Sei sulla pagina 1di 11

IL CAPITALE

LIBRO II
SEZIONE I
LE METAMORFOSI DEL CAPITALE E IL LORO CICLO

CAPITOLO 3
IL CICLO DEL CAPITALE MERCE

La formula generale per il ciclo del capitale-merce : M D M ... P... M. M appare non solo come prodotto, ma anche come presupposto di entrambi i cicli precedenti, poich ci che per un capitale implica D M, per laltro implica gi M D, almeno in quanto una parte dei mezzi di produzione essa stessa il prodotto - merce di altri capitali individuali che si trovano nel loro ciclo. Nel nostro caso, ad esempio, carbone, macchine ecc. sono il capitale-merce di colui che sfrutta le miniere, del costruttore capitalistico di macchine, ecc. Inoltre, abbiamo gi mostrato nel cap. 1, 4, che gi alla prima ripetizione di D ... D, gi prima che sia compiuto questo secondo ciclo del capitale monetario, presupposto non soltanto il ciclo P ... P, ma anche il ciclo M ... M. Se la riproduzione ha luogo su scala allargata, la M finale maggiore di M iniziale, e deve essere perci designata qui con M. La differenza della terza forma dalle due prime si mostra in ci: primo, che qui la circolazione totale apre il ciclo con le sue due contrapposte fasi, mentre nella forma I la circolazione viene interrotta mediante il processo di produzione, e nella forma II la circolazione totale con le sue due fasi tra loro complementari appare solo come mediazione del processo di riproduzione e costituisce perci il movimento di mediazione tra P ... P. In D... D la forma della circolazione D M... M D = D M D. In P ... P essa la forma capovolta M D. D M = M D M. Anche in M ... M essa ha questultima forma. Secondo: nella ripetizione dei cicli I e Il, anche se i punti di arrivo D e P costituiscono i
CriticaMente: il pensiero critico http://www.criticamente.com 02/12/2004 1

punti di partenza del ciclo rinnovato, Scompare la forma nella quale erano stati prodotti. D = D + d, P = P + p inizia il nuovo processo nuovamente come D e P. Nella forma III invece il punto di partenza M devessere designato come M, anche rinnovando il ciclo sulla medesima scala, e ci per il motivo seguente. Nella forma I, non appena D in quanto tale apre un nuovo ciclo, esso opera come capitale monetario D, anticipo in forma di denaro del valore-capitale da valorizzare. La grandezza del capitale monetario anticipato, accresciuta mediante laccumulazione compiuta nel primo ciclo, aumentata. Ma che la grandezza del capi tale monetario anticipato sia 101.280 o 120.000 , non cambia nulla al fatto che esso appare come mero valore-capitale. D non esiste pi come capitale valorizzato o reso pregno di plusvalore, come rapporto di capitale. Tanto vero che esso si valorizzer solo nel processo. Lo stesso vale per P ... P; P deve sempre continuare a operare come P, come valore-capitale che deve produrre plusvalore, e rinnovare il ciclo. Invece il ciclo del capitale-merce non si apre con valore-capitale, ma con valore-capitale aumentato in forma di merce, implica dunque gi dal principio non solo il ciclo del valorecapitale esistente in forma di merce, ma anche del plusvalore. Perci se in questa forma ha luogo riproduzione semplice, un M della stessa grandezza compare sia al punto di arrivo che al punto di partenza. Se una parte del plusvalore entra nel ciclo del capitale, alla fine anzich M compare bens M, un M pi grande; ma il ciclo susseguente viene nuovamente aperto con M il quale sol tanto un M pi grande di quello che era nel ciclo precedente e con un pi grande valore-capitale accumulato, perci anche inizia il suo nuovo ciclo con un plusvalore di nuova produzione relativa mente pi grande. In tutti i casi, M apre il ciclo sempre come un capitale-merce che uguale al valore-capitale pi plusvalore. M in quanto M appare nel ciclo di un singolo capitale industriale non come forma di questo capitale ma come forma di un altro capitale industriale, in quanto i mezzi di produzione sono il prodotto di questo. Latto D M (cio D Pm) del primo capitale , per questo secondo capitale, M D. Nel processo della circolazione D M(L + Pm), L e Pm si comportano in modo identico, nella misura in cui sono merci nelle mani del loro venditore, qui dei lavoratori che vendono la loro forza- lavoro, l dei possessori dei mezzi di produzione che vendono questi. Per il compratore, il cui denaro opera qui come capitale monetario, essi operano come merce solo finch egli non li ha ancora comprati, quindi finch si trovano dinanzi al suo capitale, esistente in forma di denaro, come merci altrui. Pm ed L si distinguono qui solo in quanto Pm nelle mani del suo venditore pu essere uguale a M, quindi capitale se Pm forma di merce del suo capitale, mentre per i lavoratori L sempre unicamente merce, e diviene capitale solo nelle mani del compratore, come parte costitutiva di P. Perci M non pu mai aprire un ciclo come semplice M, come pura e semplice forma di merce del valore-capitale. Come capitale-merce esso sempre qualcosa di duplice. Dal punto di vista del valore duso, il prodotto della funzione di P, qui filo, i cui elementi L e Pm, provenienti in quanto merci dalla circolazione, hanno solamente assolto la funzione di creatori di questo prodotto. In secondo luogo, dal punto di vista del valore, esso il valorecapitale P pi il plusvalore pv prodotto nella funzione di P. Solo nel ciclo di M stesso, M = P = il valore-capitale pu e deve separarsi dalla parte di M in cui esiste plusvalore, cio il prodotto-merce, nel quale esiste il valore-capitale, dal plusprodotto, in cui risiede il plusvalore; sia che ambedue siano di fatto separabili, come nel filo, ovvero non lo siano, come nella macchina. Essi diventano ogni volta separabili non appena M sia trasformato in D.
CriticaMente: il pensiero critico http://www.criticamente.com 02/12/2004 2

