Sei sulla pagina 1di 20

Direttore responsabile Sergio Cuti Direttore editoriale Daniele Tamburini Societ editrice: Promedia Soc. Coop.

p. via Del sale 19 Cremona Amministrazione e diffusione: via S. Bernardo 37/a Cremona tel. 0372 435474
Direzione e redazione via S.Bernardo 37/a Cremona tel 0372 454931 email redazione@ilpiccologiornale.it stampa SEL Societ Editrice Lombarda Cremona pubblicit: Immagina srl tel. 0372 435474 direzione@immaginapubblicita.it
Aut. del Tribunale di Cremona n 357 del 16/05/2000 Poste Italiane S.p.a. Sped. in A.P.-45%-art. 2 comma 20/B legge 662/96 Cremona Numeri Arretrati: http://www.immaginapubblicita.it
PICCOLO
il
Giornale www.ilpiccologiornale.it

pagine 3 e 10
Edizione del Mercoled
Anno XII n78 MERCOLED 14 NOVEMBRE 2012 Periodico 0,02 copia omaggio Non riceve alcun finanziamento pubblico
4+^1--ee`V`+
^E4*+O-
I sondaggi Sgw danno il Movimento 5 Stelle al 18%, il Pd al 27% e Lega al 15%. Crollo del Pdl, che scende al 12,5%
Alessandro Tegagni, portavoce cremonese: La gente ci vota perch si stancata dei partiti, che non rispettano le promesse
GRILLO, LOMBARDIA COME IN SICILIA?
CASALMAGGIORE
LAVORO
a pagina 10
a pagina 3

Argine colabrodo,
un rischio se il Po
dovesse esondare
Contratto di
apprendistato,
spreco o risorsa?
CONCERTO A FEBBRAIO
a pagina 17

I Pooh raccontano
Opera Seconda
al Teatro Ponchielli
ULTIMORA
l freddo invernale non certo
amico di cani e gatti, special-
mente quando non godano di
un riparo o di una casa calda e
accogliente. Un problema che dun-
que in questo periodo, e in previsio-
ne del brusco abbassamento delle
temperature previsto gi dalla pros-
sima settimana, particolarmente
sentito, come sottolinea Lorenzo
Croce, presidente di Aidaa. Pur-
troppo il problema degli animali che
rimangono senza casa sempre in
aumento. Da un lato a causa della
crisi, che mette molte persone nella
condizione di non riuscire pi a sop-
portare il mantenimento del proprio
amico a quattro zampe; dall'altro la-
to, c' un problema che puntualmen-
te si presenta nel periodo successivo
alle festivit natalizie: si tratta di ani-
mali che vengono incautamente ac-
quistati come regalo ma che spesso
risultano non graditi, e finiscono in
mezzo alla strada, o in un canile se
va bene.
Anche per questo motivo, Aidaa
ha lanciato un appello al Governo,
chiedendo di proibire la vendita di
cuccioli nel periodo natalizio, pro-
muovendo invece le adozioni presso
canili e gattili. Purtroppo spesso
l'animale viene visto come un ogget-
to da regalare e non come un essere
vivente che necessita attenzioni.
continua Croce. Intanto l'appello del-
le associazioni animaliste di avere
un occhio di riguardo per gli animali
che in inverno rischiano di morire di
freddo. A questo proposito abbiamo
recentemente realizzato un decalogo,
affinch tutti nel loro piccolo possa-
no aiutare i randagi a non morire di
freddo: raccomandiamo di lasciare
cibo e acqua al riparo dal gelo, di pre-
parare delle coperte per i cani e di
lasciare aperte le cantine per i gatti.
Si possono aiutare anche i volatili,
lasciando fuori casa delle piccole
mangiatoie, in luoghi riparati, in cui
possano sostare e nutrirsi.
La citt di Cremona, rispetto alla
situazione nazionale, si rivela una
piccola isola felice, come spiega Vir-
na Denti, presidente dellAssocia-
zione zoofili cremonesi, che gestisce
il canile. I cani in entrata questan-
no sono diminuiti rispetto agli anni
scorsi, e le adozioni aumentano
spiega. In questo aiuta molto la mi-
crochippatura, che ormai si sta dif-
fondendo e che viene praticata a
tutti i cani che arrivano al canile.
Intanto, con larrivo del freddo, lap-
pello dellassociazione per tutti i
cittadini: Ci servono coperte calde
per i nostri animali: ne ospitiamo ben
130 e dobbiamo cambiare spesso le
cucce, perch in questa stagione si
crea subito umidit.
Laura Bosio
I
DONNA SCOMPARSA LUNGO IL PO
Edizione chiusa
alle ore 21
Aidaa: Crisi economica e scarsa educazione favoriscono il fenomeno dellabbandono di cani e gatti
LAPPELLO DELLA CGIL LOMBARDIA
a pagina 8

Non si taglino
gli ammortizzatori
sociali
LINVERNO DEGLI ANIMALI SENZA CASA
Purtroppo spesso il cucciolo viene visto come un oggetto utile per
un regalo e non come un essere vivente che necessita attenzioni
Ricerche a vasto raggio nella gior-
nata di ieri da parte di Polizia e Vigili
del Fuoco sulle rive del Po per la
scomparsa di unanziana 75enne.
Lipotesi che possa essersi gettata
in acqua. La donna sarebbe stata av-
vistata in mattinata da alcuni pescato-
ri nella zona del Pennello, dietro le
Colonie Padane, dove stata effetti-
vamente ritrovata la sua bici. Dopo la
denuncia della scomparsa inoltrata
alla Questura dai parenti, le ricerche si
sono immediatamente attivate.
ono 13 i milioni di euro che
la Giunta regionale lombar-
da si appresta ad assegnare
a Province e Comuni per la
realizzazione di progetti per
la sicurezza stradale. Lo ha annun-
ciato l'assessore alla Polizia locale e
Sicurezza Nazzareno Giovannelli,
intervenendo, a Palazzo Marino, al
convegno organizzato dall'Associa-
zione vittime della strada "Dalla parte
delle vittime della strada. Quali politi-
che urbane, locali e nazionali".
Da sempre ha detto Giovannelli
Regione Lombardia impegnata a
mettere in atto politiche e attivit
volte alla prevenzione e alla riduzione
drastica degli incidenti stradali. E
proprio in questa direzione devono
andare anche i fondi che il Piano na-
zionale sulla sicurezza stradale, ela-
borato dal Ministero dell'Interno, ci
ha assegnato, da ripartire poi fra le
Province e i Comuni con i tassi pi
alti di incidentalit, con il chiaro
obiettivo di migliorare le reti viabilisti-
che pi critiche. Non di-
mentichiamo poi l'impor-
tanza di azioni di preven-
zione come gli "Smart",
che ripetiamo pi volte
durante l'anno, per evita-
re le stragi del sabato se-
ra. Proprio oggi, in 441
Comuni della nostra regione, daremo
vita, grazie al coinvolgimento e alla
preziosa collaborazione di tutte le
Forze dell'ordine e delle Polizie locali,
alla pi grande operazione di questo
tipo che abbiamo mai organizzato,
con un unico obiettivo: tutelare l'in-
columit degli automobilisti, dei pe-
doni e prevenire altri reati".
La Lombardia ha gi quasi rag-
giunto l'obiettivo europeo di ridurre la
mortalit stradale del 50
per cento ri spetto al
2001: -47,3 per cento.
Dalle ultime elaborazioni
risulta infatti che ben cin-
que province - Lodi (-68
per cento), Brescia (-55,7
per cent o) , Sondr i o
(-55,3 per cento) Monza e Brianza
(-55,4 per cento) e Como (-52,1 per
cento) - abbiano gi raggiunto e su-
perato il traguardo verso il quale an-
che tutte le altre stanno compiendo
enormi passi avanti, facendo regi-
strare una riduzione media comples-
siva del 47,3 per cento. La nostra
media ha sottolineato l'assessore
nettamente migliore rispetto a quella
nazionale. Ma tutto ci non basta:
tutti insieme, dalle istituzioni alle For-
ze dell'ordine sino ai rappresentanti
della societ civile, dobbiamo com-
piere un ulteriore sforzo, per debella-
re quella che pu definirsi una vera e
propria piaga sociale. Il sogno ri-
durre a zero la mortalit sulle nostre
strade.
Gli stessi dati dicono inoltre che,
nel primo decennio del 2000, sul ter-
ritorio lombardo, vi stata una ridu-
zione notevolissima anche degli inci-
denti, che sono passati da 51.744 a
39.322; quelli mortali da 1.074 a 565;
la riduzione dell'indice di mortalit,
dal 2,08 al 1.44; il decremento dell'in-
di ce di gravi t degl i i nci denti ,
dall'1,45 al 1,04.
Servono azioni mirate, per inter-
venire soprattutto nelle ore notturne
e nei fine settimana ha concluso
Giovannelli per aumentare la tutela
delle fasce deboli, (pedoni e i condu-
centi di veicoli a due ruote), per limi-
tare la circolazione dei veicoli pi
vecchi e incidere sui punti critici del-
le infrastrutture. Ma allo stesso
tempo imprescindibile che chi si
mette alla guida sappia che dalla sua
prudenza, o imprudenza, dipende la
vita dell'altro.
La Regione Lombardia promuove
un Bando per la presentazione di Pro-
getti di comunicazione digitale per il
business delle micro, piccole e medie
imprese lombarde, e per l'inserimento
lavorativo di giovani professionisti del
settore. In particolare il bando vuole
incentivare progetti di investimento in
strategie di marketing innovation da
parte di micro, piccole e medie impre-
se lombarde che intendono sfruttare
tutte le nuove forme e tecnologie di
comunicazione digitale per aumentare
il proprio business, aggiungere valore
ai propri prodotti e servizi e trovare
nuovi mercati attraverso internet e gli
strumenti web.
Sono previste 2 misure. La prima
inerente i progetti di comunicazione
digitale volta a finanziare lintroduzione
in azienda di progetti di comunicazio-
ne e marketing digitale finalizzati a
sviluppare nuovi processi comunicativi
e/o nuovi modelli di business; la se-
conda riguarda il tema Giovani per la
creativit digitale" e vuole favorire lin-
serimento professionale dei giovani e
la stabilizzazione professionale di la-
voratori gi presenti in azienda per re-
alizzare progetti di comunicazione di-
gitale finalizzati ad innalzare la compe-
titivit delle aziende in ambito locale,
nazionale e internazionale.
Complessivamente vengono stan-
ziati 1.700.000 euro, di cui 1.150.000
per ls misura a (il contributo concesso
a fondo perduto copre il 50%delle
spese sostenute fino a un massimo di
25.000 euro) e di 500.000 per la misura
b (il contributo dipende dalla tipologia
di assunzione e pu variare tra 5.000
3.000 euro).
S
La Lombardia ha gi raggiunto lobiettivo europeo di ridurre la mortalit per incidenti del 50% rispetto al 2001
13 milioni per la sicurezza stradale
Un bando per la comunicazione digitale
Lombardia
Mercoled 14 Novembre 2012
2
stato pubblicato sul Bollettino Uffi-
ciale Regionale del 29 ottobre 2012 il
Decreto n. 9460 del 24 ottobre 2012
contenente disposizioni integrative rela-
tive allavviso Dote Lavoro Riqualifica-
zione e Ricollocazione.
Le integrazioni introdotte intendono
favorire il reinserimento occupazionale
dei lavoratori che si trovano in condizio-
ni di svantaggio per effetto di crisi azien-
dali, estendendo il target dei destinatari
anche ai lavoratori provenienti da unit
produttive/operative, ubicate in Lom-
bardia, che si trovino in cassa integra-
zione guadagni straordinaria (Cigs) per
cessazione parziale. In attesa dellim-
plementazione sul sistema informativo
regionale, i lavoratori appartenenti a ta-
le target, potranno essere profilati
nellambito della Cigs con causale: ces-
sazione totale.
Al via Exhibitioni-
st, il ciclo di incontri
tra innovatori di fiere
e di eventi aperti agli
operatori del settore
e organizzati da
Fondazione Fiera
Milano con la colla-
borazione di Regio-
ne Lombardia, Ca-
mera di Commercio di Milano e Meet The Me-
dia Guru. Caratterizzato da un format innova-
tivo, Exhibitionist pensato con lo scopo di
condividere innovazioni di pratiche e di pen-
siero e per concepire e realizzare eventi busi-
ness. Il primo appuntamento fissato per il
prossimo 27 novembre alle 18.30 al Grattacie-
lo Pirelli. Maria Grazia Mattei, ideatrice di Me-
et the Media Guru, intervister Luc Courche-
sne, Direttore Ricerca al Society Art of Tech-
nology di Montreal.
IN BREVE
Al via Exhibitionist
Lavoro, nuove disposizioni
PROMUOVERE IL LAVORO DEI GIOVANI
Giovannelli:
Servono politiche
di prevenzione
Una misura per lintroduzione in azienda di nuovi progetti,
la seconda per promuovere la creativit digitale dei giovani
Esenzione pagamento
ticket, nuovi parametri
L'esenzione dal pagamento del ti-
cket sanitario per esami, visite e farma-
ci, per disoccupati e cassintegrati, vie-
ne confermata anche per il 2013. Cam-
biano, a partire dal 1 gennaio dell'anno
prossimo, i requisiti per ottenere questa
esenzione. E' quanto prevede una deli-
bera approvata dalla Giunta regionale,
che modifica e aggiorna il provvedi-
mento varato lo scorso 25 ottobre. Dal
1 gennaio 2013 dunque, saranno esen-
ti dal pagamento del ticket: i disoccu-
pati iscritti agli elenchi dei centri per
l'impiego con un reddito familiare pari o
inferiore a 27.000 euro all'anno; le per-
sone in cassa integrazione straordina-
ria o in deroga o in mobilit (compresi i
familiari a carico) che percepiscano una
retribuzione corrispondente ai massi-
mali mensili previsti dalla circolare Inps
n. 20 dell'8 febbraio 2012, per il periodo
di durata di questa condizione; le per-
sone con contratto di solidariet che
percepiscano una retribuzione, com-
prensiva dell'integrazione salariale,
corrispondente ai massimali mensili
previsti dalla circolare Inps n. 20 dell'8
febbraio 2012 per la cassa integrazio-
ne, per il periodo di durata di questa
condizione.
I gatti pi belli del mondo all'Esposizione Inter-
nazionale Felina che si terr a Maleo (Lodi) nel fi-
ne settimana di sabato 17 e domenica 18 novem-
bre. Oltre 150 gatti di razza si contenderanno il ti-
tolo di "gatto pi bello del mondo" al Palazzetto
dello Sport di Via Papa Giovanni XXIII. Dalle ore
10 alle ore 19 sia del sabato che della domenica i
visitatori potranno ammirare i campioni interna-
zionali delle varie razze feline che, sotto l'egida
della Fiaf (Federazione italiana associazioni feline)
verranno giudicati da giudici internazionali Wcf
(World cats federation) nel Best in Show in pro-
gramma al pomeriggio di entrambe le giornate
ove verr decretato il gatto pi bello del mondo".
Collateralmente all'Expo Felina vi sar anche una
Mostra particolare dedicata agli animali pi mi-
steriosi ed affascinanti del Pianeta: stiamo parlan-
do di "Reptilia Expo: laffascinante mondo dei ret-
tili", ricca di esemplari, che espone tanti serpenti
tra i pi belli ed affascinanti provenienti da tutto il
mondo tra cui spicca un esemplare di pitone in-
diano albino di sei metri per oltre 120 kg di peso.
Regione Lombardia ha previsto una misura
straordinaria per sostenere i cittadini che risiedo-
no in affitto nei Comuni della provincia di Manto-
va colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio scorsi.
Dal 26 novembre al 21 dicembre il termine per la
presentazione delle domande.
Il contributo, ad integrazione del Fondo soste-
gno affitto, finalizzato a ridurre il disagio abita-
tivo delle popolazioni colpite dal sisma e a soste-
nere la ripresa economica dei Comuni terremota-
ti. Destinatari della misura di sostegno sono i
cittadini in affitto residenti nei Comuni terremota-
ti della Provincia di Mantova, in possesso dei
requisiti per accedere allFsda 2012, con un
Isee-fsa non superiore a 12.911,42 euro ad
esclusione dei soggetti che hanno gi usufruito
del contributo Fsda 2012. La domanda di parte-
cipazione deve essere presentata dal 26 novem-
bre 2012 al 21 dicembre 2012, presso il proprio
Comune di residenza o presso un Caaf conven-
zionato con il Comune.
IL BANDO
Misura straordinaria
per i terremotati lombardi
17-18 NOVEMBRE
I gatti pi belli del mondo
in esposizione a Maleo
La regione Lombardia, nell'ambito del
progetto "Vivere in Italia", propone la forma-
zione specialistica per linsegnamento
dellitaliano a stranieri, finalizzata al conse-
guimento della Certificazione Ditals di I livel-
lo/profilo immigrati, promosso dalla Fonda-
zione Ismu. I corsi avranno una durata obbli-
gatoria di 30 ore e, indicativamente, si svol-
geranno in orario pomeridiano. Per iscriversi
bisogna compilare la scheda on line, segna-
lando la sede territoriale prescelta.
I docenti coinvolti potranno accedere ad
una sessione straordinaria desame Ditals I
livello, gi programmata dallUniversit per
Stranieri di Siena per luned 27 maggio 2013.
Chi, invece, vorr sostenere il II livello lo far
regolarmente nella sessione del 15 luglio
2013. Sono ammessi al corso preparatorio i
docenti che hanno svolto almeno 30 ore di
attivit didattica o di tirocinio pratico-osser-
vativo in Italia o allestero.
Insegnare agli stranieri
Dal 17 al 19 novembre, a Milano, si
svolger la rassegna di cultura e gu-
sto "Golosaria Milano", giunta alla
sua 7 edizione, questanno raddop-
pia e si rilancia come uno degli even-
ti pi interessanti di avvicinamento
allExpo 2015. La nuova location di
Palazzo del Ghiaccio - Frigoriferi Mi-
lanesi ospiter i 100 migliori produt-
tori di cose buone del Golosario, il ba-
edeker del gusto di oltre 1.000 pagine di Paolo Massobrio e - novit di
questanno - i 100 produttori di vini selezionati tra i 1.000 premiati in que-
sti dieci anni e raccontati nella nuova edizione de LAscolto del Vino di Pa-
olo Massobrio e Marco Gatti. Il concept delledizione 2012 sar Lirrinun-
ciabile qualit ed proprio per questo che gli eventi ruoteranno intorno ai
temi del benessere, degli stili di vita e del vivere, non rinunciando al gusto
anche in un periodo critico e saranno proposti attraverso incontri, dibattiti,
presentazioni, anteprime, assaggi, degustazioni, lezioni di cucina. Cinque
le aree tematiche a disposizione dei visitatori: il salone dellartigianato ali-
mentare, larea lounge con piatti della tradizione lombarda, show cooking,
il temporary shop e larea top hundred wines.
Golosaria Milano dal 17 al 19 novembre
a cura di Laura Bosio
Ben cinque province che hanno raggiunto lobiettivo: Lodi, Brescia, Sondrio, Monza e Brianza, Como
Contratti di apprendistato, spreco o risorsa?
di Martina Pugno
ontratti pi stabili e che pos-
sano favorire l'ingresso dei
giovani nel mondo del lavoro:
questo l'obiettivo del ministro
Elsa Fornero, che ha pensa-
to di dare il via ad una campagna pub-
blicitaria che possa incentivare le
aziende e gli imprenditori alla stipula di
contratti di apprendistato. Se nel resto
d'Europa, infatti, la lotta alla disoccu-
pazione giovanile e alla crisi economica
passa in modo massiccio attraverso
l'apprendistato, in Italia vengono anco-
ra ampiamente preferite varie tipologie
di contratto a termine,
che comportano una
riduzione dei costi per
le aziende ma non in-
cludono percorsi di
formazione e un con-
creto i nvesti mento
sulle risorse umane a
lungo termine.
Secondo lultima
analisi degli annunci di lavoro destinati
ai giovani laureati realizzata dallUfficio
Studi Bachelor, solo il 4,6% delle pro-
poste offre, come forma contrattuale,
un apprendistato. Alle scarse offerte di
lavoro per questa tipologia di contrat-
to, quando esso viene stipulato sorgo-
no altri problemi, come sottolinea Do-
nata Bertoletti (Cgil): Nonostante che
la formazione sia obbligatoria e nono-
stante che le aziende possano usufru-
ire di sgravi e incentivi, spesso ai gio-
vani apprendisti non viene data la pos-
sibilit di fare formazione, perch vie-
ne vista dagli imprenditori come ore
sottratte al lavoro. In questo modo, il
rapporto di apprendistato risulta per
snaturato e viene sfruttato semplice-
mente per ridurre i costi legati al singo-
lo lavoratore, al pari delle forme di
contratto a tempo determinato che il
ministro vorrebbe invece contrastare.
Il contratto di apprendistato rientra
nella categoria dei contratti a tempo
indeterminato - prosegue Bertoletti - e
riflette la scelta di investire sul capitale
umano. Molti imprenditori, per, non lo
riconoscono come
tale e non vogliono
rapporti che allonta-
nino i lavoratori du-
rante il percorso for-
mativo.
Di fronte ad una
si tuazi one gl obal -
mente difficile, dun-
que, aziende e im-
prenditori non sembrano guardare
all'apprendistato come ad un investi-
mento a lungo termine, quanto piutto-
sto come ad un rapporto che compor-
ta troppi oneri e doveri: Bisogna fare i
conti con la realt, anche con maggio-
ri controlli e penalit per chi non fa fare
formazione, anche per evitare una for-
ma di concorrenza sleale. Gli incentivi
sono giusti in periodo di crisi, ma le
imprese devono mantenere il proprio
impegno. E' il momento di affrontare
l'argomento in modo efficace in sede
provinciale, tenendo conto delle pro-
blematiche degli imprenditori ma sen-
za dimenticare l'utilit e l'importanza
della formazione.
Investire sulla formazione garanti-
rebbe vantaggi diretti per le aziende
anche a breve termine: Se c' un cor-
retto rapporto di apprendistato anche
il lavoratore viene fidelizzato. Ma se la
formazione viene fatta male e conside-
rata un peso allora verr vista come
uno spreco di tempo anche da parte
del lavoratore. E' un dato di fatto sot-
tolinea la sindacalista -, le aziende che
resistono meglio alla crisi sono quelle
che investono nella formazione e nella
ricerca. Occorre investire nella qualit
per riuscire a stare nei mercati. Altri-
menti la battaglia pu essere condotta
solo sul costo del lavoro, ma non se ne
esce, perch ci sar sempre un Paese
in grado di produrre a costi minori.
Non questa la via per la ripresa. Si
deve intervenire su un fattore culturale,
l'apprendistato deve essere ricono-
sciuto come una forma di investimento
da parte delle aziende. E' necessario
un cambio di mentalit. Uno spot
pubblicitario sar sufficiente per pro-
durlo?
C
Rapporto di lavoro con formazione, il Ministero del Lavoro punta su sgravi e incentivi, ma anche spot pubblicitari
Ai giovani ho destinato tutte le risorse dispo-
nibili, ha dichiarato il Ministro Elsa Fornero a
commento della misure adottate per la Riforma
del Lavoro. Una posizione, quella del Ministro,
che traspare in modo chiaro dalle misure adotta-
te con la legge 92/2012 e che non lascia spazio
a fraintendimenti: stop alla procrastinazione infi-
nita dei contratti simbolo del precariato, come
co.co.co, contratti a progetto, contratti a chia-
mata, in favore invece dellapprendistato come
forma di accompagnamento e di formazione ai
nuovi ingressi nel mondo lavorativo che si vuole
far diventare tipologia prediletta per la sommini-
strazione di contratti a termine, nonostante al
momento in Italia non goda di ampia diffusione.
A questo proposito, nei giorni scorsi il Ministero
ha diramato una circolare che specifica come
lintervallo tra un rapporto e il successivo possa
essere ridotto, dai 90 giorni per i contratti oltre
i 6 mesi o dai 60 per quelli pi brevi rispet-
tivamente a 30 o 20 giornate, possibilit peraltro
gi anticipata dal decreto sviluppo 92/2012.
