Sei sulla pagina 1di 13

PROVINCIA DI PISTOIA

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE Atto n. 157

Seduta del l 5 NOVEMBRE 2012


OGGETTO: PIANO INTERPROVINCIALE DI ATO TOSCANA CENTRO - PROVINCE DI FIRENZE, PRATO E PISTOIA - PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E SPECIALI ANCHE PERICOLOSI, DEI RIFIUTI URBANI BIODEGRADABILI, DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO E DEI RIFIUTI CONTENENTI PCB" - APPROVAZIONE DEL PIANO, DEL RAPPORTO AMBIENTALE, DELLA SINTESI NON TECNICA, DELLA DICHIARAZIONE DI SINTESI, DEL PARERE MOTIVATO E DELLA RELAZIONE DEL GARANTE DELLA COMUNICAZIONE - APPROVAZIONE SCHEMA DI ACCORDO AI SENSI DELL'ART. 12 BIS, COMMA 2, DELLA L.R. 25/98 E S.M.I. E DELLA L.R. 10/2010.

L'anno duemiladodici, add Quindici del mese di Novembre alle ore 9,15 nella sala delle adunanze della Provincia di Pistoia, convocata con apposito avviso, si riunita la Giunta Provincia le Presiede il Presidente Federica Fratoni Al1 'adozione del seguente provvedimento risultano presenti i Sigg.: Presenti X X X X X X Assenti

FEDERICA FRATONI ROBERTO FABIO CAPPELLINI RINO FRAGAI PAOLO MAGNANENSI MAURO MARI LIDIA MARTINI

Presidente Vicepresidente Assessore Assessore Assessore Assessore

Partecipa alla seduta il Segretario Generale Supplente Dott.ssa Manuela Nunziati Il Presidente accertato il numero legale degli intervenuti invita i presenti a deliberare sull'oggetto sopra indicato.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE DEL I5 NOVEMBRE 20 12 N. 157

OGGETTO: PIANO INTERPROVINCIALE DI ATO TOSCANA CENTRO - PROVINCE DI FIRENZE,


PRATO E PISTOIA - PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E SPECIALI ANCHE PERICOLOSI, DEI RIFIUTI URBANI BIODEGRADABILI, DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO E DEI RIFIUTI CONTENENTI PCB" APPROVAZIONE DEL PIANO, DEL RAPPORTO AMBIENTALE, DELLA SINTESI NON TECNICA, DELLA DICHIARAZIONE DI SINTESI, DEL PARERE MOTIVATO E DELLA RELAZIONE DEL GARANTE DELLA COMUNICAZIONE - APPROVAZIONE SCHEMA DI ACCORDO AI SENSI DELL'ART. 12 BIS, COMMA 2, DELLA L.R. 25/98 E S.M.I. E DELLA L.R. 10/2010.

L'Assessore Rino Fragai illustra e sottopone all'approvazione della Giunta Provinciale l'allegata proposta formulata, previa istruttoria, dal Dirigente Dott. Giovanni Ariberto Merendi; LA GIUNTA PROVINCIALE Preso atto della relazione illustrata e proposta in ordine a tutto quanto sopra dal relatore, valutata e considerata la suddetta relazione-proposta e ritenuto di dover disporre a riguardo nell'ambito della propria potest decisionale cos come specificato nel successivo dispositivo; Considerato che la proposta corredata del parere di regolarit tecnica formulato dal Dirigente del Servizio Tutela Ambientale, Energia, Gestione Rifiuti, Bonifica Inquinamenti ambientali e Aree inquinate, Forestazione, Antincendi Boschivi Dott. Giovanni Ariberto Merendi, ai sensi dell'art. 49 del D.Lgs 18.8.2000, n. 267; Considerato che il Dirigente dei Servizi Finanziari ha dato atto che la presente proposta non necessita del parere di regolarit contabile (All. 2); Ritenuto di dover provvedere al riguardo Con votazione unanime palese DELIBERA Di approvare l'allegata proposta di pari oggetto, (All. 1) quale parte integrante del presente atto, cos come richiamata in premessa per le motivazioni in essa contenute e in ordine alle determinazioni nella stessa specificate; Di trasmettere copia della presente deliberazione al Servizio Tutela Ambientale, Energia, Gestione Rifiuti, Bonifica Inquinamenti ambientali e Aree inquinate, Forestazione, Antincendi Boschivi per i provvedimenti connessi e conseguenti di attuazione, mediante pubblicazione sul sito INTERNET www.vrovincia.pistoia.it; Di pubblicare il prowedimento all'Albo Pretorio on line ai sensi dell'art. 32 Legge 69/2009; Di dichiarare con separata ed unanime votazione la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 134, comma 4, del D.Lgs 267/2000.

