Sei sulla pagina 1di 12

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE

PROVINCIA DI MACERATA
C.A.P. 62012 Codice Fiscale e Partita IVA n. 00262470438

Assessorato URBANISTICA Ufficio URBANISTICA PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO DEL 19-11-12 N.89 ---------------------------------------------------------------------Oggetto: L.R. N. 34/92 E SS.MM. - ART.26 - VARIANTE PARZIALE AL VIGENTE P.R.G. INERENTE LA RIDEFINIZIONE URBANISTICA DEL P.N. 9.1 "CECCOTTI" - ESAME OSSERVAZIONI - ADOZIONE DEFINITIVA PROVVEDIMENTI ============================================================== DATI RELATIVI ALLA SEDUTA ---------------------------------------------------------------------Seduta del N. 0 ---------------------------------------------------------------------- DELIBERA N. | | Soggetta a Controllo | | Immediatamente eseguibile ---------------------------------------------------------------------LA GUNTA COMUNALE PREMESSO: - che con gli atti del Consiglio Comunale n. 99 del 5/11/1999 e n. 29 del 30/3/2000, veniva adottata la variante generale all'allora vigente PRG; - che relativamente all'area Ceccotti la variante generale recepiva un progetto esistente assumendone come vincolo le previsioni quantitative e funzionali (Piano Particolareggiato definitivamente approvato con atto del Consiglio Comunale n. 25 del 30/3/1998). - che, nel contesto dell'iter di approvazione della suddetta variante, la Giunta Provinciale di Macerata con atto n. 309 del 19.06.2006 comunicava al Comune, ai sensi dell'art. 27 della L.R. n. 34 /92, la proposta di approvazione con richieste di modifiche e prescrizioni che, relativamente all'area Ceccotti (prescrizione n. 6), si sostanziavano nell'invito al Comune di predisporre, per l'intero comparto, una progettazione che avrebbe dovuto privilegiare, da una parte la qualit degli spazi aperti piuttosto che la quantit delle volumetrie realizzabili e dall'altra attribuire alla stessa una connotazione di servizio per l'intera citt; - che la richiesta di riprogettazione doveva tener conto delle seguenti specifiche prescrizioni: a) individuazione cartografica dei comparti di ristrutturazione edilizia, di ristrutturazione urbanistica e di nuova edificazione; b) esplicitazione delle indicazioni quali-quantitative in specifiche tabelle con rimandi alle indicazioni grafiche del piano; c) ridefinizione della tabella relativa al Progetto Norma (PN); d) verifica dei dati metrici riferiti alla Superficie Territoriale (ST), alla Superficie Utile Lorda (SUL) nonch alle dotazioni standard; e) precisazione in metri lineari delle altezze massime consentite;

