Sei sulla pagina 1di 148

SKC 49-50-51-50N-51N-87-87N

MANUALE D'ISTRUZIONE INSTRUCTION MANUAL

SKC Rel differenziale di corrente a microprocessore con funzioni di protezione di massima corrente, di terra ed immagine termica Microprocessor-based current differential relay with overcurrent, earth fault and thermal protective functions

SKC000\08 10-2007

0 - INDICE
1 - GENERALIT 2 - DESCRIZIONE 3 - CARATTERISTICHE TECNICHE 4 - CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO 5 - INSTALLAZIONE 6 - TARATURA E MESSA IN SERVIZIO 7 - PROCEDURE DI PROVA 8 - MANUTENZIONE 9 - MAGAZZINAGGIO

0 - CONTENTS
1 - GENERAL 2 - DESCRIPTION 3 - TECHNICAL DATA 4 - CHARACTERISTICS OF OPERATION 5 - INSTALLATION 6 - SETTING AND COMMISSIONING 7 - TESTING PROCEDURES 8 - MAINTENANCE 9 - STORAGE 3 4 8 12 33 54 131 147 147

SKC000\08 10-2007

SKC
1 - GENERALIT
SIDE H

1 - GENERAL
The differential current relay type SKC is intended for the protection 50 51 of generators, motors, two winding power transformers and short lines. The following protective functions are provided: - thermal for transformer (49), programmable on one of the two sides, with one tripping threshold and one alarm threshold; 87T - phase overcurrent (50, 51) inde8N 51N ( 7 ) pendently programmable on both sides, with three thresholds; - residual overcurrent (50N, 51N) or high impedance differential restricted ground fault (87N), with three thresholds; - percentage biased differential 50 51 protection for transformers with second and fifth harmonic restraint (87T); - percentage biased differential protection for motors, generators and short lines (87G); The relay SKC features the following characteristics: - seven current inputs, where six are provided for phase current measurement on both sides and the last provided for residual current measurement; - internal or external phase shift and ratio matching for differential transformer protection(87T);

Il rel tipo SKC provvede alla protezione differenziale di corrente 49 per generatore, motore, trasformatore a due avvolgimenti e linee corte. Sono previste le seguenti funzioni di protezione: - immagine termica per trasformatore (49) programmabile su uno dei due lati, ad una soglia di intervento ed una soglia di allarme; - massima corrente (50, 51) indi50N pendentemente programmabili sui due lati, a tre soglie di intervento; - massima corrente residua (50N,51N) o differenziale di terra ristretta ad alta impedenza 49 (87N), a tre soglie di intervento; - differenziale di trasformatore con compensazione percentuale e ritenuta di seconda e quinta arSIDE L monica (87T); - differenziale di generatore, motore e linee corte con compensazione percentuale (87G); Il rel SKC possiede le seguenti caratteristiche: - sette ingressi amperometrici, di cui sei per la misura delle due terne di correnti di fase ed uno per la misura della corrente residua; - adattamento di ampiezza e fase delle correnti per la protezione differenziale di trasformatore, sia mediante l'impiego di trasformatori adattatori esterni, sia mediante compensazione interna; - stabilizzazione delle funzioni di protezione differenziali 87T. 87G per guasti esterni alla zona protetta, ottenuta mediante caratteristica percentuale a doppia pendenza; - insensibilit della funzione 87T alle correnti di inserzione ed a condizioni di sovraeccitazione del trasformatore, ottenuta mediante ritenuta di seconda e quinta armonica, basata su elaborazione numerica della corrente differenziale (Discrete Fourier Transform); - possibilit di maggiorazione delle soglie d'intervento delle funzioni 49, 50-51, 50N-51N/87N alla ritenuta di seconda armonica della protezione differenziale 87T, ad evitare interventi intempestivi durante l'inserzione del trasformatore; - funzioni di protezione contro i guasti a terra insensibili alle componenti di terza armonica e di ordine superiore; - caratteristica d'intervento programmabile a tempo indipendente o dipendente sulla prima soglia delle funzioni 50-51, 50N-51N/87N; - caratteristica d'intervento a tempo indipendente sulla seconda e terza soglia delle funzioni 50-51, 50N-51N/ 87N; - protezione per mancata apertura interruttore (BF); - supervisione del circuito di scatto (TCS); - visualizzazione delle grandezze misurate;

- stabilizyng against external faults of the differential protective functions 87T and 87G with two slope percentage bias; - second and fifth harmonic restraint of protective function 87T against unwanted trip on magnetizing inrush currents and overexcitation condition, based on numerical processing of the differential current (Discrete Fourier Transform algorithm); - increase of the thresholds for 49, 50-51, 50N-51N/87N protective functions against unwanted trip on transformer inrush, which will be automatically enabled upon second harmonic restraint of 87T differential protection; - ground fault protective functions insensitive to third and higher harmonic components; - selectable operating characteristic with independent or dependent time on 50-51, 50N-51N/87N protective functions; - operating characteristic with independent time on the second and third threshold of 50-51, 50N-51N/87N protective functions; - breaker failure protection (BF); - trip circuit supervision (TCS); - display of the measures;

SKC000\08 10-2007

- conteggio del numero d'interventi per ogni funzione di protezione; - conteggio della corrente cumulativa interrotta da ogni polo dell'interruttore; - memoria delle grandezze d'entrata corrispondenti agli ultimi quattro avviamenti o interventi (START o TRIP) e registrazione per un tempo precedente e successivo all'intervento; - due circuiti d'entrata digitali; - due diverse configurazioni di taratura (banco A e banco B); - assegnazione e modo di funzionamento dei rel finali programmabilli; - possibilit di realizzare sistemi di protezione a logica accelerata, sia con logiche programmabili di blocco tra funzioni interne del rel SKC, sia con circuiti per il blocco con altri rel di protezione ; - interfaccia di comunicazione RS485 operante con protocollo MODBUS RTU; - orologio interno con memoria tampone; - controllo autodiagnostico permanente.

- trip counting performed for each protective function; - counting of the cumulative switched currents for each pole of the circuit breaker; - storing the values of input quantities corresponding to the last four operation (START o TRIP) and oscillographic recording with pre and post trigger; - two digital input circuits; - double setting groups (bank A and bank B); - programmable assignment of the final relays and their working mode. - blocking circuits, to perform accelerated protection schemes either with programmable logic from internal functions or with block circuits of external protection relays; - RS485 communication interface with MODBUS RTU protocol; - real time clock with memory backup; - continuous monitoring of internal circuits.

2 - DESCRIZIONE
Le caratteristiche costruttive pi significative del rel di protezione tipo SKC sono: - morsetti largamente dimensionati, con attacco a vite; - costruzione di tipo estraibile, con connettore avente i contatti argentati a 6 punti di contatto; - dispositivi cortocircuitanti nei circuiti amperometrici; - involucro completamente isolante e protetto contro la polvere e lo stillicidio; - pannello frontale del tipo a membrana, completamente protetto contro le scariche elettrostatiche. Le caratteristiche circuitali pi significative sono: - programmazione delle caratteristiche di funzionamento completamente digitale mediante i tasti del pannello frontale e visualizzazione mediante l'indicatore LCD a 16 caratteri, dotato d'illuminazione interna; - assenza di qualsiasi dispositivo di taratura di tipo meccanico tradizionale, in quanto tutti i coefficienti di taratura sono conservati nella memoria non volatile del microprocessore; - circuiti d'entrata e d'uscita isolati galvanicamente (compresi i circuiti di comunicazione, di blocco e d'entrata digitale); - controllo permanente dell'azzeramento dei circuiti analogici d'entrata e compensazione automatica dell'eventuale deriva; - misura dei segnali d'entrata mediante campionamento e conversione A/D con 16 campioni/periodo; - filtraggio ottimale dei segnali d'entrata mediante l'utilizzo congiunto di filtri analogici e digitali; - contatti finali d'uscita di tipo elettromeccanico tradizionale, con controllo permanente della continuit delle bobine di comando; - orologio - calendario con circuiti di memoria che garan-

2 - DESCRIPTION
The most significant constructive features of the SSG protection relay are: - well oversized screw-type terminals; - extractable-type construction, with connector having silver plated contacts with 6 contact points; - current measuring circuits provided with short-circuiting devices; - fully insulating shell protected against dust and dripping; - membrane front panel, fully protected against electrostatic discharges. The most significant circuitry features are: - full digital programming of operating features by means of front panel keys and 16-digit LCD indicator with back lighting; - absence of any traditional mechanical calibrating device, since all calibration coefficients are stored in the microprocessor non-volatile memory; - galvanically insulated input and output circuits (communication, blocking and digital input circuits included); - continuous monitoring of analog input circuit off-set and automatic compensation of possible drift; - measurement of input signals through sampling and A/D conversion at a rate of 16 samples/period; - optimum filtering of input signals through combined use of analog and digital filters; - traditional electromechanical-type final output contacts with continuous monitoring of control coil continuity; - real Time Clock circuits with power supply backup,

SKC000\08 10-2007

SKC
tiscono il funzionamento senza alimentazione sino a 150 ore (RTC, Real Time Clock); - alimentazione ausiliaria realizzata mediante un circuito stabilizzatore a commutazione, avente un campo d'impiego particolarmente ampio e una dissipazione di potenza molto ridotta. Le caratteristiche di funzionamento pi significative sono: - programmazione dei modi e dei parametri di funzionamento mediante i tasti frontali e l'indicatore alfanumerico, con una procedura basata sull'attuazione di scelte guidate e sull'indicazione esplicita e immediata delle operazioni eseguite; - necessit della conferma finale (ovvero dell'annullamento) per ogni modifica delle caratteristiche di funzionamento; - le operazioni di modifica delle caratteristiche non interrompono il normale funzionamento del rel; - oltre ai valori dei parametri (soglie e tempi d'intervento) sono completamente programmabili anche le modalit di assegnazione delle varie funzioni di protezione ai rel finali, la condizione normale di ogni rel finale e il tipo di ripristino; - impossibilit di programmare valori dei parametri inaccettabili, grazie alla limitazione automatica d'inizio e fondo scala dei rispettivi campi di taratura; - duplicazione della memoria contenente i dati di taratura, con correzione automatica di eventuali errori. Il rel SKC dotato di interfaccia standard RS485 per il collegamento con l'unit centrale di supervisione tramite una rete di comunicazione; disponibile a richiesta una interfaccia locale con un PC portatile mediante il connettore frontale a fibra ottica. Grazie al circuito di comunicazione tutte le operazioni di lettura delle variabili e di modifica dei parametri di taratura possono essere eseguite da parte dell'unit centrale. Mediante l'apposito software su Personal Computer possibile acquisire i dati relativi alle registrazioni delle forme d'onda presenti nella memoria RAM della protezione SKC. Il protocollo di comunicazione pu essere scelto tra due tipi: - MODBUS RTU con parametri programmabili (velocit, parit, stop - bit), - protocollo THYTRONIC proprietario in modo da garantire la compatibilit con le reti di comunicazione che prevedono l'impiego del dispositivo concentratore SCR. La disponibilit di un protocollo standard consente di integrare i rel di protezione SKC in un sistema di supervisione e controllo centralizzato; per le informazioni relative alla comunicazione (drivers, indirizzi di memoria, istruzioni ed esempi) occorre fare riferimento al Manuale per la programmazione remota. Le funzioni 50 e 51 sono indipendentemente selezionabili sui due lati della zona protetta (trasformatore, generatore o linea). the operation is guarantee with loss of power supply up to 150 hours; - auxiliary supply comprising a switching-type voltagestabilizing circuit having a very wide working range and a very small power dissipation.

The most significant operating features are: - programming of operating modes and parameters by means of the front keys and alphanumeric display, with a programming procedure based on carrying out guided selections and on explicit and immediate signalling of the operations being performed, so that such procedure can be carried out without coding tables or mnemonic informations; - final confirmation (otherwise cancelling) required for any change in the operating features; - the feature modification operations do not interrupt the normal functions of the relay; - in addition to the parameters values (trip level and operating times), the modalities for allocation of the various protection functions to the final relays, the normal status of the each final relay and the kind of reset are also fully programmable; - impossibility of programming unacceptable parameter values, thanks to the automatic limitation of top and bottom scale values for the relative setting ranges; - doubling of the memory containing the setting information, and automatic correction of any possible error. The SKC relay is provided of standard RS485 interface for connection with the central supervisor unit; it is available upon request a local interface with a portable PC by means of the fiber optic front panel connector. Thanks to the communication circuit, the reading of all variable quantities and the modifying of all set parameters can be accomplished through the central unit. Through a dedicated software for Personal Computer the waveform data are downloadable from SKC memory.

The communication protocol can be selected from two types: - MODBUS RTU with programmable parameters (rate, parity, stop - bit), - THYTRONIC protocol to guarantee the compatibility with communication network including SCR concentrators. The availability of a standard protocol allow the protection relay SKC integration in the supervisor system (SCADA); for information about communication (drivers, memory map, instructions and examples) please refer to the Remote programming manual.

The 50, 51, 50N e 51N protective functions are selectable on both sides of the protected zone (generator, transformer or line).

SKC000\08 10-2007

La funzione di protezione ad immagine termica (49 per trasformatore) unica ed programmabile su uno dei due lati: la corrente utilizzata per il calcolo dell'immagine termica rappresentata dal valore massimo delle tre correnti di fase. E' disponibile un ingresso per la misura diretta della corrente residua collegabile in alternativa: - a un toroide sommatore posizionabile sul lato H o sul lato L (50N-51N); - sul ritorno comune dei TA di fase del lato H o del lato L (50N-51N); - a un TA posto sulla messa a terra del neutro (50N-51N); - su un circuito di misura della corrente residua differenziale (87N). Ad evitare interventi intempestivi durante l'inserzione del trasformatore, la protezione differenziale trasformatori (87T) dispone di ritenuta di seconda armonica, con blocco di tutte le fasi al superamento della soglia differenziale di seconda armonica in almeno una fase (cross restraint). La funzione 87T dispone inoltre di una analoga ritenuta di quinta armonica contro interventi intempestivi durante condizioni di sovraeccitazione del trasformatore. La ritenuta di armoniche attiva solo nella zona compresa tra i primi tre tratti della caratteristica d'intervento e la seconda soglia Id>>. La seconda soglia Id>>, essendo priva di ritenuta d'armoniche, consente l'intervento della funzione 87T anche con correnti di seconda armonica originate dalla saturazione dei TA nel caso di guasti interni. Allo scopo di evitare interventi intempestivi della protezione SKC determinati dalla corrente d'inserzione del trasformatore (INRUSH), alla ritenuta di seconda armonica della protezione differenziale 87T, le seguenti funzioni possono essere rese insensibili: - funzione termica 49 mediante riduzione della corrente termica equivalente secondo un coefficiente KINR regolabile; - tutte le funzioni 50, 51, 50N, 51N mediante maggiorazione delle soglie d'intervento, indipendentemente programmabili. Sono quindi evitabili interventi intempestivi delle protezioni di terra in presenza di false correnti residue originate dalla saturazione dei TA durante il transitorio d'inserzione; L'assegnazione della funzione di ritenuta di seconda armonica per la protezione 87Tai rel finali e/o ai circuiti di uscita di blocco, consente il blocco di altri rel di protezione dell'impianto al fine di evitare il loro intervento intempestivo all'inserzione del trasformatore. La funzione di mancata apertura interruttore (BF) pu essere associata alle funzioni di protezione del rel SKC allo scopo di inviare, in caso di mancata apertura dell'interruttore e dopo un ritardo programmabile, un comando di apertura ad un interuttore a monte. I circuiti d'entrata digitale possono essere utilizzati per le seguenti funzioni accessorie: - ripristino a distanza, - modifica della configurazione delle tarature (tra due possibili configurazioni), - comando memorizzazione misure,

Thermal function (49) is single, it is programmable over one out of two sides; thermal image is based on the higher value (maximum) of three line currents.

A dedicated input for direct measurement of tre residual current is available; it ican be connected to: - a summation ring type transformer that can be installed on side H or L (50N-51N); - on the neutral grounding (50N-51N), - on common neutral of the line CT's (50N-51N), - on a residual differential current circuit (87N). To avoid unwanted trip on inrush of transformer, the transformer differential protection (87T) is blocked by means of second harmonic restraint, with blocking for three phases when at least one differential current overcome the 2nd harmonic threshold setting (cross restraint). A similar fifth harmonic restraint is provided to avoid unwanted trip when overexcitation of the transformer is present.Harmonic restraint is active in the area included within the first three outlines of the operation characteristic and the horizontal line representative of the second threshold Id>>. Being the second threshold Id>> unrestrained, trip is enabled even when second harmonic currents origined by CT saturation are present in the case of internal faults. To avoid unwanted trip on inrush corrent of the transformer, the following protective functions can be desensitized when a second harmonic restraint the 87T differential protection: - thermal equivalent current is automatically reduced according to programmable KINR parameter in the thermal function 49, - each overcurrent (50,51), earth fault (50N,51N) or high impedance protective functions (87N) by means of enhanced thresholds. In this way these functions are desensitized when false residual current are originated by CT saturation when the transformer is energized (inrush transient); All protective functions (except for thermal function 49) can be assigned to the blocking circuit (logic input and output relay) to perform selective protection systems, according to the accelerated protection scheme. The second harmonic restraint for 87T protection can be assigned to a final relay to send a blocking signal to other protection relays; in this way false trip due to a inrush current of the transformer can be avoided. The breaker failure function (BF) can be associated to all SKC protective functions; if the circuit breaker is fault , after a selectable delay, a trip command to another upstrem circuit breaker can be send. The digital inputs can feature the following ancillary functions: - remote reset control, - change of configuration settings (between two available configurations), - trigger for measures saving,

SKC000\08 10-2007

SKC
- ingresso di blocco da contatto per sistemi a logica accelerata con rel diversi da quelli della serie S; ad eccezione della funzione termica 49, sono bloccabili tutte le funzioni mediante contatto da ingresso digitale, - supervisione del circuito di scatto (TCS), - comando di sincronizzazione orologio (mediante collegamento dati al sistema di supervisione). Per la realizzazione di sistemi di protezione a logica accelerata insieme ad altre protezioni della serie S, tutte le funzioni di protezione (ad eccezione della funzione 49) possono essere assegnate ai circuiti di ingresso ed uscita di blocco. Il circuito di blocco, destinato alla realizzazione di sistemi di protezione a logica accelerata, dotato di elevate caratteristiche di affidabilit, grazie al processo di controllo periodico della continuit del collegamento a filo pilota. La funzione di blocco per sistemi di protezione a logica accelerata pu essere ottenuta utilizzando singolarmente od in combinazione: - i circuiti di blocco dedicati di ingresso-uscita per il collegamento mediante filo pilota a protezioni della serie S installate a monte ed a valle, - la logica programmabile di blocco tra le funzioni di protezione interne al rel SKC (es: funzioni di protezioni relative ai due lati del trasformatore), - gli ingressi digitali configurati con funzione di blocco in ingresso, quest'ultimo applicato mediante contatti di avviamento normalmente aperti di altre protezioni a valle, ed i rel finali configurati con funzione di blocco in uscita, mediante i cui contatti possono essere bloccate altri rel di protezione dotati di ingresso logico con funzione di blocco in ingresso. - input block signal from contact intended to link protection relays other than S serie relays; with exclusion of thermal function 49, all functions can be blocked by means of digital input, - trip circuit supervision (TCS), - synchronizing input for Real Time Clock (by means of data transmission with supervisor system). The blocking circuit, which is intended to build up protection systems according to the acceleration scheme, presents as well high reliability characteristics, thanks to a periodic monitoring process for the continuity of the pilot wire connection. The blocking function for accelerated protection systems is available with one or more of the following modes: - dedicated input-output blocking circuits for the connection of the pilote wires between S series protection relays, - programmable logic blocking of the protective functions internal to SKC relay (i.e. protective functions related to the two sides of the transformer), - the digital inputs allocated to the blocking input function, with the blocking input signal applied by normally open starting contacts of others downstream protection relays, and the final relays allocated to the blocking output function, with their contacts employed for blocking of other protection relays provided with blocking input function on a digital input.

SKC000\08 10-2007

3 - CARATTERISTICHE TECNICHE
Alimentazione ausiliaria tensione: - valore (campo) nominale

3 - TECHNICAL DATA
Auxiliary supply voltage: - nominal value (range) 24...125 V 230 V (1) 220 V 18...150 V 165...275 V 150...300 V 50, 60 Hz (2) maximum distorsion factor ( for alternating voltage supply) 15 % maximum alternating component (for direct voltage supply): - full wave rectified sine wave - sine wave maximum interruption time maximum set-up time maximum power consumption Phase current input circuits nominal current permanent overload thermal overload (1 s) frequency: - reference value - operative nominal range rated consumption suggested characteristics for current transformers when differential function are not used (3) : - for current values up to 10 IN - for current values up to 20 IN suggested characteristics for current transformers when differential function are used (4) : fN IN 1A 5A 4 IN 100 IN 50, 60 Hz (2) 0.95...1.05 fN 0.5 VA

- campo d'impiego (per ciascuno dei valori nominali sopra indicati)

- operative range (for each one of the above mentioned nominal values)

(1)

frequenza (per alimentazione con tensione alternata) fattore di distorsione massimo (per alimentazione con tensione alternata) componente alternata massima (per alimentazione con tensione continua): - sinusoidale raddrizzata - sinusoidale durata massima interruzione tempo massimo d'entrata a regime potenza assorbita massima Circuiti d'entrata amperom. di fase corrente nominale sovraccarico permanente sovraccarico termico (1 s) frequenza: - valore di riferimento - campo nominale d'impiego potenza assorbita caratteristiche consigliate per i trasformatori di corrente quando non si impiegano funzioni differenziali(3): - per valori di corrente fino a 10 IN - per valori di corrente fino a 20 IN caratteristiche consigliate per i trasformatori di corrente quando si impiegano funzioni differenziali(4):

frequency (for alternating voltage supply)

100 % 80 % 20 ms 800 ms 10 W (15 VA)

5 VA - 5P10 5 VA - 5P20

Da calcolare To be computed

NOTA 1 - Mediante trasformatore ausiliario tipo DAC100. NOTA 2 - Selezionabile nel menu BASE. NOTA 3 - La prestazione nominale pu variare in funzione dei carichi applicati ai TA, comprensivi della resistenza dei conduttori. NOTA 4 - Le caratteristiche dei TA devono essere determinate secondo criteri illustrati a pag. 110 -118.

NOTE 1 - By means of auxiliary transformer type DAC100. NOTE 2 - Selectable in the BASE menu. NOTE 3 - The nominal performance can vary in operation of the loads applied to the CTs, comprehensive of the resistance of the conductors. NOTE 4 - The requirements for protective CTs must have determined according criteria shown inside pag.110 -118.

SKC000\08 10-2007

SKC
Circuito d'entrata di corrente residua per collegamento ai TA di fase o ad un toroide sommatore corrente nominale secondaria sovraccarico permanente sovraccarico termico (1 s) frequenza: - valore di riferimento - campo nominale d'impiego potenza assorbita caratteristiche consigliate per i trasformatori di corrente quando non si impiegano funzioni differenziali(3): - per valori di corrente fino a 10 IN - per valori di corrente fino a 20 IN caratteristiche consigliate per i trasformatori di corrente quando si impiegano funzioni differenziali(6): Circuito d'entrata di corrente residua per collegamento con toro sommatore(5) corrente nominale primaria sovraccarico permanente sovraccarico termico (1 s) frequenza: - valore di riferimento - campo nominale d'impiego Residual current input circuit for connection to phase CT's or to ring type summation transformer secondary nominal current permanent overload thermal overload (1 s) frequency: - reference value - operative nominal range rated consumption suggested characteristics for current transformers when differential function are not used (3) : - for current values up to 10 IN - for current values up to 20 IN suggested characteristics for current transformers when differential function are used (6) : Residual current input circuit for connection with summation transformer (5) primary nominal current permanent overload thermal overload (1 s) frequency: - reference value - operative nominal range fN IEN 100 A 1 kA 40 kA 50, 60 Hz (2) 0.95...1.05 fN fN I EN 1 A 5A 4 IEN 100 IEN 50, 60 Hz (2) 0.95...1.05 fN 0.5 VA

5 VA - 5P10 5 VA - 5P20

Da calcolare to be computed

NOTA 5 - I toroidi THYTRONIC sono dimensionati appositamente per l'impiego con i rel di protezione THYTRONIC serie S; essi sono considerati come componenti privi di funzione diretta. NOTA 6 - Per la determinazione delle caratteristiche dei TA impiegati per le protezioni differenziali di terra ristretta 87N si rimanda al paragrafo FUNZIONE DI PROTEZIONE DIFFERENZIALE DI TERRA RISTRETTA 87N.

NOTE 5 - The CTs THYTRONIC are on purpose calculated for the employment with the relays of protection serious THYTRONIC S; they is considered as component deprived of direct function. NOTE 6 - For the characteristics of the CT's employed with restricted earth-fault protection 87N, see the paragraph RESTRICTED EARTHFAULT PROTECTION 87N.

SKC000\08 10-2007

Circuiti di comunicazione interfaccia: mezzo di trasmissione cavo schermato, una coppia intrecciata protocollo: - velocit di trasmissione - parit - numero di stop bit protocollo: - velocit di trasmissione Contatti d'uscita tipo di contatti: scambio corrente nominale tensione nominale durata meccanica durata elettrica potere d'interruzione: - in corrente continua (L/R = 40 ms) - in corrente alternata ( = 0.4) potere di chiusura (0.5 s) Circuito di blocco tipo di circuito: fotoaccoppiatore tensione nominale(6)

Communication circuits interface: transmission medium shielded cable, one twisted pair protocol: - transmission rate - parity - stop bit number protocol: - transmission rate Output contacts type of contacts: change-over nominal current nominal voltage mechanical life electrical life breaking capacity: - direct current (L/R = 40 ms) - alternating current ( = 0.4) permissible current (0.5 s) Blocking circuit circuit type: photocoupler nominal voltage(1) 6V 2 mA nominal current Digital input circuits circuit type: fotoaccoppiatore photocoupler voltage: - nominal range - operative range nominal current Environmental conditions ambient temperature: - nominal range - extreme range storage temperature relative humidity atmospheric pressure -10...+55C -25...+70C -40...+85C 10...95 % 70...110 kPa 24...230 V 18...300 V 18...275 V 2 mA 5A 250 V 106 105 110 V - 0.3 A 220 V - 5 A 30 A AWG 19...24 MODBUS RTU 1.2...9.6 kBd ODD/EVEN/OFF 1,2 THYTRONIC 1 952 Bd RS485

corrente nominale Circuiti d'entrata digitale tipo di circuito: tensione: - campo nominale - campo d'impiego corrente nominale Condizioni ambientali temperatura ambiente: - campo nominale - campo estremo temperatura d'immagazzinaggio umidit relativa pressione atmosferica

NOTA 6 - L'alimentazione al circuito d'uscita di blocco viene fornita dal circuito d'entrata di blocco della protezione a monte.

NOTE 2 - The supply of the output blocking circuit is delivered by the input blocking circuit of the upstream protection relay.

10

SKC000\08 10-2007

SKC
Caratteristiche meccaniche montaggio: incassato sporgente con morsetti anteriori a rack grado di protezione: - per montaggio incassato posizione di montaggio: qualsiasi tipo di custodia massa Prove d'isolamento prova a 50Hz (per 1 min): - circuito di alimentazione ausiliaria - circuiti d'entrata - circuiti d'uscita - circuiti d'uscita (tra i contatti aperti) prova a impulso (1.2/50 s): - circuito di alimentazione ausiliaria - circuiti d'entrata - circuiti d'uscita - circuiti d'uscita (tra i contatti aperti) resistenza d'isolamento Prove d'immunit ai disturbi onda oscillatoria smorzata: - a 0.1 MHz - a 1 MHz impulso ad alta energia: - tensione a vuoto (1.2/50 s) - corrente in corto circuito (8/20 s) onda oscillatoria ad alta energia (0.5 s/0.1 MHz) treni d'impulsi veloci (5/50 ns) tensione applicata: - tensione continua - 50 Hz - 0.01...1 MHz scarica elettrostatica campo magnetico: - 50 Hz - impulso 8/20 s - onda oscillatoria smorzata 0.1 MHz - onda oscillatoria smorzata 1 MHz Norme di riferimento rel elettrici prove climatiche e meccaniche compatibilit elettromagnetica type of case mass Insulation tests test at 50 Hz (for 1 min): - auxiliary supply circuit - input circuits - output circuits - output circuits (between open contacts) impulse test (1.2/50 s): - auxiliary supply circuit - input circuits - output circuits - output circuits (between open contacts) insulation resistance Disturbance tests damped oscillatory wave: - at 0.1 MHz - at 1 MHz high energy pulse: - open circuit voltage (1.2/50 s) - short circuit current (8/20 s) high energy oscillatory wave (0.5 s/0.1 MHz) fast transient bursts (5/50 ns) applied voltage: - direct voltage - 50 Hz - 0.01...1 MHz electrostatic discharge magnetic field: - 50 Hz - pulse 8/20 s - damped oscillatory wave 0.1 MHz - damped oscillatory wave 1 MHz Reference standards electrical relays environmental testing procedures electromagnetic compatibility CEI 41-1 IEC 255 CEI 50 IEC 68 EN 50081-2 EN 50082-2 ENEL REMC02 1 kV 2.5 kV 4 kV 400 A 4 kV 4 kV 250 V 250 V 100 V 15 kV 1 kA/m 1 kA/m 100 A/m 100 A/m 2 kV 2.5 kV 2 kV 1 kV 5 kV 5 kV 5 kV 2.5 kV 100 M Mechanical data mounting: flush projecting, front connection rack protection degree: - for flush mounting mounting position: any F3 3.5 kg IP52

SKC000\08 10-2007

11

4 - CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO
Simbologia Il significato e la funzione dei parametri di taratura e delle altre grandezze del rel SKC sono descritti nel seguente elenco. - Simboli generali
IN I EN Corrente nominale d'entrata di ciascun ingresso amperometrico di fase del rel (1A, 5A). Corrente nominale d'entrata dell'ingresso amperometrico di corrente residua del rel; essa corrisponde alla corrente nominale secondaria dei TA di fase o di un toroide sommatore (1 A, 5 A), oppure espressa come corrente nominale primaria del toroide sommatore THYTRONIC (100 A).

4 - CHARACTERISTICS OF OPERATION
Simbologia The meaning and the function of the setting parameters and variable quantities is described in the following list.

- General symbols
IN I EN Nominal input current of each phase circuit of relay. (1A, 5A). Nominal input current of residual current circuit of relay; it corresponds to the secondary nominal current of the line CT's in case of connection on it common neutral or of the ring type summation transformer (1 A, 5 A), while it is expressed as ampere primary current in case of connection with a ring type summation transformer THYTYRONIC (100 A).

DqB

Sovratemperatura di base : rappresenta la sovratemperatura della macchina corrispondente al funzionamento con corrente I B. I H(L)T Soglia d'intervento relative alle funzioni di massima corrente a tempo dipendente lato H(L). I ET Soglia d'intervento relativa alla funzione di massima corrente residua a tempo dipendente. n T costante di adattamento. INDEP Abbreviazione di tempo INDIPENDENTE. DEP A, B, C Abbreviazione di tempo DIPENDENTE secondo le caratteristiche normalizzate A, B, C. A (1) Tipo di caratteristica d'intervento a tempo dipendente, denominata a tempo inverso, avente indice caratteristico = 0.02. Tipo di caratteristica di intervento a tempo dipendente, denominata a tempo molto inverso, avente indice caratteristico = 1. Tipo di caratteristica di intervento a tempo dipendente, denominata a tempo estremamente inverso, avente indice caratteristico = 2.

DqB

Basic overtemperature: it represents the over-temperature of the transformer corrisponding to the drain of the basic current I B. I H(L)T Operation threshold values concerning the dependent time overcurrent functions side H(L). I ET Operation threshold value for the dependent time residual current function. nT matching constant nT . INDEP Abbreviation of term "INDEPENDENT time". DEP , B, C Abbreviation of term DEPENDENT time according to the characteristics normalized , B, C. A (1) Type of dependent time characteristic curve, referred to as inverse time curve, identified by a characteristic index = 0.02. Type of dependent time characteristic curve, referred to as very inverse time curve, identified by a characteristic index = 1. Type of dependent time characteristic curve, referred to as extremely inverse time curve, identified by a characteristic index = 2.

B(2)

B(2)

C(3)

C(3)

NOTE 1, 2, 3 - Il tempo d'intervento da regolare per le caratteristiche a tempo dipendente tS (tHS, tLS,tES ), corrispondente ad un valore di corrente pari a quatto volte la soglia, pu essere determinato analiticamente secondo le formule sottoindicate:

NOTES 1, 2, 3 - The trip time ttS (tHS, tLS,tES ) for dependent time operating characteristics, corresponding to a current value equal to four times threshold can be computed according to the following formulas:

(I/ Is)0.02 - 1 tS = t 0.028 (I/ Is)1 - 1 tS = t 3 (I/ Is)2 - 1 tS


dove: tS I Is t valore da impostare sul rel, valore di corrente a cui si desidera l'intervento, corrente asintotica di riferimento(corrente di non intervento), tempo d'intervento desiderato alla corrente I.

(I/ Is)0.02 - 1 per I > 1.1Is curva di tipo A(1) tS = t 0.028 (I/ Is)1 - 1 per I > 1.1Is curva di tipo B(2) tS = t 3 (I/ Is)2 - 1 per I > 1.1Is curva di tipo C(3) tS
where: tS I Is t value to be set on the protection relay, current value at desired trip, asymptotic reference current(no trip current), desired trip time at current I.

for I > 1.1Is

type A curve (1)

for I > 1.1Is type B curve (2)

= t 15

= t 15

for I > 1.1Is type C curve (3)

12

SKC000\08 10-2007

SKC
SIDE H Lato High della zona protetta (ad es. lato AT del trasformatore o lato linea del generatore); il suffisso H viene utilizzato per identificare le variabili corrispondenti a tale lato. SIDE L Lato Low della zona protetta (ad es. lato BT del trasformatore o lato centro stella del generatore); il suffisso L viene utilizzato per identificare le variabili corrispondenti a tale lato. SIDE H High side of the protected area (i.e. HV side of the transformer or line side of the generator); the suffix H is used for identifying the variable corresponding to such side. SIDE L Low side of the protected area (i.e. in general LV of the transformer or center star side of the generator); the suffix L is used for identifying the variable corresponding to such side.

- Simboli menu di programmazione (SET)


PRESET Men di selezione del tipo di macchina e del tipo di compensazione. TYPE Tipo di macchina da proteggere (TRASFORMATORE o GENERATORE/MOTORE). COMPENSATION modalit di adattamento di ampiezza e fase delle due terne di correnti del trasformatore; l'adattamento pu essere realizzato internamente (INT) oppure esternamente mediante trasformatori adattatori (EXT). MODE COMMON Men di selezione del modo di funzionamento dei rel finali e di abilitazione della funzione di autodiagnostica. SELF Funzione di autodiagnostica. K1,K2,K3,K4 Rel finali 1...4. DE-ENERGIZED Rel finale normalmente diseccitato. ENERGIZED Rel finale normalmente eccitato. NO LATCHED Rel finale con ripristino automatico. LATCHED Rel finale con ripristino manuale. MODE BANK A(B) Men di selezione destinazione dei rel finali. TR Abbreviazione TRIP (intervento). ST Abbreviazione START (avviamento). ST 2nd REST Assegnazione della funzione di ritenuta di seconda armonica della protezione 87T ad un rel finale. ST 5th REST Assegnazione della funzione di ritenuta di quinta armonica della protezione 87T ad un rel finale. BLOCK OUT Assegnazione della funzione di blocco in uscita a rel finali. BF Assegnazione della funzione di mancata apertura interruttore (Breaker Failure) a rel finali. BASE Men di selezione della configurazione di taratura A/ B, visualizzazione delle misure in modo diretto o relativo, programmazione del valore delle correnti nominali primarie, della polarit dei TA, del tempo minimo di attrazione dei rel finali e di selezione delle funzioni accessorie associate agli ingressi logici. BANK A, BANK B Configurazione di taratura (A o B). RELATIVE READ Visualizzazione delle variabili d'entrata in valore relativo alla corrente nominale. DIRECT READ Visualizzazione delle variabili d'entrata in ampere primari. Frequenza nominale (50 o 60 Hz). fN IENP Corrente nominale primaria dei TA di misura della corrente residua: permette di rappresentare la corrente residua in ampere primari sull'indicatore del rel. INTAH Corrente nominale primaria dei TA di linea posti sul lato H: considerata per l'adattamento interno di ampiezza e fase delle correnti relative ai due lati del trasformatore; essa permette inoltre di rappresentare le correnti di fase in ampere primari sull'indicatore del rel. INTAL Corrente nominale primaria dei TA di linea posti sul lato L, analogamente a INTAH. P1H,P2H,P3H,P1L,P2L,P3L Selezione di polarit dei TA di linea

- Set menu symbols (SET)


PRESET Device and type of compensation selection menu.

TYPE Device to be protected (TRANSFORMER or GENERATOR/ MOTOR). COMPENSATION Settings that define the phase shift and amplitude compensation of the protected transformer; compensation can be internal (INT) or external through CTs adapters (EXT). MODE COMMON Menu of selection of the way of operation of the final relays and qualification of the SEL TEST function. SELF Self test function. Final K1,K2,K3,K4 Final relays 1 ...4. DE-ENERGIZED Normally energized relay. ENERGIZED Normally de-energized relay. NO LATCHED Relay with automatic reset. LATCHED Relay with manual reset. MODE BANK A(B) Selection menu of the final relays assignment. TR Abbreviation TRIP. ST Abbreviation START. ST 2nd REST Allocation of the second harmonic restraint for 87T protection to a final relay. ST 5th REST Allocation of the fifth harmonic restraint for 87T protection to a final relay. BLOCK OUT Allocation of the output block function to final relay. BF Allocation of the Breaker Failure function to final relays.

BASE Selection menu concerning selection of setting bank A/B, visualization of the measures in direct or relative way, setting of the primary nominal valuecurrents, of the CTs polarity, of the minimum lasting time of the operate contition of the trip final relays and selection of the ancillary functions to the digital inputs. BANK A, BANK B setting configuration ( or B). RELATIVE READ Input quantities refererred to nominal current and nominal voltage for display. DIRECT READ Input quantities refererred to Ampere for display. Nominal Frequency (50 or 60 Hz). Nominal primary current of the line current transformers: it enables the residual current of the line to be displayed as primary amperes on the relay front panel. INTAH Primary nominal current of the CTs on the in H side: it is considered for the inside phase and amplitude compensation of the currents related to the two sides of the transformer; it allows besides to represent the phase currents in primary ampere. INTAL Primary nominal current of the CTs on the in L side, likewise to INTAH. P1H, P2H, P3H, P1L, P2L, P3L Line CTs polarity selection as fN IENP

SKC000\08 10-2007

13

come normale o invertita (NORM o INV). t TR Tempo minimo di permanenza in condizione d'intervento dei rel finali. INP1, INP2 Ingressi logici a cui possono essere assegnate le funzioni accessorie sottoelencate: - REM RESET Ripristino a distanza. - BANK SWITCH Commutazione tra configurazioni di taratura comandata da ingresso logico. - TRIG SAVE Memorizzazione delle grandezze misurate comandata da ingresso logico. - BLOCK Ingresso di blocco da contatti. - SYNC TIME Sincronizzazione orologio interno mediante comando applicato ad un ingresso logico. - TCS Funzione di supervisione del circuito di apertura dell'interrutore. COMMUNICATION nicazione. MODBUS RTU THYTRONIC NIC. BAUD RATE PARITY STOP BITS ADDRESS Men di selezione dei parametri di comuProtocollo standard MODBUS. Protocollo proprietario THYTROVelocit di trasmissione. Selezione (Nessuna, Pari, Dispari). Numero di STOP BITS (1 o 2). Indirizzo rel (1...30).

normal or inverted (NORM or INV). t TR Minimum lasting time of the operate condition of trip final relays. INP1, INP2 Digital inputs to which the following ancillary functions can be assigned: - REM RESET Remote reset - BANK SWITCH Selection of setting configuration (BANK A or BANK B). - TRIG SAVE Saving of instantaneous values of input variables by control of logic input. BLOCK Blocking function by means of external contact connect to logic input. SYNC TIME Internal clock syncronization by means of external contact connect to logic input. - TCS Trip Circuit Supervision.

COMMUNICATION parameters . MODBUS RTU THYTRONIC BAUD PARITY Stop BITS ADDRESS

Selection menu of the communication MODBUS standard protocol. THYTRONIC owner protocol. Transmission rate. Selection (None, Even, Odd). Number of stop bit (1 or 2). Relay address (1 ...30).

REAL TIME CLOCK Men di regolazione dei parametri dell'orologio e della data. DATE Impostazione data nel formato giorno.mese.anno. TIME Impostazione orologio nel formato ore.minuti.secondi RESTRAINT Men di programmazione delle soglie di ritenuta d'armoniche che determinano il blocco delle funzioni 87T e 87 G e la maggiorazione delle soglie (quando abilitata nei men relativi alle varie funzioni di protezione). 2ndH REST Soglia di ritenuta di seconda armonica. 5thH REST Soglia di ritenuta di quinta armonica. BCK OUT RESTAbilitazione ai circuiti di uscita di blocco attivata con la ritenuta di seconda armonica della funzione 87T. TRAFO DATA Men di selezione dei parametri del trasformatore; il men presente solo con selezione TYPE: TRANSFORMER nel men preset. Rapporto tra corrente nominale primaria dei TA di I NTAH /INH linea posti sul lato H e corrente nominale del lato H del trasformatore. I NTAL /I NL Rapporto tra corrente nominale primaria dei TA di linea posti sul lato L e corrente nominale del lato L del trasformatore. VECT GROUP Tipo di collegamento degli avvolgimenti e gruppo vettoriale del trasformatore. 49 BANK A(B) Men di regolazione dei parametri relativi alla funzione ad immagine termica. SIDE Selezione del lato della macchina su cui applicare la funzione (H oppure L). IB Corrente di base: rappresenta la corrente di riferimento per la funzione 49, espressa in rapporto alla corrente nominale dei TA. D> Soglia d'intervento della protezione termica espressa in rapporto alla sovratemperatura di base D B. DAL Soglia di allarme della protezione termica, espressa in rapporto alla sovratemperatura di base D B. DIN Valore iniziale di sovratemperatura della funzione termica, impostato automaticamente all'applicazione della

REAL TIME CLOCK Selection menu of the clock and date parameters. DATE Date planning in the format day.month.year. TIME Clock planning in the format hour.minute.seconds RESTRAINT Selection menu of the harmonic restraint thresholds that determines the block of the functions 87T and 87G and the raise of the thresholds (when enabled in the menu related to the various protection functions ). 2ndH REST Second harmonic restraint threshold. 5thH REST Fifth harmonic restraint threshold. BCK OUT RESTBlocking output enabling, actived by the second harmonic function concerning the 87T protection. TRAFO DATA Selection menu of the transformer parameters; the menu occurs only with selection TYPE: TRANSFORMER in the men preset. I NTAH /INH Ratio among nominal primary current of the CTs placed on the in H side and nominal current of the side H of the protected transformer. I NTAL/INL Ratio among nominal primary current of the CTs placed on the in L side and nominal current of the side L of the protected transformer. VECT GROUP Type of winding connection and vectorial group of the protected transformer. 49 BANK A(B) Setting menu of the parameters related to the thermal image function. SIDE Selection of the side of the transformer which to apply the function (H or L). IB Base current: it represents the reference current for the function 49, express in relationship to the nominal current of the CTs. D> Trip threshold of the thermal protection express in relationship to the base overheating DB. DAL Alarm threshold of the thermal protection, express in relative value to the base overheating D B. DIN Initial overheating value of the thermal function, automatically planned to the application of the auxiliary supply of the relay or with command PRESET D, express in relationship to the

14

SKC000\08 10-2007

SKC
tensione ausiliaria del rel o con comando PRESET D, espressa in rapporto alla sovratemperatura di base DB. T+ Costante di riscaldamento: rappresenta la costante di tempo del modello termico. TCostante di raffreddamento: rappresenta la costante di tempo del modello termico, posta uguale a quella di riscaldamento T+. KINR Coefficiente di riduzione della corrente termica equivalente, applicato in presenza di ritenuta di seconda armonica della protezione 87T. 50-51,H(L),BANK A(B)Men di regolazione dei parametri relativi alle funzione di protezione di massima corrente del lato H e del lato L. I H(L)>, I H(L)>>, I H(L)>>> Soglie d'intervento relative alle funzioni di massima corrente a tempo indipendente relative al lato H(L). tH(L)>, tH(L)>>, tH(L)>>> Tempi d'intervento relativi alle funzioni di massima corrente a tempo indipendente relative al lato H(L). IH(L)R>, I H(L)R>>, I H(L)R>>> Soglie d'intervento maggiorate relative alle funzioni di massima corrente a tempo indipendente del lato H(L), applicate durante il tempo in cui attiva la ritenuta di seconda armonica per la protezione 87T. Abilitazione delle soglie d'interREST I H(L)>, I H(L)>>, IH(L)>>> vento maggiorate (RESTRAINT) per le funzioni di massima corrente a tempo indipendente del lato H(L). BF I H(L)>, IH(L)>>, IH(L)>>> Assegnazione delle soglie I H(L)>, I H(L)>>, IH(L)>> alla funzione BF (Breaker Failure). IH(L)S Correnti asintotiche di riferimento per la determinazione dei tempi d'intervento delle funzioni di massima corrente a tempo dipendente relative al lato H(L). tH(L)S Tempo di riferimento per le funzioni di massima corrente a tempo dipendente del lato H(L), corrispondente al tempo d'intervento relativo a un valore di corrente pari a 4I S. IH(L)SR Soglie d'intervento maggiorate relative alle funzioni di massima corrente a tempo dipendente del lato H(L), applicate durante il tempo in cui attiva la ritenuta di seconda armonica per la protezione 87T. REST IH(L)S Abilitazione delle soglie d'intervento maggiorate (RESTRAINT) per le funzioni di massima corrente a tempo dipendente del lato H(L). BF I H(L)S Asseganzione della soglia I H(L)S alla funzione BF (Breaker Failure). BCK IN(OUT)tH(L)>>,tH(L)>>> Assegnazione delle soglieI H(L)>>, I H(L)>>> all'ingresso (uscita) di blocco (l'ingresso relativo ai circuiti di blocco e/o ingressi digitali, l'uscita relativa a circuiti di blocco e/o rel finali). tH(L)>>b, t H(L)>>>b Tempi d'intervento associati alle soglie t H(L)>> e t H(L)>>>, attivati in sostituzione di tH(L)>> o tH(L)>>> quando la relativa funzione predisposta con il blocco in entrata. IBKI(O )tH(L)>>,tH(L)>>> Assegnazione all'ingresso (uscita) di blocco (segnali interni) delle soglie I H(L)>>, I H(L)>>>. 50N-51N/87N (A) o (B) Men di regolazione dei parametri relativi alla funzioni di protezione da guasto a terra. IE >, IE>>, I E>>> Soglie d'intervento relative alle funzioni di protezione da guasto a terra a tempo indipendente. tE >, tE>>, t E>>> Tempi d'intervento relativi alle funzioni di protezione da guasto a terra a tempo indipendente. IER>, I ER>>, I ER>>> Soglie d'intervento maggiorate relative alle funzioni di protezione dai guasti a terra, valide durante il tempo in cui attiva la ritenuta di seconda armonica per la protezione 87T. RESTI E>, IE>>, IE>>> Abilitazione soglie d'intervento maggiorate (RESTRAINT) per le funzioni di protezione da guasti a terra overheating of basic DB. Heating time constant: it represents the time constant of the thermal model. TCooling time constant: it represents the constant of time of the thermal model, sets equal to that of heating T+. T+ KINR Reductioncoefficient of the equivalent thermal current, applied in presence of second harmonic restraint of 87T protection. 50-51,H(L),BANK A(B) Setting menu of the parameters related to the overcurrent protection function of the sides H and L. I H(L)>, I H(L)>>, I H(L)>>> Operation threshold values concerning the independent time overcurrent protection functions related to the H(L) side. tH(L)>, tH(L)>>, tH(L)>>> Operation time values concerning the independent time overcurrent protection functions related to the H(L) side. IH(L)R>, I H(L)R>>, I H(L)R>>> Raised trip thresholds concerning the independent time overcurrent function of the H(L) side, made active when the second harmonic restraint the 87T protection. REST I H(L)>, IH(L)>>, IH(L)>>> Enabling of the raised thresholds (RESTRAINT) for the independent time overcurrent functions related to the H(L) side. BF IH(L) >, I H(L)>>, I H(L)>>> Assignment of the I H(L)>, I H(L)>>, IH(L)>>thresholds to the BF function (Breaker Failure). IH(L)S Asymptotic referencecurrents for the determination of the trip times of the overcurrent functions to dependent time related to the H(L) side. tH(L)S Reference time concerning the dependent time overcurrent function, represented by the operation time corresponding to a current value equal to 4 I S on the H(L) side. IH(L)SR Raised trip thresholds concerning the dependent time overcurrent functions to of the H(L) side, made active when the second harmonic restraint the 87T protection. REST IH(L)S Enabling of the raised thresholds (RESTRAINT) for the dependent time overcurrent functions related to the H(L) side. BF I H(L)S Assignement of the I H(L)S threshold to the BF function (Breaker Failure). BCK IN(OUT)tH(L)>>,tH(L)>>> Assignment of the IH(L)>>, IH(L)>>> thresholds to the block input (output) function (the input is related to the block circuits and/or digital inputs, the output is related to block circuits and/or final relays). tH(L)>>b, tH(L)>>>b Operation time values concerning the overcurrent protection functions, which are activated in place of t H(L)>> o t H(L)>>> when the corresponding function is preset with input blocking. IBKI(O)tH(L)>>, tH(L)>>> setting to the block input (output) functions (inside signals) of the II H(L)>>, I H(L)>>> thresholds. 50N-51N/87N (A) o (B) Setting of the parameters concerning the earth fault protection functions. IE>, IE>>, I E>>> Operation threshold values concerning the independent time earth fault protection functions. tE>, t E>>, t E>>> Operation time values concerning the independent time non-directional residual overcurrent protection functions. IER>, I ER>>, I ER>>> Raised trip thresholdsconcerning the independent time earth fault protection functions made active when the second harmonic restraint the 87T protection. RESTI E>, IE>>, IE>>> Enabling of the raised thresholds (RESTRAINT) for the independent time earth fault functions.

SKC000\08 10-2007

15

a tempo indipendente. BF IE>, IE >>, IE>>> Assegnazione delle soglie I E>, IE>>, IE>>> alla funzione BF (Breaker Failure). IES Corrente asintotica di riferimento per la determinazione del tempo d'intervento della funzione di protezione da guasto a terra a tempo dipendente. tES Tempo di riferimento per la funzione di protezione da guasto a terra a tempo dipendente, corrispondente al tempo d'intervento relativo a un valore di corrente pari a 4I EMS. I ESR Soglia d'intervento maggiorata relativa alle funzioni di protezione da guasto a terra a tempo dipendente, valida durante il tempo in cui attiva la ritenuta di seconda armonica per la protezione 87T. REST IES Abilitazione della soglia d'intervento maggiorata (RESTRAINT) per la funzione di protezione da guasto a terra a tempo dipendente. BF I ES Assegnazione della soglia I ES alla funzione BF (Breaker Failure). BCK IN(OUT) tE>>, tE>>> Assegnazione delle soglie I E>>, I E >>> all'ingresso (uscita) di blocco (l'ingresso relativo ai circuiti di blocco e/o ingressi digitali, l'uscita relativa a circuiti di blocco e/o rel finali). Tempi d'intervento associati alle sot E>>b, tE>>>b glie t E>> e t E>>>, attivati in sostituzione di t E >> o t E>>> quando la relativa funzione predisposta con il blocco in entrata. IBKI(O) tE>>, tE>>> Assegnazione all'ingresso (uscita) di blocco (segnali interni) delle soglie I E>>, IE>>>. 87T(87G), BANK A(B) Men di regolazione dei parametri relativi alla funzione di protezione differenziale di corrente per trasformatore (o generatore); il men corispondente viene selezionato con la scelta TYPE nel men PRESET. Id> Soglia d'intervento minima, operante fino a valori di IR determinati dalla intersezione con il tratto della caratteristica d'intervento avente pendenza K1 (vedere caratteristica d'intervento). td> Tempo d'intervento della funzione di protezione differenziale relativo ai primi tre tratti della caratteristica di intervento. Id>> Soglia d'intervento priva di compensazione percentuale e di ritenuta d'armoniche . td>> Tempo d'intervento relativo alla soglia I d>>; la regolazione fissa ed uguale a t d>. BF Id>, I d>> Assegnazione delle soglie I d>, I d>> alla funzione BF (Breaker Failure). K1 Pendenza del secondo tratto della caratteristica di intervento per la compensazione percentuale (vedere caratteristica d'intervento). K2 Pendenza del terzo tratto della caratteristica di intervento per la compensazione percentuale (vedere caratteristica d'intervento). Q Parametro che determina l'intersezione con l'asse verticale del secondo tratto della caratteristica di intervento di pendenza K2 (vedere caratteristica d'intervento). BCK IN(OUT) td Assegnazione delle soglie Id> e I d>> all'ingresso (uscita) di blocco (l'ingresso relativo ai circuiti di blocco e/ o ingressi digitali, l'uscita relativa a circuiti di blocco e/o rel finali). BLOCK BANK A(B) Men di regolazione dei parametri relativi alla funzione di blocco (logica accelerata). tB Tempo massimo di attivazione del segnale di blocco in ingresso. tF Tempo di ritardo alla ricaduta del segnale d'uscita di blocco con filo pilota.

BF IE>, IE >>, IE>>> Assignment of the I E>, IE>>, I E>>> thresholds to the BF function (Breaker Failure). IES Asymptotic reference current for the determination of the operation time for dependent time residual current function. tES Reference time concerning the dependent time residual overcurrent function, represented by the operation time corresponding to a current value equal to 4 I ES. I ESR Raised trip threshold concerning the dependent time earth fault protection functions, made active when the second harmonic restraint the 87T protection. REST IES Enabling of the raised threshold (RESTRAINT) for the dependent time earth fault t function. BF I ES Assignment of the threshold I ES to the BF function (Breaker Failure). BCK IN(OUT) tE>>, tE>>> Assignment of the I E>>, I E>>> thresholds to the block input (output) function (the input is related to the block circuits and/or digital inputs, the output is related to block circuits and/or final relays). t E>>b, tE>>>b Operation time values concerning the residual overcurrent functions, which are activated in place of t E >> o t E>>> when the corresponding function is preset with input blocking. IBKI(O) tE>>, tE>>> setting to the block input (output) functions (inside signals) of the IE>>, IE>>> thresholds . 87T(87G), BANK A(B) Setting of the parameters concerning the differential protection for transformer (or generator); the corresponding menu is selected with the choice TYPE in the PRESET menu . Id> Least trip threshold, working up to I R values determined by the intersection with the line of the operation characteristic with slope K1 (see operation characteristic). td> Operation time of the differential protection function related to the first three lines of the operation characteristic.

Id>> Operation threshold unaffected by percentage compensation and harmonic restraint. td>> Operation time value related to the II d>> threshold ; the regulation is just the same to t d> and can't be changed. BF I d>, Id>> Assignment of the Id>, I d>> thresholdst o the BF function (Breaker Failure). K1 Slope of the second line of the trip characteristic for the percentage compensation (see operation characteristic). K2 Slope of the third line of the trip characteristic for the percentage compensation (see trip characteristic).