1)

2)

3)

4)

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE D I PISTOIA


Servizio Tutela Ambientale, Energia, Gestione rifiuti, Bonifica inquinamenti ambientali e aree inquinate, Forestazione, Antincendi Boschivi

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE


p p p

il I
P -

Piano Interprovinciale di ATO Toscana Centro - Province di Firenze, Prato e P i s t o i a l p 7 la gestione dei rifiuti urbani e speciali anche pericolosi, dei rifiuti urbani biodegradabili, dei rifiuti di imballaggio e dei rifiuti contenenti PCB" - Approvazione del Piano, del Rapporto Ambientale, della Sintesi non tecnica, della Dichiarazione di Sintesi, del Parere I motivato e della Relazione del Garante della Comunicazione - Approvazione schema di Accordo ai sensi dell'art. 12 bis, comma 2, della L.R25/98 e s.mi. e della L.R. 10/2010. l . P -

1 Il 1

IL DIRIGENTE

Premesso che: - con l'entrata in vigore della L.R. 61/2007 "Mod$iche alla L.R. 18 maggio 1998 n. 25 (Norme per la gestione dei rifiuti e 117 bonifica dei citi inquinati) e nornre per la gestione integrata dei rifi'uti" sono stati istituiti in Toscana tre nuovi A.T.O. per la gestione integrata dei rifiuti urbani in luogo dei dieci precedenti, ovvero "A.T.O. Toscana Centro", "A.T.O. Toscana Costa" e "A.T.O. Toscana Sud"; - per effetto della modifica sopra citata le Province di Firenze, Pistoia e Prato, appartenenti ad A.T.O. Toscana Centro, devono approvare un unico piano interprovinciale che deve essere costituito dallo stralcio inerente i rifiuti urbani e dallo stralcio inerente i rifiuti speciali anche pericolosi; - Ai sensi e per gli effetti della L.r.25/1998 e s.m.i., art. 12, comma 2 "La Provincia con il maggior numero di
abitanti, compresa nell' ATO , convoca una Conferenza di S m i z i tra le strutture tecniche delle Province interessate al fine di elaborare una proposta di piano intep-ovinciale", la Provincia di Firenze, con DGPnO260 del 20.1 1.2008 avente ad oggetto "Approvazione schema di protocollo tra le province d Firenze, Prato e Pistoia relativo alle modalit di redazione e alla tempistica di approvazione del Piano Interprovinciale per la gestione dei rifiuti urbani e speciali " ha
stabilito le modalit di formazione del Piano Interprovinciale di gestione dei rifiuti;

Ricordato che con le Delibere della Giunta Provinciale di Firenze n. 135 del 27.07.2010 e no 165 del 28.09.2010, della Giunta Provinciale di Pistoia no 116 del 29.7.2010 e no 141 del 28.9.2010 , della Giunta Provinciale di Prato no
170 del 27-7.2010 e no 200 del 27.09.2012, si proweduto, tra l'altro, ad awiare il procedimento per la formazione e l'approvazione del Piano interprovinciale e per la Valutazione Ambientale Strategica (VAS) dello stesso, nonch ad approvare il Documento preliminare ai sensi dell'art. 23 della L.R. 10/2010 e ad individuare il "Nucleo Inter~rovincialedi Valutazione" (NIV) quale Autorit competente, ossia la pubblica amministrazione cui compete l'adozione del ~rowedimentodi verifica di a~so~gettabilit Piano rifiuti a V.A.S. e l'espressione del parere del motivato;

Richiamata la D.G.R.T. 7 febbraio 2011 n. 52 "Apyrovazione indirizzi per le procedure d i adozione e

approvazione dei piani interprovincirzli d i gestione dei r@titi";


Visti: - le DGP di Firenze no 209 del 22.11.2011, di Prato no 277 del 22.11.2011 e di Pistoia no 183 del
22.11.2011, con le quali sono stati approvati: la proposta di Piano Interprovinciale di ATO Toscana Centro