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


PROVINCIA DI MACERATA
C.A.P. 62012 Codice Fiscale e Partita IVA n. 00262470438

f) assoggettamento a normativa B3.0 (mantenimento dell'esistente) per i comparti per cui era prevista la sola ristrutturazione edilizia e a normativa B6 (demolizione senza ricostruzione) per le porzioni che ricadono all'interno della perimetrazione delle aree a rischio di esondazione del fosso del Castellaro; g) rispetto delle indicazioni fornite dalle FF.SS. per gli edifici posti a ridosso della ferrovia; h) traslazione, al di fuori del limite di rispetto cimiteriale, di alcune volumetrie e salvaguardia degli elementi di valenza storica che rendono riconoscibile la fornace con adeguate fasce di rispetto da osservare per le nuove realizzazioni; - che con atto n. 100 del 10/10/2006, il Consiglio Comunale nel prendere parzialmente atto della prescrizione impartita dalla Provincia, approvava la riprogettazione effettuata dal VII Settore Pianificazione Territoriale - Progettazione Urbanistica, inviandola alla Provincia per la successiva approvazione nel contesto dell'iter di approvazione definitiva della variante generale al PRG; - che con atto della Giunta Provinciale di Macerata n. 280 del 5/7/2007, la variante generale veniva quindi approvata ma con il contestuale stralcio delle previsioni rielaborate per la zona Ceccotti con la sola indicazione di fare salvo l'esistente e con l'invito al Comune di procedere ad una nuova pianificazione dell'area; - che tale determinazione ha quindi generato un regime giuridico dell'area attualmente definito dai contenuti dell'art. 9 comma 1 del DPR 380/2001, alla stregua delle aree sprovviste di previsioni urbanistiche e nelle quali sono consentiti i soli interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria restauro e risanamento conservativo, essendo la stessa interna alla perimetrazione del centro abitato; EVIDENZIATO: - che come noto il Comune ha impugnato lo stralcio provinciale con contenzioso avanti al TAR delle Marche, che ha respinto il ricorso con sentenza n. 82/2009, ed ha proposto appello tuttora pendente avanti al Consiglio di Stato; - che ai fini dell'individuazione del regime giuridico oggi vigente nella zona, occorre tenere conto anche delle fatto che l'art. 5.1.1.2 delle NTA del vigente PRG fa salvi i piani particolareggiati di iniziativa pubblica approvati prima della data di adozione del medesimo PRG; - che all'uopo si deve sottolineare che il Piano Particolareggiato dell'area Ceccotti stato approvato con atto del C.C. n. 25 del 30/3/1998 ossia in data utile, e che i ricorsi proposti contro lo stesso e le sue successive varianti sono stati respinti dai Giudici Amministrativi con diverse sentenze, l'ultima delle quali risale al febbraio 2009; PRECISATO: - che con atto della Giunta Comunale n. 199 del 23/5/2008 veniva quindi affidato al Settore VII, Pianificazione Territoriale e Progettazione Urbanistica, l'incarico per la redazione della variante parziale al vigente PRG riferita all'area Ceccotti fissando, in

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


PROVINCIA DI MACERATA
C.A.P. 62012 Codice Fiscale e Partita IVA n. 00262470438

giorni 120 dalla data di esecutivit dell'atto, il termine per l'espletamento dello stesso ( 20/9/2008) e fornendo all'Ufficio incaricato il seguente indirizzo: " confermare il contenuto della proposta di riprogettazione dell'area cos come fatta propria dal Consiglio Comunale con atto n. 100 del 10.10.2006 tenendo conto anche delle indicazioni tecniche fatte oggetto di confronto tra il Dirigente del settore VII del Comune ed il Dirigente del Settore Urbanistica dell'Amministrazione Provinciale di Macerata e riportate negli allegati "A" e "B" della nota del Dirigente Comunale prot. n. 22564 del 5.5.2008"; - che con nota prot. n. 42632 del 8.9.2008 il Dirigente del Settore VII richiedeva la proroga del termine assegnatogli per la redazione della variante di ulteriori 60 giorni, stanti le numerose incombenze a cui l'ufficio ha dovuto far fronte nel medesimo periodo di decorrenza dell'incarico; - che con successivo atto della Giunta Municipale n. 359 del 8/9/2008 stata concessa, al Settore incaricato della redazione della variante, la proroga richiesta differendo la nuova scadenza al 19/11/2008; - che con atto della Giunta Municipale n. 406 del 20/10/2008 sono stati affidati a professionisti esterni gli incarichi inerenti l'effettuazione degli studi di settore ( trasporti e mobilit, aspetti botanico-vegetazionali, impatto acustico e atmosferico) necessari per la successiva redazione del rapporto preliminare inerente la verifica di assoggettabilit della variante alle procedure di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) di cui al D. Lgs n.152/2006 e ss.mm.; - che il Termine assegnato a detti professionisti per l'espletamento dei rispettivi incarichi veniva determinato in giorni 30 dalla data di esecutivit della delibera d'incarico e pertanto andava a scadere il 19/11/2008; -che in sede di accettazione delle modalit di svolgimento degli incarichi, i consulenti per gli aspetti botanico-vegetazioni e quelli per gli aspetti acustici ed atmosferici precisavano che il termine per la redazione dei rispettivi elaborati (trenta giorni) doveva intendersi decorrente dalla data di presa visione dello studio trasportistico e di mobilit in quanto propedeutico alle valutazioni di competenza; - che con nota prot. n. 55601 del 19/11/2008 il Dirigente del Settore VII (Pianificazione Territoriale e Progettazione Urbanistica) comunicava l'avvenuta predisposizione della variante nelle linee generali, pur evidenziando all'Amministrazione la necessit che questa adottasse proprie decisioni discrezionali in ordine a talune questioni dalle quali dipendeva la possibilit per l'ufficio di portare a termine la progettazione della variante stessa; - che con nota in pari data 19/11/2008 (assunta al prot. al n. 56867 del 256/11/2008) veniva consegnato dallo Studio SIPET di Termoli lo studio trasportistico e di mobilit con il quale si proponevano 4 diversi scenari, con soluzioni viabilistiche alternative e con previsioni anche di nuovi tratti viari; - che a seguito di una valutazione informale e collegiale sulle risultanze dello studio di mobilit, veniva richiesto alla SIPET di elaborare un'ipotesi integrativa che verificasse