Se lintero prodotto-merce separabile in prodotti parziali omogenei autonomi, come ad esempio i nostri 10.000 q.li di filo, e perci latto M D pu rappresentarsi in una somma di vendite compiute successivamente, il valore-capitale in forma di merce pu operare come M, distaccarsi da M prima che il plusvalore, dunque prima che M sia realizzato come un tutto. Dei 10.000 q.li di filo corrispondenti a 120.000 , il valore di 8.440 q.li uguale a 101.280 , ossia il valore-capitale separato dal plusvalore. Se il capitalista vende dapprima 8.440 q.li di filo per 101.280 , questi 8.440 q.li di filo rappresentano M, il valore-capitale in forma di merce; il plusprodotto di 1.560 q.li di filo equivale al plusvalore di 18.720 , contenuto inoltre in M, circola solo pi tardi; il capitalista potrebbe compiere M D M(L + Pm) prima della circolazione del plusprodotto m d m. Ovvero, se egli vendesse prima 7.440 q.li di filo del valore di 89.280 e poi 1.000 q.li di filo del valore di 12.000 , con la prima parte di M potrebbero essere sostituiti i mezzi di produzione (la parte costante di capitale c) e con la seconda parte di M la parte variabile di capitale v, la forza-lavoro, e il risultato sarebbe lo stesso. Ma se hanno luogo tali vendite successive, e le condizioni del ciclo lo consentono, il capitalista anzich separare M in c + v + pv pu intraprendere questa separazione anche in parti aliquote di M. Ad esempio, 7.440 q.li di filo pari a 89.280 , che in quanto parti di M (corrispondenti a 10.000 q.li di filo ossia a 120.000 ) rappresentano la parte costante di capitale, sono a loro volta divisibili in 5.535,360 q.li di filo del valore di 66.424,32 , che sostituiscono solo la parte costante, il valore dei mezzi di produzione impiegati in 7.440 q.li di filo; 744 q.li di filo del valore di 8.928 , che sostituiscono solo il capitale variabile; 1.160,640 q.li di filo del valore di 13.927,68 , che in quanto plusprodotto sono depositarie del plusvalore. Dei 7.440 q.li di filo venduti, egli pu dunque sostituire il valore-capitale in esse contenuto con la vendita di 6.279,360 q.li di filo al prezzo di 75.352,32 e spendere come reddito il valore del plusprodotto, 1.160,640 q.li di filo pari a 13.927,68 . Ugualmente, egli pu suddividere ulteriormente 1.000 q.li di filo pari a 12.000 , ossia il valore-capitale variabile, e vendere secondo questo criterio: 744 q.li di filo a 8.928 , che rappresentano il valore-capitale costante di 1.000 q.li di filo; 100 q.li di filo a 1.200 che rappresentano la parte variabile di capitale dei 1.000 q.li; dunque 844 q.li di filo a 10.128 , che sono la sostituzione del valore-capitale contenuto nei 1.000 q.li di filo; infine 156 q.li di filo del valore di 1.872 , che rappresentano il plusprodotto in essi contenuto e che come tale possono essere consumati. Infine, se la vendita riesce, egli pu suddividere i restanti 1.560 q.li di filo del valore di 18.720 , in maniera che la vendita di 1.160,640 q.li di filo a 13.927,68 , sostituisca il valore dei mezzi di produzione contenuti nei 1.560 q.li di filo, e 156 q.li di filo del valore di 1.872 , ossia il valore-capitale variabile; complessivamente 1.316,640 q.li di filo pari a 15.799,68 , quale sostituzione del valore-capitale totale; infine il plusprodotto di 243.36 q.li di filo pari a 2.920,32 , rimane da spendere come reddito. Come ogni elemento esistente nel filo, c, v, pv scomponibile a sua volta nelle stesse parti costitutive, cos anche ogni singolo quintale di filo del valore di 12 .
valore monetario CriticaMente: il pensiero critico http://www.criticamente.com 02/12/2004 valore espresso in quantit di merci q.li 3

