Sei sulla pagina 1di 43

UN

Laure
Dipa
NIV
ea Spe
artimen
Proge
ERS
Fa
cialisti
nto Di
ettazio
Anno Acc
SIT
DI
acolt






tica In
Mecca

one di








cademico: 2
D
PAV

di Ing
Ingeg
anica
un via
2010-2011
DEGL
VIA
gegner
gneria
Struttu
adotto
LI S

ria
Civile
urale
STU
e
UDI
P a g . | 2

Sommario

1. Indicazioni Generali ..................................................................................................................... 4
2. Normative di Riferimento e Metodo di Calcolo .......................................................................... 5
3. Materiali e Tecnologie usate ........................................................................................................ 5
3.1 Calcestruzzo .......................................................................................................................... 5
3.2 Acciaio................................................................................................................................... 7
3.3 Software................................................................................................................................. 7
4. Analisi dei Carichi ....................................................................................................................... 8
4.1 Pesi propri.............................................................................................................................. 8
4.2 Carichi accidentali ................................................................................................................. 8
4.3 Azione vento........................................................................................................................ 10
4.4 Carico neve .......................................................................................................................... 11
4.5 Azione Sismica .................................................................................................................... 12
4.5.1 Spettri di risposta ......................................................................................................... 12
S. Inquadramento generale dellopera e Modalit Costruttive ....................................................... 16
5.1 Fondazioni e caratteristiche geotecniche del terreno .......................................................... 17
5.2 LImpalcato ......................................................................................................................... 18
5.3 Il Marciapiede...................................................................................................................... 18
5.4 Opere accessorie .................................................................................................................. 21
5.5 Apparecchi di appoggio....................................................................................................... 21
5.6 Il pulvino ............................................................................................................................. 23
5.7 Pila ....................................................................................................................................... 24
5.7.1 Carichi agenti ............................................................................................................... 24
5.7.2 Predimensionamento della pila .................................................................................... 25
5.8 Giunti di dilatazione ............................................................................................................ 26
6. Dimensionamento Armature ...................................................................................................... 28
6.1 Armatura pila ....................................................................................................................... 28
6.1.2 Verifica pressoflessione pila ................................................................................................. 29
6.2 Armatura delle travi in C.A.P. ............................................................................................. 30
6.3 Armatura Soletta.................................................................................................................. 32
6.4 Armatura baggiolo ............................................................................................................... 34
6.5 Armatura trave diaframma .................................................................................................. 35
6.6 Armatura pulvino ................................................................................................................ 37
P a g . | 3

7. Verifiche SLE ............................................................................................................................ 39
7.1 Trave Diaframma ................................................................................................................ 39
7.2 Pulvino................................................................................................................................. 40
7.3 Soletta .................................................................................................................................. 42




1. Ind

Lo scopo d
Lopera di
209 Valne
della strutt
con la prog
Si riportan



Il ponte, e
marciapied
pari a 0,25
dicazio
di questo ela
cui tratta il
erina nel c
tura gi esi
gettazione e
no in seguito
Figura 1. D
essendo di
di protetti di
g.
oni Ge
aborato la
l progetto
comune di P
stente, lop
e la realizzaz
o le immagi
Dettaglio Pulvi
categoria I
i larghezza
enera
a progettazio
un ponte s
Pieve Torina
era di ristru
zione di una
ni del sopra
ino
I, costitui
1,40m. Re
Figura 1. In
ali
one di un po
situato in pr
a, in localit
utturazione
a nuova stru
alluogo:

ito da due
ealizzato in
nquadramento
onte di cate
rovincia di M
Appennin
non risulta
uttura.
corsie di m
zona sismic
o topografico
F
egoria I e d
Macerata, s
no. Dato lel
a convenien
marcia da
ca 2 con acc
Figura 2. Detta
importanza
sulla strada
levato stato
nte e si proc
3,75 m cia
celerazione

aglio impalcat
P a g . | 4
a strategica.
provinciale
o di degrado
cede quindi
ascuna, con
del terreno
o
4
.
e
o
i
n
o
P a g . | 5

2. Normative di Riferimento e Metodo di Calcolo

Per quanto concerne il progetto e la verifica di tutte le sezioni, le caratteristiche dei materiali,
lanalisi dei carichi e la valutazione delle azioni sismiche, si fatto riferimento alla Normativa
NTC2008 e all Eurocodice 2 Progettazione delle strutture di calcestruzzo.
Il procedimento seguito per il dimensionamento dei vari elementi strutturali il seguente :
inizialmente si proceduto con un predimensionamento preliminare, i cui passaggi sono riportati
nei paragrafi successivi. In seguito sulla base dei risultati ottenuti dal predimensionamento, si
passati allelaborazione di un modello strutturale agli elementi finiti dellopera in oggetto, elaborato
tramite lausilio del programma SAP2000. Il programma suddetto ha fornito i valori delle
sollecitazioni agenti sugli elementi strutturali, sulla base dei quali stato in seguito effettuato il
dimensionamento e quindi la verifica di ogni singolo elemento strutturale. Per il progetto degli
elementi strutturali, sulla base della Normativa di riferimento, stato utilizzato il metodo agli
S.L.U. (Stati Limite Ultimi). Le verifiche delle sezioni sono state in seguito effettuate sia sulla base
degli S.L.U. che sulla base degli S.L.E. (Stati Limite di esercizio) per quanto concerne le verifiche a
fessurazione.

