Sei sulla pagina 1di 2

La sottile linea tra birra e vino.

Domenica scorsa ho avuto il piacere di colloquiare amabilmente presso lo stand della Baladin al Merano wine festival con il direttore commerciale dellomonima azienda. Presentandomi come sommelier Ais qual sono, la degustazione si subito diretta verso le 3 birre da divano dellAzienda. Prima di descriverle per un breve incipit: Cosa sono le birre da Divano? Innanzitutto si parla di una birra che ad un primo aspetto non appare tale in quanto non presenta schiuma. Questo fatto mi ha subito incuriosito e mi stato spiegato come una scelta estrema dellAzienda (una delle tante idee geniali del creatore Teo Musso) di non effettuare la seconda rifermentazione. Ci troviamo infatti di fronte a 3 birre che (come il vino del resto... e qui la soluzione dellenigma nel titolo...) effettuano solo una prima fermentazione (per la precisione Alta Fermentazione). Dopo questo passaggio, nessun Priming, nessuna seconda fermentazione, ma solo un invecchiamento che a seconda delle 3 avviene in bottiglia, in barrique o addirittura in botte di whisky. Il prodotto che andiamo a degustare ricorda al sapore una birra di estrema qualit, ma al naso e soprattutto allaspetto va a richiamare tutte le caratteristiche di un vino, dal bouquet aromatico importante, allassenza gi detta di effervescienza, alla corposit e al grado alcolico superiori a quelli delle birre normali (14% in volume). Altra caratteristica fondamentale che accomuna i tre prodotti la macro ossidazione che avviene durante i 2 anni (ebbene s... 2 anni... parliamo anche di millesimo in questa birra, come ogni vino a denominazione...) di affinamento. Ma andiamo a degustare i tre prodotti in maniera un poco pi precisa: La Xiauy 2008 - Riserva Teo Musso La pi semplice delle tre... Invecchiamento solo in bottiglia. La birra limpida e di un colore ambrato carico, le bollicine sono pressoch del tutto assenti. Al naso abbiamo unintensit olfattiva degna dei migliori passiti o vini dal lungo invecchiamento con un bouquet complesso di aromi in cui si esaltano su tutti frutta secca e canditi (per chi fosse Senese come me il richiamo olfattivo al Pan co Santi immediato), spezie accattivanti ed esotiche (cardamomo? macis? ma anche pepe nero), una nota non troppo nascosta di ossidazione che ricorda qualche buon Vin Santo Toscano di una volta (per rimanere in Toscana) che fa da trait dunion a tutta unaltra marea di riconoscimenti che travolge le mucose nasali. Andando ad assaggiare il prodotto abbiamo una conferma della qualit e dellequilibrio di ci che ritroviamo nel bicchiere. Un ingresso intenso con le papille che esplodono estasiate nel trovarsi di fronte a cotanti sapori diversi ed una persistenza che va oltre le normali birre e che molto si avvicina ai grandi vini ossidati e passiti pur rimanendo leggermente spostato sulle parti dure (un leggero altro riposo in bottiglia potrebbe equilibrare il tutto?).

Ci troviamo di fronte come gi detto ad un prodotto di notevole qualit, quasi unico nel suo genere (sicuramente lo in Italia) e Armonico nel suo insieme secondo i canoni della degustazione Ais. Abbinamento: Sacher Torte (per riequilibrare la nota dura), o dolci con parti importanti di cioccolato, ma non troppo amaro. La Xiauy Barrel 2008 - Riserva Teo Musso Ci troviamo di fronte ancora ad un grandissimo prodotto, uguale, ma diverso. Qui abbiamo un invecchiamento in barrique che apporta ulteriori sentori al naso (cannella, chiodi di garofano...) che addolciscono il tutto spostando il livello della qualit un gradino (seppur lieve...) pi in alto... Ulteriori riconoscimenti possono essere il dattero maturo, miele di castagno e sulla per una rotondit maggiore ed un equilibrio che anche in bocca si sposta verso la perfezione. Altro grandissimo prodotto, seppur nella sua particolarit. Abbinamento: Sicuramente perfetto per il dopo pasto, ma io rischierei anche labbinamento con grandi formaggi erborinati o soprattutto con ricette con dosi non eccessive di Foie Gras. La Xiauy Fum 2008 - Riserva Teo Musso Ecco... cosa dire se non Pazzo a chi prova ad invecchiare una birra in botti di Laphroaig usate (per chi non fosse un amante del Whisky, uno dei prodotti pi riconoscibili al mondo con il suo sentore iodato e di torba unico e sconvolgente per i palati non allenati...). Ebbene, assaggiate questa birra ed inchinatevi alla Pazzia... Per chi ama i sentori tipici dei Whisky delle Islay un Must. Ulteriori riconoscimenti che incredibilmente esplodono al naso, ma soprattutto in bocca; di nuovo lamaro, ma quello della torba e dello iodio, del sale marino, che tornano ad aggredire il palato dopo il primo solito arcobaleno di sensazioni. Solo per intenditori e per amanti delle sensazioni estreme. Abbinamento: Caminetto acceso e sigaro Toscano.... ;-) Una breve considerazione: Stiamo parlando di birre estremamente particolari, non tutti saranno daccordo con i miei giudizi, sicuramente qualcuno riterr anche che tali prodotti non siano classificabili come birre, ma poco importa, considerateli come vi pare, ci troviamo di fronte a qualcosa che rispecchia in pieno la volont di sperimentazione dellazienda. Ed infin dei conti, visto ci che voleva ottenere lazienda, a dei prodotti ottimamente riusciti e di qualit superiore. Per chi volesse approfondire, sul mio blog (www.congliocchidellatigre.it) potrete vedere nei prossimi giorni le schede delle tre degustazioni (in realt basandomi sulla memoria olfattiva e gustativa delle mie povere papille gustative e dei miei recettori nasali oltremodo sollecitati alla fine di quella lunga giornata degustativa) eseguite col metodo del Bacco Notes da me inventato e registrato.