Sei sulla pagina 1di 158

ATTIVITAPARLAMENTARE

CAMPANIA

On.AntonioPalagiano
PresidentedellaCommissionedInchiestasuglierrorieidisavanziincamposanitario

INTERROGAZIONIPARLAMENTARI PostediSantAgnellopag.4 VallonePortoPositanopag.5 SanitcarcerariaPoggiorealepag.9 EcomostrodiAlimuripag.13 DigitaleSorrentopag.15 Parcheggistrisceblupag.20 InquinamentoGolfodiNapolipag.23 AssistenzaSlaCampaniapag.25 PuntaCampanellapag.27 DepuratoreMarinaGrandepag.36 VillaTritoneSorrentopag.38 StipendiProvinciadiNapolipag.41 ScuolaVittorioVenetoSorrentopag.51 AgrumetiMassaLubrensepag.54 InquinamentoGolfodiNapolipag.59 Tagliforzedellordinepag.60 TrasportoCampaniapag.62 Boxlandia(secondofirmatario)pag.69 QUESTIONTIME InquinamentoGolfodiNapolipag.78 PresuntirapporticonclancamorristiciNicolaCosentinopag79 QUESTIONTIMEINCOMMISSIONE RegistroTumoriCampaniapag.80 2

TerradeiFuochipag.82 PmaFondiregionaliCampaniapag.88 VillaTritoneSorrentopag.91 PROPOSTADILEGGE IstituzionedelregistrotumoriinCampania(presentatadaiconsiglieriregionalisuspintadel DipartimentosanitIDV)pag.100 ALTRIARTICOLIEINTERVENTIpag.105 ATTICOMMISSIONEERRORIEDISAVANZISANITARI EstrattodallaRelazionefinaledellaCommissione:lostatodellasanitinCampaniapag118

INTERROGAZIONIPARLAMENTARI PostediSantAgnello Interrogazionearispostascritta401095 presentatada ANTONIOPALAGIANO marted23settembre2008,sedutan.053 PALAGIANO. AlMinistrodellosviluppoeconomico,alMinistrodell'economiaedellefinanze. Persaperepremessoche: aSant'Agnello(Napoli),nelcuoredellaPenisolaSorrentinapresenteunufficiopostalechenon riesceafarfronteallamoledilavorochiamatoasvolgere,sprovvistodispazid'attesaadeguatialle lunghecodechecostantementesiformanoechecostringonoicittadini,anziani,donneavolte gestantioconbambiniadattendereilloroturnoall'esterno,sull'antistantepiazza,sottolapioggia oilsolecocente; icittadinisisonopivoltemobilitati,dandoluogoavarieiniziative,tracuiunapetizione popolare; apareredell'interroganteidisagisonoeffettivipercuiuninterventodell'Amministrazionesarebbe opportunoedauspicabilesiaperunmigliorefunzionalitdellastrutturainoggetto,siaperevitare disagiallacittadinanza: qualiiniziativeintendanointraprendereiMinisteridellosviluppoeconomicoedell'economiae dellefinanze,alfinedivenireincontroallefondatelamenteledilargapartedellacittadinanza santanellese,allalucedeifattiesposti.(401095) AttoCamera Rispostascrittapubblicataluned16febbraio2009 nell'allegatoBdellasedutan.133 All'Interrogazione401095presentatada ANTONIOPALAGIANO Risposta.Conriferimentoall'attodisindacatoispettivoinesameesullabasedeglielementi fornitidallaDirezionegeneralecompetente,sicomunicaquantosegue. LasocietPosteItalianehaprecisatochel'ufficiopostalediSant'Agnello,inprovinciadiNapoli, attualmentesituatoinunlocaledidimensionimodesteesistapertantovalutandounsuo riposizionamentopressounasedepiconsonaeconunamigliorefunzionalit,proprioperevitare disagiallautenza,edalfinedipoterrispondereinmanierapisoddisfacentealleesigenzedella clientela.Larealizzazionedell'interventoinparolanaturalmentesubordinataalreperimentodi localicherisultinoidoneialladestinazioned'usoeconformialledirettiveaziendaliinmateria. Lastessaconcessionariahaevidenziatoche,recentemente,sonostatieffettuatideisopralluoghiin alcunilocaliindividuatidalcomuneche,purtroppo,nonsonorisultatiidonei. Pertanto,lasocietPosteItalianehaassicuratochestaintensificandolaricercadiunaltrolocale, ancheconl'aiutodell'amministrazionecomunale. 4

IlMinisterodellosviluppoeconomico,attraversolestruttureterritorialicompetenti,seguirgli sviluppidellavicendafinoallasuapositivaconclusione,chedovravvenirenelpibrevetempo possibile. IlSottosegretariodiStatoperlosviluppoeconomico:PaoloRomani. ROMANIPAOLORISPOSTAGOVERNORISPOSTAPUBBLICATAIL16/02/2009CONCLUSOIL 16/02/2009


GIOVED25SETTEMBRE2008

InterrogazionediPalagiano

Sant'AgnelloLOnAntonioPalagiano(ItaliadeiValori)hapresentatouninterrogazioneconcernente lufficiopostale.NelcuoredellaPenisolaSorrentinarilevaPalagianopresenteunufficiopostale chenonriesceafarfronteallamoledilavorochiamatoasvolgere,sprovvistodispazid'attesaadeguati alle lunghe code che costantemente si formano e che costringono i cittadini, anziani, donne a volte gestantioconbambiniadattendereilloroturnoall'esterno,sull'antistantepiazza,sottolapioggiaoil solecocente;icittadinisisonopivoltemobilitati,dandoluogoavarieiniziative,tracuiunapetizione popolare;apareredell'interroganteidisagisonoeffettivipercuiuninterventodell'Amministrazione sarebbe opportuno ed auspicabile sia per un migliore funzionalit della struttura in oggetto, sia per evitare disagi alla cittadinanza: quali iniziative intendano intraprendere i Ministeri dello sviluppo economicoedell'economiaedellefinanze,concludelesponentepoliticoalfinedivenireincontro allefondatelamenteledilargapartedellacittadinanzasantanellese,allalucedeifattiesposti.
PubblicatodaVicoOnLinea16:27

VallonePortodiPositano Interrogazionearispostascritta401325 presentatada ANTONIOPALAGIANO mercoled15ottobre2008,sedutan.067 PALAGIANO. AlMinistrodell'ambienteedellatuteladelterritorioedelmare,alMinistroperibenieleattivit culturali. Persaperepremessoche: ilbacinodelVallonePorto,nelcomunediPositano,rappresentanelsuoinsiemeungeositodi grandevalorepaesaggisticoedambientalenelcontestogeograficodellaCostieraamalfitana,gi dal1997iscrittadall'UNESCOnell'elencodeibeniPatrimonioMondialedell'Umanit; 5

l'areainseritainunsitodiinteressecomunitario(SICIT8050051); lazona,nelcuoredelParcodeiMontiLattari,caratterizzatadaimportantispeciefaunistichee vegetazionali,ancheinviadiestinzione,edsottopostaavincolopaesisticoambientale; laregioneCampaniahaerogatodeifinanziamentiperilavoridisistemazioneidraulicoforestale perlamitigazionedelrischiodadissestoidrogeologicodellareteidrograficadelVallonePorto ArienzonelcomunediPositano; percontrastarequestodissestoidrogeologicoilComunediPositanovorrebberealizzarelunghe briglieincementoarmato,pavimentareunanticosentierosterrato,eliminaretutteleessenze arboreelungoillettodeltorrente,sistemareiversantimarginalil'assedeltorrentetramiteiltaglio dellavegetazioneriparialeelacostruzionedipalizzateegabbionateacontenimentodelle scarpate; molticittadinisisonomobilitati,ancheattraversounapetizione,perimpedirecheilprogettodi mitigazionedelrischioidrogeologicosirealizziinquestitermini,compromettendol'integrit dell'oasidiVallonePorto; ilWWFItalia,insiemeaLegaAmbienteedItaliaNostra,hacommissionatodiverseperizie geologiche,botanicheezoologichenell'areadelVallonePortodiPositano,chehannodimostrato l'inefficacia,ildannoambientaleelenumerosecontroindicazionidiquestaopera: seilGovernosiaaconoscenzadiquestasituazioneequaliiniziativeintendaintraprendere, affinchgliinterventidimessainsicurezzasianocompatibiliconleesigenzeditutelapaesistica, ambientaleedelpatrimonioflorofaunisticodellazona. (401325) AttoCamera Rispostascrittapubblicataluned6aprile2009 nell'allegatoBdellasedutan.159 All'Interrogazione401325presentatada ANTONIOPALAGIANO Risposta.Inmeritoaquantoindicatonell'attodisindacatoispettivoinesame,riguardanteilavori disistemazioneidraulicoforestaleperlamitigazionedelrischiodadissestoidrogeologicodella reteidrograficadelvallonePortoArienzo,nelComunediPositano,sirappresentaquantosegue. IlcomunediPositanorientranelterritoriodicompetenzadell'autoritdibacinoregionaledestra Sele.Nell'ambitodelPianodiassettoidrogeologicovigente,risultanoindividuateeperimetrate nelvallonePortoArienzonumeroseareeapericolositelevataemoltoelevataearischiomolto elevatodafranaedaalluvione. L'interventodisistemazionedellareteidrograficadelvallonePortoArienzostatoprogrammato efinanziatodallaregioneCampaniaconrisorsecomplessiveparia258.200,00euro,trasferite,ai sensidell'articolo16dellaleggen.179del2002,daquestoMinisteroallaregionemedesimacon decretoministerialen.DEC/DT/2002/0282del4dicembre2002. Pertanto,glielementiinformativiindicatidiseguitosonostaticomunicatidallaregioneCampania settoredifesadelsuolo,connotaprot.2008.1010303del2dicembre2008edalcomunedi 6

Positanoufficiotecnicoarealavoripubblici,connotaprot.n.16712del15dicembre2008. LaRegionehaavviatonelgennaio2005leprocedureperlarealizzazionedell'interventoedil comunehaapprovatoilprogettopreliminarediSistemazioneidraulicoforestalevallonePorto Arienzocondeliberazionedigiuntacomunalen.41del16giugno2005. Sullabasedelledisposizionicontenutenelpianodiassettoidrogeologico,l'autoritdiBacinosi espressasulprogettoneldicembre2005conparerefavorevoleconprescrizione.L'Autoritdi Bacino,intaleparere,evidenziachel'interventoconsentitoaisensidell'articolo32,comma1, edarticolo33delladisciplinanormativaperilPianoStralcioAssettoIdrogeologico.Lostesso intervento,purnonrisultandoesaustivoaifinidiunarisoluzionedellecriticitpresenti contribuisceadunamitigazionedell'attualerischiopericoloidraulico.Dettointerventointeressa untrattodelvallonePortoArienzodilunghezzacirca300metri,postoamontedeltrattodifoce oggettodisistemazionedapartedellacomunitmontanapenisolaamalfitana,eprevede: lapuliziadell'alveodaidepositidetriticoalluvionalipresentieriprofilaturadelfondoalveo; lasistemazionedeiversantimarginalil'assedeltorrente,tramitelarimozionedelleessenzemorte odebolmenteradicate; laposainoperadiunagabbionataedipalizzateacontenimentodellescarpateindestraidraulica amontedellasezionen.27; larealizzazionedin.3briglieselettivedeltipoafinestra; lasistemazionediduesentieriesistenti,mediantel'impiegodipietramecalcareo. L'areaoggettodiinterventoun'areaSitod'InteresseComunitarioe,pertanto,statoacquisito dalsettoreregionalecompetenteunparerepositivosulprogettonell'agosto2006. LacommissioneValutazioneImpattoAmbientaleregionale,infine,nellasedutadel1ofebbraio 2007haespressoparerepositivosulprogettodefinitivo. Nelluglio2007,acausadeiritardiregistratiperl'acquisizionedelparerediVIA,ilavorinonerano ancorainiziatielaregione,sentital'autoritdibacino,cheharitenutol'interventoancora prioritarioperlamitigazionedelrischioidrogeologico,hariprogrammatol'interventomedesimo attraversolasottoscrizionediunprotocollodiintesapernonrevocareilfinanziamentoconcesso. Aseguitodiosservazionipresentatedalleassociazioniambientaliste(WWF,Italianostra, Legambiente,Associazionilocali),laVIIcommissioneconsiliare(Commissioneambiente)della regioneCampanianellasedutadel15gennaio2008hastabilitodivalutaredimodificareil progettotenendocontodelleosservazionisuddetteaifinidellariduzionedell'impattoambientale. Pertanto,ilcomuneharichiestoallaregioneindata24gennaio2008unasospensionedelnuovo termined'incantieramentoprevistodalprotocollod'intesadicuisopra. Indata29febbraio2008ilWWF,Italianostraelegambientehannoinoltratoundocumento tecnicoatuttiglienticoinvolti.Nonessendopervenutoalcunpareresuldocumento,ilcomune, nelmaggio2008,hacomunicatodivolerprocedereallapubblicazionedelbandodigara. Successivamenteallapubblicazionedelbandodigara,sisonosvolteulterioririunionitecniche, ancheconrappresentantidellasoprintendenzadiSalernoedellaregione,eindata2agosto2008 sidecisodiapportaredellelievimodifichealprogetto(eliminazionegabbionatelateralie rivisitazionedialcuneoperedidifesa).Ilverbaledellariunionestatoinviatoatuttiglienti coinvoltinonpresentiallariunione. Ilcomune,nelgiugno2008,hacomunicatoallaregionediessereinfasedigararichiedendo l'anticipazionedel10percentodellesomme,aldicembre2008nonancorapagato. 7

IlSottosegretariodiStatoperl'ambienteelatuteladelterritorioedelmare:RobertoMenia. MENIAROBERTORISPOSTAGOVERNORISPOSTAPUBBLICATAIL06/04/2009CONCLUSOIL 06/04/2009

Positano,VallonePorto:depositatauninterrogazione parlamentare.Labattagliacontinua
LabattagliapersalvarelOasidelWWFdelVallonePortodiPositanoArienzocontinua.Dopole numeroseiniziativechecomitaticittadini,WWF,ItaliaNostra,Legambienteeconsiglieriregionali hannomessoincampopertrovareunasoluzioneconilgovernoregionale,orasichiedelintervento delgovernonazionale. IldeputatoAntonioPalagianodiItaliadeiValori,originariodiPianodiSorrento,hainterrogatosulla vicendailMinistrodellAmbienteedellaTuteladelTerritorioedelMare. IldeputatoPalagiano,conuninterrogazioneparlamentarearispostascritta,chiedelinterventodel Ministerocompetenteaffinchgliinterventidimessainsicurezzasianocompatibiliconleesigenzedi tutelapaesistica,ambientaleedelpatrimonioflorofaunisticodellazona Linterventoinvasivo,cheprevedelacostruzionedibrigliedicementoarmato,cheriguardailVallone Porto,statocontestatointuttelesediopportune.Gliinterventipotrebberoalterareildelicato ecosistemadellareaestravolgerelareaSIC(SitodiInteresseComunitario)delloasidiPositano proprionelcuoredelParcodeiMontiLattari.Tralaltro,peralcuniversiilavorisonoritenutideltutto inutiliperchpartonodapresuppostierrati,coscomeevidenzialaricostruzionedelWWFedelle associazioniambientaliste.Lacadutadipietrame,dovutaaincuriaumanaeallascelleratasceltadi disfarsidimaterialedirisultabuttandolanelVallone,lasiriconduceadipotetichefrane. TaliinterventiamontepotrebberoprovocareancheilmancatoripascimentodellaspiaggiadiArienzo enonsolo,marischianodiesseresolounulterioresprecodidenaropubblicoinquanto,dalavori concepiticontantaleggerezza,disinformazioneeincoscienteirresponsabilit,l'unicoanonavere beneficioalcunosarebbeproprioilterritorio. Rimangononellimboesenzanessunasoluzione,perilmomentoancheilavoridaeffettuare sullatombaturaaValledellaSpiaggiadiArienzo:unicoveropericolosulqualesidovrebbe intervenireconefficacia. Lacontrarietataleoperastata,econtinuaadessere,espressacontutteleiniziativechesipossono mettereincampo,nonsolodalWWF,ItaliaNostra,Legambienteedatutteleassociazionidi Positano,maanchedaimolticittadiniche,firmandoalpetizioneonline,stannomanifestandola volontdisalvareVallonePorto. OrasisperacheilGovernonazionaleriescadovelaRegioneCampania,nonostantelecontinue sollecitazioni,nonostantegliimpegniconcordatiinsedediaudizionecongliamministratorilocali, nonostanteimolteplicieripetutiinterventiistituzionaliadoperadiqualcheconsiglierechehapresoa cuorelavicenda,nonriuscita. 11/05/2011

POSITANO/PALAGIANO(IDV):FELICEDIAVERCONTRIBUITOASALVAREILVALLONE PORTO
AntonioPalagiano

SonofelicechelamministrazionecomunalediPositanoabbiapresoquestaimportantedecisione atuteladellOasidelVallonePortoedellasaluteambientaledellacostiera,ancheperchladifesa diquestaimportanteareanaturalisticastataoggettodiunodeimieiprimiattiparlamentarinel 2008, proprio su segnalazione del WWF Campania. Quindi, in qualche modo, sono fiero di aver 8

contribuitoaquestaimportantecausa.LodichiaralOn.AntonioPalagiano,deputatocampano dellIDV. Un intervento del genere avrebbe, senza dubbio, comportato una sostanziale ed irreversibile modificadellostatodeiluoghiedellecaratteristichevegetazionaliepaesaggistichediquestaarea, costituendo una notevole minaccia anche a specie ipertutelate dalla direttiva comunitaria. Mi auguro concludePalagiano che limpegno dellamministrazione prosegua sempre in questa direzione, per la salvaguardia del territorio e di conseguenza della salute dei cittadini. Dal canto nostroeperquantopossibilenoidellItaliadeiValoricontinueremoavigilareperchciavvenga, sempre. SanitCarcerariaPoggioreale Interrogazionearispostascritta406636 presentatada ANTONIOPALAGIANO marted30marzo2010,sedutan.302 PALAGIANO. AlMinistrodellasalute. Persaperepremessoche: ildecretodelPresidentedelConsigliodeiministri(del1oaprile2008)hatrasferitoalServizio sanitarionazionaletuttelefunzionisanitariesvoltedalDipartimentodell'amministrazione penitenziariaedalDipartimentodellagiustiziaminoriledelMinisterodellagiustizia; inbaseataledecretosarannoquindileregioni,attraversoleASLcompetentiperterritorio,afar frontealleesigenzesanitariedegliistitutipenitenziaridelPaese,dall'assistenzasanitaria giornalieraalleemergenze,dall'assistenzasocialeallagaranziadicontinuitterapeutica; secondoildecretodelPresidentedelConsigliodeiministridel1oaprile2008,alleregioniealle provinceautonomeassegnatoilcompitodiorganizzareiservizisanitariinrapportoallatipologia degliistitutidipenaperfarfronteaibisognidellapopolazionecarcerariaedeiminoridetenuti; ilpassaggiodiquestecompetenzedalMinisterodellagiustiziaalleregionicostato135milionidi euro; gliosservatoripermanentiregionaliperlasanitpenitenziariahannoilcompitodimonitorare l'effettivofunzionamentodell'assistenzasanitariadapartedelleASLterritoriali; l'autonomiaregionaleinmateriasanitariagarantisceunalibertdiazionepressochtotalee spessoicontrollidapartedelloStatosonopochiopococapillari; capitachecisiaunadisomogeneitfortenell'offertadiservizidaregionearegionetantoche moltospessoicittadiniperaccedereadunadeterminataprestazionesanitariaricorronoalla cosiddettamigrazione; evidentechelapopolazionecarcerarianonpuricorrereallamigrazioneperottenere determinateprestazionisanitarie,pertantoicontrollidelloStatocentralesulrealefunzionamento 9

delleASLinambitocarcerariodovrebberoesserepotenziati; ilserviziodimedicinapenitenziariadellacasacircondarialediPoggiorealeNapoli,adesempio, presenta,aquestoproposito,nonpochipuntidicriticit,specieriguardoifarmaciperimalatidi AIDS; perireclusichesonomalatidiAIDS,lanormativavigenteprevedel'erogazionenominativadei farmaciretroviralidopoeffettuazionediundayhospitalpressol'aziendaospedalieraCotugnodi Napoli; isuddettifarmacinonsonodisponibiliperinuovireclusifinquandoquestinoneffettuanoilday hospital(chevienesubitorichiestomacheprevedeuntempodiattesamediamentedi15/30 giorni);inoltrelaterapiaretroviralenonpuessereerogataaisoggettiche,permotivitecnici (impossibilitdelnucleoscortaaltrasferimentopressol'ospedale)noneffettuanoildayhospital nelladatastabilitapercuinonpossibilelacontinuazionedellaterapiainquanto,correttamente, l'ospedalenonconsegnaifarmacisenzailcontrollopropedeuticoprogrammato: qualiiniziativeintendaassumerepergarantireunmaggiorecontrollosull'assistenzasanitaria all'internodegliistitutipenitenziarieminoriliitalianie,inparticolare,senonsiailcasodi elaborare,incollaborazioneconleregioni,lineediindirizzoinquestoambitofinalizzate: a)adefinirel'obbligodinonpromiscuitdeimalatidetenutiinquantospecieacausadel sovraffollamentodellecarcerisitrovanoricoveratinellostessorepartomalatiditubercolosi,di Aidsemalatipsichici; b)adistituireunospecialistachepossaprescriverefarmaciall'internodell'istitutoeaprevederela possibilitdiavereunascortadimedicinalidautilizzarepericasidimaggiorenecessit; c)aprevedereunagaranziadicontinuitterapeuticaperimalatidetenutisindalloroingressonel carcere. (406636) AttoCamera Rispostascrittapubblicatamarted21dicembre2010 nell'allegatoBdellasedutan.411 All'Interrogazione406636presentatada ANTONIOPALAGIANO Risposta.Inmeritoall'interrogazioneinesame,sifornisconolevalutazionidicompetenzain ordineaiproblemisollevati. Iltavolopermanentediconsultazione,istituitopressolaConferenzaStatoregioni,acuicompeteil monitoraggiodelleattivitprevistedaldecretodelPresidentedelConsigliodeiministri1oaprile 2008,haelaboratounprogrammacompletodiinterventi,diseguitodettagliati: 1)documentoprogrammaticoperlaricognizioneelariorganizzazionedellestrutturesanitarienei variistitutipenitenziari; 10

2)istituzionediungruppodilavoroperleproblematichedeisuicidinellecarceri(perlastesuradi lineediindirizzoperlaprevenzionedeisuicidinellecarceri)eperlagestionedelle tossicodipendenze; 3)monitoraggiosistematicorelativoall'organizzazionenellecarcerideiservizisanitariedel personalededicato(conattenzionealleproblematicheconnesseallacontinuitterapeutica,alla medicinaspecialisticaedairicoveridifferenziati). Conriferimentoall'opportunitdielaborarelineeguidafinalizzatea: a)definirel'obbligodinonpromiscuitdeimalatidetenuti; b)istituireunospecialistaall'internodell'istitutopenitenziarioeprevedereunascortadi medicinali; c)prevedereunagaranziadicontinuitterapeuticaperidetenutisindall'ingresso;occorre osservare,relativamenteallacitataletteraa),cheladestinazionedeidetenutiaffettidapatologie precipuacompetenzadell'amministrazionepenitenziaria,sullabasedellerelazionifornitedai medicichehannoresponsabilitdicuradeidetenutiechesonotenutiacertificarelacompatibilit dellecondizioniclinicheconilregimecarcerarioingeneralee,pispecificamente,asegnalarei rischidicontagiosit. Relativamenteallelettereb)ec),necessariofarpresentecheeventualiiniziativeintalsenso appaionodeituttopleonastiche,inconsiderazionedelfattochel'organizzazionedell'assistenza,di baseespecialistica,coscomelascortadimedicinali,elagaranziadicontinuitterapeutica,sono giampiamenteprevistenell'allegatoAdelcitatodecretodelPresidentedelConsigliodeiministri LineediindirizzoperdiinterventidelServizioSanitarioNazionaleatuteladellasalutedei detenutiedegliinternatinegliistitutipenitenziari,edeiminorennisottopostiaprovvedimento penale,chesiarticolaneiseguentiargomenti: obiettividisaluteelivelliessenzialidiassistenza; leazioniprogrammaticheegliinterventiprioritari; organizzareleconoscenzeepidemiologiche; promozionedellasalute; garantirelasalubritdegliambientidivitael'igienedeglialimenti; organizzaregliinterventidiprevenzione,curaeriabilitazioneerecuperosociale. Lamedicinageneraleelavalutazionedellostatodisalutedeinuoviingressi. Leprestazionispecialistiche. Lerispostealleurgenze. Lepatologieinfettive. 11

Prevenzione,curaeriabilitazioneperledipendenzepatologiche. Prevenzione,curaeriabilitazionenelcampodellasalutementale. Latuteladellasalutedelledetenuteedelleminorennisottoposteaprovvedimentipenalielaloro prole. Latuteladellasalutedellapopolazioneimmigrata; indicazionisuimodelliorganizzativi; monitoraggioevalutazione. IlMinistrodellasalute:FerruccioFazio. FAZIOFERRUCCIORISPOSTAGOVERNOSOLLECITOIL21/09/2010RISPOSTAPUBBLICATAIL 21/12/2010CONCLUSOIL21/12/2010 http://palagianoantonio.blogspot.it/2009/08/poggiorealeemergenzacarceri_15.html
SABATO27MARZO2010

Carceri,Palagiano(Idv):Condizionidisumane,governointervenga
"QuestoGovernononperdeoccasioneperrubareladignitaicittadinidelnostroPaese,chesianoessi adulti,bambini,liberioreclusi".E'quantodichiaraAntonioPalagiano,capogruppoIdvincommissione Affarisociali,cheoggihadepositatoun'interrogazionealministroperlaSaluteFerruccioFaziosulle condizionideisistemisanitarinegliistitutidipenaitaliani."QuestoGovernovorrebbeannientarela dignitumanaanchenellecarceriproseguePalagianocheospitanopersonechesi',sisono macchiatedicolpegravissime,machemeritanoilrispettoesoprattuttochedevonovederetutelatoil propriodirittoallasalutesancitodall'Articolo32dellaCostituzione.Hodecisocosi'diinterrogareil ministroFazio,dopoavervisitatopersonalmenteilcarcerediPoggiorealeeaverriscontratogrosse carenzenell'assistenzasanitariadeidetenuti.Promiscuita',noncontinuita'dellaterapia,assenzadi scortedimedicinali,anchesalvavita,sonoquestiiproblemiprincipalidegliistitutidipenaitalianiin ambitosanitarioconcludeildeputatoIdvesonoquestichechiediamoalGovernodirisolvereper nonmetterearepentaglio,oltrealladignita',anchelavitadeicarceratiitaliani".(Velino)

CarcerediPoggioreale,emergenza sanitaria.Rischiomalattie
L'allarmearrivadallaCommissioneparlamentare,invisitanellestrutturediNapoli:cellesovraffollate, personaleoberatoelavorifermidaquattroanniallasalaoperatoria.Elapromiscuitfavorisceildiffondersi dellemalattie 3agosto2012

12

QualcunosalviilcarcerediPoggioreale.Cellesovraffollate,personalestremato,ma anchelavoriinesorabilmentebloccatiallasalaoperatoria.Ilcampanellodallarmepreoccupala commissioneparlamentarediinchiestasuglierroriincamposanitarioesullecausedeidisavanzisanitari regionali,chehavisitatolastrutturanellagiornatadigioved2agosto,nellambitodiunavisitaatutti gliospedalinapoletani. Eilpuntospiegailpresidentedellacommissioneeparlamentaredell'Idv,AntonioPalagianochenel carcerec'unasalaoperatoriaquasicompletatacheinrealtfermacosdaoltrequattroanni.Coni detenuticostrettiadandareallesterno,conrelativodispendiodirisorseeconomiche.Elultimadenuncia, chearrivadaLauraMoltenidellaLegaNord,chiaraecircostanziata:Ilpersonalenonvienesottoposto avisitedicontrolloda3anniequestoloesponeamorbilitgraviedidiversanatura. Ilriferimento,inparticolare,aepatitiBeC:delresto,nellecellesiarrivaadiecipersoneinappenatrenta metriquadrati,talvoltasenzadocceeconiserviziigieniciavista.Allinternodelcarcereconferma NunzioTesta,membrodellaCommissione,cisono2800detenuti,molticonproblemidiHivo epatite.Mancanoisovvenzionamentieforselariformacarcerariapotrebbeservireafarstareidetenutiin condizionimigliori.APoggiorealecunapromiscuitcherappresentaunproblemaserio. Daunpuntodivistasanitario,dunque,lemergenzadietrolangolo,nlimpegnodidirezioneepersonale purisultaresufficienteascongiurarerischiconcretiperidetenuti.Circostanza,questa,chealimentail movimentoafavorediunariformanazionaledellecarceri.

EcomostrodiAlimuri Interrogazionearispostascritta407481 presentatada ANTONIOPALAGIANO luned7giugno2010,sedutan.332 PALAGIANO. AlMinistrodell'ambienteedellatuteladelterritorioedelmare,alMinistroperibenieleattivit culturali. Persaperepremessoche: nel1964ilcomunediVicoEquenseharilasciatounaconcessioneediliziaperlarealizzazionedi unastrutturaalberghieracinquepiani,2milametriquadratie18milametricubidicementosul trattodicostadiSeiano,traicomunidiVicoEquenseeMetadiSorrento;nel1971,ilavorihanno subitoun'interruzionedapartedellasoprintendenzaenel1976laregioneCampaniahaannullato ilpermessodicostruire.Inseguito,ilTareilConsigliodiStatohannoaccoltoiricorsipresentatidai proprietari,mailavorisonoStatisospesidefinitivamentenel1986perlapericolositdellazona; ilcostonearidossodelqualestatocostruitoquellocheormaivienecomunementedefinito ecomostrodiAlimuriunodeipiinstabilidellazona,acontinuoepericolosorischiodicaduta massi; nel2004statastilataunabozzadiaccordo,perl'abbattimentodelmanufatto,traiproprietari dellastruttura,loStatoelaregioneCampania; inseguito,nelluglio2007,statosiglatounpattotral'alloraMinistrodeibeniculturaliFrancesco 13

Rutelli,laregioneCampania,ilcomunediVicoEquenseelasocietSa.An.cheharilevatoil ruderecirca10annifa,pattocheprevedeval'abbattimentodelloscheletrodicementoentroil 31ottobre2007; taleaccordoimpegnavaStatoeregioneCampaniaacontribuireperoltrelametdell'importo,alle speseprevisteperl'eliminazionedell'ecomostro.Icostiprevistisiaggiravanointornoa1,1 milionidieuro,ripartiti,inbaseall'accordodicuisopra,inquestomodo:500.000acaricodella societproprietariaSa.An.e600.000euroacaricodelMinisteroedellaregione; l'accordoprevedevainoltreperlastessasociet,lapossibilitdicostruireunalbergodellastessa cubaturanelcomunediVicoEquenseelagestionediunostabilimentobalnearelocalizzato nell'attualeposizionedelruderedaabbattere; daallora,per,seguitosolosilenzioeadoggil'ecomostrochedeturpalabellissimapenisola Sorrentinapatrimoniodell'Unescoancoral,sopravvissutoatreinchiestegiudiziarieagli interventidellaGolettaVerdediLegambiente,oltreanumerosicambidipropriet:nel1988viene rilevato,per240milionidilire,daLaConcasrl,cheneldicembre1993locedeallaSa.An.perun importonelfrattempolievitatoa2miliardie700milionidilire.Nell'ottobre2006subentralaSica srl.SiainSa.AncheinSicasrlfiguraunastrettaparentediunnotopoliticoedamministratore campano,attualmenteeurodeputato; dal2007adoggi,moltisonostatigliattiparlamentaripresentatiperrisolverequestoproblema chedaoltre40anniaffliggeunadellelocalitpibelledelnostroPaese.Traquestisiricorda l'interpellanza(200225)presentatadalpresidentedellaCommissioneambientedelSenato TommasoSodanonellaXVlegislatura,cheincentravailquesitopropriosullanotevolecifrachelo Statoavrebbedovutoerogareaseguitodell'abbattimentodellastrutturaedeirilevantiquanto sproporzionativantaggicheneavrebbericavatolasocietproprietariadell'immobile; nulladiconcretomaistatofattoel'ecomostrodiAlimuripermanenellasuaingombrantee quantofatiscentepresenza; oggi,questoscheletrodicemento,metadispacciatori,tossicodipendentiespecieinestatedi ragazzispericolatichesiarrampicanosullapericolantestrutturaperpoituffarsiinmare; negliultimidueannitreragazzisonofinitiinospedaleingravicondizioni.L'ultimocasorisale all'inizionell'estate2009:ungiovaneprecipitatosugliscoglieharischiatodirimanere paralizzatoinseguitoalcedimentodiunsolaiodiunbalconedelsecondopianodelrudere; purtropposoltantodifronteadepisodigravicomequestisitornaaparlarediAlimuri: qualiiniziativeiMinistriinterrogatiintendanointraprenderealfinedigarantirel'effettivo abbattimentodellapericolosastruttura,alfineditutelarel'ambiente,lebellezzenaturalistichee paesaggistiche,ilpatrimoniodelPaeseeallostessotempolasicurezzadeicittadini; senonsiritenganecessariorivederel'accordosiglatonel2007,adavvisodell'interrogantetroppo palesementesbilanciatoafavoredellasocietproprietariadell'immobilee,oltretutto,disatteso assicurando,inognicaso,chenelpibrevetempopossibilesiaraggiuntol'obiettivoprincipale ossial'abbattimentodell'ecomostro.(407481) 14

SOLLECITOIL10/12/2010SOLLECITOIL07/06/2011
GIOVED25NOVEMBRE2010

Palagiano:UniamociperabbatterelecomostrodiAlimuri!