capitale variabile capitale costante plusvalore totale

v c pv

8,928 1,2 1,872 12

0,744 0,1 0,156 1

Se addizioniamo i risultati delle tre precedenti vendite parziali, ne viene lo stesso risultato che per la vendita dei 10.000 q.li di filo in una sola volta.

CriticaMente: il pensiero critico http://www.criticamente.com 02/12/2004

In capitale costante abbiamo (tab. 1):


vendite n. 1 2 3 totale valore monetario 66.424,32 8.928 13.927,68 89.280 valore espresso in quantit di merci q.li 5.535,36 744 1.160,64 7.440

In capitale variabile (tab. 2):


vendite n. 1 2 3 totale valore monetario 8.928 1.200 1.872 12.000 valore espresso in quantit di merci q.li 744 100 156 1.000

In plusvalore (tab. 3):


vendite n. 1 2 3 totale valore monetario 13.927,68 1.872 2.920,32 18.720 valore espresso in quantit di merci q.li 1.160,64 156 243,36 1.560

Somma complessiva (tab. 4):


valore monetario capitale costante capitale variabile plusvalore totale generale c v pv 89.280 12.000 18.720 120.00 valore espresso in quantit di merci q.li 7.440 1.000 1.560 10.000

Per se stesso, M D non altro che una vendita di 10.000 q.li di filo. I 10.000 q.li di filo sono merce come ogni altro filo. Al compratore interessa il prezzo di 12 per quintale, ovvero di 120.000 per i 10.000 q.li. Se nel commercio egli si occupa della composizione del valore, solo con lastuta intenzione di dimostrare che il quintale potrebbe essere venduto a meno di 12 , e ciononostante il venditore farebbe ancora un buon affare. Ma la quantit che egli compra dipende dai suoi bisogni, se, ad esempio, egli proprietario di una fabbrica di tessuti, dipende allora dalla composizione del suo capitale che funziona nella sua fabbrica, non da quella del filandiere dal quale egli compra. I rapporti entro i quali M, da un lato, deve sostituire il capitale in esso impiegato (rispettivamente le parti costitutive di esso), dallaltro deve servire da plusprodotto, sia per la spesa di plusvalore che per laccumulazione di capitale, esistono soltanto nel ciclo del capitale, la cui forma di merce sono i 10.000 q.li di filo. Essi non hanno nulla a che fare con la vendita in quanto
CriticaMente: il pensiero critico http://www.criticamente.com 02/12/2004 5