Parameter that it defines the intersection with the vertical axis of the second line of the trip characteristic of slope K2 (see trip characteristic). BCK IN(OUT) td Assignment of the and I d> I d>> >> thresholds to the block input (output) function (the input is related to the block circuits and/or digital inputs, the output is related to block circuits and/or final relays). BLOCK BANK A(B) Setting of the parameters concerning the block function (accelerated logic). tB Maximum switch-on time of the blocking input signal. tF Drop-out time delay of the blocking output signal. Inputpilot wire enable (block circuits); when the

EN PULSE IN

16

SKC000\08 10-2007

SKC
EN PULSE IN Abilitazione del circuito d'ingresso da filo pilota (circuiti di blocco); quando la logica di blocco viene realizzata soltanto con ingresso logico deve essere disabilitato il controllo del filo pilota in ingresso. EN PULSE OUT Abilitazione uscita dell'impulso di controllo della continuit del filo pilota (circuiti di blocco). tF INT Tempo di ritardo alla ricaduta dello stato logico di blocco in uscita relativo a funzioni di protezione interne al rel SKC. BREAK FAIL,BANK A(B) Men di regolazione della funzione di mancata apertura interruttore. tBF Tempo di ritardo per il comando di apertura di un interruttore a monte a seguito della mancata apertura dell'interruttore associato alla protezione. intertrip logic is operated by means logic input only, the pilot wire input control must be disabled. EN PULSE OUT Control output pulse enable, intended for monitoring of pilot wire continuity (block circuits). tF INT Drop-out time delay of the blocking output logical stareconcerning the protective function inside to SKC.

BREAK FAIL,BANK A(B) Setting of the parameters concerning the breaker failure function. tBF Operation time value concerning the time delay for the opening command of an upstream breaker following the missed opening of the breaker associated to the protection.

- Reading menu symbols (READ) - Simboli menu di lettura (READ)


IL1H , IL2H , IL3H Correnti d'entrata del rel misurate per ciascuna fase del lato H. IL1L, IL2L, IL3L Correnti d'entrata del rel misurate per ciascuna fase del lato L. Corrente d'entrata del rel relativa al circuito IE d'ingresso per la misura della corrente residua. D Sovratemperatura del trasformatore, calcolata mediante la funzione ad immagine termica in base alla misura delle correnti assorbite ed espressa in valore relativo alla sovratemperatura di base DB. Id1-L1, Id1-L2, I d1-L3 Componente fondamentale (50 o 60 Hz) della corrente differenziale, determinata per ciascuna fase dalla differenza vettoriale delle correnti di fase dei due lati (previo loro adattamento in caso di adattamento interno). Id2-L1, Id2-L2, I d2-L3 Componente di seconda armonica (100 o 120 Hz) della corrente differenziale. Id5-L1, Id5-L2, I d5-L3 Componente di quinta armonica (250 o 300 Hz) della corrente differenziale. IR-L1, I R-L2, IR-L3 Corrente antagonista che determina la caratteristica d'intervento a percentuale variabile; essa determinata per ogni fase come media aritmetica tra le correnti di fase dei due lati (previo loro adattamento in caso di adattamento interno). I L1L, IL2L, I L3LCorrente cumulativa interrotta da ciascun polo dell'interruttore sul lato L. I L1H, I L2H, IL3H Corrente cumulativa interrotta da ciascun polo dell'interruttore sul lato H. TRIP I>, TRIP I>>... Numero d'interventi relativi alle singole soglie delle funzioni di protezione. DATA ed ORA attuali Orologio calendario. CODICE Codifica completa del rel (es:SKCC72). SERIAL Numero di serie del rel. FIRMWARE Versione del firmware (es:CP3070). IL1H , IL2H , I L3H Input currents of the relay measured for every phase of the side H. IL1L, IL2L, IL3L Input currents of the relay measured for every phase of the side L. IE Input current to the residual current circuit of relay. D It represents the over-temperature of the transformer, computed from the measurement of the line currents, by means of a thermal model and express in value related to the basic overheating DB. Id1-L1, I d1-L2, Id1-L3 Fundamental component (50 or 60 Hz) of the differential current, determined for every phase by the vectorial difference from the phase currents of the two sides (after compensation in case of inside adaptation). Id2-L1, Id2-L2, I d2-L3 Second harmonic component (100 or 120 Hz) of the differential current. Id5-L1, Id5-L2, I d5-L3 Fifth harmonic component (250 or 300 Hzes) of the differential current. IR-L1, I R-L2, I R-L3 Restraint current that determines the characteristic of percentage varying trip; it is determined for every phase as it arithmetic mean among the currents of phase of the two sides (after compensation in case of inside adaptation). IL1L, IL2L, I L3LCumulative current switched by each pole of the circuit breaker on the side L. I L1H, I L2H, IL3H Cumulative current switched by each pole of the circuit breaker on the side H. TRIP I>, TRIP I >>... Number of the trips performed for each protection function. DATE and HOUR Clock calendar. CODICE Full code of the relay (es:SKCC72). SERIAL Relay serial number. FIRMWARE Firmware release (i.e.CP3070).

- Other messages - Altri messaggi


EVENT TRIP BREAK FAIL EVENT TRIP BREAK FAIL

SKC000\08 10-2007

17

Regolazioni I valori di taratura delle soglie, dei tempi d'intervento e dei parametri di funzionamento sono riportati nella seguente tabella.

Settings The setting values of operation thresholds, times and parameters for all the functions of the relay are indicated in the following table.

FUNZIONE FUNCTION

SOGLIA D'INTERVENTO OPERATION THRESHOLD VALORE DI RIFERIMENTO SETTING VALUE VALORE DI SOGLIA THRESHOLD VALUE CAMPO DI REG. SETTING RANGE RISOL. RESOL.

TEMPO D'INTERVENTO OPERATION TIME

COD. CODE BASE

RIF. REF. fN

CAMPO DI REG. SETTING RANGE 50, 60 Hz

RISOL. RESOL.

CAMPO DI REG. SETTING RANGE

RISOL. RESOL.

IN TA H 10 A...10.0 kA
10...499 A 500...4 990 A 5.0...10.0 kA 1A 10 A 0.1 kA

IN TA L

10 A...10.0 kA
10...499 A 500...4 990 A 5.0...10.0 kA 1A 10 A 0.1 kA

IENP

1 A...10 000 A 1...499 A


500...4 990 A 5.0...10.0 kA

1 A
10 A 0.1 KA

P1H P1H P3H P1L P2L P3 L

NORM / INV NORM / INV NORM / INV NORM / INV NORM / INV NORM / INV t TR 0.01...1.00 s 0.01 s

RESTRAINT

2ndH REST 10...50% Id 5thH REST 15...50% Id

1% 1%

TRAFO DATA(1) INTAH/INH INTAL/INL 0.50...2.50 0.50...2.50 0.01 0.01

VECT GROUP Yy0, Yy6, Yd1, Yd3, Yd5, Yd7, Yd9, Yd11, Dy1, Dy3, Dy5, Dy7, Dy9, Dy11, Dd0, Dd6 49 (2) D> IB 0.30...1.50 I N 0.01I N D> DAL DIN K INR 1.2 D B 0.3...1.2 D B 0.1 DB 0...1.0 D B 0.1 DB 1.0...2.0 0.1 T+ TNOTA 1 - Disponibile solo con selezione TYPE: TRANSFORMER. NOTA 2 - Disponibile solo con selezione TYPE: TRANSFORMER COMPENSATION: INTERNAL.

1...180 min T+

1 min

Note 1 - Available only with selection TYPE: TRANSFORMER. Note 2 - Available only with selection TYPE: TRANSFORMER and COMPENSATION: INTERNAL.

18

SKC000\08 10-2007

SKC
FUNZIONE FUNCTION TIPO DI CURVA CURVE TYPE COD. CODE RIF. REF. SOGLIA D'INTERVENTO OPERATION THRESHOLD VALORE DI RIFERIMENTO SETTING VALUE CAMPO DI REG. SETTING RANGE RISOL. RESOL. VALORE DI SOGLIA THRESHOLD VALUE CAMPO DI REG. SETTING RANGE RISOL. RESOL. CAMPO DI REG. SETTING RANGE RISOL. RESOL. TEMPO D'INTERVENTO OPERATION TIME

50-51,H
(1)

I H>

INDEP

I H>

0.200...10.00 I N
0.200...0.999 IN 1.00...10.00 IN 0.001 IN 0.01 IN

t H>

0.05...180 s
0.05...9.99 s 10.0...99.9 s 100...180 s 0.01 s 0.1 s 1s

I HR> DEP A,B,C I HSR I H>> INDEP I HS 0.200...2.50 IN


0.200...0.999 IN 0.001 IN 1.00...2.50 IN 0.01 I N

I HR> I HT I HSR I H>>

I H>...10.0 I N 1.1 I HS I HS...2.50 I N I H>...40.0 I N


0.200...0.999 IN 1.00...9.99 IN 10.0...40.0 IN 0.001 IN 0.01 IN 0.1 IN

t HS

0.10...60.0 s
0.10...9.99 s 10.0...60.0 s 0.01 s 0.1 s

t H>>

0.03...10.00 s

0.01 s

t H>>b(2) I HR>> I H>>> INDEP I HR>> I H>>> I H>>...40.0 I N I H>>...40.0 I N


0.200...0.999 IN 1.00...9.99 IN 10.0...40.0 IN 0.001 IN 0.01 IN 0.1 IN

0.05...10.00 s

0.01 s

t H>>>

0.03...10.00 s

0.01 s

t H>>>b(2) I HR>>> I HR>>>I H>>>...40.0 I N

0.05...10.00 s

0.01 s

50-51,L
(1)

I L>

INDEP

I L>

0.200...10.00 I N
0.200...0.999 IN 1.00...10.00 IN 0.001 IN 0.01 IN

t L>

0.05...180 s
0.05...9.99 s 10.0...99.9 s 100...180 s 0.01 s 0.1 s 1s

I LR > DEP A,B,C I LSR I L>> INDEP ILS 0.200...2.50 IN


0.200...0.999 IN 0.001 IN 1.00...2.50 IN 0.01 I N

I LR> I LT I LSR I L>>

I L>...10.0 I N 1.1 I LS I LS>...2.50 I N I L>...40.0 I N


0.200...0.999 IN 1.00...9.99 IN 10.0...40.0 IN 0.001 IN 0.01 IN 0.1 IN

t LS

0.10...60.0 s
0.10...9.99 s 10.0...60.0 s 0.01 s 0.1 s

t L>>

0.03...10.00 s

0.01 s

t L>>b(2) I LR>> I L>>> INDEP I LR>> I L>>> I L>>...40.0 I N I L>>...40.0 I N


0.200...0.999 IN 1.00...9.99 IN 10.0...40.0 IN 0.001 IN 0.01 IN 0.1 IN

0.05...10.00 s

0.01 s

tL>>>

0.03...10.00 s

0.01 s

t L>>>b(2) I LR >>>
NOTA 1 - Non disponibile con selezione COMPENSATION: EXTERNAL NOTA 2 - Il tempo d'intervento t H(L)>>b (e/o t H(L)>>>b) risulta attivato in sostituzione di tH(L)>> (e/o tH(L)>>>) qualora il segnale d'entrata di blocco sia programmato per la funzioneIH(L)>> (e/o IH(L)>>>). In tal caso il tempo t H(L)>> (e/o tH(L) >>>) assume automaticamente la sua funzione in caso d'interruzione nel filo pilota relativo al segnale d'entrata di blocco.

0.05...10.00 s

0.01 s

I LR >>> I L>>>...40.0 I N
NOTE 1 - Not available with selection COMPENSATION: EXTERNAL NOTE 2 - The operation timetH(L)>>b (e/ot H(L)>>>b) is enabled in lieu oftH(L)>> (e/o tH(L) >>>) whenever the input blocking signal is assigned to the function IH(L)>> (and/orIH(L)>>>). In such a circumstance the timetH(L)>> (and/or tH(L) >>>) automatically resumes its function in case of an interruption in the pilot wire concerning the input blocking signal.

SKC000\08 10-2007

19

FUNZIONE FUNCTION

TIPO DI CURVA CURVE TYPE

SOGLIA D'INTERVENTO OPERATION THRESHOLD VALORE DI RIFERIMENTO SETTING VALUE CAMPO DI REG. SETTING RANGE RISOL. RESOL. VALORE DI SOGLIA THRESHOLD VALUE CAMPO DI REG. SETTING RANGE
I E>

TEMPO D'INTERVENTO OPERATION TIME

COD. CODE
50N-

RIF. REF.
I E> INDEP

RISOL. RESOL.

CAMPO DI REG. SETTING RANGE


0.05...180 0.05...9.99 10.0...99.9 100...180 s s s s

RISOL. RESOL.

0.005...0.500 IEN 0.001 IEN tE>

51N/ 87N I ER>


DEP A,B,C I ES

0.01 s 0.1 s 1s

I ER>
0.020...0.500 IEN 0.001 IEN I E T

I E>...0.500 I EN
1.1 IES tES 0.10...60.0 s 0.10...9.99 s 10.0...60.0 s 0.01 s 0.1 s

I ESR

I ESR

I ES...0.500 I EN

I E>>

INDEP

I E>>

I E>...2.00 I EN
0.020...0.999 IEN 0.001 IEN 1.00...2.00 IEN 0.01 IEN

t E>> t E>>b(2)

0.04...10.00 s 0.06...10.00 s

0.01 s 0.01 s

I ER>>

I ER>> I E>>...2.00 I EN

I E>>>

INDEP

I E>>> I E>>...2.00 I EN
0.020...0.999 IEN 0.001 IEN 1.00...2.00 IEN 0.01 IEN

t E>>

0.04...10.00 s

0.01 s

t E>>>b(2) I ER>>> I ER>>> I E>>>...2.00 I EN

0.06...10.00 s

0.01 s

87T (3)

Id> K1 K2 Q Id>>

INDEP

Id> K1 K2 Q Id>>

0.10...1.50 I N 10...50 % 40...100 % 0.2...3.0 I N 3.0...30.0 I N

0.01 I N t d> 1% 1% 0.1 IN 0.1 IN t d>>

0.04...2.00 s

0.01 s

t d>

87G (4)

Id> K1 K2 Q Id>>

INDEP

Id> K1 K2 Q Id>>

0.10...1.50 I N 10...50 % 40...100 % 0.2...3.0 I N 3.0...30.0 I N

0.01 I N t d> 1% 1% 0.1 IN 0.1 IN t d>>

0.04...2.00 s

0.01 s

t d>

NOTA 2 - Per quanto riguarda i tempitE >>b e tE>>>b, vedere NOTA 2 a pagina precedente. NOTA 3 - Non disponibile con selezione TYPE:MOTOR/GENERATOR NOTA 4 - Non disponibile con selezione TYPE:TRANSFORMER

NOTE 2 - As it regards the times tE>>b and tE>>> b, see Note 2 to preceding page. NOTE 3 - Not available with selection TYPE:MOTOR/GENERATOR NOTE 4 - Not available with selection TYPE:TRANSFORMER

20

SKC000\08 10-2007

SKC
FUNZIONE FUNCTION TIPO DI CURVA CURVE TYPE COD. CODE BLOCK RIF. REF. SOGLIA D'INTERVENTO OPERATION THRESHOLD VALORE DI RIFERIMENTO SETTING VALUE CAMPO DI REG. SETTING RANGE RISOL. RESOL. VALORE DI SOGLIA THRESHOLD VALUE CAMPO DI REG. SETTING RANGE RISOL. RESOL. CAMPO DI REG. SETTING RANGE tB tF tF INT 0.100 I N (1) 0.100 I EN (1) RISOL. RESOL. TEMPO D'INTERVENTO OPERATION TIME

0.10...10.0 s 0.01 s 0.00...1.00 s 0.01 s 0.00...1.00 s 0.01 s

BF

tBF

0.05...10.0 s

0.01 s

TCS 30 s

NOTA 1 - La soglia di discriminazione per la condizione di interruttore aperto/ chiuso fissa ai valori indicati; per le funzioni di guasto a terra, la funzione BF operativa con correnti di guasto superiori.

NOTE 1 - Discrimination threshold for the condition of the circuit breaker open/closed is fixed to the suitable values; for the earth fault functions, the function BF operates with greater fault currents.

SKC000\08 10-2007

21

Ripristino e tempi di risposta


FUNZIONE FUNCTION COD. CODE 49 50-51, H RIF. REF. D> IH > I H>> I H>>> I L> I L>> I L>>> RESETTING RATIO RESETTING TIME RAPPORTO DI RIPRISTINO TEMPO DI RIPRISTINO

Reset and reaction times


TEMPO D'AVVIAMENTO STARTING TIME TEMPO D'INERZIA OVERSHOOT TIME VALORI DI RIFERIMENTO REFERENCE VALUES RIPOSO REST 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 INTERVENTO OPERATION 1.5 I H> (1) 2.5 IH>> 2.5 IH>>> 1.5 I L>(1) 2.5 I L>> 2.5 I L>>> 1.5 I E>(1) 2.5 IE>> 2.5 IE>>> 2.5 I d> 2.5 I d>> 2.5 I d> 2.5 I d>>

0.95...0.98 0.95...0.98 0.95...0.98 0.95...0.98 0.95...0.98 0.95...0.98 0.95...0.98 0.95...0.98 0.95...0.98 0.95...0.98 0.93...0.96 0.93...0.96 0.93...0.96 0.93...0.96

0.06 s 0.06 s 0.06 s 0.06 s 0.07 s 0.07 s 0.07 s 0.08 s 0.08 s 0.06 s 0.06 s 0.06 s 0.06 s

0.04 s 0.03 s 0.03 s 0.04 s 0.03 s 0.03 s 0.06 s 0.04 s 0.04 s 0.04 s 0.04 s 0.04 s 0.04 s

0.02 s 0.02 s 0.02 s 0.02 s 0.02 s 0.02 s 0.03 s 0.03 s 0.03 s 0.02 s 0.02 s 0.02 s 0.02 s

50-51, L

50N-51N/ IE> 87N IE>> IE>>> 87T Id> Id>> Id> Id>>

87G

I tempi di risposta (intervento, ripristino, inerzia) sono riferiti ad una variazione della grandezza d'entrata dal valore di riferimento di riposo al valore di riferimento d'intervento e viceversa. I valori indicati per il tempo d'inerzia si riferiscono alla taratura minima del tempo d'intervento.

The reaction times (operation, resetting, overshoot) are determined with an input quantity variation from rest reference value to operation reference value and vice versa. The declared values for the overshoot time are applicable with the lower setting value of the operation time.

NOTA 1 - Nel caso di selezione della funzione a tempo dipendente, si assume 4 IHS (ovvero 4 ILS o 4 IES ) quale valore di riferimento d'intervento.

NOTE 1 - When a dependent time function is selected, 4 IS (or respectively 4 IES, or 4 IEDS) is assumed as operation reference value.

22

SKC000\08 10-2007

SKC
Precisione
FUNZIONE FUNCTION COD. CODE 49 50-51, H RIF. REF. D> I H> INDEP DEP A DEP B DEP C INDEP INDEP INDEP DEP A DEP B DEP C INDEP INDEP INDEP DEP A DEP B DEP C INDEP INDEP INDEP INDEP INDEP INDEP CURVA CURVE

Accuracy
PRECISIONE SOGLIA D'INTERVENTO OPERATION THRESHOLD ACCURACY ERRORE MEDIO MEAN ERROR 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% 5% PRECISIONE TEMPO D'INTERVENTO OPERATION TIME ACCURACY ERRORE DI FED. CONSISTENCY 1 % + 0.1 s 0.5 % + 5 ms 1 % + 5 ms 1.5 % + 5 ms 2.5 % + 5 ms 0.5 % + 5 ms 0.5 % + 5 ms 0.5 % + 5 ms 1 % + 5 ms 1.5 % + 5 ms 2.5 % + 5 ms 0.5 % + 5 ms 0.5 % + 5 ms 0.5 % + 5 ms 1 % + 5 ms 1.5 % + 5 ms 2.5 % + 5 ms 0.5 % + 5 ms 0.5 % + 5 ms 0.5 % + 5 ms 0.5 % + 5 ms 0.5 % + 5 ms 0.5 % + 5 ms VARIAZIONE VARIATION 2% 0.5 % 5 ms 1 % 5 ms 1.5 % 5 ms 2.5 % 5 ms 0.5 % 5 ms 0.5 % 5 ms 0.5 % 5 ms 1 % 5 ms 1.5 % 5 ms 2.5 % 5 ms 0.5 % 5 ms 0.5 % 5 ms 0.5 % 5 ms 1.5 % 5 ms 2.5 % 5 ms 2.5 % 5 ms 0.5 % 5 ms 0.5 % 5 ms 0.5 % 5 ms 0.5 % 5 ms 0.5 % 5 ms 0.5 % 5 ms

ERR. DI FED. VARIAZIONE ERRORE MEDIO CONSISTENCY VARIATION MEAN ERROR 1% 1 1 1 1 % % % % 2% 1% 1% 1% 1% 1% 1% 1% 1% 1% 1% 1% 1% 1.5 1.5 1.5 1.5 % % % % 7.5 % 1 % 5 ms 2.5 % 5 ms 5 % 5 ms 7.5 % 5 ms 1 % 5 ms 1 % 5 ms 1 % 5 ms 2.5 % 5 ms 5 % 5 ms 7.5 % 5 ms 1 % 5 ms 1 % 5 ms 1 % 5 ms 2.5 % 5 ms 5 % 5 ms 7.5 % 5 ms 1 % 5 ms 1 % 5 ms 1 % 5 ms 1 % 5 ms 1 % 5 ms 1 % 5 ms

I H>> I H>>> 50-51, L I L>

1% 1% 1 1 1 1 % % % %

I L>> I L>>> 50N-51N/ 87N IE>

1% 1% 1 1 1 1 % % % %

I E>> IE>>> 87T Id> Id>> 87G Id> Id>>

1% 1% 1% 1% 1% 1%

1.5 % 1.5 % 1% 1% 1% 1%

La colonna VARIAZIONE indica la massima variazione dell'errore medio, dovuta alla variazione di ciascuna grandezza d'influenza entro il proprio campo nominale d'impiego. La precisione del tempo d'intervento per la funzione termica si riferisce a valori di corrente pari a 6 IB; per altri valori l'errore medio deve essere ricavato dal relativo diagramma di fig.7 La precisione del tempo d'intervento per le funzioni a tempo dipendente si riferisce a valori di corrente pari a 10...20 IHS (ovveroILS, IES); per valori inferiori l'errore medio deve essere ricavato dai relativi diagrammi. L'errore di fedelt e la variazione dell'errore medio aumentano essi pure in proporzione all'errore medio. La precisione delle soglie di intervento relative alla funzione 87T e 87G, riferita alle seguenti tarature: Id>=0,2 IN, K1=40%, K2=40%, Q=3 IN, Id>>=10IN.

The column VARIATION shows the maximum variation of the mean error, due to the variations of each influencing quantity within its operative nominal range. The accuracy of the operation time for the thermal function refers to a current value of 6 IB; for different values, the mean error must be derived from the diagrams of fig. 7. The accuracy of the operation time for the dependent time functions refers to current values of 10...20IS (or IES, I EDS); for lower values the mean error must be derived from the corresponding diagrams. The consistency error and the variation of the mean error also grow proportionally to the mean error. The accuracy of the thresholds of the protective functions 87T and 87G is referred to the followings settings:Id>=0,2IN, K1=40%, K2=40%, Q=3 IN, Id>>=10IN.

SKC000\08 10-2007

23

CARATTERISTICHE D'INTERVENTO

OPERATING CHARACTERISTICS

Fig. 1, 2 - Caratteristica generale d'intervento per la funzione di massima corrente (50-51 lato L e lato H).

Fig. 1, 2 - General operation time characteristic curve for the overcurrent function (50-51side L and H).

Fig. 3, 4 - Caratteristica generale d'intervento per la funzione di massima corrente residua (50N-51N/87N).

Fig. 3, 4 - General operation time characteristic curve for the residual current function (50N-51N/87N).

24

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 5 - Caratteristica generale d'intervento delle funzioni di protezione differenziale per trasformatore (87T) e generatore/motore/linea corta (87G).

Fig. 5 - General operation time characteristic curve for the transformer (87T) and generator/motor/short line (87G) differential protective functions.

Fig. 6 - Zone di intervento/non intervento della caratteristica d'intervento della funzione di protezione differenziale per trasformatore (87T) e generatore/motore/linea corta (87G).

Fig. 6 - Operation/no operation zones of the characteristic curve for the transformer (87T) generator/motor/short line (87G) differential protective functions.

Fig. 7 - Zona di ritenuta d'armoniche della caratteristica d'intervento della funzione di protezione differenziale per trasformatore (87T).

Fig. 7 - Harmonic restraint zone of the characteristic curve for the transformer differential protective function (87T).

SKC000\08 10-2007

25

Fig. 8 - Caratteristica d'intervento per le funzioni di protezione differenziale per trasformatori (87T) e generatore/ motore/linea breve (87G), con regolazioni minime Id> = 0.10 IN, k1 = 10%, k2 = 40%, Q = 3.0 IN e I d>> = 3.0 IN.

Fig. 8 - Operation characteristic for the transformer (87T) and generator/motor/short line (87G) differential protective functions, with minimum settings Id> = 0.10 IN, k1 = 10%, k2 = 40%, Q = 3.0 IN and Id>> = 3.0 IN.

Fig. 9 - Caratteristica d'intervento per le funzioni di protezione differenziale per trasformatori (87T) e generatore/ motore/linea breve (87G), con regolazioni massime Id> = 1.50 IN, k1 = 50%, k2 = 100%, Q = 0.2 IN e Id>> = 30.0 IN.

Fig. 9 - Operation characteristic for the transformer (87T) and generator/motor/short line (87G) differential protective functions, with maximum settings Id> = 1.50 IN, k1 = 50%, k2 = 100%, Q = 0.2 IN and Id>> = 30.0 IN.

26

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 10 - Curve d'intervento della funzione termica Dq>, corrispondenti al valore di taratura t+ = 1 min, con diversi stati termici precedenti

Fig. 10 - Operation curves for the function Dq>, corresponding to the setting value t+ = 1 min, with different prior thermal states.

SKC000\08 10-2007

27

Fig. 11 - Curve d'intervento a tempo dipendente di tipo A (a tempo inverso) per le funzioni ILS, IHS, I ES.

Fig. 11 - Operation curves with type A dependent time (inverse time) for the functions ILS, IHS, IES .

28

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 12 - Curve d'intervento a tempo dipendente di tipo B (a tempo inverso) per le funzioni ILS, IHS.

Fig. 12 - Operation curves with type B dependent time (inverse time) for the functions ILS, IHS.

SKC000\08 10-2007

29

Fig. 13- Curve d'intervento a tempo dipendente di tipo B (a tempo inverso) per la funzione I ES.

Fig. 13- Operation curves with type B dependent time (inverse time) for the function IES.

30

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 14 - Curve d'intervento a tempo dipendente di tipo C (a tempo inverso) per le funzioni ILS, IHS.

Fig. 14 - Operation curves with type C dependent time (inverse time) for the functions ILS, I HS.

SKC000\08 10-2007

31

Fig. 15- Curve d'intervento a tempo dipendente di tipo C (a tempo inverso) per la funzione I ES.

Fig. 15- Operation curves with type C dependent time (inverse time) for the function IES.

32

SKC000\08 10-2007

SKC
5 - INSTALLAZIONE
MONTAGGIO MECCANICO Il rel SKC disponibile in diverse esecuzioni secondo il tipo di montaggio richiesto. Montaggio incassato La controbase fissa, dotata di opportune staffe di fissaggio viene applicata sul pannello del quadro elettrico, preventivamente forato come indicato nel disegno di fig. 16. Nel caso di montaggio affiancato di pi apparecchi linterasse minimo di foratura del quadro determinato dalle dimensioni frontali indicate nel disegno dingombro, maggiorate di 1 mm, per assicurare una opportuna tolleranza tra i diversi apparecchi. Lingombro in profondit, indicato a disegno, deve essere opportunamente maggiorato della quantit occorrente per il passaggio dei cablaggi.

5 - INSTALLATION
MECHANICAL MOUNTING The SKC relay is available in various case styles depending on the required mounting. Flush mounting The fixed counterbase, fitted with special fastening brackets, is mounted on the front of electric controlboard, previously drilled as indicated in the drawing of fig.16. In case of side-by-side mounting of several relays the minimun drilling distance is determined by the front dimensions indicated in the overall dimensions drawing, increased by 1 mm, to ensure an adequate tolerance between adjacent relays. The depth dimension, as indicated in the drawing, must be increased by as much as needed to allow room for the wiring.

Fig. 16

SKC000\08 10-2007

33

Montaggio sporgente La controbase fissa viene fissata su un pannello mediante viti, secondo il disegno di fig. 17. Nel caso di montaggio affiancato di pi apparecchi linterasse minimo di fissaggio determinato dalle dimensioni della morsettiera indicate sul disegno dingombro, maggiorate di 1 mm in senso orizzontale per assicurare unopportuna tolleranza tra i diversi apparecchi, e di una appropriata distanza in senso verticale per il passaggio dei cablaggi.

Projecting mounting The fixed counterbase is fastened with screws onto the panel as indicated in fig. 17. In case of side-by-side mounting of several relays, the minimun fixing distance is determined by the dimensions of the terminal board indicated in the overall dimensions drawing, increased horizontally by 1 mm to ensure an adequate tolerance between the apparatus and vertically by as much as needed to allow room for the wiring.

Fig. 17

34

SKC000\08 10-2007

SKC
Montaggio a rack Il rel viene inserito in un apposito rack normalizzato, di ns fornitura, avente le dimensioni indicate in fig. 18. Il rack, tipo DAV, predisposto per alloggiare un numero di rel serie DENOVA corrispondente ad un ingombro totale di 10 moduli base. Il rel SKC ha una larghezza di 3 moduli, per cui in un telaio DAV possono essere alloggiati fino a 3 rel. Rack mounting The relay is fitted in a 19' rack, supplied by us, whose dimensions are indicated in fig. 18. The DAV type rack is designed to house a number of DENOVA Series relays corresponding to a total of 10 base modules. The type SKC is 3 module wide, therefore a frame type DAV can houses up to 3 relays SKC.

Fig. 18

SKC000\08 10-2007

35

TRASFORMATORI TOROIDALI A NUCLEO CHIUSO

CLOSED CORE RING TYPE TRANSFORMERS

Fig. 19

36

SKC000\08 10-2007

SKC
TRASFORMATORI TOROIDALI A NUCLEO APRIBILE OPEN CORE RING TYPE TRANSFORMERS

Fig. 20

SKC000\08 10-2007

37

COLLEGAMENTI ELETTRICI Per lesecuzione dei collegamenti elettrici si deve fare riferimento allo schema dinserzione riportato sul fianco dellapparecchio; nel caso in cui alcuni circuiti (di comunicazione, di blocco, o altri) non vengano utilizzati, i relativi collegamenti devono restare aperti. Nelle pagine seguenti sono riportati gli schemi d'inserzione relativi alle diverse modalit d'impiego. Non richiesto alcun collegamento alla terra di protezione in quanto i rel della serie S sono completamente isolati sia per quanto riguarda la custodia che per gli organi di manovra (pulsanti a membrana). Per i collegamenti sono disponibili morsetti a vite da 4 mm; si raccomanda limpiego di terminali a occhiello. La configurazione della morsettiera rappresentata in fig. 21 per le versioni con montaggio incassato o a rack, in fig. 22 per le versioni con montaggio sporgente. Nel realizzare i collegamenti amperometrici si deve fare attenzione a non superare la prestazione dei trasformatori di corrente della linea. Precisamente il carico totale, costituito dal rel di protezione SKC, da altri eventuali rel di protezione o strumenti di misura e dalla resistenza dei collegamenti e dagli eventuali TA adattatori non deve superare la prestazione del TA di linea. In particolare il consumo del circuito dentrata del rel SKC non supera 0.5 VA mentre il carico (espresso in VA) costituito dai conduttori dato da: 0.018 L IN2 / S in cui: L lunghezza, espressa in m, dei conduttori relativi a ciascuna fase, IN corrente nominale dei TA di linea espressa in A, S sezione dei conduttori amperometrici espressa in mm 2. Allo scopo di ridurre la corrente differenziale di errore ed aumentare quindi la sensibilit della protezione differenziale, raccomandato di eguagliare le impedenze dei circuiti secondari di tutti i TA. I circuiti d'entrata digitale, pur essendo galvanicamente isolati, dovrebbero essere alimentati di preferenza con la stessa tensione ausiliaria presente nel quadro. Il collegamento con i relativi contatti di comando deve essere eseguito mediante due conduttori schermati, come indicato in fig. 34 I collegamenti dei circuiti di blocco devono essere eseguiti con un doppino avvolto e schermato; lo schermo deve essere collegato solamente all'estremo facente capo all'ingresso di blocco di una protezione, come indicato nella fig. 32 I circuiti d'entrata digitale e i circuiti di blocco possono essere collegati con apparecchiature poste in una cabina differente: per ragioni di affidabilit si consiglia di utilizzare conduttori aventi sezione di almeno 1 mm2 e di non superare la lunghezza di 5 km. I collegamenti dei circuiti di comunicazione devono essere eseguiti con un doppino avvolto e schermato rispettando le polarit come indicato nell'esempio illustrato nella fig. 35; lo schermo deve essere collegato solamente all'estremo facente capo al circuito di interfaccia RS485 relativo all'unit di supervisione.

ELECTRIC CONNECTIONS When making the electric connections, refer to the connection diagram shown on the side of the relay; in case some circuits (communication, blocking, or other circuits) are not to be employed, their terminals must remain open. The following pages present the connection diagrams referring to different employing conditions. No connection to earth is required for protection purpose, because series S relays are housed in a completely isolated case, as well with regard to the membrane type keyboard. For the connections 4 mm screw terminals are available; the use of eye terminals is highly recommended. The lay-out of the terminal board is represented in fig. 21 for the versions featuring flush or rack mounting, in fig. 22 for the versions featuring a projecting mounting. When making the amperometric connections the rated burden of the line current transformers must not be exceeded. The total load constituded by the SKC protection relay, other protection relays or measuring instruments if present, by the connection resistance and the matching CT's if present, must be lower than the performance of the line CTs. In detail the consumption of the SKC input circuit is lower than 0.5 VA while the load (expressed in VA) constituted by the conductors is given by the following expression: 0.018 L IN2 / S where: L length in m of the conductors for each phase, I N rated nominal current expressed in A of the line CTs S cross section in mm2 of the amperometric conductors. To reduce the differential current error, hence to increase the sensitivity of the differential protection, it is reccomended to match the secondary impedance circuits of all CT's. The digital input circuits are galvanically insulated; nevertheless they should be preferably supplied by the same auxiliary voltage, which is available in the controlgear. The connection to the corresponding control contacts must be carried out with two shielded conductors, as indicated in fig.34. The connection of the blocking circuits must be carried out with a shielded twisted pair; the shield must be connected at only one end, that is at the blocking input of a protection relay, as indicated in fig. 32. The digital input circuits and the blocking circuits can be connected to equipment which are located in a different substation: for reliability purposes it is suggested to use conductors having at least 1 mm2 cross section and a length not more than 5 km. The connection of the communication circuits must be carried out with one shielded twisted pair complying with the polarity as indicated in fig. 35; the shield must be connected at only one end, that is at the terminal board of the RS485 interface of supervisor unit.

38

SKC000\08 10-2007

SKC
E' raccomandabile terminare la linea ai punti estremi della medesima; essa deve essere realizzata sull'unit di controllo della linea RS485 e sul dispositivo SKC posto sul punto pi lontano collegando il resistore appositamente previsto. I resistori di terminazione consentono di adattare l'impedenza della linea e rendono ininfluenti le componenti induttive della stessa che potrebbero compromettere il buon funzionamento della comunicazione. Per collegamenti particolarmente critici in termini di lunghezza e di inquinamento elettromagnetico, pu essere necessario inserire sulla linea in posizione terminale sia i resistori di terminazione sopra menzionati che i resistori detti di Fail Safe; il collegamento di questi resistori richiede un intervento sui circuiti interni e pertanto deve essere eseguito in fabbrica. Per quanto concerne i contatti finali, occorre considerare che lo schema di collegamento rappresenta la condizione di rel non alimentato. Ciascun rel finale pu essere comandato da una o pi funzioni del rel SKC; la programmazione e la modifica della configurazione pu essere eseguita in qualsiasi momento, anche con il rel in servizio, come descritto nel capitolo TARATURA E MESSA IN SERVIZIO. Sono possibili diversi modi di funzionamento, programmabili separatamente per ciascuno dei rel finali: - in caso di predisposizione di un rel finale normalmente diseccitato (K1...4 DE-ENERGIZED), esso si mantiene in condizione di riposo con grandezze dentrata corrispondenti alla condizione di non intervento; - in caso di predisposizione di un rel finale normalmente eccitato (K1...4 ENERGIZED), esso si mantiene in condizione di lavoro in presenza di alimentazione e con grandezze dentrata corrispondenti alla condizione di non intervento; - in caso di predisposizione di un rel finale per la funzione autodiagnostica (SELF-TEST), esso si mantiene normalmente in condizione di lavoro e si diseccita al mancare della tensione ausiliaria o comunque in caso di guasto dei circuiti interni della protezione. It is advisable the termination at the end points of the communication line; this must be accomplished on the RS485 contron unit and on the SKC device placed on the farther point by means of connection of the suitable resistor. Termination resistors make it possible to adapt the line impedence and make the inductive components uninfluent with regard the optimal communication process. For critical links in terms of lenght and electomegnetic noise, termination resistors and Fail Safe resistors may be needed on the terminal position devices; connection of such resistors require a intervention on the internal circuits and therefore must be carry out inside the factory. As for the final contacts, it must be noted that the connection diagram corresponds to the condition of a not energized relay. Each final relay can be driven by one or more of the functions of relay SKC; the configuration programming or modifying can be carried out at any time, even if the relay is normally working, by following the directions given in the chapter SETTING AND COMMISSIONING. A number of different operative modes are available; each final relay can be individually assigned one of them: - whenever a final relay is programmed in the de-energized mode (K1...4 DE-ENERGIZED), it remains in the rest condition as long as the input quantities assume values corresponding to a non--operate condition; - whenever a final relay is programmed in the energized mode (K1...4 ENERGIZED), it remains in the energized condition as long as the auxiliary supply is applied and the input quantities assume values corresponding to a non-operate condition; - whenever a final relay is programmed to perform the SELFTEST function, it remains in the energized condition as long as the auxiliary supply is applied and drops out when the auxiliary voltage fails or otherwise when the relay internal circuits are interested by a fault.

Fig. 21

Fig. 22

SKC000\08 10-2007

39

Normalmente la condizione dei rel finali corrispondente allintervento della protezione caratterizzata dal ripristino automatico al cessare della condizione anomala delle grandezze dentrata (K1...4 NO LATCHED), mentre la segnalazione frontale d'intervento rimane memorizzata e deve quindi essere ripristinata mediante il pulsante RESET. possibile comunque predisporre il funzionamento in modo che uno o pi rel finali, al pari della segnalazione, rimangano memorizzati in condizione dintervento (K1...K4 LATCHED) fino a che venga azionato il pulsante RESET. Operazioni finali Prima di inserire la parte estraibile del rel SKC nella relativa controbase, o comunque prima di mettere in tensione il quadro elettrico, opportuno controllare che: - la tensione ausiliaria presente nel quadro rientri nel campo di lavoro del rel SKC, - la corrente nominale (1A o 5A) dei TA di linea corrisponda con quella del rel SKC, - la corretta polarit dei TA, indispensabile per il corretto funzionamento delle funzioni di protezione differenziali (87T, 87G, 87N). Nel caso in cui siano impiegate funzioni di protezione differenziale (87T, 87G, 87N), si raccomanda che i collegamenti siano realizzati rispettando le polarit dei TA di linea (per le funzioni di protezione 87T, 87G, 87N) e del TA sulla messa del neutro (per la funzione di protezione 87N), indicate negli schemi di inserzione di seguito rappresentati. Per le funzioni di protezione differenziali 87T, 87G comunque possibile effettuare una correzione di polarit relativa a ciascuno dei sei TA di linea mediante impostazione dei parametri p1H, p2H, p3H, p1L, p2L, p3L tra NORM (normale, in accordo allo schema di inserzione) e INV (invertita rispetto allo schema di inserzione) nel sottomen di programmazione BASE. - ogni rel di protezione sia inserito sulla controbase fissa ad esso corrispondente. Unerronea inserzione dei rel della serie S comunque impedita dal fatto che ogni tipo di rel presenta una diversa chiave di codifica che non permette di innestarlo su una controbase corrispondente ad un tipo diverso. Dopo aver inserito la parte estraibile sulla controbase, si devono serrare a fondo, ma senza esercitare uno sforzo eccessivo, le quattro viti di bloccaggio accessibili attraverso le maniglie frontali. Infine si pu applicare la calotta protettiva trasparente mediante montaggio a scatto. Per asportare la calotta frontale occorre fare leva in modo da ruotare leggermente verso lalto la parte della calotta che appoggia sulla maniglia superiore del rel; ci pu essere ottenuto pi agevolmente infilando la lama di un cacciavite nellapposita feritoria posta in corrispondenza della maniglia superiore. La calotta frontale pu essere sigillata in modo da evitare manomissioni delle tarature o attivazione del ciclo di prova mediante il pulsante TEST, da parte di persone non autorizzate. Inoltre se non si asporta preventivamente la calotta frontale, non possibile svitare le viti di bloccaggio ed estrarre il rel di protezione dalla sua controbase.

The condition of the final relays, corresponding to the usual protection operation mode, is characterized by automatic resetting (K1...4 NO LATCHED) when the anomaly in the input quantities ceases, while the front operation indicator remains memorized and must therefore be reset by means of the RESET pushbutton. Anyway it is possible to program the final relays working mode (K1...K4 LATCHED) so that one or more of them are latched-on in the operation condition, as well as the operation indicator, and come back to normal condition when the RESET pushbutton is operated. Final operations Before inserting the plug-in module of the relay SKC onto its own counterbase, or anyway before energizing the electric board, it is advisable to check that: - the auxiliary voltage in the panel falls within the operative range of relay SKC, - the rated current (1A or 5A) of the line CTs corresponds to that of relay SKC, - the right polarity of CT's, essential for correct operatin of differential protective functions (87T, 87G, 87N). When differential protective functions are applied (87T, 87G, 87N), is reccomended that the connections being carried out according to the polarity of the line CT's (for the protective functions 87T, 87G, 87N) and of the CT on neutral grounding (for the protective functions 87N), shown on the following connection diagrams. However, for the protective functions 87T, 87G, is available a polarity correction for each of the six line CT's by means of the parameters p1H, p2H, p3H, p1L, p2L, p3L between NORM (normal, according to connection diagram) and INV (inverted with reference to the connection diagram) in the BASE submenu. - each protection relay is inserted onto the matching fixed counterbase. Wrong insertion of the series S relays is however inhibited since each relay type has a different code key that does not allow insertion onto a counterbase matching a different type. After inserting the plug-in module onto the counterbase, the four locking screws, accessible though the front handles, must be tightly screwed, though not excessively. Finally the transparent protection cover can be fitted with snap-in mounting. To remove the front cover, lever so as to turn slightly upwards the part of the cover resting on the upper handle of the relay; this can be achieved more easily by inserting the blade of a screwdriver in the slot corresponding to the upper handle. The front cover can be sealed to prevent unauthorized people from tampering with the settings or activating the test cycle through the TEST button. Besides, it is impossible to unscrew the fastening screws and extract the protection relay from its counterbase if the front cover hasnt been previously removed.

40

SKC000\08 10-2007

SKC
SCHEMI DI INSERZIONE CONNECTION DIAGRAMS

Fig. 23 - Esempio di protezione per trasformatore a due avvolgimenti con le seguenti funzioni: - differenziale 87T con compensazione interna; - massima corrente 50, 51 sui lati ATe BT; - immagine termica 49 sul lato ATo BT; - massima corrente residua 50N, 51N con misura della corrente residua da trasformatore toroidale sommatore sul lato AT o BT oppure da TA posto sul collegamento di messa a terra del neutro.

Fig. 23 - Example of protection for two windings transformer with the followings functions: - differential 87T with internal compensation; - overcurrent 50, 51 on the HV and LV sides; - thermal image 49 on the HV or LV side; - residual overcurrent 50N, 51N with measure of the residual current from ring type summing transformer on the HV or LV side or from CT on the neutral grounding.

SKC000\08 10-2007

41

Fig. 24 - Esempio di protezione per trasformatore a due avvolgimenti con le seguenti funzioni: - differenziale 87T con compensazione interna; - massima corrente 50, 51 sui lati AT e BT; - immagine termica 49 sul lato AT o BT; - differenziale di terra ristretta ad alta impedenza (87N) sul lato BT.

Fig. 24 - Example of protection for two windings transformer with the followings functions: - differential 87T with internal compensation; - overcurrent 50, 51 on the HV and LV sides; - thermal image 49 on the HV or LV side; - high impedance restricted earth fault protection (87N) on the LV side.

42

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 25 - Esempio di protezione per trasformatore a due avvolgimenti Dy11 con le seguenti funzioni: - differenziale 87T con compensazione esterna; - massima corrente residua 50N, 51N con misura della corrente residua da trasformatore toroidale sommatore sul lato AT o BT oppure da TA posto sul collegamento di messa a terra del neutro.

Fig. 25 - Example of protection for two windings Dy11 transformer with the followings functions: - differential 87T with external compensation; - residual overcurrent 50N, 51N with measure of the residual current from ring type summing transformer on the HV or LV side or from CT on the neutral grounding.

SKC000\08 10-2007

43

Fig. 26 - Esempio di protezione differenziale 87T per trasformatore a tre avvolgimenti con alimentazione applicata al solo lato AT, comprendente tre terne di TA adattatori (compensazione esterna).

Fig. 26 - Example of differential protection 87T for three winding transformer with power source supplying only the primary winding including three matching CTs (external compensation).

44

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 27 - Esempio di protezione di un gruppo generatoretrasformatore con le seguenti funzioni: - differenziale 87TG (87T) con compensazione interna; - massima corrente 50, 51 sui lati AT e bt; - immagine termica trasformatore 49 sul lato AT; - massima corrente residua 50N, 51N con misura della corrente residua da TA posto sul collegamento di messa a terra del centro stella del generatore.

Fig. 27 - Example of protection for a generator-transformer unit with the followings functions: - differential 87TG (87T) with internal compensation; - overcurrent 50, 51 on the HV and LV sides; - thermal image 49 on the HV or LV side; - residual overcurrent 50N, 51N with measure of the residual current from a CT on the neutral grounding.

SKC000\08 10-2007

45

Fig. 28 - Esempio di protezione per generatore con le seguenti funzioni: - differenziale 87G; - massima corrente 50, 51 sul lato centro stella; - massima corrente residua 50N, 51N con misura della corrente residua da TA posto sul collegamento di messa a terra del centro stella del generatore.

Fig. 28 - Example of protection for a generator with the followings functions: - differential 87G; - overcurrent 50, 51 on the star side; - residual overcurrent 50N, 51N with measure of the residual current from a CT on neutral grounding.

46

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 29 - Esempio di protezione per generatore con le seguenti funzioni: - differenziale 87G; - massima corrente 50, 51 sul lato centro stella; - differenziale di terra ristretta ad alta impedenza (87N).

Fig. 29 - Example of protection for a generator with the followings functions: - differential 87G; - overcurrent 50, 51 on the star side; - high impedance restricted earth fault protection (87N).

SKC000\08 10-2007

47

Fig. 30 - Esempio di protezione differenziale per motore sincrono o asincrono 87M (87G).

Fig. 30 - Example of differential protection for a synchronous or asynchronous motor 87M (87G).

48

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 31 - Esempio di protezione di linea corta con le seguenti funzioni: - differenziale 87L (87G); - massima corrente 50, 51 ad entrambi gli estremi della linea; - massima corrente residua (50N-51N) sulla partenza della linea.

Fig. 31 - Example of protection for a short line with the followings functions: - differential 87L (87G); - overcurrent 50, 51 on both side; - residual overcurrent (50N-51N) on the upstrem side.

SKC000\08 10-2007

49

Fig. 32 - Esempio di collegamento del circuito di blocco in un sistema a logica accelerata.

Fig. 32 - Example for the connection of the blocking circuit in the accelerated protection scheme.

50

SKC000\08 10-2007

SKC

NOTA 1 - La resistenza R deve avere un valore tale da soddisfare entrambe le seguenti condizioni: 1) la bobina di apertura dell'interruttore non sia eccitata quando l'interruttore aperto e quando comandata l'apertura dell'interruttore stesso; 2) l'ingresso digitale DIGIN sia energizzato con interruttore aperto. Il valore di R che soddisfa le precedenti condizioni deve essere compreso tra Rmin e Rmax calcolati come: Rmin = R TC.( U AUX - U TC )/ U TC Rmax = (( U AUX - U DIG)/ I DIG) - R TC in cui: RTC resistenza della bobina di apertura U AUX tensione ausiliaria di alimentazione del circuito di apertura U TC valore massimo della tensione di sicura non eccitazione della bobina di apertura UDIG minima tensione di controllo dell'ingresso digitale DIGIN(18 V) iDIG corrente costante di funzionamento dell'ingresso digitale DIGIN (0.002 A) Il valore di R pu essere scelto come valore normalizzato pi prossimo alla media aritmetica tra Rmin e Rmax: R
=

NOTE 1 - Ohmic resistance of the resistor R must be dimensioned to meet both the following two conditions: 1) the trip coil of the circuit breaker can not operate when the circuit breaker is open and an open command is applied 2) the digital input DIGIN can operate when the circuit breaker is open. The correct value of resistor R that satisfy the above conditions must be selected between Rmin and Rmax calculated as follow: Rmin = R TC .( U AUX - U TC )/ U TC Rmax = (( U AUX - U DIG)/ I DIG) - R TC with: RTC ohmic resistance of the trip coil U AUX auxiliary voltage of trip circuit U TC maximum voltage which does not operate the trip coil UDIG minimum control voltage for the digital input DIGIN (18 V) iDIG constant current which operates the digital input DIGIN (0.002 A) The value of R can be selected as the nearest standard value to the aritmetical mean value between Rmin and Rmax: R
=

(Rmin + Rmax) / 2

(Rmin + Rmax) / 2

Fig. 33 - Esempio di collegamento di un circuito d'entrata digitale per la supervisione del circuito di scatto (TCS).

Fig. 33 - Example for the connection of the digital input for trip circuit supervision (TCS).

SKC000\08 10-2007

51

Fig. 34 - Esempio di collegamento dei circuiti d'entrata digitale.

Fig. 34 - Example for the connection of the digital input circuits.

52

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 35 - Esempio di schema d'inserzione completo, comprendente i collegamenti all'unit di supervisione.

Fig. 35 - Example of a complete connection diagram, with the connection to the supervision unit.

SKC000\08 10-2007

53

6 - TARATURA E MESSA IN SERVIZIO


GENERALIT L'impostazione delle regolazioni e del modo di funzionamento dei rel finali deve essere effettuata con apparecchio alimentato; l'indicatore alfanumerico fornisce i necessari messaggi in relazione alle operazioni eseguite mediante i pulsanti. Il display dopo un minuto d'inattivit sulla tastiera visualizza in sequenza i valori delle variabili misurate. Tutti i valori impostati vengono conservati permanentemente nella memoria non volatile del microcontrollore. L'impostazione pu essere effettuata: - con il rel installato sull'impianto, tramite la tastiera frontale o tramite Personal Computer con il collegamento locale a fibra ottica oppura a distanza, - al banco fornendo l'alimentazione ausiliaria di valore adeguato. I pulsanti disponibili sul pannello frontale permettono all'utente di eseguire le seguenti operazioni: - impostazione delle tarature e del modo di funzionamento del rel SKC; - lettura delle informazioni relative alle grandezze d'entrata e agli interventi eseguiti; - avvio dei programmi di prova del rel; - azzeramento dei contascatti; - ripristino della segnalazione d'intervento. All'accensione ovvero in condizioni di riposo sono attivi i pulsanti READ e SET oltre a quelli di TEST e RESET che, avendo funzioni prioritarie, sono sempre attivi. L'attivazione dei rimanenti pulsanti non produce alcuna azione. Le funzioni sono ordinate in senso ciclico, per cui la loro selezione pu essere fatta indifferentemente tramite i pulsanti o ; nel caso di modifica dei valori di taratura, tali pulsanti producono l'aumento o la diminuzione sino al raggiungimento dei valori limite d'inizio o fondo scala, dopodich non producono alcun effetto. Da qualsiasi posizione intermedia possibile tornare al men di partenza digitando READ (visualizza I L1H) oppure SET (visualizza il men MODE, COMMON). LETTURA DELLE VARIABILI Premendo il pulsante READ e, successivamente, i pulsanti o possibile leggere sull'indicatore i valori delle varie grandezze. Secondo la modalit di lettura prescelta (ved. men SET, sottomen BASE), tutte le correnti risultano espresse in rapporto alla corrente nominale dei TA oppure in ampere primari. 1 - Valore istantaneo delle variabili in entrata Le variabili d'entrata comprendono: - valore attuale delle componenti fondamentali (50 o 60 Hz) delle correnti in entrata relative ad ogni fase del lato H: I L1H , I L2H, I L3H; - valore attuale delle componenti fondamentali (50 o 60 Hz) delle correnti in entrata relative ad ogni fase

6 - SETTING AND COMMISSIONING


GENERAL The adjustment of the settings and the operation mode of the final relays must be performed while the unit is electrically powered; the alphanumeric display shows the necessary information with reference to the operations carried outthrough the keyboard. One minute after the keyboard is not morein use, the display switches automatically to a sequential indication of the input variables. All preset values are permanently stored in the nonvolatile memory of the microcontroller. The presetting can be performed: - with the relay installed in the system, through the front keyboard or the Personal Computer with local fiber optic connection or remote connection, - at a test station, by providing an auxiliary power supply at the correct value. The keys available on the front panel enable the operator to perform the following operations: - adjustment of the settings and the operation mode of the relay SKC; - read out of all the information relating to the input quantities and to the trip operations; - start-up of the test sequences; - clear of the trip counters; - reset of the trip indicator.

