Sei sulla pagina 1di 16

In comune

E D I Z I O N E P E R L U N I T R E U N I V E R S I T A D E L L E T R E E T A D E L L A

Linformazione del cittadino

P E N I S O L A

S O R R E N T I N A

Anno 19 n. 1

Autorizz. Trib. Torre Annunziata del 19-03.1994 Propriet e Direzione Responsabile di Mariacarmela Esp osito

Gennaio 2013

DEMOCRAZIA COME PARTECIPAZIONE


indirizzano quelli della massa. A questa potenziale classe dirigente senza cariche pubbliche appartengono tutti quelli che in qualche modo presentano di se stessi unimmagine che attira lattenzione e che per questo non solo sono giudicati ma costituiscono un esempio. La democrazia c dove c partecipazione. Sentirsi parte del tutto che la comunit non significa soltanto esercitare dei diritti ma anche osservare dei doveri e chi di fatto appartenente alla classe dirigente perch un professionista, un datore di lavoro, un insegnante, un burocrate, uno scrittore, un attore, un genitore, ha anche dei doveri; il primo dei doveri dare lesempio di cittadino osservante delle leggi, quelle scritte e quelle non scritte ma condivise. Ci sono anche norme di civilt non condivise ma che andrebbero affermate per migliorare la societ. E questo compito della classe dirigente che non soltanto quella che comanda. La qualit della vita di una comunit dipende non solo dalla qualit dei servizi e dei modi di vivere ma anche dai comportamenti della classe che dirige ed indirizza, sia con lesercizio di un compito specifico sia con i suoi privati comportamenti che sono osservabili e possono essere condivisi. Insomma se le cose vanno male, proviamo a cambiarle e tutti ci possiamo provare nel nostro piccolo: quando andiamo a passeggio, quando facciamo la spesa, quando guidiamo, quando votiamo. (Vincenzo Esposito)

2012 LANNO EUROPEO


DELLANZIANO ATTIVO

LA CONDIZIONE DEGLI ANZIANI IN EUROPA IL BENESSERE IN TERZA


ET

IL DIALOGO FRA LE ET LA CONOSCENZA E LA DIFESA DELLAMBIENTE LIMPEGNO SOCIALE DELLUNITRE PARTECIPARE PER CAMBIARE

Docenti Universitari al Forum Filippo Cavolini tenutosi a Vico Equense sulla Biologia marina ed Ecologia, il 9 e 10 novembre

Da quando sono nate le comunit sociali, piccole o grandi che siano, hanno bisogno di una classe dirigente, cio di persone che assumano la responsabilit di governare e di indirizzare la vita della comunit. Alcune di questa classe si offrono di governare e sono scelti per la fiducia che ispirano; gli altri restano comunque punti di riferimento e con i loro comportamenti

LE ATTIVIT E GLI EVENTI


NELEL SEDI SORRENTINE

PALESTRA DEI LETTORI

LUnione europea incoraggia e promuove le iniziative

LUNITRE come comunit dintenti


NellUnitre abbiamo creato una comunit in cui c unit dintenti fra organizzatori, docenti e studenti: tenere il fisico e la mente attivi ma esercitarsi ad essere cittadini attivi. Ci si diverte, si apprende si riflette sul sapere acquisito. Esso deve servire a vivere meglio, serenamente ma con curiosit e capacit di riflessione. La conoscenza serve per meglio curare i propri acciacchi, per condividere esperienze con gli altri, per migliorare i rapporti col prossimo, per capire il mondo che ci circonda, per aver migliore cura del vivere civile. Le nostre maestre di arte e mestieri sanno che la loro funzione non solo di insegnare a fare qualcosa di utile ma anche come rapportarsi con gli altri. I nostri docenti di discipline sanno che il loro compito non solo di dare informazioni ma aiutare a capire gli eventi e a prendere decisioni che aiutino a vivere meglio con gli altri. (V.E.)

delle autorit pubbliche dei suoi Stati membri a livello nazionale, regionale o locale a condurre azioni a favore della solidariet e della cooperazione tra le generazioni.

LUnitre Sorrentina conclude a Massa Lubrense lAnno Europeo dellAnziano Attivo


16 dicembre ore 19 al Bar Di Sarno - Serata speciale con lUNICEF
I soci dellUnitre di Massa Lubrense si danno appuntamento al Bar Di Sarno in Via Filangieri, 2 per Domenica 16 dicembre ore 19 per una serata conviviale e di solidariet a coronamento e conclusione dellAnno Europeo dellAnziano Attivo. Sono invitati il Sindaco e la Giunta di Massa, la Presidente UNICEF della Campania, i presidenti dei club e associazioni locali. Ci si scambieranno gli auguri di Natale e le socie che hanno confezionato le Pigotte (bambole di pezza) consegneranno allUNICEF come ogni anno il ricavato delle offerte. Il presidente dellUnitre Sorrentina prof. Vincenzo Esposito consegner attestati di benemerenza in riconoscimento del loro impegno assiduo, per circa un quindicennio, a coordinatrice culturale e docenti. Con un attestato di benemerenza alla memoria sar ricordato il compianto sindaco Alfonso Gargiulo che, comprendendo limportanza della promozione sociale e culturale dellUnitre, le dette la possibilit di usufruire dello spazio utile a svolgere le sue attivit come gi avveniva in altri comuni della Penisola.

Le iniziative a favore dell'invecchiamento attivo dovrebbero contribuire a far s che gli anziani rimangano pi a lungo nel mercato del lavoro, conservino la loro salute e conducano una vita attiva il pi a lungo possibile.
invecchiamento attivo : avere di pi - e non certo di meno - dalla vita quando si va su con gli anni, sia sul lavoro, che a casa, che allinterno della propria comunit locale.
L'Anno europeo 2012 ha avuto lo scopo di contribuire a far s che gli anziani rimangano pi a lungo nel mercato del lavoro, conservino la loro salute e conducano una vita attiva il pi a lungo possibile. Infatti, l'Unione europea (UE) si trova ad affrontare un rapido cambiamento della struttura demografica e deve affrontare le conseguenze dell'invecchiamento della popolazione sulle finanze pubbliche e sulla protezione sociale. Le iniziative a favore dell'invecchiamento attivo dovrebbero contribuire ad affrontare tali sfide. LUniversit delle Tre Et UNITRE alla testa delle associazioni di volontariato sociale che svolgono questo ruolo. La sua presenza in Penisola Sorrentina dal 1995 ha significato la valorizzazione di competenze di centinaia di professionisti e di artigiane che hanno trasmesso e trasmettono conoscenze ed esperienze a numerosissime persone che frequentano le sedi in penisola. Esse occupano il loro tempo libero avendo cura di se stessi in attivit di apprendimento e di esercitazioni; imparano a prendersi cura degli altri acquistando soddisfazioni, serenit, passione.

NELLUNITRE LA SOLIDARIETA FRA LE GENERAZIONI


LUnione Europea, proclamando il 2012 Anno europeo dellanziano attivo ha voluto promuovere con l'invecchiaEsposizione del laboratorio di arte nella sede di Piano di Sorrento mento attivo la solidariet tra generazioni. L'Unione si trova ad affrontare un rapido invecchiamento della sua popolazione e una riduzione del tasso di natalit. Pertanto necessario accrescere le possibilit di impiego e migliorare le condizioni lavorative dei lavoratori anziani per tutelare la solidariet tra le generazioni, ma anche per migliorare la loro inclusione nella societ e favorire un invecchiamento sano, tenendo conto della parit di trattamento tra donne e uomini.