- Province di FI-P0-PT, per la gestione dei rifiuti urbani e speciali anche pericolosi, dei rifiuti urbani biodegradabili (RUB), dei rifiuti di imballaggio e dei rifiuti contenenti PCB; il "Rapporto ambientale" , la
"Sintesi non tecnica" e la "Relazione dei Guanti della comunicazione". Lo schema di intesa preliminare con le Province di FI, PT e PO, ai sensi dell' art. 12 della L.R. 25/1998 e s.m.i. e della 1.r. 10/20107'; L'intesa preliminare prevista dall' art. 12, comma 5 della L.R, 25/1998 e s.m.i, stipulata in data 29.12.2011 dai Presidenti delle Province di Firenze, di Prato e di Pistoia, con la quale i proponenti del Piano

, owero le Giunte delle Province di Firenze, di Prato e di Pistoia, hanno condiviso e accettato
integralmente i contenuti del "Piano Interprovinciale di gestione dei rifiuti" di ATO Toscana Centro, impegnandosi a garantirne l'adozione e l'approvazione da parte delle "Autorit procedenti" (i Consigli Provinciali di Firenze, Prato e Pistoia), nel rispetto dei termini stabiliti dalla normativa di riferimento;

Le DCP no 26 del 13 febbraio 2012 della Provincia di Firenze, no 15 del 13 febbraio 2012 della Provincia di
Pistoia e no 3 del 13 febbraio 2012 della Provincia di Prato, con le quali stato adottato il Piano Interprovinciale di gestione dei rifiuti di ATO Toscana Centro, relativo ai rifiuti urbani, ai rifiuti speciali anche pericolosi, ai rifiuti urbani biodegradabili (RUB), ai rifiuti di imballaggio e ai rifiuti contenenti PCB; corredato del "Rapporto ambientale", della "Sintesi non tecnica" e della "Relazione del Garante della comunicazione", ai sensi dell' art. 12 della L.R. 25/1998 e s.m.i. e della L.R. 10/2010;

Dato atto che, successivamente all'adozione del Piano Interprovinciale di cui trattasi: la Provincia di Firenze, in quanto Ente capofila, ha provveduto a trasmettere alla Giunta Regionale il Piano adottato per la pubblicazione sul BURT dell'avviso di adozione e a trasmettere alltAutorit Competente il Piano adottato, il rapporto ambientale e la sintesi non tecnica; - il Piano adottato ed i relativi allegati, compresa anche 1' "Intesa Preliminare"stipu1ata fra le Province di Firenze, Prato e Pistoia ,sono stati depositati presso la sede delle tre Province per un periodo continuativo di
gg. 60, durante il quale tutti hanno potuto prendere visione dell' atto e dell' intesa, presentando altres le 0sservazioni che hanno ritenuto opportune;

il Piano adottato ed i relativi allegati sono stati pubblicati sui siti web della Province di Firenze, Prato e Pistoia; l'informazione della awenuta adozione stata inviata alla Autorit Competente, al Garante della Comunicazione e alle Autorit Competenti in materia ambientale, come previsto dall' art. 25, comma 3 della L.R. 10/2010;

Dato atto altres che entro il termine dei 60 giorni , decorrenti dalla data di pubblicazione dell' awiso di adozione del

Piano sul BURT, avvenuto in data 7.3.2012: - sono state acquisite da parte delle Province e dell'Autorit Competente no 70 osservazioni, relative si alla procedura prevista dalla L.R. 25/1998 che alla L.R. 10/2010;

sono stati svolti incontri pubblici di presentazione del PIR in tutte le tre Province; la Giunta Regionale Toscana con deliberazione no 367 del 7 maggio 2012 avente ad oggetto: "Piano interprovinciale di gestione dei Ri/uti di A T 0 Toscana Centro (Province di Firenze, Prato e Pistoia) - Parere di conformit ai contenuti del Piano Regionale e alla normativa vigente in materia di rtnfiuti ai sensi dell' art. 12, comma

7 della L.R. 21/1998", ha dichiarato la conformit del Piano Interprovinciale ai contenuti del Piano regio-

nale ed alla normativa vigente in materia di rifiuti, con prescrizioni e raccomandazioni;

