Sei sulla pagina 1di 4

LETTERA ALLE FAMIGLIE

D E L L U N I T A P A S T O R A L E D I

CAPEZZANO P.re - MONTEGGIORI - S. LUCIA


Via Sarzanese 147 - Tel. 0584 914007 - 347 64 66 961 e-mail: parrocchia.capezzano@alice.it

Visitateci sul Sito Internet: chiesacapezzano.org

N 578

11 NOVEMRE 2012

XXXII SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO - LITURGIA DELLE ORE IV SETTIMANA

TUTTO QUELLO CHE AVEVA


Meravigliosi sono i racconti delle due vedove della Parola di questa domenica: testimonianze profonde e sincere di vera fede, vera carit, di autentica fiducia nel Signore. Sono capaci tale grandezza d'animo perch sono povere. I poveri sono capaci di miracoli di solidariet, di fraternit, di generosit. Davanti alla disgrazia che colpisce uno di loro, davanti alle difficolt di una famiglia che non sa pi dove sbattere la testa, davanti alla necessit di un ricovero urgente e a medicine costose, il poco che ognuno ha riesce a risolvere un problema che sembrava insolubile. Quando i ricchi facevano offerte consistenti per il tesoro del Tempio, si usava suonare la tromba per segnalare la loro generosit, per sottolineare il loro gesto. Ges non bada al suono pi o meno forte ma segnala con la sua parola un gesto che sarebbe passato inosservato. Forse perch Ges vede quello che sfugge agli occhi dei pi: la generosit, l'amore, che la parte pi consistente di ogni dono. Forse perch Ges sa riconoscere ed apprezzare ogni momento in cui ci lasciamo afferrare dallo slancio della bont, senza fare tanti conti. A noi, tante volte, immersi nel consumismo, gonfi di superfluo, che cosa dice il Vangelo di questa domenica? Cosa dobbiamo dare? Non c' solo bisogno di spiccioli, di farina e di olio. C' in giro tanto bisogno di tenerezza, di sorrisi, di solidariet, di vicinanza, magari di una visita o di telefonata rubata alla nostra fretta, di un'ora di compagnia sottratta al nostro tempo... Abbiamo tante cose da donare a chi ha meno di noi. Doniamo queste. Generosamente. Totalmente. A fondo perduto. E non accampiamo scuse davanti al Signore e a noi stessi: due spiccioli li abbiamo tutti!

DUE AMICI INSEPARABILI


Il piccolo Giovanni (detto Gi lo zoppo) e Tommaso erano arrivati all'istituto per bambini senza famiglia lo stesso giorno, pochi mesi dopo la nascita. Le volontarie erano molto buone con loro, un po' meno i bambini della scuola pubblica che frequentavano. Erano crudeli spesso con il timido Giovanni, ma Tommaso sapeva metterli a posto, perch era un bambino robusto e intelligente: il pi bravo a scuola e il pi svelto in cortile. Era Tommaso che aiutava Giovanni, gli stava sempre vicino. Lo consolava quando aveva paura, lo aspettava durante le passeggiate, giocava con lui perch non sentisse la malinconia del suo handicap, lo faceva ridere raccontandogli le storie buffe. All'istituto venivano spesso le coppie che facevano conoscenza con i bambini e li portavano fuori a mangiare in vista di una possibile adozione. Nessuno, per, si interessava a Giovanni e Tommaso e tutti inventavano sempre una scusa. Lo aveva fatto solo due volte il dottor Arturo e sua moglie Anna. Una domenica, il dottor Arturo chiam Tommaso e lo guard negli occhi: "Sei un bambino veramente in gamba! Ti piacerebbe venire a vivere con noi? Saresti in affidamento per un po', ma noi ti vorremmo adottare. Come un vero figlio. Che ne dici?". Tommaso rimase senza parole. Avere una mamma e un pap, come tutti! "Oh, oh s-s-s, signore!", mormor. Improvvisamente la gioia svan dai suoi occhi. Se Tommaso se ne andava, chi si sarebbe preso cura del piccolo e zoppo Giovanni? "lo... vi ringrazio tanto, signore" disse. "Ma non posso venire, signore!". E prima che il dottore scorgesse le sue lacrime, corse via. Poco dopo, il dottore lo venne a cercare con una delle volontarie. Tommaso stava aiutando Giovanni a infilarsi la scarpa speciale. Il dottore lanci uno sguardo penetrante a Tommaso: " per lui che non hai voluto venire a stare con noi, figliolo?". "Beh, si..." disse sottovoce Tommaso, "io... io sono tutto quello che lui ha..." rispose il bambino.