Pagina 2

La condizione degli anziani in Europa


Uno studio sui nonni europei
Oltre 5.500 nonni di et compresa tra 60 e 85 anni hanno preso parte a uno dei pi vasti studi basati sull'osservazione in Europa, che ha mostrato come gli europei passino pi tempo con i propri nipoti, e che superati i 70 anni il nonno inizi ad assumere un ruolo sempre pi importante. Questa la conclusione di una ricerca, Indagine su salute, invecchiamento e pensioni in Europa , che ha studiato i nonni in 11 paesi europei: Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Svezia e Svizzera. Lo studio condotto da Knud Knudsen, un professore di sociologia all'Universit di Stavanger (UiS) in Norvegia, ha scoperto che i nonni sembrano essere maggiormente coinvolti rispetto al passato. Mentre le nonne sono pi coinvolte con i loro nipoti quando una coppia pi giovane; questa disparit di sesso gradualmente cambia con il passare degli anni. Il professor Knudsen dice che "Probabilmente vedremo pi nonni passare il loro tempo con i loro nipoti. La base per esercitare questo ruolo pu tuttavia differire tra i due sessi. Per entrambi un vantaggio avere un compagno di vita al loro fianco. Ma i nonni dipendono maggiormente da questa presenza rispetto alle nonne quando si tratta di interpretare il loro ruolo di nonni. Questo accade perch un nonno che ha ancora accanto la propria moglie, ha maggiore facilit a prendere parte alla vita dei propri nipoti." Nello studio si nota che sia il cambiamento sociale che quello demografico sono alla base del notevole coinvolgimento dei nonni con i loro nipoti. Il risultato che tre generazioni condividono come mai prima una parte maggiore delle loro vite. La ricerca conclude che le differenze tra i paesi europei nello studio sono piccole, e questo di per s significativo.
(Cordis.europa.eu)

ALLUNITRE IL CIBO PER LA MENTE. IL GUSTO DELLA CONOSCENZA DEL FARE DELLIMPEGNO SOCIALE INSIEME AL GUSTO DEL CIBO PER IL CORPO

La migrazione degli anziani tedeschi


Sempre di pi in Germania le famiglie decidono di affidare i proprio anziani a strutture dellest Europa, in Slovacchia, Repubblica Ceca e Ungheria, ma a volte anche in Spagna e in Thailandia. Questo trend dovuto dai costi minori proposti dalle strutture dell'Est europeo una retta mensile di una casa di cura in Germania pu arrivare fino ai 2900 euro al mese. A peggiorare la situazione la crisi economica, il congelamento delle pensioni imposto dal governo e la crescita delle persone che fanno ricorso alla copertura sociale delle spese per lassistenza sanitaria. A essere preoccupati di questa migrazione sono soprattutto i direttori delle strutture in Germania, che temono la concorrenza internazionale. Ma non solo. Anche psicologi e sociologi mettono in guardia dal rischio che le famiglie tedesche comincino a mandare i parenti anziani e non autosufficienti allestero, dimenticandosene. Andr a trovare mia madre in Slovacchia ogni 3 mesi in futuro. Non la dimenticher- spiega, giustificandosi, il figlio di una malata di demenza senile trasferita in una struttura dellEst. Le persone colpite da questo tipo di malattia non hanno il nostro stesso concetto di tempo. Ai loro occhi non fa differenza se la vediamo ogni tre giorni o ogni tre mesi. (IlJournal.it)

Alzheimer: ricerca americana per una diagnosi precoce


Un team di ricercatori del Banner Alzheimers Institute in Arizona, della Boston University e della University of Antioquia, guidati da Eric Reiman, hanno messo a punto un test del DNA per scoprire, a 20 anni, se ci si ammaler di Alzheimer. I ricercatori hanno studiato 44 persone di et compresa tra i 18 e i 26 anni: 20 portatori di una spia genetica (PSEN1) collegata allAlzheimer familiare, quello ereditario, e 24 non portatori. Lo studio americano ha scoperto che i soggetti predisposti alla malattia (i portatori del gene mutato) presentano gi in giovane et alcune caratteristiche nellattivit e nella composizione del cervello. I ricercatori hanno sottoposto i soggetti a diversi esami scoprendo che circa il 30% del campione - tutti soggetti senza segni clinici della malattia - aveva nel patrimonio genetico la mutazione di PSEN1 e con ogni probabilit destinato a sviluppare la malattia neurodegenerativa in un'et insolitamente giovane, collocata intorno ai 45 anni. Non tutte le forme di Alzheimer hanno un'origine genetica e soprattutto un'insorgenza cos precoce. Nella maggior parte dei casi, infatti, l'Alzheimer si presenta in tarda et. Tuttavia lo studio apre comunque una prospettiva di cura alternativa, considerato che nella maggior parte di caso le cure farmacologiche intervengono quando la malattia ha gi fatto i danni maggiori al sistema nervoso. Lo studio aiuter a porre le basi per la valutazione dei trattamenti di prevenzione della forma ereditaria di Alzheimer spiega Adam Fleisher del Banner Alzheimer's Institute in Arizona e possono aiutarci nella comprensione delle prime fasi dell'Alzheimer che compare in et avanzata, che anche la pi diffusa. (IlSole24ore.com)

Pagina 3

Il benessere in terza et

Un'attivit fisica regolare potrebbe aiutare i pi anziani a ridurre le probabilit di soffrire di demenza. A sostenerlo, un nuovo studio condotto dallUniversit di Lisbona, Ospedale Santa Maria, pubblicato sulla rivista scientifica dellAmerican Heart Association Stroke. Lo studio ha mostrato che gli anziani non disabili che regolarmente facevano esercizio fisico riducevano il rischio di malattie legate alla demenza vascolare del 40 per cento e il peggioramento cognitivo del 60. L'effetto protetti-

vo dell'attivit fisica avveniva al netto dell'et, dell'istruzione e dei cambiamenti della materia bianca cerebrale, oltre che della storia diabetica o cardiovascolare del soggetto. "Noi suggeriamo fortemente una attivit fisica di moderata intensit di almeno 30 minuti tre volte alla settimana per prevenire il degrado cognitivo", ha spiegato Ana Verdelho, fra gli autori della ricerca. Lo studio ha coinvolto 639 persone di et compresa fra 60 e 80 anni che praticavano per almeno 30 minuti al giorno,

tre volte alla settimana, ginnastica, una camminata oppure un p di movimento in bicicletta. Durante il periodo di studio, i partecipanti sono stati seguiti con delle indagini periodiche sulle abitudini e sulla qualit della vita, e monitorati attraverso la risonanza magnetica per immagini, per osservare gli eventuali cambiamenti nella materia bianca del cervello, un indicatore del decadimento cognitivo. (Agi)

i prodotti agricoli di qualit


Intendiamo sensibilizzare l'opinione pubblica sullimportanza della partecipazione degli anziani alla societ e all'economia, attraverso la promozione dell'invecchiamento attivo

Secondo dati recenti, i prodotti biologici made in Italy (soprattutto ortofrutta e cereali) sono sempre pi ricercati nei mercati esteri, ma i terreni destinati allagricoltura stanno diminuendo drasticamente. La figura del contadino non pu pi essere quella di 20 o 40 anni fa. Bisogna mantenere i saperi e le conoscenze tradizionali e far s che entrino a far parte del

bagaglio di chi vuole entrare in agricoltura, ma occorre abbandonare quel modello produttivo. Le nuove aziende agricole hanno bisogno di conoscenze degli aspetti di ripercussioni ambientali di un certo modello produttivo, di nuove competenze, per esempio per approcciarsi al biologico. Inoltre unazienda che guarda al futuro ha bisogno di essere multifunzionale e cio essere in grado di

sviluppare meccanismi di vendita diretta, di creare rapporti con i Gruppi dAcquisto Solidale e deve saper implementare nuove forme di distribuzione o di trasformazione dei prodotti. Il nuovo contadino deve essere un intellettuale della terra. Qui da noi si fanno corsi di formazione per modelle e per parrucchieri e non per giovani agricoltori per una produzione naturale. (redazionale)