3. Materiali e Tecnologie usate

3.1 Calcestruzzo
Classe del calcestruzzo C35 45 [Prospetto 3.1 EC2 e Tabella 4.1.I NTC]
Resistenza caratteristica a compressione cubica [11.2.10.1 NTC]
R
ck
= 4S Nmm
2

Resistenza caratteristica a compressione cilindrica

ck
= SS Nmm
2

Resistenza di calcolo a compressione [per y
c
: 3.1.6(1) EC2 e 2.4.2.4(1) EC2; per o
cc
:
Appendice Nazionale - 4.1.2.1.1.1 NTC]

cd
= o
cc

ck
y
c
= u,8S
2S
1,S
= 19,8S Nmm
2

Tensione ammissibile nel calcestruzzo sotto combinazione dei carichi rara
[7.2(2) Appendice Nazionale EC2 - 4.11.2.2.5.1 NTC]
o
c,udm
= u,6
ck
= 21 Nmm
2

















Tensione a
[7.2(3) Ap
Resistenza
Resistenza
Resistenza
fatto riferim
Modulo ela
Peso volum
Modulo di
ammissibile
ppendice Na
o
a media a tra

c
caratteristi
a trazione
mento alla A
astico secan
E
c
=
metrico del c
Poisson:
nel calcestr
Nazionale EC
o
c,udm
= u
azione [Pro
ctm
= u,S(
ica a trazion

ctk
= u,7
di progetto
Appendice N

ctd
= o
c
nte [Prospet
22uuu|

c
calcestruzzo

Figura 2.
ruzzo sotto
C2 - 4.11.2
u,4S
ck
=
ospetto 3.1 E
(
ck
)
23
=
ne [Prospet
7
ctm
= 2
[per y
c
3.
Nazionale -
cc

ctk
y
c
= 1,u
tto 3.1 EC2
ck
+8
1u
1
0,3
=
o:
y
cIs
= 2S
= u
. Legame costit
combinazio
2.2.5.1 NTC
1S,7S Nm
EC2 - 11.2
S,2 Nmm
tto 3.1 EC2
,2 Nmm
2
1.6(1) EC2
- 4.1.2.1.1
u
2,2S
1,S
= 1,
- 11.2.10.
= S4u77 N
SkN m
3

u,2
tuivo CLS
one dei cari
C]
mm
2

2.10.2 NTC]
m
2

- 11.2.10.2

e 2.4.2.4(
.1 NTC]
,S Nmm
2
1 e 11.2.10
mm
2


ichi quasi pe
]
2 NTC]
1) EC2; per

0.3 NTC]
P a g . | 6
ermanente
r o
cc
si
6

3.2 Acc
Tipo B45





3.3 Sof
I programm
stati:




ciaio
C [3.2.2(
Tensione c
Tensione d
NTC]
Modulo ela
ftware
mi struttati p
Modellazio
Modellazio
Calcoli ana
Stesura del
3) EC2 App
caratteristic
di snervame

y
astico [3.2
per la mode
one struttura
one grafica:
alitici e veri
lla relazione
pendice Naz
a di snervam

yk

nto di proge

yd
=

yk
y
s
=
2.7(4) - EC2
E
s
=
e
yd
=

yd
E
s
Figura 3. L
ellazione di
ale: Sap200
AutoCad 2
ifiche: Micr
e tecnica: M
zionale e 1
mento [11
= 4Su Nm
etto [per y
s
=
4Su
1,1S
= S9
2]
2uSuuu N
=
S91,S
2uSuuu
Legame costitu
questo prog
00 v14;
2010;
rosoft Excel
Microsoft Wo
11.3.3.1 NT
.3.2.1 NTC
mm
2

s
3.2.7 EC2
91,S Nmm
Nmm
2

= 1,91
utivo acciaio
getto e la ste
l 2007;
Word 2007.
TC]
]
2 e 2.4.2.2
m
2


esura della r
2(1) EC2; 4

relazione te
P a g . | 7
4.1.2.2.2.3
ecnica sono
7

4. An
4.1 Pes
Peso
Travi IAR
So
Travi d
Peso
Manto
Marc
Acc


4.2 Ca

Consultand
Si sono seg
Per la defin


alisi d
si propr
Proprio
160/145/145
oletta
Carichi d
diaframma
Proprio
o Stradale
ciapiede
cessori
richi ac
do la norma
guite le indi
nizione dell
dei Ca
ri
C
5/ R
distribuiti sul
Tab
ccidenta
ativa NTC08
icazioni cita
le corsie con
F
F
arichi
Tabella 1. Pesi
Carichi distrib
17,8
25 [kN/
lla sezione tr
25 [k
bella 2. Pesi pr
0,20 [m
0,40 [m
9
ali
8 si ricavan
ate nel capit
nvenzionali
Figura 4. Esemp
Figura 5. Esemp
i propri struttur

buiti agenti
88 [kN/m]
/m
3
] 0,30 [m
rasversale de
kN/m
3
] 2 [m

ropri non-strut

m] 7,5 [m]
m] 1,40 [m]
9,90 [kN/m
2
]
no i carichi d
tolo 5 parag
si adottat
pio di numeraz
pio di numeraz
rali permanent
sullimpalca
6 [n travi]
m] 11,80 [m
ellimpalcato
m] 0,80 [m]
tturali perman
22 [kN/m
3
] 25 [kN/m
] 1 [m]
dovuti al tra
grafo 5.1.3 (
to il seguent
zione delle cors
zione delle cors
ti
ato
m]
o agenti sugl

nenti
]
3
]
affico veicol
(Azioni sui p
te schema:
sie
sie
Carico A
1
8
gli appoggi
Carico A
lare e alla f
ponti strada
P a g . | 8
Agente [kN/m
07,28
88,50
40
Agente [kN/m
33
14
9,90
folla.
ali).