VicoEquenseSulnumerodelsettimanaleAgor,statapubblicataunintervista allOnorevoleAntonioPalagiano,ItaliadeiValori.Traitantiargomentirelativiallasuaattivit parlamentare,c'anchelecomostrodiAlimuri.Comesifaaspiegareadunnormalecittadinocome possibilechequellastrutturaindecenniancorastal?"Laspiegazioneunasola:afferma l'esponentedipietristatroppiinteressiingiocoetroppodisinteresseversounasituazionegraveeche conilpassaredegliannipotrsolamentedegenerare.Unpericolopubblicochehagifattotroppe vittimetrainostrigiovaniacausadellafacileaccessibilit,delsuostatopericolanteedellamancanza diprotezioni.Dalloscorsogiugnodataincuihopresentatolamiainterrogazioneparlamentarenon hoavutoalcunriscontro:ilMinistroPrestigiacomononhaancorarisposto.Dovrebberoesseretuttigli eletti,dituttiicomunidellapenisolaedituttiipartitiadindignarsidiquellobbrobriochedeturpail nostrolitorale.Soloconunazionesinergicaetrasversalesipotrarrivareallasuademolizione.Ioho fattolamiaparte,continuerafaresollecitifinchnonavrottenutounarispostasoddisfacenteead avviareleiniziativeutiliamandarlogi,manonhoricevutonessuninvitoaproseguirelamiaazionee nessunincoraggiamentodallealtrepartipoliticheodagliamministratorilocali.Questaforseuna buonaoccasioneperinvitaregliuominieipoliticicheamanolanostraterra:uniamociperabbattere lecomostrodiAlimuri!" DigitaleSorrento Interrogazionearispostascritta409518 presentatada ANTONIOPALAGIANO gioved18novembre2010,sedutan.397 PALAGIANO. AlMinistrodellosviluppoeconomico. Persaperepremessoche:

15

ilMinisterodellosviluppoeconomicoel'Autoritperlegaranzienellecomunicazioni(AGCOM) hannocondivisoilcalendarioperilpassaggioaldigitalechedovrebbecompletarsi,regioneper regione,entroil2012; nelmesedidicembre2009laregioneCampaniahaeffettuatoilpassaggioaldigitaleterrestreesin dasubitosisonoregistratenumerosesegnalazionidicattivaricezionedelsegnaledigitale terrestredelleretiRai,nonchdeicanaliMediaset; evidentecheilcambiamentodelladiffusionedelsegnaletelevisivodallatecnologiaanalogicaa quelladigitalepuprovocareinterferenze,intrinsechealmutamentodellatecnologiastessa,che, durantelafasedipassaggio(switchoff),sisarebbedovutocercarecomunquediridurreal minimo; lesituazionididisagiodovrebberoesserecontinuamentemonitoratedagliufficiperiferici competentiperterritoriodeldipartimentoperlecomunicazionialfinedisegnalareaigestori televisiviinteressatilesoluzionitecnichedaadottare; atutt'oggi,continuanoadesserenumeroseediffuseintuttoilterritorioregionaleleprotestedei tanticittadinichelamentanodisservizieunacattivaricezionedeisegnalitelevisivi.Inparticolare, nelcomunediPianodiSorrento,coscomeneicomuniadessolimitrofi,acausadellaparticolare posizionegeograficaemorfologicadelterritorio,nonsiancoragiuntiadunaricezioneottimale deisegnaliprovenientidairipetitori; ariguardo,opportunosegnalarechenelmesedidicembre2009,aseguitodiproblematiche tecnicheriscontratenellaricezionedeisegnalidigitaliterrestri,surichiestadell'assessoratodi PianodiSorrento,lasocietServiceImpianti,consedelegaleinRoma,stataincaricatadifornire unaconsulenzatecnicainmeritoallecriticitrilevate.Nellarelazioneredattadallapredetta societaffioraquantolacollocazionegeograficadelterritorioincidasullaricezionedelsegnale, consideratocheilripetitoreprincipalediMonteFaito,chetrasmetteilpacchettocompletodei canali,vieneoscuratodallapresenzadiunacatenamontuosaenonpermetteladirettivitdei puntamentidelleantennetvdigitali:cicomportaunaricezionedisegnaliriflessichemutano durantelagiornata.IlripetitoreinVHFdiSorrentochetrasmetteilmultiplexerMUX1RAI(Rai 1,2,3eRadio1,2,3eFDAuditorium)nonpermetteladirettivitottimaleinquantooscuratodalle collineadiacenti,creandoaltrettantiproblemisullavisione.IlripetitorediNapolinontrasmetteil pacchettocompletodeicanalieisegnalisonostativalutatimoltoinstabili.Acioccorre aggiungerecheleemittentinazionalitrasmettonoconpotenzapidebolerispettoalleemittenti locali,conconseguentidisturbisullavisionedeiprogrammi; larelazioneredattadallasocietServiceImpianti,presiinconsiderazioneidatitecnicisopracitati, sichiudeaffermandochelavisionedeiprogrammitvdigitaliterrestrinelcomunediPianadi Sorrentononstabile,erilevandoaltrescheilpacchettoMUX4RAI,chepermettelavisionedi RaiGulp+1,RaiStoria,RaiScuola,RaiTestHDnonpresenteeancoracheilcanaleLa7,nonch alcunipacchettiMediaset,mostranoelevatainstabilitdelsegnale,nongarantendoaicittadini 16

utentiunavisionecostante: seilMinistrointerrogatosiaaconoscenzadiquantoriportatoinpremessaeseintendaverificare alpiprestoqualisianolerealicondizioniqualitativedelsegnaletelevisivointecnicadigitale, nellaregioneCampaniaedinparticolarenelterritoriodelcomunediPianodiSorrento; laddoveconfermatiirilievisommariamenteriportatiinpremessa,qualiiniziativeilMinistro intendaassumerealfinediassicurareilpirapidoripristinodelleopportunecondizioniqualitative delsegnaletelevisivointecnicadigitalesututtoilterritoriodelcomunediPianodiSorrento, affinchilserviziopubblicovengagarantitosututtoilterritorionazionale,tantopinelcasoincui essooffranuovicanali,comeRaiStoriaeRaiScuola,chenasconoproprioconl'ambizionedi ampliarel'offertaculturaleelaplateadifruitoridellatelevisionepubblicaitaliana; seilMinistrononintendacontinuareadeffettuarepuntualimonitoraggisututtoilterritorio nazionale,compresalaCampania,affinchgliutentipossanocompiutamenteusufruiredel serviziopubblicoradiotelevisivo.(409518) AttoCamera Rispostascrittapubblicatagioved28aprile2011 nell'allegatoBdellasedutan.469 All'Interrogazione409518presentatada ANTONIOPALAGIANO Risposta.Conriferimentoall'interrogazioneinesamesullabasedeglielementifornitidalla direzionegeneralecompetente,sirappresentaquantosegue. ComenotoinItaliaaisensidell'articolo2bis,comma5dellalegge29novembre2007,n.222le trasmissionitelevisivesufrequenzeterrestridovranno,entrol'anno2012,essereirradiate esclusivamenteintecnicadigitalesututtoilterritorionazionale.Atalfine,anchesullabasedel lavoropropedeuticosvoltodalComitatonazionaleItaliadigitale,costituitocondecretodell'ex Ministerodellecomunicazionidel4agosto2006,condecretoministeriale10settembre2008,il territorionazionalestatosuddivisoin16areetecnicheperstilareuncalendarioditransizioneal digitale,conunasequenzadegliswitchofftaledaottimizzarelacompatibilizzazionedegliimpianti eassicurarealtreslacontinuitconareelimitrofe.Cinonostanteevidentecheanchecontutte leopportuneattenzioniilpassaggiodallatecnicaanalogicaaquelladigitalepuprovocare situazionididisagio,aiteleutenti,comequellelamentatedalcomunediPianodiSorrento. Laddovedovesseroverificarsi,aseguitodelloswitchoff,problematicherelativeallaricezionedel segnaledigitaleterrestre,gliutenti,igestoritelevisiviochiunquealtrointeressatoalfenomeno, potrfarpresentedettasituazioneagliispettoratiterritorialicompetentioaquestodipartimento, cheprovvederadattivareisuddettiorganiperiferici.Gliispettoratiterritorialiinterpellati verificherannoquantodenunciato,individuandoleeventualicausedeldisservizio,cercando possibilmente,eventualisoluzioni,sel'originedelproblemafossetecnico. Qualorailproblemanonfossetecnicoenonfossepossibiletrovarealcunasoluzione,dipifacile attuazione,sirammentachepossibileaisensidell'articolo30comma1deldecretolegislativo31 luglio2005,n.177(Testounicodeiservizidimediaaudiovisivieradiofonici),previapreventiva autorizzazionedapartedeldipartimentoperlecomunicazioni,l'installazioneel'eserciziodi impiantieripetitoriprivati,destinatiesclusivamenteallaricezioneetrasmissioneviaetere simultaneaedintegraledeiprogrammiradiofonicietelevisividiffusiinambitonazionaleelocale. 17

Dettaautorizzazionepotressererilasciataaicomuni,comunitmontaneoadaltrientilocalio consorzidientilocali,suun'estensioneterritorialelimitataallacircoscrizionedell'enterichiedente tenendocontodellaparticolaritdellezonedimontagna. IlMinisterodellosviluppoeconomico,perilproblemarappresentatonelpresenteattodi sindacatoispettivo,hagiattivatol'ispettoratoterritorialedellaCampaniaevalutercon attenzionel'evoluzionedellaquestioneverificandol'efficaciadegliinterventiadottatiper risolverla. IlMinistrodellosviluppoeconomico:PaoloRomani. ROMANIPAOLORISPOSTAGOVERNORISPOSTAPUBBLICATAIL28/04/2011CONCLUSOIL 28/04/2011

18

19

ParcheggistrisceBlu Interrogazionearispostascritta411851 presentatada ANTONIOPALAGIANO gioved5maggio2011,sedutan.472 PALAGIANO. AlMinistrodelleinfrastruttureedeitrasporti. Persaperepremessoche: l'articolo7,comma8,deldecretolegislativo30aprile1992,n.285(codicedellastrada),e successivemodificheedintegrazioni,disponetestualmentecheQualorailcomuneassuma l'eserciziodirettodelparcheggioconcustodiaolodiainconcessioneovverodisponga l'installazionedeidispositividicontrollodiduratadellasostadicuialcomma1,letteraf),suparte dellastessaareaosualtrapartenelleimmediatevicinanze,deveriservareunaadeguataarea destinataaparcheggiorispettivamentesenzacustodiaosenzadispositividicontrollodidurata dellasosta.Taleobbligononsussisteperlezonedefiniteanormadell'articolo3"areapedonale"e "zonaatrafficolimitato",nonchperquelledefinite"A"dall'articolo2deldecretodelMinistrodei lavoripubblici2aprile1968,n.1444,pubblicatonellaGazzettaUfficialen.97del16aprile1968,e inaltrezonediparticolarerilevanzaurbanistica,opportunamenteindividuateedelimitatedalla giuntanellequalisussistanoesigenzeecondizioniparticolariditraffico; quantodisposto,chesiapplicaall'interoterritorionazionaleitaliano,ivicompresaanchela regioneCampania,siinserisce,evidentemente,inun'otticadibilanciamentotraareediparcheggio libere(delimitatedastriscebianche)ezonedisostaapagamentodefiniteconsegnaleticadi coloreblu; sull'argomentosiespressalaCortedicassazione,asezioniunite,consentenzan.116del9 gennaio2007,chehaaffermatoilprincipioinbasealqualesononullelesanzioniagliautomobilisti cheparcheggianonelleareeapagamentosevicinoaquellezonenonstatopredispostoanche unparcheggiolibero,sottolineandocheneicentriurbani,adesclusionedellezoneatraffico limitato,delleareepedonaliedaquellediparticolarerilevanzaurbanistica,gliamministratori comunalihannol'obbligodirealizzare,sempre,areedisostaliberaaccantoaiposteggia pagamentoafasciaoraria; dettoorientamentostatopoiseguitodanumerosepronuncedialtreautoritgiudicanti.Ad esempio,nel2008unasentenzadellaIIsezionedelTarLaziohaaccoltounricorsopresentatodal Codaconsedauncomitatodicittadinicontrolestriscebluelerelativedeliberecomunali, confermandoquantostabilitodallasuddettasentenzadellaCassazione; oppurelasentenzan.7.337/09delgiudicedipacediFirenze,cheharitenutoillegittimelesanzioni irrogateperlasostadentrolestriscebludiunparcheggioapagamento,laddovenonesistano nelleimmediatevicinanzeparcheggiasostagratuita; ilproblemadeiparcheggiapagamentononconformiallanormativavigenteinteressatuttoil Paese,comeevidenziatoancheinunapuntatadellatrasmissionediItalia1,LeIenedel23 febbraio2011; 20

inparticolare,nelcomunediSorrento(NA),negliultimidueanni,sonoaumentateadismisurale strisceblued,allostessotempo,raddoppiatoilcostodelleparkcard(da1a2euro); lestradesonounbenepubblico,edilparcheggiodeveessereconsentitoatuttiicittadini indipendentementedallororeddito,evitandodiscriminazionetrachihafacoltdiacquistare tagliandidelcostodi1o2euroall'oraofrazionedioraecoloroiquali,invece,nonsonoingrado disosteneredettaspesa: qualiurgentiiniziative,nell'ambitodelleproprieprerogative,ilMinistrointerrogatointenda adottarealfinediconoscereilrapportoquantitativo,sull'interoterritorionazionale,edin particolarenellaregioneCampania,traleareedisostalibere,striscebianche,elezonea pagamento,strisceblu; seintendaeffettuare,perquantodicompetenza,unmonitoraggioinordineall'attuazionedel dispostonormativo,dicuiall'articolo7,comma8,deldecretolegislativo285del1992,e giurisprudenziale,sancitodallaCortedicassazione,aSezioniUniteconsentenzan.116del9 gennaio2007,comeespostoinpremessa; seintendarenderepubblicoeconoscibilel'esitodidettevalutazioni,mediantelapubblicazione deirisultatiditaliindaginieconseguentementeadadottarecircolariesplicativeinmerito.(4 11851) SOLLECITOIL05/10/2011SOLLECITOIL18/04/2012

Parcheggi,Abusostrisceblu:ministroverifichirispettoCodice dellastrada
Nongiustotassaregliautomobilistiinunmomentodicrisieconomicacomequestoedopoiripetutiaumentidella benzina.Seaquestoaggiungiamoicostideiparcheggiincitt,dovesonopresentiesclusivamenteareediparcheggio contrassegnatedastrisceblu,allorasipudavveroaffermarecheiltraspostoveicolareprivatounlussoperpochi. Perquestaragionechiediamodiconoscereilrapportoquantitativo,sullinteroterritorionazionale,traleareedisosta libereequelleapagamento,ecapireseattualmentevienerispettatodagliEnticompetentilattualedisposto normativoegiurisprudenziale.quantodomandano,alMinistroperleinfrastruttureeitrasporti,iparlamentari dellIdv,AntonioPalagianoeAnielloDiNardo,conuninterrogazioneparlamentare,presentatanellagiornatadioggi, sulproblemadelcosiddettobilanciamentotrastriscebiancheestriscebluneicomuniitaliani. IlCodicedellaStradaproseguonoidueesponentidellItaliadeiValoriprevedechenelleimmediatevicinanzedi unparcheggioapagamentoodotatodidispositividicontrollodelladurata,ilComunedeveriservareunaadeguata areadestinataaparcheggiosenzacustodiaosenzadispositividicontrollodiduratadellasosta.Talenormastata confermataanchedaunasentenzadel2007dellaCortediCassazione. TuttaviaconcludonoPalagianoeDiNardomoltiComuniitalianinonrispettanotalenormativa,comeevidente danumerosesegnalazioni,finiteanchesuimedianazionali,conilsoloevidentescopodifarecassaadiscapitodei cittadini,perquestochiediamoalMinistro,perquantonellesuecompetenze,diprovvedereaffinchintuttoilPaese sianorispettateledisposizionidelCodicedellaStradaesianotutelatiidirittideicittadini.

21

22

InquinamentoGolfodiNapoli Interrogazionearispostascritta412654 presentatada ANTONIOPALAGIANO marted12luglio2011,sedutan.499 PALAGIANO. AlMinistrodell'ambienteedellatuteladelterritorioedelmare. Persaperepremessoche: indata21luglio2009,l'interrogantehapresentatoun'interrogazionearispostaimmediatain Assemblea,aventeadoggettoladrammaticasituazionedell'inquinamentonelgolfodiNapoli,ed inparticolarenellazonadellacostierasorrentina; atutt'oggilasituazionepressochinvariata,senonaddiritturapeggiorata,comesievincedalle continuedenuncedellastampanazionaleelocaleedallosversamentodelpercolatonelgolfodi Napoli,segnalatonumerosevoltedalWWFCampania; nellapenisolasorrentinalasituazionealtrettantograve,comerisultadaalcuniepisodiavvenuti trail2010edil2011;inparticolare: a)unarticoloapparsosuIlFattoQuotidianodel24luglio2010,segnalavacheun'indaginedella procuradellaRepubblicadiTorreAnnunziata,inmeritoall'inchiestasuigiudizidibalneabilitdel mare(traSorrento,MassaLubrense,VicoEquense,PuntaCampanella,Capri,Ischiae CastellammarediStabia)pronunciatinel2009,avevaformulatogliavvisidiconclusaindagineper 14tecnicideldipartimentoprovincialedell'A.r.p.a.c.diNapoli,traiqualiilresponsabiledell'unit epidemiologicaeildirigentebiologo,accusatidireatichevannodalconcorsoinfalsoideologico all'omissioned'attid'ufficio; b)daalcuniarticolidistampa,datati1ogiugno2011,siapprendechei14tecnicisonostatirinviati agiudizioperlefalseattestazionidibalneabilitdelmare.QuestifunzionariA.r.p.a.c.certificavano cheleacqueeranobalneabilisenzafareleanalisipreviste.Laprocuralohariscontratoverificando glioraridientrataeduscitadeibattellichefacevanoicontrolli; c)indata5febbraio2011,adistanzadipochimetridalcomplessodefinitoecomostrodiAlimuri relativamentealqualel'interrogantehapresentatooltreunannofaun'interrogazione parlamentarerimastaancorasenzarispostatralespiaggediVicoEquense(localitSeiano)e Meta,statariversatainmareunafognaacieloaperto,rendendolospecchioacqueodicolore marrone,convastechiazzeschiumoseemaleodoranti,scagliedisostanzeinsospensioneedalghe verdicresciutearitmoesponenziale,atestimonianzadell'eutrofizzazioneprovocatadall'eccessodi nutritivi,nitratiefosfati,contenutinegliscarichifognari; d)ilcomunediSorrento,conordinanzasindacalen.192del19aprile2011(protocollon.14.366), haimpostoildivietodibalneazioneperlospecchioacqueoinlocalitMarinaGrande,salvopoi revocarelostessoindata17maggio2011(protocollon.17.652),inquanto,aseguitodelleanalisi effettuatedall'A.r.p.a.c.,sisonoverificatelecondizioniprevistedall'articolo6deldecreto 23

attuativodel30marzo2010,decretolegislativon.116del2008; e)laspiaggiadiSanFrancesco,sullaqualeinsistonoimaggioristabilimentibalnearidelcomunedi Sorrento,statainterdettaallabalneazioneconordinanzasindacalen.2839giugno2011 (protocollon.20.936),anch'essarevocataindata17giugno2011(protocollon.21.132),aseguito dellacomunicazionedapartedell'A.r.p.a.c.dell'esitofavorevoledelleanalisi; episodiinquinantiedeffrazionidegliimpiantididepurazionelocali,chehannocausatoeventi dallaportatadisastrosa(regolarmentedenunciatidacittadiniedassociazioniallaGORIS.p.A. gestioneottimalerisorseidriche,aglienticomunali,alleforzedivigilanza),siverificanosenza sostadaoltreundecennio,inparticolarenelleareemarineantistantiipiccoliimpiantidi depurazione,comeMarinaGrandeoPuntaGradelleaSorrento; nelfebbraio2011,ungrossosversamentodiliquamiscuristatoavvistatoaPuntaGradelle,sulla costadiSorrento.AgiudiziodelGORIS.p.A.unadellegrigliechedovrebberotrattenerele particellepigrandi,equindiproteggerelacostaalmenodalmacroinquinamento,sarebbe risultatamalfunzionanteescarsamentesottopostaamanutenzione; nelluglio2011,l'A.r.p.a.c.haregistratolacattivafunzionalitdeldepuratorediMarinaGrande.Le analisi,effettuatedall'AgenziaperlaprotezioneambientaledellaCampania,hannoevidenziato cheloscaricodeldepuratorenonrientraneilimitiperscarichiinacquesuperficialiperil parametroEscherichiaColi; il10luglio2011,comeriportatodadiversiorganidistampanazionalielocali,un'ampiachiazza neraedalfortissimoodoreacrestataavvistataneipressidellosboccodell'alveoPollena,trai moli54e55delportocommercialediNapoli.Adogginonsonoancoranotelanaturaela provenienzadeiliquami,mailrischiodiunaintossicazionealto,specieconsiderandoilricovero diduemarittimipernausea,vomitoefortebrucioreagliocchi,avvenutoimmediatamentedopo l'essersiavvicinatiallachiazzascura; evidentechedettasituazionecostituiscepericolo,oltrecheperl'ambiente,ancheperlasalute deicittadinieconseguentementesipongonoseriinterrogativisullaqualitsullacommestibilit delpescato; viene,inevitabilmenteegravemente,lesal'immaginedelgolfodiNapoli,dellesueisoleedella penisolasorrentinainItaliaedall'estero,compromettendoilturismolocale,condrammatiche conseguenzeeconomicheedoccupazionali; adavvisodell'interrogante,glienticheeffettuanoilcontrollodellaqualitdelleacquerisultano troppospessoincliniagiudizitaloraprividelnecessariogradodiapprofondimento,pocoobiettivi neiconfrontidelleamministrazioniche,perevitarericaduteimpopolarienegativesullaloro immagine,nonpongonoilnecessariodivietodibalneazioneinalcuneareemarineseriamente compromessedall'inquinamento; siricordache,secondoquantoriportatosulsitoistituzionaledell'A.r.p.a.c.,leregolevigenti prevedonoalmenounprelievoalmese,perciascunodeipuntidelmonitoraggio.Taliprelievi dovrebberoessereeffettuati,agiudiziodell'interrogante,pispesso,specieinestate,inmaniera casualeesoprattuttoindiversimomentidelgiorno,inquantolaqualitelapuliziadelleacque 24

sonosoggetteallecorrentimarine,checambianonelcorsodellagiornata,portandoarisultati diversi,anchenell'arcodelle24ore: sesiaaconoscenzadellasituazionesopradescrittaequaliiniziativedicompetenzaintenda assumeredifronteaquestanuovaegravissimaemergenza,chesembraprefigurareunveroe propriodisastroambientale,ancheesoprattuttoinconsiderazionedell'inadeguatezzadegli interventipostiinesseresulterritorio; sesiintendanodisporrecontrolli,ancheperiltramitedelComandoCarabinieriperlatutela dell'ambiente,peraccertarelaqualitdegliscarichisegnalatiovverolatipizzazionedeiliquami (codiceC.E.R.)perpotervalutarel'entitdeldannoambientaleallafloraeallafaunadelsito, nonchleripercussionisullasalutedeicittadini; senonsiritengaopportunopromuovereunacollaborazionepistringenteGuardiacostiera, carabinieri,guardiadifinanzaepoliziadiStatoeA.r.p.a.c.perunapiintensaattivitdivigilanza, soprattuttonelleareeincuisisospettanoscarichiillecitidimaterialeinquinante; seintendapromuovereogniiniziativadicompetenzaattaadimpedireilperpetrarsiditale continuoeripetutostatodiminacciaall'ecosistemamareedallasalutestessadeicittadinidella penisolasorrentina,cherischianodivederedefinitivamentecompromessoanchelostessosistema produttivolegatoalturismo. (412654) SOLLECITOIL05/10/2011SOLLECITOIL18/04/2012 AssistenzaSlaCampania Interrogazionearispostascritta412976 presentatada ANTONIOPALAGIANO mercoled3agosto2011,sedutan.512 PALAGIANO. AlMinistrodellasalute. Persaperepremessoche: laterapiadomiciliare,moltospesso,laprincipaleformadiassistenzasanitariaperipazienti affettidagravipatologieneurodegenerativequalilasclerosilateraleamiotrofica(SLA),specieper colorochesitrovanoinunostadioavanzatodellamalattia; inItalia,gliaffettidaSLA,sonocirca5.000,con1.000nuovediagnosiall'anno.Ilnumero,tuttavia, approssimativopoichnonstatomaiistituitonelnostroPaeseunregistrodeimalatidiSLA.Da anni,ormai,questepersonechiedonolarevisionedeilivelliessenzialidiassistenza(LEA)edel nomenclatoretariffario,fermoal1999,cosdapoterricevereun'assistenzasanitariadegnadi questonome; ilserviziodiassistenzaperimalatiaffettidagravipatologiedelsistemaneuromuscolare,come appuntolaSLA,sonomoltodiversedaregionearegione,esoloinalcuneesistonocentrieforme diassistenzaefficienti; 25

inCampania,adesempio,l'assistenzaagliaffettidaSLAtuttoraamacchiadileopardoe, soltantopochimesifa,statoistituitountavolotecnicoregionalesullaSLAchehal'obiettivodi attivareleprocedureutilidiaccompagnamento,verificaemonitoraggiodell'attuazionedel percorsodiassistenzaaicittadiniaffettidaquestatremendapatologia.Nonostanteci, l'assistenzasanitariaperquestipazienti,ognigiornopiarischio; nelmaggiodel2011,aCaserta,secondoquantoriportatodaalcunetestategiornalistiche,un ragazzodi14anniaffettodaSLAgiovanileharischiatodiperderel'assistenzasanitaria, indispensabileperlasuasopravvivenza,poichl'Aslhadichiaratodinonaverepifondiper pagarelastrutturacheerogavaiserviziedinonpossedereleattrezzatureelerisorseumaneper potercurareilgiovanepaziente; stessasorterischianoipazientiaffettidaSLAcheusufruisconodeiserviziedell'assistenzadellaAsl Napoli3Sud.Dal1ogennaio2011,infatti,glioperatoridelprogetto,medici,infermierieoperatori sociosanitarichesioccupanodell'assistenzaperimalatidiSLA,nonricevonolespettanze dall'aziendacompetente; questasituazione,secondoquantoappresosiadafontipubblichesiaattraversosegnalazioni pervenuteall'interrogantedaifamiliaridialcunideipazientiarischio,potrebbesfociare,dal correntemesediagosto,nellasospensionedelserviziodiassistenzadomiciliareaseguitodiuna formadiprotestache,seppurlegittima,potrebbeaveregraviripercussionisuicircatrentapazienti chenecessitanodelleterapiepressolapropriaabitazione.Questisitrovanoinunostadiomolto avanzatodellamalattiaelamancataprestazionedeglioperatorisanitaripotrebbeprovocareun aggravamentodellecondizionidivitaelacompromissioneirreversibiledeiparametrivitali: se,nell'ambitodellepropriecompetenze,intendaavviareconurgenza,coscomestabilitodaun ordinedelgiornoaprimafirmadell'interroganteaccoltodalGovernoindata12luglio2011,una efficaceattivitdicensimentoemonitoraggioalfinediconoscerel'esattonumerodipazienti affettidaSLAeacquisireelementisullerealicondizionidiassistenza,anchedomiciliare,presenti nellaregioneCampania,coscomenellealtreregioniitaliane,stabilendoanchedeiservizidi assistenzaobbligatoria; qualesial'entitdeifondiperl'assistenzaaimalatidisclerosilateraleamiotroficanellaregione Campaniaecomelaregioneutilizzitaliimportantirisorse,atteatutelareumicamentelasalutedi cittadiniaffettidaunmalealtamenteinvalidanteconsiderandochelasanitcampana sottopostaacommissariamento; se,nell'ambitodellepropriecompetenze,ilMinistrointendaprocedereall'immediato aggiornamentodeilivelliessenzialidiassistenzaediconseguenzadelnomenclatoretariffario,al finediassicuraretralealtrecoseun'adeguataassistenzaagliaffettidasclerosilaterale amiotrofica,alleviandolelorosofferenzeeassicurandoglileadeguatetecnologiepercomunicare conl'esterno,garantendolorounaqualitdellavitapidignitosa. (412976) SOLLECITOIL13/09/2011SOLLECITOIL18/04/2012

13.09.2011
26


NewsdalParlamento

InterrogazioneParlamentare:Assistenzaaipazienti affettidaSLA
L'onorevolePalagianochiedealMinistrodellaSalutese intendaavviareun'attivitdicensimentoemonitoraggioper "conoscerel'esattonumerodipazientiaffettidaSLAe acquisireelementisullerealicondizionidiassistenza,anche domiciliare,presentinellaregioneCampania,coscome nellealtreregioniitaliane,stabilendoanchedeiservizidi assistenzaobbligatoria". Ilfirmatariodomanda,inoltre,"qualesial'entitdeifondi perl'assistenzaaimalatidisclerosilateraleamiotroficanella regioneCampaniaecomelaregioneutilizzitaliimportanti risorse",e,infine,seintendaaggiornareilivelliessenzialidi assistenzaeilnomenclatoretariffario,perassicurare "un'adeguataassistenzaagliaffettidasclerosilaterale amiotrofica,alleviandolelorosofferenzeeassicurandoglile adeguatetecnologiepercomunicareconl'esterno, garantendolorounaqualitdellavitapidignitosa".
PuntaCampanella Interrogazionearispostascritta413556 presentatada ANTONIOPALAGIANO mercoled12ottobre2011,sedutan.533 PALAGIANO. AlMinistrodell'ambienteedellatuteladelterritorioedelmare,alMinistrodell'interno,al Ministrodelleinfrastruttureedeitrasporti. Persaperepremessoche: 27

il12dicembre1997,condecretodelMinisterodell'ambienteedellatuteladelterritorioedel mare,venivaistituital'areanaturalemarinaprotettadenominataPuntaCampanellaaisensi dellaleggequadrosulleareeprotette6dicembre1991,n.394; questaareainteressalafasciacostieradeicomunidiMassaLubrense,PianodiSorrento,Positano, Sant'Agnello,SorrentoeVicoEquense.Ildecretodel1997,quindi,difatto,riconosceilvalore naturalistico,paesaggisticoestoricodiquestazonaelasottoponeatutela; leareemarineprotette(AMP)sonodefinitecomeambientimarinicostituitidaacque,fondalie trattidicostachepresentanounrilevanteinteresseperlelorocaratteristichenaturali, geomorfologiche,fisicheebiochimiche(articolo25dellaleggedidifesadelmaren.979del 1982); l'areamarinaprotettadiPuntaCampanellasuddivisaintrezonechesidistinguonoperlivelli diprotezione,divietieattivitconsentite.InparticolarelazonaAquellaariservaintegrale,la zonaBquellaariservagenerarleelazonaCchequellaariservaparziale; dellazonaAfannoparte,leareecircostantiloscogliodiVetarael'areacircostanteloscoglio Vervece(dettoanchescogliodellaMadonnina).Proprioquest'ultimazonastataprotagonistanei giorniscorsidiungraveepisodiodivandalismo; daunarticoloapparsosuIlMattinodel2ottobre2011,siapprende,infatti,cheoltreun chilometroemezzodiretedapesca,probabilmentegettatadapescatoridifrodo,stataavvistata esequestratapressoloscoglioVervece,nonsenzaperavergicausatodanniconsistenti all'ecosistemadell'area.Inparticolarenellareteeranointrappolatidentici,barracuda,scorfanie altrespeciechenegliultimiannihannoripopolatoilParcopropriograziealconsistentelavoro dell'enteeaivincoliimpostidallanormativacheregolamentaleareemarineprotetteedin particolarel'areadiPuntaCampanella; quellodel2ottobre,per,solamenteunodeitantiepisodidiinciviltcheinteressanol'areae puessereconsiderato,purtroppo,lapuntadiuniceberg; ifenomenicriminalinelleacquediPuntaCampanellasonomoltissimienegliultimitreannisono stateinoltrateall'autoritgiudiziaria,soloperquantoconcernel'abusivaraccoltadidatteridi mare(specielithophagalithophaga)18informativedireato;sonostatedenunciate24persone, notificatesanzioniamministrativepercentinaiadimigliaiadieuroesequestrateattrezzature qualiretidapesca,bombole,martelli,muteedattrezzaturesubacquee,battellienatantida diportoperdecinedimigliaiadieuro; moltiarticolidistampa,dal2005adoggi,segnalanoepisodianaloghi,chehannointeressatol'area diPuntaCampanellacompromettendonel'incolumitelabellezza.Dituttiquestiepisodii protagonistisonospessopescatoridifrodo; il22dicembredell'anno2010duranteun'operazionedipoliziasonostatirinvenuti,inorario notturno,inundepositodelcentrostoricoportualediTorreAnnunziata,ben500chilididatteridi mare.Uncosconsistentequantitativostatointerpretatocomeilsegnochel'accumuloillegaledi datterierainattogidaqualchemeselungolecostesorrentine,considerate,inambitonazionale, 28

unveroeproprioluogoadenominazionedioriginecontrollatadelricercatomollusco.Va sottolineatochelapescadeldatteronondanneggiasololaspeciestessamaarrecaundanno irreparabileall'ecosistemamarinoinquantolapescaditalemolluscocomportaladistruzionedi cospicuesuperficidisubstratorocciososededelbenthosvegetaleeanimale; lacaratteristicaprincipaledegliattisegnalati,quelladiavvenireperlopinelleorenotturne (dalle20alle8)e,inparticolare,nellastagioneinvernale,periodoincuiaumentanodecisamente ladomandaedilprezzodelpescato,invogliando,diconseguenza,ipescatoridifrodoadagire indisturbatiinun'arearicchissimadirisorseittiche,anchepregiate; unodeiprincipaliincentiviagliattidifrodepropriolamancanzadivigilanzanelleorenotturne. LacapitaneriadiportodiCastellammarediStabia,competenteperilcontrollodell'areaprotettadi PuntaCampanella(oltreche,benericordarlo,delleareemarineprotettediBaiaeGaiola,di unazonadiprotezionespecialefondalimarinidellapenisolasorrentinaediunazonaditutela biologicaqualequelladelbancodiSantaCroceaVicoEquense)nonpu,infatti,prevedere controlliinorarionotturno; lacapitaneriadiportodiCastellammarehasempreavuto,almenofinoal2009,ladisponibilit diurnadiduemotovedetteedalmenodiunamotovedettaperleorenotturne,conun'operativit inmateriadisalvataggio,ricercaesoccorso,maanchedipoliziamarittimaetuteladellecostedel 100percento.Adecorreredallasecondametdel2009,per,c'statoundrastico ridimensionamentodellerisorsechehatagliatomezziinparticolare,unamotovedettaerisorse umane; adoggi,solamentelacapitaneriadiportodiCapridisponediunaunitnavaleperilcontrollo dell'areanelleorenotturne,mapuessereutilizzataesclusivamenteperragionidiricercae soccorsodellavitaumanainmare,nondipoliziaevigilanzamarittima,equindiditutela ambientaledell'area; considerandoquantoespostoevidente,inoltre,che,spesso,nonpossibileneppureverificarela veridicitdisegnalazionidieventualireatimarittimiincorso,congrandesoddisfazioneea vantaggiodipredoni,piratiecontravventorichehannopercepitodatempoquestagravelacuna operativa; sievidenzia,quindi,unagravecarenzadeicontrollinelleorenotturnesiad'estateched'inverno chepotresserecolmatasoloattraversouninvestimentoeconomicochepossapermetteredi migliorareedincrementarerisorsetecniche(unitnavali)edumanealfinedinonvanificareil lavoroditutelaeriservadell'area: seilGovernosiaaconoscenzadiquestasituazioneequaliiniziativeintendaintraprendereaffinch leareemarineinparticolarequelladiPuntaCampanellasianomaggiormentetutelateenon perdanolepeculiaritperlequalisonostateistituite; senonsiintendaprevedere,nell'areamarinadiPuntaCampanellauncoordinamentotrale unitnavalidellacapitaneriadiporto,deiCarabinieri,dellaPoliziaedellaGuardiadifinanzaalfine digarantireuncontrolloedunsistemadisorveglianzapistringentineimesiinvernaliepertutte le24oredellagiornatacontrolapescadifrodo,alfinedinonvanificareillavorodell'enteparcoe diassicurarelatutelapaesistica,ambientaleedelpreziosopatrimonioflorofaunisticodellazona; 29

senonintenda,comunque,prevederemaggioriinvestimentieconomiciedumaniperillavoro dellacapitaneriadiportodiCastellammarediStabia,considerandoancheinumerosisitiedaree protettechericadononellecompetenzediquestoorgano.(413556) SOLLECITOIL18/04/2012

13/10/2011

PENISOLASORRENTINA: AMBIENTE/PALAGIANO(IDV)TUTELARE LAREAPROTETTADIPUNTA CAMPANELLA.


TroppisonogliepisodidivandalismocheavvengononellebellissimeacquediPuntaCampanella, in Penisola Sorrentina, e che ne compromettono, irrimediabilmente, lecosistema e le bellezze florofaunistiche.IcontrollidapartedelleAutoritprepostesono,purtroppo,insufficientiesono convinto che sia dovere del Ministero dellAmbiente, potenziarli efficacemente. Lo dichiara lOn.Antonio Palagiano, deputato IDV, nel depositare uninterrogazione (allegata di seguito)sui problemidellareamarinaprotettadiPuntaCampanella.

LaCapitaneriadiPortodiCastellammarediStabia,oltreadavereunambitodicompetenzamolto ampio,nonpudisporre,acausadeidrasticitaglieconomicidegliultimianni,dimezzierisorse umanechegarantiscanoilcontrollonotturnodellareaprotetta,mentrepropriodinottechesi mettono a segno gli episodi pi gravi di pesca di frodo o lestrazione di datteri di mare, che sfregianoedeturpanoirreparabilmentelecosistemamarino.AcosaserveproseguePalagiano la sorveglianza del Vervece o della baia di Jeranto nel solo mese di Agosto, mentre le nostre perle restano prive di sorveglianza durante il periodo invernale e soprattutto nelle ore notturne?. LoStatohaildoverediinvestireperlatuteladelnostroambienteedellebellezzenaturalistiche del nostro Paese e di arginare i fenomeni atti a distruggere tali patrimoni. Per questo ho interrogatoilMinistrosuqualiiniziativeintendaintraprendereaffinchquesteareemarinesiano maggiormente vigilate e realmente protette e, soprattutto conclude il deputato Idv su cosa 30

intenda fare per potenziare i controlli messi in atto dalla Capitaneria di Porto e dagli atri organi demandati
14/09/2012

Tuteladell'AreaMarina,l'OnorevolePalagianosiimmergealVervece
IlParlamentaredell'IDVinsiemealParcoeallaCapitanerianeifondalidelloscogliodellaMadonnina,zonaditutela integralepresadimiradaidatterari.IlPresidentedellaRiservamarina:"Ringraziamol'OnorevolePalagianoper l'attenzioneesperiamochepossacontribuirearisolvereilproblema"

L'OnorevoleAntonioPalagianosiimmergerneiprossimigiorninelleacquedelVervece(zonaAdelParcoMarinodiPunta Campanella)persensibilizzareministeroeistituzioniromaneversounamaggioretuteladellAreaMarina. AbordodelGozzo"PuntaCampanella"indotazionealParco,ecircondatodasubprofessionistiedellaCapitaneriadiPorto,il parlamentaredell'IDVpotrverificaredipersonaidannicausatiinquestimesidaidatterari,edenunciatiapiripresedalParco Marino,suifondalidellosplendidoscogliodellaMadonnina,famosoperleimmersionieirecordinapneadiMaiorcaeper l'esplosionedibiodiversitdegliultimianni.Palagiano,appassionatosubacqueo,sieragioccupatodell'AreaMarinaProtettacon un'interrogazioneparlamentareeunavisitaalParcoinsiemeaiverticidellaRiservaMarinachedaanniormaidenuncianol'assoluta mancanzadifondieitaglidevastantiportatiavantiprimadaTremontieoradalgovernotecnico. "Siamomoltocontentichel'OnorevolePalagianosiinteressiseriamentealproblemadellatuteladell'AreaProtettaspiegail PresidentedelParco,DavideGargiuloCiauguriamochelasuainiziativapossatrovareascoltoesoprattuttorisposteconcreteda partedelgovernoedelministerodell'Ambientegisollecitatidanoiripetutamenteinquestianni". NegliultimimesisiregistratounincrementodelleattivitdeidatterarinelParcoesoprattuttoalVervece,attivitillecitache statasegnalataedenunciataconforzadall'AreamarinaProtettaechehaportatoadimportantioperazionidipoliziamarittimada partedellaCapitaneriadiPortoedeiCarabinieri.Centinaiadichilididatterisequestrati,oltreadimbarcazionieattrezzature,epi didiecipersonedenunciate.Malalottacontroipiratideifondalicontinuaeperdebellareilfenomenoservonorisorseemezziche oranoncisono.Inquest'otticasisperachel'ottimainiziativadell'OnorevolePalagianopossaportarerisultatierisposteimportanti dapartedelleistituzioninazionali.