NUOVE SOLUZIONI PER IL SOSTEGNO ALLE PERSONE ANZIANE


LUNITRE Sorrentina intende realizzare Il progetto "Sostegno alle persone anziane mediante ladozione di soluzioni innovative, che ha come obiettivo generale la promozione dellinvecchiamento attivo, avvicinando le persone anziane alle nuove Tecnologie di Informazione e di Comunicazione (TIC) mediante lutilizzo di strumenti informatici adeguati alle loro competenze e capacit. A tale scopo si rivolge a esperti e professionisti informatici volontari disposti a prestarsi come tutor (quale figura di supporto delle persone anziane). Ad essi si spera di affiancare persone anziane attive per coinvolgere nel progetto quelle non attive ma desiderose di partecipare al progetto. Esso sar attuato iniziando da una delle sedi operative della Penisola ove si avranno le adesioni. Mediante gli incontri con i tutor, gli anziani acquisiranno le specifiche competenze informatiche sui dispositivi con lo schermo tattile. Le persone anziane attive, coinvolte nel corso di formazione, una volta terminato, diventeranno anche loro i tutor delle persone anziane non attive, alle quali trasmetteranno quanto appreso nella prima fase del progetto. Da una parte le persone anziane verranno avvicinate alle nuove tecnologie, dallaltra saranno create le reti di conoscenze tra i pari, per superare lisolamento e la solitudine.

Pagina 4

In comune, anno 18 n.3


Life Story Challenge e Dialogo fra TRE Et
Conosci una persona eccezionale? Una persona interessante, gentile, amabile, coraggiosa, matta, insuperabile, altruista o generosa e che continua a vivere la vita appieno? Crea un Racconto di vita su qualcuno di tua conoscenza, usando foto e aneddoti che hai raccolto: racconta la storia della sua vita e cosa stia facendo attualmente. Il Challenge si svolge nell'ambito dell'Anno europeo 2012 dedicato all'invecchiamento attivo e alle relazioni fra persone di generazioni diverse. Invecchiamento attivo significa invecchiare in buona salute, partecipare appieno alla vita della societ, sentirsi pi realizzati nel lavoro, essere pi autonomi nel quotidiano e pi partecipi come cittadini. Invecchiando, le persone possono svolgere un ruolo estremamente importante nella famiglia, nella societ e sul lavoro. LUNITRE SORRENTINA ATTENDE DAI SUOI SOCI LE STORIE DI VITA DA PUBBLICARE

Invitiamo i giovani e adulti a partecipare alle attivit che svolgiamo nllUnitre. Voglianmo rompere gli stereotipi intergenerazionali e incoraggiare le persone a trascorrere pi tempo con membri del vicinato appartenenti a unaltra generazione per condividere conoscenze e competenze, per conoscersi lun laltro; per sensibilizzarsi e sensibilizzare sul tema della diversit e sul concetto di invecchiamento attivo.

Il tombolo di Massa L.

LEsperienza UNITRE da Torino allItalia intera


LUniversit della Terza et attiva in Italia dal 1975. Allepoca a fare da apripista nazionale era stata Torino e il modello europeo era quello francese. Negli anni nulla cambiato alla base dellorganizzazione: lintenzione di incrementare le possibilit di arricchimento culturale e favorire la condivisione degli interessi attraverso la socializzazione sempre valida. Per iscriversi bisogna aver compiuto i 18 anni e compilare un modulo da ritirare presso la segreteria dellUNITRE attiva in ogni comune della penisola sorrentina. LUNITRE si basa interamente sul volontariato, a cominciare dai docenti, perch questa istituzione senza scopo di lucro. Il costo della tessera copre le spese di assicurazione di affiliazione e di gestione. Tra gli iscritti, secondo una ricerca, a fare la parte del leone sono le donne, il cui numero tre volte superiore a quello degli uomini. Ci deriva soprattutto dal fatto che le donne sono pi vivaci e curiose intellettualmente. Altre possibile spiegazioni possono essere che le donne vanno prima in pensione, che le casalinghe hanno possibilit di modulare pi liberamente gli orari delle loro giornate. Non va sottovaluta purtroppo nemmeno il dato che le vedove sono di pi dei vedovi.
A GIOVANI ED

Impegnare il tempo in forme di arricchimento culturale un fattore estremamente positivo sia dal punto di vista individuale, ma anche e soprattutto sociale, perch quanto pi la cosiddetta societ civile formata da persone che curano ed alimentano il proprio aggiornamento culturale, pi ne beneficia la societ nel suo complesso.

ANZIANI I MEDICI CONSIGLIANO: TENERE IMPEGNATA LA MENTE FARE ESERCIZIO FISICO CURARE I RAPPORTI SOCIALI SCACCIARE LE PREOCCUPAZIONI

Il restauro di Franchetiello

Pagina 5

La conoscenza e la difesa dellambiente


Il FORUM F.Cavolini concluso con successo a Vico
Si concluso il 10 Nov. a Vico Equense il Forum di Biologia marina e di Ecologia dedicato allo scienziato Filippo Cavolini, organizzato dall'Unitre, e dal locale Istituto IPSSEOA diretto dal Dirigente prof. Armando Izzo, col patrocinio morale della Regione Campania, di numerose Organizzazioni ed Enti nazionali e locali, tra cui la Lega Italiana per i Diritti dell'Uomo e con il patrocinio dell'Amministrazione comunale. Molto apprezzata lospitalit e lorganizzazione curate dalla prof. Pulzella dellIstituto ospitante e dal comitatoorganizzativo dellUnitre. Al Forum avevano aderito numerose organizzazioni del settore, regionali e nazionali, alcuni istituti scolastici della Penisola Sorrentina, le universit degli studi di Napoli, l'IREDA istituto Reg. di didattica ambientale, la Stazione Zoologica A. Dohorn e la Lega Navale, della quale stata apprezzata la mostra fotografica. Al Forum, al quale hanno presenziato, tra gli altri, il Comandante della Capitaneria di Porto e la Procura di Torre Annunziata, hanno dato il contributo di conoscenze e di proposizioni, professori universitari delle facolt scientifiche di Napoli e professionisti rappresentanti di varie organizzazioni ambientaliste, e il dott. Marco Gargiulo con le sue splendide diapositive del Banco di Santa Croce. I lavori sono stati diretti, oltre che dal presidente dell'Unitre prof. Vincenzo Esposito, dal prof. Giovanni Fulvio Russo ordinario della Cattedra di Biologia marina dell'Univ. Parthenope, dal prof. Elio Abatino dellIREDA. e dal prof. Giovanni Aliotta dell'Univ. Federico II. Vanno citate per il notevole contributo dato alla formazione dei giovani e alla conoscenza dei problemi che il Forum intendeva evidenziare, le relazioni dei prof. universitari E. Abatino, Giov. Aliotta, Aldo Tortorelli, Ilda De Crescenzo, G. Fulvio Russo, Valerio Zupo, del bioplogo dottor Vincenzo Cuomo, dell'ing. Vincenzo Landi Presidente dell'Ist. It. di Geologia e Ingegneria, del dott. Antonio Miccio direttore dell'Area protetta di Punta Campanella, del dott. Rosario Santanastasio referente nazionale dell'ass. Marenostrum di Archeoclub, del geol. Gaetano Sammartino, presidente SIGEA Campania e Molise, del dott. Giovanni Serrelli dirig. gen. INAIL a r. del dott. Raffaele Raimondi pres. on. della Cassazione, dellavv. Umberto Morelli, legale di diritto amministrativo e del dott. Alessandro Bifulco, medico sorrentino particolarmente esperto per il trattamento dei rifuti liquidi. E intenzione dellUnitre Sorrentina dare una cadenza biennale al Forum e realizzare in contin uit studi sui suoi argomenti con laiuto degli insigni studiosi parteci-

Nel Forum dedicato allo scienziato sorrentino Filippo Cavolini sono state esaminate le problematiche del nostro mare da esperti e scienziati. E stata notata lassenza dei politici. Le critiche non vanno definite antipolitica ma supplenza allassenza ingiustificata di chi pagato per fare politica.

