Sei sulla pagina 1di 22

Cenni storici Lorigine dellolivo persa nel tempo coincidendo e mescolandosi con lespansione della civilizzazione mediterranea che

e per secoli ha interessato il destino dellumanit. Fossili di foglie di olivo sono stati trovati in depositi del Pliocene a Mongardino in Italia. Residui fossili sono stati scoperti anche in strati del Paleolitico Superiore in Nord Africa. Anche in Spagna sono stati rinvenuti fossili di olivo selvatico risalenti allet del Bronzo. Quindi, in linea di massima lorigine dellolivo pu essere fatta risalire a prima del XII millennio a.C. . Lolivo selvatico ha origine nellAsia Minore dove abbondante e cresce in folte foreste. Sembra che si sia propagato dalla Siria alla Grecia via Anatolia anche se altre ipotesi facciano pensare al pi basso Egitto, Nubia, Etiopia e ad alcune aree di Europa come area di origine. Caruso perci ha creduto che lolivastro fosse indigeno a tutto il Bacino Mediterraneo e considera lAsia Minore come luogo di origine dellolivo coltivato sin da sei millenni fa. Gli Assiri e i Babilonesi erano le uniche antiche civilt che non avevano familiarizzato con lolivo. Nel XVI secolo a.C. i Fenici cominciarono a coltivare lolivo in tutte le isole greche e in seguito, tra il XIV e il XII secolo a.C. nel continente greco dove si sviluppo la sua coltivazione e guadagn importanza nel IV secolo a.C. quando Solone pubblic direttive sulla messa a dimora degli olivi. Dal VI secolo a.C. in poi lolivo si espande in tutte le citt mediterranee arrivando a Tripoli, Tunisi e nellisola di Sicilia. Da qui si divulg in tutta lItalia meridionale. Presto sostiene che lolivo esistesse tre secoli prima della caduta di Troia (1200 a.C.). Un altro analista romano, Penestrello, difende la via tradizionale che il primo olivo fu portato in Italia durante il regno di Lucio Tarquinio Prisco il Vecchio (616 578 a .C.) probabilmente da Tripoli o Gabes in Tunisia. La coltivazione, quindi si espanse da Sud a Nord, dalla Calabria alla Liguria. Quando i Romani arrivarono in Nord Africa, i Berberi seppero innestare lolivo selvatico e svilupparono la coltivazione in tutti i territori che occuparono. I Romani continuarono lespansione dellolivo alle citt che si affacciavano sul Mediterraneo usando ci come arma pacifica per calmare il popolo. Fu quindi introdotto a Marsiglia intorno al 600 a.C. e si espanse da l in tutta la Gallia. Lolivo fece la propria apparizione in Sardegna ai tempi dei Romani, mentre in Corsica fu portato dai Genovesi dopo la caduta dellImpero Romano. La coltura dellolivo in Spagna fu introdotto durante la dominazione marittima dei Fenici (1050 a.C.) ma non si svilupp fino allarrivo di Scipio (212 a.C.) e il dominio Romano (45 a.C.). Dopo la terza Guerra Punica lolivo arriv nellarea centrale e costiera mediterranea della Penisola Iberica compreso il Portogallo. Gli Arabi portarono le proprie variet al Sud della Spagna e influenzarono lincremento di coltivazione cos tanto che le parole spagnole di oliva (aceituna), olio (aceite), e olivastro (acebuche) e parole portoghesi oliva (azeitona), olio (azeita) hanno origini arabe. Con la scoperta dellAmerica (1492) la coltivazione dellolivo sconfin oltre il Mediterraneo.

Lolivicoltura in Italia oggi

A livello italiano, come si evince dalla tab. 1, la Puglia la regione che conquista il primo posto del podio con una produzione di 12.139.400 quintali e una superficie olivetata di 377.250 ha di cui 374.700 in produzione; segue la Calabria con 10.077.833 quintali di produzione, una superficie olivetata di 192.715 di cui 181.607 in produzione; lultimo posto sul podio spetta alla Sicilia con 3.341.878 quintali di produzione, 164.383 ha di superficie a oliveto e 160.586 ha di oliveto in produzione.

Regione

Produzione totale (q)

Superficie olivetata (Ha)

Superficie olivetata in produzione (Ha)

Puglia Calabria Sicilia Campania Lazio Abruzzo Toscana Sardegna Molise Basilicata Umbria Marche Liguria Veneto Emilia Romagna Lombardia Trentino Alto Adige Friuli Venezia Giulia Piemonte Valle d'Aosta

12139400 10077833 3361878 2405586 1716086 1294269 1174819 498888 449975 364225 327819 231802 180400 77865 69929 45364 10500 2274 824 0

377250 192715 164383 72177 88910 43973 96828 34910 20014 31351 27847 9901 15850 5026 3903 2422 395 113 100 0

374700 181607 160586 71571 86474 43424 92326 34493 19994 29005 27809 9647 14100 4575 2965 2328 390 93 31 0

ITALIA

34429736 1188068

1156118

Notizie Botaniche Lolivo coltivato (Olea europea) appartiene alla vasta famiglia delle oleacee che comprende 30 generi e 600 generi. Questa specie viene a sua volta suddivisa in due sottospecie: O. europea oleaster (oleastro): di taglia piccola, con rami provvisti di spine e frutti piccoli dotati di poca polpa; O. europea sativa (olivo coltivato).

Lolivo una pianta estremamente longeva, infatti pu raggiungere unet di alcune centinaia di anni. La lunghezza del ciclo biologico da imputarsi essenzialmente alla capacit che ha questa pianta di rigenerare completamente ed abbastanza facilmente sia la chioma che lapparato radicale una volta che questi siano stati danneggiati o distrutti. Caratteristica dellolivo, sia nelle giovani che in quelle adulte la formazione di iperplasie (ovoli, mamelloni) nella zona del colletto appena sotto la superficie del terreno. Queste formazioni neoplastiche, ricche di gemme avventizie e di iniziali radicanti si ingrossano abbastanza velocemente e sin dallinizio presentano una struttura anatomica irregolare. Le radici, per lo pi di tipo avventizio, si sostituiscono a quelle fittonanti gi a partire dal 34anno, sono superficiali e molto espanse anche in terreni rocciosi con andamento dapprima obbliquo e poi orizzontale. Lolivo una specie basitona per cui la chioma assume spontaneamente la forma conica. Il fusto la cui distinzione in pedale e tronco si rende evidente gi a partire dal 5 - 6 anno, nelle piante adulte si presenta cilindrico, contorto e ricco di gibbosit, di colore grigio chiaro percorso longitudinalmente da vistose costolature derivanti dalla non uniforme attivit del cambio. Lolivo una pianta sempreverde, la cui attivit vegetativa pressoch continua, con una attenuazione nel periodo invernale. La fogliazione avviene dalla primavera allautunno; le foglie persistono sulla pianta fino a tre anni. Le foglie sono coriacee, semplici intere, lanceolate con picciolo corto e lembo leggermente ricurvo verso il basso; la pagina inferiore di colore pi chiaro e ricoperta di peli stellati pluricellulari. Il frutto una drupa ovoidale del peso di 2-3 grammi nelle cultivar da olio. Il colore varia dal verde al violaceo fino al nero. A differenza di altri frutti loliva accumula lolio nella polpa anzich nel seme. Lolio contenuto nelle cellule della polpa in parte sotto forma di grosse gocce protette da una membrana lipoproteica (olio detto libero o vacuolare pari a circa il 70% dellolio totale) in parte in forma di minuscole goccioline disperse tra i costituenti colloidali del citoplasma (olio legato o citoplasmatico).

