Sei sulla pagina 1di 16

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI

TESTO: UN PO DANATOMIA VOCI E STRUTTURE GRAMMATICA:


IL PRONOME RELATIVO IL PRONOME
E LAGGETTIVO

INTERROGATIVO
I PRONOMI
DIDENTIT E GLI

AGGETTIVI RAFFORZATI

IL VERBO

LIMPERFETTO LIMPERFETTO

ED

IL TRAPASSATO PROSSIMO IL TRAPASSATO PROSSIMO


ALLINDICATIVO E

DEI

VERBI VERBI

AUSILIARI

ED DEI

REGOLARI

ALTRI VERBI IRREGOLARI

PASSATO

PROSSIMO: SAPERE, SEDERE, BERE, RIMANERE, SCEGLIERE

ESERCIZI ABC DIVERTENTE BARZELLETTE, TUTTI FRUTTI


UNIT 9

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI

AFORISMI E BATTUTE

La testa, il tronco e gli arti formano il corpo umano. Lo schletro (o le ossa) sostiene il copro, che coperto da carne, muscoli, nervi e pelle e che dentro contiene i vari rgani. La testa coperta dai capelli neri, castagni, biondi, grigi, rossi o bianchi. Essi possono essere ondulati, ricciuti o lisci, folti o radi. Le ragazze li possono avere intrecciati. Le persone senza capelli sono calve. Il cervello si trova nella cassa o scatola crnica, nel cranio. Esso il centro del sistema nervoso e dirige e controlla le sensazioni ed i pensieri. La faccia (o il volto) viene formata dalla fronte, dagli occhi con le ciglia e le sopraciglia, dal naso con le narici, dal mento (od il barbiglio), dalle guance e dagli orecchi. Bruni, castagni, verdi o celesti, gli occhi rispecchiano lanimo. Il naso pu essere affilato, camuso, adunco od aquilino. La carnagione di una persona giovane fresca e rsea, mentre quella di una persona anziana ha delle rughe. A volte, a causa della sofferenza, le persone malate hanno le cos chiamate gotte scarne. Il color della pelle bianco, giallastro, pi o meno scuro, od addirittura nero. Di una persona con un aspetto fisico piacevole, si pu dire che ha dei bei lineamenti. Gli uomini hanno le guance ed il mento coperto di peli che formano la barba ed i baffi. Per non tutti gli uomini si radono, alcuni hanno la barba, alcuni i baffi, altri preferiscono averne tutte e due. La bocca ha le labbra, la lingua con la quale gustiamo ed i denti, con i quali mastichiamo il cibo. La dentatura ideale regolare e bianca e, certamente, devessere pulita e curata. Quando ci fanno male i denti, andiamo allo stomalgo a farci curare. Sul dietro della bocca c la gola. Il collo unisce la testa al tronco. Nel tronco si trovano tutti gli rgani importanti del corpo umano. Gli rgani che si trovano nella casa toracica sono: il cuore, con le vene e le artrie, che assicura la circolazione del sangue, i polmoni con i quali si respira e lesfago. Laddme, che si chiama anche pancia, si trova tra il torace ed il bacino e contiene lapparato digestivo (fgato, vescica biliare, duodno, pncreas e stmaco), la milza, gli intestini ed i reni. Questi organi sono collegati per diversi canali e clon. Il tubo digerente, formato dallintestino tnue e dallintestino crasso, rappresenta insieme al cuore ed ai polmoni una vera fabbrica dellorganismo che riceve e conserva lossgeno e le sostanze nutrienti (o nutritivi) ed elimina il biossido di carbone.

