Sei sulla pagina 1di 2

Terna: Addio ai vecchi tralicci, lalta tensione va sottoterra.

Aperto il nuovo cantiere per la nuova stazione elettrica Politecnico a Torino


Al via i lavori in via Spalato a Torino, per realizzare la nuova stazione elettrica Politecnico di Terna. Un connubio tra estetica, rispetto per lambiente e la salute, per un investimento complessivo di 170 milioni. La nuova stazione consentir il transito e lo scambio di energia collegando le dorsali in cavo che alimentano il capoluogo con una serie di benefici, in termini di sicurezza ed efficienza, per il sistema elettrico. La struttura progettata per ridurre al minimo limpatto visivo e linquinamento acustico e ambientale.

Ambiente, salute. E perch no, estetica. Tre priorit che valgono un investimento complessivo di 170 milioni. A Torino c un nuovo cantiere: sono partiti i lavori per realizzare la stazione elettrica Politecnico di Terna, societ presieduta da Luigi Roth e guidata da Flavio Cattaneo. Obiettivo della struttura, illustrata nel rendering e completata allinizio del prossimo anno, sar consentire il transito e lo scambio di energia collegando le dorsali in cavo che alimentano il capoluogo con una serie di benefici, in termini di sicurezza ed efficienza, per il sistema elettrico. Ma conviene precisare che la stazione, collocata allintersezione tra via Spalato e via DAnnunzio, rappresenta il tassello importante di un piano pi ambizioso, frutto dellaccordo siglato dalla Regione e da Terna nel 2008: il riassetto della rete, a tratti obsoleta, tramite linterramento dei cavi ad alta tensione. Significa molte cose: maggiore sicurezza, certo. Ma anche la scomparsa dei tralicci, o la loro sostituzione con quelli di nuova generazione, seguita dalle ricadute del caso in termini di impatto ambientale. Nei mesi scorsi Terna, guidata da Flavio Cattaneo, ha concluso la prima tranche di lavori nel quadrante occidentale con cinque collegamenti interrati - Salvemini-Torino Ovest; Sangone-Salvemini; Grugliasco-Gerbido; GerbidoSalvemini; Sangone-Torino Sud - e quattro nuove stazioni elettriche: Salvemini, Grugliasco, Gerbido, Pellerina. Pochi giorni fa ha ottenuto il

via libera dal Ministero dello Sviluppo Economico per i nuovi cavi interrati Martinetto-Levanna e Politecnico-Torino Sud. A fine interventi, spiegano dallazienda, saranno 20 le opere realizzate (cinque stazioni elettriche e 15 collegamenti in cavo interrato) e 58 i chilometri di vecchi elettrodotti aerei dismessi a fronte della costruzione di appena sette chilometri di nuove linee aeree ad alta tecnologia, basso impatto ambientale e cromatismi compatibili con il paesaggio. Ulteriori benefici ambientali rimandano al riutilizzo dei vecchi tracciati, pari al 65%, alla minimizzazione dellapertura dei cantieri e alla minimizzazione degli impatti paesaggistici, concordata con gli enti di riferimento. Una svolta che nasce dallesigenza di ammodernare la rete, risalente agli Anni 50, e garantire la tenuta delle potenze in transito - anche nellottica dellaumento dei carichi in citt - evitando congestioni in una delle aree che, va da s, tra le pi importanti del Piemonte. La stazione in costruzione, 650 metri quadrati, sar articolata in tre volumi: il primo, il pi grande, ospiter le apparecchiature ad alta tensione; il secondo, parallelo al primo, costituisce una manica di servizio, mentre il terzo ospiter la sala quadri, i servizi ausiliari e quelli logistici. Sar poi realizzata una cabina prefabbricata per la societ distributrice per lalimentazione in media tensione dei servizi ausiliari. Non ultimo: la struttura progettata per ridurre al minimo limpatto visivo e linquinamento acustico e ambientale: le apparecchiature, racchiuse nelledificio principale, non saranno visibili dallesterno; data lassenza di turbine e macchinari non verranno emessi fumi, odori o rumori. Il progetto frutto di un accordo con le istituzioni locali, in particolare Palazzo civico. Nelloccasione, Terna ha versato, tra laltro, 30 mila euro alla terza circoscrizione per la realizzazione di una nuova area cani al posto di quella che sorgeva nella zona. FONTE: La Stampa