Notizie pedoclimatiche Lolivo una pianta che predilige i climi temperato-caldo con inverni miti senza eccessivi e duraturi abbassamenti di temperatura, precipitazioni non abbondanti ed umidit moderata. Il fabbisogno termico dellolivo il seguente: Crescente a partire dalla fase di mignolatura (10C) fino allallegagione (20C); Decrescente 15C dallinvaiatura alla maturazione; Dalla maturazione alla raccolta si richiedono almeno 5C Per la fioritura si richiedono almeno 15C.

Le temperature eccessive se non sono accompagnate da carenze idriche non nuocciono alla pianta. La resistenza alla siccit notevole, infatti la pianta cresce bene ancon con meno di 400 mm annui

di precipitazione ma per produrre abbisogna di almeno 130 mm di pioggia da febbraio ad aprile (con una temperatura di 10C) e 50 70 mm in luglio agosto. I freddi invernali possono danneggiare lolivo gi a temperature di -7, -8 C. I limiti geografici dellolivicoltura sono determinati dalla scarsa resistenza dellolivo al freddo ed alla eccessiva siccit. Per quel che riguarda il terreno lolivo una pianta notoriamente poco esigente e con larga adattabilit. Rifugge per da sia i terreni troppo umidi e pesanti che quelli troppo siccitosi. In genere prospera bene nei terreni con molto scheletro e rocciosi purch fessurati.

Cultivar Le cultivar di olivo sono molto numerose: ne sono state individuate oltre 2600 nel mondo di cui circa 500 coltivate in Italia. Il formarsi di questo rilevante patrimonio varietale stato favorito dalla facilit di propagazione dellolivo tramite ovuli, polloni pedali e talee. Le cultivar di olivo possono essere classificate nei seguenti modi: 1. Secondo lutilizzazione suddivise in cv da olio, da mensa e a duplice attitudine 2. In alla fertilit in auto sterili (la maggior parte) in autofertili e parzialmente autofertili 3. In base alla produttivit in buona, media e scarsa 4. Secondo la resa in olio: alta, media e bassa. Fra le cultivar da olio troviamo la Biancolilla, Bosana, Coratina, Dritta, Frantoio Leccino, Ogliarola barese e altre di minore importanza. Mentre tra le cultivar da tavola troviamo lAscolana tenera, la SantAgostino, Oliva di Cerignola, Majatica, ecc. Le cv a duplice attitudine sono normalmente impiegate come olive da olio ma spesso sono utilizzate per la grossezza e la qualit del frutto come olive verdi o nere da tavola.

Fasi di produzione dellolio Le fasi di produzione dellolio possono essere riassunte come segue: 1. 2. 3. 4. 5. Raccolta olive Trasporto olive Ricezione materia prima al frantoio Stoccaggio materia prima Lavorazione materia prima: 5.a Defogliazione materia prima 5.b Lavaggio materia prima 5.c Frangitura materia prima 5.d Gramolatura 5.e Estrazione 5.f chiarificazione dellolio mosto imbottigliamento prodotto finito stoccaggio prodotto finito vendita prodotto finito alle GDO vendita al consumatore finale.

6. 7. 8. 9.

Raccolta olive La qualit dellolio fortemente influenzata dal grado di maturazione delle olive. Per una stessa cv nel corso della maturazione si possono osservare differenze compositive di gran lunga superiori a quelle osservabili confrontando oli ottenuti da due diverse variet raccolte allo stesso stadio di maturazione. La precocit di maturazione un carattere varietale, pertanto alcune cv portano a maturazione le olive prima delle altre. Generalmente la raccolta inizia in corrispondenza dellapertura dei frantoi che spesso stabilita da usanze locali e non sempre coincide con la stadio di maturazione ottimale. La raccolta dovrebbe iniziare quando le olive incominciano ad invaiare (cambiare colore). Infatti in questo stadio la raccolta oltre a garantire la massima quantit di olio per pianta consente lottenimento di un prodotto di elevata qualit grazie alla presenza, in quantit ottimale, di tutte le componenti che concorrono alla migliore conservabilit dellolio (sostanze fenoliche) e alla sua caratterizzazione organolettica. Un fattore critico per la qualit delle olive la loro integrit. Uno dei parassiti pi dannosi sicuramente la mosca olearia (Bactrocera oleae) che soprattutto ad altitudini inferiori ai 400 m slm pu provocare seri danni al frutto. La resistenza alla mosca olearia condizionata anche dal fattore varietale . Per il controllo dellinfestazione gli oliveti dovrebbero essere provvisti di trappole con registrazione in documenti della loro distribuzione e relativa ispezione. Programmi di lotta biologica dovrebbero essere ugualmente documentati in appositi registri. Negli ultimi anni sono stati affrontati studi di laboratorio e di pieno campo riguardanti la possibilit di controllo dellinsetto mediante luso di prodotti ad attivit antibatterica tra i quali stato sperimentato con un certo successo luso dei prodotti rameici. Per ottenere lolio di elevata qualit le olive vanno raccolte direttamente dallalbero per distacco forzato. Durante la raccolta poi opportuno prendere tutte le precauzioni necessarie per evitare la rottura del frutto o la contaminazione dello stesso con il terreno. La raccolta pu essere effettuata sia a mano che con mezzi meccanici facendo cadere le olive su reti poste sotto la chioma. Al giorno doggi lolivicoltura da reddito richiede limpiego di mezzi

meccanici per la raccolta che ne riduce i costi unitari che per lolivicoltura tradizionale rapresentano dal 40 al 60% dellintero costo di produzione. La difficolt di reperimento della manodopera e il suo costo elevato hanno accelerato lintroduzione di macchine raccoglitrici anche in quegli impianti olivicoli nei quali non vi erano i presupposti per un loro funzionamento con conseguente riduzione dei rendimenti operativi del 20 25% delle potenzialit lavorative richiedento cos pi passaggi per pianta per raccogliere il 60 65% delle olive. Trasporto e ricezione olive Durante il trasporto delle olive in frantoio e nelle fasi di carico e scarico i danni meccanici alle olive devono essere minimizzati onde prevenire fermentazioni e sviluppo di muffe, danni ossidativi e idrolitici. Sin dalla raccolta consigliabile adottare luso di cassette o cassoni areati. Infatti, evitando lo schiacciamento delle olive e il danneggiamento della struttura delle gocce olio allinterno delle celliule della polpa si prevengono i fenomeni che provocano lo scadimento qualitativo dellolio prodotto. Stoccaggio olive Lo stoccaggio delle olive al frantoio pu essere effettuato nelle stesse cassette basse utilizzate per il conferimento oppure possono essere adoperati cassoni di plastica di maggiori dimensioni (200-300 kg) sovrapponibili che rappresentano la soluzione migliore per la movimentazione e lo stoccaggio per breve periodo. Le olive, comunque, devono essere stoccate in locali freschi ben areati, al riparo dallacqua, dal vento da rischi di gelate e lontano da fonti di odori sgradevoli. La temperatura dellambiente di stoccaggio non dovrebbe mai superare i 25C e lumidita relativa deve essere sempre al di sotto del 75%. Defogliazione Foglie e rametti che sono normalmente raccolti insieme alle olive dovrebbero essere gi parzialmente rimossi in campo prima del conferimento alloleificio. In definitiva il peso di tale materiale non dovrebbe eccedere l1% del totale della raccolta. La lacerazione spinta delle foglie pu conferire allolio sapore aspro amaro e una eccessiva colorazione verde causata dalla solubilizzazione nellolio della clorofilla. In questo caso una defogliazione efficace consente di migliorare sensibilmente il prodotto. Piccole quantit di foglie fresche, comunque meno dell1% possono essere tollerate ed eventualmente contribuire a migliorare il carattere fruttato di oli ottenuti da olive sovra mature. Lavaggio Il lavaggio fondamentale per migliorare la qualit dellolio soprattutto nel caso di olive non perfettamente sane o schiacciate consentendo leliminazione delle parti degradate con possibile conseguente riduzione di alcune note organolettiche difettose. comunque fondamentale per eliminare sentori di sporco-terra in olive con tracce di terreno.

