Sei sulla pagina 1di 6

angel.murasakiweb.

net

STORIE HORROR

Un elenco di tematiche, sviluppi, situazioni o ambientazioni che ricorrono spesso nelle storie dellorrore.
1. Non come sembra: solitamente il protagonista vede qualcosa o conosce qualcuno, apparentemente innocuo ma inquietante, che alla fine si rivela essere la causa dellorrore, il mostro, il fantasma o lassassino che lo uccider. 2. Orrore inconsapevole: Il protagonista il fautore stesso dellorrore, convinto di stare facendo unazione completamente innocua, o di star combattendo un mostro, quando in realt dallaltra parte si rivela esserci una vittima che subir unorribile morte/incidente. 3. Patto col diavolo: il protagonista fa un patto con il diavolo o una creatura simile (a volte anche inconsapevolmente) e alla fine ogni cosa gli si ritorce contro e perde la vita/la sua anima. 4. Sono vivo: molto spesso si tratta di fantasmi, a volte anche di zombie, la vittima crede di essere ancora viva e torna a compiere azioni quotidiane, oppure interviene per salvare qualcuno o per lasciare un ultimo messaggio, ma alla fine si scopre che in realt era gi morto al momento in cui la vicenda accaduta. 5. Vendetta: pu essere uno spirito o un essere vivente, qualcuno che cova rancore e che attua un piano per vendicarsi dellignara vittima di turno. 6. Questioni in sospeso: variante delle due precedenti si verifica quando una vittima (di solito fantasma) permane in un
1

angel.murasakiweb.net

dato luogo per risolvere questioni che non ha saputo concludere in vita. 7. Incontri in vicoli bui: situazione tipo in cui un personaggio si perde per strada (in citt o in campagna) e incontra un losco figuro o una creatura mostruosa, il resto vien da s. 8. Mutilazioni notturne: il protagonista si sveglia e scopre che durante la notte gli sono successe cose strane, impensabili e dolorose come tagli o graffi e si ritrova sfigurato o mutilato. 9. Video o immagini maledetti: si tratta di solito di un video, un disco, una videocassetta, una canzone o una fotografia che porta una maledizione a chi la guarda/ascolta (suicidio, morte violenta, pazzia). 10. Lo stalker: il protagonista perseguitato da un mostro o creatura soprannaturale che lo segue ovunque con lintento di ucciderlo o semplicemente di renderlo pazzo (una variante la creatura nel buio). 11. La creatura nel buio: di solito succede quando il protagonista spegne la luce e va a dormire e c una presenza inquietante nella sua stanza che gli sussurra qualcosa, o semplicemente lo fissa, o lo uccide. 12. Leggende metropolitane: sono tutto un insieme di storie che si rifanno a episodi di vita reale e che circolano in rete come se fossero storie vere, di solito hanno a che fare con azioni quotidiane che si trasformano in qualcosa di mostruoso (nello specifico incidenti domestici particolarmente cruenti).

angel.murasakiweb.net

13. Evocazione: solitamente avviene in seguito a una seduta spiritica, o attraverso un particolare rituale che evoca uno spirito o una creatura maligna che poi perseguiter il protagonista. 14. Una chiamata da lontano: pu essere un messaggio lasciato in segreteria o una telefonata diretta dal contenuto alquanto inquietante. Di solito viene dal futuro o dal mondo dei morti e preannuncia eventi poco piacevoli. 15. Accettazione: limpossibilit del protagonista di accettare un evento traumatico, che di solito implica la morte di una persona cara, lo porta a continuare la sua vita normale come se quella persona fosse ancora in vita, a volte solo unallucinazione, a volte uno spettro che torna a fargli visita, altre volte meno fortunate uno zombie o un cadavere in putrefazione. 16. Collezionismo: di solito il protagonista uno psicopatico che ama collezionare le cose pi macabre, tra cui organi umani o i cadaveri delle sue vittime che cerca di trasformare in bambole o soprammobili. 17. Allo specchio: ci sono varie storie sugli specchi, in alcuni casi danno su altri mondi, in altri semplicemente limmagine riflessa prende vita e fa compiere azioni terribili al protagonista, altre volte il protagonista stesso a essere limmagine riflessa. 18. Facciamo un gioco: di solito si tratta di storie brevi destinate a coinvolgere direttamente il lettore, a volte si chiede di fare qualcosa o pronunciare una frase, a volte li si avverte di un qualche pericolo che incombe su di loro, a volte il semplice fatto di aver letto la storia significa che gi troppo tardi. 19. La registrazione: a volte avviene casualmente, a volte intenzionale, il protagonista registra dei suoni in una determinata
3