31

32

33

34

35

DepuratoreMarinaGrande Interrogazionearispostascritta414481 presentatada ANTONIOPALAGIANO gioved12gennaio2012,sedutan.569 PALAGIANOeANIELLOFORMISANO. AlMinistrodell'ambienteedellatuteladelterritorioedelmare,alMinistrodellasalute. Persaperepremessoche: nelcomunediSorrento,localitMarinaGrande,sitoinviadelMaren.33unimpiantodi depurazionegestitodallaGORISpa(percontodell'ented'ambitoSarneseVesuviano)autorizzato dallaprovinciadiNapoliaimmetterenelmareirefluidepurati; dettoimpianto,secondoquantotestualmenteindicatonelsitoistituzionaledellaG.o.r.i.S.p.a. (http://www.goriacqua.com/ViewDocument.aspx?catid=a7cd4429 fcaf4696b3c0ec8de445410c&docid=73f588 754b6242c19908e6ba3f46393c)statoconsegnatoaGORInel2003inunacondizionedi inefficienza,comeampiamentedocumentatonellesediistituzionali.GORIhadatoefficienza all'impianto,secondoiseguentistepoperativi:puliziadivascheeapparecchiatureabbandonate, all'internodellequalieracresciutaunafoltavegetazione,aseguitodell'usoimpropriocome depositodifanghi;ripristinodellafunzionalitdelleapparecchiatureelettromeccanicheasservite alciclodidepurazioneemessaanormadell'impiantisticasecondolanormativavigentesulla sicurezzasullavoro;riconversionedelcicloditrattamentodell'impiantodachimicofisicoa biologicoafanghiattivi;nel20062007,tramitegarapubblicaconilsistemadell'appaltoconcorso, sonostatiportatiatermineilavoridiraddoppiodellelineeditrattamentoedadeguamento normativodelloscaricodell'impiantodidepurazione,conlarealizzazionediunalinea supplementareperiltrattamentobiologicoconinnovativosistemaMBBR(MobileBiologicalBad Reactor).Intalmodosimessoincondizionel'impiantodirispondereadeguatamenteancheai sovraccarichidiinquinantiinarrivoneiperiodidimaggiorflussoturistico.Aseguitodituttigli interventieseguitidaGORInelcorsodellagestioneedescrittisinteticamente,dal2007loscarico dell'impiantoregolarmenteautorizzatodallaProvinciadiNapoli,autoritprepostainmateria (decretolegislativo152/06ess.mm.ii.),adimmetterenelmare;irefluidepuratied,quindi, assoggettatoacontinuicontrollidapartedell'ARPACearigideprescrizionitecnico amministrative.; nell'anno2011,nellospecchioacqueoantistanteilborgodiMarinaGrandestatoordinatoil divietodibalneazionebenduevolte,conordinanzesindacalin.192del19aprile2011(protocollo n.14.366),revocatoindata17maggio2011(protocollon.17.652),en.29.717del20agosto2011, successivamenterevocato; indata12luglio2011statapresentatadall'interroganteun'altrainterrogazioneparlamentare(n. 4/12654)indirizzataalMinistrodell'Ambienteedellatuteladelterritorioedelmare,riguardante lostatodiinquinamentodelleacqueall'internodelGolfodiNapoli,edanchedellospecchio acqueodiMarinaGrande; danumerosiarticolidistampa,locale(ilsettimanaleAgoroilquotidianoonlinePositanonews)e 36

regionale(iquotidianiMetropoliseCorrieredelMezzogiorno),emergeunasituazionediforte disagiodapartediresidenti,titolaridiesercizicommercialieattivitturistico/ricettive,dellearee circostantil'impiantodidepurazione,chelamentanolapresenzadiodorinauseantie insopportabili,specieinalcuniperiodidell'anno,eparticolarmentenellastagioneestiva,dicuinon siconosconolecause; indata5gennaio2012,l'avvocatoGiovanniAntonettihapresentatounadettagliatanotaalla procuradellaRepubblicadiTorreAnnunziata,corredatadaundossierdicirca400pagine, comprendenteitabulati,edocumenticorrelati,delleanalisidelleacque,effettuatinellospecchio acqueodiMarinaGrande,relativiall'impiantodidepurazioneinoggetto,effettuatenegliultimi5 anni(20072008200920102011),dapartedell'Arpac; nonostantelerichiested'incontro,dapartedellostessoAntonetti,inviateamezzofaxneimesidi settembreedottobre2011,conirappresentantieresponsabilid'areadellaGoriS.p.a.,soggetto gestoredell'impiantoinparola,aventiadoggettoleproblematicheinnanzievidenziate,atutt'oggi nongiuntoalcunriscontro: seiMinistriinterrogatisianoaconoscenzadellasituazionesopradescrittaecomeintendano intervenireperquantodicompetenzaalfineditutelarelasalutepubblicadeiresidentidellazona, epreservarelasalubritdell'ambientecircostanteedelleacqueantistantil'areainparola; senonsiritengadiinviareun'ispezionedelComandodeicarabinieriperlatuteladell'ambiente pressoildepuratoresitoinlocalitMarinaGrande.(414481) SOLLECITOIL09/07/2012

BALNEABILITAINPENISOLA SORRENTINA, PALAGIANO(IDV)INTERROGA MINISTROAMBIENTE


LUGLIO15,2011GAETANO.MILONE

PenisolaSorrentina,inquinamentodelmareesalutedeicittadini:interrogazioneparlamentaredellOn. Palagiano(Idv)alMinistrodellambienteedellatuteladelterritorioedelmare.

37

IlDeputatocampanodellItaliadeiValori,AntonioPalagiano,ResponsabileNazionaleSanitdelpartitoe riferimentodellalocalesezionediSorrento,hapresentato,nellasedutadellaCameradeiDeputatitenutasi ilgiorno12luglio2011,interrogazioneparlamentare(n.4/12654,Sedutan.499)indirizzataalMinistro dellAmbienteedellaTuteladelTerritorioedelMare,riguardantelostatodiinquinamentodelleacque allinternodelGolfodiNapoli,nonchnellaCittdiSorrento. Indata21luglio2009,linterrogantehapresentatouninterrogazionearispostaimmediatainAssemblea, aventeadoggettoladrammaticasituazionedellinquinamentonelgolfodiNapoli,edinparticolarenella zonadellacostierasorrentinasileggenellinterrogazionepresentatadallOn.Palagianoatuttoggila situazionepressochinvariata,senonaddiritturapeggiorata,comesievincedallecontinuedenuncedella stampanazionaleelocaleedallosversamentodelpercolatonelgolfodiNapoli,segnalatonumerosevolte dalWWFCampania.. Vengonoquindidettagliatamenteespostiisingolieventiinquinantiverificatisinelcorsodellanno 2011inPenisolaSorrentina,inaggiuntaallelencazionedelleordinanzesullabalneazioneemessedal ComunediSorrentoEpisodiinquinantiedeffrazionidegliimpiantididepurazionelocali,chehanno causatoeventidallaportatadisastrosa(regolarmentedenunciatidacittadiniedassociazioniallaGORI S.p.A.gestioneottimalerisorseidriche,aglienticomunali,alleforzedivigilanza),siverificanosenzasosta daoltreundecennio,inparticolarenelleareemarineantistantiipiccoliimpiantididepurazione,come MarinaGrandeoPuntaGradelleaSorrento;nelfebbraio2011,ungrossosversamentodiliquamiscuri statoavvistatoaPuntaGradelle,sullacostadiSorrento.AgiudiziodellaGORIS.p.A.unadellegriglieche dovrebberotrattenereleparticellepigrandi,equindiproteggerelacostaalmenodalmacroinquinamento, sarebberisultatamalfunzionanteescarsamentesottopostaamanutenzione;nelluglio2011,lA.r.p.a.c.ha registratolacattivafunzionalitdeldepuratorediMarinaGrande;leanalisi,effettuatedallAgenziaperla protezioneambientaledellaCampania,hannoevidenziatocheloscaricodeldepuratorenonrientranei limitiperscarichiinacquesuperficialiperilparametroEscherichiaColi.SichiededisapereconcludelOn. Palagianosesiintendanodisporrecontrolli,ancheperiltramitedelComandoCarabinieriperlatutela dellambiente,peraccertarelaqualitdegliscarichisegnalatiovverolatipizzazionedeiliquami(codice C.E.R.)perpotervalutarelentitdeldannoambientaleallafloraeallafaunadelsito,nonchle ripercussionisullasalutedeicittadini;senonsiritengaopportunopromuovereunacollaborazionepi stringenteGuardiacostiera,carabinieri,guardiadifinanzaepoliziadiStatoeA.r.p.a.c.perunapiintensa attivitdivigilanza,soprattuttonelleareeincuisisospettanoscarichiillecitidimaterialeinquinante. GrandesoddisfazioneesprimeancheilreferentelocaledellIdvaSorrento,lavv.GiovanniAntonetti,che allindomanidellarecenteaperturadellastagionebalneareavevasegnalatoilproblemaeperquestoera statoduramenteattaccatodalSindacodiSorrentoche,dallecolonnedelquotidianoIlMattinoparlavadi attaccosferratodachiincercadivisibilit,ediunmaldestrotentativodiinfangareilbuonnomedi Sorrentoconunanotiziainfondata.. AllalucedellenuoveanalisidellArpacmisembracheilproblemaesista,oltreadesserechiareedevidenti sottogliocchidituttilechiazzeschiumoseinmareaffermaAntonettiNonserveanullainfilarelatesta sottolasabbiaometterelapolveresottoiltappetoecontinuareasostenerelinsostenibile;sesiavessero veramenteacuorelesortiedilbuonnomedellanostraSorrento,invecedigongolarsinellannunciarela discutibilebalneabilitdellenostrecostesarebbepicoerenteindignarsiperlostatodisalutedellenostre acquechesottogliocchiditutti.Acquesemprepiutorbideeschiumose,anchepeggiodellannoscorso incalzalavvocatodipietristaE,attenzione,lIdvnonstasostenendochelacolpasiasua.Seilmare inquinatoinpraticatuttoilgolfovuoldirechecoesistonomoltepliciconcausesullequaligialavorola ProcuradiTorreAnnunziataequelladiSantaMariaCapuaVetere.PertantoilSindacosipreoccupidi completareleoperedisuacompetenzaecidiapiuttostounamanoascovarechi,impunementeed incoscientemente,continuaadattentarelasalutedeicittadinisorrentini.

VillaTritone(trasformatainQTinCommissioneCultura) Interrogazionearispostascritta414996 presentatada 38

ANTONIOPALAGIANO luned20febbraio2012,sedutan.588 PALAGIANO,DIPIETROeZAZZERA. AlMinistroperibenieleattivitculturali,alMinistrodell'economiaedellefinanze. Persaperepremessoche: negliultimigiorni,medianazionalielocali,riportanolanotiziadell'alienazionediVillaaTritone aSorrento,l'immobilepiprestigiosodellacitt,chesorgeapiccosulGolfodiNapoli; lavillacomprende12.000metriquadratidipropriet,inclusiirestidiunavillaromanaeuna collezionedimaterialiarcheologicicon145repertidettagliatamentedescrittinell'elencoallegato aldecretoemessodalMinisteroperibenieleattivitculturalichelihadichiaratidieccezionale interessestoricoearcheologico; questameravigliosavillacostituisceuncaposaldodellastoriadellapenisolasorrentinaedella Repubblicaitaliana;incarnazionedelmitodellesireneeleggendariadestinazionedelpoeta Ovidio,poi,pirecentementemetadipellegrinaggiodiTorquatoTasso,nonchsedeedimora, neglianni,dipolitici,letterati,storiciefilosofitraiqualimeritanoesseresegnalatiPalmiro TogliattieBenedettoCroce,cheviabitdal1943al1945; daglianni70lavilla,dettaanchevillaAstor,residenzadiunafamigliadiricchiarmatori sorrentini,chel'hannogestitaenehannocuratolamanutenzionepertuttiquestianni,mache oggihannodecisodialienarequestoimportantepezzodelpatrimonioculturalediSorrento, vendendoloadunafamigliarussa; inparticolare,conattopubblicodicompravenditaricevuto,indata19gennaio2012,lostorico complessoimmobiliarestatovendutoperilprezzocomplessivodieuro35.320.000,00aduna famigliarussa.Unaciframoltoelevata,sullacuiprovenienzanecessarialamassimatrasparenza, ancheinbasealdecretolegislativon.231del2007esuccessivemodificazioniointegrazioni; inragionedell'apposizionedelvincolostoricoarcheologicosudetterisorsemobiliaried immobiliari(traglialtricondecretoministeriale19marzo1993),lavenditastatasubordinata,ai sensidegliarticoli60eseguentideldecretolegislativo22gennaio2004n.42,allacondizione sospensivacostituitadalmancatoeserciziodapartedelMinisterocompetenteodell'entelocale, provincialeoregionaleinteressato,deldirittodiprelazione,comunicatocondenunciadi trasferimento,ricevutadallostessoindata25gennaio2012,conscadenzanei60giornisuccessivi, inquestocasoil25marzo2012; inquestistessigiorni,un'altraperladellapenisolasorrentina,immortalataintuttelestampe ottocentescheeneidipintideipigrandiartistiitalianiilcomplessodenominatovallonedei Mulinistatooggettodicontrattopreliminaredicompravendita; questositol'unicoVallone(ivallonieranoutilizzatiperindicareiconfinitraunpaeseel'altro dellapenisolasorrentina)rimastoancorainbuonecondizioni,conlapossibilitdiosservareiresti dell'anticomulinodacuiilnome,qualcheoriginariaabitazioneeunasplendidavegetazione, proprionelpienocentrostoricodiSorrento; 39

dall'esamedeipubbliciregistriipotecariecatastali,risultaesserestatostipulato,indata23 dicembre2011(etrascrittoil20gennaio2012ainumeri3.114/2.609),uncontrattopreliminaredi compravendita,ricevutodalnotaioGiancarloIaccarino,diMassaLubrense(Napoli),conilquale MarianoPontecorvo,giassessoreailavoripubblicidelComunediSorrento,siobbligatoad acquistare,entroilterminemassimodel30ottobre2012,dagliattuali8comproprietari,eredied aventicausadellafamigliaMathieu,ilcomplessoimmobiliaresitoinSorrento,localitallaRupe VallonedeiMulini,compostoda8particelle,tutteriportatenelcatastoterreni,perun'area complessivadi4.550metriquadri,oltreilfabbricatogiadibitoamulino; nellamenzionatanotaditrascrizionesispecifica,inoltre,chel'interocomplessoimmobiliare statodichiaratodiinteresseculturaleparticolarmenterilevantedalMinisteroperibeniele attivitculturali,aisensidellalegge11giugno1922,n.778,esuccessivimodificazionie integrazioni,condecretoemessoindata8novembre1927,epertantovienespecificatochel'atto definitivodivenditaverrdenunciatoalMinisteroesarpresentatoalSoprintendentedelluogo ovesitrovailbene,alfinediconsentirel'eserciziodeldirittodiprelazionedapartedellostesso, ovverodeglientiterritorialiinteressati,valeadireregioneCampania,provinciadiNapolie comunediSorrento; lasalvaguardiadeimenzionaticomplessiimmobiliari,storicienaturali,villaTritoneevallone deiMulini,riguardanonsololapubblicafruizionediquestisplendidisiticulturali,dapartedei cittadinisorrentini,campanieditaliani,maanchelaproduttivitdell'interocompartoturistico ricettivodellapenisolasorrentina,chepotrebbeannoveraredettabellezzatraleareedirilevante interesseculturale: sesiailGovernoaconoscenzadellasituazionesopradescrittaeseintendaesercitare, relativamenteall'interooapartedelcomplessoimmobiliareVillaTritone,edentroiltermine massimodel25marzo2012,ildirittodiprelazioneaisensidegliarticoli60esuccessivideldecreto legislativo22gennaio2004n.42; sesiapossibileaccertare,inbaseaquantoprevistodallanormativaitalianasull'antiriciclaggio (decretolegislativon.231del2007esuccessivemodificazioniointegrazioni),laprovenienzadel denarorelativoall'ingentetransazioneeconomicaconcernentelavenditadelprestigiosobene immobiliare,alfinedievitareundannoulteriorealpatrimoniodellapenisola; seequaliiniziativesiintendanoadottarealfinediesercitare,perl'interooperpartedel complessoimmobiliarevallonedeiMulini,tenendocontodellafuturaricezionedellarelativa denunciaditrasferimento,ildirittodiprelazioneprevistodalgimenzionatodecretolegislativon. 42del2004; qualiiniziativesiintendano,comunque,adottarealfinedievitarecheisuccitatipatrimoni immobiliari,storiciedarcheologicidiSorrento,venganoabbandonatiototalmenteprivatizzati, invecedicostituiresitidirilevanteinteressepericittadiniituristi,diprovenienzanazionaleed internazionale,equaliiniziativesiintendanoavviareperconsentirelavalorizzazioneelapubblica fruizionedeglistessisiti,anchesottoilprofiloculturaleeturistico.(414996) RITIRATOIL27/02/2012CONCLUSOIL27/02/2012 Beniculturali,VillaTritoneaSorrento.Idv,MinisteroperibeniAmbientalieCulturali rivendichilaprelazione. 40

Unarichiesta,affinchilMinisterodeiBeniArtisticieCulturaliesercitiildirittodiprelazionesulla venditadiVillaTritone,aSorrento,giungedalleaderdell'ItaliadeiValori,AntonioDiPietro,e daldeputatocampano,AntonioPalagiano,cheoggihannodepositatoun'interrogazione parlamentaresullavicendafirmataanchedaPierfeliceZazzera,capogruppoIDVinCommissione CulturaallaCamera. E'notiziadiquestigiornidiconoinunanotaDiPietroePalagianol'ennesimaalienazionediuno deipatrimonipiprestigiosidellaCampania,nellaTerradelleSirene,VillaTritone,dimorastorica inSorrentodiBenedettoCroce,chesiaffacciasulGolfodiNapolieluogodicultodiTorquatoTasso quandolaVillaeraadibitaaconvento.Trentacinquemilionidieuro,questalacifracheconferir adunafamigliarussalaproprietdiquestopreziosobeneimmobiliareestorico,sulqualenoi dell'ItaliadeiValorichiediamoalMinisterodeiBeniCulturalidiesercitareildirittodiprelazione, ribadisconoidueesponentidiItaliadeiValori.All'internodiVillaTritoneproseguonoideputati IDVsitrovanoirestidiun'anticavillaromanaeunacollezionedirepertidichiaratidieccezionale interessestoricoearcheologico;perdereunsitocosimportante,nonsoloperlacittdiSorrento, maperl'Italiatutta,sarebbegravissimopoichverrebbenegataaicittadinilapossibilitdifruiredi unospaziocossuggestivoericcodistoria.Chiediamo,quindi,alMinistroOrnaghidinon abbandonareilpatrimoniostoriconazionale,diimpegnarsiperlasuadoverosavalorizzazionee, infineconcludonoDiPietroePalagianodifarvalereildirittodiprelazionesuVillaTritone, affinchrestinell'interadisponibilitdeisorrentiniedeicittadiniitaliani. SullavicendaintervieneancheGiovanniAntonetti,responsabiledellIdvinPenisolaSorrentina, cheavevasollecitatolinterventodeiparlamentaridiriferimentodellacostieraLasalvaguardia delcomplessostoricoedimmobiliarediVillaAstor,riguardanonsoloilprofilodellapubblica fruizionediquestosplendidosito,dapartedeicittadinisorrentini,campanieditaliani,maanchela produttivitdellinterocompartoturisticoricettivodellapenisola,chepotrebbeannoveraredetta bellezzatralecosiddetteareedirilevanteinteresseculturale;oracontinualavvocatosorrentino ciauguriamocheilMinistrointerrogato,aseguitodidettagliataistruttoria,esercitiildirittodi prelazione,comestabilitodagliarticoli60eseguentidelD.Lgs42/2004,entroilterminemassimo previstodel25marzo2012. StipendiProvinciadiNapoli Interrogazionearispostascritta415230 presentatada ANTONIOPALAGIANO mercoled7marzo2012,sedutan.599 PALAGIANOeDIPIETRO. AlPresidentedelConsigliodeiministri,alMinistrodell'economiaedellefinanze,alMinistro dell'interno. Persaperepremessoche: ilMinisterodell'economiaedellefinanze,neglianni2006e2007,hasottopostolaprovinciadi Napoliadunaispezione,dallaqualesonoemersegraviirregolaritnellagestionedelpersonale dirigente.Inparticolare,emersochelaprovinciaavevadispostouncalcolodell'indennitdi posizioneugualepertuttiidirigenticoordinatorisenzaalcunadiversificazionetralediverse 41

posizioni(pesatura),echerisultavanocorrisposteindennitmaggioridiquelleprevistedal contrattonazionaleancheperleposizioninonapicali; aseguitodellapredettaispezionel'entestatoinvitatoadadottaregliopportunicorrettivi; laprovinciadiNapolihaadottato,nel2011,ledeliberedigiuntaprovincialen.1060,1175e1224 cheagiudiziodegliinterrogantiincontrastocondelleprecisedirettivedelconsiglioprovincialedi cuialladeliberan.69del2009cheavevarichiestounariduzionedelleareedicoordinamentopur adottandolacosiddettapesatura,hannoaumentato,alcontempo,ilnumerodelleposizioni apicali:su38posizionidirigenzialieffettivamentecoperteben28dovrebberoritenersicomplesse; ladeliberazionen.1224stataadottatail30dicembre2011benchnonfosseprevista nell'appositoordinedelgiornoditalesedutadigiunta.Lapropostadideliberazionestata,infatti, portatafuorisaccopurnonricorrendoleragionidell'urgenzaeci,apareredegliinterroganti,di fattohaimpeditoilcontrollodelconsiglio; ladeliberazione1224agliinterrogantiappareviolare,alpunto32,l'articolo4delregolamentodel dipartimentodelconsigliodellaprovinciadiNapoli; l'entratainvigoredellasuddettadeliberaporteradunaumentogeneralizzatodelleretribuzioni deidirigentirispettoaquantoprevistonel2010:daunminimodi2.000euroadunmassimodi ben11.000euro,conunsostanzialeaumentodi165.000euronell'indennitdiposizioneda pagareaidirigenti; l'ispezionegovernativapareagliinterrogantiesserestatautilizzatasolocomeoccasioneper riconoscereunaumentodeglistipendideidirigentisolo3dirigentihanno,attualmente,uno stipendioinferioreall'importomassimoincontrastoconlemisuredicontenimentodellaspesa pubblicaedelbloccostipendialedelpubblicoimpiego; afondamentoditaleaumentosonostatiaddottiinuovicompitiassuntidallaprovinciapereffetto deitrasferimentidellecompetenzestabiliti,oltre10annifa,daidecretiBassanini; lamanovrasuddettastataapprovatanelpienovigoredeldecretoleggen.201del6dicembre 2011,convertitodallaleggen.214del2011,concuisonostatidefinitiinuovicompitideglienti provincialicomemericompitidicoordinamento,echeavrebbedovuto,semmai,renderemeno complessal'organizzazioneamministrativadellaprovincia,invistadiunrisparmiodellaspesaacui sonostatechiamatetuttelestrutturepubbliche; ilrisparmiodellaspesadicui,invece,siparlanelledelibereprovincialisoloapparenteinquanto riferitoadunaprecedenteriorganizzazione,mentrel'attestazionediconformit,ciodinon maggiorazionedelnuovofondo2011rispettoaquellodel2010,sarebberesaattraversoquello cheagliinterrogantiappareunartificiosoassorbimentonelfondo2011delleindennitdi posizionedimoltidirigenticollocatiinquiescenzaocessatineglianni2010,2011e2012.Anche questo,agliocchidegliinterroganti,incontrastoconlenormedilegge; laprovinciadiNapolirisultaesseregi,senzaconsiderareisuddettiaumenti,laprovinciaconla retribuzionemediapialtadeipropridirigentirispettoatuttiglialtrientiprovincialiitaliani; 42

conquestaultimadeliberazioneglistipendideidirigentiprovincialidiNapolisarannosuperiori ancheallaquasitotalitdelleremunerazionideidirigentiministerialiitaliani; iltribunaleamministrativoregionaledellaCampania,dopoalcuniricorsipresentatiproprioda diversidirigentiprovinciali,ha,inunprimomomentogennaio2012,sospesol'efficaciadelle predettedelibereprovinciali,masuccessivamente23febbraio2012haribaltatotalesentenza. IlrelatorediquestosecondoprovvedimentodelTARrisultatoesserefigliodelcoordinatore cittadinodiunadellepiimportanticittdellaprovincia,appartenentealmedesimopartito dell'attualepresidentedellaprovinciadiNapoli; l'operazioneappare,agliocchidegliinterroganti,unagraveepalesesconfessionedell'intera politicagovernativavoltaalcontenimentodeglistipendipubblici,comeperaltrosanzionatodal divietoprevistodall'articolo9deldecretoleggen.78del2010ealnuovoruoloattribuitoalle provinceeairelativiapparati; il5marzo2012sidataattuazioneaipredettiprovvedimentieaigeneralizzatiaumentidi stipendioche,seripetutidaaltrerealtterritoriali,potrebberoavereeffettisull'interocomparto conevidentiripercussionisull'interaspesapubblica; agiudiziodegliinterrogantisarebbeopportunocompieredelleverifichefinalizzateadaccertare eventualiirregolarit,davalutareanchesottoilprofilodiunpossibiledannoerariale,atuteladelle risorsepubbliche: seilGovernosiaaconoscenzadellavicendaespostainpremessaesenonintenda,inbasea quantodescrittoenell'ambitodellepropriecompetenze,promuoverenuovicontrollipressola provinciadiNapoli; senonintendapromuoverenellecompetentisedilavalutazioneinordineallasussistenzadei presuppostiperl'eserciziodelpoterediannullamentodegliattideglientilocaliviziatida illegittimit,previstodall'articolo138delvigenteTestounicodeglientilocali.(415230) SOLLECITOIL05/12/2012 Napoli,DiPietro:"Stipendid'oroProvinciaveroschiaffoallacrisi" 08marzo2012,ore16:18 Napoli(Adnkronos)''InunmomentocomequellochestaaffrontandoilnostroPaese,sapere che,attraversounadeliberadiGiunta,idirigentidellaProvinciapercepirannoun'indennit superioreaquelladimoltifunzionariministerialiitalianilasciastupitiedindignati'' Napoli,8mar.(Adnkronos)''Inunmomentodigravissimacrisieconomicacomequellochesta affrontandoilnostroPaese,sapereche,attraversounadeliberadiGiuntache,perpiu'aspettipuo' essereconsiderataillegittima,idirigentidellaProvinciadiNapolipercepirannoun'indennita' superioreaquelladimoltifunzionariministerialiitaliani,nonche'dituttelealtreprovincedella Penisola,lasciastupitiedindignati''.Adaffermarloinunanotacongiunta,sonoAntonioDiPietro, presidentedell'ItaliadeivalorieAntonioPalagiano,deputatocampanodiIdv,firmataridi un'interrogazioneparlamentareindirizzataalpresidentedelConsiglioeaiministridell'Economiae dell'Interno. 43

''Mentreilrecentedecretoleggen.201del6dicembre2011,infatti,hadefinitonuovicompitie nuovecompetenzeperleamministrazionipubbliche,eperleprovinceinparticolare,alfinedi limitarelosperperodidenaropubblico,ilpresidentedellaProvinciadiNapoli,inbarbaadogni scrupolo,aumentailnumerodeiruoliapicalidell'ente,incrementando,difatto,glistipendidei singoli.Un'operazioneproseguonoidueesponentidell'Idvcherappresentaunapalese sconfessionediunapoliticaamministrativachedovrebbeesseresemprepiu'orientataal contenimentodellaspesa''. ''L'entratainvigore,diquestadeliberapresidenziale,avvenutail5marzoscorsograzieanchea unasentenzapocochiaradelTardellaCampania,portera'adunaumentogeneralizzatodelle retribuzionideidirigentirispettoaquantoprevistonel2010.Daunminimodi2milaeuroadun massimodiben11milaeuro:circa165milaeuroinpiu'nell'indennita'diposizionedapagareai dirigenti'',aggiungonoDiPietroePalagiano.''Ilgovernoconcludelanotahaildoveredifare lucesuquestagravevicenda,poiche'icostidellapoliticasiabbattonoanchemettendounfreno allesceltescelleratediamministratoripocoattentialbenedelPaese,edeiqualiilpresidentedella ProvinciadiNapolisembrafarparteapienotitolo''.

44

45

46

47

48

49

50

ScuolaVittorioVenetoSorrento Interrogazionearispostascritta416367 presentatada ANTONIOPALAGIANO gioved31maggio2012,sedutan.642 PALAGIANO. AlMinistrodell'istruzione,dell'universitedellaricerca,alMinistrodelleinfrastruttureedei trasporti,alMinistropergliaffariregionali,ilturismoelosport. Persaperepremessoche: ilpanoramascolasticodellacittdiSorrento,inprovinciadiNapoli,caratterizzato dall'inutilizzabilitdelprincipaleplessoscolasticodelpaese,l'edificiostoricoVittorioVeneto,a seguitodelsequestrogiudiziariopreventivodispostoil2dicembre2009dallaCompagniadei CarabinieridiSorrento,sudelegadellaProcuradellaRepubblicadiTorreAnnunziata; ilplessoscolastico,cheospitavacircaseicentoalunni,trascuolamaternaedelementare,stato sequestratopoich,dallaconsulenzatecnica,dispostadallaProcuradiTorreAnnunziata,emersa unapersistentecondizionediprecarietstaticadell'edificio,nonostanteunaseriediinterventi tamponedimanutenzionestraordinaria,realizzatidall'entecomunalenel2009(comelachiusura, conun'impalcaturadiservizio,dell'ingressoprincipaleacausadell'instabilitdeicornicioniedei balconi); acausadiquestaimportanteegravemisuracautelare,glialunnidelplessoscolasticoVittorio Venetosonoattualmenteospitatiinaltriedifici,connotevolidisagiperlefamiglieeconun conseguenteaggraviodispesaperilbilanciocomunale(spesedilocazionedialtriimmobilida adibiretemporaneamenteasedescolastica,ampliamentotemporaneoed'emergenzadialtre strutturescolasticheesistentisulterritorio,ecc.); ilbandodigaraperlaristrutturazionedell'edificio,pubblicatosulsitoufficialedelComunedi Sorrento(www.comune.sorrento.na,Sezioneconcorsiegareonline)econclusosiil14gennaio 2011,prevedevaunappaltodelvaloredi2milionie497milaeuro; ilsindacodiSorrento,comesiappresedaalcuniquotidianilocalidiqueigiorni,dichiar,aseguito dellachiusuradellagarad'appalto,chesarebbestatarestituitaallefamiglieunascuolaaperta entrosettembre2011,intempoperl'iniziodell'annoscolastico; allostatoattuale,dopocirca2anniemezzodalsequestro,ilavorirelativialleopereappaltatenon sonoancorainiziatienonconclusoneancheiltravagliatoiterperl'affidamentodeilavoridi ristrutturazionedelplessoVittorioVenetoacausa,comesievincedadiversiorganidistampa regionalielocali,diinspiegabiliinerziedell'anioneamministrativachehannoportatoalle dimissionidell'assessoreailavoripubblici; 51

sonoinoltreincorsodiversiprocedimentipressoilT.a.r.CampaniaeilConsigliodiStatodaparte delleditteedilipartecipantialbandodiaggiudicazione;ricorsichestannoposticipandol'iniziodei lavoridiristrutturazione; inevitabile,invistadell'iniziodelprossimoannoscolastico,ilclimadiapprensionee preoccupazioneditantigenitoriche,dapprimarassicuratidall'amministrazionecomunalesulla certaesicurafinedeilavorientroilmesedisettembredell'anno2011,sitrovanotutt'oggiinuna situazioneditotaleincertezzainmeritoall'iniziodeilavoridiristrutturazioneemessainsicurezza delplessochesembranopregiudicarneanchelariaperturaperilmesedisettembredel2012; nell'ultimodecretoleggeinmateriadisemplificazioneedisviluppo(9febbraio2012n.5)il Governohadedicatoampiospazioall'ediliziascolastica,inparticolarealloscopodiriqualificaree razionalizzareilpatrimonioimmobiliarescolasticoeperridurrelespesecorrentidi funzionamento.IldecretoprevedelarealizzazionediunPianonazionalediediliziascolastica; inattesadelladefinizionediquantoprevistodaldecretosuccitato,il20gennaio2012,ilCIPE (Comitatointerministerialeperlaprogrammazioneeconomica)haavviatounPianodimessain sicurezzadegliedificiscolasticiesistentiedicostruzionedinuoviedificiscolastici,sbloccando556 milionidieuro.Talesommaprevedevailtrasferimentodi456milionidestinatiaspecifici interventidimessainsicurezzadellescuoledituttoilterritorionazionale(dueterzialSud)cos comedefinitonelProgrammastraordinariodiinterventiurgentifinalizzatiallaprevenzionee riduzionedelrischioconnessoallavulnerabilitdeglielementi,anchestrutturali,negliedifici scolastici,giapprovatoinsenoaltavolotecnicoistituitopressolaConferenzaStatoRegioni: seilplessoscolasticoVittorioVenetodiSorrentopossaessereinseritonelPianodimessain sicurezzapergliedificiscolasticiattuatodalCIPE,alfinediassicurareaglioltreseicentoalunni sorrentiniunluogosicuroeadeguatoincuiesercitarequeldirittoall'istruzionechesancitoloro dallaCostituzione.(416367) SOLLECITOIL05/12/2012

Palagiano(IdV):interrogazioneparlamentaresullascuola VittorioVenetoPubblicatodaPoliticainPenisolail3giugno,201219:43
ROMA LOn.Antonio PalagianodellItalia dei Valoriha presentato uninterrogazione parlamentare sui ritardi nei lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza della Scuola Vittorio Veneto. Pubblichiamo il testo integrale delliniziativa indirizzata ai Ministri dellIstruzione, dellUniversitedellaRicerca,delleInfrastruttureeTrasporti,pergliAffariRegionali.Sullavicenda intervenuto anche lavv.Giovanni Antonetti, responsabile dellIdvin costiera: Non pi tollerabile il clima di apprensione e preoccupazione di tanti genitori che, dapprima rassicurati dallamministrazione comunale sulla certa e sicura fine dei lavori entro il mese di settembre 52

dellanno2011,sitrovanotuttoggiinunasituazioneditotaleincertezzainmeritoalliniziodella ristrutturazione e messa in sicurezza della Vittorio Veneto che sembra pregiudicarne anche la riaperturaperilmesedisettembredel2012.

