Sei sulla pagina 1di 10

LA PRESCRIZIONE: Il quadro patogenetico di Fluoric Acidum sembrato il pi indicato ai sintomi lesionali, generali e mentali del paziente ed stato pertanto

to somministrato con le seguenti modalit. I visita 15-04-93 (foto 2, 3, 5): prescrizione di Fluoric Acidum 5 CH: 5 granuli al risveglio e 5 prima di dormire per due settimane. Prosegue con Fluoric Acidum 7 CH: 5 granuli mattino e sera per due settimane; continua con Fluoric Acidum 9 CH: 5 granuli mattino e sera per due settimane. In seguito : Fluoric Acidum 12 CH: 5 granuli mattino e sera per ulteriori due settimane (cura per 2 mesi). II visita giugno 93: ledema palpebrale si sensibilmente ridotto, le palpebre non sono pi chiuse e il bimbo pu proseguire con pi profitto leducazione visiva dellocchio compromesso. Prescrizione: Fluoric Acidum 15 CH: 1 tubo dose la settimana da assumersi al mattino al risveglio per otto settimane. III visita 22-09-93: langioma nettamente migliorato su tutta la superficie; sulla zona frontale e temporoparietale sono comparse zone discromiche e in diversi punti laspetto tuberoso della neoformazione tende nettamente ad appiattirsi. Langioma non ha pi sanguinato ed il bimbo non presenta altri sintomi degni di nota. Il ritmo sonno-veglia pi regolare. Prescrizione: Fluoric Acidum 30 CH: un tubo dose la settimana da assumersi al mattino al risveglio per otto settimane. IV visita 17-12-93: la superficie angiomatosa nettamente ridotta. La zona frontale, nasale e palpebrale completamente priva di angioma, cos come gran parte della guancia. Permangono piccole zone angiomatoso-teleangectasiche allemilabbro superiore di destra e qualche chiazza rossastra di poco conto in regione naso-labro-geniena. Lemiviso di destra non emana pi calore radiante ed scomparso anche il prurito. Il paziente continua la rieducazione visiva. Prescrizione: Fluoric Acidum 200 CH: 1 tubo dose da assumersi al mattino al risveglio ogni 2 settimane per un totale di 4 dosi. Il 6-01-94 (foto n. 4) il bimbo presenta la quasi totale scomparsa della massa angiomatosa (90% di riduzione). Permane in regione naso-labro-geniena una zona teleangectasica e un leggero ispessimento della mucosa labiale. Vi crescita delle sopracciglia e delle ciglia di destra. Lentropion scomparso e la chiusura della rima palpebrale fisiologica. Sono passati dalla prima visita, circa 9 mesi, e si ottenuta la riduzione di oltre il 90 % della vasta neoformazione angiomatosa. V visita giugno 94 (foto n. 6, 7): rivedo il paziente per un controllo dopo circa sei mesi, non vi quasi pi traccia dellangioma e del notevole inestetismo cutaneo. Il bimbo cresce bene, ed perfettamente integrato con i suoi coetanei. Prescrizione: Fluoric Acidum 1000 CH: 1 tubo dose solo una volta. Prescrivo inoltre pomata di Bellis Perennis T.M. al 10% da applicare sulle zone pi soggette a retrazione cicatriziale. VI visita 6-12-94: (foto n. 7) situazione ulteriormente migliorata. Il trattamento ha permesso la totale scomparsa dellemangioma (100%) con la restitutio ad integrum dellemivolto destro, del cuoio capelluto, delle complicazioni oculari e la riduzione delle lesioni cicatriziali. Permane qualche inestetismo cicatriziale. Prescrizione: Fluoric Acidum 10.000 CH: 1 tubo dose solo una volta. DISCUSSIONE E VALUTAZIONE DEL CASO

