Sei sulla pagina 1di 230

Lezioni di economia del lavoro

Anno Accademico 2000-2001


Stefano Staolani Dipartimento di Economia Universit` di Ancona a 20 Febbraio 2001

Indice
1 Introduzione 2 Il lavoro nei paesi industrializzati 2.1 Alcune denizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.1.1 Forze di lavoro, occupazione e disoccupazione . . . . 2.1.2 Redditi da lavoro dipendente e retribuzioni lorde . . . 2.2 I fatti principali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2.1 La disoccupazione e loccupazione . . . . . . . . . . . 2.2.1.1 Disoccupazione e segmentazione del mercato del lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . 2.2.1.2 La disoccupazione di lunga durata . . . . . 2.2.2 Lampliamento dei dierenziali salariali . . . . . . . . 2.3 Le istituzioni del mercato del lavoro . . . . . . . . . . . . . . 2.3.1 Lintervento dello Stato . . . . . . . . . . . . . . . . 2.3.1.1 Tassazione e contributi sociali . . . . . . . . 2.3.1.2 Le politiche contro la disoccupazione . . . . 2.3.2 Sindacati e mercato del lavoro . . . . . . . . . . . . . 2.3.3 I contratti di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2.3.3.1 Gli orari di lavoro eettivi e il part time . . 2.3.3.2 Il lavoro temporaneo . . . . . . . . . . . . . 2.3.3.3 Lavoro autonomo e lavoro dipendente . . . 2.3.4 Flessibilit` e regolamentazione . . . . . . . . . . . . . a 2.4 Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Appendice A: Rilevazione trimestrale sulle forze di lavoro . . . . . 11 15 15 16 20 20 21 25 29 32 35 36 36 38 40 46 46 49 49 50 58 59

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3 Lapproccio tradizionale 67 3.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67 3.2 La domanda di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68 3

4 3.2.1

INDICE La domanda di lavoro nel breve periodo . . . . . . . . 71 3.2.1.1 Mercati concorrenziali . . . . . . . . . . . . . 72 3.2.1.2 Mercato del prodotto non concorrenziale . . . 74 3.2.1.3 Mercato dei fattori in monopsonio . . . . . . 76 3.2.1.4 Riepilogo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79 3.2.2 La domanda di lavoro nel lungo periodo: cenni . . . . . 80 3.2.2.1 La scelta dei valori ottimali degli input . . . . 81 3.2.2.2 Lelasticit` di sostituzione . . . . . . . . . . . 83 a 3.2.2.3 La massimizzazione dei protti . . . . . . . . 84 3.2.2.4 Le quote dei fattori . . . . . . . . . . . . . . . 90 3.3 Loerta di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91 3.3.1 Il modello consumo-tempo libero . . . . . . . . . . . . 91 3.3.2 Il tempo libero ` un bene normale o inferiore? . . . . . 95 e 3.3.3 Dalloerta di ore alloerta di lavoratori . . . . . . . . 96 3.3.3.1 Il salario di riserva . . . . . . . . . . . . . . . 96 3.3.3.2 Regimi orari . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97 3.3.3.3 Tassazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98 3.3.3.4 Costi ssi di entrata . . . . . . . . . . . . . . 99 3.4 Lavoro e consumo in equilibrio . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99 3.4.1 Una rappresentazione graca dellequilibrio . . . . . . . 101 3.4.2 Una rappresentazione graca del disequilibrio . . . . . 102 3.4.3 Lesistenza dellequilibrio . . . . . . . . . . . . . . . . . 104 3.4.4 Un esempio di calcolo dellequilibrio economico generale 106 3.5 Lutilizzo del tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109 3.5.1 Un semplice modello di allocazione del tempo . . . . . 109 3.5.2 Il capitale umano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113 3.5.2.1 Il tasso di ritorno del capitale umano . . . . . 114 3.5.2.2 Le decisioni di investimento in capitale umano 117 3.5.2.3 Imprese, capitale umano generico e specico . 121 Appendice A: Il grado di monopolio di Lerner . . . . . . . . . . . . 126 Appendice B: Dalla funzione di produzione alla funzione di costo . . 128 Appendice C: Il Lagrangeano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130 Appendice D: La rappresentazione graca della funzione di produzione a due fattori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133 Appendice E: La pendenza delle curva di indierenza tra consumo e tempo libero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134 Appendice F: Come varia il tempo libero al variare del reddito? . . 136 Appendice G: schemi di contrattazione . . . . . . . . . . . . . . . . 140

INDICE 4 Gli equilibri non walrasiani 4.1 Teoria della ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.1.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.1.2 Un esempio numerico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.1.2.1 Il numero ottimale di ricerche . . . . . . . . 4.1.2.2 Il salario di riserva . . . . . . . . . . . . . . 4.1.3 Alcuni approfondimenti dei modelli di job search . . 4.1.3.1 La ricerca da parte dei disoccupati . . . . . 4.1.3.2 Lanalisi della durata della ricerca di lavoro 4.1.4 Un modello di ricerca di equilibrio . . . . . . . . . . . 4.1.4.1 I licenziamenti . . . . . . . . . . . . . . . . 4.1.4.2 Il modello con ricerca bilaterale . . . . . . . 4.1.5 Alcune implicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.2 I contratti impliciti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.2.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.2.2 Un semplice modello . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.2.3 Contratti con tempo di lavoro esogeno e sussidi ai disoccupati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.2.4 Contratti con tempo di lavoro esogeno in assenza di sussidi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.2.5 Contratti con tempo di lavoro endogeno . . . . . . . Appendice A: Lutilit` intertemporale attesa . . . . . . . . . . . . a Appendice B: Lavversione al rischio . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Linformazione asimmetrica 5.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5.2 Linformazione nascosta . . . . . . . . . . . . 5.2.1 Le dichiarazioni dellimpresa . . . . . . 5.2.2 Il principio di rivelazione . . . . . . . . 5.2.3 Il contratto con asimmetrie informative 5.3 Selezione della forza lavoro . . . . . . . . . . . 5.3.1 I modelli di autoselezione . . . . . . . .

5 145 . 145 . 145 . 148 . 148 . 150 . 154 . 154 . 158 . 163 . 163 . 165 . 168 . 171 . 171 . 173 . 175 . . . . 178 179 184 191 195 195 196 197 200 204 207 209

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

. . . . . . .

5.3.2

5.3.1.1 Quando i lavoratori si appropriano della rendita210 5.3.1.2 Quando le imprese si appropriano della rendita212 I modelli di segnalazione . . . . . . . . . . . . . . . . . 215 5.3.2.1 Un semplice modello con segnalazione . . . . 216 5.3.2.2 Segnalazione e benessere . . . . . . . . . . . . 220

INDICE 225 . 225 . 227 . 227 . 228 . 229 . 230 . 231 . . . . . . . . . . . 235 243 249 249 250 250 252 253 255 258 259

6 I salari di ecienza 6.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.2 I dierenti approcci ai salari di ecienza . . . . . . . . . . . 6.2.1 I modelli con turnover del lavoro . . . . . . . . . . . 6.2.2 I modelli con selezione avversa . . . . . . . . . . . . . 6.2.3 I modelli sociologici . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.2.4 I modelli con incentivazione . . . . . . . . . . . . . . 6.3 La relazione tra salario e impegno . . . . . . . . . . . . . . . 6.3.1 Fondamenta microeconomiche dei salari di ecienza: Il modello di shirking . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.3.2 Una generalizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.4 Le critiche ai salari di ecienza . . . . . . . . . . . . . . . . 6.4.1 Le imprese pagano veramente i salari di ecienza? . 6.4.1.1 Incentivazione e carriera . . . . . . . . . . . 6.4.1.2 Incentivazione e proli salariali crescenti . . 6.4.1.3 Incentivazione e fondi di garanzia . . . . . . 6.4.2 Contratti bilateralmente esecutori . . . . . . . . . . . 6.4.2.1 Le imprese . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.4.2.2 I lavoratori . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.4.2.3 Lequilibrio: una analisi graca . . . . . . . 7 Sindacati e contrattazione 7.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.2 Gli obiettivi del sindacato . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3 Monopolio sindacale e contrattazione . . . . . . . . . . 7.3.1 Una analisi graca della contrattazione . . . . . 7.3.2 Il sindacato ssa i salari, limpresa loccupazione 7.3.3 Contrattazione su salari e occupazione . . . . . 7.3.4 Lequilibrio secondo la contrattazione di Nash . 7.3.5 Contrattazione ripetuta . . . . . . . . . . . . . 7.3.6 Le quote giuste . . . . . . . . . . . . . . . . . 7.3.7 Limpresa vincolata dal lato delle vendite . . . . 7.3.8 Membership sindacale . . . . . . . . . . . . . . 7.4 Contrattazione e equilibrio generale . . . . . . . . . . . 7.4.1 La determinazione del salario . . . . . . . . . . 7.4.2 La determinazione del prezzo . . . . . . . . . . 7.4.3 Lequilibrio economico con contrattazione . . . 7.5 I modelli insider-outsider . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . .

265 . 265 . 266 . 268 . 271 . 274 . 276 . 279 . 284 . 285 . 286 . 287 . 289 . 289 . 294 . 295 . 296

INDICE 7.5.1 7.5.2

7 Insiders e contratti a termine . . . . . . . . . . . . . . 297 Insider e ssazione del salario . . . . . . . . . . . . . . 301 307 307 308 308 310 313 313 316 318 319 319 320 321 322 324 326 327 328 329 330

8 Cenni ai temi macroeconomici 8.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.2 Il tasso naturale di disoccupazione . . . . . . . . . . . . . . 8.2.1 Matching e durata della disoccupazione . . . . . . . 8.2.2 La curva di Beveridge . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3 Disoccupazione in equilibrio . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3.1 Il mercato del lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3.2 Il mercato dei beni . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3.3 Considerazioni sullequilibrio . . . . . . . . . . . . . 8.3.4 Shock da oerta: tecnologia . . . . . . . . . . . . . 8.3.5 Shock da oerta: sussidi di disoccupazione . . . . . 8.3.6 Shock da domanda . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.4 Il NAIRU . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.4.1 La determinazione del NAIRU . . . . . . . . . . . . 8.4.2 Errori nelle aspettative e curva di Phillips . . . . . 8.4.3 La domanda di beni e lequilibrio . . . . . . . . . . 8.5 Disoccupazione e isteresi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.5.1 Un semplice modello . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.5.2 Fissazione del salario senza pressioni degli outsider 8.5.3 Fissazione del salario con pressioni degli outsider .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . .

INDICE

Elenco delle gure


2.1 2.2 2.3 2.4 2.5 2.6 2.7 2.8 2.9 2.10 2.11 2.12 2.13 2.14 2.15 2.16 Occupazione, inattivit`, disoccupazione . . . . . . . . . . . . . a Tassi di disoccupazione nel Nord America, nei paesi OCSE Europei, in Oceania e in Giappone . . . . . . . . . . . . . . . Tassi di occupazione in vari paesi, 1995 . . . . . . . . . . . . . Tassi di ingresso e di uscita dalla disoccupazione . . . . . . . . Quota di lavoratori con bassi salari . . . . . . . . . . . . . . . Tendenze nella distribuzione dei redditi da lavoro . . . . . . . Tasso di variazione medio annuo dei salari dei lavoratori meno qualicati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Cuneo scale medio e marginale allinizio degli anni 90 . . . . Spesa pubblica per le politiche attive e passive nel mercato del lavoro in percentuale del PIL, circa 1995, paesi OCSE . . . . . Media del rapporto tra sussidi di disoccupazione e salari nei paesi OCSE; circa 1960-1995 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Tassi di sindacalizzazione e grado di copertura dei contratti collettivi di lavoro, 1980 e 1994 . . . . . . . . . . . . . . . . . Conitti di lavoro nei paesi OCSE dal 1959 al 1990 (conitti nellindustria ogni 1000 lavoratori non agricoli) . . . . . . . . . Redditi reali da lavoro e produttivit` per occupato in Italia; a variazione percentuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Quota dei protti sul prodotto interno . . . . . . . . . . . . . Orari medi annui eettivi di lavoro in vari paesi . . . . . . . . Contribuzione del lavoro part-time alla crescita delloccupazione e quota di lavoratori part time nei paesi OCSE, 1979 e 1992 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Il lavoro autonomo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Tenure dei lavoratori full-time, composizione percentuale, 1997 9 19 22 25 31 33 34 35 37 39 41 42 43 44 45 47

2.17 2.18

48 51 53

10

ELENCO DELLE FIGURE 2.19 Indice della dicolt` di licenziamento in vari paesi - ne anni a 90 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55 2.20 Indice complessivo delle misure di protezione delloccupazione employment protection legislation . . . . . . . . . . . . . . . . 56 3.1 3.2 3.3 3.4 3.5 3.6 3.7 3.8 3.9 3.10 3.11 3.12 4.1 4.2 4.3 4.4 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 5.6 6.1 6.2 6.3 6.4 7.1 7.2 Funzione di produzione di breve periodo Domanda di lavoro e equilibrio . . . . . . Equilibrio di lungo periodo . . . . . . . . La scelta tra consumo e tempo libero . . Equilibrio con tempo di lavoro vincolato Equilibrio con tempo di trasporto . . . . Equilibrio walrasiano . . . . . . . . . . . Disequilibrio . . . . . . . . . . . . . . . . Esistenza dellequilibrio walrasiano . . . Redditi da lavoro nel ciclo di vita . . . . Funzione di utilit` e vincolo di bilancio . a Utilit` marginale del consumo . . . . . . a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69 79 82 93 98 100 102 103 106 116 131 137 150 174 177 192 200 202 203 211

Beneci e costi dellattivit` di ricerca . . . . a Equilibrio interperiodale . . . . . . . . . . . Domanda di lavoro in diversi stati di natura Funzione di utilit` attesa . . . . . . . . . . . a

Relazione tra shock vero e shock dichiarato dallimpresa . . . Principio di rivelazione sempre soddisfatto . . . . . . . . . . Principio di rivelazione e sottoccupazione . . . . . . . . . . . Prodotto e retribuzione con due diversi tipi di lavoratori . . Prodotto e retribuzione con due diversi tipi di lavoratori e pi` u periodi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Lequilibrio con segnalazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . Relazione tra salario e impegno del lavoratore Equilibrio con salari di ecienza . . . . . . . . Ecienza dellequilibrio con salari di ecienza Vincoli di partecipazione e incentivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. 213 . 219 . . . . 232 242 242 260

Equilibrio con sindacati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270 Curve di indierenza, di isoprotto e equilibri nel mercato del lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273

ELENCO DELLE FIGURE 7.3 7.4 7.5

11

Contratti equi e contratti ecienti . . . . . . . . . . . . . . . . 286 Contratti con vincoli sulloccupazione . . . . . . . . . . . . . . 287 Contrattazione e path-dependence . . . . . . . . . . . . . . . . 288 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 311 312 315 317 332 333

8.1 La curva di Beveridge . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.2 Disoccupazione frizionale e disoccupazione classica . 8.3 Domanda di lavoro e funzione di ssazione dei salari 8.4 product supply function e product demand function 8.5 Isteresi nel mercato del lavoro . . . . . . . . . . . . 8.6 Persistenza nel mercato del lavoro . . . . . . . . . .

12

ELENCO DELLE FIGURE

Elenco delle tabelle


2.1 2.2 2.3 2.4 2.5 2.6 2.7 Tasso di disoccupazione in alcuni paesi OCSE . . . . . . . . Tasso di disoccupazione nelle regioni italiane, 1998 . . . . . . Caratteristiche del mercato del lavoro in alcuni paesi OCSE, 1995 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Incidenza della disoccupazione di lungo periodo come quota percentuale della disoccupazione totale . . . . . . . . . . . . Costi del lavoro di origine non salariale in proporzione al costo totale del lavoro (%) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Proporzione delloccupazione a tempo determinato sulloccupazione totale per genere, 1997 . . . . . . . . . . . . . . . . Flessibilita salariale: incremento percentuale del salario dipendente da una riduzione di un punto percentuale del tasso di disoccupazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 . 27 . 28 . 30 . 38 . 50

. 57

3.7 4.1 5.1

Costi e beneci dellistruzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115 Il salario atteso dalla ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149 parametri in un modello di segnalazione . . . . . . . . . . . . 217

13

Premessa

Linteresse per le tematiche inerenti il lavoro e loccupazione ` consideree volmente aumentano negli ultimi decenni, soprattutto, ma non solo, a causa delle dicolt` incontrate da quote rilevanti della popolazione nel trovare una a occupazione. La disoccupazione, almeno in alcuni paesi europei, ` aumentata e di 3-4 volte rispetto ai livelli sperimentati no ai primi anni 70; le disparit` a salariali tra lavoratori qualicati e non sembrano costantemente in aumento; lintervento pubblico ha portato a forti dierenze tra costo del lavoro pagato dalle imprese e retribuzione netta percepita dai lavoratori; la quota del reddito da lavoro sul totale del reddito nazionale risulta decrescente; i protti delle imprese sono aumentati senza che questo portasse a incrementi negli investimenti; le fasi congiunturali positive hanno lasciato spesso immutati i livelli occupazionali, e cosi via. Tutte queste problematiche hanno fatto si che leconomia del lavoro sia diventata terreno di intervento da parti di politici, imprenditori, giornalisti, opinion makers (basti pensare al dibattito sulla essibilit`) che spesso fornia scono facili ricette per risolvere problemi per i quali agli occhi dello studioso non ` stata neanche abbozzata una prima diagnosi. e Lanalisi dei sistemi economici dei paesi industrializzati, una volta che si rinuncia allipotesi di mercati in concorrenza perfetta con informazione completa degli agenti e mercati completi (ipotesi che hanno portato a modelli che, estremamente sosticati ed attraenti per le loro conclusioni ma che rappresentano mondi ideali, utili forse solo per valutare quanto la realt` dei paesi a industrializzati sia lontana) diventa sempre pi` dicile e i risultati ottenuti u sono sempre di pi` dipendenti da quali degli innumerevoli aspetti della realt` u a si vogliano privilegiare. Non ` allora negli scopi di questo testo proporre una quadro che sia in e se esauriente e conclusivo rispetto ai problemi che attraversano il mondo del

lavoro n`, tanto meno, fornire quelle ricette di politica economica che tanti e sembrano conoscere a memoria. Si vuole invece passare in rassegna alcune delle teorie proposte negli ultimi decenni che riescono, forse, a sviluppare tentatitivi di comprensione di alcune regolarit` emerse nel mercato del lavoro. a Purtroppo per i lettori, cercare di comprendere queste teorie ` compito are duo e lungo. Leconomista politico, dopo labbandono della macroeconomia keynesiana che sembra aver contagiato buona parte degli studiosi, necessita sempre di pi` di basare i propri modi di pensare sullanalisi di comportau menti di agenti razionali che massimizzano una propria funzione obiettivo in mercati non competitivi avendo a disposizione un set informativo limitato. Le metodologie di analisi, che portano agli articoli scientici, non sono quindi n` semplici n` di immediata comprensione e necessitano di buone basi e e analitiche. In questo libro si cercher` di rendere semplice quello che semplice non a `, senza per` abbandonare un certo rigore. Si tratta di un testo che ` in e o e buona parte microeconomico e che, tende ad analizzare i fattori che possono spiegare i fallimenti del mercato del lavoro.

Alcuni anni di lezione al corso di economia del Lavoro presso lUniversit` a degli studi di Ancona rappresentano la base del presente volume. Di anno in anno gli appunti delle lezioni cominciano a diventare materiale distribuito agli studenti dopo la lezione, materiale distribuito prima del corso... no a diventare qualcosa che assomiglia vagamente ad un manuale. Ma che presenta tutti i difetti di qualcosa scritto in fretta, non rivisto, con temi che magari potevano essere spiegati molto pi` semplicemente. Gli studenti del corso u hanno, quindi, rappresentato delle cavie su cui sperimentare la qualit` di a quanto, mano a mano, si accumulava allinterno del disco sso del computer. Dato che ho insegnato economia del lavoro anche al primo anno del corso di dottorato di ricerca in economia politica, ho potuto usufruire dei consigli di varie generazioni di dottorandi passati per Ancona. Alla ne quello che ` emerso ` una raccolta di argomenti inerenti la mie e croeconomia del lavoro che tratta di temi che, credo, siano insegnati nella maggior parte dei corsi in questa materia. Da qui ad un vero manuale completo, organico, aggiornato, di strada da fare ce ne sarebbe molta ma, come sanno tutti coloro che hanno provato a scrivere libri, prima o poi bisogna pure fermarsi.

Il materiale raccolto in questo volume ` indirizzato sia a studenti che e abbiano gi` seguito un corso di base di microeconomia e di macroeconomia a e che abbiano una qualche conoscenza delle basi matematiche tipiche di un corso di primo anno di universit`, sia a studenti al primo anno del dottorato a di ricerca.

I ringraziamenti vanno a tutti coloro che hanno letto il libro, o almeno sue parti: Renato Balducci, Alberto Bucci, Rita Cappariello, Fabio Fiorillo, Riccardo Lucchetti, Stefano Santacroce, Alessandro Sterlacchini, Massimo Tamberi, Laura Chies, oltre che a tutti gli studenti che, probabilmente contro la loro volont`, lo hanno studiato e hanno indicato i punti che potevano essere a migliorati. Una dedica inne ai miei genitori, che pur non sapendo nulla di economia del lavoro, conoscono molto bene cosa voglia dire lavorare duramente.

Capitolo 1 Introduzione
Denire i limiti di interesse di una disciplina come leconomia del lavoro non ` impresa agevole, in quanto qualunque tipo di analisi economica presuppoe ne lesistenza di un mercato del lavoro e sviluppa argomentazioni nelle quali loperare del lavoro umano ` essenziale. Anche se leconomia del lavoro ` e e storicamente sorta come disciplina autonoma attraverso le analisi delle relazioni industriali della realt` americana (e grazie allopera pionieristica di a autori quali J.T. Dunlop [?] e A.M. Ross [?]), si ` in seguito sviluppata in e dierenti direzioni che in generale sono accumunate dalla consapevolezza che il mercato del lavoro presenta caratteristiche proprie non analizzabili con gli stessi strumenti con cui si analizzano gli altri mercati. La riessione sugli elementi che caratterizzano le relazioni lavorative ha preso nuovo vigore dopo che ` risultato evidente che il mercato del lavoro ` spesso caratterizato da e e disequilibrio, inteso come una situazione nella quale loerta di lavoro supera la domanda e dove una certa quota della popolazione incontra dicolt` a a cedere la propria forza lavoro sul mercato. Lindagine sulle cause della disoccupazione ha convogliato gli sforzi di buona parte degli economisti, almeno europei, in questi ultimi decenni1 ; anche nei capitoli che seguono le presentazioni dei vari approcci teorici saranno sempre sviluppate con una particolare attenzione al problema della disoccupazione. Il presente volume sviluppa il lone di studi che, partendo dai tradizionali modelli atomistici di comportamento massimizzante di imprese e consumaTra i vari contributi specici sul tema della disoccupazione, si segnalano Layard, Nickell, Jackman 1991 [?], 1994 [?] e 1999 [?]; Phelps, 1999 [?], Antonelli e Paganetto (curatori), 1999 [?], Sinclair, 1989 [?], Lindbeck e Snower, 1988 [?], Dreze e Bean, 1990 [?], Malinvaud, 1988 [?]
1

17

18

CAPITOLO 1. INTRODUZIONE

tori/lavoratori, giunge ad individuare nella relazione di lavoro caratteri suoi propri che richiedono modalit` di analisi dierenti da quelle di altri mercati. a In particolare si terr` conto del fatto che il mercato del lavoro ` caratterizzato a e da relazioni: di solito di lungo periodo, sulle quali le parti fanno un investimento che comporta costi ssi non recuperabili; soggette a situazioni caratterizzate da informazione incompleta, sia relativa alle opportunit` che sono oerte dalle imprese ai lavoratori in a termini di salari e condizioni di lavoro, sia alle future condizioni del rapporto di lavoro; caratterizzate da informazione asimmetrica tra le parti che possono spingere a comportamenti molto dierenti rispetto quelli ipotizzati nei modelli tradizionali (quali il pagamento di salari superiori al livello minimo); inuenzate della presenza di agenti collettivi che operano in rappresentanza dei lavoratori e, spesso, in rappresentanza dei datori di lavoro. Limpostazione generale del volume ` di tipo microeconomico; le implie cazioni macro dei modelli che analizzeremo sono solo accennate allinterno dei vari capitoli e riprese sinteticamente nellultimo capitolo. Non vengono trattati temi indubbiamente importanti quali lanalisi della domanda e delloerta di lavoro negli autori classici e in Keynes2 . La verica empirica dei modelli che man mano saranno presentati nel volume non viene arontata. A seguire presentiamo i contenuti dei vari capitoli. Il capitolo 2 sviluppa una concisa trattazione di elementi che introducono al dibattito teorico dei capitoli successivi: in particolare verr` proposta una a denizione pi` precisa di quelli che sono i termini economici in uso nelleu conomia del lavoro (disoccupazione, tassi di attivit`, retribuzioni...) e del a modo in cui sono calcolati. Il capitolo prender` poi in considerazione alcune a informazioni empiriche concernenti la realt` dei mercati del lavoro dei paesi a industrializzati. Si tratta di una parte del testo che va considerata come una lettura introduttiva dei principali fatti stilizzati relativi al lavoro, alle retribuzioni, alla disoccupazione. Ci interesseremo di due fenomeni che,
A questo proposito si consiglia la lettura della prima parte del volume Economia del Lavoro di Renato Brunetta [?]
2

19 come detto, sono particolermente rilevanti nei paesi industrilizzati: la disoccupazione e le disparit` salariali. Proporremo alcune informazioni empiriche a relative allintervento dello Stato quale ente che regolamenta le relazioni lavorative, che ssa limposizione sui redditi da lavoro, che eroga varie forme di sussidi, che interviene con politiche atte a migliorare le prospettive lavorative della popolazione attiva. Analizzeremo alcuni dati relativi allimportanza del sindacato e sul ruolo che esso svolge nel mercato del lavoro. Considereremo poi pi` da vicino le tipologie dei contratti di lavoro attraverso una rapida u analisi degli orari di lavoro, delle forme contrattuali, del lavoro autonomo. Il capitolo 3 presenta la teoria tradizionale del mercato del lavoro, riprendendo alcune delle analisi tipiche dei corsi di microeconomia (domanda e oerta di lavoro, equilibrio economico) e sviluppando, nellambito dei modelli di allocazione del tempo, quelle analisi che assegnano allattivit` formativa a il ruolo di accrescere il capitale umano degli individui e quindi le prospettive future di guadagno. Nel quarto capitolo si introducono le prime caratteristiche non walrasiane del mercato del lavoro prendendo in considerazione due fattori: la ricerca di posti di lavoro da parte dei lavoratori (e di lavoratori da parte delle imprese) in un sistema caratterizzato da opportunit` a salariali dierenziate; la possibilit` che le parti (lavoratori e datori di lavoro) trovino cona veniente accordarsi su contratti di lunga durata che svolgano anche funzioni assicurative del reddito dei lavoratori; in questo ambito verr` a introdotta la possibile esistenza di dierenza nellinformazione di cui le parti dispongono. Nel quinto e nel sesto capitolo si analizzer` lipotesi di informazione asima metrica, cio` lesistenza di situazione nelle quali una delle parte nel contratto e di lavoro dispone di informazioni di cui laltra parte non dispone oppure pu` o tenere dei comportamenti che non sono vericabili dallaltra parte. In particolare (nel sesto capitolo) analizzeremo situazioni nelle quali il datore di lavoro non pu` controllare quanto il lavoratore si impegni sul posto di lao voro. Questa situazione, nota in letteratura come salari di ecienza, pu` o spingere i datori di lavoro a retribuire i lavoratori con salari pi` elevati di u quelli di market ckearing. Il settimo capitolo studia le situazioni nelle quali la contrattazione del salario non ` pi` su basi individuali, ma viene svolta da agenti collettivi e u

20

CAPITOLO 1. INTRODUZIONE

rappresentanti dei lavoratori. Si prenderanno in considerazione varie ipotesi relative alloggetto e alle modalit` della contrattazione. Nello stesso capitolo a si prenderanno in considerazione ipotesi di dierenziazione della produttivit` a e del costo tra i lavoratori gi` occupati (gli insider) e quelli che potrebbero soa stituirli gli outsider. Vedremo inoltre come queste situazioni possano portare a fenomeni di persistenza nei tassi di occupazione e di disoccupazione. Lottavo capitolo svilupper` le conseguenze macroeconomiche di alcuni a dei modelli microfondati analizzati in precedenza.

Capitolo 2 Il lavoro nei paesi industrializzati


Scopo di questo capitolo ` quello di fornire indicazioni di base relative ad e alcune denizioni comunemente in uso nel mercato del lavoro (prima parte) e di fornire delle informazioni empiriche concernenti levoluzione del mercato del lavoro nei paesi industrializzati negli ultimi decenni, sia in termini di cambiamenti dei principali indicatori statistici utilizzati per valutare lo stato di salute dei mercati del lavoro (seconda parte) sia in termini di analisi dellevoluzione delle istituzioni che regolano le relazioni lavorative (terza parte).

2.1

Alcune denizioni

Si sente molto spesso discutere di tassi di disoccupazione, occupazione, retribuzione lorde, redditi da lavoro e altre grandezze delle quali il pi` delle u volte si intuisce il contenuto, ma che spesso ` dicile comprendere appieno. e Cercheremo allora di proporre delle denizioni dettagliate di alcuni indicatori statistici utilizzati per lanalisi del mercato del lavoro e delle modalit` con a cui questi indicatori sono calcolati, riferendoci prevalentemente alla realt` a italiana. 21

22

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

2.1.1

Forze di lavoro, occupazione e disoccupazione

I dati relativi ai tassi di occupazione e di disoccupazione che di solito sono al centro dei dibattiti economici e politici sono quelli che vengono prodotti dagli Istituti di Statistica dei vari paesi attraverso indagini compiute presso un campione di famiglie, di solito a cadenza trimestrale. In Italia, lISTAT intervista ogni tre mesi 73.412 famiglie residenti in 1351 comuni (vedi Appendice A per approfondimenti); i principali risultati derivanti da queste interviste sono pubblicati nei volumi dell Indagine sulle forze di lavoro, edito dallISTAT nel periodico Collana dInformazione. Nelle denizioni uciali: per popolazione in et` lavorativa si intende le persone in et` di 15 a a anni e pi`; le persone in et` lavorativa possono appartenere alle Forze u a di lavoro o alle Non forze di lavoro; fa parte della forza lavoro, detta anche popolazione attiva, ogni persona che rientra nella categoria degli occupati o dei disoccupati; ` occupato chi: e ha dichiarato di possedere unoccupazione, anche se nella settimana di riferimento non ha svolto attivit` lavorativa per qualsiasi a motivo (occupati dichiarati); ha indicato una condizione diversa da occupato, ma ha tuttavia eettuato almeno unora di lavoro nella settimana di riferimento (altre persone con attivit` lavorativa.) a Nellambito degli occupati, vengono poi distinti gli occupati part-time (meno di venti ore di lavoro settimanali) e gli occupati precari (stagionali, con contratti a termine); si distingue altres` tra occupazione dipendente e occupazione indipendente. ` in cerca di occupazione colui che: e ha perso un posto di lavoro per licenziamento, ne di un contratto a tempo determinato, dimissioni; si denisce allora disoccupato in senso stretto (anche se, nel seguito del testo, il termine disoccupato sar` utilizzato genericamente per denire linsieme delle persone a in cerca di lavoro);

2.1. ALCUNE DEFINIZIONI

23

persone in cerca di prima occupazione: coloro che non hanno mai esercitato unattivit` lavorativa, oppure lhanno esercitata in proa prio, oppure ancora, hanno smesso volontariamente di lavorare per un periodo di tempo non inferiore ad un anno; altre persone in cerca di lavoro: coloro che dichiarano di essere in altra condizione (casalinga, studente, ritirato dal lavoro), ma ad una successiva domanda aermano di cercare unoccupazione e di essere immediatamente disponibili per lavorare; coloro che inizieranno unattivit` in futuro, avendo gi` trovato unoccupazione a a alle dipendenze, o avendo predisposto tutti i mezzi per lesercizio di unattivit` in proprio. a ` inattivo (oppure non forza di lavoro) e popolazione in et` non da lavoro, cio` le persone con et` inferiore a e a a 15 anni; le forze di lavoro potenziali: comprende le persone in cerca di occupazione, secondo la denizione gi` descritta in precedenza, a che hanno per` eettuato lultima azione di ricerca tra i 2 e i 6 o mesi prima della data dellintervista 1 ; le persone che hanno dichiarato di non aver svolto alcuna attivit` a lavorativa, n di aver cercato lavoro nella settimana di riferimento e e di essere in una delle condizioni qui di seguito denite: casalinga (chi si dedica prevalentemente alla cura della propria casa); studente (chi si dedica prevalentemente allo studio); ritirato dal lavoro (chi ha cessato unattivit` per raggiunti limiti di et`, invaa a lidit` od altra causa); inabile (chi ` sicamente impossibilitato a a e svolgere attivit` lavorativa); in servizio di leva (chi sta assolvena do gli obblighi di leva); persona in altra condizione (benestante, anziano e simili). Lanalisi dellandamento del mercato del lavoro in un dato paese di solito viene sviluppata non tanto con riferimento ai valori assoluti (numero
Fino ai 2 anni, per azioni di ricerca che consistono nelliscrizione al collocamento o nella partecipazione a concorsi pubblici. Tale aggregato, a seguito dellallineamento alle denizioni EUROSTAT, fa parte delle Non forze di lavoro, mentre prima dellottobre 1992 era incluso nellaggregato delle persone in cerca di occupazione e quindi tra le Forze di Lavoro.
1

24

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

dei disoccupati, degli occupati) ma con riferirimento a rapporti tra queste grandezze. Si parla allora di: tasso di disoccupazione (rapporto tra le persone in cerca di occupazione e le forze di lavoro); tasso di attivit` (rapporto tra le forze di lavoro e la popolazione in et` a a lavorativa); tasso di occupazione (rapporto tra gli occupati e la popolazione in et` a lavorativa). Queste denizioni sono sostanzialmente omogenee nei paesi industrializzati, che calcolano tutti il tasso di disoccupazione seguendo gli stessi criteri. LOCSE (organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) calcola inoltre il tasso di disoccupazione standardizzato cercando di eliminare le piccole dierenze tra le modalit` di rilevazione dei dierenti paesi. a Comparare sistemi economici dierenti non ` comunque cos` semplice e come pu` sembrare, in quanto il sistema istituzionale in cui queste grandezze o (ad esempio, il tasso di disoccupazione) vengono calcolate ` indubbiamente e importante. Se nel paese A ` molto semplice accedere a lavori saltuari e e temporanei, mentre nel paese B la regolamentazione del mercato del lavoro cerca di proporre maggiori garanzie per il lavoratore assunto, ` probabile e che nel paese A risulteranno occupate molte persone che magari riescono a lavorare solo pochissime ore a settimana. Queste stesse persone nel paese B non potrebbero accedere ad una occupazione, e risulterebbero pertanto disoccupate. La disoccupazione del paese A non risulterebbe dalle analisi uciali in quanto sarebbe mascherata da forte sottoccupazione. La gura ?? schematizza come il limite tra disoccupazione, sottoccupazione, inattivit`, sia molto meno chiaro che non nei dati empirici di cui a normalmente si discute. Non ` comunque in questo lavoro che si vogliono approfondire i problemi e di ordine statistico relativi alla misurazione del numero dei disoccupati2 . Altri dati disponibili relativi alloccupazione sono quelli che emergono dalla Contabilit` Nazionale, che fornisce il dato relativo alle cosidette Unit` a a di Lavoro. Le unit` di lavoro danno unindicazione di quanto lavoro a a
Si veda lo Yearbook of labour statistics, edito dallInternational Labour Oce di Ginevra e, per lItalia, Lannuario statistico italiano alla sezione Lavoro
2

2.1. ALCUNE DEFINIZIONI

25

Figura 2.1: Occupazione, inattivit`, disoccupazione a

tempo pieno sia necessario per produrre i beni e servizi che sono conteggiati nel prodotto interno lordo. Questa grandezza dovrebbe quindi individuare il numero di occupati a tempo pieno necessario per ottenere il valore aggiunto (settoriale, per ramo, per branca...) indicato in contabilit` nazionale. Le dierenze tra la serie stoa rica degli occupati (derivante dallinchiesta sulle forze di lavoro dellISTAT ) e quella delle unit` di lavoro (derivante dalla Contabilit` Nazionale) dipendono a a prevalentente: dal lavoro nero, non sempre adeguatamente conteggiato dallinchiesta sulle forze di lavoro (che quindi aumenta il rapporto tra numero delle unit` di lavoro e numero degli occupati) a dallesistenza di lavoratori con doppio lavoro (che aumenta il rapporto) dallesistenza di lavoratori part time (che diminuisce il rapporto tra numero di unit` di lavoro e occupati). a Dato che la serie degli occupati risulta inferiore di circa 2 milioni di

26

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

unit` alla serie delle unit` di lavoro, ` evidente che le prime due cause a a e di discordanza risultano pi` rilevanti della terza. u

2.1.2

Redditi da lavoro dipendente e retribuzioni lorde

Il salario dei lavoratori rappresenta la somma che il lavoratore ottiene dallimpresa come compenso per lattivit` lavorativa svolta. E di solito stabilito a in misura ssa, ma pu` essere in parte dipendente da indici di performance o economica della stessa impresa (salario variabile). Lo Stato preleva imposte e contributi sociali sui redditi da lavoro; occorre pertanto distinguere tra salari lordi (cio` comprensivi di imposte sui redditi e contributi sociali a carico dei e lavoratori) e salari netti. Dato che anche le imprese sono tenute a versare allo Stato varie forme di contributi assistenziali e assicurativi, il costo del lavoro per le imprese ` pi` elevato del salario lordo. Riguardo ai dati sui e u salari, essi sono generalmente tratti dalla Contabilit` nazionale, che fornisce a due dierenti serie: quella delle retribuzioni lorde, che indicano la somma che ogni lavoratore guadagna, al lordo dei contributi sociali e delle imposte suo carico quella dei redditi da lavoro, che rappresentano i costi del lavoro sostenuti dallimprenditore per ogni occupato e che comprendono quindi, oltre alle retribuzioni lorde, anche i costributi sociali a carico del datore di lavoro.

2.2

I fatti principali

La grande disponibilit` di informazioni empiriche prodotte sia da organia smi nazionali che internazionali rende ardua una sintesi di quelli che sono le principali evoluzioni del rapporto di lavoro, dei livelli occupazionali, dellandamento dei redditi da lavoro. Tenendo a mente che la conoscenza della realt` dei mercati del lavoro necessiterebbe di una trattazione a parte (si a pensi solo allimportanza del aspetti istituzionali formalizzati in leggi e contratti collettivi), in questo capitolo si cercher` di presentare in poche pagine a i fatti salienti che si sono vericati negli ultimi decenni nei mercati del lavoro dei paesi industrializzati, concentrandosi su due dei fatti pi` rilevanti che u hanno caratterizzato levoluzione dei mercati del lavoro: lincremento della

2.2. I FATTI PRINCIPALI

27

disoccupazione e lamplimanento dei dierenziali salariali. Lo scopo ` quello e di proporre alcune informazioni stilizzate, organizzate per punti, che siano leggibili a tutti 3 Per approfondimenti si rinvia ai lavori citati in bibliograa.

2.2.1

La disoccupazione e loccupazione

Come ` ben visibile dalla gura ??, che presenta landamento dei tassi di die soccupazione standardizzati per circa 20 anni per il Nord-America, i paesi europei dellOCSE, lOceania, e il Giappone4 , la disoccupazione ` cresciuta e pi` o meno costantemente dalla met` degli anni 70 no ai primi anni 80 in u a tutti i paesi industrializzati. Da allora, negli Stati Uniti, al di l` di compoa nenti cicliche, il tasso di disoccupazione si ` ridotto; in Europa, al contrario, e ha continuato a rimanere su livelli mediamente molto elevati. Anche se il periodo di riferimento ` troppo breve per parlare di modiche e 5 strutturali , va sottolineato che la disoccupazione sembra essersi attestata nei paesi europei su livelli pi` elevati di quelli di qualsiasi altro periodo u storico, con leccezione degli anni successivi alla grande depressione degli anni 30. Torneremo ovviamente in seguito su questi temi; ` comunque importane te sottolineare che la riduzione della disoccupazione ha rappresentato, per la maggior parte dei paesi europei, uno degli obiettivi primari della politica economica degli anni 90 e che, nei prossimi anni, lUnione Europea dovr` sempre di pi` indirizzare le politiche da obiettivi monetari (riduzione a u del debito pubblico, lotta allinazione) a obiettivi legati al rientro dalla disoccupazione. LOCSE ha proposto 10 consigli per i paesi membri per facilitare la creazione di posti di lavoro; li riproponiamo integralmente di seguito, in forma abbreviata, per mostrare quali siano le indicazioni di quello che ` proe babilmente lorganismo di ricerca economica pi` inuente. u
In questo senso non si presentano dati che richiedano conoscenze econometriche. Il tasso viene denito standardizzato in quanto ` calcolato dallOCSE con criteri e che tendono ad armonizzare il concetto di disoccupazione per i dierenti paesi 5 Nel lunghissimo periodo il tasso di disoccupazione non mostra nessun trend crescente in nessuno dei paesi industrializzati; non sembra dipendere n dallo sviluppo tecnologico e n da componenti demograche. Questa constatazione, basata su dati che, almeno per e Stati Uniti e Gran Bretagna sono disponibili a partire dalla met` del 19 secolo, farebbe a supporre che lincremento della disoccupazione registratosi negli ultimi decenni debba essere comunque considerato un fenomeno cilico.
4 3

28

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

Figura 2.2: Tassi di disoccupazione nel Nord America, nei paesi OCSE Europei, in Oceania e in Giappone
Note: Tassi di disoccupazione standardizzati per tutti i paesi, eccetto Austria, Danimarca, Gracia, Lussemburgo e Turchia 3 Stati Uniti e Canada 4 EU15, Islanda, Norvegia, Svizzera e Turchia 5 Australia e Nuova Zelanda Fonte: OECD Meeting of Labour Minister, Paris 14-15 October 1997

2.2. I FATTI PRINCIPALI

29

THE OECD JOBS STRATEGY 6 1. Set macroeconomic policy such that it will both encourage growth and, in conjunction with good structural policies, make it sustainable, i.e. non-inationary. 2. Enhance the creation and diusion of technological know-how by improving frameworks for its development. 3. Increase exibility of working-time (both short-term and lifetime) voluntarily sought by workers and employers. 4. Nurture an entrepreneurial climate by eliminating impediments to, and restrictions on,the creation and expansion of enterprises. 5. Make wage and labour costs more exible by removing restrictions that prevent wages from reecting local conditions and individual skill levels, in particular of younger workers. 6. Reform employment security provisions that inhibit the expansion of employment in the private sector. 7. Strengthen the emphasis on active labour market policies and reinforce their eectiveness. 8. Improve labour force skills and competences through wide-ranging changes in education and training systems. 9. Reform unemployment and related benet systems and their interactions with the tax system such that societies fundamental equity goals are achieved in ways that impinge far less on the ecient functioning of the labour markets. 10. Enhance product market competition so as to reduce monopolistic tendencies and weaken insider-outsider mechanisms while also contributing to a more innovative and dynamic economy.

La tavola ?? presenta i tassi di disoccupazione (eettivamente registrati no al 1997, e previsti per il 1998 e il 1999) in vari paesi dellarea OCSE. Secondo questi dati, il livello della disoccupazione italiana non ` molto diee rente da quella degli altri paesi europei del sud e del centro europa, mentre ` pi` elevata di quella dei paesi del nord Europa. Il tasso di disoccupazione e u
Tratto da Implementing the OECD jobs strategy - lesson from member countries experience, OECD 97, Paris
6

30

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

pi` elevato ` riscontrato in Spagna, dove nel 1997 una persona attiva su 5 u e era disoccupata.