At the start-up, i.e. in reset conditions, the READ and SET keys are active, as well as the TEST and RESET keys which, since they have priority functions, are always active. The activation of the remaining keys does not have any effect. The functions are cyclically sequenced, thus they can be selected using either the or key; in case of change of setting values, these keys allow to increase or decrease the value within the limit values of the scale range; once these limit values have been reached, the relevant key has no effect. From any intermediate position it is possible to go back to the initial menu by pressing READ (displays IL1H) or SET (displays MODE,COMMON menu). READING OF VARIABLES By pressing the READ key and successively the keys or the values of all the quantities can be displayed onto the indicator. According to the selected reading mode (see SET menu, BASE sub-menu), all the currents are displayed with reference to the CT's nominal current or directly as primary ampere. 1 - Instantaneous value of input quantities The input quantities are: - actual value of the fundamental components 60 Hz) of the input currents relevant to each of the side H: I L1H, I L2H, I L3H; - actual value of the fundamental components 60 Hz) of the input currents relevant to each

(50 or phase (50 or phase

54

SKC000\08 10-2007

SKC
del lato L: I L1L , I L2L , I L3L ; - valore attuale della componente fondamentale (50 o 60 Hz) della corrente residua IE; - valore attuale della sovratemperatura D espressa in valore relativo alla sovratemperatura di base D B; - componente fondamentale (50 o 60 Hz) delle correnti differenziali per ciascuna fase Id1-L1, Id1-L2, Id1-L3; - componente fondamentale (50 o 60 Hz) delle correnti antagoniste per ciascuna fase IR-L1, IR-L2, IR-L3; - componente di seconda armonica (100 o 120 Hz) delle correnti differenziali per ciascuna fase Id2-L1, Id2-L2, Id2-L3; - componente di quinta armonica (250 o 300 Hz) delle correnti differenziali per ciascuna faseId5-L1, Id5-L2, Id5-L3; Qualora non vengano eseguite operazioni sulla tastiera per oltre 1 min, il rel si porta automaticamente nel men READ e presenta in sequenza ciclica i valori delle sette correnti d'entrata I L1H, IL2H, I L3H, IL1L, IL2L, IL3L, IE. Esempio di lettura delle variabili: I L 1 H 0.785 In I L 2 H 0.785 In I L 3 H 0.785 In I L 1 L 0.900 In I L 2 L 0.900 In I L 3 L 0.900 In IE 0.000 IEn D 0 . 9 0 0 D B Id1-L1 0.010 In Id1-L2 0.010 In Id1-L3 0.010 In IR-L1 0.801 In IR-L2 0.801 In IR-L3 0.801 In Id2-L1 0.000 In Id2-L2 0.000 In Id2-L3 0.000 In Id5-L1 0.000 In Id5-L2 0.000 In Id5-L3 0.000 In 2 - Valore delle variabili agli ultimi quattro eventi (START o TRIP) Il rel conserva in memoria i valori delle variabili relative agli ultimi quattro eventi di avviamento (START) o intervento (TRIP). Questi eventi sono denominati "EVENT 1 TRIP VAL", "EVENT 2 TRIP VAL", "EVENT 3 TRIP VAL", "EVENT 4 TRIP VAL". L'evento pi recente viene indicato dal messaggio "EVENT 1 TRIP VAL". Per ciascun evento vengono memorizzati i valori delle seguenti variabili nell'istante immediatamente precedente l'avviamento o l'intervento della protezione: - le 7 correnti d'entrataIL1HT , IL2HT, IL3HT, IL1LT, IL2LT, IL3LT, IET, - la sovraremperatura DT, - le tre correnti differenziali Id1-L1T, I d1-L2T, Id1-L3T, - le tre correnti antagoniste IR-L1T, IR-L2T, IR-L3T, - le tre componenti di seconda armonica delle correnti differenziali I d2-L1T, Id2-L2T, I d2-L3T, - le tre componenti di quinta armonica delle correnti of the side L: I L1L , I L2L , I L3L; - actual value of the fundamental component (50 or 60 Hz) of the residual current:IE; -actual value of the overtemperature D, expressed in per unit value of the basic overtemperature DB ; - fundamental value (50 or 60 Hz) of the differential currents Id1-L1, Id1-L2, Id1-L3 for each phase; - fundamental value (50 or 60 Hz) of the bias currents IRL1, IR-L2, IR-L3 for each phase; - second harmonic component (100 or 120 Hz) of the differential currentsId2-L1,Id2-L2, Id2-L3 for each phase; - fifth harmonic component (250 o 300 Hz) of the differential currentsId2-L1, Id2-L2, Id2-L3 for each phase; Whenever no operation is carried out on the keyboard for at least 1 min, the relay automatically enters the READ menu and shows values of the seven input currents IL1H , IL2H, IL3H, I L1L, IL2L, IL3L, IE in a cyclic sequence. Example of reading of the variables: I L 1 H 0.785 In I L 2 H 0.785 In I L 3 H 0.785 In I L 1 L 0.900 In I L 2 L 0.900 In I L 3 L 0.900 In IE 0.000 IEn D 0 . 9 0 0 D B Id1-L1 0.010 In Id1-L2 0.010 In Id1-L3 0.010 In IR-L1 0.801 In IR-L2 0.801 In IR-L3 0.801 In Id2-L1 0.000 In Id2-L2 0.000 In Id2-L3 0.000 In Id5-L1 0.000 In Id5-L2 0.000 In Id5-L3 0.000 In 2 - Values of the input quantities at the last four events (START or TRIP) The relay store in the memory the values of the variables at the last four events of the starting (START) or tripping (TRIP). These events are named "EVENT 1 TRIP VAL", "EVENT 2 TRIP VAL", "EVENT 3 TRIP VAL", "EVENT 4 TRIP VAL". The new event is pointed by message "EVENT 1 TRIP VAL". For each event the values of the followings variables at the instant immediately preceding the starting or tripping of the relay are stored: - the seven input currentsIL1HT , IL2HT , IL3HT , IL1LT, IL2LT , IL3LT , IET, - the overtemperature DT, - the three differential currents Id1-L1T, Id1-L2T, Id1-L3T, - the three bias currents IR-L1T, IR-L2T, IR-L3T, - the three second harmonic components of the differential currents Id2-L1T, Id2-L2T, Id2-L3T, - the three fifth harmonic components of the differential

SKC000\08 10-2007

55

differenzialiId5 -L1T, Id5-L2T, Id5-L3T, - la soglia avviata e intervenuta ed il relativo tempo di avviamento (tST) e intervento (tTR). Nel caso di funzioni a tempo indipendente, il valore del tempo d'intervento tTR coincide con quello impostato in fase di taratura, a meno delle tolleranze dovute al valore della corrente che ha provocato l'intervento (i valori di taratura corrispondono ai valori di riferimento indicati nelle caratteristiche di funzionamento). Nel caso di funzioni a tempo dipendente, il valore del tempo misurato rappresenta il tempo d'intervento stabilito in base alla caratteristica d'intervento impostata. - la/e fase/i intervenuta/e; - la data e l'ora dell'evento (con risoluzione di un secondo). Esempi di lettura dell'evento 1: EVENT1 TRIP VAL IL1HT 9.00 In IL2HT 9.00 In IL3HT 9.00 In IL1LT 0.900 In IL2LT 0.900 In IL3LT 0.900 In IET 0.000 IEn D T 0 . 9 0 0 D B Id1-L1T 8.90 In Id1-L2T 8.90 In Id1-L3T 8.90 In IR-L1T 4.00 In IR-L2T 4.00 In IR-L3T 4.00 In Id2-L1T 0.000 In Id2-L2T 0.000 In Id2-L3T 0.000 In Id5-L1T 0.000 In Id5-L2T 0.000 In Id5-L3T 0.000 In IH>> tTR 0.04 s IH> TR L1 DATE 26.JUL. 2002 TIME 11:07:10 La memorizzazione di ogni evento ha luogo allorquando, dalla condizione di riposo di tutte le funzioni, una funzione si porta in condizione di avviamento o d'intervento; in conseguenza, se il rel si trova in condizione d'intervento per causa di una funzione, un ulteriore intervento di una seconda funzione non viene considerato. Le funzioni che eventualmente non fossero state assegnate ad alcun rel finale, non risultano attive e pertanto non determinano alcuna memorizzazione dei valori d'intervento. La memorizzazione avviene per tutte le variabili d'entrata sopra indicate, non solo per quella che ha provocato l'intervento, allo scopo di poter individuare la causa del guasto. La memorizzazione pu essere comandata mediante un ingresso logico configurato per la funzione TRIG SAVE nel sottomen di taratura BASE; una applicazione tipica consiste nel rilevare al medesimo istante le variabili misurate da diversi rel di protezione.

currents Id5 -L1T, Id5-L2T, Id5-L3T, - the starting and tripping threshold and its starting (tST) and tripping (tTR) time; in case of functions with independent time, the value of the operation time tTR coincides with the assigned value during the setting, more or less the tolerances due to the value of the current which caused the trip (the setting values correspond to the reference values referred to in the function characteristics). In case of functions with dependent time, the value of the measured trip time is the time that correspond to the set operating characteristic; - the starting or tripping phase/s, - the date and time of the event (with resolution of one second). Examples of reading of the event 1: EVENT1 TRIP VAL IL1HT 9.00 In IL2HT 9.00 In IL3HT 9.00 In IL1LT 0.900 In IL2LT 0.900 In IL3LT 0.900 In IET 0.000 IEn D T 0 . 9 0 0 D B Id1-L1T 8.90 In Id1-L2T 8.90 In Id1-L3T 8.90 In IR-L1T 4.00 In IR-L2T 4.00 In IR-L3T 4.00 In Id2-L1T 0.000 In Id2-L2T 0.000 In Id2-L3T 0.000 In Id5-L1T 0.000 In Id5-L2T 0.000 In Id5-L3T 0.000 In IH>> tTR 0.04 s IH> TR L1 DATE 26.JUL. 2002 TIME 11:07:10 The storage of each event is accomplished when, from the reset condition of all the functions, a function enters the start or trip condition; as a result, if the relay is in the trip condition caused by some function, a further operation of a second function is not taken into consideration. The functions which have not been assigned to any final relay, are not active; then they do not determine any storage of operation values. It must be taken into account that the storage takes place for all the above mentioned input quantities, not only for those which caused the trip, in order to be able to detect the reason for the fault.

The storage can be actived by energizing a logic input configured for the function TRIG SAVE in the submenu BASE; a tipical application is the detection of measuring data in syncronous mode for several protection relays.

56

SKC000\08 10-2007

SKC
3 - Valore cumulativo delle correnti interrotte da ogni polo degli interruttori relativi ai lati H e L. Ad ogni intervento della protezione, i valori cumulativi di corrente interrotta da ogni polo degli interruttori IL1HT, IL2HT, IL3H, IL1LT , I L2LT, IL3LT vengono incrementati sino a 5000 In, rispettivamente con le quantit I L1HT, IL2HT, IL3HT,IL1LT, I L2LT, IL3LT ; essi rappresentano un indice di usura dell'interruttore. Secondo la modalit di lettura prescelta (ved. men SET, sottomen BASE), tutte le correnti risultano espresse in rapporto alla corrente nominale dei TA oppure in ampere primari. Quando un valore cumulativo supera 5000 In il conteggio riprende da zero. Esempio di lettura: 1150 In I L 1 H T 1150 In I L 2 H T 1150 In I L 3 H T I L 1 L T 1000 In 1000 In I L 2 L T 1000 In I L 3 L T 4 - Numero d'interventi eseguiti per ciascuna soglia Il numero d'interventi eseguiti viene conteggiato separatamente per ogni soglia delle funzioni di protezione: TRIP D>, TRIP IH>, TRIP IH>>, TRIP IH>>>, TRIP IL>, TRIP IL>>, TRIP IL>>>, TRIP IE >, TRIP IE>>, TRIP IE >>>, TRIP I d>, TRIP Id>>, BREAK FAIL. Il conteggio del numero di interventi viene memorizzato in appositi contatori a quattro cifre (0...9999) in modo permanente con possibilit di azzeramento; al decimillesimo intervento il conteggio riprende da zero. Esempio di lettura: TRIP D > 2 TRIP IH> 10 TRIP IH>> 1 TRIP IH>>>0 TRIP IL> 5 TRIP IL>> 1 TRIP IL>>>0 TRIP IE> 1 TRIP IE>> 0 TRIP IE>>>0 TRIP Id> 4 TRIP Id>> 0 BREAK FAIL 0 5 - Data ed ora attuali Esempio di lettura: DATE 14.DEC.2001 TIME 22:41:31 6 - Dati identificativi del rel I dati identificativi del rel comprendono il codice, il numero di serie, il codice del firmware. Esempio di lettura: type SKC-C71 SERIAL 095021 firmware CP3071 3 - Cumulative value of the currents switched by each pole of the circuit breakers of the sides H and L. At each trip of the protection, the cumulative value of the currents switched by each pole of the circuit breakers IL1HT, IL2HT, IL3H, IL1LT, IL2LT , I L3LTare encreased up to 5000 In, by the quantitiesIL1HT, IL2HT, IL3HT,IL1LT, IL2LT, IL3LT: they represent a useful information to evaluate the wear of the circuit breaker. According to the selected reading mode (see SET menu, BASE sub-menu), all the currents are displayed with reference to the CT's nominal current or directly as primary ampere. When a cumulative value overcome 5000 In the count starts up again from zero. Example of reading: 1150 In I L 1 H T 1150 In I L 2 H T 1150 In I L 3 H T I L 1 L T 1000 In 1000 In I L 2 L T 1000 In I L 3 L T 4 - Number of performed trips of each threshold The number of executed trips is counted, separately for each threshold of the protective functions: TRIP D>, TRIP IH>, TRIP IH>>, TRIP IH>>>, TRIP IL>, TRIP IL>>, TRIP IL>>>, TRIPIE>, TRIPIE >>, TRIPIE>>>, TRIPId>, TRIPId>>, BREAK FAIL. The count of the number of trips is permanently stored into a set of four-digit counters (0...9999) with the possibility of clearing; at the ten-thousandth trip the count starts up again from zero. Example of reading: TRIP D > 2 TRIP IH> 10 TRIP IH>> 1 TRIP IH>>>0 TRIP IL> 5 TRIP IL>> 1 TRIP IL>>>0 TRIP IE> 1 TRIP IE>> 0 TRIP IE>>>0 TRIP Id> 4 TRIP Id>> 0 BREAK FAIL 0 5 - Present date and time Example of reading: DATE 14.DEC.2001 TIME 22:41:31 6 - Identification data The identification data of the relay comprise code, serial number, firmware code. Example of reading: type SKC-C71 SERIAL 095021 firmware CP3071

SKC000\08 10-2007

57

LETTURA DELLE TARATURE Il rel SKC offre la possibilit di assegnare due diverse configurazioni di taratura, identificate come BANK A e BANK B. Entrando nel men SET possibile leggere sull'indicatore il valore di tutti i parametri che definiscono il funzionamento del rel, raggruppati in vari sottomen relativi alle singole funzioni del rel. Il primo sottomen PRESET permette di configurare il rel SKC per il tipo di componente di impianto da proteggere, tra trasformatore (impostazione TYPE TRANSFORMER) o motore/generatore/linea corta (impostazione TYPE MOTOR/GENER), e per il tipo di compensazione delle correnti, tra interna (impostazione COMPENSATION INT) o esterna mediante TA correttori (impostazione COMPENSATION EXT). In funzione delle impostazioni nel sottomen PRESET il rel SKC pu presentare un diverso men di taratura. Premendo il pulsante SET e, successivamente, i pulsanti o si accede ai seguenti sottomen: - PRESET - MODE,COMMON - MODE,BANK A - MODE,BANK B - BASE - COMMUNICATION - REAL TIME CLOCK - RESTRAINT, BANK A - TRAFO DATA, BANKA (visualizzato solo con impostazione TYPE TRANSFORMER nel sottomen PRESET) - 49, BANK A (visualizzato solo con impostazioni TYPE TRANSFORMER e COMPENSATION INTERNAL nel sottomen PRESET) - 50-51,H,BANK A (non visualizzato con impostazione COMPENSATION EXTERNAL nel sottomen PRESET) - 50-51,L,BANK A (non visualizzato con impostazione COMPENSATION EXTERNAL nel sottomen PRESET) - 50N-51N/87N (A) - 87T,BANK A (non visualizzato con impostazione TYPE MOTOR/GENER nel sottomen PRESET) - 87G,BANK A (non visualizzato con impostazione TYPE TRANSFORMER nel sottomen PRESET) - BLOCK,BANK A - BREAK FAIL,BANKA - RESTRAINT, BANK B - TRAFO DATA, BANKB (visualizzato solo con impostazione TYPE TRANSFORMER nel sottomen PRESET) - 49, BANK B (visualizzato solo con impostazioni TYPE TRANSFORMER e COMPENSATION INTERNAL nel sottomen PRESET) - 50-51,H,BANK B (non visualizzato con impostazione COMPENSATION EXTERNAL nel sottomen PRESET) - 50-51,L,BANK B (non visualizzato con impostazione COMPENSATION EXTERNAL nel sottomen PRESET) - 50N-51N/87N (B) - 87T,BANK B (non visualizzato con impostazione TYPE MOTOR/GENER nel sottomen PRESET) - 87G,BANK B (non visualizzato con impostazione TYPE

READING OF SETTINGS Relay type SKC gives the user the possibility to define two different setting configurations, referred to as BANK A and BANK B. All the parameters, defining the relay operating characteristics, can be shown on the display by entering the SET menu; these parameters are grouped in submenues, relevant to each function of the relay. The first submenu PRESET allow to configure the SKC relay for the type of electrical component to be protect, between transformer (setting TYPE TRANSFORMER) or motor/generator/short line (setting TYPE MOTOR/GENER), and for the type of currents compensation, between internal (setting COMPENSATION INT) or external with matching CT's (setting COMPENSATION EXT). The settings in the submenu PRESET establish the settings men. The menu SET, reached by pressing the SET key, is divided in the followings submenues (accessed by means of the keys or ): - PRESET - MODE,COMMON - MODE,BANK A - MODE,BANK B - BASE - COMMUNICATION - REAL TIME CLOCK - RESTRAINT, BANK A - TRAFO DATA, BANKA (displayed only with selection TYPE TRANSFORMER inside PRESET submenu) - 49, BANK A (displayed only with selections TYPE TRANSFORMER and COMPENSATION INTERNAL inside PRESET submenu) - 50-51,H,BANK A (not displayed with selection COMPENSATION EXTERNAL inside PRESET submenu) - 50-51,L,BANK A (not displayed with selection COMPENSATION EXTERNAL inside PRESET submenu) - 50N-51N/87N (A) - 87T,BANK A (not displayed with selection TYPE MOTOR/ GENER inside PRESET submenu) - 87G,BANK A (not displayed with selection TYPE TRANSFORMER inside PRESET submenu) - BLOCK,BANK A - BREAK FAIL,BANKA - RESTRAINT, BANK B - TRAFO DATA, BANKB (displayed only with selection TYPE TRANSFORMER inside PRESET submenu) - 49, BANK B (displayed only with selections TYPE TRANSFORMER and COMPENSATION INTERNAL inside PRESET submenu) - 50-51,H,BANK B (not displayed with selection COMPENSATION EXTERNAL inside PRESET submenu) - 50-51,L,BANK B (not displayed with selection COMPENSATION EXTERNAL inside PRESET submenu) - 50N-51N/87N (B) - 87T,BANK B (not displayed with selection TYPE MOTOR/ GENER inside PRESET submenu) - 87G,BANK B (not displayed with selection TYPE

58

SKC000\08 10-2007

SKC
TRANSFORMER nel sottomen PRESET) - BLOCK,BANK B - BREAK FAIL,BANKB Entrando mediante il pulsante ENTER nel sottomen selezionato e premendo successivamente i pulsanti o possibile leggere sull'indicatore il valore delle tarature e delle impostazioni relative alle singole funzioni. Per entrare in un altro sottomen occorre azionare nuovamente il tasto SET. Sottomen PRESET Questo sottomen comprende le scelte per il tipo di componente di impianto da proteggere e per il tipo di compensazione delle correnti. 1 - Tipo di componente elettrico da proteggere Con il parametro TYPE si effettua la scelta del tipo di componente elettrico da proteggere: trasformatore (TYPE TRANSFORMER) o motore/generatore/linea corta (TYPE MOTOR/GENER). Esempio di messaggio: TYPE TRANSFORMER 2 - Tipo di compensazione delle correnti Con il parametro COMPENSATION si effettua la scelta del tipo di compensazione delle correnti per le protezioni differenziali 87T o 87G: compensazione interna (COMPENSATION INT), con cui l'ampiezza e la fase delle due terne di correnti sono eguagliate internamente al rel SKC senza l'impiego di TA correttori, o esterna (COMPENSATION EXT), con cui l'ampiezza e la fase delle due terne di correnti sono eguagliate mediante TA correttori. Esempio di messaggio: COMPENSATION INT Sottomen MODE,COMMON Questo sottomen comprende l'assegnazione della funzione di autodiagnostica e il modo di funzionamento dei rel finali. 1 - Autodiagnostica La funzione di autodiagnostica pu essere esclusa oppure destinata ad uno o due rel finali. Esempio di messaggio: SELF K4 2 - Modo di funzionamento dei rel finali Il funzionamento dei rel finali determinato dalla condizione normale di riposo con rel diseccitato o eccitato (DE-ENERGIZED o ENERGIZED) e dal modo di ripristino automatico o manuale (NO LATCHED o LATCHED), per ciascuno dei rel finali. Esempio di messaggi: K1 DE-ENERGIZED K2 DE-ENERGIZED K3 DE-ENERGIZED K4 ENERGIZED K1 LATCHED K2 NO LATCHED K3 NO LATCHED K4 NO LATCHED TRANSFORMER inside PRESET submenu) - BLOCK,BANK B - BREAK FAIL,BANKB By operating the key ENTER, the selected submenu is open and the keys or allow to scroll through the setting values and conditions relating to the desired function. To enter another submenu it is necessary acting again the key SET.

Submenu PRESET This submenu include the choices for the type of electrical component to be protected and for the type of currents compensation. 1 - Type of electrical component to be protected With TYPE parameter the type of electrical component to be protected is selected: transformer (TYPE TRANSFORMER) or motor/generator/short line (TYPE MOTOR/ GENER). Example of message: TYPE TRANSFORMER 2 - Type of currents compensation With COMPENSATION parameter the type of currents compensation for the protective functions 87T or 87G is selected: internal (COMPENSATION INT), where the magnitude and the phase of the currents on the two sides are matched inside the SKC relay without using matching CT's, or external (COMPENSATION EXT), where the magnitude and the phase of the currents on the two sides are matched using matching CT's. Example of message: C O M P E N S A T I O NI N T Submenu MODE,COMMON This submenu concern the assignment of the diagnostic self-test function and the operation mode of the final relays. 1 - Self-test function The self-test function can be excluded or assigned to one or two final relays. Example of message: SELF K4 2 - Working mode of the final relays The working of the final relays is determined by the normal rest condition (DE-ENERGIZED or ENERGIZED) and the reset mode automatic or hand-reset (NO LATCHED or LATCHED), independently for each final relay. Example of messages: K1 DE-ENERGIZED K2 DE-ENERGIZED K3 DE-ENERGIZED K4 ENERGIZED K1 LATCHED K2 NO LATCHED K3 NO LATCHED K4 NO LATCHED

SKC000\08 10-2007

59

I rel assegnati alla funzione di autodiagnostica vengono automaticamente predisposti come normalmente eccitati (ENERGIZED) con ripristino automatico (NO LATCHED); tale modo di funzionamento non pu essere modificato. Sottomen MODE,BANK A (o B) Questo sottomen comprende l'assegnazione degli interventi (TRIP) e degli avviamenti (START) delle funzioni di protezione, del segnale di blocco in uscita, dell'intervento della protezione di mancata apertura dell'interruttore e del superamento delle soglie di ritenuta di seconda e quinta armonica ai rel finali. La destinazione delle funzioni di protezione costituita dall'indicazione dei rel finali a cui destinato ogni intervento (TR) e avviamento (ST) delle soglie IH>, IH>>,IH>>>, IL>, IL>>, IL>>>, IE>, IE>>, IE>>>, D>, DAL, Id>, Id>>, della funzione di blocco in uscita BLOCK OUT (1), della protezione di mancata apertura interruttore BF e del superamento delle soglie di ritenuta di seconda e quinta armonica 2nd REST, 5th REST . Esempio di messaggi: TR IH> K1 TR IH>> K1 TR IH>>> OFF TR IL> K1 TR IL>> K1 TR IL>>> OFF TR IE> K1,K2 TR IE>> K1,K2 TR IE>>> OFF TR D > K1 TR D A L K3 TR Id> K1 TR Id>> K1 ST IH> OFF ST IH>> OFF ST IH>>> OFF ST IL> OFF ST IL>> OFF ST IL>>> OFF ST IE> OFF ST IE>> OFF ST IE>>> OFF ST Id> OFF ST Id>> OFF BLOCK OUT OFF(1) BF K4 OFF S T 2 n d R E S S T 5 t h R E S OFF Sottomen BASE Questo sottomen comprende l'attivazione della configuration di taratura A o B (BANK A o B), la copia delle regolazioni del banco A nel banco B (COPY BANK A TO B), la selezione del modo di rappresentazione delle grandezze d'entrata in valore relativo alle correnti nominali In, IEn(RELANOTA 1 - Il segnale d'uscita di blocco, oltre che sull'apposita uscita dedicata, pu essere reso disponibile anche su un rel finale.

The final relays assigned to Self-test function are self acting preset as normal rest condition (DE-ENERGIZED) with automatic reset mode (NO LATCHED); such working mode can't be modified. Submenu MODE,BANK A (or B) This submenu concerns the assignment of the trippings and the startings of the protective functions, of the blocking ouput signal, of the braker failure protection and of the overcome of the second and fifth harmonic restraint thresholds to the final relays. The destination of a function is represented by the indication of the final relays to which each start (ST) or trip (TR) of the thresholds H>,IH>>, IH>>>, IL>, IL>>, IL>>>, I E>, I E>>, IE>>>, D>, DAL, Id>, Id>>, of the blocking output BLOCK OUT (1), of the breaker failure function (BF) and of the overcome of the second and fifth harmonic restraint thresholds 2nd REST, 5th RESTare assigned. Example of messages: TR IH> TR IH>> TR IH>>> TR IL> TR IL>> TR IL>>> TR IE> TR IE>> TR IE>>> TR D > TR D A L TR Id> TR Id>> ST IH> ST IH>> ST IH>>> ST IL> ST IL>> ST IL>>> ST IE> ST IE>> ST IE>>> ST Id> ST Id>> BLOCK OUT BF K4 S T 2 n d R E S S T 5 t h R E S

K1 K1 OFF K1 K1 OFF K1,K2 K1,K2 OFF K1 K3 K1 K1 OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF(1) OFF OFF

Submenu BASE This submenu concerns the selection of setting configuration A or B (BANK A o B), the copy of bank A settings to bank B (COPY BANK A TO B), the selection of the reading mode of the input quantities in per unit value to the nominal currents In, IEn (RELATIVE READ) or in primay amps
NOTE 1 - The output blocking signal, in addition to its own dedicated output, can be made available as well on a final relay.

60

SKC000\08 10-2007

SKC
TIVE READ) o in ampere primari (DIRECT READ), la taratura della frequenza nominale (fN) e delle correnti nominali primarie dei TA per la misura della corrente residua e delle correnti di fase dei lati H e L (IENP, InTA H , I nTA L), la taratura delle polarit dei TA di ogni fase sui lati H e L (P1H, P2H, P3H, P1L, P2L, P3L), la durata minima tTR di attivazione dei rel finali, la funzione di azzeramento dei registri sommatori delle correnti interrotte da ogni polo degli interruttori del lati H e L (CLEAR IL1HT, IL2HT, IL3HT, IL1LT, IL2LT, IL3LT) e dei contatori del numero d'interventi (CLEAR TRIP COUNT) , l'assegnazione delle funzioni di controllo agli ingressi digitali (INP1 e INP2 con impostazioni OFF, REM RESET, BANK SWITCH, TRIG SAVE, BLOCK, SYNC TIME, TCS). Esempio di messaggi: BANK A COPY BANK A TO B RELATIVE READ fN 50 Hz IEnp 100 A InTAH 200 A InTAL 1500 A P1H NORM P2H NORM P3H NORM P1L NORM P2L NORM P3L NORM tTR 0.10 s CLEAR I L 1 H T CLEAR I L 2 H T CLEAR I L 3 H T CLEAR I L 1 L T CLEAR I L 2 L T CLEAR I L 3 L T CLEAR TRIP COUNT INP1 BANK SWITCH INP2 OFF Sottomen COMMUNICATION Questo sottomen comprende i parametri relativi alla comunicazione seriale e cio la selezione del protocollo (tra MODBUS o THYTRONIC), la velocit (BAUD RATE), la parit (PARITY), il numero di stop bits (STOP BITS) e l'indirizzo (ADDRESS). L'indirizzo permette l'identificazione del singolo rel SKC nell'insieme dei rel di protezione asserviti alla medesima linea RS485, ai fini del controllo a distanza mediante linea di comunicazione seriale. Esempio di messaggio: MODBUS RTU BAUD RATE 9600 PARITY NO STOP BITS 1 ADDRESS 13 Sottomen REAL TIME CLOCK Questo sottomen comprende i parametri di regolazione del calendario (DATE) e dell'orologio (TIME). (DIRECT READ), the setting of the nominal frequency (fN) and of the primay nominal currents of the CT's for residual current and line currents on sides H and L (IENP , InTA H, InTA L), the setting of the polarity for the line CT's on sides H and L (P1H, P2H, P3H, P1L, P2L, P3L), the setting of the minimum switch-on timetTR of the final relays, the clear function for the accumulator registers which sum up the currents switched off by each pole of the circuit breakers on side H and L (CLEAR IL1HT, IL2HT, IL3HT, IL1LT, IL2LT, IL3LT) and for the trip counters (CLEAR TRIP COUNT), the assignment of the control functions to the digital inputs (INP1 e INP2 with functions OFF, REM RESET, BANK SWITCH, TRIG SAVE, BLOCK, SYNC TIME, TCS). Example of messages: BANK A COPY BANK A TO B RELATIVE READ fN 50 Hz IEnp 100 A InTAH 200 A InTAL 1500 A P1H NORM P2H NORM P3H NORM P1L NORM P2L NORM P3L NORM tTR 0.10 s CLEAR IL1HT CLEAR IL2HT CLEAR IL3HT CLEAR IL1LT CLEAR IL2LT CLEAR IL3LT CLEAR TRIP COUNT INP1 BANK SWITCH INP2 OFF Submenu COMMUNICATION This submenu concerns the setting parameters referring to the serial communication i.e. the prococol selection (MODBUS or THYTRONIC), BAUD RATE, PARITY, number of STOP BITS and address. The address allows for the identification of the single SKC relay among all the protection relays depending on the same RS485 line, to the end of the remote control by use of a serial communication line. Example of message: MODBUS RTU BAUD RATE 9600 PARITY NO STOP BITS 1 ADDRESS 13 Submenu REAL TIME CLOCK This submenu concerns the clock setting parameters DATE and TIME.

SKC000\08 10-2007

61

Esempio di messaggio: DATE 11:02:2002 TIME 22:41:31 Sottomen RESTRAINT,BANK A (o B) Questo sottomen comprende le regolazioni delle soglie di ritenuta di seconda e quinta armonica (2ndH REST e 5thH REST) e l'abilitazione, sui circuiti d'uscita, del segnale di blocco della protezione differenziale 87T per ritenuta di seconda o quinta armonica (BCK OUT REST). Esempio di messaggi: 2ndH REST 13% Id 5thH REST 15% Id BCK OUT REST OFF Sottomen TRAFO DATA, BANKA (o B) Questo sottomen visualizzato solo con impostazione TYPE TRANSFORMER nel sottomen PRESET. Esso comprende le impostazioni dei parametri del trasformatore e dei TA di fase sui lati H e L: rapporto tra corrente nominale primaria dei TA di fase del lato H e corrente nominale del trasformatore sul lato H (InTAH/InH), rapporto tra corrente nominale primaria dei TA di fase del lato L e corrente nominale del trasformatore sul lato L (InTAL/ InL), collegamento degli avvolgimenti e gruppo vettoriale del trasformatore (VECT GROUP). Esempio di messaggi: InTAH/InH 1.00 InTAL/InLH 1.09 VECT GROUP Dy11 Sottomen 49, BANKA (or B) Questo sottomen visualizzato solo con impostazioni TYPE TRANSFORMER e COMPENSATION INTERNAL nel sottomen PRESET. Esso comprende le regolazioni dei parametri della protezione ad immagine termica per trasformatore: scelta del lato del trasformatore (H o L) a cui applicare la protezione (SIDE), corrente di base (IB), le soglie di intervento (D>) e di allarme termico (DAL), la sovratemperatura iniziale (DIN), espresse in funzione della sovratemperatura di base DB, le costanti di tempo termiche di riscaldamento (T+) e di raffreddamento (T-) del trasformatore, il coefficiente di riduzione della corrente termica equivalente applicato al blocco della protezione differenziale 87T per ritenuta di seconda armonica (KINR), il comando di inizializzazione della sovratemperatura D al valore iniziale DIN (PRESET D). Esempio di messaggi: SIDE L IB 0.88 In D > 1 . 2 D B DA L 1 . 0 D B DI N 0 . 3 D B T+ 120 min TT+ KINR 1.5 PRESET D

Example of message: DATE 11:02:2002 TIME 22:41:31 Submenu RESTRAINT,BANK A (or B) This submenu concerns the settings for the second and fifth harmonic restraint thresholds (2ndH REST e 5thH REST) and the enable on output circuits of the 87Tdifferential protection blocking for second or fifth harmonic restraint (BCK OUT REST). Example of messages: 2ndH REST 13% Id 5thH REST 15% Id BCK OUT REST OFF Submenu TRAFO DATA, BANKA (o B) This submenu is displayed only with selection TYPE TRANSFORMER inside PRESET submenu. It concerns the settings for the parameters of the power transformer and of the line CT's on the sides H and L: ratio between the primary nominal current of line CT's on side H and the nominal current of power transformer on side H (InTAH/ InH), ratio between the primary nominal current of line CT's on side L and the nominal current of power transformer on side L (InTAL/InL), windings connection and vectorial group of power transformer (VECT GROUP). Example of messages: InTAH/InH 1.00 InTAL/InLH 1.09 VECT GROUP Dy11 Submenu 49, BANKA (or B) This submenu is displayed only with selections TYPE TRANSFORMER and COMPENSATION INTERNAL inside PRESET submenu. It concerns the settings of transformer thermal image protection: selection of the side (H or L) of the transformer which to apply the protective function (SIDE), base current (IB), the tripping (D>) and thermal alarm (DAL) thresholds, express in per unit value of the base overtemperature DB, the initial overtemperature (DIN), the heating (T+) and cooling (T-) time constants of transformer, the reduction parameter of the equivalent thermal current applied with the 87T differential protection blocking for second harmonic restraint (KINR), the preset command of the overtemperature D to the initial value DIN (PRESET D). Example of messages: SIDE L IB 0.88 In D > 1 . 2 D B DA L 1 . 0 D B DI N 0 . 3 D B T+ 120 min TT+ KINR 1.5 PRESET D

62

SKC000\08 10-2007

SKC
Sottomen 50-51,H,BANK A (o B) Questo sottomen non visualizzato con impostazione COMPENSATION EXTERNAL nel sottomen PRESET. Esso comprende le regolazioni della protezione di massima corrente relativa al lato H: le tre soglie (IH> a tempo indipendente o IHS a tempo dipendente, IH>>, IH>>>) ed i relativi tempi di intervento (tH> a tempo indipendente o tHS a tempo dipendente, tH>>, tH>>>), la selezione per la prima soglia del tipo di curva d'intervento (a tempo indipendente INDEP o dipendente DEP A, B, C), l'abilitazione alla maggiorazione delle soglie al blocco della protezione differenziale 87T per ritenuta di seconda armonica (REST IH>, REST IHS, REST IH>>, REST IH>>>) e le relative soglie maggiorate (IHR> a tempo indipendente o IHSR a tempo dipendente, IHR>>, IHR>>>), l'abilitazione della protezione di mancata apertura alle soglie (BF IH> o BF IHS, BF IH>>, BF IH>>>), l'assegnazione delle soglie IH>> e IH>>> ai circuti di blocco in ingresso (BCK IN tH>>, BCK IN tH>>>) ed in uscita (BCK OUT tH>>, BCK OUT tH>>>), i tempi di intervento in logica accelerata delle soglie IH>> e IH>>> (tH>>b, tH>>>b), l'assegnazione delle soglie IH>> e IH>>> al blocco in ingresso (IBKI tH>>, IBKI tH>>>) e in uscita (IBKO tH>>, IBKO tH>>>) con le funzioni di protezione interne al rel SKC. Esempio di messaggi: IH> 1.00 In tH> INDEP 0.50 s REST IH> OFF BF IH> OFF IH>> 3.00 In tH>> 0.10 s REST IH>> OFF BF IH>> OFF BCK IN tH>> OFF BCK OUT tH>> OFF IBKI tH>> OFF IBKO tH>> OFF IH>>> 5.00 In tH>> 0.03 s REST IH>>> OFF BF IH>>> OFF BCK IN tH>>> OFF BCK OUT tH>>> OFF IBKI tH>>> OFF IBKO tH>>> OFF Sottomen 50-51,L,BANK A (o B) Questo sottomen non visualizzato con impostazione COMPENSATION EXTERNAL nel sottomen PRESET. Esso comprende le regolazioni della protezione di massima corrente relativa al lato L: le tre soglie (IL> a tempo indipendente o ILS a tempo dipendente, IL>>, IL>>>) ed i relativi tempi di intervento (tL> a tempo indipendente o tLS a tempo dipendente, tL>>, tL>>>), la selezione per la prima soglia del tipo di curva d'intervento (a tempo indipendente INDEP o dipendente DEP A, B, C), l'abilitazione alla maggiorazione delle soglie al blocco della protezione differenziale 87T per ritenuta di seconda armonica (REST IL>, REST ILS, REST IL>>, REST IL>>>) e le relative soglie Submenu 50-51,H,BANK A (o B) This submenu isn't displayed with selection COMPENSATION EXTERNAL inside PRESET submenu. It concerns the settings of the overcurrent protective function on the side H: the three thresholds (IH> with independent time or IHS with dependent time, IH>>, IH>>>) and their operating times (tH> with independent time o tHS with dependent time, tH>>, tH>>>), the selection for the first threshold of the operating characteristic (independent time INDEP or dependent time DEP A, B, C), the enabling to the raised of the thresholds on 87T differential protection blocking for second harmonic restraint (REST IH>, REST IHS, REST IH>>, REST IH>>>) and the relevant raised thresholds (IHR> with independent time o IHSR with dependent time, IHR>>, IHR>>>), the enabling of the breaker failure protection to the thresholds (BF IH> or BF IHS, BF IH>>, BF IH>>>), the allocation of the thresholds IH>> and IH>>> to the blocking input circuit (BCK IN tH>>, BCK IN tH>>>) and to the blocking output circuit (BCK OUT tH>>, BCK OUT tH>>>), the operating times in accelerated logic of the thresholds IH>> and IH>>> (tH>>b, tH>>>b), the allocation of the thresholds IH>> and IH>>> to the blocking input (IBK IN tH>>, IBK IN tH>>>) and to the blocking output (IBKO tH>>, IBKO tH>>>) with the protective function internal to the SKC relay. Example of messages: IH> 1.00 In tH> INDEP 0.50 s REST IH> OFF BF IH> OFF IH>> 3.00 In tH>> 0.10 s REST IH>> OFF BF IH>> OFF BCK IN tH>> OFF BCK OUT tH>> OFF IBKI tH>> OFF IBKO tH>> OFF IH>>> 5.00 In tH>> 0.03 s REST IH>>> OFF BF IH>>> OFF BCK IN tH>>> OFF BCK OUT tH>>> OFF IBKI tH>>> OFF IBKO tH>>> OFF Submenu 50-51,L,BANK A (o B) This submenu isn't displayed with selection COMPENSATION EXTERNAL inside PRESET submenu. It concerns the settings of the overcurrent protective function on the side L: the three thresholds (IL> with independent time or ILS with dependent time, IL>>, IL>>>) and their operating times (tL> with independent time o tLS with dependent time, tL>>, tL>>>), the selection for the first threshold of the operating characteristic (independent time INDEP or dependent time DEP A, B, C), the enabling to the raised of the thresholds on 87T differential protection blocking for second harmonic restraint (REST IL>, REST ILS, REST IL>>, REST IL>>>) and the relevant raised thresholds (ILR> with

SKC000\08 10-2007

63

maggiorate (ILR> a tempo indipendente o ILSR a tempo dipendente, ILR>>, ILR>>>), l'abilitazione della protezione di mancata apertura alle soglie (BF IL> o BF ILS, BF IL>>, BF IL>>>), l'assegnazione delle soglie IL>> e IL>>> ai circuti di blocco in ingresso (BCK IN tL>>, BCK IN tL>>>) ed in uscita (BCK OUT tL>>, BCK OUT tL>>>), i tempi di intervento in logica accelerata delle soglie IL>> e IL>>> (tL>>b, tL>>>b), l'assegnazione delle soglie IL>> e IL>>> al blocco in ingresso (IBKI tL>>, IBKI tL>>>) e in uscita (IBKO tL>>, IBKO tL>>>) con le funzioni di protezione interne al rel SKC. Esempio di messaggi: IL> tL> INDEP REST IL> BF IL> IL>> tL>> REST IL>> BF IL>> BCK IN tL>> BCK OUT tL>> IBKI tL>> IBKO tL>> IL>>> tL>> REST IL>>> BF IL>>> BCK IN tL>>> BCK OUT tL>>> IBKI tL>>> IBKO tL>>>

1.00 0.50 OFF OFF 3.00 0.10 OFF OFF OFF OFF OFF OFF 5.00 0.03 OFF OFF OFF OFF OFF OFF

In s

In s

In s

independent time o ILSR with dependent time, ILR>>, ILR>>>), the enabling of the breaker failure protection to the thresholds (BF IL> or BF ILS, BF IL>>, BF IL>>>), the allocation of the thresholds IL>> and IL>>> to the blocking input circuit (BCK IN tL>>, BCK IN tL>>>) and to the blocking output circuit (BCK OUT tL>>, BCK OUT tL>>>), the operating times in accelerated logic of the thresholds IL>> and IL>>> (tL>>b, tL>>>b), the allocation of the thresholds IL>> and IL>>> to the blocking input (IBK IN tL>>, IBK IN tL>>>) and to the blocking output (IBKO tL>>, IBKO tL>>>) with the protective function internal to the SKC relay. Example of messages: IL> 1.00 In tL> INDEP 0.50 s REST IL> OFF BF IL> OFF IL>> 3.00 In tL>> 0.10 s REST IL>> OFF BF IL>> OFF BCK IN tL>> OFF BCK OUT tL>> OFF IBKI tL>> OFF IBKO tL>> OFF IL>>> 5.00 In tL>> 0.03 s REST IL>>> OFF BF IL>>> OFF BCK IN tL>>> OFF BCK OUT tL>>> OFF IBKI tL>>> OFF IBKO tL>>> OFF Submenu 50N-51N/87N (A) or (B) This submenu concerns the settings of the residual overcurrent protective function (50N-51N) or, alternatively, of the high impedance restricted earth fault protection (87N): the three thresholds (IE> with independent time or IES with dependent time, IE>>, IE>>>) and their operating times (tE> with independent time o tES with dependent time, tE>>, tE>>>), the selection for the first threshold of the operating characteristic (independent time INDEP or dependent time DEP A, B, C), the enabling to the raised of the thresholds on 87T differential protection blocking for second harmonic restraint (REST IE>, REST IES, REST IE>>, REST IE>>>) and the relevant raised thresholds (IER> with independent time o IESR with dependent time, IER>>, IER>>>), the enabling of the breaker failure protection to the thresholds (BF IE> or BF IES, BF IE>>, BF IE>>>), the allocation of the thresholds IE>> and IE>>> to the blocking input circuit (BCK IN tE>>, BCK IN tE>>>) and to the blocking output circuit (BCK OUT tE>>, BCK OUT tE>>>), the operating times in accelerated logic of the thresholds IE>> and IE>>> (tE>>b, tE>>>b), the allocation of the thresholds IE>> and IE>>> to the blocking input (IBK IN tE>>, IBK IN tE>>>) and to the blocking output (IBKO tE>>, IBKO tE>>>) with the protective function internal to the SKC relay.

Sottomen 50N-51N/87N (A) or (B) Questo sottomen comprende le regolazioni della protezione di massima corrente residua (50N-51N) o in alternativa della protezione differenziale di terra ristretta ad alta impedenza (87N): le tre soglie (IE> a tempo indipendente o IES a tempo dipendente, IE>>, IE>>>) ed i relativi tempi di intervento (tE> a tempo indipendente o tES a tempo dipendente, tE>>, tE>>>), la selezione per la prima soglia del tipo di curva d'intervento (a tempo indipendente INDEP o dipendente DEP A, B, C), l'abilitazione alla maggiorazione delle soglie al blocco della protezione differenziale 87T per ritenuta di seconda armonica (REST IE>, REST IES, REST IE>>, REST IE>>>) e le relative soglie maggiorate (IER> a tempo indipendente o IESR a tempo dipendente, IER>>, ILR>>>), l'abilitazione della protezione di mancata apertura alle soglie (BF IE> o BF IES, BF IE>>, BF IE>>>), l'assegnazione delle soglie IE>> e IE>>> ai circuti di blocco in ingresso (BCK IN tE>>, BCK IN tE>>>) ed in uscita (BCK OUT tE>>, BCK OUT tE>>>), i tempi di intervento in logica accelerata delle soglie IE>> e IE>>> (tE>>b, tE>>>b), l'assegnazione delle soglie IE>> e IE>>> al blocco in ingresso (IBKI tE>>, IBKI tE>>>) e in uscita (IBKO tE>>, IBKO tE>>>) con le funzioni di protezione interne al rel SKC.

64

SKC000\08 10-2007

SKC
Esempio di messaggi: IE> tE> INDEP REST IE> BF IE> IE>> tE>> REST IE>> BF IE>> BCK IN tE>> BCK OUT tE>> IBKI tE>> IBKO tE>> IE>>> tE>> REST IE>>> BF IE>>> BCK IN tE>>> BCK OUT tE>>> IBKI tE>>> IBKO tE>>> 0.050 IEn 0.50 s OFF OFF 0.100 IEn 0.10 s OFF OFF OFF OFF OFF OFF 0.200 IEn 0.03 s OFF OFF OFF OFF OFF OFF Example of messages: IE> tE> INDEP REST IE> BF IE> IE>> tE>> REST IE>> BF IE>> BCK IN tE>> BCK OUT tE>> IBKI tE>> IBKO tE>> IE>>> tE>> REST IE>>> BF IE>>> BCK IN tE>>> BCK OUT tE>>> IBKI tE>>> IBKO tE>>> 0.050 IEn 0.50 s OFF OFF 0.100 IEn 0.10 s OFF OFF OFF OFF OFF OFF 0.200 IEn 0.03 s OFF OFF OFF OFF OFF OFF

Sottomen 87T,BANK A (or B) Questo sottomen non visualizzato con impostazione TYPE MOTOR/GENER nel sottomen PRESET. Esso comprende le regolazioni della protezione differenziale per trasformatore: la prima soglia di intervento (Id>), il tempo di intervento nei primi tre tratti della caratteristica di intervento (td>), l'assegnazione della protezione differenziale nei primi tre tratti della caratteristica di intervento alla protezione di mancata apertura dell'interruttore (BF Id>), la seconda soglia di intervento (Id>>) ed il relativo tempo di intervento (td>>), l'assegnazione della seconda soglia Id>> alla protezione di mancata apertura dell'interruttore (BF Id>>), le pendenze percentuali del secondo e terzo tratto della caratteristica di intervento (K1, K2), l'intersezione del terzo tratto della caratteristica di intervento con l'asse verticale (Q), l'assegnazione ai circuiti di blocco in uscita (BCK OUT td) e d'ingresso (BCK IN td) della protezione differenziale. Esempio di messaggi: Id> 0.30 In td> 0.04 s BF Id> OFF Id>> 8.0 In td>> td> BF Id>> OFF K1 50% K2 100% Q 0.3 In BCK OUT td OFF BCK IN td OFF Sottomen 87G,BANK A (or B) Questo sottomen non visualizzato con impostazione TYPE TRANSFORMER nel sottomen PRESET. Esso comprende le regolazioni della protezione differenziale per generatore: la prima soglia di intervento (Id>), il tempo di

Submenu 87T,BANK A (or B) This submenu isn't displayed with selection TYPE MOTOR/GENER inside PRESET submenu. It include the settings for the transformer differential protection: the first threshold (Id>), the operating time related to the first three lines of the operating characteristic (td>), the allocation of the differential protection in the first three lines of the operating characteristic to the breaker failure protection (BF Id>), the second threshold (Id>>) and its operating time (td>>), the allocation of the second threshold Id>> to the breaker failure protection (BF Id>>), the percentage slopes of the second and third line of the operating characteristic (K1, K2), the intersection of the third line of the operating characteristic with vertical axis (Q), the allocation to the output (BCK OUT td) and input (BCK IN td) blocking circuits of the differential protection.

Example of messages: Id> td> BF Id> Id>> td>> BF Id>> K1 K2 Q BCK OUT td BCK IN td

0.30 In 0.04 s OFF 8.0 In td> OFF 50% 100% 0.3 In OFF OFF

Submenu 87G,BANK A (or B) This submenu isn't displayed with selection TYPE TRANSFORMER inside PRESET submenu. It include the settings for the generator differential protection: the first threshold (Id>), the operating time related to the

SKC000\08 10-2007

65

intervento nei primi tre tratti della caratteristica di intervento (td>), l'assegnazione della protezione differenziale nei primi tre tratti della caratteristica di intervento alla protezione di mancata apertura dell'interruttore (BF Id>), la seconda soglia di intervento (Id>>) ed il relativo tempo di intervento (td>>), l'assegnazione della seconda soglia Id>> alla protezione di mancata apertura dell'interruttore (BF Id>>), le pendenze percentuali del secondo e terzo tratto della caratteristica di intervento (K1, K2), l'intersezione del terzo tratto della caratteristica di intervento con l'asse verticale (Q), l'assegnazione ai circuiti di blocco in uscita (BCK OUT td) e d'ingresso (BCK IN td) della protezione differenziale. Esempio di messaggi: Id> 0.10 In td> 0.04 s BF Id> OFF Id>> 8.0 In td>> td> BF Id>> OFF K1 50% K2 100% Q 0.3 In BCK OUT td OFF BCK IN td OFF Sottomen BLOCK,BANK A (o B) Questo sottomen comprende le regolazioni relative ai circuiti di ingresso ed uscita di blocco per la logica accelerata: il tempo massimo di attivazione del circuito d'entrata di blocco (tB) , il ritardo alla ricaduta del segnale di blocco in uscita ed interno al rel SKC (tF, tFINT), l'abilitazione del circuito d'ingresso da filo pilota (EN PULSE IN) e l'emissione sul circuito di uscita di blocco degli impulsi per il controllo di continuit del filo pilota (EN PULSE OUT). Esempio di messaggi: tB 0.70 s tF 0.40 s EN PULSE IN ON EN PULSE OUT OFF tFINT 0.40 s Sottomen BF A (o B) Questo sottomen comprende la regolazione del tempo di ritardo tBF intercorrente tra l'intervento di una funzione di protezione assegnata alla protezione di mancata apertura dell'interruttore ed il comando del rel finale assegnato alla funzione di mancata apertura interruttore. Esempio di messaggio: tBF 0.20 s

first three lines of the operating characteristic (td>), the allocation of the differential protection in the first three lines of the operating characteristic to the breaker failure protection (BF Id>), the second threshold (Id>>) and its operating time (td>>), the allocation of the second threshold Id>> to the breaker failure protection (BF Id>>), the percentage slopes of the second and third line of the operating characteristic (K1, K2), the intersection of the third line of the operating characteristic with vertical axis (Q), the allocation to the output (BCK OUT td) and input (BCK IN td) blocking circuits of the differential protection. Example of messages: Id> td> BF Id> Id>> td>> BF Id>> K1 K2 Q BCK OUT td BCK IN td

0.10 In 0.04 s OFF 8.0 In td> OFF 50% 100% 0.3 In OFF OFF

Submenu BLOCK,BANK A (or B) This submenu concerns the settings of the input and output blocking circuits for the accelerated logic: the maximum switch-on time of the blocking input circuit (tB), the drop-out time delay of the blocking signal on output circuits and internally (tF, tFINT), the enabling of the input circuit from pilot wire (EN PULSE IN) and the generation on the output blocking circuits of the pulses intended for the monitoring of pilot wire continuity (EN PULSE OUT). Example of messages: tB tF EN PULSE IN EN PULSE OUT tFINT

0.70 s 0.40 s ON OFF 0.40 s

Submenu BF,BANK A (or B) This submenu include the setting of the delay tBF between the trip of a protective function allocated to the breaker failure protection and the command of the final relay allocated to the breaker failure protection. Example of message: tBF 0.20 s

66

SKC000\08 10-2007

SKC
PRESET MODE, COMMON TYPE ---------------- TRANS.ORMER F COMPENSATION -----INTF MOTOR/GENER F EXTF K3F K4F ENERGIZED F ENERGIZED F ENERGIZED F ENERGIZED F LATCHED F LATCHED F LATCHED F LATCHED F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K3 F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F K4F SEL. ---------- O . . F K1F K2F K1 --------------------------------- DE-ENERGIZED K2 --------------------------------- DE-ENERGIZED K3 --------------------------------- DE-ENERGIZED K4 --------------------------------- DE-ENERGIZED K1 ----------------------------------- NO LATCHED K2 ----------------------------------- NO LATCHED K3 ----------------------------------- NO LATCHED K4 ----------------------------------- NO LATCHED TR IH>(1) ----------- O . . F TR IH>>(1) --------- O . . F TR IH>>>(1) -------- O . . F TR IL>(1) ----------- O . . F TR IL>>(1) ---------- O . . F TR IL>>>(1) -------- O . . F TR IE> --------- O . . F TR IE>> -------- O . . F TR IE>>> ------- O . . F TR D>(2) ---------- O . . F TR DAL(2) -------- O . . F TR Id> --------- O . . F TR Id>> -------- O . . F ST IH>(1) ----------- O . . F ST IH>>(1) ---------- O . . F ST IH>>>(1) -------- O . . F ST IL>(1) ------------ O . . F ST IL>>(1) ---------- O . . F ST IL>>>(1) -------- O . . F ST IE> --------- O . . F ST IE>> -------- O . . F ST IE>>> ------- O . . F ST Id> --------- O . . F ST Id>> -------- O . . F BLOCK OUT ---- O . . F B. ------------ O . . F ST2nd RES ----- O . . F ST5th RES ------ O . . F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K1F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F K2F F F F F F F F F

MODE, BANK A(B)

NOTA 1 - Non disponibile con selezione COMPENSATION EXTERNAL nel sottomen PRESET. NOTA 2 - Disponibile solo con selezione TYPE TRANSFORMER e COMPENSATION INTERNAL nel sottomenu PRESET.

NOTE 1 - Not available with selection COMPENSATION EXTERNAL inside the PRESET submenu. NOTE 2 - Available with selection TYPE TRANSFORME and COMPENSATION INTERNAL only inside the PRESET submenu.

SKC000\08 10-2007

67

BASE

B A N K -----------------------------------------------AF BF RELATIVE READ F ------------------------ DIRECT READ F fN ---------------------------------------------------- 50 Hz F 60 Hz F IEnP -- 1 A...10.0 kA -----------------------------------------InTA H - 10 A...10.0 kA ----------------------------------------InTA L - 10 A...10.0 kA ----------------------------------------P 1 H ------------------------------------------- NORM F INVF P 2 H ------------------------------------------- NORM F INVF P 3 H ------------------------------------------- NORM F INVF P1L ------------------------------------------- NORM F INVF P2L ------------------------------------------- NORM F INVF P3L ------------------------------------------- NORM F INVF tTR --- 0.01...1.00 s ----------------------------------------INP1 O..F REM RESETF BANK SWITCHF TRIG SAVEF BLOCKFSYNC TIMEFTCS F INP2 O..F REM RESETF BANK SWITCHF TRIG SAVEF BLOCKFSYNC TIMEFTCS F THYTRONIC F

COMMUNICATION -------------------------------------- MODBUS RTU F BAUD RATE --------- 1200, 2400, 4800, 9600 -------------------PARITY ----------- NO F ODD F EVEN F STOP BITS ---------- 1 F 2F ADDRESS ------------------------ 1...30 -------------------REAL TIME CLOCK RESTRAINT, BANK A(B)(3) TRA.O DATA(4), BANKA(B) DATE ----------------------- DD:MMM:YYYY (es: 27.MAR.2000) TIME ------------------------------ HH:MM:SS (es: 13.45.51) 2ndH REST ------------------- 10...50 % Id -------------------5thH REST -------------------- 15...50 % Id -------------------BCK OUT REST ----------------------------------- O . . F InTAH/InH --------------------- 0.50...2.50 -------------------InTAL/InL 0.50...2.50 ---------------------VECT GROUP Yy0 F Yy6F Yd1 F Yd3 F Yd5F Yd7 F Yd9 F Yd11 F Dy1 F Dy3 F Dy5 F Dy7 F Dy9 F Dy11 F Dd0 F Dd6F SIDE ---------------------------------------------- H F I ------ 0.30...1.50 In ------------------B D > ---- 1.2 DB D AL --- 0.3...1.2 DB -------------------DIN --- 0.0...1.0 DB -------------------T + ----- 1...180 min --------------------T - -------------------------------------- T + K INR(6) - 1.0...2.0 ------------------------

ON F

49,(5) BANK A(B)

LF

NOTA 3 - Impostazione comune per le funzioni differenziali 87T, 87N e per le funzioni dotate di soglie maggiorate attivate quando il livello di seconda armonica superiore al valore impostato (men RESTRAINT). NOTA 4 - Disponibile solo con selezione TYPE TRANSFORMER nel sottomenu PRESET. NOTA 5- Disponibile solo con selezione TYPE TRANSFORMER e COMPENSATION INTERNAL nel sottomenu PRESET. NOTA 6 - Coeficiente di riduzione della corrente termica equivalente quando attivo il blocco della protezione 87T per ritenuta di seconda armonica.