Frangitura una fase molto importante ai fini della qualit del prodotto in quanto le modalit di preparazione della pasta influenzano sia la resa di estrazione che la qualit dellolio prodotto. A tale scopo vengono utilizzate le tradizionali molazze e diversi tipi di frangitori meccanici. Le molazze operano una lenta e regolare frangitura senza nessun incremento significativo della temperatura della pasta. consigliabile adattare la durata di tale operazione alle caratteristiche delloliva in modo da raggiungere una buona frantumazione del nocciolo e della polpa senza prolungare eccessivamente loperazione. Una eccessiva frantumazione del nocciolo ne impedisce la naturale azione drenante nel corso della successiva estrazione e, provocando lemulsione dellolio pu ridurre la resa di estrazione. difficile per contro ottenere buone rese con un nocciolo di pezzatura grossolana e con polpa non ben disgregata. I frangitori a martelli operano a diverso numero di giri e con diverse modalit (a griglia fissa, controrotante, corotante). In generale i frangitori a martelli possono aumentare drasticamente il rilascio di clorofilla e di fenoli amari nellolio, Ci dovuto alla lacerazione spinta dei tessuti delloliva ed al riscaldamento della pasta dovuto allurto con i martelli in rotazione ad un elevato numero di giri al minuto (2000 2900). I frangitori a dischi permettono di ottenere oli piuttosto simili a quelli ottenuti con i frangitori a martelli operanti a basso numero di giri. Gramolazione Durante questa fase la pasta di olive viene tenuta in lenta agitazione per disemulsionare lolio e facilitarne laggregazione in gocce di dimensioni tali da consentire la successiva separazione per centrifugazione. La permanenza della pasta di olive nella gramola ad una temperatura che solitamente varia tra i 20C e i 35C induce complesse reazioni enzimatiche e di fermentazione che possono influire sul profilo compositivo e sensoriale dellolio. Tempo e temperatura rappresentano dei parametri da regolare attentamente ai fini della qualit dellolio. La temperatura dellacqua nellintercapedine esterna delle macchine di gramolazione non dovrebbe superare i 35 40 C: temperature superiori possono determinare ossidazione dellolio e insorgenza dei difetti di cotto, rancidoe metallico. Il tempo di gramolazione andrebbe ugualmente minimizzato definendolo in base alla variet allo stadio di maturazione delle olive oltre che dal sistema di frangitura impiegato. Per olive mature sono sufficienti anche tempi dellordine di 15 20 minuti. Estrazione Le tecnologie attualmente disponibili offrono un ampio ventaglio di impianti, sistemi e varianti per loperazione di separazione dellolio dalla pasta di olive. I sistemi pi diffusi sono quello della pressione, del percolamento e della centrifugazione. opportuno sottolineare che i diversi sistemi correttamente utilizzati, quando le olive sono di buona qualit, non determinano differenze nei parametri qualitativi chimico-fisici tali da determinarne una diversa classificazione merceologica che come illustrato in precedenza dipende principalmente dalla qualit delle olive. Sistema per pressione Lottenimento di olio classificabile come extravergine mediante il sistema tradizionale necessita di unattenta gestione della trasformazione volta a prevenire fermentazioni della pasta o dellolio mosto. Solo se gestito con la massima igiene ed attenzione il sistema per pressione consente di ottenere oli senza difetti e con un elevato contenuto in polifenoli.

Sistema per percolamento Con questo sistema si possono ottenere oli di grande pregio aromatico in quanto lolio viene separato per filtrazione selettiva eseguita completamente a freddo e senza aggiunta di acqua di processo. Il processo, tuttavia, non esaustivo e la pasta parzialmente disoleata viene successivamente estratta per centrifugazione. Sistema per centrifugazione In questo sistema al vantaggio dellalta capacit lavorativa oraria si associa lo svantaggio dovuto alleffetto della fluidificazione della pasta; infatti laggiunta di acqua causa una sensibile perdita di sostanze fenoliche nelle acque di vegetazione ed in particolare dei componenti a maggiore attivit antiossidante (polifenoli). Chiarificazione dellolio mosto Loperazione finale di chiarificazione del mosto oleoso (separazione centrifuga dellolio dallacqua) viene effettuata con le centrifughe ad asse verticale dette comunemente separatori.

Legislazione sullolio La normativa pi importante per quanto riguarda il settore olivicolo il Reg. CE 1531/2001 del 23 luglio 2001 che ridefinisce le linee guida per la classificazione degli oli: Olio extravergine di oliva la cui acidit libera, espressa in acido oleico, al massimo di 0,8 g per 100 g (acidit libera max 0,8%); Olio di oliva vergine, la cui acidit libera, espressa in acido oleico al massimo di 2 g per 100 g (acidit libera max 2%) Olio di oliva vergine lampante, la cui acidit libera, espressa in acido oleico e superiore a 2 g per 100 g (acidit libera > 2%)

Ovviamente sottinteso che comunque devono essere soddisfatti anche le altre caratteristiche previste per queste categorie e cio che un olio di oliva vergine si definisce tale solo ed esclusivamente se ottenuto dal frutto dellolivo mediante procedimenti meccanici o altri processi fisici, in condizioni che non causano alterazioni dellolio e che non hanno subito alcun trattamento diverso dal lavaggio, decantazione, centrifugazione e dalla filtrazione, esclusi gli oli che sono ottenuti mediante solventi o con coadiuvanti ad azione chimica o biochimicao con processi di riesterificazione e qualsiasi miscela con oli di altra natura. Le altre tipologie di oli sono: 1. Olio di oliva raffinato: olio di oliva ottenuto dalla raffinazione di olio di oliva vergine con un tenore di acidit libera, espresso in acido oleico, non superiore a 0,3 g per 100g 2. Olio di sansa di oliva greggio: olio ottenuto dalla sansa delle olive mediante trattamento con solventi. 3. Olio di oliva: olio ottenuto dal taglio di olio di oliva vergine diverso dallolio lampante e olio di oliva raffinato, con un tenore di acidit libera, espresso in acido oleico non superiore a 1g per 100g 4. Olio di sansa di oliva raffinato: olio ottenuto dalla raffinazione di olio di sansa di oliva greggio , con un tenore di acidit libera, espresso in acido oleico, non superiore a 0,3 g per 100g 5. Olio di sansa di oliva: olio ottenuto dal taglio di olio di sansa di oliva raffinato e di olio di oliva vergine diverso dallolio lampante, con un tenore di acidit libera, espresso in acido oleico non superiore a 1g per 100g.

Un'altra legge molto importante ma che non riguarda solo il settore olivicolo il regolamento CE n 834/2007 che disciplina lagricoltura biologica. Con la definizione agricoltura biologica si identifica quel sistema di produzione agricolo che, da un lato, punta ad offrire al consumatore prodotti freschi, genuini e privi di sostanze chimiche; dallaltro cerca di ridurre il pi possibile limpatto ambientale dellattivit agricola, facendo in modo che in ogni parte di azienda venga utilizzato nel rispetto dei suoi cicli naturali e quindi in modo eco-sostenibile. Oltre alla terra, lagricoltura biologica riserva naturalmente una grande attenzione anche al rispetto degli animali, dellaria e dellacqua.