Tabella 2.1: Tasso di 1985/1995 Australia 8.5 Belgio 11.1 Canada 9.6 Danimarca 6.8 Finlandia 9.2 Francia 10.4 Germania 7.8 Grecia 8.2 Italia 10.0 Giappone 2.5 Olanda 7.1 Nuova Zelanda 7.0 Norvegia 4.3 Portogallo 6.2 Spagna 19.5 Svezia 4.0 Gran Bretagna 9.1 Stati Uniti 6.3 OECD Europe 9.4 EU 9.9 Totale OECD 7.1

disoccupazione in alcuni paesi OCSE 1996 1997 1998 1999(a ) 8.5 8.6 8.0 7.5 9.7 9.2 8.8 11.1 9.7 9.2 8.3 7.8 5.6 5.1 5.1 5.7 14.6 12.7 11.4 10.6 12.4 12.3 11.7 11.3 8.9 9.9 9.4 10.7 9.6 9.6 10.6 10.2 12.0 12.1 12.2 12.1 3.4 3.4 4.1 4.9 6.3 5.2 4.0 3.9 6.1 6.6 7.4 6.4 4.9 4.1 3.3 3.5 7.3 6.8 4.9 5.0 22.2 20.8 18.8 17.4 9.6 9.9 8.2 5.6 8.2 7.0 6.3 6.7 5.4 4.9 4.5 4.2 10.5 10.2 9.7 9.5 10.8 10.6 10.0 10.1 7.7 7.4 7.0 7.0

Note: Tasso di disoccupazione standardizzato no al 1998 (a) previsioni Fonte: OCSE, employment Outlook 1999, pag. 19 e pag. 224

Le dierenze tra paesi, se rilevanti per quanto concerne il tasso di disoccupazione, lo sono ancora di pi` se si analizza il tasso di occupazione, denito u come il rapporto tra numero di occupati e popolazione di et` compresa tra a 15 e 64 anni. La gura ?? evidenzia come il tasso di occupazione per linsieme della popolazione passi da pi` del 75% della Svezia a meno del 50% della Spagna, u

2.2. I FATTI PRINCIPALI

31

Figura 2.3: Tassi di occupazione in vari paesi, 1995


Note: Fonte: OECD Meeting of Labour Minister, Paris 4, October 1997

con lItalia che `, dopo la Spagna, il paese ad avere il piil` basso tasso di e u occupazione. I tassi di occupazione indicano la quota della popolazione attiva che contribuisce alla creazione del prodotto interno per cui un tasso di occupazione del 50% indica cio` che su due persone che vivono in un paese, una sola e produce ricchezza. I ussi di redistribuzione tra individui, prevalentemente attraverso la famiglia e lo Stato, garantiscono ai non occupati forme di reddito. E ovvio che, a parit` di altre condizioni, tanto pi` il tasso di occupazione a u ` elevato, tanto meno la redistribuzione ` necessaria. e e La gura ?? presenta anche il tasso di occupazione degli individui con livelli di istruzione no alla scuola media; si nota immediatamente che questo indicatore ` meno dierenziato e che, in questo caso, la situazione italiana ` e e pi` in liena con quella deglia altri paesi. u 2.2.1.1 Disoccupazione e segmentazione del mercato del lavoro

I paesi industrializzati sono caratterizzati non solo da dierenze nei livelli del tasso di disoccupazione, ma anche dalle caratteristiche qualitative dei disoccupati. Si parla spesso di segmentazione del mercato del lavoro, riferendosi

32

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

al fatto che individui con lo stesse capacit` lavorative presentano degli esiti a occupazionali dierenti a seconda che siano, ad esempio, uomini o donne, o, come ` successo negli Stati Uniti, bianchi o di colore. La segmentazione pu` e o riguardare tanto le prospettive occupazionali (ottenimento di posti di lavoro, possibilit` di carriera) quanto i redditi da lavoro percepiti. Pi` in generale a u si pu` parlare di segmentazione quando allinterno di un certo paese le proo spettive occupazionali sono dierenti per individui con caratteri diversi. Ad esempio, la disoccupazione allinterno di un paese pu` essere dierenziata o tra aree (in Italia ` concentrata soprattutto al sud); pu` colpire in modo e o diverso individui con livelli di istruzione pi` o meno elevati; pu` incidere u o diversamente in diverse fasi della vita lavorativa degli individui. Alcune informazioni empiriche relative a questi aspetti sono riepilogate nella tavola ?? che presenta il tasso di disoccupazione per uomini e donne nelle regioni italiane. Risulta evidente come alcune regioni (in particolare quelle del nord-est italiano) presentino tassi di disoccupazione molto bassi mentre altre mostrino tassi di disoccupazione particolarmente elevati, a volte superiori al 20%. I dati ci confermano che la disoccupazione ` soprattutto e un problema del sud Italia e di alcune regioni del centro nord, anche se in misura molto pi` limitata. Si noti che il tasso di disoccupazione femminile ` u e sempre pi` elevato e a volte ` pi` che doppio di quello maschile. u e u La tavola ?? confronta dati relativi ai tassi di disoccupazione, di partecipazione e di occupazione in dierenti Paesi. E evidente come in Italia la componente femminile e quella giovanile della disoccupazione siano pi` eleu vate di quelle di altri paesi. Inoltre, tra i caratteri peculiari della situazione italiana, va segnalato un tasso di disoccupazione dei lavoratori con alto livello di istruzione che ` in linea con quello dei lavoratori meno istruiti; questo non e si verica negli altri paesi, dove la disoccupazione ` concentrata soprattutto e in questa ultima fascia di lavoratori. Le condizioni dei mercati del lavoro sono misurabili non solo in termini di tasso di occupazione, ma anche in termini di tassi di partecipazione e di tassi di occupazione. La partecipazione al mercato del lavoro dipende da una pluralit` di fattoa ri, tra cui quelli socio-culturali sembrano essere i pi` importanti, specialmente u per ci` che concerne la popolazione femminile. E risaputo, ad esempio, che o nei paesi del sud europa i tassi di partecipazione delle donne sono pi` basu si che non nei paesi del nord; nelle aree mediterranee le donne tendono a svolgere pi` spesso lavori casalinghi che non lavori retribuiti sul mercato. u Anche la situazione congiunturale del mercato del lavoro ` importante, in e

2.2. I FATTI PRINCIPALI

33

Tabella 2.2: Tasso di disoccupazione nelle regioni italiane, 1998 Uomini Donne Totale Piemonte 5.32 13.58 8.76 Valle dAosta 3.13 4.35 5.56 Lombardia 3.47 9.07 5.78 Trentino-Alto Adige 2.44 4.76 3.38 Veneto 3.13 8.44 5.23 Friuli-Venezia Giulia 3.07 9.85 5.85 Liguria 8.23 14.89 10.91 Emilia Romagna 3.71 8.41 5.67 Toscana 5.01 12.77 8.17 Umbria 5.18 14.18 8.87 Marche 4.00 10.40 6.67 Lazio 9.91 16.39 12.35 Abruzzo 7.02 13.81 9.58 Molise 12.82 25.00 17.46 Campania 20.52 33.58 24.94 Puglia 16.55 29.76 20.85 Basilicata 13.33 28.95 18.40 Calabria 20.39 38.49 26.84 Sicilia 20.55 35.39 25.24 Sardegna 16.09 31.11 21.46 ITALIA 9.49 16.84 12.32 Nord-ovest 4.49 10.93 7.13 Nord-est 3.28 8.20 5.30 Centro 7.21 14.15 9.96 Meridione e isole 18.21 31.75 22.79
Fonte: 1998 ns rielaborazioni su dati ISTAT, rilevazione delle forze di lavoro, media

34

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

Tabella 2.3: Caratteristiche del mercato del lavoro in alcuni paesi OCSE, 1995 a a a b all( ) sex( ) . age( ) . education( ).
men Francia women 15-24 25-54 55-65 ed-1 ed-2 ed-3

Germania

Italia

Giappone

G. Bretagna

Stati Uniti

Europa

UR LFP ER UR LFP ER UR LFP ER UR LFP ER UR LFP ER UR LFP ER UR LFP ER

12.1 67.2 59.6 9.0 70.3 64.0 12.2 58.5 51.3 3.4 77.3 74.6 8.2 77.3 71.0 5.4 79.3 75.0 11.5 66.8 59.1

10.4 75.0 67.2 8.1 79.9 73.4 9.6 73.5 66.4 3.4 91.6 88.5 9.7 86.1 77.7 5.4 87.0 82.3 9.8 77.3 69.8

14.2 60.7 52.1 10.2 60.4 54.3 16.5 43.7 36.5 3.4 62.8 60.7 6.3 68.4 64.1 5.4 64.5 68.1 13.8 56.1 48.4

26.3 29.2 21.5 8.0 55.7 51.2 34.1 38.5 25.4 6.6 48.3 45.1 14.7 70.7 60.3 12.0 65.5 57.6 20.1 48.0 38.3

11.0 86.4 76.9. 7.8 82.5 76.1 9.3 72.2 65.5 2.7 81.8 79.6 7.0 83.3 77.5 4.3 83.8 80.2 9.3 80.9 73.3

8.6 36.6 33.5 11.3 40.3 35.7 4.3 28.5 27.3 4.2 66.3 63.6 7.1 51.4 47.7 3.4 57.9 55.9 10.1 39.0 35.1

14.7 60.8 51.8 13.9 56.9 49.0 8.4 54.1 49.5

10.5 82.6 73.9 8.8 76.9 70.2 7.5 77.1 71.3

6.8 87.2 81.2 5.4 88.1 83.4 6.4 87.9 82.2

13.0 63.8 55.5 12.6 58.3 51.0

8.3 82.1 75.2 6.2 79.4 74.5

3.9 89.3 85.8 3.2 87.8 85.0

Legenda: UR= Unemployment rate LFP=Labour force participation rate ER= Employment rate (occupati su popolazione in et` da 15 a 64 anni) a Livello di istruzione: ed-1: meno della scuola secondaria ed-2: scuola secondaria ed-3: laurea (a ) = anno 1996; (b ) =anno 1994 Fonte: ns rielaborazione su dati OCSE

2.2. I FATTI PRINCIPALI

35

quanto le probabilit` pi` o meno elevate di trovare una occupazione possono a u spingere gli individui a cercarla o a rimanere fuori dal mercato. In periodi come quello attuale, con alti tassi di disoccupazione, si parla di lavoratori scoraggiati per indicare quella quota della popolazione che, consapevole che le possibilit` di trovare una occupazione sono pressoch` nulle, rinuna e ciano del tutto a cercarla diventando cos` inattivi e riducendo il tasso di partecipazione. Tanto i tassi di partecipazione che quelli di occupazione sono fortemente dierenziati (vedi anche g ??), sia tra gruppi di lavoratori che tra Stati. Va sottolineato che il loro livello ` molto pi` basso in Italia che in tutti gli e u altri paesi considerati. Il divario del tasso di occupazione ` di quasi 25 punti e percentuali rispetto a Giappone e Stati Uniti; anche rispetto alla media dei paesi europei, il tasso di occupazione ` di quasi 10 punti pi` basso. e u 2.2.1.2 La disoccupazione di lunga durata

Si ` visto che esistono molte dierenze nella composizione della disoccupazioe ne tra i vari paesi. In particolare lanalisi economica ha posto laccento sullimportanza della disoccupazione di lunga durata, denita come quella situazione nelle quale la permanenza ininterrotta nello stato di disoccupazione supera un certo periodo di tempo, di solito un anno. Nella tavola ?? sono riportate alcune indicazioni (basate su denizioni standardizzate per i vari paesi) relative al numero di disoccupati e al tasso di disoccupazione di lunga durata, relativi al 1983, 1990 e 1993. Quasi 6 milioni di persone, in Europa, nel 1993, cercavano lavoro da pi` di 1 anno; in Italia u erano pi` di 1.4 milioni. u E evidente limportanza del fenomeno, e la necessit` di politiche adea guate per tentare di risolvere quella che sta diventando, in alcuni paesi, una vera piaga sociale. La disoccupazione di lunga durata riduce i potenziali produttivi del disoccupato, che spesso non ha pi` le caratteristiche necesu sarie per un procuo reinserimento nel mondo del lavoro. Pu` condurre a o problemi psicologici rilevanti in quanto sinomimo di esclusione dal sistema e porta gli individui dallassistenza basata sui sussidi di disoccupazione (sempre temporanei) al sistema di assistenza sociale vera e propria. La disoccupazione di lunga durata ` tanto pi` elevata quanto pi` i tassi di e u u uscita dalla disoccupazione (e, in equilibrio, i tassi di entrata nella disoccupazione) sono bassi. Il tasso di uscita dalla disoccupazione ` dato dal rapporto e tra il numero di disoccupati che dopo un certo periodo hanno trovato lavoro

36

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

Tabella 2.4: Incidenza della disoccupazione di lungo periodo come quota percentuale della disoccupazione totale 1983 1990 1993
6 mesi 12 mesi 6 mesi 12 mesi 6 mesi 12 mesi

Canada Danimarca Finlandia Francia Germania Italia Giappone Olanda Norvegia Spagna Svezia Gran Bretagna Stati Uniti

28.8 67.2 30.0 67.0 65.8 82.5 31.5 70.7 20.3 72.8 24.9 66.4 23.9

9.9 18.9 44.3 53.3 19.2 32.6(2 ) 42.2 55.5 41.6 64.7 58.2 85.2 12.9 39.0 48.8 63.6 6.3 40.4 52.4 70.2 10.3 16.0 45.6 50.3 13.3 10.2

5.7 30.0 9.2(2 ) 38.0 46.8 69.8 19.1 49.3 19.2 54.0 4.7 34.4 5.6

31.4 45.5 52.2 58.2 60.1 76.5 34.4 79.1 45.6 69.6 32.0 62.9 20.4

14.1 25.2 30.3 34.2 40.3 57.7 17.2 52.3 27.2 50.1 10.9 42.5 11.7

2. I dati si riferiscono al 1991 Fonte: ns rielaborazioni su dati OCSE

2.2. I FATTI PRINCIPALI

37

e il numero totale di disocccupati. Il tasso di ingresso nella disoccupazione ` dato dal rapporto tra i lavoratori che sono diventati disoccupati in un cere to periodo e il totale degli occupati. Nella gura ?? sono presentati questi due ussi da e per la disoccupazione in alcuni paesi OCSE (la denizione ` e leggermente dierente, vedi nota).

Figura 2.4: Tassi di ingresso e di uscita dalla disoccupazione


1- Inow rate: disoccupati da meno di un mese rispetto alla popolazione di et` compresa a tra 15 e 64 anni al netto dei disoccupati 2 - Outow rate: dierenze tra il numero di persone che entrano nella disoccupazione ogni mese e la variazione della disoccupazione mensile, rapportati al numero dei disoccupati Fonte: The OECD job study, implement the strategy, p. 13

Si noti anche in questo caso il livello pi` elevato per gli Stati Uniti che u non per i paesi europei: negli USA ` allora pi` facile trovare lavoro quando e u si ` disoccupati ma ` anche pi` facile perdere lavoro quando si ` occupati. e e u e

38

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

2.2.2

Lampliamento dei dierenziali salariali

Anche se negli Stati Uniti il tasso di disoccupazione si ` ridotto negli ultimi e anni un nuovo problema si ` vericato in questo paese, e in altri paesi dele larea anglosassone: lampliarsi dei dierenziali salariali. Questi dierenziali possono essere calcolati come rapporto tra salari percepiti da dierenti categorie di lavoratori: tra impiegati e operai, tra lavoratori con alti livelli di istruzione rispetto quelli poco istruiti, oppure, pi` in generale, tra lavoratori u con salari nella parte pi` in alto della distribuzione dei salari rispetto quelli u nella parte pi` in basso. Se, sulla base di questultima denizione, consideu riamo lavoratori a bassi salari quelli che percepiscono un reddito inferiore ai 2/3 del reddito del lavoratore mediano, otteniamo le informazioni che sono presentate nella gura ??: gli Stati Uniti sono il paese dove la dispersione dei salari ` pi` elevata e dove un lavoratore su 4 guadagna un salario base u so. Allestremo opposto troviamo i paesi dellarea scandinava, dove solo il 5 6% dei lavoratori percepisce un salario inferiore ai due terzi di quello mediano. LItalia si situa tra i paesi nei quali la dispersione salariale non ` e molto elevata. Nella gura ?? ` rappresentata levoluzione nel tempo dei dierenziali e salariali. In particolare la gura misura il rapporto tra il salario pi` basso u del decile pi` elevato della distribuzione dei salari e il salario pi` alto del u u decile pi` basso; questo rapporto ` posto uguale allunit` in tutti i paesi nel u e a 1980 proprio al ne di valutare le variazioni relative intercorse nel tempo. Si nota immediatamente che questo indicatore ` cresciuto nella maggior parte e dei paesi dopo il 1980; la disuguaglianza nei salari ` allora aumentata. E e cresciuta in modo drammatico in Inghilterra e negli Stati Uniti, dove, anche se la disoccupazione ` abbastanza contenuta, la povert` (misurata di solito e a nelle statistiche uciali come quota della popolazione con reddito inferiore alla met` del reddito medio) ` cresciuta proprio tra i lavoratori con basse a e qualiche. Questo fatto ` documentato meglio dalla gura ?? dove si nota come e il salario reale dei lavoratori pi` poveri si sia addirittura ridotto nel corso u degli anni 80 negli Stati Uniti, in Canada e in Australia in misura maggiore dello 0.50% annuo. Questo implica non solo un impoverimento relativo (cio` e una perdita di potere dacquisto rispetto agli altri lavoratori), ma anche un impoverimento assoluto: i lavoratori con bassi salari avevano un potere dacquisto pi` elevato nel 1980 che non 10 anni dopo. Questa situazione ` u e particolarmente grave negli Stati Uniti, con una riduzione del salario reale di

2.2. I FATTI PRINCIPALI

39

Figura 2.5: Quota di lavoratori con bassi salari


Note: I lavoratori con bassi salari sono deniti come color che guadagnano meno dei due terzi del lavoratori mediano; ci si riferisce solo ai lavoratori a tempo pieno Fonte: OCSE, Employment outlook, 1996

40

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

Figura 2.6: Tendenze nella distribuzione dei redditi da lavoro


Note: Disparit` misurata come rapporto tra il livello pi` basso dei salari ricevuto dai a u lavoratori uomini nel decile pi` alto e il livello pi` alto dei salari dei lavoratori nel decile u u pi` basso u Fonte: OECD job study, evidence and explanation, part 1, pag. 19

2.3. LE ISTITUZIONI DEL MERCATO DEL LAVORO quasi il 14% in 10 anni.

41

Figura 2.7: Tasso di variazione medio annuo dei salari dei lavoratori meno qualicati
Note: i lavoratori meno qualicati sono deniti come quelli che si trovano nel decile pi` u basso della distribuzione dei redditi; il salario ` deazionato con lindice dei prezzi al e consumo Fonte: the OECD Job Study, Evidende and explanations, pag. 21

2.3

Le istituzioni del mercato del lavoro

La possibilit` di analizzare le relazioni di lavoro con gli stessi strumenti con a i quali si analizza un qualsiasi altro mercato ` estremamemente limitata. e Il mercato del lavoro ha caratteristiche che lo rendono del tutto peculiare rispetto agli altri mercati, in quanto lo Stato interviene in modo rilevante, le attivit` di contrattazione sono di solito svolte da agenti collettivi, la relazione a di lavoro ` formalizzata allinterno di un contratto. e

42

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

Questi argomenti saranno sviluppati nei paragra successivi dove tratteremo della rilevanza dellintervento pubblico come organo legislativo, impositivo e redistributivo nelle relazioni di lavoro; del ruolo del sindacato; delle varie forme contrattuali attraverso le quali la relazione di lavoro pu` essere o posta in essere; del dibattito rigidit`/essibilit` del lavoro. Questi argomenti a a saranno arontati prevalentemente da un punto di vista empirico.

2.3.1

Lintervento dello Stato

Lintervento pubblico di solito ha lobiettivo di tutelare la parte ritenuta pi` u debole nel contratto di lavoro, cio` i lavoratori. Lo Stato interviene regolando e le modalit` di ingresso nel posto di lavoro, cio` denendo le caratteristiche a e dei dierenti tipi di contratti di lavoro (a tempo indeterminato, determinato, part time ecc.), regolamentando il diritto alla sicurezza sul posto di lavoro, denendo un salario minimo, regolamentando i licenziamenti, e cos` via; il pi` u delle volte lintervento dello Stato ` successivo a decisioni prese nellambito e delle relazioni contrattuali tra le parti sociali, e serve per inglobare in una norma queste decisioni. 2.3.1.1 Tassazione e contributi sociali

Il cuneo scale che si inserisce tra retribuzione del lavoratore e costo del lavoro per limpresa ` un indicatore di quanto lo Stato intervenga nel mercato e del lavoro. La gura ?? mostra il cuneo scale calcolato come somma dei contributi per la sicurezza sociale (pagati tanto dai datori di lavoro che dai lavoratori) e dellimposta sul reddito dei lavoratori, rapportati al totale dei costi del lavoro lordi. Cio`, ogni 100 lire di costo del lavoro, in Italia 47 e vanno allo Stato nelle varie forme indicate. Si nota come il cuneo scale ` e pi` elevato nei paesi europei che in quelli extraeuropei. La spezzata, indicata u come Marginal rate, segnala quanto, in ogni paese, dellincremento salariale va allo Stato sotto forma dei tributi indicati pi` in alto. u Altre informazioni sulla rilevanza del prelievo scale nel mercato del lavoro sono desumibili dalla tavola ??. In questo caso vengono presentati i rapporti tra costi del lavoro di origine non salariale sopportati dallimpresa (quindi, essenzialmente, contributi sociali, previdenziali e assicurativi) e il totale del costo del lavoro. Dalla gura ?? cos` come dalla tavola ?? emerge abbastanza chiaramente come il lavoro sia tassato in misura pi` elevata in u Italia che negli altri paesi industrializzati.

2.3. LE ISTITUZIONI DEL MERCATO DEL LAVORO

43

Figura 2.8: Cuneo scale medio e marginale allinizio degli anni 90


Note: Il cuneo medio ` la somma di: contributi a carico del datore di lavoro, contributi e a carico del lavoratore, imposta sui redditi da lavoro, il tutto rapportato al costo lordo del lavoro; il cuneo marginale indica quanto di un eventuale incremento di reddito deve essere versato allo Stato. Fonte: The OECD job Study, implementing the strategy, pag. 19

44

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

Tabella 2.5: Costi del lavoro di origine non salariale in proporzione al costo totale del lavoro (%)

1985 1990 1995


AUSTRIA BELGIO CANADA FINLANDIA FRANCIA GERMANIA(a ) ITALIA GIAPPONE NORVEGIA SVEZIA SVIZZERA GRAN BRETAGNA STATI UNITI 18.4 23.1 10.7 18.4 27.9 18.8 26.8 13.0 16.4 26.5 13.1 13.5 17.7 18.3 25.9 11.1 20.4 27.9 18.8 28.7 14.6 16.9 27.2 13.1 11.9 17.8 18.9 26.3 13.7 22.4 28.2 19.6 29.9 14.2 16.2 26.4 14.1 12.6 18.7

(a) Relativi solo alla Germania dellOvest Fonte: ns rielaborazione dati OCSE

2.3.1.2

Le politiche contro la disoccupazione

Le politiche dello Stato tendenti a limitare gli eetti negativi del fenomeno della disoccupazione vengono distinte in politiche attive e politiche passive. Le prime hanno lo scopo di ridurre la disoccupazione e aumentare il numero di posti di lavoro (formazione professionale, incentivi alla costituzione di imprese e cooperative, assunzioni agevolate per particolari categorie di lavoratori), le seconde hanno lobiettivo di garantire un reddito ai disoccupati. La gura ?? successiva mostra quanto lo Stato spende per questo tipo di politiche in vari paesi OCSE nel 1995, come percentuale del prodotto interno lordo. I paesi del nord europa sono quelli in cui questo tipo di spesa pubblica ` pi` elevata, specialmente per le politiche attive. e u Contrariamente a quanto si possa ritenere a priori, in Italia la spesa pubblica per le politiche del lavoro ` pi` bassa che non negli altri paesi, ed ` e u e concentrata soprattutto nelle politiche passive. Tra questo tipo di politiche la quota preponderante riguarda i sussidi ai disoccupati, distribuiti in varie forme nelle economie occidentali. Riguardo le modalit` di erogazione dei sussidi tre dimensioni sono rilea

2.3. LE ISTITUZIONI DEL MERCATO DEL LAVORO

45

Figura 2.9: Spesa pubblica per le politiche attive e passive nel mercato del lavoro in percentuale del PIL, circa 1995, paesi OCSE
Note: In Italia, al 1993, la spesa per le politiche attive era di circa un punto percentuale mentre la spesa per le politiche attive poco pi` bassa u Fonte: OECD Meeting of Labour Minister, Paris 14-15 October 1997

46

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

vanti: il livello di questi sussidi rispetto il livello salariale medio, la durata dei sussidi e la denizione dei lavoratori che possono accedervi. In Italia, ad esempio, il sussidio di disoccupazione vero e proprio ` molto basso ma i e lavoratori che perdono il loro posto di lavoro a causa di licenziamenti (dovuti di solito a crisi di impresa o a ristrutturazioni) possono accedere a forme particolari di tutela quali lindennit` di mobilit` e la Cassa integrazioni guaa a dagni. Questi istituti, che sono peculiari del sistema di protezione del lavoro italiano, permettono una copertura quasi integrale del reddito del lavoratore (con quote di reddito che, almeno nei primi mesi successivi al licenziamento, possono superare l80%), e sono spesso associati a forme di riqualicazione professionale del lavoratore. La gura ?? mostra il replacement ratio (rapporto tra sussidi e salario) calcolato secondo le modalit` indicate in nota per i vari paesi dellOCSE. a Va segnalato che il dato dellItalia si riferisce solo ai sussidi di disoccupazione e non considera le altre forme di tutela dei lavoratori licenziati (liste di mobilit` e Cassa Integrazione guadagni) che, pur riguardando una piccoa la parte del totale dei disoccupati, hanno sicuramente svolto un importante ruolo nella tutela del reddito delle famiglie.

2.3.2

Sindacati e mercato del lavoro

Fin dallo sviluppo della rivoluzione industriale e dellorganizzazione del lavoro in stabilimenti industriali i lavoratori hanno sempre cercato di organizzarsi al ne di far valere alcuni diritti (condizioni di lavoro, orari, retribuzioni) nei confronti della controparte. Il ruolo svolto dai sindacati dei lavoratori nello sviluppo economico ` stato indubbiamente molto rilevante; nei vari paesi che e hanno conosciuto lindustrializzazione i sindacati hanno svolto per` un ruolo o estremamente dierenziato, ed hanno altres` tenuto comportamenti molto diversicati. In Italia, ad esempio, il salario ssato in sede di contrattazione collettiva nazionale svolge il ruolo di salario minimo, cio` del minimo livello e di retribuzione che un imprenditore deve corrispondere ai lavoratori; in altri paesi, il salario ssato nella contrattazione interessa solo i lavoratori iscritti al sindacato. La quota dei lavoratori che si iscrivono al sindacato ` abbastanza variabile e tra paesi, come documentano nella gura ??. La gura presenta, per i maggiori paesi OCSE, tanto i tassi di iscrizione al sindacato (Trade unions density) quanto il grado di copertura della contrattazione collettiva (bargaining coverage), denito come la quota di occupati

2.3. LE ISTITUZIONI DEL MERCATO DEL LAVORO

47

Figura 2.10: Media del rapporto tra sussidi di disoccupazione e salari nei paesi OCSE; circa 1960-1995
Note: La media ` calcolata su due diversi livelli di reddito,tre dierenti tipi di famiglie e e tre dierenti durate di disoccupazione. Fonte: The OECDjob Study, Evidence and explanations, capitolo 8

48

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

Figura 2.11: Tassi di sindacalizzazione e grado di copertura dei contratti collettivi di lavoro, 1980 e 1994
(*) il dato relativo alla copertura dei contratti collettivi si riferisce alla ne al 1990 Fonte: OECD, employment Outlook 1997, rielaborazione dati p. 71

x U

w T W 9 V 8 3 3 7 A 6 @ Y X Q P c

v b E

u D G F

s   e d $  5 #

r  4 

q 0  )   " C ! B I H & %  a  ` ( g ' S

p f 2 R

i 1 

h g l p v k n f u j t  e i o s h | n d r ~ m x q y y } | { z y x w

2.3. LE ISTITUZIONI DEL MERCATO DEL LAVORO

49

ai quali viene applicato il contratto collettivo nazionale siglato dai sindacati dei lavoratori e dalle organizzazioni imprenditoriali sul totale dei lavoratori, per gli anni 1980 e 1994. In questo periodo, in quasi tutti i paesi, ad eccezione della Spagna e del Canada, il tasso di iscrizione al sindacato si ` ridotto. Al contrario il grado di e copertura della contrattazione collettiva mostra andamenti dierenziati. Si ` e ridotto nei paesi anglosassoni mentre ` rimasto pi` o meno invariato nei paesi e u dellEuropa continentale dove, peraltro, ` su livelli molto elevati: al 1994, i e contratti siglati dalle organizzazioni sindacali sono applicati a pi` dell80% u dei lavoratori in Francia, Germania, Italia, mentre interessano meno del 20% degli occupati in Giappone, Canada e Stati Uniti. Unaltra importante informazione sullo stato delle relazioni industriali (e sulla forza del sindacato) si pu` desumere dalla gura ??. o

Figura 2.12: Conitti di lavoro nei paesi OCSE dal 1959 al 1990 (conitti nellindustria ogni 1000 lavoratori non agricoli)
Note: tratto da Layard, Nickell, Jackman [?] Fonte: ILO, Yearbook of Labour Statistics; OECD, Labour Force Statistics

Come si pu` vedere, la conittualit` nelle relazioni industriali si ` forteo a e mente ridotta nei paesi OCSE dopo aver toccato un massimo intorno allinizio degli anni 70 (periodo che, in Italia, ` coinciso con lapprovazione dello stae tuto dei lavoratori). Minore conittualit` pu` voler dire due cose: maggiore a o

50

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

cooperazione tra le parti sociali (quello che in letteratura viene spesso denito corporativismo) oppure semplicemente minore capacit` del sindacato a di coinvolgere i lavoratori nelle lotte per il miglioramento delle condizioni di lavoro. Probabilmente ambedue queste forze hanno operato nei paesi europei a partire dallinizio degli anni 80. La riduzione della conittualit` ` daltra ae parte andata di pari passo, almeno in Italia, con la riduzione della crescita salariale rispetto la crescita della produttivit`; negli anni 90, addirittura, il a salario reale si ` ridotto. La gura ?? documenta landamento del prodotto e per occupato e del salario reale dagli anni 70, in Italia.
 g f t e s d s r v q p p i y w h g g x f w y d w e d x c w v b u a ` Y X W V U T S R Q P I H G F E D C B A @ 9 8 7 6 5 4 3 2 1 0 ) ( ' $ & % $   #       "    !

Figura 2.13: Redditi reali da lavoro e produttivit` per occupato in Italia; a variazione percentuali
Note: dati trimestrali, media mobile su 4 trimestri Fonte: Ns rielaborazione su dati OECD, Economic Outlook, 1997

E evidente come, a partire dai primi anni 80 le retribuzioni siano mediamente cresciute meno della produttivit` del lavoro, con leccezione degli a anni 1990, 1991, 1992; dopo il 1992 lampliamento della forbice tra produttivit` e retribuzioni si va sempre ampliando; inoltre, il tasso di crescita a delle retribuzioni ` negativo, ad indicare una perdita di potere di acquisto e dei redditi da lavoro. Questo andamento delle retribuzioni comporta una conseguenza rilevante, comune ai vari paesi europei, relativa alla quota del reddito da lavoro sul prodotto interno: questa quota, che durante gli anni

2.3. LE ISTITUZIONI DEL MERCATO DEL LAVORO

51

70 aumenta, a partire dai primi anni 80 si ` andata sempre riducendo (vedi e g. ??, dove viene rappresentata la quota dei protti, cio` il complemento a e 1 della quota del lavoro).
4 x y x w v u t s r q p i h g f e d c b a ` Y X W V U T S R R Q P I H G F E D C B 9 A @ 9 8 0 & "    7 6 0 & "    4 ) % !    3 5  2 ( $  ' #    1

Figura 2.14: Quota dei protti sul prodotto interno


Note: Nella quota dei protti sono compresi i protti dei lavoratori indipendenti, calcolati imputando ai lavoratori indipendenti lo stesso salario dei lavoratori dipendenti Fonte: Ns rielaborazione su dati OECD, Economic Outlook, 1997

Laumento della quota di capitale (e la speculare riduzione della quota del lavoro) pu` dipendere sia dalla riduzione del potere contrattuale dei sino dacati che da modiche nei coecienti tecnici nella funzione di produzione 7 . Probabilmente queste due spiegazioni sono ambedue ammissibili, ma sembra di poter dire che la componente pi` rilevante sia rintracciabile nella riduzione u del potere contrattuale dei sindacati e, quindi, del livello salariale rispetto la produttivit` marginale del lavoro (per approfondimenti vedi Balducci e a Staolani, 2000 [?]).
La quota del lavoro q pu` essere scritta q = wN = w N dove w ` il salario, N o e py p y loccupazione, p il livello dei prezzi, y il prodotto. Supponendo funzioni di produzione di tipo Cobb-Douglas a rendimenti costanti, si ha che N = y (N ) , dove ` lelasticit` e a Y del prodotto alloccupazione. Pertanto si pu` scrivere q = y (N ) ; la quota del capitale o dipende fa rapporto tra salario reale () e produttivit` marginale del lavoro e dallelasticit` a a del prodotto alloccupazione.
7

52

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

2.3.3

I contratti di lavoro

Le modalit` con le quali lattivit` lavorativa viene posta in essere sono previa a ste dal contratto di lavoro. In esso vengono ssate le modalit` con le quali la a retribuzione viene percepita (in misura ssa, a tempo, a cottimo, con premi di produttivit`), la durata della prestazione lavorativa (a tempo determinaa to, indeterminato, legata al compimento di una data prestazione), lorario di lavoro, le condizioni di lavoro. 2.3.3.1 Gli orari di lavoro eettivi e il part time

Quando si parla di fattore lavoro ci si riferisce tanto al numero di occupati che alla quantit` di ore lavorate complessivamente in un certo periodo. Ova viamente le due indicazioni sono dierenti, sia da un punto di vista teorico che da un punto di vista empirico. Quando si scrive una tradizionale funzione di produzione y = y(N ), ` importante sapere se N indica il numero di e lavoratori o il numero di ore lavorate; una specicazione pi` esatta di una u funzione di questo tipo sarebbe y = y(N, h), dove N ` il numero di lavoratori e e h ` il numero di ore lavorate da ognuno. Questa formulazione ci dice che e non necessariamente 10 lavoratori occupati 4 ore ognuno producono la stessa quantit` di prodotto di 5 lavoratori occupati 8 ore ognuno. Da un punto a di vista empirico, si pensi solo alla valutazione della produttivit` del lavoro: a se ad esempio si dice che la produttivit` del lavoro ` maggiore in Giappone a e che in Italia perch` ogni lavoratore giapponese produce pi` che un lavoratore e u italiano, questo non vuol dire che, necessariamente, il lavoro in Giappone sia pi` eciente. Infatti, basta guardare la gura ?? , per rendersi conto che i u lavoratori giapponesi e quelli statunitensi passano, in media, circa 200 ore di pi` allanno nel posto di lavoro che non quelli dei principali paesi europei8 . u Si noti che lorario di lavoro, che si era ridotto sostanzialmente negli anni 70, dallinizio degli anni 80 ` restato abbastanza stabile o si ` lievemente e e ridotto nella maggior parte dei paesi. Le eccezioni sono gli Stati Uniti e la Svezia, dove la tendenza dellorario di lavoro ` crescente e il Giappone, dove e lorario si ` ridotto fortemente negli anni 80 e 90. e Altre dierenze rilevanti tra paesi si riscontrano rispetto luso dei conSi noti che la comparazione degli orari eettivi di lavoro tra Paesi ` sempre una e operazione dicile, in quanto le fonti e le modalit` di raccolta di informazioni statistiche a su questi temi sono molto dierenziate tra paesi. Pertanto le aermazioni del testo vanno considerate come semplici indicazioni sullordine di grandezza degli orari di lavoro
8

2.3. LE ISTITUZIONI DEL MERCATO DEL LAVORO

53

Figura 2.15: Orari medi annui eettivi di lavoro in vari paesi


Note: I dati sono utilizzabili per lanalisi del trend dellorario di lavoro nei dierenti paesi; non sono appropriati per comparazioni puntuali tra paesi, a causa delle dierenze nelle modalit` con cui lorario medio viene calcolato. a Fonte: OCSE, Employment Outlook, 1998, p. 155

54

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

tratti di lavoro part-time: in alcuni paesi un lavoratore su quattro lavora ad orari ridotti; in altri, tra cui lItalia, soltanto un occupato su 20 lavora con contratto part time (vedi gura ??). Queste dierenze trovano le loro ragioni di esistere sia nella normativa e nella contrattazione collettiva, che possono spingere gli imprenditori a ritenere il contratto di lavoro part-time pi` o meu no conveniente rispetto il contratto a tempo normale, sia nelle preferenze dei lavoratori per questo tipo di strumento. Di solito si verica che il parttime ` tanto pi` diuso quanto pi` sono elevati i tassi di partecipazione della e u u popolazione femminile.

Figura 2.16: Contribuzione del lavoro part-time alla crescita delloccupazione e quota di lavoratori part time nei paesi OCSE, 1979 e 1992
3 Dati riferiti al 1991 invece del 1992 Fonte: OCSE, The OECD Job Study, Evidence and explanation, p. 10

2.3. LE ISTITUZIONI DEL MERCATO DEL LAVORO 2.3.3.2 Il lavoro temporaneo

55

Fino a pochi anni fa il rapporto di lavoro, almeno nelle imprese di dimensioni medio grandi, era, il pi` delle volte, di lunga durata e coincideva spesso con u il periodo di vita attiva del lavoratore. Questa tipologia di relazione di lavoro viene sempre di pi` messa in discussione dalla tendenza al ricorso a forme u contrattuali dierenti da quelle del lavoro a tempo indeterminato. La motivazione va ancora una volta cercata, almeno stando alle dichiarazioni delle imprese, nella ricerca della essibilit`, cio` della capacit` di adeguare linput a e a di lavoro alle mutevoli esigenze del mercato. In questo senso diventano sempre pi` importanti nuove forme contrattuali che no a poco tempo fa erano, u almeno in Italia, permesse solo in casi particolari o addirittura vietate. Specialmente per chi deve cercare una prima occupazione ` sempre pi` frequente e u il ricorso a quelle che sono denite forme contrattuali atipiche: il lavoro con contratto a termine, di formazione lavoro, con forme di prestazione coordinata e continuativa, con intermediazione di aziende di lavoro interinario che svolgono funzioni di intermediazione tra le imprese (che devono ricoprire posti di lavoro per un periodo determinato) e lavoratori. Alcune informazioni relative al lavoro a tempo determinato sono presentate nella tabella ??, che presenta la quota di lavoratori occupati con questo tipo di contratto sul totale lavoratori, nel 1997, facendo distinzione tra uomini e donne. 2.3.3.3 Lavoro autonomo e lavoro dipendente

Loccupazione indipendente o autonoma comprende varie gure professionali che vanno dai liberi professionisti, ai commercianti, ai coltivatori diretti e cos` via. Queste gure sono caratterizzate dalla non subordinazione rispetto ad un datore di lavoro; lanalisi del lavoro autonomo ha allora caratteristiche sue proprie. In eetti, anche da un punto di vista di analisi teorica, ` ben diverso e analizzare il comportamento di un lavoratore autonomo rispetto allanalisi di un lavoratore dipendente. Ad esempio, i modelli tradizionali di analisi del comportamento del lavoratore nella scelta tra tempo libero e consumo sembrano adattarsi meglio allanalisi del lavoro autonomo: ` soltanto in questo e caso, infatti, che un lavoratore pu` scegliere, pur se entro dati limiti, quante o ore trascorrere sul posto di lavoro. Il lavoratore dipendente non pu` eeto tuare questa scelta, o al massimo pu` eettuarla soltanto tra lavoro a tempo o

56

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

Tabella 2.6: Proporzione delloccupazione a tempo determinato sulloccupazione totale per genere, 1997 UOMINI DONNE AUSTRIA 7 10 BELGIO 4 8 DANIMARCA 10 13 FINLANDIA 13 16 FRANCIA 10 11 GERMANIA 11 15 ITALIA 6 7 OLANDA 5 10 NORVEGIA 8 12 SVEZIA 7 9 GRAN BRETAGNA 5 6 MEDIA (NON PESATA) 7 10
Fonte: Eurostat, European Labour force Survey, 1997

pieno e tempo parziale. Daltra parte, i modelli che considerano i sindacati dei lavoratori oppure che analizzano la possibilit` che il lavoratore cerchi di a ridurre al minimo il suo impegno sul posto di lavoro sono ovviamente diretti allanalisi del lavoro dipendente. Una considerevole quota dei lavoratori esercita una attivit` indipendena te, soprattutto nei paesi dellarea del sud europa. Questa quota, inoltre, non sembra ridursi nel tempo, come documentato nella gura ??. Limportanza delloccupazione autonoma ` sempre di pi` considerata anche ai ni delle e u politiche per loccupazione, che sono sempre di pi` indirizzate verso la stiu molazione della cosiddetta autoimprenditorialit`, cio` verso il tentativo di a e portare disoccupati, soprattutto giovani, alla creazione di piccole imprese e di cooperative. Queste politiche sono basate tanto sulla formazione professionale quanto sulla concessione di crediti a fondo perduto oppure a tassi agevolati.

2.3.4

Flessibilit` e regolamentazione a

La essibilit` del mercato del lavoro (dove per essibilit` di solito si intende a a la capacit` del sistema produttivo di adeguarsi ai cambiamenti) ` ovviamento a e

2.3. LE ISTITUZIONI DEL MERCATO DEL LAVORO

57

Figura 2.17: Il lavoro autonomo


2 Anno 1991 invece del 1992 Fonte: OCSE, The OECD Job Study, Evidence and Explanation, p. 9

58

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

dipendente dallintervento dello Stato, dai vincoli imposti dalla contrattazione collettiva, dalle modalit` contrattuali che possono essere attivate dalle a imprese. La regolamentazione del mercato del lavoro ` vista da alcuni come semplie ce vincolo che intralcia la libera volont` delle parti in sede di contrattazione e a come limite alla possibilit` che nuovi contratti di lavoro siano posti in essere; a si sostiene allora che una maggiore essibilit`, vista soprattutto come una a riduzione dellintervento pubblico, possa ridurre la disoccupazione. La letteratura economica e il dibattito politico tendono a contrapporre il sistema Anglosassone (Stati Uniti, Inghilterra e Canada) al sistema dei paesi dellEuropa continentale: tanto essibile il primo, quanto rigido il secondo. Molti economisti hanno cercato di comprendere se queste dierenze esistono realmente e se possano spiegare i dierenti risultati in termini di tasso di disoccupazione delle due aree, cio` se la rigidit` debba essere e a necessariamente accompagnata da pi` elevati tassi di disoccupazione 9 u Valutare la essibilit` dei sistemi di relazioni industriali nei dierenti a paesi ` indubbiamente una operazione dicile. Anche se le dimensioni della e essibilit` delle relazioni di lavoro sono molteplici (essibilit` negli orari, a a essibilit` dei salari, essibilit` delle mansioni, essibilit` nei licenziamenti, a a a essibilit` delle forme contrattuali...) di solito un sistema si ritiene tanto pi` a u essibile quanto pi` i lavoratori mostrano mobilit` tra posti di lavoro. La u a maggiore mobilit`, se da un lato signica sicuramente maggiore insicurezza, a dallaltro porta il sistema economico ad una maggiore capacit` di adattarsi a ai cambiamenti nella tecnologia, nella domanda, nella struttura industriale. Il valor medio della distribuzione delle durate dei periodi di lavoro ` dee nito tenure. Quanto pi` la tenure ` bassa, tanto pi` un sistema pu` essere u e u o considerato essibile. La gura ?? mostra la quota di lavoratori che occupano il proprio posto di lavoro distinta per lunghezza del periodo lavorativo con lo stesso datore di lavoro; in Italia, allora, l8% dei lavoratori ` occupato e nel posto attuale da meno di un anno, mentre il 68% ` occupato presso quele la impresa da pi` di cinque anni. La tenure media degli occupati ` allora u e relativamente elevata rispetto ad altri paesi. La facilit` nei licenziamenti, individuali e collettivi e la facilit` con cui a a contratti a termine possono essere stipulati tendono ovviamente a ridurre la tenure degli occuapti.
I contributi su questi temi sono numerosissimi; si consiglia la lettura dei due contributi apparsi su Journal of Economic Perspective nel 1997, scritti da Nickell [?] e Siebert [?]
9

kl

r q

x u

q p i h g f e d

g ` k

OCSE,Labour force statistics, 1998

Figura 2.18: Tenure dei lavoratori full-time, composizione percentuale, 1997


u t s r 8 7 6 w v 9 A @ t I H G 8 VW x s 4 c b a 3 2 U T D C B y w R Q P 5 3 Y X 3 F E S 9           " ! % $ # ( ' & 1 0 0 )

2.3. LE ISTITUZIONI DEL MERCATO DEL LAVORO

59

60

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

Una valutazione sintetica del grado di essibilit` riguarda le misure di a protezione del lavoro (employment protection legislation nella denizione dellOCSE), derivanti tanto da disposizioni legislative che da contratti di lavoro. Si ritiene che tanto pi` questa normativa ` stringente tanto pi` il sistema u e u ` poco capace di adeguarsi a shock esogeni. LOCSE ha calcolato alcune e misure che permettono di confrontare tra paesi e nel tempo questo insieme di norme che regolano i contratti di lavoro. Le due gure successive ?? e ?? danno delle informazioni a questo riguardo. Nella gura ?? viene proposto un confronto tra vari paesi relativo alla dicolt` che le imprese incontrano nel a porre in essere i licenziamenti collettivi e i licenziamenti individuali. Emerge che, secondo le denizioni dellOCSE, lItalia ` uno dei paesi in cui il licene ziamento collettivo ` pi` dicile; al contrario, la normativa sui licenziamenti e u individuali appare in linea con gli altri paesi europei. La gura ?? mostra un indicatore complessivo delle misure di protezione del lavoro nei vari paesi, per due periodi diversi, che tiene conto tanto della essibilit` in ingresso (lavoro temporaneo, esistenza di agenzie private di a collocamento, contratti a termine; vedi nota alla gura) che della essibilit` a in uscita, come evidenziata nella gura ??. I paesi che sono rappresentati sotto la diagonale sono quelli che hanno visto ridursi il grado di protezione del lavoro come misurato dallOCSE; questo ` accaduto in quasi tutti i paesi con leccezione della Francia. Al 1990, e il grado di protezione del lavoro italiano ` comparabile con quello francese e e spagnolo. Unaltro aspetto della essibilit` delle relazioni di lavoro ` relativo alla a e capacit` dei livelli salariali di adeguarsi al ciclo economico. In eetti, se il a mercato del lavoro fosse perfettamente competitivo, il livello salariale sarebbe sempre quello di equilibrio, dato dallincontro tra la domanda e loerta di lavoro. Valutare allora le relazioni esistenti nei vari paesi tra variazioni dei salari e variazione nei livelli occupazionali ` utile per vedere quanto il salario e si adegui a shock sulle quantit` di lavoro. Le analisi sviluppate su questi a temi sono basate su stime econometriche della relazione tra salari e tasso di disoccupazione. Pi` che presentare i risultati econometrici delle stime, u preferiamo mostrare nella tabella ?? la semielasticit` dei salari al tasso di a disoccupazione, sia nel breve che nel lungo. Questa misura indica laumento percentuale del livello medio dei salari rispetto ad una riduzione di un punto del tasso di disoccupazione, nei vari paesi. Dalla tabella emergono alcune considerazioni relative al fatto che non sembra emergere alcuna rigidit` dei salari nei paesi Europei. Con leccezione a

2.3. LE ISTITUZIONI DEL MERCATO DEL LAVORO

61

Figura 2.19: Indice della dicolt` di licenziamento in vari paesi - ne anni a 90


Nota: Lindice relativo ai licenzimenti collettivi ` stato calcolato dallOCSE considerando: e lesistenza o meno di una legislazione sui licenziamenti la necessit` di notica in caso di licenziamento a la necessit` di preavviso e la lunghezza dello stesso a lesistenza di costi a carico del datore di lavoro in caso di licenziamento Lindice relativo ai licenziamenti individuali viene calcolato tendendo conto: del tempo necessario prima che la procedura di licenziamento posaa avere avvio dellintervento di una terza parte nella procedura di licenziamento dellesigenza di noticazioni scritte al lavoratore Fonte: OECD, Employment outlook 1999, p. 57 e 65

3 F | f a  d " { i U s s 8 Q ` 2

e  E 7 ! Y z y r T  r I 1

D X 0

6 y h d   q T  C x P g ) p  x 5

q W c S B ~ w I o ( p f  w A

v l } ' V i R v 4 H &  % @ n e u m h u

l $

# k

62

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

Figura 2.20: Indice complessivo delle misure di protezione delloccupazione employment protection legislation
Nota: Lndice rappresentato riepiloga vari indicatori di protezione del lavoro calcolati dallOCSE, tanto in ingresso (tipologia di contratti) che in uscita (regolamentazione dei licenziamenti). A valori dellindice pi` elevati corrisponde una maggiore protezione del u lavoro. I paesi che si trovano al di sotto della diagonale hanno ridotto la protezione del lavoro negli anni 90 Fonte: OECD, Employment Outlook 1999, p. 61

2.3. LE ISTITUZIONI DEL MERCATO DEL LAVORO

63

Tabella 2.7: Flessibilita salariale: incremento percentuale del salario dipendente da una riduzione di un punto percentuale del tasso di disoccupazione Breve periodo Lungo periodo AUSTRIA 1.43 3.11 BELGIO 0.65 4.06 DANIMARCA 0.66 1.74 FINLANDIA 0.48 1.55 FRANCIA 2.22 4.35 GERMANIA OVEST 0.55 1.01 ITALIA 2.07 12.94 OLANDA 0.66 2.28 NORVEGIA 1.96 10.59 SPAGNA 0.17 1.21 SVEZIA 2.31 12.16 SVIZZERA 1.32 7.33 GRAN BRETAGNA 0.98 0.98 CANADA 0.50 2.38 STATI UNITI 0.32 0.94
Nota: Stime time series basate su dati aggregati; le stime sono state fatte nei primi anni 90 Fonte: Nickell, 1999, p. 60

64

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

della Spagna in tutti i paesi europei la reattivit` del salario alle condizioni del a mercato del lavoro ` pi` elevata che negli Stati Uniti. In particolare lItalia, e u secondo questi dati, si caratterizza per una rispondenza del salario al tasso di disoccupazione molto elevata, sia nel breve che nel lungo periodo. Nel breve periodo un aumento di un punto del tasso di disoccupazione porta ad una riduzione del 2% dei salari; nel lungo periodo ad una riduzione di quasi il 13%.

2.4

Conclusioni

Dai dati presentati nei paragra precedenti, emerge chiaramente che i mercati del lavoro dei paesi industrializzati si trovano ad arontare situazioni dicili, dove una parte della forza lavoro viene in qualche modo relegata ai margini dello sviluppo dei sistemi economici. Se gli anni 50 e gli anni 60, caratterizzati da forte crescita del potere dacquisto dei lavoratori, da crescita nel loro livello medio di istruzione, da tassi di disoccupazione quasi ovunque al di sotto del 5% avevano fatto sperare in un progressivo superamento delle dicolt` incontrate dalla forza lavoro nel corso dello sviluppo economico, a a partire dagli anni 70 (soprattutto dopo la crisi petrolifera) nel mercato del lavoro dei paesi industrializzati il numero dei disoccupati ` aumentato consie derevolmente, passando da tassi medi di circa il 3-4% a tassi superiori quasi ovunque al 10%. Questo fenomeno si era gi` vericato in passato, ed era a sempre stato considerato un fenomeno passeggero nelle economie di mercato. Questa volta, invece, quasi 30 anni dopo gli shock degli anni 70, che avevano fatto aumentare a dismisura il numero dei disoccupati, i mercati del lavoro sono ancora caratterizzati da disfunzioni, che in Europa si manifestano attraverso tassi di disoccupazione molto elevati, mentre nei paesi di lingua anglosassone (con mercati del lavoro probabilmente pi` essibili) hanno poru tato a serie dicolt` per i lavoratori meno qualicati, che si trovano s` ad a essere occupati, ma con redditi da lavoro inferiori a quelli di 10 anni prima. E dicile dire quanto questi problemi possano essere superati; molti osservatori sono comunque concordi che le economie occidentali dovranno convivere con queste situazioni, almeno per il futuro prossimo.

