Sei sulla pagina 1di 2

Fabrizio Mancini

Politica

PD: ultima chiamata!


Seppur inaffidabile e poco credibile il centro-destra ha sempre difeso gli interessi della sua classe di riferimento. La sinistra invece da troppo tempo assente come dimostrano anche le vicende del governo Monti. Chiusi nei palazzi del potere, oggi incarnare i nuovi valori di sinistra per i post-comunisti appare davvero una mission impossibile.

opo tredici mesi si chiude lera di Mario Monti alla Presidenza del Consiglio. Chiamato per salvare lItalia dal default, ha ereditato dal governo Berlusconi una situazione drammatica. Ci aspettavamo molto da lui e invece i numeri della sua gestione sono impietosi: lItalia ha perso 3 punti di PIL, la disoccupazione salita all11,1% (+2,3%), raddoppiata la pressione fiscale, il ricorso alla cassa integrazione cresciuto del 27,1%, il debito pubblico ha toccato i suoi massimi storici aumentando di 80 miliardi (252 milioni al giorno!) ovvero del 10%, le file davanti ai Centri per lImpiego sono triplicate, i consumi di carburante sono crollati del 14,8%. Numeri drammatici che lo diventano ancora di pi se si pensa che il gettito fiscale, grazie alle nuove tasse che hanno impoverito gli italiani e strozzato i consumi, aumentato rispetto al 2011. TROPPI RACCONTANO che Monti e il suo esecutivo hanno messo in sicurezza i conti dellItalia evitandoci il disastro avvenuto in Grecia. Ce lo hanno raccontato ogni giorno la quasi totalit delle televisioni, la quasi totalit dei giornali, la quasi totalit dei partiti che lo hanno sostenuto in questa breve ma al tempo stessa interminabile e drammatica stagione post-berlusconiana. Ce lo raccontano giornalisti, opinion leader e politici progressisti se non addirittura ex comunisti che hanno da tempo venduto lanima al diavolo tradendo senza appello le fasce pi deboli, che per storia, cultura e sensibilit avrebbero dovuto difendere e rappresentare. Sia chiaro, le responsabilit della situazione nella quale ci troviamo arrivano da lontano ed hanno origini molto complesse. La stagione berlusconiana ha lasciato e lascer cicatrici profonde sul nostro paese. Per questo Monti non pu essere additato come principale responsabile della palude nella quale ci troviamo, ma ha rivelato pochissima sensibilit e una durezza
13 dicembre 2012 / ideocracy

monodirezionale che lo ha reso indigesto e antipatico ai molti cittadini che grazie ai suoi provvedimenti fanno fatica a portare da mangiare a casa. Monti ha mostrato i muscoli con i pi deboli e con le fasce pi indifese. E stato molto timido, titubante e a volte

accondiscendente con i pi forti. I dati ci rivelano che in questo tempo di crisi in Italia come nel resto del mondo i ricchi sono sempre pi ricchi e i poveri sempre pi poveri. In altri termini appare palese che tutti i provvedimenti adottati si scaricano negativamente su determinate classi sociali. Solo la storia dar un giudizio compiuto e definitivo sul governo Monti e ci sveler tutti retroscena e i misteri della sua ascesa a Palazzo Chigi e di quello che, a pensarci bene, potrebbe essere definito come un vero e proprio golpe bianco. Di certo ne lui, ne i suoi ministri sono stati legittimati da un voto popolare. Verrebbe da chiederci in quale altro paese occidentale o democratico sarebbe potuto accadere ed essere tollerato un avvenimento di questo genere. Che Berlusconi abbia fallito la sua missione politica appare del tutto evidente e inconfutabile. Altrettanto lo che Monti abbia salvato gli interessi di pochi e non quelli di tutti gli italiani. La tanto osannata credibilit internazionale, vanto maggiore del governo Monti, esclusivamente dovuta al fatto che le sue politiche economiche hanno messo in sicurezza

(per il momento) la ricchezza ed il benessere dei potenti dEuropa che vedevano nell Italia di Berlusconi una delle criticit che avrebbe potuto affondare il sistema economico e di potere esistente. Monti in tutto e per tutto uno di loro, forse voluto da loro. Se, come si dice, il governo italiano composto da apprezzati economisti, difficile pensare che le loro scelte cos banali, scontate e per niente innovative, siano state determinate da incompetenza. Pi probabile che ogni provvedimento faccia parte di un disegno ben preciso mirato a tutelare gli interessi di pochi. Peccato che tutto ci vada a discapito di molti! Salvare una nazione significa salvare tutto il suo popolo, non salvare il sistema che consente a pochi di arricchirsi al costo di lasciare andare alla deriva i pi. Monti e i suoi ministri hanno svolto nel migliore dei modi la missione per la quale qualcuno li aveva chiamati. Sono stati buoni servitori di loro stessi e dei loro referenti. Stupisce semmai che a sostenerli in Parlamento sia stato il Partito Democratico. COSA SIGNIFICA essere di sinistra in Italia nel 2012 se non difendere i pi deboli? A Enrico Letta (PD), che solo qualche giorno fa ha ribadito la bont del lavoro svolto da Monti, dovremmo consigliare di andare fuori i Centri per lImpiego per rendersi conto della reale situazione nella quale questo esecutivo ha contribuito ha portarci, grazie anche al sostegno dei postcomunisti e dei post-popolari. Che la crisi sia internazionale fuori discussione. Che i rimedi adottati da Monti & Company siano stati inefficaci e dannosi per artigiani, commercianti, piccoli imprenditori, lavoratori dipendenti appare del tutto palese. Per questo difficilmente comprensibile che una giovane esponente del PD sostenga, a Ballar, che lIMU sulla prima casa vada alleggerita ma non tolta, che sarebbe necessaria lintroduzione di una leggerissima patrimoniale e ribadisca che va proseguita se non inasprita la lotta allevasione con lintroduzione della tracciabilit sopra i trecento euro.
Pagina 1