8
m]
m]

Essendo w
convenzion
Larghezza

Per gli sch





Elem
Co
Tan
w = (S,7S
nali sar qu
della zona
emi di caric
mento
orsie
ndem
2) = 7,S m
uindi
7,5
3
= 2
rimanente:
co si sono e
{(9 [kN
(3
m, rientria
2,S m, che a
7,S -(S 2
eseguite le is
Figur
Tabel
N/m
2
] + 2,50
1,
300 [kN] + 2
amo nel te
approssimia
2) = 1,S m
struzioni cit
ra 6. Schemi di
lla 3. Pesi accid
Peso
[kN/m
2
] ) 2
50 [m]} 30
200 [kN]) 2
erzo caso
amo a S m.
m.
tate nel 5.1
i carico
dentali
2 [m] + 2,50
[m]
2 [n impron
(w > 6),
1.3.3.3 NTC

[kN/m
2
]
nte]
il numero
C2008
Carico Ag
80
10
P a g . | 9
di corsie

gente [kN]
03
000
9
e
P a g . | 10

4.3 Azione vento

La struttura realizzata nel Comune di Pieve Torina in Loc. Appennino (MC), Regione Marche :
I
b,0
= 27 m s ( velocit ui iifeiimento uel vento)
o
0
= Suu m
K
u
= u.u2u 1 m
Tali valori sono stati ricavati utilizzando la [Tab. 3.3.I NTC2008

].
La valutazione della pressione del vento (p) viene fatta tramite la seguente relazione :

p = o
b
c
c
c
p
c
d
|kN m
2
]

Dove :
q
b
la Pressione cinetica di riferimento calcolata con la formula:
o
b
=
1
2
v
b
2
= 46S.6SN m
2
= u.47 kN m
2


in cui: = Densit dellaria e vale 1.2S kg m
3

v
b
= Velocit di riferimento del vento e vale 27 m s
2


c
e
= Coeff. di esposizione

La valutazione del coeff. di esposizione (c
e
) stata effettuata tramite le seguenti relazioni adottabili
per costruzioni con z 200 m :

c
c
(z) = K

2
c
t
ln(z z
0
) |7 + c
t
ln(z z
0
] pei z ~ z
mn

c
c
(z) = c
c
(z
mn
) pei z < z
mn

c
c
(z) = c
c
(z
mn
) pei z < z
mn

z = Su m > z
mn

La categoria di esposizione sito CAT. III (Tab. 3.3.II NTC2008)
K

= u.2u
z
0
= u.1u m
z
mn
= S m
c
t
= S m ( coeff. ui topogiafia)

Sviluppando i calcoli si ottiene un c
e
= 2,9

c
p
= Coeff. di forma o coeff. aerodinamico

Pei quanto iiguaiua i coefficienti ui foima si assume c
p
= u,8 pei la facciata sopiavento e
c
p
= -u,4 pei quella sottovento, come inuicato nelle Istiuzioni alle NTCu8 |CS.S.1u Isti.NTCu8] in
funzione uell'inclinazione sull'oiizzontale.



P a g . | 11


c
d
= Coeff. dinamico = 1 ;

Quindi la pressione del vento risulta:

Posizione
p q
uentu
|kNm
2
]
Pressione 0.8 1.09
Depressione -0.4 -0.55



4.4 Carico neve

Sito di costruzione : Provincia di Macerata ZONA II
Altezza sito di costruzione sul livello del mare a
s
= 700 m

o
s
> 2uu m o
sk
= u.8S |1 +I
o
s
481
]
2
| |kN m
2
] |Punto S.S.1u -NIC2uu8]

Il carico della neve determinato con la seguente relazione :

o
s
= i q
sk
C
E
C
t
|kN m
2
]



Dove :

i
= Coeff. di forma della copertura [Punto 3.4.5 NTC2008] ;
q
sk
= Valore caratteristico di riferimento carico neve al suolo [KN/m
2
] per un periodo di
ritorno di 50 anni [P.to 3.4.2 NTC2008] ;
C
E
= Coeff. di esposizione = 1,00 [Tabella 3.4.I NTC2008] ;
C
t
= Coeff. termico = 1,00 [Punto 3.4.4 NTC2008] ;

i
= Coeff. di forma della copertura = 0,8 [Tab. 3.4.II NTC2008] ;

q
sk
= Valore caratteristico di riferimento carico neve al suolo = 2,92 kN/m
2

Il carico neve risulta:

o
s
= i q
sk
C
E
C
t
= u.8 2.92 1.uu 1.uu = 2.S4 kN m
2











4.5 Azi
4.5.1 Sp

La zona sis
massima o
ghiaie mol
Per determ
spettri di r
progetto pe
ad uno stat
parametri d


FA

ione Sis
ettri di ris
smica in cu
o
g
pari a 0,2
to addensat
minare gli sp
risposta rapp
er il generic
to limite a
da parte del
ASE 1: Indiv
smica
sposta
ui sorger il
25g. Il suol
te o argille m
pettri di risp
presentativi
co sito del
articolata in
llutente:
viduazione d
viadotto l
lo di fonda
molto consi
posta si u
i delle com
territorio na
n tre fasi, ci
della perico
la zona 2, c
azione appa
istenti: S6u
utilizzato il p
mponenti ori
azionale. La
iascuna dell
olosit del si




caratterizzat
rtiene alla
u m s < I
programma
izzontali e v
a definizion
le quali pre
ito.
ta da unacc
categoria C
I
S,30
< 8uu
a SPETTRI-
verticali del
ne degli spe
vede la sce
P
celerazione
C (depositi
u m s )
-NTC, che
lle azioni s
ettri di rispo
elta dei valo
P a g . | 12
orizzontale
di sabbie o
fornisce gli
ismiche di
osta relativi
ori di alcuni
2
e
o
i
i
i
i



FA


FA

ASE 2: Scelt
ASE 3: Dete
ta della stra
rminazione
ategia di pro
dellazione
ogettazione.
e di progetto o per la stru uttura.
P P a g . | 13


