Sei sulla pagina 1di 2

JeanRobert Armogathe: Scienza e religione nel '600

www.filosofia.rai.it

La Citt del Pensiero Le puntate de Il Grillo Tommaso: il piacere di ragionare Il Cammino della Filosofia Aforismi Tv tematica Trasmissioni radiofoniche Articoli a stampa Lo Stato di Salute della Ragione nel Mondo Le interviste dell'EMSF I percorsi tematici Le biografie I brani antologici EMSF scuola Mappa
Copyright Rai Educational

Interviste JeanRobert Armogathe

Scienza e religione nel '600


25/2/1994

Documenti correlati

Il percorso di formazione di Jean-Robert Armogathe lo ha condotto allo studio della "storia delle idee", che ha poi applicato a quel nuovo cammino tra storia delle idee religiose e delle idee scientifiche dell'Europa tra il XVI e il XVIII secolo . Egli indica gli strumenti basilari per una tale ricerca interdisciplinare: in primo luogo il documento, unica testimonianza del passato, che possiede il senso inteso dall'autore. Gli autori come personalit individuali, e dunque i loro contesti culturali. Le idee, alcune delle quali vivono di vita propria tramite parole e lingue. Il periodo dal XVI al XVIII sec. scelto in quanto epoca della frammentazione del discorso teorico nelle lingue nazionali che form un lessico filosofico poliglotta. Il confronto tra scienza della natura e scienza delle Scritture s'incentr sulla Bibbia, specie sul Genesi. Esso nacque da una reciproca attrazione: il discorso esegetico recepiva la convalida scientifica e il discorso scientifico veniva applicato anche alle Scritture. Cos si spiegano casi di contrasto come tra Galileo e Bellarmino, o di incontro come la descrizione scientifica dell'Inferno, sulla base di Dante, richiesta dalla Accademia fiorentina al giovane Galileo. Al confine tra letture biblica e empirica della natura si trova il discorso sull'arcobaleno: trattato nella imponente massa di commenti al Genesi del XVII sec, ne "Le meteore" di Descartes approda alla secolarizzazione del sapere tramite un ragionamento matematico e geometrico. Ancora il XVII secolo il luogo di riflessioni teologiche e scientifiche sul tempo: la formazione del concetto moderno di tempo; sul peculiare tempo angelico, un tempo omogeneo composto di istanti che prefigura quello della fisica; sul tempo della grazia, della grazia attuale, dato all'uomo per la scelta nell'atto morale e che segna la nascita d'una visione moderna dell'uomo che si confronta colla libert. Dato che una storia delle idee scientifiche e religiose deve passare per una della lingua e delle parole,

http://www.emsf.rai.it/interviste/interviste.asp?d=275[20/12/2012 16:56:53]

JeanRobert Armogathe: Scienza e religione nel '600

Armogathe indica i diversi tipi adatti di ricerca. Egli convinto che tale passaggio porter alla storia globale. In ultimo sottolinea l'importanza della filosofia per la sopravvivenza razionale della nostra cultura e della umanit, il cui vuoto teorico rischia di essere colmato dall'antirazionalismo. Il discorso filosofico consente di acquisire le categorie che permettono di parlare di ogni cosa, esso non d soluzioni certe a problemi ma aiuta a formulare domande. Un tale potenziale formativo rende basilare la filosofia nella scuola secondaria. Biografia di JeanRobert Armogathe Aforismi derivati da quest'intervista L'arcobaleno tra mito e scienza La scienza applicata alle sacre scritture Partecipa al forum "I contemporanei"
Tutti i diritti riservati

http://www.emsf.rai.it/interviste/interviste.asp?d=275[20/12/2012 16:56:53]