A stabilirlo, secondo il documento, dovrebbe
essere la contrattazione collettiva nazionale, che
dunque arginerebbe eventuali ingerenze del go-
verno. Anche questa misura, per, non esente
dallo scatenare polemiche, perch molte cate-
gorie tra i contratti in scadenza a fine anno non
rientrano in tale regolamentazione. Cos, circa
400mila contratti prossimi al termine non potran-
no sfruttare l'introduzione di questa novit: si
tratta, soprattutto, di dipendenti della pubblica
amministrazione. Sullapprendistato, invece,
quello che resta una convinta incentivazione al
ricorso a questa forma di rapporto, soprattutto
per mezzo di alcuni sgravi alle aziende che ne
aprono di nuovi e che ne confermano, nellarco
di tre anni, una quota superiore a un terzo trami-
te formalizzazione dellassunzione definitiva. In
particolare, questi bonus vengono riconosciuti
qualora lazienda investa in modo chiaro nella
crescita del giovane lavoratore, sostenendone la
formazione e il suo ottenimento di una qualifica
riconosciuta.
- Lotta contro i contratti a termine, le novit contenute nella Riforma del Lavoro
CREMONA
Sabato 17 novembre a partire dalle 21 presso la
sala corsi della Croce Verdi il G.h.t ghost hunter
team, gruppo di esperti che collabora con la tra-
smissione Mistero di Italia 1, presenta una serata
su teorie, ipotesi e racconti e descriver la propria
attivit con materiali audiovisivi tratti dalle indagini
pi significative. Il gruppo mostrer inoltre le pro-
prie attrezzature. L'incontro si svolger ad ingres-
so gratuito. Per informazioni possibile contattare
il numero 328 18 55 418.
G.h.t. ghost hunter,
il gruppo si presenta
LINCONTRO
I tipi di contratto di apprendistato
attualmente in vigore sono tre, distinti
per finalit e tipologia di lavoratori.
APPRENDISTATO PER LA QUALIFI-
CA E PER IL DIPLOMA PROFES-
SIONALE. Possono essere assunti, in
tutti i settori di attivit e anche per
l'assolvimento dell'obbligo scolastico,
i soggetti che abbiano compiuto 15
anni fino al compimento del venticin-
quesimo anno di et. La regolamenta-
zione dei profili normativi demanda-
ta alle Regioni previo accordo in Con-
ferenza permanente tra lo Stato, le
Regioni e le Province autonome, sen-
tite le associazioni dei datori di lavoro
secondo la definizione della qualifica
o diploma professionale, la previsione
di un monte ore di formazione e il rin-
vio ai contratti collettivi di lavoro delle
modalit di erogazione della formazio-
ne aziendale nel rispetto degli stan-
dard generali fissati dalle Regioni.
APPRENDISTATO PROFESSIO-
NALIZZANTE O CONTRATTI DI ME-
STIERE. E finalizzato al consegui-
mento di una qualifica professionale a
fini contrattuali. Possono essere as-
sunti i soggetti di et compresa tra i
18 anni e i 29 anni. Per chi in pos-
sesso di una qualifica professionale il
contratto pu essere stipulato dal di-
ciassettesimo anno di et. Alla forma-
zione per lacquisizione delle compe-
tenze tecnico-professionali e speciali-
stiche, si affianca lacquisizione di
competenze di base per 120 ore di
formazione.
APPRENDISTATO DI ALTA FOR-
MAZIONE E DI RICERCA. Possono
essere assunti i soggetti di et com-
presa tra i 18 e i 29 anni per la specia-
lizzazione tecnica superiore, per il
praticantato per l'accesso alle profes-
sioni con ordine professionale o per
esperienze professionali. La regola-
mentazione e la durata del periodo di
apprendistato di alta formazione sono
stabilite dalle Regioni, per i soli profili
che attengono alla formazione, in ac-
cordo con le associazioni dei datori di
lavoro pi rappresentative, le Univer-
sit, gli Istituti tecnici.In assenza di
regolamentazioni regionali l'attivazio-
ne dell'apprendistato rimessa a con-
venzioni tra i datori di lavoro e le istitu-
zioni formative.
Le Tipologie
di contratto
LA NORMATIVA
Investire
sui lavoratori
lunica strada
per la ripresa
effa, truffa o ladrocinio
sono solo alcuni degli epiteti
con i quali un buon numero
di lavoratori italiani ha defi-
nito la storia dei ricongiun-
gimenti onerosi dei contributi matu-
rati in istituti di previdenza differenti.
Nei giorni scorsi, la Commissione
Bilancio ha respinto lemendamento
presentato dallonorevole Giuliano
Cazzola per porre un rimedio alla
questione, deludendo per lennesi-
ma volta le aspettative di migliaia di
lavoratori e facendo risalire la rabbia
per quello che da pi parti viene
bollato, nel migliore dei casi, come
un abominio legislativo.
Sino a due anni fa, infatti, il citta-
dino si trovava a poter ricongiungere
i vari contributi delle varie gestio-
ni nellInps, senza oneri finanziari.
Ma dallestate 2010 loperazione
divenuta parecchio costosa: pre-
cisamente da quando, era il 30
luglio, la legge 322 del 1989, che
sanciva la gratuit delle ricongiun-
zioni contributive, era divenuta la
122 (la manovra estiva di Tremon-
ti). La nuova legge prevedeva che
le ricongiunzioni sarebbero state a
pagamento. Per il calcolo dellim-
porto del trasferimento si era deciso
di adottare il calcolo utilizzato per il
riscatto degli anni di laurea. Risul-
tato? La confluenza dei contributi
versati si sarebbe dovuta versare
come se si fosse studiato per anni
e anni, con un esborso che, pure
variando caso per caso, rappresen-
ta tuttora una cifra onerosa (soprat-
tutto a fronte degli attuali problemi
di scarsa liquidit di molti cittadini)
che in alcune situazioni pu supe-
rare i 100mila euro. Lultimo dei
tentativi di correggere la legge 122
(il cui articolo 12 era stato introdotto
allultimo momento al decreto 78)
si infranto nei giorni scorsi con la
bocciatura dellemendamento Caz-
zola. E con la rabbia dei lavoratori
salita anche quella dei sindacati.
Abbiamo sempre contestato
la norma del 2010, proseguiamo
tuttora nel nostro dissenso e prose-
guiremo in futuro sempre su questa
linea - fa sapere Francesco Zilioli
della Cgil -. La legge 122 dellestate
2010 va esattamente nella direzione
contraria rispetto alla creazione di
una pensione unica. In un sistema
previdenziale contributivo i con-
giungimenti non dovrebbero essere
onerosi. Le persone non possono
andare in pensione perdendo dei
benefici che avevano gi maturato.
E le cifre che si ventilano per una
simile operazione sarebbero dav-
vero da capogiro. In taluni casi si
parla addirittura di 300 o 400mila
euro, saldabili anche in rate dilazio-
nate sino ad una quindicina danni,
ma che valgono talvolta quanto la
pensione stessa. Con gli effetti
nefasti di quella legge - prosegue
Zilioli - quanti riusciranno ad andare
in pensione?.
Sulla stessa lunghezza donda si
pone anche il segretario provinciale
della Cisl, Giuseppe Demaria: La
legge Tremonti appesantisce i lavo-
ratori, che recentemente sono stati
colpiti anche dalla riforma del mini-
stro Fornero, che ha allungato ulte-
riormente il periodo pensionistico.
Di questo passo si scoraggia com-
prensibilmente la gente ad andare
in pensione. Il rischio, altissimo,
che il lavoratore non raggiunga il
minimo e che debba aspettare let
pensionabile, che a sua volta per,
visto laumento dellaspettativa di
vita, potrebbe andare incontro ad
ulteriori innalzamenti.
Lopposizione al paradosso
della legge Tremonti la linea sulla
quale rimane anche la Uil, come
spiega il segretario Mino Grossi.
La conseguenza di quellinterven-
to legislativo stata lonerosit, sul
piano economico, delle ricongiun-
zioni con effetti dirompenti sulle
tasche, tra gli altri, di centinaia di
colleghi dellInps transitati in questi
anni nei ruoli dellIstituto per effetto
di processi di mobilit volontaria.
Chi non pu pagare la ricongiun-
zione onerosa, i lavoratori dovran-
no lavorare sino al raggiungimento
autonomo del diritto a pensione. La
scelta per ora tra indebitarsi per
pagare o accontentarsi di una pen-
sione misera e questo non accet-
tabile per migliaia di lavoratori.
B
Respinto nei giorni scorsi in commissione Lavoro lemendamento presentato da Cazzola sulle pensioni. Lira di Cgil, Cisl e Uil
Ricongiunzione onerosa, il problema rimane aperto
E giunto nella giornata di ieri il via libe-
ra della commissione Bilancio della Camera
allemendamento che amplia la platea degli
esodati tutelati. La proposta di modifica alla
legge di stabilit prevede 10.130 nuovi esodati
e porta la platea complessiva a 130mila circa.
Il blocco della rivalutazione per le pensioni
superiori di sei volte al trattamento minimo
consentir di risparmiare 270 milioni di euro
nel biennio 2014-15, che andranno a coprire
l'ampliamento della platea degli esodati. I
numeri sono contenuti nella relazione tecni-
ca dell'Rgs che accompagna la proposta di
modifica dei relatori approvata in commissio-
ne. Nella relazione si ricorda che la rivalutazio-
ne al 100% prevista solo per le pensioni fino
a tre volte il trattamento minimo Inps, mentre
da tre a cinque volte la rivalutazione del
90% e per le pensioni oltre cinque volte il trat-
tamento minimo, la rivalutazione del 75%.
La modifica prevede invece che, per le
pensioni oltre sei volte il trattamento minimo,
le rivalutazioni non si applichino. Le pensio-
ni previdenziali che saranno interessate dal
trattamento saranno circa il 5% del totale e le
economie al lordo degli effetti fiscali sono pari
a 200 mln nel 2014 e altri 200 mln nel 2015.
Al netto degli effetti fiscali, invece, si scende a
135 mln l'anno, per un totale di 270 mln.
La legge di stabilit approder nell'aula
della Camera nel pomeriggio di gioved pros-
simo. Il governo, come ha annunciato durante
la Conferenza dei capigruppo, intenzionato a
porre nella mattinata di marted della prossima
settimana tre richieste di voto di fiducia, che
verranno votate a partire dalle 12 di merco-
led 21, iniziando con le dichiarazioni di voto,
l'ultima delle quali in diretta tv prevista alle
18. Per la mattinata di gioved, probabilmente
all'ora di pranzo, sempre con diretta tv, pre-
visto il voto finale sul testo.
Nuovi esodati
tutelati: sono
oltre 10mila
Cronaca
Mercoled 14 Novembre 2012
4
Restano da pagare le migliaia di euro per il lavoratore che deve
far confluire contributi maturati in istituti pensionistici diversi
Francesco Zilioli (Cgil) Giuseppe Demaria (Cisl) Mino Grossi (Uil)
di Federico Centenari
poco da fare: piaccia o
non piaccia, convincano le
idee del suo leader o meno,
i riflettori di queste regiona-
li sono puntati sul Movi-
mento 5 Stelle. Prima snobbato, poi
temuto dai partiti, il movimento di Grillo
sta catalizzando lattenzione di son-
daggisti e leader politici.
Giusto di pochi giorni fa
un sondaggio a cura della
Swg che attribuisce ai 5
Stelle il 18% dei consensi
in Lombardia. Un dato,
specie per il Pdl (fermo al
12,5% sempre per l a
Swg), che non pu non
far riflettere. A Cremona il movimento
attivo dalla precedente tornata eletto-
rale (2010) e conta su una decina di at-
tivisti sul capoluogo e parecchi sosteni-
tori in tutta la provincia.
E se fino ad ora si parlato di loro
pi per le sparate del loro leader e per
le loro iniziative che non di reali pro-
grammi, cerchiamo di saperne di pi da
Alessandro Tegagni, uno dei principa-
li attivisti cremonesi del movimento. Ne
parliamo con il portavoce, in sostanza,
per capire se sotto il vestito c qual-
cosa o no, per dirla parafrasando il ti-
tolo di un famoso film.
Tegagni, vado al sodo: 5 Stelle,
solo apparenza o dietro c anche
sostanza?
Guardi, in Italia, come a Cremona,
siamo una bella realt. Non confidiamo
solo nei voti delle persone deluse dalla
politica. Le persone che ci contattano
hanno idee precise, avanzano proposte.
Dunque non siete solo un colletto-
re dellantipolitica?
Assolutamente no. Non abbiamo
solo critiche, ma anche proposte con-
crete.
Qualche esempio?
Lambiente. Due domeniche fa ab-
biamo fatto una campagna di sensibi-
lizzazione per la raccolta dellolio di
frittura, ne abbiamo parlato anche con
lassessore Bordi. Poi puntiamo molto
a sensibilizzare sulla differenziata porta
a porta. A nostro avviso, con linceneri-
tore il Comune spreca soldi e non ha
entrate, mentre ci sono esempi di rac-
colta porta a porta, come a Treviso, che
dimostrano lutilit del sistema.
Oltre allambiente?
Sempre per restare sulla nostra re-
alt, la viabilit. La Ztl non ha funziona-
to, evidente. Occorre puntare sulla
chiusura totale del traffico in centro,
certo, dando permessi per chi lavora e
per i residenti, ma non a pioggia, come
stato fatto. Un altro tema importante
quello dellarea ex Scac, che non
dovrebbe essere solo commerciale.
Pensiamo ad un rilancio
con aree verdi e piste ci-
clabili. Il commercio de-
ve tornare in centro. Ci
sono tanti, troppi locali
sfitti: necessario pun-
tare su politiche com-
merciali che favoriscano
il ritorno delle attivit la-
vorative in centro. Anche il trasporto
pubblico tra le nostre priorit. Dob-
biamo puntare su mezzi elettrici, ad
impatto zero. E stato fatto a Brescia,
con successo, perch non si pu fare
anche a Cremona?.
Sono temi che porterete avanti
anche in Regione, in caso di elezione
di un vostro consigliere?
Senza dubbio.
In Sicilia avete fatto il botto. Pen-
sate di replicare in Lombardia?
Certo, noi ci speriamo in un risulta-
to come quello avuto in Sicilia. Ma sia-
mo anche realisti: se qui ci danno al
18%, io credo che sia pi attendibile un
14%.
Che sarebbe comunque un signor
risultato. Specie se pensiamo che
danno il Pdl al 12,5%...
S, ho visto lultimo sondaggio (a
cura della Swg: Pd al 27%, 5 Stelle al
18, Pdl al 12,5 e astensione al 41%;
ndr). Tutto sommato ci aspettavamo
una fotografia simile e il crollo di de-
terminati partiti. Non a caso il Pd rima-
ne su: lunico che ha cambiato un
po la sua linea. E questo il punto: i
partiti devono cambiare il modo di fare
politica, cos come stiamo facendo
noi.
Be, adesso si buttano tutti sulle
primarie. Pare sia lo sport di moda
E voi come li scegliete i candidati,
con quali criteri?
La scelta avviene attraverso la Re-
te. Ci sar una lista che verr proposta
sul portale del Movimento lombardo.
S, anche in questo caso una sorta di
primarie, ma con regole di base. Ad
esempio importante la data discrizio-
ne sul portale. Ci serve anche per valu-
tare eventuali candidati saliti sul carro
del vincitore allultimo minuto. Ad ogni
modo, domani sera (mercoled; ndr)
verranno individuati i can-
didati.
Senta, ma non crede
che affidandovi in modo
cos massiccio alla Rete
si perda la profondit, il
contatto con le persone,
laspetto umano?
La componente umana c: siamo
noi a valutare insieme le candidature e
ad accettarle o meno. Fermi restando i
requisiti, come lassenza di condanne o
procedimenti pendenti, e fermo restan-
do che a livello locale conosciamo be-
ne le persone che ruotano attorno al
Movimento.
E con lesperienza come fate? Sie-
te un movimento giovane, sicuri di
riuscire ad essere allaltezza, una
volta nelle istituzioni?
E proprio questa la scommessa pi
grossa del movimento: valutare se il
nostro modello di politica ci premia. Ma
abbiamo gi dei segnali in questo sen-
so. A Parma ad esempio i cittadini sono
contenti del sindaco (Federico Pizza-
rotti, eletto in quota al Movimento 5
Stelle; ndr).
Insomma Sicuro?
Ma le polemiche ci saranno sem-
pre, e quelle che ci sono state sono gi
rientrate. Ma ci sta. Siamo un movi-
mento nuovo, tutti ci guardano e qual-
cuno ci fa le pulci. Ce lo aspettavamo.
Anche questa una sfida.
A proposito di polemiche. Grillo.
Leader o dittatore?
Grillo il nostro megafono. Lui por-
ta la gente in piazza e noi sappiamo
bene che lui, con la sua notoriet, ci
deve dare una mano. Senza Grillo i
giornali non avrebbero mai parlato del
Movimento 5 Stelle. Per il resto, s, con-
fermo che lui ha una linea molto deci-
sa. Ma le regole sono quelle e chi ade-
risce le conosce. Le regole servono,
diversamente ci troviamo con persone
che finiscono in tv a fare figure barbi-
ne.
Parla del suo movimento o dei
partiti in generale?
Parlo del movimento. Meglio una
apparizione in meno che una figuraccia
in pi. E poi a noi non interessa farci
pubblicit, a noi interessa il contatto
con il cittadino.
E il cittadino che di-
ce?
Che ne ha piene le
scatole dei partiti. I citta-
dini si rendono conto
che i partiti non hanno
fatto niente di quello che
avevano promesso. Tutti
questi scandali, poi, han-
no aumentato questa percezione.
E voi? Cosa fate per essere credi-
bili?
Portiamo fatti concreti, oltre che
proposte. Tutti parlavano di riduzione
dei compensi, noi labbiamo fatto subi-
to portando da 9mila a 2,500 euro gli
stipendi dei consiglieri regionali. Tutti
dicevano stop ai rimborsi elettorali. Noi
labbiamo detto e labbiamo fatto. Ecco
dove sta la nostra credibilit: nellesse-
re disponibili a metterci alla prova.
Unultima annotazione su Cremo-
na. Sarete presenti alle prossime
amministrative?
Certo. Ci saremo e sempre corren-
do da soli, senza alleanze. Abbiamo gi
in mente chi candidare. Due nomi ci
sono.
Suppongo sia inutile chiederle
questi nomi.
Esatto. Vedremo pi avanti.
Lintervista Alessandro Tegagni, portavoce del Movimento 5 Stelle: Speriamo in un risultato come quello della Sicilia
C
Cremona Mercoled 14 Novembre 2012
5
Si svolta sabato, presso il Caf Soire di
via Milano, la conferenza organizzata da Ca-
sapound Italia, sul libro Menzogna e propa-
ganda, armi di dis-informazione di massa.
Relatore e autore del libro Massimo Chiais,
dottore di ricerca in Lettere moderne e in
Scienze strategiche presso lUniversit degli
Studi di Torino. Obiettivo della conferenza
stato quello di far riflettere su Fino a che
Punto la manipolazione dell'informazione e la
costruzione di una realt modificata ad uso
propagandistico possono essere accettate
dallopinione pubblica.
Questa conferenza - dichiara Gianluca
Galli, responsabile di CasaPound Cremona -
vuole essere anche una risposta a chi devia
lattenzione da tutto ci che di positivo il no-
stro movimento sta costruendo. CasaPound
porta aiuti alle popolazioni terremotate con un
proprio gruppo di Protezione Civile, organizza
missioni umanitarie in Kosovo, Kenya, Birma-
nia e Sudafrica. Ci battiamo per preservare gli
ultimi bagliori di uno stato sociale. Voglio riba-
dire che CasaPound Cremona si autofinanzia
e non riceve aiuti da nessuno. Le nostre mani-
festazioni sono sempre autorizzate, seguiamo
liter burocratico alla lettera. Non siamo noi a
creare i disordini e la militarizzazione della
citt - conclude Galli - labbiamo dimostrato
per lennesima volta.
Menzogna e propaganda, cento persone alla conferenza promossa da CasaPound
La gente ci vota perch si stancata dei partiti
Il commercio
deve tornare
nel centro storico
A noi interessa
soprattutto il contatto
con il cittadino
Alessandro Tegagni,
portavoce del Movimento a 5 Stelle
Fa discutere la notizia pubblicata su que-
ste colonne sabato scorso, a proposito
della richiesta avanzata in Comune dal Mo-
vimento 5 Stelle. Il portavoce del movimen-
to, Alessandro Tegagni, ha chiesto al pre-
sidente del Consiglio di poter filmare le se-
dute dellassemblea comunale. Sulla richie-
sta si esprimer lUfficio di presidenza (os-
sia i capigruppo dei partiti presenti in Con-
siglio) durante la riunione di oggi, mercole-
d. Nel frattempo, letta la notizia, sullargo-
mento interviene il consigliere dellIdv,
Giancarlo Schifano, che gi due anni fa ha
avanzato la stessa proposta rilanciata ora
dai grillini.
La mia mozione sullinstallazione di una
o pi web-cam allinterno della sala consi-
liare a Cremona - dice Schifano - stata
protocollata nel 2010, ma con grande ram-
marico devo ammettere che la discussione
nella commissione preposta non stata
mai affrontata. Credo che la discussione
sullinstallazione di una o pi web-cam
allinterno del Consiglio Comunale sia di
fondamentale importanza per diverse ra-
gioni prosegue lesponente dellIdv . I
vantaggi della trasmissione via internet dei
lavori del Consiglio Comunale sono nume-
rosi. A cominciare dalla semplicit di instal-
lazione ed uso della stessa, il costo mode-
rato delle apparecchiature che verranno
utilizzate per trasmettere gli interventi dei
consiglieri abilitati a parlare, la possibilit
che il servizio possa essere utilizzato come
archivio e fungere come ulteriore forma di
garanzia e trasparenza nonch di democra-
zia partecipata e allargata al fine di permet-
tere a tutti i cittadini cremonesi che lo desi-
derano di ascoltare e visionare i lavori del
Consiglio comodamente dalla propria abi-
tazione collegandosi via internet in diretta
streaming.
Conclude Schifano: Linstallazione di
una o pi web-cam allinterno della sala
consiliare una cosa buona e giusta per la
citt, poich offre la possibilit ai cremo-
nesi di vivere e conoscere da vicino tutto
ci che viene affrontato, discusso e votato
dai diversi schieramenti politici, sempre
nello specifico interesse dei cittadini.
Ad oggi, per, sulla richiesta di Schifano,
nessun pronunciamento. Andr meglio ai 5
Stelle? f.c.
Telecamere in consiglio? LIdv lha proposto nel 2010
ProPoste
In Comune la richiesta dei 5 Stelle, ma Schifano aspetta una riposta da 2 anni
Fenomeno Grillo: sotto il vestito niente
o programmi e idee concrete?
Giancarlo Schifano
consigliere comunale Idv
di Laura Bosio
l Museo del Violino di Cremona,
che nello scorso fine settimana
stato presentato in anteprima
alle autorit locali e ha ricevuto
la visita del ministro Lorenzo
Ornaghi, si arricchisce di un'ulteriore
importante opportunit: la realizza-
zione di due laboratori universitari,
che rappresenteranno un polo della
conservazione, innovazione e ricerca
in ambito liutario e musicale di rile-
vanza nazionale. L'accordo stato
sottoscritto, proprio alle presenza
dello stesso ministro, da Giovanni
Arvedi, in rappresentanza della Fon-
dazione Arvedi Buschini, che ha inte-
ramente sostenuto il recupero di Pa-
lazzo dellArte e lallestimento del
nuovo Museo e dellauditorium, dal
sindaco di Cremona Oreste Perri, dal
rettore dellUniversit di Pavia, An-
giolino Stella, da Gianni Ferretti, in
rappresentanza del rettore del Poli-
tecnico di Milano, Giovanni Azzone,
da Giuseppe Guzzetti, presidente
della Fondazione Cariplo, accompa-
gnato da Renzo Rebecchi, presiden-
te della Fondazione Comunitaria di
Cremona e da Massimiliano Salini in
rappresentanza della Provincia, ente
capofila.
