Sei sulla pagina 1di 22

6 bis Schemi tecnici circolazione naturale

Esempio tipico di collegamento ad una caldaia istantanea o scaldabagno

Circolazione naturale per integrazione alla produzione di ACS Impianto domestico con accumulo

Temp. < 45C >

1+ T > 45C

Circolazione naturale per integrazione alla produzione di ACS Schema 4: Impianto domestico con recupero sovratemperature

90C

1+

T > 90C

Circolazione naturale per integrazione alla produzione di ACS Schema1: Grandi impianti con ricircolo

70C

1+

T > 70C

Circolazione naturale per integrazione alla produzione di ACS Schema2: Grandi impianti senza ricircolo con cavo scaldante

Circolazione naturale per integrazione alla produzione di ACS


70C
Questo schema puramente indicativo e semplificato e non costituisce impegno o responsabilit alcuna da parte della Accomandita e dei suoi tecnici. La sua approvazione da parte del professionista incaricato, la progettazione esecutiva, la messa in opera, la direzione lavori e il rispetto delle relative norme di legge sono a carico e sotto la responsabilit dellutilizzatore degli impianti. Disegno non in scala

(T)

Schema con passaggio continuo sul boiler

i
Acqua sanitaria miscelata ai servizi

ESTATE
Temperatura boyler solare > 70C

Alimentazione Acqua fredda

(A)

Boiler e carico termico

Caldaia SPENTA
Caldaia a gas o gasolio

Alimentazione Acqua fredda

Circolazione naturale per integrazione alla produzione di ACS


Questo schema puramente indicativo e semplificato e non costituisce impegno o responsabilit alcuna da parte della Accomandita e dei suoi tecnici. La sua approvazione da parte del professionista incaricato, la progettazione esecutiva, la messa in opera, la direzione lavori e il rispetto delle relative norme di legge sono a carico e sotto la responsabilit dellutilizzatore degli impianti. Disegno non in scala

(T)

Schema con passaggio continuo sul boiler


E

i
Acqua sanitaria miscelata ai servizi

Alimentazione Acqua fredda

INVERNO
(A)

Boiler e carico termico

Caldaia ACCESA
Caldaia a gas o gasolio

Alimentazione Acqua fredda

Circolazione naturale per integrazione alla produzione di ACS Grandi impianti con ricircolo

70C

1+ T > 70C

Collegamento idraulico - parallelo - di 12 ( 6+6 ) 303Kf


N.B. I tubi di collegamento tra la rete di distribuzione e i serbatoi andranno realizzati in rame (Cu 14 o 16 x 1), intercettati da valvole a sfera da alla partenza, tutti perfettamente uguali sia come lunghezza che come sviluppo e con i tubi dellacqua calda adeguatamente isolati e rivestiti. Attenzione : In impianti multipli in parallelo NON installare valvole di ritegno su ogni singolo sistema ! Ritegno e sicurezza vanno inseriti solo sullingresso del tubo collettore freddo. Disegno in scala approssimativa, escluso tubazioni, volutamente ingrandite per evidenziarne la rastremazione
42 42 18 35 22 28 28 35 22 18 42

42 54

Vista in pianta Collegamento da destra

3 - 5 metri a seconda della latitudine

42

42 42 18 35 22 28 28 35 22 18 42 54

10

Questo schema puramente indicativo e non costituisce impegno o responsabilit alcuna da parte dell Accomandita e del suo Tecnico. Il progetto dovr essere sottoposto per lapprovazione e verifica alla Direzione Lavori e realizzato nel rigoroso rispetto delle norme di legge vigenti.

Applicazioni della tecnologia Solare per le piscine

Piscine private

Piscine pubbliche

3+

Mantenimento in temperatura e graduale riscaldamento

Riscaldamento

Riscaldamento

11

Uso solo nel periodo estivo. Il sistema solare ha lo scopo di aumentare il periodo di utilizzo della piscina

Il sistema solare integra al riscaldamento durante tutto il periodo dellanno. Lo scopo quello di ridurre il consumo della caldaia.

Il sistema solare integra al riscaldamento durante tutto il periodo dellanno. Lo scopo quello di ridurre il consumo della caldaia.

Acqua sanitaria miscelata ai servizi

E consigliabile coprire la superficie della piscina nelle ore notturne con una coperta termica

Alimentazione Acqua fredda sanitaria

Tubazioni RAME
Caldaia a gas pensile Bitermica

NOTA: Scambiatore di calore per piscina BENCKE al titanio a fascio tubiero.