UN

PO

DANATOMIA

UNIT 9

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


La colonna vertebrale (o la spina dorsale) sostiene lequilibrio e la posizione verticale del corpo, caratteristica fondamentale delluomo nei confronti degli animali. Le ossa sono coperte dai mscoli, con le vene ed i nervi e dalla carnagione. La pelle con i peli proteggono lorganismo umano dal contatto con lesterno. Gli arti sono le braccia e le gambe. Essi si chiamano anche membra. Il braccio viene formato dalla spalla, dal gomito, dal polso e dalla mano, con la palma e le cinque dita. Le parti della gamba sono: la coscia, il ginocchio, il polpccio, la caviglia ed il piede con la pianta e le cinque dita. Le dita della mano e del piede sono protette dalle unghie. Le dita della mano sono: lndice, il pllice, il medio, lanulare ed il mignolo. Di solito, luomo usa di pi la sua mano destra. Chi usa invece meglio la mano sinistra si chiama mancno. I sensi delluomo sono cinque: la vista, ludto, lodorato o lolfatto, il gusto ed il tatto. Chi in buono stato di salute si chiama sano e chi non lo , si chiama malato. Colui che ha uninfermit, si chiama infermo e chi ha un handicappo nativo o dopo unincidente, si chiama handicappato. E questa gente ha bisogno del nostro aiuto. Cos, quello che non vede cieco, chi non sente sordo e chi non parla muto. Chi non pu n parlare, n sentire, si chiama sordomuto. Zoppo quello che va zoppicando, perch ha una gamba pi corta dellaltra e gobbo colui le cui spalle sono curve. E pur la pi sana persona avr sempre un suo tallone dAchille. Quando siamo malati ed abbiamo dolori possiamo dire: ho mal di gola, di testa, di denti...o, semplicemente: mi fa male la testa, mi fanno male i denti. Sneli o grassi, alti o bassi, dalle spalle larghe o strette, dalle dita e membra sottili o carnose, gli esseri umani (uomini, donne, bambini) devono avere una buona salute, che pi importante della statura o della corporatura. E la salute devessere robusta, fiorente e vigorosa.
addatarsi addirittura laddme ladulto adunco affilato, affilata lanca lanima lanimo lanulare anziano aquilino larteria gli arti il bacino i baffi la barba il barbglio la bocca le braccia calvo, calva camuso la carnagione a se potrivi de-a dreptul, direct abdomenul adultul nas coroiat ascutit, ascutit oldul, coapsa sufletul sufletul degetul inelar btrnul acvilin artera articulatiile, membrele bazinul musttile barba brbia gura bratele chel, cheal crn carnatia le labbra i lineamenti malato, malata il mancno masticare il medio le membra il mento il mignolo la milza mingherlino, mingherlina il mscolo il muto la narice il naso il nervo obeso, obesa locchio lodorato lolfato lorecchio lrgano buzele trsturile bolnav, bolnav stngaciul a mesteca degetul mijlociu membrele brbia degetul mic splina subtire, firav(), plpnd() muchiul mutul nara nasul nervul obez, obez ochiul mirosul mirosul urechea organul

UNIT 9

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


la carne carnoso i capelli la caviglia il cervello il cibo le ciglia il cieco collegare il collo la corporatura la coscia le cosce il cuore la dentatura il dente il dito le dita il duodno lesfago let la faccia il fgato fiorente le fossette la fronte le gambe giallastro il ginocchio il giovane il gobbo la gola il gomito grcile la guancia il gusto lhandicappo lhandicappato lndice linfermo lingrediente intrecciare intrecciato carne crnos prul glezna creierul hrana genele orbul a uni gtul (n exterior) statura, talia, corpul coapsa, pulpa coapsele inima dantura dintele degetul degetele duodenul esofagul vrsta fata ficatul nfloritor gropite fruntea picioarele galben nchis genunchiul tnrul cocoatul gtul (n interior), grumaz cotul subtire, firav(), plpnd() obrazul gustul handicapul handicapatul degetul arttor infirmul ingredientul a mpleti n cozi mpletit n cozi le ossa lossgeno la palma la pancia il pascolamento pascolare il pastore la pecora la pelle il pelo la pianta il piede il pllice il polmone il polso radunarsi il rene rispecchiare rseo la ruga saggio, saggia sano, sana scarno, scarna lo schletro la sofferenza le sopracciglia il sordo il sordomuto sostenere sottile spalancati la spalla struggere il tatto tozzo, tozza la testa il tronco ludto lunghia la vena la vista il volto zoppicare il zoppo osatura oxigenul palma burta pscut a pate, a puna ciobanul oaia pielea firul de pr (de pe corp) talpa piciorul degetul mare plmnul ncheietura minii, pulsul a se aduna rinichiul a oglindi trandafiriu ridul cuminte, ntelept, nteleapt sntos, sntoas uscat(), descrnat() scheletul suferinta sprncenele surdul surdomut a sustine subtire, fin deschii umrul a mistui pipitul bondoc, bondoac capul trunchiul auzul unghia vena vederea chipul a chipta chiopul