Diversi Autori della medicina tradizionale (32) considerano regredito lemangioma infantile quando, a seguito di un ciclo di terapia di almeno sei mesi, si ottiene una riduzione del 50% o pi della neoformazione, mentre la crescita si considera stabilizzata quando essa si arresta entro i 6 mesi dallinizio della terapia. I risultati sono considerati ottimi quanto vi pi del 75% di schiarimento della lesione e buoni con riduzione della lesione dal 50 al 75%. In questo caso la percentuale di regressione (90% in nove mesi e 100% in quindici mesi) va ben oltre quella di altri AA che utilizzano le pi moderne terapie. Il trattamento di questo caso di emangioma problematico stato oltremodo positivo. I punti a favore di questo approccio terapeutico sono: 1) rapida risoluzione dellangioma in tempi molto pi brevi di quelli previsti o descritti dalla letteratura mondiale; considerando la vasta superficie delle stesso. 2) riduzione e scomparsa dei fattori " allarmanti" quali le emorragie spontanee, i fattori infiammatori, i residui cicatriziali inestetici, i problemi oculari (entropion, disturbi visivi ecc.); 3) nessuna interferenza con la crescita del bambino; 4) estrema facilit e praticit nellassunzione del rimedio; 5) ottima tollerabilit del rimedio somministrato; 6) nessun effetto collaterale riscontrato; 7) nessuna interferenza con lo schema di vaccinazioni obbligatorie; 8) eventuale possibilit di intraprendere il trattamento anche sin dai primi giorni di vita senza alcun rischio; 9) eliminazione in tempi brevi e comunque prima dellet scolare dellinestetismo cutaneo, la cui persistenza senza dubbio, ha un impatto negativo sullaspetto estetico del paziente con i conseguenti disagi psicologici; 10) selettiva azione terapeutica sulle strutture vascolari anomale, lasciando integre le strutture epidermiche; 11) bassissimo costo della terapia in confronto ad altri metodi terapeutici sinora conosciuti. La risoluzione di questo caso fa necessariamente riflettere sullopportunit di ricorrere ad altri presidi terapeutici quanto determinate patologie non sono ulteriormente trattabili con i mezzi terapeutici tradizionali nei tempi e nei modi desiderati. In questo caso levoluzione della lesione angiomatosa ed il suo biocronogramma sarebbero inevitabilmente entrati negli spazi della statistica: 30% di permanenza dellangioma? Oppure il 70% di guarigione spontanea? E in quanti anni ? Forse 3 ? Forse 7 ? Oppure 10-15 anni, o forse mai? E doveroso dire che la terapia tradizionale degli angiomi congeniti a tuttoggi ancora complessa e di non facile valutazione. Infatti, qualora non esista il fattore "allarmante o

problematico" si preferisce differirla ad et pi avanzata, almeno alla seconda o terza infanzia. Essa richiede comunque un impegno multidisciplinare nel quale possono intervenire il dermatologo, il chirurgo vascolare, il chirurgo ortopedico, il neurologo, loculista, ed altri ancora, tra cui a buon diritto lomeopata, e certamente non ultimo per grado dimportanza o per efficacia terapeutica. E chiaro che solo una vasta esperienza, e non un singolo caso, pu permettere di selezionare per ogni paziente e per ogni singola patologia vascolare, il trattamento pi idoneo per raggiungere il risultato migliore con il migliore esito estetico possibile. Ma altrettanto vero che con pochi segnali biologici del paziente e la conoscenza dellorganospecificit e della patogenesia dei rimedi omeoterapici (prescritti secondo la legge dei simili), spesso si ottengono risultati straordinari, impensabili da raggiungere con le tradizionali terapie. LA DIAGNOSI DIFFERENZIALE In questo caso la scelta del rimedio omeopatico "simillimum" era di non facile soluzione. Infatti, trattandosi di una lesione congenita e localizzata, non necessariamente poteva essere accompagnata da una sintomatologia generale tale da permettere di individuare con precisione il rimedio idoneo per la totalit dei sintomi del paziente. Cominciamo con il considerare il dato obiettivo pi evidente: la lateralit della lesione. In omeopatia, diversi sono i rimedi che possiedono un organotropismo per il sistema vascolare e pi precisamente per gli angiomi, gli aneurismi capillari e i nevi vascolari. A seconda dellesperienze di diversi Autori, buoni risultati si ottengono nel naevus flammeus e nei piccoli emangiomi (Naevus vasculosus) (21). I rimedi omeopatici pi indicati dalla letteratura sono: Abrotanum, Acetic acidum, Calcarea carbonica, Calcarea fluorica, Carbo animalis, Fluoric acidum, Lycopodium, Natrum sulfuricum, Phosphorus, Radium bromatum, Thuya occidentalis, Tubercolinum. Tra i rimedi sopra elencati, quelli ad avere lateralit destra sono: Calcarea Carbonica, Fluoric Acidum, Lycopodium e Phosphorus; ma mentre Calcarea Carbonica, Lycopodium e Phosphorus possono avere una lateralit destra per molti disturbi, Fluoric Acidum possiede la specifica lateralit destra per langioma del viso. Infatti in "key notes of Materia Medica" di Allen si trova descritto nel rimedio Fluoric Acidum: "Angioma dei bambini (tempia destra; aneurisma capillare)" (1). In "The Guiding Symptoms of our Materia Medica" di C. Hering, (14:343) troviamo per quanto riguarda Fluoric Acidum alla voce "Skin": "Naevus of children (on right temple); capillary aneurism". Nel testo di W. Boeriche (8:853) nel capitolo "Circulatory system" alla voce "Aneurismi capillari" vi sono elencati solo tre rimedi: Calcarea Carbonica, Fluoric Acidum e Tubercolinum. Il repertorio di Kent (20) riporta sotto SKIN alla voce "Naevi" Acetic Acidum 3 - Calc: Cab. 2 - Carbo veg. 2 - Fluoric acidum 3 - Lycop. 2 - Nux Vom. 1 - Phosphorus 3 - Thuya 2 - Vaccininum 1 (20:1330/a). Questo elenco dovrebbe essere completato con Abrotanum e Calcarea fluorica. Vediamo quindi di analizzare le modalit dei rimedi che pi si prestano alla prescrizione in questo caso. ABROTANUM: Nella Sperimentazione omeopatica eseguita da Stockebrand, sono stati osservati evidenti nessi organici con i capillari. E indicato per teleangectasie e piccoli emangiomi; ha effetto dilatatorio sui capillari venosi e prurito della pelle. Il soggetto ha inappetenza o dimagrisce nonostante la fame e la voracit; alvo alterno con diarrea e costipazione. Il tipo Abrotanum per peggiorato dal freddo, mentre il nostro paziente peggiora col caldo e migliora col fresco. Inoltre i bambini Abrotanum sono brontoloni, irritabili, e talvolta denotano cattiveria. (11) (21) (33).

ACETIC ACIDUM: esercita unintensa azione depressiva sulla vitalit. Esso influenza selettivamente il sangue e la circolazione procurando un imponente stato anemico che favorisce la sua azione emoraggipara, con astenia miocardica. Anche questo rimedio favorisce la dilatazione capillare e varicosa, ma la psiche di Acetic Acidum irritabile, il paziente solitamente un soggetto ansioso e preoccupato, una persona macilenta, indebolita e molto freddolosa. Inoltre la lateralit di questo rimedio prevalentemente sinistra. (11) (21) (33). CALCAREA CARBONICA: presenta come Fluoric Acidum sudorazione alla testa e agli arti inferiori, ma il paziente indolente, irritabile, di cattivo umore, testardo. Anche Calcarea Carbonica desidera viaggiare e vedere cose nuove, ma spesso depresso e malinconico. E un tipo linfatico con addome globoso, mani umide, molto freddoloso che suda facilmente alloccipite, in fronte, sul viso, alle mani e ai piedi. Calcarea Carbonica ha desiderio di uova ma avversione per la carne. La lateralit di questo rimedio destra ma il paziente timido, pauroso, riservato e ostinato, freddoloso ed aggravato dal freddo (contrariamente al nostro caso). (11) (21) (33). CALCAREA FLUORICA: assomiglia molto nella sua