Considerato che: la Provincia di Firenze, con DGP no 75 del 29 maggio 2012, ha avviato il procedimento finalizzato alla conclusione definitiva dell'accordo fra le Province di Firenze, Prato e Pistoia e all'approvazione del piano interprovinciale dei rifiuti; l'Autorit Competente, in collaborazione con il soggetto proponente, ha svolto la necessaria attivit tecnico-istruttoria, acquisendo e valutando tutta la documentazione pervenuta, le osservazioni depositate e il parere di conformit espresso dalla Giunta Regionale e nella seduta del 22.10.2012 ha espresso il "Parere motivato di compatibilit ambientale" ai sensi dell' art. 15 del d.lgs. 152/2006 e art. 26 della L.R. 10/2010, con la seguente motivazione: "sulla base di

quanto considerato si ritiene di disporre degli elementi necessari per esw'mere un parere motivato favorevole sulla proposta del PIR a condizione che sia dato necessario riscontro a quanto sopra indicato e che vengano recepite, ai fini del raggiungimento d i una migliore sostenibilit ambientale, le prescrizioni impartite, anche nelle successive fasi attuative del Piano"; I1 Proponente ha quindi provveduto alla riformulazione del Piano adottato, del Rapporto
Ambientale e della Valutazione di incidenza, tenendo conto in particolare delle prescrizioni e raccomandazioni impartite dalla Regione Toscana, delle osservazioni accolte e non accolte e del "Parere motivato di compatibilit ambientale" espresso dalla Autorit Competente; Vista quindi la nuova proposta di Piano cos come rifomulata, stante le osservazioni accolte, il parere motivato espresso dall'Autorit Competente e il parere di conformit espresso dalla Giunta Regionale Toscana, cos costituito: - Piano interprovinciale di ATO Toscana Centro - Province di Firenze, Prato e Pistoia - per la gestione dei rifiuti urbani - Volume lo,costituito dalla relazione di Piano e da un volume di allegati; - Piano interprovinciale di ATO Toscana Centro - Province di Firenze, Prato e Pistoia per la gestione dei rifiuti urbani biodegradabili (R.U.B.) e dei rifiuti di imballaggio - Volume 2", costituito da una relazione di Piano; - Piano interprovinciale di ATO Toscana Centro - Province di Firenze, Prato e Pistoia per la gestione dei rifiuti speciali, anche pericolosi - Volume 3O, costituito da una relazione di Piano e da un volume di allegati; - Rapporto Ambientale; - Dichiarazione di sintesi, costituita da una relazione e da quattro allegati: A11.A) Osservazioni al Rapporto Preliminare; All. B) Parere di conformit ai contenuti del Piano regionale e alla normativa vigente in materia di rifiuti rilasciato dalla Regione Toscana; All. C) Osservazioni pervenute, loro sintesi ed istruttoria relativa al loro accoglimento o meno; All. D) nota di chiarimento della Regione Toscana sulla valutazione di Incidenza; All. E) Parere motivato di compatibilit ambientale della "Autorit Competente"; - Sintesi non tecnica; - Relazione del Garante della Comunicazione Ritenuto necessario procedere: - ali'approvazione di tale proposta di Piano, con i relativi allegati, ai fini della conclusione definitiva dell'Accordo, ex art. 12 bis, comma 2 della LR. 25/1998, sui contenuti del

medesimo Piano, azione, quest'ultima, propedeutica alla approvazione definitiva del Piano da parte dei Consigli Provinciali di Firenze, Prato e Pistoia; all' approvazione dello schema di accordo ex art. 12 bis, comma 2 della LR. 25/1998, da sottoscrivere con le Province di Firenze e di Prato;

dato atto che il presente provvedimento predisposto e formulato in conformit a quanto previsto dalla vigente normativa, nonch nel rispetto degli atti e direttive che costituiscono il presupposto della procedura e che lo stesso non comporta spese a carico dell'Ente; considerato che il presente provvedimento non necessit di parere di regolarit contabile data la natura dello stesso con il quale non si prevedono impegni di spesa; visto il decreto presidenziale no 20 del 12/01/2010 di attribuzione dell'incarico di dirigente responsabile del Servizio Tutela Ambientale, Energia, Gestione rifiuti, Bonifica inquinamenti ambientali e aree inquinate, Forestazione, Antincendi Boschivi; ritenuta propria la competenza in merito, ai sensi e per gli effetti dell'art. 48, comma 1, del D.Lgs 267/2000;

ritenuto di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi dell'art. 134, c o m a 4, del D.Lgs 267/2000;