LA MOZIONE FINALE DEL FORUM

Pagina 6

In comune, anno 18 n.3


LIMPEGNO SOCIALE DELLUNITRE SORRENTINA
IL laboratorio di "sociologia locale" istituito dall'Unitre della Penisola Sorrentina a Vico Equense ha per scopo lo studio di situazioni e problemi riguardanti il territorio della Penisola Sorrentina. Esso si studia di individuare gli aspetti rilevanti che attengono alla qualit della vita sul territorio, di rilevare i problemi e di sottoporne le soluzioni agli enti preposti. Il Laboratorio si avvale, per la pubblicazione dei suoi studi, del foglio di informazioni "In Comune" messo a disposizione gratuita dalla proprietaria e direttrice responsabile Marica Esposito e del segretariato per la trasparenza e l'efficienza amministrativa che emanazione dell'Unitre ed ha lo scopo di contribuire con criteri di solidariet sociale all'attuazione dei principi di economicit, di efficienza e di pubblicit di cui all'art. 1 della legge n.241 del 1990 nonch di contribuire all'istruzione dei soci Unitre alla funzione amministrativa e alla vita sociale in modo attivo e partercipativo.

I ricami del laboratorio di Maria Beltotti

IL CENTRO CULTURALE MULTIMEDIALE DI VICO EQUENSE


Il Centro Multimediale nel quale i cittadini di et superiore ai sedici anni possono utilizzare, gratuitamente e senza obblighi di appartenenza allassociazione, attrezzature informatiche, archivi, database per informazione, comunicazione in rete e studio operante nella sede Unitre di Vico Equense. Il regolamento prevede che, il Centro consenta e organizzi lo studio, la ricerca, la pubblicazione di opere di interesse locale nel campo storico, archeologico, antropologico, sociologico, artistico, paesaggistico e quantaltro possa contribuire alla conoscenza e allelevazione della qualit dellambiente sociale. Si offre alle persone di cultura o che si vogliono accostare ad essa, lopportunit di studiare, organizzare e realizzare eventi ed iniziative atte a sviluppare nella popolazione equense la coscienza civica e lapertura al mondo esterno, in ogni forma e modalit di valida espressione. Liniziativa merita accoglienza ma la pi ampia partecipazione ancora da venire

Chi fa cultura non invecchia, attiva la mente, arricchisce i sentimenti e la ragione, procura e riceve bene. Vogliamo che le persone di ogni et vivano bene e realizzino il proprio potenziale in tutti gli aspetti della loro esistenza.

A gennaio riapre a Vico il laboratorio di autobiografia


A causa della scomparsa del suo direttore prof. Bruno Schettini, il Centro laboratoriale di Autobiografia ha subito una forzata sospensione. Grazie alla disponibilit del suo allievo e collaboratore dott. Eugenio Barba, a gennaio 2013 sar ripresa lattivit. Tutti coloro che vogliono provare a scrivere memorie, diari, racconti della propria vita o della famiglia o del paese, sono invitati a dare il proprio nome telefonando al n. 0818798510. La scrittura autobiografica si lega anche allapprendimento della scrittura al PC. Pertanto si consiglia di munirsi anche di portatile. Ovviamente pu bastare anche un quaderno e una penna. Sono disponibili copie del volume Navigando nei ricordi che riporta i racconti autobiografici raccolti nel Laboratorio dal prof. B. Schettini negli anni scorsi. Il volume viene ceduto a prezzo di costo (10,00). Sono cedute gratuitamente ai soci copie de I Quaderni dellUnitre fino ad esaurimento delle scorte
Pagina 7

Partecipare per cambiare


QUI SIAMO INTERPRETI DEL DISAGIO SOCIALE
LA QUALITA DELLA VITA della popolazione sorrentina sta subendo molti duri colpi a causa della congiuntura economica ma anche per la scarsa attenzione che si pone alla difesa dellambiente e allefficienza dei servizi sociali. Vogliamo dare qui soltanto un accenno ai problemi che attualmente sono sotto la nostra attenzione e che ci procurano disagi . 1) La mobilit. La crisi del trasporto locale fa subire costi insostenibili a tutte le famiglie e agli operatori turistici. Dagli enti pubblici che hanno lonere di garantire il diritto alla mobilit , nessuna notizia, nessun intervento, niente di niente. A Napoli, quando scioperano i mezzi pubblici escono subito i privati abusivi che provvedono a soccorrere i viaggiatori lasciati a terra. E larte atavica dellarrangiarsi. Da noi non c neanche questo. Eppure i sindaci, con tutte le ditte di trasporto che ci sono qui da noi, potrebbero pure organizzare corse in supplenza. Ci dicono che le leggi non lo consentono. I diritti costituzionalmente protetti , al lavoro, allo studio alla libert di movimento, non valgono niente in questo paese. 2) I servizi postali. Dire che le poste non funzionano poco. Le poste italiane sono ormai inutili. LAmministrazione postale avrebbe deciso di chiudere gli uffici nelle borgate (sono quattro). Perch non chiude anche quello del capoluogo che illegale per le condizioni in cui lavora il personale e per la mancanza di spazio per gli utenti? Non parliamo della consegna della posta. Una lettera Vico per Vico ha impiegato 20 giorni. I postini per non caricarsi di libri compilano preventivamente la cartolina con linvito a ritirare il pacco nellufficio postale. 3) I servizi per i diversamente abili A dir poco languono. Il Piano di zona doveva, secondo il legislatore, ottimizzare lefficienza e ridurre i costi. Il Piano di Zona diventato un fantasma e lallontanamento di qualche comune ha peggiorato le cose. Perch i nostri politici dei comuni sorrentini non provano a dialogare fra loro e trovare forme corrette, trasparenti e d economiche per la gestione dei servizi? 4) I servizi sanitari . Quante strutture sanitarie abbiamo in Penisola? Ormai sono tutte sguarnite di personale di attrezzature di materiale sanitario di professionalit. Se si chiama il 118 si spera di essere trasportati il pi lontano possibile . E come per gli uffici postali. Possiamo avere un ospedale che funzioni almeno come pronto soccorso? 5) La connessione in rete. Ormai anche i comuni pi retrivi e piccoli offrono agli abitanti la connessione in rete gratis, almeno nella piazza principale. La Penisola per il turismo avrebbe dovuto farlo da tempo. I sindaci lo sanno che esiste internet per comunicare e apprendere?

conferenza

Se smetti d'imparare incominci ad invecchiare. Non invecchiare, continua ad imparare.

LEFFICIENZA DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI


Nuovi stili di vita nelle pubbliche amministrazioni Decine di amministrazioni comunali sparse in tutta Italia sono impegnate a dare vita a un coordinamento nazionale, allo scopo di mettere in comune esperienze, progetti e idee riguardanti pratiche di politica energetica e ambientale che dovrebbero essere diffuse su tutto il territorio italiano. L'esperienza dei "comuni virtuosi" dimostra che intervenire a difesa dell'ambiente non solo e' necessario per salvaguardare il pianeta in cui tutti viviamo (ricchi e poveri, superpotenti e sfruttati, multinazionali del dolore e municipi di pace), ma pu diventare una straordinaria opportunit di risparmio e rilancio economico, a maggior ragione nello stato attuale in cui versano i conti della Pubblica Amministrazione. Da noi si vocifera che i sindaci sorrentini stiano progettando ununione dei comuni per alcuni servizi. Il fascismo una buona cosa laveva fatta: la fusione dei comuni della piana: Sorrento, SantAgnello, Piano e Meta. Legoismo dei politici nel 1946 porT di nuovo alla separazione. I sindaci attuali e i loro consiglieri passerebbero alla storia e meriterebbero un monumento se avessero il coraggio di tornare alla situazione degli anni trenta. Ci darebbero servizi pi efficienti e noi risparmieremmo sulle tasse. Speriamo che riescano almeno a mettere insieme le poche risorse per recuperare carenze insopportabili.