3

FA

FA

Lo spettro
spettri aven
( Lisolator

Per ricavar

1) Cal

Peso trave:
Peso solett
Peso marci
Peso asfalt
ASE 4: Spet
ASE 5: Spett
delle acce
nti smorzam
re quando s
re il periodo
lcolo della M
: 17,88 Su
ta: u,Su 11
iapiedi: 2
to: 7,S u,2
ttro di rispo
tro delle acc
lerazioni ch
mento c = S
supera il I


o di isolame
Massa prov
u Su = 16u
1,8u 2S 1
u,4u 1,4u
2u 1Su 22
osta delle ac
celerazioni
he stato a
S%-1u%
riduce lo sm
ento I
IS
si p
veniente dal
H
u92 kN
1Su = 1S27
u 1Su 2S
2 = 49Su k
ccelerazioni
e spostamen
applicato ag
in cui il pu
morzamento
procede in q
llimpalcato
H =
Pcs
g
7S kN
= 42uu kN
kN
per la strut
nti per liso
gli isolatori
unto di passa
o per fatica)
questo modo
o:
si
|t]
N
tura.
olatore
deriva dall
aggio loca
).
o:
P

la combina
alizzato a I
P a g . | 14
azione degli
I

= u,8I
IS
.
4
i
.


La massa r

2) Cal

Con la rigi

Confrontan
riscontra ch

S) Det
a =
4) Det


5) Det


Lo spostam

risulta:
lcolo il peri
idezza K
IS
=
ndo questo p
he minore
terminato il
= , 2 g m
terminata l
terminata la
mento con
H
iodo di isola
I
IS
= 99u (4
periodo con
e poich il m
l periodo, si
x
2

Figura 7
accelerazio
F
a forza po
nfrontabile c
H =
Pcs
g
amento I
IS
S
= 2n
H
K
IS
S 2 +6)
n quello otte
modello di c
i entra nello
7. Spettro isolat
one possib
F = H o =
ssibile ricav
o =
K
con quello d
si
=
S7S62
9,81
H
S
= 2n

S
29
) = 297uu
enuto dalla
calcolo tiene
o spettro del
tore a smorzam
bile ricavare
= S8u9 u
vare lo spos
F
K
IS
=
747
297u
determinato
o = u,2
= S8u9 |t
8u9
97uu
= 2,2
kNm
modellazion
e conto dell
lle acceleraz
mento variabile
e la forza:
u,2g = 747
stamento o:
S
uu
= u,2S m
da SAP200
26 m
]
S s
ne SAP2000
la forza assi
zioni e si ric
5%-10%
S |kN]
m
00:
P
0, I
IS,SAP
=
iale agente s
cava:
P a g . | 15
= 2,26 s, si
sulle pile.
5


S. Inq
Mo

La realizza
1) Rea
2) Cos
3) Rea
4) Cos
5) Pos

6) Pos
7) Pos
8) Get
quadr
odalit
azione dello
alizzazione
struzione de
alizzazione
struzione de
sizionament
sizionament
sizionament
tto delle tra
ramen
Cost
opera preve
di pali di fo
ello zoccolo
delle pile ci
el pulvino;
to degli app
to degli isol
to delle trav
avi diaframm
nto gen
truttiv
ede le segue
ondazione tr
o gettato in
ircolari cav
poggi tempo
Figura 8
latori sismic
vi a I median
ma e posizi
nerale
ve
enti fasi:
rivellati;
opera;
ve;
oranei;
. Fase di realiz
ci;
nte lutilizz
onamento d
e dell
zzazione 5
zo di gru;
della soletta
opera

di continui
P
a e
it;
P a g . | 166

9) Get
10) Elim
11) Pos
5.1 Fo

Le ca
Hole
Luti
ricos
raggi
Dallo
sono
con c
torbi
calca
Per i
rocci
Le fo
-
-


tto della sol
minazione d
sizionament
ondazio
aratteristich
e) eseguite in
ilizzo delle
struire le ca
iunto dalla p
o stralcio d
coltri di co
clasti e trov
iditi calcare
ari, calcari m
il calcolo d
ia sul quale
ondazioni al
- zoccolo
- 5 pali di
letta sullim
degli appog
to delle sov
oni e ca
he geotecnic
n prossimit
indagini in
aratteristich
perforazion
della Carta G
opertura flu
vanti. Vi p
ee pi o me
marnosi alte
elle fondaz
poter appog
l di sotto di
o di fondazio
i fondazion
mpalcato;
ggi temporan
vrastrutture s
Figura 9.
ratteris
che del sito
del viadot
ndirette ed in
he fisico-me
ne) attravers
Geologica R
uvio-colluvi
oi uno strat
eno abbond
ernati a mar
ioni si su
ggiare i nos
ciascuna pi
one quadrat
e di diametr
nei a matura
stradali e de

. Fase di realizz
stiche g
o sono state
tto nel comu
n particolar
eccaniche d
so la determ
Regionale s
iale e detrit
to di marne
danti (calcar
rne, con selc
upposto che
stri pali di fo
ila sono cos
to di lato 6 m
ro 1,20 m e
azione della
elle opere ac
zazione 10
eotecni
dedotte da
une di Visso
re della met
dei terreni
minazione de
sez. 325010
tica, di sabb
con Cerrog
reniti). Infin
ce nera in no
e alla profon
fondazione.
stituite da:
m e di altez
di altezza 1
a soletta avv
ccessorie;

che del
a 7 prove si
o (MC).
todologia a
di copertur
ei moduli el
0 Monte Tor
bie, sabbie
na di calcar
ne vi uno
oduli.
ndit di 18
za pari a 2 m
16 m.
P
venuta;
terreno
ismiche in f
rifrazione
ra e del su
lastici dinam
orricchio si
limose e lim
ri marnosi e
o strato di
m vi sia un
m.
P a g . | 17
o
foro (Down
consente di
ubstrato (se
mici.
nota che vi
mi sabbiosi
e marne con
Bisciaro di
no strato di
7
n
i
e
i
i
n
i
i


Linterasse

5.2 LI

Limpalcat
14S R per
un soprallu
per la reali
Linterasse
verranno p
soletta.
Tra un imp
I, si sono p
e collabora
un risparm
dimensioni
Unaltra op
gettata in
successivam
una larghez