patogenesia a Fluoric Acidum e anchesso produce debolezza del tessuto connettivo con varici, dilatazioni capillari e venulari, ectasie vascolari e fragilit delle fibre elastiche con facolt di tendere troppo le piccole articolazioni. Lindividuo che richiede Calcarea Fluorica aggravato dal freddo; ha un carattere tenace e metodico ed uno spirito positivo. Temperamento calmo, pigro, facile ad adattarsi e pratico, ma esagera spesso le proprie preoccupazioni diventando facilmente scoraggiato e pessimista. Pelle secca, screpolata, spesso bianchissima. Tendenza ai cheloidi: Ectasie venose molto appariscenti su pelle bianca come alabastro. (11) (21) (33). CALCAREA PHOSPHORICA: ha lateralit prevalentemente sinistra. Come Fluoric Acidum e Tubercolinum ama viaggiare, ma a differenza di Fluoric Acidum migliora destate e col tempo caldo, inoltre ha desiderio di carni salate, affumicate. Dal punto di vista psicologico i bambini sono nervosi, agitati, vogliono costantemente andare da un posto allaltro, inclini allo sbadiglio, temono loscurit e il temporale. Hanno un ritardo nella dentizione e nel camminare. La fontanella resta aperta a lungo. Soffrono spesso di linfadeniti e adenoiditi. Inoltre sono assai pigri al risveglio. (11)(21)(33). CARBO ANIMALIS: Indicato per gli angiomi, soprattutto per lemangioma blu sul bordo delle labbra, per il naevus vasculosus e pi raramente per il naevus flammeus. Risulta pi efficace nel trattamento degli angiomi blu che rossi. Rimedio adatto per individui con guance e labbra bluastre, con grande spossatezza e freddolosit. (11) (21) (33). LYCOPODIUM: questo rimedio ha lateralit destra ma si sveglia imbronciato. E timido, timoroso, ha paura della gente; i bambini hanno paura delle persone estranee. Lycopodium peggiora in ambiente affollato, si spaventa facilmente, collerico, rabbioso, superbo, aggravato dal freddo e dallaria fredda anche se migliora allaria aperta, ma a differenza di Fluoric Acidum misantropo, lamentoso, ha paura di star solo, nervoso e irritabile sino alla collera. Il cattivo umore di Lycopodium si manifesta soprattutto al mattino al risveglio. Teme di stare in societ e desidera stare solo, pur temendo la solitudine. I bambini Lycopodium si svegliano gridando e piangendo o respingono tutto intorno ad essi. Hanno desiderio di dolci ed avversione per i farinacei. (11) (21) (33). NATRUM SULFURICUM: pi indicato in presenza di numerosi angiomi rubino; piccoli nevi rossi della grandezza di una testa di spillo o di una lenticchia, localizzati sul torace e sul

dorso. Costituzione sicotica con affezioni epatobiliari. Lateralit sinistra. Aggravato dai farinacei e dal tempo umido. Soggetto di cattivo umore e irritabile soprattutto al mattino appena alzato, detesta parlare o che gli si parli. (11) (21) (33). PHOSPHORUS: pi indicato negli emangiomi delle estremit (mani, dita, coscia) in pazienti con efelidi e pelle sensibile alla luce. Possiede lateralit destra ma fortemente emotivo, si esalta facilmente ed altrettanto facilmente si deprime. E ansioso, agitato, pauroso soprattutto al crepuscolo, in solitudine, durante i temporali ed ha paura del buio. Peggiora di solito con il freddo, di sera, al crepuscolo, durante il temporale, con le emozioni. Migliora con il calore (eccetto la testa e lo stomaco) con il sonno e mangiando. Ha desiderio di sale o di cibi salati con avversione per i dolci, la carne e il latte. Generale tendenza a sanguinare: da piccole ferite fuoriesce molto sangue; epistassi, lividi per traumi anche minimi. (11) (21) (33). RADIUM BROMATUM: il radio ha unazione distruttiva sulle cellule viventi e particolarmente sulle cellule di