I giovani con padri e nonni alle passeggiate dellUnitre

Pagina 8

In comune, anno 18 n.3


GLI AUGURI DI BUON NATALE DEL PRESIDENTE UNITRE

"La lettura una forma di amicizia, la

Agli auguri del presidente si associa la direttrice e la redazione di In comune


LE NOSTRE GITE Le gite Unitre sono proverbiali per laccuratezza organizzativa e per le destinazioni, pienamente coerenti alle sue finalit. Cosa le caratterizza: leconomicit, la puntualit degli orari e della realizzazione del programma, la signorilit,

pi sincera, perch con i libri non ci sono convenevoli.

cordialit e gioiosit dei partecipanti, la sapiente scelta dei pasti, abbondanti e gustosi, limpronta culturale. Per dare sempre un contenuto di informazione e di acculturazione, le gite sono momenti di svago ma anche di conoscenza. Per tale motivo non si va dove propongo-

no le agenzie turistiche ma dove pi interessante la scoperta ed pi facile soddisfare il bisogno di serenit e di approfondimento. Oltre le gite si organizzano visite guidate di una o mezza giornata con guide specializzate a mostre e luoghi interessanti

Se trascorriamo la serata con loro perch ne abbiamo veramente desiderio" (Marcel Proust)

I nostri laboratori darte e mestieri di eccellenza


Segnaliamo qui i corsi pi frequentati.

A Piano di Sorrento: Bricolage, ceramica, pittura A Meta Artigianato locale A Vico Chiacchierino, Ricamo, Maglieria e Uncinetto Drammatizzazione: Piano-

di Sorrento e Vico Equense CICLO BENESSERE A Massa Lubrense, ginnastica dolce con musica A Sorrento, palestra A Piano di Sorrento, yoga A Vico Equense, ciclo benessere psicofisico e dinamica di gruppo
Pagina 9

A Massa Lubrense: Tombolo, maglieria, ricamo, cucito, pittura su stoffa e vetro, arte culinaria, pasticceria A Sorrento: Laboratorio di pittura su stoffa

Le attivit programmate nelle sedi operative


MASSA LUBRENSE
Luned: arte culinaria e pasticceria (Grazia Casa e Mario Di Fiore) Marted: Tombolo (Maria Luisa Gargiulo) Mercoled: Maglieria (Erminia Morvillo) Gioved: Ricamo (Assunta Fiorentino) Welcome to Massa, inglese (Prof. Giuseppina Rossi Falcone) Piccolo cucito (Luisa Palomba e Giuseppina Cocurullo) Ginnastica (Anna Maria Terminiello) Venerd: Lingua Russa (Bela Shulaeva e Rosaria Visetti quale mediatrice culturale) Uncinetto (Cristina Ruocco) Sabato: Pittura su stoffa e vetro (Rosaria DEsposito e Maria Teresa Marinelli) RASSEGNA CINEMATOGRAFICA SUI TEMI DELLA TERZA ETA A cura DI Maria Chiara Villani LA PIGOTTA DALLA PARTE DEI BAMBINI La Pigotta, in dialetto lombardo, era la bambola di pezza comune a tutte le culture del mondo, compagna di giochi di molti bambini nel dopoguerra. La Pigotta la bambola dellUNICEF che contribuisce a salvare la vita di un bambino. Con unofferta minima di 20 euro , infatti, puoi adottare una Pigotta realizzata dai nostri volontari e consentire allUNICEF di fornire ad un bambino di un paese africano interventi mirati che riducono il pericolo di mortalit nei suoi primi cinque anni di vita. Il kit salvavita dellUNICEF composto da vaccini, dosi di vitamina A. Il kit ostetrico per un parto sicuro ha antibiotici e una zanzariera. ADOTTA UNA PIGOTTA DELL UNITRE SORRENTINA SEDE MASSA LUBRENSE

La coordinatrice di Massa Lubrense Ins. Agata Morvillo

Massa Lubrense- Unicef

Nella carenza progettuale allEducazione Continua, lUnitre estende gli spazi vitali per la partecipazione sociale alleducazione di base, con le arti, la manualit, lespressivit e la creativit, unendo diletto utilit sostegno ai bisognosi

LUNITRE DI SORRENTO VA ANCHE A TEATRO A NAPOLI

La coordinatrice culturale di Sorrento Dirig. Sc. Rosalinda Di Prisco Pagina 10

In comune, anno 18 n.3


Nella sede di Piano di Sorrento la conclusione dellanno dellAnziano stato celebrata il 6 dicembre, con riconoscimenti, in un clima di allegria e buongusto
Il 6 dicembre ladunanza dei soci che precede le feste natalizie stata allietata come sempre dai manicaretti preparati dalle signore pasticciere, dalle recite del gruppo teatrale e canoro, dagli strambotti e filastrocche di Lucio Scibilia e dai discorsi augurali del coordinatore Lucio Esposito, del Presidente Enzo Esposito e del Sindaco. Essendo linizio del nuovo triennio, il presidente ha voluto premiare con un attestato di benemerenza il gruppo dirigente della sede comunale che si particolarmente distinto per impegno capacit realizzatrici e di organizzazione. Lincarico di coordinatore culturale passato da Raffaela DEsposito a Lucio Esposito, quello di tesoriere da Caroilina Tassiello e Enzo Possumato. Restano invece in attivit Teresa Iaccarino per le pubbliche relazioni gite e visite laboratoriali tradizonali, Johanna Kolman e Lucia Starace per i laboratori di arte e mestieri, Lucio Scibilia curatore del recupero tradizioni e cultura locale, Rosa Mauro delegata per le visite guidate, Serafina Pane e Heidi Monti referenti per gli studenti. Queste socie curano anche corsi e laboratori da docenti. Le attivit questanno continueranno secondo lo schema collaudato, cio ripartite in dipartimenti, a loro volta divise in settori. guidate, Ambrogio Coppola per le attivit di drammatizzazione , Mario Mongiovi quale referente per il teatro, Gianni Guida per la documentazione fotografica, Rosa Papa per le attivit Il calendario molto fitto di eventi che vanno dalla motricit, dallo studio delle lingue alle conferenze, dalla fitness, alle passeggiate, dalla creazione artistica, al canto alla musica al teatro.

Il coordinatore culturale di Piano Lucio Esposito

VICO EQUENSE
La sede di Vico Equense, che questanno ha curato eventi molto importanti quali il Forum di Biologia Marina ed Ecologia, il Trofeo Unitre, levento di rievocazione storica dello Scrajo e S. Di Giacomo, la pubblicazione dei Quaderni, di questo periodico e di un libro di memorie (Erano poveri e simpatici di A. Guida), ha in preparazione per il 2013 il Forum dei Diritti dellUomo nel nome di Gaetano Filangieri che sar realizzato al Castello Giusso in collaborazione con la LIDU (Lega Italiana dei Diritti dellUomo) e la pubblicazione del primo volume di storia contemporanea di Vico Equense. Su questo volume a cura di Enzo Esposito e Matteo Gargallo sono aperte le prenotazioni. Per motivi finanziari saranno stampate soltanto le copie prenotate. Continuer la pubblicazione dei Quaderni. Il gruppo dirigente si arricchito di nuove figure, come le dirigenti scolastiche Carmela Gargiulo e Anna Maria De Simone e la docente Manuela Rossi.

