Sei sulla pagina 1di 1

Costume Si aggiorna la moda ottocentesca, con aperitivi e interviste, conferenze e lanci di autori

Se rinascono i salotti letterari


La mappa dei nuovi luoghi dincontro in Europa e negli Usa
di LIVIA MANERA

crivere un mestiere solitario. E per venire in soccorso agli scrittori e traduttori che alla fine di una giornata di lavoro si sentono isolati e bisognosi di occasioni di confrontarsi con altri e magari, non si sa mai, persino divertirsi, a Londra, New York, Parigi e altrove stanno rinascendo i salotti letterari. Che non sono proprio quelli di una volta, ma che assolvono una funzione simile. Dimenticatevi i salotti delle ricche signore proustiane che per facilitare la propria ascesa sociale si contendevano le menti pi brillanti dellepoca selezionando severamente i propri invitati. Il literary salon di oggi un luogo molto pi egalitario e assai meno elegante. Che come in passato, per, offre occasioni per dibattere e mettere alla prova nuove idee e scritti. Ce n per tutti i gusti: per scrittori e lettori brillanti e di successo; giovani intellettuali disoccupati; soli gay; sole donne; autori che sono anche genitori; pornografi; gratuiti o a pagamento. Lidea, come ha detto lattivissimo Damian Barr che ha ideato e dirige con notevole successo lo Shoreditch House Literary Salon a Londra, di parlare, flirtare, ubriacarsi e andarsene a casa con la sensazione di avere fatto qualcosa di significativo. Non c formula fissa. LUpper Wimpole Street Salon, per esempio, fondato da un comitato di scrittrici tra cui la romanziera Jenny McPhee, la biografa Miranda Seymour e la storica dellarte Frances Spalding, si riunisce ogni due mesi nella bella casa londinese della giornalista Sarah Glazer, intorno a unautrice giudicata interessante: dalla corrispondente di guerra americana Janine di Giovanni alla turca e trasgressiva Elif Shafak. Aperitivi, snack, lettura, intervista e dibattito durano due ore e costano dieci sterline di rimborso spese. Altra cosa sono le serate parigine del Paris Literary Salon di Toby Brothers, in cui non pi di dieci persone si trovano tre ore ogni mese per studiare un libro o un autore, pagando 38 euro a testa. Il biglietto dingresso scende a 3 sterline al Vel-

Protagonisti
Sopra: Jenny McPhee. A sinistra: collage dei partecipanti al New York Salons del 1975-1976 (Foto Freda Leinwand)

vet Tongue Salon che si riunisce nellEast London ogni tre mesi per leggere e dibattere su testi pornografici. Pare sia uno spasso. Il salotto letterario pi arrabbiato quello nato intorno alla rivista New Inquiry, i cui affiliati sono giovani intellettuali laureati nelle migliori universit dAmerica che la crisi sta lasciando disoccupati. Si ritrovano in un appartamento dellUpper East Side di New York, solo su invito e solo se al padrone di casa va di aprire la porta. Il pi borghese il Pen Parentis di Manhattan, che riunisce intorno a s esclusivamente scrittori-genitori. Il pi eclet-

tico il Polari di Londra diretto dal romanziere e giornalista Paul Burston, che alla gay fiction mescola musica contemporanea e perfomance art negli spazi del Southbank Center di Londra. Il pi superfluo quello lanciato da Vuitton a Parigi nello spazio effimero dei locali occupati un tempo dalla storica libreria La Hune sul Boulevard Saint Germain, in cui di recente gli invitati hanno potuto constatare che il regista e scrittore Claude Lanzmann un monumento vivente al narcisismo, oltre che alla Shoah. E il pi allegro quello del gi citato Damian Barr alla Shorditch House, un

club privato della East London: dove la pizza e il primo cocktail sono gratis per tutti, si possono ascoltare i consigli agli aspiranti scrittori di Colm Toibin (Scrivete quello che vi viene, perdio! E poi correggete fino a farvi sanguinare gli occhi); dove unautrice popolare come Helen Fielding rende omaggio al pubblico leggendo le prime tre pagine del nuovo diario di Bridget Jones che uscir a primavera, e dove una folla di giovani colorati riesce a dimenticare per qualche ora di vivere in una delle citt pi care e socialmente divise del mondo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Aveva 60 anni

Scompare Marilena Ferrari, fondatrice di Art


scomparsa nel giorno di Natale, a 60 anni, dopo una lunga malattia, limprenditrice Marilena Ferrari, fondatrice e presidente del gruppo Fmr-Art, una delle maggiori realt nelleditoria darte. Ferrari fond Art nel 1992, nel 2002 acquis la casa editrice Franco Maria Ricci e nel 2007 dette vita alla Fondazione Marilena Ferrari con lobiettivo di sostenere e diffondere larte del libro e il patrimonio artistico. Questanno aveva portato a termine loperazione di integrazione di Fmr-Art con Utet Grandi Opere, configurando il gruppo come polo editoriale di livello europeo. Molti i riconoscimenti ricevuti: premio Europs 500, destinato ai presidenti di societ con il pi alto tasso di sviluppo; The Leading Women Entrepreneurs of the World, per le imprenditrici; premio Marisa Bellisario; premio Donna per la cultura nel mondo. I funerali si terranno domani alle 10 nella chiesa di Santa Caterina, in Strada Maggiore, a Bologna.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Marilena Ferrari, 60 anni