tale. Qui si suppone inoltre che M venga venduto al suo valore, dunque che si tratti unicamente della sua trasformazione da forma di merce in forma di denaro. Per M, in quanto forma funzionale nel ciclo di questo singolo capitale, dalla quale deve essere sostituito il capitale produttivo, naturalmente decisivo se e in qual misura prezzo e valore divergano nella vendita, ma questo non ci interessa qui, dove esaminiamo soltanto le differenze di forma. Nella forma I, D ... D, il processo di produzione compare in mezzo alle due fasi della circolazione del capitale che si completano e si contrappongono reciprocamente; esso passato prima che intervenga la fase conclusiva M D. Denaro anticipato come capitale, trasformato dapprima negli elementi di produzione, da questi in prodotto-merce e questo prodotto-merce nuovamente convertito in denaro. un ciclo di affari completamente chiuso, il cui risultato il denaro utilizzabile per tutto e per ogni cosa. Il nuovo inizio dato cos solo potenzialmente. D ... P... D pu essere sia lultimo ciclo, che, in caso di ritiro dallimpresa, conclude la funzione di un capitale individuale, sia il primo ciclo di un nuovo capitale che entra in funzione. Il movimento generale qui D ... D, da denaro a pi denaro. Nella forma Il, P ... M D M ... P (P), lintero processo della circolazione segue il primo P e precede - il secondo; ma esso avviene in un ordine opposto a quello della forma I. Il primo P il capitale produttivo, e la sua funzione il processo di produzione, in quanto condizione preliminare del susseguente processo di circolazione. Il P conclusivo, viceversa, non il processo di produzione; soltanto la rinnovata esistenza del capitale industriale nella sua forma di capitale produttivo. Ed esso tale proprio in quanto risultato della trasformazione, compiuta nellultima fase della circolazione, del valore-capitale in L + Pm, nei fattori soggettivi e oggettivi, che con la loro unione costituiscono la forma di esistenza del capitale produttivo. Il capitale, sia esso P o P, alla fine di nuovo completamente presente in una forma in cui deve operare nuova mente come capitale produttivo, compiere il processo di produzione. La forma generale del movimento P ... P la forma della riproduzione e non indica, come D ... D, che scopo del processo la valorizzazione. Perci essa rende tanto pi facile alleconomia classica di prescindere dalla determinata forma capitalistica del processo di produzione e di rappresentare la produzione in quanto tale come scopo del processo, in modo da produrre quanto pi possibile e quanto pi a buon prezzo possibile, e da scambiare il prodotto con altri prodotti il pi possibile molteplici, in parte per rinnovare la produzione (D M), in parte per il consumo (d m). Dunque, poich D e d appaiono qui solo come temporaneo mezzo di circolazione, le peculiarit tanto del denaro quanto del capitale monetario possono essere trascurate, e lintero processo appare semplice e naturale, cio possiede la naturalezza del razionalismo superficiale. Allo stesso modo per il capitale-merce viene occasionalmente dimenticato il profitto e, quando si parla del ciclo di produzione come un tutto, esso figura solo come merce; quando invece si parla delle parti costitutive di valore, figura come capitale-merce. Laccumulazione appare naturale allo stesso modo che la produzione. Nella forma III, M D M ... P ... M, le due fasi del processo di circolazione aprono il ciclo, e precisamente nello stesso ordine che nella forma Il, P ... P; segue quindi P, e cio, come nella forma I, con la sua funzione, il processo di produzione; con il risultato di questultimo, M, il ciclo si chiude. Come nella forma II con P, in quanto semplice rinnovata presenza del capitale produttivo, esso termina qui con M, in quanto rinnovata presenza del capitale-merce; come nella forma II il capitale nella sua forma finale P deve nuovamente cominciare il processo come processo di produzione, cos qui con la ricomparsa del capitale industriale nella forma di capitale-merce, il ciclo deve nuovamente
CriticaMente: il pensiero critico http://www.criticamente.com 02/12/2004 6