PROPONE 1)di approvare, ai sensi dell'art. 12, c o m a 5, della L.R. 25/98 e successive modifiche ed integrazioni e della L.R. 10/2010: - Piano interprovinciale di ATO Toscana Centro - Province di Firenze, Prato e Pistoia - per la gestione dei rifiuti urbani - Volume lo, costituito dalla relazione di Piano e da un volume di allegati; - Piano interprovinciale di ATO Toscana Centro - Province di Firenze, Prato e Pistoia per la gestione dei rifiuti urbani biodegradabili ( R.U.B.) e dei rifiuti di imballaggio - Volume 2 , O costituito da una relazione di Piano; - Piano interprovinciale di ATO Toscana Centro - Province di Firenze, Prato e Pistoia per la gestione dei rifiuti speciali, anche pericolosi - Volume 3", costituito da una relazione di Piano e da un volume di allegati; - Rapporto Ambientale; - Dichiarazione di sintesi, costituita da una relazione e da quattro allegati ( All, A: Osservazioni al Rapporto Preliminare; All. B) Parere di conformit ai contenuti del Piano regionale e alla normativa vigente in materia di rifiuti rilasciato dalla Regione Toscana; All. C) Osservazioni pervenute, loro sintesi ed istruttoria relativa al loro accoglimento o meno; All. D) nota di chiarimento della Regione Toscana sulla valutazione di Incidenza; All. E) Parere motivato di compatibilit ambientale della "Autorit Competente"; - Valutazione di Incidenza - Sintesi non tecnica; - Relazione del Garante della Comunicazione; il tutto allegato al presente provvedimento per fame parte integrante e sostanziale;
2) di approvare lo schema di accordo ex art. 12 bis, comrna 2 della LR. 25/1998, da sottoscrivere

con le Province di Firenze e di Prato, allegato al presente atto di cui forma parte integrante e sostanziale;

3) di dare mandato al Presidente della Provincia o a suo delegato per la stipula dell'Accordo definitivo sul piano interprovinciale rifiuti con le Province di Firenze e Pistoia;

PROPONE al tres che la presente proposta di deliberazione sia dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 134, comma 4, D.Lgs. 267/2000.

Sulla presente proposta, il sottoscritto Dirigente, visto l'art.49, comma 1, del 267 / 2000, esprime PARERE FAVOREVOLE in ordine alla regolarit tecnica.

D.Lgs. n.

Pistoia, l

PROVINCIA DI FIRENZE PROVINCIADI

ACCORDO PER L'APPROVAZIONE DEL PIANOINTERPROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E SPECIALI ANCHE PERICOLOSI (L.R. 25/1998, art. 12 - bis, comrna 2)

L'anno ...................... il giorno ........................... del mese di ............................... presso .............................................. Via ......................................................... si sono riuniti per la sottoscrizione dell'Accordo previsto dall'art. 12 bis, comma 2, della L.R. 25/98, i sigg.ri: Per la Provincia di Firenze Per la Provincia di Pistoia Per la Provincia di Prato

Premesso che:
- con l'entrata in vigore della L.R. 6112007 "Modifiche alla L.R. 18 maggio 1998 n. 25 (Norme per la gestione dei rifiuti e la bonifica dei siti inquinati) e norme per la gestione integrata dei rifiutiJ'sono stati istituiti in Toscana tre nuovi A.T.O. per la gestione integrata dei rifiuti urbani in luogo dei dieci precedenti, ovvero "A.T.O. Toscana Centro", "A.T.O. Toscana Costa" e "A.T.O. Toscana Sud"; - per effetto della modifica sopra citata le Province di Firenze, Pistoia e Prato, appartenenti ad A.T.O. Toscana Centro, devono approvare un unico piano interprovinciale che deve essere costituito dallo stralcio inerente i rifiuti urbani e dallo stralcio inerente i rifiuti speciali anche pericolosi; - le Province di Firenze, Prato e Pistoia, rispettivamente con le delibere di Consiglio Provinciale n. 26 del 13.02.2012, n.3 del 13.02.2012 e n 15 del 13.02.2012, hanno adottato il Piano interprovinciale di Firenze, Prato e Pistoia per la gestione dei rifiuti urbani e rifiuti speciali anche pericolosi, il Rapporto ambientale, la Relazione di sintesi e la Relazione del Garante della comunicazione;

