Sei sulla pagina 1di 4

LETTERA ALLE FAMIGLIE

D E L L U N I T A P A S T O R A L E D I

CAPEZZANO P.re - MONTEGGIORI - S. LUCIA


Via Sarzanese 147 - Tel. 0584 914007 - 347 64 66 961 e-mail: parrocchia.capezzano@alice.it

Visitateci sul Sito Internet: chiesacapezzano.org

N 585

TEMPO DI NATALE - LITURGIA DELLE ORE I SETTIMANA

30 DICEMBRE 2012

SANTA FAMIGLIA DI GESU, MARIA E GIUSEPPE


A pochi giorni di distanza dal Natale, celebriamo la festa della santa famiglia, quella di Ges. A dir la verit sappiamo ben poco della famiglia di Nazareth, della loro quotidianit, del lavoro, delle scelte, delle difficolt... I Vangeli ci fanno intravedere pochissimo di quegli anni, la vita ordinaria di Ges con Maria e Giuseppe coperta dal silenzio. Eppure, al di l di quello che si potrebbe pensare, quel silenzio una delle rivelazioni pi affascinanti della novit di Ges, del suo Vangelo. E' un silenzio che grida pi di tante parole, che illumina pi di molti fari. E' il silenzio della quotidianit, dell'ordinario di Nazareth. Tutti lo attendevano; i profeti avevano preparato la via; storpi, ciechi, zoppi, malati e lebbrosi lo aspettavano e Ges che fa? Pialla un tavolo, aggiusta un incastro di una sedia, prepara il manico di una pala. Eccolo il nostro Dio, un Dio che mostra la via della santit, che abbatte la separazione tra sacro e profano, che fa del tempo ordinario il luogo decisivo della scelta. La santit a cui la famiglia di Nazareth ci richiama quella della vita ordinaria. Saremo credibili e daremo una testimonianza contagiosa della nostra fede, se i nostri gesti quotidiani, le nostre scelte famigliari, i rapporti con le persone, manifesteranno il Vangelo! Saremo veri discepoli di Ges, se i nostri gesti parleranno di Lui, anche se noi staremo zitti.

PER ULTIMA VENNE LA MORTE


La morte non voleva credere alle proprie orecchie quando le fu comunicato che il suo dominio universale stava per finire. Pur riconoscendosi la pi inamabile di tutte le creature, un po' di riguardo l'avrebbe gradito da parte dell'Arcangelo messaggero. Non era mica l'ultima delle ancelle di Dio, anzi. Il suo ruolo nei piani del Creatore era fondamentale. "E continuer ad esserlo", le aveva garantito il messo celeste, "per tutte le creature viventi, tranne che per l'uomo". "Perch?", gli aveva domandato la Morte, "diventer immortale?". "Non fare troppe domande... tu non capiresti". Era stato a questo punto che la Morte si era gravemente offesa. Che oltre a fare un lavoraccio infame, la si giudicasse imbecille, non lo poteva tollerare! Di essere perdente non le importava affatto, tanto il suo lavoro le era ingrato, ma come sarebbe avvenuta la metamorfosi? Le bast uno sguardo circolare sulla superficie terrestre per individuare il punto. Forse nessuno, davanti alla grotta di Betlemme, prov maggior sbalordimento della Morte. Eppure, ora che lo aveva davanti, il progetto le appariva chiaro e di un'incredibile semplicit: quel batuffolo di carne, per il solo fatto di essere vita, era gi sua preda. La Morte desider a quel punto che il Creatore avesse scelto un'altra strada, per non essere chiamata in causa. Ma fu allora che, dal sonno profondo in cui era immerso, il Bimbo le sorrise. E la Morte si sent vinta e cap come sarebbe stata vinta: da un amore talmente intenso che proprio attraverso di lei sarebbe passato, per dimostrare all'universo la propria potenza e la propria vastit.

Ora tu hai un corpo, Figlio dell'uomo, e respiri la vita del nostro splendido inquieto mondo, hai occhi che leggono i nostri sguardi assetati e fuggitivi, orecchi che registrano segreti sospiri e lamenti, mani che toccano ferite intoccabili, piedi che conoscono le strade della notte nell'interminabile viaggio dell'incontro, e cuore che sussulta per limpide amicizie che profumano di cielo. Ora tu sei uno di noi
--------------------------------------------------------------------------------------------------------

Preghiera degli asini


Dacci, Signore, di mantenere i piedi sulla terra, e le orecchie drizzate verso il cielo, per non perdere nulla della tua Parola. Dacci, Signore, una schiena coraggiosa, per sopportare gli esseri umani pi insopportabili. Dacci, Signore, di camminare diritti, disprezzando le carezze adulatorie e schivando le frustate. Dacci, Signore, di essere sordi alle ingiurie, all'ingratitudine, la sola sordit cui aspiriamo. Non ti chiediamo di evitare tutte le sciocchezze, perch un asino far sempre delle asinerie... Dacci semplicemente, Signore, di non disperare mai della tua misericordia cos gratuita per quegli asini cosi disgraziati che siamo, a quanto dicono quei poveri esseri umani, i quali per non hanno capito nulla n degli asini, n di Te, che sei fuggito in Egitto con uno dei nostri fratelli, e che hai fatto il tuo ingresso profetico a Gerusalemme, sulla schiena di uno di noi.

CALENDARIO DELLA SETTIMANA


DOMENICA 30 DICEMBRE SANTE MESSE: A CAPEZZANO: ORE 7 - 9 - 11 ORE 10 A SANTA LUCIA - ORE 16 A MONTEGGIORI N. B. Alla S. Messa delle 11 solenne benedizione a tutti gli sposi che, nellanno 2012, si sono uniti nel sacramento del matrimonio o ne hanno celebrato il venticinquesimo, il cinquantesimo o il sessantesimo. ORE 18,30 Il Gruppo Famiglie invita, per un momento di condivisione e cena, le coppie festeggiate alla Messa delle 11 LUNEDI 31 ORE 17 A SANTA LUCIA SANTA MESSA TE DEUM DI RINGRAZIAMENTO ORE 18 A CAPEZZANO SANTA MESSA E TE DEUM DI RINGRAZIAMENTO MARTEDI 1 GENNAIO 2013 - GIORNATA MONDIALE DELLA PACE SANTE MESSE ORE 7 - 9 - 11 - 16 (A MONTEGGIORI) VENERDI 4 ORE 17,30 ORA DI ADORAZIONE SABATO 5 ORE 14,30 PULIZIA DELLA CHIESA ORE 16,30 CONFESSIONI ORE 14 RITROVO E PARTENZA PER LA RASSEGNA DELLE BEFANE ORE 18 MESSA FESTIVA DOMENICA 6 - EPIFANIA DI NOSTRO SIGNORE SANTE MESSE ORE 9 - 11 15 ORE 10 A MONTEGGIORI E SANTA LUCIA
ORE

15

SANTA MESSA E PROCESSIONE CON LA STATUA DI GES BAMBINO

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

OFFERTE PER I LAVORI DELLA CHIESA 200,00 DA S. O. - 200,00 DA D. M. PER GRAZIA RICEVUTA 500,00 DA D. L. - 50,00 DA B.B.B. 65,00 DAL CORO VOCI BIANCHE
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

SONO TORNATI ALLA CASA DEL PADRE Mallegni Rina - Della Latta Genny - Palmerini Diva