Lolio extravergine di oliva e la salute umana Lolio extravergine di oliva ad alto contenuto di polifenoli pu contribuire a ridurre il rischio cardiovascolare. giunto a questa conclusione lo studio Eurolive finalizzato a valutare gli effetti di dosi giornaliere standard di olio di oliva, con differenti dosaggi di polifenoli, sul danno ossidativo a carico dei lipidi del sangue. Si trattato di un progetto di estremo rigore scientifico condotto da un gruppo di ricercatori di Spagna, Danimarca, Finlandia, Grecia, Germania e Italia sotto la regia di Maria Isabel Covas dellIstitut municipal dinvestigacio medica di Barcellona e finanziato dai fondi del V programma dellUnione Europea. Il protocollo della ricerca stato messo a punto verso la fine degli anni 1990 sulla base di tre esigenze: quella di pervenire a risultati univoci, di validit scientifica, sugli effetti dellolio di oliva e sul potenziale della dieta mediterranea; il forte interesse ad approfondire gli aspetti antiossidanti dellolio di oliva e i relativi meccanismi di azione e la curiosit di verificare se una corretta alimentazione procura realmente benefici quantificabili e riproducibili , ha spiegato cos il direttore del Centro per lo studio dellaterosclerosi e delle malattie Descovich dellUniversit di Bologna, il dottor Antonio Vittorini Gaddi Ci sono voluti tre anni per definire il protocollo di ricerca, cinque anni per effettuare lo studio e altrettanti per analizzare i dati, pubblicare i risultati e inviare tutta la documentazione alla Commissione europea. Una lunga attesa premiata da diverse riviste scientifiche e dallEFSA (lAutorit per la sicurezza alimentare . A detta del panel dellEFSA esiste una relazione causa-effetto tra il consumo di polifenoli e dellolio extravergine di oliva e la protezione delle LDL dal danno ossidativo. Affinch possa essere rivendicato tale effetto devono essere consumati tutti i giorni 5 mg di idrossitirosolo e i suoi derivati (misura chimica dei polifenoli) corrispondenti ad una dose media giornaliera di 25 ml di olio di oliva facilmente inseribili nel contesto di una dieta bilanciata. LEFSA precisa che non tutti gli oli riescono a garantire lapporto di polifenoli inserendosi in una dieta bilanciata: ma certamente pi chiaro per il consumatore raccomandare il consumo esclusivo di oli extravergini di oliva di provenienza sicura perch sono quelli che grazie allelevato contenuto di polifenoli, attraverso lassunzione giornaliera di 25 ml assicurano la protezione nei confronti dello stress ossidativo. Ovviamente ai fini di una corretta prevenzione del rischio cardiovascolare lassunzione regolare dei 25 ml di olio extravergine di oliva va associata ad un corretto stile di vita che preveda la cessazione del fumo, unattivit aerobica regolare e una alimentazione ricca di frutta e verdura nonch povera di zuccheri e grassi animali. Altri studi hanno anche dimostrato che i polifenoli e la vitamina E presenti nellolio extravergine di oliva, grazie alla loro azione antiossidante contribuisce a rallentare linvecchiamento delle cellule. Altri studi, hanno correlato il consumo di olio extravergine di oliva a una riduzione di alcuni tumori come per esempio quello al seno.

Conclusioni Quanto esposto essenziale per far intendere a chi di questa pianta ne ha sentito solo parlare senza conoscerne a fondo le sue peculiari benefiche sotto tutti gli aspetti sia del frutto in se che del verde stesso della pianta. Molto usato invero da noi un infuso di foglie di olivo per chi soffre di ipertensione arteriosa resistente ai normali farmaci della farmacopea ufficiale; la drupa dellolivo poi utilizzabile a seconda della cv sotto esame ai pi svariati usi gastronomici; per quelle utilizzate per la molitura sono da esaminare anche diverse cv che a loro volta generano un olio dalle caratteristiche organolettiche diverse le une dalle altre. Qualcuno potrebbe osservare che anche lolio di oliva un grasso e come tale nelle sue fasi di metabolizzazione dovrebbe dare origine agli stessi prodotti metabolici. Questa a prima vista sembrerebbe corrispondente al vero, ma prove estremamente accurate di laboratorio hanno dimostrato il contrario in quanto i vari componenti dellolio di oliva, quello per intendersi ricavato adottando le regole essenziali prescritte come regole irrinunciabili per ottenere un olio extravergine di oliva degno di questo nome, hanno evidenziato che il procedimento di assimilazione di questo particolare olio genera esclusivamente effetti benefici a livello cellulare. A differenza degli altri oli comunque ricavati o denominati, lolio extravergine di oliva ha in se delle caratteristiche tali che il suo apporto per lorganismo umano ha degli effetti esclusivamente benefici. Possiamo constatare questo con lormai evidente ( infatti sotto gli occhi di tutti) lallungamento in questo breve periodo (circa un trentennio) della vita media dei cittadini italiani specialmente in quanto si sono finalmente convinti ad abbandonare i grassi di derivazione animale e optare per quelli vegetali con particolare riguardo a quello extravergine di oliva ricavato esclusivamente adottando particolari tecniche e tempi. Molti oli di oliva extravergini presentano al palato una caratteristica piccantezza questa una caratteristica salutare se non la pi salutare che bisognerebbe pretendere da ogni extravergine degno di questo nome. I colpevoli di questa piccantezza sono i cosiddetti polifenoli di cui sopra abbiamo accennato qualcosa che hanno il pregio per chi li assume di riduzione di elementi ossidativi cellulari e per alcuni governanti, invece, una colpa in quanto vede allungarsi la vita media del suo popolo e quindi un aggravio di spese per lo Stato che deve pagare le pensioni per un maggior periodo di tempo ai suoi cittadini. Forse avete sentito quello che sta succedendo in Italia che il Governo ha allungato di quasi un quinquennio let utile per ottenere la pensione in maniera da tamponare allaggravio di spesa verificatosi per colpa in maniera determinante dalla dieta mediterranea che in poco tempo ha allungato la vita media degli italiani. Per questo suggerisco a voi di approfittare del fatto che i vostri politici non hanno ancora deciso di prendere decisioni simili a quelle italiane e quindi prenderli in contropiede convertendosi alla cosiddetta dieta mediterranea con un uso accorto e razionale dellolio extravergine di oliva. Per chi non lo sappia,dai testi degli storici latini si legge anche che gli antichi Daci erano favorevolmente influenzati da questo liquor derivato dallalbero ascro ad Atena tanto da barattare le armi di cui i Daci erano abili costruttori con anfore di olio di oliva. Quindi ci che io vi ho oggi esposto non dovrebbe essere per la maggior parte dei presenti un fatto nuovo ma solo un maggiore peso conoscitivo a quello che sono le caratteristiche organolettiche di un prodotto estremamente salutare. Non voglio pi dilungarmi in quanto in linee essenziali stato tratteggiato in maniera pi o meno esauriente la bont di un io lo chiamerei farmaco che la natura ci ha generosamente regalato. Ringrazio tutti i presenti per avermi ascoltato, un riconoscimento particolare va invece rivolto allamico Professor Garciu Tanase che, ammalato di altruismo acuto, essendo vissuto per vari anni in Italia si reso personalmente conto della bont di quanto esposto tanto da obbligarmi quasi a portare alla vostra conoscenza quanto innanzi esposto cosa che francamente io ho accettato di buon grado essendo un cultore di questa materia; di nuovo grazie e sono a disposizione per eventuali domande chiarificatrici.