53

AgrumetidiMassaLubrense Interrogazionearispostascritta416996 presentatada ANTONIOPALAGIANO marted17luglio2012,sedutan.667 PALAGIANO. AlMinistrodell'ambienteedellatuteladelterritorioedelmare,alMinistroperibenieleattivit culturali. Persaperepremessoche: indata19giugno2012,risultaesserestatarilasciata,dapartedelcomunediMassaLubrense, un'autorizzazionepaesaggistica(n.89del2012)rispettoadun'istanza,relativaadunfondodicirca 6.312metriquadricheavevaricevutoiparerifavorevolidellacommissionelocaleperilpaesaggio il7febbraio2012edellasoprintendenzaperibeniambientaliedarchitettoniciperNapoli provinciaindata10maggio2012; secondoquantosiapprendedadiversiorganidistampa,lasocietcheharichiestoedottenuto l'autorizzazionesarebbelaCostruzioniGeneralid'EspositoS.r.l.el'autoredelprogettoche prevedelarealizzazionedi40boxinterrati,l'architettoGiuseppeRuocco,ilquale,attualmente, risultaricoprirelacaricadiassessoreallatuteladell'ambientenelmedesimocomunediMassa Lubrense; inrelazioneall'iterdellapraticaediliziainoggetto,avviataconrichiestadipermessodicostruire del1marzo2010,risulterebbeesservistatounparerecontrariodellaCommissioneambientale delcomunediMassaLubrenseil19ottobre2010nelqualesiaccertavalanoncongruit,lanon compatibilitelanonconformitdellapropostaprogettualerispettoall'articolo146deldecreto legislativo22gennaio2004,n.42,inquantol'operaerainnettocontrastoconlaZonaF4(Parchi Specialituteladegliagrumeti)delpianoregolatoregenerale(PRG)etaledastravolgerel'armonia agricoladeiluoghi,nonintegrandosinelcontestoambientaleepaesaggistico; nelmarzo2012,relativamenteall'autorizzazionesuccitata,statoaltresregistratouniniziale preavvisodiprocedimentonegativo,aisensidell'articolo10bisdellalegge7agosto1990n.241, comunicatodallasoprintendenzaperibeniambientaliedarchitettoniciperNapolieProvincia; l'articolo146deldecretolegislativon.42del2004recanteilCodicedeibeniculturaliedel paesaggioprevedecheiproprietaripossessoriodetentoriaqualsiasititolodiimmobiliedareedi interessepaesaggistico,nonpossonodistruggerli,nintrodurvimodificazionicherechino pregiudizioaivaloripaesaggisticioggettodiprotezioneedhannopertantol'obbligodipresentare alleamministrazionicompetentiilprogettodegliinterventicheintendonointraprendere, corredatodellaprescrittadocumentazione.Inoltre,glistessidevonoastenersidall'avviareilavori finoaquandononneabbianoottenutal'autorizzazionepaesaggistica,laqualecostituisceunatto autonomoeunpresuppostorispettoalpermessodicostruireoaglialtrititolilegittimanti l'interventourbanisticoedilizio; lostessoarticolo146,prevedeinoltrechesull'istanzadiautorizzazionepaesaggisticasipronuncila regione,dopoaveracquisitoilparerevincolantedelsoprintendenteinrelazioneagliinterventida 54

eseguirsisuimmobiliedareesottopostiatutela; daunpuntodivistaurbanistico,ilfondooggettodellarichiestadiautorizzazionericadeinuna zonaterritorialesaturaaifiniresidenzialiperlaqualelapianificazionenonconsentel'edificazione delleresidueareelibere,fattaeccezioneperleattrezzaturepubblichechecopronounaquota deglistandardurbanistici,consentendo,perl'ediliziaesistente,esclusivamenteinterventidi restauroconservativo,manutenzioneordinaria,straordinariaediristrutturazionesecondole indicazionidellenormetecniche.Inoltre,talefondointeressalazonaF4parchispecialidel pianoregolatoregeneralechecomprendeareediimportantevalorestorico,artisticoed ambientale,giardini,insiemidipregiovegetazionaleodiinteressearcheologico,inposizione topograficaparticolareoattinentiamonumentidigranderilievo,incuinonsiconsente l'edificazione,inqualsiasiforma,siapubblicacheprivata,incuivannoimpeditelemodificazioni delsuoloedellavegetazionearborea,l'attraversamentodistrade,dielettrodottioaltrivettori, consentendosiinveceilsolousopubblico,regolamentatoalfinedisalvaguardarel'integritdel complesso; standoalgicitatoarticolodistampa,ilresponsabiledell'Italiadeivaloriinpenisolasorrentina, avvocatoAntonetti,hainoltratounadettagliatanotalegaleall'amministrazionecomunale,alla sovrintendenzaperibeniambientaliedarchitettoniciperNapolieProvinciae,perconoscenzaalla ProcuradellaRepubblicadiTorreAnnunziata,aventeadoggettolarichiestadiannullamentoin autotuteladell'autorizzazionen.89del2012: sesianoaconoscenzadiquantoespostoinpremessaenonritenganochepossaessererilevata unaviolazionedellanormativastataleditutelapaesaggisticadicuialmenzionatocodicedeibeni culturaliedambientali; seritenganoche,conriferimentoalprogettoinpremessa,inbaseallevalutazioniespressedalla soprintendenzacompetente,sianostatemesseinattotutteleverifichedelcasoe,incaso contrario,qualiprovvedimentisiintendanoadottare; qualiiniziativeintendanopromuoverealfinediassicurareilrispettoelapreservazionedegli agrumeti,valutando,perquantodicompetenza,l'adozionedegliopportuniprovvedimenti amministratividiannullamentoinautotutela,ancheinriferimentoalproliferarediprogettisimilio anchemaggiormentedannosidiquelloespostoinpremessachestannocompromettendoil paesaggio,labellezzaelaqualitdellavitanellapenisolasorrentina.(416996) AppellodiDiNardoePalagianoalMinistro:fermateboxlandia! PubblicatodaPoliticainPenisolail13luglio,201215:28 1ROMANonostantelenumerosesegnalazionieleevidentiviolazioniperpetratefinoadoggi,la penisola sorrentina continua ad essere oggetto di progettazioni sconsiderate di mega parcheggi interrati,cheintaccanolabellezzadelpaesaggio,lasalubritdellambienteelaqualitdellavita dei cittadini. Per questo abbiamo presentato uninterrogazione ai Ministri di Ambiente e Beni 55

culturali, affinch verifichino, nellambito delle proprie competenze, il caso del progettoFondo GesaMassa Lubrense, lultimo tassello di quella che sui media locali campani ormai definita boxlandia.LodichiaranolOn.AntonioPalagianoeilSen.NelloDiNardo,parlamentaricampani dellItalia dei Valori che ieri hanno presentato uninterrogazione nei due rami del Parlamento. La normativa attuale impone che non si possa intaccare una zona che comprende aree di importante valore storico, artistico ed ambientale, giardini, insiemi di pregio vegetazionale o di interesse archeologico, per questo riteniamo proseguono i parlamentari IDV che larea del Fondo del Ges non possa essere invasa dallennesimo mega parcheggio. evidente che le verifichefattefinoranonbastanoecheuninterventoalivellocentralesiadoverosoedurgente. Negliultimiannilapenisolastataintaccatadainnumerevoliprogettidiparcheggiinterratiche stanno distruggendo preziosi agrumeti senza, tra laltro, che venga rispettato lobbligo di ri piantumazione dellarea. Inoltre, una recente modifica della legge finanziaria regionale campana consentedicostruiretaliimponentistrutturesenzaaverepoilobbligodivenditaconcretadeibox, riducendotaliprogettiadeiveriepropriecomostri.Abbiamogiavallatoilsospettochequesta manovrapossafavorirelinfiltrazionedellamalavitaorganizzata,perquestociauguriamopresto un immediato intervento da parte del Governo che possa mettere fine al pi presto a questa annosa e grave situazione. Sulla vicenda interviene anche lavvocato Giovanni Antonetti, coordinatore dellIdv in penisola sorrentina, che lo scorso 28 giugno aveva fatto emergere il problema, inviando al Comune di Massa Lubrense la richiesta formale di annullamento in autotutela dellautorizzazione paesaggistica Questa dei parcheggi interrati davvero una disgrazia per la nostra terra, ma in questo caso specifico confido nel buon senso del primo cittadino Gargiulo e sono disponibile in ognimomentoaspiegaretecnicamenteleragionipercuinecessarioannullarelautorizzazione paesaggistica;ovviamenteprimacheleruspeentrinoinazione.

56

57

58

InquinamentoGolfodiNapoli Interrogazionearispostascritta417094 presentatada ANTONIOPALAGIANO marted24luglio2012,sedutan.671 PALAGIANO. AlMinistrodell'ambienteedellatuteladelterritorioedelmare. Persaperepremessoche: ilturismorappresentaunafonteinestimabiledilavoroericchezzaesoprattuttounmotivo d'orgoglioperl'ItaliaedinparticolareperlelocalitchesiaffaccianosulGolfodiNapoli,comela costierasorrentina,Procida,Capri,IschiaelastessacittdiNapoli; comeognianno,per,inprossimitdellastagioneestiva,tornanoagallaigravissimiproblemi legatiall'inquinamentodelleacquedelGolfodiNapoli;problemilegatiinmanieraindissolubileal malfunzionamentodegliimpiantididepurazionechesversanoliquaminelmare; l'interrogantehasollevatoinpidiunaoccasione,attraversonumerosiattiparlamentari(300611, luglio2009,412654,luglio2011,414481,gennaio2012),ilproblemadell'inquinamentocampano che,adavvisodell'interrogante,vienedimenticato,adintermittenzaannuale,dagliamministratori dituttiilivelliistituzionali,finoadarrivarealloStatocentrale; lecondizionidelleacquedelgolfodiNapolisonosottogliocchidituttiedinparticolaresono oggetto,inquestesettimane,diattenzionedapartedeimedialocalienazionalichehanno segnalatolapresenzadimucillagginenelleacquediIschiaeProcida; ilproblema,daquantoemergedagliarticolidistampa,sarebbeancoraunavoltaildepuratoredi Cumache,nonostanteimiglioramentimessiapuntonegliultimianni,funzionaal5060percento dellapropriacapacit,sversandoinmareliquamicontaminatidabatteri; ildepuratorediCuma,dasempre,sottodimensionatoemalfunzionante,maadaggravareuna situazionegimoltocritica,inquestesettimanesiassistitoalloscioperodeidipendenti dell'impianto,chehannodimostratoinsegnodiprotestacontroilmancatopagamentodegliultimi duestipendi; questalegittimaprotestahacontribuito,per,afarriversareinmarealcunetonnellatediliquami fognari,soloinminimapartedepurati.EcosdaPozzuolifinoadIschiaeProcidasonostateben visibili,daibagnanticheaffollavanolespiagge,chiazzescureeschiuma; laHydrogest,societattualmenteaffidatariadelserviziodidepurazione,inliquidazionee,dopo averaccumulatoneglianni78milionididebiti,nonintenzionata,secondoquantosiapprende dallastampa,adanticiparelesommerichiesteperpagareglistipendi; lasocietHydrogestfusollevatadalproprioincaricoproprioall'iniziodiluglio2012,mesenel qualelagestionefuaffidataaduncommissariostraordinarioilqualeperhaconsegnatole dimissionilasettimanascorsa,costringendoquindilaregioneCampaniaariconsegnarelo 59

stabilimentonellemanidellapredettasocietprivata; leresponsabilitdellegravicondizionideldepuratorediCumaedelconseguenteinquinamento marittimosidistribuiscono,inunassurdoscaricabarile,dall'amministrazionelocalealleregione Campania,senzaarrivare,ormaidaanniadunaconcretasoluzione; dallaregione,inparticolaresecondoquantodichiaratodall'assessoreregionaleall'ambiente GiovanniRomano,avrebbestanziatocirca240milionipermettereanormaicinqueimpiantidella exgestioneHidrogest,traiquali,appunto,quellodiCuma; ilproblemadeiliquamisversatinelmarecampano,noncomunqueunanovit,n,purtroppo, causatodalsolodepuratorediCuma.Icontrollieffettuatisullasalubritdelleacque,infatti,sono risultati,apareredell'interrogante,troppospessoinclini,negliultimianni,agiudizisuperficialie pocoobiettivineiconfrontidelleamministrazionichenonpongonosalvopoiesserecostrettea farloacausadell'evidenzadelproblemailnecessariodivietodibalneazioneinalcunearee marineseriamentecompromessedall'inquinamento: sesiaaconoscenzadellasituazionedescrittainpremessaequaliiniziativeintendaintraprendere, nell'ambitodellepropriecompetenze,perevitareilperpetuarsidiquestadisastrosasituazioneche rischiadicompromettereulteriormentel'ecosistemamarinodelleacquecampane,l'attivit turisticoriattivadellazona,masoprattuttolasaluteedilbenesseredeicittadini,ancheallaluce delleprocedurediinfrazionechel'Unioneeuropeahaapertocontrol'Italiaproprioinrelazione allamancatatuteladelleacque.(417094) Tagliforzedellordine Interrogazionearispostascritta418401 presentatada ANTONIOPALAGIANO marted6novembre2012,sedutan.714 PALAGIANO. AlMinistrodell'economiaedellefinanze,alMinistrodell'interno,alMinistrodelladifesa. Persaperepremessoche: dal2008adoggiitagliallerisorseeconomichedelcompartosicurezzaammontanoacirca4 miliardidieuro.Inparticolare,duranteilGovernoBerlusconi,secondoquantosiapprendeda diversefontidistampa,sonostatitagliatialleforzedell'ordine2miliardie400milionidieuroedal GovernoMonti1miliardoe466milionidieuro; acausadiquestitagliconsiderevoli,oggipuesseredifficileperfinoreperirelabenzinaperleauto diservizioolerisorseeconomicheperpulirelecaserme,pagarel'affittodeilocali,averea disposizionecomputerodivise,oppureottenereleindennitdimissione.Malacosapi importante,cheinquestomodoarischiosoprattuttol'attivitinvestigativaportataavantidalle forzedell'ordine; subisceunpericolosorallentamento,quindi,ilcontrastoallacriminalit,specieinalcune particolaricitt,gigravatedaunelevatonumerodireati,comeNapoli.Inpratica,siscoprono 60

menocriminiacausadellacarenzadiindagini,maaumentanoesponenzialmenteidelitti commessi:100percentodiomicidivolontariinpinel20102011e40percentoinpineiprimi tremesidel2012;aumentanodel40percentolerapineinabitazione,del70percentoquellein bancaedell'8percentoleattivitdicontrabbando; idatidelViminalesulcontrastoallacriminalitaNapoli,anticipatidaunarticolodeIlVenerddi Repubblicadel19ottobre2012,chiarisconobenequantoitagliallerisorseeconomicheedumane delleforzedell'ordineabbiano,difatto,compromessolalottaalcriminenellacittdiNapoli:nel 2011sonostatiindividuatiil7,5percentoinmenodicolpevolidireatirispettoall'anno precedente; neiprimiseimesidel2012sonodiminuitinonsologliarresti,ma,cosamoltopipericolosa perchsegnodisfiducianelleistituzioni,ancheledenunceperlesionidolose(2,9percento),per violenzasessuale(25percento),perrapineinuffici(100percento),perestorsioni(16per cento),perusura(43percento)eperfurtid'auto(27percento); unariflessioneapartemeritanoidatisudrogaesfruttamentodellaprostituzione.Ledenuncee gliarrestiinquestoambitosonodiminuitirispettivamentedel23percentoedel56percentonel primosemestredel2012.TuttoquestopropriomentreaScampia,unodeiquartieripidisagiatidi Napoli,stariprendendolalottatraclanperilcontrollodeltrafficodistupefacenti; atuttoquestosiaggiungeilbloccoparzialedelturnover,che,anchenelcampodelleforze dell'ordine,stafacendosentireisuoieffettinegativiechesarprobabilmenteaggravatodal regolamentodelnuovosistemapensionisticoperilpersonaledelleforzearmate(etperla pensionefissataa62anni)recentementeapprovatodalConsigliodeiministri; leconseguenzedeitaglieconomiciedumanialcompartodelleforzedell'ordine,conparticolare riferimentoallaCampania,sonoconfermateanchedalledichiarazionideisindacatidipolizia, riportatedall'articolodistampasuccitato.Standoaquantoaffermal'Associazionefunzionari,nella regionemancherebbero1300uominitrapolizia,carabinierieGuardiadifinanza,ragionepercui, dal2010adoggi,siassistitoadunbruscocrollodell'attivitinvestigativaaNapoli; evidentechequantoespostocompromettelasicurezzael'incolumitdeicittadiniedellacitt, nonch,soprattutto,illavorodelleforzedell'ordinechenonpossonomettereinattotuttele azionipossibiliadifesadelterritoriodallacriminalit; nelConsigliodeiministridel4ottobre2012sidiscusso,inviapreliminare,ilregolamentoche prevedeunaulterioreriduzionedegliorganicidelleForzearmate,inattuazionedeldecretolegge n.95del2012(lacosiddettaspendingrewiev),e,inparticolare,stabiliscecheledotazioni organichecomplessivedelleForzearmatepasserannoda190.000unita170.000unit, escludendol'ArmadeicarabinierieilCorpodellecapitaneriediporto.Nelregolamentosono previsteanchedisposizionitransitorieperrealizzarelagradualeriduzionedell'organico complessivoentroil1ogennaio2016: se,inbaseaquantoesposto,ilGovernononintendaripensarequestaulterioreriduzionelineare dell'organicodelleforzearmateitaliane,considerandolecriticitemerseinmolteregioniecitte mettendoincontoche,spesso,comestaaccadendoinCampania,unariduzionedelpersonale comporta,difatto,unpeggioramentodell'attivitinvestigativaeunabattutad'arrestodellalotta 61

allacriminalit; senonsiintendamodulareitaglialleforzedell'ordineinbasealrealefabbisognodelnostro Paese,considerandolediverserealtregionalidellanostraPenisola,ancheinbaseaidatirelativi alcontrastodellacriminalit,poichildoverosorisparmioeconomico,chepermetterdiuscire dallacrisi,nonpuledereinalcunmodolesicurezzadeicittadini.(418401) TrasportoCampania Interrogazionearispostascritta418448 presentatada ANTONIOPALAGIANO mercoled7novembre2012,sedutan.715 PALAGIANO. AlMinistrodellosviluppoeconomico,alMinistrodelleinfrastruttureedeitrasporti. Persaperepremessoche: lasituazionedeltrasportopubblicolocaledellapenisolasorrentinadivenutainsostenibile;da oltreunanno,infatti,cittadinieturisti,sottostannoalmalfunzionamentodeitrenidella Circumvesuvianacheinteressaoltre2milionie300milautenti,aicontinuiscioperil'ultimo,il28 e29ottobre2012hapraticamenteparalizzatogranpartedellaregionee,daultimo,allamessain liquidazionedellaEAVBusSrl,aziendaregionalecampanaditrasportosugomma; laEAVBusSrl,cheoperainCampaniadamaggio2008,un'aziendache,pernumerodiaddettie mezzidisponibili,siposizionaalsecondopostoinCampaniaperchilometriinconcessioneefrale prime15aziendeditrasportopubblicolocalesugommainItalia; laEAVBusSrlnataproprioconloscopodelpotenziamentodelservizioditrasportopubblico localesugommadiunavastaareadellaCampania,matuttaviaevidentechenonriuscitaa raggiungeretalescopo: il29marzo2012,conuncomunicatostampa,l'EAVBusSrl,avvisavalaclientelache,per sopraggiuntiproblemitecnicoorganizzativi,nonavrebbepotutogarantireilnormalesvolgimento delservizio; il28settembre,attraversounnuovocomunicato,l'aziendasiscusavaconlaclientelapereventuali disagiecomunicavadiadoperarsiperilripristinodellaregolaritdeiservizi.Nonostantequesto impegno,nellesettimanesuccessivesisonoverificaticontinuidisservizi,interruzioniedisagiper gliutenti; il21ottobrelaEAVBusSrlstatamessainliquidazione;danotiziedistampasiapprendeche sull'aziendagravaunpassivodicirca39milionidieuroechesonostatinominatiduecommissari liquidatori:l'avvocatoPaoloComo,giamministratoreunicodellaholding,eildottorRoberto Pepe,amministratoreuscente; apartiredal22ottobre,comeannunciatodaEAVBusSrlsulpropriositoweb,sarebberodovuti entrareinvigorenuovioraripertuttelelineeaziendali,trannequellediIschiaeProcida.Tuttavia, 62

proprioapartiredaquelgiorno,ilserviziostatonuovamenteinterrotto; daiprimigiornidinovembre2012idipendentidellaEAVBusSrloccupanoitettidell'Ente AutonomoVolturnoholdingdeitrasportidellaregioneCampaniachecontrolla,oltreall'azienda diautobus,anchelaCircumvesuviana,laSepsaelaMetroCampanianordest,anch'essein gravissimedifficoltpoichmoltimezzi,acausadellascarsitdirisorseeconomiche,restanonei depositiperchnonsottopostiamanutenzioneorifornitidicarburante,eilpersonale,chenon riesceagarantireilservizioaicittadini,nonvieneretribuitodamesi; l'allarmearrivaanchedallastessaregioneCampania,cheannunciadinonaverepirisorsea disposizioneneanchepergestireiproblemiordinarideltrasportoregionale,diessereindebito ancheneiconfrontidiTrenitaliaecheselasituazionerestertalesarannoarischio14mila dipendenti; perrisanarelasituazionedeltrasportopubblicocampano,sempresecondoquantodichiaratodai verticiregionalicampani,occorrerebberoalmeno2miliardidieuro,altrimentiilbloccodel sistemaequindideilavoratoricheviaggianoedunquedituttal'economia:bisognaintervenireal pipresto; inquestagravesituazionedidisagioapagareilprezzopialto,sonospessoicittadinichesi trovanoinmaggioredifficolt,ancheeconomica,echepreferisconoriscorrereaimezzipubblici ancheacausadelcostosemprepielevatodellabenzina,maanchesemplicistudenti,lavoratori, anzianiodisabilichenonguidanoechedevonorecarsisulpostodilavoroechesonocostrettia trovareun'alternativanonsemprepossibile; adesserecolpito,inoltre,ilturismocampano,cherisenteinnegativoedaormaitroppotempo diquestavergognosasituazionecheledel'immaginedell'interapenisolasorrentinaedellearee archeologichedelvesuviano,qualiPompeiedErcolano: sesiaaconoscenzadellasituazioneespostainpremessaeseintendaintervenirealpipresto, nell'ambitodellepropriecompetenze,perrisanarequestagravesituazione,ormaiallimitedella sostenibilit,alfinedigarantireatuttiicittadiniildirittoadusufruirediuntrasportolocale efficienteerestituireallapenisolasorrentinal'immaginedignitosachemerita,ancheagliocchidei numerosituristichelavistanoognianno.(418448)

63

64

65

66

67

68

Boxlandia Interrogazionearispostascritta415064 presentatada ANTONIODIPIETRO gioved23febbraio2012,sedutan.591 DIPIETRO,PALAGIANO,ANIELLOFORMISANOeBARBATO. AlMinistrodell'ambienteedellatuteladelterritorioedelmare,alMinistrodellagiustizia,al Ministrodell'interno,alMinistroperibenieleattivitculturali. Persaperepremessoche: l'interapenisolasorrentina,nonostantel'esiguitdispazi,laparticolaremorfologiadelterritorioe lafragilitdellostessosottoilprofiloidrogeologico,oggettodacircaundecenniodiuna smisuratarichiestadiprogettiediliziperlarealizzazionediparcheggipertinenziali,darealizzare aisensidelcombinatodispostodegliarticoli6e9dellaleggeregionalen.19del2001; laregioneCampania,nell'ambitodellaleggefinanziariaperl'anno2012,all'articolo52,comma5, letterea)eb),hainseritoduemodificheall'articolo6eall'articolo9dellaleggeregionalesuccitata conl'evidentescopodiconsentirel'ulteriorerealizzazionediparcheggiinterratianchenellearee doveilpianourbanisticoterritoriale(PUT)dellacostierasorrentinoamalfitanadel1987(legge regionalen.35del1987)nonloconsentirebbe; lanovella,introdottaconl'articolo52,comma5,dellaleggefinanziariasuddetta,denota,aparere degliinterroganti,unasuperficialitlegislativanoncondivisibile; laleggeregionalen.19del2001,nellasuaprimaversione,andandobenoltreicriterifissatidalla leggestatalen.122del1989,rendevapossibilel'edificazionediparcheggiinterratiancheinaree dovesussistevanoivincoliimpostidapianourbanisticoterritorialedellapenisolasorrentino amalfitana.Inparticolare,l'articolo9recitandoledisposizionidellapresenteleggetrovano applicazioneancheneiterritorisottopostialladisciplinadicuiallaleggeregionale27giugno1987, n.35,e,incasodicontrasto,prevalgonosulledisposizionidiquest'ultimaintroducevauna derogaindiscriminataalpianourbanisticoterritoriale.Unaderogamoltodiscutibile,apareredegli interroganti,inquanto,consentendounaseriediinterventisenzaalcunapianificazioneo programmazione,anchenelleareepitutelatedalpianourbanisticoterritoriale,provocava cospicuidannie,difatto,svilivailcontenutodelpianourbanistico; ilsistematicoattaccoatutteleareeverdinellezoneprossimeaicentriabitatichenederivato, hasuscitato,neglianni,un'accesacampagnastampalocale,masoprattuttonazionale,tanto efficacedascuotereopinionepubblicae,allostessotempo,indurrel'assessoreregionale all'urbanisticadell'epoca(2004),MarcoDiLello,apromuovereunamodificadelladisposizione suddetta:nonpilaprevisionediunaderogageneralizzataalledisposizionidelpianourbanistico territoriale,malapossibilitdirealizzareboxsolocompatibilmenteconivincolipostidalpiano paesistico; conlanovellaintrodotta,quindi,dallaleggeregionalen.16del2004,all'articolo9,eliminatoil periodoincasodicontrasto,prevalgonosulledisposizionidellaleggeregionale35/87,le 69

disposizionidellaleggen.19del2001divenivanoapplicabilineiterritorisottopostialladisciplina dicuiallaleggeregionale27giugno1987,n.35,fattisalvituttiivincoliprevistidallaleggestessa; primadellamodificadel2004eanchesuccessivamente,ladisposizionedicuiallaleggen.19del 2001haprodottocomunquenotevolidanniambientaliemolteareeverdi,prossimeaicentri abitati,sonostateirrimediabilmentedistrutteesostituite,nellamaggiorpartedeicasi,davasche dicementocolmediterrenoperunaprofonditdicircaunmetro; all'iniziodel2001,conunamodificaintrodottadall'articolo2,comma1,letteran),dellalegge regionalen.1del2011,statonuovamentemodificatoiltestodell'articolo9dellaleggeregionale n.19del2001e,inparticolare,statoeliminatol'incisofattisalvituttiivincoliprevistidalla leggestessa,lasciandoinalteratoilresto; nelgennaio2012,conlacitatafinanziaria2012,articolo52,vienemodificatonuovamente l'articolo9dellaleggen.19del2001che,allostatoattuale,recitacos:ledisposizionidella presenteleggetrovanoapplicazioneancheneiterritorisottopostialladisciplinadicuiallalegge regionale27giugno1987,n.35; sempreconl'articolo52dellaleggefinanziariaregionale2012alcomma5,letteraa),unaulteriore modificaallaleggen.19del2001rendeesplicitoilmodusoperandidellaregioneelamancanzadi unavisioned'insiemedelleproblematiche.L'articolo6dellaleggen.19del2001imponeva,infatti, aicostruttorilavenditadeiboxrealizzatiinregimedipertinenzaconunitresidenzialineltermine di36mesidallascadenzadelprocedimentoabilitativo.L'inesistenzadialcuncriterio programmaticohafattoschefinoadoggisianostatirealizzaticentinaia,senonmigliaiadiboxe chenontuttisianostativenduti,conilrischiochequelliinvendutinelterminedi36mesidallaloro realizzazione,coscomeprevistodall'articolo6,applicandolesanzioniprevistedall'articolo7della leggen.47del1985(oggiarticolo31deldecretodelPresidentedellaRepubblican.380del2001), fosserooggettodiordinediripristinoedacquisizioneincasodiinottemperanza; l'ultimamodifica(articolo52,comma5,letteraa)dellaleggefinanziariaregionale2012)del legislatoreregionaleha,per,cassatoilterminedi36mesidallascadenzadeltitoloabilitativo fissatoperlavenditadeiboxinregimedipertinenzialitpercui,adoggi,icostruttoridimega parcheggiinterratipotrannocostruirliedetenerli,pursenzavenderli,peruntempoindefinito; inoltre,l'eliminazionedell'obbligodivenditadeiboxinregimedipertinenzialitnelterminedi36 mesidallascadenzadeltitoloabilitativopotrebbecreare,apareredegliinterrogantieinuna regioneadaltadensitmalavitosa,notevolivantaggiproprioaiclancamorristici.Questiultimi, avendonecessitdiriciclaredenarosporco,conquest'ultimamodifica,potrebbero,informa apparentementelegittima,pursenzanecessitperilterritorioesenzaalcunaprogrammazione, realizzaremaxiparcheggiinterratidicuiconserverebberosinedielaproprietanchesenzaporliin vendita; laleggeregionalen.19del2001aveva,comunque,unsuopresuppostodicostituzionalitin quanto,purnonindividuandoapriorileunitimmobiliaricuirenderepertinenzialiiboxda realizzarsi,comeinveceerad'obbligoperlaleggenazionalen.122del1989,limitavatalefacolta unprecisolimitetemporale;alcontrario,quest'ultimamodificaintrodottanellafinanziaria2012 taledafarvenirmenoanchequelleragionidieccezionalitedurgenzachesonostatepostealla basedellaleggen.19del2001enehannomotivatolaspecialitrispettoadaltredisposizioni; 70

inoltre,questeultimemodifiche,introdottedallaleggefinanziariaregionaledel2012,hanno prodottoincertezzaneglioperatoridelsettoreenegliamministratorilocali,protestedaparte delleassociazioniambientalisticheereazionipolitiche;cometestimoniato,tral'altro,dal dettagliatoarticolo,pubblicatosulsitodelCorrieredelMezzogiornoindata1ofebbraio2012,a firmadiFabrizioGeremicca,daltitoloSelaRegioneCampaniatrasformalaCostierasorrentinain boxlandia.Duecommi,qualcheparolinacancellataelafinanziariaregionalerischiadifavorirei signoridelcemento; inconclusione,adavvisodegliinterroganti,lemodificheintrodotteconlafinanziariaregionaledel 2012appaionoesserestateadottateinassenzadiadeguataanalisidellasituazioneesistente; resistononell'areaSorrentinoAmalfitanacentinaiadiboxinvendutioparcheggiinterratiperi qualinonsiprovvedutoneppurearipristinarelacoperturaconessenzearboreeeidonee piantumazioni,similiperspecieequantitaquellepreesistenti,comeprevisto,invece, dall'articolo6dellaleggeregionalen.19del2001; lesuccitatemodificheall'articolo9dellaleggeregionalen.19del2001,potrebberoandarea sanare,perquantorisultaagliinterroganti,situazioniperlequalivieranogialtreindaginio procedimentipenaliincorsoinrelazioneapresunteviolazionedelledisposizionidelpiano urbanisticoterritorialedellaPenisolaSorrentina; inoltrenonsembrerebbechepersituazioniperlequalil'articolo6dellaleggeregionalen.19del 2001prevedeval'irrogazionedellesanzioniexarticolo7dellaleggen.47del1985oggiarticolo31 deldecretodelPresidentedellaRepubblican.380del2001,talisanzioninonsianostateadottate daicomuniinteressati; occorrerebbeassumereurgentiiniziativeperevitareulterioriscempielastagnazionedella proprietdeiboxrealizzatisinedienellemanideicostruttorisenzachecipossaessere sanzionatocomeinprecedenza,conperditaperl'erariodiingentisommedidenaro; occorresottolinearecheconlaleggenazionalen.22del1989gliimmobiliaiqualirendere pertinenzialiiboxinterratiarealizzarsieranogiindividuatifindalrilasciodeltitoloabilitativoe cianchenelleipotesidiconcessioneindirittodisuperficiediareepubblichedapartedeicomuni (articolo9n.4,1)mentreconlaleggeregionalen.19del2001icostruttoripossonoindividuare successivamenteallalororealizzazione.Nelpredisponelanovelladicuiall'articolo52,n.5,lettera a)dellafinanziariaregionale2012laregioneCampaniaavrebbedovutoporremaggioreattenzione alleconseguenzechelamodificapuavereanchesulpianodellalottaallacriminalitorganizzata : diqualielementidispongailGovernosullaquestioneespostainpremessa; sedell'intervenutamodificasiastatoinformatoilMinisterodellagiustiziaelaDirezionenazionale antimafia,essendoevidente,agliocchidegliinterroganti,chelastessaapreinCampania,enon soloinCostierasorrentina,nuoviscenarieconomicisicuramenteappetibiliperlamalavita organizzata,equindiserisultichelevarieProcuredellaRepubblicainteressateabbianomaisvolto indaginiperverificarequalisianostatefinoadoggileimpresecoinvoltenellarealizzazionedimaxi parcheggiesedellestessefaccianopartepersoneinquisite; 71

seilGovernononintendaverificarelasussistenzadeipresuppostiperl'impugnazionedellalegge finanziariaregionale2012dellaCampania,aisensidell'articolo127dellaCostituzione,inrelazione alledisposizionidellamedesimaleggeregionalecitateinpremessa.(415064) SOLLECITOIL11/10/2012

72

73

75

76

77

QUESTIONTIME InquinamentoGolfodiNapoli InterrogazionearispostaimmediatainAssemblea300611 presentatada ANTONIOPALAGIANO marted21luglio2009,sedutan.205 PALAGIANO,DIPIETRO,DONADIeANIELLOFORMISANO. AlMinistrodell'ambienteedellatuteladelterritorioedelmare. Persaperepremessoche: ilturismorappresentaunafonteinestimabiledilavoroericchezzae,soprattutto,unmotivo d'orgoglioperl'Italiae,inparticolare,perlelocalitchesiaffaccianosulGolfodiNapoli,comela costierasorrentina,Capri,IschiaelastessacittdiNapoli; nelcorsodel2009,dopoilcrollodelturismo,imputabilesoloinparteallacrisieconomica mondiale,maancheall'emergenzarifiutiedallacriminalitdilagante,un'altraminacciaincombe sulflussoturisticodellaCampaniaesullasalutedeisuoicittadini,speciediquellipideboli,i bambini,chenellastagioneestivaaffollanoilidibalnearidellitoralepartenopeo:l'inquinamento delmare; dagiorni,ormai,nell'inerziadelleamministrazionilocali,decinedimigliaiadimetricubidiliquami putridi,infettietossicivengonoversatinelGolfodiNapoli,lecuiacquesonodiventatedicolore marroneelacuisuperficiericopertadaunapatinagiallastraedamaterialeschiumoso; scarichifognariabusivihannodeterminatoconcentrazionielevatissimedicolibatteri,che,secondo idatidell'Arpacrisalential2luglio2009,ammonterebberoa200.000ogni100millilitri,quandoil limiteditolleranzadi2.000.IdatidiLegambienteparlanodicirca29chilometridicostainquinati sui45dellitoralecasertano.Adeterminaretalesituazionesarebbelapresenzadiscarichifognari abusivi,lamancataultimazionedialcunidepuratori,gliscioperidelpersonaleaddettoalla depurazionedelleacquenere,lafocedelfiumepiinquinatod'Europa,ilSarno,egliscarichi fognaridiPuntaScutolo; evidentechequestivaloricostituisconounattentatoallasalutedeicittadiniepongonoseri interrogativisullaqualitesullacommestibilitdelpescatocampano,oltrealederegravemente l'immaginedelnostroPaeseall'estero,condrammaticheconseguenzesulturismo,e,quindi, economicheedoccupazionali; adavvisodegliinterroganti,glientifinanziaticonisoldideicontribuentipereffettuareilcontrollo dellaqualitdelleacquerisultanotroppospessoincliniagiudizipocoobiettivineiconfrontidelle amministrazionieisindacitroppospessononpongonoilnecessariodivietodibalneazioneper evitarericaduteimpopolarienegativesullaloroimmagine.Cicostituisceun'emergenzada affrontare,adavvisodegliinterroganti,attraversonuoveunitdicontrollosuperpartesedesterne alterritorio: seilMinistrointerrogatosiaaconoscenzadellasituazionesopradescrittaecomeintenda 78

interveniredifronteaquestanuovaegravissimaemergenza,chesembraprefigurareunnuovoed annunciatodisastroambientale,ancheinconsiderazionedell'inadeguatezzadegliinterventiposti inesseresulterritorio.(300611) VITOELIORISPOSTAGOVERNODISCUSSIONEIL22/07/2009SVOLTOIL22/07/2009CONCLUSOIL 22/07/2009 http://www.youtube.com/watch?v=I6jg2tyauuQ PresuntirapporticonclancamorristiciNicolaCosentino http://palagianoantonio.blogspot.it/search?q=cosentino InterrogazionearispostaimmediatainAssemblea300203 presentatada ANTONIODIPIETRO marted28ottobre2008,sedutan.073 DIPIETROePALAGIANO. AlMinistroperirapporticonilParlamento. Persaperepremessoche: recentementel'autoredellibroGomorra,RobertoSaviano,haannunciatol'intenzionedilasciareil nostroPaeseperandareavivereall'estero,unadecisionepresapersfuggireallapressionediuna costanteminacciadimorte; immediatamentemoltiesponentipoliticihannoespressolalorosolidarietalloscrittore,cheha avutoilcoraggiodidenunciarelostrapoteredeiclancamorristici; contemporaneamenteatalimanifestazionidisolidariet,siappresodaalcuniorganidistampa checisarebberoimportantimembridelGovernocollusiproprioconqueiclancamorristiciche costringonoSavianoalasciareilnostroPaese; inparticolare,ilsettimanalel'Espressohariportatounanotiziaadirpocoallarmante:secondoil settimanale,infatti,unpentitoexaffiliatoalclandeiCasalesi,riferendosiadunimportante membrodelGoverno,avrebbedichiaratochedurantelasualatitanzasisarebbeincontratomolto spessoconilmedesimoesponentegovernativo,nonchdeputatodellaRepubblica; ilsettimanaleprecisachel'espressioneutilizzatadalpentito,secondocuiildeputatoeraanostra disposizione,sarebbedariferirsialclandeiCasalesi; semprelostessosettimanaleriportaaltredichiarazionidelpentito:L'onorevoleavevaavuto espressamenteilnostroaiutoperlesueelezioni,eraadisposizioneperqualunquecosanoigli avessimopotutodomandare.Segliavessimochiestouncertotipodilavoropubblico,nonesisteva chepotesserifiutarsi; DarioDeSimonestatounodeicapidelclan,divenutounpentitofondamentale,lecui rivelazionisonostatedeterminantinelprocessoSpartacus; dopoDarioDeSimone,sempresecondoquantoriportatodalsettimanale,altriquattro collaboratoridigiustiziaavrebberochiamatoincausalostessopolitico; tuttiiverbaliriportatidallastampariportanocheicontatticonlamafiadell'esponentepolitico risalirebberoatempiincuiancoranoneraunrappresentantedelGoverno; datemposidenunciaconforzailpericolochelamafiaelacamorrasianoingradodigarantirevoti : seilGovernononritenganecessariointervenireadifesadellarispettabilitdelleistituzioniein