aprirsi con la fase della circolazione: M D. Ambedue le forme del ciclo Sono incompiute poich non si chiudono con D, il valore-capitale valorizzato ritrasformato in denaro. Ambedue devono dunque essere ulteriormente continuate e perci implicano la riproduzione. Il ciclo totale nella forma III M ... M. Ci che distingue la terza forma dalle altre due, che soltanto in questo ciclo il valorecapitale valorizzato, non il valore-capitale originario, ancora da valorizzare, compare come punto di partenza della sua valorizzazione. M in quanto rapporto di capitale qui il punto di partenza, e in quanto tale agisce in maniera determinante sullintero ciclo, implicando gi nella sua prima fase tanto il ciclo del valore-capitale quanto quello del plusvalore, ed il plusvalore, anche se non in ogni singolo ciclo, tuttavia nella media dei cicli, deve essere speso in parte come reddito, percorrere la circolazione m d m, in parte operare come elemento dellaccumulazione di capitale. Nella forma M ... M, il consumo dellintero prodotto-merce gi presupposto come condizione del normale svolgimento del ciclo del capitale. Il consumo individuale del lavoratore e il consumo individuale della parte di plusprodotto non accumulata abbracciano lintero consumo individuale. Nella sua totalit, dunque, il consumo come consumo individuale e come consumo produttivo entra come condizione nel ciclo M. Il consumo produttivo (nel quale per la sua stessa natura compreso il consumo individuale del lavoratore, poich la forza-lavoro entro certi limiti un prodotto costante del consumo individuale del lavoratore) avviene ad opera di ogni capitale individuale stesso. Il consumo individuale tranne che nella misura in cui necessario allesistenza del capitalista individuale presupposto solo come atto sociale, per nulla come atto del capitalista individuale. Nelle forme I e II, il movimento complessivo si rappresenta come movimento del valorecapitale anticipato. Nella forma III, il capitale valorizzato, in figura di prodotto-merce complessivo, costituisce il punto di partenza e possiede la forma del capitale in movimento, capitale-merce. Solo dopo la sua trasformazione in denaro, questo movimento si ramifica in movimento del capitale e movimento del reddito. La ripartizione del prodotto sociale complessivo, cos come la ripartizione particolare del prodotto per ogni capitalemerce individuale, da un lato in fondo di consumo individuale, dallaltro in fondo di riproduzione, compresa in questa forma nel ciclo del capitale. In D ... D compreso il possibile allargamento del ciclo secondo lentit del d che entra nel ciclo rinnovato. In P ... P, P pu incominciare il nuovo ciclo con lo stesso valore, magari con uno minore, e tuttavia rappresentare riproduzione su scala allargata; ad esempio, se gli elementi merce in seguito a unaumentata produttivit del lavoro diminuiscono di prezzo. Al contrario, nel caso inverso, il capitale produttivo cresciuto in valore pu rappresentare riproduzione su scala materialmente pi ristretta, ad esempio se gli elementi della produzione sono aumentati di prezzo. Lo stesso vale per M ... M. In M ... M, il capitale in forma di merce presupposto alla produzione; esso ritorna nuovamente come presupposto entro questo ciclo nel secondo M. Se questo M non ancora prodotto o riprodotto, il ciclo ostacolato; questo M devessere riprodotto, per la maggior parte come M di un altro capitale industriale. In questo ciclo, M esiste come punto di partenza, come punto intermedio, punto di arrivo del movimento, perci c sempre. Esso condizione costante del processo di riproduzione.

