Sei sulla pagina 1di 11

Struttura di acciaio per apparecchi di sollevamento

Corso di Costruzione di Macchine 2

Dati del problema

Carroponte del Laboratorio C 4 Campus Bovisa. Dati: portata 10000 kg scartamento ponte 20825 mm interasse ruote del ponte 3200 mm velocit di scorrimento 16 m min-1 accelerazione di avviamento 0.15 m s-2 massa complessiva del carroponte 10450 kg Il carroponte scorre su vie di corsa posizionate sullala superiore delle traverse di una struttura costituita da portali multipli

Corso di Costruzione di Macchine 2

Particolare del carroponte presso il lab C4

Collegamento tipo cerniera tra traverse e colonna


Corso di Costruzione di Macchine 2

Particolari del portale

Tutte le giunzioni sono da considerarsi come cerniere

Corso di Costruzione di Macchine 2

Particolari del portale

Vista complessiva dei diagonali che garantiscono lassorbimento delle azioni orizzontali comprese quelle di frenatura o accelerazione del carroponte

Ad una estremit il portale presenta un tratto di trave a sbalzo. Questo portale loggetto di calcolo e di verifica di cui a seguire

Corso di Costruzione di Macchine 2

Norme di riferimento per la progettazione

Il disegno di installazione delle vie di corsa fornisce gli elementi geometrici necessari alla effettuazione dei dimensionamenti e/o delle verifiche. I riferimenti normativi esistenti per il carroponte (e per gli apparecchi di sollevamento in generale) sono molteplici, tra loro equivalenti, come le norme tecniche FEM / DIN / ISO e UNI. Di seguito saranno seguite le norme CNR 10021/85 Strutture di acciaio per apparecchi di sollevamento, la UNI 7670 per i meccanismi e la CNR-UNI 10011 per il calcolo delle strutture in acciaio. Gli apparecchi di sollevamento vengono classificati in classi sulla base dellimpiego previsto durante la loro vita Deve essere stimato il n. totale dei cicli di carico (un ciclo consiste nel sollevamento e abbassamento del carico) come da Prospetto 2-1 da CNR 10021.

Corso di Costruzione di Macchine 2

Norme di riferimento per la progettazione

Il Regime di carico una funzione che mette in relazione i carichi che lapparecchio destinato ad innalzare nel corso della sua vita con il numero di volte in cui tale innalzamento avviene. Il Regime di carico identificato dal fattore di spettro:

Dove:

ni = n. delle volte in cui viene innalzato il carico Pi n = numero totale dei cicli di carico Pmax = valore max di Pi
Esempio di spettro di carico

Ai fini della classificazione sono previsti quattro valori tipici del Regime di Carico Qi

Corso di Costruzione di Macchine 2

Norme di riferimento per la progettazione

Disponendo dei dati precedenti, si pu definire la classe dellapparecchio come da prospetto

Nel carroponte in esame abbiamo: U5 e Q4 quindi classe A7 importante conoscere la classe dellapparecchio perch da essa la normativa prescrive una serie di correzioni delle azioni da considerare nei calcoli. Per quanto riguarda la verifica del portale, la classe fornisce il coeff.di maggiorazione M come da tabella

Corso di Costruzione di Macchine 2

Applicazione al caso in esame

Nel caso in esame risulta M = 1.17 e quindi i carichi che le ruote del carroponte scaricano sulle vie di corsa vanno moltiplicati per questo coefficiente (che sostanzialmente un fattore di sicurezza per tenere conto degli effetti dinamici laddove il calcolo considera carichi statici). Ci poniamo nella condizione pi sfavorevole, cio con il carico max da sollevare completamente spostato verso una via di corsa e con carroponte situato al centro della campata pos. A, oppure situato allestremo del tratto a sbalzo del portale pos. B. Inoltre si valuta la configurazione con traverse incernierate (come nella realt della installazione del carroponte nel laboratorio C4) oppure traverse tra loro incastrate, cio trave continua su quattro appoggi, come dagli schemi seguenti. La forza su ognuna delle due ruote sar

Gli elementi componenti il portale sono: Colonne HEA 360 Traversa composta da elementi saldati come a lato Materiale S 235 UNI EN 10025-2
Corso di Costruzione di Macchine 2

Schematizzazione isostatica e iperstatica

10

Corso di Costruzione di Macchine 2

Richieste

11

Il carroponte esercita sul portale anche una azione orizzontale conseguente alla accelerazione di avviamento e di frenata. Tale azione evidentemente sopportata dai diagonali posti allinterno del portale intermedio; tralasciamo la verifica di questi elementi. Applicando il PLV verificare la resistenza e la deformabilit della traversa di estremit (quella con tratto a sbalzo) rispetto ai carichi normali al loro asse, nei due posizionamenti del carroponte indicati negli schemi e secondo la disposizione strutturale di traversa incernierata e di traversa continua. Si tratta pertanto di valutare quattro situazione differenti: per ognuna occorre determinare le azioni / reazioni esterne; il diagramma del momento flettente (trascuriamo il taglio) e il valore della freccia massima. La verifica della traversa per laspetto resistenza comporta il confronto dello stato di sollecitazione con la sollecitazione ammissibile per il materiale scelto; per laspetto deformabilit la freccia max non deve superare 1/800 della luce come previsto dalla normativa. Se le sezioni indicate per il profili non soddisfano i limiti di resistenza e di deformabilit richiesti, dovranno essere proposte sezioni differenti. Infine si richiede di evidenziare i vantaggi / svantaggi nella scelta di traversa incernierata oppure continua.

Corso di Costruzione di Macchine 2