Sei sulla pagina 1di 38

SANDS FROM MARS NEW EDITION ISSUE 14 DEDICATO ALLE FORME DI VITA NON CONSUETE

ARTICOLI
LIM-POSSIBILE VIAGGIO NEL TEMPO FORME ETEREE DI VITA? MA LE FATE ESISTONO DAVVERO? LE MISSIONI APOLLO CHE NON ESISTONO J.F.K. E MORTO PER COLPA DEGLI ALIENI? STRANE FORME DI VITA UCCISO UN LICANTROPO NEL MAINE IL GATTO GUARDIANO GATTO PORTA DONI SULLA TOMBA DEL PADRONE INSEGUONO UN GATTO E TROVANO UNANTICA TOMBA E MORTO LUOMO GATTO THE GREAT BLUE HOLE UN ROBOT FERRARESE

EDITORIALE

Numero dedicato alle forme di vita non consuete, possibili, impossibili e futuribili. A tutte quelle forme di vita che appartengono al nostro mondo, ad altri e alla fantasia, a tutte quelle che si sono create c incidenti, o scoperte per caso. A tutte quelle persone che nel cercare la verit hanno perduto la vita, oppure lhanno (ri)trovata. A tutto ci che limmaginazione ci pu far vedere e credere o che mai avremmo immaginato. Viaggi tra le dimensioni alla scoperta di altre realt, animali mutanti e mutati dalluomo e dalla storia. ci sono pi cose in cielo ed in terra Mio caro Orazio Di quante ne possa sognare la tua filosofia! COLABORATORI E SEGNALATORI: MARGHERITA PASETTI DEBORAH BONAZZA ANDREA VECCHI

LIM-POSSIBILE VIAGGIO NEL TEMPO

Ora che la predizione Maya andata a farsi benedire, sembra proprio che il mondo non debba pi preoccuparsi di nulla almeno fino al 2036, anno della prossima fine del mondo, in mancanza di quella c gi chi la data nel 2060, 2089 e chi pi ne ha pi ne metta. Ma forse c qualcosa che pochi sanno o a cui non hanno fatto caso

Il C.E.R.N. ha in effetti dimostrato che il bosone di Higgs, (che speravano fosse in effetti una bufala), in verit esiste, e che questa particella pu essere la base da cui nata la materia del nostro universo, ma anche una particella che serve insieme al neutrino ed al fotone per poter forse realizzare uno degli ultimi sogni delluomo sui viaggi: il viaggio nel tempo. Oltre alle applicazioni in sostanza senza fine di uninvenzione del genere, ci sarebbero milioni di implicazioni e complicazioni dati proprio dallutilizzo di questultima, che andrebbero a ricadere sulla nostra realt. Bisogna pensare che il tempo non un semplice corridoio in cui ci si infila e lo si percorre avanti o indietro ma semmai qualcosa pi simile si ad un corridoio ma pieno di porte, e formato di piastrelle bianche e nere che si intersecano di continuo.

Quelle nere rappresenterebbero il tempo e quelle bianche lo spazio relativo, ovvero quel tipo di spazio che cambia attorno a noi pur rimanendo fermi. Nella macchina del tempo di Welles ad esempio, lui vedeva il viaggio nel tempo unicamente come qualcosa che poteva andare soltanto avanti o indietro, ma lo spazio occupato dalla macchina rimaneva il medesimo, tanto che quando il protagonista dovr tornare indietro sar costretto a spostare fisicamente la macchina dal suo posto dorigine, in quanto essendosi spinto troppo in l, nella radura scelta da lui per lesperimento nel frattempo cresciuta una montagna.

Cosicch non un semplice spostarsi da un punto a ad un punto b, ma qualcosa di pi complesso, infatti le dimensioni esistenti intorno a noi, alla nostra realt sono molteplici e nei punti in comune con il nostro passato, ma che si forma di continuo non appena il presente non pi tale, si intersecano creando degli incroci in cui si potrebbe incappare scambiandoli per il nostro tempo.

Bisogna anche pensare che ogni volta che si fa una scelta non si scarta semplicemente questo in favore di quello, ma si fa vivere un nuovo universo parallelo in cui la nostra scelta stata unaltra. Se ne pu dedurre che le dimensioni, non sono solo pressoch senza fine, ma che se ne creano in continuazione altre, fino a che per, una scelta, un avvenimento non annulla quello che aveva creato quelluniverso, dunque il tutto viene assorbito diventando una unica cosa.

Se per esempio nel 1980 abbiamo deciso di comperare una macchina, ammettiamo solo le due possibilit di comperarla oppure no, per semplicit, si andr a creare un universo parallelo che nasce nellesatto momento in cui noi abbiamo fatto quella scelta, ma questuniverso senza passato, per cos dire, non pu vivere a quel modo, quindi verr assorbito dalluniverso pi simile a quello dove il noi stesso bis avr fatto la scelta opposta alla nostra o leggermente diversa. Se non fosse cos alla fine ci si troverebbe con una quantit di dimensioni impressionante ed incalcolabile. Ammettiamo dunque che la nostra macchina del tempo sia pronta, che il motore a campo magnetico rotante si stia scaldando, intanto per impedire che i nostri atomi vadano per i fatti loro un computer dovrebbe fare un esatto schema sia della nostra macchina che del nostro corpo di viaggiatore, poi dovremmo indossare una gabbia di Faraday che impedirebbe agli atomi di disperdersi.

Poi bisognerebbe calcolare esatta posizione nel tempo, nello spazio di un determinato posto, ma anche dellesatta azione che sta succedendo in quel momento, non si potrebbe quindi viaggiare a casaccio, ma dovrebbe essere tutto calibrato, in modo da viaggiare sempre allinterno del proprio corridoio su unasse il pi orizzontale possibile e quindi aver la certezza di viaggiare allinterno del nostro universo e della nostra realt, sia verso il passato che verso il futuro. Pi o meno come una sfera perfetta che scivola su di una scacchiera.

Per quanto le dimensioni siano simili ai fili di una matassa di lana, a noi sembrerebbero delle spirali concentriche che si avvolgono le une sulle altre in continue spire.