2.4. CONCLUSIONI

65

Appendice A: Rilevazione trimestrale sulle forze di lavoro: la rilevazione dal 1992


Premessa La diusione delle serie statistiche trimestrali dei principali indicatori dellindagine sulle forze di lavoro intende fornire un aggiornamento tempestivo sullevoluzione congiunturale del mercato del lavoro in Italia. Lobiettivo principale ` quello di rendere disponibile unampia gamma di informazioni e statistiche al segmento di utenza maggiormente interessato allanalisi corrente dei risultati della rilevazione sulle forze di lavoro, completando il quadro informativo oerto a cadenza trimestrale dal Comunicato Stampa. La principale caratteristica di questo prodotto editoriale riguarda lorganizzazione dei dati in serie temporali. La sezione statistica ` suddivisa in due e parti. La prima comprende 53 tavole, disaggregate per ripartizione geograca (Nord, Centro, Sud e Isole), che descrivono loccupazione, la disoccupazione e le non forze di lavoro per sesso, classe di et` e titolo di studio; loccupazione a per ramo di attivit` economica e posizione nella professione; la disoccupazioa ne per tipologia e durata della ricerca di lavoro; vengono inoltre presentate le serie relative alla professione degli occupati, al carattere permenente o meno delloccupazione, al tipo di orario eettuato; per quanto riguarda i disoccupati viene descritta la loro disponibilit` ad accettare un lavoro a tempo a parziale, a tempo determinato o lontano dal luogo di residenza. La seconda sezione comprende due tavole per ciascuna regione, una riguardante la popolazione per condizione professionale e sesso, laltra gli occupati per settore di attivit` economica, posizione nella professione e sesso. a Le serie temporali sono disponibili a partire dallottobre 1992, data in cui per adeguarsi agli standard internazionali sono state introdotte alcune importanti innovazioni metodologiche. Esse riguardano in particolare: a)la denizione della popolazione in et` lavorativa (con eliminazione da questo a aggregato dei quattordicenni) e delle persone in cerca di lavoro (con lesclusione dallaggregato di chi non ha eettuato concrete azioni di ricerca di lavoro nei 30 giorni che precedono lintervista); b)il modello di rilevazione; c)la classicazione degli occupati per settore di attivit` economica, con un a allargamento del dettaglio settoriale da 12 a 60 branche; d)la procedura di controllo e correzione degli errori di tipo probabilistico, in sostituzione della procedura di tipo deterministico in uso in precedenza; e)la determinazione

66

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

dei coecienti di espansione dei dati campionari, a seguito della revisione al ribasso dei dati anagraci operata dal censimento demograco. 1. Campo di rilevazione Luniverso di riferimento dellindagine ` costituito da tutti i componenti e delle famiglie residenti in Italia (iscritti alle anagra comunali), anche se temporaneamente emigrati allestero, presenti al momento della rilevazione. Sono esclusi i membri permanenti delle convivenze (ospizi, befotro, istituti religiosi, caserme, etc.). 2.Unit` di rilevazione a Lunit` di rilevazione ` la famiglia anagraca, intesa come un insieme di a e persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, anit`, adozione, tutela o a da vincoli aettivi, coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso Comune. Una famiglia pu` essere costituita anche da una sola persona. Qualora il o rilevatore trovasse in una abitazione due o pi` famiglie, deve intervistare u solo la famiglia estratta e indicata dal Comune. 3. Periodicit` e riferimento temporale dell indagine a Lindagine viene svolta trimestralmente a gennaio, aprile, luglio e ottobre di ogni anno, al ne di cogliere la stagionalit` dei fenomeni rilevati. Le a notizie acquisite e di conseguenza i dati pubblicati non fanno riferimento ad una media trimestrale, ma ad una situazione puntuale colta di volta in volta nei mesi indicati. Alla ne dellanno lISTAT elabora i dati gi` pubblicati trimestralmente a facendo una media dei dati rilevati nella quattro rilevazioni. I riferimenti temporali delle notizie raccolte sono: a)il giorno di riferimento, che coincide con il venerd` della settimana di riferimento. A questo giorno vanno ricondotte le osservazioni quali let`, lo stato civile, il livello a di istruzione e la cittadinanza; b)la settimana di riferimento: ` di norma la e prima settimana priva di giorni festivi del mese in cui viene condotta linchiesta; c)la settimana di rilevazione: ` la settimana successiva a quella di e riferimento, durante la quale gli intervistatori si recano presso le famiglie per eettuare le interviste. 4. Disegno campionario Il campione utilizzato ` a due stadi con straticazione delle unit` di primo e a stadio. Le unit` di primo stadio sono costituite dai comuni, quelle di secondo a stadio dalle famiglie anagrache. Nellattuale campione, operativo dal luglio 1990, progettato per pressati livelli attesi di precisione delle principali stime regionali, ` stato adottato e un nuovo criterio di straticazione basato sulla sola variabile popolazione

2.4. CONCLUSIONI

67

residente nei comuni. Questo criterio permette di ottenere laggiornamento continuo della variabile di straticazione a dierenza di quanto avveniva in passato, quando la determinazione della variabile attivit` economica a prevalente veniva aggiornata soltanto in occasione dei censimenti. Il nuovo disegno campionario ` stato progettato tenendo conto della cone dizione di autoponderazione dello strato nellambito di ciascuna regione geograca, il che ha comportato lassegnazione ad ogni provincia di un numero di famiglie campione proporzionale al peso demograco della provincia stessa. La dimensione del campione ` stata determinata in modo da consentire e il rispetto delle nuove norme comunitarie in relazione allerrore di campionamento e di ottenere le stime annue del numero di occupati e del numero delle persone in cerca di occupazione per provincia. Dallaprile 1992 la numerosit` campionaria ` di 1.327 comuni-campione e 73.412 famiglie. Ad a e aprile 1995 il numero dei comuni campione ` stato elevato a 1.351. Tale came biamento si ` reso necessario per tener conto della creazione delle 8 nuove e province italiane, che sono passate da 95 a 103 come da disposizione di legge. I principali aggregati della popolazione presentano un soddisfacente livello di precisione in analisi cross-section. Al contrario, le dierenze che si registrano tra stime relative ad uno stesso aggregato in trimestri successivi, o in trimestri corrispondenti di anni successivi, risultano spesso relativamente piccole in valore assoluto, e perci` soggette ad un elevato errore probabilistio co. La strategia di selezione dei comuni-campione prevede: a)lindividuazione degli strati per provincia, in modo da ottenere livelli omogenei di popolazione complessiva; b)la determinazione per ogni provincia di una soglia, al di sopra della quale i comuni vengono tutti inclusi nel piano di campionamento; al di sotto di detta soglia vengono selezionati due comuni per ciascuno strato elementare, senza reimmissione e con probabilit` proporzionale al peso a demograco della provincia stessa. Lestrazione delle famiglie-campione viene eettuata una volta lanno, allinizio del ciclo annuale di rilevazione, che coincide con lindagine di aprile. Il numero di famiglie da estrarre per ciascun comune viene determinato in modo tale da assicurare tanto la rotazione delle famiglie stesse, prevista dal piano di campionamento (compilazione di 9 elenchi-base: P/43), che la formazione di un elenco di famiglie di riserva per eventuali sostituzioni (P/44). Le famiglie del campione ruotano secondo uno schema del tipo 2-2-2, per cui ogni famiglia viene intervistata per due indagini successive, esce temporaneamente dal campione per due indagini, e vi rientra per le ultime due indagini.

68

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

La scelta del sistema di rotazione ` tale da conciliare in maniera ottimale e le esigenze di costruzione di stime di livello e stime di variazione: maggiore ` il numero di famiglie che si rinnovano di periodo in periodo, maggiore e ` la validit` degli aggregati stimati dallindagine (stime di livello); viceversa, e a la presenza di una quota consistente di famiglie in comune da una rilevazione allaltra garantisce la stabilit` delle stime in periodi successivi (stime di a variazione). Per i comuni campione, in generale, non ` previsto nessun tipo di roe tazione: vengono sostituiti solo quei comuni che dopo un certo numero di rilevazioni non sono pi` in grado di fornire nuove famiglie campione. Le stiu me campionarie vengono riportate alluniverso, strato per strato, sulla base delle risultanze anagrache (aggiornate ai censimenti) della popolazione. La popolazione di riferimento dei dati di ciascun trimestre si ottiene dalla popolazione nazionale (aggiornata nel suo complesso alla data pi` prossima u al mese di riferimento dellindagine), cui vanno detratti i membri permanenti delle convivenze. A partire dalla rilevazione di gennaio 1991 viene utilizzato uno stimatore del rapporto combinato post-straticato per sesso e classi di et` in sostitua zione di quello adottato no ad ottobre 1990 che si basava sulla sola variabile sesso. Le classi di riferimento, in uso dal 1990 al 1995, sono state: 1524, 25-34, 35-54, 55-64, 65 e oltre. Successivamente a partire dal gennaio 1996 esse sono state ulteriormente disaggregate nelle seguenti classi: 0-14, 15-19, 20-24, 25-29, 30-34, 35-44, 45-54, 55-64, 65 e oltre. Ladozione di tale stimatore riveste un ruolo di grande importanza nellambito della nuova strategia campionaria, poich consente di migliorare la precisione delle stime e con particolare riguardo a quelle relative alle classi giovanili, che risultavano sottostimate rispetto alle restanti classi. 5. Modello di rilevazione Con lintroduzione ad ottobre del 1992 del nuovo questionario di rilevazione P/90 si ` portata a termine una parte importante dellintera ristruttue razione dellindagine Forze di lavoro. La versione attuale del questionario rappresenta il risultato di numerosi lavori di ricerca e analisi condotti in varie direzioni, quali il gruppo di lavoro per le statistiche comunitarie sulle Forze di lavoro e il gruppo di lavoro FOLA, ed ha accolto indicazioni e suggerimenti provenienti da esperti del mercato del lavoro. Esso presenta rispetto al vecchio questionario P/70 (utilizzato da luglio 1984 a luglio 1992) limportante novit` di essere redatto in a due distinte versioni: a)ridotta (mod. P/90), per lindagine nazionale che

2.4. CONCLUSIONI

69

si svolge abitualmente nei trimestri di gennaio, luglio ed ottobre; b)pi` artiu colata ed ampliata (P/90E), per lindagine svolta per la Comunit` Europea a abitualmente ad aprile di ogni anno. Le novit` introdotte vengono qui di seguito riportate. a Sezione I - Notizie rilevate per tutte le persone della famiglia Sono stati introdotti i seguenti quesiti: a)titoli di studio superiori (dalla ne della scuola dellobbligo no alla laurea); b)cittadinanza; c)paese di nascita; d)anni di residenza. Sezione II - Notizie rilevate per le persone di 15 anni e pi`. E stato elevau to di un anno (da 14 a 15) il limite inferiore dellet` lavorativa per adeguarsi a alle disposizioni comunitarie. Le novit` relative alle notizie sullattivit` lavoa a rativa riguardano: a)i cambiamenti della codica delle attivit` economiche, a passata da 12 branche, precodicate sul questionario precedente, alle attuali 60 branche, con codici da compilare a cura dell intervistatore sulla base di quanto dichiarato dallintervistato; b)lintroduzione del quesito sulla professione, con codica a quattro cifre, sempre a cura dellintervistatore, secondo la classicazione adottata dallISTAT al censimento 1991. c)linserimento della CIG tra i motivi di dierenza tra le ore di lavoro abituali ed eettive; d)il numero dei dipendenti, se si ha un lavoro autonomo; e)il numero di dipendenti dellunit` locale di appartenenza; f)il luogo di lavoro; g)lepoca a di inizio dellattuale attivit`; h)la durata delloccupazione temporanea; i)le a modalit` con cui viene svolto il proprio lavoro (su turni, serale, notturno, di a sabato, di domenica, nel proprio domicilio). Per quanto riguarda in generale le notizie sulla ricerca di lavoro, si ` data e una diversa disposizione e unarticolazione pi` analitica ai quesiti gi` posti u a in passato, per ottenere risposte pi` corrette e approfondite. u In particolare, per il quesito sulle azioni di ricerca sono previste 19 modalit` di risposta, contro le 11 del passato. Tra queste modalit` di risposta a a viene inoltre eettuata la distinzione tra le azioni di ricerca per un lavoro alle dipendenze (presso privati, partecipazione a pubblici concorsi, iscrizioni presso gli uci pubblici di collocamento) e le iniziative per avviare unattivit` a autonoma. Sono stati introdotti, inne, due quesiti sugli atteggiamenti, riguardanti il luogo e il livello di retribuzione minimo al quale chi cerca sarebbe disposto a lavorare. Nella sola rilevazione comunitaria vengono posti: a)i quesiti sullistruzione e la formazione professionale; b)i quesiti sulla situazione dello stesso mese dellanno precedente. Lo spoglio di tali risposte potr` essere messo a cona

70

CAPITOLO 2. IL LAVORO NEI PAESI INDUSTRIALIZZATI

fronto con le risposte che le stesse famiglie hanno dato nellanno precedente (in quanto, come si ` visto met` del campione riguarda le stesse famiglie) e a valutando cos` leetto ricordo. Altre notizie sulla famiglia Al termine delle interviste su tutti i componenti della famiglia vengono raccolte altre notizie sulla famiglia: numero di telefono, disponibilit` oraria e disponibilit` a fornire informazioni per a a telefono nonch valutazioni da parte dellintervistatore sulla collaborazione e dimostrata.

Bibliograa
[1] Dunlop, J.T. (1944) Wage Determination under Trade Unions, London, MacMillan [2] Ross, A.M. (1948) Trade Unions Wage Policies, University of California Press [3] Layard, R., S. Nickell, R. Jackman (1991): Unemployment: Macroeconomic Performance and the Labour Market, Oxford University Press [4] Layard, R., S. Nickell, R. Jackman (1994): The Unemployment Crisis, OXford University Press [5] Layard, R., S. Nickell, R. Jackman (1999): disoccupazione, Editori Laterza, Roma-Bari Misurarsi con la

[6] Phelps, Edmund S. (1999): Premiare il lavoro, Editori Laterza, RomaBari [7] Antonelli, G. e Paganetto, L. (1999) Disoccupazione e basso livello di attivit` in Italia, Il Mulino, Bologna a [8] Sinclair, P (1989): La disoccupazione: teoria economica ed evidenza empirica, Il Mulino, Bologna [9] Lindbeck A., D.J. Snower (1988) The Insider Outsider Theory of Employment and Unemployment, MIT press [10] Dreze, J.D., C.R. Bean, editors (1990) Europes Unemployment Problem, MIT press [11] Malinvaud E. (1986): La disoccupazione di massa, Laterza, Bari 71

72

BIBLIOGRAFIA

[12] Brunetta, R. (1999): Economia del lavoro, UTET Universit`, Torino a [13] Balducci, R e Staolani, S, 2000: Quota del lavoro e occupazione in presenza di contrattazione eciente, Quaderni di ricerca n. 143, Dipartimento di economia Universit` di Ancona. a [14] Nickell, S. (1997): Unemployment and labour market rigidities: Europe versus North America Journal of EPerpsective, vol. 11, n. 3, pp. 55-74 [15] Siebert, H. (1997) LAbor MArket rigidities: at the root of unemployment in Europe, Journal of EPerpsective, vol. 11, n. 3, pp. 37-54 [16] OCSE, (1994) The OECD Job Study, Paris [17] OCSE (1997): Employment Outlook, Paris [18] OCSE (1998): Employment Outlook, Paris

Capitolo 3 Lapproccio tradizionale al mercato del lavoro


3.1 Introduzione

Le relazioni di lavoro presentano dei caratteri che le rendono dicilmente analizzabili allinterno di schemi che basino sullagire delle forze di mercato il loro nucleo principale. Tuttavia lanalisi del lavoro secondo schemi tradizionali, basati sul comportamento di agenti massimizzanti nellambito di forme di mercato che si rifanno prevalentemente allo schema di concorrenza perfetta, sembra necessario. Pur se questa costruzione teorica non riesce a spiegare gran parte dei fenomeni che caratterizzano le relazioni lavorative, essa rappresenta una base teorica sulla quale sviluppare gli approfondimenti dellindagine dei prossimi capitoli. In questa ottica nei paragra successivi verranno presentati alcuni dei modelli base dellanalisi neoclassica; data la vastit` (e la dicolt` teorica) a a delle analisi che fanno riferimento a questo lone di ricerca, verranno presentati solo quei modelli che saranno un utile punto di riferimento per le analisi successive. Nello stesso tempo, questo capitolo sar` utile per apprendere o a perfezionare alcuni strumenti analitici. Nel primo paragrafo si svilupperanno alcuni temi relativi alla domanda di lavoro delle imprese, con particolare riferimento alle situazioni denite di breve periodo, in quanto nel seguito del testo si prenderanno in considerazione situazioni nelle quali il lavoro ` lunico input variabile. e Nel secondo paragrafo oggetto di analisi sar` loerta di lavoro di indivia 73

74

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

dui che devono scegliere quante ore dedicare allattivit` retribuita. Saranno a considerate tanto situazioni nelle quali lunica scelta dei lavoratori sia tra consumo e tempo libero, quanto situazioni nelle quali gli individui hanno lopportunit` di migliorare la loro formazione professionale e quindi di investire a in capitale umano. Un semplice modello di equilibio economico generale, presentato con lo scopo di analizzare le conseguenze delle interrelazioni tra domanda e oerta, chiude questo capitolo.

3.2

La domanda di lavoro

Lipotesi comune alla maggior parte dei modelli di domanda di fattori ` che e le imprese acquisiscano fattori produttivi al ne di massimizzare il protto. Se limpresa produce un solo bene, la funzione di produzione ` del tipo: e y = y(x1 , x2 ...xn ) dove le x rappresentano gli input di fattori e la y la produzione. Osservazione 1 Le caratteristiche ipotizzate per la funzione di produzioy 2 ne sono indicate dalle seguenti derivate: xi > 0; xy < 0 i . I segni 2 i delle derivate implicano che sia valida la legge dei rendimenti marginali decrescenti, detta anche legge dei rendimenti variabili.

Esercizio 1 Sia y = x x . Sotto quali condizioni la legge dei 1 2 rendimenti decrescenti ` valida per i due fattori produttivi? e

Esercizio 2 Sia y = x + x . Sotto quali condizioni la legge 1 2 dei rendimenti decrescenti ` valida per i due fattori produttivi? e Questa ipotesi non fa altro che stabilire che la tecnologia installata ` tale e per cui al crescere di un solo fattore produttivo il prodotto cresce, ma in

3.2. LA DOMANDA DI LAVORO

75

Figura 3.1: Funzione di produzione di breve periodo

misura meno che proporzionale. La gura ?? presenta il tipico andamento di una funzione di produzione di breve periodo. Ovviamente, questa forma della funzione di produzione implica una produttivit` marginale del fattore decrescente e una produttivit` media del a a fattore sempre superiore alla produttivit` marginale1 . a Osservazione 2 Data la funzione di produzione: y = y(x1 , x2 ...xn ) , si supponga ora che tutti gli input vengano moltiplicati per un parametro > 0; sia inoltre y = y(x1 , x2 ...xn ) il nuovo livello di output. Se si pu` scrivere o y = y, la funzione di produzione ` omogenea e il parametro indica il e grado della funzione omogenea. Una funzione di produzione ` omogenea quando la relazione che lega la e variazione delloutput alla variazione di tutti gli input ` invariante rispetto e al livello delloutput: sia che limpresa abbia un livello di produzione basso sia che abbia un livello di produzione elevato, una data variazione degli input ha sempre lo stesso eetto sulla variazione delloutput.
La funzione di produzione viene spesso rappresentata come una funzione con derivata seconda positiva per bassi livelli del fattore produttivo x; questo sta ad indicare che per bassi livelli di input di fattore la produttivit` marginale ` crescente. Dato per` che, in a e o equilibrio, limpresa opera sempre nel tratto in cui i rendimenti marginali sono decrescenti, le considerazioni proposte nel testo restano allora valide per lanalisI dellequilibrio.
1

76

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Il valore di indica i rendimenti di scala della funzione di produzione, cio` il modo in cui varia il livello della produzione al variare nella stessa e proporzione di tutti gli input. Se vale < 1 i rendimenti di scala sono decrescenti, cio` il prodotto varia meno che proporzionalmente al variare e degli input. Se > 1 i rendimenti di scala sono crescenti, se = 1, costanti. E evidente che in presenza di rendimenti crescenti, le imprese pi` grandi u sono sempre pi` competivive di quelle pi` piccole (in quanto, a parit` di altre u u a condizioni, il costo per unit` di prodotto diventa pi` basso). La situazione a u di concorrenza perfetta presuppone lesistenza di un numero molto elevato di imprese, pertanto ` incompatibile con i rendimenti crescenti. e

Esercizio 3 Si dica se la funzione di produzione y = x x ` 1 2 e omogenea e se ne calcoli il grado.

Esercizio 4 Si dica se la funzione di produzione y = [x + x ] 1 2 ` omogenea e se ne calcoli il grado. e Se p indica il prezzo del prodotto e w il costo dei fattori, il protto che consegue limpresa ` dato dalla relazione: e
n

= p(y)y(x1 , x2 ...xn )
i=1

w(xi )xi

(3.1)

Il protto dellimpresa ` quindi dato dai ricavi totali (prezzo di vendita del e prodotto per quantit` prodotta, dove il prezzo pu` essere funzione della quana o tit` venduta) meno i costi totali (dati dalla somma dei costi dei singoli input, a con prezzi degli input che possono essere funzione della quantit` acquistata). a La massimizzazione dei protti richiede quindi la massimizzazione dellequazione ?? rispetto agli n input di fattori produttivi. Limprenditore si chiede cio` quale sia la combinazione ottimale di fattori produttivi da ace quisire sul mercato. Si noti che, per come la ?? ` stata scritta, i prezzi (sia e del prodotto che dei fattori produttivi) non sono parametricamente dati, ma possono variare al variare delle quantit`; la ?? si riferisce cio` a mercati che a e possono essere non perfettamente concorrenziali.

3.2. LA DOMANDA DI LAVORO

77

3.2.1

La domanda di lavoro nel breve periodo

Supponendo vericate le condizioni del secondo ordine, e ipotizzando che j sia lunico fattore variabile, il generico input xj ` ottenibile ponendo uguale e a zero la derivata prima della ?? (si pu` supporre che tutti gli altri inputs o siano ai loro valori ottimali): pyxj + py yxj y = wj + wxj xj Dove y xj = dp dwj dy ; ; py = , ; wxj = dxj dy dxj (3.2)

indicano derivate prime. Nella ?? il termine a sinistra delluguale ` composto e da due parti: la prima parte ` valida in qualsiasi forma di mercato, e indica e la variazione del ricavo totale dovuta al prezzo per la variazione della produzione, mentre la seconda parte ` diversa da zero solo se il sistema economico e non ` in concorrenza perfetta, e indica la riduzione di ricavo totale dovuta e alla riduzione del prezzo (quanto varia il prezzo rispetto loutput moltiplicato per la variazione delloutput dovuta alla variazione dellinput) moltiplicata per la quantit` prodotta. La parte a destra delluguale ` anchessa composta a e da due parti: la prima indica la variazione del costo totale dovuta al costo del fattore, la seconda la variazione del costo del fattore moltiplicata per la quantit` di input, ed ` uguale a zero se il mercato dei fattori ` in concorrenza a e e perfetta. E facile vericare che, se py < 0 siamo in concorrenza monopolistica nel mercato dei beni (funzione di domanda del prodotto decrescente rispetto al prezzo), mentre se wxj > 0 siamo in condizione di concorrenza monopsonistica nel mercato del fattore (funzione di oerta di fattore crescente rispetto al costo del fattore). Lequazione ?? denisce lequilibrio dato dalluguaglianza tra ricavo marginale del prodotto del fattore (a sinistra delluguale) e costo marginale del fattore (a destra delluguale), e pu` facilmente essere scritta in termini di elao sticit`2 (si tralascia lindice j): si moltiplichi e divida a sinistra delluguale a
dy y Si ricordi che lelasticit` di y rispetto x ` denita da y,x = dx = dx x ; indica a e y x quindi il rapporto tra variazioni relative. Se, ad esempio, lelasticit` di y a x ` di 0.03 a e (oppure 3%), allora se x cresce dell1%, y cresce del 3%.. In funzioni del tipo y = Axb (dette anche funzioni ad elasticit` costante) per A e b parametri, lelasticit` ` data dal a a e dy parametro b. Infatti, derivando la funzione si ottiene: dx = Abxb1 che, rimoltiplicato per 2
dy

78 per p e a destra per w:

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

1 + py

y p

pyx = wx

x +1 w w

(3.3)

E abbastanza agevole riconoscere linverso dellelasticit` della domanda a di prodotto nella prima parentesi (y,p ) e linverso dellelasticit` della oerta a di fattore nella seconda (x,w ); si pu` pertanto scrivere: o yx = w p 1 + y,p 1 + x,w x,w (3.4)

La ?? rappresenta una generica funzione di domanda di fattore produttivo e denisce il livello di equilibrio del fattore x per dati valori del prezzo, del salario e delle elasticit`. Se supponiamo che le funzioni di domanda di a prodotto e di oerta di fattore siano ad elasticit` costante i termini entro le a parentesi sono costanti. Il termine entro la prima parentesi (per |y,p | > 1)3 e il termine entro la seconda parentesi sono minori di 1: il costo del fattore tende ad essere pi` basso del valore del prodotto marginale del fattore quando u il mercato del prodotto ` monopolistico e quando il mercato dei fattori ` e e monopsonistico. 3.2.1.1 Mercati concorrenziali

Se i due mercati sono perfettamenti concorrenziali (py = 0 , wxj = 0), la ??, dato che pu` essere scritta wj = pyxj , si riduce a: o y xj =
x y

wj p

(3.5)

x Axb

x1b A

fa si che, data lequazione y = Axb valga sempre:


y,x

=b

Se lelasticit` della domanda fosse minore di 1, un aumento del prezzo produrrebbe a una riduzione della quantit` venduta meno che proporzionale, quindi un aumento dei ria cavi totali; la riduzione della quantit` produrrebbe inoltre una riduzione dei costi totali. a Limpresa avrebbe sempre convenienza ad aumentare i prezzi nch` lelasticit` della doe a manda ` minore dellunit` quindi, in equilibrio, limpresa si situer` nel tratto nel quale la e a a curva di domanda ` elastica, dove un aumento dei prezzi produce una riduzione sia dei e ricavi che dei costi. Se la funzione di domanda ` ad elasticit` costante, questa deve essere e a maggiore dellunit`. a

3.2. LA DOMANDA DI LAVORO

79

che non ` altro che la tradizionale funzione di domanda di un fattore variabile, e che dipende dalluguaglianza tra valore del prodotto marginale e costo del fattore oppure, detto in un altro modo, tra produttivit` marginale e costo a reale del fattore.

Esercizio 5 Supponendo y = AN , con N numero di occupati, si denisca la funzione di domanda di lavoro e, per dati w e p, si calcoli loccupazione ottimale.
Lequazione ?? pu` essere facilmente scritta: o w = AN 1 p loccupazione per dati salari reali ` data da: e p N = A w
1 1

Le imprese concorrenziali domandano fattori nch` il prodotto ottenuto e dallultima unit` di fattore ` maggiore del costo reale del fattore. Ovviaa e mente, per prezzi e salari parametrici, la funzione di domanda del fattore ` e inclinata negativamente. Supponiamo dora in avanti che il fattore lavoro sia il fattore variabile che abbiamo analizzato. La ?? eguaglia il prodotto marginale del lavoro al salario reale4 . E evidente che le ipotesi sottostanti lequazione ?? sono molto restrittive. In eetti essa ` valida solo nel caso che: e
Il fattore lavoro domandato dalle imprese ` in realt` costituito da due dimensioni e a dierenti, che dovrebbero essere distinte nellanalisi: le ore di lavoro per occupato (grandezza usso) e il numero di occupati (grandezza di stock). Nel testo ci si riferir`, per a semplicit`, al valore di N come al numero di occupati; questo ` accettabile solo se si supa e pone dato e invariante lorario di lavoro per occupato. Le analisi svolte sono in generale valide anche se si interpreta N come monte ore, dato dal prodotto tra numero di occupati e orario di lavoro individuale. Ovviamente, la produttivit` di un lavoratore dipende dal a numero di ore di lavoro che esso ` chiamato a svolgere in un dato arco di tempo. Per e approfondimenti sulla relazione tra domanda di ore e di occupati, si veda, tra gli altri, Hart (1987) [?].
4

80

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE esista un solo fattore variabile il mercato del prodotto sia in concorrenza perfetta il mercato del fattore sia in concorrenza perfetta il mercato del lavoro non sia caratterizzato da contratti di lunga durata. non esistano problemi di selezione o incentivazione della forza lavoro (ci si trovi cio` in una situazione di conoscenza perfetta) e non esistano costi legati allassunzione e/o al licenziamento di lavoratori

Le ultime tre condizioni indicate saranno rimosse quando analizzeremo i rapporti di lavoro duraturi (capitale umano), i problemi legati allinformazione incompleta e asimettrica, lesistenza di costi di aggiustamento della forza lavoro (modelli insider-outsider). Nei prossimi paragra analizziamo situazioni nelle quali il mercato del prodotto o quello dei fattori produttivi non sono in concorrenza perfetta. 3.2.1.2 Mercato del prodotto non concorrenziale

Se il mercato del prodotto fosse non concorrenziale, ma il mercato del fattore resta concorrenziale, dunque wx = 0, la domanda di lavoro resta comunque una funzione decrescente. Infatti, rispetto alla situazione di concorrenza perfetta, dove wj = pyxj che identica la funzione di domanda di lavoro decrescente rispetto xj , in concorrenza monopolistica, data lequazione ?? a con wx = 0, si avr`: y wj = (1 + py )pyxj (3.6) p Per ogni valore di xj , il corrispondente valore di wj sar` pi` basso che non in a u concorrenza perfetta, dato che py ` negativo5 (curva di domanda dei prodotti e inclinata negativamente).

Per una impostazione che tenga conto in modo pi` dettagliato della rilevanza del u mercato di vendita dei prodotti per le decisioni ottime dellimpresa si veda lappendice A.

3.2. LA DOMANDA DI LAVORO

81

Esercizio 6 Nel caso che la funzione di domanda di prodotto sia 1 data da p = y , e la funzione di produzione sia y = N , con N che indica loccupazione (unico fattore variabile), per dato salario w, si calcoli il livello di N che massimizza i protti dellimpresa e lelasticit` delloccupazione al salario. a
1 Sostituiamo la denizione di elasticit` della domanda (py y = ) a p nellequazione ??: 1 w = 1 p(y)yN

da cui, sostituendo la funzione di domanda in p(y) w= 1 1 y


1

yN

Utilizzando la funzione di produzione sostituiamo y e calcoliamo yN w= o ancora: w= Deniamo: 1 1 1 1 N


N 1

1 1 1

1 = 1 , con 0 < < 1

dove ` un indicatore del grado di concorrenza del mercato. Se tende e a 1 siamo in condizioni di concorrenza perfetta (infatti, in concorrenza perfetta tende ad innito) ; pi` si avvicina allo zero, pi` la domanda u u 6 . Avremo: ` rigida (infatti, per che tende a 1, tende a 0) e w = N 1

Si tenga conto inoltre che i ricavi totali dellimpresa possono essere scritti T R = y ; quindi, in concorrenza perfetta, con = 1, i ricavi totali sono lineari in y; in concorrenza

82

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE


che rappresenta la funzione di domanda di lavoro; si pu` risolvere: o N= w
1 1

che, per dato w, determina loccupazione di equilibrio, cio` loccupazione e che massimizza i protti dellimpresa. Rispetto il caso dellesercizio 1, lelasticit` delloccupazione al salario ` maggiore nel caso di concorrenza a e 1 1 monopolistica, dato che 1 < 1

3.2.1.3

Mercato dei fattori in monopsonio

Nel caso che il mercato del fattore sia in monopsonio (il mercato dei prodotti si suppone concorrenziale, quindi py = 0) con il prezzo del fattore produttivo che ` una funzione crescente della quantit` acquistata dallimpresa, (w = e a w(x), con wx > 0), non ` pi` possibile parlare di curva di domanda di lavoro. e u In questo caso, infatti ` la stessa impresa che deve scegliere congiuntamente e occupazione e salario. Un aumento delloccupazione provoca un aumento dei livelli salariali con cui limpresa deve retribuire i lavoratori. Lequazione ??, per py = 0, pu` essere scritta: o yx = (wx x + w) 1 p (3.7)

Dove il termine wx x + w indica il costo marginale del lavoro: se si assume un nuovo lavoratore occorre retribuirlo (w) ma occorre anche aumentare il salario a tutti i lavoratori che erano gi` assunti (wx x). Lequazione precedente a pu` essere scritta o w 1 + x,w yx = (3.8) p x,w La produttivit` marginale del lavoro (yx ) deve essere maggiore del salario a a u reale ( w ); pertanto loccupazione risulter` pi` bassa che non in concorrenp za perfetta. Dallequazione ??, dato x ottimale, il livello salariale sar` poi a denito lungo la funzione di oerta di lavoro w(x).
monopolistica, dato che i ricavi totali non possono essere decrescenti in y (altrimenti limpresa avrebbe sempre interesse ad aumentare i prezzi e ridurre la produzione) il caso con = 0 e quindi ricavi totali costanti rappresenta un caso limite

3.2. LA DOMANDA DI LAVORO

83

Sotto date condizioni, aumenti dei livelli salariali possono,nel caso del monopsonio, aumentare loccupazione. Si consideri la curva di domanda di lavoro indicata con pdato nella gura ??. Allora, la situazione di equilibrio ` e descritta da un livello di occupazione corrispondente al puntio M , ottenuto in corrispondenza del punto di incontro tra la curva Cmg e la curva di domanda di lavoro (pdato): limprenditore assume lavoratori nch` il costo marginale e di un lavoratore aggiuntivo non eccede la sua produttivit` marginale in valoa re. Per qualunque salario compreso tra wM e wC , dove wC segnala lequilibrio concorrenziale (intersezione tra domanda e oerta di lavoro), limprenditore avr` convenienza ad aumentare loccupazione, spostandosi lungo la curva N s . a Quindi la legge della domanda, che vuole che esista una relazione negativa tra salari e occupazione, non ` detto che sia sempre valida in quanto per e salari compresi tra wM e wC aumenti di salario portano limpresa a scegliere livelli occupazionali pi` elevati: se limprenditore deve pagare salari pi` alti, u u ha convenienza ad assumere un maggior numero di lavoratori. Quali sono le ragioni che possono spiegare lesistenza di situazioni di monopsonio? La causa che tradizionalmente ` stata addotta ` legata a situazioni e e di mercato dei fattori produttivi nei quali, in una data area territoriale, esiste una unica impresa, oppure esiste un numero limitato di imprese che si fanno concorrenza nel domandare lavoratori. Questa situazioni fa si che le imprese che pagano salari pi` elevati possano assumere pi` facilmente lavoratori (in u u una situazione che ricorda loligopolio ` la Cournot), oppure possano scegliere a con pi` facilit`, assumendo solo i lavoratori pi` produttivi (per approfondiu a u menti vedi Fiorillo, Santacroce, Staolani, 2000 [?]). Altre situazioni che possono portare a situazioni assimilabili a quella del monopsonio sono legate al comportamento dei lavoratori, che prima di accettare un posto di lavoro analizzano dierenti oerte salariali e scelgono la migliore (quindi anche in questo caso salari pi` elevati permettono di coprire con pi` facilit` posti di u u a lavoro vacanti) oppure a situazioni nelle quali se limpresa vuole ottenere una produzione pi` elevata deve corrispondere salari pi` elevati al ne di u u incentivare i lavoratori. Quindi la casistica legata a mercati dei fattori monopsonistici ` molto pi` e u ampia di quanto si possa pensare se ci si riferisce al solo modello territoriale, dove, nellipotesi pi` semplice, esiste una sola impresa che pu` assumere u o lavoratori. Le veriche empiriche (Boal e Ramson, 1997 [?]; Card e Krueger, 1995 [?]) mostrano che il mercato del lavoro ` spesso caratterizzato da qualche e grado di monopsonio, anche se questo ` molto variabile a seconda del tipo di e

84 mercato che si analizza.

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Esercizio 7 In un certo territorio esiste una unica impresa, che opera con la funzione di produzione y = N . Supponendo che lofferta di lavoro sia data da N = 1 w, che il prezzo del prodotto sia b dato e pari a 1 e che lo Stato ssi i salari in modo da massimizzare il livello di occupazione, si calcoli di quanto i salari variano relativamente al livello di equilibrio di monopsonio.
Ci si trova nella situazione di monopsonio classico, nella quale limpresa decide occupazione e salari denendo loccupazione sulla base delluguaglianza tra costo marginale e ricavo marginaledel lavoro. Deve cio` e valere: 2bN = N 1
che, risolta in N , da luogo a: NM = 2b 2 dove il pedice M indica lequilibrio in monopsonio; sostituendo nellequazione delloerta di lavoro si ottiene:
1 2 2b Se lobiettivo dello Stato ` massimizzare loccupazione, dovr` determie a nare quel salario tale per cui la domanda di lavoro ` uguale alloerta di e lavoro (vedi gura ??). La funzione di domanda ` data da w = N .1 , e mentre la funzione di oerta da w = bN. Equagliando del due equazioni si ottiene: 1 2 NC = b 1

wM = b

Risulta evidente che questo livello occupazionale ` maggiore di quello e di monopsonio. Il salario di equilibrio sar`: a wC = b b
1 2

3.2. LA DOMANDA DI LAVORO


Laumento relativo di salari deciso dallo Stato sar`: a b wC 1= wM b
b 2b
1 2 1 2

85

1 = 2 2 1

tanto pi` lelasticit` del prodotto alloccupazione ` elevata, tanto pi` la u a e u crescita dei salari sar` rilevante, no a raggiungere il 100% se non vale a la legge dei rendimenti decrescenti ( = 1).

3.2.1.4

Riepilogo

La gura ?? rappresenta un equilibrio di unimpresa nei vari casi. Si ricordi che la curva di domanda di lavoro, data dalla relazione w = yN p(y), dipende dal prezzo di vendita dei prodotti. La curva p dato indica la domanda del fattore lavoro nel caso di concorrenza perfetta, mente la curva p=p(y) indica la domanda di lavoro in un ipotetico caso di concorrenza monopolistica.

Figura 3.2: Domanda di lavoro e equilibrio

Il punto C rappresenta lequilibrio caratterizzato dal massimo livello occupazionale raggiungibile dal sistema economico (equilibrio concorrenziale,

86

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

dato dallincontro tra la curva di domanda di lavoro con mercato dei beni concorrenziale e la curva di oerta di lavoro), il punto A indica la situazione di equilibrio in presenza di concorrenza monopolistica nel mercato dei beni: la curva di domanda di lavoro a parit` di altre condizioni ` pi` inclinata, a e u in quanto laumento di occupazione comporta una riduzione del prezzo di vendita. Il punto M rappresenta lequilibrio se il mercato del lavoro ` cae ratterizzato da monopsonio. In questultimo caso, un incremento dei salari rispetto quelli decisi dallimprenditore porta ad una crescita occupazionale, purch` w wC .. e

3.2.2

La domanda di lavoro nel lungo periodo: cenni

Dato che nel seguito del testo faremo riferimento prevalentemente a situazioni nelle quali il lavoro ` assunto essere lunico fattore variabile, la tematica della e domanda di lavoro nel lungo periodo sar` trattata al solo ne di fornire alcune a nozioni mimine sullargomento. La domanda di un fattore variabile in unimpresa dipende dalla quantit` a degli altri fattori produttivi utilizzati, che, nel paragrafo precedente, erano considerati ssi; questi possono consistere in altri tipi di lavoro (lavoro specializzato), materiali, macchinari. Nellanalisi successiva faremo riferimento al fattore capitale come misura degli input non lavorativi impiegati. Il capitale, che pu` essere considerato sso nel breve periodo, rappresenta o la grandezza che limprenditore deve scegliere in modo ottimale nel lungo periodo, quando per denizione non esistono fattori disponibili in quantit` a pressata. Il ruolo dei rendimenti di scala e della forma di mercato nella quale opera limpresa ` allora fondamentale. Limprenditore sceglie il capitale e e loccupazione massimizzando la seguente funzione di protto, valido sia in dp concorrenza perfetta dy = 0 che in concorrenza monopolistica: = p(y)y(N, K) wN rK (3.9)

dove N ` il numero di lavoratori, K misura il capitale, w ` il salario per e e occupato e r ` il costo per unit` di capitale. La funzione di produzione e a presenta le seguenti caratteristiche; yN > 0; yK > 0; yN N < 0; yKK < 0; yN K > 0; yKN > 0

Le prime due condizioni implicano la concavit` della funzione di produzione a rispetto ai due argomenti; lultima condizione presuppone che la produtti-

3.2. LA DOMANDA DI LAVORO

87

vit` marginale di un fattore dipenda positivamente dalla quantit` utilizzata a a dellaltro fattore. Prima di passare allanalisi delle modalit` che permettono di denire le a scelte ottimali del produttore, ` utile analizzare quella che viene denita doe manda condizionale dei fattori, dove il termine condizionale sta ad indicare che si deniscono i livelli ottimali degli input (N , K ) per un dato livello di output (y) 7 . 3.2.2.1 La scelta dei valori ottimali degli input

Supponiamo per il momento che limprenditore voglia produrre y unit` di a output (questa ipotesi sar` rimossa in seguito, in quanto limprenditore decia de anche la quantit` di output da produrre): il suo problema ` allora quello a e di produrre la quantit` data sostenendo il minor costo possibile; pu` essere a o scritto nel modo seguente: min(wN + rK)
N,K

sotto vincolo y(N, K) y Un semplice lagrangeano


8

ci permette di risolvere il problema:

= wN + rK + (y(N, K) y) dierenziando rispetto N, K, , e dividendo tra di loro le prime due equazioni si ottiene: w y (N , K ) = N (3.10) r yK (N , K ) y(N, K) = y (3.11) dove la prima equazione indica leguaglianza tra pendenza dellisocosto 9 e pendenza dellisoquanto e la seconda ci dice che la quantit` dei fattori deve a essere tale che la produzione deve essere quella preventivata. La pendenza dellisoquanto viene denita saggio marginale di sostituzione tra capitale e
per una impostazione del problema basata sulla minimizzazione delle funzioni di costo vedi appendice B 8 si veda lappendice C 9 vedi appendice D per approfondimenti sulla forma degli isoquanti
7

88

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Figura 3.3: Equilibrio di lungo periodo

lavoro (SM SK,N ) e indica di quanto deve aumentare linput di capitale in seguito a riduzioni dellinput di lavoro anch` la produzione rimanga invariata. e Il SM SK,N ` quindi dato dal rapporto tra la derivata della funzione di proe duzione rispetto linput di lavoro e la derivata della funzione di produzione rispetto il capitale. Pertanto i livelli ottimali di N e K dipendono soltanto dal livello della produzione e dal costo relativo dei fattori (oltrech, ovviamente, dalla tece nologia incorporata nella funzione di produzione); limprenditore utilizzer` a allora gli input N , K per ogni livello dato di output y. Si tenga conto che lequazione ?? denisce il sentiero di espansione dellimpresa, cio` la relazioe w ne K = k( w , N ) tra il livello ottimale del capitale e del lavoro per dati costi dei fattori. Linsieme dei punti che soddisfano lequazione ?? ` rappresentae to nella gura ?? dalla retta uscente dallorigine, il sentiero di espansione; questo ` ovviamente rappresentato per dati w e r. Si pu` dimostrare che il e o sentiero di espansione ` una retta se la funzione di produzione ` omogenea e e (per una dimostrazione vedi Chiang, 1984 [?], pag. 421-423).

Esercizio 8 Per la funzione di produzione y = N K 1 si calcoli il sentiero di espansione

3.2. LA DOMANDA DI LAVORO 3.2.2.2 Lelasticit` di sostituzione a

89

E importante trovare un modo sintetico per valutare la sostituibilit` tra a input nella produzione, cio` la facilit` con cui si pu` sostituire capitale a e a o lavoro (o viceversa) al ne di ottenere lo stesso livello di produzione. Dato che il valore assunto dal saggio marginale di sostituzione dipende dalle unit` a di misuta con qui sono conteggiati lavoro e capitale, vogliamo denire un indicatore che sia indipendente da queste grandezze. Ci interessa cio` conoe scere come varia il rapporto tra livelli ottimali di input ( K ) al variare della N pendenza dellisoquanto (SM SK,N ) cio` come variazioni nella tecnologia (ine dividuate appunto dal (SM SK,N )) incidano sulla strutturazione ottimale del processo produttivo. Questo indicatore ` denito elasticit` di sostituzione, e viene calcolato e a secondo la formula seguente:

(K /N ) SM SK,N (SM SK,N ) K /N

(3.12)

Dato che in equilibrio il saggio marginale di sostituzione ` uguale al rapporto e tra i prezzi dei fattori (vedi equazione ??), si pu` anche scrivere: o

(K /N ) w/r (w/r) K /N

(3.13)

si tratta cio` di una elasticit` della variabile K/N , il rapporto ottimale e a tra fattori produttivi, rispetto linverso del rapporto tra i costi degli stessi fattori, w/r. Indica che il rapporto tra capitale e lavoro aumenta del % quando il costo del lavoro rispetto il costo del capitale aumenta dell1%. Questa elasticit` ` sempre positiva; da stime empiriche emerge che i suoi a e valori sono compresi tra 0.50 e 2.

90

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Esercizio 9 Data la funzione di produzione y = K N , per w costo del lavoro e per r costo del capitale, si calcoli lelasticit` di a sostituzione tra fattori.
Abbiamo visto che i valori di equilibrio dei fattori produttivi soddisfano: K w = N r da cui ` facile calcolare: e d K N w = dr

Data la denizione di elasticit` di sostituzione (equazione ??) e a utilizzando lequazione ?? per calcolare K , ` agevole calcolare: e N =
w r w r

=1

Con funzioni di produzioni di tipo Cobb-Douglas, lelasticit` di a sostituzione ` sempre pari allunit`. e a

3.2.2.3

La massimizzazione dei protti

Supponiamo una funzione di domanda di prodotto ad elasticit` costante e a 1 pari a , (cio` y = p ) e sia denito da: = 1 (se , = 1). La e massimizzazione della ?? rispetto N e K fa si che debba valere: yN (N, K) = yK (N, K) = w1 p r1 p (3.14)

(3.15)

Esercizio 10 Si dimostrino le equazioni ?? e??

3.2. LA DOMANDA DI LAVORO Il rapporto tra la prima e la seconda equazione porta a: w yN = yK r

91

(3.16)

che rappresenta la condizione di uguaglianza tra il rapporto tra le produttivit` marginali e il rapporto tra costi dei fattori. Nella rappresentazione a graca della gura ?? si nota facilmente come questa condizione equivalga ancora (come nellequazione ??) alluguaglianza della pendenza dellisoquanto e quella dellisocosto. Dalla ?? si pu` allora denire il sentiero di o espansione e scrivere la funzione di protto rispetto il valore ottimale di k. w w = y k( , N ), N wN rk( , N )) r r che ci dice che il protto `, per dati w e r, solo funzione di N . La mase simizzazione del protto rispetto N individua allora N , che, sostituito nel sentiero di espansione, permette di determinare K 10 .

Esercizio 11 Si denisca lequazione che rappresenta il sentiero di espansione nel caso di un funzione di produzione di tipo CES: 1 y = (aN + (1 a)K ) , dato r il costo del capitale e w il costo del lavoro. Si calcoli lelasticit` di sostituzione fattoriale. a
La derivata del prodotto rispetto N e rispetto K ` data rispettivamente e da: 1 1 dy 1 = (aN + (1 a)K ) N 1 dN
1 1 dy 1 = (aN + (1 a)K ) (1 )K 1 dK

Si tenga conto che se la funzione di produzione ` omogenea e la domanda ` innitamene e te elastica il problema di massimizzazione dei protti non ammette soluzione. Infatti, se y ` omogenena K ` funzione lineare di N , quindi la funzione di produzione y = N K 1 e e diventa (vedi esercizio del paragrafo precedente) y = (N )( 1 N 1 ) che ` funzione lie neare di N . Se il prezzo ` dato, anche il protto ` funzione lineare di N . Non ` allora e e e possibile denire il livello ottimale delloccupazione.

10

92

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE


dal rapporto tra le due equazioni, eguagliato al rapporto tra il prezzo del lavoro e quello del capitale (vedi equazione ??) si ottiene: a 1a N K
1

w r

pertanto il sentiero di espansione ` dato da: e K= Dato = nel caso della CES, visto che K = N avremo: = 1a a
1 1

w1a r a

1 1

(K /N ) w/r (w/r) K /N

w1a r a

1 1

1 w 1 r

1 1 1

w r

w1a r a

1 1

semplicando si ottiene che, nel caso della CES, lelasticit` di a sostituzione tra fattori ` data da: e = 1 1

Tra gli inniti punti lungo il sentiero di espansione, quale sar` quello che a massimizza i protti dipende dalle caratteristiche dei rendimenti della funzione di produzione e dallelasticit` della domanda. Se invece limpresa ` a e vincolata dal lato dei costi (cio` C wN + rK), allora lequilibrio dellime presa ` vincolato. Supponiamo che il punto E della gura ?? sia quello che e massimizza i protti. Ci chiediamo cosa succeda alloccupazione nel caso che si riduca il salario (w).