Preso atto che successivamente all'adozione, il Piano di cui trattasi stato trasmesso alla Giunta Regionale per la pubblicazione sul BURT dell'avviso di adozione ed stato provveduto al deposito presso ogni Provincia ( per 60 gg dalla data di pubblicazione) per le osservazioni inviando, contestualmente, all'Autorit Competente il Piano adottato, il rapporto ambientale e la sintesi non tecnica e provvedendo contestualmente agli altri adempimenti previsti dall'art. 25 della L.R. 10/2010;

Dato atto che entro il termine dei 60 giorni , decorrenti dal 7 marzo 2012, data di pubblicazione dell' avviso sul BURT, sono state acquisite da parte delle Province e dell'autorit competente le osservazioni pervenute nonch il parere obbligatorio e vincolante di conformit del Piano interprovinciale ai contenuti del Piano Regionale e alla normativa vigente in materia di rifiuti, espresso dalla Giunta Regionale con DGRT no 367 del 7 maggio 2012; Considerato che l'Autorit Competente, in collaborazione con il soggetto proponente, ha svolto la necessaria attivit tecnico istruttoria, acquisendo e valutando tutta la documentazione pervenuta e le osservazioni presentate; Ricordato che in data 22 ottobre 2012 l'Autorit Competente ha espresso il proprio parere motivato di compatibilit ambientale" ai sensi dell' art. 15 del d.lgs. 152/2006 e art. 26 della L.R. 10/2010, con la seguente motivazione: "sulla base di quanto considerato si ritiene d i disporre degli

elementi necessari per esprimere u n parere motivato favorevole sulla proposta del PIR a condizione che sia dato necessario riscontro a quanto sopra indicato e che vengano recepite, aifini del raggiungimento d i una migliore sostenibilit ambientale, le prescrizioni impartite, anche nelle succes sive fasi attuative del Piano " ;
Preso atto che, sulla base di quanto espresso dalllAutorit Competente, delle osservazioni accolte e del parere di conformit espresso dalla Giunta Regionale il soggetto proponente ha provveduto a modificare il Piano adottato dai Consigli Provinciali di Firenze, Prato e Pistoia; Visto che le Giunte Provinciali di Firenze, Prato e Pistoia, rispettivamente con le delibere n. del , e n. del hann. del no approvato, in via preliminare, la nuova proposta di Piano cos come riformulata, stante le osservazioni accolte, il parere motivato espresso dall'Autorit Competente e il parere di conformit espresso dalla Giunta Regionale Toscana, cos costituito: - Piano interprovinciale di ATO Toscana Centro - Province di Firenze, Prato e Pistoia - per la gestione dei rifiuti urbani - Volume lo,costituito dalla relazione di Piano e da un volume di allegati; - Piano interprovinciale di ATO Toscana Centro - Province di Firenze, Prato e Pistoia per la gestione dei rifiuti urbani biodegradabili ( R.U.B.) e dei rifiuti di imballaggio - Volume 2", costituito da una relazione di Piano; - Piano interprovinciale di ATO Toscana Centro - Province di Firenze, Prato e Pistoia per la gestione dei rifiuti speciali, anche pericolosi - Volume 3", costituito da una relazione di Piano e da un volume di allegati; - Rapporto Ambientale; - Dichiarazione di sintesi, costituita da una relazione e da quattro allegati ( All. A: Osservazioni al Rapporto Preliminare; All. B) Parere di conformit ai contenuti del Piano regionale e alla normativa vigente in materia di rifiuti rilasciato dalla Regione Toscana; All. C) Osservazioni pervenute, loro sintesi ed istruttoria relativa al loro accoglimento o meno; All. D) nota di chiarimento della Regione Toscana sulla valutazione di Incidenza; All. E) Parere motivato di compatibilit ambientale deila "Autorit Competente"; - Valutazione di incidenza;
I

Sintesi non tecnica; - Relazione del Garante della Comunicazione; nonch lo schema di accordo ex art. 12 bis, comma 2 della L.R. 25/1998, da sottoscrivere dalle Province di Firenze, Pistoia e Prato, Ritenuto quindi necessario sottoscrivere l'Accordo di cui sopra relativo ai contenuti del medesimo Piano, azione propedeutica all'approvazione del Piano da parte dei Consigli Provinciali di Firenze, Prato e Pistoia;

TU'iTO CI^ PREMESSO


si conviene e si sottoscrive, fra le Amministrazioni interessate, il seguente Accordo:

ART. l PREMESSE. Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente Accordo.