Note istorice De origine de msline este pierdut n timp, care coincide si se amesteca cu extinderea civilizaiei mediteraneene, care de secole a afectat soarta a umanitatii. Fosile de masline frunze au fost gsite n depozite pliocene n Mongardino n Italia. Rmiele fosile au fost descoperite n straturi ale paleoliticului superior din Africa de Nord. Chiar i n Spania au fost gsite fosile de mslin slbatic din epoca bronzului. Deci, n principiu, de origine de msline poate fi urmrit napoi la nainte de a dousprezecea mileniu .Hr. . Mslin slbatic originar din Asia Mic, unde este abundent i crete n pduri dese. Se pare c s-au extins de la Siria n Grecia prin Anatolia, dei alte ipoteze nu cred c a Egiptului inferior, Nubia, Etiopia i unele zone ale Europei ca o zon de origine. Caruso este motivul pentru care el a crezut c a fost de msline originar din bazinul mediteranean i consider c ntreaga Asia Mic, ca loc de origine a cultivat pn la ase milenii n urm. Asirienii si babilonienii au fost singura civilizatie veche, care nu au familiarizat cu msline. n secolul al XVI-BC fenicienii au nceput s cultive mslin n toate insulele greceti i apoi, ntre BC patrusprezecea i dousprezecea secole continentul grec n cazul n care cultivarea i dezvoltarea ctigat importan n secolul IV .Hr. atunci cnd Solon a emis directive privind plantarea de mslini. Prin secolul al aselea BC ncepnd, maslinul creste in toate orasele mediteraneene ajung Tripoli, Tunis si insula Sicilia. De aici, a artat, n toate din sudul Italiei. Presto susine c mslinul a existat trei secole nainte de cderea Troiei (1200 .Hr.). Un alt analist Roman Penestrello, apr n mod tradiional ca primul copac de msline a fost adus in Italia in timpul domniei lui Lucius Tarquinius Priscus Probabil Btrn (616 - 578 .Hr.). De la Tripoli sau Gabes n Tunisia. Cultivare, astfel nct sa extins de la sud la nord, din Calabria n Liguria. Cnd romanii au ajuns n Africa de Nord, berberii au fost capabili sa dezvoltat i altoite cultivarea slbatic de msline, n toate teritoriile ocupate ei. Romanii au continuat expansiunea de msline n oraul n care a trecut cu vederea Mrii Mediterane folosind-o ca pe o arm panic pentru a calma oamenii. A fost introdus apoi n Marsilia n jurul valorii de 600 .Hr. extins i de acolo n toat Galia. Mslinul a fcut apariia n Sardinia, n vremea romanilor, n timp ce n Corsica a fost adus de genovezi dup cderea Imperiului Roman. Maslinul a fost introdus n Spania, n timpul dominaiei maritime a fenicienilor (1050 .Hr.), dar nu au dezvoltat pn la sosirea de Scipio (212 .Hr.) i dominaia roman (45 .Hr.). Dupa razboi punic a treia, i mslinul a ajuns n coasta mediteranean central a Peninsulei Iberice, inclusiv Portugalia. Arabii au adus soiurile lor, n partea de sud a Spaniei i a influenat creterea de cultivare att de mult nct cuvintele spaniole de msline ("aceituna"), ulei ("aceite"), i salcie ("Acebuche") i portughez cuvinte ulei de msline ( "azeitona"), ulei ("azeita") au origini arabe. Cu descoperirea Americii (1492), mslini descoperit de cont dincolo de Marea Mediteran.

De msline, n cretere n Italia de astzi La nivel italian, aa cum este evident din tabelul. 1, Puglia este regiunea care a avut primul loc pe podium, cu o productie de 12,139,400 tone i o suprafa de msline de 377250 ha, din care 374700 n producie, urmat de Calabria, cu 10,077,833 de tone de producie, suprafa de msline de 192715 din care 181607 n producie, ultimul loc pe podium s Sicilia, cu 3,341,878 de tone de producie, 164383 ha de 160,586 ha de plantaii de mslini i de mslini n producie.

Regione

Produzione totale (q)

Superficie olivetata (Ha)

Superficie olivetata in produzione (Ha)

Puglia Calabria Sicilia Campania Lazio Abruzzo Toscana Sardegna Molise Basilicata Umbria Marche Liguria Veneto Emilia Romagna Lombardia Trentino Alto Adige Friuli Venezia Giulia Piemonte Valle d'Aosta

12139400 10077833 3361878 2405586 1716086 1294269 1174819 498888 449975 364225 327819 231802 180400 77865 69929 45364 10500 2274 824 0

377250 192715 164383 72177 88910 43973 96828 34910 20014 31351 27847 9901 15850 5026 3903 2422 395 113 100 0

374700 181607 160586 71571 86474 43424 92326 34493 19994 29005 27809 9647 14100 4575 2965 2328 390 93 31 0

ITALIA
Tab.1.

34429736 1188068

1156118

Botanic Stiri Arbore cultivat de masline (Olea europea), apartine familiei majoritate a plantelor productoare de petrol care cuprinde 30 de genuri si 600 de genuri. Aceast specie este, la rndul su mprit n dou subspecii: - O. European de mslin slbatic (slbatic de msline): de dimensiuni mici, cu ramuri cu spini i fructe mici, cu past de mici; - O. Sativa european (arbore cultivat de msline). Copac de msline este un foarte lung durat, se poate ajunge la o varsta de cateva sute de ani. Durata ciclului biologic a fost datorat n primul rnd de capacitatea de aceasta planta are pe deplin i destul de uor pentru a regenera parul este c sistemul de rdcin dup ce au fost deteriorate sau distruse. Caracteristica de msline, este n tineri dect la aduli este formarea de hyperplasias (ovule, mamelloni), n zona de guler chiar sub suprafaa solului. Aceste boli maligne, pline de muguri accidental i rapide nrdcinare hula iniial suficient i de la nceput au o anatomie neregulat. Rdcinile, pentru tipul cel mai obinuit, le nlocuiasc pe cele fittonanti devreme de 3 ani III-lea 4, sunt i foarte superficial teren stancos, de asemenea, extins, cu primul curs de oblic i apoi pe orizontal. Maslinul este o specie pentru care basitona coroana presupune n mod spontan o form conic. Pedala toba i a crei distincie n portbagaj devine evident nc din data de 5 - 6 Anul lea, n plante adulte prezinta cilindric, rsucit i plin de cocoae, calea de gri longitudinal cu nervuri ostentative care decurg din activitatea de neuniform schimba. Copac de masline este o planta vesnic verde, care este activitatea de aproape continuu vegetativ, cu o atenuare n timpul iernii. Foliere este de primvara pn toamna, frunzele persist pe plant pn la trei ani. Frunzele sunt tare, simplu, intreaga, lanceolate, cu o tulpin scurt i clapeta de uor curbate n jos, partea inferioara este mai deschis la culoare i acoperite cu fire de pr multicelulare nstelat. Fructul este o drup oval, cu o greutate de 2-3 grame din soiuri de ulei. Culoarea variaza de la verde la violet la negru. Spre deosebire de alte fructe ale uleiului de msline n loc de past se acumuleaz n seminele. De ulei este coninut n celulele de pulp n parte, n form de picturi mari protejate de o membran lipoproteine (numit de ulei gratuit sau vacuolar egal cu aproximativ 70% din totalul de ulei), n parte, n form de picturi mici dispersate ntre elementele constitutive de coloidale citoplasma (legat de ulei sau citoplasmatic).