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


PROVINCIA DI MACERATA
C.A.P. 62012 Codice Fiscale e Partita IVA n. 00262470438

l'idoneit della viabilit esistente (nelle attuali consistenze e articolazioni) ad assorbire l'ulteriore carico derivante dalla variante; - che con nota in data 26/2/2009 (assunta al prot. n. 11533 in data 2/3/2009) la SIPET consegnava la relazione integrativa e conseguentemente in data 6/3/2009 i consulenti di settore Ing. Giorgio Domizi (clima e impatto acustico ed atmosferico) e il Dott. Agr. Euro Buongarzone ( aspetti botanico-vegetazionali e redazione rapporto preliminare sulla verifica di assoggettabilit alla VAS) trasmettevano gli studi di rispettiva competenza; - che quindi il dirigente del VI Settore con nota prot. n. 14926 del 19/3/2009 ha provveduto a trasmettere alla Giunta Municipale la proposta di variante elaborata dall'ufficio in adempimento degll'incarico conferitogli; - che con delibera n. 172 del 13/5/2009 la Giunta Comunale prendeva atto dell'avvenuta consegna della variante elaborata dal VI settore ritenendola conforme agli indirizzi di cui alla propria deliberazione n. 199/2008, dando contestuale mandato al Settore incaricato di inoltrare la variante cos come elaborata agli Enti preposti al rilascio dei pareri obbligatori, compresa l'attivazione della procedura relativa al rilascio, da parte della provincia di Macerata ( quale autorit competente) del provvedimento finale di verifica sull'assoggetabilit o meno della variante alla procedura VAS ( valutazione Ambientale Strategica);

- che la proposta di variante di cui trattasi in data 14/5/2009 con nota prot. n. 24962 veniva trasmessa alla Provincia di Macerata per l'esame ai sensi del D. Lgs. 152/06 e ss.mm.; - che con Determinazione Dirigenziale n. 238 del 18/8/2009 la Provincia di Macerata escludeva la variante dalla procedura di Vas ai sensi dell'art. 12 del D. Lgs n.4/08 e ss.mm. stabilendo le condizioni ed indicazioni a cui il Comune doveva attenersi per la stesura degli elaborati di variante urbanistica; - che il settore incaricato provvedeva ad adeguare gli atti e gli elaborati di variante alle prescrizioni contenute nella suddetta determinazione; - che con nota prot. n.62977 del 30.12.2009 il Dirigente del VI Settore Pianificazione Territoriale Progettazione Urbanistica ad evasione dellincarico conferitogli trasmetteva alla Giunta Municipale gli elaborati relativi alla variante riferita al Piano Norma 9.1 Ceccotti completa anche dellatto deliberativo per ladozione della stessa da parte del Consiglio Comunale; - che la variante stessa veniva iscritta allo.d.g. del Consiglio Comunale del 22.07.2010 per la sua adozione; - che nella seduta del Consiglio Comunale del 28.07.2010, il cui ordine del giorno prevedeva ladozione della variante, veniva presentato e approvato un emendamento a firma del Presidente della Commissione Urbanistica, che confermando le scelte