3.2. LA DOMANDA DI LAVORO

93

Lequilibrio ` modicato da un eetto di breve periodo (una riduzione di e w aumenta loccupazione) dipendente dalla condizione dellequazione ??, e da un eetto di lungo periodo. Nel breve periodo lanalisi ` quella vista nel e paragrafo precedente: dato che il costo del lavoro ` pi` basso, limprenditore e u aumenta lutilizzo del fattore lavoro; dato che il capitale ` sso, per denie zione, conviene espandere loccupazione no a quando la condizione ?? non torna ad essere rispettata: nella gura ?? lequilibrio si sposta da E a E1, dove E1 ` rappresentato per lo stesso livello di capitale. e Nel lungo periodo, quando il capitale non ` pi` un fattore sso, limprendie u tore modicher` le dotazione fattoriali in modo da trovarsi sempre nel nuovo a sentiero di espansione e di tornare a sostenere il livello di costi precedente alla riduzione del costo del lavoro C; il nuovo equilibrio si situer` nel punto a B. Per come ` rappresentata la tecnologia nella gura ??, la riduzione del e costo del lavoro ha fatto incrementare lutilizzo di ambedue i fattori produttivi (questo dipende dalla complementariet` tra capitale e lavoro, descritta a dallipotesi yN K > 0). La variazione complessiva nellutilizzo di fattore pu` o essere scissa: in un eetto sostituzione, dal punto E al punto A : a parit` di produa zione, conviene utilizzare una tecnologia a pi` alta intensit` di lavoro. u a Leetto sostituzione fa ridurre lutilizzo del fattore produttivo che ` e diventato relativamente pi` costoso (il punto A ` disegnato su di un u e isocosto ttizzio, passante per lo stesso isoquanto di E e parallelo al nuovo isocosto); in un eetto output, dal punto A al punto B: la riduzione dei costi del lavoro, a parit` di costi totali, permette di incrementare la produzione, a utilizzando maggiori quantit` di fattori produttivi. a Pertanto la riduzione del costo del lavoro: aumenta, nel lungo periodo, loccupazione pi` di quanto la aumenti nel u breve (la curva di domanda di lavoro ` pi` piatta nel lungo periodo e u che nel breve); pu` aumentate lutilizzo del capitale. o Ovviamente le stesse cose sono valide, con le opportune modiche, in caso di riduzione del costo del capitale.

94

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Esercizio 12 Si calcoli il livello ottimale di capitale e di occupazione data la funzione di protto = p(y)y(N, K) wN rK con 1 y(N, K) = N K e p = y .
E conveniente iniziare lanalisi dalle condizioni di massimo protto nel lungo periodo; riprendendo le condizione di primo ordine ?? e ?? e 1 tenendo conto della funzione di domanda e della denizione di = 1 , 1 y(N, K) w = N

lo stesso procedimento applicato alla condizione di primo ordine relativa al capitale da luogo a: 2 y(N, K) r = K

Il rapporto tra le due equazioni da luogo alla denizione del sentiero di espansione: w 3 K= N r E allora possibile sostituire questa denizione di K nella funzione di produzione e la funzione di produzione cos` ottenuta nellequazione 1. Dopo alcuni passaggi si ottiene: w w r

= N 1(+)

1 ponendo = 1(+) , con 0 < < 1 si ottiene il livello di massimo protto delloccupazione:

N =

(1)

3.2. LA DOMANDA DI LAVORO


Sostituendo N nellequazione del sentiero di espansione (3) si ottiene il livello ottimale di K : K = w
1(1)

95

Esercizio 13 Dati i risultati ottenuti nellesercizio precedente, si verichino inoltre i segni dellelasticit` del livello di occupazione a rispetto al salario e del tasso di interesse.
Lelasticit` delloccupazione al salario `: a e 1 1 ( + ) che ` sempre negativa (infatti, se < 1, il denumeratore ` positivo e e ma il numeratore ` negativo, se invece vale > 1, il denumeratore e ` negativo ma il numeratore ` positivo. e e Lelasticit` delloccupazione al costo del capitale ` invece: a e 1 ( + ) In questo caso il numeratore ` sicuramente positivo; condizione suciene te per avere una elasticit` positiva delloccupazione al costo del capitale a ` allora che ( + ) > 1 condizione tanto pi` probabile tanto pi` i e u u rendimenti di scala sono crescenti e tanto pi` la forma di mercato si u avvicina alla concorrenza perfetta. Se i rendimenti non sono crescenti e esistono imperfezioni nel mercato del prodotto, sicuramente lelasticit` a tra occupazione e costo del capitale sar` negativa. a

96

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Esercizio 14 Si deniscano i livelli ottimali di capitale e lavoro con gli stessi dati dellesercizio precedente ed una tecnologia rap1 presentata da una funzione di tipo CES: y = (aK + (1 a)N ) e si calcolino i segni delle derivate dei fattori produttivi rispetto ai parametri.

3.2.2.4

Le quote dei fattori

Supponiamo di trovarci in un mercato dei fattori in concorrenza perfetta: deve allora valere yN = w e yK = r. Deniamo la quota del prodotto che va ai lavoratori come il rapporto tra i salari complessivamente percepiti nel sistema economico e il valore della produzione totale qN wN . Per semplicit` a py supponiamo che i prezzi siano dati e pari allunit` p = 1. Possiamo scrivere: a qN wN w N = y,N = y,N py yN y

Se il fattore lavoro ` retribuito in misura pari alla produttivit` marginale, la e a quota del lavoro ` pari allelasticit` del prodotto alloccupazine. Lo stesso e a pu` ovviamente dirsi per gli altri fattori, in particolare per la quota che o va ai capitalisti: qK = y,K . Nel sistema economico la somma delle quote che vanno ai fattori produttivi deve equagliare il prodotto; cio` deve valere e qK + qL = 1. Questo fa si che la cosidetta legge di esaustione del prodotto, oppure condizione di Eulero, sia vericata.

Esercizio 15 Si verichi se la condizione di Eulero ` rispettata nel e caso di funzioni di produzione y = K L , se il mercato dei fattori e il mercato di vendita del prodotto sono concorrenziali. Sotto le stesse ipotesi, si verichino le condizioni per le quali la legge di Eulero 1 ` vericata nel caso di funzione di produzione y = (aN + bK ) . e

3.3. LOFFERTA DI LAVORO

97

3.3

Loerta di lavoro

Lavorare ` forse lattivit` che prende il maggior tempo a disposizione dele a lindividuo, sia se si tratti di lavori retribuiti che di lavori svolti allinterno delle pareti domestiche. Il lavoro nobilita luomo, oppure se il lavoro ` e salute, viva la malattia sono vecchi detti che propongono idee dierenti rispetto allattivit` lavorativa. Nelle ipotesi di questo capitolo si prende per a buono il secondo detto. Il lavoro (in qualunque forma: studio, lavoro domestico, lavoro retribuito, lavoro autonomo...) crea disutilit`, mentre il tempo a a disposizione dellindividuo al di fuori del tempo di lavoro, il tempo libero, porta utilit`. Se si lavora, lo si fa solo perch` il reddito da lavoro permette a e di consumare beni. Su queste basi si fondano i modelli di oerta di lavoro presentati in questo capitolo11 . Va detto che questa impostazione ` soggetta a critiche che partono e dalla constatazione che, nelle moderne societ`, lattivit` lavorativa conferisce a a agli individui uno status sociale che pu` essere pi` o meno elevato ma che o u indubbiatamente da un senso di appartenenza alla collettivit`; il lavoro ` una a e delle fonti di legami sociali, di conoscenze, di relazione (si veda Phelps, 1999 [?]). Nella nostra impostazione, il benessere di ogni agente dipende positivamente dalla quantit` di beni di consumo e dalla quantit` di tempo libero. a a Tuttavia, tanto pi` si lavora, quanto pi` si pu` consumare. Laltra ipotesi u u o sottostante il modello di oerta di lavoro ` che lindividuo possa scegliere e quante ore lavorare, e che questa grandezza assuma valori continui. Questa ipotesi, se ` verosimile per un lavoratore autonomo, lo ` certamente molto e e meno per un lavoratore dipendente che di solito ` vincolato dallorario di e lavoro imposto dalla (o contrattato con la) controparte.

3.3.1

Il modello consumo-tempo libero

Si analizzeranno di seguito le basi del modello neoclassico tradizionale di oerta di lavoro di breve periodo. Lutilit` di un individuo ` cos` denita: a e u = u(C, x)
11

(3.17)

Sul tema delloerta di lavoro sono oramai state scritte tonnellate di carta; un approfondimento interessante di facile lettura pu` essere in Sapsord (1993) [?], da pag. 7 a pag. o 108 (comprendendo anche il capitolo sul capitale umano). Una trattazione pi` ampia ma u pi` complessa ` in Pencavel (1986) [?] e in Killingsworth (1986) [?] u e

98 con:

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

uC > 0, ux > 0, uCC < 0, uxx < 0, uCC uxx (uCx ) > 0 dove: C ` la quantit` di beni consumata e a x ` la quantit` di tempo libero a disposizione dellindividuo12 e a La notazione utilizzata indica con YZ la derivata parziale di Y rispetto Z e con YZZ la derivata seconda. I vincoli imposti sulle derivate prime e seconde implicano che la funzione di utilit` sia concava rispetto ai due argomenti e che la curva di indierenza a nello spazio (C, x) abbia la concavit` verso lalto (vedi appendice E). a Lequazione ?? va massimizzata tenendo conto dei due vincoli, di reddito: pC = H + V dove p ` il prezzo dei beni di consumo, il salario orario nominale, H il e tempo di lavoro e V i redditi dellindividuo non dipendenti dal lavoro, e di tempo: =H +x dove ` il tempo totale a disposizione dellindividuo e Lequazione ??, soggetta ai due vincoli di tempo e di reddito porta al seguente Lagrangiano: = u(C, x) + [( x) + V pC] (3.18)

dove ` il moltiplictore di Lagrange e indica, in questo caso, lutilit` mare a ginale della ricchezza e H ` stato sostituito da x. La massimizzazione e dellequazione ?? rispetto C, x, , da luogo ai seguenti risultati: uC (C, x) p = 0 ux (C, x) = 0 R x pC = 0 dove R = + V
Ai ni del presente capitolo, non ` rilevante la denizione di x, che potrebbe come prendere lavoro domestico, purch` si intenda per x le ore trascorse in attivit` che non e a prevedano la corresponzione di un salario e che procurino utilit` allindividuo. a
12

(3.19) (3.20) (3.21)

3.3. LOFFERTA DI LAVORO

99

Figura 3.4: La scelta tra consumo e tempo libero

` il reddito totale dellindividuo, cio` il reddito massimo raggiungibile se e e lavorasse per tutto il tempo a sua disposizione. Dividendo la ?? per la ?? ` agevole ottenere e ux = uC p cio`: e Osservazione 3 Nella situazione di ottimo, il saggio marginale di sostituzione tra tempo libero e consumo deve essere uguale al salario reale. Questa non ` altro che la tradizionale condizione di massimo dellutilit` e a del consumatore che vuole che la pendenza della curva di indierenza sia uguale al quella del vincolo di bilancio. Esplicitando il vincolo di bilancio nello spazio C, x, e tenendo conto che la curva di indierenza ha concavit` verso lalto possiamo disegnare la gura a ?? che permette di visualizzare le caratteristiche dellequilibrio nel modello consumo - tempo libero. Un individuo che scegliesse di non lavorare otterrebbe un livello di consumo pari ai redditi non da lavoro, V ; si troverebbe quindi nel punto D. E evidente che, se il vincolo di bilancio e 1, date le curve di indierenza come rappresentate in gura, il punto di equilibrio ` in A, dove lindividuo usufruie rebbe di x0 ore di tempo libero e lavorerebbe per x0 ore. Un aumento (3.22)

100

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

di salario (retta 2) aumenta il costo opportunit` del tempo libero, ma nello a stesso tempo aumenta il reddito: lindividuo, pi` ricco, vorrebbe lavorare u meno (eetto reddito: da A a B nella gura) ma il tempo libero ` pi` costoso e u (eetto sostituzione: da B a C). Anche se nella gura laumento di salario aumenta il tempo di lavoro, in generale leetto totale di una variazione di salario ` incerto, cio`: e e Osservazione 4 Non ` possibile inferire con sicurezza sulla pendenza della e funzione di oerta di ore lavorate; di solito si ritiene che per bassi redditi leetto sostituzione prevalga sulleetto reddito, quindi la curva di oerta di ore lavorate sia inclinata positivamente, mentre per alti redditi vale la relazione inversa (curva di oerta di ore backward bending). Soluzioni ad angolo del processo di massimizzazione sono possibili e porterebbero alla non partecipazione al mercato del lavoro oppure allassenza di tempo libero.

Esercizio 16 Data la funzione di utilit`: u = ln(C)+ ln(x), con p a prezzo del bene e salario orario dati, si deniscano le ore di lavoro e la pendenza della funzione di oerta di lavoro di un individuo che dispone di ore totali e ottiene redditi non da lavoro pari a V.
Il Lagrangeano `: e = u = ln(C) + ln(x) + (pC ( x) V ) Occorre derivare rispetto C, x, : 1 + p = 0 C 2 + x = 0 x pC ( x) V = 0 1

3.3. LOFFERTA DI LAVORO


Calcolo nella 1 e la sostituisco nella 2, ottenendo: x = C p

101

p Sostituisco nellequazione 3: pC ( C ) V = 0, da cui calcolo il valore ottimale del consumo:

C =

+ V p(1 + )

e quindi del tempo libero x = da cui, dato x = H, + V (1 + )

ottengo la funzione di oerta di lavoro: H = V (1 + )

Per valutare la pendenza della curva di oerta di lavoro, ` suciente e derivare H rispetto : dH V = d 1 + 2 da cui risulta evidente che la curva di oerta di lavoro ` inclinata e positivamente.

3.3.2

Il tempo libero ` un bene normale o inferiore? e

E interessante e utile per le applicazioni future denire sotto quali condizioni la funzione di utilit` dellequazione ?? rappresenta un individuo per il a quale il tempo libero ` un bene inferiore. Si ricorda che un bene ` denito e e inferiore quando allaumentare del reddito si riduce la quantit` domandata a del bene, cio` quando x,R < 0 . Questa condizione, se soddisfatta, implica e che allaumentare del reddito, tanto da lavoro che da altre fonti, lindividuo

102

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

riduce il proprio tempo libero; individui pi` ricchi lavorerebbero allora per u orari pi` lunghi. Individuare se il tempo libero ` un bene normale o inferiore, u e per generiche funzioni di utilit`, ` lungo e noioso. Lappendice F dimostra a e la validit` della seguente conclusione: a
p Osservazione 5 Il tempo libero ` un bene normale se vale: uCC < uCx , ope u pure, in equilibrio: uCC < uC uCx . Dato che uCC < 0, condizione suciente x per far si che il tempo libero sia un bene normale e che uCx 0. Daltra parte, condizione necessaria ma non suciente per avere che il tempo libero ` un bene inferiore ` che uCx < 0. e e

Quindi un lavoratore aumenter` o ridurra il suo tempo libero allaumena tare del reddito a seconda della forma della sua funzione di utilit` Si tenga a conto che le funzioni di utilit` pi` comunemente utilizzate sono tali per cui a u vale uCx 0; allora il tempo di lavoro si ridurr` allaumentare del reddito. a

Esercizio 17 Sulla base delle conclusioni riportate nella osservazione precedente, si scrivano: - una funzione di utilit` con tempo libero bene normale a - una funzione di utilit` con tempo libero bene inferiore. a

3.3.3
3.3.3.1

Dalloerta di ore alloerta di lavoratori


Il salario di riserva

Viene denito salario di riserva (R ) il livello minimo di salario a cui lindividuo ` disposto a entrare sul mercato del lavoro; dalla ?? ` possibile e e scrivere: ux R = p uC |x= dove la pendenza della curva di indierenza ` calcolata per x = , cio` per e e zero ore lavorate. Ovviamente, R rappresenta il tasso di salario minimo che pu` indurre un individuo ad orire lavoro. Se < R , lindividuo non o partecipa al mercato del lavoro.

3.3. LOFFERTA DI LAVORO 3.3.3.2 Regimi orari

103

Il processo di massimizzazione pu` portare a scelte di orari di lavoro che o non ` possibile porre in essere. Ad esempio, un individuo potrebbe voler e lavorare 30 ore settimanali, ma il suo datore di lavoro lo obbliga a scegliere tra occupazione a tempo pieno (ad. esempio, 40 pre) e a tempo parziale (20 ore). Ovviamente questo problema si pone di meno per i lavoratori dipendenti, che spesso possono organizzare la propria attivit` con minori vincoli sullorario a (anche se non sempre, come nel caso dei negozianti che devono tenere aperto il negozio in dati orari). Questo vincoli sullorario di lavoro disponibile portano ad una riduzione di benessere dellindividuo, che deve scegliere una curva di indierenza pi` bassa rispetto quella potenzialmente raggiungibile in assenza u di vincoli. Nella gura ??, ad esempio, lindividuo massimizzerebbe la sua utilit` a scegliendo il livello di tempo libero corrispondente al punto H , dove H = x . Se per` esistono solo due regimi orari H1 e H2 disponibili per il o lavoratore, ad esempio rispettivamente il part time e il tempo pieno (quindi con H2 > H1), lindividuo ` costretto a scegliere; nel caso della gura e ?? scegliera il part-time (H1), raggiungendo una curva di indierenza pi` u alta rispetto quella passante per H2 (se avesse scelto il tempo pieno), ma comunque inferiore rispetto quella ottimale. E possibile che i limiti istituzionali nella scelta del tempo di lavoro portino alcuni individui ad uscire dal mercato del lavoro, preferendo linattivit` a alloccupazione. Si consideri ancora la gura ??, nel caso in cui il solo regime orario disponibile sia quello del tempo pieno (H2). Lindividuo pu` o allora scegliere se lavorare per H2 ore oppure restare inattivo. Per come ` e rappresentata la mappa delle curve di indierenza, lutilit` associata allinata tivit` ` maggiore di quella associata al lavoro per H2 ore. Pertanto, lagente ae rappresentato nella gura ?? preferirebbe restare inattivo. La considerazione congiunta di tempi di lavoro vincolati e del salario di riserva ci permette di trattare della partecipazione al mercato del lavoro in modo pi` preciso. Se fosse possibile lavorare solo H ore al giorno, la sola u scelta possibile ` tra lavorare o restare inattivi; oriranno forza lavoro tutti e coloro per cui vale > R = p ux uC |x=H

cio` tutti coloro che ritengono che il salario di mercato sia maggiore del sae

104

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Figura 3.5: Equilibrio con tempo di lavoro vincolato

lario di riserva calcolato con x = H. Allora loerta di lavoro pu` essere o misurata non pi` in termini di ore lavorate ma in termini di individui che u accettano di lavorare ai salari . E probabile che allaumentare di pi` u individui daranno la loro disponibilit` a lavorare; da questo si intuisce che a la curva di oerta di lavoro misurata in termini di lavoratori dovrebbe essere inclinata positivamente (come si ` supposto, ad esempio, quando si analize zava il mercato del lavoro in situazione di monopsonio). Pertanto, se non ` e possibile inferire sulla relazione tra salario orario e ore di lavoro, ` verosimile e lesistenza di una relazione positiva tra salario e numero di oerenti forza lavoro. Sulla base di queste considerazioni ` allora generalmente accettatto e che si possa parlare di funzione di oerta di lavoro (misurato dal numero di individui, e non dal numero di ore oerte da ognuno) inclinata positivamente. 3.3.3.3 Tassazione

Il costo del lavoro per le imprese non coincide, come si ` supposto no ad e ora, con il salario percepito dai lavoratori. Esistono infatti imposte, che colpiscono tanto limpresa che i lavoratori, che portano il salario ad essere minore, anche fortemente, del costo del lavoro. La tassazione sui redditi da lavoro ` caratterizzata da progressivit` dele a le aliquote, che crescono al crescere della base imponibile. La tassazione progressiva sui redditi da lavoro modica il vincolo di bilancio facendolo di-

3.4. LAVORO E CONSUMO IN EQUILIBRIO

105

ventare una spezzata ( o una curva) con concavit` verso il basso, in quanto a il vincolo, al netto delle imposte, sar` sempre piu piatto quanto pi` il tempo a u libero sar` basso. Tanto pi` si lavora (x basso) tanto pi` il salario orario a u u netto di imposta si riduce, quindi si riduce la pendenza del vincolo. In eetti, il vincolo di bilancio pu` essere ora scritto: o pC = (x)( x) con x > 0; xx > 0

Cio` il salario orario ` funzione crescente e convessa del tempo libero. Ove e viamente, ci` comporta una disincentivazione a lavorare per orari lunghi. o 3.3.3.4 Costi ssi di entrata

La partecipazione al mercato del lavoro comporta dei costi, sia in termini monetari che di tempo (si pensi al trasporto dallabitazione al lavoro). Se i costi sono solo in termini di tempo, e si indica con t il tempo necessario per recarsi al lavoro, il vincolo di bilancio (pC = ( x) + V ) diventa: pC = (x)t+V pC = V se x < t (se si partecipa al mercato del lavoro) se x>t (se si ` inattivi) e

dato che le prime t ore di lavoro sono necessarie per il trasporto. Il vincolo di bilancio diventa allora una spezzata come quella rappresentata con la linea pi` marcata nella gura ?? u Lindividuo, nel caso rappresentato, lavorerebbe un numero maggiore di ore nel caso di esistenza di costi di trasporto. Non lavorer` mai per tempi a di lavoro minori di t; la retta di bilancio diventa in eetti una spezzata, orizzontale nel tratto che indica il tempo necessario al trasporto. Tutti gli individui che avrebbero preferito lavorare poche ore nel caso di assenza di costi di trasporto, potrebbero preferire linattivit`. a

3.4

Lavoro e consumo in equilibrio

Al ne di analizzare lesistenza dellequilibrio economico generale, inteso come una situazione nella quale la domanda eguaglia loerta in tutti i mercati e al ne di valutare gli eetti sul sistema economico di rigidit` nei prezzi e a nei salari che possono portare leconomia a situazioni di disequilibrio, in

106

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Figura 3.6: Equilibrio con tempo di trasporto

questo paragrafo ritorniamo alle ipotesi pi` semplici del mercato del lavoro u presentate nei paragra introduttivi. Si analizza allora un mercato del lavoro caratterizzato da contratti a brevissimo termine nei quali le famiglie vendono la loro forza lavoro alle imprese. Supponiamo che in una economia esistano N individui, ognuno dei quali gestisca unimpresa. Leconomia ` caratterizzata da rendimenti decrescene ti di scala; ci` fa si che ogni impresa assuma un solo lavoratore. Tutte le o imprese producono un bene omogeneo. Si supponga inoltre che nessun consumatore possa acquistare i beni prodotti dalla propria impresa, n possa e lavorare nella propria impresa (questipotesi ` necessaria per evitare situae zioni di autoconsumo, quindi per rendere obbligato il ricorso al mercato ma non modica i risultati). Si considerino mercati in concorrenza perfetta. Le preferenze di ogni consumatore, rappresentabili nello spazio C, x, dove x ` il tempo libero e C il bene di consumo, siano continue e convesse . e Ogni impresa usa lavoro misurato in ore (H) per ottenere loutput (C), e la tecnologia ` descritta da una funzione di produzione crescente e concava. e Pertanto lutilit` del consumatore ` data da: a e ui = u(Ci , xi ) (3.23)

per i = 1....N con ux , uC > 0 e uxx , uCC < 0. La quantit` di beni prodotti a dallimpresa i (e consumati) ` funzione delle ore lavorate dallunico occupato e

3.4. LAVORO E CONSUMO IN EQUILIBRIO nellimpresa: Ci = y(Hi )

107

(3.24)

per i = 1....N con yH > 0 e yHH < 0, dove H indica le ore di lavoro, con H = x e dove ` il tempo totale a disposizione dellindividuo. e Siano inoltre p il prezzo del bene prodotto e il salario corrisposto per ogni ora di lavoro. Il problema del consumatore i ` allora (tralasciando gli indici): e max u(C, x) sotto vincolo pC ( x) + (, p)
C,x

(3.25)

Il vincolo indica che, al massimo, il consumatore pu` spendere i suoi redditi o da lavoro, ( x), pi` i protti ottenuti nella propria impresa, (, p). u Limpresa massimizza invece i suoi protti: max(pC H) sotto vincolo C y(H)
H

(3.26)

Abbiamo gi` visto (equazione ?? e equazione ??) che questi problemi di a massimizzazione portano a: ux = uC p yH = p (3.27)

Il vettore dei prezzi (, p) che assicura queste due eguaglianze rappresenta lequilibrio economico generale di questa economia. Osservazione 6 Un sistema economico ` in equilibrio quando il livello di e ux prezzi e salari ` tale che: u = yx cio` il saggio marginale di sostituzione tra e e C consumo e tempo libero eguaglia la produttivit` marginale del lavoro. a

3.4.1

Una rappresentazione graca dellequilibrio

Nella gura ?? sono rappresentate una funzione di produzione e una mappa di curve di indierenza nello spazio C, x. La funzione di produzione (y(H)) ha la forma disegnata in quanto rappresentata rispetto al tempo libero. Limpresa massimizza i protti nel punto in cui la produttivit` marginale (pendenza a della funzione di produzione) equaglia il rapporto tra i prezzi, che dipende, nella gura, dalla pendenza della retta V V. Questa retta rappresenta anche il tradizionale vincolo di bilancio dei consumatori, che, per zero ore di lavoro, possono comunque contare su entrate dovute ai protti pari a .

108

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Figura 3.7: Equilibrio walrasiano

Il punto (x , C ) identica lequilibrio Walrasiano, dove la pendenza della funzione di produzione e quella della curva di indierenza eguagliano il salario reale, come previsto dalle condizioni ??. I due vincoli sono inoltre rispettati con il segno di uguaglianza. Data la funzione di produzione, linsieme delle allocazioni possibili ` quello e al di sotto della funzione y(H); inoltre, larea al di sotto del vincolo di bilancio V V rappresenta i panieri accessibili per il consumatore. Osservazione 7 Pertanto il punto (x , C ) di equilibrio walrasiano rappresenta: - unallocazione possibile (i vincoli sono rispettati) - unallocazione ottimale (tangenza tra la funzione di produzione e la curva di indierenza).

3.4.2

Una rappresentazione graca del disequilibrio

Una allocazione non ottimale ` descritta nella gura ??, dove lequilibrio e walrasiano si trova ugualmente al punto (x , C ): Come si pu` notare, il rapporto tra i prezzi ` superiore a quello di equilio e brio. Infatti, il rapporto tra i prezzi di equilibrio sarebbe quello rappresentato dalla retta che fa si che valga la relazione dellequazione ?? (si tenga conto che con prezzi di equilibrio i protti sarebbero pi` elevati di quelli della u

3.4. LAVORO E CONSUMO IN EQUILIBRIO

109

Figura 3.8: Disequilibrio

gura; dato x = , allora, la retta orizzontale rappresentante i redditi non da lavoro delle famiglie, che in questo caso sono uguali ai protti, sarebbe pi` in alto). Ovviamente lequilibrio con prezzi essibile sarebbe in E. u Per il vettore dei prezzi rappresentato in gura, loerta nozionale13 di lavoro (xs) ` superiore alla domanda nozionale di lavoro (xd), mentre e la domanda nozionale di beni (cd) eccede nozionale loerta (cs). Ci si troverebbe pertanto in un caso in cui esiste disoccupazione nel mercato del lavoro ed eccesso di domanda di beni; questa situazione viene denita disequilibrio classico. Nella situazione descritta, la domanda di lavoro ` inferiore alloerta; e questo far` si che le imprese, nch` i salari reali non muteranno, assumeranno a e solo per xd ore; quindi i consumatori otterranno un reddito pi` basso di u quello che pensavano di ottenere (dato che erano disposti ad ore xs ore); questo porter` i consumatori a consumare meno. Lequilibrio ` individuabile a e nel punto B in quanto vale la legge della domanda, nel senso che se la domanda ` inferiore alloerta il mercato si posizioner` in corrispondenza e a della domanda (non si pu` obbligare qualcuno a fare pi` di quanto voglia) o u ed ` subottimale, in quanto corrispondente ad una curva di indierenza dei e lavoratori pi` bassa di quella massima raggiungibile. u Lapproccio walrasiano vuole che in questa situazione non esistano raIl termine nozionale indica la quantit` ottimale (oerta o domandata) che gli agenti a vorrebbero scambiarsi dato il vettore dei prezzi, se non fossero vincolati.
13

110

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

gioni per le quali i salari reali non si dovrebbero ridurre (dato che siamo in presenza di sottoccupazione, i lavoratori dovrebbero essere disposti a lavorare per salari orari pi` bassi) per cui il mercato permetterebbe comunque di u raggiungere il punto (x , C ). Vari autori (tra cui Benassy, 1982) hanno analizzato il sistema economico fuori dallequilibrio dando luogo a quel lone delleconomia keynesiana noto come economia del disequilibrio14 . Questo lone di ricerca ` stato contestato e sostenendo che non esistono ragioni per le quali i prezzi non dovrebbereo reagire ai disequilibri di mercato. Come vedremo in seguito, nel mercato del lavoro esistono varie situazioni nelle quali ` dicile pensare che il salario svole ga solo funzioni di equilibrare il mercato; in questi casi (come per esempio nel caso del capitale umano specico del capitolo precedente) non esistono motivazioni che spingono i salari a ridursi nel caso di eccesso di oerta di lavoro; la disoccupazione pu` allora emergere come conseguenza della specicit` del o a mercato del lavoro.

3.4.3

Lesistenza dellequilibrio

Leccesso di domanda ` allora misurato nella gura ?? dalla dierenza tra la e quantit` di bene di consumo domandata dalle famiglie e quella oerta dalle a imprese (cz = cd cs ) e dalla dierenza tra tempo di lavoro domandato dalle imprese e quello oerto dalle famiglie (Hz = Hd Hs ). Le funzioni di eccesso di domanda permettono di denire come equilibrio la situazione in cui esiste un vettore di prezzi p, tale che Hz (p, ) 0; cz (p, ) 0 e che xd + Hd ; queste condizioni escludono che si possa domandare pi` di quanto prodotto e che le quantit` consumate eccedano u a le dotazioni disponibili; se le disequazioni valgono con il segno di uguale, il vettore dei prezzi ` quello di equilibrio walrasiano. e
Il disequilibrio in un dato mercato pu` dipendere, oltre che da prezzi relativi non di o equilibrio come analizzato nel testo anche da disequilibri esistenti in altri mercati. In un contesto come quello da noi analizzato, nel quale esistono solo due mercati, o sono ambedue in equilibrio o ambedue in disequilibrio (legge di Walras). Se i mercati fossero pi` di due, u un mercato pu` esssere in disequilibrio semplicemente perch` in altri mercati i prezzi non o e sono al livello di equilibrio. In questo caso ci si pu` trovare ad un eccesso di oerta di o lavoro che non dipende da salari reali troppo elevati, ma ad esempio da disequilibrio nel mercato della moneta, con un eccesso della domanda di moneta sulloerta. Casi di questo tipo portano al cosidetto caso Keynesiano, in cui esiste contemporaneamente eccesso di oerta di lavoro e eccesso di oerta di beni.
14

3.4. LAVORO E CONSUMO IN EQUILIBRIO

111

Una semplice dimostrazione dellesistenza di un equilibrio economico generale ` basata sulle seguenti considerazioni: e le funzioni di eccesso di domanda sono funzioni continue, dato che sono la dierenza tra funzioni di domanda e oerta ancheesse continue vale la legge di Walras, secondo cui la somma dei valori degli eccessi di domanda su tutti i mercati deve essere nulla: Hz + pcz = 0 In eetti, gli eccessi di domanda moltiplicati per i rispettivi prezzi possono essere scritti: [Hd xs ] + p(cd cs )N = 0 (pcd wHs ) (pcs wHD ) = 0 quindi = 0 dove il protto ` ottenuto una prima volta dal vine colo di bilancio ed una seconda volta come dierenza tra ricavi e costi dellimpresa. le funzioni di domanda sono omogenee di grado zero nei prezzi e nel reddito: gli agenti non sono soggetti ad illusione monetaria. Osservazione 8 Se le tre propriet` di continuit`, soddisfacimento della lega a ge di Walras e omogenit` nei prezzi e nel reddito sono vericate, allora il a sistema economico possiede almeno un equilibrio walrasiano La dimostrazione ` basata sulla gura ??, dove ` rappresentato linsieme e e di prezzi e salari tale che p + = 1; infatti, dato che gli agenti non sono soggetti a illusione monetaria, ` sempre possibile supporre, senza perdita di e generalit`, p + = 1. a Si supponga che esistano due situazioni, luna descritta dal punto a e laltra dal punto b, caratterizzate luna da prezzi pari a zero e salari unitari, laltra da salari unitari e prezzi pari a zero. Nel punto a, se la legge di Walras (Hz + pcz = 0) deve essere valida, dato p = 0 e = 1 deve valere Hz = 0; infatti 1 0 + 0 cz = 0. Nel punto b, dato = 0 e p = 1, deve valere cz = 0; infatti 0Hz +10 = 0. Ma allora, data la continuit` delle funzioni, in un intorno del punto a, a quando il prezzo diventa positivo, dovr` esistere una situazione quale quella a del punto a1,dove leccesso di domanda di beni continua ad essere positivo e

112

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Figura 3.9: Esistenza dellequilibrio walrasiano

leccesso di domanda di lavoro dovr` essere negativo. Le stesse considerazioni, a invertendo prezzi e salari, valgono per il punto b1. Si consideri ora che nei punti a1 e b1 gli eccessi di domanda hanno segno opposto: in qualche punto intermedio ai punti a1 e b1, ad esempio nel punto c, ambedue dovranno annullarsi. Il punto c rappresenterebbe allora una situazione di equilibrio walrasiano, con eccessi di domanda nulli in entrambi i mercati. Ovviamente lanalisi svolta non ci permette di aermare che lequilibrio sia unico: lesistenza di pi` equilibri dipende dalle forme speciche assunte dalla funzione di utilit` u a e di produzione.

3.4.4

Un esempio di calcolo dellequilibrio economico generale

Il calcolo dellequilibrio economico generale richiede la specicazione delle funzioni di utilit` e di produzione. Supponiamo: a u(C, x) = a ln C + b ln(x) C = y(H) = H Queste due funzioni rispettano le condizioni di concavit`. a

3.4. LAVORO E CONSUMO IN EQUILIBRIO

113

Iniziamo dallanalisi del comportamento dei consumatori. La condizione ?? pu` essere scritta: o bC = ax p Tenendo conto del vincolo di bilancio e della denizione di x e utilizzando il prezzo come numerario, cio` ponendo p = 1 otteniamo e b(H + ) = a( H) il tempo di lavoro oerto dagli individui ai prezzi , p ` allora: e Hs = a b a+b a+b (3.28)

sostituendo Hs nel vincolo di bilancio del consumatore (C = HS + )si ottiene la quantit` di beni di consumo domandati dalle famiglie: a Cd = a ( + ) a+b (3.29)

dove il protto ` ancora funzione del vettore dei prezzi. e Le imprese massimizzano leq. ??; data la forma funzionale della funzione di produzione si ottiene H 1 = da cui ` possibile ricavare le ore di lavoro domandate dallimpresa e loerta e di beni di consumo: 1 1 Hd = 1 Cs = Quindi ` possibile denire gli eccessi di domanda di ore (Hz ) e di domanda e di beni di consumo (Cz ): Hz = Cz =
1 1

a b () a+b a+b
1

a ( + ) a+b

114

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Se il sistema economico si trova nella situazione di equilibrio economico generale gli eccessi di domanda nei due mercati devono essere pari a zero; daltra parte, per la legge di Walras, se un mercato ` in equilibrio deve essere anche e laltro. In equilibrio dato che le ore di lavoro oerte coincidono con le ore domandate, possiamo scrivere la funzione (): = w
1

1 1

Analizzando il mercato del lavoro ponendo Hz = 0 e sostituendo la funzione di protto: 0=


1 1

a b 1 + a+b a+b w

1 1

Lequazione precedente, con alcuni passaggi laboriosi, pu` essere semplicata o e risolta in per denire il livello di equilibrio del salario; = a + b 1 a

Quindi il vettore (1, ) permette ai due mercati di essere in equilibrio, cio` in una situazione con eccessi di domanda nulli. Se i prezzi e i salari e sono sensibili agli eccessi di domanda, in un mondo nel quale esistono solo due mercati, possono emergere situazioni di disequilibrio (eccessi di domanda non nulli) solo se il vettore dei prezzi non ` quello di equilibrio. Pi` specie u catamente, la disoccupazione esiste se il livello dei salari ` maggiore di quello e di equilibrio, come denito nellequazione ??. In analisi come quella presentata in cui si analizzano solo due mercati, data la legge di Walras, il disequilibrio pu` dipendere solo da frizioni che non o permettono ladeguamento dei prezzi al loro vettore di equilibrio.

Esercizio 18 Si controlli che per p = 1 e per il salario denito nella equazione ??, il mercato dei beni ` in equilibrio. e

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO

115

3.5

Lutilizzo del tempo

Le ipotesi presentate nel paragrafo precedente dicilmente rappresentano la realt` di tutti i giorni. Se si ci pensa bene, si ` sostenuto che consumare a e non richieda tempo, cos` come si ` supposto che usufruire del tempo libero e non richieda lutilizzo di qualche bene di consumo. Lalternativa era tra consumare o usufruire del proprio tempo libero. Questa ipotesi pu`, al pi`, o u essere valida per qualche eremita dedito alla riessione che impiega parte del proprio tempo per procurarsi frutti della natura (che comunque necessitano di tempo anche per essere consumati). Quando si va in vacanza si usufruisce del proprio tempo libero ma nello stesso tempo si consuma il servizio proposto dalle agenzie di viaggi (e dalle compagnie aeree, dai ristoranti, dagli alberghi...); quando si guarda il televisore si consuma lapparecchio televisiso e, di solito, un divano (se non noccioline, aranciate ed altri generi di conforto); al limite, quando si dorme la maggior parte degli individui ha bisogno di un letto e di una casa. Questi sono beni di consumo (spesso durevoli) che debbono comunque essere acquistati o presi in atto.

3.5.1

Un semplice modello di allocazione del tempo

Lidea che si trova dietro lapproccio presentato in questo paragrafo (vedi Becker, 1965, [?]) ` che ogni tipo di attivit` posta in essere da un individuo e a richieda sia beni (e servizi) che tempo. Lattivit` di consumo, lattivit` di a a lavoro retribuito, lattivito di lavoro domestico, lattivit` di studio, lusufruire a del tempo libero, sono il risultato di una combinazione di tempo e di beni e servizi, utilizzati in diverse proporzioni ma necessari per raggiungere il ne che ci si ` proposti. e Qualunque attivit`, che dora in avanti indicheremo con la lettera z, ` a e quindi rappresentabile come una combinazione di beni e di tempo: z = z(C, x) (3.30)

Nel paragrafo precedente, il consumo sarebbe allora stato indicato come z = z(C, 0), mentre il tempo libero sarebbe z = z(0, x). Gli approcci di questo tipo sono indicati in letteratura come modelli di allocazione del tempo; sono stati utilizzati per prendere in considerazione (quasi) tutte le attivit` umane (lavoro domestico, migrazioni, matrimonio, a procreazione, cure....).

116

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Supponiamo che esistano dierenti tipi di attivit` che possono essere a posti in essere. Supponiamo inoltre che la funzione di utilit` di ogni individuo a possa scriversi: u = u(z1 .......z ). Il segno della derivata prima dellutilit` a rispetto agli argomenti ` positivo per le attivit` denite genericamente di e a consumo, ed ` negativo per le attivit` lavorative. e a Il vincolo di bilancio che deve fronteggiare ogni individuo pu` essere o 15 scritto nel seguente modo:

pi Ci +
i=1 i=1

i xi = R

per i = 1....

(3.31)

dove R = + V e gli altri simboli utilizzati hanno lo stesso signicato dei paragra precedente. Si noti lanalogia tra lequazione ?? e lequazione ??: in eetti, se = 1 (cio` se esiste una sola attivit`) i due vincoli coincidono. e a Lequazione ?? ci dice che ogni attivit` consumata richiede beni (C) che a hanno un costo pari a p e tempo (x) che ha un costo pari a . La somma dei costi per svolgere le attivit` deve eguagliare il reddito totale dellindividuo a cio` il reddito massimo raggiungibile se lavorasse per tutto il tempo a sua e disposizione. Ovviamente, tra le attivit` ce ne sar` una che da luogo a redditi a a monetari (il lavoro). Supponiamo, per semplicit`, che per ogni attivit` siano a e b i coecienti a a necessari in termini rispettivamente di beni e di tempo16 ; quindi: zi = Ci ai e zi = xi bi i

E allora possibile riscrivere il vincolo ??:


pi ai zi +
i=1 i=1

i bi zi = R

cio`: e

(pi ai + i bi ) zi = R
i=1

Se si ammette la possibilit` di risparmio, questo vincolo dovrebbe essere valido a nellarco dellintera vita; per semplicit`, consideriamo soltanto il vincolo uniperiodale. a 16 Questa ipotesi ` paragonabile a quella di una funzione di produzione con coecienti e ssi; gli isoquanti della funzione di produzione di ognuna delle attivit` sarebbero allora a a forma di L.

15

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO

117

dove il termine allinterno della parentesi rappresenta il costo pieno dellattivit` i cio` il costo sia in termini di beni che in termini di tempo (ad esempio, a e il costo pieno di una vacanza sarebbe dato dalla somma pagata allagenzia pi` il mancato guadagno nel periodo di ferie). u La massimizzazione dellequazione u = u(z1 .......z ) soggetta al vincolo

i zi = R
i=1

dove i = pi ai +i bi ` il costo pieno dellattivit` iesima , rispetto a due qualsiasi e a delle attivit` (i, j) da luogo: a u zi i = (3.32) u zj j che non ` altro che la condizione gi` vista (equazione ??) di uguaglianza nel e a rapporto tra le utilit` marginali e nel rapporto tra i prezzi delle attivit` che, a a in questo caso, comprendono i costi in termini di tempo. Si tenga conto che lequazione ??, quando lattivit` consumo richiedeva a solo beni e lattivit` tempo libero solo tempo, ` un caso particolare a e dellequazione ??; per provarlo, basta supporre che esistano due sole attivit`, a consumo (1) e tempo libero (2) e porre: a1 = 1 e b1 = 0; a2 = 0 e b2 = 1. Pertanto le conclusioni che si ottengono dal considerare lallocazione del tempo fra pi` attivit` possibili non sono molto diverse, anche se qualitativau a mente pi` ricche, da quelle del modello tradizionale. u Cio non toglie che questo modello possa fornire spiegazioni per molti comportamenti tipici: rimanendo nel campo della vacanza, si spiega bene il comportamento dello studente, il cui vincolo stringente ` quello di reddito, e che con linter-rail viaggia per due mesi in Europa e il comportamento del manager giapponese, con vincoli di tempo stringenti, che in tre giorni visita le principali citt` europee spostandosi in aereo in prima classe. a

118

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Esercizio 19 Si deniscano i livelli delle attivit` z1 e z2 che un a individuo con funzione di utilit`: u = ln(z1 ) + ln(z2 ) dove zi = a min( Cii , xii ) per i = 1, 2 sceglie di consumare, dati pi il prezzo a b di Ci e i il prezzo di xi. e sotto la condizione che il vincolo dellequazione ?? sia rispettato.
Si consideri che la funzione zi ` del tipo di Leontief (a coecienti ssi) e e che in questo caso solo se vale 1 Ci = ai xi bi per i = 1, 2

non ci saranno sprechi di tempo o di beni; i valori ottimali di Ci e xi rispetteranno pertanto questa relazione. E allora possibile scrivere e ragionare soltanto sui valori ottimale delle xi, in quanto le Ci sono ottenibili dallequazione 1. Lequazione ?? applicata al presente esercizio ci dice che: u z2 1 = u z1 2 dove i = ai pi + bi i , per i = 1, 2 sostituendo si ottiene: che pertanto ci porta a scrivere la relazione: 2 x2 = 1 b2 x1 2 b1
x2 b1 x1 b2

1 2

Il rispetto del vincolo di bilancio, che ricordiamo pu` essere scritto: o i zi = R, ci porta a scrivere dopo aver sostituito, zi
i

1 che pu` essere risolto in x2 : o 3

x2 x1 + 2 =R b1 b2

x2 =

R 1

x1 b1

b2 2

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO


Le equazione 2 e 3 possono essere messe a sistema in modo da ottenere il valore di x1 : R b1 x1 = 2 1 data lequazione 2, si ottiene facilmente: x2 = e, data lequazione 1, Ci = ai R i 2 per i = 1, 2 R b2 2 2

119

Inoltre, si avr`: a zi = R 1 R = 2 i 2(ai pi + bi i ) per i = 1, 2.

Si tenga conto che la soluzione poteva essere ottenuta impostando e risolvendo il lagrangeano = u(z1 , z2 ) + (R 1 z1 2 z2 )

La teoria dellallocazione del tempo, solo accennata in questo paragrafo, ` risultata rilevante nello studio del lavoro domestico e nella divisione dei e ruoli allinterno della famiglia [?]. Nel paragrafo successivo questo approccio sar` utilizzato per lanalisi di a una attivit` particolarmente rilevante: lo studio e la formazione professionale. a

3.5.2

Il capitale umano

Tra le attivit` (come denite nel paragrafo precedente) che possono essea re poste in essere dagli individui lattivit` studio (che comprende tutte a le forme di formazione, interne o esterne allapparato educativo) merita una particolare attenzione, in quanto modica le prospettive occupazionali future dellindividuo. Quest` attivit` di studio rappresenta allora una decisione di a a investimento in quanto i frutti dellattivit` formativa saranno percepiti in fua

120

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

turo sotto forma salari attesi pi` elevati. Questo investimento presenta, oltre u a questa dimensione individuale (probabilit` di maggiori salari percebili da a lavoratori istruiti), anche una dimensione sociale (crescita economica del sistema dipendente, tra gli altri fattori, dalla formazione dei lavoratori). Altre attivit`, come la cura della persona e le migrazioni possono presentare carata teri di investimento con conseguenze simili a quelle tipiche dellinvestimento nello studio. Il miglioramento o il mantenimento di capitale umano non pu` essere o semplicemente visto, ovviamente, solo come una decisione di investimento. Gli individui possono pagare (almeno in termini di tempo) per il piacere di apprendere anche in quei casi dove non ci si aspetta nessun ritorno futuro derivante dallo studio; per un ricercatore, leggere una rivista scandalistica ` forse pi` vicino ad una attivit` di consumo che non leggere un testo e u a scientico, ma ambedue le attivit` possono comunque presentare caratteri di a consumo e caratteri di investimento. Quando lo studio rappresenta una attivit` di consumo, esso pu` essea o re analizzato allinterno della struttura presentata nel paragrafo precedente; quando rappresenta una attivit` di investimento esso necessita invece di una a analisi apposita, in quanto modica le prospettive future dellindividuo. 3.5.2.1 Il tasso di ritorno del capitale umano

Quando uno studente ha raggiunto la maturit` superiore deve decidere se a iscriversi alluniversit` oppure no. Il modo pi` semplice per valutare questa a u scelta (che si suppone dipendere solo da considerazioni di costi e beneci del proseguimento degli studi), ` quello di valutarne gli eetti, che dipendono: e dalla dierenza nei guadagni futuri tra redditi di studenti con laurea e redditi di studenti con diploma; dal costo dellistruzione universitaria. Se deniamo wl il salario annuo corrispondente alla laurea e wm il salario annuo corrispondente alla maturit`, n il numero di anni di studio universitaa rio, c il costo annuo dellistruzione universitaria, luguaglianza tra i beneci e i costi dellistruzione universitaria ` approssimabile da: e 1 l (w wm ) = (c + wm )n r

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO Tabella 3.7: Costi e beneci dellistruzione n wl wm c r 5000040000 caso 1 5 50000 40000 20000 (20000+40000)5 = 3.3% 4500030000 caso 2 4 45000 30000 10000 (30000+10000)4 = 9.4% 7000025000 caso 3 6 70000 25000 80000 (25000+80000)6 = 7. 1%

121

dove il termine a sinistra delluguale rappresenta il benecio derivante dalla continuazione degli studi (che ` approssimato da una rendita annua perpetua e in quanto il periodo lavorativo ` supposto essere lungo) 17 e il termine a e destra ` il costo derivante dal decidere di continuare gli studi, composto e sia dai costi vivi (iscrizione, alloggio, libri...) che dal mancato reddito da lavoro percepito nel periodo di iscrizione alluniversit` (in realt` questi costi a a sono sostenuti in un periodo di 4-5 anni; il termine rappresenta allora una approssimazione del vero costo dellistruzione superiore). Se lequazione precedente ` rispettata, lindividuo ` indierente se contie e nuare gli studi oppure smettere. Ci si pu` allora chiedere qual` il tasso di o e interesse (r) che lascia lindividuo indierente, e chiamarlo tasso di ritorno dellistruzione univarsitaria. Ovviamente vale: wl wm r= (3.33) (c + wm )n Alcuni dati, che non hanno alcun riferimento con la realt`, sono riepilogati a nella tabella ??, al ne di esemplicare questo calcolo. Visto che il tasso presentato nellultima colonna della tabella ?? indica il rendimento dellinvestimento in istruzione, si nota cge la situazione pi` u favorevole per la continuazione degli studi sia quella del caso 2 mentre la meno favorevole sia quella del caso 1 (ovviamente, questo calcolo non tiene conto della possibile utilit` diretta generata dallistruzione). a Qualche attenzione va posta nel calcolo del costo dellistruzione c; esso deve tener conto di eventuali borse di studio percepite in caso di accesso allistruzione superiore, cos` come di altri interventi del settore pubblico at traverso la concessione a prezzi fuori mercato di alloggi e di pasti (collegi e mense universitarie), ma deve considerare anche lintervento di enti privati
17 T

Si ricordi che
t=1

A(1 + r)t =

A r;

pertanto il termine a sinistra delluguale non ` altro e

che il valore attuale di una rendita composta da inniti termini

122

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Figura 3.10: Redditi da lavoro nel ciclo di vita

attraverso, ad esempio, prestiti agli studenti con tassi pi` bassi di quelli di u mercato. La dierenza tra i salari dei lavoratori con laurea e quelli dei lavoratori con diploma dipende ovviamente dalle forze di mercato, quindi dalloerta dei due tipi di lavoratori (in un periodo di alti dierenziali il tasso di ritorno r dellequazione ?? aumenta; ci` rende pi` conveniente listruzione o u superiore, quindi procura un aumento delloerta di laureati con riduzioni nel dierenziale salariale) e dalla domanda di lavoro nei due sottomercati. Gracamente la scelta pu` essere rappresentata come in gura ??; in o eetti, lo studente sta di fatto confrontando il prolo temporale dei redditi come descritti nelle due curve wl e wm , tenendo conto dei costi sostenuti nel periodo di istruzione e della durata di questo periodo. Le curve rappresentate nell gura ?? cercano di rappresentare in modo pi` realistico landamento dei redditi da lavoro rispetto quanto visto nelu lequazione ??. In eetti landamento dei redditi nel periodo di vita di un lavoratore sembra assumere un andamento del tipo di quello descritto nella gura ??, con una forma ad U rovesciata. Questo dipende sia dal fatto che gli orari di lavoro tendono a ridursi nelle et` avanzate, sia dallobsolescenza a del capitale umano, che fa si che persone avanti nellet` possano disporre di a qualiche meno necessarie al sistema economico.

