Sei sulla pagina 1di 1

Lamezia: Vis Unita Fortior

di Massimo Citino
Nellunit la virt assume maggiore forza. E il motto della nostra citt, per chi non lo sapesse. Cerchiamo la parola virt nel dizionario, anche se risulta facile intendere i termini di unit, forza e virt stessa. Ma pensando a Lamezia il termine appare diverso da ci che si pu intendere, allora meglio far luce. Virt: onest, moralit, integrit, incorruttibilit, morigeratezza... Non ci sbagliamo di certo, virt proprio ci che ci hanno insegnato a scuola, e non solo, anche a parole. Tante parole, magari, che a volte non rispecchiano il vero significato intrinseco, la realt ai nostri occhi, comprese le esperienze che facciamo ogni giorno. Paragonando quei singoli termini a Lamezia Terme viene gi il voltastomaco al primoonest? Grosse risate per chi conosce la nostra situazione. Moralit? Se non c nella nazione figuriamoci da noi. Integrit? S, del cibo a tavola. Basta. Non prendiamoci in giro. Di Lamezia sappiamo bene cosa dire e cosa non dire, quali critiche fare e quali tenere per noi, ma Vis Unita Fortior non ci rispecchia neanche lontanamente. Lunit delle chiacchiere da bar, la virt delle occasioni e la forza di sopportare tutto questo. Cos ci siamo, forse questo il vero significato del nostro motto. Ma non esageriamo, chi lo ha posto come frase indice aveva di certo buone intenzioni, la misera colpa solo data dalle nostre incapacit, dalla nostra mancanza di unit, dalla nostra mancanza di virt e di conseguenza, secondo il detto, della mancanza di forza. Oppressi e banali quali siamo, crogiolati in una societ patetica e peripatetica (e non si intende Aristotele), ci lamenteremo del mare sporco, delle bombe e dei proiettili, dei tribunali chiusi, della mancanza di lavoro, delle poche opportunit, cos ne faremo una virt unita in un accozzaglia di blablabla e ricaveremo la nostra forza che sar basata su lamentati e lascia vivere. Oppure ancora meglio, faremo finta di niente, fieri del nostro motto pagano che ha radici antiche nel latino, anche se di cultura abbiamo la Magna Grecia. La calma la virt dei forti, dice il detto italiano, e dovremmo avere calma e pazienza per raggiungere le nostre virt in modo da rispecchiare un motto che dovrebbe rappresentarci e dal quale dovremmo prendere spunto, perch nostro e solo nostro. Di contro c chi dice La salma la virt dei morti, quindi troppa calma forse non conviene. Usciamo fuori dagli schemi per unultima volta e scegliamo una frase che ci rispecchia ora nel presente, per farci rendere conto di cosa siamo, e quindi di come possiamo migliorare o peggiorare. Proponiamo al Comune di cambiare il nostro motto, per un giorno, una settimana, un mese o (figuriamoci) un anno. Lamezia: La virt dei motti