Il laboratorio Arvedi di diagnostica
dellUniversit di Pavia si occuper
dello sviluppo delle indagini non inva-
sive da effettuare sugli strumenti mu-
sicali conservati presso il Museo, ol-
tre che alle opere darte mobili in ge-
nerale. Le analisi avranno lo scopo di
determinarne lo stato di conservazio-
ne, di caratterizzarne i materiali costi-
tutivi e di fornire tutte le informazioni
necessarie per condividere le cono-
scenze con il mondo della liuteria in
relazione alle tecniche costruttive, i
materiali utilizzati dai liutai, alle di-
mensioni e volumi degli strumenti
musicali. Il laboratorio si avvarr del-
la pi moderna e avanzata strumen-
tazione scientifica, nellottica di effet-
tuare analisi non invasive, con appa-
recchiature trasportabili e facilmente
utilizzabili.
Il laboratorio di ricerca sullacusti-
ca musicale del Politecnico si dedi-
cher invece a molteplici attivit, che
per i prossimi cinque anni sono gi
state stabilite: lo sviluppo di metriche
per la valutazione della qualit degli
strumenti; il miglioramento della qua-
lit dei prodotti di liuteria, lo sviluppo
di protocolli di misura per la certifica-
zione di qualit, lo sviluppo di tecni-
che avanzate per l'audio 3d.
Laccordo sottoscritto prevede al-
tres lattivazione a Cremona di una
nuova cattedra convenzionata sulla
ricerca acustica.
La complementariet
di competenze tra i due
laboratori e una gestione
scientifica integrata e
condivisa diventer uno
dei punti di forza per il
Museo del Violino, rap-
presentando un centro di ricerca
scientifico-diagnostica di eccellenza
per Cremona, in Italia e in Europa, an-
che grazie alla presenza di un audito-
rium con una acustica perfetta e di
una camera anecoica.
I due laboratori si distinguono in-
fatti per competenze e aree di ricer-
ca, focalizzandosi su attivit distinte
e complementari, ma che possono
generare sinergie importanti. Il labo-
ratorio dellUniversit di Pavia studia
i materiali, mentre il laboratorio del
Politecnico di Milano si occupa dello
studio del comportamento vibrazio-
nale e radiativo dello strumento, in
relazione alle geometrie e alle pro-
priet strutturali e elastiche dello
stesso. Anche la strumentazione, fat-
ta eccezione dello scanner 3D, risul-
ta quindi complementare fra i due la-
boratori. Questa diversit, per, pre-
senta delle sinergie potenziali molto
forti. Ad esempio, attraverso lo stu-
dio, lanalisi, la misura e la caratteriz-
zazione dei materiali utilizzati per la
realizzazione del manufatto di liuteria,
possibile derivare parametri fisici (in
particolare elastici) per caratterizzare
e prevedere i modi vibra-
zionali di interesse acu-
stico. Viceversa, attra-
verso analisi di segnali vi-
brazionali possibile ri-
velare e mettere in evi-
denza microfratture o al-
tre discontinuit interne
dei materiali. Si auspica quindi una
forte e produttiva interazione fra i due
laboratorio, con un mix di competen-
ze non disponibile in nessun altro luo-
go di ricerca.
I
Firmato un accordo per la realizzazione di due laboratori universitari: uno per la diagnostica e laltro relativo allacustica
Cremona Mercoled 14 Novembre 2012
6
Uno spazio progettato per lascolto della musica, ma anche per le incisioni
Auditorium, il vero punto di forza lacustica
Una delle parti fondamentali del Museo l'Audito-
rium Giovanni Arvedi, il primo per importanza e di-
mensioni presente in citt. Uno spazio che permette-
r di ospitare in citt esibizioni di artisti di spessore,
grazie a spazi molto ampi e ad un'acustica perfetta.
Pensato come forma di espressione della bellezza de-
gli strumenti, lAuditorium nasce per rappresentare la
grande tradizione musicale, ma vuole anche confron-
tarsi con il futuro della musica. Il risultato un proget-
to fluido, fatto di volumi morbidi, linee sinuose che si
rincorrono e disegnano una grande scultura organica
che esprime il propagarsi delle onde sonore. La par-
ticolare architettura della sala regala unultima sugge-
stione: il palco al centro della scena, il pubblico av-
volge i musicisti, il dialogo che si crea tra spettatori
ed esecutori produce un forte impatto emozionale e
consente di vivere una esperienza nuova che va oltre
il concetto classico di concerto.
La suggestione di questo ambiente esaltata an-
che dal design delle 450 poltrone studiato esclusiva-
mente per questo auditorium. Larchitettura fatta
per emozionare, ma lacustica studiata dallinge-
gnere Yasuhisa Toyota il vero punto di forza dellaudi-
torium che ha raggiunto un livello di perfezione che
ne consente anche lutilizzo come sala di incisione.
Allauditorium si accede da tre differenti livelli: piano
interrato (tramite un ascensore che dal parcheggio
conduce al piano), piano terra e piano ammezzato.
Dalle prime analisi effettuate dallo studio Nagata
Acoustics emersa come fondamentale la necessit
di incrementare la sezione libera della sala per miglio-
rarne la resa sonora; lipotesi per far suonare al me-
glio lAuditorium, descritta e rappresentata negli ela-
borati grafici allegati, quella di abbassare, rimuo-
vendo il terreno, il livello a cui il palco viene imposta-
to; tale procedura presuppone lo scavo della porzio-
ne di terreno ricompresa tra le murature perimetrali
della ex palestra.
Lacustica dellauditorium garantita dallag-
giunta di altri accorgimenti: - linserimento di tende
acustiche dietro ogni apertura; la creazione di
unintercapedine che funge da cassa di risonanza
sotto il palco centrale; -la realizzazione del rivesti-
mento della muratura perimetrale del livello interra-
to forata del 50% per permettere lassorbimento del
suono dalla tenda acustica retrostante. Il progetto
ha portato alla rimozione delle controsoffittature
(ammalorate ed instabili a causa delle infiltrazioni di
acqua piovana che ne hanno negli anni impregnato
le fibre) e la rimozione della tribuna della ex pale-
stra. Lunico elemento che stato mantenuto, do-
po un adeguato restauro, sono le porte e le finestre
realizzate dal Cocchia. La grande scultura dellau-
ditorium presenta una struttura a lame di acciaio,
che disegnano la forma, alle quali ancorata una
maglia metallica che funge da base per lintonaco.
Il tutto rasato e successivamente impiallacciato
con legno dacero verniciato per richiamare il legno
utilizzato per realizzare i violini.
Cremona: violino e universit, una sinergia
Le autorit cremonesi hanno potuto visitare
in anteprima le sale del museo, in una serata
di festa e musica che lo stesso Giovanni Arve-
di ha aperto con queste parole: Il lavoro di
tante persone diventato poesia, poi si tra-
sformer in musica. Il Museo rappresenta
un'opportunit incredibile per la citt di Cre-
mona, ma anche, come ha fatto notare lo
stesso Arvedi, un mezzo per agganciare Cre-
mona allExpo 2015 con la cultura, la musica
e lagroalimentare, le nostre eccellenze.
Dopo l'appuntamento di domenica 11 no-
vembre, un secondo momento di apertura
previsto per sabato 24 novembre alle ore
20.30 con un invito esteso a tutti i liutai, musi-
cisti, Istituzioni musicali del territorio, dirigenti
della scuola di liuteria e della facolt di Musi-
cologia, del Consorzio Liutai, delle Associa-
zioni culturali, che saranno chiamati a collabo-
rare per far s che il Museo del Violino divenga
una realt viva, dinamica e aperta al mondo
rilanciando la gloriosa tradizione liutaria a li-
vello internazionale in stretta collaborazione
con tutte le altre realt culturali del territorio.
Al termine della visita gli ospiti saranno accol-
ti nellAuditorium per un momento musicale.
Sabato 8 e domenica 9 dicembre con inizio
alle 20,30 invece previsto lOpen day per
tutti i cittadini che desiderano ammirare in
anteprima il Museo del Violino e linnovativo
allestimento. Durante la visita nellAuditorium
si esibiranno artisti del territorio che daranno
prova della loro abilit e bravura e faranno ri-
suonare la musica nel palazzo tornato allanti-
co splendore grazie al munifico intervento
della Fondazione Arvedi Buschini.
Il 15 dicembre, infine, si terr un momento
riservato ai tecnici, agli specialisti del suono e
dellacustica, alla stampa specializzata ed in-
ternazionale, alle case di registrazione: linge-
gner Yasuhisa Toyota e larchitetto Giorgio
Pal illustreranno le modalit progettuali e
tecniche adottate per trasformare lex sala da
ballo e palestra che sorgeva nel palazzo in una
sala concertistica con una acustica perfetta.
Un'attenzione particolare stata rivolta alle
persone anziane ospitate nelle case di riposo,
per le quali in corso di realizzazione un ap-
posito video di presentazione del Museo, che
sar proiettato nelle residenze per anziani
unitamente ad un momento musicale dal vivo
offerto agli ospiti.
prossimi appuntamenti
Sabato 24 apertura
al mondo della musica
e della liuteria
Venerd 16 novembre alle ore
17, presso la Sala Puerari del
Museo Civico, ha luogo la con-
ferenza Il Colonialismo italiano
in Africa orientale dalla battaglia
di Adua allindipendenza delle
colonie.
Dopo lintroduzione di Ema-
nuele Bettini, Presidente ISRI
Cremona, intervengono il dottor
Marco Baratto, Presidente ISRI
Lodi, e il dottor Derres Araia, De-
legato dellAmbasciatore di Eri-
trea dottor Zemede Tekle, che
parla dei rapporti tra Eritrea e
Italia nel periodo coloniale e
post-coloniale.
Nel corso della conferenza
vengono trattati, in particolar
modo, alcuni aspetti legati alla
battaglia di Adua e alla presen-
za del colonnello Emilio Bellavi-
ta, lodigiano che visse da prota-
gonista tale battaglia come aiu-
tante di campo del Generale Da-
bormida.
Durante lincontro, vengono
poi rese pubbliche due lettere
inedite del generale Rodolfo
Graziani appartenenti allarchi-
vio storico di Emanuele Bettini.
Le lettere, di contenuto colonia-
le, sono state scritte nel 1946 nel
carcere di Procida in previsione
della stesura del libro Ho dife-
so la Patria. Viene inoltre ricor-
dato il marinaio eritreo Farag
Mohammed Ibrahim, medaglia
doro al Valor Militare alla me-
moria.
ConFerenza sul Colonialismo italiano in aFriCa
Gioved 22 novembre (ore 17.30) presso il Salo-
ne dei Quadri del Comune di Cremona, verr pre-
sentato il libro Da zero a 10 - Il primo decennale
dellAsd Pepo Team: parole, immagini ed emozio-
ni. Attraverso immagini, testimonianze e contribu-
ti di chi ha assistito alla nascita e di chi ha reso pos-
sibile lo sviluppo di questa importante realt spor-
tiva e sociale, il volume ripercorre le tappe salienti
percorse dal sodalizio cremonese, divenuto, in die-
ci anni, una delle societ di riferimento del panora-
ma italiano ed europeo sport disabilit.
dazero a10, un libro sulpepo team
LUniversit Cattolica del Sacro
Cuore di Milano e il Museo Civico
Ala Ponzone di Cremona organiz-
zano il convegno di studi Giuseppe
Sigismondo Ala Ponzone (1761-
1842) collezionista cremonese nel-
la Lombardia asburgica, articolato
in due giornate, la prima prevista per
venerd 16 novembre presso lUni-
versit Cattolica del Sacro Cuore di
Milano e la seconda per sabato 17
novembre presso il Museo Civico
Ala Ponzone di Cremona.
Convegno su alaponzone
IN BREVE
Il direttore del quotidiano Avvenire, Marco
Tarquinio, la sera di venerd 16 novembre sa-
r a Cremona per affrontare il tema Dallin-
formazione alla formazione: il ruolo culturale
del quotidiano dei cattolici italiani. Lincon-
tro, aperto a tutta la cittadinanza, in pro-
gramma alle ore 21 presso il Centro pasto-
rale diocesano di Cremona di via S. Antonio
del Fuoco 9A.
Lappuntamento con il prestigioso giorna-
lista preparer la Giornata di Avvenire che
si celebrer domenica 18 novembre: nelloc-
casione a Casalmaggiore promossa la se-
conda festa diocesana del quotidiano dei
cattolici italiani. Alle 10.30 prevista la S.
Messa nel Duomo di S. Stefano e alle 11.30,
presso lauditorium Giovanni Paolo II del
Centro parrocchiale, lincontro pubblico con
il caporedattore di Avvenire Francesco Ogni-
bene.
direttore di avvenire aCremona
Il tavolo dei relatori
Un centro di ricerca
di eccellenza
in Italia e in Europa
di Michele Scolari
on accenna a smor-
zarsi la polemica sulle
condizioni del tratto
di pista ciclabile che
dallintersezione di via
Riglio conduce alle societ Ca-
nottieri. In una lettera pubblicata
su ledizione del Piccolo di sa-
bato 10 novembre sono state di
nuovo evidenziate le pessime
condizioni della pista, che per-
corre il tratto di sponda cremo-
nese del fiume sopra limbocco
del porto: alle erbacce lungo il
percorso, interrotto da un cantie-
re al momento fermo, si aggiun-
ge il cedimento di una porzione
di sponda del fiume, proprio a
fianco della pista.
Il segmento di ciclopista era
stato chiuso alcuni anni fa a cau-
sa di un notevole sprofonda-
mento della pavimentazione,
specifica il firmatario. Una chiu-
sura di cui la lettera lamenta il
protrarsi oltre ogni limite, a pre-
scindere da eventuali problemi
tecnici non noti. Al momento ,
lunica via percorribile per aggi-
rare il cantiere sarebbe un varco
laterale sprovvisto per di pavi-
mentazione e segnaletica. Pro-
venendo da via Riglio infatti,
una bella e fresca segnaletica
orizzontale ciclabile - lamenta
la lettera - serve solo a creare
inutili illusioni: infatti, dopo circa
50 metri, ecco una rete rossa
che ci costringe a rientrare nella
ormai nota e grigia realt di tutti i
giorni. Si vede subito per che
chiunque pu proseguire supe-
rando semplicemente un largo e
comodo varco laterale, quasi un
invito creato apposta per chi vo-
lesse verificare lo stato dei lavo-
ri. E da qui in avanti che l'ormai
famigerato Itinerario n 23 si
mostra in tutto il suo abbaglian-
te splendore, fatto di vergogno-
so degrado, con
fondo estremamen-
te dissestato co-
sparso di buche,
avvallamenti e spro-
fondamenti, inoltre
il verde completa-
mente abbandona-
to a se stesso. Pra-
ticamente la ciclabile non esiste
pi. E nella lettera non si manca
di sottolineare che il segmento
interessato dovrebbe far parte
del grande itinerario ciclabile
VenTo (Venezia-Torino). Inoltre
non risulta che siano stati effet-
tuati lavori di sistemazione e in
loco non era presente nessuno
che stesse lavorando. Tutto
ci induce gli utenti a chiedere
delucidazioni in merito: Cosa
aspettano, che si perda la pa-
zienza?.
La manutenzione
del terreno sul quale
posizionato il trat-
to interessato di ci-
clopista risulta di
competenza dellAi-
po. E dallAgenzia
fanno sapere che la
situazione monitorata, fornen-
do contemporaneamente anche
una prima tempistica sulla riso-
luzione del problema. Premet-
tendo che di nostra competen-
za solo il terreno sul quale sorge
la pista ma non la struttura cicla-
bile in s, comprendiamo il ma-
lumore degli utenti assicurando
che il problema a nostra atten-
zione. Indubbiamente numerosi
problemi, tra cui la difficolt delle
risorse finanziarie, hanno rallen-
tato i lavori, per la cui conclusio-
ne per ci sentiamo di poter dare
una scadenza. Al momento il
progetto in via di definizione,
poi vi sar la gara dappalto e,
immediatamente dopo, linizio
dei lavori. In base a questa ta-
bella di marcia, possiamo ap-
prossimativamente fissare il ter-
mine dellintervento alla fine del-
la primavera 2013. Entro linizio
del nuovo anno comunque, sa-
remo in grado di fornire indica-
zioni ancor pi precise al riguar-
do.
Lagenzia risponde alle proteste di chi usa la bici: Entro breve avverr la gara dappalto e poi inizieranno subito i lavori
N
Il malumore dei ciclisti: Oltre al fondo dissestato c' anche il cantiere che crea disagio per il passaggio
Cremona
Mercoled 14 Novembre 2012
7
Ciclabile del porto, lAipo: Fine lavori entro primavera
Pu capitare che in un uggio-
so pomeriggio novembrino,
mentre ci si accalca tra gli stand
del Bont, si discute dell'ennesi-
ma sconfitta del Milan, si scrivo-
no altre inutili lettere a favore o
contro una badilata ad una nu-
tria, una splendida ragazza di 17
anni venga travolta ed uccisa da
un SUV, guidato in stato di eb-
brezza, con una violenza inaudi-
ta, e buttata l in un campo come nemmeno si fa per una
vecchia bambola rotta di cui ci si vuole disfare.
Quello, come tanti altri, un incrocio molto pericoloso,
su un lungo rettilineo e, come si sa, l'automobilista di
fronte ad una strada diritta ha una sorta di riflesso condi-
zionato che lo porta a schiacciare sull'acceleratore.
Questa estate avevo parlato di strage alla 150esima
vittima, ora abbiamo superato quota 220 ciclisti e 620
pedoni, e dietro ad ognuno di loro c' una famiglia, una
storia, degli affetti, ed un costo sociale altissimo. Ci stia-
mo avvicinando con la stessa velocit di quel Suv ad un
nuovo record negativo per la nostra societ. Non interve-
nire una volont politica.
Non porre fine a tutto ci vuol dire essere complici di
chi ha in spregio la vita altrui. Le strade, tutte le strade,
devono tornare ad essere un luogo sicuro ed accessibile
a tutti (in special modo nelle citt per i diversamente abi-
li) per potersi spostare a piedi o in bicicletta perch il
vero problema la velocit. Rigidi controlli sulle strade
extraurbane e adozione di Zone 30 in citt, solo cos si
potr ridurre il numero di incidenti e la loro gravit. Credo
che sia sempre di pi un dovere per qualunque cittadino
pretendere dalla politica e dalle amministrazioni interven-
ti efficaci e concreti sulla sicurezza, e siccome siamo in
periodo di campagna elettorale, sia regionale che nazio-
nale, cari politici se proprio volete dire qualcosa, fateci
vedere programmi credibili sul tema dell'ambiente, della
mobilit e della vivibilit delle nostre citt, perch su
questo che si gioca il futuro del mondo. Voter e votere-
mo solo chi ci dar garanzie in tal senso, per il resto non
cercateci neppure.
Piercarlo Bertolotti
Presidente Fiab Biciclettando Cremona
TrasportAci sicuri, prosegue la campagna nazionale
Prosegue il progetto TrasportACI Sicuri,
anche per l'anno 2012, la campagna nazio-
nale dell'Automobile Club d'Italia per sensi-
bilizzare i genitori sull'importanza dei sistemi
pi idonei al trasporto in sicurez-
za dei bambini in auto. Grazie al
lusinghiero successo ottenuto
nell'anno 2011 dei corsi proposti
presso il Consultorio Familiare
dell'Asl di Cremona e Soresina. Il
prossimo corso si terr Marted
20 Novembre alle ore 16,00
presso la sede del Consultorio
Familiare dell'A.S.L. di Cremona Vicolo
Maurino 12, gli addetti dell'URP dell'Ufficio
Provinciale ACI di Cremona, con l'ausilio
delle strutture e la disponibilit dello staff
del consultorio dell'A.s.l.. Regione Lombar-
dia di Cremona, terranno un mini corso di
informazione gratuito per spiegare agli auto-
mobilisti come scegliere ed utilizzare in
modo corretto i seggiolini per
bambini. Scopo di questi corsi
quello di diffondere una maggiore
consapevolezza sui rischi della
strada nel trasporto in auto dei
pi piccoli. Nellambito di Tra-
sportACI Sicuri stato condotto,
inoltre, uno studio che evidenzia
come il mancato o il cattivo utiliz-
zo del seggiolino sia spesso correlato alla
fretta, alla brevit del tragitto e alla poca
pazienza di fronte alle rimostranze dei pic-
coli.
lInIzIatIva
Come scegliere e
usare il seggiolino
per bambini
Il segmento
interessato dovrebbe
far parte del VenTo
Marted 20 si terr il prossimo corso nella sede dellAsl di Cremona
Grande successo per il meeting
del Lyons Club di Castelleone
Il 09 novembre, il Lions Club Castelleone si ritrovato per il
secondo meeting annuale tenutosi presso la sede il ristorante
Le tre Rose dal tema Il Trentino nel bicchiere, ovvero il vino
quale prodotto deccellenza e non solo. Liniziativa ha visto la
gradita presenza in qualit di relatore di Luca Bandirali, Past
Presidente del Rotary Club san Marco, nonch grande esperto
di vini e Presidente dellAssociazione Italiana Sommelier per
dieci anni. Il relatore ha coinvolto i partecipanti attraverso un
viaggio ideale di sensazioni e di cultura, introducendo tutte le
reminiscenze storico-culturali utili per illustrare il vino non solo
come bevanda, ma soprattutto come parte integrante della cul-
tura conviviale, di cui anche il sodalizio castelleonese si fa por-
tatore. In chiusura, il Presidente ha rinnovato limpegno del
sodalizio per il completamento dei Services in corso sia locali
che nazionali ed internazionali rimarcando che la serata ha testi-
moniato la grande amicizia ed armonia dei Soci, fondamentale
presupposto per effettuare Servizio alla comunit locale.
La ciclopista del porto: da sinistra, il cantiere che blocca il passaggio e il tratto di scarpata franato
di Laura Bosio
n un momento in cui la cassa in-
tegrazione in forte crescita an-
che nel nostro territorio, emerge
con forza la preoccupazione dei
lavoratori rispetto agli ammortiz-
zatori sociali, di cui non ancora certa
la riconferma per il periodo 2012-2013:
il confronto sul rinnovo dell'Accordo
sugli ammortizzatori inizier nei prossi-
mi giorni, ma con una situazione di
grande incertezza circa i finanziamenti
che arriveranno in Lombardia da parte
del Governo, in un quadro nazionale di
risorse decrescenti.
Nei giorni scorsi, in Regione, il tavolo
delle Parti sociali, stato fatto il punto
sullutilizzo degli ammortizzatori sociali
in deroga a far tempo dal primo gennaio
2012 al 31 ottobre scorso. I dati di utiliz-
zo sono i seguenti: 16.892 domande
che hanno riguardato 12.595 imprese e
85.820 lavoratori, dei quali il 58% uomi-
ni e il 42% donne. Essi concentrano
maggiormente nelle fasce det tra i 30
e 50 anni e che rappresentano oltre il
60% del totale del numero delle ore
autorizzate, oltre 59 milioni.
I settori maggiormente colpiti sono:
meccanica, commercio, tessile.
Le liste di mobilit al 31 ottobre han-
no gi totalizzato un numero di licenzia-
menti superiore a quelli di tutto il 2011
fa sapere la Cgil Lombardia, rimarcando
che il 75% dei lavoratori e delle lavora-
trici che hanno perso il posto di lavoro o
lo stanno perdendo hanno partecipato
a percorsi di Politiche attive del lavoro
finalizzate alla riqualificazione o alla ri-
collocazione, ma al momento non si
conoscono gli esiti di questi percorsi di
Politiche attive, cio non sappiamo an-
cora in che percentuali questi lavoratori
hanno trovato una nuova occupazione,
ma i dati tendenziali ci dicono che sono
una minoranza degli interessati.