NTELEGE MAI BINE

PENTRU A
essere magro a fi slab gote scarne obraji uscati, lintestino crasso intestinul lintestino tnue intestinul mal di gola, di testa durere mi fa male m doare, mi

lapparato digerente aparatul digestiv aver la scriminatura a avea crare (n pr) descrnati a becco di civetta nas coroiat gros il biossido di carbone bioxidul de carbon subtire capelli folti pr des de gt, de cap capelli lisci pr neted, ntins face ru

UNIT 9

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


capelli radi pr rar cranian la cassa cranica cutia cranian substanta nutritiv la cassa toracica cutia toracic substanta nutritiv la colonna vertebrale coloana vertebral digestiv sul dietro di n spatele biliar di solito de obicei essere dai capelli canuti a avea prul crunt ntunecat essere dai capelli ricciuti cret la scatola cranica cutia la sostanza nutriente la sostanza nutritiva il tubo digerente tubul la vescica biliare vezica volto tondo fata rotund volto scuro o fosco chip

SINONIME
adunco il barbglio la cassa cranica il catrro la frattura la grippa lodorato la pneumnia = = = = = = a becco di civetta (nas coroiat) il mento (brbia) = la scatola cranica (cutia cranian) la corizza, il raffredore (guturaiul) la rottura dellosso (fractura) linfluenza (gripa) lolfato (mirosul) = la pneumonte, la polmonte (pneumonia)

il cncro pneumonia il catrro la corizza il diabete la frattura scarlatina la grippa linfluenza il morbillo tuberculoza lorecchioni

cancerul guturaiul guturaiul diabetul fractura gripa gripa pojarul oreionul

la pneumonte

la polmonte pneumonia il raffredore guturaiul la rottura dellossa fractura la scarlattina la sclersi la tonsillite la tuberculosi la varicella scleroza amigdalita varicela

GRAMATIC
n limba italian sunt ase PRONUME RELATIVE: il, la quale = care (sg.) che = care quali, quale = care chi = care

IL PRONOME RELATIVO

i, le quali = care (pl.)

UNIT 9

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


Fraza romneasc < Fata pe care o cunosc se numete Maria>se poate traduce n limba italian n dou moduri: La ragazza che conosco si chiama Maria. La ragazza la quale conosco si chiama Maria. Pronumele il, la quale se poate declina:
N. G. D. Ac. SINGULAR il, la quale del quale, della quale al quale, alla quale il quale, la quale PLURAL i, le quali dei quali, delle quali ai quali, alle quali i quali, le quali

quanto = ct onde = pentru care, de la care, cu care.