Stiri climatice Maslinul este o planta care prefera sa temperat climat cald, cu ierni blnde i de lung durat cu nici picaturi excesive de temperatur, precipitaii i umiditate moderat, nu este abundent. Cerinele de nclzire de msline este, dup cum urmeaz: - Crescator de la stadiul de mignolatura (10 C) pn la all'allegagione (20 C); - 15 C Descrescator maturizare dall'invaiatura; - Din maturitatea la recoltare va fi nevoie de cel puin 5 C - Pentru nflorire, care necesit cel puin 15 C. Temperaturile excesive excepia cazului n care sunt nsoite de lipsa de ap, nu duneaz plantei. Rezistena la secet este semnificativ, deoarece planta crete bine Ancon cu mai puin de 400 mm

precipitaii anuale, dar trebuie s produc cel puin 130 mm de ploaie din februarie pn n aprilie (cu o temperatur de 10 C) i 50-70 mm n iulie-august. Rece de iarna se poate deteriora de msline, la temperaturi de -7 , -8 C. Limitele sunt determinate de rezistena sczut de ulei de masline pentru a msline la frig excesiv i de secet. n ceea ce privete terenul, mslinul este o plant cu notorietate exigent i adaptabilitate larg. Dar scap att din terenul este prea umed i cele grele prea secet. De obicei, prosper i n soluri cu schelet foarte stancos si fisuri lungi.

Cultivar Soiurile de msline sunt foarte numeroase: acestea au fost identificate peste 2600 de toat lumea din care aproximativ 500 cultivate n Italia. Formarea acestui soi de important patrimoniu a fost favorizat de uurina de raspandire prin ou de mslini, lstari i pedale butai. Soiurile de msline pot fi clasificate n urmtoarele moduri: 1. mprite n funcie de utilizarea de ulei de la HP, scopul vesel i dublu 2. n fertilitii n sine steril (mai ales), n auto-fertil i, parial, de auto-fertile 3. n funcie de productivitate n bine, mediu i sraci 4. Potrivit randament de ulei: mare, medie i joas. Printre soiurile de ulei sunt Biancolilla, Bosana, Coratina, drept, Frantoio Leccino, Ogliarola Bari i altele de mai mic importan. n timp ce printre soiuri de mas Ascolana gsim oferta, Sf. Augustin, de msline din Cerignola, Majatica, etc. Scopul dublu HP sunt utilizate n mod normal ca uleiul de masline, dar sunt adesea utilizate pentru grosimea i calitatea fructelor ca verde de msline de mas sau negru.

Etapele de producia de petrol Fazele de producie de ulei pot fi rezumate dup cum urmeaz: 1. Recoltarea de msline 2. Transport msline 3. Primirea de materii prime pentru concasor 4. Materie prim de depozitare 5. Procesarea materiilor prime: 5.a Defolierea intermediari de sintez 5.b uscate materii prime 5.c. concasare de materii prime Frmntare 5.d Extracia 5.e 5.f clarificare ulei mash 6. mbutelierea produsului finit 7. produs finit de depozitare 8. vnzarea de produse de HG lor 9. etapa de vnzare cu amnuntul. Recoltarea de msline Calitatea uleiului de msline este puternic influenat de gradul de maturitate al mslinelor. Pentru HP acelai n timpul maturrii poate fi observat diferene n materie de compoziie mult mai mari dect cele observate prin compararea uleiuri obinute din dou soiuri diferite, colectate de la acelai stadiu de maturizare. Acesta este un soi timpuriu caracter de maturare, astfel nct unii coapte msline plumb CV-ul nainte de cellalt. n general, colectarea ncepe la deschiderea de fabrici este deseori determinat de obiceiurile locale, i nu coincid ntotdeauna cu nivel optim de coacere. Recolta ar trebui s nceap atunci cnd ncep s invaiare mslinelor (pentru modificarea culorii). De fapt, n aceast etap de colectare i pentru a asigura cantitatea maxim de ulei de pe plant permite pentru a obine un produs de graie de nalt calitate pentru a prezenta, n valoare optima, a tuturor componentelor care contribuie la pstrarea mai bun a uleiului (substane fenolice) i caracterizarea sale organoleptice. Un factor critic pentru calitatea de msline este integritatea lor. Una dintre cele mai daunatoare duntorilor este de departe mutei mslinului (Bactrocera oleae), c, n special la altitudini mai mici de 400 m deasupra nivelului mrii poate provoca leziuni grave la fructe. Rezistenta pentru a acoperi de ulei este, de asemenea, afectat de factorul soiului. Pentru a controla infestarea de msline trebuie s fie echipate cu documentele de nmatriculare capcane cu privire la distribuia lor i de inspecie. Programele de control biologic trebuie s fie, de asemenea, documentate n registrele corespunztoare. n ultimii ani, au fost abordate n studii de laborator i de teren pe deplin cu privire la posibilitatea de control a insectelor prin utilizarea de produse cu activitate antibacteriana, printre care a fost experimentat cu un oarecare succes, utilizarea de produse pe baz de cupru. Pentru a obine ulei de calitate nalt, mslinele sunt recoltate direct de la forat la posta. n timpul de colectare este de asemenea necesar s se ia toate msurile de precauie necesare pentru a evita deteriorarea sau contaminare a fructelor din aceeai cu solul. De colectare poate fi efectuat fie manual, fie prin mijloace mecanice, prin cdere de msline pe

plasele plasate sub coroana. n zilele noastre de msline de venituri necesit utilizarea de mijloace mecanice pentru colectarea care reduce costurile unitare pentru reprezentarea de msline tradiional 40-60% din ntregul cost de producie. Dificultatea de a gsi for de munc i costul ridicat au accelerat introducerea de utilaje de exploatare, n cretere de msline n care aceste instalaii n care au fost condiiile de funcionare a acestora, care rezult n eficien de operare mai mici de 20 25% din potenialul de lucru, astfel richiedento mai muli pai pentru a colecta plante pentru 60 65% din msline. Primirea de expediere i msline n timpul transportului de msline n moar i n timpul ncrcrii i descrcrii deteriorarea mecanic a mslinelor trebuie s fie reduse la minimum pentru a preveni fermentare i de mucegai, daunele oxidative si stabilitate. Deoarece de colectare este recomandabil s se adopte utilizarea de cutii ventilate sau cutii. De fapt, evitnd zdrobirea de msline i de deteriorare a structurii de picaturi de ulei din pulpa celliule este de a preveni fenomenele care provoac declinul n calitatea de ulei produs. Camer de msline De depozitare a mslinelor de moara se poate face n cutii de aceleasi folosite pentru a reduce contribuia poate fi utilizat sau recipiente de plastic mai mari (200-300 de kg) suprapuse, reprezentnd cea mai bun soluie pentru manipularea i depozitarea pentru o perioad scurt de timp. De msline, cu toate acestea, trebuie s fie depozitate ntr-un domenii rcoros i bine aerisit, departe de ap, vnt de riscurile de nghe i la distan de surse de mirosuri neplacute. Temperatura de depozitare nu trebuie s depeasc 25 C i umiditatea relativ trebuie s fie meninut sub 75%.

Desfrunzire Frunze i ramuri, care sunt, de obicei, colectate de-a lungul cu msline ar trebui s fie parial scos n domeniu nainte de transferul la fabrica de ulei. Pe scurt, greutatea unui astfel de material nu trebuie s depeasc 1% din totalul de colectare. Ruperea de frunze poate da aroma uleiului condus tart i o culoare verde amar cauzate de excesul de ulei de solubilizare clorofil. n acest caz, o defoliere imbunatateste semnificativ eficienta produsului. Cantiti mici de frunze proaspete, cu toate acestea, mai puin de 1% poate fi tolerat si poate ajuta la mbuntirea caracterul de fructe de uleiuri obinute din msline coapte peste. Splat De splare este esenial pentru mbuntirea calitii uleiului n special n cazul de msline nu este perfect sanatos sau zdrobit permite eliminarea prilor deteriorate, cu o reducere n consecin posibil a notelor organoleptice anumite defecte. Cu toate acestea, este esenial pentru a elimina urmele de "dirt-teren", n msline, cu urme de sol.