NOTE 3 - Common setting for differential functions 87T, 87N and for functions that are provided with increased threshold which are activated when an high second harmonic is detected (RESTRAINT men). NOTE 4 - Available with selection TYPE TRANSFORMER only inside the PRESET submenu. NOTE 5 - Available with selection TYPE TRANSFORME and COMPENSATION INTERNAL only inside the PRESET submenu. NOTE 6 - Reduction coefficient of thermal equivalent current which is activated whit the blocking of 87T protection for second harmonic restraint.

68

SKC000\08 10-2007

SKC
(7) 50-51,H, BANK A(B)

IH> ----------- 0.200...10.00 In -------------------tH> ------------------ 0.05...180 s --------------REST IH> ------------------------------------- O . . F IHR> --------------- IH>...10.00In --------------B. IH> ---------------------------------------- O . . F DEP ----------------------- DEP A F DEP B F DEP C F IHS --------------- 0.200... 2.50 In --------------tHS ----------------- 0.10...60.0 s --------------REST IHS ------------------------------------- O . . F IHSR ---------------- IHS...2.50In --------------B. IHS --------------------------------------- O . . F IH>> -- IH>...40.0In --------------------tH>> -- 0.03...10.00 s ------------------REST IH>> --------------------------------------- O . . F IHR>> -------------- IH>>...40.0In --------------B. IH>> ------------------------------------------ O . . F BCK IN tH>> -------------------------------------- O . . F BCK OUT tH>> ------------------------------------ O . . F tH>>b -------------- 0.05...10.00 s --------------IBKItH>> ----------------------------------------- O . . F IBKOtH>> ---------------------------------------- O . . F IH>>> - IH>>...40.0In -------------------tH>>> - 0.03...10.00 s ------------------REST IH>>> -------------------------------------- O . . F IHR>>> ------------ IH>>>...40.0 In --------------B. IH>>> ----------------------------------------- O . . F BCK IN tH>>> ------------------------------------- O . . F BCK OUT t>>> ------------------------------------- O . . F tH>>>b ------------ 0.05...10.00 s --------------IBKItH>>> ---------------------------------------- O . . F IBKOtH>>> --------------------------------------- O . . F IL> ---------- 0.200...10.00 In -------------------tL> ------------------ 0.05...180 s --------------ILR> ------------------ IL>...10.0In --------------REST IL> ------------------------------------- O . . F B. IL> ---------------------------------------- O . . F DEP ----------------------- DEP A F DEP B F DEP C F ILS ---------------- 0.200... 2.50 In --------------tLS ------------------ 0.10...60.0 s --------------REST ILS ------------------------------------- O . . F ILSR ---------------- ILS...2.50In --------------B. ILS ---------------------------------------- O . . F IL>> --- IL>...40In ----------------------tL>> --- 0.03...10.00 s ------------------REST IL>> ---------------------------------------- O . . F ILR>> ----------------- IL>>...40In --------------B. I>> ------------------------------------------- O . . F BCK IN tL>> -------------------------------------- O . . F BCK OUT tL>> ------------------------------------- O . . F tL>>b -------------- 0.05...10.00 s --------------IBKItL>> ------------------------------------------ O . . F IBKOtL>> ----------------------------------------- O . . F F INDEP

F INDEP 

ON F ON F

ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F

50-51,L,(7) BANK A(B)

ON F ON F

ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F

NOTA 7 - Non disponibile con selezione COMPENSATION EXTERNAL nel sottomenu PRESET.

NOTE 7 - Not available with selection COMPENSATION EXTERNAL inside the PRESET submenu.

SKC000\08 10-2007

69

IL>>> -- IL>>...40In --------------------tL>>> -- 0.03...10.00 s ------------------REST IL>>> --------------------------------------- O . . F ILR>>> -------------- IL>>>...40 In --------------B. IL>>> ----------------------------------------- O . . F BCK IN tL>>> ------------------------------------- O . . F BCK OUT tL>>> ------------------------------------ O . . F tL>>>b ------------- 0.05...10.00 s --------------IBKItL>>> ---------------------------------------- O . . F IBKOtL>>> ---------------------------------------- O . . F 50N-51N/ 87N (A)(B)(8) IE> --------- 0.005...0.500 IEn -------------------tE> ------------------ 0.05...180 s --------------REST IE> ------------------------------------- O . . F IER> -------------- IE>...0.500 IEn --------------B. IE> ---------------------------------------- O . . F DEP ----------------------- DEP A F DEP B F DEP C F IES -------------- 0.020... 0.500 IEn --------------tES ------------------ 0.10...60.0 s --------------REST IES ------------------------------------- O . . F IESR --------------- IES...2.00 IEn --------------B. IES ---------------------------------------- O . . F IE>> --- IE>...2.00IEn -------------------tE>> --- 0.04...10.00 s ------------------REST IE>> --------------------------------------- O . . F IER>> ------------- IE>>...2.00 IEn --------------B. IE>> ------------------------------------------ O . . F BCK IN tE>> -------------------------------------- O . . F BCK OUT tE>> ------------------------------------ O . . F tE>>b -------------- 0.06...10.00 s --------------IBKItE>> ----------------------------------------- O . . F IBKOtE>> ----------------------------------------- O . . F IE>>> -- IE>>...2.00 IEn ------------------tE>>> -- 0.04...10.00 s ------------------REST IE>>> -------------------------------------- O . . F IER>>> ----------- IE>>>...2.00 IEn --------------B. IE>>> ----------------------------------------- O . . F BCK IN tE>>> ------------------------------------- O . . F BCK OUT tE>>> ----------------------------------- O . . F tE>>>b ------------- 0.06...10.00 s --------------IBKItE>>> ---------------------------------------- O . . F IBKOtE>>> --------------------------------------- O . . F FINDEP

ON F ON F ON F ON F ON F ON F

ON F ON F

ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F ON F

NOTA 8 - Le funzioni 50N, 51N sono alternative alla funzione 87N

NOTE8 - The functions 50N, 51N are alternative to the 87N function

70

SKC000\08 10-2007

SKC
87T,(9) BANKA(B) Id> ---- 0,10...1.50In ------------------td> ---- 0.04...2.00 s -------------------Id>> --- 3.0...30.0In --------------------td>> --- td>
B. Id> -------------------------------------------------- O . . F

ON F ON F

K1 ---- 10...50 % ----------------------K2 ---- 40...100 % ---------------------Q ----- 0.2...3.0In ----------------------

B. Id>> ------------------------------------------------- O . . F

BCK OUT td --------------------------------------------- O . . F BCK IN td ----------------------------------------------- O . . F

ON F ON F

87G,(10) BANKA(B)

Id> ---- 0.10...1.50In -------------------td> ---- 0.04...2.00 s --------------------

Id>> --- Id>...20.0In --------------------td>> --- td>

B. Id> -------------------------------------------------- O . . F

ON F ON F

K1 ---- 10...50 % ----------------------K2 ---- 40...100 % ---------------------Q ----- 0.2...3.0In --------------------------------------------------t ----- 0.10...10.0 s -------------------B t ----- 0.00...1.00 s -------------------. t. INT - 0.00...1.00 s -------------------BREAK .AIL, BANKA(B) tB. ---- 0.05...10.0 s --------------------

B. Id>> ------------------------------------------------- O . . F

BCK OUT td --------------------------------------------- O . . F BCK IN td ----------------------------------------------- O . . F

ON F ON F

BLOCK, BANK A(B)

EN PULSE IN --------------------------------------------- O . . F EN PULSE OUT ------------------------------------------- O . . F

ON F ON F

NOTA 9 - Non disponibile con selezione TYPE MOTOR/GENERATOR nel sottomenu PRESET. NOTA 10 - Non disponibile con selezione TYPE TRANSFORMER nel sottomenu PRESET.

NOTE 9 - Not available with selection TYPE MOTOR/GENERATOR inside PRESET submenu. NOTE 10 - Not available with selection TYPE TRANSFORMER inside PRESET submenu.

SKC000\08 10-2007

71

MODIFICA DELLE TARATURE Informazioni generali L'utente pu variare tutte le tarature relative alle soglie d'intervento, ai tempi d'intervento, al tipo di curva, al modo di funzionamento dei rel finali, al modo di funzionamento del circuito di blocco, al modo di funzionamento degli ingressi digitali, i parametri per la comunicazione seriale; pu inoltre eseguire le diverse operazioni di azzeramento. Per ottenere ci si deve procedere come segue: - premere il tasto SET tenendolo premuto; - premere momentaneamente il tasto RESET; - rilasciare il tasto SET; - applicare la procedura descritta precedentemente al paragrafo di lettura delle tarature, fino a visualizzare sull'indicatore il parametro che si desidera modificare; - premere ENTER al fine di abilitare la modifica del parametro in oggetto (in risposta il valore indicato diviene lampeggiante); - premere pi volte i pulsanti o fino ad ottenere il valore di taratura desiderato (tenendo i pulsanti premuti in permanenza si ottiene una variazione 10 volte pi veloce); - una volta raggiunto il valore desiderato (che continua a lampeggiare) premere ENTER per attivarlo in sostituzione del precedente valore impostato, oppure premere CLEAR per annullare l'operazione: nel primo caso il nuovo valore cessa di lampeggiare, mentre nel secondo caso si ripresenta il precedente valore tuttora attivo. Prima di procedere con la taratura del rel SKC, si consiglia di definire tutti i parametri compilando una tabella come quella indicata nelle pagine precedenti. La regolazione dei parametri (soglie e tempi d'intervento) viene automaticamente limitata all'interno del campo di taratura previsto; il tentativo di selezionare valori esterni a quelli compresi tra inizio e fine scala non ha effetti. Frequenza nominale Il valore della frequenza nominale del rel SKC deve essere impostato al valore di frequenza nominale dell'impianto in cui installato. Questa regolazione deve essere effettuata per il parametro fN nel sottomen di taratura BASE. Preset La disponibilit di alcune funzioni di protezione nel rel SKC e dei relativi sottomen di taratura, dipende dalle impostazioni fornite dall'utente ai parametri TYPE e COMPENSATION nel sottomen di taratura PRESET. Queste impostazioni sono comuni per entrambe le configurazioni di taratura BANK A e B. Il parametro TYPE definisce se il componente di impianto da proteggere un trasformatore (impostazione TRANSFORMER) oppure un motore/generatore/linea corta (impostazione MOTOR/GENER). Il parametro COMPENSATION definisce se l'adattamento di fase e di ampiezza delle correnti di fase dei lati H e L per le protezioni differenziali effettuato internamente al rel SKC senza l'impiego di TA correttori (impostazione

SETTING MODIFYING General information The user has the possibility to change all the settings referring to the operation thresholds and times, the type of curve, the final relays working mode, the blocking circuit working mode, the digital input circuits working mode, the parameters for the serial communication link; furthermore a number of clear actions can be executed. To this end it is necessary to proceed as follows: - push the key SET permanently; - push momentarily the key RESET; - release the key SET; - apply the above mentioned procedure for reading of setting until the display shows the parameter which is to be modified; - push ENTER to enable the actually displayed parameter to be modified (as a consequence its value becomes flashing); - push as many times as necessary the keys or until the display shows the desired setting value (by pushing permanently the changing rate is 10 time higher); - once the desired value (which flashes on) has been reached, press ENTER to make the new preset value substituting the preceding active one, or press CLEAR to cancel the operation: in the first case the preset value stops flashing, while in the second case the preceding actually active value is displayed again. Before going on with the setting of relay SKC, it is advisable to define completely all the parameters by filling in a table as indicated in the preceding pages. The setting of the parameters (trip operation thresholds and times) is automatically limited within the allowable setting range; the attempt to select values outside those comprised within the scale range has no effect. Nominal frequency The value of the nominal frequency of the SKC relay must be set to the value of the nominal frequency for the electrical system where the relay is installed. This setting must be carried out for the parameter fN in the BASE setting submenu. Preset The availability of some protective functions in the SKC relay and of the relevant setting submenu, is dependent by the user selection for TYPE and COMPENSATION parameters in PRESET setting submenu. These selections are common for both setting configurations BANK A and B. The parameter TYPE define if the electrical component to be protect is a transformer (selection TRANSFORMER) or a motor/generator/short line (selection MOTOR/GENER). The parameter COMPENSATION define if the amplitude and phase matching of the line currents of the sides H and L for differential protections is performed inside the SKC relay without matching CT's (selection INT) or outside

72

SKC000\08 10-2007

SKC
INT) oppure esternamente al rel SKC mediante l'impiego di TA correttori (impostazione EXT). Il sottomen di taratura TRAFO DATA,BANKA (o B), comprendente i dati del trasformatore e dei TA di fase, risulta disponibile solo con selezione TYPE TRANSFORMER nel men PRESET. La protezione ad immagine termica per trasformatore, il relativo sottomen di taratura 49,BANK A (o B) e l'assegnazione degli avviamenti (ST) ed interventi (TR) delle relative soglie nel sottomen MODE, BANK A (o B), sono disponibili solo con selezione TYPE TRANSFORMER e COMPENSATION INT nel sottomen PRESET. Le protezioni di massima corrente sui lati H e L, i relativi sottomen di taratura 50-51,H,BANK A (o B) e 50-51,L,BANK A (o B) e l'assegnazione degli avviamenti (ST) ed interventi (TR) delle relative soglie nel sottomen MODE, BANK A (o B), non risultano disponibili con selezione COMPENSATION EXT nel sottomen PRESET. La protezione differenziale di trasformatore ed il relativo sottomen di taratura 87T,BANK A (o B), non risultano disponibili con selezione TYPE MOTOR/GENER nel sottomen PRESET. La protezione differenziale di generatore/motore/linea corta ed il relativo sottomen di taratura 87G,BANK A (o B), non risultano disponibili con selezione TYPE TRANSFORMER nel sottomen PRESET. Inoltre, se nel sottomen PRESET viene modificata la selezione del parametro COMPENSATION da compensazione interna (INT) a esterna (EXT), nel rel SKC vengono automaticamente assegnate le seguenti impostazioni: - nel sottomen MODE, COMMON la funzione SELF viene impostata OFF; - nei sottomen MODE, BANK A e B gli interventi (TR) e gli avviamenti (ST) delle soglie relative alle funzioni di protezione, la funzione di blocco in uscita (BLOCK OUT), la protezione contro la mancata apertura dell'interruttore (BF), gli avviamenti della ritenuta di seconda e quinta armonica per la protezione 87T (ST2nd RES, ST5th RES) non vengono assegnati ad alcun rel finale (impostazione OFF); - nei sottomen TRAFO DATA,BANKA e B i parametri InTAH/InH e InTAL/InL vengono regolati al valore 1.00 ed il parametro VECT GROUP viene impostato a Dd0. Tipo di curva d'intervento Nel caso di modifica della caratteristica di intervento da tempo indipendente a tempo dipendente per le funzioni di massima corrente (51 dei lati H e L), di massima corrente residua o differenziale di terra ristretta ad alta impedenza (51N/87N), il valore assegnato quale soglia d'intervento IH>, IL>,IE> viene automaticamente acquisito quale valore asintotico di riferimento IHS, ILS, IES e, se necessario, viene automaticamente riportato entro il proprio campo nominale di taratura (in tal caso viene riproposto automaticamente sul display il messaggio corrispondente alla regolazione di IHS, ILS, IES allo scopo di evidenziare la modifica della taratura). Nel caso contrario di modifica della caratteristica di intervento da tempo dipendente a tempo indipendente, il valore assegnato quale valore asintotico di riferimento the SKC relay with matching CT's (selection EXT). TRAFO DATA,BANKA (o B) submenu, that include the data of transformer and of line CT's, is available only with selection TYPE TRANSFORMER inside PRESET submenu. The thermal image protection for transformer, its 49,BANK A (or B) submenu and the allocation of the starting (ST) and tripping (TR) of its thresholds are available only with selections TYPE TRANSFORMER and COMPENSATION INT inside PRESET submenu. The overcurrent protections on the sides H and L, their 50-51,H,BANK A (o B) e 50-51,L,BANK A (o B) submenues and the allocation of the starting (ST) and tripping (TR) of their thresholds aren't available with selection COMPENSATION EXT inside PRESET submenu. The transformer differential protection and its 87T,BANK A (o B) submenu, aren't available with selection TYPE MOTOR/GENER inside PRESET submenu. The generator/motor/short line differential protection and its 87G,BANK A (o B) submenu, aren't available with selection TYPE TRANSFORMER inside PRESET submenu. Moreover, if in PRESET submenu is modified the selection of the parameter COMPENSATION from internal matching (INT) to external matching (EXT), in the SKC relay are automatically set the followings parameters: - in MODE, COMMONsubmenu the SELF function is set OFF; - in MODE, BANK A e B submenues the trippings (TR) and the startings (ST) of the protective function thresholds, the blocking output function (BLOCK OUT), the breaker failure protection (BF), the startings of the second and fifth harmonic restraint for the 87T protection (ST2nd RES, ST5th RES) aren't set to some final relay (settings OFF); - inTRAFO DATA,BANKA e B submenues InTAH/InH and InTAL/InL parameters are set to the value of 1.00 and the VECT GROUP parameter is set to Dd0. Type of characteristic curve In case of a change of the operating characteristic from independent time to dependent time for the overcurrent protective functions (51 of the sides H and L), for the residual overcurrent or high impedance differential restricted earth fault protective function (51N/87N), the assigned value as trip operation threshold IH>, IL>,IE> is automatically acquired as asymptotic reference value II HS, ILS, IES and, if necessary, is brought back within its nominal setting range (in this case the display automatically shows the message corresponding to the setting of I HS, ILS, IES in order to point out the setting change). In the opposite case of a change in the characteristic curve, from dependent time to independent time, the value assigned for the

SKC000\08 10-2007

73

to IHS, ILS, IES viene automaticamente acquisito quale soglia d'intervento IH>, IL>,IE>. Analogamente nel caso delle funzioni di massima corrente (50-51 del lati H e L), di massima corrente residua o differenziale di terra ristretta ad alta impedenza (50N-51N/87N), i campi di taratura della seconda e della terza soglia risultano limitati inferiormente al valore delle soglie inferiori. Ad esempio, quando viene modificata la prima soglia della funzione 50-51 del lato H, anche la seconda soglia viene automaticamente aumentata al nuovo valore della prima soglia; lo stesso avviene per la terza soglia nei riguardi della seconda.

asymptotic reference value IHS, ILS, IES is automatically acquired as trip operation threshold IH>, IL>,IE>. Likewise for the overcurrent functions (50-51 of the sides H and L), the residual overcurrent or high impedance differential restricted earth fault protective functions (50N51N/87N), the setting ranges for the second and third thresholds turn out to be automatically raised over the value assigned for the lower threshold. As an example, when the first threshold of the overcurrent function 50-51 of the side H is changed, as well the second threshold, if lower than the new value of the first one, is automatically encreased to that value; the same happens for the third threshold with respect to the second one. Blocking function Whenever one or more thresholds of the protective functions are allocated to the blocking input circuit (for example the second threshold of the protection 50-51 of the side H, BCK IN tH>> ON), is enabled the setting for the relevant operating time (tH>>b); it correspond the operating time of the protection in accelerated logic. The previous setting (tH>>) is not cancelled, but it remains at disposal and is automatically resumed in case the pilot wire connection is interrupted due to a fault.

Funzione di blocco Nel caso di assegnazione di una o pi soglie delle funzioni di protezione ai circuiti di ingresso di blocco (ad esempio della seconda soglia della protezione 50-51 del lato H, BCK IN tH>> ON), risulta abilitata la taratura per il corrispondente tempo d'intervento (tH>>b); esso rappresenta il tempo di intervento della protezione in logica accelerata. La taratura precedente (tH>>) non viene eliminata, ma rimane disponibile e viene automaticamente ripresa nel caso in cui il collegamento a filo pilota risulti interrotto. Ritenuta di seconda armonica Nel caso di assegnazione di una o pi soglie delle protezioni 50-51 dei lati H, L e 50N-51N/87N alla loro maggiorazione durante il blocco della protezione differenziale 87T per ritenuta di seconda armonica (ad esempio della seconda soglia della protezione 50-51 del lato H, REST IH>> ON), risulta abilitata la taratura della corrispondente soglia di intervento maggiorata (IHR>>); essa rappresenta la soglia di intervento applicata alla protezione per il tempo in cui il la protezione differenziale 87T risulta bloccata per ritenuta di seconda armonica. La soglia di intervento precedente (IH>>) non viene eliminata, ma rimane disponibile e viene automaticamente riapplicata quando il contenuto di seconda armonica della corrente differenziale in tutte le fasi inferiore alla soglia di ritenuta di seconda armonica. Ingressi digitali A ciascuno dei due ingressi digitali possibile assegnare una delle seguenti funzioni: - OFF, l'ingresso rimane inutilizzato; - REM RESET, per cui possibile eseguire le operazioni di ripristino della protezione interventuta mediante un contatto esterno in alternativa al tasto frontale RESET, che rimane comunque attivo; - BANK SWITCH, per cui possibile eseguire l'attivazione di una delle due configurazioni di taratura (BANK A o BANK B) mediante un contatto esterno(1);
NOTA 1 - Quando viene assegnata la funzione BANK SWITCH a un ingresso digitale, la possibilit di attivare il banco di taratura mediante l'apposita voce del sottomen BASE risulta inibita. NOTA 2 - In questo caso rimane escluso il controllo di continuit del filo pilota.

Second harmonic restraint Whenever one or more thresholds of the protective functions 50-51 of the sides H, L and 50N-51N/87N are allocated to their raising throughout the 87T differential protection blocking for second harmonic restraint (for example the second threshold of the protection 50-51 of the side H, REST IH>> ON), is enabled the setting for the relevant raised threshold (IHR>>); it represent the threshold applied to the protection for the time where the 87T differential protection is blocked for second harmonic restraint. The previous threshold (IH>>) is not cancelled, but it remains at disposal and is automatically resumed when the second harmonic of the differential currents in all three phases go down the second harmonic restraint threshold. Digital inputs At each of the digital input can be assigned one of the following functions: - OFF, the input circuit is disabled; - REM RESET, to make it possible the execution of reset operations of a protective function by a remote contact as well as by the front plate RESET key, which however continues to be active; - BANK SWITCH, to make it possible the selection of one of two setting configurations (BANK A o BANK B) by an external contact(1);
NOTE 1 - When a digital input is assigned the function BANK SWITCH, the possibility is excluded to select the setting bank through the relevant item of BASE submenu. NOTE 2 - With this setting, the automatic monitoring of pilot wire continuity is inhibited.

74

SKC000\08 10-2007

SKC
- TRIG SAVE, per cui possibile eseguire il salvataggio in memoria dei valori attuali delle grandezze d'entrata, che vengono registrati in sostituzione dei valori corrispondenti all'ultimo intervento della protezione (IL1HT, IL2HT, IL3HT, IL1LT, IL2LT, IL3LT, IET, DT, Id1-L1T,Id1-L2T, Id1-L3T, IR-L1T,IR-L2T,IR-L3T,I d2-L1T,Id2 -L2T,Id2-L3T, Id5-L1T, Id5-L2T, Id5-L3T); - BLOCK, per cui possibile realizzare la funzione di blocco in ingresso mediante il segnale proveniente da un contatto esterno normalmente aperto (tipicamente un contatto di avviamento di una protezione posta a valle) contemporaneamente oppure in alternativa ai circuiti di blocco dedicati(2). Un esempio di schema di collegamento per tale funzione riportato in fig. 34. - SYNC TIME, per cui possibile sincronizzare l'orologio interno al rel SKC con i dati precedentemente inviati mediante comunicazione seriale; Le funzioni sopra indicate vengono eseguite quando il circuito d'entrata digitale assume lo stato logico attivo (circuito alimentato); in particolare nel caso della funzione BANK SWITCH, lo stato inattivo corrisponde all'attivazione del banco A, mentre lo stato attivo corrisponde all'attivazione del banco B. Se entrambi i circuiti d'entrata digitale vengono programmati per la medesima funzione, i corrispondenti segnali logici si sommano con logica OR. - TCS, per cui possibile realizzare la funzione di controllo di continuit del circuito di apertura dell'interruttore. Lo schema rappresentato nella fig.33 comprende l'impiego di un resistore R al fine di consentire il controllo del circuito anche in condizione di circuito aperto e nel contempo di evitare che la bobina di apertura possa essere alimentata con interruttore aperto (es: test della protezione oppure comando manuale). In condizione di riposo, la continuit del circuito di comando viene rilevata dal passaggio della corrente di prova nell'ingresso digitale; nel caso di interruzione del circuito medesimo l'anomalia viene segnalata dalla commutazione del rel SELF e dal messaggio corrispondente "TCS FAIL". Eventuali schemi alternativi sono possibili in funzione della disponibilit dei contatti della bobina e/o di contatti ausiliari dell'interruttore. Nella scelta dello schema d'inserzione occorre sempre verificare i requisiti della bobina ed il contesto di applicazione. Rel finale con funzione di autodiagnostica Quando la funzione di autodiagnostica (SELF-TEST) viene indirizzata su un rel finale, quest'ultimo viene predisposto automaticamente con logica positiva (ENERGIZED) e ripristino automatico (NO LATCHED) senza possibilit di modifica e viene escluso dal men di destinazione delle altre funzioni. Pertanto se una funzione di protezione si trova assegnata ad un rel finale (ad esempio K1), nel momento in cui la funzione SELF-TEST viene assegnata a K1, la funzione detta sopra diventa inattiva (OFF); se la funzione di protezione si trova assegnata a due rel finali (ad esempio K1,K2), nel momento in cui la funzione SELF-TEST viene assegnata a K1, la funzione detta sopra rimane assegnata al solo rel K2. - TRIG SAVE, to make it possible to save in the memory the actualvalues of input variables, which are stored in the place of the last trip values (IL1HT, IL2HT, IL3HT, I L1LT, IL2LT , IL3LT, I ET, DT, Id1-L1T, Id1-L2T,I d1-L3T, IR-L1T, IR-L2T, IR-L3T, Id2 -L1T, Id2 -L2T, Id2 -L3T, Id5 -L1T, Id5 -L2T, Id5 L3T); - BLOCK, to make it possible to perform the blocking input function by means of a signal coming from an external contact normally open (usually a starting output contact of a downstream protection) together or in the place of the dedicated blocking circuits(2). An example of connection diagram for this function is shown to fig. 34. - SYNC TIME, to make it possible to perform the syncronization of internal clock with previous sended data through serial communication; The above functions are executed as soon as the digital input circuit is given a logical active state (auxiliary supply applied to the circuit); when the function BANK SWITCH is concerned it must be pointed out that the rest state corresponds to bank A setting, whereas the active statecorresponds to bank B setting. If both digital input circuits are set to the same function, the corresponding logical signals are added together according to an OR function. - TCS, to make it possible to perform the trip circuit supervision of the circuit breaker. Schematic drawing on fig.33 comprise a resistor R to allow sensing of the controlled circuit and meanwile to avoid that opening coil can be energided when the circuit breaker is open (es: relay test or manual operation). In rest condition, the trip circuit continuity is detected by means of current measure across digital input; when the trip circuit cut off, the anomaly is detected by SELF relays switching and associated message "TCS FAIL". Depending on coil terminals and/or auxiliary contacts arrangement of the circuit breaker, other connection drawings can be considered. Connection drawings must be verified taking into account circuit breaker technical data and application context requirements.

Final relay with self-test function When the SELF-TEST function is addressed to a final relay, this relay is automatically set with positive logic (ENERGIZED) and automatic reset (NO LATCHED) without possibility of change and is removed from the destination menu of the other functions. Therefore if some protection function is being assigned to a final relay (say K1), as soon as the function SELF-TEST is assigned to relay K1, the above function becomes not active (OFF); if the protection function is being assigned to two final relays (say K1,K2), as soon as the function SELF-TEST is assigned to relay K1, the above function remains assigned to the only relay K2.

SKC000\08 10-2007

75

Corrente residua primaria di riferimento Qualora la versione del rel SKC sia del tipo provvisto di trasformatore toroidale per la misura della corrente residua, il valore della corrente primaria di riferimento IENP risulta pari a 100 A e non modificabile dall'utente.

Primary reference residual current Should the considered version of SKC be a type provided with a summation ring type transformer for the residual current measurement, the value of the primary reference current IENP is 100 A and cannot be modified by the user. SELF-TEST The relay recursively performs a number of chekings to ensure the correct working of the circuits and the correct program flow. Whenever a failure is detected, the relay determines the following events: - the self-test final relay is de-energized (only if the SELFTEST function has been assigned to a final relay), - the green front LED, which is identified as ON, becomes flashing or turns off, - a suitable explication message appears on the display. In detail the following types of faults can be considered.

AUTODIAGNOSTICA Il rel esegue ricorrentemente numerosi controlli per assicurare il buon funzionamento dei circuiti e il corretto flusso del programma. Allorquando viene riscontrata un'anomalia, il rel produce i seguenti eventi: - diseccitazione del rel finale di autodiagnostica (se la funzione di SELF-TEST stata assegnata a un rel finale), - lampeggio o spegnimento del LED verde frontale contrassegnato ON, - comparsa di un apposito messaggio esplicativo sull'indicatore alfanumerico. In particolare vengono considerati i seguenti tipi di guasto. 1 - Difetto di alimentazione Qualora le tensioni interne di alimentazione escano dal proprio campo di tolleranza, il rel sospende tutte le sue funzioni e presenta il messaggio POWER FAIL Se le tensioni si ripristinano spontaneamente, il rel riprende a funzionare correttamente. 2 - Bobine dei rel finali Qualora si interrompa la bobina di un rel finale, si presenta il messaggio COIL FAIL Il rel continua a svolgere tutte le sue funzioni di protezione, ad esclusione dell'eventuale commutazione del rel guasto; la tastiera rimane disattivata. 3 - Circuito di blocco Qualora si interrompa o venga cortocircuitato il filo pilota collegato all'ingresso di blocco del rel, si presenta il messaggio PILOT WIRE FAIL Il rel continua a svolgere tutte le sue funzioni di protezione, con la sola sostituzione dei tempi d'intervento per le funzioni interessate dall'ingresso di blocco. La tastiera rimane abilitata, per cui possibile eseguire tutte le operazioni di lettura dei dati e di modifica delle tarature; al termine delle operazioni sulla tastiera (dopo 1 min) riappare il messaggio sopra indicato. 4 - Memoria non volatile Tutti i dati che determinano il corretto funzionamento del rel (coefficienti di calibrazione, parametri di taratura), nonch i valori delle grandezze memorizzate, sono conservati in un doppio banco di memoria non volatile (EEPROM). Qualora, per cause accidentali, si verifichi l'alterazione di qualche dato in uno dei due banchi, il

1 - Power supply failure Whenever the internal supply voltages exceed their own tolerance ranges, the relay stops all its functions and shows the following message POWER FAIL Should the voltages spontaneously recover, the relay begins working again. 2 - Coils of final relays Whenever the coil of a final relay becomes open circuit, the following message is displayed COIL FAIL The relay continues to perform all its protection functions, with the exception of the possible switching of the faulted relay; the keyboard is disabled. 3 - Blocking circuit Whenever the pilot wire, connected to the input blocking circuit of the relay, becomes open or short circuited, the following message is displayed PILOT WIRE FAIL The relay continues to perform all its protection functions, with the only replacement of the operation times for the functions which are concerned by the blocking input. The keyboard stays enabled, so it is possible to carry out all data reading and setting modifying operations; at the end of the operations on the keyboard (1 min later) the above message will be displayed again. 4 - Non-volatile memory All the data determining the correct working of the relay (calibration coefficients, setting parameters), as well as the values of the stored quantities, are retained in dual non-volatile memory banks (EEPROM). Whenever, for accidental reasons, some datum is being altered in one of the memory banks, the microcontroller is able to identify

76

SKC000\08 10-2007

SKC
microcontrollore in grado di riconoscere il dato scorretto e lo sostituisce automaticamente con il dato corretto prelevandolo dall'altro banco di memoria. Ci avviene senza pregiudizio del normale flusso del programma. Qualora eccezionalmente risultassero inquinati entrambi i banchi di memoria, si determina un differente comportamento in funzione del tipo di dato soggetto al difetto. Se sono stati alterati dei dati relativi ai contatori del numero d'interventi, ai valori delle grandezze corrispondenti all'ultimo intervento, alle correnti cumulative interrotte dall'interruttore, appare il messaggio TRIP VAR CLEARED Tutti i registri detti sopra vengono azzerati, mentre il rel continua a svolgere tutte le sue funzioni di misura e protezione. Premendo il tasto RESET per alcuni secondi, il messaggio sopra indicato viene cancellato e appare il messaggio OK FOR WORK Si pu quindi procedere con il normale utilizzo della tastiera. Se sono stati alterati dei dati relativi ai parametri di taratura, appare il messaggio RESTORE SETTINGS Tutte le tarature sono riportate automaticamente allo stato iniziale di fornitura del rel, per cui tutte le funzioni di protezione risultano disattivate. Premendo il tasto RESET per alcuni secondi, il messaggio sopra indicato viene cancellato e appare il messaggio OK FOR WORK Si devono programmare nuovamente tutte le tarature per ottenere le funzioni desiderate. Se sono stati alterati dei dati relativi ai coefficienti di calibrazione, appare il messaggio OUT OF ORDER Tutte le funzioni di protezione risultano disattivate. Il messaggio sopra indicato non pu essere cancellato: il rel deve essere inviato in fabbrica per ripetere le operazioni di controllo e calibrazione. 5 - Funzione di supervisione del circuito di scatto(TCS) Qualora venga rilevata l'interruzione della continuit del circuito di scatto, si presenta il messaggio TCS FAIL Il rel continua a svolgere tutte le sue funzioni di protezione. SEGNALAZIONI DI INTERVENTO E RIPRISTINO All'intervento della soglia di una funzione di protezione, le segnalazioni ALARM e TRIP si illuminano in modo permanente (se si verifica il solo avviamento di una soglia il cui intervento TR sia stato assegnato ad un rel finale o l'intervento della soglia di allarme termico, si illumina la sola segnalazione ALARM). Premendo il pulsante RESET, si ottiene l'indicazione della soglia interventuta o avviata; per esempio se l'intervento dovuto alla funzione di massima corrente con il superamento della seconda the uncorrect datum and automatically replace it with the correct one, which is available in the other memory bank. This correction of the memory is performed without any interference on the normal program flow. In case both memory banks exceptionally were altered in the same zone, different measures will be taked depending on the type of data which are affected by the failure. If the failure concerns the counters of trip operations, the values of the input quantities corresponding to the last operation, the cumulative currents switched by the circuit breaker, the following message is displayed TRIP VAR CLEARED All the above registers are cleared, while the relay continues to perform all its protection functions. By pressing the RESET key for some seconds, the above message is replaced by the following one OK FOR WORK Then it is possible to go on by normally using the keyboard. If the failure concerns the setting parameters, the following message is displayed RESTORE SETTINGS All the settings are automatically brought back to the initial delivery condition, so that all the protection functions are disabled. By pressing the RESET key for some seconds, the above message is replaced by the following one OK FOR WORK Then it is necessary to preset again all the setting parameters to get the desired functions. If the failure concerns the calibration coefficients, the following message is displayed OUT OF ORDER All the protection functions are disabled. The above message cannot be canceled: it is necessary to submit the relay to the factory, to repeat the test and calibration procedure.

5 -Trip circuit supervision (TCS) Whenever the trip circuit becomes open circuit, the following message is displayed TCS FAIL The relay continues to perform all its protection functions. OPERATION SIGNALLING AND RESET Following the trip operation of a threshold of a protective function, the ALARM and TRIP indicators becomes permanently activated (for the only starting of a threshold with its trip TR allocated to a final relay or for the operation of the thermal alarm threshold, only ALARM indicator become activated). By pushing the RESET key, the display shows the threshold responsible for the trip; for example, if the operation has been produced by the second threshold of the overcurrent function with respect to the phases L1 and

SKC000\08 10-2007

77

soglia sulle fasi L1 e L2, si presenta la seguente indicazione: IH>> TR L1,L2 Premendo una seconda volta il pulsante RESET, le segnalazioni ALARM e TRIP (o la sola segnalazione ALARM nel caso del solo avviamento di una soglia il cui intervento TR sia stato assegnato ad un rel finale o di intervento della soglia di allarme termico) vengono cancellate, a condizione che le grandezze d'entrata siano tornate entro il valore di non intervento. Nel caso in cui la protezione sia stata predisposta con i rel finali a ripristino manuale, essi tornano in condizione di riposo contemporaneamente allo spegnimento delle segnalazioni ALARM e TRIP. ESECUZIONE DELLA TARATURA Essendo possibile assegnare due differenti configurazioni di taratura (BANK A e BANK B), per ciascuna configurazione occorre preventivamente stabilire, in base ai criteri di coordinamento delle protezioni, quali funzioni debbono essere attivate; quindi occorre stabilire le soglie e i tempi d'intervento. Nel caso in cui non necessita la disponibilit delle due differenti configurazioni, sufficiente eseguire la taratura per il banco A e ignorare il banco B. Preset Le impostazioni di preset del rel SKC (parametri TYPE e COMPENSATION) devono essere effettuate con riferimento al componente di impianto da proteggere ed alla modalit di adattamento di ampiezza e fase delle correnti per la protezione differenziale. Si rende necessario un adattamento delle correnti secondarie dei TA di fase per i seguenti motivi: - il rapporto di trasformazione del trasformatore protetto non corrisponde generalmente al rapporto tra le correnti nominali primarie dei TA di fase inseriti sui due lati, per cui le due terne di correnti non sono di uguale ampiezza; - i collegamenti degli avvolgimenti ed il gruppo vettoriale del trasformatore introducono uno sfasamento tra le due terne di correnti; - i collegamenti degli avvolgimenti del trasformatore possono non permettere lannullamento della corrente residua in ingresso alla protezione differenziale presente in caso di guasti verso terra allesterno della zona protetta. Adattamento interno La modalit di adattamento interna delle correnti applicata quando non sono impiegati TA correttori nei seguenti casi: - per protezione differenziale di trasformatore 87T (impostazioni TYPE TRANSFORMER e COMPENSATION INT); - per protezione differenziale 87T di un gruppo generatore-trasformatore o di un gruppo trasformatore-motore (impostazioni TYPE TRANSFORMER e COMPENSATION INT).

L2, the following indication will be displayed: IH>> TR L1,L2 By pushing the RESET key another time, the ALARM and TRIP indicators (or only ALARM indicator in case of starting of a threshold with its trip TR allocated to a final relay or for operation of the thermal alarm threshold).switches off, provided that the input quantities have come back under their reset value. In case the protection relay is preset with the final relays being reset by hand, they come back to the normal rest condition at the same time the ALARM and TRIP indicators switches off. SETTING EXECUTION As two different setting configurations can be preset (BANK A and BANK B), it must be established in advance for each configuration what functions are required, according to the analysis of protection co-ordination; then the thresholds and the operation times must be established. Whenever there is no need of two different setting configurations, it is enough to perform the setting of bank A, while bank B can be ignored. Preset The preset of SKC relay (TYPE and COMPENSATION parameters) must be performed for the electrical component to be protected and for the amplitude and phase matching currents mode for the differential protection. The matching of the secondary currents of the line CT's is required for the following reasons: - the ratio of the protected power transformer differ from the ratio between the nominal primary currents of the line CT's on both sides, hence the two tern of line currents not have the same amplitude; - the windings connection and the group of the power transformer cause a displacement between the two tern of the line currents; - the windings connection of the transformer can't cancel the residual input current to the differential protection due to a ground fault external to the protected zone.

Internal matching The internal currents matching mode is applied when matching CT's isn't used in the following cases: - for 87T transformer differential protection (selections TYPE TRANSFORMER and COMPENSATION INT); - for 87T differential protection of a generator-transformer or transformer-motor unit (selections TYPE TRANSFORMER and COMPENSATION INT).

78

SKC000\08 10-2007

SKC
Nella modalit di adattamento interna delle correnti per la protezione differenziale di trasformatore (87T), vengono considerate le impostazioni dei seguenti parametri del sottomen TRAFO DATA,BANKA (o B): - InTAH/InH rapporto tra la corrente nominale primaria dei TA di fase del lato AT (H) e la corrente nominale del trasformatore sul lato AT (H); - InTAL/InL rapporto tra la corrente nominale primaria dei TA di fase del lato BT (L) e la corrente nominale del trasformatore sul lato BT (L); - VECT GROUP collegamento degli avvolgimenti e gruppo vettoriale del trasformatore. Il rel SKC effettua automaticamente il calcolo del parametro interno nT , definito come costante di adattamento; essa calcolata secondo le formule indicate in tab.1.
COLLEGAMENTO DEGLI AVVOLGIMENTI DEL TRASFORMATORE DI POTENZA WINDINGS CONNECTION OF POWER TRANSFORMER

With internal matching currents for transformer differential protection (87T), are considered the settings of the following parameters of TRAFO DATA,BANKA (o B) submenu: - InTAH/InH ratio between the nominal primary current of the phase CT's on HV side (H) and the nominal current of transformer on HV side (H); - InTAL/InL ratio between the nominal primary current of the phase CT's on LV side (L) and the nominal current of transformer on LV side (L); - VECT GROUP windings connection and vector group of transformer. SKC relay automatically calculates the internal n T parameter, defined as matching constant; it is computed according to the formulas in the tab. 1.

COSTANTE DI ADATTAMENTOnT

MATCHING CONSTANTnT

Yd Dy Yy Dd Tab. 1 In funzione del gruppo vettoriale e del valore della costante di adattamento nT calcolato come sopra, se >1 o 1, il rel SKC effettua l'adattamento interno di ampiezza e fase delle correnti di linea in ingresso, secondo uno dei seguenti schemi equivalenti. Il valore indicato per ciascun TA correttore equivalente rappresenta il relativo rapporto di trasformazione.

nT = 3 * (InTAL/InL)*1/(InTAH/InH) nT = 3 * (InTAH/InH)*1/(InTAL/InL) nT = (InTAL/InL)*1/(InTAH/InH) nT = (InTAL/InL)*1/(InTAH/InH)

Dependent by the vectorial group and by nT matching constant as above calculated, if >1 o 1, the SKC relay adapts the magnitude and phase of the input line currents, according to one of the following equivalent diagrams. The value indicated for each equivalent matching CT is the relevant ratio.

SKC000\08 10-2007

79

Fig. 36 - Adattamento interno delle correnti per la protezione differenziale di trasformatori con collegamenti degli avvolgimenti Yd.

Fig. 36 - Internal matching currents for differential protection of transformers with Yd windings connection.

Fig. 37 - Adattamento interno delle correnti per la protezione differenziale di trasformatori con collegamenti degli avvolgimenti Dy.

Fig. 37 - Internal matching currents for differential protection of transformers with Dy windings connection.

80

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 38 - Adattamento interno delle correnti per la protezione differenziale di trasformatori con collegamenti degli avvolgimenti Yy.

Fig. 38 - Internal matching currents for differential protection of transformers with Yy windings connection.

Fig. 39 - Adattamento interno delle correnti per la protezione differenziale di trasformatori con collegamenti degli avvolgimenti Dd.

Fig. 39 - Internal matching currents for differential protection of transformers with Dd windings connection.

SKC000\08 10-2007

81

Adattamento esterno La modalit di adattamento esterna impiegata nei seguenti casi: - per protezione differenziale di generatore/motore/linea corta 87G (impostazioni TYPE MOTOR/GENER e COMPENSATIONEXT); - per protezione differenziale di trasformatore 87T mediante TA correttori (impostazioni TYPE TRANSFORMER e COMPENSATION EXT); - per la protezione differenziale di un gruppo generatore-trasformatore o motore-trasformatore (87T) mediante TA correttori (impostazioni TYPE TRANSFORMER e COMPENSATION EXT). In funzione del gruppo vettoriale del trasformatore, l'adattamento esterno di ampiezza e fase delle correnti di linea pu essere ottenuto mediante l'impiego di TA correttori, secondo uno degli schemi nelle fig. 40...44. Il valore indicato per ciascun adattatore raprresenta il relativo rapporto di trasformazione espresso in funzione della costante di adattamento nT, da calcolarsi secondo le formule indicate nella precedente tab. 1. In modalit di adattamento esterno non risultano disponibili le funzioni di protezione 49 e 50-51 dei lati H e L.

External matching External currents matching mode is used in the following cases: - for 87G differential protection of a generator/motor/ short line (settings TYPE MOTOR/GENER and COMPENSATION EXT); - for 87Ttransformer differential protection using matching CT's (settings TYPE TRANSFORMER and COMPENSATION EXT); - for 87T differential protection of a generator-transformer or transformer-motor unit using matching CT's (settings TYPE TRANSFORMER and COMPENSATION EXT). According to the vectorial group of the power transformer, the external magnitude and phase line currents should be obtained with matching CT's, according to one of the diagrams in the fig. 40...44. The value indicated for each matching CT is the relevant ratio, dependent by n T matching constant, that can be computed according to the formulas shown in the previous tab. 1. In external matching mode the protective functions 49, 50-51 of the sides H and L are unavailable.

82

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 40 - Adattamento esterno delle correnti mediante TA correttori per la protezione differenziale di trasformatori con collegamenti degli avvolgimenti Yd.

Fig. 40 - External matching currents with matching CT's for differential protection of transformers with Yd windings connections.

Fig. 41 - Adattamento esterno delle correnti mediante TA correttori per la protezione differenziale di trasformatori con collegamenti degli avvolgimenti Dy.

Fig. 41 - External matching currents with matching CT's for differential protection of transformers with Dy windings connections.

Fig. 42 - Adattamento esterno delle correnti mediante TA correttori per la protezione differenziale di trasformatori con collegamenti degli avvolgimenti Yy.

Fig. 42 - External matching currents with matching CT's for differential protection of transformers with Yy windings connections.

Fig. 43 - Adattamento esterno delle correnti mediante TA correttori per la protezione differenziale di trasformatori con collegamenti degli avvolgimenti Dd.

Fig. 43 - External matching currents with matching CT's for differential protection of transformers with Dd windings connections.

SKC000\08 10-2007

83

Fig. 44 - Collegamento degli avvolgimenti dei TA correttori per diversi gruppi vettoriali

Fig. 44 - Windings connection of matching CT's for several vectorial groups.

84

SKC000\08 10-2007

SKC
Come esempio di taratura dei parametri del sottomen PRESET si supponga di impostare il rel SKC per la protezione di un trasformatore e di impiegare la protezione differenziale 87T mediante la modalit di adattamento interna delle correnti (senza l'impiego di TA correttori). Per le operazioni di taratura del rel SKC si procede come segue: - premere il tasto SET, mantenendolo premuto; - premere momentaneamente il tasto RESET; - rilasciare il tasto SET, per cui appare sul display il messaggio relativo al primo sottomen PRESET - premere il tasto ENTER per portarsi nel sottomen in questione, per cui appare sul display la scritta corrispondente alla prima voce del men, con l'indicazione della impostazione precedentemente programmata, ad esempio TYPE MOTOR/GENER - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto e sul display appare il messaggio relativo all'impostazione desiderata TYPE TRANSFORMER - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto per passare alla voce successiva e procedere come sopra per ottenere l'impostazione desiderata: COMPENSATION INT Programmazione dei rel finali L'assegnazione dei rel finali deve essere eseguita con riferimento alle funzioni richieste e in accordo con lo schema di collegamento dei contatti finali. L'avviamento (ST) e/o l'intervento (TR) di ogni soglia, la funzione di blocco in uscita (BLOCK OUT) e la protezione di mancata apertura dell'interruttore (BF) possono essere indipendentemente assegnate ad uno o due rel finali; inoltre possibile assegnare pi di una delle precedenti funzioni ad uno stesso rel finale. Per ciascuna funzione non consentita l'assegnazione ad un rel finale a cui sia stata assegnata la funzione di autodiagnostica SELF. Si supponga a titolo di esempio che sia necessario effettuare le le seguenti assegnazioni: - rel K1 per intervento delle soglie D>,IH>>, IH>>>, Id>, Id>> - rel K2 per intervento delle soglieIL>>, IL>>> - rel K3 per intervento delle soglieIE>, IE>> - rel K4 per intervento della soglia di allarme termico DAL Si supponga inoltre che siano richieste le seguenti modalit di funzionamento dei rel finali: - rel K1 normalmente eccitato, ripristino automatico - rel K2 normalmente eccitato, ripristino automatico - rel K3 normalmente diseccitato, ripristino manuale - rel K4 normalmente diseccitato, ripristino manuale Si pu procedere quindi alle operazioni di taratura del rel SKC: - premere il tasto SET, mantenendolo premuto; As example of the PRESET submenu setting parameters, suppose that SKC relay is intended for protection of a power transformer using 87T differential protection with internal currents matching (without use of matching CT's). The setting operations of the SKC relay can be performed as follow: - press the SET key, permanently; - press momentarily the RESET key; - release the SET key, then the display will show the message relevant to the first submenu PRESET - press the ENTER key, in order to enter in the selected submenu, then the display will show the message corresponding to the first menu item, along with the previously programmed condition, for example TYPE MOTOR/GENER - press the ENTER key, then the above message will start flashing; - press the key and the display shows the message corresponding to the desired setting TYPE TRANSFORMER - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key to proceed with the following item and operate as above to achieve the desired setting; COMPENSATION INT

Programming of final relays The assignment of the final relays must be performed with reference to the required protection functions and in accordance with the connection diagram of final contacts. The starting (ST) and/or the tripping (TR) of each threshold, the blocking output function (BLOCK OUT) and the breaker failure protection (BF), can be independently allocated to one or two final relays; moreover one or more of above functions can be allocated to the same final relay. For each function isn't allow the allocation to a final relay set with self test function SELF. Suppose, as an example, that the following assignments are defined: - K1 relay for tripping of the thresholds D>,IH>>, IH>>>, Id>, Id>> - K2 relay for tripping of the thresholds IL>>, IL>>> - K3 relay for tripping of the thresholds IE >, IE>> - K4 relay for tripping of the thermal alarm threshold DAL Suppose, moreover, that the following operation modes of final relays are required: - K1 relay normally energized, automatic reset - K2 relay normally energized, automatic reset - K3 relay normally de-energized, hand-operated reset - K4 relay normally de-energized, hand-operated reset Then the setting operations of the SKC relay can be performed: - press the SET key, permanently;

SKC000\08 10-2007

85

- premere momentaneamente il tasto RESET; - rilasciare il tasto SET, per cui appare sul display il messaggio PRESET - premere il tasto e sul display appare il messaggio relativo al sottomen desiderato: MODE,COMMON Eseguire quindi le seguenti operazioni: - premere il tasto ENTER, per entrare nel sottomen in questione, per cui appare sul display la scritta corrispondente alla prima voce del men, con l'indicazione della condizione di funzionamento precedentemente programmata, ad esempio SELF K3 Dato che l'esempio non prevede l'attivazione della funzione di autodiagnostica occorre modificare la programmazione al fine di disabilitare tale funzione e rendere il rel K3 disponibile per l'assegnazione di intervento delle soglieIE>, IE>>. Occorre quindi procedere come segue: - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere pi volte il tasto , finch appare sul display il messaggio relativo all'impostazione desiderata SELF OFF - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto per passare alla voce successiva e procedere come sopra per ottenere l'impostazione desiderata; - operando in modo simile a quanto indicato sopra, si devono programmare le seguenti condizioni: K1 ENERGIZED K2 ENERGIZED K3 DE-ENERGIZED K4 DE-ENERGIZED K1 NO LATCHED K2 NO LATCHED K3 LATCHED K4 LATCHED - premere il tasto SET e successivamente il tasto per portarsi nel men MODE,BANK A, relativo all'assegnazione dei rel finali; - premere il tasto ENTER per entrare nel sottomen e operare come gi indicato sopra fino ad ottenere le seguenti impostazioni: TR IH> OFF TR IH>> K1 TR IH>>> K1 TR IL> OFF TR IL>> K2 TR IL>>> K2 TR IE> K3 TR IE>> K3 TR IE>>> OFF TR D > K1 TR D A L K4 TR Id> K1 TR Id>> K1 ST IH> OFF ST IH>> OFF

- press momentarily the RESET key; - release the SET key, then the display will show the message PRESET - press the key then the display will show the message relevant to the desired submenu MODE,COMMON Proceed with the following operations: - press the ENTER key, in order to enter the selected submenu, then the display will show the message corresponding to the first item of the menu, along with the previously programmed condition, for example SELF K3 As this example does not require to use the self-test function, the above setting must be modified in order to disable that function and to make the relay K3 available for the allocation of the tripping of the thresholdsIE>, IE>>. Proceed with the following steps: - press the ENTER key, in order to modify such setting, then the message starts flashing; - press the key several times, until the display shows the message corresponding to the desired setting SELF OFF - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key to proceed with the following item and operate as above to achieve the desired setting; - by operating in the same way as above, all the following conditions must be programmed: K1 ENERGIZED K2 ENERGIZED K3 DE-ENERGIZED K4 DE-ENERGIZED K1 NO LATCHED K2 NO LATCHED K3 LATCHED K4 LATCHED - press the SET key and successively the key, in order to reach the submenu MODE,BANK A, regarding the assignment of final relays; - press the ENTER key to open the submenu and proceed as indicated above until the following setting is achieved TR TR TR TR TR TR TR TR TR TR TR TR TR ST ST IH> IH>> IH>>> IL> IL>> IL>>> IE> IE>> IE>>> D > D A L Id> Id>> IH> IH>> OFF K1 K1 OFF K2 K2 K3 K3 OFF K1 K4 K1 K1 OFF OFF

86

SKC000\08 10-2007

SKC
ST IH>>> ST IL> ST IL>> ST IL>>> ST IE> ST IE>> ST IE>>> ST Id> ST Id>> BLOCK OUT BF ST 2nd RES ST 5th RES OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF ST IH>>> ST IL> ST IL>> ST IL>>> ST IE> ST IE>> ST IE>>> ST Id> ST Id>> BLOCK OUT BF ST 2nd RES ST 5th RES OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF

La funzione di blocco in uscita (BLOCK OUT) pu essere assegnata ad uno o due rel finali al fine di realizzare sistemi di logica accelerata a filo pilota con altri rel di protezione dotati di ingresso digitale con funzione di blocco in ingresso. La protezione di mancata apertura dell'interruttore (BF) pu essere assegnata ad uno o due rel finali, con cui provvedere al comando di apertura di altri interruttori qualora, in presenza di un guasto sull'impianto, si verifichi una mancata apertura dell'interruttore a cui sono associate le funzioni di protezione del rel SKC. Il blocco della protezione differenziale 87T per ritenuta di seconda e quinta armonica (ST 2nd RES e ST 5th RES) assegnabile ad uno o due rel finali, ad esempio per le seguenti applicazioni: - per la verifica della corretta regolazione delle soglie di ritenuta di seconda e quinta armonica per il blocco della protezione differenziale 87T durante il transitorio di inserzione e per sovraeccitazione del trasformatore (v. soglie 2ndH REST e 5thH REST nel sottomen di taratura RESTRAINT, BANK A o B); - per il blocco di altri rel di protezione nell'impianto dotati di ingresso logico con funzione di blocco in ingresso, al fine di evitare il loro intervento intempestivo durante i transitori di inserzione del trasformatore. Funzioni comuni (BASE) Nel sottomen BASE la prima operazione proposta dal men consiste nell'attivazione di una delle due configurazioni (BANK A o BANK B). Questa operazione, come qualunque altra modifica delle tarature, pu essere eseguita sia inizialmente nel corso della messa in servizio sia durante il funzionamento dell'impianto. Occorre quindi impostare la frequenza nominale del rel SKC (fN) e selezionare la lettura delle variabili in modo relativo (RELATIVE READ) oppure assoluto (DIRECT READ); in tal caso necessario assegnare correttamente il valore della correnti nominali primarie dei TA (IEnp, InTA H, InTA L). Mediante i parametri P1H, P2H, P3H, P1L, P2L, P3L viene stabilito il segno da attribuire a ciascuna delle sei correnti di fase in ingresso al rel SKC, considerate per la misura delle correnti differenziali delle funzioni di protezione 87T e 87G . Nel caso in cui le polarit dei sei TA di fase dei lati H e L corrispondano a quelle indicate nello schema di inserzione, tali parametri devono essere impostati NORM

The blocking output function (BLOCK OUT) can be allocated to one or two final relays to carry out pilot wire accelerated logic systems with others protection relays that have a digital input with blocking input function. The breaker failure protection (BF) can be allocated to one or two final relays in order to trip others circuit breakers when a fault in the electrical system occur and, due to a failure, the circuit breaker relevant to the protective functions of SKC relay can't extinguih the fault. The blocking of the 87T differential protection for second and fifth harmonic restraint thresholds (ST 2nd RES and ST 5th RES) can be allocated to one or two final relays, i.e. for the following applications: - verify the right setting of second and fifth harmonic restraint thresholds for the blocking of 87T differential protection on inrush and overexcitation of power transformer (see the thresholds 2ndH REST and 5thH REST in RESTRAINT, BANK A o B submenu); - for blocking of others protection relays that have a logic input with blocking input function, in order to avoid its unwanted trip on power transformer inrush.