CriticaMente: il pensiero critico http://www.criticamente.com 02/12/2004

M ... M si distingue per un altro elemento essenziale dalle forme I e Il. Tutti e tre i cicli hanno questo in comune, che la forma cori cui il capitale apre il suo processo ciclico anche la forma con cui lo chiude, e con ci si trova nuovamente nella forma iniziale con cui riapre lo stesso ciclo. La forma iniziale, D, P, M, sempre la forma in cui il valorecapitale (nella forma III, unitamente al plusvalore cresciuto insieme ad esso) viene anticipato, dunque la sua forma originaria in rapporto al ciclo; la forma finale D, P, M ogni volta forma trasformata di una forma funzionale precedente nel ciclo, che non la forma originaria. Cos D, nella I, forma trasformata di M, il P conclusivo nella II forma trasformata di D (e nella I e nella II questa trasformazione viene operata mediante un semplice processo della circolazione delle merci, mediante spostamenti formali di merce e denaro); nella III, M forma trasformata di P, il capitale produttivo. Ma qui nella III, la trasformazione in primo luogo non con cerne solo la forma funzionale del capitale ma anche la sua grandezza di valore; in secondo luogo, poi, la trasformazione il risultato non di uno spostamento puramente formale, appartenente al processo della circolazione, bens della reale trasformazione che forma duso e valore degli elementi costitutivi del capitale produttivo hanno compiuto nel processo di produzione. La forma dellestremo iniziale D, P, M preposta rispettivamente al ciclo I, Il, III; la forma che ritorna nellestremo finale posta e quindi condizionata dalla serie di metamorfosi del ciclo stesso. M, in quanto punto darrivo del ciclo di un capitale industriale individuale, presuppone soltanto la forma P, la quale non appartiene alla circolazione del medesimo capitale industriale di cui esso il prodotto. D, in quanto punto darrivo nella I, in quanto forma trasformata di M (M D), presuppone D nelle mani del compratore come esistente fuori del ciclo D... D, e introdotto in esso mediante la vendita di M e divenuto sua forma terminale. Cos nella II, il P terminale presuppone L e Pm (M) come esistenti al di fuori e incorporati ad esso come forma terminale mediante D M. Ma, prescindendo dallestremo finale, n il ciclo del capi tale monetario individuale presuppone lesistenza del capitale monetario in generale, n il ciclo del capitale produttivo individuale quella del capitale produttivo. Nella I, D pu essere il primo capitale monetario, nella II, P il primo capitale produttivo che compare sulla scena della storia, ma nella III .. ..... M

D M (L+Pm) ......P

M D m

d m

M presupposto per due volte fuori del ciclo. Una volta nel ciclo M D M(L + Pm) Questo M, in quanto consta di Pm, merce nelle mani del venditore; esso stesso capitale-merce, in quanto prodotto di un processo capitalistico di produzione; e se pure non lo , appare come capitale-merce nelle mani del commerciante. La seconda volta, nel secondo m, in m d m, che deve parimenti esistere come merce, per poter essere comprato. Comunque, siano o no capitale-merce, L e Pm sono merci quanto M e si comportano luno verso laltro come merci. La stessa cosa vale per il secondo m in m d m. Dunque in quanto M = M(= L + Pm), gli elementi di formazione suoi propri sono merci, e nella circolazione esso devessere sostituito da merci uguali; come anche in
CriticaMente: il pensiero critico http://www.criticamente.com 02/12/2004 8