Concasare Este o etap foarte important pentru calitatea produsului ca metoda de preparare a aluatului influen att randamentul de extracie n care calitatea de ulei produs. n acest scop, utilizeaz mainile tradiionale de amestecare i diverse tipuri de prese mecanice. Morile de strivire opereze un lent i regulat, fr nici o cretere semnificativ a temperaturii a aluatului. Este recomandabil s se adapteze durata acestei operaiuni a caracteristicilor de msline, n scopul de a obine un bun zdrobire de piatr i pulpa, fr a prelungi excesiv de operaie. O excesiv de strivire a pietrei naturale mpiedic scurgerea n timpul aciunii de extracie i ulterior, cauzand emulsie de ulei poate reduce randamentul de extracie. Este dificil de a obine randamente bune, n contrast cu un nucleu de pmnt aspru i carne nu sunt bine mprite. Cele concasoare ciocan funcioneaz la numr diferit de spire i n moduri diferite (o gril fix, contra, co-rotativ). n general, concasoare ciocan poate crete brusc de pres de ulei de clorofil i fenoli amar, Acest lucru se datoreaz la rupere mpingere a esuturilor de msline i de nclzire a pastei din cauza impactului cu ciocane n rotaie a unui numr mare rotaii pe minut (2000 - 2900). Discurile concasoare permite s obin mai degrab uleiuri similare cu cele obinute cu concasoare ciocan de operare la vitez redus. Frmntare n timpul acestei faze, pasta de msline este inut n agitare lente pentru disemulsionare de petrol i pentru a facilita agregarea lor n picturi de o dimensiune care s permit separarea ulterioar prin centrifugare. Permanena de past de msline n malaxor, la o temperatur care, de obicei, variaz ntre 20 C i 35 C, induce reactii complexe de enzime i de fermentare, care ar putea afecta profilul de compoziia i de ulei senzoriale. Timpul i temperatura sunt parametrii care trebuie ajustate cu atenie n scopul de calitate de ulei. Temperatura apei n cavitatea afara de maini de frmntare, nu trebuie s depeasc 35 - 40 C: la temperaturi ridicate poate duce la oxidarea uleiului i debutul a defectelor de "fierte", "rnced" i "metalic". Timp de frmntare ar trebui s fie la fel de reduse prin definirea, pe baza de soi la stadiul de maturare a mslinelor din sistem, precum i zdrobirea angajat. Pentru masline coapte sunt, de asemenea, ori suficiente pentru a 15 la 20 de minute. Extracie Tehnologiile disponibile n prezent ofer o gam larg de plante, sisteme i variaii pentru operarea de separare a uleiului din pasta de masline. Sistemele cele mai comune sunt sub presiune, leiere i centrifugare. Trebuie remarcat faptul c diferitele sisteme utilizate n mod corespunztor, atunci cnd mslinele sunt de bun calitate, nu are ca rezultat diferene n parametrii de calitate, cum ar fi fizico-chimica a stabili o clasificare a produselor diferit, care aa cum este descris mai sus, depinde de calitatea de msline. Sistem de presiune Obinerea clasificate ca uleiul de masline extra virgin, folosind sistemul tradiional necesit o gestionare atent a timpului de procesare pentru a preveni fermentare a aluatului sau de ulei trebuie. Numai n cazul operat cu igiena maxima si atentie la presiunea sistemului permite de a obine uleiuri, fr defecte i cu un coninut ridicat de polifenoli. Sistem de filtrare Cu acest sistem, este posibil s se obin uleiuri de mare valoare ca ulei aromatic este separat de

filtrare selectiv efectuate complet rece i fr adaos de apa de proces. Procesul, ns, nu este exhaustiv i aluatul parial deoiled este ulterior extras prin centrifugare. Sistem de centrifugare n acest sistem avantaj de mare capacitate pentru timpul de lucru este asociat cu dezavantajul ca urmare a efectului de fluidizarea a aluatului, pentru c adugarea de ap provoac o pierdere notabil a substanelor fenolice, n apele de vegetaie i n special a componentelor n activitate antioxidanta mai mare (polifenoli). Clarificarea de ulei trebuie s Ultimul pas n clarificarea gras trebuie s (separarea centrifugal de ulei din apa) se face cu separatoare centrifugale ax vertical-cunoscute.

Legislaia de petrol

Legislaia cea mai important n ceea ce privete sectorul de msline este Regulamentul CE 1531/2001 din 23 iulie 2001, care redefineste orientrile pentru clasificare a uleiurilor: - Extra virgin ulei de msline a crui aciditate liber, exprimat n acid oleic, de nu mai mult de 0,8 g la 100 g (0,8% aciditate liber maxim); - Ulei de msline virgin a crui aciditate liber, exprimat n acid oleic, nu mai mult de 2 g la 100 g (aciditate liber, max 2%) - Extra virgin de msline izbitoare, cu o aciditate liber, exprimat n acid oleic i mai mult de 2 grame la 100 de grame (acid liber> 2%) Desigur, se nelege c trebuie s fie ndeplinite celelalte condiii prevzute pentru aceste categorii i anume, c un ulei virgin de msline, care este definit exclusiv n cazul n care a obinut din fructe de msline prin mijloace mecanice sau alte procedee fizice, n condiii care nu produc schimbarea uleiului i nu au suferit nici un alt tratament dect splarea, decantarea, centrifugarea sau filtrarea, cu excluderea de uleiuri, care sunt obinute prin solveni sau adjuvani cu un produs chimic sau reesterificare biochimicao procese, precum i orice amestec cu uleiuri de alt natur . Celelalte tipuri de uleiuri sunt: 1. Ulei de msline rafinat: ulei de msline obinut prin rafinarea uleiului de msline virgin, cu un coninut de aciditate liber, exprimat n acid oleic, de maximum 0,3 grame per 100g 2. Din reziduuri de msline: ulei obinut din turte de msline prin tratarea cu solveni. 3. Ulei de msline: ulei obinut prin amestecul de ulei de msline virgin, altul dect uleiul de msline rafinat i kerosen, cu un coninut de aciditate liber, exprimat n acid oleic, nu mai mult de 1g pe 100g 4. De msline rafinat din turte de msline: ulei obinut prin rafinarea uleiului brut din turte de msline, cu un coninut de aciditate liber, exprimat n acid oleic, de maximum 0,3 grame per 100g 5. Din reziduuri de msline: ulei obinut prin amestecul de ulei rafinat de turte de msline i ulei de msline virgin, altul dect lampant, cu un coninut de aciditate liber, exprimat n acid oleic, nu mai mult de 1 g per 100g. Un alt drept foarte important, dar c nu se refer numai sectorul uleiului de msline este Regulamentul CE nr 834/2007 care reglementeaz agricultura ecologic. Cu definiia de "agricultura ecologic" este identificat faptul c sistemul de producie agricol, pe de o parte, i propune s ofere consumatorilor cu proaspete, sntoase i fr de produse chimice, altele ncearc s minimizeze impactul asupra mediului al " activitate agricol, astfel nct, n fiecare parte din exploataie este operat n ciclurile naturale i apoi la un mediu-durabil. n plus fa de pmnt, rezervele organice, desigur, o mare atenie la respectarea pentru animale, aer i ap.