Common functions (BASE) When entering the BASE submenu, the first item which is presented enables the user to activate one of two setting configurations (BANK A or BANK B). This operation, as well as any other setting modifying, can be accomplished both during the commissioning and during the normal service of the installation. It needs therefore to plan the nominal frequency of the SKC relay (fN) and select the reading of the currents in relative (RELATIVE READ) or in absolute mode (DIRECT READ); in this case is needed to correctly assign value of the primary nominal current of the CT's (IEnp, InTA H, InTA L). P1H, P2H, P3H, P1L, P2L, P3L parameters establish the sign of the six phase input currents to the SKC relay, for the differential currents measurements of the protective functions 87T and 87G. If the polarity of the six phase CT's of the sides H and L corresponds to the polarity shown in the connection diagram, these parameters must be set to NORM (normal polarity); if the polarity of some CT's is

SKC000\08 10-2007

87

(polarit normale); se la polarit di uno o pi TA risulta invece invertita rispetto a quella indicata nello schema di inserzione, il corrispondente parametro deve essere impostato INV (polarit invertita). Mediante l'impostazione di questi parametri quindi possibile porre rimedio ad eventuali errori di collegamento. Nel sottomen BASE possibile assegnare la funzione desiderata ai due circuiti d'entrata digitale (parametri INP1 e INP2 con selezioni OFF, REM RESET, BANK SWITCH, TRIG SAVE, BLOCK, SYNC TIME, TCS). Con la medesima sequenza di tasti (ENTER, o ) possibile programmare al valore desiderato la durata minima tTR di attivazione dei rel finali, azzerare le memorie cumulative delle correnti interrotte da ogni polo degli interruttori dei lati H e L (CLEAR IL1HT, IL2HT, IL3HT, IL1LT, IL2LT, IL3LT) e dei contatori del numero d'interventi (CLEAR TRIP COUNT) delle funzioni di protezione. Funzione di ritenuta d'armoniche (RESTRAINT) Nel sottomen RESTRAINT,BANK A (o B) si effettuano le tarature delle soglie di ritenuta di seconda (2ndH REST) e quinta (5thH REST) armonica e l'assegnazione della funzione di ritenuta di seconda armonica ai circuiti di blocco in uscita (BCK OUT REST). La regolazione delle soglie di ritenuta di seconda e quinta armonica espressa in percentuale della componente fondamentale della corrente differenziale. Alla messa in tensione di un trasformatore si verifica un transitorio di corrente che nei primi istanti pu raggiungere valori di picco anche di circa dieci volte la corrente nominale della macchina; negli istanti successivi la corrente diminuisce progressivamente raggiungendo il valore corrispondente al funzionamento di regime, per una durata totale del fenomeno che pu risultare anche di qualche secondo. Il valore di picco e la costante di tempo con cui la corrente di inserzione si esaurisce dipendono, oltre che dalle caratteristiche magnetiche e dalla taglia del trasformatore, anche dallimpedenza della rete elettrica a monte e dell'istante di chiusura dell'interruttore. Poich la corrente di inserzione (o di inrush) riguarda il solo lato del trasformatore posto in tensione, essa si presenta alla protezione 87T come una corrente differenziale e pu quindi determinarne lo scatto intempestivo. A causa della non linearit del circuito magnetico, la corrente di inserzione caratterizzata da un elevato contenuto di armoniche, tra cui risulta prevalente la seconda (valori generalmente compresi tra 30% e 80% della corrente differenziale). Lo scatto intempestivo della protezione 87T pu inoltre verificarsi a causa della corrente differenziale corrispondente al funzionamento del trasformatore in sovraeccitazione, ossia con tensione superiore al valore nominale. Tale corrente ha un significativo contenuto di quinta armonica. Linsensibilit della protezione differenziale di trasformatore (87T) alle correnti di inserzione e di sovraeccitazione rispettivamente ottenuta mediante ritenuta di seconda e quinta armonica. Mediante filtraggio digitale basato sullalgoritmo DFT (Discrete Fourier Transform) il rel SKC misura le componenti di seconda e quinta armonica delle

inverted to the polarity shown in the connection diagram, the relevant parameter must be set to INV (inverted polarity). With these parameters setting, possible connection mistakes can be solved.

Through the BASE submenu the desired function can be assigned to both digital input circuits (INP1 and INP2 parameters with OFF, REM RESET, BANK SWITCH, TRIG SAVE, BLOCK, SYNC TIME, TCS selections). Again with the same keys operations (ENTER, or ) it is possible to preset a minimum time durationtTR for the operate state of the final relays, to clear the values of the cumulative switched current of each pole of the circuit breakers on the sides H and L (CLEAR IL1HT, IL2HT, IL3HT, IL1LT, IL2LT, IL3LT) and to clear the trip counters of the protective functions (CLEAR TRIP COUNT). Harmonic restraint function (RESTRAINT) In the RESTRAINT,BANK (or B) submenu the settings thresholds of second (2ndH REST) and fifth (5thH REST) harmonic are performed; the second harmonic restraint can be assigned to the output block circuits (BCK OUT REST). The restraint restraint threshold (second and fifth harmonic) is express in percentage of the fundamental component of the differential current. On energization of the transformer, an inrush phenomenon takes place; the peak current value can reach about ten times the nominal current of the transformer. Subsequently the current progressively decreases reaching the value corresponding to the operation of regime, for a total duration of the phenomenon that can also result of some second. The peak value and the time constant with which the inrush current exhausts him depend, over that from the magnetic characteristics and from the size of the transformer, also from the impedance of the electric network and from the closing instant of the circuit breaker. Since the inrush current concerns the transformer side in tension only, it iseems to the protection 87T as a differential current and can determine the untimely release of it. Because of the unlinearity of the magnetic circuit, the inrush current is characterized by an elevated content of harmonic, among which it results prevailing the second (inclusive values generally among 30% and 80% of the differential current). The untimely trip of the protection 87T can verify because of thedifferential current correspondent to the operation of the transformer in overexcitation, that is with voltage above to the nominal value. Such current has a meaningful harmonic content . The insensibility of the differential protection of transformer (87T) to the inrush currents and overexcitation is respectively gotten through second and fifth harmonic restraint. Through digital filtration based on the DFT (Discreet Fourier Transform) algorithm, the SKC relay measures the second and fifth harmonic components of the

88

SKC000\08 10-2007

SKC
correnti differenziali in ciascuna delle tre fasi, confrontandole rispettivamente con le soglie impostate di ritenuta di seconda (2ndH REST) e quinta (5thH REST) armonica. Per la protezione differenziale di trasformatore (87T) la ritenuta attivata come blocco della protezione stessa in tutte le tre fasi al superamento, in almeno una delle tre fasi, della soglia di seconda o di quinta armonica. Al blocco della protezione differenziale 87T per ritenuta di seconda armonica e per il tempo in cui tale blocco viene mantenuto inoltre possibile: - aumentare automaticamente qualunque delle tre soglie di intervento relative alle funzioni di protezione 5051 dei lati H e L e 50N-51N/87N allo scopo di evitarne l'intervento indesiderato; l'abilitazione alla maggiorazione delle soglie di intervento di tali protezioni e la taratura delle rispettive soglie maggiorate si effettua nei relativi sottomen di taratura; - ridurre la corrente termica equivalente considerata per il calcolo dell'immagine termica della protezione 49, dividendola per il coefficiente KINR e regolabile nel sottomen 49, BANK A o B (regolando il parametro KINR al valore 1.0 la ritenuta di seconda armonica per la protezione ad immagine termica viene esclusa). Il blocco della protezione differenziale 87T per ritenuta di seconda armonica pu inoltre essere assegnato ad uno o due rel finali (v. parametro ST 2nd RES nel sottomen MODE, BANK A o B) per il blocco all'insezione del trasformatore di altri rel di protezione nell'impianto dotati di ingresso logico con funzione di blocco in ingresso, e/o ai circuiti di uscita (v. parametro BCK OUT REST nel sottomen RESTRAINT,BANK A o B) per il blocco all'inserzione del trasformatore di altri rel della serie S. Come esempio di taratura dei parametri del sottomen RESTRAINT,BANK A, si supponga di impostare il rel SKC come segue: - soglia di ritenuta di seconda armonica pari al 13% Id, - soglia di ritenuta di quinta armonica pari al 15% Id, - assegnazione della ritenuta di seconda armonica ai circuiti di blocco in uscita. Per le operazioni di taratura del rel SKC si procede come segue: - premere il tasto SET, mantenendolo premuto; - premere momentaneamente il tasto RESET; - rilasciare il tasto SET, per cui appare sul display il messaggio PRESET - premere pi volte il tasto finch sul display appare il messaggio relativo al sottomen desiderato: RESTRAINT,BANK A Eseguire quindi le seguenti operazioni: - premere il tasto ENTER, per entrare nel sottomen in questione, per cui appare sul display la scritta corrispondente alla prima voce del sottomen, con l'indicazione della taratura precedentemente impostata, ad esempio 2ndH REST 30% Id Dato che l'esempio prevede una regolazione del 13% Id occorre modificare la taratura precedentemente impostata. Occorre quindi procedere come segue: differential currents in every three phases, respectively comparing her with the planned restraint thresholds of second (2ndH REST) and fifth (5thH REST) harmonic. For the transformer (87T) differential protection restraint is activated as block of the same protection in all the three phases to the overcoming, in at least one of the three phases, of the second or fifth harmonic threshold. To the block of the differential protection 87T for second harmonic restraint and for the time when such block is maintained it is possible besides: - to automatically increase any of the three trip thresholds related to the 50-51protection functions on the H and L sides and 50N-51N/87N functions to the purpose to avoid its untimely trip; the enabling of the rised thresholds of such protections and the setting of the respective increased thresholds effects him in the relative setting sottomens; - to reduce the equivalent thermal current considered for the thermal image evaluation of the protection 49, dividing her for the coefficient KINR adjustable in the submenu 49, BANK or B (regulating the parameter KINR to the value 1.0 the second harmonic restraint for the thermal image protection is switched off). The block of the differential protection 87T for second harmonic restraint can be assigned besides to one or two final relays (v. parameter St 2nd RESs in the submenu MODE, BANK or B) for the block to the transformer inrush of other relays of protection in the plant with logical input enabled as blocking input and/or output function,(v. parameter BCK OUT REST in the submenu RESTRAINT,BANK or B) for the block to the transformer energization of other serie S relays . As example of setting of the parameters of the submenu RESTRAINT,BANK A, is supposed to plan the SKC relay as it follows: - threshold of the second harmonic restraint to 13% Id - threshold of the fifth harmonic restraint to to 15% Id - assignment of the second harmonic restraint to the output block circuits. For the setting operations of the SKC relay he proceeds as it follows: - press the SET key, permanently; - press momentarily the key RESET; - release the key SET, then the display will show the message PRESET - press the key several times, until the display shows the message corresponding to the desired setting RESTRAINT,BANK A Perform therefore the following operations: - press the ENTER key to enter the desired submenu, for which appears on the display the message corresponding to the first item of the submenu, with the indication of the setting previously planned, for instance 2ndH REST 30% Id Since the example foresees an adjustment of 13% Id it is necessary to modify the setting previously planned. It needs therefore to proceed as it follows:

SKC000\08 10-2007

89

- premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; in modo permanente e successiva- premere il tasto mente pi volte in modo momentaneo, finch appare sul display la taratura desiderata 2ndH REST 13% Id - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto per passare alla voce successiva e procedere come sopra per ottenere l'impostazione desiderata; - operando in modo simile a quanto indicato sopra, si devono impostare le seguenti tarature: 5thH REST 15% Id BCK OUT REST O N Dati del trasformatore e dei TA di fase (TRAFO DATA,BANKA o B) Nel sottomen TRAFO DATA,BANKA o B vengono impostati i seguenti parametri: - InTAH/InH rapporto tra la corrente nominale primaria dei TA di fase del lato AT (H) e la corrente nominale del trasformatore sul lato AT (H); - InTAL/InL rapporto tra la corrente nominale primaria dei TA di fase del lato BT (L) e la corrente nominale del trasformatore sul lato BT (L); - VECT GROUP collegamento degli avvolgimenti e gruppo vettoriale del trasformatore. Il rel SKC impiega tali parametri per l'adattamento interno delle correnti, come precedentemente descritto. Come esempio di taratura dei parametri del sottomen TRAFO DATA,BANK A si supponga di impostare il rel SKC per i seguenti trasformatore e TA di fase. Dati del trasformatore di potenza: Potenza nominale: Sn = 10 MVA Tensione nominale lato AT (H): VnH = 20 kV Tensione nominale lato bt (L): VnL = 6 kV Collegamento e gruppo vettoriale: Dy11 Corrente nominale lato AT (H): InH = Sn/(3 VnH ) = 10*106/(3 * 20000) = 288.66A Corrente nominale lato BT (L): InL = Sn/(3 VnL ) = 10*106/(3 * 6000) = 962.25A Dati dei TA di linea: -Corrente nominale primaria dei TA posti sul lato AT (H): InTAH = 300 A -Corrente nominale primaria dei TA posti sul lato BT (L): InTAL = 1000 A Occorre quindi effettuare le seguente tarature: InTAH/InH=300/288.66=1.04 InTAL/InL=1000/962.2=1.04 VECT GROUP Dy11 Per le operazioni di taratura del rel SKC si procede come segue: - premere il tasto SET, mantenendolo premuto; - premere momentaneamente il tasto RESET; - rilasciare il tasto SET, per cui appare sul display il messaggio PRESET

- press the ENTER key, then the above message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting 2ndH REST 13% Id - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key to pass to the following item and proceed as above to get the desired setting; - operating in similar way how much suitable above, the following settings are planned: 5thH REST 15% Id BCK OUT REST O N CT and main transformer technical data (TRAFO DATA,BANKA o B) In the TRAFO DATA,BANKA or B submenu the following parametersare planned: - InTAH/InH ratio among the primary nominal current of the phase CT HV (H) side and the nominal current of the transformer on the HV (L) side; - InTAL/InH ratio among the primary nominal current of the phase CT LV (L) side and the nominal current of the transformer on the LV (L) side; - VECT GROUP wire connection and vectorial group of the transformer. The relay SKC employs such parameters for the inside currents adaptation, as previously described. As example of setting parameters of the sottomen TRAFO DATA,BANK . is supposed to plan the relay SKC for the following transformer and phase CT. Power transformer data : Nominal power: SN = 10 MVA HV nominal voltage (side H): VNH = 20 kV LV nominal voltage (side L): VNH = 6 kV Connection group: Dy11 HV nominal current (side H): INH = S N /( 3 VNH ) = 10*106 / ( 3 * 20000) = 288.66A LV nominal current (side L): INL = SN /( 3 VNL ) = 10*106 / ( 3 * 6000) = 962.25A Line CTs technical data: Primary nominal current of the HV CTs (side H): INTAH = 300 A Primary nominal current of the LV CTs (side H): INTAL = 1000 A It needs therefore to effect the following settings: InTAH/InH=300/288.66=1.04 InTAL/InL=1000/962.2=1.04 VECT GROUP Dy11 For the setting operationsof the SKC relay it is necessary to proceed as it follows: - press the SET key, permanently; - press momentarily the key RESET; - release the key SET, then the display will show the message PRESET -

90

SKC000\08 10-2007

SKC
- premere pi volte il tasto finch sul display appare il messaggio relativo al sottomen desiderato: TRAFO DATA,BANK A Eseguire quindi le seguenti operazioni: - premere il tasto ENTER, per entrare nel sottomen in questione, per cui appare sul display la scritta corrispondente alla prima voce del sottomen, con l'indicazione della taratura precedentemente impostata, ad esempio InTAH/InH 1.00 Dato che l'esempio prevede una regolazione di 1.04 occorre modificare la taratura precedentemente impostata. Occorre quindi procedere come segue: - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere pi volte il tasto , finch appare sul display la taratura desiderata InTAH/InH 1.04 - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto per passare alla voce successiva e procedere come sopra per ottenere l'impostazione desiderata; - operando in modo simile a quanto indicato sopra, si devono impostare le seguenti tarature: InTAL/InL 1.04 VECT GROUP Dy11 Protezione ad immagine termica per trasformatore ( 49,BANK A o B) La protezione ad immagine termica per trasformatore pu essere applicata sul lato AT (H) o BT (L) del trasformatore; essa impiegata quale protezione a memoria totale contro il sovraccarico del trasformatore. La corrente termica equivalente considerata nel calcolo dell'immagine termica data dalla massima tra le tre componenti fondamentali delle correnti di fase relative al lato del trasformatore a cui applicata la protezione: I=max(IL1H , IL2H, IL3H) oppure I=max(IL1L, IL2L, IL3L) per il lato H per il lato L. - press the key several times, until the display shows the message corresponding to the desired setting TRAFO DATA,BANK A Perform therefore the following operations: - press the ENTER key to enter the desired submenu, for which appears on the display the message corresponding to the first item of the submenu, with the indication of the setting previously planned, for instance InTAH/InH 1.00 Since the example foresees an adjustment of 1.04 it is necessary to modify the setting previously planned. It needs therefore to proceed as it follows: - press the ENTER key, then the above message will start flashing; - press the key more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting InTAH/InH 1.04 - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key to pass to the following item and to proceed as above to get the desired setting; - operating in similar way how much suitable above, the following settings are planned: InTAL/InL 1.04 VECT GROUP Dy11 Thermal image function for transformer (49,BANK A o B) The thermal image protection for transformer can be applied on the in High Voltage side HV (H) or Low Voltage side LV (L) of the transformer; it is employed what total memory protection against the overload of the transformer. The equivalent thermal current considered in the calculation of the thermal image is given by the greatest of the three fundamental components of the phase currents related to the side of the transformer to which the protection is installed: I=max(IL1H, I L2H, IL3H) for the H side or for the L side. I=max(IL1L, IL2L, IL3L) Particularly, for the time when the block of the differential protection 87T is active for second harmonic restraint, the equivalent thermal current is reduced by a coefficient KINR according to the followings relationships: I=max(IL1H, IL2H, IL3H)/K INR or I=max(IL1L, IL2L, IL3L)/K INR for the H side for the L side.

In particolare, per il tempo in cui attivo il blocco della protezione differenziale 87T per ritenuta di seconda armonica, la corrente termica equivalente viene ridotta di un coefficiente KINR secondo le seguenti relazioni: I=max(IL1H , IL2H, IL3H)/K INR oppure I=max(IL1L, IL2L, IL3L)/KINR per il lato H per il lato L.

in cui KINR un coefficiente regolabile nel campo 1.0...2.0, che permette quindi di ridurre la corrente termica equivalente allo scopo di evitare l'intervento indesiderato della protezione a causa della sovracorrente di inserzione del trasformatore. Per una taratura del coefficiente KINR pari a 1.0, la riduzione della corrente termica equivalente all'inserzione del trasformatore viene esclusa.

in which KINR is an adjustable coefficient in the range 1.0 ...2.0, that allows therefore to reduce the equivalent thermal current to with the purpose to avoid the untimely trip because of the transformer inrush overcurrent. With a setting of the coefficient KINR equal to 1.0, the reduction of the equivalent thermal current to the energization of the transformer is excluded.

SKC000\08 10-2007

91

L'immagine termica calcolata secondo un modello termico di un corpo omogeneo, descritto dall'equazione differenziale: dDq/dt+Dq/T=(I/IB)2/T in cui D l'immagine termica, espressa in valore relativo della sovratemperatura base D B corrispondente alla corrente base IB e T la costante di tempo termica (uguale in riscaldamento ed in raffreddamento). L'intervento della protezione si verifica nell'istante in cui l'immagine termica D raggiunge la soglia d'intervento D>=1.2 DB , corrispondente ad una corrente termica equivalente di 1.1I B. La caratteristica di intervento della protezione descritta dalla seguente relazione: t =T*ln{[(I/IB)2-p2]/[(I/IB)2-1.2] in cui t il tempo di intervento, ln il logaritmo naturale, p = Ip/IB=(D p/DB) il precarico, D p ed Ip sono rispettivamente l'immagine termica e la corrispondente corrente termica equivalente all'inizio del sovraccarico. Le caratteristiche di intervento della protezione ad immagine termica per un valore della costante termica di 1 min e per diversi valori del precarico p sono rappresentate nella fig. 10. Le caratteristiche di intervento per valori della costante di tempo termica diversi da 1 min si ottengono moltiplicando i tempi di intervento delle caratteristiche di fig. 10 per la taratura assegnata alla costante di tempo termica. All'applicazione della tensione ausiliaria di alimentazione del rel o al comando di inizializzazione dell'immagine termica PRESET D applicato dall'utente da tastiera o da comunicazione seriale, Dp assume il valore corrispondente alla regolazione dell'immagine termica iniziale D IN. Questo comando di inizializzazione utile durante le operazioni di messa in servizio dell'impianto, durante le prove per la verifica del funzionamento della protezione, nonch in quei casi in cui esiste la possibilit di interruzioni dell'alimentazione ausiliaria del rel. Le tarature del sottomen 49,BANK A o B riguardano i seguenti parametri per la protezione ad immagine termica del trasformatore: - lato del trasformatore (H o L) a cui applicare la protezione (SIDE); - corrente base IB, espressa in valore relativo alla corrente nominale In del rel e quindi della corrente nominale primaria dei TA di fase relativi al lato del trasformatore a cui applicata la protezione ad immagine termica; la corrente nominale secondaria dei TA di fase deve coincidere con la corrente nominale del rel. Salvo casi particolari di trasformatori impiegati in permanenza a carico ridotto rispetto alla loro potenza nominale, la corrente base IB regolata al valore corrispondente alla corrente nominale del trasformatore; il valore di taratura di IB quindi determinato come rapporto tra la corrente nominale del trasformatore e la corrente nominale primaria dei TA di fase sul lato a cui applicata la protezione. - soglia di intervento D>, di valore fisso pari a 1.2 volte la

The thermal image is calculated according to a thermal model of a homogeneous body, described by the differential equation: dDq/dt+Dq/T=(I/IB)2/T in which D is the thermal image, express in relative value of the base overheating DB corresponding to the base current IB and T it is the thermal constant of time (equal for heating and for cooling). The trip occurs when the thermal image D reaches the trip threshold D >=1.2 DB, correspondent to an equivalent thermal current of 1.1IB. The operating characteristic of the protection is described by the following relationship: t =T*ln{[(I/IB)2-p2]/[(I/IB)2-1.2] in which t is the trip time, ln is the natural logarithm, p = Ip/IB=(D p/DB) is the preoad, Dp and Ip are respectively the thermal image and the corresponding equivalent thermal current to the beginning of the overload. The operating characteristics of the thermal image protection for a value of the thermal constant of 1 min and for different values of preload p are represented in the fig. 10. The operating characteristics for different values of thermal constant of time from 1 min are gotten multiplying the trip time of the characteristics showed in fig. 10 for the setting assigned to the thermal time constant. To the application of the auxiliary voltage to the relay or from the initialization command of the thermal image PRESET D applied from the keyboard or from serial communication, D p assumes the value corresponding to the setting of the initial thermal image D IN . This initialization command is useful during the commissioning operations of the plant, during the tests for the verification of the protection operation , as well as in that cases when the switch off event of the auxiliary voltage exists. The settings of the 49,BANK A or B submenu concern the following parameters for the image thermal protection of the transformer: - transformer side (H o L) where the protection is installed (SIDE); base current IB, express in relationship to the nominal current of the CTs that is to the phase nominal current of the CTs installed on the side where the thermal image is set; the CTs nominal current it has to coincide with relay nominal current. Particular cases excepted of transformers employed in permanence to reduced load in comparison to their nominal power, the basic current IB is regulated to the value corresponding to the transformer nominal current; the setting value of IB is determined therefore as ratiobetween the nominal current of the transformer and the primary nominal current of the phase CT on the side to which the protection is applied. - Trip threshold D> of the thermal protection with fixed

92

SKC000\08 10-2007

SKC
sovratemperatura base DqB, corrispondente ad una corrente termica equivalente di 1.1 IB. - Soglia di allarme termico espressa in valore relativo a DB; - sovratemperatura iniziale DqIN, espressa in valore relativo a DqB, rappresentante il valore di inizializzazione dell'immagine termica; - costante di tempo termica di riscaldamento T+, da regolare al valore dichiarato dal costruttore del trasformatore; - costante di tempo termica di raffreddamento T-, di valore fisso pari alla costante di tempo termica di riscaldamento T+; - coefficiente di riduzione della corrente termica equivalente all'inserzione del trasformatore KINR; - comando di inizializzazione dell'immagine termica PRESET D. Come esempio di taratura della protezione ad immagine termica sul lato H senza riduzione della corrente termica equivalente all'inserzione, si considerino i seguenti dati del trasformatore di potenza e dei TA di fase: Dati del trasformatore di potenza: - Potenza nominale: Sn = 25 MVA - Tensione nominale lato AT (H): VnH = 132 kV - Tensione nominale lato bt (L): VnL = 20,8 kV - Costanti di tempo termiche di riscaldamento e raffreddamento: 122 min - Corrente nominale lato AT (H): InH = Sn/(3 VnH ) = 25*106/(3 * 132000) = 109,35 A Dati dei TA di fase: - Corrente nominale primaria dei TA posti sul lato AT (H): I nTAH = 150 A Si supponga inoltre che sia richiesta una soglia di allarme termico ed una sovratemperatura iniziale corrispondenti rispettivamente al 95% e al 55% della corrente nominale del trasformatore. Le tarature da impostare sono quindi: - SIDE H - IB=InH/InTAH In=109,35/150 In=0,73 In - D>=1,2 DB - DAL=0,95 2 DB=0,9 DB - DIN=0,552 DB=0,3 DB - T+=122 min - T-=T+ - KINR=1.0 Per le operazioni di taratura del rel SKC si procede come segue: - premere il tasto SET, mantenendolo premuto; - premere momentaneamente il tasto RESET; - rilasciare il tasto SET, per cui appare sul display il messaggio PRESET - premere pi volte il tasto finch sul display appare il messaggio relativo al sottomen desiderato: 49,BANK A Eseguire quindi le seguenti operazioni: value to 1.2 to the base overheating DqB corrisponding to an equivalent thermal current of 1.1 IB. - Alarm threshold of the thermal protection, express in relationship to the base overheating DqB. - initial overheating value DqIN of the thermal function, express in relationship to the overheating of basic DqB,it stand for the initialization value of the thermal image; -heating constant T+: to regulate according with the transformer technical data; - cooling constant: it represents the constant of time of the thermal model, it is set equal to the heating T+ automatically; - reduction coefficient K INR of the equivalent thermal current, when the transformer is energized; - initialization command for the thermal image PRESET D. As setting example for the thermal image protection on the high voltage side H without thermal equivalent current reduction on inrush, the following technical data are to be considered: Main transformer data: - Nominal Power: Sn = 25 MVA - HV side nominal Voltage (H): VnH = 132 kV - LV side nominal Voltage (L): VnL = 20,8 kV - Heating and cool time constants: 122 min - HV side nominal current (H): InH = Sn/(3 VnH ) = 25*106/(3 * 132000) = 109,35 A Phase CTs data: - Primary nominal current of CTs installed in the HV side (H): InTAH = 150 A Supposing that a thermal alarm threshold and acorrisponding initial overheating is respectively to 95% and the 55% of the transformer nominal current. The settings to be planned are: - SIDE H - IB=InH/InTAH In=109,35/150 In=0,73 In - D>=1,2 DB - DAL=0,95 2 DB=0,9 DB - DIN=0,552 DB=0,3 DB - T+=122 min - T-=T+ - KINR=1.0 For the setting operations of the SKC relay it is necessary to proceed as it follows: - press the SET key, permanently; - press momentarily the key RESET; - release the key SET, then the display will show the message PRESET - press the key several times, until the display shows the message corresponding to the desired setting 49,BANK A Perform therefore the following operations:

SKC000\08 10-2007

93

- premere il tasto ENTER per entrare nel sottomen in questione, per cui appare sul display il messaggio corrispondente alla prima voce del sottomen, con l'indicazione della taratura precedentemente impostata, ad esempio SIDE L Dato che l'esempio prevede l'applicazione della protezione ad immagine termica sul lato AT (H) del trasformatore, occorre modificare l'impostazione presente. Occorre quindi procedere come segue: - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto , finch appare sul display la taratura desiderata SIDE H - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto per passare alla voce successiva e procedere come sopra per ottenere l'impostazione desiderata; - operando in modo simile a quanto indicato sopra, si devono impostare le seguenti tarature: IB 0.73 In D > 1.2 D B D L 0.9 D B DI N 0.3 D B T+ 122 min TT+ KINR 1.0 Protezione di massima corrente del lato H (50-51,H,BANK A o B) La protezione di massima corrente del lato H di tipo trifase e dispone di tre soglie di intervento regolabili (IH>, I H>>, IH>>>), ciascuna dotata del proprio tempo di intervento anch'esso regolabile (tH>, tH>>, t H>>>); in generale essa impiegata come protezione contro i cortocircuiti tra le fasi ed il sovraccarico. Le regolazioni delle soglie di intervento sono espresse in valore relativo della corrente nominale In del rel e quindi della corrente nominale primaria dei TA di fase del lato H; la corrente nominale secondaria dei TA di fase deve coincidere con la corrente nominale del rel. La protezione confronta la componente fondamentale di ciascuna corrente di fase del lato H con ognuna delle tre soglie di intervento. L'avviamento (START) di una soglia si verifica se almeno una delle tre correnti di fase supera la soglia stessa per una durata pari al tempo di avviamento. L'intervento (TRIP) di una soglia si verifica se almeno una delle tre correnti di fase supera la soglia stessa per una durata pari al tempo di intervento impostato. La prima soglia impostabile con caratteristica di intervento a tempo indipendente INDEP (soglia di intervento IH> con tempo di intervento tH>) oppure a tempo dipendente DEP tra i tipi A, B, C (soglia di intervento IHS con tempo di intervento tHS), mentre la seconda e terza soglia dispongono di una caratteristica di intervento a tempo indipendente.

- press the ENTER key to enter the desired submenu, for which appears on the display the message corresponding to the first item of the submenu, with the indication of the setting previously planned, for instance SIDE L Since the example foresees the plannig of the thermal image protection on the HV side (H) it is necessary to modify the setting previously planned. It needs therefore to proceed as it follows: - press the ENTER key, then the above message will start flashing; - press the key more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting SIDE H - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key to pass to the following item and to proceed as above to get the desired setting; - operating in similar way how much suitable above, the following settings are planned: I B 0.73 In D > 1.2 D B D L 0.9 D B D I N 0.3 D B T + 122 min T T + KINR 1 . 0 Side H overcurrent protection (50-51,H,BANK A o B) The overcurrent protection is three-phase type and has adjustable three trip thresholds (IH>, IH >>, IH >>>), with separate adjustable timers (tH>, tH >>, tH >>>); in general it is employed as protection against the short-circuits among the phases and the overload. The adjustments of the trip thresholds are express in relative value of the relay nominal current In and therefore of the primary nominal current of the phase CTs in the H side; the secondary nominal current of the phase CTs has to coincide with the relay nominal current. The protection compares the fundamental component of every phase current in the H side with each of the three trip thresholds. The starting threshold (START) occurs if at least one of the three phase currents overcomes the same threshold for a term equal to the starting time. The trip threshold (TRIP) occurs if at least one of the three phase currents overcomes the same threshold for a term equal to the operating time. The first threshold can be set withindependent time INDEP (IH> threshold with operation timetH>) or to dependent time DEP among the A, B, C types (IHS threshold with operation time tHS), characteristic while the second and third thresholds are independent time type characteristic only.

94

SKC000\08 10-2007

SKC
Con caratteristica a tempo dipendente, la prima soglia IHS rappresenta il valore asintotico di riferimento per la caratteristica stessa e la minima corrente necessaria per ottenere l'intervento vale 1,1IHS; la regolazione del tempo di intervento tHS corrisponde al tempo di intervento con una corrente pari a 4 IHS. Allo scopo di evitare l'intervento indesiderato della protezione durante l'inserzione del trasformatore, per ciascuna soglia IH> o IHS, IH>>, IH>>> indipendentemente abilitabile una soglia maggiorata, rispettivamente IHR>o IHSR, IHR>>, IHR>>>, attivata in tutte le tre fasi per il tempo in cui attivato il blocco della protezione differenziale 87T per ritenuta di seconda armonica. Per ogni soglia la maggiorazione abilitabile o disabilitabile impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro REST, rispettivamente REST IH> o REST IHS, REST IH>>, REST IH>>>. Per ciascuna soglia IH> o IHS, IH>>, IH>>> indipendentemente abilitabile la protezione di mancata apertura dell'interruttore; l'abilitazione o la disabilitazione avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro BF, rispettivamente BF IH> o BF IHS, BF IH>>, BF IH>>>. Per la realizzazione di sistemi di protezione in logica accelerata con altri rel di protezione, abilitabile il blocco in ingresso e/o in uscita per la seconda e la terza soglia. L'abilitazione o la disabilitazione del blocco in ingresso avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro BCK IN, rispettivamente BCK IN tH>> per la seconda soglia e BCK IN tH>>> per la terza soglia. L'abilitazione o la disabilitazione del blocco in uscita avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro BCK OUT, rispettivamente BCK OUT tH>> per la seconda soglia e BCK OUT tH>>> per la terza soglia. All'abilitazione del blocco in ingresso la seconda e la terza soglia assumono rispettivamente il tempo di intervento tH>>b e tH>>>b; nel caso in cui la funzione di controllo periodico della continuit del filo pilota collegato al circuito di blocco in ingresso rilevi un'interruzione del filo pilota stesso, i tempi di intervento tH>>b e tH>>>b vengono rispettivamente sostituiti con i tempi di intervento tH>> e tH>>>. Per la realizzazione della logica accelerata tra funzioni di protezione interne al rel SKC, abilitabile il blocco in ingresso e/o in uscita per la seconda e la terza soglia. L'abilitazione o la disabilitazione del blocco in ingresso avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro IBKI, rispettivamente IBKI tH>> per la seconda soglia e IBKI tH>>> per la terza soglia. L'abilitazione o la disabilitazione del blocco in uscita avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro IBKO, rispettivamente IBKO tH>> per la seconda soglia e IBKO tH>>> per la terza soglia. Le soglie di intervento in ampere primari ed i relativi tempi di intervento della protezione di massima corrente del lato H devono essere definiti nell'ambito di uno specifico studio di coordinamento delle protezioni per l'impianto. La regolazione della prima soglia di intervento a tempo dipendente da impostare nel rel SKC si ottiene dividendo il valore della corrente minima di intervento espressa in ampere primari per 1.1 volte la corrente nominale primaria dei TA di fase del lato H. When a dependent time characteristics is set, the first threshold tHS means the asymptotic reference current; 1,1IHS is the minimum value needed to get trip. Setting of the operation time tHS coincide with the operating time when the current value is 4 IHS. To the purpose to avoid the untimely trip during the transformer energization, for every threshold IH> o IHS , I H>>, IH>>> it is independently adjustable an increased threshold, respectively IHR> or IHSR, IHR>>, IHR>>>, activated in all the three phases for the time when the block of the differential protection 87T is activated for second harmonic restraint. For every threshold the increase is adjustable planning ON the relatitive parameter REST, respectively REST IH> or REST IHS, REST IH >>, REST IH >>>. For every threshold IH> or IHS, IH>>, IH>>> it is independently adjustable breaker failure function; activaction can be done planning ON the respective parameter BF, respectively BF IH> or BF IHS, BF IH >>, BF IH >>>. For logic accelerated systems with other protection relays, it is adjustale the block in input and/or in output for the second and third threshold. Activaction for input block can be done planning ON the respective parameter BCKIN, respectively BCK IN tH >> for the second threshold and BCK IN tH >>> for the third threshold. Activaction for output block can be done planning ON the respective parameter BCK OUT respectively BCKOUTtH>> for the second threshold and BCK OUTtH>>> for the third threshold. When the input block is enabled the second and the third threshold take the operation time tH>>b and tH>>>b; should the periodic test of the pilot wire connect to the input circuit detect a failure, the operation times tH>>b and tH>>>b are replaced with tH>> e tH>>> values.

For the realization of the logic accelerated among inside functions of protection to the SKC relay, the input and/or output block for the second and third threshold are adjustable. The qualification or the disabilitazione of the block in entry it happens planning ON or OFF the respective parameter IBKI, respectively IBKI tH >> for the second threshold and IBKI tH >>> for the third threshold. Activaction for the output block function can be done planning ON the respective parameter IBKO, respectively IBKO tH>> for the second threshold IBKO tH>> and IBKO tH>>> for the third threshold. The operation thresholds in primary ampere and the relative operation times for the overcurrent protection of the H side must be defined within a specific coordination study. The adjustment of the first trip threshold of dependent time to be planned in the SKC relay is gotten dividing the value of the least trip current expressed in primary ampere for 1.1 times the primary nominal current of the phase CTs of the H side.

SKC000\08 10-2007

95

La regolazione di una soglia di intervento a tempo indipendente da impostare nel rel SKC si ottiene dividendo il valore della soglia stessa espresso in ampere primari per la corrente nominale primaria dei TA di fase del lato H. Esempio di impostazione delle tarature del sottomen 5051,H,BANK A per la protezione di massima corrente con il seguente funzionamento: - collegamento a tre TA di fase del lato H con corrente nominale primaria di 750 A; - prima soglia con caratteristica di intervento a tempo molto inverso (curva di tipo B) con valore di corrente minima di intervento di 600 A primari e tempo di intervento di 6 s; - prima soglia priva di maggiorazione per ritenuta di seconda armonica e di protezione per mancata apertura dell'interruttore; - seconda soglia di 4500 A primari con tempo di intervento di 0,4 s; - seconda soglia con maggiorazione al valore di 6000 A primari al blocco della protezione differenziale 87T per ritenuta di seconda armonica e con protezione di mancata apertura dell'interruttore; - seconda soglia priva di logica accelerata in ingresso ed uscita, sia rispetto ad altri rel di protezione nell'impianto sia rispetto ad altre funzioni di protezione interne al rel SKC; - terza soglia non impiegata. Il valore di taratura da impostare per la prima soglia IHS a tempo dipendente si ottiene dividendo il valore di corrente minima di intervento in ampere primari per 1.1 volte la corrente nominale dei TA di fase: IHS = 600 / (1.1 750) In = 0.727 In Per quanto riguarda la seconda soglia IH>>, che a tempo indipendente, il valore di taratura si ottiene dividendo il valore di soglia in ampere primari per la corrente nominale primaria dei TA: IH>> = 4500 / 750 In = 6 In Analogamente la taratura della seconda soglia maggiorata al blocco della protezione differenziale 87T per ritenuta di seconda armonica risulta: IHR>> = 6000 / 750 I n = 8 In Nell'esempio rappresentato non viene utilizzata la terza soglia IH>>> che sar quindi disabilitata mediante il sottomen MODE,BANK A (o B). Si pu procedere quindi alle operazioni di taratura del sottomen 50-51,H,BANK A del rel SKC come segue: - premere il tasto SET, mantenendolo premuto; - premere momentaneamente il tasto RESET; - rilasciare il tasto SET, per cui appare sul display il messaggio PRESET - premere pi volte il tasto , fino ad ottenere il messaggio 50-51,H,BANK A

The adjustment of a trip threshold of independent time to be planned in the SKC relay is gotten dividing the value of the least trip current expressed in primary ampere for the primary nominal current of the phase CTs of the side H. Setting example of the 50-51,H,BANK A submenu for the overcurrent protection with the following operation: - connection to three phaseCTs on the H side with primary nominalcurrent of 750 A; - first threshold with very inverse time (type B curve) operation characteristic with least value of trip current of 600 primary and operation time of 6 ses; - first threshold without increase for second harmonic restraint and protection for circuit breaker failure; - second threshold with primary trip current of 4500 and operation time of 0.4 ses; - second threshold with increase to the value of 6000 primary to the block of the differential protection 87T for second harmonic restraint and with protection for circuit breaker failure; - second threshold without logic accelerated in input and output, both in in comparison to other protection relays in the plant both in comparison to inside other functions of SKC protection relay; - third threshold not used. The setting value to be planned for the first threshold IHS with dependent time is gotten dividing the value of least trip current in primary ampere for 1.1 times the nominal current of the phase CTs: IHS = 600 / (1.1 750) In = 0.727 In As it regards the second threshold IH>>, witch is to independent time, the setting value is gotten dividing the value of threshold in primary ampere for the CTs primary nominal current: IH>> = 4500 / 750 In = 6 In The increased second threshold setting to the block of the differential protection 87T for second harmonic restraint likewise results: IHR>> = 6000 / 750 I n = 8 In In the represented example the third threshold IH >>> is not used that she will be disabled through the MODE,BANK (or B) submenu. For the setting operations of the 50-51,H,BANK A submenu of the SKC relay it is necessary to proceed as it follows: - press the SET key, permanently; - press momentarily the key RESET; - release the key SET, then the display will show the message PRESET - press the key several times, until the foffowing message is displayed 50-51,H,BANK A

96

SKC000\08 10-2007

SKC
- premere il tasto ENTER, per cui appare sul display la taratura attuale della prima soglia, ad esempio IH> 0.525 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata (il fatto che sia rappresentato il simbolo del valore di soglia IH> e non quello del valore asintotico di riferimento IHS , non deve preoccupare in quanto tale simbolo viene corretto automaticamente selezionando il tipo di curva a tempo dipendente, come indicato nel seguito) IH> 0.727 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto , per cui appare sul display il valore di taratura del tempo d'intervento per la prima soglia, ad esempio tH> INDEP 1.02 s - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione INDEP diventa lampeggiante; - premere il tasto pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere il tipo di curva desiderata tHS DEP B 1.02 s - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione DEP B da lampeggiante diventa permanente e il valore numerico diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata tHS DEP B 6.00 s - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione alla maggiorazione della prima soglia per ritenuta di seconda armonica della protezione 87T: REST IHS OFF - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione della prima soglia alla protezione per mancata apertura dell'interruttore: BF IHS OFF - premere il tasto , per cui appare sul display il valore attuale di taratura per la seconda soglia, ad esempio IH>> 6.25 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata IH>> 6.00 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto , per cui appare sul display il valore di taratura del tempo d'intervento per la seconda soglia, ad esempio - press the ENTER key to enter the desired submenu, for which appears on the display the message corresponding to the first threshold setting, for instance IH> 0.525 In - press the ENTER key, then the above message will start flashing; - press the key more times in momentary way, until the require setting is reached (don't worry if the IH> symbol is represented in place of the asymptotic value of reference IHS, such symbol is automatically corrected selecting to dependent type curve , as showed following)

IH> 0.727 In - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key, for which it appears on the display the value of setting of the operating time for the first threshold, for instance tH> INDEP 1.02 s - press the ENTER key, then the INDEP message will start flashing; - press the key more times in momentary way, until the require setting is reached tHS DEP B 1.02 s - press the ENTER key, then the DEP B message stops flashing and becomes permanent and relative numeric value start flashing; - press the key more times in momentary way, until the require setting is reached tHS DEP B 6.00 s - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key more times in momentary way, for which it appears on the display the desired setting for the first threshold increase for second harmonic restraint (87T): REST IHS OFF - press the key, for which it appears on the display the desired setting for the first threshold to the circuit breaker failure: BF IHS OFF - press the key, for which it appears on the display the current setting for the second threshold, for instance IH>> 6.25 In - press the ENTER key, then the INDEP message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting IH>> 6.00 In - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key, for which it appears on the display the desired setting for the second threshold operating time, for instance

SKC000\08 10-2007

97

tH>> 2.25 s - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata tH>> 0.40 s - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente. - premere il tasto in modo momentaneo, fino ad ottenere il messaggio REST IH>> OFF - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto oppure il tasto in modo da ottenere la taratura desiderata per l'abilitazione alla maggiorazione della soglia per ritenuta di seconda armonica REST IH>> ON - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente. - premere il tasto , per cui appare sul display il valore attuale di taratura per la seconda soglia maggiorata per ritenuta di seconda armonica IHR>> 6.00 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata IHR>> 8.00 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente. - premere il tasto in modo momentaneo, fino ad ottenere il messaggio BF IH>> OFF - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto oppure il tasto in modo da ottenere la taratura desiderata BF IH>> ON - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente. - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione della seconda soglia alla funzione di blocco in ingresso da altri rel di protezione BCK IN tH>> OFF - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione della seconda soglia alla funzione di blocco in uscita ad altri rel di protezione BCK OUT tH>> OFF - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione della seconda soglia alla funzione di blocco in ingresso da funzioni di protezione interne al rel SKC IBKI tH>> OFF - premere il tasto per cui appare il messaggio

tH>> 2.25 s - press the ENTER key, then the INDEP message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting tH>> 0.40 s - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent. - press the key more times in momentary way, until the following message is displayed: REST IH>> OFF - press the ENTER key, then the INDEP message will start flashing; - press the or the key until the desired setting is achieved for the second threshold increase for second harmonic restraint REST IH>> ON - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent. - press the key, for which it appears on the display the current setting for the increased second threshold for second harmonic restraint IHR>> 6.00 In - press the ENTER key, then the message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting IHR>> 8.00 In - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent. - press the key in momentary way, until the following message is displayed BF IH>> OFF - press the ENTER key, then theabove message will start flashing; - press the or the key until the desired setting is achieved BF IH>> ON - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent. - press the key, for which it appears on the display the current setting for the input block function from other protection relays BCK IN tH>> OFF - press the key, for which it appears on the display the current setting for the output block function to other protection relays BCK OUT tH>> OFF - press the key, for which it appears on the display the desired setting for the second threshold input block function from internal protection functions IBKI tH>> OFF - press the key, for which it appears on the display the

98

SKC000\08 10-2007

SKC
dell'impostazione desiderata per l'abilitazione della seconda soglia alla funzione di blocco in uscita a funzioni di protezione interne al rel SKC IBKO tH>> OFF Non risulta necessario impostare le restanti tarature relative alla terza soglia IH>>> in quanto il relativo intervento (TR) deve essere disabilitato nel sottomen MODE,BANK A (o B). Protezione di massima corrente del lato L (50-51,L,BANK A o B) La protezione di massima corrente del lato L ha caratteristiche analoghe a quella del lato H: essa di tipo trifase e dispone di tre soglie di intervento regolabili (IL>, IL>>, IL>>>), ciascuna dotata del proprio tempo di intervento anch'esso regolabile (tL>, tL>>, tL>>>); in generale essa impiegata come protezione contro i cortocircuiti tra le fasi ed il sovraccarico. Le regolazioni delle soglie di intervento sono espresse in valore relativo della corrente nominale In del rel e quindi della corrente nominale primaria dei TA di fase del lato L; la corrente nominale secondaria dei TA di fase deve coincidere con la corrente nominale del rel. La protezione confronta la componente fondamentale di ciascuna corrente di fase del lato L con ognuna delle tre soglie di intervento. L'avviamento (START) di una soglia si verifica se almeno una delle tre correnti di fase supera la soglia stessa per una durata pari al tempo di avviamento. L'intervento (TRIP) di una soglia si verifica se almeno una delle tre correnti di fase supera la soglia stessa per una durata pari al tempo di intervento impostato. La prima soglia impostabil e con caratteristica di intervento a tempo indipendente INDEP (soglia di intervento IL> con tempo di interventotL>) oppure a tempo dipendente DEP tra i tipi A, B, C (soglia di intervento ILS con tempo di intervento tLS), mentre la seconda e terza soglia dispongono di una caratteristica di intervento a tempo indipendente. Con caratteristica a tempo dipendente, la prima soglia tLS rappresenta il valore asintotico di riferimento per la caratteristica stessa e la minima corrente necessaria per ottenere l'intervento vale 1,1 tLS; la regolazione del tempo di intervento tLS corrisponde al tempo di intervento con una corrente pari a 4 tLS. Allo scopo di evitare l'intervento indesiderato della protezione durante l'inserzione del trasformatore, per ciascuna soglia IL> o ILS, IL>>, IL>>> indipendentemente abilitabile una soglia maggiorata, rispettivamente I LR> o ILSR, ILR>>, ILR>>>, attivata in tutte le tre fasi per il tempo in cui attivo il blocco della protezione differenziale 87T per ritenuta di seconda armonica. Per ogni soglia la maggiorazione abilitabile o disabilitabile impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro REST, rispettivamente REST IL> o REST ILS, REST IL>>, REST IL>>>. Per ciascuna soglia IL> o ILS, IL>>, IL>>> indipendentemente abilitabile la protezione di mancata apertura dell'interruttore; l'abilitazione o la disabilitazione avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro BF, rispettivamente BF IL> o BF ILS, BF IL>>, BF IL>>>. desider setting for the output block function to internal protection functions IBKO tH>> OFF No other settings related to the third threshold IH>>> must be changed as the relative trip (TR) must be disabled into MODE,BANK A (or B) sottomen.

Side L overcurrent protection (50-51,H,BANK A o B) The side L overcurrent protection has same characteristics to that of the in H side: it is type three-phase and it has adjustable three trip thresholds (IL>, IL>>, IL>>>), every with adjustable operation time (tL>, tL>>, tL>>>); in general it is employed as protection against overload and short-circuits among the phases. The adjustments of the trip thresholds are express in relative value of the nominal current In of the relay and therefore of the primary nominal current of the phase CTs in the L side; the secondary nominal current of the phase CTs must be the same to the nominal current of the relay. The protection compares the fundamental component of every phase current of the L side with each of the three operating thresholds. The starting threshold (START) occurs if at least one of the three phase currents overcomes the same threshold for a term equal to the starting time. The trip threshold (TRIP) occurs if at least one of the three phase currents overcomes the same threshold for a term equal to the operating time. The first threshold can be set withindependent time INDEP (I L> threshold with operation timetL>) or to dependent time DEP among the , B, C types (ILS threshold with operation time tLS), characteristic while the second and third thresholds are independent time type characteristic only. When a dependent time characteristics is set, the first threshold tLS means the asymptotic reference current; 1,1ILS is the minimum value needed to get trip. Setting of the operation time tLS coincide with the operating time when the current value is 4 ILS. To the purpose to avoid the untimely trip during the transformer energization, for every threshold IL> or ILS, IL>>, IL>>> it is independently adjustable an increased threshold, respectivelyILR> o ILSR, ILR>>, ILR>>>, activated in all the three phases for the time when the block of the differential protection 87T is activated for second harmonic restraint. For every threshold the increase is adjustable planning ON the relatitive parameter REST, respectively REST IL> or REST ILS, REST IL >>, REST IL >>>. For every threshold IH> or IHS, IH>>, IH>>> it is independently adjustable breaker failure function; activaction can be done planning ON the respective parameter BF, respectively BF IL> or BF ILS, BF IL >>, BF IL >>>.

SKC000\08 10-2007

99

Per la realizzazione di sistemi di protezione in logica accelerata con altri rel di protezione, abilitabile il blocco in ingresso e/o in uscita per la seconda e la terza soglia. L'abilitazione o la disabilitazione del blocco in ingresso avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro BCK IN, rispettivamente BCK IN tL>> per la seconda soglia e BCK IN tL>>> per la terza soglia. L'abilitazione o la disabilitazione del blocco in uscita avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro BCK OUT, rispettivamente BCK OUT tL>> per la seconda soglia e BCK OUT tL>>> per la terza soglia. All'abilitazione del blocco in ingresso la seconda e la terza soglia assumono rispettivamente il tempo di intervento tL>>b e tL>>>b; nel caso in cui la funzione di controllo periodico della continuit del filo pilota collegato al circuito di blocco in ingresso rilevi un'interruzione del filo pilota stesso, i tempi di intervento tL>>b e tL>>>b vengono rispettivamente sostituiti con i tempi di intervento tH>> e tH>>>. Per la realizzazione della logica accelerata tra funzioni di protezione interne al rel SKC, abilitabile il blocco in ingresso e/o in uscita per la seconda e la terza soglia. L'abilitazione o la disabilitazione del blocco in ingresso avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro IBKI, rispettivamente IBKI tL>> per la seconda soglia e IBKI tL>>> per la terza soglia. L'abilitazione o la disabilitazione del blocco in uscita avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro IBKO, rispettivamente IBKO tL>> per la seconda soglia e IBKO tL>>> per la terza soglia. Le soglie di intervento in ampere primari ed i relativi tempi di intervento della protezione di massima corrente del lato L devono essere definiti nell'ambito di uno specifico studio di coordinamento delle protezioni per l'impianto. La regolazione della prima soglia di intervento a tempo dipendente da impostare nel rel SKC si ottiene dividendo il valore della corrente minima di intervento espressa in ampere primari per 1.1 volte la corrente nominale primaria dei TA di fase del lato L. La regolazione di una soglia di intervento a tempo indipendente da impostare nel rel SKC si ottiene dividendo il valore della soglia stessa espresso in ampere primari per la corrente nominale primaria dei TA di fase del lato L. Come esempio di impostazione delle tarature del sottomen 50-51,L,BANK A ci si pu riferire all'esempio analogo descritto per il sottomen 50-51,H,BANK A. Protezione di massima corrente residua o differenziale di terra ristretta ad alta impedenza 50N-51N/ 87N (A) o (B) A seconda delle modalit di collegamento dell'ingresso amperometrico di corrente residua, il rel SKC dispone di una protezione di massima corrente residua (50N-51N) o di una protezione differenziale di terra ristretta ad alta impedenza (87N). In particolare l'ingresso amperometrico di corrente resi-

For logic accelerated systems with other protection relays, it is adjustale the block in input and/or in output for the second and third threshold. Activaction for input block can be done planning ON the respective parameter BCKIN, respectively BCK IN tL >> for the second threshold and BCK IN tL >>> for the third threshold. Activaction for output block can be done planning ON the respective parameter BCK OUT respectively BCKOUTtL>> for the second threshold and BCK OUTtL>>> for the third threshold. When the input block is enabled the second and the third threshold take the operation time tL>>b and tL>>>b; should the periodic test of the pilot wire connect to the input circuit detect a failure, the operation times tL>>b and tL>>>b are replaced with tL> e tL>>> values.

For the realization of theaccelerated logic among inside protection functions of the SKC relay, the input and/ or output block for the second and third threshold are adjustable. The qualification or the disabilitazione of the block in entry it happens planning ON or OFF the respective parameter IBKI, respectively IBKI tL >> for the second threshold and IBKI tL >>> for the third threshold. Activaction for the output block function can be done planning ON the respective parameter IBKO, respectively IBKO tL>> for the second threshold IBKO tL>> and IBKO tL>>> for the third threshold.

The operation thresholds in primary ampere and the relative operation times for the overcurrent protection of the H side must be defined within a specific coordination study. The adjustment of the first trip threshold of dependent time to be planned in the SKC relay is gotten dividing the value of the least trip current expressed in primary ampere for 1.1 times the primary nominal current of the phase CTs of the L side. The adjustment of a trip threshold of independent time to be planned in the SKC relay is gotten dividing the value of the least trip current expressed in primary ampere for the primary nominal current of the phase CTs of the L side.