L'uomo fatto per stare con gli altri. Chi si isola invecchia prima del tempo e vive male la propria esistenza. Non isolarti. Stai con gli altri. Partecipa alle cose che accadono. Cerca di realizzarti assieme agli altri.

META
La sede di Meta continua i suoi cicli di conferenze tenute il luned e il gioved con gli interventi di docenti di fama, locali e della provincia. Degne di nota sono le lezioni di filosofia del prof. Biagio Passero, della nutrizionista dott. Rossella Gargiulo, gli incontri sulla storia locale del com. Pietrantonio Iaccarino, le conversazioni di psicologia del dott. Libeforum alla pizzeria Tico Tico, ovviamente con conclusione a tavola. Questanno sono intervenuti anche don Tonino De Maio, Liberato Mollo, langiologa Tina Esposito, larch. Giulia De Angelis, la veterinaria Angela Aurilia, la dott. Carmen Starace, il cuoco Filippo De Maio.
Pagina 11

rato Cafiero. Sono altres confermate le serate di cine-

La coordinatrice cult. Di Meta prof. Matilde Gargiulo

LA PALESTRA DEI LETTORI - lettere alla redazione


LA POLITICA COME CONFRONTO In uno degli incontri che realizziano nellUnitre di Vico si riflettuto sul come si agisce in politica. La discussione stata vivace e purtroppo non ho avuto modo di esprimere appieno il mio pensiero. Mi si permetta di esplicitarlo sul giornale. Per me lagire politico non solo azione pratica ma anche quella discorsiva, perch trovare le parole opportune nel momento opportuno e pronunciarle pubblicamente significa agire. Lagire discorsivo discutere, informare, rilevare contraddizioni, mettere in discussione lordine esistente, dire cosa si vorrebbe cambiare. Ma il pensiero politico si fonda principalmente sul giudizio in quanto in politica si devono prendere decisioni e per decidere (sul tipo di mondo che si vuole) si deve giudicare, cio valutare, prendere posizione. Per giudicare per fondamentale il pensiero critico, quello che ti permette di porti dal punto di vista dellaltro, che ti permette di dialogare con chi la pensa diversamente da te. Il dialogo il nutrimento essenziale e irrinunciabile dellagire politico. Ma il dialogo richiede coraggio, coraggio di dichiararsi, coraggio di confrontarsi. Ai nostri politici pare che questo manchi. Perch? (A. Aiello) LE NOSTRE GITE Mi dispiace che le visite guidate e le gite sono diventate rare nellUnitre. Forse sar per la crisi. Io chiedo che siano pi frequenti, almeno le visite guidate di un giorno nellambito della Campania, magari portandosi la colazione. Il vantaggio dellUnitre che esse sono istruttive ed economiche, oltre che ci fanno conoscere paesi luoghi e persone. Peccato che non si possono portare familiari e amici. Ogni volta bisogna spiegare che le escursioni sono eventi culturali solo per i soci e che non possiamo metterci in concorrenza con le agenzie di viaggio n possiamo speculare. (L. Savarese) UN MARE DI GUAI La querela dellex sindaco Marco Fiorentino di Sorrento al Corriere del Mezzogiorno per risarcimento danni da diffamazione a mezzo stampa si conclusa con una sentenza che rigetta la domanda e con la condanna alle spese del sindaco. La sentenza uscita il 14 novembre molto interessante perch conferma le condizioni disastrose in cui versa il nostro mare e che dovrebbe costringere i sindaci ad essere pi attenti e a perseguire gli scarichi abusivi. M chiedo: possibile ora difenderci dai rischi della balneazione con una class action contro le amministrazioni? Pagheremo noi le spese di giudizio dela sentenza? (A. Castellano)

Nella carenza progettuale allEducazione Continua, lUnitre estende gli spazi vitali per la partecipazione sociale alleducazione di base, con le arti, la manualit, lespressivit e la creativit, unendo diletto utilit sostegno ai bisognosi

RICLICLARE MEGLIO CHE ROTTAMARE


Nella Penisola sono scomparse, come del resto un po dovunque, le botteghe artigiane. A Vico Equense il Comune, con i soldi dellUnione Europea, ha istituito lincubatore di imprese che stato subito accantonato e al suo posto hanno messo uffici. Eppure, le imprese artigiane altrove fioriscono. Qui parliamo soltanto di cibi di olio e di formaggi del monaco. Va bene; ma produrre vestiti su misura, ferro battuto, riparare sedie, inventare oggetti, potrebbe servire ancora, sia per sostenere le famiglie Pagina 12 in periodo di crisi, sia per conservare un patrimonio di esperienze e di arte. Inventare e costruire oggetti utili ancora un lavoro proficuo. Una maglia un berretto di lana, fatti a mano, non sono pi apprezzabili di quelli industriali che costano solo perch hanno un marchio? Anche lincubatore di imprese potrebbe farsi il marchio per pubblicizzare i prodotti locali. Il fatto che si sta perdendo un patrimonio di competenze e di esperienze che, morti i vecchi artigiani e le nonne di una volta, sar perso per sempre. LUnitre, nel suo piccolo prova a valorizzare certi mestieri. Sono circa un centinaio le sue docenti che fanno tutto gratis nelle sedi dei cinque comuni della Penisola. Perch i Comuni si disinteressano di questa risorsa? E gli imprenditori? I costruttori fanno fatica a trovare un piastrellista, uno stuccatore, un fabbro. Lincubatore potrebbe almeno fare questo: mettere gli anziani artigiani a insegnare i vecchi mestieri come offerta di lavoro e come mezzo per vivere. (G. Apuzzo)

In comune, anno 18 n.3


VECCHIE E NUOVE PROPOSTE DI APPRENDIMENTO
Il salotto degli Inquieti Il laboratorio cos chiamato a Vico Equense, non ha un docente ma un moderatore la psichiatra Maddalena Cinque. Ciascun iscritto, intorno ad un ampio tavolo, discute apertamente e, attraverso il dialogo disciplinato dal moderatore che stimola e mette a fuoco i problemi che emergono, riesce a parlare delle proprie esperienze, dei tab della propria generazione, di se stesso. Cos ci si accorge che anche i problemi pi gravi sono comuni a molti ed attendono soluzioni non unilaterali. Poich la parola viene data a tutti, il pi delle volte, queste persone si liberano delle loro ansie e, rinfrancate dalla parola dellesperto, apprendono cose nuove. Nascono amicizie profonde, ritorna in tutti la voglia di vivere e di operare. E raccomandato che uno dei partecipanti rediga un verbale di ogni seduta senza specificare il nome di chi interviene. In-forma-mente La nostra sanit non fa niente per aiutare gli anziani. La geriatria ignorata. Altrove (nord Italia) si pensa a promuovere il potenziamento delle abilit mentali con uno sportello che organizza corsi di ginnastica mentale. Mancano ancora punti informativi stabili che offrano consigli ai cittadini su come rallentare il naturale declino delle facolt cerebrali. Nel nostro piccolo per i nostri soci diamo informazioni sul tipo di alimentazione, di attivit fisica, e sugli esercizi utili a stimolare i vari distretti cerebrali e dunque a rallentare il decadimento cognitivo. A Vico la dott. Manuela Rossi una volta al mese incontra i soci.