E evidente che la crisi investe in
modo grave tutti i settori produttivi e del
terziario della nostra regione dice Ful-
via Colombini della Segreteria della
Cgil Lombardia. Infatti il 41% di azien-
de che hanno chiesto gli ammortizzato-
ri per la prima volta stanno a indicare
che, anche chi negli anni scorsi era riu-
scito a reggere e a mantenere loccupa-
zione, vede aggravare la situazione ed
costretto a far ricorso agli ammortizza-
tori in deroga. Inoltre i dati delle Cob
(Comunicazioni obbligatorie) ci dicono
che il numero degli accessi al mercato
del lavoro sono costantemente inferiori
alle cessazioni, e quindi la riduzione
della base occupazionale non si an-
cora fermata e probabilmente toccher
il suo picco nel 2013. Il mercato del
lavoro lombardo, essendo particolar-
mente articolato, secondo la Cgil ha bi-
sogno di essere ancora sostenuto con
gli ammortizzatori, nel tentativo di pre-
servare posti di lavoro e professionalit
che potrebbero andare perdute e che si
riveleranno preziose nel momento in cui
si dovesse avvertire una pur timida ri-
presa. Inoltre dal prossimo anno le Re-
gioni non contribuiranno pi a finanzia-
re, attraverso risorse proprie come il
Fondo Sociale Europeo, queste politi-
che di sostegno al reddito, rendendo il
percorso ancora pi arduo.
La Cgil Lombardia conclude Fulvia
Colombini esprime la propria grande
preoccupazione per la tenuta della coe-
sione sociale se verranno ridotte le tute-
le che in questi anni (dal 2009 al 2012)
sono state costruite attraverso gli ac-
cordi regionali. La Cgil, consapevole
che al tavolo regionale dovr fare ogni
sforzo a tutela dei posti di lavoro, chia-
ma fin dora tutti i lavoratori e le lavora-
trici alla vigilanza e alla mobilitazione,
qualora si rendesse necessario alzare
una forte voce verso lopinione pubbli-
ca, le istituzioni territoriali e il Governo
affinch non si proceda con scelte che
renderebbero la recessione che ci sta
colpendo ancora pi grave e senza vie
duscita.
I
Lappello della Cgil Lombardia: Al 31 ottobre 2012 i licenziamenti erano gi in numero superiore rispetto a tutto il 2011
Grande incertezza
rispetto allimporto
dei finanziamenti
che il Governo
dovrebbe erogare
alla Regione
a questo scopo
Cremona Mercoled 14 Luglio 2012
8
Non si taglino gli ammortizzatori sociali
Situazione preoccupante per gli imprenditori
dell'autotrasporto, sempre pi vessati da spese
troppo alte. A denunciarlo la presidenza della
Cna Fita di Cremona, che nei giorni scorsi si riu-
nita per analizzare la situazione economica delle
imprese di trasporto ed esprime viva preoccupa-
zione per la tenuta del tessuto imprenditoriale del
settore nella provincia di Cremona. Il costo del
carburante una delle componenti che incidono
maggiormente sui costi aziendali e che negli ultimi
anni dal 18 % passato al 32 % e di converso, sul
fronte dei compensi, le tariffe sono diminuite o
nella migliore delle ipotesi sono invariate rispetto a
2005 fanno sapere dalla Cna. Non possiamo
che auspicare lapprovazione a breve della reintro-
duzione dellaccisa mobile cos come richiesto
dalla Fita e sulla quale ormai anche importanti
convergenze si sono formate nel panorama delle
associazioni. La spinta inflazionistica derivata dai
continui aumenti delle accise e quindi del prezzo
finale del carburante sta seriamente pregiudican-
do la liquidit delle imprese di autotrasporto senza
alcuna possibilit di recuperare questi aumenti sul
mercato. Laumento dei prezzi inoltre non fa che
deprimere anche il potere dacquisto dei consu-
matori frenando di conseguenza i consumi e la ri-
presa.
Il caro gasolio sta prosciugando la gi ridotta
liquidit, le banche riducono gli affidamenti e con
il prezzo italiano del carburante alle stelle la con-
correnza straniera diventata insostenibile, con
laccisa mobile sarebbero possibili gi piccole ri-
duzioni di prezzo a partire dal primo gennaio. A
questo si aggiungono aumenti come quello
sul l i scr i zi one al l al bo che non t r ova
giustificazione,a nostro avviso, in un momento in
cui il richiamo al rigore sulla spesa dovrebbe far
riflettere anche i rappresentanti delle associazioni
di categoria presenti allalbo.Se ci non bastasse
richiamiamo lattenzione sugli innumerevoli impe-
gni formativi cui sono e saranno sottoposti i lavo-
ratori e gli addetti al settore che riguardano la for-
mazione obbligatoria ed il rinnovo delle Cqc.
Con ci non vogliamo sottrarci ad obblighi che
abbiamo anche noi sollecitato ma, ad una forma-
zione sovrapposta ed una tantum, noi preferiamo
una formazione coordinata e continua nel tempo.
Ed infine, ma non ultimo, diciamo no alla buro-
crazia che anche in occasione della dimostrazione
dei requisiti professionali dimostra ancora una
volta incertezze e rigidit che gravano con ulterio-
ri costi sulle aziende.
la protesta della fita cna
Prezzi alle stelle, autotrasportatori alla canna del gas
cremona gustosa, nuova edizione
E' stata presentata durante il
BonT la seconda edizione di
Cremona Gustosa, che nel
2013 si svilupper in due mo-
menti, da gennaio a giungo e da
settembre a dicembre, attraver-
so spettacoli teatrali, laboratori
didattici, eventi gustosi e diver-
tenti, film e concerti che an-
dranno in scena nei luoghi
dell'arte, nelle realt produttive
locali e nelle aziende agricole
cremonesi. Si tratta di un pro-
getto ideato per sviluppare le
conoscenze dei giovanissimi,
dei giovani e delle loro famiglie
intorno al cibo nella sua impor-
tante valenza sociale, culturale,
oltre che risorsa economica del-
la nostra terra.
Cremona Gustosa ha detto
il primo cittadino Oreste Perri
promuove il nostro territorio
con le sue caratteristiche socio
economiche ma contempora-
neamente strumento di valoriz-
zazione delle memorie e tradi-
zioni intergenerazionali. La mai-
festazione coinvolge diretta-
mente i ragazzi, le famiglie, gli
insegnanti e gli operatori di set-
tore della nostra citt e questo
per me molto importante. Nel
panorama delle iniziative rivolte
a giovani e giovanissimi Cremo-
na Gustosa rappresenta un'ec-
cellenza, che punta a valorizzare
e riconoscere i loro diversi lin-
guaggi e stili di vita con propo-
ste vicine al loro modo di vedere
e vivere il mondo.
Grazie alla preziosa collabo-
razione con il Teatro Ponchielli e
con l'assessorato alla Cultura
ha specificato l'assessore Jane
Alquati Cremona Gustosa
propone, anche per la seconda
edizione, un percorso narrativo
sul tema del cibo attraverso rap-
presentazioni teatrali: un modo
lieve, ma fortemente evocativo
e ironico per veicolare messaggi
importanti.
Il teatro sar anche usato co-
me strumento privilegiato di
strategia comunicativa: favori-
sce infatti forme di rielaborazio-
ne scolastica. Il percorso conti-
nua alternando eventi e labora-
tori con insegnanti e studenti sul
tema delleducazione al gusto
che si svolgeranno in luoghi sto-
rici della citt, spettacoli teatrali,
visite guidate ad aziende del
territorio, lezioni aperte animate
rivolte a studenti e famiglie. Tut-
to ci permetter di discutere e
di riflettere sui temi non cos
scontati.
Un percorso ideato per sviluppare
la conoscenza culturale del cibo
Terzo cimitero saccheggiato
Rubate le canaline: sul mercato illegale il bottino pu valere 400 euro. DallArma: pi controlli
Dopo Casalmaggiore e Martignana, i ladri di rame colpiscono anche a Casalbellotto
CASALMAGGIORE
casalmaggiore@ilpiccologiornale.it
Inizia domani, alle ore 20,30, in Biblioteca Civi-
ca Mortara a Casalmaggiore, il cineforum Segreti
di donna tre lm sulla vita che nessuno conosce.
Primo titolo in programma, E ora dove andiamo?
di Nadine Labaki. Lingresso gratuito. La rasse-
gna rientra fra le iniziative legate alla giornata mon-
diale contro la violenza sulle donne (25 novembre)
promosse dal comune e dal gruppo Mia.
CINEFORUM
Al via la rassegna
Segreti di donna
di Giovanni Gardani
l terzo indizio ecco la prova. I ladri
delle canaline di rame nei cimiteri del
casalasco sono tornati in azione:
dopo il furto del 23 ottobre a Casal-
maggiore e quello di venerd scorso
a Martignana, il colpo stato stavolta messo a
segno a Casalbellotto. Sempre nel cimitero,
come detto, sempre con il rame come bottino.
Le modalit (furto di notte, sradicando dal muro
i canali pluviali e raccogliendoli presumibilmente
su un furgoncino) lasciano intendere che si tratti
sempre della stessa banda. Che, peraltro, po-
trebbe colpire ancora. Il capitano della compa-
gnia dei carabinieri di Casalmaggiore Cristiano
Spadano ha parlato di controlli che saranno
presto intensificati, proprio in queste zone sen-
sibili, come i cimiteri. Al momento ha aggiun-
to il militare non possibile formulare ipotesi,
ma verosimile che il furto avvenga su commis-
sione: parliamo infatti di quantitativi minimi e di
un prodotto di difficile tracciabilit. Se anche ri-
trovassimo una canalina per strada, non po-
tremmo con certezza dire da dove provenga. Di
sicuro si tratta di una rivendita circoscritta alla
zona: chi compie questi furti sa di avere in mano
un materiale immediatamente ricettabile e se ne
libera in poche ore.
Le foto, ancora una volta, parlano da sole:
basti sottolineare che, considerando che parlia-
mo di un cimitero di piccole dimensioni, il furto
a Casalbellotto stato molto pi pesante: delle
trenta canaline di rame situate nella parte inter-
na della struttura, ne sono infatti sparite allincir-
ca venti.
Ma come si sviluppa il business del rame? Lo
abbiamo chiesto a un lattoniere che, dietro
lanonimato, ha voluto fornire alcuni dati. Il
prezzo del rame varia di giorno in giorno, ma al
chilo si vende dai 5 ai 7 euro. Ovviamente que-
sto il prezzo del mercato legale, per il quale
occorre la partita iva. Sul mercato illegale, pos-
so immaginare che i prezzi siano scontati, dai 3
ai 5 euro. Teniamo conto che una
canalina pesa allincirca 4-5 chili,
quindi i calcoli sono presto fatti. Il
colpo di Casalbellotto, pi o me-
no, pu essere valso ai ladri tra i
250 e i 400 euro.
Il vero problema continua il
lattoniere la sostituzione di que-
ste canaline: soltanto un metro di
queste, con diametro standard 80,
costa 18 euro. Non poco. La rivendita pu av-
venire in poche ore: infatti il rame non viene lavo-
rato, n fuso. Semplicemente viene rivenduto
cos com. Ci pensa poi la ditta che acquista a
effettuare le modifiche che ritiene opportune.
Un sistema di video-sorveglianza in questi
casi aiuta. A Martignana, infatti, unimmagine
ripresa nella notte tra gioved e venerd (giorno
del secondo colpo casalasco) rappresenta un
primo passo concreto nellindagine: dai frame
della video-camera si nota un
furgoncino, simile a un Ducato,
che si allontana dal cimitero.
Si rivende tutto, non solo il
rame. Presto scherza il latto-
niere ruberanno anche i tombi-
ni di ghisa e magari verranno a
toglierci le ringhiere dei nostri
balconi.
Peri col o per i l momento
scongiurato, almeno per quel che interessa alla
banda dei cimiteri. A Casalbellotto sono rimaste
infatti intatte le canaline in acciaio: materiale
che, evidentemente, rende molto meno sul mer-
cato specializzato
A
Il cimitero di Casalbellotto dopo il furto delle canaline di rame. Sotto: quel che resta di una canalina
Da Casalmaggiore al Principato
di Monaco il passo sar brevissi-
mo: quattordici giorni appena. La
grande lirica torner al Teatro Co-
munale di Casalmaggiore, dome-
nica 2 dicembre alle ore 17, per
merito di Milo Martani, noto piani-
sta casalese classe 1974, che ha
spinto perch lanteprima di Ca-
priccio italiano avesse luogo pro-
prio nel comune dove tuttora viva.
Il gal lirico, ideato dallo stesso
Martani assieme alla soprano Pao-
la Sanguinetti, ha trovato la parte-
cipazione convinta di parecchi col-
leghi famosi: su tutti Diego Cavaz-
zin, tenore che indirettamente ha
subito linflusso casalasco a sua
volta, essendo stato allievo del te-
nore Orazio Mori, nativo di Casal-
maggiore. Martani, nello specifico,
guider lensemble Enarmonia,
formato da Marco Dallara e Denis
Zannani (violini), Filippo Chieli (vio-
la), Antonio Braidi (violoncello) e
Matteo Ferrari (flauto). Il nome
Capriccio spiega Martani non
casuale: abbiamo infatti ricercato
musica lirica che penetrasse diver-
se epoche, come uno schizzo, una
pizza capricciosa appunto. Parti-
remo dai grandi classici come Giu-
seppe Verdi e Puccini, per lassag-
gio operistico iniziale, per poi pas-
sare a Morricone, Nino Rota e al
900, napoletano e non solo. LIta-
lia, chiaramente, sar il filo condut-
tore costante. Uno spettacolo
ideato in autunno e definito per
questo sperimentale. Ad oggi ab-
biamo in programma rivela Marta-
ni solo quattro date. La prima a
Casalmaggiore, il 2 dicembre alle
ore 17; poi lo stesso giorno ma alle
20.30 saremo al Teatro Nuovo di
Soragna. E ancora terremo uno
spettacolo privato a Roma, prima
del gran finale. Nientemeno che
nel Principato di Monaco. Il 16
dicembre ci esibiremo in una sera-
ta di gal, molto mondana, davanti
al Principe Alberto II di Monaco.
Una chiusura col botto, ma tor-
niamo per un attimo alla serata
casalese: Martani voleva far torna-
re a vibrare il Teatro Comunale con
la lirica. Credo che parecchi ap-
passionati sentissero questa esi-
genza. Non stato possibile otte-
nere, per tempi tecnici, non per
mancanza di volont, il patrocinio
del comune: abbiamo risolto lin-
ghippo affittando il teatro per quel
pomeriggio. Speriamo di riempirlo
e, dato che la struttura non gran-
dissima, consigliamo di sfruttare il
servizio prevendita.
Un servizio attivo dal 29 novem-
bre al 1 dicembre presso la sede
della Societ Musicale Estudianti-
na, in via Marconi a Casalmaggiore
(dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 17
alle 19). Il prezzo di 10 euro (po-
sto unico). Per ulteriori informazio-
ni ecco i numeri di riferimento:
0375-201771, 339-8220619 oppu-
re 348-7349539. Lacquisto pos-
sibile anche il giorno stesso del
concerto presso i botteghini del
Teatro.
Il pianista casalese dal Teatro Comunale alla corte di Alberto II di Monaco
Milo Martani suoner per il principe
Il pianista Milo Martani
ACQUA PUBBLICA, SE NE PARLA IN S. CHIARA
FESTA DELLA COLONIA, PIENONE IN AUDITORIUM
AFFITTI, LAREGIONE AIUTAI CASALASCHI DISAGIATI
La Sala Santa Chiara di via Formis ospiter gioved sera,
15 novembre alle ore 21, un incontro pubblico sul tema La
sda della gestione pubblica del sistema idrico integrato.
Lincontro promosso dal circolo del Partito Democratico
di Casalmaggiore e dal Coordinamento Casalasco del PD.
Il giornalista del Piccolo Vanni Raineri intervister Agostino
Alloni, consigliere PD della Regione Lombardia, Maura Rug-
geri, capogruppo PD del Comune di Cremona, Giuseppe Ta-
dioli, presidente della Lega delle Autonomie, e Claudio Silla,
sindaco di Casalmaggiore.
Bambini e ragazzi erano quasi al completo: una settanti-
na per primo e secondo turno, pi una trentina di adolescen-
ti. Una moltitudine di giovani accompagnati da genitori e pa-
renti, che hanno fatto registrare il pienone venerd scorso in
auditorium Santa Croce, confermando il forte attaccamento
dei casalaschi alla colonia, giunta allepilogo per lanno 2012
con la consueta festa di restituzione. La serata, inaugura-
ta dal direttore della casa Daniele Occhipinti di Prontoservi-
zi, ha visto protagonisti gli stessi minori che hanno parteci-
pato ai turni estivi presso la Casalmare di Forte dei Marmi.
Unora di lmati e tanto divertimento: ecco gli ingredienti di
un venerd che entrer negli annali della colonia maggiori-
na, come precisato dagli educatori della cooperativa LUma-
na Avventura e dallassessore ai Servizi Sociali del comune
di Casalmaggiore Pierluigi Pasotto, complimentatosi con gli
operatori a ne serata per lintenso lavoro svolto e per la ri-
uscita del primo, storico turno adolescenti. Con grande par-
tecipazione, il pubblico ha assistito alla proiezione dei vi-
deo realizzati alla Casalmare dagli stessi bambini e ragazzi:
il progetto educativo del 2012 ha reso infatti ancor pi pro-
tagonisti i piccoli vacanzieri, divenuti per loccasione regi-
sti, attori, giornalisti, scenogra, cameraman e critici televi-
sivi. Il tema proposto questanno, Casalmare in onda, ha
trasformato spazi e strutture della colonia in set cinemato-
graci: i risultati dellimpegno di bambini e ragazzi sono sta-
ti proiettati in auditorium venerd sera. Manco a dirlo, sono
stati applauditissimi.
Oltre 50mila euro di Fsda, Fondo Sostegno Disagio Acu-
to, verranno trasferiti dal Pirellone nelle casse dei comuni
casalaschi e, da qui, alle famiglie con conclamate difcol-
t nel pagamento dei canoni daftto delle proprie abita-
zioni. Con Decreto regionale n. 9932 del 7 novembre sono
stati infatti assegnati ai comuni i fondi per liquidare le do-
mande di FSDA 2012. Nel casalasco sono tredici le am-
ministrazioni coinvolte. Eccole elencate con gli impor-
ti spettanti: Casalmaggiore 23.744,70 , Piadena 8.297,75
, Gussola 3.874,41 , Martignana di Po 2.582,94 , Cal-
vatone 2.129,76 , Torre de' Picenardi 1.908,43 , Cingia
de' Botti 1.291,47 , Drizzona 1.291,47 , Motta Baluf
1.291,47 , Rivarolo del Re 1.291,47 , Scandolara Ravara
1.291,47 , Tornata 1.291,47 , Solarolo Rainerio 1.158,81
. In totale, 51.445,62 di fondi nalizzati allintegrazione
del canone di locazione a favore di nuclei familiari con di-
sagio economico acuto (primo requisito, un Isee-Fsa sino a
4.000,00 ) che Regione Lombardia trasferir ai comuni ca-
salaschi sopraccitati per rispondere alle domande perve-
nute entro il 31 ottobre scorso. Il sostegno, come precisato
dal decreto regionale, avverr attraverso procedure sempli-
cate e coinvolgendo direttamente gli stessi proprietari che
dovranno garantire, a fronte del pagamento delle rate di af-
tto, di non ricorrere a procedure di sfratto, svolgendo in
questo modo unazione preventiva rispetto ad una criticit
come quella degli sfratti purtroppo in aumento sia a livello
lombardo che casalasco.
Il primo direttore artistico donna in Italia la casalese Cristina Ferrari
Vive a Parma ma originaria di Casalmaggiore la
nuova direttrice artistica dellimportante Fondazione
Teatri di Piacenza, Cristina Ferrari. Ha firmato un con-
tratto fino al 30 giugno 2015, lultimo in ordine crono-
logico di una gi illustre carriera. A quarantasette an-
ni, la figlia dellex preside Ferrari della scuola media
Diotti, la direttrice vanta un diploma in pianoforte
(presso il Conservatorio "Nicolini" di Piacenza) ed uno
in canto (al Conservatorio "A. Boito" di Parma), la
maturit classica a Casalmaggiore e labbrivio degli
studi in Giurisprudenza, presso lUniversit di Parma.
Un curriculum arricchito da esperienze professionali
in ambito musico-teatrale: dal 99 al 2006 curatrice
delle stagioni del teatro di Busseto, dal 2004 al 2006
del Sociale di Mantova, dal 2007 al 2009 direttrice del
Teatro Carlo Felice di Genova, citt in cui ha presiedu-
to anche la 52 edizione del Premio Paganini, concor-
so internazionale di violino. Cristina Ferrari il primo
direttore artistico donna in Italia di una fondazione liri-
co sinfonica di livello nazionale e alla Bassa ancora
legata dalla recente nomina di presidente della Fon-
dazione Daniele Ponchiroli di Viadana. A Casalmag-
giore, tra le altre attivit, present la festa a per la
vittoria all'olimpiade di Gianluca Farina nel 1988. Con
lei, la Fondazione Teatri di Piacenza si augura di avvi-
cinare i giovani al mondo della musica lirica, una
missione gi affrontata con successo da Cristina Fer-
rari nelle precedenti esperienze artistiche.
ALLAGAMENTI NEL CIMITERO DI CASALMAGGIORE
Con le prime piogge insistite si verificato un proble-
ma inatteso al cimitero di Casalmaggiore. Le cappelle vi-
cine allingresso principale, oltre a buona parte del piaz-
zale antistante il cancello in ferro battuto, si sono infatti
allagate. C chi ha pensato subito ad un intasamento
della rete fognaria, in quanto i tombini non riuscivano pi
a risucchiare acqua. In realt il lavoro di spurgo non ha
migliorato la situazione, lasciando intendere che linter-
vento dovr essere effettuato molto pi a monte e pro-
blemi potrebbero risalire al rifacimento dell'incrocio per
Cappella. Il comune dovr verificare la situazione, onde
evitare altri allagamenti.
Casalmaggiore
Sabato 14 Novembre 2012
10
di Vanni Raineri e Simone Arrighi
nsensibili alle polemiche che imperver-
sano in Provincia sulluccisione della
nutria a Cremona da parte di un volon-
tario, mammiferi e roditori continuano
a fare il loro mestiere, che anche
quello di scavare. Se ne sono accorti a Torri-
cella del Pizzo, dove la pioggia battente delle
scorse ore ha evidenziato lopera messa in
atto da un animale, molto probabilmente un
tasso, al di sotto dello strato di asfalto stra-
dale. Fortunatamente, come si vede nelle
foto scattate ieri, larea interessata a pochi
metri dallargine maestro, riguardando la di-
scesa dallo stesso verso la localit Gerre. Il
dissesto ben visibile, ed ha costretto il Co-
mune ad intervenire segnalando agli auto-
mobilisti di passaggio larea asfaltata che in
parte si frantumata. In pratica avvenuto
che la pioggia si infiltrata nellampio varco
ed ha ammorbidito il terreno che lo sovrasta,
facendo di fatto crollare il soffitto del corrido-
io scavato dai tassi. Nello stesso punto i
cantonieri comunali erano gi intervenuti
tempo fa, ma il buco era di minori dimensio-
ni, e dopo il riempimento si pensava che il
peggio fosse passato. La famigliola di tassi
per non se ne data per inteso, ed torna-
ta per ripristinare il passaggio e la tana, anzi
per renderla ancor pi confortevole. Nelle
prossime ore, in vista anche del possibile ri-
schio legato alle esondazioni del vicino Po, si
dovr intervenire per tappare il buco in modo
definitivo: il foro gi stato riempito da sassi
dai cantonieri, nonostante ci il dissesto
ben visibile. Sta di fatto che i tassi saranno
costretti ad abbandonare il loro comodo
loft, sgradito allinsensibile essere umano.