As settings example of the 50,51,L,BANKA submenu please see the similar example explained for the 5051,H,BANK A submenu. Earth fault or high impedance restricted earth fault protection 50N-51N/87N (A) or (B) According to the connection type of the residual current input, the SKC relay can be act as residual current (50N-51N) or high impedance restricted earth fault protection (87N). Particularly the residual current input can be connected in

100

SKC000\08 10-2007

SKC
dua collegabile in alternativa: 1. a un toroide sommatore posizionabile sul lato H o sul lato L; 2. sul ritorno comune dei TA di fase del lato H o del lato L; 3. a un TA posto sulla messa a terra del neutro; 4. su un circuito di misura della corrente residua differenziale (87N). Nei casi 1, 2 e 3 il rel impiegato come protezione di massima corrente residua contro i guasti a terra (50N51N), impiegabile nei sistemi aventi il neutro franco a terra o posto a terra mediante impedenza; nei casi 1 e 2 la protezione di massima corrente residua anche impiegata nei sistemi a neutro isolato, purch il contributo di corrente capacitiva del sistema ad un guasto a terra sia di entit adeguata per determinare una corrente residua che determini il sicuro intervento della protezione stessa. Nel caso 4 il rel, con l'aggiunta di una resistenza stabilizzatrice e di un eventuale resistore non lineare di limitazione delle sovratensioni, impiegato come protezione differenziale di terra ristretta ad alta impedenza (87N), nei casi in cui sia richiesta la rilevazione dei guasti a terra interni ad una data zona con una sensibilit superiore a quella della protezione differenziale 87T o 87G o quando, a causa della ridotta entit delle correnti di guasto a terra (ad esempio con neutro posto a terra mediante impedenza), le protezioni differenziali 87T o 87G dispongono di una sensibilit insufficiente per rilevare tali correnti. La protezione differenziale di terra ristretta ad alta impedenza pu quindi essere impiegata come protezione di zona contro guasti a terra interni ad un generatore, ad un lato di un trasformatore o ad una linea, con neutro del sistema franco a terra o a terra mediante impedenza. Trattandosi di una protezione di zona, la protezione 87N non richiede ritardi intenzionali di intervento per l'ottenimento della selettivit con le restanti protezioni dell'impianto poste a valle. In queste applicazioni il circuito amperometrico d'ingresso del rel per la misura della corrente residua differenziale collegabile in alternativa: - per un generatore o un trasformatore, in derivazione al circuito ottenuto dal parallelo dei secondari dei TA di fase (o alternativamente di un toroide sommatore posto sulla linea) e del secondario di un TA posto sulla messa a terra del neutro; - per una linea, in derivazione al circuito ottenuto dal parallelo dei secondari dei TA di fase (o alternativamente dei secondari di due toroidi sommatori) posti ad entrambi gli estremi della linea. Nei sistemi trifasi senza neutro distribuito, sia per la protezione 50N-51N sia per la protezione 87N, devono essere impiegati tre TA di fase o un toroide sommatore posto sulle tre fasi. Nei sistemi trifasi con neutro distribuito, sia per la protezione 50N-51N sia per la protezione 87N, devono essere impiegati quattro TA, di cui tre posti sulle fasi ed uno posto sul conduttore di neutro, o un toroide sommatore posto sui quattro conduttori. Alcuni esempi di schemi di inserzione del rel SKC con protezione di massima corrente residua 50N-51N sono riportati nelle fig. 23, 25, 27, 28, 31. two ways alternatively: 1. to a ring core placed on the H or L side; 2. on the common return of the phase CTs on the H or L side; 3. to a CT placed on the earth connection of the neutral link; 4. on a measuring circuit of the differential earth fault current (87N). In the cases 1, 2 and 3 the relay is employed as earth residual current protection (50N-51N), suitable for transformers or generators in solidly or resistance earthed systems; in the cases 1 and 2 the residual current protection is also employed in the systems with isolated neutral, provided that the capacitive current of the system to a earth fault so that is enough to guarantee a certain trip of the same protection. In the case 4 the relay, with the addition of a stabilizyng resistor and of a possible non linear resistor to limit overvoltage, can be suitable as high impedance differential earth protection (87N), when the internal faults detection to earth must have superior sensitivity with respect to that of the differential protection 87T or 87G or when, because of the low earth fault currents (for instance with neutral placed to earth through impedance), the differential protections 87T or 87G have an insufficient sensibility to detect such currents. The differential restricted earth fault protection can be suitable as area protection in generator, to a side of transformer or line with solidly or resistance earthed systems.

Being an area protection, the 87N protection don't need added delays to make selectivity with other downstream protections relays of the plant. In these applications the residual current input can be connected alternatively: - for a transformer or generator in shunt to the circuit maked by the parallel of the phase CTs secondary (or alternatively of a ring core set on the line) and of the CT secondary set on the neutral earth link; - for a line in shunt to the circuit maked by the parallel of the phase CTs secondary (or alternatively of two ring core set on the line) placed in both end of the line. In the undelivery neutral systems, whether for 50N-51N protection or for 87N protection, three phase CTs or a ring core placed around three phase must be used. In delivery neutral systems, whether for 50N-51N protection or for 87N protection, four phase CTs (three on the phases and the last on the neutral wire) or a ring core placed around four wire must be used. Some examples of connection diagrams for SKC relay with earth fault protection functions are explained in fig. 23, 25, 27, 28, 31.

SKC000\08 10-2007

101

Alcuni esempi di schemi di inserzione del rel SKC con protezione differenziale di terra ristretta ad alta impedenza 87N sono riportati nelle fig. 24 e 29. La protezione 50N-51N/87N dispone di tre soglie di intervento regolabili (IE> , IE>>, IE>>>), ciascuna dotata del proprio tempo di intervento anch'esso regolabile (tE>, tE>>, tE>>>). Le regolazioni delle soglie di intervento sono espresse in valore relativo della corrente nominale del circuito amperometrico d'ingresso per la misura della corrente residua IEn del rel e quindi della corrente nominale primaria dei TA e/o del toroide sommatore; la corrente nominale secondaria dei TA e/o del toroide sommatore deve coincidere con la corrente nominale del rel. La protezione misura la componente fondamentale della corrente residua, confrontandola con ognuna delle tre soglie di intervento. L'avviamento (START) di una soglia si verifica se la corrente residua supera la soglia stessa per una durata pari al tempo di avviamento. L'intervento (TRIP) di una soglia si verifica se la corrente residua supera la soglia stessa per una durata pari al tempo di intervento impostato. Poich la protezione misura la sola componente fondamentale della corrente residua essa risulta insensibile alle componenti di terza armonica e di ordine superiore. La prima soglia impostabile con caratteristica di intervento a tempo indipendente INDEP (soglia di intervento I E> con tempo di intervento t E> ) oppure a tempo dipendente DEP tra i tipi A, B, C (soglia di intervento I ES con tempo di intervento t ES), mentre la seconda e terza soglia dispongono di una caratteristica di intervento a tempo indipendente. Con caratteristica a tempo dipendente, la prima soglia t ES rappresenta il valore asintotico di riferimento per la caratteristica stessa e la minima corrente necessaria per ottenere l'intervento vale 1,1 IES; la regolazione del tempo di intervento tES corrisponde al tempo di intervento con una corrente pari a 4 tES. Allo scopo di evitare l'intervento indesiderato della protezione per effetto della falsa corrente residua causata dalla saturazione magnetica dei TA durante l'inserzione del trasformatore, per ciascuna soglia IE> o IES , IE>>, IE>>> indipendentemente abilitabile una soglia maggiorata, rispettivamente IER> o IESR, IER>>, IER>>>, attivata per il tempo in cui attivo il blocco della protezione differenziale 87T per ritenuta di seconda armonica. Per ogni soglia la maggiorazione abilitabile o disabilitabile impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro REST, rispettivamente REST IE> o REST IES, REST IE>>, REST IE>>>. Per ciascuna soglia IE> o IES , IE>> , IE>>> indipendentemente abilitabile la protezione di mancata apertura dell'interruttore; l'abilitazione o la disabilitazione avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro BF, rispettivamente BF IE> o BF IES, BF IE>>, BF IE>>>. Per la realizzazione di sistemi di protezione in logica accelerata con altri rel di protezione, abilitabile il blocco in ingresso e/o in uscita per la seconda e la terza soglia.

Some examples of connection diagrams for SKC relay with differential restricted earth fault protection function are explained in fig. 24 and 29. The 50N-51N/87N protection have three adjustable threshold (IE> , IE>>, IE>>>), every with adjustable operation time (tE> , tE>>, tE>>>). In general it is employed as protection against overload and short-circuits among the phases. The adjustments of the trip thresholds are express in relative value of the residal current IEn of the relay and therefore of the primary nominal current of the phase CTs and/or the ring core; the secondary nominal current of the phase CTs and/or the ring core must be the same to the nominal current of the relay. The protection compares the fundamental component of the residual current with each of the three operating thresholds. The starting threshold (START) occurs if the residual current overcomes the same threshold for a term equal to the starting time. The trip threshold (TRIP) occurs if the residual current overcomes the same threshold for a term equal to the operating time. Since the protection measures the fundamental component of the residual current only it results insensitive to the third and superior harmonic components. The first threshold can be set withindependent time INDEP (IE> threshold with operation timetE> ) or to dependent time DEP among the , B, C types (I ES threshold with operation timetES ), characteristic while the second and third thresholds are independent time type characteristic only. When a dependent time characteristics is set, the first threshold tES means the asymptotic reference current; 1,1IES is the minimum value needed to get trip. Setting of the operation time tES coincide with the operating time when the current value is 4 IES. To the purpose to avoid the untimely trip during the transformer energization, for every threshold IL> or ILS, IL>>, I L>>> it is independently adjustable an increased threshold, respectively IE> or IES, IE>>, IE>>>, activated in all the three phases for the time when the block of the differential protection 87T is activated for second harmonic restraint. For every threshold the increase is adjustable planning ON the relatitive parameter REST, respectively REST IE> or REST IES, REST IE>>, REST IE>>>.

For every threshold IIE> or IES , I E>>, I E>>> it is independently adjustable breaker failure function; activaction can be done planning ON the respective parameter BF, respectively BF IE> or BF IES, BF IE>>, BF IE>>>. For logic accelerated systems with other protection relays, it is adjustale the block in input and/or in output for the second and third threshold. Activaction for input block

102

SKC000\08 10-2007

SKC
L'abilitazione o la disabilitazione del blocco in ingresso avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro BCK IN, rispettivamente BCK IN tE>> per la seconda soglia e BCK IN tE>>> per la terza soglia. L'abilitazione o la disabilitazione del blocco in uscita avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro BCK OUT, rispettivamente BCK OUT tE>> per la seconda soglia e BCK OUT tE>>> per la terza soglia. Alll'abilitazione del blocco in ingresso la seconda e la terza soglia assumono rispettivamente il tempo di intervento tE>>b e tE>>>b; nel caso in cui la funzione di controllo periodico della continuit del filo pilota collegato al circuito di blocco in ingresso rilevi un'interruzione del filo pilota stesso, i tempi di intervento tE>>b e tE>>>b vengono rispettivamente sostituiti con i tempi di intervento tE>> e tE>>>. Per la realizzazione della logica accelerata tra funzioni di protezione interne al rel SKC, abilitabile il blocco in ingresso e/o in uscita per la seconda e la terza soglia. L'abilitazione o la disabilitazione del blocco in ingresso avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro IBKI, rispettivamente IBKI tE>> per la seconda soglia e IBKI tE>>> per la terza soglia. L'abilitazione o la disabilitazione del blocco in uscita avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro IBKO, rispettivamente IBKO tE>> per la seconda soglia e IBKO tE>>> per la terza soglia. La logica accelerata tra funzioni di protezione interne al rel SKC ha il seguente funzionamento: - l'avviamento di una soglia di una qualunque funzione di protezione il cui parametro IBKO impostato ON determina l'invio di uno stato logico di blocco; - la soglia avviata di una qualunque funzione di protezione il cui parametro IBKI impostato ON viene posta nello stato logico di blocco alla ricezione dello stato logico di blocco inviato dalla soglia precedente; per la soglia ricevente lo stato logico di blocco, viene arrestato il conteggio del proprio temporizzatore di intervento. Per la protezione di massima corrente residua (50N51N) le soglie di intervento in ampere primari ed i relativi tempi di intervento devono essere definiti nell'ambito di uno specifico studio di coordinamento delle protezioni per l'impianto. La regolazione della prima soglia di intervento a tempo dipendente da impostare nel rel SKC si ottiene dividendo il valore della corrente minima di intervento espressa in ampere primari per 1.1 volte la corrente nominale primaria dei TA di fase o del toroide sommatore. La regolazione di una soglia di intervento a tempo indipendente da impostare nel rel SKC si ottiene dividendo il valore della soglia stessa espresso in ampere primari per la corrente nominale primaria dei TA di fase dei TA di fase o del toroide sommatore. Per l'impiego e la taratura della protezione differenziale di terra ristretta ad alta impedenza (87N) occorre considerare i seguenti aspetti. Determinazione delle caratteristiche dei trasformatori di corrente La scelta dei TA deve essere effettuata sulla base delle considerazioni sottoelencate. can be done planning ON the respective parameter BCKIN, respectively BCK IN tE>> for the second threshold and BCK IN tE>>> for the third threshold. Activaction for output block can be done planning ON the respective parameter BCK OUT respectively BCK OUT tE>> for the second threshold and BCK OUT tE>>> for the third threshold. When the input block is enabled the second and the third threshold take the operation time tE>>b and tE>>>b; should the periodic test of the pilot wire connect to the input circuit detect a failure, the operation times tE>>b and tE>>>b are replaced with tE>> e tE>>> values.

For the realization of theaccelerated logic among inside protection functions of the SKC relay, the input and/ or output block for the second and third threshold are adjustable. The qualification or the disabilitazione of the block in entry it happens planning ON or OFF the respective parameter IBKI, respectively IBKI tE >> for the second threshold and IBKI tE >>> for the third threshold. Activaction for the output block function can be done planning ON the respective parameter IBKO, respectively IBKO tE>> for the second threshold IBKO tE>> and IBKO tE>>> for the third threshold. Theaccelerated logic among inside protection functions of the SKC relay operates in this way: - the starting threshold (START) of any potection function in which the IBKO parameter is set to ON causes sending of a logic block state; - the started threshold of any potection function in which the IBKI parameter is set to ON is set in the block logical state to the reception of the block logical state sent by the preceding threshold; for the receiving threshold the block logical state, the calculation of own trip timer is stopped.

For the residual current protection function (50N-51N) the operation thresholds expessed in primary amperes and relative operation times must be defined with a specific coordination study for the procection of the plant. The first threshold adjustement with dependent time is optained by cumputing ratio between the minimum operation current (in primary amperes) and 1.1times the nominal primary current of the phase CTs or the ring core transformer. The operation threshold adjustement for independent time to plan on the SKC relay is optained making the ratio between the same threshold expressed in primary amperes and the primary current of the phase CTs or the ring core transformer. For using and setting of the high impedance differential restricted earth fault protection (87N) it is necessary to consider the followings aspects. Current transformer technical data dertermination The CTs selection must be done on the base of the fllowing considerations

SKC000\08 10-2007

103

1 - Tutti i TA devono avere il medesimo rapporto di trasformazione e preferibilmente devono essere le stesse caratteristiche. 2 - Nel caso di TA con rapporti diversi, occorre prevedere opportuni trasformatori adattatori. 3 - I TA devono avere una tensione di ginocchio che rispetti la condizione: U K 2 (RTA + RC + RM) IK / K dove: U K tensione di ginocchio dei TA, R TAresistenza dell'avvolgimento secondario dei TA, R C resistenza dei collegamenti, RM resistenza degli avvolgimenti di eventuali trasformatori adattatori, IK valore simmetrico della massima corrente passante per guasto esterno, K rapporto di trasformazione dei TA. Determinazione della soglia d'intervento del rel Per la protezione 87N si impiega una delle tre soglie di intervento disponibili con caratteristica di intervento a tempo indipendente e senza ritardi intenzionali. La soglia d'intervento IE>> espressa in ampere secondari deve essere impostata ad un valore non superiore a: I E>> = IG / K - N IM - IRL in cui: IG valore di corrente espresso in ampere primari a cui richiesto l'intervento della protezione per guasto interno, N numero di TA impiegati per la protezione 87N, IM corrente magnetizzante dei TA corrispondente a UK/2, I RL corrente che attraversa l'eventuale resistore non lineare di limitazione delle sovratensioni. La regolazione della soglia di intervento da impostare nel rel SKC si ottiene dividendo il valore della soglia espresso in ampere secondari sopra deteriminato per la corrente nominale primaria dei TA. Determinazione della resistenza di stabilizzazione Per evitare l'intervento intempestivo della protezione causato da false correnti residue prodotte dalla saturazione dei TA in presenza di guasti esterni, occorre inserire una resistenza di stabilizzazione in serie all'ingresso amperometrico di misura della corrente residua differenziale. Il valore di resistenza determinato in base alla seguente relazione: R S = (RTA + RC + R M) (IK / K) / IE>> Qualora la corrente di guasto interno alla zona protetta produca una sovratensione di valore superiore a1...2 kV ai capi della resistenza di stabilizzazione RS, occorre prevedere l'impiego di un resistore non lineare RU (caratteristica I = AU ) con lo scopo di limitare le sovratensioni a valori compresi tra 1 e 2 kV. Il resistore non lineare RU deve essere collegato come indicato nelle fig. 24 e 29. Esempio di impostazione delle tarature del sottomen 50N-51N/87N (A) per la protezione di massima corrente residua 50N-51N con il seguente funzionamento: - collegamento ad un toroide sommatore con corrente

1 - All CTs must to have the same transformation ratio and and preferably they have to be the same characteristics. 2 - When CTs with different ratios is installed, right transformers adapters must be provided. 2 - The CTs must to have a knee voltage according to the following axpression: UK 2 (RTA + RC + RM) IK / K where: U K CTs knee point, RTA secondary coil CTs resistence, R C link resistence, RM external adapters coil CTs resistence (if any), IK symmetrical value of the maximum crossing current with external fault, K current transformers ratio. Determination of the operation threshold For the 87N protection one of the available three threshold is used with independent time characteristic and no delay added. The second threshold IE>>, axpressed in secondary amperes mus be set to a not higher value to: IE> > = IG / K - N IM - IRL where: IG current value, expressed in primary amperes to which the operation for internal fault is required, N CTs number provided for the 87N protection, IM magnetizing current of the CTs corresponding to UK /2, IRL current that crosses the possible non linear resistor (overvoltage limit resistor). Setting of the operation threshold for the SKC relay is gotten cumputing ratio between the thresold, expressed in secondary amperes and the CTs primary current.

Characteristics determination of the stabilizing resistor To avoid the untimely trip of the protection caused by false residual currents produced by CTs saturation, consequent to external faults, a stabilizing resistor in series to the amperometric input of the differential residual current is required. The resistor value of is determined through to the following relationship: RS = (RTA + R C + RM ) (IK / K) / I0> If the fault current internal to the protected area produces an overvoltage higher than 1 ...2 kV to the RS stabilizing resistor, it is necessary to provide an additional non linear resistor RU (I = AU characteristic),to the purpose to limit the overvoltage values between 1 and 2 kV. The non linear resistor RU must be inserted as illustrated in fig.24 and 29. Setting example for 50N-51N/87N (A) submenu for residual overcurrent protection with following operation: - connection to a ring core summing CT with primary

104

SKC000\08 10-2007

SKC
nominale primaria di 50 A; - prima soglia non impiegata; - seconda soglia di 2,5 A primari con tempo di intervento di 0,4 s; - seconda soglia priva di maggiorazione per ritenuta di seconda armonica della protezione differenziale 87T e di protezione di mancata apertura dell'interruttore; - seconda soglia priva di logica accelerata in ingresso ed uscita, sia rispetto ad altri rel di protezione nell'impianto sia rispetto ad altre funzioni di protezione interne al rel SKC; - terza soglia non impiegata. Il valore di taratura da impostare per la seconda soglia IE>> si ottiene dividendo il valore di soglia in ampere primari per la corrente nominale primaria del toroide sommatore: IE>> = 2,5 / 50 IEn = 0,05 I En Nell'esempio rappresentato non vengono utilizzate la prima e terza terza soglia IE>, IE>>> che saranno quindi disabilitate mediante il sottomen MODE,BANK A (o B). Si pu procedere quindi alle operazioni di taratura del sottomen 50N-51N/87N (A) del rel SKC come segue: - premere il tasto SET, mantenendolo premuto; - premere momentaneamente il tasto RESET; - rilasciare il tasto SET, per cui appare sul display il messaggio PRESET - premere pi volte il tasto , fino ad ottenere il messaggio 50N-51N/87N (A) - premere il tasto ENTER, per cui appare sul display la taratura attuale della prima soglia, ad esempio IE> 0.005 IEn - poich la prima soglia non impiegata non necessario fornire per essa alcuna taratura; premere quindi pi volte il tasto , per cui appare sul display il valore attuale di taratura per la seconda soglia, ad esempio IE>> 0.300 IEn - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata IE>> 0.05 IEn - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto , per cui appare sul display il valore di taratura del tempo d'intervento per la seconda soglia, ad esempio tE>> 2.25 s - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata tE>> 0.40 s - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da nominal corrent of 50 A; - first threshold non enabled; - second threshold of 2.5 A on primary with operation time of 0.4 s; - second threshold without enhanced value for second harmonic restraint of the differential protection 87T and breaker failure function; - second threshold without logic accelerated in input and output, either with other protection relays or with inside protection function of the SKC relay; - third threshold not used. Setting of the operationIE>> threshold is gotten cumputing ratio between the thresold, expressed in primary amperes and the ring core summing CT primary current: IE>> = 2,5 / 50 IEn = 0,05 IEn In the following example the first and the third threshold are not used; they are not enabled through MODE,BANK A (o B) submenu. We can start therefore to the setting operation of the 50N-51N/87N (A) submenu as showed later: - press the SET key, permanently; - press momentarily the key RESET; - release the key SET, then the display will show the message PRESET key several times, until the foffowing - press the message is displayed 50N-51N/87N (A) - press the ENTER key to enter the desired submenu, for which appears on the display the message corresponding to the first threshold setting, for instance IE> 0.005 IEn - since the first threshold is not used, no values must be make; press therefore the key more times in momentary way, until the actual setting for the second threshold, for instance IE>> 0.300 IEn - press the ENTER key, then the above message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting IE>> 0.05 IEn - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key more times in momentary way, for which it appears on the display the desired setting for the second for instance: tE>> 2.25 s - press the ENTER key, then the INDEP message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting tE>> 0.40 s - press the ENTER key, then the above message stops

SKC000\08 10-2007

105

lampeggiante diventa permanente. - premere il tasto , per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione alla maggiorazione della seconda soglia per ritenuta di seconda armonica della protezione 87T: REST IE>> OFF - premere il tasto , per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione della seconda soglia alla protezione per mancata apertura dell'interruttore BF IE>> OFF - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione della seconda soglia alla funzione di blocco in ingresso da altri rel di protezione BCK IN tE>> OFF - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione della seconda soglia alla funzione di blocco in uscita ad altri rel di protezione BCK OUT tE>> OFF per cui appare il messaggio - premere il tasto dell'impostazione desiderata per l'abilitazione della seconda soglia alla funzione di blocco in ingresso da funzioni di protezione interne al rel SKC IBKI tE>> OFF - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione della seconda soglia alla funzione di blocco in uscita a funzioni di protezione interne al rel SKC IBKO tE>> OFF Non risulta necessario impostare le restanti tarature relative alla terza soglia IE>>> in quanto il relativo intervento (TR) deve essere disabilitato mediante nel sottomen MODE,BANK A (o B). Protezione differenziale di trasformatore (87T,BANK A o B) La protezione differenziale 87T impiegata come protezione di zona ad alta sensibilit contro i guasti interni di trasformatori con taglia superiore all'incirca a 5 MVA. La protezione 87T impiegabile anche come protezione differenziale di un gruppo trasformatore-generatore. Nella modalit di adattamento interno delle correnti, il rel SKC calcola le correnti differenziali ed antagoniste per ciascuna fase come componente fondamentale (50 o 60 Hz) dei seguenti valori istantanei: id-L1=i* L1H-i*L1L id-L2=i* L2H-i*L2L id-L3=i* L3H-i*L3L iR-L1 =(i *L1H+ i*L1L)/2 iR-L2 =(i *L2H+ i*L2L)/2 iR-L3 =(i *L3H+ i*L3L)/2 in cui id-L1, id-L2, id-L3 sono i valori istantanei delle correnti differenziali rispettivamente delle fasi L1, L2, L3 e iR-L1, iRL2 , iR-L3 sono i valori istantanei delle correnti antagoniste rispettivamente delle fasi L1, L2, L3, mentrei *L1H, i *L2H , i*L3H sono i valori istantanei delle correnti adattate del lato H, rispettivamente delle fasi L1, L2, L3 e i *L1L, i * L2L, i *L3L sono

flashing and becomes permanent; - press the key, for which it appears on the display the desired setting for the enhanced threshold with second harmonic restraint of the 87T protection: REST IE>> OFF - press the key, for which it appears on the display the desired setting for the first threshold to the circuit breaker failure: BF IE>> OFF key, for which it appears on the display the - press the current setting for the input block function from other protection relays BCK IN tE>> OFF - press the key, for which it appears on the display the desired setting for the second threshold output block function to other protection relays BCK OUT tE>> OFF - press the key, for which it appears on the display the desired setting for the second threshold input block function from internal SKC protection functions IBKI tE>> OFF - press the key, for which it appears on the display the desider setting for the output block function to internal SKC protection functions IBKO tE>> OFF No other setting must be set for the third threshold IE>>> because the trip (TR) must be out through the MODE,BANK A (o B) submenu.

Differential protection function for transformer (87T,BANK A o B) The differential protection function 87T is intended for high sensitivity area protection against internal faults of transformers with 5 MVA or superior size. The 87T protection is used as differential protection for transformergenerator group too. In internal current compensation mode, the SKC relay computes the differential and the through currents for any phase as fundamental component (50n or 60 Hz) of the following istantaneous values: id-L1=i* L1H-i*L1L id-L2=i* L2H-i*L2L id-L3=i* L3H-i*L3L iR-L1 =(i *L1H+ i*L1L)/2 iR-L2 =(i *L2H+ i*L2L)/2 iR-L3 =(i *L3H+ i*L3L)/2 where id-L1, id-L2, id-L3 are the istantaneous values of the differential currents for the L1, L2, L3 phases and iR-L1, iR-L2, i R-L3 are the istantaneous values of the through currents for the L1, L2, L3 phases, while i *L1H, i * L2H, i*L3H are the istantaneous values of the compensated currents for the

106

SKC000\08 10-2007

SKC
i valori istantanei delle correnti adattate del lato L, rispettivamente delle fasi L1, L2, L3. Nella modalit di adattamento esterno invece, il rel SKC calcola le correnti differenziali ed antagoniste per ciascuna fase come componente fondamentale (50 o 60 Hz) dei seguenti valori istantanei: id-L1=iL1H-iL1L id-L2=iL2H-iL2L id-L3=iL3H-iL3L iR-L1=(iL1H+iL1L)/2 iR-L2=(iL2H+iL2L)/2 iR-L3=(iL3H+iL3L)/2 in cui iL1H , iL2H, iL3H sono i valori istantanei delle correnti misurate dal rel direttamente agli ingressi amperometri del lato H, rispettivamente delle fasi L1, L2, L3 e iL1L, iL2L , iL3L sono i valori istantanei delle correnti misurate dal rel direttamente agli ingressi amperometri del lato L, rispettivamente delle fasi L1, L2, L3. Il rel SKC calcola inoltre le componenti di seconda (Id2L1, Id2-L2, Id2-L3) e quinta armonica (I d5-L1, Id5-L2, Id5-L3) delle correnti differenziali di ogni fase. Per disporre della necessaria insensibilit ai guasti esterni alla zona delimitata dalle due terne di TA di fase (zona protetta), la protezione differenziale di tipo compensata con doppia pendenza percentuale, ossia per ciascuna fase la soglia di intervento viene determinata in funzione della corrente antagonista, secondo la caratteristica di intervento raprresentata in fig. 5. Essa determinata dallintersezione di quattro rette i cui parametri (Id>, K1, K2, Q e Id>>) sono completamente programmabili dallutente. La prima soglia (Id>) conferisce la massima sensibilit della protezione ai guasti interni. A causa della saturazione magnetica dei TA prodotta dalle elevate correnti di cortocircuito passanti attraverso la zona protetta per guasti esterni, la conseguente corrente differenziale di errore potrebbe determinare l'intervento intempestivo della protezione e quindi la perdita di selettivit rispetto ad altre protezioni. I due tratti di coefficiente angolare percentuale K1 e K2 permettono comunque di aumentare la soglia di intervento della protezione in funzione della corrente passante, compensando quindi la protezione differenziale su guasti esterni. Qualora in tutte le tre fasi le componenti di seconda e quinta armonica delle correnti differenziali non superino la rispettiva soglia di ritenuta (2ndH REST e 5thH REST nel sottomen RESTRAINT,BANK A o B), l'intervento della protezione differenziale nei primi tre tratti della caratteristica di intervento si verifica se in almeno una fase sono contemporaneamente verificate le quattro seguenti condizioni: Id Id> Id K1/100*I R Id K2/100*I R - Q tempo di intervento td> trascorso, in cui Id la componente fondamentale di corrente differenziale di una fase e IR la componente fondamentale di corrente antagonista della stessa fase. Nel caso in cui in almeno una fase le componenti di seconda o quinta armonica delle correnti differenziali superino la rispettiva soglia di side H L1, L2, L3 phases and i * L1L, i *L2L, i * L3L are the istantaneous values of the compensated currents for the side L L1, L2, L3 phases. In external compensation mode however, the SKC relay compute the differential currents and the through currents for every phases as fundamental component (50 or 60 Hz) of following istantaneous values: id-L1=iL1H -iL1L id-L2=iL2H -iL2L id-L3=iL3H -iL3L iR-L1=(iL1H+iL1L)/2 iR-L2=(iL2H+iL2L)/2 iR-L3=(iL3H+iL3L)/2 where iL1H , iL2H, iL3H are the istantaneous values of the measured currents for the side H L1, L2, L3 amperometric inputs and iL1L, iL2L, i L3L are the istantaneous values of the measured currents for the L1, L2, L3 amperometric inputs, for the L side. The SKC relay computes moreover the second harmonic components (Id2-L1, Id2-L2 , I d2-L3) and the fifth harmonic components (I d5-L1, Id5-L2 , Id5-L3) of the differential currents of every phase. To achieve the necessary sensitivity for external faults to the protected area defined by two CTs terns, the differential protection is percentage compensated with dual slope, that is for every phase the operation threshold is defined on the grounds of the through current according to nthe operating characteristic of fig. 5 It is defined by the intersection of four straight lines whose parameters(Id>, K1, K2, Q and Id>>) are completely programmable from the consumer. The first threshold (Id>) confers the maximum sensibility of the protection to the inside faults. Because of the CT magnetic satuartion produced by the through high short-circuit currentsshortcircuit for external faults, the consequent differential current could determine the untimely trip of the protection and therefore the loss of selectivity with other protections. The two lines of angular coefficient angular K1 and K2 allow to increase the operation threshold of theprotection proportionally with the thoughg current, compensating therefore the differential protection on external faults. If in all the three phases the second and fifth harmonic components of the differential currents don't overcome the respective restraint threshold (2ndH REST and 5thH REST in the RESTRAINT,BANK or B submenu), the trip of the differential protection in the first three lines of the operating characteristic is verified if in at least a phase four following conditions are verified contemporarily: Id I d> Id K1/100*I R Id K2/100*I R - Q operating time td> elapsed, where Id is the differential fundamental component in one phase andIR is the through fundamental component in the same phase. In the case in which in at least a phase the second and fifth harmonic components of the differential currents overcome the respective restraint threshold, the the

SKC000\08 10-2007

107

ritenuta, l'intervento della protezione differenziale nei primi tre tratti della caratteristica di intervento risulta bloccato. Il tempo di interventotd> regolabile. Si ha inoltre l'intervento della seconda soglia Id>> della protezione differenziale se in almeno una fase si sono verificate le condizioni: Id Id>> tempo di intervento td>> trascorso, indipendentemente dallo stato della funzione di ritenuta d'armoniche. Il tempo di intervento td>> di valore fisso e pari al valore regolato per il tempo d'intervento td>. La seconda soglia Id>>, essendo priva di ritenuta darmoniche, impiegata come riserva ai primi tre tratti della caratteristica di intervento per consentire lintervento in presenza di guasti interni che potrebbero determinare, a causa della saturazione magnetica dei TA, un significativo contenuto di seconda armonica delle correnti secondarie tale da attivare la funzione di ritenuta darmoniche e quindi il blocco della protezione nei primi tre tratti della caratteristica di intervento. La zona di intervento della protezione differenziale corrisponde ai punti che si trovano superiormente alla caratteristica, mentre i punti che si trovano inferiormente ad essa corrispondono allo stato di riposo del rel, come rappresentato in fig. 6. In fig. 7 invece rappresentata la zona della caratteristica di intervento della protezione differenziale 87T in cui pu verificarsi il blocco per ritenuta di seconda e quinta armonica. E' indipendentemente abilitabile la protezione di mancata apertura dell'interruttore per i primi tre tratti della caratteristica di intervento e per la soglia Id>>; l'abilitazione o la disabilitazione avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro BF, rispettivamente BF Id>, BF Id>>. E' abilitabile il blocco in ingresso e/o in uscita della protezione differenziale. L'abilitazione o la disabilitazione del blocco in ingresso avviene impostando ON oppure OFF il parametro BCK IN td, mentre l'abilitazione o la disabilitazione del blocco in uscita avviene impostando ON oppure OFF il parametro BCK OUT td. Il funzionamento della protezione differenziale di trasformatore riassunto nel seguente schema logico di principio di fig. 45. Per un corretto impiego della protezione differenziale per trasformatori occorre considerare diversi aspetti.

differential protection trip in the first three lines of the characteristic of trip is stopped. The operation time td> is adjustable. Trip of the second threshold Id>> for the differential protection take place if the following contition are verified: Id Id>> operating time td>> elapsed, independently of the harmonic restraint state. The operation time td>> is a not adjustable value, it is the same to the operation time td>. The second threshold Id>>, being lacking in the harmonic restraint, is used as reserve function to the three firsts straight lines of the operation characteristics to allow trip when an internal fault that produce CT saturation and therefore a significant amount of second harmonic which can activate the harmonic restraint function that locks teh operation for the first straight lines of the operation characteristics.

The operation area of the differential protection meets to the upper part points with respect to the operation line, whereas the bottom part points meet to the rest condition of the relay as showed in fig. 6. In fig. 7 instead is showed the operating area of the differential protection 87T where the block by second and fifth harmonic restraint can be verified. The breaker failure protection for the first three lines of the operation characteristic and for the Id>> threshold can be set; the qualification or the de-activation can be selected planning ON or OFF the respective BF parameter, respectively BF Id>, BF Id >>. The block in input and/or in output of the differential protection can be set. The qualification or the de-activation of the input block can be set planning ON or OFF the parameter BCK In td, while the qualification or the deactivation of the output block can be set planning ON or OFF the parameter BCK OUT td. The operation of the differential protection of transformer is summarized in the following logical scheme of fig. 45. For a correct use of the differential protection for transformers different factors must be considered.

108

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 45

SKC000\08 10-2007

109

Trasformatori di corrente Occorre soddisfare i seguenti requisiti: - CORRENTE NOMINALE PRIMARIA al valore normalizzato maggiore e pi prossimo alla corrente nominale del trasformatore da proteggere o comunque alla pi elevata corrente d'impiego del trasformatore prevista nell'impianto; - PRESTAZIONE NOMINALE non inferiore al carico costituito dal rel di protezione, dall'eventuale trasformatore adattatore e dalla resistenza dei conduttori amperometrici; - TENSIONE DI ECCITAZIONE LIMITE SECONDARIA (IEC 60044-6, CEI EN 60044-6, CEI 38-6) che soddisfi la seguente condizione: V K 4 Iscmax-ext (RCT + RL + Rr+ RM ) Isn / I pn [1] in cui: VK tensione di eccitazione limite secondaria [V], Iscmax-ext massima corrente simmetrica passante per corto circuito esterno RCT resistenza dell'avvolgimento secondario dei TA a 75C [W], R L resistenza dei collegamenti a 75C [W], R r resistenza degli ingressi amperometrici del rel a 75C [W], RM resistenza degli avvolgimenti di eventuali trasformatori adattatori a 75C [W], Ipn corrente nominale primaria del TA, Isn corrente nominale secondaria del TA. R(75c) = R(20c) (235+75)/(235+75) = R(20c) 1.22 La relazione [1] vale con regolazioni: - Id> = 0.2 In, - K1 = 30%, - K2 = 70%, - Q = 0.6 In - FATTORE LIMITE DI PRECISIONE Fl (IEC60044-1, CEI EN 60044-1, CEI 38-1) Per la conversione da VK (tensione di eccitazione limite secondaria) a Fl (fattore limite di precisione), basta osservare che VK rappresenta la tensione di eccitazione secondaria sviluppata da una corrente Fl Isn sulla resistenza RCT e sulla prestazione nominale, per cui: V K = (RCT + P n/I sn2) F l Isn in cui: P n prestazione nominale dei TA [VA]. Dalla relazione [1] risulta quindi: Fl 4 Iscmax-ext(RCT + RL + Rr+ RM )/(RCT + Pn/Isn2) - CLASSE DI PRECISIONE 5P. Allo scopo di ridurre la corrente differenziale di errore ed aumentare quindi la sensibilit della protezione differenziale, raccomandato di uguagliare le impedenze dei circuiti secondari di tutti i TA.

Main current transformers The following requirements must be satisfied: - NOMINAL CURRENT with normalized value not inferior to the nominal current of the protected transformer or however to the greater current in the plant;

- RATED BURDEN not inferior to the load constituted by the protection relay, by the possible transformer adapter and by the resistance of the conductors; - EXCITATION LIMITING SECONDARY VOLTAGE (IEC 60044-6, CEI EN 60044-6, CEI 38-6) according to the following condition: VK 4 Iscmax-ext (R CT + RL + Rr+ RM ) Isn / Ipn [1] where: VK excitation limiting secondary voltage, I scmax-ext symmetrical value of the maximum crossing current with external fault, RCT CTs secondary winding resistance corrected to 75C [W], RL resistance of the connection linkscorrected to 75C [W], R r resistance of the relay amperometric inputcorrected to 75C [W], RM winding resistance of matching adapter transformers if any corrected to 75C [W], Ipn CTs primary nominal current, Isn CTs secondary nominal current. R(75c) = R(20c) (235+75)/(235+75) = R (20c) 1.22 Equation [1] is valid with the following settings: - I d> = 0.2 In, - K1 = 30%, - K2 = 70%, - Q = 0.6 In - Fl ACCURACY LIMIT FACTOR (IEC60044-1, CEI EN 60044-1, CEI 38-1) To convert from VK (excitation limiting secondary voltage ) to corrispondig to the Fl (accuracy limit factor) just see that VK is the secondary excitation voltage developed by aFl Isn current over the RCT and rated burden resistances; the value can be calculated by means of the following formula: VK = (RCT + Pn/Isn2) Fl Isn where: Pn Rated burden [VA]. From [1] results: Fl 4 Iscmax-ext(RCT + RL + Rr+ RM)/(RCT + P n/Isn2) - ACCURACY CLASS 5P. To the purpose to reduce the differential current error and to increase therefore the sensibility of the differential protection, is recommended of equalize the impedances of of all the CTs secondary circuits.

110

SKC000\08 10-2007

SKC
Lato di riferimento per le regolazioni Nel caso di impiego della protezione differenziale trasformatori 87T con modalit di adattamento interno delle correnti, la regolazione dei parametri Id>, Id>> e Q deve essere riferita ad un determinato lato del trasformatore protetto. Per la definizione del lato di riferimento occorre procedere come segue: 1. calcolo della costante di adattamento nT come in tabella Tab.1.
COLLEGAMENTO DEGLI AVVOLGIMENTI DEL TRASFORMATORE DI POTENZA WINDINGS CONNECTION OF POWER TRANSFORMER

Reference side for settings With internal compensation modality of the currents for the differential transformers protection 87T, the determination of theId>, Id>> and Q parameters has to be reported to a defined side of the protected transformer. Definition of reference side is made according as it follows: 1. calculation of the matching constant nT, according to the suitable formulas in the Tab.1.
COSTANTE DI ADATTAMENTOnT

MATCHING CONSTANTnT

Yd Dy Yy Dd 2. definizione del lato del trasformatore di riferimento per la regolazione dei parametriId>, Id>> e Q espressi in ampere primari. Il lato di riferimento si determina in base al valore della costante di adattamento nT precedentemente calcolata secondo il criterio indicato nella Tab.2 sottoriportata.
COLLEGAMENTO DEGLI AVVOLGIMENTI DEL TRASFORMATORE DI POTENZA POWER TRANSFORMER CONNECTION GROUP

nT = 3 * (InTAL/InL)*1/(InTAH/InH) nT = 3 * (InTAH/InH)*1/(InTAL/InL) nT = (InTAL/InL)*1/(InTAH/InH) nT = (InTAL/InL)*1/(InTAH/InH) Tab. 1 2. definition of the reference side of the transformer for the adjustment of the Id>, Id>> and Q parameters expressed in primary ampere. Based on the matching constant value nT previously calculated, the reference side is defined according to the suitable criterion in the Tab.2.
LATO DEL TRASFORMATORE DI RIFERIMENTO PER LA REGOLAZIONE DEI PARAMETRIId>, I d>> E Q REFERENCE SIDE OF THE POWER TRANSFORMER FOR Id>, Id>> AND Q PARAMETERS DETERMINATION nT > 1 nT 1

Yd Dy Yy Dd

d (L) D (H) y (L) d (L)

y (H) y (L) Y (H) D (H)

Tab. 2 Supponendo che, a seguito di uno studio di selettivit, Supposing that, following a selectivity study, the regulasiano state definite le regolazioni dei parametri Id>, Id>> e tions of the Id>, Id>> and Q parameters are been defined Q espresse in ampere primari sul lato di riferimento del expressed in primary ampere on the side of reference of trasformatore come sopra descritto; le regolazioni da the transformer as above described; the settings to be impostare sul rel SKC sono determinabili come rapporto planned on the SKC relay are defined as the ratio among tra le regolazioni espresse in ampere primari ed il valore the setting, expressed in primary ampere and the value of di corrente nominale primaria dei TA posti sul lato di primary nominal current of the CT's set on the same riferimento stesso. reference side. Regolazione dei parametri relativi alla caratteristica d'interSetting parameters concerning the operation characteristic vento
NOTA 1 - Le correnti secondarie dei trasformatori di potenza con commutatore devono essere riferite al rapporto medio del trasformatore ed il calcolo della corrente differenziale deve fare riferimento ai valori limite del rapporto di trasformazione. Note 1 - Secondary current of the power transformers with tap changer must be reported to the middle relationship of the transformer and the calculation of the differential current has to make reference to the limit values of the transformation ratio.

SKC000\08 10-2007

111

La regolazione corretta quella che corrisponde ai minimi valori di Id> e di K1, K2, Q, ossia in regime di elevata sensibilit pur garantendo il non intervento della protezione a causa dei diversi fattori di errore. Per verificare tale condizione occorre determinare, in corrispondenza a diversi valori della corrente passante antagonista IR (fino ai pi elevati valori di corto circuito), la somma di tutti i contributi che possono creare un errore di corrente differenziale: - corrente magnetizzante del trasformatore (si intende la corrente a regime, poich il rel risulta insensibilizzato al transitorio d'inserzione mediante ritenuta di armoniche); - corrente differenziale dovuta allo scarto tra il rapporto calcolato e il rapporto effettivo degli eventuali TA adattatori; - corrente differenziale dovuta all'eventuale variazione del rapporto di trasformazione in caso di trasformatore protetto con pi prese(1); - errore di misura dei TA di linea e degli eventuali TA adattatori. Pertanto il rel di protezione differenziale deve essere regolato in modo che la caratteristica d'intervento Id-IR sia sempre superiore, con un opportuno margine di sicurezza, alla somma dei contributi di errore dovuti ai fattori sopramenzionati. La soglia Id>>, il cui valore indipendente dalla corrente passante e non bloccabile per ritenuta di armoniche, consente l'intervento della protezione 87T anche con correnti di seconda armonica originate dalla saturazione dei TA in presenza di guasti interni che producono la ritenuta di seconda armonica per i primi tre tratti della caratteristica di intervento. Tale soglia, impiegata come riserva ai primi tre tratti della caratteristica di intervento, deve quindi essere regolata ad un valore inferiore alla corrente di guasto interno e superiore al valore di picco della massima corrente transitoria di inserzione del trasformatore. Esempio di impostazione delle regolazioni per la protezione differenziale di trasformatore Dati del trasformatore di potenza: Potenza nominale: Sn = 10 MVA Tensione nominale lato AT (H): VnH = 20 kV Tensione nominale lato BT (L): VnL = 6 kV Collegamento e gruppo vettoriale: Dy11 Corrente nominale lato AT (H): I nH = S n /( 3 VnH ) = 10*106 / ( 3* 20000) = 288.66A Corrente nominale lato BT (L): I nL = Sn /( 3 VnL ) = 10*106 / ( 3 * 6000) = 962.25A Dati dei TA di linea: Corrente nominale primaria dei tre TA posti sul lato AT (H): InTAH = 300 A Corrente nominale primaria dei tre TA posti sul lato BT (L): InTAL = 1000 A Calcolo della costante di adattamento n T: In accordo con la Tab.1, essendo il collegamento di tipo Dy, risulta: nT = 3 * (InTAH/InH)*1/(InTAL/InL) = 1.732*(300/288.66)*1/(1000/962.25) = 1.732

The correct setting corresponds to the least values of Id> and K1, K2, Q, that, in high sensibility condition, avoids false trips because of the various error factors. To verify such condition it is necessary to determine, in correspondence to different values of the through current IR (up to the maximum values of short circuit), the sum of all the contributions that can originate a differential current error : - magnetizing current of the transformer ( the steady state current, since the relay results de-sensitized on the inrush through harmonic restrain); - discard between the calculated and the real ratio of the possible CTs adapters; - possible ratio variation of the protected transformer in case of multi taps transformer (1); - measuring errors of the line CTs and the possible matching CTs . Therefore the differential protection relay must be set in such a way that the Id-IR trip characteristic is always greater, with an opportune safety margin, to the sum of the error contributions above mentioned. A highset unrestrained differential overcurrent function I d>> is provided; this acts as a backup protection for those high magnitude internal faults that produce sufficient CT saturation to cause harmonic restraint of the differential protection. Such threshold must be regulated to a lower value to the internal least current and in such a way to avoid trip during the inrush of the transformer.

Differential protection setting example for transformer Power transformer data: Nominal power: SN = 10 MVA HV nominal voltage (side H): VNH = 20 kV LV nominal voltage (side L): VNH = 6 kV Connection group: Dy11 HV nominal current (side H): INH = S N /( 3 VNH ) = 10*106 / ( 3 * 20000) = 288.66A LV nominal current (side L): INL = SN /( 3 VNL ) = 10*106 / ( 3 * 6000) = 962.25A Line CTs technical data: Primary nominal current of the HV CTs (side H): INTAH = 300 A Primary nominal current of the LV CTs (side H): INTAL = 1000 A nT matching constant calculation: According with Tab.1, with type Dy connection it results: nT = 3 * (InTAH/InH)*1/(InTAL/InL) = 1.732*(300/288.66)*1/(1000/962.25) = 1.732

112

SKC000\08 10-2007

SKC
Risultando nT > 1, in accordo alle indicazioni riportate nella Tab. 2, la regolazione dei parametri Id>, I d>> e Q devono essere riferite al lato AT del trasformatore (side H, nell'esempio con collegamento a triangolo). Si supponga che, a seguito di uno studio di selettivit, siano state definite le seguenti regolazioni: -soglia d'intervento minima, relativa al primo tratto della caratteristica d'intervento (riferita al lato AT del trasformatore): Id> = 100 A -coefficiente angolare percentuale relativo al secondo tratto della caratteristica: K1= 50% -coefficiente angolare percentuale relativo al terzo tratto della caratteristica: K2= 100% -parametro che determina l'intersezione con l'asse verticale del secondo tratto della caratteristica di intervento (riferita al lato AT del trasformatore): Q = 390 A -soglia di intervento relativa al quarto tratto della caratteristica di intervento (riferita al lato AT del trasformatore): Id>> = 2400 A -tempo d'intervento td>=td>>= 0.04 s -soglia di ritenuta di 2a armonica 2ndH= 12% I d -soglia di ritenuta di 5a armonica 5thH= 15% Id -polarit dei TA posti sul lato H NORMALE -polarit dei TA posti sul lato L NORMALE Nel sottomen PRESET occorre effettuare le impostazioni: TYPE TRANSFORMER COMPENSATION INT I valori dei parametri da impostare nel sottomen BASE sono: -polarit dei TA posti sui lati H e L: P1H,P2H,P3H,P1L,P2L,P3L NORM I valori dei parametri da impostare nel sottomen RESTRAINT,BANK A sono: -soglia di ritenuta di seconda armonica: 2ndH REST= 12% I d -soglia di ritenuta di quinta armonica: 5thH REST= 15% Id I valori dei parametri da impostare nel sottomen TRAFO DATA,BANKA sono: - Rapporto tra la corrente nominale primaria dei TA posti sul lato H e la corrente nominale del trasformatore lato H: InTAH/InH =300/288.66 = 1.04 - Rapporto tra la corrente nominale primaria dei TA posti sul lato L e la corrente nominale del trasformatore lato L: InTAL/InL =1000/962.2 = 1.04 - Collegamento e gruppo vettoriale : VECT GROUP: Dy11 I valori dei parametri da impostare nel sottomen 87T,BANK A sono: Id> = 100 / 300 = 0.33 In td>=0.04s Id>> = 2400 / 300 = 8.0 In td>>=td> K1 = 50% Being nT > 1, according to the indications brought in the Tab. 2, the regulation of the parametersId>, Id>> and Qs have to be reported to the HV side of the transformer (side H, in the example with delta connection). Supposing that , following a selectivity study, the following regulations are been defined: - least trip threshold, related to the first line of the trip characteristic (reported to the HV side of the transformer): I d> = 100 A - percentage angular coefficient related to the second line of the characteristic: K1 = 50% - percentage angular coefficient related to the third line of the characteristic: K2 = 100% - parameter that determines the intersection with the vertical axis of the second line of the trip characteristic (reported to the HV side of the transformer): Q = 390 - operation threshold related to the fourth line of the trip characteristic (reported to the HV side of the transformer): I d>> = 2400 A - operation time t d>=td>>= 0.04 s - 2nd harmonic restrain threshold 2ndH= 12% Id - 5th harmonic restrain threshold 5thH= 15% Id - CTs polarity on the H side NORMAL - CTs polarity on the L side NORMAL In the PRESET submenu the following setting must be done: TYPE TRANSFORMER COMPENSATION INT The parameter values to be planned in the BASE menu are: - CTs polarity on the H and L sides: P1H,P2H,P3H,P1L,P2L,P3L NORM The parameter values to be planned in the RESTRAINT,BANK A menu are: - 2nd harmonic restraint threshold: 2ndH= 12% Id - 5th harmonic restraint threshold: 5thH= 15% Id The parameter values to be planned in the TRAFO DATA,BANKA menu are: - Ratio among the CTs primary nominal current on the H side and the nominal current of the power transformer (side H) INTAH/I NH =300/288.66 = 1.04 - Ratio among the CTs primary nominal current on the L side and the nominal current of the power transformer (side L): I NTAL/INL =1000/962.2 = 1.04 - Connection and vectorial group: VECT GROUP: Dy11 The parameter values to be planned in the TRAFO DATA menu are: Id> = 100 / 300 = 0.33 IN td>=0.04s Id>> = 2400 / 300 = 8.0 IN td>>=td> K1 = 50%

SKC000\08 10-2007

113

K 2 = 100% Q = 390 / 300 = 1.3 In Inoltre devono essere disabilitate le assegnazioni della protezione differenziale alla protezione di mancata apertura dell'interruttore ed agli ingressi ed uscite di blocco: BF Id> OFF BF Id>> OFF BCK OUT td OFF BCK IN td OFF Si pu procedere quindi alle operazioni di taratura dei sottomen PRESET, BASE, RESTRAINT,BANK A, TRAFO DATA,BANKA, in modo analogo a quanto descritto nei rispettivi esempi di impostazione. Nel sottomen 87T,BANK A del rel SKC occorre procedere come segue: - premere il tasto SET, mantenendolo premuto; - premere momentaneamente il tasto RESET; - rilasciare il tasto SET, per cui appare sul display il messaggio PRESET - premere pi volte il tasto , fino ad ottenere il messaggio 87T,BANK A - premere il tasto ENTER, per cui appare sul display la taratura attuale della prima soglia, ad esempio Id> 0.20 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata Id> 0.33 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto , per cui appare sul display il valore di taratura attuale del tempo d'intervento per la prima soglia, ad esempio t d > 0.10 s - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata td> 0.04 s - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione della prima soglia alla protezione per mancata apertura dell'interruttore: BF Id> OFF - premere il tasto , per cui appare sul display la taratura attuale della seconda soglia, ad esempio Id>> 7.0 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata

K2 = 100% Q = 390 / 300 = 1.3 IN Furthermore the breaker failure function and the input/output blocking function must be de-selected for the differential protection function: BF Id> OFF BF Id>> OFF BCK OUT td OFF BCK IN td OFF For the setting operations of the PRESET, BASE, RESTRAINT,BANK A, TRAFO DATA,BANKA submenu it is necessary to proceed in same way to how much described in the respective examples. In the 87T,BANK A submenu of the SKC relay it is necessary to proceed as it follows: - press the SET key, permanently; - press momentarily the key RESET; - release the key SET, then the display will show the message PRESET - press the key several times, until the foffowing message is displayed 87T,BANK A - press the ENTER key , for which appears on the display the the current setting, for instance Id> 0.20 In - press the ENTER key, then the above message will start flashing; - press the key more times in momentary way, until the require setting is reached Id> 0.33 In - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key, for which it appears on the display the value of setting of the operating time for the first threshold, for instance t d > 0.10 s - press the ENTER key, then the above message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting td> 0.04 s - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key, for which it appears on the display the desired setting for the first threshold to the circuit breaker failure: BF Id> OFF - press the key, for which it appears on the display the current setting for the second threshold, for instance Id>> 7.0 In - press the ENTER key, then the INDEP message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting

114

SKC000\08 10-2007

SKC
Id>> 8.0 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione per il tempo di intervento della seconda soglia (uguale a quello della prima soglia): td>> td> - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione della seconda soglia alla protezione per mancata apertura dell'interruttore: BF Id>> OFF - premere il tasto , per cui appare sul display la taratura attuale del coefficiente angolare percentale del secondo tratto della caratteristica di intervento, ad esempio K 1 1 0 % - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata K 1 5 0 % - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto , per cui appare sul display la taratura attuale del coefficiente angolare percentaule del terzo tratto della caratteristica di intervento, ad esempio K 2 4 0 % - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata K 2 100% - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto , per cui appare sul display la taratura attuale dell'intersezione del terzo tratto della caratteristica di intervento con l'asse verticale, ad esempio Q 0 . 2 I n - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata Q 1.3 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione al blocco in ingresso della protezione differenziale da protezioni esterne BCK IN td OFF - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione al blocco in uscita della protezione differenziale BCK OUT td OFF Id>> 8.0 In - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key, for which it appears on the display the setting for the second threshold operating time, (automatically set equal to first threshold): td>> t d > - press the key in momentary way, until the following message is displayed for setting the second threshold breaker failure function: BF Id>> OFF - press the key, for which it appears on the display the current setting for the slope of the second line of the operation characteristic, for instance K 1 1 0 % - press the ENTER key, then the INDEP message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting K 1 5 0 % - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key, for which it appears on the display the current setting for the slope of the third line of the operation characteristic, for instance K 2 4 0 % - press the ENTER key, then the INDEP message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting K 2 100% - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key, for which it appears on the display the current setting for the third line of the operation characteristic and y axis intersection, for instance Q 0.2 In - press the ENTER key, then the INDEP message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting Q 1.3 In - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key, for which it appears on the display the current setting for the input block function from other protection relays BCK IN td OFF - press the key, for which it appears on the display the current setting for the output block function to other protection relays BCK OUT td OFF

SKC000\08 10-2007

115

Protezione differenziale di generatore (87G,BANK A o B) La protezione differenziale 87G impiegata come protezione di zona ad alta sensibilit contro i guasti interni di generatore/motore/linea corta. Il rel SKC calcola le correnti differenziali ed antagoniste per ciascuna fase come componente fondamentale (50 o 60 Hz) dei seguenti valori istantanei: id-L1=iL1H-iL1L id-L2=iL2H-iL2L id-L3=iL3H-iL3L iR-L1=(iL1H+iL1L)/2 iR-L2=(iL2H+iL2L)/2 iR-L3=(iL3H+iL3L)/2 in cui iL1H, iL2H , iL3H sono i valori istantanei delle correnti misurate dal rel direttamente agli ingressi amperometri del lato H, rispettivamente delle fasi L1, L2, L3 e iL1L, iL2L, iL3L sono i valori istantanei delle correnti misurate dal rel direttamente agli ingressi amperometri del lato L, rispettivamente delle fasi L1, L2, L3. Per disporre della necessaria insensibilit ai guasti esterni alla zona delimitata dalle due terne di TA (zona protetta), la protezione differenziale di tipo compensata con doppia pendenza percentuale, ossia per ciascuna fase la soglia di intervento viene determinata in funzione della corrente antagonista, secondo la caratteristica di intervento rappresentata in fig. 5. Essa determinata dallintersezione di quattro rette i cui parametri (Id>, K1, K2, Q e Id>>) sono completamente programmabili dallutente. La prima soglia (Id>) conferisce la massima sensibilit della protezione ai guasti interni. A causa della saturazione magnetica dei TA prodotta dalle elevate correnti di cortocircuito passanti attraverso la zona protetta per guasti esterni, la conseguente corrente differenziale di errore porebbe determinare l'intervento intempestivo della protezione e quindi la perdita di selettivit rispetto ad altre protezioni. I due tratti di coefficiente angolare percentuale K1 e K 2 permettono comunque di aumentare la soglia di intervento della protezione in funzione della corrente passante, compensando quindi la protezione differenziale su guasti esterni. L'intervento della protezione differenziale nei primi tre tratti della caratteristica di intervento si verifica se in almeno una fase sono contemporaneamente verificate le quattro seguenti condizioni: Id Id> Id K1/100*IR Id K2/100*IR - Q tempo di intervento td> trascorso, in cui Id la componente fondamentale di corrente differenziale di una fase e IR la componente fondamentale di corrente antagonista della stessa fase. Il tempo di intervento td> regolabile. Si ha inoltre l'intervento della seconda soglia Id>> della protezione differenziale se in almeno una fase se sono verificate la condizioni: Id Id>> tempo di intervento td>> trascorso. Il tempo di intervento td>> di valore fisso e pari al valore regolato per il tempo d'interventotd>.