m d m, il secondo m nella circolazione devessere sostituito da altre merci uguali. Sulla base del modo capitalistico di produzione in quanto modo dominante, ogni merce deve inoltre essere capitale-merce nelle mani del venditore. Essa continua ad esserlo nelle mani del commerciante, ovvero diviene tale nelle sue mani, se ancora non lo era. Oppure devessere merce ad es. articolo importato che ha sostituito un originario capitale-merce e perci gli ha soltanto dato unaltra forma di esistenza. Gli elementi-merce L e Pm dei quali consta il capitale produttivo P, in quanto forme di esistenza di P non possiedono la stessa figura che possedevano nei differenti mercati delle merci nei quali sono stati raccolti. Ora essi sono uniti, e [soltanto] in virt della loro unione possono operare come capitale produttivo. Che M appaia come presupposto di M, soltanto in questa forma IlI, entro il ciclo stesso, deriva dal fatto che il punto di partenza il capitale in forma di merce. Il ciclo viene aperto mediante la con versione di M (in quanto opera come valore-capitale, sia o no aumentato per laggiunta di plusvalore) nelle merci che costituiscono i suoi elementi di produzione. Ma questa conversione abbraccia lintero processo della circolazione M D M(= L+ Pm) ed il suo risultato. Qui dunque M sta ai due estremi, ma il secondo estremo, che mediante D M ottiene la sua forma M dallesterno, dal mercato delle merci, non lestremo finale del ciclo, ma solo dei suoi due primi stadi che abbracciano il processo della circolazione. Il suo risultato P, del quale subentra poi la funzione, il processo di produzione. Soltanto come risultato di questo, quindi non come risultato del processo della circolazione, M compare come fine del ciclo e nella stessa forma dellestremo iniziale M. Viceversa, in D ... D, P ... P, gli estremi D e P sono risultati immediati del processo della circolazione. Qui, dunque, solo alla fine sono presupposti, una volta D, laltra P in mano altrui. Finch il processo procede tra i due estremi, n D nellun caso, n P nellaltro lesistenza di D come denaro estraneo, di P come processo di produzione estraneo appaiono come presupposto di questi cicli. M ... M, invece, presuppone M(= L+ Pm) come merci estranee in mano estranea, che per il processo introduttivo della circolazione sono attirate nel ciclo e vengono trasformate nel capitale produttivo, come risultato della cui funzione M diviene ora nuovamente forma terminale del ciclo. Ma appunto perch il ciclo M ... M entro il suo percorso presuppone altro capitale industriale nella forma di M(= L+ Pm ) (e Pm comprende altri capitali di diversa specie, ad esempio, nel nostro caso, macchine, carbone, olio, ecc.) esso stesso induce a considerarlo non solo come forma generale del ciclo, cio come una forma sociale, nella qual forma pu essere considerato ogni singolo capitale industriale (eccetto che nel suo primo investimento), perci non soltanto come una forma di movimento comune a tutti i capitali industriali individuali, ma contemporaneamente come forma di movimento della somma dei capitali individuali, dunque del capi tale complessivo della classe dei capitalisti, un movimento nel quale quello di ogni singolo capitale industriale individuale appare solo Come un movimento parziale, che si intreccia agli altri e viene da essi condizionato. Se consideriamo, ad esempio, il prodotto complessivo annuale di merci di un paese e analizziamo il movimento per cui una parte di esso sostituisce il capitale produttivo in tutte le imprese individuali, unaltra parte entra nel consumo individuale delle differenti classi, allora consideriamo M ... M come forma di movimento tanto del capitale sociale quanto del plusvalore, rispettivamente plus prodotto, da questo generato. Il fatto che il capitale sociale uguale alla somma dei capitali individuali (compresi i capitali per azioni, e rispettivamente il capitale dello Stato, in quanto i governi che impiegano lavoro salariato produttivo in miniere, ferrovie, ecc., operano come capitalisti industriali), e che il movimento complessivo del capitale sociale uguale alla somma algebrica dei movimenti
CriticaMente: il pensiero critico http://www.criticamente.com 02/12/2004 9

