetri con un cucchiaio e gettatele nell'olio bollente. Quando sono cotte mettetele ad asciugare su di un piatto con carta assorbente e servitele spolverizzandole con lo zucchero a velo.