Sei sulla pagina 1di 2

Definizione di combinazione lineare di due o più vettori

Siano dati nello spazio vettoriale V un numero finito n di vettori: v 1 , v 2 ,

n-upla di scalari h 1 , h 2 ,

h 1 v 1 + h 2 v 2 +

Definizione di vettori linearmente indipendenti e vettori linearmente dipendenti Nello spazio vettoriale V siano dati un numero finito n di vettori di V, v 1 , v 2 ,

n-upla di scalari in K, h 1 , h 2 ,

, v n , e nel campo K una

, h n , per

“combinazione lineare degli n vettori” si intende il vettore di V

, v n , ed una

+ h n v n

, h n ,

• se la combinazione lineare degli n vettori è uguale al vettore nullo di V, cioè 1' uguaglianza

h 1 v 1 + h 2 v 2 +

linearmente indipendenti, cioè formano un insieme libero;

• se la suddetta uguaglianza è vera anche per valori non tutti nulli degli scalari allora gli n vettori suddetti sono linearmente dipendenti.

+ h n v n = O è vera solo per valori tutti nulli degli scalari, allora gli n vettori sono

Teorema: In uno spazio vettoriale V, i vettori v 1 , v 2 ,

almeno uno di essi è combinazione lineare (dipende linearmente) degli altri.

Dimostrazione i) Condizione necessaria:

se nello spazio vettoriale V, i vettori vi, v 2 ,

di essi è uguale alla combinazione lineare (dipende linearmente) degli altri. Infatti, per ipotesi,

l'uguaglianza h 1 v 1 +h 2 v 2 +

essere h 1 (senza togliere generalità alla dimostrazione), quindi nel campo K esiste -h -1 per cui

moltiplichiamo ambo i membri della suddetta uguaglianza e poi ricaviamo

v 1 = -h -1 h 2 v 2 -h -1 h 3 v 3 -

ii) Condizione sufficiente:

Bisogna mostrare che dati i vettori v 1 , v 2 ,

, v n sono linearmente

combinazione lineare (dipende linearmente) degli altri allora v 1 , v 2 ,

dipendenti. Infatti, applichiamo l'ipotesi a v 1 (senza togliere generalità alla dimostrazione) per cui è

-k n v n = O vera con almeno uno

scalare k 1 =1 non nullo, quindi v 1 , v 2 ,

v 1 = k 2 v 2 +k 3 v 3 +

+ h n v n =0 è vera con almeno uno scalare non nullo, che supponiamo

, v n V sono linearmente dipendenti allora almeno uno

, v n V sono linearmente dipendenti se e solo se

- h -1 h n v n ,

, v n di V, se almeno uno di essi è uguale alla

+ k n v n , da cui si ricava l'uguaglianza v 1 - k 2 v 2 -

, v n sono linearmente dipendenti.

Definizione di sistema di generatori di uno spazio vettoriale

Nello spazio vettoriale V un insieme S={v 1 , v 2 ,

generatori» di V, se per ogni v e V esiste una n-upla di scalari in K, h 1 ,h 2 ,

v è uguale alla combinazione lineare degli n vettori assegnati, cioè v = h 1 vi + h 2 v 2 +

, v n }costituito da n vettori, è detto un «sistema di

, h n , tale che il vettore

+ h n v n .

Definizione di spazio vettoriale finitamente generato Uno spazio vettoriale V è finitamente generato (o finitamente generabile) se ammette un sistema (finito) di generatori.

Definizione di base di uno spazio vettoriale Nello spazio vettoriale V n vettori di S={v 1 , v 2 ,

, sistema di generatori di V ed insieme, un insieme libero (linearmente indipendente)

v n } formano una “base” se S={v 1 , v 2 ,

, v n } è un

Teorema sulla base: Sia V uno spazio vettoriale, le seguenti condizioni sono equivalenti:

1)

{v 1, v 2 ,

,v

n } è una base di V.