Pronumele che are pentru G. i D. formele di cui, a cui:"Il ragazzo del quale libro cui:"Il ho letto il mio collega"/ "Il ragazzo di cui libro ho letto il mio collega" Biatul a crui carte am citit-o este colegul meu. "La ragazza alla quale ho dato i fiori mia cognata"/"La ragazza a cui ho dato i fiori la mia cognata" Fata creia i-am dat florile este cumnata mea. Pentru genitiv prepozitia di poate fi nlocuit de articolul partitiv:"Il ragazzo di cui fratello conosco greco" <=> "Il ragazzo il partitiv:"Il cui fratello conosco greco" Biatul, pe al crui frate l cunosc, este grec. Pronumele chi este invariabil: "Chi vuole lavorare, lavora" Cine vrea s lucreze, "Chi lucreaz. Quanto (echivalentul lui tutto ci che) i quanti (echivalentul lui tutti quelli tutto che) tutti che) sunt invariabile: "Dimmi quanto ne sai" Spune-mi tot ceea ce ti., "Quanti conosco ne che) "Quanti sono daccordo" Toti pe care i cunosc sunt de acord cu aceasta. Quale (quali) se folosete pentru a relua o idee: "Ti ho prestato il libro, quale mi devi restituire subito" Ti-am mprumutat cartea, pe care trebuie s mi-o restitui repede. Onde are mai multe sensuri: da cui (de care), dal quale (de unde), con qui (cu care), con la quale (cu care), per la quale (pentru care), per la qual cosa (pentru care lucru): "Il paese onde ci separa il mare" Tara de care ne desparte marea, "Il posto onde vengo" Locul de unde vin, "Lopera onde ha vinto il premio" Opera cu care a ctigat premiul.

I PRONOMI INTERROGATIVI (PRONUMELE INTEROGATIVE) substituie numele de persoane, obiecte n propozitiile. Acestea sunt: Chi? (cine?) pentru nume de persoan avnd form unic de singular, este numai pronume. Acesta poate fi declinat: Chi? (N.), Di chi? (G.), A chi? (D.), Chi? (Ac.): "Chi "Chi parla? " Cine vorbete?, "A chi parla?" Cui vorbeti? "A Che? (ce?, care?) pentru numele de obiecte, este doar adjectiv: "Che cosa mi "Che dici?" Ce-mi spui?, "Che ragazzo conosci?" Ce biat cunoti? "Che Quale? (care?) pentru numele de persoane i de obiecte: "Quale ragazza ti "Quale piace? " ce fat ti place?, "Quale libro compri?" ce carte cumpri? "Quale Quanto? (ct?) pentru nume de persoane i obiecte, este pronume i adjectiv. Este variabil, avnd gen i numr: "Quanto costano le mele?" Ct cost merele?, "Quanto "Quanto "Quanto paghi daffito?" Ct plteti chiria?, "Quanti studenti ci sono nellaula?"- Cti studenti n "Quanti clas?

IL PRONOME E LAGGETTIVO INTERROGATIVO

ADJECTIVELE
I PRONOMI

I PRONOMI E GLI AGGETTIVI


DE
E GLI

NTARIRE

RAFFORZATI
I DE

AGGETTIVI RAFFORZATI

IDENTITATE

E DIDENTIT
E DIDENTIT

PRONUMELE
(PRONUMELE ADJECTIVELE

DE NTRIRE I DE

UNIT 9

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


IDENTITATE) au urmtoarele forme: stesso, stessa, stessi, stesse nsumi, nsmi, nii, nsi ~au valoare de stesse adjective de ntrire atunci cnd nsotesc un pronume: "Io stesso ho affermato questo" pronume: "Io eu nsumi am afirmat acest lucru. Cnd se gsete ntre adjectivul posesiv i substantiv, stesso se traduce substantiv, prin propriu: "Questa la loro stessa (propria) opinione" Aceasta este prerea lor propriu: proprie. Cnd se gsete dup substantiv, subliniind sensul acestuia, stesso se traduce prin nsui, chiar: "Il suo amico stesso me lha detto" mi-a spus-o chiar prietenul chiar: su. Cnd substantivul este precedat de pronumele posesiv, adjectivul de posesiv, ntrire se va aeza n fata acestuia, dup articol: "Le stesse sue abitudini" aceleai articol: "Le abitudini" obiceiuri ale sale, "I medesimi loro problemi" aceleai probleme ale lor. "I problemi" stesso poate avea i functie adverbial: "Con o senza denaro, io ci vado lo adverbial: stesso" cu sau fr bani, eu tot (oricum) plec. stesso" stesso poate avea sens neutru, corespunznd lui ci: "Ha fatto lo stesso" a stesso" fcut la fel, "Gli e capito lo stesso" i s-a ntmplat acelai lucru. stesso" medesimo, medesima, medesimi, medesime acelai, aceeai, aceiai, aceleai ~au valoare de adjective de identitate i sunt nsotite de un subtsntiv sau un pronume: "E venuto il medesimo studente" a venit acelai student. pronume: studente"