Il tratto di argine maestro interessato posto
proprio a ridosso del centro abitato, il timore
che possano esistere altri varchi anche di
minori dimensioni (ma altrettanto pericolosi
se pur meno visibili) nelle vicinanze. Ecco
perch la situazione andr monitorata di pari
passo con la crescita del Po, legata alle piog-
ge degli ultimi giorni. La preoccupazione per
uneventuale piena sembra per essersi ridi-
mensionata: dopo limpennata idrometrica
fatta registrare fra domenica e luned, quan-
do il livello del Po cresciuto di quasi quattro
metri (si passati da -2 metri rispetto allo
zero idrometrico ad un +1,82 metri), la cre-
scita ha subito una netta frenata. Nelle prime
ore di ieri infatti il livello del fiume si prima
assestato (intorno ad 1,7 metri), per poi ini-
ziare lentamente a calare. Anche Coldiretti
continua a monitorare la situazione, che a
Pontelagoscuro, nel ferrarese, preoccupa di
pi rispetto a Casalmaggiore: il Po resta co-
munque al di sotto del livello di criticit 1
ed la stessa Aipo a rassicurare che non si
prevedono operazioni specifiche oltre alle
consuete attivit di controllo. In Emilia, tan-
to per non spostarsi molto dal casalasco, la
situazione ben diversa: c piena allerta sia
per il Parma, che a Colorno ha raggiunto un
livello di moderata criticit (ha superato i
sette metri), sia per lEnza, che al ponte di
Sorbolo ha raggiunto un livello di elevata
criticit. Lo stato di attenzione permarr per
tutta la giornata odierna.
I
L'argine dissestato e transennato verso Gerre
Gli animali scavano buchi nellargine di Torricella. Intanto il Po cala
Dopo le nutrie, ecco i tassi
AVIS PEDALE & DEVICENZI, CENA BENEFICA
VENERD DELLA POLITICA, BUONA LA SECONDA
Un bis che tutti vorrebbero diventasse consuetudine. Lepi-
logo della stagione ciclistica 2012 stato festeggiato sabato 10
novembre a Martignana di Po, con una cena in oratorio a fna-
lit benefca: il ricavato della serata verr devoluto al distacca-
mento CRA del reparto psichiatrico dell'Ospedale Oglio Po di
Vicomoscano. Commensali, gli sportivi dellAvis Pedale Casa-
lasco, accompagnati da amici e parenti, e latleta disabile An-
drea Devicenzi: Abbiamo ritagliato un momento durante la se-
rata per la proiezione di circa 130 fotografe che mostravano i
momenti pi importanti della mia stagione agonistica spie-
ga Devicenzi . Dai campionati italiani alle gare internaziona-
li, dai mondiali di Duathlon a quelli di Triathlon. Senza dimenti-
care le iniziative dell'Avis Pedale Casalasco: tre giorni in Valle
d'Aosta, altrettanti sul Gran Sasso, la Casalmaggiore-Madon-
na di Campiglio e la Casalmaggiore-Cesenatico. Un viaggio a
tappe fra i ricordi, insomma, reso gustoso dalle portate prepa-
rate dallo chef Leonardo Franco e dal suo staff. Nelle prossi-
me settimane Devicenzi e i rappresentanti dell'Avis Pedale Ca-
salasco si recheranno presso il reparto CRA di Casalmaggiore
per la consegna della donazione: parola di Massimo Manto-
vani dellAvis Pedale Casalasco, che alla soddisfazione per la
convivialit della serata unisce il plauso al paratleta martigna-
nese (per tutta la sua forza e intraprendenza) e linvito ai soci
per lanno prossimo. Il sodalizio gi al lavoro per impostare
lattivit per lanno 2013: fra le mete, dopo Madonna di Campi-
glio e Cesenatico, potrebbe esserci la Versilia.
SAN GIOVANNI IN CROCE Partecipato anche il secondo
incontro dei Venerd della politica organizzato al teatro Ceci-
lia Gallerani di San Giovanni da Visioni Contemporanee e De-
mocratici nel mondo.
AAA La terra dei fumi. Agricoltura/Alimentazione/Acqua
era il titolo dellincontro. Il giornalista Marco Bazzani ha fatto da
moderatore agli interventi di Alessio Picarelli, dirigente dellAu-
torit di Bacino, Giuseppe Torchio, presidente del GAL Oglio
Po, e Francesco Stroppa, consigliere di Libera Associazione
Agricoltori (nell'ordine nella foto sotto).
Gli ultimi due sono stati chiamati in extremis in considerazio-
ne dellassenza di Antonio Piva, presidente di Libera.
Il vasto argomento ha preso inizio da un intervento di Strop-
pa sulla recente questione del prezzo del latte: una situazione
diffcile che vede in aumento i costi di produzione e in ribasso
il prezzo del latte alle stalle. Torchio ha poi parlato della rifor-
ma PAC, mentre Picarelli ha illustrato i compiti di pianifcazio-
ne dellAutorit di Bacino rispetto allAipo affrontando il proble-
ma della crisi idrica.
Il confronto ha poi toccato varie questioni, dallimpatto esa-
gerato del trasporto su gomma in Italia rispetto alle altre moda-
lit (rotaia e soprattutto acqua), con conseguente necessit di
regimare il Po, pur con le resistenze che esistono, sino allim-
portanza della bonifca del nostro territorio che ben giustifca la
spesa che ognuno di noi deve sobbarcarsi per sostenere latti-
vit dei consorzi.
Ennio Grassi parteciper alla popolare trasmissione televisiva di RaiUno La prova del cuoco
CASALMAGGI ORE La
scintilla scattata tre anni fa,
quando stato ospite tra il pub-
blico della popolare trasmissio-
ne di RaiUno La prova del cuo-
co, condotta da Antonella Cle-
rici. Anche se Ennio Grassi, ca-
salese doc, giura che la passio-
ne per la cucina cominciata
molto prima. Aiutavo mio pa-
dre Anacleto, detto Titano, a
fare da mangiare alle Feste
dellUnit o in campagna, e
spesso cucinavo risotti ai miei
amici dopo una serata al cine-
ma. S, la cucina sempre stato
un grande amore.
Tanto da spingere Ennio a
tentare la pazzia. A maggio mi
sono registrato per partecipare
al programma della Clerici co-
me concorrente. A inizio giu-
gno, mentre stavo intrapren-
dendo con lamico Gigi Ghezzi il
pellegrinaggio a Santiago, mi
arriva una telefonata da Roma:
ero convocato il 28 giugno per
un provino.
Il tempo di rientrare e passare
da Milano, per una decina di
minuti davanti alla telecamera.
Mi sono trovato a mio agio, ho
buttato l qualche battuta e con
piacere ho notato che uno dei
registi si era ricordato di me.
Lei gi stato qua, mi ha det-
to. E io: S, ma tra il pubblico.
Ora sono qui per lesame di lau-
rea. Che evidentemente ho
passato.
La mattina del luned appena
trascorso, infatti, Grassi riceve
una nuova telefonata. Stavolta
hanno ufficializzato la mia par-
tecipazione al gioco: sar a Ro-
ma dal 17 al 21 dicembre, la
settimana prima di Natale.
La prova del cuoco, per chi
non lo sapesse, organizza una
sfida di cinque giorni tra due
concorrenti, seguiti da chef ri-
nomati che cambiano ogni gior-
no. Chi partecipa ha a disposi-
zione 12 euro ogni puntata per
la spesa e con quelli deve riu-
scire a cucinare un paio di por-
tate, stabilite dallo chef. Chi
vince pi puntate al termine dei
cinque giorni e sopravvive al
giudizio dellesperta Paola Ri-
cas spiega Grassi porta a ca-
sa 5mila euro. E, se ha un pun-
teggio elevato, pu arrivare an-
che al gioco di fine stagione. Ma
lo spirito con cui affronter
lesperienza sar molto decou-
bertiniano: per me essere il pri-
mo casalese alla Prova del
cuoco gi una bella soddisfa-
zione.
Ennio rivela di voler fare visita
a Marco Parizzi, chef di Parma
ospite della trasmissione cos,
per avere qualche dritta. Inoltre
non nasconde di voler omag-
giare la sua casalesit in diretta
nazionale. Andr in trasmissio-
ne sotto Natale quindi, se mi
sar concesso, suggerir di cu-
cinare i piatti tipici della nostra
tradizione: a base di zucca o
cotechino. E magari chiss che
non ci scappi, come dolce, una
bella sbrisolona o una spuma di
torrone.
A giudicare da come snoc-
ciola idee culinarie, il casalese
Ennio Grassi non faticher a
trovarsi a suo agio davanti ai
fornelli di Mamma Rai.
G.G.
Un casalese doc cuciner dalla Clerici
Ennio Grassi
Bar Giulia angolo Conad Casalmaggiore
GR2 di Rivieri Gianfranco via Guerrazzi 4 Casalmaggiore
Fermata KM Polo Romani via Trento 20 Casalmaggiore
Via Pascoli via Giovanni Pascoli 28 Casalmaggiore
Sportime via E. Fermi 19 Casalmaggiore
Bar Barracuda via Martelli 2 Casalmaggiore
Portici del Municipio piazza Garibaldi Casalmaggiore
Bar Italia piazza Garibaldi Casalmaggiore
Farmacia Comunale piazza Garibaldi Casalmaggiore
Bar Tavola Calda Centro Commerc. Padano Casalmaggiore
Distrib. carburante ENI via Repubblica rotonda Diotti Casalmaggiore
Distr. carburante Ariete via Repubblica Vicobellignano
Rist. Pizz. Piccolo Paradiso via Molossi 47 Vicobellignano
Cartoleria via Dante Alighieri 9/B Vicobellignano
Alim. Tabacch. Tosi Remo via Canzio 100 Roncadello
Bar La Nuova Luna via Roma 7 Torricella del Pizzo
Portici del Comune piazza Italia Scandolara Ravara
Portici via Mazzini 3 Castelponzone
Caff Roma via Giuseppina 97 Solarolo Rainerio
Edic. Tabacch. Camozzi via Matteotti 113 San Giovanni in Croce
Edic. Tabacch. Lorenzini via Giuseppina 103 Cingia de' Botti
Bar Time Out via della libert 46/b Martignana di Po
Sido Caf via Bardellina Martignana di Po
Fermata KM piazza Comaschi Gussola
Tabaccheria Venturini via Roma 93 Gussola
Cartoleria Giamei via Nicol Tommaseo 101 Casalbellotto
Qui trovate la vostra copia gratuita de
apersi muovere nella
giungla della ricerca del
lavoro un grande van-
taggio che si aggiunge
alle proprie esperienze
e alle proprie competenze. Essere
preparati e avere una elevata pro-
fessionalit non sono condizioni
sufficienti, se non si sa come e do-
ve cercare. Presentiamo qui un
decalogo con i principali passi fal-
si da evitare e le mossevincenti per
fare buona impressione e fare in
modo che il proprio Curriculum
abbia un riscontro.
Compila un Curriculum mira-
to. Evita di essere uno dei tanti che
semplicemente spediscono una
mail allindirizzo compilando un
form. Studiati il sito e tutte le infor-
mazioni che trovi disponibili ri-
guardanti l'azienda, presentati e
anticipa linvio del Curriculum.
Senzaltro la tua candidatura parte
con una marcia in pi.
Tieni un Curriculum sempre
aggiornato, ma prima di inviarlo
personalizzalo. Dettaglia meglio
una certa esperienza o corso di
formazione, approfondisci i risul-
tati raggiungi in un certo ruolo, cita
o meno il titolo della tesi, a secon-
da del destinatario.
Controlla lindirizzo e mail
dal quale mandi il curriculum vi-
tae. Evita di utilizzare quella
dell'azienda per la quale attual-
mente lavori, ma anche una mail
personale con soprannomi e no-
mignoli: crea un indirizzo con un
indirizzo di posta elettronica sem-
plice, con nome e cognome.
Personalizza la mail. Non ri-
petere le stesse cose che dici nel
Curriculum, metti soprattutto in
rilievo motivazioni e aspettative,
con attenzione alla forma.
Cura la tua presenza in rete.
Vale per chi cerca un lavoro che
abbia a che fare con il web e la
comunicazione. La dotazione mi-
nima un sito con informazioni
che ti riguardano, curato e com-
pleto, possibilmente su un domi-
nio tuo, con nome e cognome.
Tieni un blog nel quale parli
delloggetto del tuo lavoro. Con-
trolla comunque su Google che
cosa esce tra i risultati cercando il
tuo nome e cognome: dovrebbe
essere esattamente quello che
vuoi che lazienda sappia di te.
Cura la tua presenza sui so-
cial network. Sfrutta i canali pro-
fessionali, per un profilo sempre
aggiornato.
Cura la tua rete di relazioni
prima che ti sia necessario
avere una rete di relazioni. In-
vesti tempo, partecipa attiva-
mente ai forum di settore, prendi
parte agli eventi e non isolarti.
Non smettere di aggiornarti.
Sfrutta ogni possibilit di forma-
zione che ti viene offerta. Se il
posto in cui lavori non ti permette
di aggiornarti e migliorare le tue
competenze e la tua formazione,
fallo nel tuo tempo libero.
Sottoscrivi un feed con le
offerte di lavoro. Se non di-
sponibile un aggiornamento au-
tomatico, visita periodicamente i
siti che di annunci o aziende che
ti interessano.
Abbi fiducia nelle tue capa-
cit e non avere paura di but-
tarti. La fiducia e lentusiasmo si
trasmettono e rendono tutto pi
facile.
S
Curare la rete di contatti e la propria presenza online per un'immagine professionale
Dieci consigli per chi cerca lavoro
Per le persone che re-
stano senza lavoro oltre i
cinquant'anni, le preoccu-
pazioni sono doppie: il ti-
more quello di partire
svantaggiati nella ricerca
in un periodo gi difficile.
Eppure, se la giovane et
pu in alcuni casi facilita-
re, non vanno dimenticati i pregi e i vantaggi di una profes-
sionalit gi sviluppata e di un notevole bagaglio di esperien-
ze lavorative. Se tra gli over cinquanta in cerca di lavoro
l'imprenditoria e il lavoro in proprio una soluzione percorsa
frequentemente, ci sono comunque altre strade che posso-
no facilitare nella ricerca di un lavoro. Un canale che non
sempre ci si ricorda di tenere sotto controllo quello di in-
ternet: bene tenere sotto controllo portali di Regioni e Pro-
vince, ma pure quelli dei sindacati, che possono riportare
offerte ma anche corsi di riqualificazione, per unire all'espe-
rienza anche una professionalit competitiva e al passo coi
tempi. Tra le risorse a disposizione non vanno dimenticati
neppure i programmi statali. Il programma Pari del ministero
del Lavoro rivolto ai lavoratori svantaggiati, definiti in base
a regolamenti comunitari e comprendenti anche lavoratori
over 45 e over 50 in situazioni di crisi. Viene proposto un
doppio canale di reinserimento possibile: la ricollocazione
oppure lautoimpiego, ossia la creazione di imprese proprie,
di piccole e medie dimensioni grazie ai sostegni previsti.
previsto un percorso formativo specifico e personalizzato
per il programma di reimpiego, mentre per lautoimpiego
viene fornito un aiuto per capire quanto limpresa sia realiz-
zabile in base a richieste del mercato e un supporto alla sua
progettazione. Oltre a Pari, esistono altri programmi varati
sia a livello nazionale che Regionale o Provinciale. Una volta
individuati gli annunci di lavoro ideali e che fanno al caso
proprio, meglio redigere un Curriculum Vitae e una lettera di
presentazione ad hoc, dopo aver raccolto qualche informa-
zione sull'azienda, proprio per fare in modo di corrisponde-
re al profilo richiesto e dimostrando di essere veramente
interessati alla posizione: l'invio di Curricola a pioggia po-
trebbe far pensare a una ricerca superficiale.
Opportunit per lavoratori di tutte le et
Lavoro
Mercoled 14 Novembre 2012
11
Un incontro di pochi minuti spesso
l'elemento decisivo per la conquista
dell'ambito posto di lavoro: per questo,
occorre fare attenzione e giocarsi bene
le proprie carte. L'ansia, l'agitazione, un
po' di giustificabile nervosismo possono
infatti giocare brutti scherzi, evitabili con
un po' di preparazione. Un primo passo
fondamentale, per fare una buona im-
pressione, quella di informarsi il pi
possibile riguardo l'azienda e la posizio-
ne per la quale ci si candida: si dar co-
s l'impressione di non essere in cerca di
un lavoro qualsiasi, ma di avere una for-
te motivazione che certamente dar un
impatto positivo nel selezionatore.
Ascoltare attentamente le domande del
selezionatore e prendersi qualche se-
condo per rispondere permetter di ri-
flettere sulle risposte e vincere l'agitazio-
ne, fornendo risposte mirate e precise.
Evitate di dilungarvi troppo ed attenetevi
alle domande, ma non tralasciate detta-
gli che potrebbero risultare importanti
per definire un quadro delle vostre pro-
fessionalit e competenze. Arrivare in
ritardo, non chiedere scusa per il ritardo,
non indossare abiti adeguati, masticare
chewing gum, puzzare di alcool o tabac-
co, non spegnere il telefono cellulare,
stringere la mano in modo
fiacco,mostrarrsi spazientiti durante l'at-
tesa sono tutti comportamenti da evita-
re, perch in pochi secondi daranno
un'impressione negativa che potrebbe
influire sul giudizio del selezionatore.
Colloquio di lavoro, gli errori da evitare per avere successo
12
IN OCCASIONE DELLA RASSEGNA, IL TRADIZIONALE MERCATO DEL SABATO TRASFERITO IN VIALE PO
In occasione della Festa del Tor-
rone, in programma questo fine
settimana, con ordinanza del sinda-
co sono state disposte le misure
straordinarie sotto elencate. Il mer-
cato bisettimanale di piazza Stradi-
vari e vie limitrofe e il mercato dei
fiori sabato 17 novembre 2012 si
effettueranno regolarmente ma in
viale Po, nel tratto compreso tra
piazza Cadorna e lincrocio via Se-
rio- Fulcheria. I banchi saranno di-
sposti, dove possibile, su due fron-
ti, mentre le attivit alimentari, nor-
malmente collocate in piazza
SantAntonio Maria Zaccaria, ver-
ranno sistemate in via della Cerami-
ca. Il trasferimento avverr in bloc-
chi di banchi, rispettando cos labi-
tuale assetto del mercato bisetti-
manale e per facilitare la collocazio-
ne degli stessi tenendo conto an-
che della sovrapposizione delle
occupazioni aeree. E' sospesa la
spunta, destinando gli eventuali
posteggi vacanti alla ottimizzazione
degli spazi; dovr essere rigorosa-
mente rispettato l'orario di chiusura
del mercato, fissato per le 13, cos
da consentire l'effettuazione delle
operazioni di pulizia da parte degli
addetti. Entro le 14 dovr avvenire
lo sgombero totale del posteggio
completamente libero da merci, at-
trezzature e veicoli. Per motivi di
ordine pubblico e di viabilit, dal 16
al 18 novembre 2012 vietato
lesercizio, su tutto il territorio co-
munale, del commercio su area
pubblica in forma itinerante. Nei
giorni della manifestazione i po-
steggi isolati per il commercio su
area pubblica potranno essere con-
cessi, solo se al di fuori del centro
cittadino, fatti salvi quelli eventual-
mente gi autorizzati, nellambito di
tale area, che restano confermati,
escluse le eventuali modifiche che
si rendessero necessarie nei singo-
li casi. Eventuali posteggi straordi-
nari nellarea della manifestazione
saranno autorizzati solo con il con-
senso degli organizzatori, asse-
gnandoli direttamente agli operato-
ri dagli stessi indicati, purch in
possesso dei necessari requisiti. In
concomitanza con lo svolgimento
della Festa del Torrone sospesa,
in linea di massima, leffettuazione
di spettacoli e trattenimenti allaper-
to sullarea della manifestazione, al
di fuori di quelli compresi nel relati-
vo programma, salvo eventuali de-
roghe per quelle iniziative che, a
giudizio dellAmministrazione co-
munale, risultino comunque com-
patibili. La sospensione non riguar-
da i trattenimenti in programma nei
locali al chiuso. Per prevenire e
contrastare fenomeni di abusivismo
sar attuata dalla Polizia Locale una
specifica attivit di vigilanza.
Mercoled 14 Novembre 2012
opo la musica e il
viaggio, quest'anno
sar la dolcezza il te-
ma centrale della Fe-
sta del Torrone, im-
mancabile appuntamento no-
vembrino dedicato alle speciali-
t dolciarie locali. Si punta a
bissare, se non a migliorare, i gi
straordinari numeri registrati
nellultima edizione: 120mila vi-
sitatori, 30 tonnellate di torrone
venduto, tantissime presenze di
turisti provenienti da ogni parte
d'Italia arrivati a Cremona in au-
to, pullman (250) e camper (600),
e centinaia di turisti stranieri. La
citt stata letteralmente presa
dassalto nei tre giorni della ker-
messe.
Dal 16 al 18 Novembre, quin-
di, Cremona torner a stuzzicare
la curiosit e la voglia di diverti-
mento di tutti i golosi e non solo.
Le strade e le piazze della citt
torneranno infatti a riempirsi di
spettacoli, ospiti illustri, eventi e
prelibate degustazioni in onore al
suo dolce tipico per eccellenza.
Le degustazioni e gli stand ga-
stronomici non saranno gli unici
elementi d'attrattiva per questa
variegata kermesse: molti sono
gli appuntamenti in programma
di grande interesse, pronti a ga-
rantire il divertimento di amanti
del torrone di tutte le et. Non
mancheranno nemmeno
quest'anno ospiti e personalit, a
partire da coloro che vantano ra-
dici cremonesi: creato nel 2008,
il prestigioso riconoscimento
"Torrone d'oro" intende valoriz-
zare le qualit ed il ruolo di chi
esprime il carattere del territorio
cremonese nella propria attivit
artistica, professionale e umana.
Dopo la bella Roberta Lan-
franchi, lattore GianMarco To-
gnazzi, la divina Carla Fracci e il
goleador Gianluca Vialli, anche
questanno il Torrone dOro
non deluder le aspettative ed
andr al famoso giornalista e
brillante scrittore Beppe Sever-
gnini, originario di Crema e quin-
di eccellenza del territorio cre-
monese. Ma l'elenco degli ospiti
non finisce qui: da Federico
Moccia a Frankie Hi NRG, molti
sono gli ospiti che non hanno sa-
puto resistere al fascino della
manifestazione. Imperdible an-
che il tradizionale corteo storico,
che prender il via sabato alle 16
da Palazzo Cittanova. Il S pi
famoso della storia di Cremona
ed il corteo che, secondo la leg-
genda, defin la nascita del dolce
simbolo della citt di Cremona, il
torrone. Era il 1430 e Bianca Ma-
ria Visconti aveva solo cinque
anni quando divenne ufficial-
mente la fidanzata del ventino-
venne cNel giorno prefissato la
sedicenne Bianca giunse nel
cuore di Cremona, per celebrare
le sue nozze, vestita di rosso
colore zodiacale dellariete e
cavalcando un cavallo bianco
con la gualdrappa doro. Sar
questo il momento che verr rie-
vocato con il fastoso corteo sto-
rico. Tra appuntamenti culinari e
culturali, la manifestazione si
protrarr fino a domenica.
Nella suggestiva cornice del-
la piazza del comune di Cremo-
na, nel tardo pomeriggio di do-
menica 18 novembre, lo spetta-
colo finale stupir tutti i presenti
con elementi ad alto effetto sce-
nografico, degna conclusione di
una manifestazione nata per stu-
pire e conquistare l'animo e il
palato. Una serata deccezione,
con un suggestivo e impegnati-
vo Evento di Coreografie dac-
qua e Fuoco, con il supporto di
una colonna sonora con testi e
musiche montate in studio per
loccasione.