Avendo dato per certo che siamo riusciti a centrare il momento esatto della storia, dovremmo poi tenere in mente una cosa: pi lungo il viaggio pi il tempo per il ritorno sar breve, infatti il corpo che viaggia attraverso la dimensione del tempo rilascia per forza dei bosoni, parti di materia, che verranno recuperati nel viaggio di ritorno, come se fosse una strada fatta di briciole di pane, ma essendo fatti denergia, si consumeranno partendo dal primo, quindi se il viaggio durer troppo ci sar il pericolo di non poter tornare pi indietro nella nostra dimensione, ma in una realt parallela. Se ad esempio andassimo nel passato, la nostra sola presenza il quel posto, creerebbe un paradosso temporale, e questo farebbe cambiare quelle realt per sempre, non sarebbe quindi sufficiente che noi ce ne andassimo, ma i cambiamenti sarebbero continui e di tipo esponenziale, fino a distruggere quelluniverso che sempre per la legge dellassorbimento di prima, verrebbe quindi assimilato da un altro perdendone lidentit.

Andando alla ricerca di una persona famosa come ad esempio Hitler, che ha avuto un peso sulla storia considerevole, non si avrebbe la sicurezza di andare verso quel tempo, ma si potrebbe trovare un suo doppione simile, ma non identico e con delle notevoli differenze.

Si teorizza per che la nostra presenza nel passato, non sarebbe da subito causa di un paradosso, se si fosse in un tempo in cui noi esitiamo gi, siamo gi nati quindi. La pericolosit sarebbe nel volerci incontrare come disse di aver fatto Titor perch come diceva Heinstein due masse fisiche identiche non possono occupare il medesimo spazio/tempo, poich mentre una di materia, llatra di contro diverrebbe antimateria e il contatto tra le due masse porterebbe il conseguente annullamento dello spazio temporale in cui si trovano. Unaltra pericolosit sarebbe nello spostarci anche solo di qualche metro dal posto in cui siamo atterrati poich gi questo causerebbe scompensi e cambiamenti, anche se non gravi. Sarebbe per curioso se nel nostro fantastico viaggio incontrassimo degli animali, che non necessariamente sarebbero identici a quelli che abbiamo nella nostra dimensione, infatti la percezione della forma e dei colori data da un complesso calcolo che il nostro cervello fa, mentre basta soltanto chiudere gli occhi e provare a toccare un qualsiasi oggetto, che subito sembrerebbe qualcosa di completamente diverso, stesso dicesi per i colori, che variano a seconda di quale colori il nostro oggetto assorbe oppure riflette, in questo modo un oggetto di colore rosso pu essere visto di tutto un altro colore sotto una luce colorata ad esempio di bl.

Forse i nostri animali sarebbero bidimensionali come i catoni animati per poter meglio vivere allinterno dei cuntinum, oppure avere dei colori mai visti proprio perch la rifrazione della luce potrebbe essere del tutto diversa.

Insomma sarebbe una vera avventura dove ci sarebbe tutto da scoprire ma anche tanto da rischiare. I paradossi sono per natura imprevedibili nei loro cambiamenti poich in effetti non ci sono dei precedenti su cui fare dei calcoli esatti. Forse dei visitatori da un altro tempo ci sono gi stati, come si pu vedere da questa foto comunque ancora in fase di discussione sulla sua genuinit.

Sembrerebbe proprio che labbigliamento di questo ragazzo sia estremamente troppo moderno per questa foto degli anni 40, nonch gli occhiali da sole che hanno una foggia decisamente moderna. Non si ancora riusciti a fare chiarezza, se non nel fatto che si riusciti a stabilire che la foto non ha subito alterazioni di alcun genere, poich le luci, i riflessi, le ombre ed i contorni della figura sono perfetti, decisamente troppo per essere un trucco, allora cosa potrebbe essere? Possibile che in un futuro alternativo siano gi arrivati al viaggio nel tempo e che vengano a visitarci nella storia con scopi a noi ignoti?

Che dire di questo frame preso da un film di Chaplin? Negli anni 20 esistevano i cellulari? Questuomo sembra proprio che stia parlando attraverso un apparecchio telefonico portatile.

ETEREE FORME DI VITA ? Questa foto inviataci dai nostri amici Deborah Bonazza e Andrea Vecchi ritrae la stessa Deborah seduta sul davanti del grande camino di una stanza del castello di Gradara, nellanalisi della foto venuta fuori una cosa molto particolare. Mentre aumentando i colori freddi o con altre analisi con il colore non successo niente, scurendo in modo particolare la parte vicina alla testa di Deborah, e ritagliandola dal resto della foto, apparsa una curiosa figura.

Questa figura molto somigliante ad una fatina soltanto un gioco dombra creata sul muro dalla luce delle candele, dalla macchina fotografica e dallumidit sulla parete. Ci sembrato interessante mostrala in quanto si vuol dimostrare che non per forza in tutte le foto ci devono essere cose strane o esseri della dimensione X, ma che a volte la natura pu fare degli scherzi molto ben congegnati. MA LE FATE ESISTONO DAVVERO? Il caso delle fate di Cottingley. Sir Connan Doyle ne era convinto al punto da scrivere alcuni libri in proposito e quasi rischiare la propria credibilit nel sostenere a tutti i costi questa ipotesi nellambito della scuola Teosofica.

Nel 1917 due ragazzine inglesi tornarono a casa quasi al tramonto completamente bagnate, e dopo essere state rimproverate severamente dalla loro madre, confessarono di essere cadute nelle acque del ruscello vicino, mentre stavano ammirando della fate nel bosco. Ovviamente la madre non credette loro, cos chiesero che gli dessero la macchina fotografica il giorno dopo, scattarono 5 foto che vennero poi fatte esaminare da Connan doyle che ne rimase rapito a tal punto da non dubitare nemmeno per un secondo alla loro genuinit. Sebbene agli esami fatti ai negativi non risultassero manomissioni, le figure sia delle fate che quella dello gnomo sembrano troppo piatte, e stranamente assomiglianti a quelle di un libro proprio sulle fate che usc in quegli anni.

Non si riusc mai bene a darne una spiegazione univoca, anche perch mentre la pi vecchia delle due cuginette ammise che fossero solo sagome ritagliate da un libro, la pi giovane invece disse che soltanto quelle con le fate erano false, mentre quella con lo gnomo (elfo) sarebbe vera.

Comunque siano andati i fatti, rimangono le foto storiche pi conosciute sulle fate che da allora presero a vivere per lo meno nella fantasia delle persone, anche se di fate, gnomi ed altri abitanti del piccolo popolo ne sono piene le leggende di svariati popoli sulla terra.