IL VERBO
LIMPERFETTO MULT CA PERFECTUL PROSSIMO DEI VERBI AUSILIARI AUXILIARE
ED

IL TRAPASSATO

IMPERFECTUL I MAI VERBELOR

IMPERFETTO PROSSIMO io ro noi eravmo stati/state tu ri voi eravte stati/state egli/essa ra egli/esse rano rano stati/state

ESSERE io ro stato/stata tu ri stato/stata

TRAPASSATO noi eravmo voi eravte egli/esse

egli/essa ra stato/stata

AVERE IMPERFETTO TRAPASSATO PROSSIMO io avvo noi avevmo io avvo avuto noi avevmo avuto tu avvi voi avevte tu avvi avuto voi avevte avuto egli/essa avvaegli/esse avvano egli/essa avva avuto egli/esse avvaegli/esse avvano avuto

IMPERFECTUL indic: o stare sau o actiune care avea continuitate n trecut:Quando abitavo in quella trecut:Quando citt, andavo sempre a visitare qualcosa. Cnd locuiam n acel ora, mergeam mereu s vizitez ceva. o actiune trecut, incomplet n momentul n care ncepea o alt actiune trecut: Mentre leggeva il giornale, Alberto ha udito un grande rumore. n timp ce Mentre citea ziarul, Alberto a auzit un zgomot puternic. contemporaneitatea a dou sau mai multe actiuni trecute: Lucia camminava Lucia e pensava a tutto quello che le era accaduto. Lucia se plimba i se gndea la tot ceea ce accaduto. i se ntmplase.

UNIT 9

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


MAI MULT CA PERFECTUL exprim o actiune trecut cu referire la o alt actiune trecut:Renzo fuggiva perch aveva avvertito il ladro. Renzo fugea pentru c observase hotul; Aveva avuto tanta sete e perci si era comprato unaranciata. i fusese att de sete i de aceea i cumprase o oranjad; Lavevano trovato colpevole, ma non lo era stato lui. l gsiser vinovat, dar nu fusese el.

IMPERFECTUL VERBELOR REGULATE se formeaz adugnd rdcinii verbului de conjugat terminatiile

CA PERFECTUL PROSSIMO DEI VERBI REGOLARI REGULATE

LIMPERFETTO

ED

IL TRAPASSATO

IMPERFECTUL I MAI MULT VERBELOR

pentru fiecare persoan, specifice fiecrei conjugri n parte:


I CONIUGAZIONE IO Tu EGLI, ESSA NOI VOI ESSI, ESSE - vo - vi - va - avmo - avte - vano II Coniugazione - vo - vi - va - evmo - evte - vano III Coniugazione - vo - vi - va - ivmo - ivte - vano

CANTARE (a cnta): LEGGERE (a citi): PARTIRE (a pleca): io cant- vo io legg- vo io part- vo cantleggparttu cant- vi tu legg- vi tu part- vi cantleggpartegli/essa cant- va egli/essa legg- va egli/essa part- va cantleggpartnoi cant-avmo noi legg- evmo noi part- ivmo cant-avmo leggpartvoi cant- avte voi legg- evte voi part- ivte cantleggpartessi/esse cant-vano essi/esse legg- vano essi/esse part- vano cant-vano leggpartIL TRAPASSATO PROSSIMO (MAI MULT CA PERFECTUL) se formeaz din: LIMPERFETTO DEGLI AUSILIARI (IMPERFECTUL VERBELOR AUXILIARE) i IL PARTICIPIO PASSATO (PARTICIPIUL TRECUT) al verbului de conjugat:
ABITARE (a locui) io avvo abitato (eu locuisem) tu avvi abitato (tu locuisei) egli/essa avva abitato (el/ea locuise) noi avevmo abitato (noi locuisem) voi avevte abitato (voi locuiseti)) egli/esse avvano abitato (ei/ele locuiser) NASCERE (a nate) io ro nato/nata (eu m nscusem) tu ri nato/nata (tu te nscusei) egli/essa ra nato (el/ea se (el/ea nscuse) noi eravmo nati/nate (noi ne nscusem) voi eravte nati/nate (voi v nscuseti) egli/esse rano nati (ei/ele se nscuser)
E