neoformazione. E indicato per soggetti astenici, moralmente depressi, paurosi, che temono la solitudine e loscurit; irritabili e molto suscettibili. Si aggravano con il calore del letto, di sera e di notte, migliorano con il movimento, allaria aperta, dopo mangiato o dopo aver dormito. Hanno desiderio di carne (di maiale) ma avversione per lo zucchero e la carne in generale. Radium Bromatum ha alternanza di stipsi e diarrea. Ma a differenza di Fluoric Acidum migliora con i bagni caldi ed un soggetto affetto da grande depressione morale, suscettibilit e irritabilit. (11) (21) (33). THUYA OCCIDENTALIS: indicata per lemangioma sul collo e sul viso. Il soggetto Thuya freddoloso, migliora col caldo e con il sudore, mentre si aggrava col freddo ed il tempo umido. Ha desiderio di sale e possiede lateralit sinistra. La psiche di Thuya un misto tra indolenza e agitazione nervosa, di comportamento impaziente e frettoloso, irritabile per un non nulla, soggetto pigro di pensiero, ha paura dei minimi ostacoli e ha idee fisse. I bambini Thuya sono spesso ipopituitari con ritardo dellintelligenza, hanno elocuzione esitante e difficolt a trovare le parole. Pur essendo un grande rimedio per le neoformazioni, le modalit e la sintomatologia del paziente non sembrano richiedere questo rimedio. (11) (21) (33). TUBERCOLINUM: Il soggetto Tubercolinum, come Fluoric Acidum e Calcarea Phosphorica, ha un costante bisogno di cambiamento e di viaggiare ma un soggetto triste e di cattivo umore, irritabile al mattino al risveglio scontento di tutto, pronto alla collera alla minima provocazione. I bambini hanno una dentizione ritardata, intellettualmente precoci ma fisicamente deboli, sono di cattivo umore al mattino al risveglio, irritabili e intrattabili al momento della visita medica. Migliorano allaria aperta, nel vento e col calore. Inoltre Tubercolinum migliorato dal calore del letto, ha desiderio di latte freddo, di dolciumi ma ha avversione per la carne. (11) (21) (33).

FLUORIC ACIDUM: LAcido fluoridrico denominato in omeopatia come FLUORICUM ACIDUM o HYDROFLUORIC ACID, fu introdotto e sperimentato in basse e alte diluizioni (30th) per la prima volta da Hering, con la collaborazione di Jeanes, Williamson, Neidhard, Behlert, Campos, Freitag, Geist, Gosewich, Husman, Lippe, Paterson, Kreiner e Thnard (Neue Archiv.,2, 1, 100, and Trans. of Am. Institute, 1846) (14:328). E un liquido incolore, fumante allaria, e di odore irritantissimo, che bolle a soli 19; solubilissimo in acqua, la sua soluzione concentrata trattiene il 70% dellacido. Molto venefico e caustico, lacido fluoridrico estremamente corrosivo, capace di intaccare

fortemente il vetro, la porcellana e la maggior parte dei metalli; per questo motivo conservato in recipienti di gomma vulcanizzata, chiusi con tappi anchessi di gomma e a vite. I contenitori vanno poi a loro volta conservati in vasi di terra ed in luogo fresco. Sulla pelle lacido fluoridrico produce bruciature e ulcerazioni molto profonde, assai dolorose e di difficile guarigione. La sua propriet principale quella de decomporre la silice e tutti i corpi che ne derivano o che ne contengono, secondo lequazione chimica: Si02 + 4 HF = Si F4 + 2 H20.In virt di questa sua propriet usato nellincisione del vetro, che un silicato. Per la stessa ragione indicato in medicina omeopatica (secondo la legge di similitudine), quando i tessuti contenenti silicio: tessuti connettivi, tessuti elastici, tessuti di sostegno e tessuto osseo sono coinvolti da processi patologici.