26C

Piscina

Centralina differenziale o semplice termostato Pompa-filtro Termostato di massima temp acqua piscina Alimentazione Acqua fredda sanitaria

La pompa di circolazione deve essere attivata (sotto il controllo della centralina differenziale o termostato) solo se acceso il sistema di filtraggio della piscina (pompa+filtro). In condizioni di forte insolazione il sistema solare pu andare in surriscaldamento (fino a 99C) pertanto necessario che la pompafiltro della piscina sia sempre accesa durante le ore di insolazione per favorire lo scambio termico. Attenzione: Verificare che lo scambiatore di calore (*) sia in grado di sopportare la pressione dellacquedotto sul circuito primario.

Scamb 304Kf Caldaia

E indispensabile che il circolatore previsto nello schema di massima sopra riportato sia attivato esclusivamente quando il sistema pompa-filtro della piscina attivo. Ci per evitare che sullo scambiatore possano arrivare temperature troppo elevate. In ogni caso devono essere prese tutte le precauzioni necessarie per evitare che sui raccordi plastici (lato piscina) dello scambiatore ci siano temperature superiori a 45C.

Questo schema puramente indicativo e semplificato e non costituisce impegno o responsabilit alcuna da parte della Accomandita e dei suoi tecnici. La sua approvazione da parte del professionista incaricato, la progettazione esecutiva, la messa in opera, la direzione lavori e il rispetto delle relative norme di legge sono a carico e sotto la responsabilit dellutilizzatore degli impianti. Disegno non in scala

12

E possibile realizzare uno schema analogo anche per lintegrazione al riscaldamento ambiente a bassa temperatura!!!! Sono in esecuzione gi alcuni test su impianti prova per verificare le varie problematiche quali per esempio: - Surriscaldamento nella stagione estiva - Determinazione del Kit pi adatto (303Kf; 304Kf; 305Kf?) - Efficienza degli scambi termici solare/riscaldamento

4+

13

Circolazione naturale per integrazione al riscaldamento ambiente a bassa temperatura


Acqua sanitaria miscelata ai servizi

Alimentazione Acqua fredda sanitaria

Tubazioni RAME

Scambiatore di calore a piastre


26C

NOTA: La pompa di circolazione deve essere attivata (sotto il controllo della centralina differenziale o termostato) solo se acceso il sistema di riscaldamento ambiente a bassa temp. Attenzione: Verificare che lo scambiatore di calore (*) sia in grado di sopportare la pressione dellacquedotto sul circuito primario.

Gruppo di regolazione e miscelazione

Centralina differenziale o semplice termostato

Scambiatore Impianto 304Kf

Caldaia a gas o gasolio

Alimentazione Acqua fredda sanitaria


Questo schema puramente indicativo e semplificato e non costituisce impegno o responsabilit alcuna da parte della Accomandita e dei suoi tecnici. La sua approvazione da parte del professionista incaricato, la progettazione esecutiva, la messa in opera, la direzione lavori e il rispetto delle relative norme di legge sono a carico e sotto la responsabilit dellutilizzatore degli impianti. Disegno non in scala

14

Scaldacqua a gas - RINNAI Caratteristiche principali Scaldabagno istantaneo per produzione di acqua calda sanitaria a GAS
Acqua calda con produzione continua Lacqua viene riscaldata durante il suo flusso allinterno dellapparecchio. La portata modulata in funzione del salto termico fra la temperatura dellacqua in ingresso e quella impostata. In funzione del salto termico viene modulata la portata in uscita in modo che questa abbia sempre temperatura costante. Dimensioni compatte, leggero, installato allesterno

Il controllo della temperatura dellacqua di ingresso fatta direttamente dallo scaldabagno attraverso sonde di temperatura posizionate sullingresso acqua fredda, lo rende particolarmente adatto allintegrazione con sistemi solari termici.

15

SCHEMA 1 RINNAI Impianto Domestico

Circolazione naturale con integrazione con scaldacqua a gas - RINNAI

Scaldabagno RINNAI mod. Infinity

Il sistema in tal caso NON ha bisogno di alcuna regolazione. Luscita del sistema solare entra sempre direttamente sul collegamento Acqua fredda dello scaldabagno.