LE MISSIONI APOLLO CHE NON ESISTONO Per la maggioranza del popolo sul pianeta terra, le missioni Apollo si sarebbero fermate allinfausto 17, ed invece ne esisterebbero addirittura 20. Le missioni segretissime ed inesistenti 18,19, e 20 sarebbero arrivate l dove luomo non avrebbe mai pensato di arrivare. Ma partiamo con la prima missione:

APOLLO 1 Durante le esercitazioni che avrebbero portato lequipaggio costituito da Virgil I. Grissom, Edward White e Roger B. Chaffee a causa di un imprevisto cortocircuito, la capsula che conteneva gli astronauti prese immediatamente fuoco, alimentata dalla grande quantit dossigeno presente, e vi persero la vita tutti quanti. APOLLO 2 APOLLO 3 Queste in realt ed ufficialmente non esistono, in quanto sarebbero state solo di prova per correggere errori nelle manovre, nella miscela di gas respirabile per gli astronauti, e per la potenza del vettore che avrebbe portato finalmente un vero equipaggio umano sulla luna. Infatti fino allAPOLLO 5 e APOLLO6 che si conclude con un successo, ma sempre un esperimento senza equipaggio, da la prova che il nuovo razzo vettore Saturn 5 lunico in grado di superare latmosfera e portare nello spazio delle persone. APOLLO 7 Walter Schirra, Donn Eisele e Walter Cunningham rimasero in orbita per 11 giorni provando tutte le manovre del rientro, distacco del modulo, ecc. che avrebbero poi portato al successivo passo verso il nostro satellite. APOLLO 8 Frank Borman, James Lovell e William Anders inizialmente questa missione avrebbe dovuto essere soltyanto un altro esperimento su come comportarsi una volta di ritorno dalla luna, con il rientro nella nostra atmosfera, ed invece con lAPOLLO 9 si complet la missione che era quella di allontanarsi dallatmosfera terrestre ed avvicinarsi alla luna, fare quello che viene chiamato rende- vous, (lincontro tra la il modulo lunare ed il resto del razzo vettore che deve portare gli astronauti sulla terra. In tempi moderni si intende qualsiasi tipo di contatto tra due astronavi, o strutture che gravitino nello spazio e si debbano agganciare. APOLLO 10 Si rifecero tutte le procedure del precedente Apollo 9, ma anche tutte quelle procedure che richiedevano lascesa e la discesa sulla luna, ma senza mai toccarla veramente e tutte le procedure per il rientro. APOLLO 11 Neil Armstrong Buzz Aldrin e Michael Collins raggiunsero finalmente la luna, questo per lufficialit delle cose e per tutti gli abitanti della terra. Ma forse le cose non stanno proprio cos Ecco un libro che fa venire pensieri e dubbi su ci che venuto realmente e su ci che sarebbe potuto avvenire:

Allinterno ci sono foto ben esplicative e che pi di tante parole mettono dubbi su quanto veramente sappiamo di quel che avvenuto quel giorno del 1969. La N.A.S.A. dopo le inevitabili domande ed il caos causato non solo da questo libro ma dalla moltitudine di persone che hanno cominciato a farsi domande, dopo aver sempre negato che avessero per lo meno creato in un set cinematografico alcune delle foto e filmati giunti a noi come autentici e girati realmente sul nostro satellite, forse anche perch erano passati abbastanza anni, cominciarono a far circolare su youtube filmati che invece di dare spiegazioni, e cio delle sorte di prove video che avrebbero girato durante gli allenamenti degli astronauti e che avrebbero ovviamente della cose strane, come movimenti non naturali, oggetti che cadono quando la gravoit ridotta dovrebbe farli cadere molto pi lentamente ecc., accendono dubbi alternativi e ancora pi incalzanti, perch sembrano uscire fuori ad hoc, proprio per mettere a tacere certe voci. Il video originale dellepoca. Video che mostra un astronauta che non riesce ad alzarsi dopo essere caduto, quando la gravit a suo favore dovrebbe rendergli la cosa facilissima. video in questo invece si vede benissimo un astronauta intento a fare qualcosa attorno al modulo lunare ma quasi fuori dallinquadratura per una attimo si vede una persona sul alto destro che entra in scena e raccoglie qualcosa, non solo ad una velocit del tutto terrestre, ma vestito in modo normalissimo. video

APOLLO 12 Questa missione cominci con un cattivo presagio che si rivel in fulmini che colpirono pi volte il razzo vettore alla partenza, ma fortunatamente ci non imped che la missione continuasse con successo allunando con altissima precisione, vicino alla sonda Surveyor 3 che gli astronauti riuscirono a raggiungere. APOLLO 13 La missione cominci con unesplosione che compromise luso dei motori, a mezza strada tra la terra e la luna, negando non solo la possibilit di un possibile allunaggio come da programma, ma lintera riuscita del rientro. Un guasto elettrico fece saltare uno dei serbatoi di ossigeno, costringendo gli astronauti a compiere delle manovre di salvataggio seguite anche da terra, in quanto parte delle strumentazioni non funzionavano nel modo corretto. Poi fu la volta del filtro dellanidride carbonica che si intas rischiando di far soffocare gli astronauti, che arrivarono comunque alla luna ed adoperando la sua orbita riuscirono a rimettersi in marcia verso la terra arrivando sani e salvi. APOLLO 14 Questa missione non funzion come avrebbe dovuto, in quanto le manovre di attracco tra il modulo lunare ed il modulo di comando dovettero essere rifatte diverse volte, ma poi venne raggiunto il cratere di Fra-Mauro che sarebbe stato loriginale luogo di atterraggio dellApolllo13. per la prima volta si port sul satellite una sorta laboratorio mobile, che sarebbe stato utilizzato per esaminare diversi campioni di roccia, sabbia ecc. ma non si riusc nemmeno a muoverlo in quanto si piantava di continuo nella sabbia come se fosse melma. Per questo motivo venne eliminata la possibilit di una seconda passeggiata sulla luna. APOLLO 15 Questa missione port glia astronauti ancora pi il l, riprendendo, portando a termine e migliorando quella che sarebbe stato lo scopo della missione precedente. Con nuove strumentazioni pi adatte vennero fatti delle trivellazioni fino ad una profondit di 2 metri nel sottosuolo, usando dei trapani pi robusti ed adatti a lavorare nelle condizioni di lunari. Venne usato anche un nuovo tipo di rover molto pi leggero, che permise diversi spostamenti di alcuni chilometri tuttattorno al luogo del atterraggio. APOLLO 16 Insieme alla 17 furono le prime missioni ad esplorare glia altipiani lunari e a raccogliere dei campioni di roccia enormi che furono oggetti di studio. Ufficialmente le esplorazioni Apollo finirono qui. ufficialmente