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


PROVINCIA DI MACERATA
C.A.P. 62012 Codice Fiscale e Partita IVA n. 00262470438

fondamentali effettuate rispetto allarea di cui trattasi, forniva ulteriori indirizzi scaturiti dal lungo dibattito nato a seguito dello stralcio da parte della Provincia (D.C.C. n.63 del 28.07.2010); - che su invito del Consiglio stesso la Giunta Municipale con atto n. 400 del 10.09.2010 dava incarico al Settore Pianificazione Territoriale Progettazione Urbanistica di integrare il progetto di variante sulla base dellemendamento e dei relativi allegati e di verificarne i contenuti con gli enti preposti che gi avevano espresso i propri pareri di competenza sulla variante originaria; - che a tale riguardo gi in data 16.07.2010 si era aperto un ulteriore sub-procedimento allinterno delliter di approvazione della variante a seguito di una segnalazione inviata dal Corpo Forestale dello Stato (nota prot. n. 998 Pos II^ - 1/5). Tale procedimento stato finalizzato alla eventuale classificazione di una formazione vegetale allinterno dellarea Ceccotti come bosco ai sensi dellart.2 della L.R.6/2005; - che a seguito di un sopralluogo congiunto (Comune, Provincia e Corpo Forestale dello Stato) effettuato in data 12.11.2010, veniva trasmesso, in data 06.12.2010 con nota protocollo n 60259, allente competente (Provincia di Macerata) un approfondimento botanico vegetazionale relativo alla porzione ovest dellarea adiacente alla fornace redatto dal consulente di settore dr. agr. Euro Buongarzone per conto del Comune di Civitanova Marche; - che con nota protocollo n 97/932 del 20.12.2010, assunta al prot. con n. 62727 del 22.12.2010, la Provincia di Macerata esprimeva, ai sensi della L.R. 6/2005, il parere richiesto precisando che larea non possedendo i requisiti richiesti dallart. 2 della citata legge non poteva essere considerata area boscata;

PRESO ATTO: - che in data 30.12.2010 il dirigente del VI Settore ha trasmesso alla Giunta Municipale (nota prot. 64059) la variante adeguata alla D.C.C. n. 63 del 28.07.2010 e contestualmente ha trasmesso gli elaborati agli enti preposti, che gi avevano espresso i pareri di competenza in sede di variante originaria, per la verifica circa la validit degli stessi in relazione alle variazioni apportate; - che tale procedimento ha reso necessaria anche la verifica di assoggettabilit a Vas della proposta di variante cos modificata che ha visto coinvolti quali Soggetti Competenti in materia Ambientale gli enti gi consultati nella prima verifica di assoggettabilit: SOPRINTENDENZA per i Beni Architettonici e Paesaggistici delle Marche; SOPRINTENDENZA per i Beni Archeologici delle Marche; DIREZIONE GENERALE per i Beni Culturali e Paesaggistici Delle Marche; ASUR n. 8 Civitanova Marche; A.ATO n.3, PROVINCIA DI MACERATA: XII Settore Ambiente (Bonifiche e Via, Aria, Acque), ARPAM di Macerata.