Differential protection for generators (87G,BANK A o B) The differential protection function 87G is intended for high sensitivity area protection against internal faults of generators/motors and short lines . The SKC relay computes the differential and the through currents for any phase as fundamental component (50n or 60 Hz) of the following istantaneous values: id-L1=i* L1H-i*L1L id-L2=i* L2H-i*L2L id-L3=i* L3H-i*L3L iR-L1 =(i *L1H+ i*L1L)/2 iR-L2 =(i *L2H+ i*L2L)/2 iR-L3 =(i *L3H+ i*L3L)/2 where iL1H, iL2H , iL3H are the istantaneous values of the measured currents for the side H L1, L2, L3 amperometric inputs and iL1L, iL2L, iL3L are the istantaneous values of the measured currents for the L1, L2, L3 amperometric inputs, for the L side. To achieve the necessary sensitivity for external faults to the protected area defined by two CTs terns, the differential protection is percentage compensated with dual slope, that is for every phase the operation threshold is defined on the grounds of the through current according to nthe operating characteristic of fig. 5 It is defined by the intersection of four straight lines whose parameters(Id>, K 1, K 2, Q and Id>>) are completely programmable from the consumer. The first threshold (Id>) confers the maximum sensibility of the protection to the inside faults. Because of the CT magnetic satuartion produced by the through high short-circuit currentsshortcircuit for external faults, the consequent differential current could determine the untimely trip of the protection and therefore the loss of selectivity with other protections. The two lines of angular coefficient angular K1 and K2 allow to increase the operation threshold of theprotection proportionally with the thoughg current, compensating therefore the differential protection on external faults. The trip of the differential protection in the first three lines of the operating characteristic is verified if in at least a phase four following conditions are verified contemporarily: Idd Id> Id K 1/100*I R Id K2/100*I R - Q operating time td> elapsed, where Id is the differential fundamental component in one phase and IR is the through fundamental component in the same phase. The operation time td> is adjustable. Trip of the second threshold Id>> for the differential protection take place if the following contition are verified: Id Id>> operating time td>> elapsed. The operation time td>> is a not adjustable value, it is the same to the operation time td>.

116

SKC000\08 10-2007

SKC
La zona di intervento della protezione differenziale corrisponde ai punti che si trovano superiormente alla caratteristica, mentre i punti che si trovano inferiormente ad essa corrispondono allo stato di riposo del rel, come rappresentato in fig. 6. E' indipendentemente abilitabile la protezione di mancata apertura dell'interruttore per i primi tre tratti della caratteristica di intervento e per la sogliaId>>; l'abilitazione o la disabilitazione avviene impostando ON oppure OFF il rispettivo parametro BF, rispettivamente BF Id>, BF Id>>. E' abilitabile il blocco in ingresso e/o in uscita della protezione differenziale. L'abilitazione o la disabilitazione del blocco in ingresso avviene impostando ON oppure OFF il parametro BCK IN td, mentre l'abilitazione o la disabilitazione del blocco in uscita avviene impostando ON oppure OFF il parametro BCK OUT td. Il funzionamento della protezione differenziale 87G riassunto nel seguente schema logico di principio di fig. 46. The operation area of the differential protection meets to the upper part points with respect to the operation line, whereas the bottom part points meet to the rest condition of the relay as showed in fig. 6. The breaker failure protection for the first three lines of the operation characteristic and for the Id>> threshold can be set; the qualification or the de-activation can be selected planning ON or OFF the respective BF parameter, respectively BF Id>, BF Id >>. The block in input and/or in output of the differential protection can be set. The qualification or the de-activation of the input block can be set planning ON or OFF the parameter BCK In td, while the qualification or the deactivation of the output block can be set planning ON or OFF the parameter BCK OUT td. The operation of the differential protection of transformer is summarized in the following logical scheme of fig. 46.

Fig. 46

SKC000\08 10-2007

117

Trasformatori di corrente Occorre soddisfare i seguenti requisiti: - CORRENTE NOMINALE PRIMARIA al valore normalizzato maggiore e pi prossimo alla corrente nominale del generatore da proteggere o comunque alla pi elevata corrente d'impiego del generatore prevista nell'impianto; - PRESTAZIONE NOMINALE non inferiore al carico costituito dal rel di protezione e dalla resistenza dei conduttori amperometrici; - TENSIONE DI ECCITAZIONE LIMITE SECONDARIA (IEC 60044-6, CEI EN 60044-6, CEI 38-6) che soddisfi la seguente condizione: V K 5 I scmax-ext (RCT + RL + Rr) Isn / I pn [1] in cui: VK tensione di eccitazione limite secondaria [V], Iscmax-ext massima corrente simmetrica passante per corto circuito esterno RCT resistenza dell'avvolgimento secondario dei TA a 75C [W], R L resistenza dei collegamenti a 75C [W], R r resistenza degli ingressi amperometrici del rel a 75C [W], Ipn corrente nominale primaria del TA, Isn corrente nominale secondaria del TA. R(75c) = R(20c) (235+75)/(235+75) = R(20c) 1.22 La relazione [1] vale con regolazioni: - Id> = 0.2 In, - K1 = 30%, - K2 = 70%, - Q = 0.6 In - FATTORE LIMITE DI PRECISIONE Fl (IEC60044-1, CEI EN 60044-1, CEI 38-1) Per la conversione da VK (tensione di eccitazione limite secondaria) a Fl (fattore limite di precisione), basta osservare che VK rappresenta la tensione di eccitazione secondaria sviluppata da una corrente Fl Isn sulla resistenza RCT e sulla prestazione nominale, per cui: V K = (RCT + P n/I sn2) F l Isn in cui: P n prestazione nominale dei TA [VA]. Dalla relazione [1] risulta quindi: Fl 5 Iscmax-ext(RCT + RL + Rr)/(RCT + Pn/Isn2) - CLASSE DI PRECISIONE 5P. Allo scopo di ridurre la corrente differenziale di errore ed aumentare quindi la sensibilit della protezione differenziale, raccomandato di uguagliare le impedenze dei circuiti secondari di tutti i TA.

Main current transformers The following requirements must be satisfied: - NOMINAL CURRENT with normalized value not inferior to the nominal current of the protected generator or however to the greater current in the plant; - RATED BURDEN not inferior to the load constituted by the protection relay and by the resistance of the conductors; - EXCITATION LIMITING SECONDARY VOLTAGE (IEC 60044-6, CEI EN 60044-6, CEI 38-6) according to the following condition: VK 5 Iscmax-ext (RCT + RL + Rr) Isn / Ipn [1] where: VK excitation limiting secondary voltage, I scmax-ext symmetrical value of the maximum crossing current with external fault, RCT CTs secondary winding resistance corrected to 75C [W], R L resistance of the connection linkscorrected to 75C [W], R r resistance of the relay amperometric inputcorrected to 75C [W], Ipn CTs primary nominal current, Isn CTs secondary nominal current. R(75c) = R(20c) (235+75)/(235+75) = R(20c) 1.22 Equation [1] is valid with the following settings: - Id> = 0.2 In, - K1 = 30%, - K2 = 70%, - Q = 0.6 In - Fl ACCURACY LIMIT FACTOR (IEC60044-1, CEI EN 60044-1, CEI 38-1) To convert from VK (excitation limiting secondary voltage ) to corrispondig to the Fl (accuracy limit factor) just see that V K is the secondary excitation voltage developed by a Fl Isn current over the RCT and rated burden resistances; the value can be calculated by means of the following formula: VK = (RCT + P n/Isn2) Fl Isn where: Pn Rated burden [VA]. From [1] results: Fl 5 Iscmax-ext(RCT + RL + Rr)/(RCT + Pn/I sn2) - ACCURACY CLASS 5P. To the purpose to reduce the differential current error and to increase therefore the sensibility of the differential protection, is recommended of equalize the impedances of of all the CTs secondary circuits.

118

SKC000\08 10-2007

SKC
Esempio di impostazione delle regolazioni per la protezione differenziale di generatore Dati del generatore: - Potenza nominale: Sn = 10 MVA - Tensione nominale: Vn = 6 kV - Fattore di potenza nominale: cosn=0.85 - Corrente nominale: In = Sn /(3 Vncosn) = 10*106 / (3* 6000*0.85) = 1132A Dati dei TA lato linea e centro stella: - Corrente nominale primaria: InTA = 1200 A Si supponga che, a seguito di uno studio di selettivit, siano state definite le seguenti regolazioni: - soglia d'intervento minima, relativa al primo tratto della caratteristica d'intervento: Id> = 120 A - coefficiente angolare percentuale relativo al secondo tratto della caratteristica: K1= 30% - coefficiente angolare percentuale relativo al terzo tratto della caratteristica: K2= 80% - Parametro che determina l'intersezione con l'asse verticale del secondo tratto della caratteristica di intervento (riferita al lato linea): Q = 1560 A - Soglia di intervento relativa al quarto tratto della caratteristica di intervento (riferita al lato linea del generatore): Id>> = 9600 A - tempo d'intervento td>=td>>= 0.04 s - polarit dei TA posti sul lato centro stella (L) NORMALE - polarit dei TA posti sul lato linea (H) NORMALE Nel sottomen PRESET occorre effettuare le impostazioni: TYPE MOTOR/GENER I valori dei parametri da impostare nel sottomen BASE sono: -polarit dei TA posti su entrambi i lati: P1H,P2H,P3H,P1L,P2L,P3L NORM Le regolazioni dei parametri Id>, Id>>, Q da impostare nel rel SKC si ottengono dividendo i corrispondenti valori espressi in ampere primari per la corrente nominale primaria dei TA. I valori dei parametri da impostare nel sottomen 87G,BANK A sono: Id> = 120 / 1200 = 0.10 In td>=0.04s Id>> = 9600 / 1200 = 8.0 In td>>=td> K1 = 30% K2 = 80% Q = 1560 / 1200 = 1.3 In Inoltre devono essere disabilitate le assegnazioni della protezione differenziale alla protezione di mancata apertura dell'interruttore ed agli ingressi ed uscite di blocco: BF Id> OFF BF Id>> OFF BCK OUT td OFF BCK IN td OFF Differential protection setting example for generator Power generator data: - Nominal power: SN = 10 MVA - Nominal voltage: VN = 6 kV - Nominal power factor: cosn=0.85 - Nominal current: In = S n /( 3 Vncosn) = 10*106 / (3* 6000*0.85) = 1132A CTs technical data (line side and star center side): - Primary nominal current: InTA = 1200 A Supposing that , following a selectivity study, the following regulations are been defined: - least trip threshold, related to the first line of the trip characteristic (reported to the HV side of the transformer): I d> = 120 A - percentage angular coefficient related to the second line of the characteristic: K1 = 30% - percentage angular coefficient related to the third line of the characteristic: K2 = 80% - Parameter that determines the intersection with the vertical axis of the second line of the trip characteristic (reported to the line side): Q = 1560 A - operation threshold related to the fourth line of the trip characteristic (reported to the line side of the transformer): I d>> = 2400 A - operation time t d>=td>>= 0.04 s - CTs polarity on the star center side (L): NORM - CTs polarity on the line side (H): NORM Inside PRESET submenu the following set must be done: TYPE MOTOR/GENER Inside BASE submenu the correct parameters are: - CTs polarity on the both sides: P1H,P2H,P3H,P1L,P2L,P3L NORM The Id>, Id>>, Q parameter values to be planned in the SKC ralay are achieved by makingn a ratio between the corrisponding values, expressed in primary ampere, and the CTs primary current. The correct parameters to be set in the 87G,BANK A submenu are: Id> = 120 / 1200 = 0.10 In td>=0.04s Id>> = 9600 / 1200 = 8.0 I n td>>=td> K1 = 30% K2 = 80% Q = 1560 / 1200 = 1.3 In Furthermore the breaker failure function and the input/ output blocking function must be de-selected for the differential protection function: BF Id> OFF BF Id>> OFF BCK OUT td OFF BCK IN td OFF

SKC000\08 10-2007

119

Si pu procedere quindi alle operazioni di taratura dei sottomen PRESET E BASE in modo analogo a quanto descritto nei relativi esempi di impostazione. Nel sottomen 87G,BANK A del rel SKC occorre procedere come segue: - premere il tasto SET, mantenendolo premuto; - premere momentaneamente il tasto RESET; - rilasciare il tasto SET, per cui appare sul display il messaggio PRESET - premere pi volte il tasto , fino ad ottenere il messaggio 87G,BANK A - premere il tasto ENTER, per cui appare sul display la taratura attuale della prima soglia, ad esempio Id> 0.20 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata Id> 0.10 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto , per cui appare sul display il valore di taratura attuale del tempo d'intervento per la prima soglia, ad esempio t d > 0.10 s - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata td> 0.04 s - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione della prima soglia alla protezione per mancata apertura dell'interruttore: BF Id> OFF - premere il tasto , per cui appare sul display la taratura attuale della seconda soglia, ad esempio Id>> 7.0 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata Id>> 8.0 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per il tempo di intervento della seconda soglia (uguale a quello della prima): td>> t d > - premere il tasto per cui appare il messaggiodell'impostazione desiderata per l'abilitazione della seconda soglia alla protezione per mancata apertura dell'interruttore:

For the setting operations of the PRESET, BASE, submenu it is necessary to proceed in same way to how much described in the respective examples. In the 87G,BANK A submenu of the SKC relay it is necessary to proceed as it follows: - press the SET key, permanently; - press momentarily the key RESET; - release the key SET, then the display will show the message PRESET - press the key several times, until the foffowing message is displayed 87G,BANK A - press the ENTER key , for which appears on the display the the current setting, for instance Id> 0.20 In - press the ENTER key, then the above message will start flashing; - press the key more times in momentary way, until the require setting is reached Id> 0.10 In - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key, for which it appears on the display the value of setting of the operating time for the first threshold, for instance t d > 0.10 s - press the ENTER key, then the above message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting td> 0.04 s - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key, for which it appears on the display the desired setting for the first threshold to the circuit breaker failure: BF Id> OFF - press the key, for which it appears on the display the current setting for the second threshold, for instance Id>> 7.0 In - press the ENTER key, then the INDEP message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting Id>> 8.0 In - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key, for which it appears on the display the setting for the second threshold operating time, (automatically set equal to first threshold): td>> t d > - press the key in momentary way, until the following message is displayed for setting the second threshold breaker failure function:

120

SKC000\08 10-2007

SKC
BF Id>> OFF - premere il tasto , per cui appare sul display la taratura attuale del coefficiente angolare percentaule del secondo tratto della caratteristica di intervento, ad esempio K1 10% - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata K 1 3 0 % - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto , per cui appare sul display la taratura attuale del coefficiente angolare percentaule del terzo tratto della caratteristica di intervento, ad esempio K 2 4 0 % - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata K 2 8 0 % - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra da lampeggiante diventa permanente; - premere il tasto , per cui appare sul display la taratura attuale dell'intersezione del terzo tratto della caratteristica di intervento con l'asse verticale, ad esempio Q 0.2 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa lampeggiante; - premere il tasto in modo permanente e successivamente pi volte in modo momentaneo, fino ad ottenere la taratura desiderata Q 1.3 In - premere il tasto ENTER, per cui l'indicazione detta sopra diventa permanente; - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione al blocco in uscita della protezione differenziale BCK OUT td OFF - premere il tasto per cui appare il messaggio dell'impostazione desiderata per l'abilitazione al blocco in ingresso della protezione differenziale BCK IN td OFF Funzione di blocco per logica accelerata a filo pilota con altri rel di protezione La funzione di blocco per la logica accelerata a filo pilota con altri rel di protezione viene impiegata per realizzare sistemi di protezione selettivi in cui pi rel in cascata dispongono dello stesso tempo di intervento, riducendo pertanto il tempo di eliminazione dei guasti rispetto ai sistemi di protezione in cui i rel risultano coordinati secondo il criterio della selettivit cronometrica. La funzione di blocco per la logica accelerata a filo pilota con altri rel di protezione applicabile alla seconda e terza soglia delle funzioni 50-51 del lato H (soglieIH>> e IH>>>), 5051 del lato L (soglie IL>> e IL>>>), 50N-51N/87N (soglie IE>> e BF Id>> OFF - press the key, for which it appears on the display the current setting for the slope of the second line of the operation characteristic, for instance K 1 1 0 % - press the ENTER key, then the INDEP message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting K 1 3 0 % - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key, for which it appears on the display the current setting for the slope of the third line of the operation characteristic, for instance K 2 4 0 % - press the ENTER key, then the INDEP message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting K2 80% - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key, for which it appears on the display the current setting for the third line of the operation characteristic and y axis intersection, for instance Q 0.2 In - press the ENTER key, then the INDEP message will start flashing; - press the key in permanent way and subsequently more times in momentary way, until it appears on the display the desired setting Q 1.3 In - press the ENTER key, then the above message stops flashing and becomes permanent; - press the key, for which it appears on the display the current setting for the input block function from other protection relays BCK IN td OFF - press the key, for which it appears on the display the current setting for the output block function to other protection relays BCK OUT td OFF Pilot wire blocking function with other protection relays The pilot wire blocking function for the logic accelerated with other protection relays is employed for realizing selective systems of protection in which more relays in series have the same operating time, reducing therefore the removing time of the faults in comparison to the systems of protection in which the relays result coordinated according to the criterion of the chronometric selectivity. The pilot wire blocking function for the logic accelerated with other protection relays is applicable to the second and third thresholds of the 50-51 functions, side H (thresholds IH>> andIH>>>), 50-51 side L (thresholds IL>> andIL>>>), 50N-

SKC000\08 10-2007

121

IE>>>) e per le protezioni differenziali 87T, 87G. La funzione di blocco per la logica accelerata a a filo pilota con altri rel di protezione pu essere realizzata impiegando separatamente o congiuntamente: - i circuiti di ingresso (BLIN) ed uscita (BLOUT) di blocco, dotati di controllo periodico di continuit del filo pilota e disponibili nei rel THYTRONIC della serie S; - gli ingressi logici (DIGIN1e/o DIGIN2) configurati con funzione di blocco in ingresso (impostazione BLOCK di uno o entrambi i parametri INP1 e INP2 nel sottomen BASE) ed uno o due rel finali configurati con funzione di blocco in uscita (v. impostazioni del parametro BLOCK OUT nel sottomen MODE,BANK A o B). L'impiego degli ingressi logici e dei rel finali con funzione di blocco rende possibile la realizzazione di sistemi di protezione in logica accelerata con altri rel di protezione dotati di ingressi logici e contatti con funzione di blocco. Con l'impiego degli ingressi logici e dei rel finali non risulta disponibile il controllo periodico di continuit del filo pilota. Essa deve essere predisposta in relazione al criterio di coordinamento a logica accelerata stabilito. L'abilitazione della funzione di blocco in ingresso e/o uscita per le soglie deve essere effettuata all'interno dei sottomen delle relative protezioni e pu essere abilitata separatamente per il blocco in ingresso e in uscita (v. parametri BCKIN e BCKOUT). Quando la logica accelerata realizzata impiegando il solo circuito di blocco in ingresso oppure tale circuito impiegato congiuntamente agli ingressi digitali configurati con funzione di blocco in ingresso, il parametro EN PULSE IN nel sottomen BLOCK,BANK A (o B) deve essere impostato ON. Quando invece la logica accelerata realizzata impiegando i soli ingressi digitali con funzione di blocco in ingresso, allo scopo di disabilitare il controllo periodico di continuit del filo pilota di seguito descritto, il parametro EN PULSE IN nel sottomen BLOCK,BANK A (o B) deve essere impostato OFF. Nell'esempio sottoriportato della fig. 47 viene abilitata la funzione di blocco in uscita per la soglia IH>>> della protezione di massima corrente B contro i cortocircuiti di un rel di protezione SKC posto sulla partenza di un trasformatore, e la funzione di blocco in ingresso per la soglia IL>>> di una protezione di massima corrente A contro i cortocircuiti di un rel di protezione SKC posto sull'arrivo da un trasformatore monte; esso rappresenta una tipica applicazione di un sistema a logica accelerata in un impianto con schema di tipo radiale, in cui due o pi protezioni in cascata vengono programmate con lo stesso tempo di intervento.

51N/87N (thresholds IE>> and IE>>>) and for the 87T, 87G differential protection functions. The pilot wire blocking function for the logic accelerated with other protection relays can be carried out using separately or jointly: - the block input (BLIN) and output (BLOUT) circuits provided with a periodic check of pilot wire continuity and available in the serie S THYTRONIC relays. - the logic input (DIGIN1and/or DIGIN2) shaped as input block function (set of one or both parameters NP1 and INP2 in the BASE submenu) and one or two final relays shaped as output block (see the setting of the BLOCK OUT parameter in the MODE,BANK A o B submenu). Use of the logic input and the final relays with blocking function makes possible to implement logic accelerated system with other protection relays provided with logic inputs and output contacts with blocking function. Using logic input and final relays, the periodic check of the pilot wire continuity is not available. The pilot wire blocking function for the logic accelerated must be programmed on the ground of a established coordination criterion. The block function must be set into the submenu concerning the protection functions and can be enabled separately for the input and output block (see the BCKIN eand BCKOUT parameters). When accelerated logic is realized employing the only block input circuit or such circuit is jointly employed to the digital inputs shaped with function of block in input, the EN PULSE In parameter in the BLOCK,BANK (or B) submenu must be plans ON. When accelerated logic is realized using the only digital inputs with function of input block instead, to the purpose to disable the periodic control of continuity of the pilots wires following described, the EN PULSE In parameter in the BLOCK,BANK (or B) submenu must be plans OFF. In the example showed below of the fig. 47 are enabled the output block function for the IH >>> threshold of the overcurrent protection B against the short-circuits of a protection relay SKC set on the transformer load and the input block function for the IL >>> threshold of a overcurrent protection against the short-circuits of a SKC protection relay set on the arrival of an upstream transformer; it represents a typical application of a system to logic accelerated in a plant with radial scheme type, in which two or more protections in series are programmed with the same operation time.

122

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 47 La fig. 47 illustra il caso in cui la protezione B, in caso di cortocircuito nel punto indicato, invia un segnale di blocco alla protezione a monte A. Per guasto nel punto indicato entrambe le protezioni si avviano (START) poich entrambe rilevano la corrente di guasto. Nell'istante di avviamento la protezione B invia il segnale di blocco alla protezione A, azzerandone il relativo temporizzatore di intervento e ponendola nello stato di blocco. Poich la protezione B non risulta bloccata da alcuna protezione a valle, allo scadere del proprio tempo di intervento comanda l'apertura del relativo interruttore isolando selettivamente il guasto. L'assegnazione delle tarature avviene in maniera simile a quanto indicato precedentemente per le altre funzioni di protezione; per la protezione B occorre entrare nel sottomen 50-51,H,BANK A, modificare le tarature secondo i valori desiderati e attivare la funzione di blocco in uscita. Ad esempio le tarature della protezione B possono essere impostate come segue: IH>>> 4.0 In tH>>> 0.10 s BCK IN tH>>> OFF BCK OUT tH>>> ON Per la protezione A occorre invece attivare la funzione di blocco in ingresso ed impostare le tarature ad esempio come segue: IL>>> 4.5 In tL>>> 0.40 s BCK IN tL>>> ON BCK OUT tL>>> OFF tL>>>b 0.10 s Il tempo tL>>>b rappresenta il tempo d'intervento della protezione a monte A quando viene abilitata la funzione di blocco in ingresso. The fig. 47 shows the case in which the protection B, in case of short-circuit in the suitable point, it sends a block signal to the upstream protection A. When a fault in the suitable point arises, both the protections start (START) since both detect the fault current. In the starting instant the protection B sends the block signal to the protection , clearing the relative trip timer and setting it in the block state. Since the protection B doesn't result stopped by some downstream protection, to the expire of own trip time, it commands the opening of the relative circuit breaker selectively isolating the fault. The assignment of the settings happens in similar way to how much suitable previously for the other protection functions; for the protection B is needed to enter the 50-51,H,BANK submenu, to modify the settings according to the desired values and to activate the output block function. For instance the settings of the protection B can be planned as it follows: IH>>> 4.0 In tH>>> 0.10 s BCK IN tH>>> OFF BCK OUT tH>>> ON For the protection is necessary instead to activate the input block function and plan the settings as it follows: IL>>> 4.5 In tL>>> 0.40 s BCK IN tL>>> ON BCK OUT tL>>> OFF tL>>>b 0.10 s The tL>>>b delay means the operating time of the upstream protection A if the input block funcion is enabled.

SKC000\08 10-2007

123

Il tempo impostato tL>>> 0.40 s viene attivato sulla protezione A in sostituzione del tempo tL>>>b quando questa rileva che il collegamento del filo pilota risulta interrotto, in modo da realizzare una protezione selettiva a tempo scalare. Il funzionamento dei sistemi a logica accelerata e la conseguente eliminazione selettiva dei guasti presuppongono la corretta apertura degli interruttori associati ai rel di protezione nonch l'integrit dei fili pilota che collegano i medesimi rel. Nel rel SKC sono presenti alcune funzioni che pongono rimedio alle anomalie che possono presentarsi nei sistemi a logica accelerata. Mancata apertura interruttore A fronte della mancata apertura di un interruttore , in assenza di opportuni provvedimenti il sistema di blocco tradizionale determinerebbe il blocco di tutti i rel di protezione posti a monte dell'interruttore, e conseguentemente il guasto non sarebbe eliminato. Con l'impiego del rel SKC in un sistema di logica accelerata, il problema della mancata apertura pu essere risolto nei modi seguenti: 1. Impiego di una soglia di riserva temporizzata. Impiegando la terza soglia delle protezioni 50-51 H, 5051 L, 50N-51N/87N per la logica accelerata, la seconda soglia delle rispettive protezioni pu essere impiegata come soglia temporizzata di riserva. Il tempo d'intervento delle soglie di riserva deve essere superiore al tempo d'intervento comune, con un oppurtuno margine di selettivit cronometrica, rispetto al tempo d'intervento delle soglie impiegate per la selettivit a logica accelerata. Non richiesto alcun collegamento supplementare rispetto ai fili pilota gi previsti. Il margine cronometrico di selettivit che occorre applicare quello solitamente previsto per il coordinamento a tempi scalari; esso deve comprendere il tempo di apertura dell'interruttore a valle, l'errore ammesso sui tempi d'intervento, il tempo di inerzia della protezione a monte, il tempo d'intervento di eventuali rel ausiliari ed un opportuno margine di sicurezza. 2. Impiego del temporizzatore di ricaduta del segnale di uscita di blocco tF. Al fine di evitare che tutti i rel a monte risultino bloccati in permanenza dai segnali di blocco provenienti dai rel a valle (l'unico rel libero di intervenire agisce sull'interrurrore guasto), stato previsto un temporizzatore sul circuito di uscita di blocco e sui rel finali configurati con funzione di blocco in uscita (tF). Tale temporizzatore ha inoltre la funzione di mantenere nello stato di blocco le protezioni a monte anche dopo che il guasto viene eliminato per corretta apertura dell'interruttore, al fine di assicurare che le protezioni a monte non intervengano intempestivamente a causa di un ripristino di maggior durata rispetto a quello della protezione a valle che deve eliminare il guasto (per cui si otterrebbe una perdita di selettivit). Il conteggio del tempo tF ha inizio nell'istante di avviamento (START) della protezione che impiega la funzione di blocco in uscita, e per tutta la sua durata il segnale di blocco

The setting time tL >>> 0.40 s is activated on the protection in substitution of the time tL >>> b when this notices that the connection of the pilots wire it results interrupted, so that to make a selective protection to graded time. The accelerated protective systems operation and the consistent selective fault clearing require the correct operation of circuit breakers associated with protection relays, as well as the functionality of pilot wire connection. SKC relay include many functions suitable to remedy for anomalies that can be present in the accelerated protective systems. Circuit breaker failure In occurrence of a breaker failure, without suitable precautions, the traditional interlock system causes the block of all relays placed above the breaker, and consequently the fault will not cleared. With SKC relay into an accelerated protective systems, circuit breaker failure can be work out in the followings way: 1. Use of a backup delayed threshold. Making use of third threshold of 50-51 H, 50-51 L, 50N51N/87N functions for interlocking scheme, the second threshold of the same protections can be used for backup. Operating time for backup threshold must be higher of common trip time, with a suitable margin of time with regard to the time trip of function threshold provided for interlocked logic selectivity. No additional link is needed besides to the pilot wires already provided. The time delay margin that must be applied is the typical value considered for time graded coordination; it must include the circuit breaker operating time, trip time error (tolerance), overshot time of protection relay placed above, trip time of possible auxiliary relay and a safety suitable margin of time. 2. Use of a fall time tF timer concerning the output blocking circuit. To avoid an undesiderable permanent block of all relays placed above, carry out by block signals originated of relays placed below (the only relay free of block operates on circuit breaker failed), a fall time tF timer is provided on the output block circuit. Such timer has besides the function to also maintain in the block state the upstream protections after the fault is cleared for correct opening of the circuit breaker, with the purpose to assure that the upstream protections don't trip because of a longer reset compared with the downstream protection reset that has to eliminate the fault (for which a loss of selectivity would be gotten). The calculation of the time tF begins in the instant of starting (START) of the protection that employs the output block function, and for all of its duration the output block

124

SKC000\08 10-2007

SKC
in uscita viene in ogni caso mantenuto attivo (consentendo quindi di mantenere nello stato di blocco le protezioni a monte sino al loro ripristino); al raggiungimento del fine tempo ditF il segnale di blocco in uscita viene in ogni caso disattivato (consentendo quindi di eliminare il guasto mediante le protezioni a monte qualora si presenti la mancata apertura dell'interruttore). Il tempo tF di un dato rel deve essere regolato secondo il seguente criterio: tF = t + TAP + trip + t + s in cui t rappresenta il maggiore tra i tempi di intervento delle funzioni di protezione relative al rel considerato (sia contro i cortocircuiti tra le fasi sia contro i guasti verso terra), TAP il tempo di apertura con estinzione dell'arco dell'interruttore associato al rel considerato, trip il maggiore tra i tempi di ripristino di tutte le protezioni in logica accelerata, t un eventuale margine di selettivit cronometrica rispetto al tempo tF del rel a valle di quello considerato, s un margine di sicurezza per comprendere gli errori dovuti alle tolleranze sui tempi considerati. La selettivit cronometrica applicata tra i tempi tF dei rel in logica accelerata consente, per mancata apertura di un interruttore, l'apertura del solo interruttore immediatamente a monte (evitando l'apertura di pi interruttori a monte). Per entrambi i medodi descritti, i ritardi applicati per consentire l'apertura di interruttori a monte devono in ogni caso assicurare la selettivit con eventuali protezioni a monte di quelle relative al sistema a logica accelerata. Corto circuito del filo pilota Un corto circuito di un filo pilota determina il blocco della protezione che riceve il segnale, per cui un eventuale guasto (contemporaneo o successivo) presente nel tratto di impianto protetto, non pu essere eliminato essendo la protezione bloccata. Per ovviare al malfunzionamento possibile impiegare una soglia di riserva temporizzata come descritto per il caso di mancata apertura interruttore, oppure impiegando il temporizzatore tB del tempo massimo di attivazione del segnale di blocco in ingresso, relativo al circuito di ingresso di blocco e agli ingressi logici configurati con funzione di blocco in ingresso. Al termine del conteggio del tempo tB impostato, (avviato dal segnale di blocco in ingresso), il rel SKC ignora il segnale di blocco abilitando l'intervento delle funzioni di protezione, visualizza a display il messaggio "PILOT WIRE FAIL" per segnalare il guasto del filo pilota e determinando la diseccitazione dell'eventuale rel finale destinato alla funzione SELF-TEST. Per un dato rel che impiega la funzione di blocco in ingresso, il tempo tB deve quindi essere regolato secondo il seguente criterio: tB = tFv + e t + es in cui tFv il valore del temporizzatore di ricaduta del segnale di uscita di blocco tF relativo al rel a valle di quello considerato, et un margine di selettivit cronometrica da applicare rispetto al tempo tB relativo al rel a valle di quello considerato (da non considerare se tale margine sia stato signal comes in every case maintained active (allowing therefore to actually maintain in the block state the upstream protections up to resetting); to the attainment of the tF term time, the block output signa comes OFF (allowing therefore clearing the fault through the upstream protections if the circuit breaker fails the opening operation). The time tF of a given relay must be set according to the following criterion: tF = t + TAP + t rip + et + es where t stands for the most greater among the operation times of the protection functions related to the considered relay (both against the phases short circuit and earth faults), TAP is the opening time with arc extinction of the circuit breaker combined with considered relay, trip is the most greater among the resetting times of all the protections in accelerated logic, t is a possible chronometric selectivity margin in comparison to the timetF of the downstreamrelay, s it is a safety margin to include the errors due to the tolerances on the examined times. The chronometric selectivity applied among the times tF of the relays in accelerated logic allows, for missed opening of a circuit breaker, the opening of the only circuit breaker immediately upstream (avoiding more opening of upstream circuit breakers). For both the described techniques, the applied delays to allow the upstream circuit breaker opening, must always assure the selectivity with any other upstream protections of those related to the accelerated logic system. Pilot wire short circuit A short circuit on the pilot wire causes un unwanted block on the receiving signal relay, therefore a fault (simultaneous or subsequent) in the protected area can't be cleared being the protection blocked. To obviate a such misoperation, a backup delayed threshold can be used as mentioned above(breaker failure) or making use of enable input tB timer (max activaction time for the input block signal and logic inputs shaped as block inputs).

When preset time tB expires(started by input block signal), the SKC relay ignores the block input and enables the output trip functions, the message "PILOT WIRE FAIL" is displayed to report the the pilot wires fault; the final relay (if any) joined to the SELF-TEST function is restored .

For a relay that employs the digital input as block function, the time tB must be set according to the following criterion: tB = tFv + et + es where tFv is the reset value of the output block timer tF relevant to the considered downstream relay, et is a chronometric selectivity margin to apply in comparison to the time tBrelated to the considered downstream relay(not to consider if such margin has been considered for the regulation of the time tF as previously showed), es is a safety margin.

SKC000\08 10-2007

125

considerato per la regolazione del tempo tF come precedentemente indicato), es un margine di sicurezza. La selettivit cronometrica applicata tra i tempi tB dei rel in logica accelerata consente di evitare la contemporanea apertura di pi interruttori a seguito dell'eliminazione di un guasto in un tratto di impianto concomitante alcortocircuito del filo pilota relativo allo stesso tratto. Per entrambi i medodi descritti, i ritardi applicati per consentire l'apertura di interruttori a monte devono in ogni caso assicurare la selettivit con eventuali protezioni a monte di quelle relative al sistema a logica accelerata. Interruzione del filo pilota L'interruzione di un filo pilota determina la perdita di selettivit del sistema di protezione. Le protezioni con ingresso di blocco collegato al doppino interrotto, non potendo ricevere il segnale di blocco dalle protezioni a valle, possono intervenire intempestivamente su guasti che dovrebbero essere rilevati da rel posti a valle. L'interruzione del filo pilota trasforma il sistema di protezione in due sistemi distinti, ciascuno a logica accelerata ma non coordinati cronometricamente tra di loro; in particolare nel caso di interruzione del filo pilota in prossimit del punto di alimentazione, l'intero impianto verrebbe posto fuori servizio. I rel SKC dispongono di una funzione di diagnostica che rileva l'interruzione del filo pilota in modo da consentire il mantenimento della selettivit anche nel caso di interruzione del filo pilota. Tale funzione disponibile solo per i soli circuiti di blocco (non con il sistema che utilizza gli ingressi logici ed i rel finali). La funzione si basa sul controllo periodico della continuit del doppino mediante invio di impulsi da parte dei circuiti di uscita di blocco delle protezioni a valle. Quando viene rilevata l'interruzione del filo pilota dal circuito di blocco in ingresso, viene visualizzato il messaggio "PILOT WIRE FAIL" e viene comandato il rel di autodiagnostica SELF-TEST (se configurato); contemporaneamente vengono attivati i temporizzatori tH>>>, tH>>, tL>>>, tL>>, tEH>>>, tE>> in sostituzione di quelli principali tH>>>b, tH>>b, tL>>>b, tL>>b, tEH>>>b, tE>>b per tutta la durata dell'interruzione del filo pilota. I tempi d'intervento da programmare per detti temporizzatori sostitutivi devono essere definiti secondo il criterio della selettivit cronometrica rispetto ai temporizzatori principali verificando la selettivit con le protezioni a monte. L'abilitazione all'emissione degli impulsi di controllo sui circuiti di blocco in uscita deve essere effettuata nel sottomen BLOCK,BANK A (o B), impostando ON il parametro EN PULSE OUT. Quando i circuiti di uscita di blocco di pi rel di protezione vengono collegati in parallelo per provvedere al blocco in ingresso di un'unico rel a monte, necessario che l'emissione degli impulsi di controllo sia abilitata per il circuito di uscita di blocco di un solo rel di protezione a valle. La regolazione dei temporizzatori tF e tB si effettua nel sottomen BLOCK,BANK A (o B).

The chronometric selectivity applied among the times t B of the relays in accelerated logic system allows to avoid contemporary opening circuit breaker following the clearing of a fault in a line of concomitant plant to the short-circuit of the pilot wires related to the same line. For both the described techniques, the delays applied for allowing opening of upstream circuit breaker, must assure the selectivity always with any other upstream protections of those related to the accelerated logic system. Pilot wire breaking Breaking of pilot wire produces the loss of selectivity on the protection system. The relays with block input connected to a broken pilot wire can trip in occurrence of fault that should be cleared by relays placed below because the relay can't receive a correct block signal from a subsequent relay. The fault of pilot wire turns the system in two distinct protection systems uncorrelated in term of time selectivity; particularly in case of pilot wire break in proximity of feeder point, the whole plant would be set out of order.

The SKC relay have a diagnostic function that detect the break of pilot wire in such a way as to keep the selectivity with the breaking of the pilot wire too. Such function is available only for the block circuits (unavailable with the system that uses the logical inputs and the final relays). The function is based on a periodic monitoring process of the pilot wire connection by means of the emission of control pulses from the downstream relays output block circuits. When a break is detected the message "PILOT WIRE FAIL" is displayed and the self test relay is switched off (if programmed); at the same time the tH>>>, tH>>, tL>>>, tL>>, tEH>>>, tE>> timers are enabled instead of the tH>>>b, tH>>b, tL>>>b, tL>>b, tEH>>>b, tE>>b main delay timers throughout of fault on the pilot wire. Suitable operating time set for this timers must be defined according to a time selectivity criterium with respect of main timers taking into account the coordination with the upstream protections. Enabling of the control pulses emission on the output block circuits must have effected in theBLOCK,BANK (or B) submenu , planning ON the parameter EN PULSE OUT. When the output block circuits of several protection relays is parallel connected to handle the input block of an upstream relay, it needs that thecontrol pulses emission is enabled only for the block output circuit of only one downstream relay. The adjustment of the timers tF and tB is available in the BLOCK,BANK A (o B) submenu.

126

SKC000\08 10-2007

SKC
Funzione di blocco per logica accelerata tra funzioni di protezione interne al rel SKC La funzione di blocco per la logica accelerata pu essere realizzata anche tra funzioni di protezione interne al rel SKC. Essa applicabile alla seconda e terza soglia delle protezioni 50-51 del lato H (soglieIH>> e IH>>>), 50-51 del lato L (soglie IL>> e IL>>>) e 50N-51N/87N (soglie IE>> e IE>>>). L'abilitazione della funzione di blocco in ingresso e/o uscita per le soglie deve essere effettuata all'interno dei sottomen delle relative protezioni e pu essere abilitata separatamente per il blocco in ingresso e in uscita (v. parametri IBKI e IBKO). La logica accelerata tra funzioni di protezione interne al rel SKC ha il seguente funzionamento: - l'avviamento di una soglia di una qualunque funzione di protezione il cui parametro IBKO impostato ON determina l'invio di uno stato logico di blocco; - la soglia avviata di una qualunque funzione di protezione il cui parametro IBKI impostato ON viene posta nello stato logico di blocco alla ricezione dello stato logico di blocco inviato dalla soglia precedente; per la soglia ricevente lo stato logico di blocco, viene azzerato il conteggio del proprio temporizzatore di intervento. In fig. 48 rappresentato un esempio tipico di impiego della funzione di blocco per la logica accelerata tra le protezioni di massima corrente contro i cortocircuiti interne al rel SKC, relative ai lati H e L di un trasformatore. Block function for accelerated logic among SKC internal protection functions The block function for the accelerated logic can also be realized among inside of SKC protection functions. It is applicable to the second and third threshold of the protection functions 50-51 of the H side (thresholds IH>> and IH>>>), 50-51 of the L side (thresholds IL>> and IL>>>) and 50N-51N/87N (IE>> and IE>>>). Enabling of the input and/or block functions must have effected inside the submenu of the related protections and she can separately be enabled for the input and output block (see IBKI and IBKO parameters). The accelerated logic among internal protection functions to the relay SKC has the following operation: - the starting of a threshold of a whatever protection function whose IBKO parameter is planned ON defines the sending of a block logical state; - the started threshold of a whatever protection function whose parameter IBKI is planned ON is set in the block logical state when the block logical state of the previous threshold is received; for the threshold that receives the block logical state, own operation timer is cleared. Fig. 48 shows a tipical example of logic accelerated block among internal protection functions (overcurrent and short circuit relqated to the H and L sides of the protected transformer).

Fig. 48 Nell'esempio viene abilitata la funzione di blocco in uscita per la soglia IL>>> della protezione di massima corrente del lato L e la funzione di blocco in ingresso per la soglia IH>>> della protezione di massima corrente del lato H; entrambe le protezioni vengono programmate con lo stesso tempo di intervento. In the example the output block function is enabled for the IL>>> threshold of the over current protection on the L side and the input block function for theIH>>> threshold of the overcurrent protection on the H side; both the protections are programmed with the same operation time.

SKC000\08 10-2007

127

La funzione di blocco per la logica accelerata tra funzioni di protezione interne al rel SKC non richiede nessun collegamento a filo pilota, in quanto i segnali di blocco tra le funzioni di protezione corrispondono a stati logici interni al rel stesso. La fig. 48 illustra il caso in cui la protezione di massima corrente del lato L, in caso di cortocircuito nel punto indicato, invia un segnale di blocco alla protezione a monte del lato H. Per guasto nel punto indicato entrambe le protezioni si avviano (START) poich entrambe rilevano la corrente di guasto. Nell'istante di avviamento la protezione del lato L invia il segnale di blocco alla protezione del lato H, azzerandone il relativo temporizzatore di intervento e ponendola nello stato di blocco. Poich la protezione del lato L non risulta bloccata da alcuna protezione a valle, allo scadere del proprio tempo di intervento comanda l'apertura del relativo interruttore isolando selettivamente il guasto. L'assegnazione delle tarature avviene in maniera simile a quanto indicato precedentemente per le altre funzioni di protezione; per la protezione del lato L occorre entrare nel sottomen 50-51,L,BANK A, modificare le tarature secondo i valori desiderati e attivare la funzione di blocco interno in uscita. Ad esempio le tarature della protezione del lato L possono essere impostate come segue: IL>>> 4.0 In tL>>> 0.10 s IBKI tL>>> OFF IBKO tL>>> ON Per la protezione del lato H occorre invece attivare la funzione di blocco interno in ingresso ed impostare le tarauture ad esempio come segue: IH>>> 4.5 In tH>>> 0.10 s IBKI tH>>> ON IBKO tH>>> OFF A fronte della mancata apertura di un interruttore (del lato L nel precedente esempio), in assenza di opportuni provvedimenti si determinerebbe il blocco delle funzioni di protezione interne al rel SKC associate all'interruttore a monte (interruttore del lato H nel precedente esempio) e conseguentemente il guasto non sarebbe eliminato. Con l'impiego della funzione di blocco per la logica accelerata tra funzioni di protezione interne al rel SKC, il problema della mancata apertura pu essere risolto nei modi seguenti: 1. Impiego di una soglia di riserva temporizzata. Nell'esempio precedente, impiegando la terza soglia della protezione 50-51 H per la logica accelerata (IH>>>), la seconda soglia della protezione stessa (IH>>) pu essere impiegata come soglia temporizzata di riserva. Il tempo d'intervento della soglia di riserva deve essere superiore al tempo d'intervento, con un oppurtuno margine di selettivit cronometrica, rispetto al tempo d'intervento della soglia impiegate per la selettivit a logica accelerata. Il margine cronometrico di selettivit che occorre applicare quello solitamente previsto per il coordinamento a tempi scalari; esso deve comprendere il tempo di apertura dell'in-

The block function for the logic accelerated among internal functions of the SKC protection relay doesn't need any connection topilot wiresbecause the block signals among the protection functions correspond to the logical states insides to the same relay. The fig. 48 shows the case in which the overcurrent protection placed in the L side, in case of short-circuit in the suitable point, it sends a block signal to the upstream protection in the H side. When a fault in the suitable point arises, both the protections start (START) since both detect the fault current. In the starting instant the protection placed in the L side sends the block signal to the protection placed in the H side, clearing the relative trip timer and setting it in the block state. Since the protection placed in the L side doesn't result stopped by some downstream protection, to the expire of own trip time, it commands the opening of the relative circuit breaker selectively isolating the fault. The assignment of the settings happens in similar way to how much suitable previously for the other protection functions; for the protection placed in the L side is needed to enter the 50-51,H,BANK A submenu, to modify the settings according to the desired values and to activate the output block function. For instance the settings of the side L protection can be planned as it follows: IL>>> 4.0 In tL>>> 0.10 s IBKI tL>>> OFF IBKO tL>>> ON For the protection placed in the H side is needed instead to activate the input block function and plan the settings as it follows: IH>>> 4.5 In tH>>> 0.10 s IBKI tH>>> ON IBKO tH>>> OFF In occurrence of a breaker failure (of the L side for the previous example), without suitable precautions, the traditional interlock system causes the block of the internal protection functions combined with the upstream circuit breaker (side H in the previous example) and consequently the fault will not cleared. With SKC relay into an accelerated protective systems with internal prorection functions, circuit breaker failure can be work out in the followings way: 1. Use of a backup delayed threshold. Making use of third threshold of 50-51 H (I H>>>) function for interlocking scheme, the second threshold (IH>>) of the same protections can be used for backup. Operating time for backup threshold must be higher of common trip time, with a suitable margin of time with regard to the time trip of function threshold provided for interlocked logic selectivity. The time delay margin that must be applied is the typical value considered for time graded coordination; it must include the circuit breaker operating time, trip time error (tolerance),

128

SKC000\08 10-2007

SKC
terruttore a valle, l'errore ammesso sui tempi d'intervento, il tempo di inerzia della protezione a monte, il tempo d'intervento di eventuali rel ausiliari ed un opportuno margine di sicurezza. 2. Impiego del temporizzatore di ricaduta dello stato logico di blocco in uscita tFINT. Al fine di evitare che la protezione a monte nel rel SKC risulti bloccata in permanenza dallo stato logico di blocco in uscita inviato dalla protezione a valle, stato previsto un temporizzatore sullo stato logico di blocco in uscita (tFINT). Tale temporizzatore ha inoltre la funzione di mantenere nello stato di blocco la protezione a monte anche dopo che il guasto viene eliminato per corretta apertura dell'interruttore a valle, al fine di assicurare che la proteziona a monte non intervenga intempestivamente a causa di un ripristino di maggior durata rispetto a quello della protezione a valle che deve eliminare il guasto (per cui si otterrebbe una perdita di selettivit). Il conteggio del tempo tFINT ha inizio nell'istante di avviamento (START) della protezione che invia lo stato logico di blocco in uscita, e per tutta la sua durata lo stato logico di blocco in uscita viene in ogni caso mantenuto attivo (consentendo quindi di mantenere nello stato di blocco la protezione a monte sino al suo ripristino); al raggiungimento del fine tempo di tFINT lo stato logico di blocco in uscita viene in ogni caso disattivato (consentendo quindi di eliminare il guasto mediante la protezione a monte qualora si presenti la mancata apertura dell'interruttore a valle). Il criterio di regolazione del temporizzatore tFINT analogo a quello precedentemente descritto per il temporizzatore tF. La regolazione del temporizzatore tFINT si effettua nel sottomen BLOCK,BANK A (o B). Protezione di mancata apertura dell'interruttore (BF) La protezione di mancata apertura dell'interruttore (BF) viene impiegata per comandare l'apertura di uno o pi interruttori a monte nel caso in cui, a seguito dell'intervento di una funzione di protezione del rel SKC, si verifichi la mancata apertura dell'interruttore associato a tale protezione. Nell'istante di intervento di una protezione viene avviato il temporizzatore di mancata apertura dell'interruttore tBF; se durante il conteggio del temporizzatore tBF l'interruttore associato alla protezione effettua correttamente l'apertura (la condizione di interruttore aperto viene rilevata quando la corrente scesa sotto una soglia fissa, pari a 0.1In per le protezioni di fase e a 0.1 IEn per la protezione di terra), la protezione di mancata apertura dell'interruttore si ripristina. Se invece allo scadere del conteggio del temporizzatore t BF l'interruttore non si aperto (ossia quando la corrente superiore alla soglia fissa di 0.1In o 0.1 IEn), la protezione di mancata apertura dell'interruttore interviene, comandando l'apertura di uno o pi interruttori a monte ed eliminando conseguentemente il guasto. La protezione di mancata apertura dell'interruttore abilitabile per ogni soglia di ogni funzione di protezione. Il overshot time of protection relay placed above, trip time of possible auxiliary relay and a safety suitable margin of time. 2. Use of a fall timetF timer concerning the output blocking circuit. To avoid an undesiderable permanent block of the upstream SKC protection, carry out by block signals originated by the block output logic state sended by the downstream protection, a timer (tFINT) is provided on the output logic state. Such timer has besides the function to also maintain in the block state the upstream protectionsafter the fault is eliminated for correct opening of the circuit breaker, with the purpose to assure that the upstream protections don't trip because of a longer reset compared with the downstream protection reset that has to eliminate the fault (for which a loss of selectivity would be gotten).

The calculation of the time tFINT begins in the instant of starting (START) of the protection that employs the output block logic state, and for all of its duration the output block logic state comes in every case maintained active (allowing therefore to actually maintain in the block state the upstream protections up to resetting); to the attainment of the tFINT term time, the block output logic state comes OFF (allowing therefore clearing the fault through the upstream protections if the circuit breaker fails the opening operation). The criterion of adjustment of the tFINT timer is analogous to that previously described for the timer tF. The adjustment of the tFINT timer is available in the BLOCK,BANK A (o B) submenu. Breaker failure function (BF) The circuit breaker failure (BF) protection is employed to issue opening commands of one or more upstream circuit breaker when, following the trip of an SKC protection function , the missed opening of the joined circuit breaker occurs. When a protection function starts, the the circuit breaker tBF timer is started ; if during the tBF timer calculation the joined circuit breaker correctly effects the opening (the condition of open circuit breaker is detected when the current has gone down under a fixed threshold, equal to 0.1In for the protections of phase and to 0.1 IEn for the earth protection ), the circuit breaker breaker failure protection is restored. Otherwise if the tBF timer expires and the the circuit breaker has not opened (or rather when the current is superior to the fixed threshold of 0.1I n or 0.1 IEn), the breaker failure protection trips, commanding the opening of one or more circuit upstream breaker and consequently clearing the fault. The breaker failure protection is available for every threshold of every protectionfunction.