La missione Apollo 20 che non solo non esiste, ma forse ne stata fatta anche pi di una con lo stesso numero, una sorta di missione bis, nel caso la prima fosse andata male. Sarebbero dunque arrivati nella parte buia della luna dove si sarebbero trovate una costruzione chiamata la cattedrale forse un fake e forse no, simile per il numero di colonne e per la forma che richiama questo tipo di struttura. Ma non sarebbe stato il solo ritrovamento di manufatti

Le immagini tratte da un video su youtube Queste risalirebbero persino al 1969 cio poco dopo essere sbarcati sulla luna. Sono state scattate foto che sembrano ritrarre unastronaveU.f.o Alieni E.B.E a bordo di Apollo 20 Luna by Menphis 75 - YouTube Insomma sulla luna si sarebbe trovato davvero di tutto, e molto pi di quanto non ci abbaino detto? Non lo sappiamo e forse non lo sapremo davvero mai, cos come non sapremo se ci siamo mai andati sulla luna, quel giorno del 1969 oppure no.

Questa famosa immagine in cui le ombre sono sbagliate sembrerebbe dire di no. Ma che ci siamo stati una verit, ma forse molto prima, magari nel 1966, dove si sarebbero scattate alcune foto e filmati, che sarebbero stati poi montati ad arte trasmessi in maniera da far credere che fossero in diretta quando invece erano state fatte anni prima. Gli Americani non avrebbero mai potuto perdere la gara della corsa verso lo spazio, ne andava della stabilit mondiale. Avrebbero fatto dunque una missione segreta che sarebbe stata un successo, e che essendo appunto segreta se fosse fallita non avrebbe causato problemi di tipo politico, forse durante questa missione tutte le prove fotografiche e filmate sarebbero poi state adoperate per fingere un allunaggio 3 anni pi tardi, mischiate ad altre create in set cinematografico per riempire quei vuoti formati da foto bruciate dallesposizione luminosa, da uninaspettata reazione chimica degli acidi per lemulsione della pellicola.

Le missioni 18,19 e 20 vennero dichiarate come eliminate a causa di budget troppo bassi per le enormi spese, o per problematiche alle strumentazioni, ma forse non proprio andata in questo modo La missione Apollo18 sarebbe stata non solo eseguita ma adoperata per preparare la strada alla missione Apollo20.

La missione 19 e probabilmente anche la 20 sarebbero state doppiate nel senso che a causa di un incidente nel caso della prima che avrebbe distrutto il razzo prima di atterrare sulla parte buia della luna e un misterioso incedente nel caso della 20, sarebbero state eseguite dunque altre due missioni che portavano lo stesso numero, e che fecero, forse scoperte incredibili e non del tutto spiegate in maniera esaustiva sia nel caso di falsi, che nel caso di filmati o foto autentiche. La missione 19 avrebbe avuto il compito di andare nellastronave gi fotografata in precedenti missioni, dalla 5 in poi, e che risultavano come unincongruenza del terreno, data la scarsa qualit delle fotografie che si era in grado di scattare allepoca e senza poter avere una misurazione telemetria sufficientemente esatta da poter cos avere dei valori di grandezza del presunto oggetto, e della lontananza esatta dal razzo in quel momento.

La missione 18 avrebbe trovato forme di vita sulla luna? Esattamente non se ne sa nulla, ma si sa o si crede di sapere che sia arrivata fin sulla parte buia del satellite e abbia lasciato un localizzatore che sarebbe servito alla missione successiva per poter ritrovare lastronave se fosse esistita realmente e prendere possesso di qualunque cosa vi fosse a bordo. Ci che vi trovarono potrebbe essere davvero incredibile come dimostrerebbero queste foto tratte dai filmati su youtube, postati da sedicente componente di una delle due missioni.

Un umanoide soprannominato monna Lisa che al momento del ritrovamento avrebbe avuto una sorta di bacchette che servivano probabilmente ad alimentare il corpo dossigeno e liquidi durante il sonno criogenico che avrebbe permesso di attraversare grandi distanze nello spazio senza subire i danni del passaggio del tempo.

chiaro che non si vuol in alcun modo dichiarare che sia tutto falso, ma che sicuramente tra il vero ed il falso qualcosa c sempre. Infatti la missione 20, sempre che si siano fermati ovviamente a quella missione, sarebbe poi arrivata ancora pi in l, forse come una missione bis, o forse con altri nomi, sarebbe arrivata fin su Marte. La missione chiamata red sun sarebbe arrivata su Marte nella prima met degli anni 70 in gran segreto, come per la missione Apollo 11 cosicch se qualcosa fosse andato storto nessuno ne avrebbe saputo nulla. Anche di questa sedicente missione esistono foto e video su yuotube Presunta Missione Segreta NASA su Marte "Project RedSun" (28 Agosto 1973) - YouTube

Su queste foto se ne potrebbero dire parecchie di cose ma la qualit non eccellente delle riprese, la mancanza di punti di riferimento con cui poter sviluppare delle misure (escludere quindi modellini, fotomontaggi ecc) rendono molto difficile stabilire se in effetti ci sia qualcosa di vero. Nella ormai famosa foto della sirenetta sotto per

La particolarit della foto di Marte che ritrae la famosa sirenetta Anche di questa ancora non se ne data una vera spiegazione, ma forse ora questa spiegazione c, e potrebbe avere una sua logica. Nel 1973 data presunta della missione, sarebbe stato mandato un razzo fin su Marte. Il volo avrebbe dovuto esser fin dalla partenza di tipo suicida in quanto non se ne sapeva molto n del pianeta, n del tipo di carburante che si sarebbe usato, la quantit e miglia di altre cose, ed ecco la necessit di tenere tutto nascosto, nonch la spiegazione del perch alle missioni ufficiali vennero ad avere dei problemi per mancanze di strumentazioni, forse dovute alla mancanza di denaro impiegato per altre cose. Se lApollo 20 fosse arrivato quindi sul pianeta, avrebbe avuto abbastanza carburante per un rientro o avrebbe mandato foto, filmati ed ogni tipo di informazione utile per ulteriori missioni? La risposta che probabilmente se sono arrivati davvero lass, non hanno fatto ritorno, e forse la sirena non altro che il corpo pietrificato di uno dei componenti dellApollo 20.