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


PROVINCIA DI MACERATA
C.A.P. 62012 Codice Fiscale e Partita IVA n. 00262470438

- nei termini sono pervenuti alla Provincia i pareri degli Enti, inviati in copia al Comune (nota prot. 11859 del 09.03.2011), tra i quali quello della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici delle Marche (nota prot.n. 2919 del 24.02.2011), che ha emesso un parere negativo sulla procedura in atto comunicando che lindirizzo della progettazione comportava impatti diretti nelledificato consolidato e sul paesaggio, con incisive modificazioni dello skyline naturale e antropico e conseguente alterazione dellassetto percettivo, scenico e panoramico; - che a tale riguardo, a seguito di un incontro svoltosi presso la sede della Soprintendenza in data 16.03.2011 tra il Comune di Civitanova Marche e la Soprintendenza stessa, il Comune ha chiesto (nota prot.n. 13295 di pari data) la revisione del parere emesso valutando, allo scopo, lopportunit di fornire ulteriori studi sullinserimento prospettico del progetto di variante, sia nella versione originaria sia in quella integrata ai sensi dellemendamento del Consiglio Comunale n.63 del 28.07.2010, ai fini di una migliore valutazione degli eventuali impatti del piano sul paesaggio; - che contestualmente il Comune ha chiesto alla Provincia di Macerata la sospensione dei termini della procedura in atto relativa al rilascio del provvedimento finale di verifica di assoggettabilit; - che con nota prot. n.28870 del 07.06.2011, il Comune ha consegnato presso la Soprintentenza gli studi dinserimento prospettico del progetto di variante di cui trattasi comprendenti quattro viste del progetto da punti diversi e significativi per laspetto percettivo, consentendo inoltre il confronto tra la soluzione oggetto del diniego della Soprintendenza, con quella gi esclusa dalla procedura di Vas, nonch con lo stato attuale; - che in data 15.07.2011 pervenuto il nuovo parere della Soprintendenza (nota prot.n.11671 dell11.07.2011 assunta al prot. con n. 36679) risultato negativo e riportante diversi rilievi rispetto allesecuzione del progettato intervento; - che la verifica di assoggettabilit a Vas si conclusa con la Determinazione Dirigenziale n. 244 11 Settore del 08.09.2011 della Provincia di Macerata che ha escluso la variante dalla procedura di Vas ai sensi dellart. 12 del D. Lgs. N. 4/08 e ss.mm., stabilendo le condizioni e indicazioni per la stesura degli elaborati di variante urbanistica. Tra queste era previsto che il Comune si conformasse ai pareri degli Enti, in particolar modo a quelli resi dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici delle Marche; - che per la conformazione degli elaborati ai pareri degli enti, seguita una importante fase di concertazione tra il Comune e la Soprintendenza stessa. Ai fini del recepimento di detti pareri nellelaborazione della variante urbanistica si sono svolti due incontri presso la sede della Soprintendenza, in data 05.10.2011 e in data 27.10.2011, anche sulla base di proposte risolutive che il Comune ha sottoposto alla visione dellEnte sulle varie possibilit di ridistribuzione volumetrica delle previsioni quantitative della variante urbanistica, nella delicata fase di integrazione degli indirizzi dellAmministrazione comunale, gi espressi con D.C.C. n. 63 del 28.07.2011, con