D
Festa del Torrone, la storia si fa dolce
Spettacoli, incontri ed eventi animeranno il week end allinsegna del gusto
Festa del Torrone
numeri utili
COMUNE DI CREMONA
www.comune.cremona.it
Centralino: 0372-4071
Urp: 0372-407291
AMMINISTRAZIONE
PROVINCIALE
www.provincia.cremona.it
Centralino: 0372-4061
Urp: 0372-406233 -
PREFETTURA
Centralino: 0372-4881
CARABINIERI
Pronto intervento: 112
Centralino: 0372-5581
COMANDO FORESTALE
DELLO STATO
Centralino: 0372-410307
GUARDIA DI FINANZA
Pronto intervento: 117
Centralino: 0372-21576
Nucleo di polizia tributaria:
0372-28968
POLIZIA MUNICIPALE
Pronto intervento: 0372-454516
Centrale operativa: 0372-407427
POLIZIA STRADALE
Comando provinciale
Centralino: 0372-499511
QUESTURA
Pronto intervento: 113
Centralino: 0372-4881
VIGILI DEL FUOCO
Pronto intervento: 115
Centralino: 0372-4157511
PROCURA
Centralino: 0372-548233
OSPEDALE DI CREMONA
www.ospedale.cremona.it
Centralino: 0372-4051
Centro unificato
di prenotazione: 800 638 638
Emergenza sanitaria: 118
AZIENDA SANITARIA
LOCALE DI CREMONA
www.aslcremona.it
Centralino: 0372-4971
Urp: 0372-497215
Cremona
METEO
Previsioni meteo a cura di Dominique Citrigno per SPAZIOMETEO.com e Meteowebcam.it
Via San Rocco (dal ponte Cavo Cerca a
Via Diritta): cantiere per la ristrutturazione del-
la rete di distribuzione energia elettrica e illu-
minazione pubblica; (Fine lavori 30 novembre).
Via Navaroli (incrocio Via Arenili): cantie-
re per il rifacimento delle condotte fognaria,
acquedotto e gas metano; (Fine lavori 30 no-
vembre).
CREMONA
LEGGERI PAOLO GIUSEPPE
CORSO MATTEOTTI, 22
In appoggio fino alle 24.00
26100 Cremona
Tel. 0372-22210
ORARI DI APERTURA
Mattino: 08:30 - 12:30
Pomeriggio: 15:00 - 19:30
Giorno di chiusura settimanale:
SABATO POMERIGGIO
CREMONA - FARMACIA 10
A.F.M. DI CREMONA S.P.A.
VIA GHINAGLIA, 97
26100 Cremona
Tel. 0372-23534
ORARI DI APERTURA
Mattino: 08:30 - 12:30
Pomeriggio: 15:30 - 19:30
Giorno di chiusura settimanale:
SABATO
GADESCO P. DELMONA
CERIALI PIERLUIGI SNC
VIA BERLINGUER
c/o Centro Commerciale
Cremona Due
26030 Gadesco P. Delmona
Tel. 0372-838429
ORARI DI APERTURA
Mattino: 9:00 - 12:30
Luned: 15:00 - 19:40
Sabato: 09:00 - 19:40
Pomeriggio: 15:00 - 19:40
Giorno di chiusura settimanale:
LUNED MATTINA
SORESINA
SOLZI DI ANNIGONI
VIA GENALA, 72
26015 Soresina
Tel. 0374-342228
ORARI DI APERTURA
Mattino: 08:30 - 12:30
Pomeriggio: 15:30 - 19:30
Giorno di chiusura settimanale:
SABATO
SAN DANIELE PO
CASTELLINI LOANA
In appoggio fino alle 24.00
Via Marconi, 2
26046 San Daniele Po
Tel. 0372-65545
ORARI DI APERTURA
Mattino: 08:30 - 12:30
Pomeriggio: 15:00 - 19:00
Giorno di chiusura settimanale:
NO
Farmacie di turno dal 16 al 23 novembre 2012
Distretto di Cremona
numeri utili
COMUNE DI CASALMAGGIORE
www.comune.casalmaggiore.cr.it
Centralino: 0375 42668
AMMINISTRAZIONE
PROVINCIALE
Centralino: 0375-42233
CENTRO PER LIMPIEGO
Centralino: 0375-42213
CARABINIERI
Pronto intervento: 112
Centralino: 0375-284500
POLIZIA MUNICIPALE
Centralino: 0375-40540
POLIZIA STRADALE
Centralino: 0375-42288
GIUDICE DI PACE
Centralino: 0375-42273
OSPEDALE
Centralino: 0375-2811
Centro unico di prenotazioni:
800 638 638
Emergenza sanitaria: 118
MUSEO DIOTTI
www.museodiotti.it
Centralino: 0375-200416
MUSEO DEL BIjOU
Centralino: 0375-284423
TEATRO COMUNALE
www.teatrocasalmaggiore.it
Centralino: 0375-284434
DISTRETTO
SOCIO-SANITARIO
Direzione: 0375-284020
Distretto Veterinario:
0375-284029
Casalmaggiore
taccuino Mercoled 14 Novembre 2012
13
Via Monteverdi
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
9 Novembre 2012
Via Arata
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
30 Novembre 2012
Via Postumia
e via Tonani
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
30 Novembre 2012
Via san Rocco
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
30 Novembre 2012
Piazza Vida
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
16 Novembre 2012
Via dei Navaroli
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
14 Novembre 2012
Distretto di Casalmaggiore
CASALMAGGIORE
BONISOLI ALQUATI CLAUDIA
VIA CAVOUR, 28
26041 Casalmaggiore
Tel. 0375 42551
Orari di apertura
Mattino: 08:30 - 12:30
Pomeriggio: 15:30 - 19:30
Giorno di chiusura settimanale
SABATO
PIADENA
PRIORI LUIGIA
VIA LIBERT, 29
26034 Piadena
Tel. 0375 98146
Orari di apertura
Mattino: 08:30 - 12:30
Pomeriggio: 15:30 - 19:30
Giorno di chiusura settimanale
SABATO POMERIGGIO
Le farmacie di turno e
gli orari dei distretti
di Cremona
e Casalmaggiore
sono consultabili sul
sito internet:
www.aslcremona.it
Via Ossalengo
Lavori stradali
attuati per conto
di A.E.M. S.p.A.
Fine lavori:
30 Novembre 2012
Via Arata: cantiere per la ristrutturazione della rete
di distribuzione energia elettrica: (Fine lavori: 30 no-
vembre).
Piazza Vida: cantiere per il rifacimento dei sottoser-
vizi e della sede stradale; (Fine lavori: 16 novembre).
Via Postumia e via Tonani: cantiere per la ristruttura-
zione della rete di distribuzione energia elettrica; (Fine
lavori 30 novembre).
Via Navaroli (incrocio Via dei Clas-
sici): cantiere per il rifacimento delle
condotte fognaria, acquedotto e gas
metano; (Fine lavori: 14 novembre).
Via Ossalengo: cantiere per la ri-
strutturazione della rete di distribu-
zione energia elettrica; (Fine lavori 30
novembre).
Cremo, sar un venerd di fuoco
opo una settimana
di riposo, la Cre-
monese scalda i
motori in vista di un
derby tutto da vive-
re. Venerd sera, infatti, lantici-
po allo Zini con il Pavia un
altro banco di prova fondamen-
tale. Una gara difficile, nella
quale i girigiorossi saranno
chiamati a giocarsi tutte le carte
per mantenere da un lato lim-
battibilit casalinga e dallaltro
per ottenere quei tre punti che
ora mancano da troppo tempo.
Non si perso, vero, ma si
vinto davvero poco ed ora serve
far vedere che si pi freschi.
Mister Scienza ed i suoi hanno,
infatti, avuto tempo per rifiatare
e recuperare qualche pezzo
importante, primo fra tutti il gio-
iellino Buchel (al rientro dopo il
turno di squalifica), ma anche
Baiocco e Moi. Tutti e tre
dovrebbero far parte dellundici
titolare, che potrebbe essere
schierato secondo un 3-5-2 pi
coperto con due punte in avan-
ti, dove Bonvissuto potrebbe
essere il maggiore indiziato ad
affiancare Marotta in sostituzio-
ne di Beppe Le Noci, ancora
fermo ai box. Lalternativa sar
lo sgusciante Carlini, forse pi
adatto a cambiare i ritmi a parti-
ta in corsa. In panchina, Scienza
dovrebbe portare anche il rien-
trante Djuric, finalmente sulla
via del ritorno, mentre non sar
invece della gara Simone Sales,
squalificato. Da verificare le pre-
senza e lo stato fisico di Lorenzo
Degeri, che potrebbe essere
sacrificato dallundici titolare
alla luce degli impegni con la
rappresentativa giovanile di
categoria in Russia nellInterna-
tional Challenge Trophy.
Sul versante avversario il
grande atteso sar soprattutto
mister Giorgio Roselli, tecnico
che nessuno ha dimenticato in
citt dopo la doppia promozio-
ne ai tempi di Rispoli e
Prisciandaro (dalla C2 alla serie
B) e che dopo un lungo anoni-
mato, a Pavia sta ritrovando
soddisfazioni. La formazione
biancobl, non a caso, reduce
da un confortante pareggio
interno con il Lecce ammazza-
campionato che sembra aver
galvanizzato tutto lambiente
pavese, sebbene a livello di
formazione ci saranno parec-
chie defezioni (assenti sicuri
Ferrini, Redaelli, Scarpini e
Pompilio) e la squadra avr
nelle gambe ancora le fatiche
del big match di domenica
scorsa (o almeno lo sperano in
casa grigiorossa.
PROBABILE FORMAZIONE
(3-5-2): Alfonso; Tedeschi, Moi,
Cremonesi; Cangi, Baiocco, Pre-
vitali, Buchel, Armenise; Marotta,
Bonvissuto. All.: Beppe Scienza.
Matteo Volpi
D
Dopo il turno di riposo i grigiorossi sono obbligati a battere il pericoloso Pavia
Mercoled 14 Novembre 2012
14 SPORT
lo
PRIMA DIVISIONE
Carpi-Treviso 1-0
Como-Trapani 2-2
Lumezzane-Cuneo 1-2
Pavia-Lecce 2-2
Portogruaro-V. Entella 1-1
San Marino-Reggiana 4-0
SudTirol-FeralpiSal rinv.
Tritium-AlbinoLeffe 0-1
Riposa: Cremonese
Lecce* 26
Carpi 20
Virtus Entella 17
Portogruaro 15
Trapani 15
SudTirol* 15
Pavia 14
Como 14
San Marino 13
Cremonese (-1) 12
Cuneo 12
Feralpi Sal* 11
Lumezzane* 11
Reggiana 9
Tritium 4
AlbinoLeffe (-10) 3
Treviso (-1) 1
AlbinoLeffe-Lumezzane
Cremonese-Pavia
Cuneo-San Marino
FeralpiSal-Portogruaro
Reggiana-Tritium
Trapani-SudTirol
Treviso-Como
Virtus Entella-Carpi
Riposa: Lecce
Casalese, la zona playout a gi a sei lunghezze
(S.A.) A Casalmaggiore ci si appella sempre troppo alle
magagne arbitrali per sportare il tiro della critica. Anche
domenica, contro il Cadelbosco, il settimo rigore avverso
(discutibile) ha indirizzato il match: pareggiato da un altro
penalty, il quinto in favore dei biancocelesti, il match stato
poi buttato alle ortiche dalla Casalese, che subisce la terza
tripletta nemica stagionale (prima del reggiano Agoletti,
tocc a Picetti e Delfanti in territorio piacentino). Lultimo
posto maggiorino si aggrava: la squadra non ha dato segna-
li di miglioramento nellultima uscita ed in classifica la zona
playout dista sei lunghezze.
CLASSIFICA (11 GIORNATA) Castellana, Meletolese 25;
Arcetana 20; Montecchio 18; Castelnovese, Brescello,
Povigliese 17; Medesanese 15; Cadelbosco 14; Bobbiese,
Carignano, Ciano 13; Borgonovese, Falk, Langhiranese 12;
Fabbrico, Traversetolo 11; Casalese 5.
Nellanticipo in programma allo Zini arriva la squadra del grande ex Roselli, reduce dal pari con la corazzata Lecce
I due capitani prima della sfida di Como
(foto Ivano Frittoli)
PROMOZIONE
Altra vittoria per la Pergolettese
Con i gol di Amodeo e Martinelli, la Pergo-
lettese ha superato 2-0 lOlginatese.
13 GIORNATA Alzano Cene-Montichiari
2-1, Caravaggio-Pro Sesto 1-0, Darfo Boario-
Castellana 1-1, Fersina Perginese-Mezzoco-
rona rinv., Lecco-Seriate 2-1, Pergolettese-
Olginatese 2-0, Pontisola-Caronnese 3-4,
SantAngelo-Seregno 0-4, St. Georgen-Ma-
pellobonate 3-1, Voghera-Trento 4-1.
CLASSIFICA Caronnese 32; Pergolettese
30; Pontisola 27; Voghera 26; Olginatese 24;
Lecco (-3) 21; Caravaggio 19; Mapellobonate
17; Seriate, Pro Sesto 16; Seregno, Alzano
Cene 15; Montichiari 14; Darfo Boario (-1), St.
Georgen 13; Mezzocorona 12; Castellana 11;
SantAngelo 10; Fersina Perginese 9; Trento 7.
1
1


G
i
o
r
n
a
t
a
C
l
a
s
s
i
f
i
c
a
P
r
o
s
s
i
m
o

T
u
r
n
o
SERIE D
Serie B Le prime tre
continuano a volare
Non si arresta la marcia delle prime tre in classifica e ora
il Livorno ha ben 8 punti di vantaggio sulla quarta. La strada
ancora lunga, ma il rischio che vi siano tre promozioni
senza la disputa dei playoff cosa concreta. In tal senso, la
sfida del Sassuolo domenica Brescia sar gi significativa.
14 GIORNATA Ascoli-Livorno 1-4, Bari-Reggina 0-1,
Cesena-Brescia 1-3, Cittadella-Vicenza 2-2, Crotone-
Empoli 3-2, Grosseto-Spezia 1-1, Juve Stabia-Lanciano
2-1, Pro Vercelli-Modena 1-2, Sassuolo-Novara 2-0,
Ternana-Verona 0-2, Varese-Padova 3-0.
CLASSIFICA Sassuolo 34; Verona 31; Livorno 29;
Modena (-2), Brescia, Juve Stabia, Cittadella 21; Varese
(-1) 20; Padova (-2), Spezia 19; Ternana 16; Ascoli (-1),
Empoli (-1) 15; Crotone (-2) 14; Reggina (-3), Vicenza,
Cesena 13; Bari (-7), Lanciano 12; Pro Vercelli 11; Novara
(-4) 10; Grosseto (-6) 7.
Panchina che perde non si cambia. Complice forse la
crisi economica, che consiglia di limitare le spese oppure le
dirigenze preferiscono difendere le proprie scelte, sta di
fatto che Allegri e Ferrara restano al proprio posto malgrado
un ruolino di marcia delle rispettive squadre davvero delu-
dente. Del resto, se il Milan a 17 punti dalla capolista, non
sar tutta colpa dellallenatore, altrimenti avrebbe da tempo
ricevuto il ben servito. Ho forse pi responsabilit Ciro
Ferrara, ma pur vero che la Samp ha una rosa modesta,
che deve lottare duramente per la salvezza. In vetta la Juve
si ripresa il vantaggio perso contro lInter, battuta a
Bergamo da una super Atalanta. Per i nerazzurri di
Stramaccioni non certo una bocciatura, ma per dar fasti-
dio ai bianconeri, servirebbe almeno unalternativa in attac-
co, che al momento non c. Francamente, la sensazione
che la vera lotta sar tra Inter e Napoli per lambito secondo
posto, al quale strizza locchio unincredibile Fiorentina,
capace di vincere a Milano anche senza Jovetic.
Lesplosione dei viola merito soprattutto di Montella, la cui
incidenza sui destini di una squadra superiore alla media
degli allenatori. La stesso cosa non riesce a Zeman con la
Roma, ma forse questo insuccesso non tutta colpa sua.
12 GIORNATA Atalanta-Inter 3-1, Cagliari-Catania 0-0,
Chievo-Udinese 2-2, Genoa-Napoli 2-4, Lazio-Roma 3-2,
Milan-Fiorentina 1-3, Palermo-Sampdoria 2-0, Pescara-
Juventus 1-6, Parma-Siena 0-0, Torino-Bologna 1-0.
CLASSIFICA Juventus 31; Inter 27; Napoli 26;
Fiorentina 24; Lazio 22; Atalanta (-2) 18; Roma 17;
Catania, Parma 16; Udinese, Cagliari 15; Torino, Milan 14;
Palermo, Chievo Pescara (-1) 11; Sampdoria (-1) 10;
Genoa 9; Bologna 8; Siena (-6) 7.
Fabio Varesi
I viola sono la pi bella sorpresa della stagione, il Milan la delusione pi cocente
La Fiorentina un capolavoro di Montella
SERIE A
Vincenzo Montella
a cura di Fabio Varesi
ndubbiamente vincere a
Cant, al momento appare
fuori portata per una Vanoli
ancora alla ricerca di una
sua precisa identit.
Ma c modo e modo di perdere
e quando incassi in passivo 27
punti, difficile far finta di nien-
te. E normale che coach Caja si
sia presentato rabbuiato alla
conferenza del dopo partita:
Non c molto da dire e poco
da commentare su una partita
tra due squadre di categoria
diversa e si visto sul campo.
Se poi Cant in giornata di
grazia e segna canestri difficili
negli ultimi secondi dellazione,
malgrado un buon lavoro difen-
sivo della nostra squadra, lesi-
to del match scontato. Questa
la squadra pi forte contro cui
abbiamo giocato fin ora, nessun
avversario si mostrato cos
aggressivo e competitivo.
Insomma, la squadra di Trin-
chieri al momento di un altro
pianeta cestistico, ma la Vanoli
non pu pensare di vincere le
partite, tirando con il 39% da
due e il 24% da tre. Speriamo
che si sia trattato di una giorna-
ta storta, perch il campionato
molto competitivo e anche se
una sola squadra retroceder in
Legadue, il traguardo della sal-
vezza non certo facile da rag-
giungere. Con-soliamoci con la
crescita di Peric, elemento di
valore che potr sicuramente
dare una mano alla squadra,
che per deve pretendere di pi
da Huff, Johnson e soprattutto
da Luca Vitali.
Il calendario in questo perio-
do non aiuta certo i biancoblu,
che dopo Roma e Cant, sono
attesi dalla corazzata Milano,
squadra in evidente difficolt,
ma dal tasso tecnico nettamen-
te superiore al roster di Caja e
che pu esplodere da un
momento allaltro.
La speranza che lOlimpia
si confermi in ambasce anche al
PalaRadi luned sera, ma per
giocarsela sino in fondo, la
Vanoli dovr sfoderare una
grande determinazione e tirare
con percentuali per lo meno
accettabili. Quanto accaduto
la scorsa stagione deve dare
coraggio ai cremonesi, quando
furono capaci di mettere al tap-
peto lOlimopia Milano con un a
grande finale di match. Due
punti sarebbero una manna del
cielo per la classifica, ma anche
per il morale.
dalla redazione
I
Contro Milano servir unaltra Vanoli
Nulla da fare anche nella settima giornata del campionato di
A2. LAssi Manzi ha ceduto 55-38 sul parquet di Broni e questa
volta non sono stati gli errori di inesperienza a decidere la gara,
come successo contro Marghera una settimana fa, ma proble-
mi in fase offensiva, con un secondo tempo da soli 9 punti
segnati. Le avversarie guidate dal nuovo coach Piatti, hanno
chiuso il match in apertura di terzo quarto, con un 8-0 dal quale
Brusadin & C. non sono pi state in grado di rialzarsi. Difficile
vincere tirando con il 21%, nonostante il buon primo tempo e
la buona intensit difensiva delle biancorosse. Senza Bona, out
per un problema alla caviglia procuratosi venerdi in allenamen-
to e con Maffenini ancora dolorante al ginocchio, per le cremo-
nesi il sipario calato troppo presto.
Amaro il commento di coach Anilonti: Siamo rimasti in par-
tita fino allintervallo, ma al rientro al primo parziale subto, non
ci siamo pi ripresi, lasciandoci trascinare dallandamento
della partita. Abbiamo recuperato pi palloni di loro, limitando
a 22 le palle perse, ma sbagliando tanti buoni tiri aperti.
Segnando 38 punti non possiamo pensare di vincere.
Se Cremona arranca nelle parti basse della classifica, la Tec-
Mar Crema va a golfie vele, tanto da raggiungere il quarto
posto in graduatoria.
Nellultimo turno le azzurre hanno espugnato con autorit il
parquet di Udine, vincendo nettamente per 77-57. Ottima la
prova di squadra della cremasche, soprattutto di Caccialanza
(18 punti a referto) e di Picotti (15).
CLASSIFICA (7 giornata) San Martino di Lupari 14; Milano,
Venezia 12; Tec-Mar Crema, Marghera 10; Alghero 8; Udine,
Broni, Muggia, San Salvatore 6; Valmadrera 4; Assi Manzi Cre-
mona, Biassono 2, Virtus Cagliari 0.
Assi Manzi ancora sconfitta
Tec-Mar Crema a gonfie vele
SERIE A2
Nulla da fare per una volenterosa MGK Vis,
battuta 84-64, dal Montichiari, una delle formazio-
ni pi accreditate per il passaggio di categoria.
Buona prova del capitano piadenese Leo
Moscatelli, miglior marcatore dellincontro con 22
punti, che non sono per bastati per arginare lo
strapotere dei bresciani. Del resto, non sono que-
sti i match alla portata di Piadena, che nel prossi-
mo turno prover a rifarsi nel derby con lEroga-
smet Crema che si annuncia caldo.
MGK VIS PIADENA: Pesenti 2, Bossini 14, Teghini
10, Marenzi 4, Moscatelli 22, Portesani 8, Lottici 2,
Neviani 2. Toninelli e Lamponi ne. All.: Pedroni.
I cremaschi, infatti, a sorpresa sono stati battu-
ti sul parquet amico dallOrzinuovi (82-93), incas-
sando cos la prima sconfitta stagione. Un inci-
dente di percorso che ci pu stare, che d comun-
que fastidio, visto che sulla carta i bresciani
apparivano inferiori ai cremaschi, ma che hanno
sfoderato sul parquet una prestazione quasi per-
fetta. Con questa sconfitta, lErogasmet Crema
stata raggiunta da quattro squadre in vetta alla
classifica (a quota 8 punti), a conferma dellequili-
brio che regna nel girone.
EROGASMET CREMA: Denti 22, Bianchi A. 25,
Ferri 13, Galletta 3, Airini ne, Anzivino 15, Dedda,
Cardellini 2, Bianchi C. 2, Fontana. All.: Galli.
CLASSIFICA (5 giornata) Crema, Pisogne,
Cant, Montichiari, San Bonifacio 8; Lissone,
Bernareggio 6; Orzinuovi, Bergamo, Milanotre
Basiglio, Piadena 4; Bancole, 2; Cittadella,
Arzignano 0.
DNC
Vittoria convincente per il Rugby Cremona, che
travolgendo 50-14 il modesto Lodi, ha vendicato
il ko patito a Desenzano. Un successo per gua-
stato dal grave infortunio patito da Gerevini, che
si fratturato una tabia dopo poche battute di
gioco. Un successo importante, che permette ai
grigiorossi di allontanarsi dalle parti basse della
classifica. Ha riposato, invece il Crema Rugby,
che torner in campo il 25 novembre contro i
Caimani (dominatori del girone), mentre Cremona
ospiter lOrobic Rugby Club.
CLASSIFICA (5 giornata) Caimani 25;
Crema 12; Desenzano 10; Cremona, Bassa
Bresciana 5; Orobic Rugby Club 1; Lodi 0;
Marco Polo, Codogno -1.
Sorride anche il Rugby Casalmag-giore, che ha
colto con il Valcuvia il quarto successo di fila, (43-
9) che permette alla formazione casalasca di
issarsi al secondo posto in classifica, dietro la
capolista Cernusco.
CLASSIFICA (5 giornata) Cernusco 19;
Casalmaggiore, Elephant 17; Asola 11; Asr Milano,
Cus MIlano 9; Valcuvia 7; Valtellina 5; Gussago 0;
Dalmine -3.
CICLISMO Il Comitato organizzatore del pre-
mio Spaseta ha fissato per oggi pomeriggio
alle 18, presso la sede di via Milano 34 a
Cremona, la presentazione della 34 edizione di
quello che ormai diventato il classico appunta-
mento ciclistica di fine stagione.