Pranzo natalizio allUnitre

IL SAPERE FILOSOFICO PUO AIUTARE A VIVERE MEGLIO


Disagi, ansie, paure, problemi contribuiscono certamente a rendere la nostra vita meno piena e felice. Ma non sono una malattia, la vita stessa non una malattia e proprio per questo Prozac, Seroxat, Seurepin non possono aiutarci a vivere meglio il presente, e tantomeno cambiare il mondo che ci circonda. fanno pressanti, ma i farmaci alle domande non sanno rispondere. Aristotele e Kant, Platone e Kierkegaard, Epicuro e Lao Tzu testimoniano che la filosofia pu essere straordinariamente utile e pratica. Pu vincere le nostre paure, insegnarci a utilizzare con profitto le emozioni, trasformare il malessere in benessere. E aprirci gli occhi su una serie infinita di inesplorate possibilit. Il prof. Biagio Passero a Meta e il prof. Matteo Gargallo a Vico guidano gli incontri di filosofia.

Terza et non vuol dire fase finale (ma quando durerebbe questa fine?) ma terza componente della vita, che in termini d'anni pi grande sicuramente della prima.

Secoli di riflessione filosofica rappresentano, per, un tesoro prezioso: i pi importanti pensatori della storia si sono posti gli stessi nostri interrogativi e hanno lasciato idee e linee di condotta a nostro beneficio. Perch se i farmaci non riescono a cambiare la nostra Quanto pi lesistenza diventa vita, la filosofia pu farlo. difficile, tanto pi le domande si

Facebook, un elisir per la memoria degli anziani


Uno studio condotto in due residenze sanitarie assistite, in provincia di Cremona e di Brescia, ha dimostrato che collegarsi quotidianamente a Facebook per un'ora ha un effetto benefico sulla memoria, conservandola attiva perch stimolata e migliora l'umore. questo l'effetto che il popolare social network ha fra gli over 65. Sono infatti oltre un milione e mezzo gli anziani con un profilo Facebook, e a questi si aggiungono un altro milione di utenti anziani che si tengono in contatto con parenti e amici via Skype. A raccontare questo fenomeno in crescita l'Associazione Italiana di Psicogeriatria (Aip). Marco Trabucchi, Presidente Aip, spiega che negli ultimi anni il numero di anziani che si avvicinato al web cresciuto dell'80%: gli over 65 iscritti a Facebook o MySpace sono circa l'8% del totale. Questo un fenomeno in parte spiegabile, perch si avvicina

Lezione con la partecipazione di studentesse di liceo.

Pagina 13

Sullonda della memoria


SCUOLA DI UNA VOLTA E SCUOLA DI OGGI di Pino Visconti
Il mio ricordo va a quella scuola severa fondata sul rispetto del maestro che nessuno osava contraddire. Leducazione era al primo posto, il silenzio doveva regnare sovrano, i turbolenti venivano bacchettati con la cucchiarella, e chi non studiava era messo in punizione dietro la lavagna, allora era di ardesia ed era sistemata su di un supporto rigido in un angolo dellaula a fianco della cattedra. L e classi non erano miste e si indossava il grembiulino bianco allasilo, (dove si andava con il panierino nel quale la mamma metteva la merenda, il tovagliolo, il bicchiere), il grembiulino celeste con il fiocco blu e il colletto bianco alle scuole elementari, e il grembiulino nero alle medie. Il sussidiario era il libro per eccellenza per il nostro apprendimento. Non cera il diario, lassegno si scriveva su quaderni con la copertina nera ed i bordi rossi, e per distinguere le varie materie si attaccavano sopra delle etichette. Il portapenne era lungo e stretto, a forma di cassettina, le penne portavano il pennino, che era di due tipi: quello semplice ramato, quello Cavallotti, color argento, con una punta sottile per scrivere in bella copia. Si usava linchiostro ( quanta difficolt per i mancini che dovevano passare sullinchiostro ancora fresco con la parte bassa della mano ) e la carta assorbente, serviva per asciugare linchiostro , in modo da non macchiare il quaderno, quando si girava la pagina. Poi cera la pezzuola che si usava per pulire e asciugare i pennini dallinchiostro. I banchi, in blocchi di legno biposto, erano neri o marroni, con al centro un foro per il calamaio, che il bidello riempiva dinchiostro. La cartella, dove veniva riposto il tutto, era di cartone e quando pioveva si ricopriva con una mantellina. Quella scuola discendeva dalle radici del novecento, risentiva ancora dellepoca fascista, venivamo nutriti di CUORE con la sua epopea narrativa. Poi lItalia si avvi verso il boom economico. I modelli di economia nazionale abbandonano il settore agricolo per lindustria. Sono quelli, anni di accelerazione e di profonde trasformazioni, iI benessere economico impone anche listruzione obbligatoria. La scuola cambia : nel 1962 nasce la Scuola Media Unificata. Tutti tra i banchi a studiare le stesse materie, in un modello unico di istruzione nazionale . Sono gli anni in cui ogni trimestre veniva consegnata la pagella ad ogni alunno. Ma alla fine degli anni sessanta, dopo il boom economico, arriva la grande crisi del 68, lautunno caldo, con i problemi legati alla chiusura di migliaia di fabbriche. Sono gli anni in cui si mette in soffitta il 6 sulle pagelle, che diventano schede di valutazione sulle quale vengono scritti i giudizi. Negli anni ottanta la scuola cambia ancora: accanto allo studio tradizionale viene affiancata una intensissima attivit collaterale: laboratori di musica, teatro, drammatizzazione, ricerca dellidentit culturale locale, corsi di recupero e di sostegno, visite guidate, interventi sul territorio. Il computer ha sostituito il pennino Cavallotti, gli scooter hanno preso il posto delle scarpe con il fondo di legno. Venne il tempo in cui la scuola fu sottoposta ad unazione riformatrice messa in atto dal Ministro Berlinguer , che, passata alla storia come legge sul riordino dei cicli, nel suo insieme segn una netta discontinuit con la politica degli interventi spezzettati e parziali, fino ad allora attuati. La legge, la n. 30, fu approvata dalle Camere nel 2000, ma di fatto non entr mai in vigore, considerato che linversione di rotta avvenuta con lascesa del Governo di centro destra, che vedeva come Ministro della P.I. Letizia Moratti, materializz nella legge, la n. 53 del 2003, il ritorno ad un sistema rigidamente separato in ordinamenti. Infine lazione del Ministro Tremonti, nel 2008 avvi una vasta operazione di razionalizzazione del sistema di istruzione tagliando sul personale scolastico, riducendo il numero delle cattedre e ridimensionando il tempo scuola, eliminano sperimentazioni che si erano andate accumulando nel tempo in numero abnorme. Nel quadro di una generale frammentazione dei linguaggi, delle competenze e degli interessi, la sfida del nostro sistema formativo , tra mille e mille difficolt, cerca di diventare un fattore capace di unificare culturalmente e civicamente il nostro paese, inserito in un mondo che si dichiara globalizzato. La scuola moderna, con i suoi numerosi difetti, rispecchia le nuove gerarchie sociali, i nuovi stili di vita, i nuovi diritti delle famiglie. Certamente non si pu tornare indietro, per il racconto, per sommi capi, di come era la scuola cinquanta sessanta anni fa, pu avere una sua utile funzione sociale. Almeno spero. (Pino Visconti) Il 5 per mille del loro reddito che alcuni soci hanno assegnato allUnitre nella dichiarazione del 2010 ha fruttato 1527,00 euro che saranno destinati ad opere di solidariet.