In questa foto stato evidenziato un particolare subito sotto la sirenetta, qualcosa che spunta da dietro la roccia.

Ingrandendolo ulteriormente la rocia non pi tale e si vede chiaramente un corpo riverso sulla sabbia con le braccia distese sopra la sua testa, si intravedono parti bianche della tuta e la diversa colorazione suggerisce che il corpo fosse senza casco e senza guanti ma soltanto con la tuta. La spiegazione pi logica che al fronte di una morte lenta per anossia invitabile, abbiano preferito una morte quasi istantanea data dallatmosfera di Marte che li avrebbe uccisi immediatamente e ridotti a statue di pietra. Sempre ufficialmente sarebbe solo nel 2018 in cui verrebbe spedita una missione forse di tipo robotica su marte e conseguentemente poi di tipo umano.

Per ora le sonde hanno fatto foto, prodotto mappe e raccolto campioni a non finire, come nel caso di pochi mesi fa quando Curiosit riuscito a mandare le prime immagini, gi appariva unanomalia, che sembrava proprio una sfera di luce dorigine sconosciuta che attraversava il campo visivo del robot.

Ma le stranezze non finiscono qui, infatti ci sono foto che ritraggono unanomalia nel terreno che sembra molto un dito pietrificato.

In alto una foto che indica quanto sia straordinariamente somigliante ad un dito umano. Forse la sabbia ed i sassi che avevano fatto da tomba per qualcuno della missione che non esiste, stato per cos dire disturbato nel suo sonno eterno dalle tremende tempeste di sabbia che imperversano sul pianeta e che avrebbero potuto scoprire parti del corpo? Forse la pi buffa ma che se fosse vera farebbe pensare che non sarebbe molto salutare mandare qualcuno su Marte questa:

Un bellissimo topone di Marte, che viste le dimensioni delle piante gi fotografate, e considerata la gravit del pianeta, questo roditore dovrebbe essere grande almeno un pony. Alla fine di questarticolo vi lasciamo con questa prima foto della terra presa dallo spazio nel 1946.

PELLICOLE SULLE MISSIONI APOLLO

Apollo 13
Titolo originale: Apollo 13 Nazione: Usa Anno: 1995 Durata: 134' Regia: Ron Howard Cast: Tom Hanks, Kevin Bacon, Bill Paxton, Gary Sinise, Ed Harris, Kathleen Quinlan, Bryce Howard Trama: Abbandonati a 205.000 miglia dalla Terra in una navicella in avaria, gli astronauti Jim Lovell, Fred Haise e Jack Swigert combattono una battaglia disperata per sopravvivere. Nel frattempo, alla stazione di controllo, l'astronauta Ken Mattingly, il direttore di volo Gene Kranz e un eroico equipaggio di terra lottano contro il tempo e contro le avversit per riportarli a casa.

APOLLO 18
Titolo originale: Apollo 18 Nazione: U.S.A. Anno: 2011 Durata: 89 Regia: Gonzalo Lpez-Gallego Cast: Warren Christie, Lloyd Owen, Ryan Robbins Trama: Il film ruota attorno ad una missione della NASA cancellata dal programma, l'Apollo 18, ed attraverso un falso documentario, mostra le immagini inedite dell'operazione durante la quale ci sarebbe stato un incontro con gli alieni, naturalmente tenuto nascosto a tutto il mondo...

JFK E MORTO PER COLPA DEGLI ALIENI? Sconvolgenti rivelazioni a quasi 50 anni dalla morte del presidente Americano, fanno pensare che la sua morte sia stata ordinata perch negli ultimi giorni prima del famoso discorso a Dallas, si era interessato troppo agli alieni e alla famigerata area 51.

In questa lettera spedita alla CI.A. da Kennedy, esso chiede che gli vengano date tutte le informazioni in loro possesso riguardo gli extraterrestri. Grazie alla libert dinformazione sui documenti segreti che abbiano passato i 50 anni da quando sono stati registrati, William Lester sarebbe riuscito ad ottenere dalla C.I.A. proprio una copia della lettera datata 12 novembre 1963, dieci giorni prima che venisse assassinato.

Forse la curiosit del presidente era dovuta al fatto che la tensione estremamente calda con i sovietici fosse sempre ad un filo dallo scoppiare in una guerra, cos avendo tutte le informazioni giuste avrebbe potuto mediare con i russi nelleventalit di una raffica di avvistamenti che gi in parte dsi erano verificati sa sugli Stati Uniti che nella Unione Sovietica in quegli anni, e calmare le acque dicendo qualcosa come: calma, non roba nostra! Non una provocazione, non facciamo una guerra! Ma forse la sua volont stata male interpretata o forse sapeva troppe cose ormai e non era certo la persona che si poteva manovrare con facilit. Forse quindi stato uno dei tanti motivi per cui quel giorno a Dallas, molti lo volevano morto a tutti i costi. Comunque sia da anni girano voci sul fatto che il presidente degli Stati Uniti di turno sappia cose che non si dovrebbero sapere, a cominciare dalla verit sugli alieni ammesso che ce ne sia una soltanto, ovviamente.