Turno felice per Cremona e Casalmaggiore
RUGBY
Sport
Mercoled 14 Novembre 2012
15
(18-16, 46-33; 66-42)
CHEBOLLETTA CANTU: Ku-
dlacek 6 (2/3, 0/2), Abass,
Scekic ne, Markoishvili 8
(4/6, 0/2), Leunen 8 (2/2, 0/1),
Mazzarino 9 (0/1, 3/4), Casel-
la 2 (0/1 da tre), Brooks (3/3,
3/3), Tyus 5 (2/4 da due),
Tabu 14 (4/7, 1/3), Aradori
13 (5/7, 1/2), Cusin 6 (3/4 da
due). All.: Trinchieri.
VANOLI CREMONA: Vitali
9 (2/5, 1/1), Peric 11 (5/7,
0/2), Kotti (0/1 da due), Jack-
son 12 (0/5, 2/6), Belloni ne,
Conti ne, Ruini 3 (1/1 da tre),
Johnson 2 (1/4, 0/2), Harris
17 (7/17, 1/4), Huff 2 (1/3,
0/1), Stipanovic 4 (2/4 da
due). All.: Caja.
ARBITRI: Sahin, Vicino e Ra-
milli.
CANTU- VANOLI 87-60
Biella-Varese 60-77
Brindisi-Pesaro 72-55
Cant-Cremona 87-60
Caserta-Bologna 65-56
Milano-Venezia 100-105
Monteg.-Reggio E. 80-94
Roma-Siena 70-81
Sassari-Avellino 102-81
Varese 14
Sassari 12
Cant 10
Siena 10
Roma 8
Bologna 8
Reggio Emilia 8
Venezia 6
Milano 6
Brindisi 6
Caserta 6
Cremona 4
Montegranaro 4
Pesaro 4
Avellino 4
Biella 2
7


G
i
o
r
n
a
t
a
C
l
a
s
s
i
f
i
c
a
Harris a canestro
(foto Castellani)
Sabato lepilogo del trofeo Gianpietro Berlonghi
Dopo ben tre settimane di batterie, sabato
in programma la fase finale del trofeo
Gianpietro Berlonghi, gara individuale (con
due finali separate!) organizzata dalla boccio-
fila Tranquillo. A questa tradizionale manife-
stazione regionale, giunta ormai alla sua
sedicesima edizione, hanno partecipato ben
251 giocatori, senza dubbio un numero con-
siderevole che ha ripagato gli ampi sforzi
degli organizzatori soresinesi. Conferme e
sorprese nella categoria A con note positive,
tra gli altri, per Ghisolfi, Cremaschi, Roberto
Visconti, Scandelli, Barcellesi ed il beniamino
di casa Gennari, mentre in categoria B in
evidenza il giovane Mattia Visconti, Di Marco,
Stringhini, Trezzi, Sacchini e Bobo Pedretti.
Infine, nella categoria C da registrare i suc-
cessi di Brocchieri, Cavagnoli, Fattebene,
Fornasari, Franzini, Ghilardi, Perini, Taravella,
Varesi e Visioli. Le finali, sotto la direzione di
Giuseppe Mosconi, inizieranno alle ore 17
con i vari recuperi che si giocheranno al boc-
ciodromo Amica di Mirabello Ciria e sulle
corsie dellimpianto di Soresina, dove ci sar
lepilogo di questa seconda gara del calen-
dario invernale cremonese.
Massimo Malfatto
BOCCE
Crema e Piadena, doppio ko bresciano
CANOTTAGGIO
Nello scorso week end, Torino ha
ospitato la 21 edizione del Silver
Skiff, regata internazionale riservata
alla specialit del singolo, sulla
distanza di 11 chilometri, organizzata
dalla Reale Societ Canottieri Cerea,
preceduta dalla Kinder Skiff, gara
riservata alle categorie giovanili, sulla
distanza di 4 chilometri.
Complessivamente sono stati circa
700 i partecipanti alla manifestazione
piemontese, un appuntamento di pre-
stigio per le gare di fondo, alla quale
hanno partecipato atleti provenienti
da tutto il mondo. Uno spettacolo
stupendo, lungo il fiume Po, su un
percorso che si snoda da Torino fino
a Moncalieri e ritorno, in uno scenario
bellissimo, colorato dautunno, con
larrivo posizionato di fronte al parco
del Valentino. Una gara bellissima
nella quale gli atleti cremonesi si sono
sempre ben comportanti, ottenendo
ottimi risultati: a cominciare dallotta-
vo posto assoluto, conquistato nel
2003 da Alessandro Lodigiani della
Baldesio. Per proseguire nel 2008
quando Valentina Rodini (Bissolati)
vinse la categoria Allievi C. Lanno
successivo ancora Bissolati sugli
allori con Valentina Rodini che vinse
la categoria Cadetti e Carlotta
Tamburini sal sul podio (terzo posto)
nella categoria Allievi C. Il 2010 fu
lanno della Baldesio che conquist il
primo e secondo nella categoria
Junior con Edoardo Margheri e
Michele Manzoli. Nella stessa edi-
zione Valentina Rodini giunse terza
nella propria categoria. E veniamo
alledizione 2012 nella quale i nostri
atleti si sono ben comportanti, con
Andrea Cattaneo (Bissolati) che
vince la Kinder skiff, con il tempo di
18449. Nella Silver Skiff di grande
valore il quinto posto di Michele
Manzoli nella classifica generale, che
conquista cos la medaglia dargento
nella categoria Under 23. Medaglia
dargento anche per Valentina Rodini
nella categoria Junior femminile. Da
segnalare anche il sesto posto di
Marco Chiodelli nellUnder23 e il
quarto posto ad un passo dal podio
di Lorenzo Cortesi, categoria pesi
leggeri, anchegli della Baldesio.
Questi i risultati per gli atleti cremo-
nesi. Silver Skiff distanza 11 km
Under 23: 2) Manzoli (Baldesio), 6)
Chodelli (Baldesio), 16) Simone
Rodini (Bissolati). Pesi leggeri: 4)
Cortesi (Baldesio). Junior 15) Montaldi
(Baldesio), 17) Dessi (Baldesio), 19)
Lagutin (Baldesio), 30) Luca Cattaneo
(Bissolati), 36) Pedrazzani (Baldesio).
Junior femmine: 2) Valentina Rodini
(Bissolati).
Kinder Skiff distanza 4 Km. Cadetti:
1) Andrea Cattaneo (Bissolati), 13)
Marcello Caldonazzo (Baldesio), 27)
Jonas Vacchelli (Baldesio), 28) Pietro
Bonetta (Baldesio), 39) Paolo
Taveggia (Baldesio). Allievi C: 23)
Corrado Vitali (Baldesio), 29) Andrea
Ferrari (Baldesio), 32) Matteo
Mazzolini (Baldesio), 50) Marco
Brancaccio (Baldesio), 52)Lorenzo
Bonetta (Baldesio). Allievi B2: 10)
Lorenzo Turini (Bissolati), 23)Samuele
Mattarozzi (Baldesio). Allievi B1: 5)
Francesco Coppola, 6) Jacopo
Murabito, 8) Matteo Ferrari, 11)
Leonardo Poli, tutti della Baldesio.
Allievi C femminbile: 9) Miriam
Vacchelli (Baldesio). Allievi B1: 4)
Federica Cortesi (Baldesio).
D.T.
A Torino nelle regate internazionali di fondo sul podio anche Michele Manzoli e Valentina Rodini (argento)
Cant di un altro pianeta, ma la prestazione dei biancoblu stata molto lacunosa, soprattutto al tiro LEGA A
Scandelli Visconti
Andrea Cattaneo vince la Kinder Skiff
Andrea Cattaneo
(foto C. Cecchin)
a Pom Casalmaggiore
uscita sconfitta al tie break
((18-25, 25-23, 22-25,
25-22, 15-10 i parziali) dal
match clou con la Siamo
Energia Ornavasso e deve frenare,
almeno parzialmente, la propria risa-
lita in classifica. E limmagine di una
formazione casalasca battagliera
quella che possibile ricavare dal
sesto turno di andata, ma incapace di
sfruttare la situazione di un prezioso
vantaggio nel computo dei set. Per
contro la squadra piemontese si con-
ferma matricola terribile del torneo di
A2 e legittima a pieno titolo la presti-
giosa posizione in graduatoria (ora
seconda). Sapevamo sarebbe stata
una battaglia commenta il direttore
generale della Pom, Giovanni Ghini
- e la partita non ha tradito le attese.
Bene noi nel primo set, nel quale non
abbiamo concesso ad Ornavas-so la
possibilit di rientrare in corsa, male
nel secondo quando viceversa non
abbiamo saputo abbozzare una vali-
da reazione alla fuga delle avversarie,
probabilmente archiviando questo
parziale a nostro favore la partita
avrebbe preso tuttaltra piega. La
gara per tornata nuovamente nelle
vostre mani dal terzo set: E questo
il rammarico maggiore perch essere
tornati padroni del match, avrebbe
dovuto indurci a chiudere anzitempo
al quarto parziale che ci ha visto
sempre in corsa arrivare alla volata
decisiva un po in affanno. Concorda
con questa analisi lallenatore
Gianfranco Milano: E stata la batta-
glia che ci aspettavamo, noi probabil-
mente abbiamo sofferto quelle che
sono le caratteristiche delle piemon-
tesi, la grande vena difensiva e le
rigiocate che viceversa ci hanno visto
pi volte in affanno. Riferendoci
allandamento della gara, direi un
ottimo primo set, un secondo parzia-
le contraddistinto da cinque minuti di
follia, che hanno compromesso il
punteggio e ai quali non abbiamo
saputo porre rimedio e poi di nuovo
un crescendo nel terzo. Peccato per
il punto a punto del quarto set, quan-
do probabilmente si fatta sentire la
giornata poco felice di alcune nostre
attaccanti, abbiamo perso in tranquil-
lit ed Ornavasso ne ha approfittato.
emplice incidente di percorso?
Reputo il punto ottenuto sul campo
di Verbania un buon risultato, abbia-
mo frenato la corsa della seconda in
classifica e rimaniamo nelle posizioni
di vertice, non penso saranno molte
le squadre in grado di venire ad espu-
gnare questo campo. E poi sono
certo che anche da questa sconfitta
sapremo trarre importanti insegna-
menti cos come era avvenuto dopo il
ko allesordio con San Casciano.
POM CASALMAGGIORE: Corna
3, Zago 7, Bacchi 19, Beier 17,
Repice 15, Olivotto 14, Givertini (L),
Guatell 5, ne Agrifoglio, DAmbros,
Nardini, Nasari. All.: Milano.
L
Anche se sconfitta al tie break contro lOrnavasso, Casalmaggiore ha confermato le proprie potenzialit
Pom, il punto comunque importante
Inattesa quanto pesante sconfitta della Reima
Crema a Brugherio per 3-0 (25-22, 25-23, 26-24). I
Diavoli Rosa fanno neri i blues e li mandano in piena
zona retrocessione. A memoria non si ricorda un
inizio cos difficile (nonostante le pesanti assenze di
Bigarelli e Silva) della storica formazione cremasca
che lanno prossimo festegger i quarantanni di
attivit sportiva. Sconfitta inattesa poich i milanesi,
formazione giovane e di grande potenzialit, era
stata superata nel torneo Revivre per ben due volte.
Linizio del campionato non poteva essere peg-
giore - fa sapere la dirigenza della Reima - dopo 5
gare il bilancio di 4 sconfitte (1 rimediata contro la
corazzata Cant al tie-break) ed una sola vittoria
contro Iglesias. Ma il dato preoccupante questo:
lontano dal PalaBertoni i blues di Verderio non
hanno vinto ancora un set. La squadra, pur decima-
ta dagli infortuni (Bonizzoni recuperato, ma non
ancora al top e per il rientro di Bigarelli e Silva si
dovr attendere ancora un paio di gare) comun-
que allaltezza degli avversari. Manca solo la consa-
pevolezza di poter battere chiunque, come sem-
pre nel volley. Bisogna ritrovare quella cattiveria
agonistica, quella grinta, quella predisposizione al
sacrificio che pu pemettere di compensare le diffi-
colt tecniche. Un messaggio chiero alla squadra,
che deve ora dare un segnale forte.
CLASSIFICA (5 giornata) Cant, Milano 13;
Bergamo 12; Genova 11; Cuneo, Asti 9; Olbia 7;
Brugherio, S. Antioco 6; Cagliari 5; Reima Crema,
Brescia 4; Cisano, Iglesias 3.
Prosegue il momento difficile
della Reima, ancora sconfitta
Domenica scorsa a Bolzano gli atleti
di Baldesio e Bissolati hanno preso
parte al 16 Swimmeting internazionale
di nuoto di Bolzano, organizzato come
sempre in modo splendido da Ssv
Bozen. Alla manifestazione, a cui hanno
partecipato campioni di grande livello
italiano, ma anche mondiale, come ad
esempio Fabio Scozzoli, Luca Marin,
Alessandro Terrin, Chiara Boggiatto e
Federico Bocchia. Per la Baldesio sono
scesi in acqua Camilla Villa, che ha
colto due grandi vittorie nella rana, sui
50 metri nuotati in 3399 e sui 100 metri
percorsi in 11288. I tempi confermano
un inizio di stagione promettente per la
ranista baldesina. Gi sui livelli dello
scorso anno Chiara Zanotti, che ha
colto il bronzo nei 100 metri dorso clas-
se 98 col tempo di 11014, ben figu-
rando anche nelle altre distanze cui ha
partecipato. Marco Zanetti, molto
bravo nella rana, ha stabilito i suoi per-
sonali nei 50 e 100 nella classe 98,
mentre Laura Silva non ha trovato il
podio per poco nei 100 dorso femmine
97. Hanno preso parte alla spedizione
anche Stefano Carotti (bravo nella
rana), Cristian Bonetti (che ha stabilito
il personale nei 50 e 100 stile libero),
Michele Borsella e Alan Chitt. Gi
vicino ai personali in questo inizio anno
Camillo Fedeli nei 100 crawl, Paola
Sanfelici nei 50 dorso e 100 dorso e
Andrea Cacciatori. Presente anche
Andrea Mombelli della Canottieri
Flora, che ha concluso i 50 delfino in
2876 e i 100 delfino in 10338, suo
personale. Bene anche la staffeta 4x50
mista maschile, piazzatasi 16 tra le
tante societ presenti, composta da
Fedeli a dorso, Zanetti a rana, Cacciatori
a delfino e Bonetti a stile. Per la Bissolti,
hanno colto risultati importanti Gianluca
Di Tano (primo nei 50 e 100 dorso anno
97, primo nei 100 farfalla e secondo nei
50), Miruna Pavel, terza nei 100 farfal-
la anno 98, Andrea Polenghi primo
nei 50 farfalla anno 2000 e Nicol
Turco terzo nei 100 farfalla anno 98.
Inoltre hanno notevolmente migliorato i
propri personali, raccogliendo i com-
plimenti per la propria da parte dei
tecnici Massimiliano Regonelli, Claudia
Massera e Martina Maraia: Michele
Azzoni, Emma Magni, Beatrice
Bocca, Lorenzo Amato, Bianca
Vigoni, Nicola Riboldi ed il capitano
della spedizione .
Gabriele Marca
NUOTO
CICLISMO
Assemblea ordinaria accesa e vibrante della
Federciclismo della Provincia di Cremona, orga-
nizzata nel tempio del Coni. Soprattutto stata
una delle pi grandi occasioni per parlare dei
problemi che assillano lambiente delle due
ruote. Motivo fondamentale stato quello di
ascoltare dalla voce del presidente Antonio
Pegoiani, la relazione morale e finanziaria, tanto
per avere un idea precisa di quello che stato e
sar il ciclismo provinciale e soprattutto quello
di recarci alle urne a eleggere il presidente e
consiglieri per il quadriennio olimpico. Pegoiani
non mai banale. Magari antipatico, forse pre-
suntuoso, sicuramente convinto di quello che fa
e di quello che dice. Pegoiani stato rieletto per
il secondo mandato allunanimit, fra gli applau-
si generali di coloro che tifavano per lui e sar
coadiuvato da quattro consiglieri: lex profes-
sionista Enrico Guadini, con la carica di vice
presidente, Eleonora Soldo, delegata ammini-
strativa e ai rapporti con gli organismi nazionali,
Alessandro Rossi, responsabile della categoria
Ggiovanissimi e Andrea Biondini, coordinatore
del settore mountain bike. Come detto, non
mai banale Pegoiani e va dritto al sodo: Anche
se non sembra, sono uno di voi e vi dico che il
prodotto ciclismo non va bene, manca lunit
dintenti e conflitti di potere tra provincia e la
sala dei bottoni della Federazione nazionale che
al momento sorvola e il confronto comincia a
farsi imbarazzante. E qualche conclusione
andr tratta. Tagliente, deciso, diretto, il presi-
dente Pegoiani calamita lattenzione dei delega-
ti delle societ, spinge lacceleratore come
Vettel alla partenza di un Gran Premio di F1,
dice: Difficolt ci sono dappertutto, comunque
il ciclismo qui, contiamo 900 tesserati, 25
societ affiliate alla Federciclismo e sul piano
organizzativo sono state 60 le gare in calendario
anche nel 2012. Tanti i punti cardini toccati
negli interventi, a cominciare dalle soppressioni
delle province, di una Italia alla deriva, alla
merc di una classe dirigenziale con il dna di
Pulcinella. La met delle nostre disgrazie le
costruiamo noi stessi con tenacia. Godiamo a
parlar male del prossimo e a litigare con lui,
egoisti e incapaci di coltivare buoni sentimenti e
di realizzare lunit nazionale.
Achille Cotrufo, presidente provinciale del
Coni, ha criticato il travagliato momento che sta
vivendo il nostro Paese sul taglio delle sedi pro-
vinciali dello sport. Altre critiche sono arrivate
con gli interventi di Daniele Maggi, vice presi-
dente del comitato lombardo della Fci e
Francesco Bernardelli, presidente del Comitato
lombardo della Fci, che senza remore ha detto:
La Lombardia si conferma regione guida, la
pi importante per volume di attivit dellintero
territorio nazionale, con un gran mole di lavoro.
Fortunato Chiodo
La Pom a muro
Grazie a una bella prestazione davanti
al pubblico amico, lIcos Crema ha con-
quistato 3 punti fondamentali per il suo
cammino verso la salvezza. La squadra
di Barbieri ha sofferto solo nel primo par-
ziale quando, complici alcuni cambia-
menti nel sestetto, non riescita a impor-
re il proprio gioco. Trovati gli aggiusta-
menti necessari, non ha poi lasciato
scampo alle bolognesi, cadute di fronte
ad una squadra pi compatta e aggressi-
va (22-25 25-15 25-19 25-20 i parziali).
Prive della Okaka, le violarosa hanno
ritrova Iuliana Nucu, alla fine eletta Mvp
dellincontro), ma sono costrette a perde-
re per almeno tre settimane la schiaccia-
trice finlandese Riikka Lehtonen, che
luned si sottoposta ad unoperazione
chirurgica al gomito. Riikka, tra le prota-
goniste della vittoria contro Bologna, non
ha comunque perso il buon umore: Non
vedo lora di tornare a giocare, mi dispia-
ce moltissimo non poter essere daiuto
alla squadra nelle prossime tre gare, visto
che sono partite importanti. Abbiamo
provato, con il dott. Lameri, a posticipare
loperazione il pi possibile, ma adesso
era da fare per evitare che la situazione
del mio gomito peggiorasse ulteriormen-
te. Ora penso alla riabilitazione.
4 GIORNATA Bergamo-Urbino 3-2,
Crema-Bologna 3-1, Giaveno-Modena
0-3, Pesaro-Busto Arsizio 3-0, Piacenza-
Chieri 3-0, Villa Cortese-Conegliano 0-3.
CLASSIFICA Piacenza 10; Cone-
gliano 9; Villa Cortese 8; Bergamo,
Modena, Busto Arsizio 7; Crema 6;
Chieri, Pesaro 5; Urbino 4; Giaveno 3.
Bologna 1.
LIcos batte Bologna ma perde la Lehtonen
SERIE A1
Cadelbosco-Fontanellato 3-0
Frosinone-Sala Consilina 3-0
Marsala-Novara 0-3
Mazzano-San Vito 3-0
Montichiari-Soverato 3-2
Ornavasso-Pom 3-2
Pavia-San Casciano 2-3

Novara 17
Ornavasso 15
Pom Casalmaggiore 13
San Casciano 12
Mazzano 11
Cadelbosco 10
Montichiari 10
Pavia 9
Frosinone 8
Soverato 7
Sala Consilina 7
Fontanellato 5
San Vito 2
Marsala 0
6


G
i
o
r
n
a
t
a
C
l
a
s
s
i
f
i
c
a
VOLLEY A2
Per Antonio Pegoiani non tutto da buttare
Interessante assemblea ordinaria del Comitato provinciale, che ha trattato i problemi che affliggono le due ruote
SERIE B1
Sport
Mercoled 14 Novembre 2012
16
Da sinistra: Pegoiani, Guadini, Soldo, Rossi e Biondini
Buoni risultati nel meeting di Bolzano
Gli atleti della Bissolati con Fabio Scozzoli
di Federica Ermete
l prossimo sabato 9 febbra-
io 2013 alle ore 21, i Pooh e
lEnsemble Symphony Or-
chestra saranno in concer-
to al Teatro Ponchielli con
Opera Seconda Tour, la
tourne attualmente in scena sui
palchi dei pi prestigiosi teatri
italiani. I biglietti per questo
evento sono gi in vendita sul
sito www.vivaticket.it e presso la
biglietteria del teatro. Roby Fac-
chinetti, Dodi Battaglia e Red
Canzian, con Danilo Ballo alle
tastiere e Phil Mer alla batteria,
propongono le grandi canzoni
della loro carriera, con uno spet-
tacolo imperdibile e davvero spe-
ciale, per la prima volta accom-
pagnati da unorchestra sinfoni-
ca: la Ensemble Symphony Or-
chestra diretta dal maestro Gia-
como Loprieno. Opera Secon-
da, il nuovo disco dei Pooh,
realizzato con la collaborazione
di unorchestra sinfonica di 67
elementi (formata da musicisti
dellOrchestra Sinfonica della Rai
di Torino, del Teatro Regio di To-
rino e delle migliori sinfoniche
dItalia), Danilo Ballo (che ha cu-
rato gli arrangiamenti) e Phil Mer
(alla batteria). Il disco contiene
anche un duetto con Claudio Ba-
glioni e un duetto con Mario
Biondi. Opera Seconda contie-
ne 11 brani della carriera dei Po-
oh, riarrangiati con lorchestra:
11 storie che compongono un
concept album, un film dalla
trama aperta, dove gli interpreti si
riincontrano e ad ognuno viene
data una seconda possibilit di
ribadire il proprio ruolo nella vita
raccontano Roby Facchinetti,
Dodi Battaglia e Red Canzian
una musica scritta ieri e riscritta
oggi, arricchita da nuove parti
inedite, pensate per meglio am-
bientare ogni racconto. Per il tito-
lo del disco continuano i Pooh
non potevamo non utilizzare la
parola opera, perch proprio
di questo che si tratta. E un pro-
getto veramente speciale, arti-
sticamente stimolante ma molto
complesso facile immaginare
quanto lavoro ci sia per inserire
una grande orchestra allinterno
di un suono cos definito e so-
lido come quello dei Pooh. Nel
1971 abbiamo pubblicato un di-
sco che si intitolava Opera Pri-
ma (il nostro primo album con la
Cgd), nel 2012 pubblichiamo
Opera Seconda.
I
LOpera Seconda dei mitici Pooh
raccontata al Teatro Ponchielli
Fino al 30 novembre il Crac (Centro ricerca arte contemporanea
- Liceo Artistico Statale Bruno Munari) ospita la mostra di Pietro
Diotti dal titolo Architratti, a cura di Dino Ferruzzi e Gianna Paola
Machiavelli. Sono tratti e ritratti le visioni delle architetture che
Pietro Diotti presenta in questa mostra dimmagini in bianco e nero.
