Sei sulla pagina 1di 15

Le rivoluzioni del Basso Medioevo: dallagricoltura alle crociate

Indice
Crescita della popolazione e carestie Le innovazioni agricole dallXI al XIII secolo La prima crociata Galleria dimmagini Urbano II & Bernardo di Chiaravalle

La rivoluzione commerciale del medioevo Lattivit delle citt marinare italiane La rinascita delle citt I comuni in Italia La lotta politica allinterno dei comuni

Glossario

Bibliografia

Eleonora Olla

IIIF 2

A.S. 2012/13

Le rivoluzioni del Basso Medioevo: dallagricoltura alle crociate

Crescita della popolazione e carestie


Dal IX secolo, la popolazione europea crebbe lentamente ma costantemente. Il cibo e le varie risorse, per, non crebbero con la popolazione, causando cos varie carestie che colpirono lOccidente cristiano e che si sanarono solo nel XI secolo. Grazie alle cronache che ci sono giunte, possiamo comprendere quanto la situazione fosse grave: la popolazione arrivava a cibarsi della carne umana per poi morire nelle strade e nelle piazze cittadine. Gli abati ed i vescovi aprivano i loro granai ben forniti alla popolazione, in queste occasioni, ma spesso agivano troppo tardi. Di solito, nei periodi di carestie gravi come queste, resisteva sempre -anche se in piccole quantitla segale, un cereale. Questo cereale, per, dallX secolo venne infestato da un fungo tossico che dava origine alla segale cornuta. Essa se veniva ingerita dalluomo provocava una malattia chiamata Fuoco di SantAntonio. Oltre al fuoco di SantAntonio, ci fu anche il grande flagello che si espanse con una violenta epidemia, creando unatmosfera di angoscia e disagio psicologico che andava a creare del malcontento nella popolazione. Carestia Fenomeno nel quale gran parte della popolazione muore di inedia.

Eleonora Olla

IIIF 3

A.S. 2012/13

Le rivoluzioni del Basso Medioevo: dallagricoltura alle crociate

Le innovazioni agricole dallXI al XII

Per sostenere il crescere della popolazione, gli uomini dellXI secolo incominciarono ad apportare alcune modifiche al loro lavoro per incrementare la crescita e la resa delle colture. Inizialmente, per cercare di aumentare la resa del terreno, pensarono di ampliare i loro campi in azioni semiclandestine che poi vennero permessi dagli stessi signori. Divenendo, quindi, il terreno coltivabile pi grande, i contadini si ingegnarono ed elaborarono la Rotazione Triennale. La rotazione triennale, consisteva nel dividere in tre parti il terreno. Le parti venivano coltivate e gestite in modo diverso: una veniva lasciata al maggese, ossia era usata per far pascolare gli animali, unaltra era dedicata alla coltivazione dei cereali invernali mentre lultima alla coltivazione dei cereali primaverili. Le coltivazioni scalavano ogni anno, facendo si che il pascolo era sempre ben nutrito, una parte di raccolto sempre pronta e unaltra vicina alla raccolta.
Eleonora Olla IIIF 4 A.S. 2012/13

Le rivoluzioni del Basso Medioevo: dallagricoltura alle crociate Con la rotazione triennale e la resa maggiore dei terreni, si aveva bisogno di attrezzi che erano capaci di sostenere quel lavoro, quindi, di attrezzi in ferro. Grazie a questa crescente richiesta si diffuse la figura del fabbro che si occupa di fornire al contadino degli attrezzi
Resa terreno Quantit di prodotto raccolto in relazione col terreno coltivato.

indispensabili e si occupa anche di ferrare gli animali, cosa che in passato era poco diffusa. Uno degli attrezzi in ferro che venne usato molto fu laratro pesante. Chiamato poi carruca (ossia carro) dopo il 1000 venne munito di ruote, che rendevano pi facile il trasporto e il controllo di questo pesante attrezzo. In seguito, la carruca venne dotata di vomere e versoio in ferro, che facevano risparmiare al contadino ore di lavoro manuale. Per far si che gli animali sopportassero e non soffocassero sotto il peso della carruca, prima legata tramite la cinghia che pesava sul collo e rendeva faticosa la respirazione, si introdusse il giogo frontale, che permetteva al bovino di respirare e muoversi con pi libert.