79

casopositivoinchemodo. (300203) QUESTIONTIMEINCOMMISSIONE RegistroTumoriCampania InterrogazionearispostaimmediatainCommissione503830 presentatada ANTONIOPALAGIANO mercoled17novembre2010,sedutan.396 PALAGIANO. AlMinistrodellasalute. Persaperepremessoche: lasituazionedeirifiutiinCampaniaquantomailontanadall'essererisolta.Unodeiprincipali problemirelativiairifiuticertamenteiltrafficoillecito,dalqualederivanodiscaricheabusive, sversamentodirifiutitossicioradioattivipressolefocideifiumi,roghiillegalidieternit, pneumatici,elettrodomestici,colle,solventieverniciindustriali,chesprigionanoquantitelevate didiossine; iprocedimentipenaliavviatinellaregioneCampaniaperleipotesidireatiprevistedegliarticoli 438e452c.p.(epidemiacolposa)edicuiarticolo434c.p.(disastroambientale)proprioin riferimentoallegestionicriminalididiscaricheabusiveealleattivitillecitedioccultamentoe combustionedirifiutitossici,sibloccano,ilpidellevolte,acausadelladifficoltdiricostruire scientificamenteilnessodicausalittral'incrementoesponenzialeditumorielacontaminazione ambientale; inunostudiodel2004delCnr,chefotografavalasituazionedal1995al2002,laspazzatura lasciataincumuliediscaricheillegaliemersechiaramentecomecausadigravidanniallasalute dellepopolazioniesposte;danniqualitumorialpolmoneealfegato,linfomiesarcomi, malformazionicongenite,conunincrementodimortalitdel+12percentoperledonneedel+9 percentopergliuomini; sonostaterilevate,inoltre,daunostudioscientificocondottodacirca30ricercatorie commissionatodallaProtezioneCivile,ilcuirapportofinalefupubblicatoafineprimavera2007, numeroseassociazionipositiveestatisticamentesignificative(ciononimputabilialcaso)fra saluteerifiuti.LostudioerastatocondottonelleprovincediNapolieCaserta,rispettivamentein 86e140siticlassificatiin5gruppiinbaseallapericolositealladensitdipopolazioneresidente intornoaisitistessi,peruntotaledi196Comuni; idatiemersihannoevidenziatountrenddirischioinaumentoalpassaggiodaunodeicinque gruppiaquellosuperiore.Inparticolaresonostatiosservati;mortalitgenerale(aumentomedio di2percentoperogniclasse,uominiedonne),tumoredelpolmone(+2percentouomini), tumoredelfegato(+4percentouomini,+7percentodonne),tumoredellostomaco(+5percento uomini),malformazionicongenitedelsistemanervoso(trend+8percento)edell'apparatouro genitale(+14percento); 80

inseguitoadunincontroorganizzatodall'OrdinedeimedicidiNapoli,il15febbraio2010,stato stimatocheil24percentodellepatologietumoralinellaregioneCampaniahaunacausa ambientale; difronteaquestagravissimasituazionechedisicuronegliultimianninonhavistoalcun miglioramento(l'emergenzarifiuti,infatti,scoppiatadopoil2007etuttiidatisoprariportatisi riferisconoastudiconclusiprecedentemente)sisarebbedovutoavviareuntempestivo potenziamentodelRegistroTumoriinCampania; unostrumentocomeilRegistroTumorifondamentale,inquantosoltantoun'osservazione epidemiologicaattentadellapopolazione,condottaperareegeograficheesullungoperiodopu evidenziareladifferenzadell'incidenzatumoralenellediverseareeelacorrelazioneinquinamento ambientale/tumore; ilRegistroTumoridiPopolazionedellaRegioneCampaniaadoggiprevedeancoraun'estensione territorialelimitatissima:soltanto35comuniafferentiall'areadell'exASLNA4.Nesonofuori comuniadaltorischiocomequellidell'areagiuglianeseedell'interaprovinciadiCaserta, devastatedaunaseriedisversatoifuorilegge.Suseimilionidicampani,ilregistronecopremeno diunmilione.Inoltre,percarenzedirisorse,dal2007questominiregistrofaticanelprodurre datiutilizzabili; unadeliberadellaGiuntaRegionaleCampaniadel2007,lan.1293,evidenziavalanecessitdi ampliarelaquotadipopolazionecopertadaiRegistriTumori,inparticolareestendendo l'osservazionealleprovinciediCasertaediNapoli(...),poichallostatoattualeinCampanianon esisteunsistemadisorveglianzaintegratosaluteambientetaledaconsentirerapidevalutazioniin campodituteladellapopolazionedarischiambientali; perlarealizzazionediquestadeliberafuronostanziaticirca2milioniemezzodieuro,maadoggi unregistrotumoriefficientedifattononc'; inassenzadiunregistrocompletoedufficialequindiimpossibilestabilireunarelazione,efficace aisensidilegge,traincrementodell'incidenzatumoraleinundeterminatoterritorioelapresenza diunadiscaricaodiunsitodismaltimentodirifiutinellevicinanze; inquasitutteleregioniitaliane,coscomeinaltriPaesiEuropei,esisteunregistroufficialedei tumori; vaconsiderata,inoltre,larispostascrittadelMinistrointerrogato,pubblicatail30luglio2010, all'interrogazionen.406651presentatadall'onorevoleElisabettaZamparuttirispostanellaquale sievidenziaval'intenzionediinserireinundisegnodileggediiniziativagovernativaunanormache rispondaalleesigenzedisanitpubblicaecheaffrontiinmanieraorganicalatematicadeiregistri sanitarinelnostroPaese,conriferimentoancheaquelloperitumori: se,allalucediquantodescrittoecompatibilmenteconlepropriecompetenze,intendaavviare l'istituzione,concarattered'urgenzaeperentoriet,diunregistrodeitumoricompletoe efficiente,chesiaingradodimonitorareanchelaregioneCampaniaeinparticolareleareesedidi discariche,smaltimentodirifiutietermovalorizzazione,alfineditutelarelapopolazionecheabita 81

neipressidiquestezoneecherisentediunacrescenteincidenzadimalattietumorali,restituendo cosdignitadunapopolazionechelottaognigiornoperriaffermareilpropriodirittoalla salute.(503830) ROCCELLAEUGENIARISPOSTAGOVERNODISCUSSIONEIL18/11/2010SVOLTOIL 18/11/2010CONCLUSOIL18/11/2010 TerradeiFuochi InterrogazionearispostaimmediatainCommissione503923 presentatada ANTONIOPALAGIANO mercoled1dicembre2010,sedutan.405 PALAGIANOeMURA. AlMinistrodellasalute. Persaperepremessoche: traleprovincediNapolieCasertaesisteun'areaincui,inaggiuntaalleinnumerevolidiscariche abusiveeadalterazioniambientalidiognigenere,siverificanoognigiornoincendidolosidirifiuti speciali.Quest'area,circoscrittatracircaquarantacomunicampani,traiqualiScampia, Secondigliano,Giugliano,CasoriaeAfragola,ormaidenominataanchedaimediaTerradei Fuochi; lasituazionesottogliocchidituttidasvariatimesieun'associazione/movimentodicittadini,che prendeilnomepropriodiTerradeiFuochi,hapivoltedenunciato(nel2008enel2009)questa gravissimacondizioneagliorganicompetentiriscontrandodapartedelleautoritsoltanto indifferenzaedinutiliimpegniformali; gliabitantidellazonacircaduemilioniiresidentisonoobbligatiavivereblindatiincasa,specie nelleoreserali,costrettidalcattivoodore,dall'irrespirabilitdell'ariaesoprattuttodallanocivit diquestiincendi; imaterialibruciati,infatti,nonsonoinormalirifiutidomesticiproblemadelqualelaCampania conoscegibeneladimensioneelapericolositmasitrattadegliscartidiindustrieedaziende cheinsistonosull'area,spessousufruendodicarichiabusiviechepersmaltireiresiduidel materialeutilizzatopreferisconobruciarli; inquestiroghisiputrovare:eternit,pneumatici,elettrodomestici,colle,solventievernici industriali; gliincendidolosidiquestimaterialisprigionanofumialtamentetossiciepericolosiperlasalutedei cittadini.Ricordiamosoltantochel'amianto(contenutonell'eternit)causadimoltegravimalattie neoplastichecomeilmesoteliomapleuricoperitoneale,ilcancropolmonareedaltrepatologie legateall'apparatorespiratorio; il27agosto2010,l'associazioneTerradeiFuochihainviatoallaprocuradellaRepubblicadiNapoli undossierincuidocumentagliincendicampaniedincuidenunciapergraveinadempienza nonostantel'evidenzadeifattiicomunidiGiuglianoeNapoli,leASL1e2diNapoli,l'Arpac,la 82

regioneCampania,laprovinciadiNapoli,nonchilMinisterodellasalute,ilMinistero dell'ambienteedellatuteladelterritorioedelmareequellodell'interno; sesiaaconoscenzadellasituazionesopradescrittaese,nell'ambitodellapropriecompetenze, intendaavviare,ancheconilcoinvolgimentodelleASLregionalicampane,unserioed approfonditomonitoraggioepidemiologicodellazonainteressatadaquestipericolosiincendial fineditutelarelasalutedeicittadini,compromessaognigiornodipi.(503923) RINUNCIAATTOPERASSENZAIL02/12/2010DICHIARATODECADUTOIL02/12/2010CONCLUSOIL 02/12/2010

Rifiuti:Palagiano(Idv),IstituireunregistrotumoriinCampania
LochiedeAntonioPalagiano,parlamentaredellItaliadeiValori,inuninterrogazionealministro dellaSaluteFazio.PerlesponentedellIdvinconcepibilecheinunadelleregionipicolpitedal problemadellosmaltimentodirifiutiillegalietossicinonsiastatomaiistituito,difatto,un efficaceregistrodeitumori;lunicostrumentoingradodistabilireunaconcretacorrelazionetra incidenzadeitumorieinquinamentoambientale. 10NOVAntonioPalagiano,ResponsabileNazionaleSanitdellItaliadeiValori,in uninterrogazionearispostaimmediata,previstapermercoledprossimo,chiederalministro dellaSaluteFaziodiistituireperlaCampaniaunefficaceregistrodeitumori;lunicostrumentoin gradodistabilireunaconcretacorrelazionetraincidenzadeitumorieinquinamentoambientale. InrealtprecisaPalagianosonostatistanziaticircaduemilionidieuroperilregistrotumoriin Campania,manontuttelaaziendesisonoattivateelasituazioneamacchiadileopardoe questotantopigraveconsideratochelaCampaniaunadelleregionipicolpitedalproblema dellosmaltimentodirifiutiillegalietossici. AquestopuntosecondoPalagianoilministroFaziodeveattivarsiimmediatamenteaffinchla RegioneCampaniaadempiaquestoimportanteobbligoagaranziadeldirittoallasalutedei cittadini. Lincidenzadellepatologietumoraliaumentataesponenzialmentenegliultimianni compromettendoilbenessereelavitastessadeicittadinicheabitano,loromalgrado,neipressidi discaricheabusiveonelleareeinteressatedairoghiillegalidimaterialetossico.Sistimacheil24% dellepatologietumoralinellaregioneCampaniaabbiaunacausaambientale. TuttoquestoperproseguePalagianononpuessereprovatosenzalistituzionediun RegistroTumoriinquantosoltantounosservazioneepidemiologicacapillaredellapopolazione, condottaperareegeograficheesullungoperiodopuevidenziareladifferenzadellincidenza tumoralenellediverseareeelacorrelazioneinquinamentoambientale/tumore. Lasituazione,gigravissima,dellaCampaniapotrsoltantopeggioraredifronteallinerziadella RegioneedelGoverno.CompitodiunMinistroperlaSalutequelloditutelarelasalutedei cittadini,garantendogliiservizisanitarimigliorieciauguriamoconcludelesponenteIdvche Faziosirendacontoquestainconcepibilemancanzaeassicuriildirittoallasalutedituttiicittadini campani.

83

SANITA,PALAGIANO(IDV):SUREGISTROTUMORIRISPOSTAGOVERNOE DEBOLE.
Autore:UfficioStampa

Affermare che un RegistroTumori in Campania esiste gia, sapendo e, tra le altre cose, confermando che ad oggi esso prevede unestensioneterritorialelimitatasoltantoa35comunieunacoperturadiunsolomilionediabitantiafrontedeiseimilionichevivonoin Campania,misembraridicoloequantomaiinsufficientearispondereallagravesituazionedellaregione.LodichiaraAntonioPalagiano, responsabile Sanita dellItalia dei Valori, commentando la risposta che il sottosegretario Roccella ha dato alla sua interrogazione parlamentare. Inoltre continuaPalagiano lattuale registro campano, a cui fa riferimento il sottosegretario, e fermo al 2007 e non riesceaprodurredatiutilizzabilipercarenzadirisorse.Eevidenteche,inunasituazioneallimitecomequellacampana,lesoluzionida parte del ministero della Salute, dovrebbero essere piu che immediate. Nel mio atto conclude il deputato dipietrista ho chiesto listituzioneurgentediunRegistroTumoriinCampania,concertatoconlaregione,senzadoverattendereterminichepotrebberoessere prolungatiallinfinito,manonhoottenutounimpegnoconcretoetempestivodapartediungovernochedimostra,ognigiornochepassa, dinonesseresensibileaiproblemidegliitaliani,speciequandositrattaditutelareundirittofondamentaleedimprescindibilecomequello allasalute.

0/10/2012 LEGGESTABILITA,PALAGIANO:SICONTINUAATAGLIAREINMODOMIOPE. STRETTASULLA104


Legge stabilita, Palagiano: si continua a tagliare in modo miope. Stretta sulla 104 e attacco ai diritti dei piu deboli Si continua a portare avanti una politica miope, orientata solo a tagliare indiscriminatamente.Decurtaredialtri1,5miliardidieuroifondiperlasanitautolesionistae avr ricadute, oltre che sulla salute dei cittadini, anche sullintera filiera produttiva e sulloccupazione del settore. Che ilsistema sanitario vada bonificato dai tanti sprechi e interessi privati che lo affliggono certo. Ma questa dovrebbe essere unoperazione di pulizia da condurreoculatamente,aziendaperazienda,ospedaleperospedale.Adesempiosarebbeurgente ridurreiduplicatichecreanosperperodirisorseeaccorparelemolteAsl,frammentatepercreare nuovepoltronedaregalareadamiciesostenitori.Altracosaimporredallesternopercentualida sottrarrealbudget.Siamopreoccupatidallostatodisalutedellanostrasanitelosiamoancoradi pi se immaginiamo come sar quella degli anni a venire. E quanto dichiarato dal Presidente dellaCommissioneparlamentaredinchiestasuglierrorieidisavanzisanitari,AntonioPalagiano. ManonquestolunicopreoccupanteaspettodellaleggedistabilitmessaapuntodalGoverno.

84

Non si pu tacere, infatti, sullattacco alla legge 104 prosegue Palagiano pensata per permettereallepersonediassistereparentimalatiegenitorianziani.Ebbene,idipendentipubblici avranno un taglio del 50% della retribuzione dei giorni "di permesso" se dovranno assistere qualsiasialtroparentechenonsiafigliooconiuge.Equestoandraricadereinparticolaresulle lavoratrici, visto che, secondo i dati Inps, nel 2011 su pi di 258 mila richiedenti,165.947 erano donne.Siledecosunatutelasocialeimportantissimacheaiutachiviveunasituazionedipers difficile da gestire. E veramente assurdo e triste che, a fronte di tanta evasione e corruzione presentenelnostroPaese,sicontinuinoadaggredireancoraunavoltaidirittideipideboli

Tumori:Palagiano,inCampanianessocon inquinamento
17:3708GEN2013

(AGI)Roma,8gen."Ilnessotrapatologietumoralieinquinamento ambientalee'purtroppoampiamentedimostratoemaicomenegliultimi annineabbiamoavutolacertezza.DalcasoemblemadiTarantoalla Campania,l'aumentodelleneoplasielegatealladispersionenell'aria, nell'acquaenelterrenodirifiutitossicie'esponenzialeeinteressasempre piu'spessoibambini.Cistupiscequindilatroppaleggerezzadimostrata dalleaffermazionidelMinistroBalduzzi".E'quantodichiarailpresidente dellaCommissioneparlamentared'inchiestasuglierrorieidisavanzisanitari AntonioPalagiano,nelgiornodellapresentazionedeidatidelministero dellaSalutesullasituazioneinCampania."TantiproseguePalagianogli studimedicoscientificicondottiinCampanianegliultimi20anniche confermanol'aumentodelrischiodicontrarreneoplasieinrelazione all'accorciarsidelladistanzatraabitazioneediscaricaabusiva.Atitolodi esempio,idatiemersidaun'indaginecondottadalCNRtrail1995eil2004 hannochiaramentedimostratochechiviveinprossimita'didiscariche manifestamoltopiu'frequentementetumorialpolmoneealfegato, linfomi,sarcomiemalformazionicongenite.Inquestisoggetti,inoltre,tali patologie,sipresentanoinmodomoltopiu'aggressivo,conunincremento
85

dimortalita'del+12%perledonneedel+9%pergliuomini"."E' fondamentale,pertanto,istituireconsempremaggiorefrequenzaed efficacia,nellezonepiu'adaltorischio,specificiregistrideitumori, fondamentalistrumentidiprevenzioneericerca.Cosi'comeconclude Palagianofondamentalesarebbeprevedere,inregionicomelaCampaniao laPuglia,deipianisanitariadhoc,affinche'ambienteesalutesianotutelati conlostessoimpegno.Perche'seilprimovienecompromesso, inevitabilmentesara'compromessaanchelaseconda".

86

87

PmaFondiregionaliCampania InterrogazionearispostainCommissione506097 presentatada ANTONIOPALAGIANO marted7febbraio2012,sedutan.582 PALAGIANO. AlMinistrodellasalute. Persaperepremessoche: l'applicazionedelletecnichediprocreazionemedicalmenteassistita(PMA)inItaliafortemente legataalladestinazionedeifondicheloStatoerogaalleregioni,inbaseaquantostabilito dall'articolo18dellaleggen.40del2004,alfinedigarantirel'accessoalletecnichediprocreazione medicalmenteassistitaallepazientiresidentinellaregionestessa; tuttavia,nontutteleregionid'Italiahannodestinatoalsuddettoscopoquesterisorse,altreancora nonhannoutilizzatoinmanieraefficienteifondistatali,creandocosundisagioperla popolazione; adesempiolaregioneCampaniahautilizzatocomedadeliberan.2042del28dicembre2005 solamenteifinanziamentirelativial20042005destinatiall'attivazioneealpotenziamentodei centridiprocreazionemedicalmenteassistitaintutteleprovincecampane; considerandochelaregioneCampaniapercepiscecirca700.000eurol'annoavendounaltotasso dicoppieinetfertileperilpotenziamentodellaretediprocreazionemedicalmenteassistita, allostatoattuale,quasitremilionidieurorisulterebberoancoranellecasseregionali; ciimplicalacontinuaedinarrestabilecrescitadelfenomenodellamigrazionedellecoppieinfertili campaneversoilNord:nel2009oltreil40percentodeiciclieffettuatiinstrutturedelNordItalia, pubblicheoprivateconvenzionate,hannointeressatodonnedelsudItalia,provenienti prevalentementedallaCampania; questoesodofascheifondidellaregioneCampaniavenganoinqualchemodoconvogliativerso centridiprocreazionemedicalmenteassistitadialtreregionieche,permancanzadiadeguate politicheregionali,icentricampaninonriuscirannomaiasoddisfareleesigenzedelterritorioea garantirestruttureeprestazioniallepazientidellaregione; dall'ultimarelazionealParlamentosull'attuazionedellalegge28giugno2011,n.40,siapprende chelaCampaniadestinerlasommaerogatanell'anno2010perpotenziareleattivitdeicentri diprocreazionemedicalmenteassistita,senzaalcunaparticolarespecifica: setutteleregioni,anchequellechehannocomunicatoladestinazioneol'intensionedidestinare lerisorseaicentridiprocreazionemedicalmenteassistitaregionali,abbianoformulatoun rendicontodettagliatodellespeseeseguiteconifondiprevistidallaleggen.40del2004,eche garantirebbero,ancheseparzialmente,larealizzazionedelletecnicheneicentripubblici; sedettifondisianostatiregolarmenteerogatidalloStatoatutteleregioniitaliane; 88

senonritengaopportuno,nell'ambitodellepropriecompetenzeeallalucedelcasodellaregione Campaniachepotrebbenonesserel'unicoinItaliavalutarel'ipotesidiunmonitoraggio dell'effettivaattivitinmateriadiprocreazionemedicalmenteassistita,alfineditutelaree garantireildirittoallasaluteesoprattuttol'omogeneitdell'accessoalletecnichediprocreazione medicalmenteassistitasututtoilterritorionazionale.(506097) CARDINALEADELFIOELIORISPOSTAGOVERNOMODIFICATOPERCOMMISSIONEASSEGNATARIA IL07/02/2012DISCUSSIONEIL27/06/2012SVOLTOIL27/06/2012CONCLUSOIL27/06/2012 VillaTritoneQuestiontimeinCommissionecultura InterrogazionearispostaimmediatainCommissione506272 presentatada PIERFELICEZAZZERA luned27febbraio2012,sedutan.593 ZAZZERA,PALAGIANOeDIPIETRO. AlMinistroperibenieleattivitculturali. Persaperepremessoche: negliultimigiorni,medianazionalielocali,riportanolanotiziadell'alienazionediVillaaTritone aSorrento,l'immobilepiprestigiosodellacitt,chesorgeapiccosulGolfodiNapoli; lavillacomprende12.000metriquadratidipropriet,inclusiirestidiunavillaromanaeuna collezionedimaterialiarcheologicicon145repertidettagliatamentedescrittinell'elencoallegato aldecretoemessodalMinisteroperibenieleattivitculturalichelihadichiaratidieccezionale interessestoricoearcheologico; questameravigliosavillacostituisceuncaposaldodellastoriadellapenisolasorrentinaedella Repubblicaitaliana;incarnazionedelmitodellesireneeleggendariadestinazionedelpoeta Ovidio,poi,pirecentementemetadipellegrinaggiodiTorquatoTasso,nonchsedeedimora, neglianni,dipolitici,letterati,storiciefilosofitraiqualimeritanoesseresegnalatiPalmiro TogliattieBenedettoCroce,cheviabitdal1943al1945; daglianni'70lavilla,dettaanchevillaAstor,residenzadiunafamigliadiricchiarmatori sorrentini,chel'hannogestitaenehannocuratolamanutenzionepertuttiquestianni,mache oggihannodecisodialienarequestoimportantepezzodelpatrimonioculturalediSorrento, vendendoloadunafamigliarussa; inparticolare,conattopubblicodicompravenditaricevuto,indata19gennaio2012,lostorico complessoimmobiliarestatovendutoperilprezzocomplessivodieuro35.320.000,00aduna famigliarussa.Unaciframoltoelevata,sullacuiprovenienzanecessarialamassimatrasparenza, ancheinbasealdecretolegislativon.231del2007esuccessivemodificazioniointegrazioni; inragionedell'apposizionedelvincolostoricoarcheologicosudetterisorsemobiliaried immobiliari(traglialtricondecretoministeriale19marzo1993),lavenditastatasubordinata,ai sensidegliarticoli60eseguentideldecretolegislativo22gennaio2004n,42,allacondizione 89

sospensivacostituitadalmancatoeserciziodapartedelMinisterocompetenteodell'entelocale, provincialeoregionaleinteressato,deldirittodiprelazione,comunicatocondenunciadi trasferimento,ricevutadallostessoindata25gennaio2012,conscadenzanei60giornisuccessivi, inquestocasoil25marzo2012; inquestistessigiorni,un'altraperladellapenisolasorrentina,immortalataintuttelestampe ottocentescheeneidipintideipigrandiartistiitalianiilcomplessodenominatovallonedei Mulinistatooggettodicontrattopreliminaredicompravendita; questositol'unicoVallone(ivallonieranoutilizzatiperindicareiconfinitraunpaeseel'altro dellapenisolasorrentina)rimastoancorainbuonecondizioni,conlapossibilitdiosservareiresti dell'anticomulinodacuiilnome,qualcheoriginariaabitazioneeunasplendidavegetazione, proprionelpienocentrostoricodiSorrento; dall'esamedeipubbliciregistriipotecariecatastali,risultaesserestatostipulato,indata23 dicembre2011(etrascrittoil20gennaio2012ainumeri3.114/2.609),uncontrattopreliminaredi compravendita,ricevutodalnotaioGiancarloIaccarino,diMassaLubrense(Napoli),conilquale MarianoPontecorvo,giassessoreailavoripubblicidelcomunediSorrento,siobbligatoad acquistare,entroilterminemassimodel30ottobre2012,dagliattuali8comproprietari,eredied aventicausadellafamigliaMathieu,ilcomplessoimmobiliaresitoinSorrento,localitallaRupe VallonedeiMulini,compostoda8particelle,tutteriportatenelcatastoterreni,perun'area complessivadi4.550metriquadri,oltreilfabbricatogiadibitoamulino; nellamenzionatanotaditrascrizionesispecifica,inoltre,chel'interocomplessoimmobiliare statodichiaratodiinteresseculturaleparticolarmenterilevantedalMinisteroperibeniele attivitculturali,aisensidellalegge11giugno1922,n.778,esuccessivimodificazionie integrazioni,condecretoemessoindata8novembre1927,epertantovienespecificatochel'atto definitivoverrdenunciatoalMinisteroesarpresentatoalsoprintendentedelluogoovesitrova ilbene,alfinediconsentirel'eserciziodeldirittodiprelazionedapartedellostesso,ovverodegli entiterritorialiinteressati,valeadireregioneCampania,provinciadiNapoliecomunedi Sorrento; lasalvaguardiadeimenzionaticomplessiimmobiliari,storicienaturali,villaTritoneevallone deiMulini,riguardanonsololapubblicafruizionediquestisplendidisiticulturali,dapartedei cittadinisorrentini,campanieditaliani,maanchelaproduttivitdell'interocompartoturistico ricettivodellapenisolasorrentina,chepotrebbeannoveraredettabellezzatraleareedirilevante interesseculturale: seilGovernointendaesercitare,relativamenteaicomplessiimmobiliaridicuiinpremessa,il dirittodiprelazioneaisensidegliarticoli60esuccessivideldecretolegislativo22gennaio2004,n. 42.(506272) CECCHIROBERTORISPOSTAGOVERNODISCUSSIONEIL28/02/2012SVOLTOIL 28/02/2012CONCLUSOIL28/02/2012 90

VillaTritoneQuestiontimeinCommissionecultura InterrogazionearispostainCommissione506319 presentatada ANTONIOPALAGIANO gioved1marzo2012,sedutan.596 PALAGIANO,DIPIETROeZAZZERA. AlMinistroperibenieleattivitculturali,alMinistrodell'economiaedellefinanze. Persaperepremessoche: nellasedutadel28febbraio2012dellaVIICommissioneallaCamera,ilGovernorispondendo all'interrogazione506272,haesternatolanecessitdiunbrevedifferimentodeitempidirisposta all'atto,sottolineandochelarichiestasirendenecessariaperacquisiredaidiversiufficidel Ministeroogniutileriferimentoinformativoingradodifornirerispostaesaustivaallequestioni postecheinvestonounapluralitdiaspettierisultanomeritevolidiunapiattentavalutazione, etenendocomunqueaprecisarecheintendeforniresullaquestioneogniampiarassicurazione circal'impegnodelMinisteroafornireallesuddetterichiesteadeguatoriscontronelpibreve tempopossibile; negliultimigiorni,medianazionalielocali,riportanolanotiziadell'alienazionediVillaTritonea Sorrento,l'immobilepiprestigiosodellacitt,chesorgeapiccosulGolfodiNapoli; laVillacomprende12.000metriquadratidipropriet,inclusiirestidiunavillaromanaeuna collezionedimaterialiarcheologicicon145repertidettagliatamentedescrittinell'elencoallegato aldecretoemessodalMinisteroperibenieleattivitculturalichelihadichiaratidieccezionale interessestoricoearcheologico; questameravigliosaVillacostituisceuncaposaldodellastoriadellapenisolaSorrentinaedella Repubblicaitaliana;incarnazionedelmitodellesireneeleggendariadestinazionedelpoeta Ovidio,poi,pirecentementemetadipellegrinaggiodiTorquatoTasso,nonchsedeedimora, neglianni,dipolitici,letterati,storiciefilosofitraiqualimeritanoesseresegnalatiPalmiro TogliattieBenedettoCroce,cheviabitdal1943al1945; daglianni'70laVilla,dettaancheVillaAstor,residenzadiunafamigliadiricchiarmatori sorrentini,chel'hannogestitaenehannocuratolamanutenzionepertuttiquestianni,mache oggihannodecisodialienarequestoimportantepezzodelpatrimonioculturalediSorrento, vendendoloadunafamigliarussa; inparticolare,conattopubblicodicompravenditaricevutodalnotaioCinotti,diRoma,indata19 gennaio2012,lostoricocomplessoimmobiliarestatovendutoperilprezzocomplessivodieuro 35.320.000,00adunafamigliarussa.Unaciframoltoelevata,sullacuiprovenienzanecessariala massimatrasparenza,ancheinbasealdecretolegislativon.231del2007,esuccessive modificazioniointegrazioni; inragionedell'apposizionedelvincolostoricoarcheologicosudetterisorsemobiliaried immobiliari(traglialtricondecretoministeriale19marzo1993),lavenditastatasubordinata,ai sensidegliarticoli60ess.decretolegislativo22gennaio2004n.42,allacondizionesospensiva 91

costituitadalmancatoesercizio,dapartedelMinisterocompetenteodell'entelocale,provinciale oregionaleinteressato,deldirittodiprelazione,comunicatocondenunciaditrasferimento, ricevutadallostessoindata25gennaio2012,conscadenzanei60giornisuccessivi,inquestocaso il25marzo2012; inquestistessigiorni,un'altraperladellapenisolasorrentina,immortalataintuttelestampe ottocentescheeneidipintideipigrandiartistiitalianiilcomplessodenominatoVallonedei Mulinistatooggettodicontrattopreliminaredicompravendita; questositol'unicovallone(ivallonieranoutilizzatiperindicareiconfinitraunpaeseel'altro dellapenisolasorrentina)rimastoancorainbuonecondizioni,conlapossibilitdiosservareiresti dell'anticomulinodacuiilnome,qualcheoriginariaabitazioneeunasplendidavegetazione, proprionelpienocentrostoricodiSorrento; dall'esamedeipubbliciregistriipotecariecatastali,risultaesserestatostipulato,indata23 dicembre2011(etrascrittoil20gennaio2012ainn.3.114/2.609),uncontrattopreliminaredi compravendita,ricevutodalnotaioGiancarloIaccarino,diMassaLubrense(NA),conilquale MarianoPontecorvo,giassessoreailavoripubblicidelcomunediSorrento,siobbligatoad acquistare,entroilterminemassimodel30ottobre2012,dagliattuali8comproprietari,eredied aventicausadellafamigliaMathieu,ilcomplessoimmobiliaresitoinSorrento,localitallaRupe VallonedeiMulini,compostodan.8particelle,tutteriportatenelcatastoterreni,perun'area complessivadi4.550metriquadrati,oltreilfabbricatogiadibitoamulino; nellamenzionatanotaditrascrizionesispecifica,inoltre,chel'interocomplessoimmobiliare statodichiaratodiinteresseculturaleparticolarmenterilevantedalMinisterointerrogato,aisensi dellalegge11giugno1922n.778esuccessivemodificheeintegrazioni,condecretoemessoin data8novembre1927,epertantovienespecificatochel'attodefinitivodivenditaverr denunciatoalMinisterocompetente,esarpresentatoalsoprintendentedelluogoovesitrovail bene,alfinediconsentirel'eserciziodeldirittodiprelazionedapartedellostesso,ovverodegli entiterritorialiinteressati,valeadireregioneCampania,provinciadiNapoliecomunedi Sorrento; lasalvaguardiadeimenzionaticomplessiimmobiliari,storicienaturali,VillaTritoneeVallone deiMulini,riguardanonsololapubblicafruizionediquestisplendidisiticulturali,dapartedei cittadinisorrentini,campanieditaliani,maanchelaproduttivitdell'interocompartoturistico ricettivodellapenisolaSorrentina,chepotrebbeannoveraredettabellezzatraleareedirilevante interesseculturale: sesiaaconoscenzadellasituazionesopradescrittaeseintendaesercitare,relativamente all'interooapartedelcomplessoimmobiliareVillaTritone,edentraiterminemassimodel25 marzo2012,ildirittodiprelazioneaisensidegliarticoli60ess.decretolegislativo22gennaio 2004n.42; sesiapossibileaccertare,inbaseaquanto,previstodallanormativaitalianasull'antiriciclaggio (decretolegislativon.231del2007,esuccessivemodificazioniointegrazioni),laprovenienzadel denarorelativoall'ingentetransazioneeconomica,relativaallavenditadelprestigiosobene immobiliare,alfinedievitareundannoulteriorealpatrimoniodellapenisola; 92

seequaliiniziativeintendaadottarealfinediesercitare,perl'interooperpartedelcomplesso immobiliareVallonedeiMulini,tenendocontodellafuturaricezionedellarelativadenunciadi trasferimento,ildirittodiprelazioneprevistodalgimenzionatodecretolegislativon.42del 2004; qualiiniziativeintenda,comunque,adottarealfinedievitarecheisuccitatipatrimoniimmobiliari, storiciedarcheologicidiSorrento,venganoabbandonatiototalmenteprivatizzati,invecedi costituiresitidirilevanteinteressepericittadiniedituristi,diprovenienzanazionaleed internazionale,equalimisureintendaavviareperconsentirelavalorizzazioneelapubblica fruizionedeglistessisiti,anchesottoilprofiloculturaleeturistico.(506319) CECCHIROBERTORISPOSTAGOVERNOMODIFICATOPERCOMMISSIONEASSEGNATARIAIL 01/03/2012DISCUSSIONEIL06/03/2012SVOLTOIL06/03/2012CONCLUSOIL06/03/2012

93

94

95

96

97

98

99

PROPOSTADILEGGEREGIONALE IstituzionedeiRegistritumoriterritorialiediun CentrodiCoordinamentoRegionaledeiregistritumorinellaRegioneCampania Il disegno di legge qui di seguito, propone lattivazione di registri di tumori per la Regione Campania, necessari per perseguire obiettivi di sorveglianza delle patologie oncologiche rispetto allambienteedaisuoiinquinanti,diraccoltadatiediprevenzionedelrischio. InCampaniadal1995sonoattividueRegistritumoriregionali.Uno,istituitodallaASLNA4efatto propriodallaregionenel2001,copre35ComunisituatiaNorddellaProvinciadiNapoli.Laltro, istituito dal consiglio provinciale di Salerno nel 1996, copre tutta la provincia di Salerno. Tali registricomprendonounapiccolissimapartedellapopolazionecampanamenodiunmilionesusei milionidiabitanti.Inoltre,percarenzedirisorse,dal2007questiregistrifaticanoaprodurredati utilizzabili. La difficile situazione ambientale della regione quanto mai lontana dallessere risolta rende necessario il potenziamento di questi registri e soprattutto la necessit di istituire dei nuovi registri.LeareecontaminatedarifiutitossiciinCampaniaaumentanodigiornoingiorno.Secondo lepidemiologo Fabrizio Bianchi, dellIstituto di fisiologia clinica del Consiglio Nazionale delle Ricerche nella regione ci sono ad oggi 5.000 aree con rifiuti pericolosi, nel 2004 erano 2.500. Inoltre i procedimenti penali avviati nella regione Campania per le ipotesi di reati previste degli artt. 438 e 452 c.p. (epidemia colposa) e di cui allart. 434 c.p. (disastro ambientale) proprio in riferimento alle gestioni criminali di discariche abusive ed alle attivit illecite di occultamento e combustione di rifiuti tossici, si bloccano, il pi delle volte, a causa della difficolt di ricostruire scientificamenteilnessodicausalittralincrementoesponenzialeditumorielacontaminazione ambientale. In uno studio del 2004 del Centro Nazionale Ricerche, che fotografava la situazione dal 1995 al 2002,laspazzaturalasciataincumuliediscaricheillegaliemersechiaramentecomecausadigravi danni alla salute delle popolazioni esposte; danni quali tumori al polmone e al fegato, linfomi e sarcomi, malformazioni congenite, con un incremento di mortalit del +12% per le donne e del +9% per gli uomini. Sono state rilevate, inoltre, da uno studio scientifico condotto da circa 30 ricercatori e commissionato dalla Protezione Civile, il cui rapporto finale fu pubblicato a fine primavera2007,numeroseassociazionipositiveestatisticamentesignificative(ciononimputabili al caso) fra salute e rifiuti. Lo studio era stato condotto nelle province di Napoli e Caserta, rispettivamente in 86 e 140 siti classificati in 5 gruppi in base alla pericolosit e alla densit di popolazione residente intorno ai siti stessi, per un totale di 196 Comuni. I dati emersi hanno evidenziato un trend di rischio in aumento al passaggio da uno dei cinque gruppi a quello superiore.Inparticolaresonostatiosservati:mortalitgenerale(aumentomediodi2%perogni classe,uominiedonne),tumoredelpolmone(+2%uomini),tumoredelfegato(+4%uomini,+7% donne),tumoredellostomaco(+5%uomini),malformazionicongenitedelsistemanervoso(trend +8%)edellapparatourogenitale(+14%). Inassenzadiunregistrocompletoedufficialequindiimpossibilestabilireunarelazione,efficace aisensidilegge,traincrementodellincidenzatumoraleinundeterminatoterritorioepresenzadi unadiscaricaodiunsitodismaltimentodirifiutinellevicinanze.

