Sei sulla pagina 1di 2

Che cos' questo "Caff"?

Riassunto schematico Prima parte del testo Quando: periodico pubblicato ogni dieci giorni Cosa: argomenti diversi utili per il pubblico Come: ogni stile letterario, purch non annoi il pubblico Fino a quando: fino a che il pubblico lo legger Scopo: trovare una occupazione piacevole per i redattori fare del bene per la patria diffondere informazioni utili e divertenti tra i cittadini Seconda parte del testo L'origine del nome del periodico - Un Greco, stanco della schiavit imposta al suo popolo dai dominatori Ottomani, decide di lasciare il suo paese. Viaggia per varie citt commerciali, tra le quali le Scale del Levante. A Mocha acquista del caff di ottima qualit. Si stabilisce poi in Italia, prima a Livorno, e poi definitivamente a Milano. - A Milano il Greco apre una bottega (cio un locale pubblico) molto elegante, dove si serve dell'ottimo caff. La bottega diventa un luogo di cultura: - Mette a disposizione dei periodici che informano sugli avvenimenti d'attualit; in questo modo gli uomini delle varie citt italiane che lo frequentano possono sentirsi tutti parte di un'unica Europa. - Mette a disposizione un atlante geografico aggiornato. - Varie persone vi si incontrano e discutono su molti argomenti. - Pietro Verri afferma di aver registrato tutti i discorsi e gli avvenimenti che si sono verificati in quel luogo di cultura, e di volerli esporre ora in una rivista intitolata "Il Caff", dal nome del luogo in cui i contenuti della rivista hanno avuto origine. - Il Greco si chiama Demetrio. Ha la fisionomia di un uomo equilibrato, e il suo carattere corrisponde all'aspetto esteriore. Non n troppo serio, n troppo allegro. Ride quando il momento opportuno, ma conserva un portamento dignitoso, che gli deriva dalla sicurezza di rispettare le leggi. L'abito orientale gli conferisce un aspetto signorile. In realt tutti gli abiti orientali sono migliori, sia per comodit che per aspetto, di quelli occidentali. In Europa si cambia moda ogni vent'anni, e chi si veste come nel passato, viene deriso. In Oriente invece le persone si vestono come molti secoli prima, perch se un vestito comodo, non c' motivo di cambiarlo. Verri afferma di invidiare gli Orientali, che indossano vestiti pratici e comodi, mentre gli Occidentali devono sopportare una lunga serie di scomodit dovute alle convenzioni della moda. - Verri riporta il dialogo tra un negoziante, uno studente di filosofia e un curiale: Negoziante: interessato alle caratteristiche commerciali del caff: prezzo e luogo d'origine.

Studente: interessato alle qualit piacevoli del caff: risveglia lo spirito. Curiale: tenta di dimostrare una cultura che non possiede, classificando il caff come legume.