Sei sulla pagina 1di 2

Comunit cristiana Brenta

Domenica 14 ottobre :
ripresa dell'anno catechistico e pastorale 2011-2012 anno della Fede ripresa dell'attivit dell'Oratorio ripresa degli incontri catechesi con i bambini N.B. fino a dicembre restano le stesse classi/catechisti ed orari del maggio scorso; il nuovo anno catechistico comincer di fatto con linizio del nuovo anno liturgico (prima domenica di Avvento 02 dicembre 2012)

Sabato 20 - Domenica 21 ottobre :

Foglio informativo parrocchiale ad uscita settimanale. Ciclostilato in proprio ad uso interno.

www.parrocchie.it/brenta/ Parrocchia SS.Vito e Modesto

ANNO B

Prima lettura (Dal libro della genesi 2,1824) SARANNO UNUNICA CARNE Salmo responsoriale (Dal salmo 127) CI BENEDICA IL SIGNORE TUTTI I GIORNI DELLA NOSTRA VITA Seconda lettura (Dalla lettera agli Ebrei 2,9-11) GES NON SI VERGOGNA DI CHIAMARLI FRATELLI VANGELO (Marco 10,2-16) DIO LI FECE MASCHIO E FEMMINA In quel tempo, alcuni farisei si avvicinarono e, per metterlo alla prova, domandavano a Ges se lecito a un marito ripudiare la propria moglie. Ma egli rispose loro: Che cosa vi ha ordinato Mos?. Dissero: Mos ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla. Ges disse loro: Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. Ma dallinizio della creazione [Dio] li fece maschio e femmina; per questo luomo lascer suo padre e sua madre e si unir a sua moglie e i due diventeranno una carne sola. Cos non sono pi due, ma una sola carne. Dunque luomo non divida quello che Dio ha congiunto. A casa, i discepoli lo interrogavano di nuovo su questo argomento. E disse loro: Chi ripudia la propria moglie e ne sposa

sabato 20 ottobre
riunione genitori dei bambini 2 e 3 anno di IC alle ore 15,00 in Oratorio

marted 6 novembre :
riunione di catechisti in preparazione al nuovo anno pastorale 2012-2013 in Oratorio ore 20,45

marted 13 novembre:
riunione genitori dei bambini del 1 anno di IC (attuale prima classe scuola primaria) alle ore 20,45 in Oratorio
Pag. - 4 -

unaltra, commette adulterio verso di lei; e se lei, ripudiato il marito, ne sposa un altro, commette adulterio. Gli presentavano dei bambini perch li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono. Ges, al vedere questo, sindign e disse loro: Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi come loro infatti appartiene il regno di Dio. In verit io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrer in esso. E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, imponendo le mani su di loro. Cinque punti: 1 I farisei pongono a Ges un grosso interrogativo sul divorzio, mentre in cammino verso la Giudea: un test, una tentazione, un metterlo alla prova: lecito a un uomo ripudiare la propria moglie? 2 Due grandi scuole rabbiniche erano in disputa sul problema del divorzio: la scuola di Hillel ammetteva il divorzio per qualsiasi futile motivo; quella di Shammai, pi severa, esigeva un vero adulterio per ottenere il ripudio. 3 Ges rinvia i suoi interlocutori alle prescrizioni di Mos: Ges evoca Mos per situarlo nella storia della salvezza. Ges domanda se per il divorzio c un esplicito comando di Mos; gli rispondono che c soltanto un permesso. Ges risponde che il

Pag. - 1 -

permesso provvisorio di Mos non abolisce la legge fondamentale del Creatore: I due saranno una carne sola, cio un solo essere: lessere della coppia. 4 Lungi dal contraddire la Legge (che Mos aveva soltanto adattato alla condizione di infedelt del popolo) Ges ne ristabilisce lesigenza primitiva, dando cos ai coniugi la possibilit di trasformare la loro durezza di cuore in un vero e limpido amore. 5 Rientrati in casa, i discepoli tornano di nuovo sul problema. Ges precisa che il risposarsi va considerato adulterio. Il ripudio della donna da parte del marito o, molto pi raro, quello del marito da parte della donna, non sopprime lunione co-

niugale, non disgiunge ci che Dio ha congiunto. Il risposarsi equivale a poligamia. Presentano a Ges i fanciulli perch li carezzi; Ges sgrida i discepoli che glielo impediscono e afferma che il Regno di Dio viene dato solo a coloro che sono capaci di riceverlo come fanciulli, Il fanciullo significa disponibilit, abbandono, obbedienza. Si tratta di accogliere il Regno di Dio come un bimbo, perch il Regno un dono: un dono che bisogna saper ricevere come un regalo da parte di Dio.

Parrocchia SANTI VITO e MODESTO - BRENTA calendario dal 7 al 14 Ottobre 2012

DOMENICA 7 OTTOBRE: Parrocchia ore 10.00 S.Messa (vendita dolci pro Missioni) S. Quirico ore 18.00 S.Messa (vendita dolci pro Missioni) LUN 8 Parrocchia ore 18.00 S.Messa MAR 9 === MER 10 Parrocchia ore 18.00 S.Messa GIO 11 === ===

def.ti Fam. Benedini - Castelli

AVVISI
SABATO 13 OTTOBRE: RACCOLTA DELLUSATO Pro-Missioni a cura del Gruppo Missionario Zonale Valli Varesine. Si prega di esporre i sacchi entro le ore 12 allesterno della propria abitazione. SABATO 20 OTTOBRE: Ore 20.30 a Canonica di Cuveglio VEGLIA MISSIONARIA

VEN 12

SAB 13 Parrocchia ore 18.00 S.Messa (vendita FIORI pro Missioni) DOMENICA 14 OTTOBRE: Parrocchia ore 10.00 S.Messa (vendita FIORI pro Missioni) S. Quirico ore 18.00 S.Messa (vendita FIORI pro Missioni)

def.ti Todeschini Ida, Giulio e Pierluigi

def.ti Simonetti Torquato Cadario Maria Vitali Luigi

Eventuali intenzioni per Messe possono essere comunicate in sacrestia dopo le funzioni previste lasciandole al sacerdote.
Pag. - 2 Pag. - 3 -