SKC000\08 10-2007

129

temporizzatoretBF comune a tutte le soglie delle protezioni abilitatate alla protezione di mancata apertura dell'interruttore. L'abilitazione di una soglia alla protezione di mancata apertura dell'interruttore si effettua nel sottomen di taratura della relativa funzione di protezione impostando ON il parametro BF relativo alla soglia stessa. La taratura del temporizzatore di mancata apertura dell'interruttore tBF si effettua invece nel sottomen BREAK FAIL,BANKA o B. Nel sottomen MODE,BANKA o B inoltre necessario assegnare la funzione di mancata apertura dell'interruttore (BF) ad uno o due rel finali con cui comandare l'apertura di uno o pi interruttori a monte. Come esempio di impostazione delle tarature si consideri il caso della protezione di mancata apertura dell'interruttore associata alla seconda soglia I H>> della protezione di massima corrente 50-51 del lato H, impiegando il rel finale K2 normalmente diseccitato ed a ripristino manuale per il comando di apertura di un interruttore a monte, con un tempo di ritardo per il comando di apertura dell'interruttore stesso di 0.15 s. L'impostazione da effettuare nel sottomen MODE, COMMON : K 2 DE-ENERGIZED K 2 LATCHED L'impostazione da effettuare nel sottomen MODE, BANK A B F K 2 L'impostazione da effettuare nel sottomen 5051,H,BANK A : BF IH>> O N La taratura da effettuare nel sottomen BREAK FAIL,BANK A : tBF 0.15 s

ThetBF timer is common to all the thresholds of the enabled protections for the circuit breaker functions. Enabling of a threshold to the breaker failure protection is carried out in the setting submenu of the related protection function planning ON the BF parameter related to the same threshold. The adjustment of the tBF breaker failure timer is available in the BREAK FAIL,BANKA o B submenu. In the MODE,BANKA or B submenu it is needed to assign the breaker failure function (BF) to one or two final relays with which to drive the opening of one or more upstream circuit breaker. As<setting example is supposed to plan the breaker failure function on the short-circuit threshold I H>> of the overcurrent function placed in the H side. You intends to plan a 0.15 s delay to the opening command of an upstream circuit breaker, through a final relay K2 programmed on the BF function (K2 normally deenergized, self reset). The setting out to be planned in the MODE, COMMON submenu is: K 2 DE-ENERGIZED K 2 LATCHED The setting out to be planned in the MODE, BANKA submenu is: B F K 2 The setting out to be planned in the 50-51,H,BANKA submenu is: BF IH>> O N The setting out to be planned in the BREAK FAIL,BANKA submenu is: tBF 0.15 s

130

SKC000\08 10-2007

SKC
7 - PROCEDURE DI PROVA
INFORMAZIONI PRELIMINARI Il rel di protezione SKC come accade in generale per tutti i rel di protezione, destinato a intervenire solo in casi eccezionali, cio quando si verifica un guasto nellimpianto protetto. Nasce da ci lesigenza di verificare lefficienza del rel di protezione, sia al momento della messa in servizio, sia periodicamente nel corso del normale funzionamento dellimpianto. Sono possibili diversi tipi di prova, ciascuno dei quali offre un diverso grado di verifica circa il corretto funzionamento del rel SKC e degli altri componenti del sistema di protezione. Ogni tipo di prova influenza in qualche misura il normale funzionamento del sistema di protezione. In tutte le condizioni di funzionamento occorre accertare che le grandezze d'influenza (temperatura, frequenza, ecc..) siano entro i limiti consentiti. Verifica della corretta alimentazione Il rel SKC, al pari delle altre protezioni della serie S, dotato di un LED verde posto sulla targa frontale. Laccensione permanente di questo LED segnala che l'SKC alimentato correttamente, che le sue tensioni interne stabilizzate sono contenute entro il campo di tolleranza previsto e che le bobine dei rel finali sono efficienti. Un controllo periodico dellaccensione di tale LED offre pertanto un primo grado di sicurezza sul funzionamento del rel. Qualora un rel finale sia programmato per la funzione di autodiagnostica (SELF-TEST), questa informazione pu essere riportata a distanza e controllata in permanenza mediante un sistema di allarme. VERIFICA MEDIANTE IL PULSANTE TEST Il pulsante di prova TEST si trova sulla targa frontale, ma accessibile solo dopo aver tolto la calotta trasparente. Attivando la sequenza di prova, si provoca limmissione, negli stadi circuitali di elaborazione, di un segnale fittizio che determina lintervento della funzione di protezione selezionata e quindi la commutazione dei rel finali e laccensione dei led rosso (TRIP) e giallo (ALARM) di segnalazione (o del solo led giallo ALARM all'intervento dell'allarme termico). La prova viene effettuata simulando una corrente di guasto pari a: - 6 volte la corrente base per la protezione 49. - 1.5 volte il valore della seconda e terza soglia delle funzioni di protezione 50,51 dei lati H e L e 50N-51N/87N; - 4 volte il valore della prima soglia delle funzioni di protezione 50,51 dei lati H e L e 50N-51N/87N; tali valori di corrente, nel caso di curve a tempo dipendente, consentono di verificare il corretto funzionamento del processo di calcolo del tempo d'intervento, essendo il valore di taratura definito a 4 volte la soglia impostata. - 1.5 volte il valore della prima e seconda soglia delle

7 - TESTING PROCEDURES
PRELIMINARY INFORMATION The SKC protection relay, as it generally happens for all protection relays, is destined to operate only in exceptional circumstances, that is when a fault occurs in the protected system. Thus the efficiency of the protection relay need to be checked, both in the phase of commissioning and periodically, during the normal operation of the installation. Different types of testing are possible, each of them offering a different check level for the correct operation of the SKC relay and of the other components of the protection system. Each type of test affects to some extent the normal operation of the protection system. In all operation conditions it is necessary to make sure that the influence quantities (temperature, frequency, etc.) are within the permitted limits. Checking the correct power supply The SKC relay, like the other protections of the S series, is equipped with a green LED placed on the front panel. The permanent lighting of this LED signals that the SKC is correctly supplied, that its inner stabilized voltages lie within the expected tolerance range and that the coils of the final relays are efficient. Therefore a periodical check of the lighting of this LED gives a first safety level about the operation of the relay. In the case that a final relay has been programmed for the SELF-TEST function, this piece of information can be remote transmitted and continuously monitored by means of an alarm system. CHECK BY MEANS OF THE TEST KEY The TESTkey is placed on the front panel, but it is accessible only after having removed the transparent cover.The activation of the test sequence causes the transmission, in the processing circuital stages, of a dummy signal which determines the trip of the selected protection function and thus the commutation of final relays and the lighting of the red led (TRIP) and yellow led (ALARM) indicator (or only ALARM yellow led in case of the thermal alarm trip). The test is performed by simulating a fault current equal to: - 6 times the base current for 49 protective function; - 1.5 times the second and third threshold value set for 50,51 of the side H and L and 50N-51N/87N protective functions; - 4 times the first threshold value set for 50,51 of the side H and L and 50N-51N/87N protective functions. Such current values, in the case of time dependent curves, allow for a check of the correct operation of the computing process of the trip time, since the setting value is defined at 4 times the setting threshold; - 1.5 times the first and second threshold value set for

SKC000\08 10-2007

131

funzioni di protezione 87T e 87G. Questa verifica non comprende i trasformatori dingresso dei segnali amperometrici, ma pu essere utilmente contemplata in un appropriato programma di verifiche periodiche. Questa verifica pu provocare o meno la commutazione dei rel finali; nel primo caso (TEST TRIP) si provoca lapertura dell'interruttore associato alle protezioni dellimpianto: pertanto la verifica risulta automaticamente estesa a tutta la catena di protezione. Ci per comporta larresto del processo produttivo interessato; se ci deve essere evitato si pu effettuare la prova in bianco (TEST NO TRIP) che non provoca il cambio di stato dei rel finali. Esecuzione della prova Premendo il pulsante TEST ha inizio la sequenza operativa per la prova funzionale della protezione; la sequenza di prova pu essere sospesa in qualsiasi momento, premendo il pulsante CLEAR(1). La prova si svolge secondo la seguente procedura: - premere il pulsante TEST, per cui appare sul display la scritta lampeggiante TEST NO TRIP - premere eventualmente il pulsante per cambiare la modalit di prova da parziale (cio senza attivazione dei rel finali) a completa o viceversa, per cui si alternano sul display i due messaggi lampeggianti TEST NO TRIP TEST TRIP - premere il pulsante ENTER per confermare la modalit di prova indicata sul display e per passare alla selezione della funzione su cui eseguire la prova (2) TEST 49 D > ? (3) - premere i pulsanti o al fine di selezionare la funzione che si desidera provare (2) TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST 51H 50H 50H 51L 50L 50L 51N 50N 50N 87T 87T 87G 87G IH> IH>> IH>>> IL> IL>> IL>>> IE> IE>> IE>>> Id> Id>> Id> Id>> ? (4) ? (4) ? (4) ? (4) ? (4) ? (4) ? ? ? ? (5) ? (5) ? (6) ? (6)

87T and 87G protective function. This check does not comprise the input transformers for the current signals, but it can be usefully included in an appropriate periodical test program. This check may cause, or not, the commutation of final relays; in the first case (TEST TRIP) the trip of the circuit breaker associated to the protective functions of the power system is brought about: thus the check is automatically extended to the whole protection chain. However this involves the stop of the production process being concerned; if this is to be avoided, the blank test can be performed (TEST NO TRIP) which does not cause the change of status of final relays. Execution of test By pressing the TEST key the operation sequence begins for the function test of the protection relay; the test sequence can be interrupted at any time by pressing the CLEAR key (1). The test is performed according to the following procedure: - press the TEST key, then the display shows the flashing message TEST NO TRIP - press, if necessary, the key in order to change the test mode from partial (i.e. without activation of the final relays) to complete or vice versa, then the two flashing messages appear alternately on the display TEST NO TRIP TEST TRIP - press the ENTER key in order to confirm the test mode shown on the display and to pass on to the selection of the function on which the test is to be performed(2) TEST 49 D > ? (3) - press the or keys in order to select the function to be tested (2) TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST TEST 51H 50H 50H 51L 50L 50L 51N 50N 50N 87T 87T 87G 87G IH> IH>> IH>>> IL> IL>> IL>>> IE> IE>> IE>>> Id> Id>> Id> Id>> ? (4) ? (4) ? (4) ? (4) ? (4) ? (4) ? ? ? ? (5) ? (5) ? (6) ? (6)

NOTA 1 - Con questa operazione viene attivata la prima voce del men di lettura READ. NOTA 2 - In questa fase anche i tasti SET e READ permettono di uscire dalla sequenza di prova. NOTA 3- Disponibile solo con selezione TYPE TRANSFORMER e COMPENSATION INTERNAL nel sottomenu PRESET. NOTA 4 - Non disponibile con selezione COMPENSATION EXTERNAL nel sottomenu PRESET. NOTA 5 - Non disponibile con selezione TYPE MOTOR/GENERATOR nel sottomenu PRESET. NOTA 6 - Non disponibile con selezione TYPE TRANSFORMER nel sottomenu PRESET.

NOTE 1 - With this operation also the first item of the READ menu is activated. NOTE 2 - At this stage the SET and the READ keys also allow to exit from the test sequence. NOTE 3 - Available with selection TYPE TRANSFORME and COMPENSATION INTERNAL only inside the PRESET submenu. NOTE 4 - Not available with selection COMPENSATION EXTERNAL inside the PRESET submenu. NOTE 5 - Not available with selection TYPE MOTOR/GENERATOR inside PRESET submenu. NOTE 6 - Not available with selection TYPE TRANSFORMER inside PRESET submenu.

132

SKC000\08 10-2007

SKC
- premere il pulsante ENTER per confermare la funzione su cui eseguire la prova (ad esempio 50H IH>>), per cui la segnalazione diventa lampeggiante TEST 50H IH>> ? - premere il pulsante ENTER per dare inizio all'esecuzione della prova, per cui appare la scitta RUN TEST 50H IH>> - allo scadere del tempo d'intervento della funzione in prova, si accende le segnalazioni TRIP e ALARM (o la sola segnalazione ALARM nel caso del solo allarme termico) e contemporaneamente intervengono (nel caso sia stata selezionata la modalit di prova TEST TRIP) i rel finali associati a tale funzione; - premere il pulsante CLEAR per terminare l'esecuzione della prova e tornare al modo di funzionamento normale. Al termine della prova occorre premere due volte il pulsante RESET, per ripristinare la segnalazione, come occorre fare in occasione di un intervento reale della protezione. Nel caso di prova della protezione 49, per il ripristino della segnalazione necessario attendere che l'immagine termica D sia scesa sotto la soglia, oppure provvedendo alla sua inizializzazione mediante il comando PRESET D nel sottomen di taratura 49,BANK A o B. opportuno notare che operando sul pulsante RESET senza avere prima terminato la prova mediante il pulsante CLEAR, il rel rimane intervenuto in quanto permane la corrente fittizia di prova: si deve quindi azionare il pulsante CLEAR. Nel caso in cui una sequenza di prova non venga terminata dall'operatore, il programma vi provvede automaticamente dopo che sia trascorso un tempo di 6 min dall'ultima operazione eseguita sulla tastiera. VERIFICA MEDIANTE PROVE IN LABORATORIO Essendo il rel SKC di tipo estraibile, possibile asportarlo dalla sua controbase senza per questo mettere fuori servizio limpianto e portarlo in laboratorio per eseguire un controllo accurato delle soglie e dei tempi dintervento delle varie funzioni. Nel frattempo tuttavia limpianto rimane privo di protezione, a meno che si disponga di un identico rel SKC di riserva da sostituire a quello in prova. Lestrazione del rel dalla sua controbase non provoca alcuna anomalia nei circuiti amperometrici, grazie al dispositivo di corto circuito automatico contenuto nella controbase. Viceversa i circuiti facenti capo ai contatti finali rimangono aperti, per cui si presentano i seguenti casi: - se il rel SKC programmato con rel finali normalmente diseccitati e ne sono impiegati i contatti di lavoro, non si presenta alcuna conseguenza; - se contrariamente si utilizzano i contatti di riposo, viene simulato lintervento della protezione; - se il rel SKC programmato con rel finali normalmente eccitati, viene simulato lintervento della protezione. Se il rel fa parte di un sistema di protezione con logica accelerata, la sua uscita di blocco pu essere collegata all'entrata di blocco di un secondo rel posto a monte: - press the ENTER key in order to confirm the function on which the test is to be performed (e.g. 50H IH>>), then the message starts flashing TEST 50H IH>> ? - press the ENTER key to start the test run, then the following message is displayed RUN TEST 50H IH>> - when the operation time of the test function elapses, the TRIP and ALARM indicators switches on (or the only ALARM indicator in the case of the thermal alarm) and at the same time the final relays associated with this function will operate (if the TEST TRIP mode was been selected); - press the CLEAR key in order to stop the test condition and go back to the normal operation mode. When the test is over, press the RESET key two times in order to reset the indicator, as it is necessary when a real protection trip occurs. In case of test of 49 protection, for the reset of the indicator is necessary wait that the thermal image D is go down the threshold or by reset it with the PRESET D command in the setting submenu 49,BANK A o B. Note that if the RESET key is pressed without first having terminated the test by pressing the CLEAR key, the protection remains in the operated state because the dummy test current remains: then it is necessary to press the CLEAR key. In the case that a test sequence is not terminated by the operator, the program automatically provides for this after a 6 min time delay has elapsed from the last operation performed on the keyboard. CHECK BY MEANS OF LABORATORY TESTS Since the SKC relay is of extractable type, it is possible to remove it from its support plate without shutting down the system and to bring it to a laboratory to perform an accurate test of the trip thresholds and trip times of the various functions. In the meantime, however, the system remains unprotected, unless an identical SKC spare relay is available to be substituted for the relay under test. The removal of the relay from its support plate does not cause any irregularity in the current circuits, thanks to the automatic short-circuiting device placed in the support plate. Vice versa the circuits associated with the final contacts remain open; thus the following cases occur: - if the SKC relay is programmed with normally de-energized final relays and its make contacts are used, there is no consequence; - if, on the contrary, the break contacts are used, the protection trip is simulated; - if the SKC relay is programmed with normally energized final relays, the protection trip is simulated. If the relay is part of a protection system with the accelerated logic principle, its blocking output could be connected to the blocking input of a second higher level relay:

SKC000\08 10-2007

133

all'estrazione del primo rel, il secondo potrebbe segnalare l'interruzione del filo pilota mediante la funzione di autodiagnostica. Esecuzione delle verifiche Le modalit di esecuzione delle verifiche sono le stesse sia nel caso in cui si eseguano le prove in laboratorio, sia nel caso in cui si eseguano le prove sullimpianto mediante le prese di prova previste nel quadro. necessario disporre di unapparecchiatura provarel (o della strumentazione equivalente) in grado di fornire due segnali amperometrici regolabili in ampiezza e sfasamento e di misurare i tempi di intervento; i segnali devono avere un contenuto di armoniche non superiore al 3 %. Gli strumenti di misura devono avere una precisione adeguata allo scopo della verifica. La verifica delle varie funzioni di protezione dovr essere eseguita di preferenza mediante uno schema di prova corrispondente all'effettivo schema di collegamento del rel; tuttavia possono essere utilizzati gli schemi semplificati indicati di seguito per ciascuna funzione di protezione. Nel dettaglio lo schema di fig. 49 rappresenta un possibile circuito di prova completo, comprendente anche i collegamenti dei contatti d'uscita del rel; gli schemi delle figure successive presentano solamente la parte relativa ai circuiti d'entrata del rel, che deve essere integrata nello schema generale di fig. 49. Nel corso delle prove si deve fare attenzione a non sovraccaricare i circuiti d'entrata di corrente del rel SKC. Qualora si dovesse applicare un segnale di corrente superiore al carico massimo ammissibile permanentemente (pari a 4 IN), si dovranno osservare le seguenti precauzioni: - applicare la corrente in entrata per un tempo limitato, in modo che il conseguente sovraccarico termico non superi un opportuno limite di sicurezza (pari a 70 I N per 1 s); - dopo ogni prova che comporta un sovraccarico, lasciare un tempo di attesa t W per il raffreddamento dei circuiti d'entrata, pari al valore del sovraccarico termico applicato diviso per 20: t W = (I / I N) 2 t / 20 in cui I e t sono rispettivamente la corrente applicata e il tempo di permanenza. Nel corso della operazioni di prova sottoindicate, intese alla verifica di ciascuna funzione di protezione, pu anche verificarsi l'intervento di altre funzioni di protezione. Per impedire che ci avvenga opportuno accedere al men di taratura SET, sottomen MODE, BANK A o B e programmare sul rel finale desiderato la funzione in prova e su OFF le funzioni non interessate alla prova. Nel caso in cui il circuito d'entrata di blocco sia attivato in una o pi funzioni di protezione, lasciando il circuito non collegato il rel fornisce una segnalazione di allarme: per maggiori informazioni si veda il paragrafo relativo alla verifica del circuito di blocco. Contestualmente alla verifica delle varie funzioni di protezione, come specificato nel seguito, opportuno verificare anche la lettura delle grandezze applicate in entra-

when the first relay is drawn out, the second one could give an alarm for pilot wire interruption thanks to the self-test function. Performing the checks The ways used for carrying out the checks are the same, both in the case that the tests are carried out in laboratory and in the case that the system tests are carried out by means of the test plugs provided in the switchboard. It is necessary to have a relay-testing device (or an equivalent equipment) which can feed two current signals with adjustable amplitude and displacement and which can measure the operation times; the signals must have a harmonic content not exceeding 3 %. The measuring devices must have an accuracy suitable for the purpose of the check. The test of the different protection functions will be carried out preferably by means of a test scheme corresponding to the effective connection diagram of the relay; otherwise the test diagrams indicated below can be used to test each one of the protection functions. In detail the diagram shown in fig. 49 represents a possible test circuit, which is completed with the connection to the output contacts of the relay; the diagrams shown in the following present only the connections regarding the input measuring circuits: these diagrams must be joined to the general diagram of fig. 49. During the tests it is necessary to make sure that the current input circuits of the SKC relay are not overloaded. Should a current signal greater than the maximum admissible permanent load (equal to 4 IN) be continuously applied, then the following precautions should be taken: - apply the input current for a limited time interval, so that the overheating of the input circuits does not exceed a suitable safety limit (equal to 70 IN for 1 s); - after each test involving an overload, leave a waiting time t W, equal to the applied overheating value divided by 20, in order to allow the input circuits to cool: t W = (I / IN)2 t / 20 where I and t are the applied current and the duration time respectively. During the testing procedures indicated below, intended to test each single protection function, it may happens that other protection functions will operate. To prevent this, it is possible to disable whatever function, by entering the SET menu, submenu MODE,BANK A or B and programming to OFF all the functions not involved in the current test; the function under test must be programmed to the desired final relay. Should the input blocking circuit be switched on inside one or several protection functions, having the circuit not connected makes the relay to deliver an alarm signal: for a more complete information see the paragraph concerning the test of the blocking circuit. During the checking of each protection function, according to the following procedures, it is suggested to verify as well the reading of the input quantities, by means of the READ

134

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 49

SKC000\08 10-2007

135

ta, mediante l'uso del tasto READ. Se il rel predisposto nel modo con lettura relativa (RELATIVE READ), il valore letto sull'indicatore del rel deve corrispondere al segnale di corrente applicato in entrata, rapportato al relativo valore nominale (In, IEn) se il rel predisposto nel modo con lettura assoluta (DIRECT READ), il valore letto sull'indicatore del rel deve corrispondere al rapporto detto sopra, moltiplicato per il relativo valore nominale primario (InTAH, InTAL, IENP ). Verifica alimentazione ausiliaria Questa prova deve essere eseguita applicando una tensione ausiliaria dello stesso tipo (alternata o continua) disponibile nel quadro, con due diversi valori corrispondenti al minimo e al massimo del campo d'impiego previsto. Si devono eseguire le seguenti verifiche: - applicando la tensione ausiliaria istantaneamente si deve osservare laccensione istantanea del LED verde contrassegnato ON; - i rel finali devono comportarsi diversamente, secondo la predisposizione eseguita: - nel caso di rel finali normalmente diseccitati, essi devono restare diseccitati, - nel caso di rel finali normalmente eccitati, essi devono eccitarsi in concomitanza con laccensione del LED verde, - nel caso di un rel finale programmato per la funzione autodiagnostica (SELF-TEST), questultimo deve eccitarsi in concomitanza con laccensione del LED verde; - premendo il pulsante di prova TEST(1) si deve osservare lintervento delle funzioni di protezione desiderate (accensione dei LED rosso TRIP e giallo ALARM e commutazione dei rel finali); - premendo il pulsante CLEAR si deve osservare il ripristino dei rel finali se questi sono programmati per ripristino automatico (NO LATCHED); - premendo il pulsante di ripristino RESET una prima volta si deve osservare sul visualizzatore l'indicazione della funzione ed eventualmente delle fasi intervenute, premendo il pulsante RESET una seconda volta si deve osservare lo spegnimento dei LED di segnalazione TRIP e ALARM; - nella condizione di maggior consumo dellapparecchio (LED TRIP e ALARM accesi e rel finali eccitati) si deve verificare che la potenza assorbita dallalimentazione ausiliaria sia inferiore al limite indicato nel capitolo CARATTERISTICHE TECNICHE; - togliendo istantaneamente la tensione ausiliaria, dopo avere preventivamente fatto accendere i LED TRIP e ALARM, si deve osservare lo spegnimento istantaneo e contemporaneo dei tre LED ON, TRIP e ALARM. Verifica della protezione ad immagine termica per trasformatore (49) Questa prova pu essere eseguita mediante lo schema riportato in fig. 50; il segnale di corrente deve essere applicaNOTA 1 - Maggiori dettagli circa l'utilizzo della funzione TEST si trovano nel precedente paragrafo.

key. If the relay is preset in the RELATIVE READ mode, the value displayed on the relay front plate must correspond to the current signal applied to the input circuit, divided by the corresponding nominal value (In, IEn); if the relay is preset in the absolute reading mode (DIRECT READ), the value displayed on the relay front plate must correspond to the above ratio, multiplied by the corresponding nominal primary value (InTAH, InTAL, IENP). Checking the auxiliary supply This test must be performed by applying an auxiliary voltage of the same type (alternate or direct) available in the switchboard, with two different values corresponding to the minimum and the maximum of the expected operative range. The following checks must be performed: - by applying the auxiliary voltage instantaneously, the instantaneous lighting of the green LED marked ON must occur; - the final relays must behave differently, according to the performed setting : - in the case of final relays normally de-energized, they must remain de-energized, - in the case of final relays normally energized, they must be energized together with the lighting of the green LED, - in the case of a final relay programmed for the SELFTEST function, this relay must be energized together with the lighting of the green LED indicator; - by pressing the TEST (1) key, the desired protection functions must operate (lighting of the red TRIP and yellow ALARM LED and commutation of final relays); - by pressing the CLEAR key the reset of final relays must ensue, if these are programmed for the automatic reset (NO LATCHED); - by pressing the RESET key for the first time, the display must show the indication of the function under test and, possibly, of the interested phases, pressing the RESET key for the second time, the TRIP and ALARM LED must go off; - in the condition of maximum consumption of the device (TRIP and ALARM LED switched on and final relays energized) it must be checked that the power absorbed by the the auxiliary supply is lower than the limit value indicated in the chapter TECHNICAL DATA; - by instantaneously taking off the auxiliary voltage, after having previously switched on the TRIP and ALARM LED indicators, the ON, TRIP and ALARM LED's must instantaneously go off together. Checking the transformer thermal protectionion (49) This test can be carried out by using a connection scheme as shown in fig. 50; the current signal must be applied to the current input of one phase relevant to the side
NOTE 1 - More details concerning the TEST function can be found in the preceding paragraph.

136

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 50 to all'ingresso amperometrico di una fase relativa al lato H o L, in accordo alla impostazione del lato protetto mediante la protezione 49 (v. parametro SIDE nel sottomen 49,BANK A o B). In fig. 50 il segnale di corrente applicato ad esempio al primo ingresso amperometrico del lato H; il segnale pu essere applicato successivamente a ciascuno degli ingressi amperometrici delle due restanti fasi dello stesso lato. Per la verifica dei tempi d'intervento si deve fare riferimento alle curve caratteristiche riportate in fig. 10, per le quali opportuno rilevare le seguenti precisazioni: - il valore di corrente indicato in ascissa espresso in rapporto alla taratura della corrente di base IB; - i tempi d'intervento indicati in ordinata sono relativi al valore della costante termica di riscaldamento T+ pari a 1 min: per riferirli ad un altro valore qualsiasi di T+ basta moltiplicarli in proporzione; - le diverse curve indicate si riferiscono a diversi valori di precaricop, cio con immagine termica preventivamente posta nella condizione di regime corrispondente alla corrente p x IB. Tenute in debito conto le precisazioni suesposte, la prova della funzione termica pu essere eseguita con la seguente procedura: - azzerare inizialmente l'immagine termica attivando la funzione di taratura SET, sottomen 49, BANK A o B, comando PRESET D(1); - applicare istantaneamente il segnale d'entrata, per il quale si consigliano i valori pari a 1.5 - 3 - 6 IB;
NOTA 1 - Per ottenere l'azzeramento occorre che il parametro IN sia stato precedentemente impostato a 0 B .

H or L, according to the setting of the protected side with the 49 protection (see parameter SIDE inside 49,BANK A o B submenu). E.g. in the fig. 50 the current signal is applied to the first current input of the side H; the signal can be successively applied to each one of the input circuits of the other two phases for the same side. For the operation times testing of refer to the characteristics curves indicated in fig. 10. The following explications must be considered: - the current value indicated on the abscissa is expressed with reference to the setting of the base current IB; - the operation times indicated on the ordinate are relative to a value of the thermal constant T+ equal to 1 min: to refer them to any other value of T+, multiply them proportionally; - the various curves indicated refer to different pre-load values p, that is with the thermal image previously put in the stationary running condition corresponding to the current p x IB . Taking into account the aforesaid notes, the testing of the thermal function can be carried out as follows: - clear the thermal image by operating the function SET, submenu BASE, elementary action PRESET D(1); - feed instantaneously the input signal, for which values of 1.5 - 3 - 6 I B are suggested;
NOTE 1 - To clear out the thermal image, the parameter IN must precedently be set to 0 B.

SKC000\08 10-2007

137

- rilevare il tempo d'intervento corrispondente alla curva caratteristica con riferimento p = 0. Esempio: - dati
- corrente nominale del rel IN = 5 A - taratura IB = 0.8 IN - taratura T+ = 6 min

-measure the operation time corresponding to the characteristic curve with p = 0 reference. Example: - data
- rated current IN = 5 A - IB setting = 0.8 IN - T+ setting = 6 min - testing at 1.5 IB = 1.5 x 0.8 x 5 A = 6 A - the operation time corresponding to 1.5 IB measured on the characteristic curve related to T+ = 1 min is 46 s - the operation time corresponding to the setting data is 46 s x 6 min / 1 min = 276 s

- prova a 1.5 IB = 1.5 x 0.8 x 5 A = 6 A


- il tempo d'intervento rilevato in corrispondenza a 1.5 IB sulle caratteristche relative a T+ = 1 min 46 s - il tempo d'intervento corrispondente ai dati di taratura 46 s x 6 min / 1 min = 276 s

- prova a 3 IB = 12 A
- il tempo d'intervento rilevato come sopra 8.8 s x 6 min / 1 min = 52.8 s

- testing at 3 IB = 12 A - the operation time measured


8.8 s x 6 min / 1 min = 52.8 s

as above is

- prova a 6 IB = 24 A
- il tempo d'intervento rilevato come sopra 2.1 s 6 min / 1 min = 12.6 s

- testing at 6 IB = 24 A
- the operation time measured as above is 2.1 s 6 min / 1 min = 12.6 s

Per una verifica della costante termica di raffreddamento T- e contemporaneamente del tempo d'intervento con carico precedente al sovraccarico, si pu adottare la seguente procedura: - applicare in entrata una corrente pari a 1.5 IB; - all'istante in cui avviene l'intervento della protezione termica, interrompere tale corrente; - dopo un tempo esattamente pari 0.4T-, applicare nuovamente il precedente valore di corrente; il tempo d'intervento che ne consegue dovrebbe essere quello che corrisponde alla curva relativa al fattore p=0.9. Per la verifica della funzione di allarme termico, valgono le stesse considerazioni fatte per la verifica dell'intervento e si utilizzano le medesime curve caratteristiche, con l'accorgimento di rapportare la corrente applicata in entrata ad un valore IB ' determinato dalla taratura DAL impostata, e precisamente: I B' = IB x (DAL / 1.2) Esempio: - dati
- corrente nominale del rel 5 A - taratura IB secondaria = 0.8 IN = 4 A - taratura T+ = 4 min - taratura DAL = 0.9 DB - si calcola IB' = (0.9 / 1.2) IB = 0.866 IB

For the testing of the thermal cooling constant T- and at the same time of the operation time with a load preceding the overload, the following procedure can be adopted: - feed the relay with a input current equal to 1.5 IB; - cut off this current at the exact moment the thermal protection operates; - after a time exactly equal to 0.4 T-, feed again the same current as before; the subsequent operation time should be the one corresponding to the curve relative to the factor p=0.9.

For the testing of the thermal alarm function, follow the same indications as for the testing of the thermal trip and use the same characteristic curves, noting however that the input current must be referred to a value IB' determined by the setting DAL, namely: IB ' = IB x (DAL / 1.2) An example: - data
- rated current 5 A - secondary IB setting = 0.8 IN = 4 A - T+ setting = 4 min - DAL setting = 0.9 D B - calculate I B' = (0.9 / 1.2) IB = 0.866 IB testing carried out at 3 IB = 12 A 3 IB = 3 / 0.866 IB' = 3.46 IB' - the operation time corresponding to the setting data is 6.5 s x 4 min / 1 min = 26 s

- prova eseguita a 3 IB = 12 A
3 IB = 3 / 0.866 IB' = 3.46 IB' - il tempo d'intervento corrispondente ai dati di taratura 6.5 s x 4 min / 1 min = 26 s

Verifica della protezione di massima corrente dei lati H e L (50-51,H e 50,51,L) La verifica della protezione di massima corrente del lato H per la prima fase pu essere eseguita mediante lo schema riportato in fig. 50; il segnale di corrente pu essere applicato successivamente a ciascuno degli ingressi amperometrici delle due restanti fasi del lato H. La verifica della protezione di massima corrente del lato L si effettua in modo analogo, applicando il segnale di corrente

Checking the overcurrent protection of the sides H and L (50-51,H and 50,51,L) The test of the overcurrent protection of the side H can be carried out by using a connection scheme as shown in fig. 50; the current signal can be successively applied to each one of the input circuits of the other two phases for the side H. The test of the overcurrent protection of the side L is carried out in the same mode, appling the current signal to each one of the input circuits of the three phases for the

138

SKC000\08 10-2007

SKC
successivamente a ciascuno degli ingressi amperometrici delle tre fasi del lato L La prova consiste nella verifica delle soglie e del relativo tempo d'intervento. Nel caso della prima soglia, la prova deve essere eseguita secondo due differenti modalit relative al caso di funzione a tempo indipendente (IH> o IL>) o dipendente (IHS o ILS); nel caso della seconda (IH>> o IL>>) e della terza soglia (IH>>> o IL>>>), la prova deve essere eseguita con la modalit relativa al caso di funzione a tempo indipendente. 1 - Protezione a tempo indipendente La procedura di prova per la verifica della soglia d'intervento la seguente: - azzerare inizialmente la corrente; - applicare istantaneamente un valore di corrente pari al 95% della soglia impostata e osservare che non ci sia intervento della protezione; - azzerare la corrente; - applicare istantaneamente un valore di corrente pari al 105% della soglia di cui sopra e osservare che ci sia lintervento della protezione; - abbassare la corrente ad un valore inferiore alla soglia e osservare il ripristino della protezione. Occorre segnalare che se il tempo d'intervento programmato su un valore elevato, la verifica della soglia d'intervento pu risultare disagevole. In tal caso pu essere preferibile diminuire temporaneamente la taratura del suddetto tempo, oppure programmare un rel finale sulla funzione di START. La procedura di prova per la verifica del tempo d'intervento della prima soglia la seguente: - azzerare inizialmente la corrente; - applicare istantaneamente una corrente pari al 150% della soglia e verificare che il tempo dintervento corrisponda al valore impostato; - azzerare istantaneamente la corrente e rilevare il tempo di ripristino della protezione. La procedura di prova per la verifica del tempo d'intervento della seconda e della terza soglia la seguente: - azzerare inizialmente la corrente; - applicare istantaneamente una corrente pari a 2.5 volte il valore della soglia e verificare che il tempo dintervento corrisponda al valore impostato; - azzerare istantaneamente la corrente e rilevare il tempo di ripristino della protezione. 2 - Funzione predisposta con tempo dipendente La procedura di prova per la verifica della soglia d'intervento la seguente: - azzerare inizialmente la corrente; - applicare istantaneamente una corrente pari al 105% del valore di riferimento impostato (IHS o ILS) e osservare che la protezione non intervenga; - azzerare la corrente; - applicare istantaneamente una corrente pari al 115% del valore di riferimento di cui sopra e osservare che la protezione intervenga; - abbassare la corrente ad un valore inferiore alla soglia ed side L. The test comprises the checking of the operating thresholds and the relevant operating time. With regard to the first threshold, the test is carried out according to two different procedures depending if the function is a type with independent (IH> or IL>) or dependent time (IHS or ILS); with regard to the second (IH>> or IL>>) and the third threshold (IH>>> or IL>>>), the test is carried out with the procedure relative to the independent type function. 1 - Protection with independent time setting The testing procedure for the checking of the operation threshold is as follows: - initially set the current to zero; - apply instantaneously a current value equal to 95% of the preset threshold and make sure that no protection trip occurs; - set the current at zero; - apply instantaneously a current value equal to 105% of the above thershold and make sure that the protection trip occurs; - lower the current to a value lower than the threshold and observe the protection reset. It must be pointed out that if the trip time is programmed on a high value, the check of the trip threshold may turn out to be difficult. In this case it may be better to temporarily lower the setting of the aforesaid time, or to program a final relay on the START function. The test procedure for checking the trip time of the first threshold is as follows: - initially set the current at zero; - apply instantaneously a current value equal to 150% of the trip threshold and observe that the trip time corresponds to the preset value; - set instantaneously the current at zero and detect the reset time of the protection. The test procedure for checking the trip time of the second and the third threshold is as follows: - initially set the current at zero; - apply instantaneously a current value equal to 2.5 times the value of the trip threshold and ascertain that the trip time corresponds to the preset value; - set instantaneously the current at zero and ascertain the reset time of the protection. 2 - Function with dependent time setting The testing procedure for the checking of the operation threshold is as follows: - initially set the current to zero; - apply instantaneously a current value equal to 105% of the preset reference value (IHS or ILS) and make sure that no protection trip occurs; - set the current at zero; - apply instantaneously a current value equal to 115% of the above reference value and make sure that the protection trip occurs; - lower the current to a value lower than the threshold and

SKC000\08 10-2007

139

osservare il ripristino della protezione. Occorre segnalare che se il tempo d'intervento programmato su un valore elevato, la verifica della soglia d'intervento pu risultare disagevole. In tal caso pu essere preferibile diminuire temporaneamente la taratura del suddetto tempo, oppure programmare un rel finale sulla funzione di START. La procedura di prova per la verifica del tempo d'intervento la seguente: - azzerare inizialmente la corrente; - applicare istantaneamente una corrente pari a 4 volte il valore di riferimento e rilevare che il tempo dintervento corrisponda al valore impostato; - azzerare istantaneamente la corrente e rilevare il tempo di ripristino della protezione. Verifica della protezione di massima corrente residua o differenziale di terra ristretta (50N-51N/87N) Questa prova pu essere eseguita mediante lo schema riportato in fig. 51 o 52. In particolare lo schema di fig. 52 deve essere impiegato per la verifica della protezione 50N-51N quando il rel corredato di trasformatore toroidale sommatore di corrente nominale primaria 100 A primari; per la verifica della protezione 87N e della protezione 50N-51N in tutti i restanti casi, deve essere impiegato lo schema di fig. 51. La verifica della protezione differenziale di terra ristretta 87N non comprende la resistenza stabilizzatrice ed il resistore non lineare. La prova consiste nella verifica delle soglie e del relativo tempo d'intervento. La procedura di prova analoga a quella precedentemente descritta per la protezione di massima corrente (50-51). Verifica delle protezioni differenziali (87T, 87G) Durante questa verifica si rilevano: - la soglia d'intervento, in corrispondenza a diversi punti della

observe the protection reset. It must be pointed out that if the trip time is programmed on a high value, the check of the trip threshold may turn out to be difficult. In this case it may be better to temporarily lower the setting of the aforesaid time, or to program a final relay on the START function. The test procedure for checking the trip time is as follows: - initially set the current at zero; - apply instantaneously a current value equal to 4 times the reference value and observe that the trip time corresponds to the preset value; - set instantaneously the current at zero and detect the reset time of the protection.

Checking the residual overcurrent or restricetd ground fault protection (50N-51N/87N) This test can be carried out by using the connection scheme as shown in fig. 51 or 52. The connection scheme of the fig. 52 must be used for the checking of the 50N-51N protection when the relay under test is a type provided with summation ring type transformer. with primary nominal current of 100 A; for the test of the 87N protection and of the 50N-51N protection in all other cases, the connection scheme of the fig. 51 must be used. The checking of the 87N restricted ground fault protection not include the stabilizing resistance and the non linear resistor. The test comprises the checking of the operation thresholds and the relevant operating time. The same instructions apply, which are indicated above for the overcurrent function (50-51). Checking the differential protections (87T, 87G) This testing measures: - the operation threshold corresponding to a number of points

140

SKC000\08 10-2007

SKC

Fig. 51

Fig. 52

SKC000\08 10-2007

141

caratteristica d'intervento; - il tempo d'intervento. La verifica pu essere eseguita mediante il circuito di prova di fig. 53, riguardante i circuiti di misura per la fase L1; le prove possono poi essere ripetute per gli altri circuiti d'entrata del rel SKC, relativi alle fasi L2 e L3. Durante tale verifica deve essere impostata la modalit di adattamento esterno delle correnti, impostando il parametro COMPENSATION a EXT nel sottomen PRESET. Occorre tuttavia considerare che se viene modificata la selezione del parametro COMPENSATION da INT (interna) a EXT (esterna), nel rel SKC vengono automaticamente assegnate le seguenti impostazioni: - nel sottomen MODE, COMMON la funzione SELF viene impostata OFF; - nei sottomen MODE, BANK A e B gli interventi (TR) e gli avviamenti (ST) delle soglie relative alle funzioni di protezione, la funzione di blocco in uscita (BLOCK OUT), la protezione contro la mancata apertura dell'interruttore (BF), gli avviamenti della ritenuta di seconda e quinta armonica per la protezione 87T (ST2nd RES, ST5th RES) non vengono assegnati ad alcun rel finale (impostazione OFF); - nei sottomen TRAFO DATA,BANKA e B i parametri InTAH/InH e InTAL/InL vengono regolati al valore 1.00 ed il parametro VECT GROUP viene impostato a Dd0. Pertanto al termine della verifica della protezione 87T o 87G le impostazioni dei parametri sopra indicati devono essere riportate alle impostazioni richieste per l'effettivo servizio del rel SKC. Applicando due segnali di corrente perfettamente in fase tra loro risulta:
ld lR = = = l ' - l '' ( l ' + l '' ) / 2 lT / 2

of the operation curve; - the operation time. The test can be carried out by means of the test circuit shown in the fig. 53, concerning the input measuring circuits for the phase L1; then the tests can be repeated for the other input circuits of the SKC relay, referred to the phases L2 and L3. With this test the currents matching must be set in external mode by setting the COMPENSATION parameter to EXT in the submenu PRESET. If the selection of the parameter COMPENSATION must be modified from INT (internal matching) to EXT (external matching), in the SKC relay are automatically set the followings parameters: - in MODE, COMMONsubmenu the SELF function is set OFF; - in MODE, BANK A e B submenues the trippings (TR) and the startings (ST) of the protective function thresholds, the blocking output function (BLOCK OUT), the breaker failure protection (BF), the startings of the second and fifth harmonic restraint for the 87T protection (ST2nd RES, ST5th RES) aren't set to some final relay (settings OFF); - inTRAFO DATA,BANKA e B submenues InTAH/InH and InTAL/InL parameters are set to the value of 1.00 and the VECT GROUP parameter is set to Dd0. Hence at the end of the test for 87T or 87G differential protection, the settings of the above parameters must be carry back to the settings requested for the effective service of the SKC relay. By applying two current signals perfectly in-phase one another, it results:
ld lR = = = l ' - l '' ( l ' + l '' ) / 2 lT / 2

Fig. 53

142

SKC000\08 10-2007

SKC
Volendo invece eseguire una prova con due segnali sfasati tra loro, occorre basarsi sulla misura delle cadute di tensione ai capi delle resistenze(1):
ld lR = Ud / R = lT/2

On the other hand when executing a test with two signals out of phase each other, one must take account of the voltage drops across the resistors(1):
ld lR = Ud / R = lT / 2

La procedura di prova la seguente: - tracciare su un diagramma, simile a quelli delle fig. 8 e 9, la caratteristica d'intervento corispondente alle tarature effettive dei parametri ld>, K 1, K2, Q, ld>> - predisporre due valori di corrente l ' e l '' in modo che i corrispondenti valori ld e l R, determinati come sopra, si trovino sul limite inferiore di tolleranza della curva d'intervento; - azzerare entrambe le correnti; - applicare istantaneamente le due correnti sopra indicate, e osservare che non ci sia intervento della protezione; - predisporre due valori di corrente l ' e l '' in modo che i corrispondenti valori ld e lR, determinati come sopra, si trovino sul limite superiore di tolleranza della curva d'intervento; - azzerare entrambe le correnti; - applicare istantaneamente le due correnti sopra indicate, e osservare che ci sia l'intervento della protezione; - predisporre due valori di corrente l ' e l '' in modo che i corrispondenti valori ld e lR, determinati come sopra, siano tali che ld / 2 e lR si trovino sulla curva d'intervento; - azzerare entrambe le correnti; - applicare istantaneamente le due correnti sopra indicate, e rilevare che il tempo d'intervento corrisponda con il valore impostato. Verifica della funzione di blocco con altri rel di protezione della serie S Una verifica realistica della funzione di blocco pu essere effettuata mediante due esemplari di SKC, oppure con un altro rel della serie S dotato della funzione di blocco. Una verifica pi semplice pu essere eseguita utilizzando il solo esemplare in prova. Occorre in questo caso collegare tra loro il circuito d'entrata di blocco con il circuito d'uscita di blocco; per ottenere le opportune condizioni di prova pu essere anche necessario alterare l'assegnazione della funzione di blocco in entrata o in uscita. A titolo di esempio una possibile configurazione di prova rappresentata in fig. 54, con la seguente predisposizione: - funzione BLOCK IN attivata per la protezione IH>>, - funzione BLOCK OUT attivata per la protezione IE >>. La procedura di prova la seguente: - applicare istantaneamente un valore di corrente pari a 2.5 volte la soglia a un circuito d'entrata di fase del lato H e verificare che il tempo d'intervento corrisponda al valore tH>>B impostato; - azzerare la corrente; - applicare istantaneamente un valore di corrente pari a 2.5
NOTA 1 - Per ottenere misure attendibili occorre che le due resistenzeR siano perfettamente uguali tra loro.

The testing procedure is as follows: - draw on a diagram, similar to those of fig. 8 and 9, the operating characteristic curve corresponding to the actual setting of the parameters ld>, K1, K2, Q, l d>> - adjust two current values for l ' and l '' such that the corresponding values l d and l R , determined as above, will lie on the lower tolerance limit of the operation curve; - set both currents to zero; - feed instantaneously the two currents as above, and check that the protection does not operate; - adjust two current values for l ' and l '' such that the corresponding values ld and lR, determined as above, will lie on the upper tolerance limit of the operation curve; - set both currents to zero; - feed instantaneously the two currents as above, and check that the protection does operate; - adjust two current values for l ' and l '' such that the corresponding values ld and lR, determined as above, are such that ld / 2 and lR will lie on the operating curve; - set both currents to zero; - feed instantaneously the two currents as above, and check that the operation time corresponds with the setting value.

Checking the blocking function with other protection relay of the S series A thorough test of the blocking function can be carried out by using two specimens of relay SKC, or with another relay of the S series, which is provided with the blocking function. However a simpler test can be carried out by using the unit under test alone. To this end the input blocking circuit needs to be connected to the output blocking circuit of thesame relay; to achieve a suitable test condition, it can be necessary to modify the assignment of the input and output blocking functions. To give an example, one among the possible test configurations is presented in fig. 54, with the following setting: - BLOCK IN function set to on for the protection IH>>, - BLOCK OUT function set to on for the protection IE>>. The testing procedure is as follows: - apply instantaneously a current value equal to 2.5 times the preset threshold to a phase input circuit of the side H, and check that the operation time corresponds to the preset value tH>> B; - set the current to zero; - apply instantaneously a current value equal to 2.5 times the
NOTE 1 - To perform reliable measurements, it is necessary that the two resistors R are perfectly equal one another.

SKC000\08 10-2007

143

Fig. 54

144

SKC000\08 10-2007

SKC
volte la soglia al circuito d'entrata della corrente residua e verificare che il tempo d'intervento corrisponda al valore tE>> impostato; - azzerare la corrente; - applicare contemporaneamente le due correnti indicate sopra e verificare che il tempo d'intervento della soglia IH>> corrisponda al valore(1) t =t F + tH>> b - azzerare entrambe le correnti; - predisporre la funzione BLOCK OUT attivata per la soglia IH>>; - applicare istantaneamente un valore di corrente pari a 2.5 volte la soglia impostata a un circuito d'entrata di fase del lato H e verificare che il tempo d'intervento corrisponda alla somma tB + tH>>b (e inoltre si spegne il LED verde frontale, ad indicare l'anomalia della durata eccessiva del segnale di blocco oltre il tempo tB); - azzerare entrambe le correnti e osservare il ripristino della protezione e l'accensione del LED verde frontale; - interrompere il collegamento di blocco e osservare che dopo un tempo di 2...4 min il rel segnala l'anomalia spegnendo il LED verde frontale; - applicare istantaneamente un valore di corrente pari a 2.5 volte la soglia a un circuito d'entrata di fase e verificare che il tempo d'intervento corrisponda al valore tH>> impostato; - ripristinare il collegamento di blocco, utilizzando il circuito d'uscita di blocco differente da quello utilizzato in precedenza, e osservare l'accensione del LED verde frontale dopo un tempo di 1...2 min. Verifica dei circuiti d'entrata digitale Il funzionamento dei circuiti d'entrata digitale pu essere verificato con una procedura di prova corrispondente alla funzione per cui predisposto il circuito interessato. In ogni caso i circuiti d'entrata digitale si trovano nello stato di riposo quando non sono alimentati e nello stato attivo quando sono alimentati con la tensione ausiliaria. 1 - Funzione di ripristino Per verificare questa funzione sufficiente fare intervenire il rel; quindi attivando il circuito d'entrata digitale si ottiene lo stesso risultato che si ha con il tasto frontale RESET. 2 - Funzione di modifica della configurazione di taratura Per verificare questa funzione occorre considerare una qualsiasi caratteristica nella quale si differenziano i due banchi di taratura di cui dotato il rel. Si tratta quindi di verificare tale caratteristica nei due casi corrispondenti al circuito digitale a riposo e attivato. 3 - Funzione di salvataggio dati Per verificare questa funzione occorre applicare qualche segnale ai circuiti d'entrata di misura del rel. All'istante in cui il circuito digitale viene attivato, si ottiene la memorizzazione dei segnali d'entrata in luogo dei valori relativi all'ultimo intervento (IL1HT, IL2HT ...).
NOTA 1 - Affinch la verifica sia praticabile occorre che la taratura del tempo massimo di blocco tB sia sufficientemente elevata; precisamente tB deve essere superiore a tF .

preset threshold to the residual current input circuit, and check that the operation time corresponds to the preset value tE>>; - set the current to zero; - apply at the same time both above currents and check that the operation time for the IH>> threshold corresponds to the following value(1) t =t F + tH>> b - set both currents to zero; - set on the BLOCK OUT function for the IH>> threshold; - apply instantaneously a current value equal to 2.5 times the preset threshold to a phase input circuit of the side H, and check that the operation time corresponds to the sum tB + tH>> b (moreover the relay switches off the green LED to show the faulty condition of an excessive duration of the blocking signal over the time tB ); - set both currents to zero and observe that the protection resets and the front green LED switches on; - break the blocking circuit connection and observe that, after a time delay of 2...4 min, the relay shows the faulty condition by switching off the green LED; - apply instantaneously a current value equal to 2.5 times the preset threshold to a phase input circuit, and check that the operation time corresponds to the preset value tH>>; - restore the connection of the blocking circuit, by using the output blocking circuit different from that one previously used, and observe that the green LED turns on after a time delay of 1...2 min. Checking the digital input circuits The correct operation of the digital input circuits can be tested by a different procedure, depending on the function to which the digital input is assigned. Anyway the digital input circuits are in the rest condition when they are not supplied and in the active condition when they are supplied by the auxiliary voltage. 1 - Reset function To test this function it is necessary to make the relay to operate; then by activating the digital input circuit, the same result is obtained as with the RESET front key. 2 - Change of the configuration setting function To test this function it is necessary to consider some setting characteristic, for which the two setting banks differ from one another. Then that characteristic can be tested in both conditions, that is with the digital input circuit respectively at rest and in the active state. 3 - Save function To test this function it is necessary to apply some signals to the measuring input circuits of the relay. As soon as the digital input circuit is activated, the values of the input signals are stored in place of the last trip values (I L1HT, IL2HT...).
NOTE 1 - To make this test possible it is necessary that the setting of the maximum on time tB of the input blocking circuit be high enough; that is, t B must be higher than tF .

SKC000\08 10-2007

145

4 - Funzione di blocco Per verificare questa funzione occorre applicare gli opportuni segnali ai circuiti d'entrata di misura del rel, in modo da fare intervenire una funzione avente l'ingresso di blocco abilitato. Seguendo le procedure indicate al paragrafo precedente possibile verificare la funzione di blocco, ad esclusione della verifica di continuit del circuito che in questo caso non praticabile. VERIFICA MEDIANTE INIEZIONE DI CORRENTE Se il quadro elettrico provvisto di prese di prova, possibile applicare ad esse i segnali voltmetrici e amperometrici di prova e rilevare lo stato dei contatti finali del rel SKC. Con questa procedura tuttavia, limpianto rimane privo di protezione per tutto il tempo necessario allesecuzione della prova. La modalit di esecuzione delle prove di verifica identica a quella riportata nel precedente paragrafo.

4 - Blocking function To test this function it is necessary to apply suitable signals to the measuring input circuits of the relay, so as to make a function (having the input blocking set to on) to operate. By following the procedure indicated in the above paragraph, it is possible to test the blocking function; only the blocking circuit interruption cannot be tested, as in this configuration this feature is not available. CHECK BY MEANS OF CURRENT INJECTION If the electrical controlgear is equipped with test plugs, it is possible to apply to them the current and voltage test signals and to ascertain the status of the final contacts of the SKC relay. However, by using this procedure, the system remains without protection for all the time necessary for carrying out the test. The procedures used for carrying out the test are the same as described in the preceding paragraph.

146

SKC000\08 10-2007

SKC
8 - MANUTENZIONE
I rel della serie S non richiedono alcuna particolare manutenzione; tutti i circuiti utilizzano componenti statici di elevata qualit, i semilavorati vengono sottoposti a verifiche dinamiche di funzionamento prima dell'assemblaggio dell'apparecchio completo. I circuiti dedicati ed il firmware preposto alla funzione di autodiagnosi operano un controllo continuo sul funzionamento del rel; la funzione di autoazzeramento funzionante in permanenza corregge dinamicamente gli errori di misura causati da offset, derive termiche, invecchiamento dei componenti ecc. Il microprocessore dispone di un circuito denominato whatch-dog che provvede a ripristinare il corretto funzionamento del firmware in caso di guasto. consigliabile, dopo un periodo di qualche mese dalla messa in servizio, controllare il serraggio delle viti ed effettuare le prove di funzionamento descritte nel capitolo MESSA IN SERVIZIO. La possibilit di leggere sull'indicatore il valore delle grandezze misurate (il rel SKC utilizzato come amperometro o voltmetro) consente di verificare in qualsiasi momento sia i parametri dell'impianto che il funzionamento del rel di protezione. Il rel SKC pu essere predisposto per mostrare i valori delle correnti riferiti alla corrente nominale dei TA, oppure espressi direttamente in ampere primari (previa impostazione della corrente nominale dei TA); analogamente avviene per i valori delle tensioni misurate. In caso di collegamento ad un'unit centrale di controllo, tutti i dati disponibili sul display possono essere controllati ed elaborati eseguendo in tal modo una verifica ed una manutenzione continua. Non sono previsti interventi di riparazione di eventuali guasti da parte del cliente; qualora in seguito a qualsiasi anomalia di funzionamento le prove sopradescritte confermassero la presenza di un guasto, occorrer inviare il rel in fabbrica per la riparazione e le conseguenti tarature e verifiche.

8 - MAINTENANCE
The S Series relays do not require any particular maintenance; all circuits use high quality static components, the subassembly products undergo dynamical checks on their functioning before the final assembling of the complete equipment. The dedicated circuits and the firmware for the self-test function continuously check the relay operation; the continuously operating auto-zeroing function dynamically corrects the measuring errors due to offset, heat dependent drifts, aging of components, etc. The microprocessor is equipped with a circuit called watch-dog which restores the correct operation of the firmware in case of fault. It is advisable, after a period of some months following the commissioning, to check the tightening of the screws and to perform the operation tests described in the chapter COMMISSIONING. The possibility of reading the value of the signals measured on the display (the SKC relay used as an ammeter or voltmeter) allows one to check both the system parameters and the operation of the protection relays at any time. The SKC relay can be preset as well to show the current values referred to the nominal current of the current transformers, as directly in primary amperes (according to the preset value of CT's nominal primary current); the same is done for the input voltages. If connected to the central control unit, all data available on the display can be checked and processed thus performing a continuous check and maintenance. No repair of possible faults by the client is foreseen; if following to any irregularity of operation, the above tests confirm the presence of a fault, it will be necessary to send the relay to the factory for the repair and the consequent settings and checks.

9 - MAGAZZINAGGIO
L'immagazzinamento del rel di protezione SKC deve essere effettuato nel rispetto delle condizioni di temperatura previste; l'umidit relativa non deve portare a formazione di condensa o ghiaccio. Si consiglia di conservare gli apparecchi nei propri imballaggi; in caso di un lungo periodo di immagazzinamento, in special modo in condizioni climatiche critiche, si raccomanda di alimentare l'apparecchio per un tempo di alcune ore prima della messa in servizio allo scopo di portare in condizione di regime i circuiti e stabilizzare il funzionamento dei componenti.

9 - STORAGE
The protection relay type SKC must be stored within the required temperature limits; the relative humidity should not cause condensation or formation of frost. It is recommended that the devices are stored in their packings; in the case of long storage, especially in extreme climatic conditions, it is recommended that the device is supplied with power for some hours before the commissioning, in order to bring the circuits to the rating conditions and to stabilize the operation of the components.

SKC000\08 10-2007

147

NOTA - In relazione all'evoluzione dei materiali e della normativa, THYTRONIC si riserva la facolt di modificare senza preavviso le caratteristiche, gli schemi e le dimensioni d'ingombro indicate in questa pubblicazione.

NOTE - Following the continuous improvement of components and standards, THYTRONIC reserves the right to modify without notice the characteristics, the drawings and overall dimensions indicated in this publication.

148

Sede/Headquarters 20139 MILANO (ITALY) - Piazza Mistral 7 - tel 02-57 49 57 01 (r.a.) - fax 02-57 40 37 63 Stabilimento/Factory 35127 PADOVA (ITALY) - Z.I. Sud - Via dell'Artigianato 48 - tel 049-89 477 01 (r.a.) - fax 049-870 13 90

SKC000\08 10-2007