(15) Lacido fluoridrico intacca il sistema vascolare, e dopo aver causato varici, varicosit, emangiomi ed emorroidi, produce fistole e ulcere varicose. Lazione distruttrice dellacido fluoridrico sul tessuto elastico lo render indicato, quando questo tessuto sia alterato o divenuto insufficiente o prematuramente usurato. Facciamo notare che proprio a livello dei tessuti ricchi di fluoro cio ossa, denti, sistema vascolare, che possiamo osservare la maggior parte di quelle alterazioni, che possono beneficiare di Fluoric acidum. Avviene come se il fluoro si salificasse al calcio ed al fosforo subendo, sotto linfluenza di una "tossina", unacidificazione, e lasciasse le sue combinazioni saline per formare acido fluoridrico libero di distruggere i tessuti dei quali era sino a poco tempo prima un componente fisiologico. Daltronde in omeopatia facile constatare che molto spesso le lesioni indicative di Fluoric acidum, evolvono su di un terreno particolare (15). Il paziente che necessita di Fluoric acidum si aggrava con il calore e migliora con il freddo a causa di uno stato ossigenoide accentuato, dovuto allelemento fluoro. Il soggetto ossigenoide, infatti, brucia pi degli altri; questa eccessiva combustione metabolica determina una maggior produzione di scorie cataboliche. Ne risulta un aggravamento con il calore ed un miglioramento con il fresco, poich sono le combustioni interne a produrre il calore e queste, nel caso presente si trovano in eccesso. E sempre a causa del suo stato ossigenoide che "Fluoric acidum" avr sensazioni di calore localizzato, tale da farlo a volte confondere con "Sulfur" o "Iodum". Tipico di Fluoric acidum infatti il calore alla testa, al viso, il bruciore nucale, lintolleranza al calore, la sensazione di bruciore alle mani e ai piedi che lo obbligano a scoprirsi di notte perch questi soggetti sono aggravati con il calore del letto e delle coltri ecc., cos come il bisogno di rinfrescarsi. Fluoric acidum uno dei rimedi pi pruriginosi della materia medica: non dimentichiamo che la pelle contiene tessuto elastico, che lacido fluoridrico intacca proprio questo. Infine, il suo stato ossigenoide e le sue congestioni vascolari localizzate che ne risultano, possono produrre la sensazione oggettiva di un vapore caldo che emana dalla pelle (15) e non sempre si tratta solo di una sensazione. Questacido sviluppa lassit e fenomeni degenerativi, specialmente del sistema vascolare (34:73); possiede lateralit destra per quanto riguarda la lesione angiomatosa, (localizzazione temporo-facciale destra) (1) (14). E riportato in letteratura per leffetto positivo sugli angiomi dei bambini e gli aneurismi capillari (1) (8). Il soggetto Fluoric Acidum caloroso, ottimista, suda abbondantemente sulla fronte e ai piedi, si aggrava con il calore, coprendosi, peggiora in una stanza calda e migliora col fresco. Il paziente Fluoric Acidum allegro, entusiasta, desidera viaggiare, ha sempre troppo caldo ed aggravato con il calore del letto che gli provoca prurito e desiderio di scoprirsi (15). Paziente rapidamente esausto con poca forza vitale. Fluoric Acidum produce una sensazione di calore localizzato, e bench questo sintomo non sia riferito dal bambino, tutto lemiviso di destra affetto dallangioma emanava calore avvertibile al tatto. Lazione distruttrice dellacido fluoridico sul tessuto elastico e vascolare rende questo rimedio ancora pi indicato per laffezione da trattare.