Lavori con rafia allUnitre

Nella carenza progettuale allEducazione Continua, lUnitre estende gli spazi vitali per la partecipazione sociale alleducazione di base, con le arti, la manualit, lespressivit e la creativit, unendo diletto utilit sostegno ai bisognosi

Il laboratorio teatrale di Piano

Pagina 14

In comune, anno 18 n.3


LINVITO DEL PRESIDENTE AI SINDACI DEL SORRENTINO
Sugnori Sindaci LUnitre si proposta come servizio pubblico di base. Le politiche sociali dei Comuni si occupano essenzialmente di servizi materiali alle fasce deboli che comprendono let evolutiva e gli anziani bisognosi di aiuto materiale. Si trascura la prevenzione e lintervento mirato ad assicurare a tutti migliori condizioni di vita comune. I centri sociali per gli anziani da noi servono soltanto per dare opportunit di svago. Noi siamo nati come associazione rivolta alla promozione culturale e sociale degli anziani ma ci siamo resi subito conto che ogni processo di acculturazione va coniugato con lintegrazione fra culture, et etnie e condizioni socioeconomiche diverse e abbiamo abbattuto ogni barriera che ostacoli questo processo. Il servizio che vogliamo somministrare ha un duplice scopo primario: - prevenire lindebolimento mentale fisico e di socializzazione - curare le persone nel senso di prendersi cura, preoccuparsi, aiutare nella vita quotidiana le persone che hanno tempo e voglia per farlo, per se stesse e per gli altri del gruppo. La scienza e la ricerca antropologica ci confermano continuamente che lindebolimento delle facolt mentali e fisiche dovuto agli anni e allambiente pu essere prevenuto quando si ancora giovani e nella maturit; pu essere ostacolato, ritardato e combattuto con il sapere, il dialogo, la vita sociale. Con iniziative di attivit culturali e di aggiornamento del proprio sapere, unito a una vita sociale, si contrastano lignoranza di ritorno, lisolamento, labbandono, le malattie psicosomatiche, le degenerazioni cerebrali. A questo cerchiamo di provvedere con le iniziative che conoscete e che dipendono soltanto dal contributo volontario e gratuito dei nostri docenti e organizzatori di cui apprezzate lo zelo e che qui ringrazio anche a nome vostro. Ci siamo resi conto che, grazie ai professionisti che ci consentono questo servizio, possiamo non solo dare sapere e impegnare mentalmente le persone ma anche elaborare cultura, produrla, contribuendo al progresso culturale e sociale non soltanto dei nostri associati ma della pi vasta comunit alla quale apparteniamo. La pubblicazione del periodico In Comune con i contributi dei nostri associati vuole essere un tentativo in tale direzione. Liniziativa parte da Vico Equense. Il mio invito e auspicio che anche le sedi degli altri comuni trovino il modo di partecipare. Le amministrazioni comunali possono svolgere a questo proposito un ruolo di promozione, patrocinando le attivit che riusciremo a realizzare nelle singole realt locali. E per patrocinio non intendiamo contribuzione ma attenzione interessamento e valorizzazione. Vincenzo Esposito

Le pubblicazioni dellUnitre Sorrentina


I Quaderni dellUnitre: Collana Memoranda Collana Paideia Collana WelfareIn Comune Linformazione del cittadino, periodico. - Guida allUnitre Sorrentina (1997) - Il Trofeo dellUnitre (19972001) - LImpegno educativo dellUnitre, di V.Esposito(1998) - Monsignor Michele Natale, di Pasquale Astarita (1999) - Le Ricette di Antonella, di A. Farinelli (2000) - Lo Statuto dellUnitre della Penisola Sorrentina (2004) - Mostra di Autobiografia catalogo (2006) - Mitici approdi e paesaggi immaginari- La Penisola Sorrentina prima di Roma, di Maria Bonghi JovinoEd. Eidos, C.re di Stabia (2009) - In giro nel tempo- Voci di metesi che raccontano e si raccontano, Autori vari, Ed. Artigrafiche Sud, Salerno (2010) Navigando nei ricordi - Memorie autobiografiche di Equensi, Autori Vari, Ed. Gaia, Salerno (2010) Cos come detta il cuore, poesie in concorso (2011) Erano poveri e simpatici, di Antonio Guida (2012) Forum Cavolini di Biologia marina ed Ecologia (2012)

AllUniversit di Milano, la presentazione del libro Mitici approdi e paesaggi immaginari prodotto dallUnitre. In prima fila il Proc. Rep. Borrelli

Pagina 15

Aver cura di s e aver cura degli altri in ogni et con lUnitre Sorrentina
EDIZIONE PER LUNITREUNIVERSITA DELLE TRE ETA DELLA PENISOLA SORRENTINA

Unitre Sorrentina - V. Nicotera 29 Redazione In Comune V. Filangieri 98 (Municipio) 80069 Vico Equense Tel.: 0818798510 Fax: 0818798510 Posta elettronica: direz.incomune@gmail.com

Direttore responsabile: Mariacarmela Esposito Coordinatrice di redazione: Giovanna Cilento. Comitato di Redazione: Lello Bavenni, Matteo Gargallo, Francesco Oliva, Chiara Sbragia, Paolo Sbragia, Lucio Vitale. Corrispondenti Unitre: Rosalinda Di Prisco, Lucio Esposito, Matilde Gargiulo, Agata Morvillo. Corrispondenti esterni:

. Come collaborare a In Comune Si pu far parte dellequipe di questo periodico in molti modi: con la scrittura di testi, procurando notizie, con la corrispondenza, con la produzione di immagini, con la pubblicit, con la diffusione, procurando contributi finanziari, eccetera. A chi vorr collaborare da pubblicista si chiede di firmare i propri lavori e fornire un recapito per eventuali contatti. La pubblicazione sar legata alle scadenze relative allandata in stampa nonch alle eventuali scelte di priorit editoriali. La collaborazione al giornale pu interessare anche coloro che ambiscono ad ottenere la tessera di pubblicista.

Siamo su Internet: www.unitresorrentina.org Facebook: Gruppo amici Unitre

Tra gli argomenti del menu vi larchivio nel quale potrete trovare video, foto e libri. Ogni sede operativa pubblica il proprio calendario di attivit mensili.

Gianluca Barba, Adriana Straniero, Giuseppe Visconti. Amministrazione: Francesco Oliva.

I commercianti che praticano sconti ai soci unitre sorrentina


A Vico Equense Azienda agricola Tommaso De Gennaro La Ginestra Agriturismo Nonno Luigino agriturismo Teatro Mio cinema e Teatro LIMPRONTA abbigliamento uomo donna Il Gabbiano, libreria Peter Pan, Cartolibreria Diana Libreria Loman, Informatica Miccio, ferramenta A Meta e SantAgnello Di Ruocco Domenico Calzoleria LE DITTE CHE OFFRONO SCONTO AI SOCI ESPONGONO UN ADESIVO CON LA SCRITTA Convenzionato Unitre. I SOCI SONO TENUTI AD ESIBILE LA TESSERA COL BOLLINO DELLANNO IN CORSO, PER OTTENERE LO SCONTO. LE DITTE CHE GRADISCONO SOTTOSCRIVERE LA STESSA CONVENZIONE SONO PREGATE DI TELEFONARE AL N. 0818798510

LUnitre Sorrentina a Milano

Arredo D (Di Palma L.) Cucine e arredi Shesat Beauty Centro Bellezza

Sedi operative UNITRE, Universit delle Tre Et della Penisola Sorrentina: Vico Equense, Municipio Via Filangieri, 98. Meta, Casina dei Capitani Via Municipio, 6. Piano di Sorrento, Biblioteca comunale Via delle Rose. Sorrento, Conservatorio S. Maria delle Grazie Piazza SantAntonino. Massa Lubrense, Centro Sociale Polifunzionale Pal. Filangieri, 40. Centro Culturale Multimediale: Vico Equense, Palazzo di citt via Filangieri, 98.

AMICI RECENTEMENTE SCOMPARSI CHE RICORDIAMO CON GRATITUDINE


Dott. Giuseppe Volpe
Docente di tecniche dellinformazione nel primo anno dellUnitre. Essendo dirigente del Circolo dellUnione ci offr lospitalit durata dieci anni. Cap. Raffaele Arpino, albergatore (Hotel Oriente) Ha ospitato eventi dellUnitre molto importanti con generosit e signorilit.