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


PROVINCIA DI MACERATA
C.A.P. 62012 Codice Fiscale e Partita IVA n. 00262470438

quelli della Soprintendenza, mediante una soluzione che ottemperasse ai diversi obiettivi indicati; - che ai fini di un riscontro da parte della Soprintendenza nella prosecuzione del procedimento in atto, con nota prot. n. 59859 del 29.11.2011 stata consegnata presso la sede della Soprintendenza la variante conformata ai pareri di cui ai punti precedenti insieme ad una relazione di sintesi esplicativa sulle modalit di recepimento delle indicazioni evidenziate in detti pareri; - che con propria nota del 14.12.2011 prot. n. 20514 assunta agli atti con prot. n. 62283 del 15.12.2011, la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici delle Marche ha espresso parere favorevole a seguito della documentazione esaminata, auspicando che venissero individuati indirizzi progettuali e di dettaglio compositivo, anche attraverso concorsi e/o idee di progettazione; - che in data 28.12.2011 con prot. n. 64017 stato notificato al Comune di Civitanova Marche un Ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale delle Marche Ancona contro il silenzio della P.A. ex art.31 codice processo amministrativo e cumulo di domande risarcitorie ex art. 32 codice processo amministrativo, da parte della Societ Immobiliare Terzo Millennio S.R.L. contro il Comune di Civitanova Marche; - che relativamente a tale ricorso, il Tar ha respinto la domanda di declaratoria del silenzio inadempimento con sentenza n.264/2012, che ha in parte dichiarato inammissibile e in parte dichiarato improcedibile il ricorso avversario in tema di illegittimit del silenzio e di fondatezza della pretesa; quanto al profilo risarcitorio il giudizio tuttora pendente; - che il Dirigente del VI Settore con nota prot. n.3281 del 20.01.2012 ha trasmesso la variante di cui trattasi alla Giunta Comunale completa di tutti gli elaborati previsti per legge ; RISCONTRATO: - che il Consiglio Comunale con atto n. 4 del 23/02/2012 ha proceduto, ai sensi dellart. 26 della L.R. n. 34/92 e ss.mm., alladozione della variante come sopra elaborata; - che con il medesimo atto il Consiglio Comunale ha deliberato ladozione della presente variante anche ai sensi e per le finalit di cui all'art. 11 comma 1 lett. b) della L.R. n. 22/2011 in quanto finalizzata sia alla riduzione delle potenzialit edificatorie che al recupero dell'area interessata oggi degradata; - che a seguito dellavvenuta adozione la variante, il relativo avviso di deposito stato pubblicato secondo le modalit previste dalla richiamata normativa regionale ed in particolare attraverso n. 3 quotidiani ( Il Resto del Carlino, Il Messaggero ed Il Corriere Adriatico) del 30/3/2012 nonch affisso allalbo pretorio del Comune dal 30/3/2012 al 29/5/2012 e pubblicizzato inoltre attraverso manifesti a stampa di pari data affissi nei luoghi di pubblica frequenza;

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


PROVINCIA DI MACERATA
C.A.P. 62012 Codice Fiscale e Partita IVA n. 00262470438

- che a seguito delle pubblicazioni sopra evidenziate sono pervenute, tutte nei termini, n. 16 osservazioni come risulta da specifica certificazione dell8/6/2012, a firma del Segretario Generale e che le stesse sono riportate nel quadro sinottico allegato, quale parte integrante e sostanziale, al presente atto, come di seguito elencate: 1. osservazione presentata dal CIRCOLO "SIBILLA ALERAMO" DELLA LEGAMBIENTE in persona del presidente Giorgia Belforte e dallAVV. ROBERTO GAETANI in data 17.05.2012 ed assunta al prot. n. 24160 di pari data; 2. osservazione presentata da AMEDEO REGINI, coordinatore associazione ecologista Cittaverde in data 18.05.2012 ed assunta al prot. n. 24387 del 21.05.2012; 3. osservazione presentata da MARIA GRAZIA PIERLUCA in data 22.05.2012 ed assunta al prot. in pari data; 4. osservazione presentata da GABRIELLA CECCOTTI, proprietaria della particella individuata al f 9 p 398, in data 23.05.2012 ed assunta al prot. n. 25289 in data 25.05.2012; 5. osservazione presentata da AMEDEO REGINI, coordinatore associazione ambientalista Cittaverde in data 25.05.2012 ed assunta al prot. n. 25293 di pari data; 6. osservazione presentata da SIMONE BIANCHINI della societ MORGANA DI BIANCHINI SIMONE, proprietario f.9 p 83, in data 25.05.2012 e assunta al prot. n. 25296 in pari data; 7. osservazione presentata da ALFERIO LEONFANTI e GIULIANA COMODO, proprietari f 9 p 261 sub. 6, 7 e 8, in data 28.05.2012 ed assunta al prot. n. 25617 di pari data; 8. osservazione presentata da CULTURA LEGALITA' E PROGRESSO, associazione di volontariato iscritta al registro regionale, sezione ambiente, Tizianna Streppa, Adriano Mei, Alessandro Lippo, Patrizia Bianchini, Cristiana Cecchetti, in data 28.12.2012 ed assunta al prot. n. 25622 di pari data; 9. osservazione presentata da CULTURA LEGALITA' E PROGRESSO, associazione di volontariato iscritta al registro regionale, sezione ambiente, Tizianna Streppa, Alessandro Lippo, Patrizia Bianchini, Cristiana Cecchetti in data 28.12.2012 ed assunta al prot. n. 25966 del 29.05.2012; 10. osservazione presentata da GABRIELE ELLERO FRONTONI, in qualit di erede legittimo di Ellero Frontoni comproprietario espropriato delle aree f 9 p 1333 1334, in data 28.05.2012 ed assunta al prot. n. 25638 di pari data; 11. osservazione presentata da Guido Malatini in qualit di presidente della SOCIETA IMMOBILIARE TERZO MILLENNIO s.r.l., proprietaria, in data 28.05.2012 ed assunta al prot. n. 25681 del 28.05.2012; 12. osservazione presentata da CECCOTTI ALFREDO, MOBILI PAOLO, CECCOTTI MARIA LUISA, proprietari, in data 28.05.2012 ed assunta al prot. n. 25907 del 29.05.2012; 13. osservazione presentata da Biondini Alberto in qualit di legale rappresentante della GIELLE SRL, proprietaria f 9 p 1372-260-270-542-544, in data 29.05.2012 ed assunta al prot n. 25956 di pari data; 14. osservazione presentata da Iacoponi Raniero in qualit di Amministratore della Societ PENNILE SPA, comproprietario in data 29.05.2012 ed assunta al prot. n. 25977 di pari data; 15. osservazione presentata da MARIA GRAZIA PIERLUCA in data 29.05.2012 ed assunta al prot. in pari data;