2)

vV, esiste una ed una sola n-upla di scalari in K, h 1 , h 2 ,

,

h n , tale che il vettore v è uguale alla

combinazione lineare degli n vettori assegnati, cioè v = h 1 v 1 + h 2 v 2 +

(Quindi ogni vettore di V può scriversi in modo unico come comb. lineare dei vettori di una base)

+ h n v n .

Dimostrazione - 1)2)

In

di V. Supponiamo per assurdo che vV esistano 2 n-uple di scalari in K, h 1 ,h 2 ,

tali che v = h 1 v 1 +h 2 v 2 +

due uguaglianze, si ha: O = (h 1 - k 1 ) v 1+ (h 2 - k 2 ) v 2 + insieme libero per ipotesi si ottiene: h 1 - k 1 = 0, h 2 - k 2 = 0,

quindi v 1 , v 2 ,

uno spazio vettoriale V, ogni sistema libero di generatori, {v 1 , v 2 ,

+ h n v n ; v = k 1 v 1 +k 2 v 2 +

, v n formano una base,

, v n }è per definizione una base

,

h n , e k 1 ,k 2 ,

,

k

n

+ k n v n , allora, sottraendo membro a membro le

v n formano un

, h n = k n ,

+ (h n - k n ) v n e poiché v 1 , v 2 ,

,

h n -k n = 0,

, cioè h 1 =k 1 , h 2 = k 2 ,

,v n } allora

tale sistema è un sistema di generatori, per mostrare che è una base bisogna far vedere che tale sistema è un sistema libero cioè che l’unico modo di ottenere il vettore nullo è con gli scalari tutti nulli.

2)1) Poiché ogni vV, si può scrivere come combinazione lineare dei vettori di {v 1, v 2 ,

+h n v n = 0, ma l'uguaglianza è

sempre vera per n scalari tutti nulli e questa n-upla per ipotesi è l'unica, quindi i

vettori v 1 , v 2 ,

, v n sono linearmente indipendenti, cioè formano un insieme libero, c.v.d.

Per ipotesi, esiste una ed una sola n-upla di scalari tale che h 1 v i + h 2 v 2 +

Teorema sull'indipendenza lineare: Nello spazio vettoriale V siano v 1 , v 2 , allora le seguenti proposizioni sono equivalenti:

i) v 1 , v 2 ,

, v n sono linearmente indipendenti;

, v n , n vettori di S,

ii)

v 1 O e v i non è combinazione lineare di v 1 , v 2 ,

,v

i-1 per ogni i > 1.

In

altri termini: vi, v 2 ,

,

v n sono linearmente dipendenti se e solo se v i = O oppure c'è un v i (i > 1)

che è combinazione lineare di dei precedenti vettori vi, v 2 ,

Dimostrazione — Da i) segue ii): ovvio Da ii) segue i):

Se h 1 v 1 + h 2 v 2 +

Ne segue: h 1 v 1 + h 2 v 2 + Si ha dunque h 1 v 1 = 0.

,

v i-1 .

+ h n v n = 0, si ha h n = 0 altrimenti v n è combinazione lineare dei precedenti.

+ h n-1 v n-1 = O.

Con lo stesso ragionamento si prova che h n-1 =0,

Ma v 1 O e quindi h 1 = 0, cioè vi, v 2 ,

,h 2 = 0.

, v n sono linearmente indipendenti.

Dal teorema precedente si deduce il metodo degli scarti successivi per trovare una base di S a partire da un insieme finito di generatori. Teorema dell'esistenza di una base: Ogni insieme finito di generatori di uno spazio vettoriale V contiene una base di S. In particolare, ogni spazio vettoriale finitamente generato ha una base. Teorema del completamento della base: Nello spazio vettoriale V finitamente generato ogni insieme libero di vettori di S è contenuto in una base.

Diretta conseguenza del lemma di Steinitz è il seguente teorema Teorema sul numero di vettori di tutte le basi. Nello spazio vettoriale V avente una base di n vettori, ogni base di S ha n vettori.

Definizione della dimensione di uno spazio vettoriale - Sia V uno spazio vettoriale avente una base di n vettori, si dice che S ha dimensione n, e si scrive dim S = n.