GLI ALIENI SONO TRA NOI Gli alieni, i grigi, i rettiliani e tutte le altre razze extraterrestri sarebbero gi tra noi da un pezzo, molto prima del u.f.o. crash di Roswell, pi o meno da sempre, visto che ci avrebbero inserito nella fauna terrestre quando il nostro globo terracqueo era ancora in stato di agitazione, e/o avremo cominciato a vivere parallelamente alluomo di Neanderthal, che non si sarebbe poi pi evoluto, oppure sarebbe estinto per colpa nostra, o ancora sarebbe come dice Darwin, un nostro progenitore, ma non un anello della catena evolutiva, ma semmai della catena involutiva, in quanto le popolazioni dello spazio sarebbero state ben pi evolute per poterci portare qui. Quindi avremmo avuto una sorta di involuzione e poi di progressione e progresso dettato dai fattori presenti sul nostro pianeta. Se arrivassero dunque i nostri progenitori dunque, potrebbero essere molto diversi da noi, in quanto la nostra forma umanoide sarebbe data dalle varie influenze del pianeta, evoluzione, ecc. e non da un patrimonio genetico. ESISTE UN PATTO SCELLERATO CON GLI ALIENI Anche in questo caso gli alieni ci sarebbero gi sul nostro pianeta, ma solo da qualche decennio, e tra loro e gli stati pi forti del pianeta ci sarebbe un patto di non belligeranza, dove in cambio di tecnologia, si lascerebbero rapire a scopo di esperimenti scientifici chiunque interessi a loro. Pensiamo solo a quanto poco tempo servito per arrivare ad uno smartphone ad esempio e a quanto ci sia voluto per arrivare a quei mattoni pesantissimi che erano i primi telefonini. Oltretutto la loro tecnologia e totalmente diversa e non il conseguente derivato luno dellaltro, come se la partenza fosse stata in un certo modo aiutata. Siamo passati dal computer che occupa tutta una stanza enorme degli anni 80 al personal computer degli anni novanta in soli dieci anni e la tecnologia sembra progredire sempre pi in fretta, come se si fosse innescato qualcosa, che prima non cera. Eppure gi negli anni 70 cerano i microchip, che avrebbero potuto far risparmiare moltissimo spazio a quello che allora si chiamavano elaboratori. GLI ALIENI NON ESISTONO C anche questa versione, dove gli alieni sarebbero uninvenzione creata apposta dagli Stati Uniti, o meglio da forze governative, che avrebbero inventato ed alimentato queste storie per sviare la gente ed i loro pensieri non facendoli soffermare su altre e dando la colpa agli u.f.o. di quel che fa pi comodo, oltre ad aver trovato un buon sistema commerciale. Ovviamente chiunque pu credere a questo o alle altre decine di versioni diverse, tra cui quella che persino George Washington sarebbe stato un alieno, ma che si creda oppure no, non possiamo essere soli nelluniverso!

STRANE FORME DI VITA

LA Zizeeria Maha Blu una farfalla che vive in Giappone ed ha la particolarit di avere ali larghe e di un bl intenso, stato riscontrato che le specie di questo tipo di farfalla nei dintorni della centrale nucleare di Fukushima, dove recentemente avvenuto il disastro prima naturale e poi radioattivo, hanno mostrato subito delle malformazioni prima di gigantismo nelle ali, che hanno cominciato a diventare sempre pi grandi, poi a divenire pi piccole. Ma le malformazioni a questo piccolo insetto non finiscono qui, poich hanno cominciato ad avere delle stranezze anche agli occhi, alle antenne e cos via, e che ogni generazione non solo si trasmettono ma peggiorano di continuo.

Questo tipo di farfalle tipiche del luogo dove si trova la centrale stata soggetta a radiazioni fin dalle larve e manifestano in continuo peggioramento leffetto delle radiazioni, che ora destano sospetti specialmente sulla probabilit che habbiano taciuto sulla reale pericolosit delle radiazioni e la loro intensit, e dunque gli effetti che potrebbero avere sulle persone del luogo e nel raggio di kilometri. UCCISO UN LICANTROPO NEL MAINE

Questo povero animale che dallaspetto sembrerebbe un normale canide, stato battezzato come mutante da tutte le persone del luogo che per 15 anni sono state oggetto di terrore e paura da parte di questo fantomatico animale, che avrebbe ucciso e sbranato diversi cani della zona, alcuni di taglia molto grossa. Le leggende che hanno cominciato a correre vanno dal cane mutante, al licantropo, al mostro dei boschi del Maine, una sorta di Wendigo, che nelle leggende dei pellirosse sarebbe appunto un licantropo. Probabilmente investito da unauto e quindi non ucciso dallargento, questo animale, appare solo particolare dal punto di vista del colore del pelo, ma molti testimoni dicono di averlo sentito urlare nel pieno della notte producendo suoni che non avevano nulla del nostro mondo e che emettesse luce dagli occhi. Che fosse parente del famoso Mastino dei Baskerville? Una carrellata di animali strani del nostro pianeta:

Questo tipo di leopardo ad esempio mostra un mantello atipico, in quanto di solito si hanno delle macchie nocciola su mantello chiaro, invece qui c un mantello rosato chiamato biondo Fragola

Questa megattera bianca come quella del famoso libro una rarit estrema in quanto balene albine se ne trovano ben poche al mondo e finora non se ne erano mai fotografate, anche perch come tutte le specie albine, questi animali portano delle tare nei geni che non si fermano alla non formazione della melanina, ma a vari problemi fisici e biologici, che di solito non li fanno vivere per molto.

Questo pipistrello della Nuova Guinea chiamato piccolo Diavolo vista la sua diabolica fisionomia, ma a noi sembra molto assomigliare a Yoda di star wars

Il serpente del Madagascar a pois rosa.

La rana pinocchio.

Questo pesce dellAustralia usa le pinne particolarmente spesse come se fossero delle mani, spingendosi e spostandosi sottacqua piuttosto che nuotare normalmente,

Questa specie di pesce gatto, ha la particolarit di possedere una corazza protettiva molto spessa, che lo fa assomigliare ad un trilobite, un pesce che si credeva estinto decine di migliaia di anni fa e che invece vive tuttora al largo delle coste del Giappone.

Questo camaleonte del Madagascar sembra avere un neon personale nel corpo, che lo fa diventare luminoso.

