Sei sulla pagina 1di 2

VASSULLA RYDEN SCONFESSATA DALLA CHIESA CATTOLICA

NOTIFICAZIONE DELLA CONGREGAZIONE DELLA DOTTRINA PER LA FEDE a proposito degli scritti e dell'attivit della signora Vassula Ryden Molti vescovi, sacerdoti, religiosi, religiose e laici, si rivolgono a questa Congregazione per avere un giudizio autorevole sull'attivit della signora Vassula Ryden, greco-ortodossa, residente in Svizzera, che va diffondendo negli ambienti cattolici di tutto il mondo con la sua parola e con i suoi scritti, messaggi attribuiti a presunte rivelazioni celesti. Un esame attento e sereno dell'intera questione, compiuto da questa Congregazione e proteso a "mettere alla prova le ispirazioni per saggiare se provengono veramente da Dio" (cfr. 1Gv 4,1), ha rilevato accanto ad aspetti positivi un insieme di elementi fondamentali che devono essere considerati negativi alla luce della dottrina cattolica. Oltre ad evidenziare il carattere sospetto delle modalit con cui avvengono tali presunte rivelazioni, doveroso sottolineare alcuni errori dottrinali in esse contenute. Si parla fra l'altro con un linguaggio ambiguo delle Persone della Santissima Trinit, fino a confondere gli specifici nomi e funzioni delle Persone Divine. Si preannuncia in tali presunte rivelazioni un imminente periodo di predominio dell'Anticristo in seno alla Chiesa. Si profetizza in chiave millenaristica un intervento risolutivo e glorioso di Dio, che starebbe per instaurare sulla terra, prima ancora della definitiva venuta di Cristo, un'era di pace e di benessere universale. Si prospetta inoltre l'avvenire prossimo di una Chiesa che sarebbe una specie di comunit pancristiana, in contrasto con la dottrina cattolica. Il fatto che negli scritti posteriori della Ryden i sopraddetti errori non appaiano pi, segno che i presunti "messaggi celesti" sono solo frutto di meditazioni private. Inoltre, la signora Ryden, partecipando abitualmente ai sacramenti della Chiesa cattolica, pur essendo greco-ortodossa, suscita in diversi ambienti della Chiesa cattolica non poca meraviglia, sembra porsi al disopra di ogni giurisdizione ecclesiastica e di ogni regola canonica e crea di fatto un disordine ecumenico che irrita non poche autorit, ministri e fedeli della sua propria Chiesa, mettendosi fuori della disciplina ecclesiastica della medesima. Atteso che, nonostante alcuni aspetti positivi, l'effetto delle attivit svolte da Vassula Ryden negativo, questa Congregazione sollecita l'intervento dei Vescovi affinch informino adeguatamente i loro fedeli, e non venga concesso alcuno spazio nell'ambito delle proprie diocesi alla diffusione delle sue idee. Invita infine tutti i fedeli a non considerare come soprannaturali gli scritti e gli interventi della signora Vassula Ryden ed a conservare la purezza della fede che il Signore ha affidato alla Chiesa. Dalla Citt del Vaticano, 6 ottobre 1995. + Joseph Card. Ratzinger, Prefetto + Tarcisio Bertone, SDB arciv. em. di Vercelli, Segretario

VASSULLA RYDEN SCONFESSATA DALLA CHIESA ORTODOSSA


Il Santo Sinodo del Patriarcato di Costantinopoli ha pubblicato, il 16 marzo 2011, un decreto sulla veggente Vassula Ryden in cui condanna i suoi insegnamenti e mette in guardia i suoi seguaci, in particolare i membri del clero, che continuerebbero a promuovere i suoi scritti. Il documento della Chiesa Ortodossa stato tradotto dal greco originale in inglese e dall'inglese in italiano. Per questo motivo potrebbero esserci delle imprecisioni nel testo italiano, poich le traduzioni sono opera di traduttori volontari non professionisti. Vassula una greco-ortodossa della diaspora (vive attualmente negli Stati Uniti) e si trova quindi sotto la giurisdizione del Patriarcato di Costantinopoli (Patriarca Bartolomeo I) e non sotto il Patriarcato di Alessandria e dell'Africa (Patriarca Teodoro II), come alcuni dei suoi seguaci hanno affermato. ---------------------------------------------------------------------------Il decreto originale in Greco stato pubblicato sul sito ufficiale del Patriarcato di Costantinopoli http://www.ec-patr.org/docdisplay.php?lang=gr&id=1306&tla=gr Una traduzione in inglese pu essere consultata sul blog Mystagogy: http://www.johnsanidopoulos.com/2011/03/announcement-on-vassula-ryden-by.htm Una traduzione in francese si trova sul blog Orthodoxologie: http://orthodoxologie.blogspot.com/2011/03/enfin-declaration-concernant-vassoula.html Traduciamo di seguito la parte pi importante del decreto: "In questo spirito, e per la benefica protezione della nostra plenitudine ortodossa dalla pericolosa confusione spirituale, (...) condanna Vasiliki Paraskevis Pentaki - Ryden, ampiamente conosciuta come "Vassula", e la sua organizzazione fondata con il nome di "Vera Vita in Dio", che propone in forma temeraria e frivola degli insegnamenti basati su un presunto "dialogo diretto tra lei e il Fondatore della Chiesa nostro Signore Ges Cristo", e quelli che sono stati conquistati da lei e i sostenitori della "Vera Vita in Dio", che deviano arbitrariamente dell'insegnamento che stato dato alla Chiesa da Dio, ma anche scandalizzano il phronema [*] ortodosso dei pii credenti. Dunque, chiediamo a quelli che propongono queste innovazioni inaccettabili, e ai sostenitori che le confermano, e perci non sono ammessi nella comunione ecclesiale, di non partecipare alla pastorale della Santa Metropoli locale e di non predicare i loro nuovi insegnamenti, per evitare le sanzioni previste dai Santi Canoni. Infine, manifestiamo il profondo dolore del Patriarcato Ecumenico per gli atti di alcuni fortunatamente pochi - membri del clero della Chiesa Ortodossa che hanno partecipato alle conferenze della detta "Vassula" e che le conferiscono, cos facendo, un "certificato di Ortodossia". [*] Phronema una parola greca utilizzata nella teologia ortodossa per indicare la mentalit o il modo di vedere ortodosso. Riuscire a vivere il phronema vuol dire praticare la fede corretta (ortodossia) nella forma corretta (ortoprassia). Fonte:http://orthodoxwiki.org/Phronema Gi nel 2001, le autorit locali della Chiesa Ortodossa in Grecia avevano pubblicato una decisione secondo la quale la Signora Ryden non si comportava come una fedele ortodossa e che, di fatto, si era lei stessa "messa fuori" dalla Chiesa (http://www.infovassula.ch/tliggreekorthodox.htm ). Il decreto del Patriarcato di Costantinopoli arriva qualche mese dopo la proibizione, da parte della Chiesa Ortodossa rumena, dell'esercizio del sacerdozio a uno dei suoi preti, che aveva concelebrato con un prete cattolico in presenza della Signora Ryden. Entrambi i preti si erano rivelati essere suoi seguaci (http://www.infovassula.ch/tligcrecan.htm).