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


PROVINCIA DI MACERATA
C.A.P. 62012 Codice Fiscale e Partita IVA n. 00262470438

16. osservazione presentata da Fabio Bottiglieri in rappresentanza del MOVIMENTO 5 STELLE, in data 29.05.2012 ed assunta al prot. n. 25987 di pari data; - che il Settore VI ha proceduto ad effettuare listruttoria delle suddette osservazioni, riscontrando che due osservazioni (numero 8 e 9), presentate in tempi e a firme diverse, coincidevano esattamente nella forma e nel contenuto, per cui sono state esaminate unitariamente; a seguito di ci le osservazioni esaminate sono state quindici; - che dallanalisi puntuale delle stesse emerso che esse trattano in realt n.61 punti alcuni dei quali di contenuto strettamente tecnico mentre altri di contenuto tale da richiedere un pronunciamento di indirizzo politico sul contenuto che la pianificazione dellarea deve assumere; - che relativamente ai punti di contenuto tecnico il Settore VI ha provveduto allanalisi puntuale degli stessi formulando per ognuno la specifica proposta di controdeduzione, avvalendosi a riguardo dei contributi forniti dai consulenti di settore gi incaricati in sede di redazione della variante per la trattazione dei temi riguardanti lo studio del traffico, la qualit dellarea, limpatto acustico nonch gli aspetti geologici; -che tale esame ha nel contempo evidenziato la necessit che lamministrazione comunale, nellambito della propria discrezionalit politico-amministrativa, si fosse invece pronunciata sui punti delle osservazioni aventi preminente contenuto di indirizzo a cui conformare eventualmente la ridefinizione urbanistica dellarea; - che al fine di fornire un quadro unitario delle osservazioni pervenute, il Settore VI ha trasmesso al Sindaco ed al competente Assessorato allUrbanistica, con nota prot. n. 52464 dell8/11/2012, un quadro sinottico delle stesse (allegato alla presente) nel quale sono stati riportati i contenuti salienti delle richieste effettuate nonch formulate le proposte di controdeduzione da assumere da parte del competente organo in relazione agli aspetti tecnici trattati evidenziando, per quelli di natura non tecnica, la necessit che lAmministrazione provvedesse a definire un indirizzo da adottare al fine di delineare le proposte di controdeduzioni relative a tali punti; CONSIDERATO: - che al fine di procedere alla conclusione del procedimento di esame delle osservazioni e di eventuale adozione definitiva della variante si reso necessario che la Giunta Comunale definisse, nella sfera della propria discrezionalit politico-amministrativa, le controdeduzioni da assumere con riferimento alle osservazioni di natura non tecnica da proporre allesame del Consiglio Comunale; - che la Giunta Comunale con proprio atto n. 423 del 15.11.2012 ha fatto propria, a riguardo, la specifica relazione elaborata dallAss.re allUrbanistica (allegata quale parte integrante e sostanziale allo stesso atto) con la quale sono state definite le proposte di esame dei punti delle osservazioni pervenute aventi contenuto e carattere non strettamente tecnico;