angel.murasakiweb.net

stanza o ambiente oppure fa un video o scatta delle fotografie e una volta riascoltati o riguardati nota il manifestarsi di qualcosa di inquietante o soprannaturale. 20. Non aprite quella porta: c sempre un luogo, una casa, unattrazione turistica, una caverna in cui altamente sconsigliato entrare. Chi ci entra pu trovare un po di tutto, peggio per lui. 21. Incidente: uno scherzo o un gioco, o una pura casualit si trasformano in un incidente mortale. 22. Qualcosa andato storto: un esperimento, che pu essere mistico o scientifico, non va come previsto, il risultato spesso il ritrovarsi ad avere a che fare con una creatura mostruosa e aberrante. 23. Eredit scomoda: il protagonista trova o riceve in eredit un oggetto (a volte anche un organo) che conserva la memoria del precedente possessore, spesso morto di morte violenta. Inutile dire che le visioni di quella morte lo perseguiteranno e forse anche di pi. 24. Il doppio: solitamente si tratta di un fratello, un sosia o un gemello cattivo, oppure una manifestazione della personalit del protagonista che portata a compiere atti violenti ed efferati. 25. Visita inaspettata: il protagonista solo in casa ma il manifestarsi di rumori e altri eventi insoliti (ad esempio una telefonata che poi risulta venire dallinterno dellabitazione) gli fa realizzare che in casa c qualcun altro. Umano o sovrumano. 26. Linquilino misterioso: in una casa qualunque di una famiglia qualunque si cela un segreto, si tratta di un abitante
4

angel.murasakiweb.net

della casa (solitamente un parente malato o deforme) che vive nascosto o segregato in una stanza. 27. Uno dopo laltro: uno schema tipico della tipologia slasher (maniaco omicida con arma da taglio) solitamente inizia con un gruppo di persone che di volta in volta vengono eliminate dal killer o mostro di turno. 28. Non sono stato io: il protagonista viene a sapere di un omicidio o si ritrova davanti a uno spettacolo macabro per poi scoprire di essere lui stesso il responsabile di quanto accaduto (pu avere a che fare con la schizofrenia e le personalit multiple). 29. Ribaltamento: di solito il punto di vista fissato sul protagonista che racconta azioni o situazioni apparentemente normali o al contrario disturbanti per poi rivelare alla fine di non essere un umano ma un mostro, un fantasma o persino un oggetto. 30. Infinite loop: il protagonista, per le pi svariate ragioni, si ritrova a ripetere in continuazione le stesse azioni o a rivivere le stesse situazioni allinfinito. 31. Sogno o son desto? Molte sono le storie che parlano di sogni, spesso il protagonista sogna un evento traumatico per poi scoprire che successo davvero, altre volte pensa di essere sveglio e invece sta sognando, altre volte intrappolato in un sogno e non riesce a svegliarsi. 32. In scatola: solitamente il protagonista si trova rinchiuso in un luogo stretto e sigillato (una cella, una stanza o anche una bara), non sa come ci finito e non sa come uscire, nel frattempo inizia a diventare pazzo.
5

angel.murasakiweb.net

Versione 1.0 Aggiornato al 2 dicembre 2011

Il presente file realizzato da Lady Death http://angel.murasakiweb.net Puoi utilizzarlo come spunto, ridistribuirlo o pubblicarlo su altri siti purch non sia a scopo commerciale e purch tu riporti il nome e il link al sito dellautrice.

Segui bene le istruzioni, perch se non lo fai, tra sette giorni... verr a prenderti...