LA SCELTA DEL RIMEDIO Se analizziamo il "mentale" del piccolo paziente, dobbiamo senzaltro rimarcare i seguenti sintomi: felice, allegro e gioioso al mattino, gaio. Questi sintomi sono importanti perch ci aspetteremmo che il nostro piccolo paziente, avendo gi una certa coscienza del proprio stato fisico, dovrebbe forse essere un po pi introverso o irritabile, considerando anche il fatto che stato sottoposto a diverse visite mediche, che ha gi subito diversi ricoveri ospedalieri, che stato controllato pi volte da colleghi dermatologi, chirurghi, oculisti e specialisti in Italia e allestero, che ha subito infiltrazioni perioculari ecc. Sappiamo infatti come spesso i bambini temono le visite mediche, soprattutto quando queste sono accompagnate da indagini strumentali. Eppure egli si lascia visitare tranquillamente, "conscio" della sua condizione ma per nulla timoroso, anzi gioviale. Ogni medico sa quanto sia difficile a volte visitare accuratamente un bimbo di tre anni, specie se questo ha gi avuto a che fare con camici bianchi. Nella sezione " Mind " del repertorio di Kent (20:10/b) alla voce " Cheerful" (allegro ), troviamo Fluoric acidum al 2 grado; sotto " Cheerful, morning" (allegro al mattino), Fluoric acidum al 1 grado con soli 15 rimedi e tutti al 1 grado tranne Platina che al 2 (20: 11/a ).Se consideriamo il sintomo "gioia" (ilarit, vivacit) e " gioia al mattino ", alla voce " Mirth " dello stesso repertorio incontriamo sempre Fluoric acidum al 2 grado; alla voce " Mirth, morning" ricompare Fluoric acidum come unico rimedio al 2 grado insieme a soli altri 4 rimedi, tutti al 1 grado. Sempre nel " Mind" alla voce "Exhilaration" (allegria) ritroviamo Fluoric acidum al 2 grado (20: 41/b). Si deve tenere in grande considerazione il fatto che Fluoric acidum lunico rimedio sempre presente in ogni rubrica esaminata, anche se con grado diverso. Infatti su 5 rubriche esaminate il rimedio totalizza, sul mentale, un valore di 9, condividendo a parimerito, tale punteggio con Cannabis indica e Coffea. Solo Lachesis possiede 10 punti per gli stessi sintomi mentali, per non presente in tutte le rubriche esaminate e comunque non il rimedio da considerare perch oltre ad avere la lateralit sinistra, Lachesis peggiora al mattino al risveglio. Il sintomo "desiderio di viaggiare" stato considerato ma non repertorizzato, perch i genitori, entrambi professionisti, viaggiano spesso anche allestero per motivi di lavoro, e quindi il sintomo poteva essere nel bimbo lequivalente di voler stare pi vicino ai genitori. Per quanto riguarda le modalit termiche, i desideri alimentari e le avversioni, gi si detto nella diagnosi differenziale di Fluoric Acidum.

BIBLIOGRAFIA: 1) ALLEN, H.C. : "Key Notes" e Caratteristiche comparate dei principali rimedi della Materia Medica. Ed. Cemon - Napoli 1980 2) ALLEN, T. F.: Handbook of Materia Medica and Homeopathic Therapeutics Ed. B. Jain Publisher Pvt. Ltd. - New Delhi, India 1983 3) ALLEN, T.F.: The Encyclopedia of pure Materia Medica a record of the positive effects of drugs upon the healthy human organism Vol. IV pp. 322 - 354. Ed. B. Jain Publisher Pvt. Ltd. - New Delhi, India 1988

4) BARTOSHESKY, LE., BULL, M., FEINGOLD, M.: Corticosteroid treatment for cutaneous hemamgiomas: how effective? Clin. Pedr. 1978; 17: 625 - 638 5) BERTOLINI, A., BAVA, G.L.: Diagnosi e trattamento chirurgico degli emangiomi e delle alterazioni artero-venose. Atti del XXXIV Congresso Nazionale Assoc: Dermatologi Ospedalieri Italiani Ge 20-23 settembre 1995 6) BLACKWOOD, A.L. : A Manual of Materia Medica, Therapeutics and Pharmacology. Ed. B. Jain Publishers (P.) Ltd. - New Delhi 1987 7) BOENNINGHAUSENS Therapeutic Pocket Book. Ed. A. B. Publishers - Calcutta 8) BOERICKE, W.: Homeopathic Materia Medica comprising the characteristic and guiding sypmtoms of all remedies - Clinical and Pathogenetic - Ed. B: Jain Publisher Pvt. Ltd. - New Delhi, India 1987 9) BURNETT, J. C.: (1897) Disease of the skin, their constitutional nature and cure Third Edition,Reprint Edition 1993, Published by B. Jain Publishers Pvt. Ltd. - New Delhi, India. 