5.3 Il M

I marciapi
u,2S m e
modo che p
A bordo po
tipo barrier

e tra i pali
Impalca
to costitu
ciascuna ca
uogo del sito
izzazione de
e tra le trav
posizionati
palcato e la
progettate le
ante trasver
mio econom
i u,8xu,4 m
pera che ga
opera, al
mente un m
zza di 7,S m
Marciap
edi, di spes
quindi, sec
possano ess
onte previ
ra 3 a onde
tre volte il
ato
ito da 6 tra
ampata. La
o e della su
ellimpalcat
vi precompr
dei disposit
altro, localiz
e travi diafr
salmente tr
mico. Inoltr
m il cui scop
arantisce la
di sopra
manto di asf
m.
piede
ssore u,4u
ondo norm
sere demolit
ista, second
per manufa
diametro pe
avi in cemen
lunghezza d
a viabilit s
to.
resse di 2
tivi di casse
zzate nellin
ramma che h
a le travi IA
re tra le du
po imporre
a stabilit d
della qual
falto bitumi
m e larghe
mativa, risult
ti e ricostrui
do la norma
atto W5 dell
er evitare ec
nto armato
delle campa
si verificat
m e linter
eratura a pe
nterruzione
hanno lo sc
AR oltre a r
ue travi di
e una conne
dellimpalca
le verranno
inoso di spe
ezza 1,4u m
tano gi pr
uiti durante l
a vigente EN
la ditta Mar
ccessive sol
precompre
ate di Su
to che non c
rcapedine tr
erdere per p
sopra al pu
copo di gara
ridurre il nu
iaframma s
essione tra g
ato la sol
o stesi un
essore pari a
m, sono rial
rotetti. Sono
la vita del p
N1317, una
cegaglia.
llecitazioni
esso RDB d
m, per un t
ci sono prob
ra le ali d
permettere
ulvino e alle
antire un com
umero di ap
si posizio
gli impalcati
etta in C.A
na guaina
a u,17S m n
lzati rispett
o realizzati
onte in caso
protezione
P

tra i pali.
di tipo IAR
totale di 5 c
blemi per il
di u,SS m,
il getto in
e estremit d
mportamen
ppoggi fissi
onato una
i.
A. di spesso
impermeab
nella zona c
to al piano
interament
o di usura.
guardrail d
P a g . | 18
16u14S
ampate. Da
l trasporto e
nella quale
opera della
delle travi a
nto continuo
garantendo
soletta di
ore u,Su m,
bilizzante e
centrale per
stradale di
te in cls in
di classe H2
8

a
e
e
a
a
o
o
i
,
e
r
i
n
2




Figurra 10. Posa gua ardrail
P P a g . | 19



9




Figura 11. De

ettaglio costrut ttivo guardrail l
P P a g . | 20


0

5.4 Op

E stato pr
marciapied
filtraggio d
Sono previ
pila e scari
Inoltre son
illuminazio

5.5 Ap

Gli appare
dallimpalc

TA
Jo
Te
8
8
11
11
14
14

Dal catalog
seguito la t
Gli isolato
spostament
di rigidezz
terremoto v
pere acc
revisto un c
di in entram
dei detriti pi
isti dei tubi
ica alla base
no stati prev
one, posti in
pparecch
ecchi di app
cato e deriv
ABLE: Joi
oint Outpu
ext Te
INVIL
INVIL
1 INVIL
INVIL
4 INVIL
4 INVIL
go dell AL
tabella otten
ori ALGA s
ti (impedisc
za per alti s
violento). L
cessorie
canale per la
mbi i lati de
i grossolan
di raccordo
e del ponte.
visti degli a
n entrambi i
hi di ap
poggio son
vante dalla c
int Reactin
utCase
ext
LUPPO Co
LUPPO Co
LUPPO Co
LUPPO Co
LUPPO Co
LUPPO Co
LGA stato
nuta da Sap
sono caratt
cono movim
spostamenti
La rigidezza
a raccolta d
ella strada,
ni.
o tra il cana
Figura 12. Imp
alloggiamen
i marciapied
ppoggio
no stati scel
combinazion
s
CaseType
Text
ombination
ombination
ombination
ombination
ombination
ombination
o scelto l a
in cui si ev
erizzati da
menti sotto l
i (consenton
a verticale
delle acque
e accessori
ale e il pluv
pianto di scolo
nti per i cav
di per tutta l

lti in funzi
ne di carico

e StepTy
Text
n Max
n Min
n Max
n Min
n Max
n Min
apparecchio
videnzia il v
un elevato
l azione de
no ampie o
invece sem
meteoriche
iato di una
iale vertical
o zona pedonal
vi elettrici d
la loro lung
one della s
o pi sfavore

ype F1
t KN
o di appogg
valore di sol
o valore di
el vento e d
oscillazioni
mpre molto e
, realizzato
griglia in l
le che scorr

e
di alimentaz
ghezza.
sollecitazion
evole pari a

F2
KN
0
0
0
0
0
0
gio tipo HD
llecitazione
rigidezza o
i piccoli ter
a basse acc
elevata.
P
fra la carre
lamiera zin
re lungo il p
zione dei di
ne agente p
a N
Ld
49S

F3
N KN
0 2543,2
0
1625,6
0 4950,3
0 4156,4
0 1934,2
0 1484,7
DS.A 800. S
agente.
orizzontale
rremoti) e b
celerazioni
P a g . | 21
eggiata ed i
ncata atta al
pulvino e la
ispositivi di
proveniente
SS kN.