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO 3.5.2.2 Le decisioni di investimento in capitale umano

123

Supponiamo che ogni individuo debba scegliere tra 3 attivit` possibili: lavoa rare, per un tempo H, studiare, per un tempo S, o usufruire di tempo libero x. Ovviamente deve valere: H +S+x= Dove ` il tempo totale a disposizione dellindividuo. Supponiamo inoltre e che lattivit` di studio necessiti solo di tempo e permetta di aumentare la a retribuzione nei periodi futuri; in particolare che valga la seguente denizione di salario orario: t = t dove t ` lo stock di capitale umano posseduto dallindividuo al tempo t e e ` un parametro (che indicherebbe il salario percepito da un individuo con e capitale umano pari a 1); supponiamo inoltre che il capitale umano evolva secondo questa relazione: t = (1 )t1 + f (St )) (3.34)

dove ` il tasso di deprezzamento del capitale umano, supposto costante; e lequazione precedente ci dice che laccumulazione di capitale umano dipende dal tempo dedicato allo studio. Pertanto: t = [(1 )t1 + f (St )] ` la relazione che lega il tempo di studio al salario. e Sia inoltre u(C, x) la funzione di utilit` dellindividuo, con C che indica a le attivit` di consumo poste in essere. Per semplicare, supponiamo che a lattivit` studio non dia utilit` diretta; studiare ` solo una attivit` di a a e a investimento in quanto permette redditi futuri attesi pi` elevati. u Lindividuo massimizza lutilit` sotto un vincolo che deve essere necessaa riamente intertemporale in quanto durante il periodo di studio non si ottengono redditi, che potranno per` essere pi` elevati in futuro. Dati mercati di o u capitali perfetti, deve quindi valere che il totale delle spese attualizzate deve eguagliare il totale delle entrate attualizzate. Supponiamo di trovarci ad un certo tempo t0 e supponiamo che la durata attesa di vita sia T . Riprendendo lequazione ?? in un contesto intertemporale e scrivendola come uguaglianza tra il totale delle spese al netto dei

124

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

redditi non da lavoro (a sinistra delluguale) e il totale delle entrate (a destra), avremo il seguente vincolo: pt Ct V t Ht tt0 = (1 + r) (1 + r)tt0 t=t0 t=t0
T T

(3.35)

Lanalisi successiva risulter` semplicata se facciamo le seguenti ipotesi, che a non incidono sui risultati nali: v = 0; il capitale umano non si svaluta nel tempo f (St ) = St ; il capitale umano cresce linearmente al crescere delle ore di studio e formazione Possiamo allora riscrivere lequazione ?? risolvendola recursivamente (supponendo nullo il capitale umano al tempo 0):
t

t =
=0

che ci dice che il capitale umano al tempo t ` dato dalla somma dei periodi e di studio moltiplicata per un parametro; inoltre, ` evidente che il salario e percepito nel periodo t sar` dato da: a
t

t =
=0

Sostituiamo questa denizione nellequazione ??:


t

S pt Ct V =0 = (1 + r)tt0 (1 + r)tt0 t=t0 t=t0


T T

Ht

Il problema che aronta il nostro individuo ` allora di massimizzare lutilit` e a sotto il vincolo visto nellequazione precedente; le variabili di scelta sono, per ognuno dei T di vita dellindividuo, il tempo libero, il tempo dedicato allo studio, e la quantit` di beni consumata. Scriviamo il lagrangeano associato a a questo problema di massimizzazione: t T S T T ( xt St ) pt Ct V =0 = u(Ct , xt ) (3.36) tt0 (1 + r)tt0 t=t0 (1 + r) t=t0 t=t0

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO

125

Abbiamo gi` visto al paragrafo precedente che i valori ottimali di C e x a si ottengono derivando rispetto il Lagrangiano rispetto Ci e xi . In questo paragrafo non ci interessa tanto ottenere le soluzioni generali18 del problema quanto valutare quali siano i fattori che incidono sulla quantit` ottimale delle a ore da dedicare allo studio in ognuno dei T periodi di vita dellindividuo. Ricordando che lo studio non da utilit` diretta dobbiamo derivare il laa grangeano dellequazione ?? rispetto St , al ne di ottenere la quantit` di a studio ottimale da porre in essere al periodo t. La variabile St ` presene te soltanto nella seconda frazione dentro la parentesi graa, che pu` essere o riscritta in questo modo:

t0 t0 +1 T

( xt0 St0 )
=0

S +

( xt0 +1 St0 +1 )
=0

S + .....

( xT ST ) (1 + r)
=0 T t0

(1 + r)

(1 + r)

Dobbiamo derivare questa frazione rispetto St0 e porre la derivata prima uguale a zero. Otteniamo:
t0

=0

S + ( xt0 St0 ) +

x T ST xt0 +1 St0 +1 + .... + =0 (1 + r) (1 + r)T t0

che pu` essere scritta: o


T

(S0 + S1 + .... + St0 ) + ( xt0 St0 ) +


t=t0

xt+t0 St+t0 = 0 (3.37) (1 + r)tt0 +1

Proviamo a riscrivere questa equazione in un modo pi` leggibile. Dato che u


t0

t0 =
=0

S , possiamo sostituire t0 alla prima sommatoria e moltiplicare

tutto per . Inoltre possiamo tenere conto che il termine entro la seconda parentesi, Ht0 = xt0 St0 pu` essere inserito nellultima sommatoria, che o partir` allora da t0 . Quindi: a t0 =
18

Ht (1 + r)tt0 t=t0

(3.38)

Che sono ovviamente molto complesse, in quanto si ottengono tre condizioni di primo ordine non lineari.

126

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

dove abbiamo moltiplicato ambo i lati per Il termine a sinistra delluguale ci segnala lammontare del salario che si perde nel periodo t0 a causa di unora di studio in pi`, dipendente dal u capitale umano accumulato no a quel momento. Quindi ci dice quanto ` il e costo dovuto allulteriore investimento in capitale umano. Il termine a destra delluguale rappresenta di fatto il totale delle ore che verranno lavorate in futuro (lorario di lavoro a partire dal tempo t0 no al tempo T ) moltiplicate per lincremento di salario dovuto ad una ulteriore ora di studio . Indica quindi a quanto ammonta il maggior reddito da lavoro attualizzato. Esso dipende dallincremento di salario orario dovuto allaccumulazione di capitale umano dovuto a sua volta allattivit` di studio a posta in essere nel periodo t0 . Quindi lequazione descrive i costi (a sinistra delluguale) e i beneci (a destra) derivanti dallinvestimento in capitale umano. Per ottenere il valore ottimale delle ore da trascorrere nello studio al periodo t0 , risolviamo lequazione ?? per St0 , si ottiene facilmente: 1 St0 = 2
T

t=t0

Ht (1 + r)t2

t0 1

=0

+ ( x2 )

(3.39)

Questa equazione denisce il livello ottimale di studio al tempo t0 . Dato questo risultato, possiamo concludere che linvestimento in formazione di capitale umano sar` tanto pi` elevato quanto pi`: a u u 1. il numero di termini compresi nella sommatoria, cio` la durata attesa e dSt0 futura di vita, ` elevato; in generale, d(T t0 ) > 0 e 2. il tempo di lavoro previsto per il futuro sar` elevato: a
d
t=t0

dSt0
T

>0

Ht

3. il capitale umano accumulato no al periodo precedente 1 = (S0 + dS 0 S1 ... + St0 ) ` basso; in generale, dt t1 < 0 e
0

4. il tempo libero nel periodo t0 (x2 ) ` basso; e

dSt0 dxt0

< 0.

Va segnalato che, cos` come il tempo di studio dipende dal tempo dedicato alle altre attivit` (x), questo a sua volta dipende dal tempo dedicato di studio, a in quanto il salario al tempo t ` funzione del tempo dedicato allo studio nello e

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO

127

stesso periodo; si ottiene allora un sistema che ci permette di derivare i tempi ottimali dedicati ad ognuna delle varie attivit`. a

Esercizio 20 Si supponga che un individuo possa svolgere una sola attivit`, e che la sua funzione di utilit` al tempo t sia Ut = a a ln(Ct ) + ln(xt ). Supponiamo di trovarci al secondo periodo di vita, (t = 2), e supponiamo che la durata attesa di vita sia di 5 anni (T = 5).Nellipotesi che il tempo di lavoro futuro sia noto (Ht = H t > 2), si calcolino i valori ottimali di S2 e di x2 .

Osservazione 9 La convenienza allo studio si ha soprattutto nellet` della a giovinezza, quando il capitale umano ` ancora basso, i periodi attesi di vita e futura numerosi ed ` (forse) pi` facile apprendere; lo studio genera tanti e u pi`` beneci quanto pi` lorario giornaliero di lavoro ` elevato. u u e Questo conferma levidenza empirica: a studiare e a dedicarsi alla formazione professionale sono soprattutto i giovani, come suggerito dal modello. Inoltre, esistono evidenze empiriche che coloro che sono dotati di maggiore istruzione di solito lavorano pi` a lungo e tendono ad andare in pensione pi` u u tardi. 3.5.2.3 Imprese, capitale umano generico e specico

Esistono quindi ragioni per le quali ` razionale per gli agenti economici invee stire in capitale umano; questo processo formativo pu` essere posto in essere o grazie allaiuto di istituzioni pubbliche che, riducendo i costi (c) della formazione, spingono gli individui ad investire di pi`, aumentando in questo modo u le possibilit` di crescita economica del paese. Questo tipo di formazione e a di solito di carattere generale, in quanto permette allindividuo di ampliare conoscenze non direttamente collegabili ad un dato processo produttivo, allutilizzo di un dato macchinario o ad altre attivit` che costituiranno la a specicit` del posto di lavoro che lindividuo andr` ad occupare. a a La specicit` di ogni posto di lavoro fa si che ogni lavoratore sia tenuto a ad apprendere alcuni compiti e alcune mansioni che sono tipiche del posto di lavoro occupato. Si parla allora di formazione specica in contrapposizione alla formazione generica fornita prevalentemente dal sistema formativo

128

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

esterno al sistema produttivo (scuole, universtit`, centri di formazione proa fessionale). La formazione specica viene di solito posta in essere dalla stessa impresa dopo lassunzione del lavoratore. Il rapporto di lavoro prevede cio` che le parti investano nella relazione, e cio` che spendano fondi e tempo per creare una situazione che aumenti la e produttivit` del lavoratore. Questo ha conseguenze rilevanti per il rapporto a di lavoro: il lavoro tende a diventare un fattore quasi sso[?], nel senso che la sua presunta perfetta variabilit` nel breve periodo viene meno a i rapporti di lavoro non possono pi` essere assimilabili a contratti di u puro scambio con valenza solo nellimmediato (spot market), ma assumono necessariamente le caratteristiche di contratti a lungo termine [?] i lavoratori per i quali limpresa ha gi` sostenuto i costi di assunzione a (insider) hanno dei vantaggi rispetto agli altri lavoratori (outsider) [?] Quindi ` importante analizzare quali siano le condizioni che fanno si che e sia conveniente per limprenditore investire in capitale umano. Supponiamo che il contratto di lavoro duri T periodi, e che la produttivit` a di un lavoratore che abbia frequentato un corso di formazione specica organizzato dallimpresa sia > 1; lo stesso lavoratore se non formato, avrebbe avuto una produttivit` pari ad 1. Sia inoltre c il costo che limpresa deve a sostenere per formare il lavoratore (che per semplicit` supponiamo debba a essere pagato istantaneamente), e sia n il numero di periodi di durata della formazione professionale; si supponga che durante questi periodi la produttivit` del lavoratore sia pari a 0. Inoltre, se limpresa ore il corso di formazione a dovr` pagare un salario w1 al lavoratore una volta che il corso ` stato ultia e mato; se non ore il corso dovr` pagare un salario w0 , durante il periodo di a formazione il salario sar` w. Supponendo che il corso di formazione duri un a periodo (n = 1), limpresa decide di formare il lavoratore se il protto atteso derivante da un lavoratore non formato ` minore di quello derivante da un e lavoratore formato:
T T

(1 w0 )(1 + r)
t=0

t=1

( w1 )(1 + r)t

(c + w)

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO

129

In questa disequazione a destra si trova il protto che limpresa ottiene da un lavoratoreformato , dato dal valore atteso dei protti a decorrere dal prossimo anno al netto dei costi di formazione e del salario da pagare al lavoratore nel periodo della formazione, mentre a sinistra si evidenzia il protto che limpresa ottiene dal lavoratore non formato. Questa equazione risolta come uguaglianza e semplicata per T che tende allinnito 19 , permette di ottenere il salario che sar` pagato al lavoratore nel primo periodo: a w= ( w1 ) (1 w0 )(1 + r) c r(1 + r) (3.40)

Questo ci dice qual` il salario (massimo) che limpresa ` disposta a pagare e e per formare il lavoratore. Si supponga ora che la formazione sia di tipo generico, cio` il lavoratore, e una volta formato, pu` lavorare con la stessa produttivit` anche in altre o a imprese. Osservazione 10 La concorrenza tra imprese per i lavoratori dotati di formazione generica far` si che il salario di questi lavoratori sia pari alla loro a produttivit` ( = w1 ), quindi nessuna impresa otterr` protti dai lavoratori a a formati. Ma allora, data lequazione ??, il salario nel periodo di formazione dovrebbe essere negativo in modo da coprire almeno i costi di formazione. Questo vuol dire che ogni lavoratore dovrebbe pagarsi da solo la propria formazione interna allimpresa (si noti che questo potrebbe comunque essere conveniente per il lavoratore in quanto nei periodi futuri otterrebbe un salario w1 invece di un salario w0 ). Ora ` evidente che lipotesi di pagare per essere e assunti e formati ` poco realistica; ci` non toglie che in tutti i paesi sono e o previsti quote della formazione professionale interna alle imprese a carico del lavoratore (in Italia, attraverso i contratti di formazione). Osservazione 11 Se invece la formazione ` specica, un mercato dei lae voratori formati non pu` esistere, in quanto la formazione ottenuta in una o impresa non pu` essere utilizzata in altre imprese. In questo caso, limpresa o pu` aver convenienza a formare il lavoratore pagandogli salari positivi nel o periodo della formazione
19 T

Si ricordi che
t=0

A(1 + r)t = A 1+r e che r

T t=1

A(1 + r)t =

A r.

130

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Questo si verica purch` ( w1 ) > (1 w0 )(1 + r) cr; cio` purch` il e e e guadagno di produttivit` derivante dalla formazione sia rilevante e non sia a accompagnato da aumenti del salario altrettanto importanti. Si consideri che il salario w1 ` di dicile determinazione una volta che e il lavoratore ` stato formato in quanto le due parti si trovano in una situae zione di monopolio bilaterale. Limpresa ottiene protti positivi, quindi non licenzia il lavoratore, ntantoch` w1 < ; il lavoratore preferisce continuare e a lavorare nellimpresa se w1 > w0. La contrattazione tra le parti porter` a a denire un salario giudicato equo oppure a sciogliere il rapporto di lavoro; ovviamente, questa seconda soluzione ` ineciente; la mancanza di accordo e su come ripartire i beneci della formazione specica pu` portare le parti o a non procedere al processo formativo. La ripartizione dei beneci dipende ovviamente dalla contrattazione tra le parti. Si veda lappendice G per approfondimenti sul signicato dello schema di contrattazione di Nash che viene utilizzati negli esercizi seguenti.

Esercizio 21 Si denisca il salario che sar` pagato dallimpresa se a le parti si comportano secondo lo schema di contrattazione di Nash, dato il protto ottenuto dallimpresa pari a: w1 e lincremento di utilit` del lavoratore pari a: w1 w, nel caso di pari forza a contrattuale tra le parti.
Il problema `: max( w1 )(w1 w0. ) e
w1

Derivando e ponendo uguale a zero la derivata, si ottiene (w1 w0 ) + ( w1 ) = 0 w1 = + w0 2

Risulta abbastanza ovvio che il salario di equilibrio `, in questo caso, la e semisomma della produttivit` del lavoratore e del salario che il lavoratore a potrebbe guadagnare in altre imprese.

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO

131

Esercizio 22 Dato lesercizio precedente, si supponga che la forza contrattuale dellimpresa sia e si determini il salario di equilibrio.

132

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Appendice A: Il grado di monopolio di Lerner


Quando le imprese non operano in concorrenza perfetta, si trovano a dover porre in essere delle congetture sul comportamento delle altre imprese. Quando limpresa iesima aumenta la quantit` prodotta ` interessata a sapere a e quante delle altre faranno altrettanto in quanto la variazione della quantit` a esima prodotta dallimpresa i avr` un eetto maggiore o minore sul prezzo a a seconda del numero di imprese operanti in quel mercato che tengono lo stesso comportamento dellimpresa iesima . Deniamo allora Y la produzione totale in un certo mercato, e y la produzione della nostra impresa. Sia inoltre = dY la congettura che limpresa dy iesima pone in essere relativa alla variazione del prodotto totale dipendente dalla variazione della quantit` da lei prodotta. Se vale = 0, il mercato a ` in concorrenza perfetta (limpresa ` innitamente piccola). Se = 1, il e e mercato ` in una situazione simile alloligopolio di Cournot (le altre imprese e lasciano invariata la loro quantit`). Se tutte le imprese agiscono invece allo a stesso modo (ad esempio, in caso di cartello in una situazione oligopolistica), la variazione della quantit` prodotta nel mercato sar` dipendente dal numero a a di imprese; se > 1 imprese sono operanti, = . Supponiamo che la nostra impresa conosca , e debba massimizzare la sequente funzione di protto: = p(Y )y(N ) wN al ne di determinare loccupazione ottimale, per wdato. Il calcolo della derivata prima permette di ottenere: dp dY dy dy y+p dN =w dY dy dN dp dy che pu` essere scritta, dopo aver diviso per p e aver raccolto per dN : ( dY y + o p dy w 1) dN = p che, pu` scriversi ancora: o dp Y y dy ( dY p Y + 1) dN = w . p y 1 Gi` sappiamo che Y = ; deniamo inoltre lelasticit` della domanda al a a prezzo nellintero mercato dp Y,p = dY Y = 1 . Pertanto: p dy w (1 ) dN = p . Il grado di monopolio di Lerner (m) ` denito: m = , e deve valere 0 e 1 m . Pertanto il valore di m indica tutte quelle situazioni comprese tra la concorrenza perfetta e il monopolio. La domanda di lavoro pu` allora essere o denita da:

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO


dy dN

133

1 = 1m w . p Tanto pi` m ` elevato, tanto pi` sar` alta la produttivit` del lavoro e bassa u e u a a loccupazione.

134

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Appendice B: Dalla funzione di produzione alla funzione di costo


Lanalisi della scelta ottima dei fattori pu` essere basata sulla funzione di coo sto: questa funzione lega il costo totale sostenuto dallimprenditore al livello di output quando i fattori produttivi sono scelti al loro livello ottimale; pu` o essere scritta: C(w, r, y). Questa funzione ` una funzione di costo condizionae le ad un dato output (y) che, vale la pena sottolinearlo, ` comunque calcolata e attraverso un processo di ottimizzazione, che in questo caso prende la forma di minimizzazione dei costi totali. Al ne di vericare la relazione che lega la funzione di costo C(w, r, y) al livello ottimale degli input, costruiamo intanto la funzione seguente (lestensione dellanalisi qui presentata al caso con n fattori produttivi non presenta particolari dicolta; vedi Cahuc,P, Zylberberg, A.,1996 pag. 164 e seguenti): (W, R) = C(W, R, y) (W N + RK ) dove N e K minimizzano il costo totale quando i costi dei fattori produttivi sono w e r, mentre la funzione C minimizza il costo totale per prezzi W e R dei fattori: C(W, R, y) = min (W N + RK )
y(N ,K )y

pertanto (W, R) 0, in quanto il secondo termine a destra delluguale ` e sempre maggiore (o al limite uguale) del primo. Ma allora deve anche valere che la funzione ammette un massimo quando W = w e R = r ; nel punto di massimo = 0. Derivando la funzione rispetto W e rispetto R, e tenendo conto che nel punto di massimo vale W = w e R = r, si ottiene: Cw (w, r, y) = N Cr (w, r, y) = K La derivata della funzione di costo totale calcolata rispetto al costo del suo iesimo input ` uguale al valore ottimale dellinput; questa relazione ` nota in e e letteratura come lemma di Shepard. Nota una funzione di costo, ` allora possibile denire il livello ottimale di e un input semplicemente derivando la funzione rispetto al prezzo dellinput.

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO

135

ESEMPIO: Data la funzione di produzione y = K N , per w costo del lavoro e per r costo del capitale, si verichi la validit` del lemma di Shepard. a Calcoliamo intanto i valori ottimali dellinput di lavoro e dellinput di capitale, denendoli N e K . Applicando lequazione ?? otteniamo facilmente: K w = N r da cui: K = w N r

sostituendo questa denizione del livello ottimo dellinput di capitale nellequazione ?? si ottiene: w (+) y= N r pertanto il livello ottimo delloccupazione condizionale alloutput ` dato da: e N =

r w

y +

Proviamo ora ad applicare il lemma di Shepard, che vuole che la derivata della funzione di costo rispetto al salario sia uguale al livello ottimale delloccupazione. Dato che C = rK + wN, avremo che, rispetto ai valori ottimali: C=r w N + wN r

quindi, dopo aver sostituito il valore ottimale di N e aver sviluppato alcuni passaggi: 1 r + + C= ( + )w + y + . Questa equazione, derivata rispetto al salario, deve denire il valore ottimale delloccupazione: dC r = dw
+

+ ( + )

1 1 w + y + = N +

dopo alcuni passaggi si ottiene facilmente N =

r w

y +

come volevasi dimostrare. La dimostrazione relativa al livello ottimale del capitale si ottiene seguendo lo stesso procedimento.

136

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Appendice C: Il Lagrangeano
Il massimo (minimo) di funzioni di una variabile y = y(x) viene calcolato dierenziando rispetto la variabile, ponendo uguale a zero la derivata, risolvendo rispetto la variabile (x ) e controllando la derivata seconda. Se questa ` negativa ci si trova in un punto di massimo, se ` positiva in un minimo, e e se ` uguale a zero in punto di esso. Per funzioni a due variabili condie zione relativa alle derivate seconde ` la seguente: dato z(x, y) e indicando e con zx la derivata parziale di z rispetto x, ci si trova in un massimo se va2 le: zxx ,zyy 0; zxx zyy zxy la prima di queste due condizioni ` necessaria, la e seconda suciente (quando la prima ` vericata) per denire un massimo e di una funzione a due variabili. Se la prima disequazione ` vericata con il e segno di maggiorezxx , zyy > 0 e la seconda ` ancora valida, ci si trover` in un e a punto di minimo della funzione. Analizziamo ora la presenza di un vincolo, come quello rappresentato nella gura che rappresenta una funzione di utilit` U = U (x, y) con un vincolo di a bilancio, rappresentato dal piano trattegiato. Il metodo utilizzato per determinare massimi e minimi vincolati ` basato e sulla costruzione di una funzione, detta Lagrangeano, che ` data dalla some matoria della funzione da massimizzare e del vincolo (vincoli) moltiplicato per un parametro (parametri) detto moltiplicatori di Lagrange. Un generico problema di massimizzazione vincolata ` il seguente: e max z(x, y) rispetto x, y, sotto vincolo: f (x, y) < R 2 con zxx , zyy < 0 e zxx zyy > zxy . Si costruisca una funzione , detta lagrangeano, costituita dalla funzione da massimizzare pi` un parametro (detto moltiplicatore di Lagrange), che u moltiplica il vincolo posto uguale a zero: = z(x, y) + (R f (x, y)) Si derivi rispetto x, y, : = 0 = zx = fx 1 x 2 = 0 = zy = fy y = 0 = R = f (x, y) 3 Dividendo la 2 per la 1: 4 zx = f x z f
y y

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO

137

Figura 3.11: Funzione di utilit` e vincolo di bilancio a

Dallequazione 3 ` possibile calcolare il dierenziale totale di R e porlo e uguale a zero, in quanto R ` un parametro del modello: dR = fx dx+fy dy = 0, e da cui: dy 5 fx = dx fy Lequazione 5 e lequazione 4 possono essere allora scritte: dy 6 zx = dx zy dove il termine a sinistra delluguale ` calcolato sulla funzione da massimize zare (z), mentre il termine a destra delluguale dipende dalla pendenza del vincolo; la condizione 6 implica che, nel punto di ottimo, la pendenza della funzione da massimizzare nello spazio y, x deve equagliare quella del vincolo nello stesso spazio. Supponendo che il vincolo sia il classico vincolo di bilancio del consumatore, che x e y rappresentino i due beni, che z sia lutilit`, che p sia il prezzo del a bene y e w sia il prezzo del bene x, lequazione 3 pu` essere scritta: o R w y = p px da cui: dy = w dx p Pertanto, dalla 6: 8 zx = w z p
y

che ` la condizione di saggio marginale di sostituzione uguale al rapporto e tra i prezzi.

138

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Occorre ancora controllare che lequazione 6 (oppure lequazione 8) dia veramente luogo ad un massimo. In eetti, la 6 (oppure 8) ` solo una condizione e necessaria anch` ci si trovi in un punto di massimo. Senza proporre una e dimostrazione, condizione suciente per avere un massimo nella funzione di utilit` z(x, y) , con zxx , zyy < 0 , dato il vincolo di bilancio y = R w x ` a e p p che valga: z y yw2 + zxx p2 < 2zxy pw. Lultima considerazione riguarda il signicato del moltiplicatore . Riprendendo le equazioni 1 e 2, ` possibile scrivere: e zy zx = f = f , oppure, nel caso di vincolo di bilancio tradizionale:
x y

= = Il moltiplicatore indica allora il valore delle utilit` marginali dei beni pona derate ai rispettivi prezzi, che devono essere uguali per tutti i beni consumati nel punto di ottimo. Il eetti, un aumento del reddito provoca un aumento del lagrangeano attraverso ; data la relazione tra e z, questo provoca a sua volta un aumento dellutilit`. Pertanto il valore di ` interpretato a e nei problemi di massimizzazione del benessere del consumatore come lutilit` marginale del reddito; pi` in generale indica la variazione della funzione a u obiettivo rispetto variazioni del vincolo.

zx w

zy . p

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO

139

Appendice D: La rappresentazione graca della funzione di produzione a due fattori


La funzione di produzione y(N, K) pu` essere dierenziata totalmente: yN dN + o yK dK = 0 , ottenendo: dK y = N (3.41) dN yK Dato che le due derivate prime sono ambedue positive, la rappresentazione della funzione di produzione nello spazio K, N da luogo ad una curva inclinata negativamente. Il segno della derivata dellequazione ?? rispetto N denisce la concavit`. a Derivando la ?? rispetto N si ottiene: yN N yk yKN yN (yK )2
y

che ` maggiore di zero se vale: yKN > yN N yK , sempre soddisfatta dato che il e N termine a sinistra delluguale ` assunto essere positivo mentre quello a destra e ` sempre negativo (vedi condizioni dellequazione ??). Pertanto la funzione e di produzione nello spazio K, N ` rappresentata da una curva decrescente e con cancavit` verso lalto, che ` denita isoquanto; ad isoquanti posti pi` in a e u alto corrisponde una quantit` pi` elevata di beni prodotti (si veda la gura a u ??) Il costo sostenuto dallimpresa per lutilizzo dei fattori produttivi (nel caso che il mercato dei fattori sia in concorrenza perfetta, con prezzi dei fattori parametricamente dati) ` dato da: C = wN + rK, che rappresenta una e retta decrescente con pendenza w detta isocosto. La condizione ?? ci dice r allora che, in condizioni di massimo protto, la pendenza dellisoquanto deve equagliare quella dellisocosto.

140

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Appendice E: La pendenza della curva di indierenza tra consumo e tempo libero


Per analizzare meglio la curva di indierenza nello spazio C, x, analizziamo il dierenziale totale della ??. Questo dierenziale posto uguale a zero (dato che lungo una curva di indierenza lutilit` ` costante), ci permette di ota e tenere lequazione della pendenza della curva di indierenza tra consumo e tempo libero: uC dC + ux dx = 0 da cui si ottiene facilmente dC u (C, x) = Cx= x dx uC (C, x) che individua una curva decrescente (dato che la pendenza della curva ` e negativa). La concavit` della curva pu` essere analizzata derivando rispetto a o x la derivata prima: d2 C u u u u = Cxx = xx C 2 Cx x 2 dx (uC ) dove il segno dipende dal numeratore, dato che il denominatore ` positivo. e In particolare se: uxx uC uCx ux < 0 (3.42) la curva di indierenza ` convessa. e Si pu` dimostrare che lungo una curva di indierenza la condizione ?? o equivale alla condizione posta nellequazione ??, che riscriviamo per comodit`: a 2 uCC uxx (uCx ) > 0 Per la dimostrazione, consideriamo che lungo una curva di indierenza deve valere duC (C, x(C)) = uCC + uCx xC = 0 dC dove xC =
dx dC

= uC ; si pu` allora scrivere: o


x

uCC uCx

uC =0 ux

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO quindi ux = uCx u uCC c

141

Pertanto lequazione ??, pu` essere scritta: o uxx uC uCx ucx u <0 ucc c

Moltiplicando per ucc (quindi cambiando di segno) e dividendo per uC , si giunge alla seguente equazione: uCC uxx (uCx ) > 0 che ` quindi equivalente alla condizione ??, come volevasi dimostrare. e Pertanto, la condizione uCC uxx (uCx )2 > 0, equivalente alla condizione uxx uC uCx ux < 0 assicura che la curva di indierenza sia sempre convessa.
2

142

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Appendice F: Come varia il tempo libero al variare del reddito?


Iniziamo analizzando lequazione ??: uC (C, x) p = 0 Dato che uCC < 0, uC ` decrescente in C (vedi gura ??)20 ; ` allora e e possibile denire il livello ottimale di consumo C in funzione del solo prezzo, del moltiplicatore di Lagrange, e del tempo libero; cio`: e C = C(x, , p) Sostituiamo questa equazione nellequazione ??: ux C(x, , p), x = 0 (3.44) (3.43)

Per lo sviluppo successivo del modello, ` utile calcolare dallequazione ?? e i dierenziali totali (prima rispetto le variabili C e x, poi rispetto C e ) e porli uguale a zero in un intorno del valore di equilibrio: uCC dC + uCx dx = 0; uCC dC pd = 0, da cui ` agevole calcolare: e u dC = Cx = Cx dx uCC dC p = C = d uCC (3.45)

(3.46)

la stessa cosa pu` essere fatta nellequazione ??, dierenziando rispetto x e o : uxx + uxC Cx dx + uxC C d = 0 (3.47)
Si consideri che lequazione ??, rappresentata nello spazio (uC , C), ` una funzione e decrescente ma sempre positiva (dato il principio di non saziet`), infatti si ` ipotizzato che a e uC > 0 e uCC < 0; pertanto la funzione uC ` rappresentata da linea continua; se togliamo e da questa funzione il termine p (vedi eq. ??) otteniamo la funzione a linea tratteggiata, che, date le ipotesi, incontrer` lasse uC in un solo punto. a
20

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO

143

Figura 3.12: Utilit` marginale del consumo a

Sostituendo in questa equazione le equazioni ?? e ??, si verica facilmente che la parte allinterno della prima parentesi ` negativa (si veda lultimo vine colo dellequazione ??). Quindi lequazione ?? ` sempre decrescente rispetto e al tempo libero; allora lequazione ?? ` soddisfatta per un solo valore di x, e per dati valori dei parametri del modello e del moltiplicatore : x = x(, , p) (3.48)

Inoltre ` possibile denire, dallequazione ??, sostituendo le equazioni ?? e e ??, la derivata del tempo libero rispetto al moltiplicatore del Lagrangiano: x = uCC puxC uxx uCC (uCx )2 (3.49)

A questo punto ` possibile dare, dallequazione ?? e dallequazione ?? la e seguente denizione della quantit` consumata del bene: a C(, , p) = C (x(, , p), , p) E altres` possibile denire la derivata del consumo rispetto a : C = Cx x + C = p uCx uCC puxC 2 + uCC uCC uxx (uCx ) uCC (3.50)

144

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

che, con alcuni passaggi, pu` essere scritta: o C = puxx uCx uCC uxx (uCx )2 (3.51)

Riprendiamo ora lequazione ??, che pu` essere scritta rispetto ai valori che o abbiamo determinato per il consumo ?? e il tempo libero ??. x(, , p) + pC(, , p) R = 0 (3.52)

e derivare questa funzione rispetto ; dopo alcuni passaggi algebrici e dopo aver sostituito C (equazione ??) e x (equazione ??), si ottiene: x + pC = p2 uxx + 2 uCC 2puCx uCC uxx (uCx )2

dove la frazione a destra delluguale risulta essere sempre minore di zero, in quanto il denominatore ` sempre positivo e il numeratore negativo21 . E allora e possibile esprimere la ?? come un funzione continua delle altre variabili: = (, p, R) (3.53)

A questo punto ` possibile sostituire lequazione ?? nellequazione ?? e nele lequazione ??, ` denire i valore di x e C che massimizzano lutilit` del e a consumatore rispetto i parametri: C (, p, R) = C (, p, R), , p x (, p, R) = x (, p, R), , p che sono funzioni continue del vettore dei prezzi e del reddito. Dati questi risultati, una prima analisi pu` essere posta in essere per o vericare sotto quali condizioni il tempo libero sia un bene normale. Per far questo, occorre derivare x rispetto al reddito: x R = x R =
21

uxx uCC (uCx )2 uCC puCx uxx uCC (uCx )2 p2 uxx + 2 uCC 2puCx

In eetti il numeratore non ` altro che il determinante dellHessiano orlato (cio` della e e matrice delle derivate seconde, con laggiunta di una colonna che tiene conto del vincolo), che ` denito positivo, cambiato di segno. e

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO

145

dove la derivata di rispetto R ` calcolata dallequazione ??, dopo aver e sostituito x e C ; ovviamente ` possibile procedere a semplicazione, no e ad ottenere: uCC puCx x R = 2 (3.54) p uxx + 2 uCC 2puCx Il tempo libero ` un bene normale se x R > 0. Dato che si ` gi` visto e e a che il denominatore ` negativo, il tempo libero ` un bene normale se vale: e e uC p uCC < uCx , oppure, in equilibrio: uCC < u uCx . Dato che uCC < 0, x condizione suciente per far si che il tempo libero sia un bene normale e che uCx 0. Daltra parte, condizione necessaria ma non suciente per avere e x,R < 0 ` che uCx < 0.

146

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

Appendice G: schemi di contrattazione


E risaputo che due agenti che debbano contrattare al ne di migliorare lallocazione delle proprie risorse possono concludere il contratto in modo procuo per entrambi, cio` in modo che ognuna delle parti guadagni dalla contrate tazione, purch` lesito della contrattazione sia sulla curva dei contratti. E e dicile invece sapere a priori quale punto della curva sia eettivamente scelto (si pensi allo schema di contrattazione basato sul box di Edgeworth). La teoria formale della contrattazione cerca di risolvere questo problema. In questo approfondimento, viene mostrato perch`, nella contrattazione di Nae sh, si massimizza il prodotto dei payo netti del fallback income pesati per una data forza contrattuale delle parti. Cosa vogliano dire payo, fallback income, e forza contrattuale sar` chiaro in seguito. a Supponiamo che due agenti debbano dividersi una somma di 1 lira in ognuno dei periodi futuri; si ricordi che il valore attuale di una rendita di 1 lira formata da inniti termini ` pari a 1 ,dove r ` il tasso di interesse. Ognuno e e r dei due agenti ` perfettamente informato; ai nostri ni, ci` vuol dire che coe o nosce tutti i parametri del modello seguente, e deve proporre allaltro come dividere limporto di 1 lira. Supponiamo che il giocatore 1 chieda per se una somma x1 < 1; allora il giocatore 2 avr` 1x1 lire. Il giocatore 2 pu` accettare o riutare di prendere a o 1 x1 ; nel caso di riuto, il giocatore 2 far` una nuova oerta, chiedendo per a se x2 lire e lasciando 1 x2 lire al giocatore 1, e cos` via. Per come ` posto il e problema, ` chiaro che le due parti raggiungeranno un accordo solo nel caso e in cui la somma che il giocatore 1 vuole tenere per se sar` uguale a quella a che il giocatore 2 vuole lasciare al giocatore 1 (e viceversa): 1) x1 = 1 x2 Si supponga che tra la prima e la seconda proposta passi un periodo di tempo. Mettiamoci nei panni del giocatore 2. Egli pu`; o accettare un valore attuale derivante dal criterio di decisione proposto dal giocatore 1; otterrebbe una rendita futura pari a 1x1 . r2 riutare la proposta del giocatore 1 e fare una nuova proposta, x2 . y2 x2 1 Otterrebbe allora + 1+r2 , in quanto la prima rata di x2 r2 1+r2 sarebbe ottenuta allinizio del secondo periodo (e quindi va scontata); si suppone che comunque nel primo periodo possa ottenere quello che

3.5. LUTILIZZO DEL TEMPO

147

viene denito il fallback income (y2 ),.cio` un reddito che pu` essere e o percepito nel caso di mancato accordo tra le parti. Per comodit` nei a passaggi successivi, supponiamo che questo reddito sia percepito alla ne del periodo, quindi viene anchesso scontato. Ovviamente, il giocatore 2 accetter` se vale: a y2 1x1 x2 1 r2 1+r2 + 1+r2 , r2 che pu` essere scritta: o 2) 1 x1 x2 (y2 + x1 1) r2 Il criterio di scelta utilizzato dal giocatore 2 ` lo stesso che guida la scelta e del giocatore 1. Si suppone cio` che nessuno dei due sappia a chi tocchi e la prima mossa (e, nel caso presentato, ognuno pensa che tocchi allaltro giocatore); in eetti tutto il processo descritto non ` un processo che si e sviluppa nel tempo ma un processo che si svolge interamente nella mente degli agenti, che, essendo perfettamente informati sul comportamento dellaltro, eettuano delle congetture. Invertendo gli indici che individuano i due giocatori, dalla 1 si ottiene il criterio che porta lagente 1 ad accettare la proposta fatta dallagente 2: 3) 1 x2 x1 (y1 + x2 1) r1 Il raggiungimento di un accordo presuppone: che le equazioni 2) e 3) siano rispettate con il segno di uguale; che valga lequazione 1) Si ottiene facilmente, facendo il rapporto tra le equazioni 2) e 3) (con il segno di uguale), sostituendo lequazione 1), e cambiando i segni sia al numeratore che al denominatore: 2 x 1 = 1yy1 1 r2 x1 r1 che pu` essere scritta: o x1 r2 4) = 1xy1 2 r1 1 y Questa equazione ci denisce implicitamente la somma (x1 ) che, in ogni periodo, sar` percepita dal giocatore 1, quindi la somma (1-x1 ) che andr` al a a giocatore 2. La soluzione esplicita per x1 si ottiene facilmente: x1 = r1r1 2 y1 + r1r2 2 (1 y2 ) +r +r La quota che andr` al giocatore i (per i = 1, 2) dipende allora: a dalla preferenza per il presente, cio` dal tasso di sconto intertemporae le: tanto pi` ` elevato il tasso di preferenza, (cio` limpazienza di u e e concludere il contratto) ri , tanto pi` bassa sar` la quota percepita; u a

148

CAPITOLO 3. LAPPROCCIO TRADIZIONALE

dal reddito ottenuto dal giocatore in assenza di accordo yi : tanto pi` u un giocatore ha redditi elevati anche se non conclude un accordo, tanto meno ` incentivato a concludere laccordo quindi tanto pi` grande sar` e u a la quota nella ripartizione (si controlli quanto aermato calcolando le derivate dellequazione 4). Un problema quale quello descritto in alto, pu` essere risolto attraverso o lequazione:: r2 5) max(x1 y1 ) r1 (1 x1 y2 )
x1

che ` quello che si fa seguendo lo schema di contrattazione di Nash. Infate ti, dallequazione 5), passando ai logaritmi e derivando rispetto x1 si ottiene precisamente lequazione 4). Pertanto, quando si vuole denire la quota che spetta ad ogni agente nella ripartizione, ` suciente risolvere il problema 5) e Pertanto, quando si vuole denire la quota che spetta ad ogni agente nella ripartizione ` suciente risolvere il problema 5). e

Bibliograa
[1] Sapsord, D. - Tsannatos, D. (1993), The Economics of the Labour Market, Macmillan, Houndmills [2] Pencavel, J. (1986): Labour Supply of Men: A Survey, in O. C. Aschenfelter - R. Layard Handbook of Labour Economics, North Holland, Amsterdam [3] Killingsworth, M.R. - Heckman J. J. (1986): Female Labour Supply: A Survey, in O. C. Aschenfelter - R. Layard Handbook of Labour Economics, North Holland, Amsterdam [4] Becker,, G. (1965): A Theory of the Allocation of Time, Economic Journal, vol. 75, n. 299, pp. 493-517 [5] Cigno, A. (1990): Home production and the Allocation of Time, in Sapsord, D. - Tsannatos, D. Current Issues in Labour Economics, 1990, Macmillan, Houndmills, pp.7-32 [6] Oi, W. Y. (1962): Labour as a Quasi Fixed Factor, Journal of Political Economy, n. 70, pp 538-555 [7] Azariadis, C. (1975): Implicit Contract and Underemployment Equlibria, Journal of Political Economy, n. 83, pp. 1183-1202 [8] Lindbeck, A.- Snower, D. (1984): The Insider-Outsider Theory of Employment and Unemployment, MIT Press, Cambridge Mass. [9] Fiorillo, F. - Santacroce, S. - Staolani, S. 2000: Monopsonistic competition for the best workers, Labour Economics, nr. 7 [10] Boal, W. M. - Ramson, M.R. (1997): Monopsony in the Labor Market, Journal of Economic Literature, vol. XXXV, pp 86-112 149

150

BIBLIOGRAFIA

[11] Card, D. E. - Krueger, A. B. (1995): Mith and Measurement: The New Economics of the Minimum Wage, Princeton University Press, Princeton [12] Chiang, A.C. (1984): Fundamental Methodds of Mathematical Economics, 3rd edn, McGraw-Hill, London [13] Hart, R.A. (1987): Working Time and Employment, Georges Allen and Unwin, London [14] Benassy, J.P. (1982): The Economics of Market Disequilibrium, Academic Press, New York [15] Cahuc,P, Zylberberg, A. (1996) Economie du travail, De Boeck e Larcier, Paris

Capitolo 4 Gli equilibri non walrasiani


4.1
4.1.1

Teoria della ricerca


Introduzione

La teoria della ricerca del lavoro si situa nel lone di indagine che analizza la disoccupazione come risultato del mancato incontro tra posti di lavoro vacanti e lavoratori disoccupati e cerca in questo modo di spiegare la durata dei periodi di disoccupazione1 . Ovviamente, presuppone una situazione di informazione imperfetta da parte dei lavoratori, che non conoscono a priori la retribuzione oerta da ogni impresa. La teoria della ricerca ` stata utilizzata ampiamente nelleconomia del e lavoro cos` come in altri campi della ricerca economica. In generale suppone lesistenza di una distribuzione di prezzi per un certo bene che condiziona le scelte dei potenziali acquirenti del bene stesso. Se ad esempio un individuo pu` trovare un dato bene a prezzi pi` bassi in certi negozi piuttosto che in o u altri ma non sa nulla su quali siano i negozi pi` convenienti, probabilmente u eettuer` pi` di un tentativo prima di acquistare il bene. La teoria della a u ricerca cerca sostanzialmente di razionalizzare questo tipo di comportamenti, il che, nel mercato del lavoro, equivale a supporre che per ogni lavoratore pu` non essere razionale accettare la prima oerta di lavoro cos` come per o ogni impresa pu` essere conveniente valutare un lavoratore in pi` prima di o u
Tra i lavori che si possono utilmente consultare per approfondire la teoria della ricerca del lavoro, vedi Pissaridis, 1990, [?]; Mortensen, 1986 [?], pag. 849 e seguenti
1

151

152

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

procedere ad una assunzione. Due ipotesi fondamentali stanno dietro questa teoria: 1. lesistenza di una distribuzione dei prezzi per lo stesso bene 2. linformazione imperfetta degli agenti, che pu` essere pi` o meno rileo u vante. Infatti si pu` supporre che gli agenti conoscano la distribuzione o dei prezzi a priori (cio` prima di iniziare la ricerca gli agenti sanno che e i prezzi sono distribuiti secondo una certa variabile casuale, con una certa media e una certa varianza) oppure che la stessa distribuzione dei prezzi sia ignota e possa essere accertata soltanto attraverso lattivit` a di ricerca. Consideriamo brevemente le cause che possono portare ad una distribuzione dei salari oerti ad un dato lavoratore, cio` rispondiamo alla domanda: e perch` un lavoratore con una data qualica dovrebbe essere pagato dierene temente in diverse imprese? Varie risposte sono state proposte in letteratura. Si pu` supporre, come faremo per buona parte della trattazione successiva, o che questa distribuzione sia esogena e dipendente, ad esempio, da dierente qualit` degli impianti e dei macchinari installati nelle varie imprese. a Una spiegazione pi` convincente sembra essere basata sulla qualit` del u a matching tra impresa e lavoratore. Si suppone che ogni lavoratore sia dotato di date caratteristiche, cosi come ogni posto di lavoro e che la produttivit` che a emerge dallincontro tra un lavoratore e un posto di lavoro possa essere pi` u o meno elevata; cio`, ad esempio, un certo lavoratore produce se occupato e nellimpresa 1 e produce se occupato nellimpresa 2, con = 1. La qualit` del matching determina allora la produttivit` e questa a a a sua volta il salario. In questa ottica lattivit` di ricerca aumenta la qualit` a a del matching fra posto di lavoro e lavoratore, quindi la produttivit` media a del sistema. Ci si pu` allora porre unaltra interessante questione, che non o tratteremo in questo testo: esiste un livello di ricerca di lavoro che massimizza lecienza sociale?2 . Lesistenza di problemi informativi si concretizza nellesistenza di costi per lacquisizione di informazioni. Per un individuo cercare lavoro ` costoso e (spedizione di lettere, acquisto di giornali specializzati, colloqui con datori di lavoro potenziali) e soprattutto richiede tempo. Cos` anche le imprese che , devono occupare un posto di lavoro, devono prima pubblicizzare lesistenza
2

Per approfondimenti vedi Mortensen, [?] pag 901 e seguenti

4.1. TEORIA DELLA RICERCA

153

di un posto vacante, quindi si trovano a dover selezionare tra diversi aspiranti quello che sembra pi` adatto ad occupare quel posto. Quanto questi costi u siano elevati ` dicile da dirsi; dal punto di vista dellindividuo si pu` ipoe o tizzare che siano pi` bassi per i disoccupati che non per gli occupati (questo u implicherebbe che la ricerca dal posto di lavoro -on the job search- sia meno eciente di quella eettuata quando ci si trova nello stato di disoccupato); dal punto di vista delle imprese si pu` ritenere che i costi della ricerca siano o tanto pi` alti quanto pi` la qualica del lavoratore ` elevata. u u e Nella modellistica del job search spesso si suppone che siano solo i disoccupati a poter cercare lavoro, come se la scelta di un posto di lavoro non sia pi` revocabile (ad esempio, a causa di formazione in capitale umano speciu co); questa ipotesi va comunque presa come una semplicazione, in quanto ` evidente che nella realt` ` sempre possibile per un lavoratore occupato e a e cercare nuovi posti di lavoro. Nel caso in cui anche gli occupati possano cercare posti di lavoro (ricerca dal posto di lavoro) una implicazione importante ` che la crescita delle e retribuzioni di un lavoratore nel tempo non ` dovuta solo a maggiori invee stimenti in capitale umano nel corso della vita lavorativa, ma anche, e forse soprattutto, al passaggio ad occupazioni meglio retribuite. Problematiche relative ad imperfezioni nel mercato del credito possono complicare ancora le caratteristiche della scelta; se la ricerca del lavoro procura costi, occorre chiedersi se sia possibile che le uscite monetarie di coloro che sono impegnati in attivit` di ricerca siano in qualche modo nanziabili. a Ancora, un agente si pu` porre due dierenti questioni cui rispondere o quando deve cercare un posto di lavoro: quante ricerche eettuare prima di accettare loerta salariale pi` elevau ta tra quelle ricevute? Cio`, qual` il numero di imprese da contattare e e prima di fare una scelta? quale salario minimo fa si che lattivit` di ricerca venga terminata? a Cio`, quale ` il salario di riserva che porta allaccettazione di una data e e proposta di lavoro? Da un punto di vista statistico, il primo caso, sviluppato gi` negli anni a 60 da Stigler (1961, 1962), richiede una scelta della dimensione ottimale del campione, mentre il secondo caso si basa su una regola ottima di stopping che deriva dalla teoria della decisione statistica dinamica (Bellman, 1957).