dei capitali individuali non esclude affatto che questo movimento, in quanto movimento dei singoli capitali individuali, presenti altri fenomeni al di fuori del movimento stesso, quando sia considerato dal punto di vista una parte del movimento complessivo del capitale sociale, quindi nella sua connessione con i movimenti delle altre sue parti, e che contemporaneamente esso risolva problemi la cui soluzione devessere presupposta nella considerazione del ciclo di un singolo capitale individuale, anzich risultarne. M ... M lunico ciclo nel quale il valore-capitale originaria mente anticipato costituisca solo una parte dellestremo che apre il movimento, e il movimento si annunzi cos fin dal principio come movimento totale del capitale industriale; tanto della parte di prodotto che sostituisce il capitale produttivo, quanto della parte di prodotto che costituisce plusprodotto e che, in media, parte viene speso come reddito, parte deve servire da elemento dellaccumulazione. Nella misura in cui la spesa di plusvalore come reddito compresa in questo ciclo, lo anche il consumo individuale. Questultimo, per, inoltre compreso anche per il motivo che il punto di partenza M, merce, esiste come un qualsiasi articolo duso; ogni articolo prodotto capitalisticamente per capitale-merce, sia che la sua forma duso lo destini al consumo produttivo, o a quello individuale, o ad ambedue; D ... D indica solo laspetto del valore, la valorizzazione del valore-capitale anticipato come scopo. dellintero processo; P ... P (P) indica il processo di produzione del capitale in quanto processo di riproduzione con grandezza costante o crescente del capitale produttivo (accumulazione); M ... M, mentre gi nel suo estremo iniziale si annunzia come figura della produzione capitalistica di merci, comprende fin dal principio consumo produttivo e individuale; il consumo produttivo e la valorizzazione in esso compresa appare solo come ramo del suo movimento. Infine, poich M pu esistere in forma duso che non pu entrare nuovamente in qualsiasi processo di produzione, dimostrato cosi fin dal principio che le differenti parti costitutive di valore di M espresse in parti di prodotto devono assumere unaltra posizione, secondo che M ... M vale come forma del movimento del capitale sociale complessivo, ovvero come movimento autonomo di un capitale industriale individuale. In tutte queste sue propriet, questo ciclo rinvia oltre se stesso come ciclo singolo di un capitale puramente individuale. Nella figura M ... M, il movimento del capitale-merce, cio del prodotto complessivo prodotto capitalisticamente, appare tanto come presupposto del ciclo autonomo del capitale individuale, quanto a sua volta come da esso condizionato. Perci se questa figura viene intesa nella sua essenza peculiare, non basta pi contentarsi del fatto che le metamorfosi M D e D M sono, da un lato, sezioni funzionalmente determinate nella metamorfosi del capitale, dallaltro, parti della circolazione generale delle merci. Diventa necessario chiarire lintrecciarsi delle metamorfosi di un capitale individuale con quelle di altri capitali individuali e con la parte dei prodotto complessivo destinata al consumo individuale. Perci, nel lanalisi del ciclo del capitale industriale individuale noi poniamo di preferenza a fondamento le due prime forme. In quanto forma di un singolo capitale individuale, il ciclo M ... M compare ad esempio nellagricoltura, in cui si computa da raccolto a raccolto. Nella figura Il, si partir dalla semina, nella figura III dal raccolto, ovvero, come dicono i fisiocratici, nella prima dalle avances (anticipi), nella seconda dalle reprises (entrate). Il movimento del valore- capitale nella III fin dal principio appare soltanto come parte del movimento della massa generale di prodotti, mentre nella I e nella II il movimento di M costituisce solo un elemento nel movimento di un singolo capitale. Nella figura III, merci esistenti sul mercato costituiscono il presupposto costante del processo di produzione e di riproduzione. Perci, se si fissa questa figura, tutti gli elementi
CriticaMente: il pensiero critico http://www.criticamente.com 02/12/2004 10

del processo di produzione sembrano provenire dalla circolazione delle merci e constare solo di merci. Questa concezione unilaterale trascura gli elementi del processo di produzione indipendenti dagli elementi merce. Poich in M ... M il prodotto totale (il valore totale) punto di partenza, si dimostra qui che (prescindendo dal commercio estero) la riproduzione su scala allargata pu aver luogo a produttivit invariata soltanto se nella parte del plusprodotto da capitalizzare sono gi contenuti gli elementi materiali del capitale produttivo addizionale; che dunque, in quanto la produzione di un anno serve da presupposto a quella del successivo, ovvero in quanto ci pu avvenire contemporaneamente al semplice processo di riproduzione nello spazio di un solo anno, viene subito prodotto plusprodotto nella forma che lo mette in grado di operare come capitale addizionale. Unaccresciuta produttivit pu accrescere solo la materia- capitale, senza elevarne il valore; ma con ci essa costituisce materiale addizionale per la valorizzazione. M ... M alla base del Tableau conomique di Quesnay, e il fatto che questi, in contrapposizione a D ... D (la forma isolatamente considerata del sistema mercantilistico), abbia scelto questa forma e non P ... P, sta a dimostrare un profondo e giusto discernimento.

CriticaMente: il pensiero critico http://www.criticamente.com 02/12/2004

11

Potrebbero piacerti anche