PARTIRE (a pleca) io ro partito/partita (eu plecasem) tu ri partito/partita (tu plecasei) egli/essa ra partito (el/ea plecase) noi eravmo partiti/partite (noi plecasem) voi eravte partiti/partite (voi plecaseti) egli/esse rano partiti (ei/ele plecaser)

ALTRI VERBI IRREGOLARI ALLINDICATIVO SEDERE, BERE, RIMANERE, SCEGLIERE


BERE (a bea) io bevo tu bevi esso/essa beve PRESENTE noi beviamo voi bevete essi/esse bevete

PASSATO PROSSIMO: SAPERE,

PASSATO PROSSIMO io ho bevuto noi abbiamo bevuto tu hai bevuto voi avete bevuto esso/essa ha bevuto essi/esse hanno bevuto

UNIT 9

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


RIMANERE (a rmne) PRESENTE io rimango noi rimaniamo tu rimani voi rimanete esso/essa rimane essi/esse rimangono PASSATO PROSSIMO io sono rimasto/rimasta noi siamo rimasti/rimaste tu sei rimasto/rimasta voi siete rimasti/rimaste esso rimasto essi sono rimasti essa rimasta esse sono rimaste SAPERE (a ti) PRESENTE PASSATO PROSSIMO io so noi sapiamo io ho saputo noi abbiamo saputo tu sai voi sapete tu hai saputo voi avete saputo esso/essa sa essi/esse sanno esso/essa ha saputo essi/esse hanno saputo SCEGLIERE (a alege) PRESENTE PASSATO PROSSIMO io scelgo noi scegliamo io ho scelto noi abbiamo scelto tu scegli voi scegliete tu hai scelto voi avete scelto esso/essa sceglie essi/esse esso/essa ha scelto essi/esse hanno scelto scelgono SEDERE (a edea) PRESENTE PASSATO PROSSIMO io siedo noi sediamo io sono seduto/seduta noi siamo tu siedi voi sedete seduti/sedute esso/essa siede essi/esse tu sei seduto/seduta voi siete seduti/sedute siedono esso seduto essi sono seduti essa seduta esse sono sedute

1. Rispondete alle domande? - Quali sono gli rgani del corpo umano? - Quali sono gli rgani che si trovano nella cassa toracica? - Ma quelli dal bacno? - Di che cosa vengono formati lapparato digestivo ed il tubo digerente? - Come pu essere la statura di una persona? - Come si chiamano quelli che non vedono, non sentono, non possono parlare, non posono camminare? - Quali sono le parti principali del corpo umano? - Di che cosa si compone la testa? - Come possono essere i capelli? Ma il naso, gli occhi? - Come si dice in italiano mi-e ru? 2. Traducete in italiano: Sora mea este o fat drgut i cuminte. Are prul blond, lung, mpletit cnd merge la coal i despletit cnd se duce la plimbare sau la spectacol. Are ochii verzi, mari deschii i obrajii roii, cu dou gropite. Cu nasul crn i buzele crnoase, cu brbia fin i cu genele lungi i