Quello che si coglie lessenza in uno scatto, quasi un porre lat-
tenzione verso quei tratti pi profondi e significativi che vengo-
no colti in un solo particolare. Le suggestioni di appunti di viaggio
nelle capitali europee, nei piccoli paesi del sud della Francia o nelle
assolate citt del nostro sud, sono ritratte con il gusto dello scorcio;
la fotografia infatti non vuole mostrare la realt, ma lidea che se ne
ha. Diotti fotografa con la consapevolezza di non fornire un repor-
tage completo di un determinato edificio, anzi vero il contrario,
per intuirne il valore e lessenza di unarchitettura, fa ricorso allin-
determinazione, a una sorta dincompiutezza che deve permettere
allo spettatore di ricomporre mentalmente ci che non viene esibi-
to. Diotti si serve del mezzo fotografico per raccontare larchitettu-
ra in modo episodico. Osservandola per brani e non nel complesso
dellintera composizione, tende a restituirci un racconto dellinsie-
me attraverso i dettagli. Mettendo a fuoco sui particolari, si coglie
lesasperazione nei contrasti del bianco e del nero, laberrazione
delle linee di fuga, delle texture e dei materiali, di una geometria
compressa che ricerca un luogo aperto.
Architratti, al Crac
la mostra di Diotti
&
Cultura Spettacoli
Lagenzia Teatro del viale rende noto un cam-
biamento di data nellambito della programma-
zione della stagione teatrale Sifasera 2012-
2013. La data dello spettacolo Mr Forest Show,
in programma il 16 dicembre al Teatro Sociale di
Soresina, a causa di registrazioni televisive del
protagonista, viene spostata al 14 aprile 2013,
stesso luogo e stessa ora. I biglietti ed gli abbo-
namenti gi acquistati, resteranno validi senza la
necessit di modifiche.
Cambia data
lo spettacolo
di Mr Forest
I Pooh davanti
alla Symphony Orchestra
Concerto a febbraio con la Symphony Orchestra
Parte la rassegna Fumetti dietro le quinte!, orga-
nizzata da Fabio Canesi in collaborazione con lasso-
ciazione culturale Agor di Castelverde. Tre sono gli
appuntamenti in programma, di cui saranno protago-
nisti altrettanti autori della scena fumettistica naziona-
le. Si comincia gioved 15 novembre alla presenza di
Alfredo Castelli (nella foto), volto storico del fumetto
italiano, nonch inventore di serie straordinarie quali
Gli Aristocratici e Martin Mystre. La serie dincontri
proseguir marted 20 novembre con Moreno Burattini,
editor e sceneggiatore di una delle collane a fumetti
pi longeve del panorama editoriale italiano (Zagor) e
si concluder il 6 dicembre con Gianfranco Manfredi,
gi sceneggiatore di Dylan Dog, Nick Raider e Tex,
oltrech inventore di due mini-serie bonelliane: Volto
Nascosto e Shanghai Devil. Gli incontri, con inizio alle
21 presso la sede dellassociazione, saranno modera-
ti dallo stesso Canesi (lingresso libero).
Tre grandi fumettisti allAgor
Saranno ospiti Alfredo Castelli, Moreno Burattini e Gianfranco Manfredi
Fino al 25 novembre, nella
sala del Giardino di Palazzo
Trecchi aperta la mostra foto-
grafica pHoto, 45, scatti rea-
lizzati da autori diversamente
abili, facenti parte della
Fondazione Sospiro Onlus e
della Disabled Photographers
Society di Longfield (Regno
Unito). Liniziativa stata forte-
mente voluta da Roberto
Caccialanza, Giuseppe Bre-
sciani (presidente di Futura
Onlus e delegato provinciale
del Comitato Italiano Paralimpi-
co) e da Giovanni Ferrari. Le
immagini, di ottima qualit,
sono molto significative del
livello raggiunto dagli autori che
descrivono il mondo visto dai
propri occhi. La Disabled
Photographers Society da anni
propone concorsi e mostre,
mentre lesperienza della Fon-
dazione di Sospiro agli esordi.
Scatti dautore a palazzo Trecchi
Le foto in mostra sono stati realizzati da persone diversamente abili
di Martina Pugno
ar una serata dedicata al cantautorato
anni zero quella di sabato al Fillmore
Club, con la tappa del tour autunnale de
Il Cile (nella foto). Dopo aver calcato
durante lestate palchi importanti come
quello dellHeineken Jammin Festival e dellMtv
Day, il 17 novembre lartista aretino presenter in
concerto sul palco del locale di Cortemaggiore il
suo disco desordio Siamo Morti a Ventanni.
Lalbum uscito il 28 agosto per Universal Music
Italia e ha subito raggiunto la vetta della classifica
album di iTunes, confermando le attese e le
aspettative di pubblico e critica. Le avvisaglie
erano chiare gi dal primo singolo estratto, Ce-
mento Armato, che ha superato in poco tempo 1
milione di click su YouTube; un vero e proprio
successo per un artista fuori dal circuito dei talent
show che fa guadagnare a Il Cile lappellativo di
"golden boy" della nuova leva cantautorale.
Lorenzo Cilembrini, questo il suo vero nome,
un ragazzo aretino di 30 anni che si diviso, per
motivi di studio e di lavoro, tra Bologna e la sua
citt natale, alla quale rimane sempre molto lega-
to. Oggi si dedica completamente alla descrizione
delle sue impressioni su ci che sente e respira,
entra nel vivo delle sue emozioni, le denuda, le
osserva, le studia, le vive e le racconta. Scoperto
e prodotto da Fabrizio Barbacci (Negrita, Liga-
bue), Lorenzo ha collaborato alla scrittura di alcu-
ne canzoni di Dannato Vivere, il nuovo album
dei Negrita, tra i brani lindiscussa hit Brucer
Per te e ha aperto il loro recente tour invernale.
"Cemento Armato un brano che, pur trasu-
dando sofferenza, ci mette di fronte ad una foto-
grafia straordinaria della vita.
Parole che raccontano il suo vissuto persona-
le, le sue esperienze, che descrivono, con parole
audaci e metafore azzeccate, la difficolt del vive-
re e dellamare. Il singolo Cemento Armato ot-
tiene ogni giorno riscontri significativi: avanza ri-
gorosamente sia nellairplay che nella classifica di
vendita iTunes.
"Ho 30 anni, non ho partecipato ad alcun talent
show o reality eppure ce lho fatta lo stesso. Ho
fatto le cose alla vecchia maniera, con una lunga
gavetta piena di porte in faccia, ma piena di pas-
sione": questo il biglietto da visita di Lorenzo
Cilembrini - in arte Il Cile, forse la pi chiacchiera-
ta, amata e talentuosa promessa del cantautorato
italiano. I biglietti per assistere al concerto sono
disponibili in prevendita al costo di 12 euro pi
diritti, oppure 15 euro in cassa la sera dellevento.
Una nuova serie di date per i
Marlene Kuntz, protagonisti dello
show al Live Music Club di Trezzo
DAdda venerd sera a partire dalle
23.30, che per questa nuova tran-
che di concerti propongono sul pal-
co una nuova scaletta, secca e con-
cisa e mai cos inesorabilmente
rock. Sul palco con i Marlene Kuntz
anche Luca Saporiti aka Lagash
(basso) e Davide Arneodo (polistru-
mentista). Nel febbraio 2012 i Mar-
lene Kuntz si esibiscono per la pri-
ma al Festival di Sanremo presen-
tando il brano Canzone per un fi-
glio. Durante la serata dedicata ai
duetti sono affiancati da Patti Smith,
con la quale cantanoThe World
Became The World, versione ingle-
se di Impressioni di settembre.
Il 15 febbraio 2012 esce nei ne-
gozi Canzoni per un figlio, con-
cept album contenente 12 brani
appartenenti alla carriera artistica
della band completamente riarran-
giati e 2 brani inediti, uno dei quali
Canzone per un figlio. Dopo qual-
che concerto estivo nel corso del
quale i Marlene Kuntz hanno rispol-
verato la pi intensa vena rock, la
band ha deciso di dare ancora un
po di sveglia rock in questa prima
parte dellinverno, per poi optare,
con ogni probabilit, a una dimen-
sione inusitata in trio nella seconda
parte, ovvero nel 2013, tra una ses-
sione e laltra di creazione del disco
nuovo. I nostalgici e gli integralisti
potenzialmente incuriositi (genuini
o maliziosi che siano) ne approfitti-
no dunque, prima di scoprire quali
altre novit la band ha in serbo per
tutti i suoi fan nel corso del prossi-
mo anno e con la pubblicazione del
nuovo album.
Notte blues al Bloom
con il Roberto Ciotti Trio
S
Sabato sera sul palco del Fillmore Club la nuova voce del cantautorato anni zero
Il Cile presenta Siamo morti a ventanni
Marlene Kuntz in rock al Live Club
Il sabato sera allinsegna del blues
al Bloom di Mezzago: sul palco il Ro-
berto Ciotti trio. Roberto Ciotti percor-
re da 30 anni il mondo della musica,
dal blues pi classico degli inizi alle
colonne sonore (Marrakech Express,
Turn etc.. ) anni Ottanta, fino alle ulti-
me produzioni con il manifesto in cui il
sound si affinato e arricchito di sfu-
mature e arrangiamenti personali. La
musica di Ciotti come il vino, pi in-
vecchia pi buona: le canzoni di oggi
mantengono la fede e lo spirito degli
inizi stando al passo coi tempi e coin-
volgendo sia un pubblico di giovanis-
simi sia di adulti. La forza della sua
musica la memoria storica e la fre-
schezza compositiva.
Afterhour
Mercoled 14 Novembre 2012
18
MEZZAGO
Sabato sera al Babalula di Crema si balla al
ritmo delle pi grandi hit dagli anni Novanta ad
oggi, condite con una buona dose di rock e un
live show che animer il palco fino a tarda sera.
Non perdete tempo ed entrate nel mirabolante
Circus dei Power Angels: un Cabaret Burle-
sque di luci, suoni, coreografie, movimento,
dance, dance e ancora dance! Quattro musici-
sti (Nuccio Caf e Alessandro Bassani alle chi-
tarre, Stefano Scaranaro al basso, Ronnie Bat-
tizocco alla batteria) dallunderground metal e
una Diva Megadiva con qualcosa in pi (An-
dy) proveniente dal Pop becero e dalle danze
proibite si scontrano per caso, guidandovi in
due ore senza respiro, a perdifiato gi per rivisi-
tazioni rock di Lady Gaga, Britney Spears e
Katy Perry passando per la Techno anni 90, i
singoli e le hit pi ballate del mondo. Tutto que-
sto con ironia, un grosso impatto scenico,
cambi di costume, accessori, bizzarre lap dan-
ce e un ritmo incalzante. La serata proseguir
poi con il dj set di Juri dj e con dj Phil de Gruuv.
Levento a ingresso libero.
Storie di whisky andati
raccontate al Baciccia
Sul palco del Baciccia di Piacenza gioved
sera, Storie di whisky andati un gruppo
formato da cinque musicisti di solida esperien-
za. Lo swing ed il jazz, cos come i ritmi latini
ed il pop, si rincorrono, si prendono, si confon-
dono rimescolandosi tra di loro in un gioco ar-
monioso che si ripete continuamente in unat-
mosfera di emozione e di buon gusto. In que-
sto momento stanno proponendo un omaggio
alla musica del grande Sergio Caputo quale
approdo naturale dellanima musicale e degli
intendimenti artistici della band. Il concerto
avr inizio a partire dalle 22.
Per segnalarci eventi o concerti
scriveteci o inviateci un link allindirizzo
appuntamenti@ilpiccologiornale.it
PIACENZA
Power Angels al Babalula
CREMA
Due importanti ricercatori di
fenomeni paranormali cercano di
mettere in dubbio la reputazione
di un potente e misterioso sensi-
tivo non vedente, vecchia cono-
scenza di uno dei due. La dotto-
ressa Margaret Matheson (Si-
gourney Weaver) e il suo collabo-
ratore, Tom Buckley (Cillian Mur-
phy) sono i pi famosi investiga-
tori di fenomeni paranormali.
Scettici per professione, nel cor-
so della loro carriera hanno sma-
scherato decine di falsi lettori del
pensiero, di cacciatori di fanta-
smi e di guaritori. Ma quando il
leggendario sensitivo non veden-
te Simon Silver (Robert De Niro)
riappare dopo unassenza durata
oltre 30 anni, Matheson, sua im-
pavida avversaria di un tempo,
ha paura e consiglia a Buckley
per questa volta di farsi da parte.
Buckley invece non vuole tirarsi
indietro ed deciso a smasche-
rare Silver.
Dal regista di Buried, una nuova avvincente sfida
Regia: Rodrigo Corts
Durata: 113 minuti.
Cast: Robert De Niro,
Sigourney Weaver,
Cillian Murphy, Joely Richardson,
Craig Roberts, Toby Jones,
Elizabeth Olsen, Burn Gorman,
Leonardo Sbaraglia.
Genere: thriller.
CINEMA Programmazione settimanale
CREMONA
Spaziocinema Cremonapo
(0372-803674)
www.spaziocinema.info
Sky fall Viva lItalia
Red Lights
The Twilight Saga
Hotel Transylvania
Argo
Venuto al mondo
Chaplin (0372-453005)
Amour
PIEVE FISSIRAGA
Cinelandia
(0371-237012)
www.cinelandia.it
007 Skyfall
Argo Venuto al mondo
Hotel Transylvania
Red Lights
The Wedding Party
CREMA
Porta Nova (0373-218411)
www.multisalaportanova.it
Argo
The Twilight saga - parte 2
007 Skyfall
Hotel Transylvania
Argo
Venuto al mondo
La collina dei papaveri
CINEFORUM
Il matrimonio che vorrei
OVER 60
Venuto al mondo
Red Lights, thriller sul filo del paranormale
a settimana scorsa vi ho par-
lato dei difetti del vino que-
sta settimana vi parlo delle
malattie del vino che sono
causate da batteri e solo
la fioretta da lieviti. I batteri posso-
no essere aerobi e necessitano di
molto ossigeno per svilupparsi sulla
superficie del vino, e batteri anae-
robi che si sviluppano nella massa
del vino al riparo dallaria. I batteri
acetici responsabili di malattie come
lo Spunto o Acescenza appartengo-
no agli aerobi, mentre i batteri latti-
ci causa di malattie come lamaro, il
filante, il girato, lagrodolce apparten-
gono agli anaerobi. Mi rendo conto
che largomento di cui vi parlo non
di facile comprensione per i non
addetti ai lavori, ma il consumatore
quando acquista una bottiglia di vino
e questa si presenta in modo non
conforme difficilmente riesce a capi-
re ed individuare la malattia o la causa
del problema.
Cercher in poche righe di schematiz-
zare queste malattie che colpiscono il
nostro vino in alcuni casi in modo irre-
parabile.
Malattie da lieviti-LA FIORETTA
Questa malattia si presenta con
vini di bassa gradazione alcolica, sulla
superficie del vino si forma un velo
sottile grinzoso o rugoso e la limpi-
dezza del vino viene meno diventando
torbido. Al profumo prevale un odore
di svanito e ossidato, in bocca il vino
si presenta piatto o molle e debole. La
causa di tutto questo sono i lieviti che
aggrediscono lalcool trasformandolo
in acqua e anidride carbonica.
Malattie da batteri acetici-LO
SPUNTO O ACESCENZA
Il vino si presenta al colore velato
o torbido, il profumo un odore pun-
gente ed in bocca aspro. La causa
di tutto questo sono dei batteri che
di solito colpiscono vini di bassa gra-
dazione alcolica lasciati in recipienti
scolmi per troppo tempo o gi colpi-
ti dalla fioretta. I batteri attaccano lal-
cool e lo trasformano in acido aceti-
co ed acqua.
Malattie da batteri lattici- IL
GIRATO, AGRODOLCE, IL FILAN-
TE, LAMARO
Il vino colpito dal Girato si presen-
ta con un colore spento non limpi-
do o torbido, frizzante con un odore
pungente, in bocca molto sgradevole.
Questa malattia colpisce i vini bianchi
o rossi poveri di acidit, i batteri attac-
cano lacido tartarico e lo trasforma-
no in acido lattico ed acetico. LAmaro
colpisce i vini rossi datati poveri di aci-
dit fissa e di bassa gradazione alco-
lica. Il vino si presenta con un colo-
re aranciato o giallastro non limpido o
torbido, odore sgradevole e pungen-
te, in bocca aspro, amaro e pungente.
La causa di tutto questo sono i batte-
ri che colpiscono la glicerina e inne-
scano un processo di trasformazio-
ne formando acido lattico e acetico. Il
vino Filante si presenta non limpido o
torbido, presenta versato nel bicchie-
re una oleosit un filante, il profumo
inalterato, in bocca fiacco, debo-
le con sentori sgradevoli di rancido.
Questa situazione facilmente riscon-
trabile nel vino perch si presenta una
volta versato denso e con grassume e
filante come quando si versa dellolio
dalla bottiglia. Anche questa situazio-
ne causata da batteri. LAgro-dolce
nel vino si presenta con un colore non
limpido o torbido , con odori marcati
di frutta troppo matura ed in bocca
agro dolce. Questa malattia colpisce i
vini rossi giovani , con residui zucche-
rini o vini dolci. I batteri colpiscono gli
zuccheri il fruttosio che trasformano
in acido acetico e acido lattico. Sicu-
ramente avremo una certa difficol-
t nel riconoscere quale malattia pre-
senti il vino quando questo non nelle
condizioni normali, ma ricordatevi che
quando degustiamo un vino noi lo giu-
dichiamo come prima cosa dal colore
e dalla limpidezza e se questa non c
la bottiglia deve essere accantona-
ta. Se un vino che voi con molta cura
avete preparato per la degustazione
non limpido non procedete perch
sicuramente questo presenta un difet-
to o una malattia. Come vedete difetti
e malattie del vino gi allesame visivo
sono individuate, sicuramente anche
allolfatto ed al gusto troverete la cor-
rispondenza.
FRANCIACORTA DOCG SATEN
E ottenuto da uve Chardonnay in purezza. Dal vigneto Salem ad un altitudine di 220-240 metri sul livel-
lo del mare. Ha una gradazione alcoolica di 13 gradi ed prodotto dall azienda agricola Uberti di Erbusco
(BS). Il vino stato servito ad una temperatura di 8 gradi e la bottiglia stata aperta al momento. Il vino pre-
senta un colore giallo paglierino con riflessi verdolini , molto limpido. Presenta perlage molto fine e persi-
stente con numerose bollicine. Al profumo ben si percepiscono i lieviti, il profumo di crosta di pane, la mela,
la salvia, ed agrumi, si presenta intenso e persistente. Questo Saten rimasto 36 mesi al contatto con i lie-
viiti. In bocca secco intenso, giusta acidit, fresco morbido di giusto corpo, buona mineralit , persisten-
te. sicuramente un ottimo Saten di grande morbidezza ed equilibrio. pronta da bersi e ben si accompa-
gna conl risotti, pesce al forno, crostacei, formaggi stagionati. La guida gambero a questo vino gli assegna i
tre bicchieri. LAzienda Agricola Uberti sicuramente in Franciacorta una delle aziende pi rappresentative,
i suoi vini hanno ottenuto molti riconoscimenti dalle guide pi importanti. Buona degustazione
Considerata la gemma della nuova era, la Fluori-
te deve il suo nome alla presenza di Fluoruro di Calcio
nei suoi cristalli. Il suo colore estremamente variabile
e pu essere: viola, rosa, azzurro, verde, giallo, bruno,
trasparente. Gli ottaedri di questa gemma si presenta-
no sotto forma di due piramidi unite per la base, la cui
struttura richiama il grande potenziale energetico legato
a tale simbologia. Il suo nome deriva dalla parola lati-
na fluere, che significa fondere, perch veniva utiliz-
zata in metallurgia come fondente, ma deriva anche dai
minatori inglesi del Medio Evo che la chiamavano flo-
wer (fiore) di minerale per la sua bellezza. Dalla Fluori-
te deriva il nome del fluoro e del fenomeno della fluore-
scenza, scoperto nel 1824 da Moths, anche se pi tardi
si scopr si trattasse di fosforescenza. In diverse parti
del mondo era considerata la casa dell'arcobaleno,
per la presenza della mescolanza dei colori. Gli anti-
chi Greci la consideravano una pietra preziosa, gli Egizi
utilizzavano questa pietra per scolpire statue e scara-
bei, i Romani per la costruzione di splendidi vasi mul-
ticolori e oggetti ornamentali, i Cinesi hanno utilizzato
la Fluorite, per oltre trecento anni, per realizzare scul-
ture sacre. Per i popoli antichi la Fluorite incrementa-
va l'attitudine analitica, la memoria, l'attenzione, perfe-
zionando la cognizione della realt. Era inoltre conside-
rata la pietra della riflessione e della crescita spirituale.
A livello fisico una pietra benefica per i denti e per le
ossa. Importante il suo uso durante la crescita perch
aiuta lo sviluppo armonico del bambino, mentre utile
all'adulto per combattere la rigidit articolare e le pato-
logie ad esso collegate. Accresce l'assimilazione di cibi
e bevande e allevia le allergie di origine psicosomatica.
Produce un'azione antiinfiammatoria, stimola la rigene-
razione della pelle e delle mucose, in particolare dell'al-
bero respiratorio. A livello psicologico e mentale faci-
lita l'ingresso del proprio inconscio e aiuta a prendere
coscienza, in maniera graduale, delle emozioni repres-
se aiutando a rielaborarle e portando l'individuo ad una
buona stabilit emotiva. Aiuta la concentrazione e, se
viene usata la forma ottaedrica, ottima per la mente
razionale, poich aiuta l'ordine mentale. Grande pietra
per chi studia. A livello spirituale un guaritore eterico,
aiuta a sviluppare consapevolezza spirituale inducendo
a produrre ed affermare anche i concetti pi astratti ed
elevati. Esalta il desiderio di libert e di autonomia, ren-
dendo la persona consapevole di interferenze esterne
e aiutandolo a debellarle. Pietra eccellente per la medi-
tazione perch facilita la comunicazione interdimensio-
nale. In cristalloterapia viene utilizzata su tutti i chakra a
seconda del colore della pietra.
A proposito di...
Mercoled 14 Novembre 2012
19
Damiano Domenico Palumbo e
la sua famiglia si occupano di vino
da generazioni. Relatore e docente
in molti corsi dedicati al vino, for-
maggi, olio extravergine. Ha col-
laborato con diversi Istituti Alber-
ghieri sia Regionale che Statali. E
stato coordinatore responsabile di
Associazioni gastronomiche.
a cura di Damiano Domenico Palumbo
L
Le malattie del vino
di Ermanna Allevi,
naturopata,
master
in cristalloterapia,
AdiC Castelnuovo
Del Garda.
petitCHEF
Goulash con patate
Preparazione
Ingredienti
PER 4 PERSONE
500 gr di carne di manzo
250 gr di cipolle bianche
1 litro e 1/2 di brodo di carne
200 gr di patate
200 gr di passata di pomodoro
2 peperoni rossi
2 spicchi di aglio
1 cucchiaio di farina
1 bicchiere di vino rosso
olio (d'oliva)
sale, pepe
cumino, paprica dolce

Far rosolare la carne di manzo tagliata a


pezzetti piccoli, in una casseruola con un
filo d'olio.
Tagliare le cipolle e l'aglio a spicchi e farli
rosolare assieme alla carne.
Spolverizzare con la farina mescolando
bene il tutto.
Aggiungere il vino rosso e dopo che
evaporato coprire la carne con il brodo.
Aggiungere il sale, il pepe, la paprica
dolce e il cumino, e far cuocere per circa
40 minuti a fuoco lento.
Sbucciare e tagliare le patate a pezzi
grossi.
Sbucciare e tagliare i peperoni a lista-
relle.
Aggiungere le patate, i peperoni e la
passata di pomodoro alla carne e conti-
nuare a cuocere per altri 20 minuti.
Mescolare bene il tutto e servire caldo
Fluorite