10) DEARBORN, F.M.: Disease of the skin. Ed. B. Jain Publishers - New Delhi 1982 11) DUPRAT, H.: Materia Medica Omeopatica - Vol. I - II e III. Ed. Fratelli Palombi Roma. 12) ENJOLRAS, O., RICHE, MC., MERLAND, JJ et Al The management of alarming hemangiomas. Pediatrics 1990; 85: 491-498 13) HERING, C.: Condensed Materia Medica. Ed. J. Publishing Co. - New Delhi, India 1983 14) HERING, C.: The Guiding Symptoms of our Materia Medica - Vol. V - pag. 328 - 343. Ed. B. Jain Publishers Pvt. Ltd. - New Delhi, India, 1986. 15) HODIAMONT, :Trattato di Farmacologia Omeopatica - Omeopatia e Fisiologia - Vol. I. Ed. IPSA - Palermo 1983 16) HUGHES, R.: Cyclopedia of Drug Pathogenesy Vol. I. Ed. B. Jain Publishers Pvt. Ltd. New Delhi 17) HUGHES, R.: Pharmacodynamics. Ed. B. Jain Publishers Pvt. Ltd. - New Delhi 1988 18) JACOBS, AH., WALTER, RG.: The incidence of birthmarks in the neonate. Pediatrics 1976; 58:218-222 19) KENT, J. T.: Materia Medica. Ed. Red - Como 1983 20) KENT, J. T. : Repertory of the Homeophatic Materia Medica Ed. Jain Publishing Co. - New Delhi 21) KOHLER, G.: Compendio di Omeopatia V. II

Ed. Rayner Loaker - Bolzano 1990 22) KUSHNER, B. J.: Treatment of periorbital infantile hemangioma with intralesional corticosteroid. Plast Reconst Surg. 1985; 76:517 - 526 23) LATHOUD, J.A. : Etudes de Matire Mdicale Homopatique. Ed. Franche - Comte Impression 1984 24) MARINI, D., FRERA, S.: Laser terapie degli angiomi: Argon e Dye a confronto. Atti del XXXIV Congresso Nazionale Assoc: Dermatologi Ospedalieri Italiani - Ge 20-23 settembre 1995 25) MULLIKEN, J.B.: Capillary (port wine) and other teleangectatic stains. In: Mulliken JB and Young AC eds. Vascular birthmarks-hemangiomas and malformations. Philadelphia: WD Saunders CO., 1988 26) MULLIKEN, J.B.: Diagnosis and natural history of hemangiomas. In: Mulliken JB and Young AC eds. Vascular birthmarks-hemangiomas and malformations. Philadelphia: WD Saunders CO., 1988 27) OCCELLA, C., BLEIDL, D., RAMPINI, P., RAMPINI, E.: Malformazioni capillari e loro terapia con Dye. Laser. Atti XXXIV Congresso Nazionale Assoc. Dermatologi Ospedalieri Italiani - Ge 20-23 settembre 95. 28) PANCONESI, E.: Manuale di dermatologia. Ed. USES - Firenze 1982 29) PITERA, F.: (1996) Regression of a large "Problematic" infantile Hemangioma with the administration of the Homeopathic remedy Fluoric Acidum. Abstracts da 1a Conferenza Internazionale di Antropologia e Sto ria della Salute e delle Malattie. 3 Colloquio Europeo di Etnofarmacologia. Dipartimento di Scienze Antropologiche - Universit degli Studi di Genova, 29 maggio-2 giugno 1996. Erga Edizioni Genova. 30) PITERA, F.: (1996) Risoluzione di un caso clinico di angioma "problematico." Andros, Rivista Italiana di Studi e Ricerche sulle Medicine Umanistiche. Anno 1, n 1, pp 35-46 Marzo-Aprile 1996. Erga Edizioni, Genova. 31) RADAELI, F.: Malattie cutanee. Ed. F. Vallardi - Milano 1934. 32) RAMPINI, E., OCCELLA, C., RAMPINI, P., BLEIDL, D.,: Terapia degli angiomi problematici con Interferone alfa 2 B. Atti del XXXIV Congresso Nazionale Assoc. Dermatologi Ospedalieri Italiani Ge 20-23 settembre 1995. 33) RONCHI, A., RONCHI, V.: Materia Medica Omeopatica Repertorizzata. Ed. Nuova EraVitinia di Roma 1978. 34) VITHOULKAS, G.: Le Essenze Rubate Ed. OMIT - Omeopatici Italia 1988. 35) VITTONE, P., DE MARCO, R., Problematiche oculari dellangioma infantile perioculare e nella Sindro me di Sturge-Weber. Atti del XXXIV Congresso Nazionale Assoc. Dermatologi Ospedalieri Italiani - Ge 20-23 settembre 95.