EXERCITII

UNIT 9

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


sprncenele frumoase, pare o ppu. Chipul ei este senin i gtul delicat, iar trsturile fetei i toat fiinta ei oglindesc un suflet nobil i bun. Artitii aveau garderobe pline de costume. efii serviciilor tehnice discutau despre calitatea urubelnitelor. efii celor dou contrabande nu mncau nici roii, nici conopide. Tnrul trecuse peste dou poduri (peste strzi) i se gndea ce distractii s-i gseasc. Lucio avea n manuscris dou semne de carte i cinci timbre. Peste tot vedeai clciele lui Mario, cci se tinea scai de Gianni. Casa avea ziduri groase, puternice, ca unei zidurile cettii. Am nteles gesturile sale amabile numai cnd am cunoscut faptele lui ndrznete. Abia sttea n picioare, cci il dureu picioare, genunchii. Din pdure se auzeau urletele lupilor. n cas era cald, bunica torcea (filare) fusele, iar pisica torcea i ea, ghemuit (raggomitolarsi) lng sob. 3. Fate delle proposizioni usando i pronomi stesso e medesimo, come pronomi e come aggettivi, secondo il modelo: E arrivato lo stesso. E arrivato lo stesso allievo. Mi pare essere la medesima. lezione Mi pare essere la medesima

UNIT 9

10

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI

4. Traduci in romeno: Cera una volta un fiume che scorreva in una valle tutta verde e piena di campi rigogliosi che i contadini lavoravano dalla mattina alla sera. I raccolti erano buoni, la gente era felice e la via trascorreva con serenit, un giorno dopo laltro, un anno dopo laltro. Il fiume dissetava gli alberi e i campi seminati e cos in quella valle non cera mai siccit, nemmeno nei mesi caldi dellestate. Ti ho scambiato per tuo fratello. Somigliate molto. Pazienza! Non ti devi offendere. Sei proprio come lui. La tua risposta non arriva.

UNIT 9

11

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


Probabilmente non hai ricevuto la mia ultima lettera. Vogliamo giocare allaperto. Purtropo sono pochi spazi e zone per il gioco dei ragazzi. Nel nostro paese sono moltissimi giornali per adulti ma pochissimi giornalini. Qualche volta mi piace leggere un bel libro di viaggi. Lultima volta quando ho letto una era su Cristoforo Colombo. Io abbito in una citt grande e bella con molte piazze. In primavera ancora pi bella perch c molto verde e gli alberi dei parchi e dei giardini sono tutti verdi e fioriti. Questi sono i miei colleghi duniversit. Colui che sta parlando il mio professore.

Quello l mi guardava di sbieco. Che chiasso facevano quei ragazzi! Questi gridava, quegli cantava. Marcella voleva far due passi con Gianni per fare quattro chiacchere. Mario non pensava neanche per un milione di cambiarsi lidea. Come abitava a due passi dal suo ufficio, non valeva quattro soldi per lui trovare un altro posto di lavoro lontano. 5. Coniugate allimperfetto: Noi (avere) una casa in montagna. (avere) Questa (non essere) grande, ma piccola e (non essere) carina. Tu (avere) un incontro particolare. (avere)

UNIT 9

12

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


Esse (non essere) in citt. (non essere) Voi (essere) gi in treno e (avere) i vostri (essere) (avere) bagagli gi sistemati quando luomo dal capotto blu (avere) gridato. (avere) Lanno scorso noi (essere) in montagna. (essere) Qualche anno fa la gente (non credere) (non credere) nelle rivoluzioni europee. Ieri io (guardare) la televisione quando (guardare) ho sentito strillare. Mentre (andare), Gianni (cantare). (andare), (cantare). Quella sera il ragzzo (sentirsi male) e (non (sentirsi male) (non aver voglia) di vedere nessuno. voglia) 6. Traducete in italiano: Cnd eram copil aveam multe visuri. Fisesem odat ntr-un magazin de jucrii i fusesem uimit de multimea i varietatea de jocuri, de ppui, trenulete i animale. Avusesem prima ppu cnd nu eram n stare s nteleg ce se petrece i nc mai aveam acea amintire. Fusese ppua mtuii mele care o avea de la mtua ei, din Franta. Cnd mi-a dat-o, mi-a spus: Erai trist pentru nu aveai cu cine s te joci. Acum eti vesel pentru c ai o mic prieten. 7. Mettete i verbi dalle parentesi al passato prossimo, allimperfetto ed al trapassato prossimo: Il ragazzo (mangiare) una pizza e (bere) una spremuta di limone

Noi (scrivere) una lettera ed (aspettare) la risposta.