Anche tu puoi essere per qualcuno "tutto quello che ha".

IL

DONO

Ci sono quelli che danno poco del molto che hanno e lo danno per ottenerne riconoscenza; e il loro segreto desiderio guasta i loro doni. E ci sono quelli che hanno poco e danno tutto: sono proprio loro quelli che credono nella vita, e nella generosit della vita, e il loro scrigno non mai vuoto. Ci sono quelli che danno con gioia, e quella gioia la loro ricompensa. E ci sono quelli che danno con dolore e questo dolore il loro battesimo. E ci sono quelli che danno e nel dare non provano dolore n cercano gioia n danno pensando alla virt. Essi danno come in quella valle laggi Il mirto esala nello spazio la sua fragranza. Per mezzo delle mani di gente come loro Dio parla e dietro ai loro occhi egli sorride alla terra. E' bene dare quanto si richiesti, ma meglio dare quando, pur non essendo richiesti, si comprendono i bisogni degli altri. E per chi generoso il cercare uno che riceva gioia pi grande che il non dare. E c' forse qualcosa che vorresti trattenere? Tutto ci che hai un giorno o l'altro sar dato via: perci d adesso, cos che la stagione del dare sia la tua, non quella dei tuoi eredi. (G. Khalil Gibran) Vorrei nel mio volto... uno sguardo limpido e dolce che trasmetta serenit e pace, gioia di incontrare i fratelli con sentimenti di tenerezza, ...il volto di Dio; un bel sorriso umano che esprima gioia di vivere, enorme allegria, amore verso tutti, ...il volto di Ges; la mitezza del suo essere espressa con gesti generosi, cantare e ballare insieme a lui perch mi sento amato. Il tuo volto, Ges, vorrei fosse il mio.

CALENDARIO DELLA SETTIMANA


DOMENICA 11 NOVEMBRE SANTE MESSE: A CAPEZZANO: ORE 7 - 9 - 11 ORE 10 A SANTA LUCIA - ORE 17 A MONTEGGIORI
N. B. ALLA MESSA DELLE 11 RITO DELLA VESTIZIONE PER I NUOVI VOLONTARI DELLA MISERICORDIA

LUNEDI 12 ORE 21 - RITROVO

DEI

GRUPPI: GIOVANI

E DOPO CRESIMA

MARTEDI 13 ORE 17 - RITROVO DEL GRUPPO I COLORI DEL CIELO ORE 21 - ALLA SCUOLA DELLA PAROLA. N.B.: PORTARE LA BIBBIA O IL VANGELO, UNA MATITA E IL DESIDERIO DI APPROFONDIRE LA CONOSCENZA DELLA PAROLA DI DIO MERCOLEDI 14 ORE 15 - RITROVO DEL GRUPPO I
COLORI DEL CIELO

VENERDI 16 ORE 16,30 - RITROVO DEL GRUPPO I COLORI DEL CIELO ORE 17, 30 - ORA DI ADORAZIONE ORE 21 - CORSO DI PREPARAZIONE AL MATRIMONIO SABATO 17 ORE 14,30 PULIZIA DELLA CHIESA ORE 16,30 CONFESSIONI ORE 18 MESSA FESTIVA DOMENICA 18 NOVEMBRE SANTE MESSE: A CAPEZZANO: ORE 7 - 9 - 11 ORE 10 A SANTA LUCIA - ORE 16 A MONTEGGIORI ORE 14,30 - POMERIGGIO INSIEME
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

SONO TORNATI ALLA CASA DEL PADRE Rossi Amarico e Da prato Carlo OFFERTE PER LA CHIESA 100,00 Da G. B. In suffragio dei suoi defunti 100,00 Da P. F. in suffragio dei suoi defunti