154

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

Linsieme delle ipotesi sulle quali si possono basare modelli di ricerca ` e molto ampio ed ha dato luogo ad una considerevole oritura della letteratura sullargomento soprattutto negli anni 80 e 90. Nel seguito, verranno presentati alcuni semplici modelli di job search. Tratteremo molto brevemente, attraverso una esemplicazione numerica, del numero ottimale di ricerche per poi concentrarci sullanalisi del salario di riserva.

4.1.2
4.1.2.1

Un esempio numerico
Il numero ottimale di ricerche

Un semplice esempio numerico ` utile per chiarire meglio la problematica in e questione. Si supponga che in un sistema economico ci siano 4 imprese, e che le oerte salariali delle imprese siano note e riepilogate nelle prime due colonne della tabella ??. Nella tabella non riportiamo il salario riferito ad un dato periodo di tempo, ad esempio il mese, ma il valore attuale derivante da una salario che sar` a percepito per tutto il resto della vita. Ci interessa cio` sapere che percepire, e ad esempio, 100 euro al mese (w = 100), equivale ad ottenere un valore atT

tuale pari a V =
t=0

(1 + r)t wt , dove r ` il tasso di sconto e T e il numero e

di periodi per i quali si percepir` il salario. Nellipotesi che non si sar` mai a a 3 licenziati e che la durata di vita lavorativa attesa sia molto lunga , si pu` o supporre che T tenda a innito. In questo caso, se wt = w per ogni t, la serie e converge a: V = w , che ` il valore riportato nella tabella. r Il lavoratore conosce la distribuzione delle oerte salariali, ma non conosce quanto orano le singole imprese, cio` non sa quale sia limpresa A, quale la e B, quale la C e quale la D. Nella tabella ?? viene evidenziato come il lavoratore possa ricevere oerte con salari attualizzati compresi tra 1000 e 1300; il salario attualizzato di 1000 ` ottenuto con probabilit` dell25%, quello di 1200 con probabilit` del 50% e a a (dato che ci sono due imprese che lo orono), quello di 1300 con probabilit` a del 25%.
Lipotesi che il lavoratore viva in eterno ` innocua e comune a molti tipi di modelli. e La considerazione del fattore di sconto fa si che il valore attuale del salario di periodi lontani nel tempo tenda ad essere pari a zero, quindi lerrore che si commette ` tanto e pi` elevato quanto pi` le attese di vita lavorativa sono basse. u u
3

4.1. TEORIA DELLA RICERCA Tabella 4.1: Il salario atteso dalla ricerca impresa V = w probabilit` V x prob. a r A 1000 1/4 250 B 1200 1/4 300 C 1200 1/4 300 D 1300 1/4 325 totale 1175

155

Lultima colonna ` utilizzata per calcolare il valore medio atteso dal cone tattare una impresa scelta casualmente tra le 4 esistenti, (we = wi pi ) che, nel caso di una sola attivit` di ricerca, ` pari a 1175. a e Supponiamo ora che il lavoratore adotti questo comportamento: sceglie a caso 2 imprese, e accetta il salario pi` alto tra quelli che gli vengono oerti. u I 6 casi possibili sono AB, AC, AD, BC, BD, CD; ovviamente, il lavoratore che eettua due attivit` di ricerca sceglier` il salario pi` elevato tra quelli a a u che sono oerti. Quindi, nel caso che capiti nellimpresa A e nellimpresa B, otterr` un valore attualizzato del salario di 1200. Con un semplice calcolo a come quello proposto nella tabella ?? si ottiene che il salario atteso da due attivit` di ricerca ` pari a 1250. E anche possibile calcolare il salario che a e il lavoratore si aspetta nel caso contatti tre imprese. I casi possibili sono in questo caso ABC, ABD, ACD, BCD, ognuno con probabilit` 1/4. Seguendo a lo stesso procedimento visto prima si ottiene che il salario atteso ` pari a 1275. e 4 . Emerge allora che il nostro individuo che sta cercando lavoro si aspetta di ottenere un salario atteso pari a 1175 se contatta una sola impresa, pari a 1250 se contatta 2 imprese, pari a 1275 se contatta 3 imprese e pari a 1300 se le contatta tutte e quattro. Quale sar` il numero ottimo di imprese da a contattare? Occorre considerare che la ricerca del lavoro presuppone dei costi; se ad esempio lattivit` di ricerca procurasse costi pari a 30 lire, allora sar` a a conveniente fare due ricerche di lavoro perch` la seconda attivit` di ricerca e a permette un incremento nel salario attualzzato pari a 12501175 = 75 contro
4

Un modo semplice per descrivere le modalit` di calcolo del salario atteso in n attivit` a a
M (n) 1 M (n)

di ricerca del lavoro `: wE (n) = e

max(w) dove M (n) indica il numero delle


i=1

combinazioni possibili delle n imprese che si decide di contattare e max(w) il massimo salario percepito.

156

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

un costo di 30, ma non sar` conveniente farne tre, perch` la terza attivit` di a e a ricerca procura un benecio di 1275 1250 = 25 che ` inferiore al costo. e La gura ?? ` utile per denire il numero ottimo di attivit` di ricerca da e a porre in essere per un individuo che incontra costi pari a c per ogni ricerca. Il benecio totale di eettuare n ricerche (al netto del salario atteso con una ricerca) ` rappresentato dalla curva con concavit` verso il basso, mentre il e a costo totale dalla retta. La concavit` verso il basso dipende dal fatto che il a benecio marginale dellattivit` di ricerca ` decrescente. a e

Figura 4.1: Beneci e costi dellattivit` di ricerca a

Osservazione 12 Il numero ottimale di attivit` di ricerca di lavoro da porre a in essere ` quello per il quale il benecio marginale di una ulteriore ricerca, e misurato dalle prospettive di aumento salariale, eguaglia il costo marginale. 4.1.2.2 Il salario di riserva

Un modo alternativo per denire il comportamento individuale ` quello di e denire il salario di riserva, cio` quel salario minimo che far` accettare alline a dividuo loerta ricevuta. Chiamiamo w questo salario, Se durante lattivit` a di ricerca un lavoratore riceve una oerta salariale x tale che x w , allora loerta di lavoro sar` accettata; se vale invece x < w , loerta sar` riutata a a e la ricerca continuer`. a

4.1. TEORIA DELLA RICERCA

157

Deniamo il valore intertemporale atteso derivante dallattivit` di ricerca a con VS , cio` cerchiamo di presentare delle metodologie per calcolare quanto e valga lattivit` cercare lavoro (vedi appendice A per una analisi dei valori a attesi) Il valore intertemporale atteso della ricerca dipender` tanto da quello che a succede nel periodo corrente, conosciuto al lavoratore, quanto dallesito della ricerca, che ` a lui ignoto. Nel periodo corrente lutilit` dipende tanto dal e a maggior tempo libero, quanto da eventuali sussidi di disoccupazione e altri redditi percepiti, quanto dal costo dovuto alla ricerca del lavoro. Un individuo che cerca lavoro ha probabilit` P di ottenere una oerta a di lavoro soddisfacente, cio` tale che il salario oerto, attualizzato, sia e maggiore dellutilit` derivante dal continuare la ricerca. Ovviamente questa a probabilit` sar` funzione dellutilit` derivante dal continuare la ricerca5 e a a a della distribuzione delle oerte salariali. Nel caso in cui riceva una oerte soddisfacente, il salario che percepir` sar` funzione della distribuzione dei a a 6 salari . Durante il periodo di ricerca si ottiene una data utilit` pari a b C, dove a b indica lutilit` derivante dal maggior tempo libero di cui si pu` usufruire a o quando si svolge attivit` di ricerca del lavoro rispetto a quando si ` occupati a e 7 e da eventuali sussidi di disoccupazione mentre C segnala i costi vivi derivanti dallattivit` di ricerca. Ovviamente, questa utilit` pu` essere negativa. a a o Allora possiamo scrivere: VS = (b C) + P (V (x) VS )E(V (x)|xrVS ) + (1 P (V (x) VS ))VS (4.1) Il valore atteso di una ulteriore ricerca VS sar` dato dallutilit` della ricerca a a per il periodo corrente b C sommato a due termini che riettono gli esiti possibili della ricerca 8 :
Nel senso che, ad esempio, se un disoccupato percepisce sussidi di disoccupazione molto elevati, accetter` solo posti di lavoro ad alti salari; allora la probabilit` di trovare a a unoerta di lavoro soddisfacente sar` pi` bassa. a u 6 Nel caso dellesempio del paragrafo precedente, se il disoccupato ` consapevole che e lutilit` della ricerca ` pari a 1050, accetter` solo le oerte che abbiamo indicato con B, a e a C, D. La probabilit` di ricevere queste oerte ` 3/4; il salario medio percepibile nel caso a e di accettazione ` dato da (1200 2/3 + 1300 1/3). e 7 Ma anche da eventuali attivit` svolte fuori mercato, per esempio il lavoro autonomi, a il lavoro casalingo, lo studio. 8 Si suppone che sia la distribuzione dei salari, sia il tasso di interesse, sia eventuali sussidi di disoccupazione, sia il costo della ricerca restino costanti nel tempo. Si ipotizza
5

158

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

la probabilit` di capitare su di una impresa che ora un salario acceta tabile P (V (x) VS ) per il valor medio atteso, attualizzato, del salario E(V (x)|xrVS ) la probabilit` di non trovare oerte accettabili (1 P (V (x) VS )) a per il valore derivante dal continuare la ricerca, meno il costo della ricerca Risolvendo la ??, con semplici passaggi si ottiene: VS = E(V (x)| x VS ) + r bC P (V (x) VS ) (4.2)

Qualunque oerta salariale per cui vale w rVS sar` accettata. Deniamo a il salario di riserva w come il salario minimo che fa si che una oerta di lavoro venga accettata, cio` quel salario che rende uguali lutilit` derivante e a dal continuare la ricerca e quella derivante dallaccettare il posto di lavoro, cio`: e r(b C) (4.3) w = rVS = E(x|xw ) + P (x w ) dove abbiamo moltiplicato la ?? per il tasso di interesse. Analizziamo la tavola ?? e cerchiamo di capire come debba comportarsi un individuo che conosca la distribuzione delle oerte salariali della tavola. Supponiamo r = 0.10; avremo, dallequazione ?? che, se un individuo riceve una oerta pari a 1000 (cio` con w = 100), il valore della ricerca ` dato da: e e VS|w=100 = 1175 + Se riceve una oerta pari a 1200 avremo: VS|w=120 = 1233 + Se riceve una oerta pari a 1300 avremo: VS|w=130 = 1300 + (b C) .25 bC .75 (b C) 1

quindi che anche il valore della ricerca resti costante (VS ` tanto a destra che a sinistra e delluguale) e, per semplicare, evitiamo di scontare quanto accadr` nel prossimo periodo. a Nei paragra successivi queste ipotesi verranno rimosse. Solo sotto queste ipotesi ` pose sibile scrivere una equazione ricorsiva, quale quella del testo, in modo cos` semplice. La procedura presentata nel testo ` basata sulla Belmann equation. Per approfondimenti si e veda Dixit, 1990 [?].

4.1. TEORIA DELLA RICERCA

159

Se supponiamo che il costo della ricerca al netto dellincremento di utilit` a (b C) sia negativo e pari a 60 (cio`, b C = 60) avremo che: e

VS|w=100 = 1115;

VS|w=120 = 1188;

VS|w=130 = 1285

Nel caso si riceva una oerta pari a 100, lutilit` derivante dal continuare a la ricerca sar` maggiore dellutilit` derivante dallaccettazione delloerta a a salariale, in quanto continuando la ricerca si avr` una utilit` pari a 1115 a a mentre accettando loerta lutilit` sar` pari a 1000 (vedi tavola ?? a a Nel caso w = 120 lutilit` della ricerca, pari a 1167 sar` inferiore allutilit` a a a che si ottiene accettando un salario w = 120, che d` una utilit` intertempoa a rale attesa pari a 1200. Pertanto, il salario di riserva del nostro individuo sar` pari a 120, w = 120. a Si tenga conto che costi di ricerca pi` elevati portano a salari di riserva u pi` bassi e che, se i costi di ricerca eccedono un certo limite, lindividuo non u avr` interesse a cercare lavoro. Questo capita quando lutilit` che si ottiene a a se si ` disoccupati (b nelle ipotesi precedenti), ` sempre superiore allutilit` e e a derivante dallaccettare il salario di riserva, cio` se b > w , lindividuo non e cercher` lavoro. Ad esempio, se, come abbiamo supposto, b C = 60 a dipende da b = 130 e da C = 190, lindividuo percepisce unutilit` dallo a stato disoccupato (dipendente per esempio da un sussidio di disoccupazione pari a 130) maggiore di quella che percepirebbe da occupato (dipendente dal salario di riserva, pari a 120). Lindividuo preferir` allora restare tra le non a forze di lavoro. Una riduzione di b potrebbe spingere lindividuo a cercare lavoro. Una riduzione di C, a parit` di b, avrebbe gli stessi eetti. Per esempio, se C a fosse pari a 140, lindividuo avrebbe un salario di riserva pari a w = 130; quindi w > b. Ci` dipende dal fatto che, se cercare lavoro costa poco, ` o e pi` probabile che pi` individui cercheranno lavoro. u u La trattazione sviluppata nel presente paragrafo ha soltanto ni espositivi; ad esempio, abbiamo dato per scontato che ognuna delle imprese ora sempre un posto di lavoro e quindi un salario. Nel paragrafo successivo svilupperemo modelli che, se da un lato sono pi` complicati, dallaltro permettono u di trattare in modo pi` dettagliato le problematiche inerenti la teoria della u ricerca.

160

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

Esercizio 23 Si supponga che, rispetto ai dati presentati nella tavola 1, limpresa C ora un salario pari a 1250. Per un tasso di interesse del 10%, per b = 110 e per costi di ricerca del lavoro C = 150, quale sar` il salario di riserva? Lindividuo avr` a a convenienza a cercare lavoro?

4.1.3
4.1.3.1

Alcuni approfondimenti dei modelli di job search


La ricerca da parte dei disoccupati

In questo paragrafo presentiamo un modello semplicato di job search che permette comunque di evincere le ipotesi e le conclusioni fondamentali di questo tipo di analisi. In appendice B viene presentato un modello che, seppure pi` complicato da un punto di vista analitico, ` indubbiamente pi` u e u 9 completo . Il modello analizza il comportamento di un agente che cerca lavoro, nellipotesi che laccettazione di unoerta salariale implichi la conservazione del posto di lavoro per tutto il resto della vita lavorativa, supposta innita. Questa ipotesi sar` abbandonata nei paragra successivi. Si ipotizza inoltre a che lagente massimizzi il reddito futuro atteso. Lagente analizzato ` un die soccupato che riceve oerte di lavoro e che pu` scegliere se accettare queste o oerte oppure riutarle. Utilizzando la metodologia di analisi del valore atteso spiegata nellappendice A di questo capitolo, deniamo il valore attuale dellutilit` intertema porale attesa di un individuo che cerca lavoro come: rVS = (b C) + 1+r max(W (x), VS )dF (x) VS (4.4)

che pu` intuitivamente essere letta in questo modo: un individuo che decide o di cercare lavoro si aspetta di ottenere dallattivit` di ricerca una utilit` pari a a a VS . Il valore attuale di questa utilit` (quindi rVS , dove r ` il tasso di a e interesse) ` dato dalla somma tra i seguenti elementi: e
In particolare, nellappendice rimuoveremo lipotesi che in ogni periodo di tempo si riceva unoerta salariale, supponendo che il tasso di arrivo delle oerte salariali sia anchesso una variabile casuale.
9

4.1. TEORIA DELLA RICERCA

161

lutilit` del periodo corrente (b C, cio` utilit` dellessere disoccupati a e a meno i costi della ricerca); la possibile variazione dellutilit` che si pu` ottenere dal prossimo pea o riodo (questa ` la ragione per la quale il termine entro parentesi quadra e 1 ` moltiplicato per 1+r ), che dipende a sua volta: e dal ricevere una oerta salariale (e questo avviene con probabilit` a , che indica quindi la probabilit` che in un periodo di lunghezza a pressata, sul quale si calcola il tasso di interesse r, si riceva una oerta salariale; si esclude che, in questo periodo, si ricevano pi` u 10 oerte ), dallaccettare questa oerta (e questo avviene se lutilit` intera temporale attesa derivante dallaccettare un salario x, W (x) ` e maggiore dellutilit` derivante dalla ricerca.). a Considerando che, dato che F (x) ` una funzione cumulata di densit` e a deve valere: VS = VS dF (x) e denendo, per esemplicare la trattazione successiva, = 1+r possiamo scrivere11 : rVS = (b C) + max(W (x) VS , 0)dF (x) (4.5)

Il lavoratore accetter` ogni oerta con un salario che dia una utilit` almeno a a uguale a quella derivante dal continuare la ricerca. Il salario di riserva, w , ` e quello per cui vale: rV s = rW (x) = w Tenendo conto di ci`, sostituendo w a VS e sostituendo o r r fuori dallintegrale, e tenendo conto che: max(x w , 0)dF (x) =
w
10

x r

a W (x), portando

(x w )dF (x)

(4.6)

Questa ipotesi rappresenta ovviamente una forte semplicazione del mondo reale, ma permette di semplicare di molto lanalisi. Il modello con tempo continuo, presentato in Appendice B, giunge comunque agli stessi risultati di quello qui presentato, purch` la e durata del periodo di riferimento tenda a zero. 11 Si noti che, per r che tende a zero, cio` per un periodo di tempo molto breve, = ; e in questo senso ` denibile anche come probabilit` istantanea di ricevere unoerta di e a lavoro.

162

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

lequazione ?? pu` essere riscritta: o w = (b C) + r


w

(x w ) dF (x)

(4.7)

che denisce implicitamente il salario di riserva. Un individuo cercher` lavoro solo se il salario minimo a cui ` disposto a e a lavorare (il salario di riserva, w ), ` maggiore del reddito che ottiene da e disoccupato12 , b, cio` se w > b. La disuguaglianza precedente comporta che e oriranno la propria forza lavoro sul mercato solo quegli individui per i quali vale: (x w ) dF (x) > 0 w b > 0 C + r
w

che implica la seguente condizione di partecipazione: r


w

(x w ) dF (x) > C

(4.8)

Osservazione 13 Il modello di job search permette di denire sotto quali condizioni un individuo decide di appartenere alla forza lavoro. Il salario di riserva non coincide pi` con il valore del tempo libero (eventualmente u aumentato dei sussidi di disoccupazione) ma dipende tanto dal costo di ricerca del lavoro che dal valore della ricerca. Dato che salari inferiori a w non saranno accettati, i salari osservati nelleconomia saranno allora solo quelli maggiori di w ; la distribuzione di frequenza dei salari osservati13 sar` allora: a f (x) =
12

f (x) F (w )

Dove questo reddito comprende, oltre ai sussidi di disoccupazione, anche lequivalente monetario dellincrementento di tempo libero 13 Stiamo implicitamente supponendo che tutti gli individui siano uguali quanto a sussidi di disoccupazione, costi di ricerca, probabilit` di ricevere oerte di lavoro e cos` via. a Ovviamente questo non ` vero (basti pensare alle dierenze nelle probabilit` di ricevere e a oerte di lavoro per individui con dierenti livelli di istruzione) e non ` quindi possibile e parlare di un salario di riserva ma di salario di riserva dellindividuo iesimo , caratterizzato dai parametri bi , Ci , i , ecc.

4.1. TEORIA DELLA RICERCA

163

dove F (w ) = 1 F (w ), per x > w . Data lequazione ??, il valore del salario di riserva ` quindi una funzione e dei parametri del modello: w = w (, r, c, F (x)) (4.9)

Analisi che evitiamo di presentare mostrano che il salario di riserva cresce rispetto traslazioni positive della distribuzione dei salari oerti, diminuisce al crescere del costo della ricerca (e quindi cresce al crescere dei sussidi di disoccupazione, che ovviamente riducono il costo della ricerca), cresce al crescere del tasso di arrivo di oerte salariali () e decresce al crescere del tasso di interesse. Osservazione 14 Il disoccupato interromper` la ricerca del lavoro quando a riceve una oerta con salario superiore al salario di riserva, tanto pi` elevato u quanto pi` la situazione congiunturale ` positiva sia in termini di livelli dei u e salari che di posti di lavoro vacanti e quanto pi` sono elevati i sussidi di u disoccupazione. Non ` detto che situazioni congiunturali positive portino alla e riduzione della disoccupazione dovuta alla ricerca.

Esercizio 24 Si supponga che, nellequazione ??, sia c = C b, dove C rappresenta i costi di ricerca e b lutilit` del tempo libero. a 1 Si supponga inoltre che valga f (x) = za , cio` che i salari siano die stribuiti uniformemente tra a e z. Per semplicare, si ponga a = 0. Si calcoli: il salario di riserva il livello minimo dellutilit` del tempo libero che spinge il lavoraa tore a non orire la propria forza lavoro il tasso di attivit` della popolazione, supponendo che anche lutia lit` del tempo libero sia distribuita in modo uniforme tra a e z (con a a = 0) Si denisca inoltre il segno delle derivate del salario di riserva rispetto a tutti i parametri del modello

164 4.1.3.2

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI Lanalisi della durata della ricerca di lavoro

Chiediamoci ora quale sia la probabilit` che una persona resti disoccupata a per un tempo maggiore di un dato periodo, che chiamiamo tu (per esempio nella statistiche uciali viene spesso riportata la quota dei disoccupati di lunga durata, denita come rapporto tra il totale dei disoccupati che hanno trascorso periodi ininterrotti superiori allanno nella disoccupazione e le forze di lavoro). Cio`, ci interessa calcolare il valore di prob(Tu > tu ) dove Tu ` la e e durata di un periodo intero di disoccupazione. Questa probabilit` ` denita ae Survival function, che indica la probabilit` di sopravvivere in un dato stato, a che in questo caso ` quello di disoccupato, almeno per un certo periodo, che e ` ssato in tu . e Per far questo abbiamo bisogno di proporre delle ipotesi sul tasso di arrivo delle oerte salariali per un dato individuo. Fino ad ora, abbiamo supposto che in un periodo di tempo pressato ogni agente poteva ricevere una oerta di lavoro con probabilit` . Supponiamo invece ora che esista a una distribuzione di tipo Poisson , (J, ), denita da: (J, ) = ( )J e J!

che segnala la probabilit` di ricevere J oerte salariali in un periodo . Si a suppone che sia indipendente da c14 . Si tenga conto che vale: lim (1, ) = e che: lim (J, ) = 0 per J > 1

cio` che, se lintervallo di tempo ` molto piccolo, con probabilit` si pu` e e a o ricevere una sola oerta mentre ` impossibile ricevere pi` di una oerta. e u Allora il parametro indica la probabilit` instantanea di ricevere una oerta a di lavoro. Inoltre, dato che abbiamo individuato in w il salario di riserva, sappiamo che la probabilit` di non accettare una data oerta coincide con il valore della a funzione di ripartizione calcolato in w ; la probabilit` di accettare una oerta a ` allora F (w ) = 1 F (w ). Pertanto, se si ricevono J oerte, la probabilit` e a di non accettarne nessuna ` semplicemente (F (w ))J . e
Cio` che la probabilit` di ricevere oerte non sia dipendente da quanto si spenda nella e a ricerca del lavoro.
14

4.1. TEORIA DELLA RICERCA

165

Dato che si suppone che le oerte siano tra di loro indipendenti (ogni offerta pu` essere ricevuta sempre con la stessa probabilit`, indipendentemente o a da cosa ` accaduto in passato), si pu` scrivere: e o prob(Tu > tu ) = (tu )J etu [F (w )]J J! J=0

che rappresenta la quota di coloro che continuano ancora a cercare lavoro (e quindi sono disoccupati) dopo un tempo tu . Dato che lespressione rappresenta una espansione in serie di Taylor, si pu` scrivere: o prob(Tu > tu ) = eF (w
)t u

(4.10)

Osservazione 15 La probabilit` di rimanere nello stato di disoccupazione a per un tempo maggiore di un tempo dato [prob(Tu > tu )] ` distribuita come e una esponenziale ed ` decrescente rispetto tu . Ha come parametri la probabie lit` istantanea di ricevere una oerta () e la probabilit` che il salario oerto a a sia maggiore di quello di riserva F (w ). Possiamo inne denire il tasso di uscita dalla situazione di disoccupazione (hazard rate), che corrisponde al tasso istantaneo di variazione della probabilit` di permanenza nella disoccupazione preso con il segno negativo. a Deniamo lhazard rate con h(tu ). Vale allora: h(tu ) = dprob(Tu > tu ) 1 dtu prob(Tu > tu )

Applicando la denizione di hazard rate allequazione ??, si ottiene h(tu ) = h = F (w ) (4.11)

Osservazione 16 Lhazard rate ` costante rispetto tu . La probabilit` di troe a vare un posto di lavoro non dipende da quanto tempo si ` trascorso nello stato e di disoccupato. Ovviamente questa conclusione non ` del tutto soddisfacente alla luce e delle osservazioni empiriche che mostrano un hazard rate variabile rispetto il periodo di permanenza nello stato di disoccupato. A priori ci si pu` attendere o 15 che lesistenza di vincoli di liquidit` spinga i lavoratori ad accettare lavori a
15

Si veda Mortensen, pag 860

166

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

con salario tanto pi` basso quanto pi` ` lungo il tempo di ricerca (quindi u u e F (w ) = 1 F (w ) sarebbe crescente rispetto alla durata della disoccupazione); se per` si suppone che il capitale umano si deteriori con il passare del o tempo si pu` ritenere che il tasso di arrivo delle oerte salariali sia () sia o decrescente; leetto netto ` quindi di dicile individuazione. e Lanalisi dellequazione ?? ci dice che la probabilit` di uscire dallo stato a di disoccupazione ` funzione di due variabili, tra loro incorrelate: la probae bilit` di ricevere oerte di lavoro , e la probabilit` che queste oerte siano a a 16 accettate F (w ) . E possibile dimostrare che laumento nel costo della ricerca, laumento del tasso di interesse e traslazioni positive della distribuzione dei salari portano a maggiori hazard rate. Variazioni in e aumenti della varianza della distribuzione dei salari hanno invece eetti ambigui sullhazard rate. Il modello con ricerca dal posto di lavoro Il modello presentato non risponde comunque a tre domande: cosa succede se anche i lavoratori occupati possono svolgere attivit` di a ricerca, quindi cambiare lavoro? cosa succede se si ipotizza che le imprese possano licenziare? perch` le imprese non orono a tutti i lavoratori il loro salario di riserva e (quindi f (w) = 1 se w = w e f (w) = 0 altrimenti)? In questo paragrafo analizzaremo le risposte alla prima domanda; nel paragrafo successivo cercheremo di rispondere alla altre due. Rimuoviamo lipotesi che i rapporti di lavoro debbano durare per tutta la vita del lavoratore; la ricerca di un lavoro pu` cio` essere eettuata sia o e quando si ` disoccupati che quando si ` occupati. Ipotizziamo inoltre che e e la ricerca dal posto di lavoro da occupati presenti gli stessi costi di quella fatta dai disoccupati e che lo spostamento da un posto di lavoro allaltro non procuri costi.
Ovviamente, anche se ` stato trattato come un parametro, esso ` in realt` funzione e e a di una serie di variabile caratterizzanti lindividuo (sesso, et`, razza, livello di istruzione a ecc.), ma anche della condizione congiunturale del mercato del lavoro: un pi` elevato u numero di posti di lavoro vacanti sicuramente aumenter` la probabilit` di ricevere oerte. a a Lo stesso discorso pu` essere fatto per i costi di ricerca del lavoro C. Dato z vettore di o caratteristiche individuali, per analisi empiriche si dovrebbe scrivere: = (z); C = C(z).
16

4.1. TEORIA DELLA RICERCA

167

Sotto queste condizioni ogni agente accetter` il primo salario che gli verr` a a 17 oerto e continuer` a cercare lavoro al ne di trovare posti di lavoro con salaa ri pi` elevati. Ci interessa allora determinare il salario al quale un lavoratore u occupato trover` conveniente arrestare lattivit` di ricerca, che deniremo a a salario di ne ricerca. Utilizzando la simbologia del paragrafo precedente lutilit` intertemporale a attesa di un lavoratore che percepisce un salario w e che continua a cercare (Ves (w)) sar`: a Ves (w) = (w C) + 1+r max(Q(x), Ves (w))dF (x) Ves (w)

La variabile Q(x) indica lutilit` di un lavoratore che cambia lavoro perch` a e riceve un salario pi` elevato. A priori non possiamo sapere se questo nuovo u salario far` si che il lavoratore smetta di cercare lavoro oppure se preferisca a continuare nella ricerca. Nel primo caso varr` Q(x) = Ve (x), dove Ve (x), a indica lutilit` intertemporale attesa di un occupato che viene retribuito con a un salario superiore al salario di ne ricerca e che quindi non cerca altri lavori; nel secondo Q(x) = Ves (x); in generale Q(x) = max(Ve (x), Ves (x)). Senza ripetere i passaggi proposti nel caso di ricerca da parte dei disoccupati del paragrafo precedente, con la stessa metodologia utilizzata per sviluppare lequazione ??, vale: rVes (w) = (w C) + e max(Q(x) Ves (w), 0)dF (x) (4.12)

Dove e = 1+r . Questa equazione pu` essere semplicata facendo delle ipotesi sul costo o della ricerca. Se in prima approssimazione supponiamo C = 0, il lavoratore continuer` sempre a cercare poich rVes (w) w per qualsiasi w; cio`, se a e e cercare non costa nulla, ogni lavoratore sar` sempre alla ricerca di un nuovo a lavoro. Allora avremo che lutilit` ottenuta quando si accetta una nuova oerta a di lavoro ` uguale allutilit` derivante dal continuare la ricerca, cio` che: e a e

purch` w b cio` purch` il salario sia maggiore dei sussidi di disoccupazione some e e mati allequivalente monetario dellutilt` del tempo libero; come vedremo in seguito, per a semplicare, supporemo che b = 0.

17

168

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

Q(x) = Ves (x) per qualunque x; quindi: rVes (w) = w + e


rVes (w)

Ves(x) Ves (w) dF (x)

Ogni lavoratore, nel corso della sua vita lavorativa (supposta innita), otterrebbe sempre incrementi di salario dovuti non a incrementi di capitale umano, ma semplicemente alla ricerca di posizioni lavorative migliori. La conclusione ` che tutti i lavoratori continuerebbero a cercare no a e quando non ottengono il salario pi` elevato possibile 18 , ma questa ` una u e situazione che sembra ovviamente irrealistica. La maggior parte dei lavoratori sono ben contenti del lavoro che svolgono e cercano piuttosto di fare di tutto per non perderlo (rinviamo questi temi al paragrafo successivo, quando aronteremo il tema del licenziamento dei lavoratori).. Queste conclusioni dipendono dalle ipotesi fatte a proposito del parametro C, posto uguale a zero. Riprendiamo allora lequazione ?? che costituisce il caso generale e trattiamo il caso C > 0. Sappiamo che il valore atteso di un posto di lavoro sotto condizione che non si continui la ricerca ` dato da: e Ve (w) = w r

mentre il valore atteso di un posto di lavoro sotto condizione che si continui la ricerca si pu` scrivere, dalla ??: o rVes (w) = (w C) + e r
rVes (w)

(rQ(x) rVes (w)) dF (x)

Un lavoratore arrester` la ricerca quando lutilit` derivante dal continuare a a a cercare ` minore di quella derivante dallarrestare la ricerca, cio` quando e e Ves (x) Ve (x); allora il salario di ne ricerca w sar` denito come quel saa lario che rende uguali lutilit` derivante dallarrestare la ricerca o dal cercare a nuovi lavori. Quindi: rVe (w ) = rVes (w )
Questo implica che, se la funzione di distribuzione dei salari F (x) ` vincolata supee riormente al livello X, e data lipotesi di durata innita della vita lavoratori, nel sistema economico si dovrebbero osservare solo salari pari a X.
18

4.1. TEORIA DELLA RICERCA

169

Allora, dato che rQ(x) = x; e dato che rVes (w ) = rVe (w ) = w , eliminando da ambedue le parti delluguale w , si ottiene: e r
w

(x w ) dF (x) = C

che denisce implicitamente il salario che fa si che il lavoratore arresti la ricerca. Nel sistema economico si dovrebbero osservare allora solo salari maggiori o uguali a w 19 . Le denizione di survival function e di hazard rate sono le stesse che nel caso di assenza di ricerca dal posto di lavoro, con la dierenza che si riferiscono adesso non pi` a lavoratori disoccupati ma a lavoratori occupati u e che quindi in questo caso il lavoratore percepisce un salario per il periodo corrente. La survival function rappresenta la durata dei periodi lavorativi presso lo stesso imprenditore; lhazard rate: he (t) = e F (w) descrive il tasso di turnover tra lavori, cio` il tasso al quale un lavoratore passa da un posto e di lavoro ad un altro.

4.1.4

Un modello di ricerca di equilibrio

In questo paragrafo20 cerchiamo di eliminare uno dei limiti propri dei modelli di ricerca visti no ad ora: cerchiamo cio` di costruire una situazione nella e quale la distribuzione delle oerte salariali delle imprese ` endogena. In e questo senso ` possibile parlare di modello di equilibrio. e 4.1.4.1 I licenziamenti

Prima di introdurre il modello, ampliamo la prospettiva di analisi vista nei paragra precedenti introducendo la possibilit` di licenziamento per le a imprese. In generale, i rapporti di lavoro possano essere interrotti per: licenziamento da parte del datore di lavoro; dimissioni volontarie del lavoratore.
E quindi suciente considerare costi di ricerca positivi per avere ancora una distribuzione non degenere dei salari nel sistema economico. 20 Questo paragrafo ` sviluppato secondo le linee indicate in Flinn, Heckman, 1982. e
19

170

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

Per semplicit` supponiamo che gli occupati non possano cambiare posto di a lavoro; torniamo cio` al caso in cui la ricerca ` possibile solo per i disoccupati. e e Se inoltre continuiamo a supporre una vita innita dei lavoratori, le dimissioni volontarie saranno pari a zero. Comunque, il fatto che esistano i licenziamenti fa si che in ogni periodo di tempo alcuni individui saranno disoccupati. Il valore attuale dellutilit` attesa di un lavoratore occupato che percepisce a un salario pari a w e non eettua ulteriori ricerche Ve (w) ` data da: e rVe (w) = w + [Vu Ve (w)] 1+r

dove Vu ` lutilit` intertemporale attesa dei disoccupati. Il primo termine e a indica lutilit` derivante dal salario percepito nel periodo; entro la parentesi a quadra viene indicata la variazione di utilit` che il lavoratore subisce se viene a licenziato, con probabilit` . a
21

Lequazione pu` essere facilmente risolta in Ve , ottenendo: o Ve (w) = w + Vu +r (4.13)

dove = 1+r . Se esiste una probabilit` di perdita del posto di lavoro, lutilit` degli a a occupati dipende anche dallutilit` dei disoccupati22 . a Quante persone cambiano il posto di lavoro? Cio`, qual` lhazard rate e e per gli occupati? Nel nostro semplice modello, dove gli occupati non cercano altri lavori, ` dato dal parametro 23 . e
1 21 Lequazione precedente pu` anche essere scritta Ve (w) = w + 1+r [Vu + (1 )V (w)]. o Le due equazioni, risolte in V (w), portano infatti allo stesso risultato. 22 Un modo alternativo per raggiungere la stessa soluzione consiste nel considerare che w un lavoratore percepisce 1+r se il suo orizzonte temporale ` di un solo periodo, percepisce e 1 w w o a 1+r + 1+r 1+r + (1+r)2 Vu in quanto pu` essere licenziato con probabili` se lorizzonte

` di due periodi, percepisce e


1 1+r i1 w 1+r

w 1+r

1 w 1+r 1+r

(1+r)2 Vu

1 1+r

w 1+r

1 (1+r)2 1+r Vu

in un orizzonte di tre periodi. +


i=0 (1)i1 (1+r)i Vu

Pertanto lutilit` intertemporale attesa ` data da: a e

che rappresenta una serie convergente al valore indicato

nel testo. 23 In generale esso ` la somma dalla probabilit` di essere licenziati e della probabilit` di e a a trovare un posto di lavoro migliore: he = + e F (w ), dove w ` il livello salario di ne e ricerca del lavoro.

4.1. TEORIA DELLA RICERCA 4.1.4.2 Il modello con ricerca bilaterale

171

Supponiamo che i lavoratori e le imprese non conoscono ex ante il livello di produttivit` derivante dal matching tra lavoratore e posto di lavoro. Quina di per i lavoratori tutte le imprese sono uguali ex ante, cos` come lo sono i lavoratori per le imprese. La produttivit` diventa conosciuta solo dopo a lassunzione del lavoratore da parte dellimpresa. Si suppone che esista una distribuzione della produttivit` derivante dal matching e che questa distria buzione sia nota sia ai lavoratori che alle imprese. Ancora, la probabilit` di a incontrare un partner ` denita da una distribuzione di Poisson. e Supponiamo: ogni incontro tra lavoratori e imprese porta ad una produzione pari a 2x; ogni incontro pu` terminare in ogni periodo con probabilit` pari a o a ; una distribuzione della produttivit` equa tra le parti, con quote del a prodotto che vanno al 50% ai lavoratori e al 50% allimpresa; pertanto un lavoratore che accetta un posto di lavoro ottiene un livello di produzione pari a x; questo sar` il suo salario w; a ogni parte del contratto pu` accettare i termini proposti dalla controo parte in ogni incontro. Non ` possibile ricercare posti di lavoro quando e si ` occupati, una volta accettato un contratto lo si deve mantenere per e sempre. Analizziamo ora lutilit` attesa derivante dallessere disoccupati. Un dia soccupato sostiene un costo pari a C nel periodo corrente 24 e pu` ricevere o oerte di lavoro nel periodo corrente con probabilit` in questo secondo a caso pu` accettarle o riutarle. Pertanto, seguendo la stessa impostazione o dellequazione ??, si ottiene: rVu = C +
rVu

(Ve (x) Vu )dF (x)

dove Ve (x) ` denito nellequazione ??; il salario di riserva ` denito allora e e da: x + Vu Vu dF (x) rVu = C + r+
rVu
24 Supponiamo quindi che i disoccupati non percepiscono sussidi e non beneciano di tempo libero.

172 cio`: e

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

rVu = C +

r+
rVu

(x rVu )dF (x)

(4.14)

quindi, se supponiamo che esista un equilibrio in questo mercato del lavoro, dove ogni individuo accetta ogni salario che dia una utilit` almeno pari a a quella dei disoccupati, cio` dove il salario di riserva ` dato da: w = rVu , e e avremo: w = C + (x w )dF (x) r+
w

che denisce il salario di riserva dellindividuo. Si tenga conto che, anch` lequazione precedente sia signicativa, occore re che lutilit` che un disoccupato ottiene dalla ricerca del lavoro sia positiva, a cio` che Vu denito nellequazione ?? sia maggiore di zero, cio` che: e e C< che, per Vu = 0 diventa25 : C r+
0

r+
rVu

(x rVu )dF (x)

xdF (x)

cio`, dato x valor medio della distribuzione delle oerte salariali: e C x r+ (4.15)

Se i costi della ricerca del lavoro sono maggiori di questo livello lindividuo preferir` restare fuori dalla forza lavoro. Come si nota, la considerazione della a possibilit` di licenziamento spinge meno persone alla ricerca del lavoro26 . a
Dato che stiamo supponendo che b = 0 (vedi nota precedente) ogni individuo cercher` a lavoro purch Vu sia appena positivo. Come sar` pi` chiaro in seguito, se lequilibrio e a u ` quello eciente, non ci sono ragioni per avere una utilit` derivante dallattivit` della e a a ricerca maggiore di quella percepita da coloro che non ricercano lavoro. Questo ovviamente implica che w = 0 e che tutti gli individui cercheranno lavoro. Mentrelequazione ?? individua in generale il salario di riserva, analizziamo ora la situazione in cui il salario di riserva ` il pi` basso possibile. e u 26 Si confronti la ?? con la condizione di partecipazione ?? calcolata per w = 0: il termine che moltiplica lintegrale ` minore nella ??, quindi tutta la parte a destra delluguale e ` minore. e
25

4.1. TEORIA DELLA RICERCA

173

Se supponiamo ora che il tasso di arrivo di oerte salariali per i disoccupati sia una funzione positiva e concava del numero di posti di lavoro vacanti, , che valga cio` = (), con > 0 e 0, emerge che la partecipazione e al mercato del lavoro sar` tanto pi` ampia tanto pi` posti vacanti esistono nel a u u mercato: dato che lattivit` di ricerca ` costosa, non conviene intraprenderla a e se le possibilit` di trovare una occupazione sono basse. a In eetti, la condizione ?? pu` essere riscritta r+ C o ancora (data o x 1 = funzione inversa del tasso di arrivo di oerte salariali): 1 r+ C x

che denisce il minimo numero di posti di lavoro vacanti che spinge un lavoratore allattivit`. Ovviamente lequazione precedente ` anche condizioa e ne necessaria perch` nel sistema economico possa esistere un equilibrio con e ricerca dal posto di lavoro. Tenendo conto che solo una quota F (w ) = 1 F (w ) delle oerte viene accettata, il tasso di uscita dalla disoccupazione (lhazard rate) ` costante e e pari a: he = F (w ). Il tasso di uscita dalloccupazione abbiamo visto essere hu = . Lequilibrio macreconomico in questo modello ` caratterizzato dalle see guenti condizioni: il numero di posti di lavoro vacanti ` uguali al numero dei disoccupati; e = U (equilibrio negli stock ); i ussi in ingresso e in uscita dalla disoccupazione devono equivalersi( equilibrio nei ussi ). Se deniamo L come il totale della forza lavoro e N il totale degli occupati, avremo ()F (w ) = N ; il numero di posti di lavoro vacanti ` quello minimo che garantisce e lesistenza di un equilibrio con ricerca (equilibrio eciente, con disoccupazione minima possibile) = 1 r+ C , cio`: e x () = r+ C. x

174

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

Le prime due condizioni precedenti individuano il tasso di disoccupazione; sostituendo U, il numero di disoccupati, a , il numero di posti di lavoro vacanti, e tenendo conto che N = L U, si pu` scrivere: o (U )F (w )U = (L U ) quindi, dato u =
LN , L

si ottiene: u= + (U )F (w )

Pertanto, il tasso di disoccupazione minimo che pu` essere raggiunto da un o sistema economico ` dato da: e u= Si pu` dimostrare che: o Osservazione 17 Pi` elevato ` il costo della ricerca, pi` elevato il tasso di u e u interesse e pi` basso ` il valor medio della distribuzione dei salari, minore u e ` il tasso di disoccupazione; gli eetti di variazioni di sulla disoccupazione e sono ambigui. +
r+ cF (w ) x

Esercizio 25 Nel semplice caso in cui () = a e la distribuzione dei salari ` uniforme, compresa tra 0 e 1, quindi F (x) = x, si e denisca il tasso di disoccupazione di equilibrio e se ne calcolino le derivate parziali rispetto ai parametri.