LEGENDA: Collegamento ingresso Acqua fredda Collegamento uscita Acqua calda Collegamento Alimentazione GAS

Alimentazione GAS
Miscelatore termostatico

Acqua sanitaria miscelata ai servizi


Questo schema puramente indicativo e semplificato e non costituisce impegno o responsabilit alcuna da parte della Accomandita e dei suoi tecnici. La sua approvazione da parte del professionista incaricato, la progettazione esecutiva, la messa in opera, la direzione lavori e il rispetto delle relative norme di legge sono a carico e sotto la responsabilit dellutilizzatore degli impianti. Disegno non in scala

Alimentazione Acqua fredda

16

Rastrematura Ticklemann delle tubazioni

SCHEMA 3 RINNAI Grandi impianti senza accumulo

Circolazione naturale con integrazione con scaldacqua a gas RINNAI

Scaldabagni mod. RINNAI/INFINITY i n configurazione multipla

Miscelatore termostatico

Acqua sanitaria miscelata ai servizi

Alimentazione Acqua fredda

Alimentazione GAS Il sistema in tal caso NON ha bisogno di alcuna regolazione. Luscita del sistema solare entra sempre direttamente sul collegamento Acqua fredda dello scaldabagno.

17

Alimentazione Acqua fredda

Questo schema puramente indicativo e semplificato e non costituisce impegno o responsabilit alcuna da parte della Accomandita e dei suoi tecnici. La sua approvazione da parte del professionista incaricato, la progettazione esecutiva, la messa in opera, la direzione lavori e il rispetto delle relative norme di legge sono a carico e sotto la responsabilit dellutilizzatore degli impianti. Disegno non in scala

Circolazione naturale per integrazione alla produzione di ACS sistema PUSTERTAL


Sonda temp.T1 Termostato Doppia soglia

(D)
Servizi II^ Piano
Alimentazione Acqua fredda

Servizi I^ Piano Caso 1) T1 < 45C

La valvola deviatrice (D) fa in modo che il sistema solare alimenti il boyler di accumulo. Il sistema solare funziona come preriscaldatore dellacqua calda sanitaria.

Integrazione con caldaia


Boyler di accumulo
Questo schema puramente indicativo e semplificato e non costituisce impegno o responsabilit alcuna da parte della Accomandita e dei suoi tecnici. La sua approvazione da parte del professionista incaricato, la progettazione esecutiva, la messa in opera, la direzione lavori e il rispetto delle relative norme di legge sono a carico e sotto la responsabilit dellutilizzatore degli impianti. Disegno non in scala

18

Circolazione naturale per integrazione alla produzione di ACS

sistema PUSTERTAL
Sonda temp.T1 Termostato Doppia soglia

(D)
Servizi II^ Piano
Alimentazione Acqua fredda

Servizi I^ Piano Caso 2) T1 > 45C

La valvola deviatrice D fa in modo che il sistema solare vada ad alimentare direttamente i servizi. In tal caso se T1 > 80C si attiva la pompa di circolazione per scaricare la temperatura eccessiva dentro il boyler di accumulo entrando su questo dal punto di prelievo. Boyler di accumulo
Questo schema puramente indicativo e semplificato e non costituisce impegno o responsabilit alcuna da parte della Accomandita e dei suoi tecnici. La sua approvazione da parte del professionista incaricato, la progettazione esecutiva, la messa in opera, la direzione lavori e il rispetto delle relative norme di legge sono a carico e sotto la responsabilit dellutilizzatore degli impianti. Disegno non in scala

Integrazione con caldaia

19

CEFALU (PA) Hotel COSTA VERDE Febbr. 05

Applicazione: Produzione di ACS Impianto: n40 x 302Kf+n12 x 303Kf Utenza: 300 camere doppie (corpo centr.) 70 camere doppie (ala nord)
20

Foggia Associazione ONLUS ASSORI Nov. 05

Applicazione:
Produzione di ACS + Piscina + FV

Impianto:
n6 x 303Kf N4 x PowerPak10KW N1 x Impianto fotovoltaico 20 kWp

Utenza:
Piscine 25x12x1,8m + 5x12x1 m Struttura sportiva

21

Como Collegio per geometri Febr. 05

Applicazione:
Produzione di ACS

Impianto:
n10 x 303Kf

Utenza:
Produzione di ACS

22