IL GATTO GUARDIANO Sono tantissime le leggende che parlano di gatti che fanno da guardiani nei cimiteri o alle tombe, quasi come se spiriti elevati, fossero stati messi a guardia delleterno riposo dei defunti. In tutti i cimiteri del mondo infatti sono presenti questi comuni felini che sempre di pi si scopre che di comune non hanno nulla, in quanto simparano cose sempre pi divertenti ma anche particolarmente interessanti su questi animali, che li fa sempre diventare degli animali pi complessi ed intelligenti di quanto non si creda. Ci sono casi di gatti che vanno negli ospedali e che sentono quando un paziente sta peggiorando nella malattia, o che salvano i propri padroni umani alla stregua del pi bravo dei cani da salvataggio, ed altro ancora. GATTO PORTA DONI SULLA TOMBA DEL PADRONE MORTO

Da quando morto il suo padron e d circa un anno, il bellissimo micio di nome Toldo di circa tre anni, tutti i giorni si reca sulla tomba del suo padrone Renzo bozzelli, morto nel novembre del 2011 a Pistoia dove avveva sempre vissuto. Aveva trovato Toldo in una colonia felina e fu un amore a prima vista, che fece di questo gatto lunico amore della vita di Renzo. Montagnana un paese fuori Pistoia piccolino e sulle montagne, cos tutti si conoscono e rimangono sbalorditi da come questo micio abbia preso pi volte al giorno andare sulla tomba del padrone e portargli ogni volta come fossero dei doni, rametti, fazzoletti, foglie e qualsiasi cosa riesca a portagli fin l. La vedova non riesce a capacitarsi di una simile devozione, in quanto il gatto non segue solo la vedova di Renzo, ma va diverse volte a l giorno anche da solo e mai a zampe vuote.

Il micio fin da quando venne trovato allet di tre mesi, ebbe tutte le cure che un gatto pu solo sognare, cos quando Renzo purtroppo mor, il gatto segu il feretro fin nel cimitero il giorno dei funerali, e in seguito ogni giorno torn pi volte a portare dei doni per ringraziare di tutto lamore ricevuto in quegli anni. Ormai tutti in paese lo hanno visto e si sentono molto commossi del comportamento di questo felino davvero devoto. INSEGUONO UN GATTO E TROVANO UNANTICA TOMBA di poche settimane fa, larticolo di un gatto che avrebbe condotto una serie di archeologi che stavano studiando una antica zona di Roma, fino allingresso di una tomba che risalirebbe allincirca al primo o secondo secolo dopo Cristo.

I ragazzi si sarebbero avventurati in questa zona impervia per via della conformazione del suolo, pieno di avvalli e cunette, quando lapparire di un misterioso gatto, li avrebbe incuriositi a tal punto da spingerli a seguirlo, dimenticandosi il motivo per cui erano giunti in quel luogo. Davanti a loro si mostrato un pertugio, che una volta liberato da alcune rocce che lo occludevano in parte avrebbe rivelato in realt essere una tomba. Avendo trovato diverse centinaia di ossa umane poco dopo lentrata, ha spinto i giovani a chiamare la polizia che avrebbe subito messo sotto sequestro lintera zona, in attesa di accertamenti, che finora hanno stabilito che si trattava di un colombaio depoca Romana.

E MORTO LUOMO GATTO E morto Dennis Avner anche conosciuto come luomo gatto per le innumerevoli operazioni che si era fatto fare sul corpo per assomigliare ad un felino. Aveva 54 anni e soffriva di depressione malgrado avesse avuto anche una discreta fortuna e fama, grazie a partecipazioni a programmi tv come lo show dei records ed altri.

Aveva incominciato quando era militare, con il farsi tatuare alcune righe da tigre, poi negli anni aggiunse sempre pi cose che lo facessero assomigliare ad un felino, o per meglio dire ad una tigre, animale totem per lui sacro. Aveva fatto operazioni dolorose e numerose sul suo corpo, facendosi impiantare baffi, denti e unghie nonch tatuare in tutto il corpo il mantello della tigre, fino a diventare un vero e proprio uomo- tigre.

Stalking Cat questo era il suo nome, proveniva da una famiglia di discendenti di indiani del Nord America come gli Uroni e i Lakota, quindi il sangue pellerossa che aveva in lui si era risvegliato fin dai 23 anni quando fece il primo tatuaggio, poi da l non si ferm pi. Ho trovato la fama, ma non la felicit!

Pi volte aveva detto, questo sottolineava la sua insoddisfazione della vita che aveva intrapreso, forse sperando che lo spirito della tigre che era in lui lo avrebbe aiutato di pi, ed invece morto suicida. Steve Haworth artista nel body modyfing aveva pi volte operato questuomo felino, impiantandogli dei piercing che avrebbero poi fatto spazio a dei baffi sintetici tuttattorno alle labbra, poi si fece impiantare del silicone per poter modificare laspetto del viso. Bench fosse identificato in una tigre per il suo aspetto, in realt da rapportarsi di pi al leone di montagna, di cui alcune specie portano striature leggermente pi scure sulla pelle, ma praticamente invisibili, grazie al pelo foltissimo.

In alcune credenze indiane del nord America, quando nascono i bambini, viene associato loro un animale dallo sciamano della trib che assiste al parto e da quel momento luomo e lanimale diverranno parte indissolubile uno dellaltro. Chiunque dei due fosse in pericolo, laltro dovr accorrere in aiuto nel caso della morte di uno dei due, potr sempre accorrere in sogno, dove per queste trib dindiani si tratterebbe non di un parto della fantasia, ma di un piano di vita alternativo e parallelo al nostro perfettamente fisico e reale tanto quello che viviamo ogni giorno. Forse Tennis sperava con questa trasformazione estrema di fondere il suo spirito e quello dellanimale in maniera ancora pi profonda e spirituale, forse per raccogliere il coraggio di vivere di cui sembrava difettare nellintimit, bench il suo sguardo ed il suo aspetto incutessero timore e rispetto.

THE GREAT BLUE HOLE Il grande buco blue, cos chiamata lenorme voragine sottomarina al largo delle isole Bahamas, che un vero e proprio cratere tanto profondo da poter fare solo una stima approssimativa della sua profondit.