ART. 2 OGGElTO DELL'ACCORDO. I1 presente Accordo ha per oggetto l'approvazione del Piano interprovinciale di Firenze, Prato e Pistoia per la per la gestione dei rifiuti urbani e speciali anche pericolosi in ottemperanza all'art. 11 (Contenuti dei Piani interprovinciaZi) e all'art. 12 bis (Approvazione del Piano Interprovinciale Rifiutr;) della L.R. 25/98 e successive modifiche ed integrazioni, costituito dai documenti in premessa citati; L'Accordo viene sottoscritto nell'ambito degli interessi istituzionali degli Enti partecipanti e ai fini dell'attuazione degli interventi e delle azioni propedeutiche all'approvazione del Piano interprovinciale di Firenze, Prato e Pistoia per la gestione dei rifiuti urbani e speciali anche pericolosi;

ART. 3 IMPEGNI DEI SOGGETTI SOlT0SCRIlTOR.I DELL'INTESA PRELIMINARE a) Le Province di Firenze, Prato e Pistoia condividono e accettano i contenuti del Piano interprovinciale rifiuti, come risultante dal testo delle proposte approvate con le sopra della Giunta Provinciale di Firenze, no del della richiamate deliberazioni no del della Giunta Provinciale di Pistoia, consapevoli degli Giunta Provinciale di Prato, no del obblighi derivanti dalla sua approvazione.

b) Qualora nel corso delle procedure di approvazione emergessero aspetti tali da indurre ad una rivalutazione della portate e delle previsioni di Piano, la Provincia interessata dovr darne immediata comunicazione agli altri Soggetti firmatari del presente Accordo;
ART. 4

EFFETTI DELL'ACCORDO
I1 presente Accordo viene sottoscritto, per approvazione, dai legali rappresentanti delle Amministrazioni interessate. I contenuti del Piano sono vincolanti per le Province firmatarie che si assumono l'impegno di ratificarlo nel rispetto dei termini indicati dalla normativa di riferimento.

Letto, approvato e sottoscritto

PROVINCIA DI PISTOIA
SERVIZI FINANZIARI E SISTEMA DELLE PARTECIPAZIONI
Piazza S. Leone n. 1 - 51 100 PISTOIA . C.F. 00236340477 - Tel. ( 0573 ) 3741
S.P.

Telefax

OGGETTO: Piano Interprovinciale di ATO Toscana Centro Province di Firenze, Prato e Pistoia - per la gestione dei rifiuti urbani e speciali anche pericolosi, dei rifiuti urbani biodegradabili, dei rifiuti di imballaggio e dei rifiuti contenenti PCB" - Approvazione del Piano, del Rapporto Ambientale, della Sintesi non tecnica, della Dichiarazione di Sintesi, del Parere motivato e della Relazione del Garante della Comunicazione Approvazione schema di Accordo ai sensi dell'art. 12 bis, comma 2 della L.R. 25/98 e , s.m.i. e della L.R. 1012010.

I1 Dirigente dei Servizi Finanziari, in relazione alla proposta di deliberazione in oggetto indicata, d atto che in base alla natura dello stesso non si prevedono riflessi patrimoniale diretti o indiretti sulla situazione economico finanziaria e sul patrimonio dell'ente e quindi non necessita del parere di regolarit contabile ai sensi dell'art. 49, comrna 1 del D.Lgs. 26712000 e dell'art. 4 del Regolamento di Contabilit, approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 68 del 27/05/1998.

Pistoia 15111/12

IL DIRIGENTE DEI E SISTEMA D


Dott.ssa Letizia Baldi

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE DEL 15 NOVEMBRE 20 12 N. 157

Il presente verbale viene letto, approvato e sottoscritto come segue.

CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE

La presente deliberazione viene pubblicata all'Albo Pretorio on line dal ... .................. ...... e vi rester per quindici giorni consecutivi ai sensi dell'art. 124 - l comma - T.U. 267/2000, e ai sensi ? . dell'art. 134 - 3" comma - T. U. I 267/2000 diventer esecutiva a seguito della decorrenza del termine di dieci giorni dalla data di pubblicazione.
O

L'Incaricato della Segreteria Pistoia, Registrazione n.