E sconcertante ascoltare Tabacci (candidato alle primarie del centrosinistra) sostenere che per recuperare quote di evasione fiscale necessario mettere in contrasto i cittadini. E badate bene non la sostanza di quanto detto da Tabacci che indigna, poich quella pu essere rispettata se non addirittura condivisa, bens la forma con la quale ha espresso il concetto. Uno Stato pu dirsi realmente forte solo quando ha un governo autorevole e un popolo unito e non quando, come in Italia, ha governi deboli che si augurano un popolo diviso. In molti nel PD e nel centro-sinistra parlano e in molti esprimono idee e ricette antitetiche fra loro. IN QUESTO FIUME di parole attendiamo fiduciosi che qualcuno del PD dica esplicitamente che lattuale lotta allevasione fiscale ha colpito solo i piccoli e non ha toccato i grandi colossi, che Equitalia e il governo Monti stato forte con i deboli e debolissima con i forti! Attendiamo fiduciosi che qualcuno del PD dica una volta per tutte che il sistema fiscale italiano completamente da rivedere e che la lotta allevasione debba essere fatta senza piet nei confronti di tutti solo quando lo Stato metter i propri cittadini nelle condizioni di pagare le tasse in modo equo e sostenibile e che al pagamento delle tasse corrisponda un adeguata erogazione di servizi in linea con gli standard di un grande paese occidentale. Attendiamo fiduciosi che qualcuno del PD dica che imprescindibile lottare con ogni mezzo a livello internazionale per

raggiungere linnalzamento, lequiparazione e luguaglianza dei salari e dei diritti dei lavoratori dei paesi in via di sviluppo a quelli dei paesi occidentali. Dovrebbe essere inaccettabile per una sensibilit di sinistra vedere in TV, solo pochi giorni fa, le immagini drammatiche provenienti dal Bangladesh che ci hanno mostrato due fabbriche di abbigliamento andare a fuoco e in cui circa 200 lavoratori che guadagnavano pochissimi euro al mese hanno trovato la morte poich il palazzo a quattro piani in cui lavoravano era sprovvisto di ogni minima condizione di sicurezza. Perch nel 2012 luguaglianza e i salari devono essere valori e diritti da condividere nel mercato globale. Non possiamo pi accettare di fare circolare merci prodotte da lavoratori sotto pagati e sfruttati. Nel mercato globale anche le regole devono essere globali. Questo non significa essere fautori del protezionismo, bens considerare la realt fuori da ogni ipocrisia e falsit. Tutto ci probabilmente significa essere di sinistra nel 2012. Attendiamo fiduciosi che qualcuno del PD dica che necessaria una forte riduzione delle spese militari, che lesercito deve essere alleggerito e convertito per altre attivit e che la nostra presenza nei teatri di guerra non abbia pi ragione di esistere adesso come in futuro, perch tutti abbiamo capito che la Nato e i Paesi occidentali intervengono soltanto laddove ci siano interessi altri e non come ci vogliono far credere per pi alti scopi umanitari, pacifici o di democrazia. In questo senso lintervento in Libia e lassenza nelle vicende siriane sono i

rovesci della stessa medaglia! LA DESTRA sia essa dal volto umano sia quella reazionaria, ultra-liberale, conservatrici e fintamente cattolica, spesso paladini degli interessi e dei valori di pochi, seppur sgangherata e per molti versi poco credibile non ha mai tradito la sua mission, cosa che invece da troppo tempo capita ad una sinistra poco coraggiosa, molto tattica e chiusa nei palazzi del potere. La sua crisi esistenziale ha lasciato le donne e gli uomini veramente di sinistra senza una credibile rappresentativit come non sono pi rappresentate le fasce pi deboli di questo sconcertante paese, in cui i populisti di turno trovano sempre terreno fertile e in cui una classe di imprenditori e industriali mediocri nei comportamenti e nella visione, spadroneggiano senza opposizione. Per questo la caduta del Governo Monti offre nuovamente al PD lopportunit di dimostrare che una sinistra capace, intrepida, innovativa, non ipocrita e interprete dei nuovi bisogni della gente pu essere la ricetta giusta alla crisi. C bisogno per di una svolta netta e radicale anche rispetto alle ultimissime prese di posizione dei suoi esponenti pi in vista. Una discontinuit con il recente passato, perch mai come in questo momento c bisogno di competenza e di idee veramente di sinistra per risollevarci. I deboli non possono attendere un giorno in pi. Per il PD e per le sinistre italiane arrivata lora dellultimissima chiamata! Bersani se ci sei batti un colpo.

13 dicembre 2012 / ideocracy

Pagina 2