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


PROVINCIA DI MACERATA
C.A.P. 62012 Codice Fiscale e Partita IVA n. 00262470438

VISTO il parere della 2 Commissione consiliare verbale n. ___ del _________ riportato nel quadro sinottico relativo all'esame delle osservazioni pervenute ed allegato, quale parte integrante e sostanziale al presente atto; VISTE: - la L. n. 1150/42 e successive modificazioni ed integrazioni; - la L.R. n. 34/92 e successive modificazioni ed integrazioni; - la L.R. n.. 22 del 23.11.2011 - il D.Lgs n. 152/2006 e ss.mm.ii; - la D.G.R. n. 1813 del 21.12.2010;

VISTO il TUEL n. 267/2000; VISTO il parere favorevole, del responsabile del servizio, in ordine alla regolarit tecnica, ex art. 48, comma 1^ del D.L.gs 18.08.2000; Per quanto sopra esposto la Giunta Comunale PROPONE al Consiglio Comunale di deliberare quanto segue: 1) prendere atto delle osservazioni pervenute a seguito della pubblicazione, avvenuta ai sensi della L.R. n. 34/92 e ss.mm., della variante parziale al vigente PRG relativa alla ridefinizione urbanistica del P.N. 9.1 "Ceccotti", adottata dal Consiglio Comunale con atto n. 4 del 23/2/2012, cos come risultanti nel quadro sinottico allegato al presente atto quale parte integrante e sostanziale dello stesso; 2) adottare, rispetto alle osservazioni pervenute, e con riferimento agli aspetti di natura strettamente tecnica (come evidenziati nel quadro sinottico di cui al precedente punto 1) le relative determinazioni come nello stesso quadro risultanti; 3) adottare, rispetto alle osservazioni pervenute e con riferimento invece agli aspetti di indirizzo politico-amministrativo che il contenuto della pianificazione dellarea deve prevedere (come anchessi evidenziati nel quadro sinottico di cui al precedente punto 1) le determinazioni risultanti dalla relazione alluopo predisposta dallAss.re allUrbanistica fatta propria dalla Giunta Comunale con atto n. 423 del 15.11.2012; 4) non procedere, in conseguenza di quanto determinato con precedente punto 3, alladozione definitiva della variante parziale al vigente PRG relativa alla ridefinizione urbanistica del P.N. 9.1 "Ceccotti", gi adottata con atto del Consiglio Comunale n. 4 del 23/2/2012, considerato che dallesame delle osservazioni di carattere non tecnico emerge lesigenza di definire un nuovo indirizzo a cui conformare il contenuto della pianificazione del comparto;

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


PROVINCIA DI MACERATA
C.A.P. 62012 Codice Fiscale e Partita IVA n. 00262470438

5) impegnare conseguentemente la Giunta Comunale a definire tempi e modi per avviare con la cittadinanza (attraverso anche laffidamento di specifico incarico di consulenza tecnica), una fase di partecipazione al fine di acquisire i necessari contributi per la definizione dei nuovi indirizzi e contenuti cui conformare la ridefinizione urbanistica del comparto in esame onde procedere, a conclusione della stessa fase, allaffidamento di un ulteriore incarico al competente Settore VI Pianificazione Territoriale-Progettazione Urbanistica, eventualmente coadiuvato da consulenti di Settore esterni allAmministrazione, per la rielaborazione della variante in maniera coerente con il nuovo indirizzo delineatosi; 6) dare atto che compete al Dirigente del VI Settore, Arch. Maurizio Scarpecci, l'attuazione del presente provvedimento.

COMUNE DI CIVITANOVA MARCHE


PROVINCIA DI MACERATA
C.A.P. 62012 Codice Fiscale e Partita IVA n. 00262470438