100

I registri, pertanto, devono essere gestiti dalle aziende sanitarie locali per coprirne i rispettivi territoriecoordinatidauncentrodiriferimentoregionale,dicomprovataesperienzascientifica epidemiologica. I dati, infatti, peressere giustamente utilizzatidalla Regione devono essere di assoluta qualite fornirelandamentodeitumorisulterritorioancherispettoaglianniprecedenti,literdiagnostico, la mortalit cos da consentire una programmazione di interventi, leliminazione dei fattori di rischioedunopportunaprevenzione. Solo grazie ai registri tumori possibile avere questo tipo di informazioni ed infatti le regioni italianestannocercandodiistituirliediaccreditarliattraversolAssociazioneItalianadeiRegistri Tumori (AIRTUM). Noi crediamo che la Regione Campania, con lemergenza rifiuti che sta devastandodaanniisuoiterritoriabbialurgenzadimunirsidiquestomeccanismodisorveglianza sanitaria. I registri tumori nel mondo sono collegati tra loro dallAssociazione Internazionale dei Registri Tumori(IACR),riconosciutaanchedallOMS,solosehannoraggiuntostandarddiqualitspecifici, in grado di rendere validi i confronti. In questo modo, grazie al lavoro dei professionisti che operano con i registri, lAgenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro dellOMS, pubblica un volumeperiodicochelafontemondialepiaccreditatadidatisuitumori:Cancerincidencein FiveContinents. Queste informazioni sono utilizzate dalle organizzazioni sanitarie per le politichedi controllo dei tumori e per il Piano Oncologico Nazionale che si prefiggono come primo obiettivo quello estenderelaretedeiregistriditumoriacoprirelamaggiorpartedellapopolazione,cosdapoter individuareanchespecificheesposizioniefattoridirischio. Lattivazionedeisuddettiregistri,consenteancheuncontrollodellaspesasanitariasesiconsidera che proprio attraverso di essi possibile monitorare levoluzione delle patologie oncologiche, concentrandoerazionalizzandoisuccessiviinterventiinmododainciderepositivamentesuicosti dellassistenzasanitaria. Idatiraccoltiinquestiregistrisonoutilizzatiafinidistudioericerca,diprogrammazione,gestione, controlloevalutazionedellassistenzasanitariaediorganizzazionediprogrammidiprevenzione. Ilpresentedisegnodileggedfinalmenteunarispostaurgenteenonpiprocrastinabileaduna richiestadiunterritoriomartoriatodacirca20annidallemergenzarifiutichehamessoingrave pericololasalutedeicittadini Allarticolo 1 si prevede listituzione, considerata la gravit della situazione ambientale della Regione Campania, con carattere durgenza e perentoriet, di Registri tumori territoriali presso tutteleASLdellaRegione,qualestrumentofondamentaleperilmonitoraggiodellostatodisalute dellapopolazioneericonosciutiparteintegrantedelSistemainformativosanitarioregionale.Tali registridovrannopoiessereregolarmenteaccreditatiallARTUM. Allarticolo 2 vengono definite nel dettaglio le finalit di tali Registri territoriali, con particolare riferimentoallegametraambienteepatologietumorali. Nellarticolo 3 si stabilisce la redazione di un Regolamento regionale atto ad individuare le modalit di raccolta e di gestione, anche relativamente al trattamento dei dati personali, delle informazionicontenuteneiRegistriinquestione.

101

Allarticolo 4 si individua un Centro di Coordinamento Regionale dei registri territoriali, presso lOsservatorioepidemiologicoregionale,qualepuntodiriferimentoediraccordoacuileASLche gestisconoidiversiRegistrifannopervenireidatiraccolti. Nellarticolo 5 si stabilisce il controllo di tale Centro nonch delle attivit dei diversi Registri territorialiincapoallAssessoratoallaSanitdellaRegioneCampania. Nellarticolo6sistabiliscono,infine,lemodalitdifinanziamentodellalegge. PROPOSTADILEGGE Art.1. (IstituzioneRegistritumoriterritoriali) 1. Al fine di acquisire dati fondamentali alla conoscenza dei rischi per la salute, con particolare riferimento a quelli connessi allinquinamento ambientale e da rifiuti, e per consentire la programmazionenazionaleeregionaledegliinterventisanitarinecessariatutelarelacollettivit daimedesimirischi,laRegioneCampaniaistituisceiRegistritumoriterritoriali(diseguitoRegistri), pressoogniAziendaSanitariaLocaledellaRegione. 2. Le Aziende Sanitarie Locali da cui dipendono i Registri tumori territoriali della Regione sono tenuteagarantireadeguaterisorseumaneestrumentali,tenendocontodellefigureprofessionali conesperienzaspecificanelsettoredellepidemiologiaedellaregistrazionedeitumori. 3. Al fine di non interrompere le attivit dei Registri tumori territoriali, le strutture sanitarie interessatesonoautorizzateaprorogareicontrattidelpersonaleprecarioattualmenteinservizio. 4.IRegistridicuialcomma1siinquadranonelcampodelmonitoraggioclinicoedepidemiologico legato alle patologie oncologiche, specie quelle potenzialmente collegate ad aspetti ambientali, anche al fine di organizzare un apposito piano di prevenzione in base alleventuale legame tra inquinamentoambientaleepatologieoncologiche. 5.Unavoltainiziatalattivit,iRegistridovrannoessereregolarmenteaccreditatipressolARTUM, lAssociazioneItalianadeiRegistriTumori. Art.2. (FinalitdeiRegistri) 1.IRegistritumoriterritorialiraccolgonoidatianagraficiesanitarirelativiaisoggettiaffettidalle patologieoncologicheindividuate.Leprincipalifinalitditaleraccoltasono: a) ricerca, monitoraggio e valutazione epidemiologica e interventi nel campo della prevenzione primaria dei tumori, con particolare riferimento allo studio dei cancerogeni ambientali e professionali e dei fattori correlati agli stili di vita, allo studio della suscettibilit individuale, familiareedigruppiadaltorischioedallavalutazionedellaincidenza,prevalenzaemortalitper tumori; 102

b) ricerca e valutazione nel campo della prevenzione secondaria dei tumori, con particolare riferimento alla esecuzione di programmi di screening per le principali neoplasie e alla identificazione di marcatori genetici utili ad identificare gruppi ad elevata suscettibilit a svilupparetumori; c)assistenzasanitariaepsicologica,riabilitazioneefollowupinregimeambulatorialeinfavoredei pazienti affetti dalle principali neoplasie, collaborando alla definizione dei protocolli ottimali tramitel'utilizzodimetodologieecompetenzeinterdisciplinarinelpienorispettodellapersonae degliaspettietici; d)iniziativediinformazioneededucazioneallasalute,conparticolareattenzionealtrasferimento deirisultatidellaricercadibase,epidemiologica,clinicaegenetica; e) attivit di formazione ed aggiornamento nell'ambito della prevenzione primaria e secondaria deitumori. 2. I Registri raccolgono anche le cause di morte, relativi ai soggetti deceduti a seguito delle suddette patologie, a fini di studio e di ricerca scientifica in campo medico, biomedico ed epidemiologico, nonch di programmazione, gestione, controllo e valutazione dellassistenza sanitaria. 3.IRegistrisvolgono,altres,leseguentiattivitdiinteresseregionale: a)lemappedirischiooncogenocollegabileallambitolavorativoeambientale; b)leattivitdiricercaepidemiologicadiinteresseregionaleinambitooncologico. d)in proprio o tramite specifiche convenzioni (con le Aziende sanitarie locali presenti nella provincia)leattivitdiscreeningoncologicoperitumoridellamammella,dellacerviceuterina,del colonedellaprostata; e)inpropriootramitespecificheconvenzionileattivitdiricercaescreeninggeneticovoltealla identificazionidigruppiadelevatasuscettibilitasvilupparetumori Art.3 (ModalitditrattamentodeidatiraccoltineiRegistri) 1.LaRegioneCampania,aisensidellarticolo3deldecretolegislativo28agosto1997,n.281,edin conformit al parere espresso dal Garante per la protezione dei dati personali, individua, nel rispetto dei principi di cui agli articoli 22 e 94 del codice di cui al citato decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, le modalit di trattamento dei dati raccolti attraverso un Regolamento regionale da emanare entro 180 giorni dallentrata in vigore della presente legge, in cui si provvedeadisciplinare: a)itempielemodalitdiraccoltadeidatineiRegistriterritoriali;

103

b)lemodalitditrasmissioneediaggiornamentodeidatiraccoltitraidiversiRegistriterritoriali, tra questi e Centro di Coordinamento Regionale di cui al successivo articolo 4 e, soprattutto, allesternodellaRegioneCampania. c) lindividuazione dei soggetti che possono avere accesso ai Registri e i dati che possono conoscere,nonchlemisureperlacustodiaelasicurezzadeidati; d) le modalit con cui e` garantito agli interessati, in ogni momento, lesercizio dei diritti di cui allarticolo 7 del codice di cui al citato decreto legislativo n. 196 del 2003, e, in particolare, del dirittodiopporsipermotivilegittimialtrattamentodeidaticheliriguardano. e)lemodalitdiconservazionedeidatisanitariraccoltinellambitodeiRegistridicuiallarticolo1 della presente legge, che prevedano, in ogni caso, la realizzazione di archivi cartacei e informatizzatiesclusivamentededicatiaquestatipologiadidatietrattaticontecnichedicifratura ocodiciidentificativicheconsentanodiidentificaregliinteressatisoloincasodinecessit. 2. I dati personali oggetto di trattamento sono raccolti, nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali, in conformit ai princpi di liceit, proporzionalit, necessiteindispensabilitdeltrattamentodeidatipersonali. Art.4 (CentrodiCoordinamentoRegionaledeiRegistri) 1. E individuato, presso lOsservatorio Epidemiologico Regionale della Campania, istituito con Legge Regionale 36/1987, un Centro di Coordinamento Regionale con funzione di indirizzo, comparazione, gestione e raccordo dei dati provenienti dai diversi Registri territoriali, anche avvalendosi della collaborazione di altri Osservatori epidemiologici eventualmente presenti nella RegioneCampania. 2. Tale Centro provvede alla valutazione dei dati raccolti attraverso i Registri di cui allarticolo 1 della presente legge, nonch alla predisposizione degli interventi conseguenti ritenuti necessari perilraggiungimentodegliobiettivipreposti. Art.5 (ControllodelCentrodiCoordinamento) 1.Ilcoordinamento,ilcontrolloelasupervisionedelleattivitdeiRegistriterritoriali,nonchdel CentrodiCoordinamentoRegionalecheneraccordaidatideputatoall'Assessoratoregionalealla SanitdellaCampania. 2.Nelterminedinovantagiornidall'entratainvigoredellapresentelegge,idirettorigeneralidelle Aziende Sanitarie Locali sede di Registri adottano i provvedimenti necessari per l'ordinato avvio dell'attivitdeglistessi. Art.6 (Disposizionifinali)

104

1.Lespeseperl'attuazionedellapresenteleggenondevonocomportaremaggiorioulteriorioneri sulbilanciodellaRegioneCampania. ALTRIARTICOLIEINTERVENTI InformativasucrolloPompei 10Novembre2010 ANTONIO PALAGIANO. Signor Presidente, onorevoli colleghi, onorevole Ministro, il crollo della casadeigladiatoriaPompeifotografaesattamenteledisastrosecondizioniincuiversal'Italia,ed l'ennesima dimostrazione di quanto questo Governo sia scarsamente interessato alla cultura, al patrimonioartisticoitalianoingeneraleeall'arte.Sitrattadiunpatrimoniocheandrebbedifeso strenuamente con impegno, professionalit e generosit da parte dello Stato. A lei, Ministro Bondi,statoaffidatoquestocompitoe,quindi,deverispondereinquestoParlamentodavantia tutti i cittadini italiani con l'onest che ha rivendicato. Riteniamo, per, che non possa venire in quest'Auladicendochenonsipotevafarenienteo,addirittura,checisarannoaltricrolli.Leiha dipinto in quest'Aula l'azienda Pompei, l'azienda scavi archeologici, come un'azienda florida, citandodeinumerichericordo:52milionidieuronel2002,58milioninel2003,poi66milioni,ma ha dimenticato che molto spesso il Governo centrale ha ripreso questi fondi. Hadimenticatodidirecheunapartediquestifondisonostatidecurtatiesoprattuttochelei, come Ministro, che paga il personale, quel personale carente, come si evince da un'inchiesta delCorrieredellaSerachesicuramenteavrletto,incuisidicechiaramentechevisonooltre300 personechemancanoall'appelloechevisonosoltantopochissimiarcheologi(tre)esoltantotre ristrutturatori. ovvio, quindi, che lei non pu venire in Parlamento e dire che non ne sa niente, che non ne sapeva niente, che la responsabilit di altri e che, forse, ci saranno altri crolli. Lei ha fatto riferimento ad un terrapieno. Questo terrapieno quando e chi aspettiamo per sbancarlo? Dobbiamoaspettarealtricrolli?Credochequestasiaunasuaresponsabilit,MinistroBondi.Lei dice che non c'entrano i tagli dei fondi operati dal Governo. Certo, lei ne difende l'operato; so bene e comprendo umanamente che lei amico di Tremonti e del Presidente Berlusconi, ma anche tra amici, Ministro Bondi, ogni tanto bisogna alzare la voce e lei ha un compito delicato: quello di tutelare i nostri beni e di consegnarli alle nostre future generazioni. Lorodovrannopoterfruiredellebellezzecheilmondocihariservato.Nonsipufarespalluccee direche non c' nessuna responsabilit da parte vostra. I fondi sono stati tagliati. Esiste l'Arcus, unasocietcheleiconoscemoltobene,consolodiecidipendenti,chedipendedalMinisterodicui leiilmaggioreesponente,echehacostiper16milaeurodicanonemensile.Davantiaquesti costi assurdi lei dovrebbe indignarsi e dedicarsi a tempo pieno al compito istituzionale che le statoassegnato.Dovrebbefarsiunesamedicoscienza;leirivesteduecompitiessenziali:quellodi coordinatore nazionale del pi grande partito del nostro Paese e, contemporaneamente, di Ministro per i beni e le attivit culturali. ovvio, signor Ministro, che queste due cose non si possonofareadaltilivelli,cheabbiamobisognodiunMinistroatempopienoechecivuoleuna maggiore sensibilit. Ministro Bondi, ammetta le responsabilit, presenti un programma per evitarechealtricrollipossanoeffettivamenteavvenireinfuturoedavantiagliitaliani.Nonsitratta soltantodiPompei.Voglioricordarechec'statoilcedimentodiunapartedelsoffittodellacasa di Nerone, vi stato lo sbriciolamento di una parte dell'intonaco del Colosseo e un crollo delle muraAureliane.Insomma,intuttaItaliastiamovedendochetuttalanostraarcheologia,tuttele 105

cose pi belle stanno crollando. Voglio usare un paradosso: mi augurerei che Pompei venisse di nuovo sommersa dalle ceneri per preservarla da questa classe dirigente indegna, che nulla sta facendo per consegnare ai nostri figli il nostro patrimonio. Penso che il suo operato, Ministro Bondi,cichehafattoilsuoGoverno,propriolesueresponsabilitabbianosuperatoidanniche hafattoilVesuvionellasuaeruzione.LeihafattopidannidelVesuvio,MinistroBondi,neprenda atto,sidimettaelascispazioadaltrisuoicolleghi!

106

107

108

109

110

111

112

113

114

115

IntervistasettimanaleAgor Novembre2010 1SifaungranparlarediOspedaleUnicodellapenisolaaS.Agnello:cosanepensa?Coma suoavvisoilfunzionamentodegliattualipresididiSorrentoeS.Agnello? Assolutamenteinsufficienti,ovviamente.Ilpersonalecelamettetutta,malestrutturesonoquel che sono e i mezzi a disposizione sono inadeguati. Il blocco del turnover impedisce nuove assunzioni e gli operatori del settore sono allo stremo delle loro forze. La sanit sta vivendo un periodo assai delicato in tutta Italia e nel meridione in particolare. La mannaia di Tremonti si abbattuta con tutta la sua crudelt nei settori nevralgici come sanit e cultura, ospedali, servizi sociali, scuole ed universit. Con questa logica e soprattutto con questo governo non c da sperarenulladibuono.Lospedaleunico,auspicabilissimo,unveroepropriosogno.Seneparla tantopoichcariadielezioniedilmomentodellepromesse.LaRegioneCampaniasullorlo delbaratro:riesceastento,enonsempre,apagareidipendenti.Sarebbeauspicabile,maanche possibilesecifosselavolontpolitica,uninterventomiratosulleareechedannolustroalturismo nostrano e prevedere una ASL dedicata al comprensorio turistico che va da Capri a Positano, passando per Sorrento. Una ASL dotata di mezzi propri e finanze dedicate perch la Penisola Sorrentina il fiore allocchiello della nostra martoriata regione e la qualit della sanit rappresentaunveroepropriobigliettodavisitaemisurailnostrogradodicivilt.Unpaeseche non accoglie dignitosamente i malati, che non d servizi adeguati, da quelli assistenziali a quelli strutturali, senza garantire confort e privacy, non un paese civile e oltre a negare qualit e sicurezzaaicittadinidarebbeunapessimaimpressioneainostripreziosivisitatori. 2Leihapresentatoinparlamentouninterrogazionesullinquinamentomarinonelnostro Golfo:personalmenteleifailbagnoincostieraesesdove? Linquinamento del nostro mare oggetto dindagini della procura di Torre Annunziata. Una situazione delicatissima poich pu mettere a repentaglio la salute di tutti ed allontanare il turismodallenostreterre.Enecessarioistituireunacommissioneparlamentarechelavorituttii giorni,esottolineotuttiigiorni,pereradicaretuttelefontidiinquinamento,colpendoduramente iresponsabilideldelittochesicompiequotidianamentenelGolfodiNapoli.Solocossipotrfar luce su quanto stato artatamente insabbiato. Affidarci alle responsabilit locali o allARPAC significafarfintacheilmarepulito.Mapurtroppo,lapatinaoleosaelaschiumasonosottogli occhiditutti.ImieifiglifannoilbagnoallaspiaggiadiPianoedlchesonoandato2o3voltela scorsastagione.Nonhopiiltempoperandareinbarcacomefacevoalcunianniaddietro. 3EcomostrodiAlimuri,altroargomentooggettodisuointeresseinParlamento:comesifaa spiegareadunnormalecittadinocomepossibilechequellastrutturaindecenniancorastal? Laspiegazioneunasola:troppiinteressiingiocoetroppodisinteresseversounasituazionegrave echeconilpassaredegliannipotrsolamentedegenerare.Unpericolopubblicochehagifatto troppevittimetrainostrigiovaniacausadellafacileaccessibilit,delsuostatopericolanteedella mancanza di protezioni. Dallo scorso giugno data in cui ho presentato la mia interrogazione parlamentare non ho avuto alcun riscontro: il Ministro Prestigiacomo non ha ancora risposto. Dovrebberoesseretuttiglieletti,dituttiicomunidellapenisolaedituttiipartitiadindignarsidi quellobbrobrio che deturpa il nostro litorale. Solo con unazione sinergica e trasversale si potr 116

arrivareallasuademolizione.Iohofattolamiaparte,continuerafaresollecitifinchnonavr ottenuto una risposta soddisfacente e ad avviare le iniziative utili a mandarlo gi, ma non ho ricevuto nessun invito a proseguire la mia azione e nessun incoraggiamento dalle altre parti politicheodagliamministratorilocali.Questaforseunabuonaoccasioneperinvitaregliuominie ipoliticicheamanolanostraterra:uniamociperabbatterelecomostrodiAlimuri! 4Cosapensadellasituazionediunaltrositoarcheologicobistrattato:laVillaRomanaPollioal CapodiSorrento? Purtroppo devo costatare un grande disinteresse per i siti archeologici da parte dei nostri amministratori e la situazione della Villa Pollio Felice del Capo di Sorrento senzaltro tra gli esempipisignificatividiquestodisinteresse.UnComune,inquestocasoquellodiSorrento,che acquisisce un patrimonio archeologico cos importante, spendendo circa 3 milioni di euro (attraversounmutuocheicittadinicontinuanoapagare)perpoiabbandonarecompletamenteil sito, persegue indubbiamente una politica illogica, dal punto di vista economico, culturale e turistico.QuestabellissimaareapotrebbeesserefruitadaturistiprovenientidatuttaItaliaenon solo, invece, da 7 anni si trova nel pi completo abbandono, nonostante lingente investimento effettuato. Unarea di cos evidente valore artistico andrebbe preservata, tutelata, valorizzata, protetta dalle erosioni marine, messa in sicurezza e mantenuta pulita cos da poter essere una veraricchezzaperlapenisola.Magliamministratorisidimostranopocosensibilidavantiaqueste tematiche e lo dimostra ulteriormente lo scempio attuato a Piazza Veniero, dove una villa sorrentina del I secolo d.C., con pareti affrescate e pavimenti marmorei, stata inghiottita nel cemento di una brutta piazza confezionata frettolosamente per la competizione elettorale alle porte! 5LimpegnodellItaliadeiValoriinpenisolasorrentina:ungiudiziosullattivitdellavvocato Antonetti a Sorrento che continua incessante anche dopo la cocente delusione elettorale e la mancataelezioneinconsigliocomunale? Giovanni una risorsa impareggiabile, un lavoratore instancabile che con tanto entusiasmo si fatto carico di tutti i problemi irrisolti di Sorrento. Nonostante la sua mancata elezione ha continuato,conspiritodiservizio,adesercitarelasuacoraggiosaoperadicontrollosuquantofao quantononfalagiuntaCuomo.Unveroepropriodifensorecivico.Unesempiodaimitareamio avvisonellinteressedellacollettivit.Unpersonaggioscomodoperaltri. 117

ATTIDELLACOMMISSIONEERRORIEDISAVANZISANITARI EstrattodallaRelazionefinaledellaCommissione 1. STATODELLASANITNELLAREGIONECAMPANIA 1.1. Laspesasanitariaregionale. Secondo le ultime elaborazioni della Corte dei Conti, la spesa sanitaria Campana rappresenta circa il 72% della spesa corrente della regione (10,2 su 14,2 miliardi di euro). Contenereildeficitsanitarioequivale,quindi,ametteresottocontrollolinterobilancioregionale. Nellultimo triennio si registrato un progressivo miglioramento del risultato desercizio delserviziosanitarioregionale: 2009 2010 2011 RisultatidiesercizioalnettodellamobilitSSN 788.900 478.600 173.200 Spesacorrente(impegni) 11.698.19 11.160.84 14.209.79 5 8 7 Spesacorrentesanitaria(impegni) 8.591.945 8.267.756 10.180.07 1 Spesasanitaria/Totalespesa(impegni) 73,45 74,08 71,64 Spesacorrente(pagamenti) 12.133.16 10.662.65 13.453.90 0 1 8 Spesacorrentesanitaria(pagamenti) 9.321.787 7.974.569 10.485.92 3 Spesasanitaria/Totalespesa(pagamenti) 76,83 74,79 77,94 Indebitamentototaleentissn 7.950.595 7.903.212 9.456.350 Debitiversoaziendesanitarieextraregionali 789 1.099 Indebitamentopermutui 13.471 11.920 Debitov/sfornitori 6.051.388 6.586.500 6.810.390 Altretipologiedidebito 1.884.947 1.303.693 Fonte:Istat,Cortedeiconti,bilanciregionali(importiin migliaiadieuro) Purinungeneralecontestodifortediminuzionedeldisavanzo,occorreevidenziarechei risultatinascondonoluciedombre. Nel 2011 sul fronte degli impegni, il peso della spesa sanitaria su quella corrente complessivastatoparial72percento,controil74percentodel2010eil73del2009. In valore assoluto, gli impegni di spesa corrente sanitaria, dopo una flessione del 3,8%, sono aumentati del 23,1% nel 2011: per effetto della premialit sono infatti affluite maggiori risorse con le quali stato possibile pagare i debiti pregressi; cosicch laumento medio del trienniorisultatoparial9,24%. Peggiorelanalisicheemergedallagestionedicassa:invero,ipagamentisanitaricorrenti crescono sia in valore assoluto (+31,49% nel 2011) e sia come incidenza sul totale regionale (77,94%).

118

Ladiminuzionedeipagamentiperacquistodiservizinonsanitariderivaingranpartedal fortecalodellespeselegali(0,5miliardidieuro). Consulenz e e collaborazi oni non sanitarie dalle strutture sanitarie pubbliche 2009 8.771 2010 2.600 2011 3.681 Consulenz e e collaborazi oni non sanitarie dalle strutture sanitarie daprivati 8.201 5.724 5.614 Manute Spese legali nzione ordinari a e riparazio ni Servizi ausiliari e spese dipulizia Altri acquist i per servizi non sanitari Acquisti diservizi non sanitari derivant i da sopravv enienze 1.553 3.085 3.848 TOTALE ACQUIS TI SERVIZI NON SANITAR I

92.126 88.257 94.787

507.29 178.100 4 519.19 138.644 3 43.353 181.581

318.64 0 691.79 0 348.68 9

1.114.6 83 1.449.2 93 681.554

Ipagamentiperonerifinanziarisiriferisconoadinteressipassiviperdebitineiconfrontidi amministrazionipubbliche,versofornitori,peranticipazionidicassa,oneriderivantidaoperazioni dicartolarizzazione,nonchaltrionerifinanziaridiversi.NellultimotrienniolaRegioneCampania registra (404 milioni di euro, 61,9%) una forte riduzione degli oneri derivanti da operazioni di cartolarizzazione e degli oneri finanziari diversi. Per detti pagamenti si quindi passati da 67,8 milionidieuronel2009a5,8milionidieuronel2010e2,3milionidieuronel2011.Iltotaledegli onerifinanziaripassainveceda421,508milionidieurodel2009a17,840del2011. Negativo appare il quadro dellindebitamento complessivo, costituito da mutui, debiti verso i fornitori, verso aziende sanitarie extraregionali e altre tipologie dindebitamento (debiti verso Stato, Comuni e altri enti pubblici, verso lente tesoriere o altri istituti di credito, verso dipendenti,istitutidiprevidenzaedisicurezzasociale,nonchdebititributariealtretipologiedi debito)cheal2011,datifornitisoloperaggregato,pariad9,5miliardidieuro. I debiti verso i fornitori presentano una forte incidenza sullindebitamento, implicando il rischio di formazione di ulteriore debito per la decorrenza automatica degli interessi moratori e perilcontenziosoapertoconleimpresecreditrici. Oltreai6,8miliardididebitidiretti(72%deltotale),inalcunicasinellavoceresidualealtri debiti sono confluiti i debiti verso istituti di credito a seguito di operazioni per la riduzione del debitoversoifornitori.LaRegioneCampania,inparticolare,hacomunicatocheildebitosanitario certificatoecedutoprosolutoabancheedintermediarifinanziariammontavaacirca700milioni di euro al 31 dicembre 2010, interamente in capo alle aziende sanitarie e classificato prevalentementenellavoce"AltriDebiti".Ilfenomenosipresentacomeimponente,siaperilpeso chehasultotaledeidebiti,siaperivaloriassoluticheesprime. 1.2. Lagestionepregressa. Ogni valutazione, attuale e prospettica, non pu ignorare la mole di debito lasciata in ereditdallegestioniprecedenti,paria10miliardidieuronelsettoresanitario. 119

Nel periodo 20012005 il disavanzo medio annuo stato superiore a 900 milioni di euro (1,791miliardinel2005),eneiquattroannicheseguonosarsempresuperioreai750milionidi euro,conpuntedi862milioninel2007. Lelevataentitdeldisavanzohadeterminatouncorrispondenteeffettoincrementaledel debito,cheal31dicembre2005eragiparia6,9miliardidieuroealterminedellesercizio2010 haraggiunto8miliardidieuro. Nel2009lagiuntaregionaleprotemporehaviolatoilpattodistabilitel'ultimocomma dellarticolo 119 della Costituzione, che vieta alle amministrazioni locali di indebitarsi per finanziare la spesa corrente, incrementando i debiti di ulteriori due miliardi. Ci ha comportato unaseriedisanzionitracuiildivietodicontrarrenuovidebiti. Inoltre,nellostessoperiodosiregistratounelevatocostoperilmancatopagamentodei fornitori.Conseguentemente,ilsettoredeiconvenzionatihadovutoconvivereconunacronica carenzadiliquidit,mentreibilancidelleAziendesonorisultatipesantementegravatidallespese legali (507 milioni di euro nel 2009 e 519 milioni di euro nel 2010) correlate ad un aumento vertiginosodelcontenzioso. Lattuale giunta regionale, in carica dal 2010, si dovuta quindi fare carico di una moltitudinedidebiticercandodiallontanarelaprospettivadeldefault. Sievidenziaaltresche,nel2011,ilbilancioregionaleesponeva24miliardidiresiduiattivi (entrate accertate ma non riscosse e che nascondono, spesso, crediti di dubbia esigibilit) e 18 miliardi di residui passivi (spese impegnate ma non pagate). Considerata lenorme entit soprattutto dei residui attivi, occorre che la Regione, conformemente al principio di prudenza e sanagestionefinanziaria,provveda,alterminediogniesercizio,adunlororiaccertamentoalfine dellacancellazionedallescritturecontabilideicreditididubbiaesigibilit,evitandocosdiiscrivere nel bilancio preventivo dellanno successivo mezzi di copertura insussistenti con conseguenze negativesullequilibriofinanziariodellente. 1.3. IlPianodirientro. La Regione Campania, in presenza di rilevanti disavanzi di gestione del Servizio sanitario regionale non ripianabili attraverso strumenti ordinari, ha stipulato, in data 13 marzo 2007, laccordoconilMinistrodellasaluteeilMinistrodelleconomiaedellefinanze,anormadellart.1, comma180,leggen.311del2004,cheprevedevalapossibilit,perleRegionichepresentavano situazionidisquilibrioeconomicofinanziarioe/odimancatomantenimentodeilivelliessenzialidi assistenza, di elaborare un programma operativo di riorganizzazione, di riqualificazione o di potenziamento del Servizio sanitario regionale da sottoscrivere, con apposito accordo. Con tale accordo sono stati individuati gli interventi necessari per il perseguimento dellequilibrio economico, nel rispetto dei livelli essenziali di assistenza e gli adempimenti previsti dalla successivaintesafraGovernoeRegioni,stipulatail23marzo2005. Aseguitodellerisultanzedellariunionedel20luglio2009,nellaqualeilTavolodiverifica degli adempimenti regionali ed il Comitato permanente per la verifica dei livelli essenziali di assistenzahannovalutatouninsufficientegradodiattuazionedelPianodirientro,ilConsigliodei ministri, in data 24 luglio 2009, ai sensi dellart. 4 del decreto legge 1 ottobre 2007, n. 159, convertitoconmodificazionidallaleggen.222del2007,hanominatoilPresidenteprotempore dellaRegioneCampaniaqualeCommissarioadactaperlattuazionedelPianodirientro. Dopo linsediamento del nuovo Presidente della Giunta della Regione Campania, il Consigliodeiministri,condeliberazionedel23aprile2010,hanominatoilPresidenteprotempore 120

dellaGiuntaregionaleCommissarioadactaperlaprosecuzionedelpanodirientrodaidisavanzi delsettoresanitariodellaRegioneCampania. Il Commissario ad acta, per la predisposizione dei provvedimenti da assumere in esecuzione del mandato ricevuto dal Consiglio dei ministri, affiancato da uno o pi Sub Commissari: attualmente Sub Commissario ad acta il dott. Mario Morlacco, nominato dalla delibera del Consiglio dei ministri del 3 marzo 2011, e da ultimo confermato nellincarico dalla deliberadelConsigliodeiministridel23marzo2012. Il commissariamento preposto allattuazione degli interventi gi avviati con il Piano di rientro.Lostrumentoperlimplementazionedelleazionisonoiprogrammioperativi,predisposti dalCommissarioadactaedapprovatidalMinisterodellasaluteedalMinisterodelleconomiae dellefinanze.Infatti,lart.2,comma88,dellaleggedel23dicembre2009,n.191(leggefinanziaria 2010),hastabilitocheperleregionigisottoposteaipianidirientroegicommissariaterestano fermi l'assetto della gestione commissariale previgente per la prosecuzione del piano di rientro, secondo programmi operativi, coerenti con gli obiettivi finanziari programmati, predisposti dal Commissarioadacta,nonchlerelativeazionidisupportocontabileegestionale. LaRegioneCampaniahapredispostosuccessiviaggiornamentideiprogrammioperativi: - programmioperativi20102011,approvaticondecretodelCommissarioadactaperlasanit n.25del13aprile2010; - programmi operativi 2011 2012, approvati con decreto del Commissario ad acta per la sanitn.45del20giugno2011; - aggiornamento dei programmi operativi per lesercizio 2012, approvato con decreto del Commissarioadactaperlasanitn.53del9maggio2012. Inlineagenerale,ilsistemadiresponsabilizzazioneintrodottoconlanormativasuipianidi rientro,grazieaimeccanismipremiali(accessoarisorseaggiuntiveperleRegionecheconseguono gliobiettivi),esanzionatori(mancatoaccessoarisorseulteriori,inasprimentodellemisurefiscali, bloccoautomaticodelturnoverdelpersonaledelserviziosanitarioregionalefinoal31dicembre del secondo anno successivo a quello in cui si riscontra linadempimento, divieto di effettuare spesenonobbligatorieperilmedesimoperiodo,commissariamentoperleRegioniinadempienti) hafattoschesiverificasseunariduzionedeldisavanzo:ilrisultatodiesercizio20102011infatti miglioratodel63,82%,conunavariazioneinpositivodi305,45milionidieuro. Sonostatirealizzatiprogressinellariduzionedeicostidiproduzionedellasanitregionale, inparticolareinquellidelpersonaleeinquellidellafarmaceuticaconvenzionata.Ladiminuzione della spesa per il personale, nel 2011 inferiore del 5% rispetto al 2009, deriva soprattutto dal bloccodelturnovercheharidottoleunitdicircail10%in5anni(da55miladipendentinel2006 a circa 50 mila del 2012). Nel 2010, ed ancora di pi nel 2011, si inoltre cercato di limitare leccessivo ricorso agli straordinari e le altre componenti della retribuzione accessoria. La spesa farmaceutica ha, invece, beneficiato di una intensa azione di controllo delle prescrizioni, dei provvedimenti in favore delluso dei farmaci generici e della introduzione di misure di compartecipazionedeicittadini(ticketequotaricetta).inveceaumentatadel4,4%laspesaper lacquistodibenieservizi. Sono,poi,statiavviatiulterioriinterventiperattuareilpianodirientro:riassettodellarete ospedaliera (accorpamenti delle Asl, diminuite da 24 a 17) e dei laboratori, ridefinizione dellassistenza sanitaria da erogatori privati accreditati, centralizzazione degli acquisti (affidamento alla So.Re.Sa. Spa delle funzioni di acquisto e fornitura), adozione di nuovi procedimenticontabiliedamministrativi(pianodicontabilitgeneraleunicoregionale),nonchdi documentiprogrammaticiaziendali. 121

, quindi, innegabile che lazione di risanamento sia stata incisiva. Ciononostante indubbiocheirisultatisianodovuti,oltrechealrallentamentodelladinamicadicrescitadeicosti, allaumentodeiricavi(+346,29milionidieurointreanni). Costi ricavi Saldo Risultatodi MSI Esercizio 2008 9.705.460 289.260 814.760 10.230.960 2009 9.786.790 303.510 788.880 10.272.160 2010 9.969.630 285.330 478.640 10.162.930 2011 9.939.600 10.051.750 285.330 245.476 La Campania, che in valore assoluto ha fra i pi elevati valori di spesa, migliora il trend evidenziatonel2010eriduceicostidapocopidi10miliardidieuroa9,92miliardidieurodel 2011,conunariduzionedel2,2percento.Alterminedellesercizio2011ildisavanzopariacirca 245 milioni di euro. La situazione debitoria del sistema sanitario regionale nel 2011 ammonta a 4.617milionidieuro,mentrequelloacaricodelleASLparia4.838milionidieuro.1 Seppure in un contesto di generale miglioramento, la Campania non riuscita a trovare adeguata copertura al disavanzo. Si sono quindi realizzate le condizioni per lapplicazione degli automatismi fiscali previsti dalla legislazione vigente: lulteriore incremento delle aliquote fiscali dellIRAPedelladdizionaleregionaleallIRPEFperlannodimpostaincorso,rispettivamentenelle misuredi0,15e0,30punti;lapplicazionedelbloccoautomaticodelturnoverdelpersonaledel servizio sanitario regionale fino al 31 dicembre del secondo anno successivo a quello in corso; lapplicazionedeldivietodieffettuarespesenonobbligatorieperilmedesimoperiodo. 1.4. Misureperilripianamentodeldebito. Nellambitodellattuazionedelpianodirientroedeisuccessiviprogrammioperativi,coni decreticommissarialin.12del21febbraio2011,n.48del 20giugno 2011en.22del7marzo 2012statopredispostounpianodeipagamentideidebitisanitari. Tali provvedimenti sono orientati a ripristinare lordinato e regolare svolgimento dei pagamentiaicreditoridelleaziendesanitarie,adabbattereilcontenziosoeirelativioneriperil mancato pagamento, nonch a ridurre il volume di pignoramenti in essere, attivando un complessocoordinatodiazionivoltoadefinirelemodalitattuativediunagestionecentralizzata finalizzataa: incassareneitempipibreviifondiattesidalloStato; intensificareleazioniamministrativefinalizzateadassicurareregolaritetempestivitnei
1

Audizione del Presidente della Sezione di controllo della Corte dei conti per la Campania, in Resoconto stenografico della Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori in campo sanitario e sulle cause dei disavanzi sanitari regionali, 11 ottobre 2012, pag. 7.