Eleonora Olla

IIIF 5

A.S. 2012/13

Le rivoluzioni del Basso Medioevo: dallagricoltura alle crociate

La prima crociata
Durante lXI secolo, lOccidente si stava espandendo sempre di pi. Il 27 Novembre 1095, al concilio di Germont, papa Urbano II proclam la prima crociata, che mirava a far combattere i cristiani contro i musulmani, che avevano conquistato lAsia Centrale durante un conflitto contro Questo limpero proclamar

Bizantino.

battaglia da parte della Chiesa contro un nemico comune come i musulmani, voleva dire non solo guadagnarsi il consenso del popolo, ma anche far vedere quanto la chiesa era pi forte e pi importante dellImpero. Infatti, non ci furono n re o imperatori a mandare aiuti a questa spedizione, perch avrebbe voluto dire che essi si sottomettevano al pontefice. La spedizione venne organizzata anche perch in quegli anni si era diffuso il pellegrinaggio penitenziale al sepolcro di Cristo che si trovava a Gerusalemme, sotto il dominio musulmano.
Templari

Con i contatto delle masse popolari, questa semplice spedizione si trasform in una vera e propria guerra santa. Infatti i templari nel 1095 fecero strage anche di ebrei, facendo accorrere per fede, fama e soldi, dei cavalieri. Accorsero inoltre anche armate provenienti le Fiandre, la Francia e una composta dai Normanni, che raggiunsero poi la terra santa e la espugnarono il 15 Luglio 1099.
Eleonora Olla IIIF 6 A.S. 2012/13

Uno dei primi e pi noti


ordini religiosi cristiani medioevali.

Galleria dimmagini sulla Prima crociata

Urbano II
Uberto Crivelli nacque a Cuggiono, in provincia di Milano, membro di una nobile casata milanese che in queste terre possedeva un feudo. La famiglia Crivelli era da tempo sostenitrice della politica pontificia e sosteneva il Papa contro l'imperatore Federico I Barbarossa; molti membri di questa nobile casata, pertanto, furono costretti all'esilio in Francia, compreso Uberto. Egli intraprese la carriera ecclesiastica e comp i propri studi a Bologna prima di lasciare la citt, riuscendo a ricevere la tonsura ecclesiastica sempre a Milano. Nominato arcidiacono, ritorn a Milano dopo la ricostruzione della citt, divenendo canonico e poi arcidiacono. Egli riprese vigorosamente le diatribe del suo predecessore con l'imperatore Federico I Barbarossa. Anche dopo la sua elevazione al Papato continu a detenere l'ufficio di arcivescovo di Milano e si rifiut di incoronare come re d'Italia il figlio di Federico, Enrico, che aveva sposato Costanza, erede del regno di Sicilia. Mentre Enrico a sud cooperava con il senato ribelle di Roma, Federico a nord blocc tutti i valichi alpini, tagliando cos le comunicazioni tra il papa, che risiedeva a Verona, e i suoi aderenti tedeschi. Urbano era ora risoluto a scomunicare Federico, ma i veronesi protestarono contro un tale procedimento preso all'interno delle loro mura e lo costrinsero a lasciare la citt. Urbano si ritir a Ferrara e mor la.

Le rivoluzioni del Basso Medioevo: dallagricoltura alle crociate

Bernardo di Chiaravalle
Terzo di sette fratelli, nacque da due vassalli del re di Borgogna. Studi grammatica e retorica nella scuola dei canonici di Ntre Dame di Saint-Vorles. Ritornato nel castello paterno di Fontaines, nel 1111, insieme ai cinque fratelli e ad altri parenti e amici, si ritir nella casa di Chtillon per condurvi una vita di ritiro e di preghiera finch, l'anno seguente, con una trentina di compagni si fece monaco nel monastero di Cteaux. Nel1119alcuni cavalieri, sotto la guida di Ugo di Payns, feudatario della Champagne e parente di Bernardo, fondarono un nuovo ordine monastico-militare, l'Ordine dei Cavalieri del Tempio, con sede in Gerusalemme, nella spianata ove sorgeva il Tempio ebraico; lo scopo dell'Ordine, posto sotto l'autorit del patriarca di Gerusalemme, era di vigilare sulle strade percorse dai pellegrini cristiani. L'Ordine ottenne nel concilio di Troyes del 1128 l'approvazione di papa Onorio II e sembra che la sua regola sia stata ispirata da Bernardo, il quale scrisse, verso il 1135, l'Elogio della nuova

cavalleria(De laude novae militiae ad Milites Templi).


L'interesse di Bernardo per le vicende politiche del suo tempo si manifest anche in occasione dei conflitti che opposero il conte della Champagne, Tibaldo II, da lui sostenuto, al re Luigi VII di Francia e in occasione della repressione, nel 1140, del neonato Comune di Reims, operata dal suo pupillo cistercense, il vescovo Sansone di Mauvoisin.

Eleonora Olla

IIIF 9

A.S. 2012/13

Le rivoluzioni del Basso Medioevo: dallagricoltura alle crociate

La rivoluzione commerciale del Medioevo.