La sua conformazione dorigine naturale, vista dallalto fa una grande impressione anche ripensando allarticolo gi pubblicato come aggiornamento dove si parlavano delle voragini che si starebbero aprendo in tutto il mondo. In realt si tratterebbe di una caverna sottomarina dorigine vulcanica che sarebbe collassata su se stessa creando questo enorme buco che non sarebbe il solo nelle Bahamas ma sarebbe in buona compagnia poich sarebbero almeno una trentina i buchi enormi che simili a passaggi sottomarini verticali, potrebbero forse nascondere tante realt inaspettate La prima forse la pi plausibile , sarebbero le molteplici forme di vita subacquea di tipo sconosciuto che si potrebbero scoprire in questo habitat cos particolare. Magari proprio in queste profondit si potrebbero nascondere quegli enormi mostri marini di cui sono piene le leggende di tutto il mondo, ma ancora pi suggestiva sarebbe una seconda ipotesi, e cio che quelli che vengono definiti wormhole buchi di verme, possano esistere non solo nello spazio ma anche sul nostro pianeta, e che quindi siano dei passaggi non solo per arrivare in parti del pianeta in maniera velocissima, malgrado le distanze tra i punti da raggiungere, ma anche un passaggio tra le dimensioni. In tutte le storie di uomini santi, del nostro pianeta c sempre chi dice di averli visti in pi punti nel medesimo tempo, oppure che potessero spostarsi in un tempo brevissimo coprendo distanze incredibili, tutto questo potrebbe avvenire tramite questi passaggi disseminati su tuta la superficie del pianeta e conosciuti da pochissime persone, che permetterebbe loro quindi questi spostamenti miracolosi. Idem dicesi per la possibilit che siano dei passaggi tra le dimensioni, e che possano quindi trasferire i soggetti, o gli oggetti in un tempo diverso dal nostro e magari in un tempo alternativo al nostro, come se fossero delle macchine del tempo naturali.

The abyss
Titolo originale: The abyss Nazione: Usa Anno: 1989 Durata: 140' Regia: James Cameron

Cast: Ed Harris, Mary Elizabeth Mastrantonio, Michael Biehn, Leo Burmester, Todd Graff, John Bedford Lloyd, J.C. Quinn, Kimberly Scott. Trama: Un sottomarino nucleare affonda nell'oceano mentre sta inseguendo un misteriosa creatura. Subito parte una spedizione per cercare di recuperare il relitto ma le operazioni di recupero sono rese difficili dalla grande profondit e dalla presenza della misteriosa creatura marina.

Titolo originale: Wall-E Nazione: U.S.A. Anno: 2008 Durata: 97' Regia: Andrew Stanton Cast: Fred Willard, Jeff Garlin, Ben Burtt Trama: Dopo aver trascorso centinaia di anni solitari facendo ci per cui era stato costruito - ripulire il pianeta - W.A.L.L.E (che sta per Waste Allocation Load Lifter Earth-Class - Sollevatore terrestre di carichi di rifiuti) trova un nuovo scopo nella sua vita (oltre a collezionare cianfrusaglie) quando incontra un affusolato robot ricognitore di nome EVE. EVE si rende conto che W.A.L.L.E involontariamente incappato nella chiave che assicurer il futuro del pianeta, e torna di corsa nello spazio per riferire le sue scoperte agli umani (che sono ansiosi di sapere di poter tornare a casa senza rischi). Nel frattempo, W.A.L.L.E segue EVE per tutta la galassia, dando vita ad una delle avventure comiche pi fantasiose ed emozionanti mai portata sul grande schermo.

IL ROBOT FERRARESE

I-cub il primo robot di nascita ferrarese, progettato grazie alluniversit di Ferrara in collaborazione con altre universit europee il rpimo prototipo di robot open source, cio creato perch lo si possa acquistare nellintero progetto e migliorarlo nelle prestazioni e renderlo sempre pi umano e sempre pi adatto al compito che dovr svolgere. stato pensato infatti perch possa agire in base ad un istinto sintetico anzich attraverso un software, dandogli quella leggerezza e quella imprevedibilit che avrebbe un bambino di 3 anni. Pensato per poter accudire ed insegnare a bambini con problemi autistici e dapprendimento, riuscendo ad imitare le espressioni del viso, le caratteristiche fisiche e le mobilit corporee.

Luciano Fadiga, il suo creatore ha spiegato che le possibilit dimpiego di questo robot sono praticamente illimitate, poich in continua evoluzione e impara di continuo, proprio come un bambino di 3 anni. Riesce ad imparare dai suoi errori e le sue espressioni facciali date da led luminosi che ne disegnano sopracciglia e labbra, lo rendono non solo in grado di replicare ogni emozione, ma la sua faccia dallaspetto gommoso, lo rende amichevole verso i bambini.

Non siamo certo ai livelli di Wall-E il famoso film della Disney, ma certamente ci siamo vicini, in quanto questo robot completamente autonomo, si muove senza bisogno di teleguida ed in grado di decidere da solo come comportarsi.

NUMERI ARRETRATI DI SANDS FROM MARS ED AGGIORNAMENTI SANDS FROM MARS NEW EDITION N.1 SANDS FROM MARS NEW EDITON N.2 SANDS FROM MARS NEW EDITON N.3 SANDS FROM MARS NEW EDITON N.4 SANDS FROM MARS NEW EDITON N.5 SANDS FROM MARS NEW EDITON N.6 SANDS FROM MARS NEW EDITION N.7 SANDS FROM MARS NEW EDITION N8/9 SANDS FROM MARS NEW EDITION N.10 SANDS FROM MARS NEW EDITION N.11 SANDS FROM MARS NEW EDITION N.12 SANDS FROM MARS NEW EDITION N.13 AGGIORNAMENTI INTERVISTA ESCLUSIVA A DREAM ARIA IN ITALIANO IN INGLESE RECENSIONE IN ITALIANO IN INGLESE MAURIZIO GANZAROLI INTERVISTA M.O.D. INTERVISTA ESCLUSIVA DAVE SIXX ROBY GUERRA INTERVISTA EUGENIO SQUARCIA ROBY GUERRA INTERVISTA GIANLUCA EVANGELISTI AZIONE FUTURISTA MAURIZIO GANZAROLI INTERVISTA FRANCO DAGA RECENSIONE E INTERVISTA WIREFRAME INTERVISTA ALLARTISTA ZHOU CHENG GUANG IN ITALIANO, INGLESE E CINESE INTERVISTA ALLARTISTA LIU LEAH IN ITALIANO, INGLESE, E CINESE MISTERIOSE VORAGINI SI APRONO IN TUTTO IL MONDO RECENSIONE PER ATIMIA LINGANNO IL CD DI DEBUTTO. SOAP AND SKIN LA FURIA DELLA TIGRE DAUSTRIA NIEL ARMSTRONG MUORE A 82 ANNI ADDIO A SERGIO TOPPI LUOMO CHE TRASFORMO IL FUMETTO IN ARTE TONY SCOTT LUOMO PIU VELOCE DELLA LUCE LE FOTO DELLE MISSIONI GEMINI MAI VISTE BIOGRAFIA DI GERALD GARDNER RECENSIONE DEL NUOVO CD DI: VISIONI GOTICHE