122

pagamenti; promuoveregliordinaristrumentidismobilizzazionedeicrediti; certificare, limitatamente ai casi in cui non sia possibile procedere al pagamento per mancanzadiliquidit,icreditivantatidaifornitorichesianocerti,liquidiedesigibili; monitorarelandamentodeldebitosanitario. In particolare, con riferimento alla strategia operativa di ripianamento del debito pregresso,statoprevistoquantosegue: alleaziendesanitariestataattribuitalapossibilitdidefinirecelermente,neilimitidei 60.000euro,accorditransattiviaventiadoggettoicreditipregressi. alla struttura commissariale, con il supporto tecnico della So.Re.Sa. S.p.A., stato demandatoilcompitodidefinireprotocollidintesaconleassociazionideicreditorie/oconsingoli creditori di maggiore rilievo, relativamente alle forniture gi effettuate ed i cui crediti risultano scadutialladatadel30giugno2011.Taliprotocollisonofinalizzati,oltreallestinzionedellepartite debitorie pregresse per classi di creditori, ad estinguere le azioni esecutive in corso, con la conseguenterimozionedeivincolidirisorseappostipressoitesorieridelleaziendesanitarie. Le pretese creditorie, cos come vantate dai creditori, sono soggette alla procedura di accertamento di cui al decreto commissariale n. 12 del 2011 da parte delle aziende sanitarie debitrici,alfinedilegittimarnelaliquidazioneinquantocerte,liquideedesigibili. Alla data del 20 luglio 2012 sono stati stipulati 17 accordi quadro con associazioni dei creditori e/o con singoli creditori di maggiore rilievo del SSR. Attualmente gli accordi sono complessivamente28,perunvaloredicirca1.700milionidieuro. ConlastipuladeiprotocollidintesarisultarealizzabileperilSSRunrisparmiopariall8% delvaloredelcreditotransatto,risparmioimputabileallarinunciadapartedeicreditorisanitari, sia agli interessi e alle spese legali, in parte riconosciuti dallautorit Giudiziaria, sia, talvolta, ad unapartedelcapitale. Insedediriunionecongiuntadeltavolotecnicoperlaverificadegliadempimentiregionali conilcomitatopermanenteperlaverificadeilivelliessenzialidiassistenzadel30marzo2012,i Ministeri affiancanti, prendendo atto dellavvio della fase operativa del piano dei pagamenti, hannoerogatoallaregioneunaquota,atitolodipremialit,dellerestantispettanzeatuttolanno 2011,paria300milionidieuro. Vi,per,daosservarecheirisultatiancoraottenibilisonomoltocondizionatidacriticit rilevate in alcune aziende sanitarie nel dare esecuzione agli accordi, in particolare per ci che riguarda la certificazione del debito. Per tale motivo sar necessario intervenire sulle aziende interessatepersupportarleinunpercorsodiriorganizzazione. 1.5. Criticit. I risultati della gestione corrente in termini di disavanzo lasciano irrisolto il problema del debito pregresso che, minando la stabilit finanziaria della sanit regionale, mette a rischio il rispetto dei requisiti minimi dei LEA (livelli essenziali di assistenza) e di appropriatezza delle prestazionisanitarie. Quasi tutte le voci del bilancio regionale evidenziano alti profili di criticit: situazione debitoria pregressa non compiutamente stimata, gestione del personale, contenzioso, attivit di

123

staff, amministrazione e formazione, spesa farmaceutica, acquisizione di beni e servizi tramite appaltatoriosoggettiinrapportodiaccreditamento. Lemisuredirazionalizzazioneedirientrodaldebitosanitarioavviateconlaleggeregionale n. 28 del 24 dicembre 2003 non hanno prodotto lauspicata radicale e virtuosa inversione di marciagestionalenelsensodelrigoreedellappropriatezzadellaspesa. La ristrutturazione del debito, opportuna in linea di principio ed iniziata con la cd. operazioneSo.Re.Sa.,nonhapotutosortireglieffettisperatiinragionediunamancataeffettiva, realeeveritieraricognizionepuntualedeldebito,nontantoqualedatoaggregato,bensperogni singola partita debitoria, con ci determinando, da un lato, la paradossale creazione, a volte fittizia, di nuovo debito e, dallaltro, risultando assolutamente insufficiente, anche in termini di quantit,adabbattereildebitoregionaleeporrelebasiperavviareunanuovaeragestionale. Presenta ancora gravi carenze lorganizzazione contabile, che avrebbe dovuto portare allintroduzionedimodellidiamministrazionetrasparentiecorretti. Anche la disposizione normativa, recentemente prorogata, recante limpignorabilit dei benidelleASL,comunquelesivadegliinteressideicreditori,avrebbepotutotrovaregiustificazione solo nella eccezionalit della situazione e a condizione di essere associata ad una fase di celere ricognizioneepianificazionedeidebitiedeipagamenti. Nonostante i numerosi interventi e gli indubitabili miglioramenti in termini di contenimentodellasuatendenzaespansiva,notevolidifficoltsisonoverificatenelcontrollodella spesa:nel2011,dapartedidieciaziendesanitariestatomancatoilpareggioeconomicoenon sonostatirispettati,pervarievocidicosto,gliobiettividibudget.Lepresentiosservazioni,unite alle ricorrenti relazioni negative da parte dei revisori di tali enti, sembrano ancora una volta confermareunadifficoltnelmonitorare,sianelmomentoprogrammatico,siainquelloesecutivo, icontisanitariregionali. A tal proposito una sintetica analisi dellesposizione debitoria della sanit regionale evidenzialacontinuacrescitaditaleaggregato:infattiildebitototaledelsettore,siaacaricodelle Asl,siadellaRegione,afine2011haraggiuntoi9,456milionidieuro. Lapesanteriduzionedellerisorseumaneinservizio(dal2007adoggipercirca7.000unit), conseguentealbloccototaledelturnoverdovrebbeindurreadinterrogarsisiasullasituazionedi gravissimacriticitperlagaranziadeilivelliminimidiassistenza,siasuglieffettieconomiciperil continuo ricorso agli straordinari, il cui costo di gran lunga superiore a quello sufficiente allassunzione dellulteriore personale necessario. Le pesanti disfunzioni e diseconomie rilevate dovrebbero,quindi,indurreillegislatoreadinserirenellanormativaalmenounalimitataderoga perposizioniindispensabilidelpersonaleinterno. Daultimovaconsideratochelaripartizionedeltrasferimentostataleperquotacapitariaha penalizzatofortementelaCampaniaedingenereleRegionidelSud.Infattitalequotacapitaria, secondoicriteridicuiallart.1,comma34,dellaLegge23dicembre1996,n.662,vienecorretta con parametri che attribuiscono maggior peso alla popolazione ultrasessantaciquenne, penalizzando,intalmodoleRegionigiovanicomeappuntolaCampania,sebbenecaratterizzatada critichecondizionisocioeconomiche. Tali criteri sono tuttora vigenti, nonostante, negli anni, le Regioni meridionali abbiano rivendicatolanecessitdiintegrareiparametriconcriterisocioeconomici(ilcosiddettoindicedi deprivazione).DallatabellasullaripartizionedelfondosanitarionazionaletraleRegionianni 2005/2011sirilevachelaCampania,ancoranellanno2011,laRegioneconlaquotacapitaria pibassa.

124

125

1.6. Lorganizzazionesanitaria. 1.6.1. Ilriassettodellareteospedaliera. LaregioneCampaniahaadottato,conildecretodelCommissarioadactaperlasanitn. 49del27settembre2010,ilriassettodellareteospedaliera. Neldefinireilriassettodellareteospedalierahafissatounindiceprogrammaticodiposti lettoparia3,4permilleabitanti(dicui0,5perriabilitazionee/olungodegenza).Ilvaloreditale indiceprogrammaticorifletteilfabbisognodipostiletto,pubblicieprivati,idoneoasoddisfarela domandaappropriatadiricoverodellanostraregione. Iprincipiedicriterichehannoguidatolescelteprogrammatichesonostati: lindiceprogrammaticoregionalefissatoin3,4postilettopermilleabitanti(dicui 0,5perriabilitazionee/olungodegenza); il fabbisogno di posti letto per singole discipline stimato sulla base dei ricoveri appropriatieffettuatinellaregionenellanno2008; lindividuazione del modello a rete: per la prima volta nella regione stato pianificatounfabbisognodipostilettoperparticolariretiassistenzialiquali: a)retedellemergenzacardiologica; b)retedellictuscerebraleacuto(strokeunit); c)retedeltraumagrave(traumacenter); d)retedellecurepsichiatriche; e)retematernoinfantile; f)retedellecureriabilitativeedilungodegenza; la congruit dimensionale: nel caso di presidi di ricovero ospedalieri pubblici per acuti il valore minimo stato fissato in 100 posti letto; nel caso di presidi di lungodegenzae/oriabilitazionetalevaloreminimofissatoa80p.l.; lariorganizzazionefunzionaledellestruttureconlaqualesiconseguitalafinalit diaccorpareunitoperativedellamedesimadisciplina,nonchdirazionalizzarela distribuzione delle dotazioni tecnologiche e di riordinare i processi di acquisto di benieservizi; lintroduzione di modelli assistenziali innovativi tra cui emergono fortemente le nuovestrutturepolifunzionaliperlasalute(SPS),qualemodalitdiriconversione deipiccoliospedalitesaafornirerisposteplurimeaibisognideicittadini; lincrementodeipostilettodiriabilitazioneelungodegenzadasemprecarentinel sistemadioffertaassistenzialepubblicadellaregione. Con il riassetto della rete il numero di posti letto programmati rispetto ai posti letto esistenti nellanno 2008 si ridotto di circa 1.500 unit. Tale dato rappresenta il saldo tra la riduzionedeipostiperacutielincrementodeipostilettoperassistenzariabilitativa. 1.6.2. Statodirealizzazionedelriassetto. Alleaziendestatodemandatoilcompitodiadottareundocumentodiprogrammazione aziendale con il quale definire nello specifico le attivit necessarie ed i tempi (nel rispetto del

126

crono programma regionale) necessari alla riorganizzazione dei presidi ospedalieri per acuti secondoildettatodellapianificazioneregionaleedallariconversionedellestrutturedoveprevisto. Tutte le aziende sanitarie locali e le aziende ospedaliere hanno provveduto allinvio dei suddetti atti, ad eccezione delle aziende ospedaliere Monaldi, Cotugno, Centro Traumatologico Ortopedico, Ruggi DAragona e Santobono: per tali aziende, coinvolte in processidiaccorpamentoedannessione,infatti,sonostatiadottatispecificidecreticommissariali che, tra laltro, hanno fissato il termine entro il quale esse dovranno provvedere alla rielaborazione dellatto aziendale con la precisazione che questo assorbir la pianificazione attuativa. E opportuno a questo proposito rappresentare che lattuazione degli obiettivi di riorganizzazione fortemente ostacolato dalla difficolt a reperire risorse da impegnare in tale processo e pi in particolare dalla sempre maggiore carenza di personale derivante dallapplicazionedelbloccototaledelturnover.Sitrattanaturalmentedidifficoltmaggiormente sentiteldoveprevistalariconversionediinterestruttureanuovefunzioni,comeilcasodella trasformazionedegliospedaliperacutiinstruttureconfunzioniriabilitative. 1.6.3. Protocollid'intesaRegione/Universit. Lo stato di attuazione della sottoscrizione dei protocolli d'intesa tra la Regione e le Universitilseguente: UniversitdegliStudiFedericoIIeSecondaUniversitdiNapoli: i protocolli di intesa sono stati adottati rispettivamente con decreto commissariale n. 60 del 15.10.2010 e n. 61 del 15.10.2010. Gli stessi sono stati sottoscritti in data 27.01.2012 e 20.04.2012esonoattualmentevigenti. AziendaOspedalieraUniversitariaRuggidiAragonadiSalerno: condecretocommissarialen.136del19.10.2012,insinergiaedasuperamentodei rileviprecedentementemossidalTavoloMinisteriale,statapropostalacostituzionedell'Azienda OspedalieraUniversitaria"SanGiovannidiDioeRuggidiAragonaScuolaMedicaSalernitana".Il predettoprovvedimentostatoinviatoaiMinisterivigilantiperlasuccessivavalidazione. perquantoattieneallostatodeldecretocommissarialen.16del11marzo2011di approvazionedelProtocollod'Intesaperlacostituzionedell'AziendaUniversitariaSanGiovannidi Dio e Ruggi di Aragona Scuola Medica Salernitana, opportuno evidenziare che con recente pronunzia n. 04425/2012, il TAR Campania Sez. Napoli, su ricorso promosso da Associazione OstetriciGinecologiOspedalieriItalianiFe.S.Me.D.,nehadichiaratolacaducazioneunitamente, perdirettaincidenza,aidecreticommissarialin.9en.14del2012.Allostatoattuale,pertanto, nonsiancoraconclusoilprocedimentodicostituzionediA.O.U. 1.6.4. Postilettopubblico/privatoedefinizionedelfabbisogno. Per quanto attiene al rapporto tra posti letto pubblici e privati, lo stesso decreto del Commissarioadactan.49/2010prevedeche,su19.480postilettoritenuticongruiasoddisfareil fabbisogno di prestazioni in regime di ricovero, 13.336 posti letto siano attribuiti alle strutture pubblichee6.144allestruttureprivate.Nellostessodecretostatoanchedeclinatoilfabbisogno di posti letto pubblici e privati per singola provincia e per singola disciplina, con lobiettivo di realizzareunapienaintegrazionepubblicoprivato. 127

La definizione del fabbisogno non ha riguardato solo i posti letto ospedalieri ma anche il fabbisogno di posti per tutte le strutture cheerogano assistenza residenziale(RSA, SIR, Hospice, Tossicodipendenzeecc.). 1.6.5. Centralizzazionedegliacquisti. Conlaleggeregionalen.28del24dicembre2003,modificataedintegratadallaL.R.n.24, del29dicembre2005,laRegioneCampaniahacostituitoepoiaffidatoallaSocietRegionaleper la Sanit .So.Re.Sa. S.p.A posseduta al 100% dalla Regione, le funzioni di centrale di committenza(exart.33deldecretolegislativon.163del12aprile2006),assegnandoallastessa latitolaritinviaesclusivadellefunzionidiacquistoefornituradeibenieattrezzaturesanitarie delleAA.SS.LL.edelleAA.OO. Purtroppo,storicamente,sonostateregistratenumerosedisfunzioniinterminidiefficienza nella gestione corrente degli ordini e pagamenti So.Re.Sa., alimentati significativamente dalla pratica impropria condotta da diverse Aziende Sanitarie di inoltrare ordini attraverso canale esternoallapiattaformainformatica(c.d.ordinifuoripiattaforma),conleconseguentidifficolt sottovariprofili: nell'adeguato controllo della corretta esecuzione del contratto da parte del fornitore, ancheperilrispettodellatempisticadiesecuzione; nelcostantemonitoraggiodelcontingentecontrattualeordinabile; nelprontoriscontrodellaconformitalfornitodellafatturazioneprodottadalfornitore,ai finidellaliquidazionedelcreditoneitempicontrattualmentecompatibili. L'acquisizionediunordinefuoripiattaformaSo.Re.Sa.pervieneallacentraleacquistinella maggiorpartedeicasidopocheilfornitorehafattopervenirelafatturaperlafornituraeffettuata, spessosuistanzadiSo.Re.Sa.stessaversol'AziendaSanitariainteressatadallafornitura,aseguito della ricezione da parte del fornitore del documento contabile esigente il pagamento, al fine di supportaretalerichiestacondocumentazioneadeguataallaliquidazionedelcredito.Unavoltapoi che l'Azienda Sanitaria ha prodotto copia dell'ordine inviato al fornitore in nome e per conto So.Re.Sa. e la dichiarazione di conformit della fornitura avvenuta, generalmente su supporto cartaceo,unoperatoreSo.Re.Sa.provvederacaricare"asanatoria"l'ordinativosullapiattaforma informatica, valorizzando contemporaneamente anche l'avvenuta consegna, onde poter procedere alla liquidazione del credito di fornitura. L'atto di liquidazione rappresenter il presupposto utile per poter fare richiesta all'Ente finanziatore delle risorse necessarie a poter disporre il pagamento della fatturazione della fornitura. Tale iter, appesantito e non funzionale, concorreadalimentareiritardineipagamenti,conilconnessoprodursidioneriaccessori2. Il fenomeno degli "ordini fuori piattaforma", seppure di notevole criticit e bisognoso di totale azzeramento in tempi brevi a causa delle descritte difficolt, ha fatto tuttavia nel tempo registrare un trend positivo, frutto della campagna di sensibilizzazione e formazione svolta da So.Re.Sa.versoleAziendeSanitarie.
2

Per uninteressante lettura degli effetti della cartolarizzazione dei titoli del debito sanitario campano, nonch della reale capacit di risparmio generata dalla Centrale unica di acquisti, cfr. laudizione del Procuratore regionale della Corte dei conti per la Campania, in Resoconto stenografico della Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori in campo sanitario e sulle cause dei disavanzi sanitari regionali, 30 ottobre 2012, pagg. 21-23 e 28-30.

128

1.6.6. Tariffe. I decreti del Presidente Consiglio dei Ministri di nomina del Commissario ad acta per la sanit, del 24 luglio 2009 e del 24 aprile 2010 definiscono le linee di intervento cui dare attuazioneeprevedono,rispettivamentealpunto16ealpuntop),adozionedelletariffeperle prestazionisanitarie. Acisiprovvedutocon: - decretodelCommissarioadactaperlasanitn.6del4febbraio2010perladeterminazione delletariffeperprestazionierogatedaResidenzeSanitarieAssistite(RSA)eCentriDiurniai sensidellaleggeregionalen.8/2003; - decreto del Commissario ad acta per la sanit n. 4 del 10.01.2011 per la determinazione delletariffedelleprestazioniresidenzialiperlassistenzaalmalatoterminale; - decreto del Commissario ad acta per la sanit n. 5 del 10.01.2011 per la determinazione delletariffeperleprestazioniacarattereresidenzialeesemiresidenzialeperpersoneaffette dapatologiepsichiatriche; - decreto del Commissario ad acta per la sanit n. 70 del 25.06.2012 per la determinazione delle tariffe delle attivit sanitarie per persone in stato vegetativo in speciali unit di accoglienzapermanente(S.U.A.P.). Permangono criticit nella definizione delle tariffe della riabilitazione territoriale e della specialistica ambulatoriale; le prime per un contenzioso in corso e le seconde per lattesa delle tariffeministeriali. La definizione delle tariffe costituisce un momento essenziale del percorso, disciplinato dallarticolo 1, comma 237octodecies, della legge regionale n. 23 del 2011, volto allaccreditamentodellestrutturecheoperanointalispecificiambitiassistenzialialfinedicolmare lacarenzaregionale. 1.6.7. Stato di avanzamento delle procedure per laccreditamento istituzionale delle strutture. Con il citato decreto n. 49, il Commissario ad acta ha provveduto al riassetto della rete ospedaliera e territoriale fissando, tra laltro, il fabbisogno di posti letto pubblici e privati per singole province e definendo, altres, il fabbisogno di posti per tutte le strutture territoriali che eroganoassistenzaditiporesidenziale(RSASIRHospiceTossicodipendenze,ecc.),rivalutati ancheallalucedelleprogrammatedismissionidegliospedalipubblici. La normativa regionale vigente in materia di accreditamento istituzionale stata quindi riformata anche tenendo conto del nuovo contesto, caratterizzato dallo stato di commissariamento della Regione Campania, e dei rilevanti provvedimenti adottati dal Commissario ad acta per la sanit, che hanno profondamente inciso sullorganizzazione del serviziosanitarioregionale. Larevisionehatenutocontodeiseguenticriteri: a) restituire alla Regione il governo del processo che, con lart. 8 della legge regionale 28 novembre2008,n.16,erastatointeramentedelegatoalleAziendeSanitarieLocali; b) semplificare liter di valutazione dei requisiti per indurre una forte accelerazione, senza, 129

tuttavia,comprometternelegaranziedisicurezzaequalit,delegandoleaziendesanitariea taleverifica; c) prevedere percorsi specifici di accreditamento per accompagnare ed agevolare la programmatariconversionedialcunestruttureprivate(casedicura,centridiriabilitazione), laqualerappresentaunobiettivostrategicodelSSRe,nelcontempo,unvincoloderivante dallariorganizzazionedellareteospedalieraeterritorialedellaCampania; d) tenercontodellepronuncedellagiustiziaamministrativa,perevitarecheilcontenziososia diostacoloallattuazionedelprocesso. LarevisionedelpreesistenteassettonormativocontenutonellaLeggeRegionalen.23del 14 dicembre 2011, di modifica alla l.r. n. 4 del 15 marzo 2011, recante "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2011 e pluriennale 20112013 della Regione Campania Legge finanziaria regionale 2011", che, nellottica di una compiuta riforma del sistema previgente, ha apportato significativi elementi di novit, anche in adesione agli indirizzi formulati dai Ministeri vigilanti. La nuova normativa ha previsto la definizione delle procedure di accreditamento istituzionale con priorit rispetto alle strutture socio sanitarie private gi provvisoriamente accreditate ai sensi dellart. 6 della L. n. 724/94 e solo successivamente a quelle in esercizio e mediante lutilizzo di una piattaforma informatica applicativa messa a disposizione da SORESA s.p.a.(art.1,comma237quater,dellaleggeregionalen.23/2011). Ilpercorsoperlaccreditamentodellestrutturehaquindipresoconcretamenteavviocon ladozionedeidecretidelCommissarioadactaperlasanitn.90e91del9agosto2012,concuisi approvano la disciplina per le modalit di verifica dei requisiti ulteriori di accreditamento istituzionaledellestrutturesanitariee/osociosanitarieaisensidellacitataL.R.23/2011,nonchla checklistperlaverificadeirequisitigeneralielechecklistperlaverificadeirequisitispecificidi tutte le strutture sanitarie e socio sanitarie per avviare il controllo da parte delle aziende territorialmentecompetenti. 1.6.8. Retedellemergenzaurgenza. Al fine di colmare la carenza relativamente alla componente territoriale del sistema di emergenza,laregionehaadottatoildecretodelCommissarioadactaperlasanitn.57del14 giugno 2012, con il quale approva i seguenti documenti di indirizzo relativi allemergenza urgenza territoriale e definisce alcuni aspetti organizzativi dellemergenza ospedaliera non sufficientementechiaritineldecretodiriassettodellareteospedaliera: linee di indirizzo regionali per la pianificazione Attuativa Aziendale per lEmergenza Urgenza(PAAEMUR); schema dellatto di intesa interaziendale per la costituzione dei dipartimenti Integrati dellEmergenza(DIE)elattuazionedelCoordinamentoRegionaledelSistemaIntegrato dellEmergenza; lineediindirizzoregionaliperlorganizzazionedellOBI(OsservazioneBreveIntensiva); nuovelineediindirizzoregionaliperlorganizzazionedeltriageospedaliero.

130

RimangonodifficoltnelsettoreinfasediattuazionedeiprovvedimentiinalcuneASL(es. Salerno)chesistanno affrontando,cuisiaggiungelanecessitdipromuoverelacomunicazione perilcorrettousodel118. 1.6.9. AndamentodeiricoverideicittadiniCampanidal2006al2011,assistitinegli ospedalidellaCampaniaedelrestodItalia(tassodiospedalizzazione). DaidatisuiricoveripercittadinidellaCampaniaeffettuatinegliannidal2006al2001negli ospedali della Campania e delle altre regioni risulta evidente come, nel corso del quinquennio analizzato,iricoverisianocomplessivamentediminuitiecome,inparticolare,sianodiminuitiquelli peracuti. Ilcalocomplessivostatodi130.000ricoveri.Sipassatiinfattidai1.270.070ricoveridel 2006ai1.094.045del2011.Pertanto,daltassostandardizzatodi232,51ricoveriper1.000abitanti registrato nel 2006, si arriva nel 2011 al tasso di 195,38 per 1.000 abitanti, con un decremento nettodi31,5ricoveriper1.000abitantinegliultimiseianni. 1.6.10. Andamentodellamobilitsanitariapassivaperricoveri(mobilitpassiva). La tabella che segue riporta il numero di ricoveri fuori regione dei residenti in Campania perglianni20062010edilrelativotassodiospedalizzazioneper1.000abitantistandardizzato sullapopolazioneitaliana2011(idatirelativiallamobilit2011nonsonoancoraconsolidati).La mobilit passiva mostra un trend in costante diminuzione e complessivamente nei cinque anni consideratisonodiminuitidi6.541iricoverideicittadinicampanichesonoricorsiallecurepresso ospedalidellealtreregioniitaliane. Mobilitsanitariapassivaperricoverideicittadinicampani n.ricoveri tassodiosp. anno 2006 95.965 16,88 2007 95.834 16,81 2008 93.439 16,26 2009 91.669 15,89 2010 89.424 15,41 1.6.11. PostilettodiTerapiaIntensivaNeonatale. ConsideratochelaCampaniaancoraunaregioneconunaltotassodinatalit,ildecreto del Commissario ad acta per la sanit n. 49/2010 ha provveduto a riprogrammare il numero di postilettopubbliciportandoloa158unit(dicuiil50%dadestinareallaterapiasubintensiva)e collocandoli,dinorma,nelleAziendeospedaliereeneiPresididelIIIlivellodellemergenza. Unariconsiderazionedelladistribuzionedeipostilettosulterritoriohamessoinluceuna carenza di offerta in alcuni territori ed in particolare in quello della ASL Napoli 3 Sud, ove tale disciplina del tutto assente sia nei posti letto pubblici che privati. E in corso di adozione un provvedimentocheintegriladotazioneprogrammataditalipostilettonelleareeovemaggiore lacarenzadiofferta. 131

1.6.12. Inparticolare,ilpresidioospedalieroMarescadiTorredelGreco. Il decreto del Commissario ad acta per la sanit n. 49/2010 prevede che il Presidio ospedaliero Maresca di Torre del Greco sia riconvertito in struttura ospedaliera ad indirizzo riabilitativoepossaospitareunaStrutturaPolifunzionaleperlaSalute(SPS).Leunitoperativeper acutidelpresidiodevonoconfluirenellospedalediBoscotrecase. Il Commissario Straordinario pro tempore della ASL Napoli 3 sud ha adottato, con la deliberazione n. 440 del 30.03.2011, il proprio piano attuativo di riordino della rete ospedaliera aziendale,approvato,conprescrizioni,conildecretodelCommissarioadactaperlasanitn.34 del27.05.2011. Tale pianificazione attuativa per il Presidio ospedaliero Maresca di Torre del Greco ha previsto in due anni il completamento del processo di riconversione in ospedale con funzioni riabilitativeedhastabilitoche,alterminedelprocessolastruttura,oltreadesseredestinataalle attivit riabilitative ospedaliere, dovr ospitare anche una Struttura Polifunzionale per la Salute (SPS)nellaqualelaziendaintendeattivare: - unambulatoriodicureprimarie; - uncentrodinutrizioneartificialeecentrodisturbialimentari; - unambulatorioinfermieristicodistrettuale; - unhospicecon12postiletto; - servizisociosanitari. Tuttavia, considerata la complessit del processo di riconversione e la necessit di riorganizzareglispazinelpresidiodiBoscotrecase,ilCommissarioStraordinarioprotemporedella ASLhaadottatounattodiriprogrammazionechemodificailcronoprogrammaeprevedeche,in unafaseintermedia,lattivazionedellaunitoperativadigastroenterologia,previstapressoilP.O. di Boscotrecase, avverr solo contestualmente alla disponibilit di nuovi spazi, e nel frattempo manterrlapropriaattivitpressoilP.O.diTorredelGreco. Inoltre, considerata limpossibilit di allocare presso il Presidio di Boscotrecase, nellimmediato, i 25 posti letto della disciplina di chirurgia generale, 16 posti letto programmati restanopressoilP.O.Maresca. Infine, presso il presidio di Torre del Greco vengono temporaneamente allocati 16 posti letto di Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC), con competenza sullintero territorio aziendale, per la necessit di rinviare il trasferimento dellSPDC di Pollena presso il P.O. di Nola, comeprevistodaldecretodelCommissarioadactaperlasanitn.49/2010.Infatti,allostato,tale spostamentorisultaimpraticabile,vistalacarenzadispazidisponibilipressoilP.O.diNola. Di conseguenza il Presidio, nella pianificazione aziendale intermedia, risulta cos configurato: Medicinagenerale Recupero riabilitazione Lungodegenti Chirurgiagenerale Gastroenterologia S.P.D.C. Totale P.L.Totali 22 e 50 20 16 10 16 134 132

La temporanea allocazione dei posti letto dellSPDC, dei posti letto previsti per la gastroenterologia e di una parte della chirurgia comportano presso il P.O. di Torre del Greco ancheilmantenimentodelleattivitdiprontosoccorso. Siravvisa,peraltro,lanecessitdiattivarequantoprimailprevistopuntohospicecon12 posti letto, per garantire assistenza a pazienti bisognosi di cure palliative in quella che risulta essereunadelleASLpipopolosedelterritorionazionale. Ai sensi della legge n. 38 del 2012, e del successivo Accordo Statoregioni del 25 luglio 2012, altres auspicabile la sollecita istituzione del Coordinamento Regionale per le cure palliative e la terapia del dolore, contestualmente allattivazione, presso ogni ASL, di una Unit OperativaCentralizzatadiCurePalliative:tuttigliindicatoriministerialiconfermano,infatti,chela RegioneCampanialultimaregioneitalianapernumerodihospiceattiviedimedicipalliativisti,a fronte della sempre crescente incidenza delle patologie tumorali e del numero di pazienti oncologicichemuoreinospedaleneirepartididegenzaordinariaoperacuti. 1.6.13. OspedaledelMareerealizzazionedelPoliclinicouniversitarioaCaserta. Nelprocessodirealizzazioneditalenuovopresidioospedalierosisonoverificate,nelcorso degli anni, una serie di vicende che hanno comportato lintervento sia della Procura della RepubblicadiNapolichedellaCortedeiConti.Difatto,lamancataapprovazionediunaperiziadi variante e suppletiva ha determinato linsorgere di un contrasto tra la ASL Napoli 1 e la concessionaria con conseguente blocco dei lavori in corso. La Regione intervenuta nominando unCommissarioadactaperconsentire,inviasostitutiva,laripresadelleattivit. Su proposta di questultimo si raggiunta una risoluzione consensuale del contratto di concessioneperdefinireilpesantecontenziosochedovrebbeconsentirelaripresadeilavori. AncheperlavicendadellarealizzazioneinCasertadiunPoliclinicouniversitarioagestione direttaannessoallaFacoltdiMedicinaeChirurgiadellaSecondaUniversitdiNapoli,siprende attodelladichiarazionedellaRegione,secondocuirisultanosuperatetuttelecriticitchehanno notevolmenteritardatolarealizzazionedelloperaechepertanto,lafinedeilavoriprevistaperil 29.12.2015,mentrelentratainfunzionedelloperaprevistaper30.06.2017. 1.6.14. Qualiteappropriatezzadelleprestazioni. Lappropriatezza delle cure una delle principali componenti della qualit del servizio sanitario oltre ad essere un importante strumento per un utilizzo pi efficiente delle risorse. La regioneCampaniahaintrapresounpercorsodipromozionedellaappropriatezzadelleprestazioni centratoinparticolaresuquelleinambitoospedaliero. I due provvedimenti pi significativi in tal senso sono ladozione del decreto del Commissario ad acta per la sanit (n. 58 del 30 settembre 2010) che, in applicazione di quanto previsto dal Patto per la salute 20102012, definisce le soglie di ammissibilit dei DRG ad alto rischio inappropriatezza per il ricovero in regime di degenza ordinaria e diurna, e ladozione del decretodelCommissarioadactaperlasanitn.6del17gennaio2011,chedefinisceobiettivie metodologieperilcontrollodellecartelleclinicheconlafinalitdi: promuoverelaqualitdelladocumentazioneclinica; migliorare ed uniformare la codifica utilizzata nel rispetto delle norme, effettuando analisicomparativetraidiversierogatorisuspecificheprestazioni; 133

individuare in maniera sistematica le prestazioni che hanno un profilo organizzativo potenzialmenteinappropriato,perlequalioccorreidentificaremodalitpiidoneedi erogazione; individuareifenomeniopportunisticicorrelatiallamanipolazionedelsistemaDRG; valutaredeglieffettielefficaciadelleazionicorrettiveintraprese.