Plus ulei de msline virgin i a sntii umane Suplimentar de ulei de msline virgin ridicat in polifenoli, pot ajuta la reducerea riscului cardiovascular. Acesta a ajuns la aceast concluzie EUROLIVE studiu vizeaz evaluarea efectelor de doze standard

de zi cu zi de ulei de msline, cu doze diferite de polifenoli asupra daunelor aduse oxidativ la lipidelor din sange. Acesta a fost un proiect de rigoare tiinific mare realizat de o echipa de cercetatori din Spania, Danemarca, Finlanda, Grecia, Germania i Italia, sub direcia de Maria Isabel Covas Istitut investigacio municipale medicale Barcelona i finanate din fonduri de la Programul de V al Uniunii Europene. "Protocol de cercetare a fost dezvoltat la sfarsitul anilor 1990 se bazeaz pe trei condiii: pentru a obine rezultate fr echivoc, valabilitatea tiinific, efectele de ulei de msline, precum i potenialul de dieta mediteranean, interes puternic pentru a investiga aspecte de ulei de msline i de antioxidanti mecanismele lor de aciune i de curiozitatea de a vedea dac o diet sntoas ntradevr aduce beneficii cuantificabile si reproductibile, "a explicat el ca director al Centrului pentru studiul de aterosclerozei si a bolilor de Descovich "Universitatea din Bologna, dr. Antonio Gadi Vittorini A fost nevoie de trei ani, pentru a defini protocol de cercetare, efectuarea de studiu timp de cinci ani i ct mai multe ca analiza de date, publicarea rezultatelor i a trimite toate documentele la Comisia European. O lung ateptare rspltit de ctre mai multe reviste tiinifice i de EFSA (Autoritatea pentru Sigurana Alimentar Potrivit EFSA panoul de acolo. Este o relaie cauz-efect ntre consumul de polifenoli i ulei de msline extravirgin i de protecie a LDL de la oxidativ daune. Pentru a fi susinut n acest sens trebuie s fie consumate zilnic 5 mg de hydroxytyrosol i derivatele sale (masura chimice de polifenoli), corespunztoare la o doz zilnic medie de 25 ml de ulei de msline poate fi uor introdus n contextul unei diete echilibrat. EFSA precizeaz c nu toate uleiurile sunt n msur s asigure aportul de polifenoli de montare ntr-un regim alimentar echilibrat, dar este cu siguran mai clar pentru consumator pentru a recomanda utilizarea exclusiv de uleiuri de msline extra virgine din surse de ncredere, pentru c este mulumit " coninut ridicat de polifenoli, prin aportul zilnic de 25 ml asigura protectie impotriva stresului oxidativ. Evident, pentru o corect prevenire a riscului cardiovascular prin consumul regulat de 25 ml de ulei de msline extravirgin este asociat cu un stil de via sntos, care include renuntarea la fumat, exercitii aerobice regulate i o diet bogat n fructe i legume i a sczut n zaharuri i grsimi animale. Alte studii au artat c, de asemenea, vitamina E si polifenoli prezente n uleiul de msline extra virgin, datorit lor de actiune antioxidanta ajuta la incetinirea imbatranirii celulelor. Alte studii au corelat consumul de ulei de msline ntr-o reducere de anumite tipuri de cancer, cum ar fi de san.

Concluzii Ceea ce este prezentat este crucial s nelegem pentru cei din aceasta planta a fost numai auzit, fr a nelege pe deplin benefic sa specifice n toate aspectele legate de fructe n sine, care este aceeai ca planta verde. Utilizate pe scar larg de noi este ntr-adevr, o infuzie de frunze de msline

pentru cei care sufer de hipertensiune arterial rezistent la medicamente standard, n farmacopee oficial, drup de msline fi apoi folosite, n funcie de HP sub control pentru utilizrile cele mai variate gastronomice, pentru cele utilizate pentru de frezare trebuie s se examineze, de asemenea, HP diferite care, la rndul su, genereaz o caracteristici organoleptice diferite de ulei de fiecare altul. Unii s-ar putea observa ca uleiul de masline este o grasime si, ca atare, n etapele sale de metabolism ar trebui s conduc la aceleai produse metabolice. Acest lucru la prima vedere ar prea a fi false, dar testele de laborator foarte precise s-au dovedit a fi altfel, deoarece diferitele componente de ulei de msline, sumele destinate pentru adoptarea normelor prevzute n normele eseniale eseniale pentru a obine o valoare suplimentar de ulei virgin de msline de acest nume, sau artat c procesul de asimilare a acestui ulei special, genereaz doar efecte benefice la nivel celular. Spre deosebire de alte uleiuri, toate acestea exprimate sau derivate, plus ulei de msline virgin n sine are caracteristici astfel nct contribuia acestuia la corpul uman are doar efecte benefice. Vedem acest lucru cu acum evident (este sub ochii tuturor), alungirea, n aceast perioad scurt de timp (aproximativ treizeci de ani), medie de via a cetenilor italieni, mai ales pentru ca sunt convins n cele din urm s renune la grsimi de origine animal i opteaza pentru acele plante special cu privire la uleiul de msline virgin obinut numai prin adoptarea de tehnici speciale i de ori. Multe uleiuri de msline extra virgin au o caracteristic pe spiciness palatului aceasta este o caracteristic sntos dac nu mai sntos dect ar trebui s atepte de la fiecare virgin demn de acest nume. Vinovati sunt iuteala de polifenoli acest aa-numitele ceva mai sus menionat c avem avantaj pentru cei care le angajeze pentru a reduce elementele de oxidative celulare si a unor conductori, cu toate acestea, este un defect dup cum se vede prelungi scadena medie a poporului su i prin urmare, o cretere a costurilor de stat pentru plata pensiilor pentru o perioad mai lung de timp pentru a cetenilor si. Poate c ai auzit ceea ce se ntmpl n Italia, c Guvernul a extins varsta de aproape cinci ani pentru a ajuta la realizarea de pensionare, n scopul de a opri agravarea a cheltuielilor, deoarece a avut loc ntr-un mod decisiv de dieta mediteranean, care se ntindea n curnd medie de via de italieni. Pentru aceasta v sugerez s profite de faptul c politicienii notri nu s-au decis nc s ia decizii similare, n italian i apoi s le ia cu garda jos convertit la dieta mediteranean aa-numita, cu o utilizare prudent i raional a uleiul de msline extra virgin. Pentru cei care nu tiu, de la texte scrise de istorici romani, de asemenea, spune c dacii vechi au fost favorabil afectate de aceasta licoare derivat din arbore de Athena timp ascro la barter armele dacii au fost constructori calificati, cu amfore de ulei de msline. Deci, ce am acum, nu ar trebui s fie expuse la cea mai mare dintre cei prezeni un fapt nou, dar cantareste doar mai multe cunotine despre ceea ce sunt caracteristicile organoleptice ale unui extrem de sntos. Nu vreau s m opresc asupra a ceea ce a fost subliniat n liniile eseniale ntr-o buntate mai mult sau mai puin exhaustiv a numi un "medicament" care natura a oferit cu generozitate. Le mulumesc tuturor aici pentru a asculta mine, o recunoatere special merge sa ntors la prietenul su, profesorul Garciu Tnase, bolnav cu altruism acut, care au trit de mai muli ani n Italia a fcut el nsui seama buntatea de mai sus, astfel nct s foreze aproape de mine pentru a aduce primul expus la cunotinele dumneavoastr ca pe ceva pe care sincer l-am acceptat de buna voie ca un student de acest subiect, V mulumim din nou i sunt disponibile pentru orice ntrebri pentru clarificare.