Con la vittoriosa spedizione nella terra santa, ci fu una rivoluzione commerciale che vide come protagonista Amalfi, una citt dellItalia meridionale . Amalfi praticava un commercio triangolare coi paesi islamici e Bisanzio: inviava materiali relativamente poveri (legname, armi, metalli poveri) in cambio di oro, che spendeva poi a Costantinopoli per comprare sete pregiate che venivano a loro volta comprate dallaristocrazia del luogo. Amalfi incominci a decadere quando venne conquistata dai Normanni nel 1073 insieme allItalia Meridionale e alla Sicilia. A posto di Amalfi, venne Venezia, che praticava lo stesso tipo di commercio con la Pianura Padana e Costantinopoli. Inviava a Costantinopoli oro per ricevere prodotti di lusso che poi vendeva nella Pianura Padana. In seguito, si alle con i Normanni che avevano preso a combattere contro i Bizantini. Venezia, in cambio del suo aiuto, chiedeva ai Normanni la concessione di commercio senza tasse al di fuori dellImpero. Alla fine della Prima Crociata, si imposero insieme a Venezia, Genova e Pisa che inviando eserciti e risorse allImpero, ricevettero il permesso di avere proprie colonie nei principali porti.

Eleonora Olla

IIIF 10

A.S. 2012/13

Le rivoluzioni del Basso Medioevo: dallagricoltura alle crociate

Le attivit delle citt marinare italiane


Le colonie delle grandi citt marinare apportarono una modifica fondamentale al commercio marittimo: la galea. La galea era una nave munita di una sola fila di remi e di vela latina, che la rendeva veloce, ma anche fragile. Veniva usata dalle colonie marinare per importare ed esportare le spezie, che presero sempre pi piede nel commercio. Anche se queste navi allapparenza erano leggere, avevano un grandissimo costo, specialmente perch cera molta pi richiesta. Questo costo era raramente sostenibile per un solo uomo e per questo si crearono le associazioni. Le associazioni erano formate da tutti coloro che avevano bisogno di navi. Ognuno comprava una nave che poi veniva equamente divisa tra i membri delle associazioni. Per, era raro che si comprasse solo una nave, perch era probabile che il carico venisse rubato oppure andasse perso. Per ovviare questo problema, si comprarono pi barche in cui si divideva il carino, cosicch, in caso di naufragio, il carico veniva disperso solo in parte e non tutto, causando sicuramente meno danni al venditore. Per evitare ai commercianti ulteriori naufragi e perdite di carico, il commercio marittimo veniva praticato solamente in estate, per evitare le stagioni della pioggia.
Spezie Sono semi, frutti, radici che sono usati in quantit minime per dare sapore alle pietanze

Eleonora Olla

IIIF 11

A.S. 2012/13

Le rivoluzioni del Basso Medioevo: dallagricoltura alle crociate

La rinascita delle citt


Con la rinascita delle citt marinare, si diede il via al progressivo rinascere delle altre citt, tenute in vita dai vescovi che durante le carestie non si erano allontanati nelle ville di campagna ma avevano preferito rimanere allinterno delle citt. Con lo sviluppo, inoltre, si ha un rinnovamento istituzionale che port i centri urbani principali a diventare comuni. Con la crescita demografica dovuta al rinnovamento delle tecniche di agricoltura, si ebbe bisogno di pi spazio per i cittadini. Questa richiesta di spazio venne soddisfatta dai sobborghi, piccole cittadine che contornavano la citt e che costrinsero i Re ad ampliare e spostare le mura, per poter proteggere il resto dei sobborghi in continua crescita.

Eleonora Olla

IIIF 12

A.S. 2012/13

Le rivoluzioni del Basso Medioevo: dallagricoltura alle crociate

I comuni in Italia
Per quanto riguarda il sistema di politica utilizzato allinterno di questi nuovi comuni, allinizio cerano due consoli, che poi divennero di numero variabile, che guidavano lesercito, amministravano la giustizia e avviavano missioni diplomatiche. Ad accompagnare i consoli nelle decisioni cera un consiglio composto da 100/150 aristocratici che avevano il potere legislativo. Per ultimo cera larengo, che era lassemblea di tutti i cittadini e che contava praticamente nulla nelle decisioni dei consoli e del consiglio.

Eleonora Olla

IIIF 13

A.S. 2012/13

Le rivoluzioni del Basso Medioevo: dallagricoltura alle crociate

La lotta politica allinterno dei comuni


Allinterno dei comuni, nonostante ci sia stata unorganizzazione relativamente valida, ci furono tante lotte per il potere. Per cercare di sedare queste rivolte che indebolivano i comuni, si elesse un podest, che fin per sostituire i consoli. Per evitare che il podest diventasse troppo ponete e diventasse un possibile tiranno, si ridusse la sua carica ad un solo anno, che poi venne annientato dalle varie proteste. I principali organi che protestavano erano il governo ed il comune del popolo, specialmente lassociazione delle Arti. Dopo Varie proteste, riuscirono non solo ad eliminare il podest, ma anche a diminuire le ricchezze dei nobili, che per insorsero in varie guerre civili.

Eleonora Olla

IIIF 14

A.S. 2012/13

Le rivoluzioni del Basso Medioevo: dallagricoltura alle crociate

Bibliografia e sitografia Wikipedia

Chiaroscuro Francesco Maria Feltri; Maria Manuela


Bertazzoni; Franca Neri - Sei

Eleonora Olla

IIIF 15

A.S. 2012/13