1.6.15. AccelerazionedelturnoverneirepartiperacutiAOCardarelli. Al fine di migliorare lefficienza operativa degli ospedali campani e soprattutto evitare il sovraffollamentodeirepartiperacuti,laregionehaelaboratonuovelineeguidapostacuziecon lintento, tra laltro, di disegnare le modalit organizzative utili ad accelerare il turn over dei pazienti ricoverati nei reparti per acuti. Allo stesso scopo, considerato che la problematica in questione affligge in modo particolare lAzienda ospedaliera Cardarelli, frequentemente in emergenzabarelle,condecretodelCommissarioadactaperlasanitn.17del2marzo2012si provvedutoadincrementareladotazionedeipostilettodilungodegenza,affinchsiapossibile garantirequalificataassistenzaaipazientinondimissibili,maconquadroclinicostabilizzatooin viadistabilizzazione,etalequindidanonrichiederelapermanenzainrepartiperacuti. 1.6.16. Particesarei. LaRegioneCampaniarisultaesserealprimopostoinItaliaperlincidenzaditaglicesarei, senzachevisianocondizioniepidemiologichetalidagiustificareunafrequenzacoselevata.Per intervenire su tale fenomeno, evidentemente in buona parte ascrivibile a comportamenti inappropriati, si cercato, nel corso degli anni, di intervenire anche a livello normativo introducendonormefinalizzateapromuovereilpartonaturale,tracui: laDeliberadiGiuntaRegionalen.2413del25.7.2003conlaqualesonostateapprovate LeLineeguidaperlassistenzaallagravidanzaedalpartonormaleinRegioneCampania, chedelineanoilpercorsodellagestanteconilfinedigarantirlelamiglioreassistenzadal momentodellapresaincaricofinoalpartoedoltre; la Delibera di Giunta regionale n. 118 del 2 febbraio 2005 che fornisce indicazioni per il contenimentodelfenomenodelricorsoimproprioaltagliocesareo; laLeggeregionalen.2del2marzo2006Normeperlapromozionedelpartofisiologico conlaqualelaRegionehaintesopromuovere,dapartedelladonnapartoriente,unascelta consapevole circa le modalit secondo le quali deve svolgersi il parto, una volta che il medico abbia indicato lopzione pi idonea secondo il proprio giudizio professionale e scientifico. Sono stati anche definiti compiti, funzioni e requisiti di cui devono essere in possessotuttigliattoridelsistema; infine, la deliberazione n. 2161 del 14 gennaio 2008 con la quale stato adottato un sistema di disincentivazione tariffaria finalizzato al contenimento dei parti cesarei basato sullavalutazionedelcontenutoinformativodellaschededidimissioneospedaliera.Sitratta diunsistemacheconsentedi: valutare la necessit di ricorso al parto cesareo attraverso la verifica delle diagnosi riportatedalmedicocurantesullaschedadidimissioneospedalieradallequalisievincela condizionedirischiochecostituisceindicazionealpartocesareo; 134

adottare, sulla base di quanto indicato dalle linee guida internazionali, nazionali e regionali,lelencodellediagnosiedeirelativicodiciICD9CMchepossonocomportarela necessit di ricorso al parto cesareo ed in assenza delle quali i parti possono essere consideratiabassorischioditagliocesareo; applicareatuttiiricoveriperpartocesareochenonpresentanoannotatanellerelative SDO,allavocedidiagnosiprincipaleoaquelladidiagnosisecondarie,almenounadelle tipologiedirischio,latariffaprevistaperilDRGpartovaginalesenzacc.; Purtroppo,nonostantequestiinterventi,idatisuipartiregistratinellestrutturepubblichee accreditate mostrano un andamento costante negli anni nel quale la percentuale del numero di particesareisultotalediquelliespletatinonaccennaadiminuire: Anno n.totaleparti %particesarei 2006 61952 60,6 2007 62236 61,4 2008 61347 61,9 2009 60664 62,0 2010 58900 61,8 2011 57685 62,4 Considerateledifficoltaconseguirerisultati,conladozionedelPianosanitarioadottato condecretodelcommissarioadactan22del22marzo2011,laregionehaassuntounulteriore, specifico impegno a sviluppare un piano per diffondere linee guida ed elaborare percorsi organizzativi e protocolli diagnosticoterapeutici che le Aziende sanitarie locali e le Aziende ospedalieredevonotradurreinazioniconcretemirateapromuoveregliinterventiassistenzialinel percorso nascita. Per quanto riguarda lo specifico problema dellalto numero di tagli cesarei, il PianoprevedeinoltrecheleDirezioniaziendaliidentifichinoleprincipalicriticiteifattoriostativi allinversione di tendenza attraverso ladozione di momenti formativi specifici, nonch corsi di formazioneaccreditatiperleducazionecontinuainmedicinaeauditperiodici. ConparticolareriferimentoallASLNapoli3Sud,ilcuibacinodemograficosuperailmilione diabitanti,siverificanocirca10milapartilanno:diquesti,95conpesoneonatalealdisottodei 1500grammi,e684conpesotrai1500ei2500grammi.Afrontedici,lassistenzagarantitada quattropresidiospedalieripubblicienovepuntinascitaincasedicuraprivate. Lunica unit operativa complessa di neonatologia, in grado di assistere quindi neonati patologici senza necessit di UTIN, si trova presso il presidio ospedaliero San Leonardo di CastellammarediStabia,ricettivoanchedineonatitrasferititramitetrasportoneonataledaaltre strutture: ciononostante, essa conta una dotazione di soli sette posti letto, permanentemente occupati. Di contro, nellambito della medesima ASL Napoli 3 Sud, non appare possibile garantire unadeguataassistenzaaineonatichenecessitanoditerapiaintensiva,naquellinatiprimadella

135

32^ settimana di gestazione o con peso inferiore ai 1500 grammi, che pertanto devono essere trasferitianchealdifuoridellaprovincia. Laccordo Statoregioni del 16 dicembre 2010 prevede, nellambito della riorganizzazione deipuntinascita,duesolilivelliassistenziali:alsecondolivellodemandatalassistenzaatuttele partorienti, indipendentemente dai fattori di rischio, nonch a tutti i neonati, compresi quelli bisognosiditerapiaintensiva.Lostessoaccordoraccomanda,traicriteridiprogrammazionedei puntinascitadisecondolivello,lacorrispondenzaadunbacinodiutenzaconalmeno5milaparti annuiemillenatiannuiinciascunastruttura. Neconseguechelesigenzadiunastrutturaditerapiaintensivaneonataleconalmeno6/8 posti letto, in un territorio popoloso come quello della suddetta ASL, appare assolutamente irrinunciabile, nonch di razionale collocazione presso lospedale di Castellammare, dove, come detto,gioperativounrepartodineonatologiaedovelincidenzadeitaglicesareiinlineacon glistandardeuropei,attestandosialdisottodel30percento. 1.6.17. ProcreazioneMedicalmenteAssistita. Unobiettivochelaregionesiponeilcontrastoallamobilitpassivaperleprestazionidi procreazionemedicalmenteassistita.Attualmente,infatti,circail50%ditaliprestazionivengono effettuatefuoriregione. Il conseguimento del predetto obiettivo presuppone, tuttavia, una strategia di programmazione sanitaria, auspicabile in tempi brevi, che privilegi innanzitutto una razionale distribuzionesulterritoriodellestrutturecheeroganoprestazionidiPMA,soprattuttoquellediII livello, la cui collocazione dovrebbe rispondere a criteri che tengano conto di bacini di utenza corrispondenti, per esempio, agli ambiti provinciali, unitamente ad ulteriori iniziative che disincentivinoconcretamentelamigrazione,chelaregionedovrebbedelineare. InregioneCampanialetecnicheoggidisponibiliperlaprocreazionemedicalmenteassistita sono: diIlivello(inseminazionesemplice)erogateinregimeambulatoriale; di II livello ( ICSI e FIVET) e di III livello ( con prelievo testicolare dei gameti maschili), erogate in regime di ricovero, in day Hospital e day Surgery o comunque tecniche che prevedonolanestesiatotalecomeilprelievolaparoscopicodegliovociti.

Con DGRC n. 518/2003 sono stati definiti i requisiti minimi strutturali, tecnologici, organizzativi e le procedure autorizzative per le strutture che erogano attivit di Biologia della Riproduzione e sono state adottate le Linee Guida in materia di ottimizzazione delle procedure nellambitodellaMedicinadellaRiproduzione.Lalegge40/2004haistituitounregistronazionale dellaPMAacuiobbligatoriamentesonoiscrittiiCentriCampani,pubblicieprivatiautorizzati. In Campania risultano presenti 39 Centri distribuiti come rappresentato nella tabella che segue(datidelregistronazionalePMA): ILIVELLO IILIVELLO IIIIII 136

Pubblici 2

Privati 12

totale 14

Pubblici 10

Privati 15

totale 25

totale 39

Dei 10 Centri pubblicieroganti tecniche di II livello (ICSI eFIVET), iscritti al registro, sono funzionantisolo 5:(A.O.Rummo(Benevento),A.O.Moscati(Avellino)P.O.diVallodellaLucania (ASL Salerno), A.O.U. Policlinico Federico II, A.O.U. Policlinico Seconda Universit di Napoli. I rimanenti cinque centri: P.O. S.Paolo (ASL Na1 centro), A.O.Cardarelli, A.O. Caserta, P.O. di Marcianise (ASL Caserta) P.O. S.Maria delle Grazie Pozzuoli (ASL Na2 nord) o effettuano solo interventi di I livello, o non sono stati mai attivati o sono stati chiusi per mancanza di requisiti, nonostantelerogazionediunaprimatranchedifondistanziatiinbaseallaleggen.40nel2004. A tale ultimo riguardo, andrebbero chiarite le motivazioni della mancata erogazione dei fondi a decorrere dal 2005, la quale ha presumibilmente concorso in modo determinante allinattivitdel50percentodeiCentripubblici:inparticolare,poichrisultanoerogatenel2009 solo le risorse risalenti alla prima annualit (2005), si ravvisa un mancato stanziamento complessivopariacirca3milionidieuro. ConlaDGR2042/2005sonostateinfattiripartitelerisorsedicuialcomma1dellart.18 della Legge 40/2004, relativamente alla annualit 20042005. Sono state destinatarie dei finanziamenti le AASSLL che risultavano aver gi attivato procedure di PMA di II Livello, a cui stato richiesto la presentazione di un progetto relativo alle attivit da intraprendere. Il fondo statocosripartito: 55% in funzione delle prestazioni erogate, alle strutture che abbiano effettuato almeno100ciclinelbiennio2003/2004; 30%equamentedistribuitoperlistituzionee/oilpotenziamentodellestrutture; 15%perlavviodellattivitdelCentroRegionalediriferimento. Inoltre, la regione, per ovviare alla problematica della disomogeneit della codifica delle SDO, ha provveduto ad individuare, con ladozione nelle Linee Guida per la Codifica delle SDO (decreto del Commissario ad acta per la sanit n. 6/2011), codici specifici per descrivere la diagnosiprincipaleelerelativeprocedure,dandoinoltreindicazionediutilizzareunasolaSDOper tuttoilciclodiPMA(pickupetransfer),daeffettuareinDaySurgery. In conclusione, in Campania, la mancata attivazione del 50 per cento dei centri pubblici, unitamente allassenza di centri di PMA privati convenzionati con il Servizio Sanitario Regionale, concorrono a determinare il vistoso fenomeno della migrazione passiva: questultima, oltre a crearedisagiologisticoepsichicoallecoppie,costretteasoggiornareperalcunigiornifuoridella propriaregione,conconseguenteperditadigiornatelavorative,determinainfattioneriaggiuntivi allaregionestessa,costrettaarimborsareciclidisecondoeterzolivelloacostimaggioridiquelli chesideterminerebberoinpropriestruttureterritoriali. 1.6.18. Listediattesa. Con delibera n. 271 del 12 giugno 2012, la Giunta regionale ha approvato il nuovo Piano regionale e di Governo delle Liste di Attesa (PRGLA) per il triennio 2010 2012, che integra gli interventi gi previsti nel provvedimento adottato nel 2007 ed individua nuovi strumenti e modalit di collaborazione tra tutti gli attori del sistema, sia quelli operanti sul versante prescrittivo, sia quelli di tutela del cittadino per una concreta presa incarico dei pazienti fin dal processodidefinizioneoapprofondimentodiagnosticodapartedeglispecialistiedellestrutture. 137

1.6.19. Attivitintramoenia. Perquantoriguardagliinterventistrutturalinecessariperconsentirelespletamentodella liberaprofessioneintramuraria,aseguitodellaapprovazionedapartedelMinisterodellaSanit (DM8giugno2001)delprogrammaperlarealizzazionedellestrutturesanitariedestinateall'ALPI, con DGRC n. 1260 del 24/07/2008, la Regione Campania ha approvato il Programma per la realizzazione di interventi di edilizia sanitariaed ammodernamento tecnologico dedicati all'ALPI, predisposto sulla base delle esigenze manifestate dalle Aziende, assegnando alle Aziende ospedaliere 41.658.568,45 euro ( 39.250.740,03 a carico del Ministero della salute ed 2.065.828,42euroacaricodellaRegione). IlProgrammaprevedel'attuazionedegliinterventipropostidalleAA.OO.,dall'IRCCSPascale edall'AOUFedericoII,rimandandoadaltroprovvedimentoladefinizionedegliinterventiproposti dalleAA.SS.LL. Gli interventi programmati per le suddette Aziende sono stati singolarmente ammessi a finanziamento con decreti del Ministero della Salute ed i relativi lavori di realizzazione sono in corso, ad eccezione del progetto proposto dall'A.O. di Caserta per il quale stata chiesta l'ammissioneafinanziamentosoloadaprile2012. Sul piano organizzativo, nellambito del citato Piano Regionale per il Contenimento delle Liste di attesa, la Regione ha regolamentato la gestione delle prenotazioni per lattivit intramurariaedhadefinitoalcuniaspettiorganizzativiperlerogazionediprestazioniinregime liberoprofessionale. Secondo quanto disposto nel PRGLA, le Aziende Sanitarie sono tenute innanzitutto ad organizzare laccesso alle prestazioni rese in intramoenia attraverso il Centro Unico di Prenotazione(CUP),utilizzandoappositelistediprenotazioneseparaterispettoaquelleutilizzate perlattivitistituzionale.Devonoquindigarantirecheivolumidelleprestazioniresenellambito della attivit intramuraria non devono superare i volumi delle medesime prestazioni rese in ambitoistituzionale. Devono inoltre adottare tutte le iniziative utili a favorire il progressivo allineamento dei tempidiattesaperlerogazionedelleprestazioninell'ambitodell'attivitistituzionaleaitempi medidiquellereseinregimediliberaprofessioneintramuraria,alfinediassicurarecheilricorsoa quest'ultimasiaconseguenzadiliberasceltadelcittadinoenondicarenzanell'organizzazionedei serviziresi. LavicendadellattivitintramoeniasvoltapressolaClinicaVilladelSoledadirigentimedici dellOspedale Cardarelli, che sono stati destinatari di misure di custodia cautelare, costituisce lennesimo episodio che testimonia, in molte realt sanitarie, ed anche in Campania, carenza di interventi sia per la realizzazione delle strutture sanitarie destinate allALPI, sia per un efficace sistemadicontrollirivoltoascoraggiareattivitillecite.LaRegionecomunicadiessereintervenuta sulpianodellaricercadeglispazidisponibiliperleserciziodellattivitliberoprofessionale,aisensi dellart. 2, comma 1 del decreto legge del 13 settembre 2012 n. 158, cos come convertito con modificazioninellalegge8novembre2012n.189. 138

1.6.20. Le principali criticit organizzative anche in relazione a casi di presunto errore sanitario. DaquandolaCommissioneParlamentarestataistituitasonopervenutedallaCampania numerosesegnalazionisucasidipresuntierrorisanitari.Dallesamedellesegnalazionisiavuta conferma che molti degli episodi di cosiddetta malasanit sono da addebitarsi a disfunzioni organizzative, anche se poi spesso il professionista singolo o con gli altri ad essere consideratocoluichehadeterminatolevento.Sonopervenutesegnalazionirelativeadalcunicasi di presunti errori sanitari, ovvero riconducibili a criticit di altra natura, sulle quali stata condotta, laddove possibile, attivit di opportuno approfondimento tecnico, con la riservatezza richiestadallanaturadellistruttoria. Per la maggior parte dei casi sono state inviate dal Presidente della Commissione al Presidente della Regione richieste di relazione informativa; ulteriori notizie si sono acquisite nel corsodelleaudizionisvolte. Atitoloesemplificativo,dallanalisidialcunicasidipresuntoerroresanitario,sonoemerse alcunetipologiedicriticitorganizzative. In occasione di un decesso avvenuto presso lOspedale Rummo di Benevento il 18 gennaio 2012, di un paziente trasferito da altra struttura, stata riscontrata una difficolt di gestione di un percorso assistenziale complesso in quanto rivolto ad un soggetto affetto da polipatologie e che, pertanto, richiedeva il coinvolgimento integrato di diverse strutture assistenziali. Nel caso del decesso di una neonata occorso presso lOspedale San Luca di Vallo della Lucania, si delinea una criticit relativa alla distribuzione sul territorio regionale dei mezzi per il trasportoneonatalechedevonogarantireilpirapidocollegamentotraipuntinascitaeireparti ospedalieripiidoneiallassistenzaalneonatoarischio. Nelcasodeldecessodiunabambinadi6annitrasferitadallOspedalediCavadeiTirreni allOspedale Ruggi dAragona di Salerno, stata evidenziata una gestione carente dellurgenza/emergenza pediatrica. A tali criticit si aggiungono anche disfunzioni nella gestione deipazientiinetpediatrica,dovuteallamancanzadipercorsispecifici,allacarenzadiprotocollidi trattamentoeallassenzadiosservazionibreviintensiveoastanteriepediatriche. TralecriticitdinaturaorganizzativalaCommissionehapivolteattenzionatoifenomeni di sovraffollamento presso il Pronto Soccorso dellOspedale Cardarelli, che costituiscono una criticitcronicadelPresidioospedaliero,checreagravidisagiepugenerarerischiperlasalute deipazientiperlusoimpropriodellebarelle. LaproblematicanonriguardasoltantolOspedaleCardarelli,mainvesteanchealtripresidi ospedalieridellacittdiNapolie,inparticolare,diquellicheinsistononellazonacollinaredella citt. 2.6.21.Criticitriscontratenellattribuzionedegliincarichidirigenzialinelleaziende sanitarieeospedaliere. Aisensidellarticolo15septiesdeldecretolegislativon.229del1999,idirettorigenerali possono conferire incarichi per lespletamento di funzioni di particolare rilevanza e di interesse strategicomediantelastipuladicontrattiatempodeterminatoeconrapportodilavoroesclusivo, entroillimitedel2percentodelladotazioneorganicadelladirigenza,alaureatidiparticolaree comprovataqualificazioneprofessionalecheabbianosvoltoattivitinorganismiedentipubblicio 139

privati o aziende pubbliche o private con esperienza acquisita per almeno un quinquennio in funzioni dirigenziali apicali o che abbiano conseguito una particolare specializzazione professionale,culturaleescientificadesumibiledallaformazioneuniversitariaepostuniversitaria, dapubblicazioniscientificheodaconcreteesperienzedilavoroechenongodanodeltrattamento diquiescenza.Icontrattihannoduratanoninferioreadueannienonsuperioreacinqueanni,con facoltdirinnovo. L'art. 15septies rappresenta quindi, uno strumento derogatorio rispetto alle regole generaliperleassunzioniatempodeterminatoconrapportodiesclusivitentroillimitedel2 per cento della dotazione organica della dirigenza al fine di poter conferire a medici con "particolare e comprovata qualificazione professionale", non in pensione, l'espletamento di funzioni di "particolare rilevanza e di interesse strategico". Larticolo 18 del contratto collettivo nazionale di lavoro, area relativa alla dirigenza medica e veterinaria del servizio sanitario nazionale,regolamenta,invece,lattribuzionedegliincarichidisostituzioneincasodi: assenzaperferieomalattiaoaltroimpedimentodeldirettoredidipartimento,neicasidi altrearticolazioniaziendalichericomprendano,pistrutturecomplesse,deldirigenteconincarico didirezionedistrutturacomplessaedistrutturasemplice, cessazionedelrapportodilavoro, aspettativa per il conferimento di incarico di direttore generale ovvero di direttore sanitario, aspettativapermandatoelettorale. Lasostituzionepudurare6mesi,prorogabilifinoa12. Alriguardo,laCommissione,haritenutodisvolgereunospecificoapprofondimentocircale modalitdiricorsoaglistrumentiprevistinellenormecitate..dataleapprofondimentorisultato, in Campania, un utilizzo anomalo di questi due istituti in luogo delle procedure ordinarie di reclutamento. Larticolo 15 septies, ad esempio, non viene infatti usato solo per funzioni di particolare rilevanza e di interesse strategico, come prevede la normativa, ma anche al fine di ricoprire "normali" incarichi dirigenziali, di strutture semplici o complesse, per le quali gi sono definitelemodalitdiassegnazionedegliincarichi. Questo comporta che il 15 septies troppo spesso si trasforma in una chiamata diretta di natura discrezionale, da parte dellAzienda, in relazione a profili professionali che andrebbero ricopertimediantelespletamentodipubblicoconcorso. Dagliaccertamentieseguiti,risultanoinparticolareoltre270incarichiperlamaggiorparte costituiti da strutture complesse o dipartimentali affidati mediante larticolo 18, e 60 incarichi affidati mediante larticolo 15 septies oltreaduna serie di incarichi di natura non chiara affidati dalleASL:ilcaso,adesempio,di29incarichiconferitinellaASLdiCaserta,di24incarichiindetti mediantelarticolo18,manonancoraaffidati,inquelladiSalerno,nonchdiunasituazionenon chiaranellaASLNA3SUD,peraccorpamentidistrutture.Quindirisultano,intotale,383incarichi ricopertiavariotitolodapersonalechenonhasuperatounregolareconcorso. 140

QuidiseguitoschematizzatalasituazioneperaziendeautonomeedASL: ASLCaserta 20art.18 3art15septies 29incarichiincomprensibili SanSebastiano(CE) 10art.18 6art.15septies ASLAvellino 8art.18 Moscati(AV) 12art.18perDir.Dipartimento 7art.15septies 45art.18perUOC 9 art. 18 per Strutture semplici dipartimentali ASLBenevento 28art.18 3art.15septies Rummo(BN) 5art.18 1art.15septies Pascale 5art.15septies SantobonoPausillipon 13art.18 5art.15septies AziendadeiColli 6art.18 12art.15septies ASLNA1CENTRO 53art.18 ASLNA2NORD 20art.18 2art.15septies RuggidAragona 31art.18 7art.15septies ASLSA 10art.18su34indetti 8art.15septies Direcente,lenormediaffidamentodegliincarichididirettoredistrutturacomplessaedi dirigentedistrutturesemplicisonostateoggettodiinterventonormativomediantelart.4deldel decretolegge 13 settembre 2012, n. 158, convertito dalla legge 8 novembre 2012, n. 189. Tale normativa prevede, in particolare, per la nomina dei direttori generali, misure di pubblicit dei bandi, delle nomine e dei curriculum, nonch trasparenza nella valutazione degli aspiranti, sulla basedideterminatirequisiti. 141

Per gli incarichi di direzione di struttura complessa la selezione effettuata da una commissionepresiedutadaldirettoresanitarioecompostadaduedirettoridistrutturacomplessa nellamedesimaspecialit;icandidatisonoindividuatitramitesorteggiodaelenchipredispostida ciascuna regione tra il personale interno e esterno allazienda interessata. Il direttore generale individua il candidato sulla base di una terna predisposta dalla commissione, motivandone la scelta. Deve essere garantita piena pubblicit a tutte le procedure sul sito internet dellazienda, penalannullabilitdellaprocedura. Quanto, infine, alla nomina dei responsabili di strutture semplici, lart. 4 prescrive che lincarico venga attribuito dal direttore generale, su proposta del direttore della struttura complessadiafferenzaodeldirettoredidipartimento,aundirigenteconunanzianitdiservizio dialmenocinqueanni.Gliincarichihannoduratanoninferioreatreannienonsuperioreacinque anni,conpossibilitdirinnovo. Lapplicazioneditalenormativadovrriguardareanchelasituazioneriscontratapressogli organicideiPolicliniciUniversitaridellaregioneCampania,doverisultano,intalunicasi,dirigenze di strutture complesse con zero postiletto e dove gli incarichi e i concorsi rispondono spesso a logiche anomale (basti confrontare i nominativi dei vincitori dei concorsi per verificare la sussistenzadievidentilegamifamiliariegenerazionalineiruoliricoperti). Sar inoltre necessario riorganizzare le piante organiche, secondo i criteri dettati dalla nuova normativa, che determiner lesigenza di rivedere gli incarichi di struttura complessa affidatiadirigentimedicifacentifunzioniaisensidellart.18equelliaffidatimedianteilricorso allart.15septies. LauspiciodellaCommissionechelanormativasulgovernoclinicocodificatadaldecreto Balduzzi concorra a delineare una politica sanitaria finalmente improntata alla competenza tecnica,allacapacitoperativaealsensodiresponsabilit,noncondizionatadalogichepolitiche. 1.7. LinchiestasullaASLNapoli3Sud Nellambitodelfilonediinchiestaintrapresosullostatodiattuazionedelpianodirientro daldisavanzosanitarionellaRegione,nonchinmeritoallaconseguenterimodulazionedellarete ospedalieraregionale,laCommissione,vistiipossibilifenomenidicattivagestionedifondisanitari pubblici regionali oggetto di indagine, ha inteso acquisirecircostanziatielementi documentali su profiliinerentilagestioneeconomicofinanziariadellAziendasanitarialocaleNapoli3Sud,con specificoriguardoagliOspedaliRiunitiAreaPenisolaSorrentina. La Commissione pertanto, nello scorcio finale della legislatura, ha svolto una specifica attivitdiinchiestasugliaspettigestionaliedorganizzativiriconducibiliadirigentidellastruttura ospedaliera di Sorrento, nonch a figure apicali della predetta Asl, sulla scorta di alcune segnalazionichelamentavanocomportamentiillegittimi,conparticolareriferimentoallagestione delrepartodianestesiaerianimazionedellospedaleS.MariadellaMisericordiadiSorrento. Nelrispettodelleproprieprerogative,laCommissionehaacquisito,avvalendosidelNucleo Speciale Commissioni di inchiesta della Guardia di Finanza, copiosa documentazione amministrativa pertinente ai fatti esposti, e ha svolto attivit istruttoria mediante esame testimonialedipersoneinformatesuifatti. Lerisultanzedellacomplessivaattivitsvoltavengonodiseguitoriepilogate. 1.7.1. Disapplicazionedellart.18,comma4,delCCNL1998/2001. 142

Dalladocumentazioneacquisitaedalleaudizionisvolteemersoilgeneralizzato,mancato rispetto del termine previsto dallart. 18, comma 4, del CCNL del personale del comparto del servizio sanitario nazionale, che prevede, in caso di cessazione del rapporto di lavoro di un Dirigente,lasostituzionedellostessomedianteconferimentodiincaricotemporaneoperiltempo strettamentenecessarioallespletamentodelleprocedureconcorsuali.Dettoterminefissatoin mesisei,prorogabileunasolavoltaperulteriorimesisei.Dicontro,numerosisonorisultatiicasiin cuilaprorogadellincaricotemporaneodiDirigenteandatobenoltreilterminemassimodiun anno. In particolare, ha trovato conferma quanto segnalato in ordine alla nomina temporanea della dott.ssa Matilde De Falco, attuale Dirigente della U.O.C. di Anestesia e Rianimazione dellospedale di Sorrento, nominata ex art. 18, comma 4, del CCNL nelgennaio 2008 e, ad oggi, mairevocatadadettoincarico. Appare tuttavia significativo che, solo a seguito dellavvio dellinchiesta parlamentare, nellottobre2012,lAziendahaintrapresolaproceduradicomparazionedeicurriculaperlascelta delnuovoprimariodelrepartoinquestione.Nonsihannotuttaviainformazionipernonaverle saputefornireisoggettiauditisullapubblicazionediappositobandoesugliesitidelleventuale concorso. Eevidentechelaprorogatioimplicitadellincaricotemporaneoperunarcotemporalecos prolungato, oltre a non essere conforme alla normativa vigente, che contempla evidentemente una rotazione del personale nelle more della nomina del nuovo primario, potrebbe produrre anche un danno erariale allAzienda, potenzialmente rappresentato dal maggior trattamento retributivochelEntedovessecorrisponderealsostitutoperlemansioniprimarialisvolte. 1.7.2. Affidamentidirettiperlacquisizionedibenidadestinarealpresidioospedaliero diSorrento. Sonostateacquisiteacampione,perlanno2010,determinedirigenzialidellAslNapoli3 Sudrelativeadappaltiperlacquistodibeniemacchinaridadestinarealpresidioospedalierodi Sorrento. La documentazione acquisita, unitamente alle dichiarazioni rese in sede di audizione dal ResponsabiledelrelativoServiziodellAsl,hafattoemergereleseguentianomalie: nonrisultamaibanditaperlannodiriferimentoalcunagara,neppureconprocedura negoziataaisensidelvigenteCodicedegliappalti(decretolegislativo163/2006); lunico interlocutore commerciale viene individuato, di regola, su precisa indicazione delsanitariochefarichiestadelmacchinarioperilproprioreparto; laggiudicazioneavvieneconaffidamentodirettosenzaintermediazionedellaSo.Re.Sa, benchdettasocietsiatitolareinviaesclusivadellafunzionediacquistodibeniediattrezzature per le Aziende del Servizio Sanitario della Regione Campania in attuazione dellart. 6, comma 1, leggeregionalen.28/2003,comemodificatadallaL.R.n.28/2005. E emersa, inoltre, una singolare anomalia, degna di nota, relativa allacquisto della dotazione (letto operatorio ed accessori) di una III sala operatoria del presidio ospedaliero di Sorrento: tale sala operatoria non solo non risulta mai attivata, ma non esiste neppure da un punto vista strutturale, e nonostante ci la dott.ssa Matilde De Falco, Dirigente del Reparto di 143

Anestesia e Rianimazione con incarico temporaneo ex art. 18 del CCNL, ha sollecitato lacquisto dellindicatadotazione,inducendolAziendaaformalizzarelaffidamentodellafornituradiquanto richiesto,sempresenzagaraeconaffidamentodiretto,perunimportopariad46.114,29oltre Iva. 1.7.3. UlteriorianomalieconcernentiilrepartodiAnestesiaeRianimazionedelpresidio ospedalierodiSorrento. Nel corso dellattivit dinchiesta sono emerse ulteriori anomalie che denotano una gestione poco trasparente ed efficiente della struttura ospedaliera di Sorrento. In particolare, statooggettodiapprofondimentoliterproceduraleattraversocuilAziendahaintesofinanziarela ristrutturazione ovvero, pi correttamente, la creazione, ex novo, del reparto di Anestesia e Rianimazionedirettodalladott.ssaDeFalco,sepureconincaricotemporaneo. Ebbene,supropostadeldott.FranklinPicker,maritodelladott.ssaDeFalcoeDirettoredel ServiziodiAssistenzaOspedaliera,stataformalizzataunintesatraiverticidellAslNa3sudela Fondazione Sorrento organismo a partecipazione pubblica del Comune di Sorrento per la donazionedicirca207.000,00convincolodidestinazioneperlinterventostrutturaleinfavore delrepartodirianimazione. Orbene,taledecisioneaziendaleinordinealladestinazionedelfinanziamentononappare supportata da alcuna previa comparazione dei numerosi interventi strutturali, da ritenersi prioritaripressoilnosocomioinoggetto. Infine,linchiestacondottainordineainumerosimedicianestesistitrasferiti,adomanda, dal reparto di rianimazione diretto dalla dott.ssa De Falco, ha evidenziato un clima di forte contrasto tra medici stessi e dirigente temporanea, il quale avrebbe determinato un massiccio esodo di anestesisti (dieci medici in un breve arco temporale), con evidenti ripercussioni sullerogazione del servizio sanitario. Ne risultato, in particolare, un clima di pressioni e sopraffazioni ascrivibile alla gestione De Falco, nellambito della quale si registrata una totale compressione dellautonomia del singolo anestesista, addirittura impossibilitato a disporre di propriainiziativaricoveridipazienti,sepurgravi,inassenzadelpermessodellaDirigente. Indefinitiva,dallattivitcomplessivamentesvoltasonoemersiprofilichelaCommissione siriservadiportareaconoscenzadellaProcuradellaRepubblicapressoilTribunalecompetente, nonchcondottegestionalinonconformiallanormativavigentesuscettibilidiarrecarepregiudizio alla trasparenza, efficienza e regolarit dellerogazione del servizio sanitario pubblico, che potrannoformareoggettodisegnalazioneallacompetenteProcuradellaCortedeiConti. 144

1.8. Analisidisintesi.Considerazionieproposte. Nelleconsiderazioni conclusive la Commissione ritiene di dover ribadire chela situazione nellaqualeattualmenteversalasanitdellaRegioneCampaniaprofondamentemutatarispetto a quella fortemente critica che ha indotto il Governo alla nomina del Commissario ad acta per adempiereaivincolidelPianodirientrodaldisavanzosottoscrittodallaRegioneil20marzo2007, elinversioneditendenzasiverificatasoprattuttonellultimobiennio. Oltrealleazionivoltealdoverosorecuperodeldisavanzosiritienedidoverapprezzaregli sforzifinquicompiutipermigliorareancheilsistemadioffertasanitariasulversantedellefficacia edellappropriatezza. Nonostante la notevole contrazione degli organici dovuta al blocco del turn over, le strutture sanitarie regionali oggi riescono a utilizzare meglio le risorse esistenti e valorizzare in modopicongruo,rispettoalpassato,ilpersonaleindotazione. Afronteditalielementipositivi,apareredellaCommissione,necessariochelaRegione proseguanelpercorsochesidelineatoperrenderestrutturalileriformedelsistema,incarenza delle quali i risultati positivi potrebbero rapidamente vanificarsi, facendo ricadere la sanit campananellasituazionechehaprecedutoilcommissariamento. E necessario, tuttavia, che la Regione intraprenda ulteriori e pi incisive iniziative per modificare alcune persistenti negativit che si riflettono sia sul versante dei costi che su quello della qualit dellassistenza. Appare particolarmente critico il fenomeno della mobilit sanitaria passiva che, specie in ambito ospedaliero, ancora presenta alti volumi di prestazioni e di costi, nonostanteuntrendcomunqueindiminuzionenegliannicompresitrail2006edil2011,comesi evincedallatabellachesegue: Mobilitsanitariapassivaperricoverideicittadinicampani n.ricoveri tassodiosp. anno 2006 95.965 16,88 2007 95.834 16,81 2008 93.439 16,26 2009 91.669 15,89 2010 89.424 15,41 PertantoinCampanialapercezionenegativadellaqualitdelloffertaerogatadairispettivi servizi sanitari, accompagnata da elevati disavanzi di gestione hanno determinato un duplice onere per coloro che vi risiedono: da una parte aumenta il contributo Irpef e Irap necessario a coprireidisavanzisanitari,madallaltracresconoifenomenidellamobilitsanitariainterregionale (nel2011laCampaniastatadebitricenettaversoisistemisanitaridelcentronordper285,3 mlndieuro)edellaspesasanitariaprivata,noncopertadasistemiassicurativi.Inaltreparole,i cittadinicampanipaganosempredipiperunsistemasanitarioregionalepubblicocheutilizzano sempredimeno. Ancorapievidenteapparelaltissimapercentualedipartieffettuaticontagliocesareosul totale dei parti che si registrano nella Regione, fenomeno che interessa tanto le strutture 145

pubbliche che le strutture private. Da quanto rappresentato dalla Regione risultano adottati numerosi provvedimenti che, pur essendo volti al ridimensionamento del problema, purtroppo nonhannosortitoglieffettisperati,dalmomentochenel2011lapercentualedicesareistata superioreaquelladellannoprecedenteechecontinuaarappresentareunrecordnegativodella CampaniarispettoatuttelealtreregionidItalia. Molte delle disfunzioni del sistema sanitario regionale sono riconducibili alla quantit e qualit dei controlli effettuati sulle prestazioni erogate. Nonostante ladozione di provvedimenti chehannosistematizzatoilregimedeicontrolli,soprattuttoperquantoriguardalappropriatezza delleprestazioni,permangonocomportamentiopportunisticiperiqualipidiunavoltalaProcura regionaledellaCortedeiContihaavviatoprocedimentiperdannoerariale. Nelle considerazioni finali non possono non condividersi le doglianze della Regione Campania che attengono a tre importanti fattori negativi che, se irrisolti, rendono pi difficile il processodirisanamentoeriorganizzazionedellasanitcampana.Ilprimo,chenelladozionedei criteri di riparto del fondo sanitario nazionale non si tenga ancora conto delle condizioni socio economichedellapopolazionecheinduconoconsumisanitariicuicostinonsonostatifinoadoggi adeguatamente remunerati. Il secondo, che venga ancora negata la possibilit di accedere alla disapplicazione del blocco del turn over nei limiti previsti dalla legge 8 novembre 2012, n. 189, senzalaqualesipresentanosempremaggioridifficoltagarantireilivelliessenzialidiassistenza. Ilterzo,chesononecessarieunavigorosaeindifferibileoperazionedibonificaambientale deiterritoricontaminatidasostanzetossicheconnessealfenomenodellecosiddetteecomafie, nonch una delocalizzazione delle discariche di rifiuti che determinerebbero, alla luce di diversi studieffettuatidall'IstitutoNazionaledeiTumoridiNapoli"FondazioneG.Pascale",dallOrdinedei medicidellaprovinciadiNapoliedalcosiddettoStudioBertolaso,3unsignificativoincremento dellepatologietumoralieunariduzionedelleaspettativedivitaperiresidenti,che,secondoidati Istat 2010, la pi bassa dItalia. Tale operazione di bonifica non pu essere intrapresa autonomamente dalla regione, se non con il concorso di appropriate iniziative governative supportatedafondidedicati. Infine,nonostantelattuazionedelpianodirientrorimanedacompletarelarisoluzionedi variecriticit.Fraquesteoccorrecitarealmenoillivelloglobalediindebitamentocheafine2011 erapariadoltre9miliardidieuroechesolonel2012vedeunprimoridimensionamento,nonch ilritardocroniconeipagamentideifornitoriconpuntedi600giorni,chehamessoincrisituttala filiera,edilmancatocontenimentodispesenonsanitarie(qualchemesefatrapelatalanotizia chelaregionenel2011avrebbepagatounimportodi1milionee579milaeuroallasocietKpmg Advisorperattivitdiverifica,propriadelladvisorcontabile,inmeritoallattuazionedelpianodi rientrodeldeficitnelserviziosanitarioregionale). In una cornice di miglioramento, emergono ancora rilevanti difficolt nella gestione del settore sanitario, con la persistenza di croniche disfunzioni in tema di controllo dei processi di spesaedisalvaguardiadelrispettodeilivellidiassistenza. Si auspica, in conclusione, la celere attuazione di alcune misure specifiche quali la prosecuzione del processo di pagamento dei debiti pregressi al fine di sbloccare le somme pignorate e il superamento del grave ritardo nellattuazione del piano di pagamento. Per fronteggiare le ulteriori, croniche criticit riscontrate, occorre, ad avviso della Commissione,
3

Trattamento dei rifiuti in Campania: impatto sulla salute umana Studio di correlazione tra rischio ambientale da rifiuti, mortalit e malformazioni congenite. Studio promosso dal Dipartimento della Protezione Civile nellambito delle attivit di supporto alla Struttura Commissariale per lemergenza rifiuti, presentato a Napoli il 12 aprile 2007, reperibile nel sito della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/view_dossier.wp?contentId=DOS14955).

146

implementare i sistemi di controllo del costo del personale dipendente extra medico, delle consulenze non sanitarie e delle manutenzioni e riparazioni, unitamente ad un pi efficace monitoraggio della spesa delle strutture accreditate e convenzionate ed una compiuta realizzazionediunsistemaautomaticodicertificazionedeicreditichediaattuazionealpianodei pagamenti.

147

148

149

150

151

152

153

154

155

156

157

158