4.1.5

Alcune implicazioni

I modelli di ricerca del posto di lavoro presentati hanno alcune importanti implicazioni:

4.1. TEORIA DELLA RICERCA

175

la disoccupazione ` volontaria, in quanto dovuta a comportamenti rae zionali dei singoli individui: la disoccupazione pu` essere eciente per il sistema economico, se o periodi di disoccupazione pi` lunghi implicano migliori prospettive u occupazionali; la decisione di partecipazione al mercato del lavoro non dipende pi` da u un esogeno salario di riserca, ma dai costi della ricerca, dal valore derivante dallo stato di disoccupato, dalla frequenza con cui si ricevono oerte di lavoro e dalla distribuzione dei salari oerti; non ` detto che la disoccupazione si muova in modo anticiclico (cio` e e che aumenti in periodi recessivi e diminuisca in periodi espansivi), in quanto loerta di lavoro e la domanda di lavoro seguono ambedue il ciclo economico; alcuni lavoratori possono uscire dalle forze di lavoro a causa di scarse prospettive di trovare una occupazione che migliori il loro benessere (costi di ricerca elevati rispetto ai beneci attesi); si parla di lavoratori scoraggiati; questi lavoratori probabilmente rientrano nelle forze di lavoro nei periodi espansivi; la durata del periodo di ricerca, oppure, detto in un altro modo, la probabilit` di ricevere una oerta di lavoro in un dato periodo, ` cruciale a e per le decisioni individuali. Il tasso di ricevimento di oerte di lavoro ` tanto pi` alto pi` la fase ciclica ` espansiva. Un tasso di ricevimento e u u e di oerte di lavoro pari a zero fa ricadere il modello di job search nei modelli di disequilibrio, con disoccupazione involontaria; in generale (vedi McKenna, pag. 60 [?]) si pu` denire la probabilit` o a di uscita dalla disoccupazione in un certo periodo t come intersezione delle probabilit` di : a) ricevere una proposte di lavoro in un dato pea riodo; b) accettare loerta. In questo modo ` evidente il ruolo svolto e da fattori di domanda nel determinare la durata della disoccupazione: una riduzione delle vacancies riduce ovviamente la probabilit` di a ricevere una proposta di lavoro, e induce quindi permanenza involontaria nello stato di disoccupato. Quando si endogenizza la probabilit` a di ricevere un proposta di lavoro (oppure il tempo medio necessario per ricevere una proposta) la teoria della ricerca pu` spiegare anche la o

176

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI disoccupazione involontaria; anche in questo caso ` comunque dicile e discriminare tra comportamento individuale del disoccupato valutato attraverso lintensit` della ricerca e le condizioni congiunturali. a

4.2. I CONTRATTI IMPLICITI

177

4.2
4.2.1

I contratti impliciti
Introduzione

Lapproccio contrattuale allanalisi del lavoro27 rappresenta una novit` soa stanziale rispetto allanalisi tradizionale, dove era il mercato a denire, attraverso il meccanismo dei prezzi, le relazioni intercorrenti tra lavoratore e impresa. Un contratto ` un accordo ex-ante che risolve la distribuzione dellincere tezza circa il valore e lutilizzazione degli investimenti eettuati dalle parti. Il contratto specica precisamente lammontare di lavoro che sar` utilizzato e il a salario che sar` pagato in ogni possibile stato della natura. Il livello salariale a riette sia decisioni allocative della produzione sia considerazioni legate alla divisione del rischio tra le parti28 . Il contratto in qualche modo isola i contraenti dallambiente esterno; in questo senso le condizioni nelle quali si svolge la prestazione lavorativa sono meno dipendenti dagli shock esterni, e condizionate dalla situazione esistente al momento della stipulazione del contratto quando non ` dato conoscere, se e non probabilisticamente, la situazione congiunturale nella quale si trover` a limpresa nei periodi futuri. Il contratto dovrebbe allora specicare per ogni stato del mondo quali dovrebbero essere i comportamenti tenuti dalle parti. Nella realt` non ` dato osservare contratti cos` complessi, mentre ` ragionea e e vole supporre che le parti implicitamente si accordino sui comportamenti da tenere a seconda della situazione congiunturale dellimpresa. Il termine in uso di contratti impliciti deriva allora da queste considerazioni, e dal fatto che questo genere di contratti non prevede di solito unautorit` cui rivolgersi a in caso di dispute. La teoria dei contratti impliciti era sorta prevalentemente con lo scopo di spiegare le ragioni che portano il salario ad essere meno variabile delloccupazione nel ciclo economico e per spiegare le cause dellesistenza della disoccupazione involontaria di tipo keynesiano. Si trattava di capire perch` e laggiustamento nel mercato del lavoro avvenisse pi` sulle quantit`, intese u a come numero di occupati, oppure come ore lavorate da ciascuno di essi, che
I lavori pioneristici in questa area sono quelli di Baily, 1974, Gordon, 1974 e Azariadis, 1975 28 La denizione ` di Sherwin Rosen in Implicit contract: A survey, Journal of e Economic Literature, 1985, pag. 1145
27

178

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

non sul prezzo del fattore lavoro, che risulta essere abbastanza stabile nel ciclo economico. La teoria dei contratti impliciti riuta lipotesi che il contratto di lavoro possa tenere conto solo della condizione contingente (sia cio` un contratto e spot), per considerare che esso ` stipulato in un dato istante e procura eete ti in periodi futuri, per i quali le parti possono solo formarsi delle aspettative sulla situazione del sistema economico. La letteratura sui contratti impliciti si ` sviluppata enormemente dagli e 29 anni 70 ; in questa sede verranno analizzati i contributi basati sulle seguenti ipotesi, che sono comunque comuni a buona parte dei modelli con contratti impliciti: i lavoratori sono maggiormente avversi al rischio dellimprenditore (vedi appendice B); ` impossibile per i lavoratori trovare una assicurazione contro il rischio e di disoccupazione nel mercato assicurativo; una volta che lavoratori e impresa hanno stipulato un contratto, ` e impossibile recedere. Esistono varie ragioni per ritenere queste ipotesi accettabili. Lipotesi della maggiore avversione al rischio dei lavoratori rispetto agli imprenditori ` spiegata tanto da considerazioni legate allimpossibilit` di dife a ferenziare lattivit` lavorativa e quindi il proprio capitale umano in imprese a diverse (mentre gli imprenditori possono con pi` facilit` dierenziare linu a vestimento del capitale monetario) quanto da forme di autoselezione che possono portare allimprenditorialit` le persone pi` propense a rischiare. a u Lipotesi che per i lavoratori sia dicile assicurarsi contro il rischio di disoccupazione, ` giusticata sulla base dei soliti problemi di selezione avversa e e di rischio morale che in questo caso diventano particolarmente rilevanti. Ad esempio, per una impresa assicuratrice ` dicile sapere se un eventuale licene ziamento da una impresa sia dovuto a scarso impegno del lavoratore oppure a crisi aziendale; i datori di lavoro dispongono invece di queste informazioni.
Per approfondimenti, si veda la raccolta dei principali articoli nel volume: The implicit contract theory nella collana The international library of critical writings in economics, 35, a cura di S. Rosen, 1994
29

4.2. I CONTRATTI IMPLICITI

179

Daltra parte, gli stessi imprenditori potrebbero ritenere che lavoratori assicurati contro il rischio di disoccupazione siano meno disposti ad impegnarsi sul lavoro. La terza ipotesi presenta il contratto come qualcosa di vincolante per le parti sociali, e viene di solito giusticata sulla base dellesistenza di costi di mobilit` elevati oppure su considerazioni legate alla perdita di reputazione a che subirebbe la parte che non rispetta il contratto. Lidea portante del modello dei contratti impliciti ` che i lavoratori e le e imprese abbiano un interesse comune a proporre contratti (anche se non in modo formale, e da qui il termine impliciti) che tengano conto di queste situazioni.

4.2.2

Un semplice modello

Al ne di spiegare il ruolo dellavversione al rischio dei lavoratori e del contenuto assicurativo dei contratti impliciti30 , supponiamo che limpresa venda i prodotti in un mercato competitivo ad un prezzo atteso che pu` assumere o solo due valori, p1 e p2 , rispettivamente con probabilit` e (1 ). N a e limpresa n i lavoratori dispongono di altre informazioni sul valore atteso e del prezzo. Si supponga inoltre che lutilit` (data) che i lavoratori possono a ottenere se vengono occupati in altre imprese sia u . Limpresa al ne di reclutare lavoratori orir` un salario atteso almeno pari a quello ottenibile a nelle altre imprese: u(w1 ) + (1 )u(w2 ) = u (4.16) con w1 e w2 salari pagati a seconda dello stato del mondo, dipendente dal prezzo e con u(w) funzione crescente e concava che identica lavoratori avversi al rischio. Sia inoltre C il costo atteso per occupato sopportato dallimpresa: C = w1 + (1 )w2 (4.17)

E possibile riportare le due equazioni nello spazio w1 , w2 , rappresentando le curve di indierenza del lavoratore (linsieme dei valori di w1 e w2 che lasciano invariata lutilit` del lavoratore) e la curva di isocosto dellimpresa a (vedi g. ??). Limpresa minimizza il costo denito nellequazione ?? sotto
Lesempio ` ripreso da Manning, Implicit Contract Theory, in Sapsford, Tzannatos, e 1990
30

180

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

Figura 4.2: Equilibrio interperiodale

il vincolo dellequazione ??. Da un punto di vista graco, questo equivale a individuare il punto di ottimo nel punto di tangenza tra isocosto e curve di indierenza u . La pendenza della curva di indierenza ` data da (si calcoli il dierenziale e totale della ??): uw1 (1 )uw2 mentre la pendenza dellisocosto ` data da e 1 Leguaglianza tra le due pendenze implica: u w1 = uw 2 cio` luguaglianza dellutilit` marginale nei due stati del mondo. Data lipoe a tesi di avversione al rischio, cio` di utilit` marginale decrescente del salario, e a questo ` possibile solo se e w1 = w2 Questo semplicissimo modello giunge al risultato tipico della teoria dei contratti impliciti, dimostrando che ` razionale ed eciente che il salario resti e rigido nel ciclo economico, senza dipendere dal livello del prezzo di vendita

4.2. I CONTRATTI IMPLICITI

181

del prodotto. Se il prezzo realizzatosi ex-post ` alto o basso, il salario resta e sempre allo stesso livello. In eetti, il salario viene in qualche modo a svolgere funzioni assicurative per il reddito dei lavoratori. Per altre considerazioni sul ruolo dei contratti impliciti ` necessario anae lizzare modelli pi` complessi. u

4.2.3

Contratti con tempo di lavoro esogeno e sussidi ai disoccupati

Nel paragrafo precedente abbiamo supposto che lo stato del mondo potesse assumere due soli valori, indicati da dierenti livelli di prezzi attesi, p1 e p2 . Un modo pi` adeguato per descrivere la situazione congiunturale futura ` u e quello di supporre che esista uno shock s che colpisce limpresa modicando il suo livello di ricavi totali; questo shock pu` assumere un insieme di valori o descritto da una data funzione di densit` g(s). Nota la funzione g(s), posa siamo calcolare facilmente la probabilit` che la situazione congiunturale sia, a ad esempio, peggiore di s: essa sar` data dalla cumulata della g(s) calcolata a a e a in s, sar` cio` pari a G(s). Per comodit` poniamo E(s) = 1. Supponiamo che limpresa rmi un certo numero di contratti di lavoro validi per pi` periodi futuri e possa poi decidere la quota di lavoratori da u occupare eettivamente in ogni periodo. Deniamo:
(s) n(s) = NL come la quota di lavoratori occupati (N (s)) rispetto il totale di lavoratori che hanno stipulato il contratto (L); questa variabile ` e allora anche la probabilit` che un lavoratore che ha rmato il contratto a si trovi eettivamente occupato;

w ` il salario percepito da quelli che, tra i rmatari del contratto, e lavorano eettivamente; w ` la retribuzione per gli individui che non lavorano tra quelli che e hanno rmato il contratto; m ` il corrispondente monetario dellutilit` del tempo libero dei die a soccupati, interpretabile anche come produttivit` dei disoccupati in a attivit` non di mercato; a y(n, L)L il ricavo ottenuto dallimpresa nel caso lo shock sia sul suo valore medio (s = 1).

182

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

Se il tempo di lavoro ` dato, ` possibile scrivere lutilit` attesa del lavoe e a ratore (Eu) nel modo seguente:

Eu =
0

{u (w(s)) n(s) + u (w(s) + m) [1 n(s)]} g(s)ds

(4.18)

Il protto atteso dallimpresa pu` allora essere scritto: o

E =
0

[sy(n(s), L) w(s)n(s) w(s) (1 n(s))] Lg(s)ds

(4.19)

Supponendo protti nulli, ` possibile massimizzare la ?? rispetto w(s), e w(s), n(s) sotto il vincolo E 0, con E denito nella ??. E facile vericare che, posto moltiplicatore di Lagrange, derivando rispetto w, w, n, si ottiene: uw (w(s) = L uw (w(s) + m) = L u (w(s)) u (w(s) + m) = [syn (n, L) w(s) + w(s)] L Le prime due derivate implicano: uw (w(s)) = uw (w(s) + m) il che, date funzioni di utilit` concave, implica a sua volta: a w(s) = w(s) + m (4.23) (4.20) (4.21) (4.22)

questa ` una conclusione molto importante: il salario degli occupati ` uguae e le al sussidio dei disoccupati aumentato dellutilit` del tempo libero, quindi a lutilit` dei disoccupati ` uguale a quella degli occupati. Questo vale in a e qualunque fase ciclica. In eetti questa situazione equivale a quella di assicurazione completa del reddito per gli L lavoratori che hanno rmato il contratto con limpresa. Osservazione 18 I lavoratori, indipendentemente dalla situazione congiunturale, potranno ottenere la stessa utilit`, sia se si trovano nella situazioa ne di occupato che se si trovano in quella di disoccupato31 . Se esistesse disoccupazione, essa non potrebbe essere giudicata involontaria.
Questa conclusione dipende crucialmente dallipotesi della neutralit` al rischio dellima presa. Con imprese avverse al rischio, lassicurazione probabilmente non sarebbe completa. Vedi Rosen, pag. 1151
31

4.2. I CONTRATTI IMPLICITI

183

Figura 4.3: Domanda di lavoro in diversi stati di natura

Al ne di valutare il numero di occupati, sostituiamo lequazione ?? nella ??; si ottiene facilmente: syn (n, L) = m Questa uguaglianza implica lecienza produttiva del sistema economico e lassenza di disoccupazione involontaria32 in qualunque fase del ciclo (la produttivit` marginale del lavoro ` uguale alla produttivit` del lavoratore nelle a e a attivit` non di mercato). a Occorre tener conto che, in alcuni stati della natura, loccupazione desiderata dallimpresa potrebbe eccedere il numero di contratti di lavoro stipulati (cio` n ` maggiore di 1). La gura ?? presenta i due casi possibili, quello di e e disoccupazione (volontaria) se s = s1 e quello di piena occupazione, se s = s2 . Esister` allora un dato s tale che: s yn (1, L) = m che far` s` che tutti i a a lavoratori siano occupati. Osservazione 19 Se limpresa ` neutrale al rischio, i lavoratori avversi al e rischio e il tempo di lavoro ` esogeno e costante nel ciclo economico, per e s s =
32

m yn (1, L)

I shall dene involuntary unemployment to arise when the marginal rate of substitution between consumption and labour is less than the marginal rate of transformation between production and the labour input., in V. V. Chari, pag. 108

184

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

il contratto assicurativo ` completo (nel senso che lutilit` dei disoccupati e a eguaglia quella degli occupati), i salari sono rigidi nel sistema economico, la disoccupazione ` volontaria, il sistema ` eciente. e e Se nel sistema economico alcune imprese si trovano lungo una funzione di domanda come la s2 yn , ` probabile che esse cercheranno di assumere lavorae tori da altre imprese che si trovano invece con funzioni di domanda s1 yn e che quindi avranno una parte della forza lavoro disoccupata, retribuendoli con salari pi` elevati di m. In queste situazioni ` importante che la possibilit` u e a di recedere dal contratto sia esclusa, ad esempio per ragioni legate a costi di mobilit` molto elevati. a

4.2.4

Contratti con tempo di lavoro esogeno in assenza di sussidi

Si ` detto che nora abbiamo analizzato una situazione di contratti assicurae tivi completi, nel senso che i lavoratori sono completamente assicurati contro il rischio di disoccupazione. Esistono varie ragioni per ritenere che possano esistere situazioni di assicurazione incompleta; nel caso estremo, si pu` o supporre che i disoccupati non ricevano nessun sussidio dallimpresa. Allora lequazione ?? semplicemente non esiste ew = 0. Dato che dovr` valere a u(w) u(m), visto che dalla ?? L = uw e che lequazione ?? cambia solo perch w = 0), lequazione ?? pu` essere scritta: e o syn (n, L) = w u(w) u(m) uw

Il termine a destra delluguale ` minore di m, cio`: w u(w)u(m) < m e e uw se vale: (w m)uw < u(w) u(m), relazione che per w m ` sempre e 33 rispettata . Allora, ` possibile scrivere: syn < m . Cio` la produttivit` marginale e e a del lavoro `, in qualunque stato del mondo, minore del costo opportunit` del e a lavoro. Pertanto nel sistema economico esister` sempre sovraoccupazione. a
Se una funzione ` concava in un intervallo [x0 , x1 ], allora deve valere (per denizione) e la propriet`: a 1 f (x0 ) + (1 )f (x1 ) < f [x0 + (1 )x1 ] per un qualunque (0, 1). Deniamo: x = x0 + (1 )x1
33

4.2. I CONTRATTI IMPLICITI

185

Osservazione 20 Se limpresa ` neutrale al rischio, i lavoratori avversi al e rischio, il tempo di lavoro ` esogeno e costante nel ciclo economico, ma lime presa non paga sussidi ai disoccupati, allora nel sistema economico esister` a sempre sovraoccupazione Questa conclusione va, ovviamente, nella linea opposta a quella cercata dai primi economisti che si sono interessati ai contratti impiciti e che cercavano di siegare lesistenza della disoccupazione. Il fatto ` che se indie vidui avversi al rischio non possono assicurarsi completamente, cercheranno di aumentare la probabilit` di essere occupati al ne di ridurre il rischio di a disoccupazione. Questo implica un eccesso di occupazione rispetto quella socialmente ottimale.

4.2.5

Contratti con tempo di lavoro endogeno

Il comportamento dei lavoratori descritto nel paragrafo precedente pu` semo brare in qualche modo irrazionale. Ognuno di essi ` avverso al rischio, ma e tutti rmano un contratto che prevede licenziamenti di una parte della forza lavoro. Negli stati cattivi del mondo esiste tuttavia unaltra possibilit` a per ridurre il rischio dei rmatari del contratto: quella del work sharing, cio` e
ci` che implica = o
x1 x x1 x0 .

A questo punto si pu` riscrivere la (1) come o f (x1 ) f (x0 ) < f (x ) x1 x0

f (x1 ) [f (x1 ) f (x0 )] < f (x ) = f (x1 ) (x1 x ) Lespressione precedente implica f (x1 ) f (x ) < (x1 x ) e poich x1 x > 0 si arriva a: e 2

f (x1 ) f (x0 ) x1 x0

f (x1 ) f (x ) f (x1 ) f (x0 ) < x1 x x1 x0

per qualunque (0, 1), vale a dire per qualunque x0 < x < x1 ; si noti che la (2) potrebbe essere presa come denizione equivalente alla (1) di funzione concava. 1 )f (x Se facciamo tendere a 0, cio` x a x1 , la (2) diventa f (x1 ) < f (xx1 x0 0 ) da cui, visto e che x1 x0 > 0 per ipotesi, f (x1 )(x1 x0 ) < f (x1 ) f (x0 ) come volevasi dimostrare.

186

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

della riduzione del tempo di lavoro per tutti i lavoratori. Questipotesi era stata esclusa nei paragra precedenti perch` si era ipotizzata lesogeneita del e 34 tempo di lavoro. In questo paragrafo analizziamo contratti che verteranno sul tempo di lavoro e sulla retribuzione corrisposta dallimpresa ad ogni lavoratore nei dierenti stati del mondo. Per semplicare la trattazione supponiamo una funzione di produzione lineare nel numero dei lavoratori. Questo ci permette di analizzare il contratto tra limpresa e un singolo lavoratore, che produce una quantit` di output: a y = sH(s) con H = x il tempo di lavoro. I risultati principali del modello non dipendono dallipotesi relativa alla funzione di produzione. Siano: u (w(s), x(s)) la funzione di utilit` di un lavoratore e: a = sH(s) w(s) la funzione di protto di una impresa, che paga ad ogni lavoratore una retribuzione pari a w. Supponendo che la concorrenza tra imprese porti i protti a zero, utilit` dei lavoratori viene massimimizzata attraverso il seguente a Lagrangeano:

=
0

{[u (w(s), x(s))] + [s ( x(s)) w(s)]} g(s)ds

che deve essere derivato rispetto x e w. Si ottiene: uw (w(s), x(s)) = ux (w(s), x(s)) = s (4.24) (4.25)

Dai risultati delle due equazioni precedenti possiamo dedurre che, in equilibrio, deve valere la relazione seguente: s =
34

ux uw

(4.26)

Questo paragrafo sviluppa gli argomenti seguendo lapproccio di Rosen, 1985 e di Tedeschi, 1992

4.2. I CONTRATTI IMPLICITI

187

che rappresenta la solita equazione di equilibrio, che implica che, nello spazio w, x, la pendenza della curva di isoprotto (s) sia uguale a quella della u curva di indierenza u x . Ovviamente, questa ` anche la condizione di e w ottimo paretiano del sistema. Ci interessa analizzare leetto che variazioni nel livello dello stato congiunturale s possono avere sui valori di equilibrio di x e di w. Lequazione ?? sicuramente ha una sola radice dato che uww < 0 per ogni w; ` allora possibile scrivere w = w(x(s), ) mentre, dato uxx < 0 e dallequazione ?? si pu` scrivere: x = x(w(s), s) o Pertanto lequazione ?? diventa: ux (w(x(s), ), x(s)) s = 0 In un intorno di x si dierenzi rispetto s lequazione precedente: uxw wx xs + uxx xs = 0 (4.27)

Dove ` possibile calcolare wx dallequazione ?? , calcolando il dierenziale e totale rispetto w e x : uww dw + uwx dx = 0 = wx = dw uwx = dx uww

A questo punto posso sostituire nellequazione: ?? uxw uxw x + uxx xs = 0 uww s

E quindi calcolare la derivata del tempo libero rispetto allo stato congiunturale: uww xs = <0 (4.28) uxx uww (uxw )2 Con la stessa metodologia ` agevole calcolare la derivata del reddito rispetto e lo stato della congiuntura: ws = uwx uww uxx (uxw )2 0 (4.29)

Pertanto landamento del salario nel ciclo economico non ` predicibile a priori, e ma dipende in modo inverso dal segno di uwx . Se ` allora agevole stabilire e

188

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

che il tempo di lavoro avr` un andamento prociclico, landamento del salario a dipende dalla forma della funzione di utilit`35 . Si tenga conto che lipotesi a che il salario dei lavoratori (e quindi il consumo) sia indipendente dal ciclo economico richiede una condizione forte sulla funzione di utilit`: uwx = 0, a cio` che lutilit` marginale del salario (tempo libero) sia invariante rispetto e a al tempo libero (salario). Osservazione 21 Se limpresa ` neutrale al rischio, i lavoratori avversi e al rischio, ma lorario di lavoro ` oggetto di contrattazione, il tempo libee ro assume un andamento anticiclico mentre il salario ` prociclico solo se e uwx < 0. Questa aermazione ci dice che il tempo di lavoro aumenta in periodi positivi e si riduce in fasi economiche negative. Supponiamo che la congiuntura economica migliori (s aumenti). Questo fa aumentare il tempo di lavoro (vedi equazione ??). Se vale: uwx > 0 le retribuzioni diminuiranno (vedi equazione ??). Leetto sullutilit` dei lavoa ratori sar` allora sicuramente negativo in quanto dipendente da un aumento a dellorario di lavoro e da una riduzione della retribuzione. Si tenga conto inoltre che in questo caso il tempo libero deve necessariamente essere un bene normale, come documentato alla ne dellappendice F del capitolo 3. Osservazione 22 Se il tempo libero ` un bene normale, lutilit` dei lavorae a tori si riduce nelle fasi espansive e aumenta in quelle depressive e o Se invece uwx < 0 (cio` se il tempo libero pu` essere un bene inferiore), in periodi espansivi il salario e il tempo di lavoro aumentano; leetto sullutilit` a dei lavoratori sar` incerto, in quanto occorre valutare di quanto si modicano a le due variabili. Come sar` pi` chiaro in seguito, leetto sullutilit` sar` a u a a positivo solo se il tempo libero ` un bene inferiore (intuitivamente, in questo e caso laumento del salario ` pi` rilevante dellaumento del tempo di lavoro). e u Osservazione 23 Se il tempo libero ` un bene inferiore, lutilit` dei lavorae a tori aumenta nelle fasi espansive e si riduce in quelle depressive.
Si consideri che il procedimento utilizzato presuppone che uww uxx (uxw )2 sia diverso da zero, cosa che non ` detto sia vericata per tutte le funzioni di utilit` che di solito e a vengono utilizzate
35

4.2. I CONTRATTI IMPLICITI

189

Lapproccio presentato in questo paragrafo non ci permette di parlare di disoccupazione ma soltanto di sottoccupazione dei lavoratori. Abbiamo dimostrato che la quantit` di lavoro oerta nel sistema cresce con il ciclo a economico; daltra parte, per`, abbiamo confermato che il sistema economico o e eciente (vedi equazione ??, che ci dice che il sistema ` sempre nel suo e punto di ottimo) e che la sottoccupazione esiste solo nelle fasi depressive ed ` volontaria nel senso che dipende da scelte individuali. e Insieme a quanto detto nei paragra precedenti possiamo concludere sottolineando che la teoria dei contratti impliciti, se ` in grado di spiegare la e relativa rigidit` salariale nel ciclo economico, non pu` spiegare la disoccupaa o zione involontaria (anzi, nel caso in cui i sussidi non vengano erogati dalle imprese, pu` prevedere una sovraoccupazione dei lavoratori). o Per analizzare lesistenza della disoccupazione dovremo seguire altri approcci, basati prevalentemente sullesistenza di problemi informativi causati da informazioni asimmetriche tra le parti sociali, oppure basati sulloperare di agenti colletivi come il sindacato.

190

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

Appendice A: Lutilit` intertemporale attesa a


Si supponga di possedere un titolo azionario quotato in borsa, a durata di vita innita. Il rendimento atteso del titolo pu` essere scisso in due parti: o una parte relativa al dividendo distribuito annualmente dallimpresa e una parte relativa alla possibilit` che la quotazione di borsa del titolo vari, quindi a che ci si trovi a rivendere in futuro il titolo ad un valore diverso da quello a cui ` stato acquistato. e Un modo semplice e molto utilizzato per calcolare il valore di questo titolo ` rappresentato nellequazione seguente, con Vt che indica il valore interteme porale atteso al tempo t, Dt il dividendo di un periodo (che supponiamo resti costante nel tempo), E loperatore valore atteso, r il tasso di interesse: Vt = 1 1 Dt + + E(Vt+1 ) 1+r 1+r (4.30)

cio` il valore attuale del titolo ` dato dal valore (certo) del dividendo36 e e pi` il valore (incerto) che il titolo avr` nel prossimo periodo. u a Da questa formula ` possibile eettuare molti tipi di rielaborazioni. e Se supponiamo che le aspettative siano adattive, cio` che il valore atteso e per il prossimo periodo del titolo sia uguale a quello corrente Vt = E(Vt+1 ), possiamo facilmente scrivere: r 1 Vt = Dt 1+r 1+r oppure: rVt = Dt (4.31) In questo caso emerge con chiarezza che se il valore atteso del capitale incorporato nel titolo ` costante, allora il valore atteso intertemporale non ` e e altro che lequivalente di una rendita annua di importo pari a D e di durata attesa innita. Infatti V =
36

D = r

(1 + r)t Dt = (1 + r)1 D1 + (1 + r)2 D2 + (1 + r)3 D3 .......


t=1

Il valore del dividendo ` scontato di un periodo per semplicare lanalisi successiva; e ci` equivale a supporre che il dividendo venga percepito alla ne di ogni periodo. Analisi o pi` sosticate, che portano comunque agli stessi risultati, possono essere fatte supponendo u il tempo come grandezza continua e non come un susseguirsi di periodi.

4.2. I CONTRATTI IMPLICITI

191

Se eliminiamo lipotesi di costanza del valore del capitale nel tempo, e tenendo conto che Vt+1 = Vt + E(Vt ), possiamo riscrivere lequazione ?? in un modo leggermente dierente: Vt = e risolvere per Vt : rVt = Dt + E(Vt ) Cio` il valore del titolo in oggetto moltiplicato il tasso di interesse (quindi e il valore uniperiodale) ` uguale al dividendo del periodo pi` la variazione e u attesa per il valore del titolo da un periodo allaltro. Questo tipo di impostazione pu` essere facilmente utilizzato per lanalisi o del mercato del lavoro. Basta ad esempio provare a calcolare quale sia il valore intertemporale atteso di un posto di lavoro, dove in ogni periodo il lavoratore percepisce un salario pari a w e incorre in una disutilit` del lavoro a pari a e. Per semplicare supponiamo che la durata del rapporto di lavoro sia supposta innita. E evidente che la dierenza wt et pu` essere sostituira o al posto del dividendo per periodo Dt e che ci troviamo nel caso in cui il valore del posto di lavoro37 resta costante nel tempo. Basta allora applicare la ?? e si ottiene rVt = wt et , dove con Vt indichiamo adesso il valore intertemporale atteso del posto di lavoro. Cosa succede se il futuro presenta un qualche grado di incertezza? Se ad esempio, in ogni periodo futuro il lavoratore pu` essere licenziato con o probabilit` q esogena e supponendo che, una volta licenziato, ottenga il valore a intertemporale atteso dallo stato di disoccupato VtD 38 ? Possiamo scrivere: 1 1 D (wt et ) + [(1 q)E(Vt+1 ) + qE(Vt+1 )] 1+r 1+r Anche in questo caso possiamo scrivere Vt+1 = Vt + E(Vt ) e risolvere in Vt : Vt =
D (r + q)Vt = (wt et ) + [(1 q)E(Vt ) + qE(Vt+1 )]

1 1 Dt + [Vt + E(Vt )] 1+r 1+r

Quando utilizziamo termini quali valore delloccupazione, valore dellessere occupato, valore del posto di lavoro, ci riferiamo sempre al valore intertemporale atteso di essere in un certo stato. 38 Anche il valore dellessere disoccupato ` in generale endogeno; dipende, oltre che e dallutilit` del tempo libero e da eventuali sussidi di disoccupazione, anche dagli eventi a che possono vericarsi in futuro per i disoccupati, in particolare dalla probabilit` di trovare a un posto di lavoro. Quindi, in n dei conti, anche dal valore di un posto di lavoro. Questi sviluppi saranno presentati nei capitolo successivi.

37

192

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

In questo modo possiamo dire che il valore del posto di lavoro dipende, oltre che dal valore uniperiodale (wt et ), anche dal valore atteso della situazione alternativa (in questo caso, la disoccupazione) e dalla variazione del valore atteso del posto di lavoro. Oppure, se riportiamo a destra delluguale il termine qVt , possiamo scrivere:
D rVt = (wt et ) q[E(Vt+1 ) E(Vt+1 )]

In questa equazione, il valore del posto di lavoro dipende, abbastanza intuitivamente, in modo negativo dalla dierenza tra il valore dellessere nello stato di occupato e il valore dellessere nello stato di disoccupato. Nel testo di volta in volta useremo le varie modalit` con le quali abbiamo a denito il valore dellessere in un dato stato occupazionale.

4.2. I CONTRATTI IMPLICITI

193

Appendice B: Un modello di job search in tempo continuo


Il modello analizza il comportamento di un agente che cerca lavoro, nellipotesi che laccettazione di una oerta salariale implichi la conservazione del posto di lavoro per tutto il resto della vita lavorativa, supposta innita. Questa ipotesi sar` abbandonata nei paragra successivi. Si ipotizza inoltre che a lagente analizzato sia un disoccupato che riceve oerte di lavoro e che pu` o scegliere se accettarle oppure riutarle, basando le sue scelte sullobiettivo di massimizzare la propria utilit` attesa intertemporale. a Deniamo: 1. b ` lutilit` istantanea che si ottiene nel periodo della ricerca; dipende e a prevalentemente dallesistenza di sussidi di disoccupazione; 2. C costo istantaneo sostenuto dal disoccupato durante il periodo di ricerca; 3. ( ) = er fattore di sconto, relativo ad un periodo di tempo pari a , con r tasso istantaneo di interesse. Si tenga conto che, applicando (x) la regola del lHospital, (lim f (x) = lim f (x) ) vale g(x) g d(1 ( ))/d 1 ( ) = lim =r 0 0 d /d lim e che lim ( ) = 1

4. come il parametro di una funzione di distribuzione delle oerte salariale di tipo Poisson, denita da: (J, ) = ( )J e J!

dove la distribuzione (J, ) segnala la probabilit` di ricevere J oerte a salariali in un periodo . Si suppone che sia indipendente da c39 Si tenga conto che vale: (1, ) = 0 lim
39

e che:

(J, ) = 0 per J > 1 0 lim

Cio` che la probabilit` di ricevere oerte non sia dipendente da quanto si spenda nella e a ricerca del lavoro.

194

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI cio` che, se lintervallo di tempo ` molto piccolo, con probabilit` , si e e a pu` ricevere una sola oerta ma non si pu` ricevere pi` di una oerta. o o u Allora il parametro indica la probabilit` instantanea di ricevere una a oerta di lavoro;

5. F (x) come la cumulata della distribuzione delle oerte salariali f (x), nota allindividuo e esogena. Lutilit` attesa della ricerca di lavoro (VS ) ` data dallutilit` della ricerca a e a al netto del costo della stessa per il periodo corrente pi` i beneci futuri u scontati, che dipenderanno dallesito della ricerca:

VS = (b C) + ( ) (0, )VS +
J=1

(J, )

max(W (x), VS )dF (x)

(4.32) dove il primo addendo a destra delluguale indica lutilit` netta dei costi di a ricerca per un periodo di tempo pari a , il secondo addendo, tra parentesi, ci dice che ` possibile non ricevere nessuna oerta salariale (con probabilit` e a (0, )) e quindi ricevere anche nel prossimo periodo lutilit` intertemporale a attesa derivante dal cercare lavoro e lultimo addendo segnala la possibilit` a di ricevere una o pi` oerte di lavoro40 . In questultimo caso una di queste u oerte sar` accettata solo se il valore intertemporale atteso che garantisce al a lavoratore questa oerta (W (x)) ` maggiore dellutilit` derivante dal contie a nuare la ricerca. Un individuo pu` quindi ricevere in un periodo di tempo o
Avevamo visto nel paragrafo precedente che la media dei salari non condizionata, E(x|w>0 ) = E(x) ` data da e xP (x); dati ad esempio tre livelli salariali possibili (w1 <
x0 40

w2 , < w3 ) avremo: E(x) = P (x w3 )w3 + [P (x w2 ) P (x w3 )] w2 + [P (x w1 ) P (x w2 )] w1 = = wi [P (x wi ) P (x wi+1 )] =


i

=
i

wi P (x wi )

Se invece supponiamo una distribuzione nel continuo delle oerte salariali, la P (x wi ) ` interpretabile come funzione di ripartizione della distribuzione salariale. La media dei e salari attesi non condizionata si pu` allora scrivere come: o

E(x) =
0

xdP (x) =
0

xp(x)dx

dove p(x) ` la densit` di probabilit` della distribuzione dei salari. e a a

4.2. I CONTRATTI IMPLICITI

195

pari a un certo numero di oerte che dipender` presumibilmente dalla a quantit` di posti di lavoro vacanti e dalla quantit` di disoccupati presenti a a nel sistema economico. Nulla esclude che questo numero sia pari a zero, e allora lindividuo non ha altre alternative che continuare la ricerca. Se riceve qualche oerta, pu` decidere se accettarla oppure riutarla; la o scelta dipende dal confronto tra il valore associato alla migliore delle oerte ricevute e il livello dellutilit` derivante dallaspettare ancora e continuare la a ricerca. Dallequazione precedente ` possibile, con alcuni passaggi, proporre una e formulazione pi` semplice, basata sulle seguenti fasi: u distinguiamo il caso in cui si riceva una sola oerta di lavoro da quello in cui si ricevano pi` oerte; u portiamo a sinistra delluguale tutti i termini con VS dividiamo per ; passiamo ai limiti per che tende a zero. Intanto dividiamo in due parti lultimo termine dellequazione ??, distinguendo il caso in cui si riceve una sola oerta di lavoro dal caso in cui si ricevono pi` oerte: u VS = (b C) + ( ) (0, )VS + (1, )

max(W (x), VS )dF (x)

+ ( )
J=2

(j, )

max(W (x), VS )dF (x)

Portiamo a sinistra delluguale i termini con VS e dividiamo per ,: VS 1 ( )(0, ) = (b C) + ( ) + ( ) (j, ) J=2

(1, )

max(W (x), VS )dF (x)

max(W (x), VS )dF (x)

Consideriamo ora un periodo di tempo molto piccolo, in termini analitici, passiamo ai limiti per che tende a zero.

196

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

Cominciano dalla parte a sinistra delluguale. Dato che (0, ) = er , per quanto detto al punto 3 precedente: VS lim 1 ( )(0, ) 1 er e 1 e(r+) = VS lim = VS lim = VS (r+) 0 0 0

Nella parte a destra delluguale, per quanto detto ai punti 3 e 4 abbiamo: lim er = 1 (1, ) = ; 0 lim (J, ) = 0 J > 1 0 lim

Pertanto lequazione ??, con che tende a zero, pu` essere scritta: o (r + ) VS = (b C) + max(W (x), VS )dF (x)

Spostando VS a destra delluguale e considerando che, dato che F (x) ` una e funzione cumulata di densit` deve valere: VS = VS dF (x) possiamo scrivere: a rVS = (b C) + max(W (x) VS , 0)dF (x)

Che ` la stessa equazione che utilizziamo nel testo (vedi eq. ??. e

4.2. I CONTRATTI IMPLICITI

197

Appendice B: Lavversione al rischio


Sia U (M ) lutilit` che un individuo ottiene dal possesso di una certa quantit` a a di moneta (M ). Si supponga che questo individuo venga posto di fronte alla possibilit` di partecipare ad una scommessa tale per cui, data V la somma che a ottiene in caso di vincita, P la somma che dovr` pagare in caso di scontta, a la probabilita di vittoria e (1 ) la probabilit` di scontta, sia: a V (1 a)P = 0. Questa scommessa rappresenta un gioco equo (ad es. lanciare una moneta, vincere 1 in caso di testa e perdere 1 in caso di croce), e il valore atteso di questo gioco ` pari a zero. Se questo individuo riuta di partecipare al e gioco, si dice che ` avverso al rischio. In eetti se vale UM M < 0, ` agevole e e dimostrare che lutilit` di non partecipare al gioco ` maggiore di quella di a e partecipare. Se non partecipa, lindividuo ottiene U (M ). Se partecipa, ottiene: U (M + V ) + (1 )U (M P ). e Se ad esempio = 1 , e se la vincita ` pari alla perdita e sono entrambe 2 unitarie, lindividuo parteciper` alla scommessa se a 1 U (M + 1) + 1 U (M 1) > U (M ) 2 2 cio` se lutili` associata al punto M ` maggiore della semisomma dellutilit` e a e a associata ai punti M+1 e M-1; questo pu` vericarsi solo se la funzione di o utilit` ` convessa. ae Se lindividuo ` avverso al rischio, la sua funzione di utilit` ` descritta e ae nella gura ??. Individui propensi al rischio (con funzioni U(M) convesse) accettanno invece sempre i giochi equi, e possono accettare di partecipare anche a giochi con valore atteso negativo. Una implicazione dellatteggiamento degli individui rispetto al rischio riguarda i redditi attesi futuri. Un individuo avverso al rispetto preferir` un reddito certo pari a m rispetto ad un reddito atteso a futuro distribuito secondo una variabile casuale con media m; un individuo neutrale al rischio sar` indierente tra le due opzioni. a

198

CAPITOLO 4. GLI EQUILIBRI NON WALRASIANI

Figura 4.4: Funzione di utilit` attesa a

Bibliograa
[1] Pissaridis, A.C. (1984) Search Intensity, Advertising and eciency, Journal of Labor Economics, n. 2, pp 128-143 [2] Mortensen D.T. (1985): Job Search and the Labor Market Analisys, in O. C. Aschenfelter - R. Layard Handbook of Labour Economics, North Holland, Amsterdam, pp. 849-919 [3] Tedeschi, P. (1992) Leconomia del lavoro tra mercato e contratti, Nuova Italia Scientica, Roma [4] McKenna, C.J. (1989) The Theory of Search in The Labour Markets, in Sapsord, D - Tzannatos, Z: Current Issues in Labour Economics, Mac Millan, Houndsmills [5] Baily, M.N. (1974), Wages and Emplyment under Uncertain Demand, Review of Economic Studies, XLI, January, pp- 37-50 [6] Gordon, D.F. (1974) A Neo-Classical Theory of Keynesian Unemployment, Economic Inquiry, n. 12, December, pp. 431-59 [7] Azariadis, C. (1975) Implicit Contracts and Underemplyment Equilibria, Journal of Political Economy, 83, December, pp. 1183-1202 [8] Rosen, S. (eds) (1994) Implicit Contract Theory, in The International Library of Critical Writings in Economics, n. 35, Edward Elgar, Aldershot [9] Garofoli , (1996) I fondamenti microeconomici della nuova economia Keynesiana [10] Rosen, S. (1985) Implicit Contract: a Survey, Journal of economic Literature, XXIII, September, 1144-1175 199

200

BIBLIOGRAFIA

[11] Dixit, A.K. (1990) Optimisation in Economic Theory,Oxford Univeristy Press, New York [12] Sapsford, D., Z. Tzannatos Current Issues in Labour Economics, 1990, MacMillan Education LTD [13] Chari, V. V, (1983), Involuntary Unemployment and Implicit Contracts, The Quarterly Journal of Economics, Vol. 98, supplement, pag. 107-122

Capitolo 5 Linformazione asimmetrica


5.1 Introduzione

Nel capitolo precedente abbiamo iniziato a trattare dei contratti di lavoro. Come sappiamo, un contratto ` un accordo che viene volontariamente posto e in essere dalle parti solo quando migliora (o, almeno, non peggiora) le prospettive di entrambi i contraenti. Visto che ` un accordo volontario permette e un aumento dellutilit` delle parti rispetto alla situazione di mancato accordo a nella quale ognuna delle parti percepirebbe lutilit` di riserva. Ad esempio, a se un lavoratore non conclude un contratto con una impresa pu` ususfruire o di maggiore tempo libero e di sussidi di disoccupazione; pu` impegnarsi a o lavorare in attivit` non di mercato (lavori domestici, ad esempio), nello stua dio, e cos` via. Linsieme di queste attivit` danno luogo alla sua utilit` di a a riserva. Daltra parte non ` chiaro come le parti possano dividersi il surplus dee rivante dal contratto (si pensi al box di Edgeworth). La teoria formale della contrattazione (vedi appendice G al capitolo 1 per ci` che concerne lo schema o di contrattazione di Nash) aronta questi problemi. In questo capitolo ci interessiamo invece di come le prospettive contrattuali delle parti vengono modicate dallipotesi di informazione asimmetrica, cio` e da situazioni nelle quali soltanto una delle parti dispone di informazioni che possono essere relative tanto ad eventi esogeni (lo stato del mondo) quanto a situazioni endogene al contratto, come il comportamento della controparte. Nel nostro caso, ad esempio, no ad ora si ` sempre supposto che impresa e e lavoratori avessero le stesse informazioni sullo stato del mondo, che nei 201

202

CAPITOLO 5. LINFORMAZIONE ASIMMETRICA

modelli presentati corrispondeva allipotesi di una conoscenza comune del parametro s. Non esistono ragioni a priori per supporre che questo sia vero; cos` come in altre aree della ricerca economica, lipotesi che linformazione sia limitata e che le parti che aderiscono ad un contratto possano disporre di informazioni dierenti deve essere considerata anche nel campo delle relazioni di lavoro1 . In queste situazioni una delle parti gode di un vantaggio informativo che cerca di utilizzare per massimizzare la propria funzione obiettivo. In generale, il vantaggio pu` riguardare: o linformazione disponibile; mentre una parte ha conoscenza di grandezze che incidono sui payo degli agenti laltra parte non dispone di queste informazioni (oppure potrebbe disporne solo sostenendo costi); lazione posta in essere; una parte conosce un comportamento che non pu` essere conoscibile allaltra parte (a meno di sostenimento di costi). o Nelle relazioni tra lavoratori e impresa di solito vengono considerati tre tipi di asimmetrie: linformazione nascosta da parte dellimpresa (che sar` a analizzata nel prossimo paragrafo), linformazione nascosta da parte dei lavoratori (che sar` trattata nel paragrafo 3 di questo capitolo) e lazione nascosta a da parte dei lavoratori (che saranno analizzate nel capitolo successivo)2 .

5.2

Linformazione nascosta

Nel caso in esame, ` possibile supporre che limpresa sia meglio informata e dei lavoratori sul vero stato del mondo (s): estremizzando supponiamo in questo paragrafo che i lavoratori non abbiamo altre informazioni sul valore del parametro s se non quelle dichiarate dallimpresa. Lipotesi ` quindi che limprenditore, osservando una certa situazione e congiunturale dopo aver rmato un contratto di lavoro che specicava orari
Lipotesi di esistenza di informazione imperfetta e asimmetrica ` una delle idee guida e dei fondamenti microeconomici delleconomia neokeynesiana. Per approfondimenti, vedi Garofoli 2 In tutto il capitolo verranno proposte delle analisi prevalentemente teoriche, con lo scopo di avvicinare i lettori alle metodologie utilizzate per analizzare situazioni di asimmetria informativa. Anche se la rilevanza empirica dei modelli presentati `, a volte, molto e scarsa, essi rappresentano delle utili basi per approfondimenti della vastissima letteratura sullinformazione asimmetrica
1

5.2. LINFORMAZIONE NASCOSTA

203

di lavoro e salari per tutti gli stati del mondo possibili, scelga quale stato del mondo dichiarare ai lavoratori. Ovviamente, sceglie di dichiarare quello che per lui ` pi` conveniente. e u Questa situazione pu` essere schematicamente cos` rappresentata: o 1. i lavoratori propongono un contratto allimpresa, in cui sono specicati il tempo di lavoro e il salario 3 ; 2. limpresa accetta (riuta) il contratto se i protti sono non negativi (negativi); 3. si verica, esogenamente, un certo stato di natura, osservabile solo dallimpresa; 4. limpresa dichiara ai lavoratori quale sia lo stato di natura: pu` dichiao rare il vero o il falso; 5. il payo dei lavoratori dipende dalle dichiarazioni dellimpresa. In questa situazione i lavoratori hanno tutto linteresse a far s` che limpresa dichiari il vero; infatti se limpresa ha interesse a dichiarare il falso lo fa solo per avere protti pi` elevati riducendo, di conseguenza, il payo dei u lavoratori. I lavoratori devono cio` struttare un contratto tale che: e rispetti il vincolo di partecipazione della controparte, cio` tale che e limpresa abbia interesse ad accettarlo; rispetti il vincolo di incentivazione della controparte, cio` tale che e limpresa abbia interesse a rispettarlo, in questo caso dichiarando il vero.

5.2.1

Le dichiarazioni dellimpresa

Il protto di una impresa che osserva lo stato del mondo s e dichiara ai suoi lavoratori che lo stato del mondo ` s, pu` essere scritto: e o (s|s ) = s H(s) w(s)
Ai nostri ni non cambierebbe nulla se fosse limpresa a proporre il contratto. Infatti, in questo paragrafo ci interessa soltanto analizzare come un contratto possa essere strutturato in modo da superare il problema delle asimettrie informative, indipendentemente da chi lo propone.
3

204

CAPITOLO 5. LINFORMAZIONE ASIMMETRICA

dove ` la produttivit` per ora lavorata (supposta costante), w ` il salario per e a e occupato e H ` il tempo di lavoro, scelti dai lavoratori in funzione del valore e di s dichiarato dallimpresa (non in funzione dello stato reale del mondo, sconosciuto ai lavoratori) al ne di massimizzare la loro utilit` sotto il vincolo a di protti non negativi. Limpresa sceglier` di dichiarare ai lavoratori quel a livello dello stato della congiuntura che massimizza i suoi protti, s(s). Dovr` a valere: s(s ) = arg max (s H(s) w(s)) (5.1) dove s ` il vero stato della congiuntura. Di solito la s(s ) viene denita e funzione di annuncio. Il livello che massimizza la ??, quando gli imprenditori dichiarano lo stato del mondo che massimizza i loro protti (s(s )), ` dato e da: (5.2) s Hs ws = 0 Si ricordi che, in presenza di informazione perfetta, i livelli ottimali dei salari e del tempo di lavoro derivanti dalla massimizzazione dellutilit` dei lavoratori a soggetta al vincolo > 0 erano deniti nelle equazioni ?? e ?? Tenendo conto che la variazione del tempo di lavoro deve essere uguale allinverso della variazione del tempo libero (xs = Hs ), ` agevole sostituire e le equazioni ?? e ?? nellequazione ?? e, dopo aver eliminato il denominatore, si ottiene: s 2 uww + uwx = 0 (5.3) dove ` ovviamente possibile dividere per ; al ne di denire il termine e si tenga conto che, dalla ??: u = x s dove si ` scritto s in quanto lequazione ?? dipende dalla massimizzazione e dellutilit` del lavoratore, basata sullo shock comunicato dallimprenditore, a cio` s; ` denito nella ??. Si consideri inoltre che, per avere soluzioni e e dellequazione ??, dove il primo termine ` sicuramente positivo, occorre che e uwx < 0, il che implica ws > 0 (vedi equazione ??). Si ottiene: uwx s ux u =0 s uw ww (5.4)

Lequazione ?? ci dice che il valore vero dello stato del mondo sar` dichiarato a dallimpresa ai lavoratori (s = s ) solo se: uwx ux u =0 uw ww

5.2. LINFORMAZIONE NASCOSTA

205

cio` se il tempo libero ` indipendente dal reddito (si confronti questa equazioe e ne con la denizione di tempo libero come bene normale-inferiore). Sappiamo u inoltre che se uwx u x uww > 0 il tempo libero ` un bene normale, se invece e w vale il segno minore il tempo libero ` un bene inferiore. Allora, si avr` s < s e a nel caso in cui il tempo libero sia un bene inferiore , mentre si avr` s > s nel a caso in cui il tempo libero sia un bene normale. Ci` equivale alla seguente o conclusione: Osservazione 24 Se il tempo libero ` un bene inferiore, limpresa dichiarer` e a un livello dello stato della congiuntura peggiore di quello vericatosi, mentre se il tempo libero ` un bene normale limpresa dichiarer` uno stato della cone a giuntura migliore di quello eettivo. In presenza di asimmetrie informative u la dichiarazione veritiera da parte dellimpresa avverr` solo se uwx = u x uww a
w

Per capire meglio questa aermazione ricordiamo che tempo di lavoro e salario si muovono nella stessa direzione, dato che uwx < 0; se cos` non fosse, siamo gi` sicuri che limpresa dichiarerebbe situazioni congiunturali a migliori in quanto il tempo di lavoro ha un andamento prociclico e il salario anticiclico; dichiarando stati migliori gli occupati lavorano pi` ore per salari u pi` bassi. u Supponiamo che il tempo libero sia un bene normale. Supponiamo inoltre uno stato del mondo negativo, con s basso: allora il salario si riduce, ma in misura minore del tempo libero. Quindi il tempo di lavoro si riduce meno di quanto si riduca il salario: ci` causa una riduzione dei protti dellimpresa. o Pertanto con tempo libero bene normale limpresa non ha nessuna convenienza ad annunciare livelli congiunturali peggiori di quelli reali; avr` invece a convenienza a dichiarare stati migliori, in quanto laumento del salario sar` a minore di quella del tempo di lavoro, con conseguente aumento dei protti. Il contrario sarebbe avvenuto se il tempo libero fosse stato un bene inferiore. Dato che in un intorno destro di uwx = 0 sappiamo che limpresa dichiarer` stati migliori, questo deve valere anche in un intorno sinistro dello stesso a e punto, nch` uwx non assume valori tali per cui il tempo libero ` un bene e inferiore. La gura ?? visualizza quanto detto; sullasse delle ascisse si trova uwx mentre sulle ordinate lo schock (s). Se il tempo libero ` un bene inferioe re, lo stato congiunturale dichiarato dallimpresa (s) sar` peggiore di quello a vero (s ); viceversa, quando il bene ` normale limpresa avr` convenienza a e a dichiarare uno stato congiunturale migliore.