259
642
309
457
214
722
Si riporta in
per piccoli
basso valore
durante un
1
i
l
a
i
e
n
i
e
n





P P a g . | 222





Caratteristi
Cap
dire
Cap
Cap
Vit

5.6 Il p

Il pulvino
minore, un
direzione t
Al di sopra
verr posiz
esterno del
del fornitor
Come appa
valutazioni





iche isolato
pacit di s
ezione orizz
pacit di res
pacit di dis
ta utile supe
pulvino
in calcestr
n altezza tot
trasversale d
a del pulvin
zionato al c
l pulvino, so
re Alga.
arecchi di a
i di natura e
ori:
sostenere il
zontale;
sistere ai ca
saccoppiare
eriore ai 60
ruzzo armat
tale di 2,8 m
di 3,80 m.
no verranno
centro e gl
opra i quali
appoggio di
economica.
l carico ve
arichi orizzo
e il moto del
anni;
to ha dimen
m dei quali
realizzati i
i altri due
verranno p
i tipo tempo
erticale del
ontali con pi
lla struttura
nsioni pari
i: 1,5 m di
i 3 baggioli
a 4.9 rispe
posizionati g
oraneo sono
la struttura
iccoli sposta
a da quello d
a 11,80 m
zoccolo e 1
di dimensio
ettando la d
gli apparecc
o state scelt
a grazie all
amenti;
del terreno;
m di base m
1,30 m con
oni 1,00 x 1
distanza di
chi di appog
te le scatol
P
llelevata ri
maggiore, 3
inclinazion
1,00 x 0,40
50 cm risp
ggio di tipo
le sabbia a
P a g . | 23

igidezza in
m di base
ne di 16, e
di cui, uno
petto il lato
HDS.A 800
a seguito di
3
n
e
e
o
o
0
i
P a g . | 24

5.7 Pila

Per la realizzazione della struttura sono state previste 4 pile cave di forma circolare: la scelta
ricaduta su questa tipologia in quanto non importa la direzione da cui arriva il sisma poich linerzia
che definisce la rigidezza della sezione uguale lungo le sezioni diametrali. Laltezza della pila
varia in funzione del profilo altimetrico del sito:

PILA 1: 7.40 m
PILA 2: 13.50 m
PILA 3: 15.60 m
PILA 4: 12.50 m

Seguendo la traccia del ponte precedente, risulterebbe presente anche una PILA 5 alta 1 m, ma data
laltezza irrisoria si deciso di eliminarla e di inserire una zona di riporto, usando del terreno con
migliori caratteristiche meccaniche del terreno del sito.

5.7.1 Carichi agenti

I carichi agenti sulla pila risultano:

Tabella 4. Carichi permanenti strutturali
Peso Proprio Carico Agente [kN]
Travi IAR 17,88 [kN/m] 6 [n travi] 30 [m] 3210
Soletta 25 [kN/m
3
] 0,30 [m] 11,80 [m] 30 [m] 2655
Pulvino
1
27,32 [m
2
] 3,80 [m] 25 [kN/m
3
] 2595,4
Travi diaframma 25 [kN/m
3
] 2 [m] 0,80 [m] 11,80 [m] 2 472
Dente del diaframma 0.825 [m
2
]0,80[m] 25 [kN/m
3
]12 198

Tabella 5. Carichi permanenti non-strutturali
Elemento Peso Carico Agente [kN]
Manto Stradale 0,20 [m] 7,5 [m] 30 [m] 22 [kN/m
3
] 990
Marciapiedi 0,4 [m] 1,4 [m] 30 [m] 25 [kN/m
3
] 2 840
Accessori
2
9,90 [kN/m
2
] 1 [m] 30 [m] 297


Tabella 6. Carichi Variabili
Elemento Peso Carico Agente [kN]
Corsie {(9 [kN/m
2
] + 2,50 [kN/m
2
] ) 2 [m] + 2,50 [kN/m
2
]
1,50 [m]} 30 [m]
803
Tandem (300 [kN] + 200 [kN]) 2 [n impronte] 1000

1
Il volume del pulvino ricavato dalla sua geometria, prisma a base trapezoidale, I
puI
= |(B
puI
+b
puI
)
b
puI
2
] | l
puI

2
Gli accessori comprendono tutti gli elementi di rifinitura di carattere impiantistico, ad esempio: lampioni, barriere, guardrail, ecc
P a g . | 25

Sommandoli si ottiene il carico totale agente sulla pila paria a:

N
ed
= 13 |kN]
5.7.2 Predimensionamento della pila

Per il predimensionamento si utilizzata la seguente formula:

o =
N
ed
A
A =
N
ed
o


Al fine di essere conservativi si moltiplica
cd
per un coefficiente cautelativo y = u,2S che verr
posto uguale allo sforzo:
o =
cd
y = 4,96 |HPo]

ottenendo unarea di: A = 2,6S |m
2
]

Calcoliamo ora larea della sez. in C.A. della pila utilizzando la relazione seguente fornita
dallNTC2008 :
A
mn
=
N
cd
u,S
ck

=
1Su6u,4 1uuu
u,S SS
= 1,2S |m
2
]

Dunque si adottata una pila con sezione collaborante in C.A. pari a 1,25 |m
2
].

Sulla base dei conti si adotteranno pile in C.A. a sezione circolare cava, con i seguenti parametri
geometrici:
Diametro esterno, = S m ;
Diametro interno, J = 2,6u m ;
Spessore, s = u,4u m = 4u cm (Spessore minimo consigliato);

quindi larea della sezione in C.A. considerata risulta pari a:

A = 1,76 m
2
> 1,2S m
2












5.8 Giu

I giunti di d
spostament
Le caratter


Mentre le d




unti di d
dilatazione
to massimo
ristiche sono
dimensioni
dilatazi
Algaflex T
o nelle due d
o riportate n
sono le seg
F
ione
M320 sono
direzioni ric
nella seguen
guenti:
Figura 13. Pian
Figura 14
o stati posizi
chiesto: 26
nte tabella:
nta giunto di di
4. Sezione giunt

ionati sulle
cm.
ilazione Algafl
to Algaflex
spalle e sce
ex
P
elti in funzio


P a g . | 26
one dello

6


Fig gura 15. Posa ddel giunto di di

ilatazione Alga aflex
P P a g . | 27

7

6. Dim
6.1 Ar
Dal modell


Da cui rica


Rispettand
deciso di
In particola
disporre ch
La tecnolo
nella mezz
/ 20, ai bor
fessurazion

mensi
rmatura
lo in Sap20
aviamo il m
do le percent
i disporre ne
are si calc
he corrispon
ogia costrutt
zeria dello s
rdi con copr
ni non accet
ionam
a pila
000 si ricava
momento age
H
x,Ld
=
H
y,Ld
=
tuali minim
ella pila il m
colato l1%
nde a 30 2
tiva che si
spessore del
ri ferro di c
ttabili.
mento A
ano le massi
N
mu
H
x,m
H
y,mu
o
m
ente derivan
= H
x,mux
+
= H
y,mux
+
me di armatu
minimo cons
% della sezio
26.
scelta di se
lla pila e de
irca 3 cm, p
Armat
ime sollecit
ux
= 2u77
mux
= S6SS
ux
= 81u4
mux
= u,26
nte dagli eff
+ N
mux
o
m
+ N
mux
o
m
ura previste
sentito da n
one in c.a. d
eguire sta
elle armature
per evitare f
ture
tazioni dalla
2 kN
kNm
4 kNm
6 m
fetti del seco
mux
= 11uS
mux
= 1SS
dalla norm
normativa.
della pila e
ata di dispor
e di pelle, f
fenomeni v
a combinazi
ondo ordine
S6 kNm
uS kNm
ativa 1%A
c
si ricavato
rre una fila
formate da r
iscosi e di r
P
ione sismica
e P -o:
c
< A
s,mn
<
to il numero
di armatura
reti elettrosa
ritiro che ca
P a g . | 28
a:
< 4%A
c
, si
o di ferri da
a strutturale
aldate 12
auserebbero

8
i
a
e
2
o

6.1.2 V

La pila st
preso linv
pressofless
Le combin
Ma
Ma
Ma
Mi

Quella pi

Verifica
tata verifica
viluppo delle
sione.
nazioni pi g
assima azion
assima azion
assima azion
nima azion
gravosa q
pressof
ata a pressof
e azioni ma
gravose son
ne assiale +
ne assiale +
ne assiale +
ne assiale +
questultima
flession
flessione co
a si utilizza
no state indiv
+ momento
+ momento
+ momento
+ momento
a ed stata
ne pila
on il program
ata la comb
viduate in q
o massimo in
o massimo in
o minimo in
o massimo
utilizzata p
mma VcaSl
inazione pi
queste:
n x + mome
n x + mome
x + momen
in x + mom
er la verific
lu. Per quest
gravosa a
ento massim
ento minimo
nto massimo
mento mass
ca a pressofl
P
sta verifica n
ai fini della v
mo in y
o in y
o in y
simo in y
flessione.
P a g . | 29
non stato
verifica a
9

6.2 Arm
Limpalcat
interasse i
A =

u
[ =
i =
Lun
stato sce
precompre
gli impalca
Nel sistem
predispong
quali porta
e, a matura
idraulici.
Infine si pr
pressione,
proteggere

La forza di
matura
to viene sor
pari a 2 m,
= u,6S2S m
= u,7S m
= u,2S86 m
= 2 m
nghezza cam
elta la tipolo
essione inf
ati da ponte
ma di precom
gono l'armat
ano alle estr
azione avve
rovvede a ri
al fine di re
e l'acciaio di
i tesatura de
a delle t
rretto da sei
le cui carat
m
2

m
4

mpata Su m
ogia in calce
fatti il pi u
.
mpressione a
tura lenta e
emit degli
nuta, si infi
iempire i fo
ealizzare l'ad
i precompre
ei cavi viene
ravi in
i travi di tip
tteristiche g
m
estruzzo arm
tilizzato per
a cavi post-t
le guaine ch
speciali an
ilano i cavi n
ri di alloggi
derenza tra
essione dalla
e calcolato
H
Sd

C.A.P.
po IAR 160
geometriche
mato gettato
r la realizza
tesi prima d
he dovrann
ncoraggi. Vi
nelle guaine
iamento dei
le armature
a corrosione
a partire da
d
= Su2S k
0/145/145 R
sono:
o in opera po
azione di tra
del getto del
no contenere
ene effettua
e e si effettu
i cavi media
e di precomp
e.
al momento
kNm
R , appoggia
ost-tesa: que
avi di grande
l calcestruzz
e i cavi di pr
ato quindi il
ua la tesatur
ante iniezion
pressione e
agente sulla
P
ate sul pulv
uesto sistema
de luce quali
zo nelle cas
recompress
l getto di ca
ra mediante
ne con malt
il calcestru
a singola tra
P a g . | 30

ino, con un
a di
i appunto
sseforme si
ione, i
alcestruzzo
e martinetti
ta sotto
uzzo e
ave:
0
n
P a g . | 31

A questo valore deve essere aggiunto il momento dato dallazione assiale fornita dalla
collaborazione tra soletta e trave ed il momento distribuito dovuto al peso proprio della soletta.
Quindi il momento totale agente risulta circa pari a
H
Sd
= 114S8 kNm

Per definire la forza di precompressione necessario conoscere la posizione dei due estremi del
nocciolo dinerzia:
Estremo superiore y
2

H -P y
1
= P y
2

H
[

u
-
P
A
= u
H = P y
2

P y
2
[

u
-
P
A
= u
y
2
=
I
A Y
6
=
, 2732
, 55 , 7
= , 2 m

Estremo inferiore y
1

H -P y
1
= P y
2

H
[
(E -
u
) -
P
A
= u
H = P y
1

P y
1
[
(E -
u
) -
P
A
= u
y
1
=
I
A (H-Y
6
)
=
, 2732
, 55 , 93
= , 45 m


Determinati i due estremi del nocciolo dinerzia, si valuta la forza di precompressione (P) :
H -P y
1
= P y
2