UNIT 9

13

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


Tu (scrivere) e (risolvere) un esercizio.

Essa (capire) abbastanza bene litaliano.

Voi (non essere daccordo) con lui.

Essi (prepararsi) per andare alluniversit.

Gli studenti (incontrarsi) con il professpre.

Maria (stare) male e (non poter andare) allufficio.

Noi (vedersi) pomeriggio dopo i corsi.

8. Traducete in romeno: Renzo fuggiva perch aveva avvertito il ladro. Aveva avuto tanta sete e perci si era comprato unaranciata. Lavevano trovato colpevole, ma non lo era stato lui. Quando abitavo in quela citt, andavo sempre a visitare qualcosa. Mentre leggeva il giornale, Alberto ha udito un grande rumore. Lucia camminava e pensava a tutto quello

UNIT 9

14

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


che le era accaduto. Luisa si fatta in mille per aiutarmi. E una ragazza meravigliosa, ma si da troppo da fare. Ci pensa tanto prima di prendere una decisione e poi spacca il capello in quatro. Mille grazie, Signorina, per la Sua gentilezza di avermi mandato il libro in tempo tile.

"Apollo Creed: - Rocky non sei italiano ?" Creed: Rocky Balboa: - Si sono italiano Balboa: Giornalista: - E questo cosa significa ? Apollo Creed: - Significa che non sa combattere magari sapr cucinare [Rocky] Rocky] "Allora dimmi, ragazzo del futuro, chi il Presidente degli Stati Uniti nel 1985?" "Ronald Reagan" "Ronald Reagan??? L'attore ?? Hah!! E il vicepresidente chi Jerry Lewis? Suppongo che Marilyn Monroe sia la First Lady e John Wayne il Ministro della Guerra! " (Ritorno al futuro) "Qualche anno piu' tardi, quel bel giovanotto che chiamavano il Re, doveva aver cantato troppe canzoni, e gli venne un infarto o cose cosi'. deve essere difficile fare il Re " (Forest Gump) Gump)

" Ricorda, il vigore di uno jedi proviene dalla forza, ma stai attento, collera, paura, aggressivita', il lato oscuro essi sono, quando il sentiero oscuro tu intraprendi, per sempre esso dominera' il tuo destino, Luke... Luke, non sottovalutare i poteri dell' Imperatore, o il fato di tuo padre tu soffrirai. Luke, quando piu' non saro', l' ultimo degli jedi sarai tu, Luke la forza scorre potente nella tua famiglia, trasmetti cio' che impararato hai, Luke c'e un altro Skywalker " (Star Wars Episode IV The return of the Jedi)
Beati coloro che non si aspettano nulla, perch non avranno delusioni. (M. Brush) Ci sono due tipi di storie, quelle che sono vere e quelle che dovrebbero esserlo. Ci sono pi pazzi che savi, e nel savio stesso c' pi pazzia che saggezza. (N. de Chamfort) Noi invidiamo la felicit degli altri, senza sapere che gli altri invidiano la nostra. (P.Siro) I fanciulli trovano il tutto anche nel niente, gli uomini il niente nel tutto.

UNIT 9

15

CORSO DITALIANO PRINCIPIANTI


(G. Leopardi) Un tizio fa ad un amico: - Hanno rapito mia suocera! - Accidenti! - fa l'amico - E cosa successo? Hanno chiesto dei soldi? - Si - dice lui - 500 mila euro! - E allora? - Glieli ho dati, ma sono preoccupato... - Perch? - Ne vogliono ancora! - Altrimenti? - Altrimenti me la riportano...

UNIT 9

16