206

CAPITOLO 5. LINFORMAZIONE ASIMMETRICA

Figura 5.1: Relazione tra shock vero e shock dichiarato dallimpresa

5.2.2

Il principio di rivelazione

Nonostante ci si muova in un contesto di informazione imperfetta, si suppone che i lavoratori siano a conoscenza della funzione di protto dellimpresa e della possibilit` che limpresa dichiari uno stato del mondo non vero al ne a di massimizzare i protti. I lavoratori conoscono che, per ogni dato stato del mondo s (a loro incognito), limpresa dichiarer` un s(s ) che massimizza i a protti. Dovranno allora determinare una strategia tale che: s(s ) = s = arg max ( s H(s) w(s)) (5.5)

cio` che, per qualunque s vericatosi, limpresa avr` convenienza a dichiarare e a il vero stato del mondo. Lequazione ?? pu` essere anche sinteticamente o scritta come: s = s(s ) s ) e indica che, anch` il principio di rivelazione e sia soddisfatto, la funzione di annuncio sia tale che sia conveniente annunciare il vero. Se il lavoratore conosce il principo indicato nella ?? (cio` sa che limpresa e pu` mentire, e sa il modo in cui vengono formulate le menzogne), pu` tenere o o dei comportamenti tali per cui la ?? sia vericata. Il contratto che scaturisce ` il seguente: (w(s ), H(s )) con s = s(s ), formato da una coppia salario e tempo libero, funzioni di ogni livello della congiuntura, che spinga limpresa ad aermare il vero.



W de)bcbFYa VXU1XW UVVaT` )ht1qrpVi1Vgf s h

69SDR4@7I1P 1PG )CIHGFED B@8 Q C 9 9 9 CA 9 ))!7((6!5$ ('&%$4#'02$! 1 0 & 3 "1

5.2. LINFORMAZIONE NASCOSTA

207

Osservazione 25 Le azioni inducibili dai lavoratori sono quelle per cui limpresa ha interesse a dichiarare il vero stato del mondo: w = w(s ) e H = H(s ), dove s = s(s ). Se queste relazioni sono valide, allora (s |s ) > (s|s ) e limpresa dichiarer` il vero stato del mondo a Il vincolo dato dal principio di rivelazione ` noto anche come vincolo di e incentive compatibility constraint, in quanto cerca di rendere compatibili gli interessi dei due agenti. Si tenga conto che, data la situazione di informazione asimmetrica, il rispetto del principio di rivelazione assicura la massima utilit` alle due para ti; non esistono cio` altri contratti che permetterebbero un miglioramento e paretiano rispetto quello in cui il principio di rivelazione ` soddisfatto. e Unanalisi graca pu` far comprendere meglio quanto detto. Nella gura o ??, dove supponiamo che il livello dello shock possa assumere due valori differenti, sb e sa (con sa che indica lo stato migliore) vengono presentate due funzioni di isoprotto e due curve di indierenza. Le variabili che si trovano sugli assi sono la retribuzione e la quantit` prodotta (funzione positiva a dellorario di lavoro). La pendenza delle curve di indierenza ` speculare a e quella che si trova nel solito graco con tempo libero e salario. Le curve di isoprotto sono invece delle rette; dato che il protto ` denito da: e = s H(s) w(s) ` possibile scriverlo: e w(s) = s H(s) che denisce lequazione di isoprotto nello spazio w, H. Lintercetta per H = 0 ` negativa e sar` tanto pi` in basso quanto pi` lo stato congiunturale ` e a u u e buono, dato che il protto sar` tanto pi` elevato; nel nostro caso, lintercetta a u dello stato sa sar` pi` in basso che non nello stato sb. La pendenza della a u funzione di isoprotto `: e
dw = H = s dH w

s = s

Dato che sa > sb , la funzione di isoprotto sar` tanto pi` ripida quanto a u pi` le condizioni economiche sono buone. Quindi, la pendenza della funzione u

208

CAPITOLO 5. LINFORMAZIONE ASIMMETRICA

di isoprotto dipende positivamente dallo stato del mondo, lintercetta ne dipende negativamente 4 . Larea al di sotto della curva di isoprotto individua protti pi` elevati u (per un dato orario di lavoro si pagano salari pi` bassi), mentre larea al di u sopra della curva di indierenza indica utilit` pi` elevata (per un dato orario a u di lavoro si percepiscono salari pi` elevati). u In ambedue i casi viene rappresentata la situazione di equilibrio, caratterizzato dalla pendenza tra le funzioni di isoprotto e di isoutilit`. Se limpresa a si trova nello stato sa (retta a ) avr` interesse a dichiarare il vero stato del a mondo in quanto otterr` protti pi` elevati che non se dichiarasse lo stato sb a u (retta a ). Se si vericasse lo stato sa e limpresa dichiarasse lo stato sb , si andrebbe a trovare nel punto Eb che ` al di sopra della funzione di isoprotto e corrispondente allo stato sa ). La stessa cosa se si trovasse nello stato sb . Pertanto il principio di rivelazione ` sempre soddisfatto. e

Figura 5.2: Principio di rivelazione sempre soddisfatto

In altre situazioni, dipendenti dalla forma delle curve di indierenza e di quelle di isoprotto, si ottiene invece che il risultato con asimmetrie informative ` dierente da quello ottenibile con conoscenza perfetta. e Nella gura ?? sono ancora riportati i valori di H e di w raggiungibili nei due stati congiunturali, indicati con Ea nel caso di situazione espansive e di Eb in caso di situazione recessiva. Limpresa, nel caso si verichi lo stato
4

Per una analisi pi` rigorosa della forma dell funzioni di isoproftto, vedi Chari, (1983) u

5.2. LINFORMAZIONE NASCOSTA

209

a, ha comunque convenienza a dichiarare lo stato b, in quanto otterrebbe protti pi` elevati (il punto Eb si trova al di sotto della retta di isoprotto u a ). I lavoratori sono a conoscenza di questo, e, al ne di spingere limpresa a dichiarare il vero, potrebbero stipulare con la stessa un contratto con w e H corrispondenti al punto E nello stato cattivo della congiuntura. Questo tipo di contratto Ea , E fa si che nello stato buono limpresa dichiara Ea in quanto (Ea ) = (E) (si suppone implicitamente che, se limpresa ` e indierente quanto a protto ottenuto, dichiara quello pi` conveniente per il u lavoratore). Nello stato cattivo limpresa dichiara E, in quanto, da contratto, non pu` dichiarare Eb (ovviamente, va tenuto conto che la funzione di isoproo tto a e b sono valide in situazioni congiunturali dierenti). In questo caso limpresa otterrebbe gli stessi protti medi nel ciclo che in situazione di informazione perfetta (ma non pu` sfruttare i suoi vantaggi informativi) mentre o i lavoratori otterrebbero utilit` minore di quella ottenibile con informazione a perfetta nello stato peggiore del ciclo.

Figura 5.3: Principio di rivelazione e sottoccupazione

Nel punto E il principio di rivelazione ` rispettato; la conseguenza pi` e u evidente ` una situazione di sottoccupazione nella fase negativa del ciclo e caratterizzata da una pendenza della curva di isoprotto maggiore di quella della curva di indierenza e quindi da inecienza paretiana.

210

CAPITOLO 5. LINFORMAZIONE ASIMMETRICA

Esercizio 26 Si disegni una situazione derivata da quello della gura ?? nella quale il rispetto del principio di rivelazione porti ad un contratto con sovraoccupazione nelle fasi espansive del ciclo.

Osservazione 26 Nel caso in cui i lavoratori non possono avere informazioni sul vero livello della congiuntura, il rispetto del principio di rivelazione porta ad una utilit` dei lavoratori pi` bassa di quella di situazioni di infora u mazione perfetta e ad inecienze in alcune delle fasi del ciclo; limpresa non pu` sfruttare i suoi vantaggi informativi. o Nel prossimo paragrafo analizzeremo pi` a fondo questa situazione. u

5.2.3

Il contratto con asimmetrie informative

Supponiamo ancora che la situazione congiunturale possa essere solo buona sa oppure cattiva, sb . Anch` il vincolo di compatibilit` degli incentivi (o e a principio di rivelazione) sia soddisfatto deve valere: (sa |sa ) (sb |sa ) (sb |sb ) (sa |sb ) La prima equazione pu` essere letta: il protto che limpresa ottiene se dio chiara la situazione congiunturale a quando la situazione congiunturale vera ` a ` almeno uguale al protto che limpresa ottiene se dichiara lo stato b e e quando lo stato vero ` a. Allo stesso, cambiando a con b pu` essere letta la e o seconda equazione. Questo tipo di problema pu` essere risolto impostando un lagrangeano o nel quale i due vincoli di compatibilit` degli incentivi sono esplicitamente a tenuti in conto. Si tenga presente che soltanto uno dei due vincoli pu` essere stringente; o ci` equivale a dire che limpresa avr` convenienza a dichiarare il falso solo in o a uno dei due stati della congiuntura 5 .
5

Infatti, tenendo conto della denizione di protto: (si |sj ) = si ( xj ) wj

5.2. LINFORMAZIONE NASCOSTA

211

Quindi, se limpresa ha interesse a mentire nello stato buono della congiuntura non ha interesse a farlo in quello cattivo e viceveversa; ci` dipende o dal fatto che limpresa ha sempre interesse a sottovalutare (sopravvalutare) lo stato congiunturale, quindi nello stato cattivo (buono) dir` la verita. a Dato p la probabilit` che si verichi lo stato a, e supponendo che i lavoa ratori massimizzino la loro funzione di utilit` attesa, sotto vincolo di protto a atteso nullo, si ottiene il seguente Lagrangeano: = pu(wa , xa ) + (1 p)u(wb , xb )+ p sa ( xa) wa + (1 p) sb ( xb) wb + [sa ( xa ) wa sa ( xb ) + wb ] + + [sb ( xb ) wb sb ( xa ) + wa ] + (5.6)

dove ` il moltiplicare del vincolo di protto, ` il moltiplicatore del vincolo e e di compatibilit` degli incentivi negli stati buoni e ` il moltiplicatore del a e vincolo di compatibilit` degli incentivi negli stati cattivi. Ovviamente, il a Lagrangeano va massimizzato rispetto al salario e al tempo libero nei due stati congiunturali (wa , wb , xa , xb ). Una volta ottenute le 4 derivate, si divida xa per wa in modo da ottenere: sa = Allo stesso modo, dividendo sb = puxa + (sa sb ) puwa + per
wb

(5.7)

xb

si otteine: (5.8)

(1 p)uxb + (sa sb ) (1 p)uwb +

(dove i e j possono valere tanto a che b e dove wj = w(sj ), xj = x(sj )), ` agevole verie care che se allimpresa convenisse sempre mentire, cio` (sa |sb ) > (sb |sb ) e (sb |sa ) > e (sa |sa ), si ottiene una soluzione impossibile. Infatti, dalla prima diseguaglianza possiamo scrivere: sa ( xb ) wb > sa ( xa ) wa e dalla seconda: sb ( xa ) wa > sb ( xb ) wb che, con alcune semplicazioni possono essere scritte, rispettivamente: (wa wb ) sb (xb xa ) < 0 (wa wb ) sa (xb xa ) > 0 le due equazioni, dato che xb contemporaneamente soddisfatte > xa (vedi equazione ??) non possono essere

212

CAPITOLO 5. LINFORMAZIONE ASIMMETRICA

dove con uxa , uxb , uwa , uwb , si indicano le derivate parziali della funzione di utilit` calcolati negli stati a e b. a Si ` gi` visto che i due vincoli non possono essere stringenti contempoe a raneamente; ci` implica che uno dei due moltiplicatori di lagrange associati o ai due vincoli ( oppure ) deve essere nullo. Supponiamo che sia nullo, il che implica che il secondo dei vincoli di compatibilit` degli incentivi sia sema pre soddisfatto e che, quindi negli stati cattivi limpresa ha convenienza a dichiarare il vero. Dallequazione ?? si ottiene: sb = che pu` essere scritta: o sb (1 p)uwb + = (1 p)uxb + sa cio`: e s b u w b = u xb + o, ancora, visto che il termine positivo uwb :
(sa sb ) 1p

(1 p)uxb + sa (1 p)uwb +

(sa sb ) 1p

` sicuramente positivo, cos` come ` e e u xb uwb (5.9)

sb >

che ` una equazione rilevante, in quanto ci dice che la produttivit` marginale e a dellorario di lavoro ` maggiore di quella che si otterrebbe con informazione e perfetta (vedi eq. ?? e ??). Pertanto, se la produttivit` ` maggiore, il tempo ae lavorato deve essere minore. Siamo allora giunti alla conclusione che, se = 0, cio` se il vincolo e (sb |sb ) (sb |sa ) ` rispettato in condizioni di informazione imperfetta e se e lo stato vericatosi ` quello negativo, allora si ha sottoccupazione. e Si noti che questa ` precisamente la situazione descritta nella gura ??: e in quel caso, infatti, nello stato negativo, limpresa ha convenienza a dire il vero mentre nello stato positivo a dire il falso; i lavoratori, con il contratto del punto E fanno si che il principio di rivelazione sia soddisfatto. Ma, nel punto E, si ha sottoccupazione nelle fasi negative del ciclo. Con le stesse modalit` ` facile ottenere: ae u s a < xa (5.10) uwa

5.3. SELEZIONE DELLA FORZA LAVORO

213

cio`: nelle fasi espansive il sistema economico si trova in situazioni di soe vraoccupazione. Si pu` allora concludere che: o nello stato negativo si avr` sottoccupazione se il moltiplicatore non a si annulla (ci` equivale a dire che (sa |sa ) < (sb |sa ); ci`, alla luce di o o quanto asserito nella prima osservazione di questo capitolo, ` possibile e solo se il tempo libero ` un bene inferiore; e nello stato positivo si avr` sovraoccupazione solo se il moltiplicatore a non si annulla; ci` equivale a dire che (sb |sb ) < (sa |sb ); ci`, alla o o luce di quanto asserito nella prima osservazione di questo capitolo, ` e possibile solo se il tempo libero ` un bene normale. e Si arriva allora alla: Osservazione 27 Se il tempo libero ` un bene normale, si avr` sovraoccue a pazione nelle fasi espansive. Se il tempo libero ` un bene inferiore, si avr` e a sottoccupazione nelle fasi recessive. Questa conclusione ` quanto si pu` ottenere con certezza dalla teoria dei e o contratti impliciti con informazione nascosta da parte dellimpresa sul vero stato del mondo. Ovviamente, la conclusione che la sottoccupazione esiste solo in corrispondenza di una data forma della funzione di utilit` rende questo a tipo di modelli poco utile per la spiegazione della disoccupazione involontaria.

5.3

Selezione della forza lavoro

Le imprese, al momento di assumere un lavoratore, non hanno informazioni complete sulle caratteristiche dei vari aspiranti ad un certo posto di lavoro. Cercano allora di ottenere la maggiore quantit` di informazioni possibile a attraverso lattivit` di selezione della forza lavoro, basata su esami, colloqui, a test attitudinali, periodi di tirocinio e cos` via. Queste stesse informazioni sono invece in possesso dei lavoratori che hanno fatto domanda per lassunzione: ognuno di essi conosce la propria produttivit`, almeno misurata in termini di impegno sul posto di lavoro, e dispone a di informazioni relative alla corrispondenza tra la propria formazione professionale e quella richiesta dallimpresa. Inoltre, i lavoratori possono avere interesse e celare le proprie caratteristiche al ne di ottenere il posto di lavoro.

214

CAPITOLO 5. LINFORMAZIONE ASIMMETRICA

Siamo allora nel caso di informazione nascosta dai lavoratori allimpresa. Linformazione nascosta riguarda la produttivit` individuale, tanto ex-ante, a cio` prima dellassunzione, che ex-post. e Le modalit` con cui le imprese selezionano tra un insieme di lavoratori etea rogenei sono state ampiamente sviluppate nella letteratura economica6 , ma le tipologie di analisi possono essere ricondotte a due ipotesi sul comportamento degli agenti: da un lato, si suppone che le imprese orano contratti di lavoro differenziati in modo tale da costringere i lavoratori ad autoselezionarsi, con i lavoratori pi` produttivi che scelgono un contratto che preveda u pi` ore di lavoro (o pi` impegno sul posto di lavoro) controbilanciati u u da salari pi` elevati; si parla allora di modelli di autoselezione; u dallaltro lato, si suppone che siano i lavoratori a fornire informazioni alle imprese, di solito basate su diversi livelli di istruzione, in modo tale da far capire agli imprenditori il livello di produttivit`; queste ipotesi a portano ai cosiddetti modelli con segnalazione. In ambedue i casi quello che interessa ` capire se esistano forme contrate tuali che rendano conveniente ad ognuno esprimere appieno le sue potenzialit` lavorative e che rendano altres` opportuno per le imprese retribuire a adeguatamente queste potenzialit`. Infatti, se contratti siatti non esistesa sero, tutti i lavoratori avrebbero interesse a comportarsi allo stesso modo, indipendentemente dalle loro caratteristiche. Per quale ragione un lavoratore pi` eciente dovrebbe mostrare di esserlo se poi ottiene lo stesso salario u che se si impegnasse di meno? Oppure: cosa spingerebbe i lavoratori ad istruirsi se il loro livello di istruzione non fosse riconosciuto dal sistema produttivo? Nel paragrafo successivo si analizzeranno i modelli di autoselezione; in seguito quelli di segnalazione. Nel caso dei modelli con autoselezione si vedr` a che pu` essere opportuno per limpresa orire contratti di lavoro dierenziati o in quanto a salario e orario di lavoro, in modo tale da portare i lavoratori pi` u produttivi a scegliere livelli pi` elevati per queste due grandezze. E infatti u
la gestione delle risorse umane analizza le stesse tematiche da un punto di vista pi` u applicativo; i problemi alla base di questa disciplina sono comunque simili a quelli qui analizzati, in quanto sono comunque legati a situazioni di informazioni asimmetrica tra le parti.
6

5.3. SELEZIONE DELLA FORZA LAVORO

215

ovvio che, se limpresa non pagasse salari pi` alti ai lavoratori migliori, u nessuno dichiarerebbe la sua ver` produttivit`. E altres` ovvio che se tuta a to il prodotto del lavoro andasse al lavoratore, ognuno si impegnerebbe al massimo. Allora la distribuzione del prodotto del lavoro ` importante per e denire lecienza di un sistema economico. Nel caso dei modelli con segnalazione, si ipotizza che lo studio non accresca direttamente il capitale umano, ma che un dato percorso educativo possa essere compiuto con pi` facilit` e con meno costi dai lavoratori pi` u a u bravi. Lottenimento di un certo titolo di studio serve allora alle imprese per riconoscere i pi` bravi. Le imprese sono quindi disposte a pagare salari pi` u u elevati ai lavoratori con livelli di istruzione pi` alti, e questo pu` spingere i u o lavoratori a decidere di istruirsi. Tutto questo insieme di comportamenti deve essere coerente. Il maggior costo dellistruzione per i lavoratori meno ecienti deve essere tale da spingerli a preferire di smettere gli studi; se cos` non fosse, le imprese troverebbero tra i lavoratori ad alto livello di istruzione sia i pi` bravi che i meno bravi e u non potrebbero pi` separare i lavoratori. Scopo delle analisi dei prossimi u paragra ` allora di capire sotto quali condizioni sia possibile per le imprese e spingere, attraverso la leva salariale, i lavoratori pi` ecienti a lavorare di u pi` evitando che lavoratori meno bravi riescano a farsi passare per pi` prou u duttivi. Se questo ` possibile, si parla di equilibrio separatore (separating e equilibrium, contrapposto a pooling equilibrium), in quanto gruppi eterogenei di lavoratori sono separati tra di loro e nessuno riesce a avvantaggiarsi grazie alla maggiore quantit` di informazione di cui dispone. Ovviamente, giungere a ad un separating equilibrium pu` essere costoso, tanto per le impresa che per o i lavoratori.

5.3.1

I modelli di autoselezione

Supponiamo che esistano due categorie di lavoratori (indicizzati con 1, che indica i pi` bravi e con 2, i meno bravi), dierenziati per le loro caratu teristiche intrinseche in quanto ad unit` di output producibile a parit` di a a sforzo lavorativo. Supponiamo inoltre che i protti attesi delle imprese siano pari a zero, mentre i lavoratori massimizzino lutilit` descritta dalla seguente a funzione: u(wi , ei ) = u(wi ) v(ei ) con i = 1, 2

216

CAPITOLO 5. LINFORMAZIONE ASIMMETRICA

dove e indica il livello di impegno profuso dal lavoratore nellattivit` lavoraa 7 tiva, ma potrebbe indicare anche lorario di lavoro . Si suppone che valgano i seguenti segni relativi alle derivate parziali: uw > 0; uww 0; ve > 0; vee 0

cio` lutilit` rispetto al salario sia concava e la disutilit` rispetto allo sforzo e a a convessa. Data lipotesi di dierenti livelli di produttivit`, si supponga ora che il a prodotto del singolo lavoratore, funzione dellimpegno lavorativo, sia maggiore per i lavoratori di tipo 1: qi = q(ki ei ) con i = 1, 2 econ k1 > k 2

Con qe > 0; qee < 0. Sia cio` la funzione di produzione strettamente concava. e Sia inoltre i = q(ki ei ) wi con i = 1, 2 il protto dellimpresa. 5.3.1.1 Quando i lavoratori si appropriano della rendita

In questo caso tutto il surplus derivante dalla relazione di lavoro viene introitato dai lavoratori; quindi = 0. Per semplicare la trattazione successiva supponiamo le seguenti forme speciche delle funzioni di utilit` e di produzione: a ui = wi e i qi = ki ei con con i = 1, 2 i = 1, 2 (5.11) (5.12)

con > 1. Dalle funzioni di utilit` ?? e di produzione ?? risolte rispetto alla a retribuzione si ha: wi = ui +
7

qi ki

con

i = 1, 2

Quello che ` rilevante ` comunque che il contratto preveda una coppia wi , qi , cio` che e e e esistano due grandezze che modicano i payo delle due parti; un aumento del salario, riduce i protti e aumenta la produttivit`, mentre un aumento della quantit` prodotta (e a a quindi dellorario di lavoro, o ancora dellintensit` della prestazione lavorativa) aumenta i a protti e riduce lutilit` dei lavoratori. a

5.3. SELEZIONE DELLA FORZA LAVORO

217

di queste due equazioni ` facile vericare la pendenza delle curve di indiee renza nello spazio w, q : dwi 1 = qi dqi 1 ki

con

i = 1, 2

(5.13)

2 1 dato k1 > k2 , emerge quindi che dw1 < dw2 ; derivando ancora la ?? rispetto dq dq qi , si verica facilmente che le due equazioni hanno derivata seconda positiva (si ricordi che > 1). Nello spazio w, q si pu` allora rappresentare la mappa o delle curve di indierenza dei lavoratori di tipo 1 e di tipo 2. Nella gura ?? sono rappresentate le curve di indierenza dei lavoratori 1 e 2 tangenti alla retta w = q, che corrisponde alla situazione di zero protto dellimpresa

Figura 5.4: Prodotto e retribuzione con due diversi tipi di lavoratori La mappa delle curve di indierenza mostra un diverso SM Sw,q per gli individui di tipo 1 e di tipo 2, con SM S1w,q < SM S2w,q (vedi equazione ??). Pertanto, lequilibrio del sistema si trover` nei punti A e B, caratterizzati a dalla massima utilit` raggiungibile dai due tipi di lavoratori dato il vincolo a di protto nullo. E interesse dellimpresa orire due dierenti contratti in termini di retribuzione e di quantit` di prodozione richiesta ai lavoratori. Per a i lavoratori di tipo 1 sar` conveniente scegliere il punto A, che ` quello che a e massimizza la loro utilit` dato il vincolo di protto nullo; per i lavoratori di a tipo 2 la curva di indierenza pi` elevata ` raggiunta invece nel punto B. u e Lequilibrio che emerge ` detto allora equilibrio separatore. e

218

CAPITOLO 5. LINFORMAZIONE ASIMMETRICA

Osservazione 28 In presenza di lavoratori eterogenei per livello di produttivit`, se il protto dellimpresa ` nullo esistono equilibri separatori, dove il a e principio di rivelazione risulta soddisfatto, in quanto ambedue i tipi di lavoratori, scegliendo il contratto che massimizza lutilit`, dichiarano in modo a veritiero quale sia il livello della loro produttivit`. In questo tipo di modelli a si usa spesso parlare di principio di autoselezione. Si noti che in questa situazione, al lavoratore di tipo 1 viene richiesto un livello di sforzo maggiore di quanto richiesto al lavoratori di tipo 2. E per` o altrettanto vero che i lavoratori del primo tipo, pi` produttivi, ottengono u un livello di utilit` maggiore di quelli del secondo tipo. Se cio` il surplus a e ottenuto dal rapporto di lavoro va ai lavoratori, la maggiore produttivit` a viene premiata.

Esercizio 27 Date le ipotesi presentate in alto, si calcoli lutilit` a ottenuta dai lavoratori di tipo 1 e quella ottenuta dai lavoratori di tipo 2 e si dimostri che lutilit` di questi ultimi ` pi` bassa di quella a e u dei lavoratori di tipo 1.

Esercizio 28 Si supponga che lutilit` degli individui di tipo 1 e a di tipo 2, con i = 1, 2, sia data da: ui = u(wi , Hi ) dove H indica lorario di lavoro. Sia inoltre y = y(H1 ) il prodotto derivante da H ore lavorate dai lavoratori 1, e y = y(kH2 ) il prodotto ottenuto da una ora di lavoro dei lavoratori di tipo 2, con k < 1. Esiste un equilibrio di autoselezione come quello analizzato nella gura ???

5.3.1.2

Quando le imprese si appropriano della rendita

Nellanalisi svolta, dove i lavoratori riuscivano ad appropriarsi di tutto il surplus, le imprese riuscivano a discriminare tra lavoratori pi` o meno produttivi u orendo contratti dierenziati. Le cose cambiano, invece, se ` limpresa ad e appropriarsi del surplus, dato un vincolo di una utilit` data per i lavoratori. a

5.3. SELEZIONE DELLA FORZA LAVORO

219

Si consideri la gura ?? nella quale il livello di utilit` ` dato e pari a a e U 0; se nessuno dei due gruppi di lavoratori produce (q = 0), i lavoratori del primo e del secondo gruppo ottengono la stessa utilit`. Quando viene invece a profuso uno sforzo dato (e quindi si produce una data quantit`) i lavoratori a del gruppo 2, meno produttivi, per ottenere la stessa utilit` devono percepire a un salario pi` elevato; la loro curva di indierenza ` indicata da U 0(2) ed ` u e e pi` inclinata di quella dei lavoratori del primo gruppo U 0(1). u

Figura 5.5: Prodotto e retribuzione con due diversi tipi di lavoratori e pi` u periodi Limpresa conosce la forma delle funzioni di isoutilt` dei lavoratori (ma a non sa quali siano i lavoratori di tipo 1); dovrebbe allora orire un contratto individuato dal punto A per i lavoratori di tipo 1 8 e un contratto indicato dal punto C per i lavoratori di tipo 2, I lavoratori di tipo 1 si trovano di fronte allalternativa: dichiararsi di tipo 1, e ottenere una utilit` pari a U 0(1); a dichiararsi del tipo 2, e ottenere una utilit` per loro pi` elevata, corria u spondente alla funzione di utilit` indicata in gura ?? con U 0(1, 2), dia segnata in modo tale da passare per il punto A; infatti, se si dichiarano di tipo 2 sottoscrivono il contratto (Q2, W 2).
Nel seguito indicheremo il contratto con il simbolo ; allora il punto A sar` indicato a anche con (Q2, W 2)
8

220

CAPITOLO 5. LINFORMAZIONE ASIMMETRICA

Ovviamente tutti i lavoratori di tipo 1 preferiranno dichiararsi di tipo 2; per limpresa ` del tutto inutile orire un contratto (Q1, W 1), corrispondente e al punto C, che non sarebbe sottoscritto da nessuno. Cosa pu` fare limpresa? Pu` orire un contratto che, pur garantendo o o ai lavoratori di tipo 1 la stessa utilit` che se si dichiarassero di tipo 2, le a permette di ottenere protti pi` elevati, come quello indicato nel punto B u della gura ??. Questo ` un contratto (Q0, W 0) nel quale i lavoratori di tipo e 1 ottengono un livello di utilit` pari (o di poco superiore) ai lavoratori di tipo a 2. Limpresa, allo scopo di far rivelare ai lavoratori di tipo 1 il fatto che sono pi` produttivi, deve comunque rinunciare ad una parte dei propri protti u (dato che una curva di isoprotto pi` in alto indica protti pi` bassi) che se u u fosse capace di conoscere perfettamente le caratteristiche dei lavoratori. La situazione di informazione asimmetrica sulla produttivit` porta quindi a a protti pi` bassi che con informazione completa e ad unutilit` dei lavoratou a ri pi` produttivi che deve comunnque essere pi` elevata di quella minima per u u la quale sarebbero disposti a lavorare. Il possesso dellinformazione da parte dei lavoratori garantisce quindi una loro utilit` pi` elevata. Questo ` ancora a u e un equilibrio separatore; ` per` un equilibrio non stabile dinamicamente. e o Per dimostrare linstabilit` dinamica del contratto, si supponga che esa so duri due periodi: se nel primo periodo i lavoratori di tipo 1 accettano il contratto (Q0, W 0) limpresa sar` in grado di riconoscerli, cio` ` in graa e e do di denire quali siano i lavoratori pi` produttivi (quelli con contratto u (Q0, W 0)) e quali quelli meno produttivi (con contratto (W 2, Q2)); allora, ovviamente, nel secondo periodo orir` ai lavoratori di tipo 1 il contratto a nel quale limpresa ottiene protti pi` elevati e i lavoratori utilit` pi` bassa, u a u cio` quello del punto C. e Osservazione 29 In una situazione in cui il contratto di lavoro dura pi` u periodi, con le imprese che sono in grado di appropriarsi dellintero sovrappi`, ogni lavoratore di tipo 1 non riveler` le sue capacit`, ngendosi sempre, u a a tranne che nellultimo periodo, un lavoratore di tipo 2. Lequilibrio separatore non pu` allora pi` esistere, e tutti i lavoratori si comporteranno come se o u fossero i peggiori. Questa situazione (W 0, Q0), porta ad una ecienza del sistema economico pi` bassa con un minore livello di produzione. Si parla in u questo caso di pooling equilibria. Se lequilibrio in un sistema economico sia eciente o ineciente dipende allora dalla distribuzione del reddito. Nel caso che le imprese siano capaci di

5.3. SELEZIONE DELLA FORZA LAVORO

221

appropriarsi di tutto il sovrappi`, in presenza di lavoratori dierenziati per u dierenti livelli di produttivit`, non esistono forme contrattuali che permeta tano alle imprese di occupare proquamente i lavoratori pi` produttivi, che u tenderanno a comportarsi come quelli meno capaci, visto che in ogni caso non avrebbero nessun benecio dal rivelare le loro qualit`. Considerazioni a di reputazione dellimpresa possono risolvere questa situazione: se limprenditore ritiene che, applicando il contratto (W0,Q0) e non rispettandolo, non trover` pi` lavoratori che si dichiarano di tipo 1, potrebbe ritenere che sia a u pi` conveniente rispettare il contratto. u

5.3.2

I modelli di segnalazione

Se tra gli aspiranti ad un posto di lavoro alcuni sono pi` produttivi di altri e u se il datore di lavoro non ` in grado di valutarne a priori la produttivit`, assue a mere un lavoratore rappresenta una specie di lotteria. Questo soprattutto quando la relazione di lavoro presuppone un periodo di formazione allinterno dellimpresa oppure quando esistono vincoli ai licenziamenti. In queste situazioni, infatti, non ` facile sostituire un lavoratore che era stato giudicato pi` e u produttivo di quanto si sia poi vericato essere. Abbiamo visto nel paragrafo precedente come in alcuni casi sia possibile per il datore di lavoro proporre contratti dierenziati (equilibrio separatore con autoselezione). In generale, i lavoratori possono avere interesse a segnalare alle imprese il livello della loro produttivit`. Questo perch`, in assenza di informazione a e sulle caratteristiche dei lavoratori, i migliori possono cercare di mettere in evidenza le loro caratteristiche qualitative al ne di ottenere dal datore di lavoro contratti pi` soddisfacenti. u La segnalazione ha un senso e diventa credibile solo quando procura dei costi, purch` questi siano meno elevati per i lavoratori con alti livelli di e produttivit` che per quelli con basso livello. a Un esempio: se inviare un curriculum ben fatto richiede tempo, e se una persona altamente produttiva riesce a compilare un curriculum con tempi minori di un individuo meno capace, limprenditore pu` valutare un curricuo lum non solo per il suo contenuto, ma per la qualit` del curriculum stesso. a In Francia, i curriculum inviati ai datori di lavoro sono di solito scritti a mano (e non fotocopiati); questo per segnalare la forte motivazione degli aspiranti allassunzione. Dal punto di vista dellimprenditore questo modo di proporre segnali funziona solo se non coinvolge la totalit` degli aspiranti a al posto di lavoro, altrimenti limprenditore non ha pi` nessun segnale sulle u

222

CAPITOLO 5. LINFORMAZIONE ASIMMETRICA

qualit` degli aspiranti; dal punto di vista dellaspirante al posto di lavoro ` a e sempre razionale scrivere a mano il curriculum (se qualcuno non lo facesse, il suo curriculum sarebbe forse stato immediatamente cestinato). Si pu` quindi o arrivere a situazione nelle quali tutti hanno perso il loro tempo per scrivere a mano centinaia di curriculum, senza che questo segnali qualcosa al datore di lavoro. Lipotesi alla base della teoria dei segnali9 ` che i lavoratori siano dife ferenziati per produttivit` quanto nel lavoro che nella specica attivit` di a a produzione dei segnali; i pi` produttivi, cio`, sostengono meno costi per prou e durre un dato segnale, che nel seguito supporremmo essere lo studio. Infatti, se si ritiene che i migliori riescano pi` facilmente a raggiungere titoli di stuu dio, sembra ovvio assegnare allistruzione ottenuta da un lavoratore il ruolo di segnale di elevata produttivit`. a Listruzione non serve pi`, allora, come nei modelli di capitale umano, u ad acquisire una produttivit` pi` elevata, ma serve a mostrare allimpresa a u le capacit` innate dellindividuo. Quindi listruzione, secondo queste ipotesi, a ovviamente estreme ma utili per semplicare la trattazione, non causa incrementi di produttivit`: un individuo con date caratteristiche produrrebbe a la stessa quantit` tanto se si fosse laureato quanto se si fosse fermato alla a scuola dellobbligo. Vedremo per` che se ` altamente produttivo pu` avere o e o interesse a raggiungere la laurea. Il concetto di equilibrio in modelli di segnalazione ` basato sulla conferma e di ipotesi poste in essere dalle parti; ` un concetto dinamico, in quanto basato e su una congettura (del tipo: se studio otterr` un salario pi` elevato, oppure: o u se retribuisco di pi` un lavoratore con titolo di studio egli mostrer` una u a produttivit` pi` elevata) che deve essere confermata ex-post. a u 5.3.2.1 Un semplice modello con segnalazione

Supponiamo che nella popolazione esistano due gruppi di lavoratori: ad alta produttivit` (tipo 1) e a bassa produttivit` (tipo 2); sia inoltre nota la quota a a di lavoratori appartenente ad ognuno dei due gruppi, ma sia impossibile per il datore di lavoro sapere a quale gruppo appartenga un dato lavoratore. Si supponga inoltre che un lavoratore ad alta produttivit` riesca a raggiungere a un certo obiettivo nello studio (un diploma) con un impegno minore di un lavoratore di bassa produttivit`. a
Si riprendono i caratteri salienti della trattazione proposta nellarticolo di Spence, tradotto in Italiano in Del Boca, pag. 403- 426
9

5.3. SELEZIONE DELLA FORZA LAVORO Lanalisi ` basata sulla tavola ?? e


10

223

Tabella 5.1: parametri in un modello di segnalazione Gruppo Produttivit` quota Costo del livello di istruz. c a c 1 1q 2 1 q c

Dove si suppone che > 1, > 1 e 0 q 1. Pertanto, i lavoratori di tipo 1 rappresentano una quota 1 q della popolazione, sono pi` produttivi u e riescono ad istruirsi con costi pi` bassi. La variabile indicata come c inu dica il livello educativo raggiunto che ` proporzionale al costo sostenuto per e listruzione. Il datore di lavoro conosce tutti i dati riportati nella tabella precedente. Il suo scopo ` quello di identicare i lavoratori di tipo 1 per assumerli in e via prioritaria. Supponiamo allora che decida di orire un contratto tale che w = > 1 per tutti i lavoratori con un dato titolo di studio (c c ), mentre w = 1 per tutti i lavoratori senza titolo (c < c ). Questo implica che ogni individuo, sia del gruppo 1 che del gruppo 2, si trova a dover scegliere se raggiungere il livello di istruzione c oppure no, ponendo in essere un calcolo costi-beneci derivanti dallistruzione. I lavoratori di tipo 1 se ottengono il titolo di studio hanno una retribuzione netta pari a: c ; se non lo ottengono percepiscono 1. Condizione per spingere i lavoratori di tipo 1 ad istruirsi ` allora: c > 1 cio` e e c < ( 1) I lavoratori di tipo 2 non si istruiscono se la retribuzione netta con il titolo di studio ( c ) ` minore di quella ottenibile senza titolo (1); pertanto e c > 1 Se le due condizioni valgono contemporaneamente, cio` se: e 1 < c < ( 1)
10

(5.14)

Nella tabella la produttivit` indica il prodotto totale posto in essere dal lavoratore a per tutta la durata del contratto di lavoro. Al ne di mantenere semplice lesposizione si pu` ipotizzare che quanto la produttivit` che i costi dellistruzione indicati in tabella o a siano valori attualizzati

224

CAPITOLO 5. LINFORMAZIONE ASIMMETRICA

gli individui meno produttivi non seguiranno un percorso formativo e percepiranno un salario basso, mentre gli individui pi` produttivi, che si presenteu ranno con il titolo di studio, saranno retribuiti con un salario pi` elevato. Un u modo dierente per arontare il problema ` quello di supporre che il livello c e sia dato (di solito, esso dipende da decisioni pubbliche) e che limprenditore debba scegliere il salario w con cui retribuire i lavoratori migliori. Scrivendo w al posto di e riprendendo i passaggi gi` fatti per ottenere lequazione ?? a in modo da risolvere per w, si ottiene facilmente: 1+ c < w < 1 + c

Se le imprese sono libere di ssare i salari sceglierebbero w =1+ sotto condizione che 1+ c

c <

se i lavoratori si appropriano di tutto il surplus, w = . Per un dato livello di istruzione, lequilibrio separatore richiede allora che le imprese retribuscano i lavoratori con titolo di studio (che sono i pi` eu cienti) con un salario che renda conveniente agli stessi listruzione. Il salario svolge ancora funzioni dierenti da quelle di prezzo del fattore lavoro. Riprendiamo comunque limpostazione proposta da Spence, dove la variabile ` la durata del periodo di istruzione. Dallequazione ?? emerge che e non esiste un unico livello di istruzione che porta ad un equilibrio separatore. Inoltre, mentre un livello pi` elevato dellistruzione richiesta non incide u sullutilit` dei lavoratori del secondo gruppo, riduce lutilit` (misurata in a a termini di retribuzione al netto dei costi di formazione) di quelli del primo. Allora gli equilibri possono essere ordinati in termini di pareto ecienza e concludere che il livello di istruzione ottimale ` quello per cui c = 1. e Si analizzi la gura ?? dove sulle ascisse troviamo il livello di istruzione e sulle ordinate il salario corrispondente al dato livello di istruzione e i costi necessari per raggiungere quel dato livello. La retta c2 ` anche la bisettrice dellangolo: il livello di istruzione dei e lavoratori di tipo 2 coincide infatti con il costo dellistruzione (vedi tabella ??). La pendenza della retta c1 ` invece minore, dato che i lavoratori di tipo e

5.3. SELEZIONE DELLA FORZA LAVORO


     SPQ RR D EC G F I PH   

225

Figura 5.6: Lequilibrio con segnalazione

1 riescono a ottenere un dato titolo di studio con costi minori (precisamente, c la pendenza della retta c1 ` pari a ) e Per quanto detto, il salario ` w = 1 se c < c , e w = se c c . e Questa situazione ` rappresentata dalla spezzata pi` marcata indicata da w, e u passante per 0AG. Si tenga conto che questa spezzata ` disegnata in modo e tale che AB = 1; questo implica che la distanza OA = 1 corrisponde alla distanza GZ = 1 Come si nota nella gura ??, i lavoratori del gruppo 2 sono caratterizzati da una dierenza tra beneci (w) e costi (c) uguale se scelgono c = 0 (pari alla distanza OA) o se scelgono c = c pari alla distanza GZ; per qualsiasi livello di c leggermente maggiore, preferiscono non istruirsi. Il livello c ` e allora il minimo livello che spinge i lavoratori del gruppo 2 a non istruirsi. Viceversa, per i lavoratori di tipo 1 questa dierenza ` pi` elevata per c = c . e u Pertanto, agendo razionalmente, ognuno dei lavoratori dei due gruppi sceglier` il livello di istruzione che rivela le sue capacit` e questo conferma a a le scelte fatte dal datore di lavoro e fa si che il criterio di scelta dei lavoratori da assegnare ai due gruppi rimanga costante. Si noti che se, ad esempio, il livello di istruzione necessario per raggiungere il titolo fosse stato c , allora anche i lavoratori di tipo 1 avrebbero preferito non studiare, cos` come se il livello di istruzione necessario per raggiungere il titolo fosse stato molto basso (c ) anche i lavoratori di tipo 2 avrebbero ottenuto il titolo. Osservazione 30 Esiste un campo di variazione del livello di istruzione ri-

B A 9 6 4 0 ( & $ @&875231)"''%"#!

226

CAPITOLO 5. LINFORMAZIONE ASIMMETRICA

chiesto dagli imprenditori (per salari pari alla produttivit` marginale), oppure a esiste una campo di variazione dei salari dei lavoratori istruiti (per dati livelli di istruzione) che conferma lipotesi che i lavoratori pi` produttivi siano u anche i pi` istruiti; si avr` allora un equilibrio separatore. u a 5.3.2.2 Segnalazione e benessere

Listruzione ha in questo contesto soltanto nalit` informative: rappresenta a un costo che non aumenta la produttivit` del sistema. a Ci si pu` allora chiedere se la segnalazione basata sul livello di istruzione o aumenti il benessere dei lavoratori, confrontando lipotesi dellesistenza di un equilibrio separatore, in cui ognuno viene retribuito secondo la propria produttivit`, con quella di un equilibrio non separatore, in cui ognuno viene a retribuito in misura pari al prodotto medio. Ovviamente, i lavoratori di tipo 2 starebbero meglio in assenza di segnalazione, dato che la loro retribuzione sarebbe pari alla produttivit` media del a sistema: wM = q + (1 q) > 1 Cio`, i lavoratori peggiori, se non distinti dagli altri, si approprierebbero di e una quota del prodotto dei lavoratori migliori. I lavoratori migliori possono, al massimo, percepire una retribuzione pari c a ma sostengono costi pari a ; pertanto percepiscono una retribuzione c netta pari a . Se vale: c < q + (1 q) (5.15)

anche i lavoratori di tipo 1 staranno peggio (i costi per listruzione sono talmente alti che anche se vengono retribuiti in base alla loro produttivit`, a guadagnano meno di quanto guadagnerebbero se tutti fossero retribuiti al prodotto medio). Lequazione ?? ` vericata, cio` anche i lavoratori migliori e e stanno peggio se: c q< ( 1) Pertanto11 q, la quota di lavoratori meno produttivi, deve essere minore di un certo livello per avere peggioramenti paretiani, cio` peggioramenti che e riguardano tutta la popolazione.
Se il livello di istruzione c ` quello minimo possibile per avere un equilibrio con e 1 segnalazione (c = 1), avremo q <
11

5.3. SELEZIONE DELLA FORZA LAVORO

227

Infatti, se la quota di lavoratori peggiori ` bassa, cio` ci sono molti e e lavoratori con produttivit` elevata, il prodotto medio ` comunque elevato. a e E allora inutile (e dannoso) per il sistema economico investire nella segnalazione. Daltra parte, ognuno dei lavoratori pi` produttivi sa che investendo u nellistruzione pu` aumentare il suo benessere, passando da un salario pari a o quello medio (wM ) ad un salario pari alla sua produttivit` (). Allora non a ` conveniente per la collettivit` investire nella segnalazione mentre lo ` per i e a e singoli individui. Osservazione 31 Lequilibrio di segnalazione pu` essere socialmente ineo ciente ma eciente per i singoli individui. Inoltre lequilibrio che si genera presenta caratteri di inecienza in quanto i lavoratori si dedicano allistruzione non al ne di aumentare la propria produttivit` (come nei modelli con capitale umano) ma soltanto al ne di sea gnalare le loro migliori capacit` allimpresa. Il tempo dedicato allistruzione a non ` allora produttivo, ma serve solo a migliorare linformazione esistene te nel sistema economico. La coppia salario, quantit` prodotta che emerge a dai modelli di segnalazione ` inferiore in senso paretiano sia rispetto ai moe delli walrasiani che rispetto ai modelli di autoselezione (quando questi sono applicabili). Si consideri inoltre che limpresa richiede un segnale solo quando deve risolvere, oltre al problema di selezione della forza lavoro, anche un problema di informazione imperfetta sulla quantit` eettiva di produzione dovuta ad a ogni singolo lavoratore. Altrimenti, limpresa potrebbe assumere e licenziare immediatamente i lavoratori che si dichiarano di tipo 1 ma sono in realt` di a tipo 2. Alternativamente, potrebbero esistere costi di turnover, che limitano la possibilit` di licenziamento, oppure organizzazioni collettive dei lavoratoa ri che potrebbero richiedere salari diversi per lavoratori con caratteristiche osservabili dierenti. Comunque, nei casi in cui i modelli di autoselezione non sono applicabili e esistono problemi legati allimperfetto monitoraggio, ai costi di turnover, allesistenza di organizzazioni sindacali, ogni agente economico pu` avere la o necessit` di segnalare qualche caratteristica (in questo caso una maggiore a produttivit`) investendo risorse nellattivit` di segnalazione. a a

228

CAPITOLO 5. LINFORMAZIONE ASIMMETRICA

Bibliograa
[1] Chari, V.V, (1983): Involuntary Unemployment and Implicit Contacts, Quarterly Journal of Economics, n. 3, Supplement, pp. 107-122 [2] Spence, M. (1973) Job Market Signalling, Quarterly Journal of Economics, 87, pp. 355-374 [3] Del Boca, A. (1989) Letture di Economia del Lavoro, Giappichelli, Torino

229

230

BIBLIOGRAFIA