H = P (y
1
+y
2
)
P

=
M
(y
1
+y
2
)
=
1148
(, 45 +, 2)
= 1718 kN

Al valore di forza di tesatura iniziale deve essere aggiunto il valore delle perdite di tensione che si
manifestano nella vita della trave, stimata pari al Su% della forza iniziale:
P
1
= P

+, 3 P

= 1718 +3215 = 14kN



Calcolo numero trefoli
Si passa ora al calcolo del numero dei trefoli. Si usano trefoli specifici per la post-compressione, gli
Alga Cablet15, di diametro 15,2 mm:

A
b
= 140 mm
2

P a g . | 32

[ 1860MPa f
ptk
valore caratteristico della resistenza a trazione dellacciaio da
precompressione]

k p
f
) 1 , 0 (
1670 MPa [ tensione caratteristica di snervamento dei fili allo 0,1% di
deformazione residua]

Il numero dei trefoli necessari risulter:
n =
P
(J
y
A
h
)
= 54

Si scelgono quindi due maschere da 27 trefoli ciascuna (27T15).
Il produttore specifica alcune distanze minime dallestradosso della trave per poter posizionare la
testata di tesatura dei cavi: queste distanze non sono rispettate a causa della snellezza dellanima
della trave IAR, si procede quindi ad un allargamento dellanima in corrispondenza della testata di
tesatura.

Si passa ora alle verifiche:

Massime tensione nellacciaio :

pmax
= min (0,8 f
ptk
; 0,9 f
p0,1k
) = 1503 MPa

P
tes
max = 15363 KN > 14000 kN Verificato

Massime tensione nel calcestruzzo

c
0,7 f
ck
= 24,5 MPa

c
= P / A = 14000 10
3
/ 0,655 10
6
= 21,4 MPa < 24,5 MPa Verificato


Oltre ai cavi di precompressione devessere prevista per la trave unarmatura lenta ordinaria,
longitudinale e trasversale, che confini il calcestruzzo e fornisca unulteriore resistenza alla trave.
Per quanto riguarda larmatura longitudinale sono stati scelti ferri 24 e 18 lungo lanima e le ali
della sezione, mentre per larmatura trasversale si sono utilizzate staffe 10 sagomate in base alla
forma della sezione.

6.3 Armatura Soletta

Per il calcolo dellarmatura a flessione della soletta si sono usati i momenti ricavati dal Sap.
Si inoltre calcolato un infittimento dellarmatura al lembo superiore in corrispondenza delle travi
per soddisfare le verifiche locali derivanti dallapplicazione sulla soletta dello schema di carico 2
presente in normativa. Questo prevede di caricare la soletta con un carico tandem di 200 kN per

impronta. I
per massim


In particola
mizzare i mo
are le impro
omenti nega
nte di caric
ativi nella so
co sono state
oletta al di s
e posizionat
sopra delle
te nella pos
travi.
P
sizione pi s
P a g . | 33
sfavorevole

3
e

6.4 Arm

Per il dime
Tirante - P
Figu

Dallequili


Da cui la tr

Da cui lar
Applicando

I
b
= 114.6
A
s
= 29S.

Si decide d

matura
ensionamen
Puntone.
ura 16. Schema
ibrio alla ro
razione alla
rmatura utile
o le precede
67S kN
29 mm
2

di usare 41
a baggio
nto dellarma
a Statico baggio
tazione atto
a base del ba
e:
enti formule
12 con un A
olo
atura dei ba
olo
orno il punto
I
b

aggiolo risu
I
b
=
A
s
e si ottiene:
A
s
= 452,39 m
aggioli si u
o O si ricav
b
2
=
F
2
|
b -
4
ulta:
F
b
|
b -o
4
1
=
I
b

yd
|mm

mm
2

utilizzato il

va:
-o
4
1
|kN]
m
2
]

M
F
a
h
h
J
yd
metodo di d
Metodo TIRA
4587
900
1000
400
391
P
dimensiona
ANTE-PUN
7
0
0
0
1 N
P a g . | 34
amento
NTONE
kN
mm
mm
mm
Nmm`
4

6.5 Arm

Per fissare
c.a compre



matura
la trave dia
eso tra le du
il dente e i
il dente tra
longitudina
a trave d
aframma co
ue ali delle s
ferri longit
a una trave e
ale.
diafram
n le travi IA
stesse, di sp
tudinali term
e laltra co
Ver
mma
AR in c.a.p.
pessore 0,8 m
mina a filo d
onnesso in m
rifica SLU-
si posizio
m. Si sono p
dellala, risp
modo contin
- FLESSIO

onato un den
proposte du
pettando il c
nuo come l
ONE
P
nte di irrigi
ue alternativ
copri ferro;
armatura
P a g . | 35
dimento in
ve:

5


Verificca SLU- TA AGLIO
P P a g . | 36

6

6.6 Ar


rmaturaa pulvin no
Verifica SLU- FLE ESSIONE
P P a g . | 37

7


Verificca SLU- TA

AGLIO
P P a g . | 38

8

7. Ver

7.1 Tra



rifiche
ave Dia
e SLE
aframm
E
ma
Verifica SLLE- FESSU

URAZIONE E
P P a g . | 39

9



7.2 Pul







lvino
Ve
Ve
erifica SLE-
erifica SLE-
E- MASSIM

E- MASSIM
ME TENSIO
ME TENSIO
ONI
ONI
P P a g . | 400





Verifica SLLE- FESSU

URAZIONE E
P P a g . | 411


7.3 Solletta
Verifica SLLE- FESSU URAZIONE E
P P a g . | 42

2




Ve erifica SLE- E- MASSIM ME TENSIO ONI
P P a g . | 433